Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Per conoscere i tuoi genitori, fratelli, zii, zie e nonni...

Per conoscere la tua storia medica; se tua madre è morta di cancro, tuo padre ha sofferto di problemi cardiaci, se tua nonna ha avuto il diabete...

Per sapere a chi assomigli, da dove vengono i tuoi tratti, se il tuo viso allo specchio è il riflesso di qualcun altro..

Per conoscere la tua storia di nascita, data, ora, stagione dell'anno, in quale ospedale sei nato...

Per conoscere il proprio paese di nascita, cultura, patrimonio, lingua, costumi, religione...

Essere circondati da persone che ti assomigliano razzialmente...

Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Queste sono le cose che non do per scontate perché non ne ho avute durante la crescita. Sono nato in un paese, adottato in un altro, da una famiglia di razza diversa. Sono un'adottato transrazziale internazionale. Ho passato una parte enorme della mia vita chiedendomi, cercando, cercando di conoscere le mie origini.

Nella mia comunità di adottati internazionali, conoscere le proprie origini è sicuramente un privilegio!

Evacuazione dal Vietnam il 20 aprile

di My Huong Lé, adottato vietnamita cresciuto in Australia, vivendo in Vietnam. Co-fondatore di Vietnam Family Search, un'organizzazione guidata da adottati dedicata ad aiutare a riunire le famiglie in Vietnam.

Il 20 aprile ricorre il 46° anniversario da quando sono stato evacuato su un volo della RAAF in partenza dal Vietnam. Quel giorno ha cambiato il corso della mia vita e i suoi ricordi rimarranno per sempre impressi nella mia mente.

Aprile in generale è un mese significativo per molti adottati vietnamiti in quanto è il mese in cui sono stati evacuati anche oltre 3000 neonati/bambini. Come me, questi bambini sono saliti a bordo di aerei da trasporto militari destinati ad essere adottati da famiglie americane, canadesi, europee e australiane.

I pro ei contro di averlo fatto sono stati discussi. Vorrei dire che non si poteva dire cosa sarebbe stato della mia vita se fossi rimasto, né si poteva dire cosa sarebbe stato della mia vita se fossi stato rimosso. Resta il fatto che sono stato allontanato a 5 anni da una famiglia che conoscevo e collocato in un paese straniero. Questa esperienza è stata molto traumatica e ho perso la mia identità, la lingua, la cultura e tutto ciò che mi era familiare. In Australia ho sperimentato una forma di disagio e difficoltà diversa da quella che avrei vissuto se fossi rimasto.

Fortunatamente, molti che hanno lasciato il Vietnam sono stati adottati in famiglie straniere amorevoli. Non mi è stato concesso questo diritto e sono stato adottato in una famiglia abusiva e disfunzionale. Indipendentemente da quella famiglia che mi ha vestito, nutrito e fornito una buona educazione e sarò sempre loro grato per questo. L'Australia è davvero un paese privilegiato che offre infinite opportunità ed essendo stato rimosso dal Vietnam lacerato dalla guerra come tutti gli adottati ho avuto la possibilità di farmi una vita migliore.

Quello che è successo non posso cambiare, ma quello che ho il potere di cambiare è il mio atteggiamento e il modo in cui reagisco e affronto in tutte le circostanze. So di essere la persona che sono oggi grazie a tutto quello che ho vissuto. Mi ha reso più forte, più indulgente, più comprensivo e più amorevole. Per questo sono grato.

Quello che ho passato è anche in parte ciò che mi ha spinto 17 anni fa a tornare in Vietnam per trovare mia madre naturale e lavorare con bambini orfani e svantaggiati. Senza dubbio la mano di Dio è stata sulla mia vita. Mi ha guidato, protetto, aperto porte e messo delle persone fantastiche nella mia vita. La gratitudine riempie il mio cuore per tutti coloro che hanno avuto un impatto sulla mia vita nel corso degli anni.

In questo mese di anniversario per gli adottati, anche il mio pensiero è molto rivolto alle madri naturali. Molte madri naturali sono tornate negli orfanotrofi per raccogliere i loro figli e se ne erano andate. Questa volta significa una perdita permanente per loro. Ho abbracciato alcune di queste madri e ho visto le loro lacrime. Poiché le lacrime di mia madre sono state asciugate, anch'io spero che queste madri possano riconnettersi con i loro figli.

