I bambini rubati della Cambogia

di Elizabeth Jacobs, nato in Cambogia e adottato negli USA.

Elisabetta da bambina

Vorrei condividere con voi il mio progetto in cui creerò un documentario che seguirà il mio primo viaggio di ritorno in Cambogia dalla mia adozione avvenuta nel 2000. Ora ho ventun anni e sto scoprendo chi sono sono davvero come persona e cosa voglio fare di me stesso. Prima di continuare a crescere ulteriormente nell'adulto che desidero essere, sento il bisogno di fare i conti con il mio passato. Dopo aver rivisitato alcuni documenti e foto della mia adozione, ho scoperto alcune incongruenze che sollevano interrogativi sul mio passato. Spero che tornando in Cambogia potrei cercare la mia identità originale per capire meglio la mia vita prima che fosse americanizzata.

All'inizio, il mio piano per il documentario era mostrare il processo per trovare la mia famiglia cambogiana circa ventuno anni dopo. Il mio intento era quello di concentrarmi su una possibile riunione con qualsiasi membro biologico della mia famiglia e di ripercorrere i passaggi della mia adozione, come visitare l'orfanotrofio da cui sono stato abbandonato e possibilmente visitare la mia madre adottiva e la tata. Tuttavia, durante le indagini sulla mia adozione, ho scoperto molto di più di quanto si sapeva in precedenza.

Mi sento emotivamente pronto e curioso di conoscere la mia adozione, ma così facendo, ho setacciato tutti i documenti e ho trovato alcune nuove informazioni che mi fanno dubitare se sono stato rubato o meno dai miei genitori biologici, forse non legalmente rinunciato come pensavo prima.

Non avendo alcuna informazione sulla mia famiglia biologica, mi chiedo se sono o meno una vittima di Lauren Galindo, la famigerata trafficante di bambini in Cambogia, e della sua rete di reclutatori. Lo schema di Galindo era il seguente: un reclutatore avrebbe fatto amicizia e si sarebbe guadagnato la fiducia dei genitori impoveriti dando loro piccole somme di denaro e promettendo loro che avrebbero portato i loro figli in un orfanotrofio dove sarebbero stati ben curati mentre la famiglia sarebbe tornata i loro piedi. Inoltre avrebbero assicurato ai genitori che i loro figli, una volta cresciuti, li avrebbero sostenuti dall'America. È così che si è svolto il processo nei confronti di molti neonati e bambini piccoli i cui genitori erano troppo poveri per prendersi cura di loro. Invece di restituire questi bambini ai loro genitori, il collegamento ha offerto questi bambini in adozione principalmente a genitori americani in cambio di "tasse di adozione fasulle" per un importo di migliaia di dollari. Le tasse sono state interamente costituite da Galindo in quanto il governo non ha richiesto tasse di adozione.

La mia adozione è stata condotta pochi mesi dopo che il divieto di adozione è stato messo in atto a causa dello scandalo del traffico di bambini di Lauren Galindo. Galindo è stata accusata di riciclaggio di denaro per il quale è stata successivamente incarcerata per 8 mesi e accusata di aver creato un giro di traffico di neonati/bambini in cui i bambini sono stati rubati alle loro famiglie amorevoli e venduti per un profitto.

Ventuno anni dopo, ora sono un adulto pronto a fare le mie scelte e voglio visitare il mio passato e affrontare tutte le questioni irrisolte che sono rimaste nascoste per così tanti anni.

Sento che questo argomento è importante perché riguarda il mio passato e come la mia vita avrebbe potuto essere drasticamente diversa se non fossi mai stata adottata. Ora che mi chiedo se la mia adozione sia stata parte di uno scandalo di traffico di bambini in Cambogia, questo documentario è diventato più di una semplice riunione con il mio paese d'origine. È diventato un diario visivo e un'indagine in tempo reale sulla verità sulla mia adozione. Sto mostrando il mio viaggio al pubblico in modo da poter condividere questa storia molto importante di identità perduta. Ci sono centinaia di adottati come me e penso che sia importante diffondere la consapevolezza su questo scandalo perché potrebbero esserci altri là fuori che credono di essere adottati legalmente, quando in realtà potrebbero avere una famiglia in Cambogia che si sono chiesti per tutti questi anni dove il loro bambino è finito.