Leggi l'articolo precedente di My Huong Mia madre.

L'eredità e gli effetti degli abusi nell'adozione

Parte 2 di una serie di 3 parti sugli abusi sessuali nell'adozione

Quando si verifica un abuso a un bambino da parte delle stesse persone che dovrebbero proteggerlo, si crea una devastante eredità di impatti. Ho vissuto con la mia famiglia adottiva per 19 anni fino a quando non sono partiti per andare all'estero per essere missionari. Fino a quel momento della mia vita, avevo imparato a sopprimere le mie verità e a seppellirle nel profondo del mio corpo.

Come si può mai descrivere l'impatto e l'eredità che ci rimangono come vittime di abusi sessuali all'interno di una famiglia adottiva? Le parole sembrano inadeguate.

Ci si aspetta che il peggior crimine non venga raccontato - Darrell Hammond

Ho visto Darryl Hammond's Cracked Up storia di vita su Netflix: mi ha aiutato a trovare le parole. Consiglio vivamente di guardarlo per coloro che vogliono seriamente comprendere il trauma infantile e l'eredità che lascia. Ho raccontato la sua storia su così tanti livelli: la rabbia verso se stessi per essere stati così vulnerabili, le emozioni contrastanti su queste stesse persone che sono i tuoi genitori che gli altri vedono solo come persone fantastiche e meravigliose, i ricordi di abusi in cui il mio corpo si è sentito violato, mancato di rispetto e usato per i propri scopi, i meccanismi di coping che ho sviluppato per sopravvivere, la scia di devastazione lasciata nelle prime relazioni e scelte perché non sapevo meglio fino a quando non ho ricevuto un aiuto professionale, il tenta di togliermi la vita perché il dolore era così insopportabile, la depressione, l'oscurità che mi avrebbe consumato. Tanti paralleli con la vita che ho vissuto finché non ho trovato aiuto e guarigione. Per fortuna non mi ci sono voluti più di 50 anni, ma ha sicuramente consumato gran parte della mia vita da adulto e continuo ancora ad affrontare gli impatti fino ad oggi. Penso che questa sia la parte che la maggior parte delle persone non capisce quale evidenzia il documentario di Darryl: il nostro trauma non ci lascia mai: ciò che può migliorare è che impariamo a perdonare noi stessi per i nostri meccanismi di sopravvivenza e di coping, e possiamo imparare a riconnetterci e a prenderci cura di noi stessi. È un viaggio di una vita di guarigione e di venire a patti con ciò che ci è stato tolto: la nostra innocenza e il potenziale per vivere la vita senza quelle cicatrici brutali.

Ogni giorno, ogni settimana, ogni anno faccio fatica a comprendere la mia famiglia adottiva. La mia mente d'infanzia non riesce a integrare il fatto che avrebbero potuto essere così crudeli, cattivi, negligenti, meschini, ma tuttavia erano anche i miei salvatori, la mia ancora di salvezza per sopravvivere a una guerra, i miei soccorritori. È la loro tacita aspettativa che io vada avanti con la vita come se non fosse successo nulla che continua a ferire di più. L'ho fatto per molti anni, ma diventa più difficile man mano che invecchio e non riesco più ad accettarlo. Non posso più negare l'impatto emotivo che provo ogni volta che interagisco con loro. È stato così difficile fingere di non farmi del male, non ce la faccio più. Quello che scelgono di vedere è un sopravvissuto forte e resiliente che ha vinto. Sì, questo fa parte di ciò che sono, ma ciò che non vogliono vedere è l'altra metà: il bambino interiore ferito e traumatizzato che vuole essere protetto, amato e nutrito. Ho dovuto imparare a donare a me stesso perché loro non sono stati capaci. Nessun membro della mia famiglia adottiva vuole sapere come sono influenzato o capire la mia lotta. Questo è perché la loro vergogna è più profonda del mio dolore. Questo è ciò di cui nessuno parlerà. Non mi è sfuggito che Darryl Hammond racconta pubblicamente la sua storia dopo che entrambi i suoi genitori sono morti. Riconosco che inconsciamente proteggiamo i nostri genitori se hanno abusato di noi ed è a nostre spese per la salute mentale, farlo. Questa è la triste realtà del trauma infantile inflittoci dai nostri presunti "amorevoli" genitori.

Ho scritto a malapena su questo argomento in oltre 20 anni – in alcuni punti lo cito brevemente ma raramente in modo approfondito. Non è un argomento che amo né è un argomento di cui parlo per far vergognare la mia famiglia. Lo faccio ora, per incoraggiare gli altri che sono torturati dalla vergogna per quello che è successo loro - a parlare, trovare la loro voce e potenziare se stessi. Il primo articolo Ho scritto su questo argomento che ho mantenuto anonimo per la mia vergogna e il desiderio di proteggere la mia famiglia adottiva. Ripenso a quanto sia ridicolo che avrei dovuto mai sentirmi dovevo proteggerli. Come persona adottata, non c'è niente di peggio che essere abbandonato dalla mia prima famiglia e poi non essere protetto dalla mia seconda. I miei strati di perdita e dolore si sono moltiplicati!

Non dimentichiamo mai cosa succede a noi come sopravvissuti agli abusi sessuali, possiamo semplicemente passare dall'odio e dalla rabbia che sono così validi, alla realizzazione che ci danneggia solo se permettiamo che si marciscano o ci feriscano. Per la mia stessa sopravvivenza, devo conviverci e andare avanti – in qualche modo ho imparato a rimanere fedele ai miei bisogni e ad assicurarmi che la mia vita non sia più controllata dalle azioni sconsiderate dei colpevoli molti anni fa, o dalla vergogna e colpa che ora li controlla.

La mia vita sessuale è per sempre offuscata e danneggiata. Non avrò mai una relazione con il mio partner che avrei potuto avere, se non avessi subito interferenze sessuali. Essere abusato in questo modo ha sempre aggravato la mia capacità di fidarmi, di voler essere vicino, di sentirmi al sicuro con persone e figure al potere, distrugge la mia fede in un potere più grande: la mia spiritualità. Non era sorprendente che dopo il Commissione reale sulle risposte istituzionali agli abusi sessuali, il documentario Rivelazione ha rivelato che molti bambini si erano suicidati che gli investigatori hanno attribuito direttamente ad essere stati abusati sessualmente. Non è un segreto che molti di noi che sono stati abusati finiscono per intossicarsi, distruggendosi perché la nostra anima è così danneggiata e ferita. Vogliamo solo che il dolore finisca, vogliamo che qualcuno ci raggiunga e ci aiuti.

Piango per il bambino dentro di me che era così vulnerabile e fiducioso ma è stato così fuorviato e sfruttato dai maschi della mia famiglia adottiva (estesa e immediata). Piango per coloro in tutto il mondo che devono convivere con questo orrendo crimine per noi come bambini innocenti. L'abuso sessuale è una terribile realtà per chiunque, ma averlo fatto all'interno di una famiglia adottiva aggiunge così tanti strati più complessi di traumi che diventano quasi impossibili da svelare e affrontare. Il trauma dell'abbandono in sé e per sé è abbastanza terribile. L'abbandono e poi l'abuso nella famiglia adottiva è solo una distruzione dell'anima. Spero che un giorno le persone smettano di parlare di adozione come se ci salvasse sempre e si rendano conto che l'abuso sessuale, fisico, emotivo è troppo diffuso negli ambienti familiari adottivi. Dobbiamo cambiare questo!

Voglio sottolineare che ho incontrato molti fantastici genitori adottivi e non sono così amareggiato e contorto da etichettarli tutti con questa pennellata, ma voglio risvegliare la nostra società al più grande mito che l'adozione ci salva. Da un luogo di onestà - per quelli di noi che vivono abusi in famiglie adottive, è probabilmente il più grande killer silenzioso di adottati!

Non ho mai parlato quando ero giovane perché mi è stato costantemente detto come fortunato che sono stato da amici e sconosciuti. Non ho mai parlato perché mi hanno fatto sentire una merda nella mia famiglia adottiva, preso di mira, scelto, lo schiavo di famiglia, chiamato con nomi come "tronchi d'albero" o "faccia di scimmia". Ricordo un giovane Matthew, non l'ho mai dimenticato, era raro che fosse gentile con me e poteva percepire cosa stava succedendo. Matthew è stato assunto da mio padre come nostro nuovo bracciante agricolo per dare una mano. Era biondo, occhi azzurri, rispettoso e forte. Ricordo che si oppose al mio padre adottivo chiedendomi perché fosse così duro con me, costringendomi a fare il lavoro che un giovane come lui poteva fare, ma ero una ragazza pubescente. Mio padre si è liberato rapidamente di lui. Non ho mai più sentito o visto Matthew.