Il mio arrivo

Ritengo che questo argomento sia importante e molto rilevante perché la Cambogia ha ancora il divieto di adozioni internazionali a causa dell'enorme quantità di corruzione nel settore delle adozioni. Oggi il governo cambogiano sta lavorando a poco a poco per togliere il divieto, tuttavia, poiché il paese è così povero, potrebbe essere così facile che le cose tornino come erano dove persone senza scrupoli cercano ancora di approfittare dei genitori che hanno bisogno aiutare con i propri figli.

Sono sempre cresciuto con il desiderio di adottare dalla Cambogia, ma non posso farlo con questo divieto. Mi rattrista sapere che ci sono veri orfani in Cambogia in attesa di essere adottati ma non possono perché sono troppi quelli che approfitterebbero del loro abbandono in cambio di un profitto.

Dato che questo documentario è molto personale per me, so che lo troverò impegnativo e sarà un viaggio molto emozionante ma di grande impatto da catturare. È anche possibile che non trovi alcuna informazione sui miei genitori biologici e finisco con ancora più domande di quelle che ho iniziato. L'obiettivo è quindi quello di ottenere quanta più chiarezza possibile sul mio passato. Il risultato è incerto, ma questo non fa che aumentare la suspense che questo documentario catturerà.

Se vuoi sostenermi nella mia ricerca per creare questo documentario, visita la mia raccolta fondi sito web.

Suggerimenti per l'esperienza vissuta per le risposte alle adozioni illecite

L'8-10 luglio l'ICAV è stata invitata in qualità di Observer al Gruppo di lavoro HCCH sulla prevenzione e il contrasto delle pratiche illecite nell'adozione internazionale.

In allegato è il nostro ultimo documento di prospettiva che fornisce il nostro contributo di esperienza vissuta su suggerimenti per Come le autorità e gli enti potrebbero rispondere alle adozioni illecite in inglese e francese.

Un enorme ringraziamento a tutti i nostri oltre 60 adottanti e organizzazioni di adottati partecipanti, 10 genitori adottivi e organizzazioni di genitori adottivi e la prima rappresentanza della famiglia!

Un ringraziamento speciale e una menzione a due persone fantastiche:
Nicholas Beaufour che ha dedicato un'enorme quantità di tempo per tradurre l'intero documento inglese in francese!
Coline Fanon che ha aiutato il nostro unico e primo membro della famiglia a contribuire! Abbiamo tanto bisogno di sentire più spesso le voci delle nostre prime famiglie!

L'esperienza vissuta dell'adozione internazionale illecita


Quest'anno, uno degli obiettivi dell'ICAV è quello di portare in primo piano le voci di coloro che hanno vissuto l'esperienza dell'adozione illecita attraverso pratiche di adozione internazionale. L'esperienza di un'adozione internazionale illegale è ormai riconosciuta come “esistente” da molti dei nostri governi e autorità centrali che facilitano le adozioni. ISS-SSI ha anche fornito un Manuale sulla risposta alle adozioni illegali su questo nel 2016, inclusi i contributi di alcuni con esperienza vissuta. Tuttavia, rimane un dato di fatto oggi, che ci sono a malapena una manciata di adulti adottati all'estero che hanno ricevuto supporto e assistenza adeguati, che si tratti di un collegamento emotivo, finanziario, legale o governativo in risposta alle loro adozioni illecite.

Che dire delle adozioni internazionali illecite che sono tecnicamente "legali" ma sono fondamentalmente non etiche sotto? internazionale o altro standard come il Protocollo di Palermo? I poteri che controllano e regolano l'adozione internazionale fanno ben poco per fornire un supporto utile a chi la vive.

Nel 2011, il mio paese adottivo, l'Australia, ha aperto la strada a un gruppo di lavoro all'Aia allo sviluppo di misure cooperative per la prevenzione delle pratiche illecite in adozione e rimangono uno dei pochi paesi adottivi a sviluppare un “protocollo” per aver risposto alle accuse di traffico di minori in adozione. Tuttavia, questa risposta del protocollo è fortemente limitata in quanto agisce solo per "rivedere la documentazione di adozione" e tuttavia spesso è la documentazione stessa, che è stata falsificata e difficile da accertare senza altre fonti di informazione. Anche SE la documentazione si dimostra falsa, cosa succede? In casi come l'anello di traffico taiwanese di Julie Chu dove persecuzione legale seguito, è stato fatto poco o nulla per gli adottati taiwanesi e le loro prime famiglie sia nel paese di adozione che in quello di nascita. Le persone colpite non dovrebbero ricevere servizi interamente finanziati per aiutarle a riunirsi, reintegrarsi e riconnettersi se lo desiderano in qualsiasi fase della loro vita? O devono intraprendere un'azione legale per essere mai risarciti per le loro perdite e implicazioni legali? E se non vogliono azioni legali ma vogliono comunque aiuto?