Chissà come sta oggi Matthew e se ha trovato un altro lavoro. Mi è dispiaciuto che sia stato a causa mia che ha perso il lavoro, ma fino ad oggi, lo ricordo sempre per essere stato gentile senza implicazioni sessuali e molto rispettoso di me. Aveva mostrato pura preoccupazione per me. Vorrei che avesse denunciato mio padre e i suoi modi. Non sa fino a che punto sia arrivato mio padre con l'abuso e se lo sapesse, probabilmente odierebbe il fatto di non aver fatto qualcosa.

I miei amici in chiesa ea scuola a volte hanno visto come mi trattava mio padre, ma sembra che nessuno abbia riferito nulla. Perché dovrebbero? Mia madre era la preside della scuola, i miei genitori erano entrambi visti come forti cristiani con un background missionario, attivi nella chiesa e nella comunità, guidando i gruppi giovanili, ospitando i vigili del fuoco. Non stavo recitando. Ero un accademico scolastico e di successo. Non ero drogato. Ma mi sono ritirato in me stesso. Ho sempre pensato di essere un introverso fino a quando la mia famiglia adottiva se ne andò mentre io rimasi indietro per iniziare l'anno 12 mentre loro andarono a vivere e lavorare all'estero come missionari.

Ricollegandomi con alcuni della mia famiglia adottiva allargata negli ultimi anni, ho confermato che alcuni avevano dubbi su come venivo trattato fin dall'infanzia. Alcuni mi hanno detto che avrebbero voluto, col senno di poi, di aver fatto di più, di aver riportato i loro sospetti. Come persona adottata, non ho mai sperimentato un genitore protettivo o sicuro. mi dispiace!

In questi giorni ho la resilienza per guardare cose come Rivelazione e Cracked Up. Di solito evito perché sarei un tale relitto guardando tutto ciò che assomigliava molto ai miei traumi. Ho imparato a trasformare la mia agitazione emotiva in qualcosa di costruttivo. Scrivo per condividere con il mondo intero come possiamo proteggere meglio i bambini vulnerabili. Trasformo la tragedia della mia infanzia in un'opportunità per parlare e dare agli altri il potere di fare altrettanto. Sostengo coloro che stanno ancora lottando per trovare la propria voce. Parlo degli argomenti messi a tacere che le persone non vogliono discutere. Parlo per dare speranza ad altri adottati come me, con il messaggio che la tua vita non deve essere distrutta. C'è un modo per guarire e andare avanti. Non dobbiamo vergognarci. Non abbiamo nulla di cui vergognarci! Possiamo parlare anche se non otteniamo giustizia legale. Possiamo aiutare a incoraggiare i nostri compagni di sventura a trovare il loro coraggio e a liberarsi dai loro manti di vergogna. Non è nostro compito, è il sistema e gli adulti che non riescono a proteggere i più vulnerabili!

Parlo per far luce su questa tragedia nascosta degli abusi sessuali all'interno delle famiglie adottive. Non sappiamo nemmeno quali siano i nostri tassi di abuso sessuale perché nessuno li cattura o ricerca se siamo più inclini agli abusi sessuali nelle famiglie adottive rispetto ad altri. Posso solo fare riferimento a ricerche in situazioni simili come affidamento e se le nostre statistiche rispecchiano in qualche modo l'affidamento, allora siamo davvero le vittime silenziose perché non abbiamo nessuno che ci monitora una volta che ci uniamo alla nostra famiglia adottiva. Non abbiamo strade per chiedere aiuto. Siamo totalmente vulnerabili all'interno della nostra famiglia adottiva. Dobbiamo fare di meglio per proteggere i bambini vulnerabili e assicurarci di essere collocati in ambienti migliori di quelli che abbiamo già perso. Bisogna parlare di abuso sessuale in adozione perché questo cambiamento avvenga!

Prossimamente: Parte 3 – Cosa bisogna fare in caso di abuso all'interno delle famiglie adottive

Risorse informate sui traumi

di Lynelle Pulled by the Root intervista sugli abusi sessuali nelle famiglie adottive

Solo

di Geetha Perera, adottata dallo Sri Lanka in Australia

posso stare in mezzo alla folla
O posso stare da solo
E ancora nessuno mi noterà
piango in mezzo alla folla
O posso piangere da solo
E ancora nessuno mi noterà
Posso tenere la mano di qualcuno
Oppure posso stare accanto a una persona
E ancora nessuno mi noterà
Perché io non sono un fuoriclasse
Non sono la stella più brillante
Non sono il più magro
non sono la più bella
Sono quello nell'angolo
Solo

Mia madre

di My Huong Lé, adottato vietnamita cresciuto in Australia, vivendo in Vietnam. Co-fondatore di Vietnam Family Search, un'organizzazione guidata da adottati dedicata ad aiutare a riunire le famiglie in Vietnam.

Una madre non dovrebbe essere ricordata solo per essere speciale nel giorno della festa della mamma, ma ogni giorno. Poco più di due anni fa mi sono miracolosamente riunito con mia madre. Ogni giorno con lei da allora è stato fantastico, ma in questa festa della mamma voglio onorarla in modo speciale.

Il mio cuore va anche alle madri di tutto il mondo che sono state separate dai loro figli per qualsiasi motivo. Mamme che non si dimenticano!

Questa è la storia di mia madre:

I miei occhi hanno guardato la mia bambina con amore nel momento in cui è nata. Mentre la stringevo il giorno in cui ha esalato il suo primo respiro, una sensazione di immensa gioia è saltata nel tuo cuore. 

Non aveva padre perché mi lasciò quando ero incinta e tornò all'estero dopo aver terminato il servizio militare. Indipendentemente da ciò, ho deciso fin dal concepimento che avrei amato questo bambino come un dono. 

Quando la tenni stretta per la prima volta, la esaminai. Aveva tutte le dita delle mani e dei piedi e con quel sollievo arrivò la realizzazione del suo naso più grande e allungato. 

In pochi istanti tutto si è trasformato in una sfocatura mentre sanguinavo copiosamente. Mentre giacevo privo di sensi, l'infermiera ha avvertito mia madre che sarei morto. Tuttavia, ore dopo, mentre scivolavo dentro e fuori dall'incoscienza, con voce debole ho sussurrato: "Dov'è il mio Huong?". In risposta, mi è stato detto: "Due amici sono venuti a trovarla e hanno preso il tuo bambino per prendersi cura di lei". 

Con un senso di sollievo nel mio cuore, ero grata che il mio neonato fosse al sicuro e mentre giacevo a letto per settimane in uno stato di debolezza, i miei pensieri andavano alla deriva, desiderosi di tenere il mio adorato bambino tra le mie braccia. 

Dopo quasi due mesi in cui ho preso abbastanza forza, sono andata lentamente a piedi a trovare i miei amici per portare mia figlia a casa ….. ma non si vedevano. Le domande iniziarono a vorticare nella mia testa e una sensazione di terrore iniziò a fissarmi come una pietra nel petto quando iniziò la ricerca.

I giorni si sono trasformati in settimane, le settimane in mesi e i mesi in anni. Ho arato i campi sotto il sole cocente d'oro. Con il cuore spezzato, piangevo silenziosamente ogni notte non sapendo cosa fosse successo a My Huong. Ho pregato per la sua sicurezza e desideravo che un giorno sarebbe tornata. Il mio unico desiderio era poter vedere il suo viso una volta prima di morire.

Poi, a metà febbraio 2018, ho ricevuto un messaggio per dire che My Huong era stato visto in TV. La mia mente è tornata indietro a tutti gli anni di desiderio e ho pianto una valle di lacrime. Quella notte quelle lacrime erano lacrime di sollievo - che la possibilità di trovare My Huong ora potesse essere reale. 

Le mie preghiere furono esaudite e due settimane dopo ti trovasti faccia a faccia con me, tua figlia che ti era stata crudelmente rubata. Dopo quasi 48 lunghi anni di lontananza, la sconvolgente realtà di avere tua figlia al tuo fianco ti ha fatto venire voglia di svenire. Mentre le accarezzavi il viso e le baciavi le guance, in quel momento sapeva che eri sua madre.