Nel mio periodo all'ICAV, ho assistito alla crescita permanente che si verifica in termini di sviluppo per gli adottati internazionali adulti: prima iniziamo a esplorare il nostro viaggio individuale, ma quando ci colleghiamo con altri adottati e reti di supporto tra pari, veniamo esposti al quadro più ampio dell'adozione internazionale e la pratica mondiale come avviene oggi. La Convenzione dell'Aia per l'adozione internazionale è stata progettata per combattere le adozioni illegali ma, nonostante i suoi ideali, non è stata in grado di fermarle del tutto né garantire adeguati supporti post-adozione, soprattutto per questo specifico segmento della popolazione degli adottati internazionali. Molti critici affermano che la Convenzione dell'Aia ha aggravato il problema mascherando le pratiche illecite con il pretesto di un'adozione "legale". Man mano che la popolazione adulta di adottati invecchia e matura, ciò che osservo è un numero enorme, ammasso, di adottati che si stanno impegnando attivamente per denunciare le numerose adozioni illecite che hanno segnato la sua storia.

Agli adottati sudcoreani piace Jane Jeong Trenka hanno aperto la strada nella lotta per i diritti degli adottati a causa del loro ruolo storico come i primi bambini incartati in tempi moderni ad essere esportati in gran numero - ma più recentemente ci sono quelli che aprono la strada agli adottati di altri paesi di nascita che sono stati illecitamente adottato. Adottivi interessati come:

  • Patrick Noordoven a partire dal Brasile Baby Affair che di recente ha vinto il suo risultato storico di riconoscimento giuridico che coloro adottati illegalmente avevano diritto alla loro informazione; in generale aprendo la strada ad altri adottati brasiliani del periodo Brazil Baby Affair; e anche un successo con la corte olandese che nomina un commissione esterna indagare sulle adozioni internazionali in passato dal Brasile, ma anche da Sri Lanka, Bangladesh, Colombia e Indonesia;
  • Sanne van Rossen che ha rilasciato la sua scoperta rivoluzionaria La tristezza dello Sri Lanka (traduzione in inglese disponibile quest'anno) e la copertura mediatica di accompagnamento di Zembla che ha effettivamente incoraggiato gli adottati dello Sri Lanka in tutto il mondo a lavorare insieme; Il lavoro di Sanne ha portato anche al riconoscimento ufficiale del Baby Farming epoca dal governo dello Sri Lanka;
  • Alejandro Quezada chi ha fondato Adozioni cilene nel mondo insieme ad altri adottati cileni stanno lavorando con le madri del Cile i cui bambini sono stati rubati o persi per l'adozione. Insieme hanno spinto per un'indagine formale sulle adozioni illegali dal Cile;
  • Marcia Engel a Piano Angelo e altri adottati colombiani nel gruppo chiedono che le adozioni illegali vengano indagate ufficialmente;
  • Osmin Ramirez e la storica di suo padre Risultati della Commissione Interamericana sui Diritti Umani; più altri adottati guatemaltechi incoraggiati a lavorare insieme nel loro gruppo fornire sostegno a tutti coloro che vengono adottati illegalmente;
  • e Arun Dohle a partire dal Contro il traffico di bambini che ha denunciato per decenni le adozioni illegali dall'India e da molti altri paesi.

Quali saranno le risposte del governo e dell'autorità centrale a questi casi di adozioni illecite? Per quanto tempo continueranno a ignorare le voci di coloro che sono stati maggiormente colpiti dal punto di vista pratico, aiutandoli a trovare le loro famiglie e a reintegrarsi nei loro paesi se questo è il loro desiderio? Che ne dici di finanziare "l'organizzazione dell'esperienza vissuta" che aiuta di più perché comprende meglio le complessità? O un "gruppo consultivo di esperienze vissute"?