Mamma, non so come esprimere tutto ciò che significhi per me. Dalla nostra riunione di due anni fa, mi hai mostrato che il tuo amore non finisce mai e hai portato un'immensa gioia nella mia vita e riempito il mio cuore. Sei il dono più grande e ogni giorno sono grato a Dio per il miracolo di averti restituito a me. 

In questa speciale festa della mamma, voglio onorarti. Sono onorato e benedetto di averti come mia madre!

Ti amo con tutto il mio cuore!
Il mio Huong Lé

Per così tanti anni, ho nascosto i miei traumi infantili più profondi sotto una maschera di sorrisi e positività percepita. Ora, sono costretto ad affrontare questi traumi e debolezze del passato, così come il trauma più recente causato dalla rete dell'inganno, che è stato svelato quando sono stato contattato dalla mia vera madre due anni fa. Le ferite della falsa madre e della famiglia sono ancora profonde, ma ogni giorno sto guarendo e sono così grata di avere la mia cara madre che vive con me. È un dono così prezioso e ringrazio Dio per il miracolo di averla nella mia vita.

Per chi fosse interessato alla mia storia potete leggere quanto segue articolo che è stato scritto da Zoe Osborne.

Il COVID mi fa ripensare al mio paese natale

Est contro Ovest

Per la maggior parte della mia vita, finché non sono tornato e ho avuto la possibilità di reintegrare la mia identità vietnamita con la mia identità adottiva, ho pensato al Vietnam come a un paese comunista arretrato. Ho assorbito la mentalità che ho sentito dal mio paese adottivo occidentale bianco privilegiato. Emotivamente, mi sentivo costretto dalle ipotesi che assorbivo, a chiedermi come potesse esistere qualcosa di buono in un paese in cui non potevano prendersi cura dei propri figli. Sono stato educato a pensare negativamente alla mia patria e mi è sempre stato detto quanto fossi "fortunato" ad essere adottato in Australia. Essere fortunati di solito implicava "l'Australia è meglio".

La maggior parte delle volte, quando le persone fanno commenti sul mio status di adozione, essere "fortunato" si riferisce a guadagni materiali: cibo in abbondanza, riparo e vestiti; una buona educazione; e tante opportunità. Sì, ho avuto tutto ciò di cui sono grato! Ma dopo aver passato più di un decennio a cercare di integrare la mia identità perduta dopo essere stato nella nebbia sulle conseguenze per tutta la vita dell'essere separato dalla mia terra natale, dalla mia cultura e dalle persone - parlo ora per aiutare gli altri a rendersi conto c'è di più da adottare rispetto ai guadagni materiali nel mio paese di adozione.

Il COVID-19 ha ulteriormente sfidato le mie convinzioni sul mio paese di nascita rispetto al mio paese adottivo. È stata la prima volta che ho letto qualcosa nei media mainstream per evidenziare un aspetto positivo della mia patria rispetto al mio paese adottivo. Ecco il recente articolo sulla risposta del Vietnam al coronavirus. Ho visto di più su altri paesi di nascita tenuti in grande considerazione (vedi Taiwan e Corea del Sud). È un momento senza precedenti per vedere alcune delle nostre terre di nascita viste con orgoglio dai media mainstream. Al contrario, è il più ricco, il primo paese democratico al mondo, l'America e come sta rispondendo al COVID-19. In questo momento, con la copertura mediatica, immagino che il mondo intero si stia chiedendo se l'America sia migliore di qualsiasi altro luogo. Dal punto di vista delle adozioni, gli adottati internazionali americani hanno cercato per qualche tempo di esprimere che non concedere la cittadinanza automatica e deportare attivamente gli adottati internazionali, dopo 40 anni, è completamente immorale, ingiusto e sbagliato. Nessun altro paese adottivo lo fa, ma l'America è stata ancora sostenuta dalla maggior parte dei paesi di nascita come la terra per mandare i bambini. Forse ora, dopo aver visto come l'America gestisce il COVID-19, i paesi di nascita potrebbero pensarci due volte prima di mandare i bambini in America? Forse gli occhiali color rosa potrebbero cadere?