Spero che incoraggiando l'advocacy e aiutando a esporre le voci di coloro che lo vivono, assisteremo al cambiamento, non solo riconoscendo formalmente i torti commessi, ma cercando di fare ammenda e fornire il supporto tanto necessario a coloro che sono costretti a viverlo. Una cosa è riconoscere le terribili pratiche del passato e cercare di evitare di ripeterle nel futuro, ma un'altra è affrontare i problemi attuali e fornire supporto a coloro che hanno vissuto una vita derivante da pratiche passate.

Oggi vi presento la storia di Mariela che ha vissuto l'esperienza di essere stato adottato illegalmente dal Guatemala al Belgio. Questo è un esempio dell'esperienza vissuta da una persona di adozione internazionale illecita. Non vediamo l'ora di condividere presto il nostro nuovo progetto per riunire tante altre voci come quella di Mariela!

Solo ascoltando chi la vive possiamo comprendere appieno tutta la complessità delle adozioni illecite all'estero!

Lynelle Long

Gli adottanti adotterebbero un orfano?

Ecco il nostro ultimo documento prospettico ICAV, una raccolta di risposte dei membri ICAV di tutto il mondo, che hanno voluto contribuire e fornire risposte alla domanda:

Adotteremmo o no, attraverso l'adozione internazionale o transrazziale?

Questa raccolta viene fornita a poco più di un decennio da quando l'ICAV ha compilato il nostro primo lotto di risposte a questa domanda. Mi ha incuriosito vedere se le nostre opinioni sono cambiate nel tempo mentre procediamo e maturiamo nella nostra comprensione dell'adozione.

Leggere le nostre opinioni ti dà alcuni pensieri da considerare su questa domanda da parte di coloro che hanno vissuto l'esperienza. Accogliamo con favore le tue opinioni e puoi farlo commentando questa pagina.

Gradi di essere trafficati nell'adozione internazionale

Da adulto adottato internazionale, essendo stato schietto ormai da 20 anni in ICAV, mi sono spesso chiesto se la mia adozione internazionale fosse legittima o meno. Ciò significa porsi domande del tipo: i miei genitori vietnamiti hanno davvero capito il concetto legale di "adozione" e rinuncia? Sono stati offerti altri tipi di supporto per tenermi? Dato che sono uscito dal Vietnam lacerato dalla guerra, il mio status di vero orfano era davvero senza genitori o famiglia sopravvissuti? È stato tentato il ricongiungimento familiare e parentale anche prima che venissi adottato in Australia? E per quanto riguarda i tentativi di mettermi prima nel mio paese d'origine? Un giorno spero di trovare le risposte a queste domande se avrò la fortuna di ricongiungermi con la mia famiglia biologica.

Sono sicuro che altri compagni adottati all'estero si pongono domande simili a un certo punto della loro vita. Queste sono le realtà che affrontiamo quando invecchiamo, maturiamo nella nostra comprensione delle complessità dell'adozione internazionale e ci sforziamo per integrare le nostre realtà con la politica mondiale che ha creato le nostre vite, come le conosciamo oggi.

Considerarsi trafficati come adottati all'estero è una sfida a causa della definizione legale che ci esclude e non consente alcun ambito legale per agire contro gli autori.

Tratta di esseri umani è il movimento illegale di persone, all'interno dei confini nazionali o internazionali, allo scopo di sfruttamento sotto forma di sesso a scopo di lucro, servizi domestici o lavoro manuale.

La tratta di adozioni internazionali esiste certamente, ma non possiamo intraprendere azioni legali a causa del fatto che non esiste alcuna legge o quadro internazionale che ci permetta di essere legalmente considerati "trafficati" a meno che non dimostriamo di soddisfare i criteri di "sfruttamento per sesso o lavoro" .

Tuttavia, all'interno delle adozioni internazionali, i livelli in cui possiamo essere oggetto di tratta possono variare enormemente. C'è chi ha:

  • falsificazione totale della documentazione e sono stati rubati alle loro famiglie di origine, venduti in adozione internazionale a scopo di lucro, dove è stata avviata un'azione legale contro coloro che hanno profittato ed è stato dimostrato in tribunale che era trapelato il torto.
  • documentazione che potrebbe apparire sospetta ma al momento non ulteriormente messa in discussione; dimostrato anni dopo essere incoerente o scorretto.
  • scartoffie che appaiono legittime, ma al ricongiungimento decenni dopo, la storia dei genitori naturali non corrisponde in alcun modo alla documentazione fornita dall'agenzia di adozione / facilitatore.
  • non esistono documenti di identità a causa dell'essere stato un bambino "perso" e con pochi tentativi di ricongiungimento con la famiglia, siamo stati venduti/trattati tramite adozione internazionale.

Dove inizia o dove finisce lo spettro di essere stati "trattati per adozione internazionale"? Difficile da discutere quando il concetto non può esistere in diritto. Anche gli insegnamenti delle migliori pratiche di ISS International da questi tipi di scenari non lo etichettano come "traffico", ma lo chiamano "adozioni illegali” nel loro Manuale. E al di fuori delle conclusioni e raccomandazioni in quel manuale, bisogna chiedersi quanti dei firmatari dell'Aia hanno un processo per consentire alla famiglia biologica, ai genitori adottivi o agli adulti adottati che sospettano pratiche illecite (ad es. di supporto o processo – finanziariamente, legalmente o emotivamente?

Il 7 dicembre 2017, l'ICAV ha facilitato un piccolo gruppo di 7 adottati internazionali in rappresentanza di India, Taiwan e Sri Lanka per richiedere al governo federale australiano, tramite il Dipartimento dei servizi sociali (DSS), di considerare di fornire un sostegno finanziario a coloro che sono stati vittime di tratta vari gradi. Per questi adottati, nessuna somma di denaro potrà mai compensare le perdite e i traumi causati direttamente dal grado di traffico che hanno subito. Per non parlare della loro famiglia biologica! Ma possiamo almeno chiedere che alcune forme di giustizia riparativa siano fornite dai poteri forti che facilitano le adozioni e le permettono di continuare.

Non c'è modo di risolvere definitivamente il dilemma causato dal traffico di adozioni internazionali perché l'adozione è legalmente vincolante, nonostante l'esistenza di casi di successo del procedimento contro coloro che hanno falsificato i documenti.

Purtroppo, l'unico caso legale che può essere fatto in caso di adozione internazionale per traffico noto è per falsificazione di documenti. I colpevoli ricevono uno schiaffo sul polso, un po' di carcere e una piccola multa (rispetto a quanto hanno guadagnato). In confronto, cosa ottiene l'adottato o la famiglia biologica? Niente. Nemmeno i servizi per aiutarli a superare e superare questo trauma non necessario.

Voglio aumentare la consapevolezza degli impatti che la tratta ha su quegli adottati che devono viverla, per sempre. Le loro voci sono inascoltate e sminuite da coloro che sostengono l'adozione. Le loro esperienze trascorrono senza che noi impariamo dagli errori e mettiamo in atto processi e leggi internazionali tanto necessari per prevenire ulteriori ingiustizie come le loro. Per loro, anche quando l'autore è punito dalla legge, in quanto adottati sono lasciati a vivere le conseguenze senza alcun riconoscimento di ciò che hanno dovuto sopportare. Non c'è giustizia per loro.

Si prega di leggere La storia di Roopali. Il suo è un esempio di come vivere le conseguenze per tutta la vita di un'adozione in cui sembra che i suoi primi genitori non abbiano acconsentito volontariamente, né fosse una vera orfana, ed era abbastanza grande per essere ascoltata e data una scelta. La sua storia dà voce alle sfide extra subite direttamente a causa dell'essere stata "trafficata" in una certa misura. È stata abbastanza coraggiosa da condividere la sua storia con il governo australiano con l'ICAV nel 2015, quando abbiamo incontrato i Senior Advisor del Primo Ministro. Non c'era un solo occhio secco nella stanza, eravamo tutti così colpiti dall'evidente trauma che lei sopporta giorno per giorno. Il traffico di bambini vulnerabili tramite l'adozione internazionale deve cessare!

Spero che la storia di Roopali incoraggi gli altri a parlare ea chiedere ai loro governi che sia necessaria un'azione verso il riconoscimento legale della "tratta" attraverso l'adozione internazionale E la giustizia riparativa.

Italiano
%%piè di pagina%%