Il COVID-19 ha reso abbastanza evidente che i nostri paesi di nascita non sono tutti indietro! Loro sono diverso, ma non di meno. Vedere i nostri paesi ritratti positivamente dai media mainstream è per me una novità. Mi chiedo quanti adottati all'estero sudcoreani, taiwanesi e vietnamiti in America potrebbero, per la prima volta, chiedersi perché hanno creduto al mantra su quanto "stavano meglio" rispetto all'essere cresciuti nei loro paesi di nascita? Questo COVID-19 ha un impatto molto maggiore sugli adottati americani rispetto a quelli colpiti dalla non cittadinanza o dalla deportazione! E con il razzismo verso gli asiatici ai massimi storici in così tanti dei nostri paesi adottivi, c'è molto che COVID-19 solleva nelle nostre menti.

In questo momento, il mondo intero sta rivalutando molte cose, ma ciò che fa per me come adottato all'estero, è che mi incoraggia a guardare in modo critico a come sono rappresentati i nostri paesi e mi sfida a rivalutare come considero la mia terra natale e le persone. Raramente vedo un paese di nascita ritratto in un modo in cui altri governi democratici del primo mondo potrebbero considerarli un ideale. Sono sicuro di non essere l'unico adottato all'estero a notare questi cambiamenti ea riflettere sul loro significato. Questo periodo di tempo aggiunge un ulteriore livello per considerare cosa significhi essere adottati all'estero.

Riflessioni sull'ANZAC Day

Memoriale di guerra australiano – MELBOURNE

ANZAC Day per le persone provenienti dall'Australia e dalla Nuova Zelanda è un momento di riflessione che ci unisce attraverso le generazioni. Per me come orfano della guerra del Vietnam, mi dà un tempo e un luogo, ammettere tutti i bei doni della vita quotidiana, per riconoscere l'innegabile tragedia che porto nel mio cuore.

Perdere tutta la mia famiglia e la mia identità a causa della guerra è spesso qualcosa di troppo doloroso di cui parlare. Per chi mi conosce bene, l'autocommiserazione non è la mia canzone ma rispetto alla mia famiglia biologica, non posso fingere che la perdita di non conoscerli non sia una ferita profonda da portare.

Man mano che sono cresciuto e forse più saggio, i simboli del ricordo hanno acquisito un significato personale. Mentre mi siedo accanto alla fiamma eterna nel santuario, nel mio cuore vedo la fiamma come un raggio di luce che prego mi avvicina a coloro che ho amato o mi hanno amato, indipendentemente dal fatto che conosciamo i nomi degli altri. Sento che condividiamo i nostri cuori. Il calore della fiamma eterna mi conforta, poiché riflette l'amore che sto pregando di inviare al mondo, come un portale per coloro che ho perso e che devo ancora trovare.

Per favore, non innervosirti per la mia condivisione. La mia condivisione è un'occasione per dire grazie per avermi permesso questo giorno, questo momento nello spazio per deporre il mio dolore senza domande o giudizi. È solo perché sono amato e posso amare coloro che mi circondano che posso condividere questi pensieri.

E ora, come faccio per ogni altro giorno dell'anno, abbraccerò la bella vita che ho e le avventure di un futuro sconosciuto.

di Sue-Yen Bylund

Bellezza collaterale in adozione

C'è un dolore che non lascia mai il mio cuore
di non sapere chi sia la mia famiglia
essere rimosso dal mio paese, dalla mia cultura e dalla mia gente
ma posso riconoscere,

c'è stata una bellezza collaterale
in tutto quello che è successo.

Non compensa 
è semplicemente
i miei figli non sarebbero qui
se non fosse per tutte le mie perdite.

La vita è una cosa strana
i dolori sono così profondi
le lotte a volte così intense
i momenti di guadagno così preziosi.

Ho scelto di vivere consapevolmente
e accettare che tutto coesiste.

Ispirato dalla visione del film, Bellezza collaterale.

Di Lynelle Long

L'adozione internazionale può essere etica? Fa bene?

In questa nuova serie in 3 parti, Leigh Matthews al Podcast di DoGooder (anche il co-fondatore di Ripensare gli orfanotrofi), discute con me il perché e il come se l'adozione internazionale sia utile e possa mai essere etica.

Personalmente ho trovato questa intervista la più approfondita che abbia mai fatto su questo argomento. Non ho avuto la precedenza sulle domande e alla fine sono rimasto un po' scosso e sconcertato quando mi sono reso conto che alcuni dei contenuti di cui avevo parlato non erano così coerenti come avrei voluto perché nessuno aveva mai chiesto domande così intense prima. Dopo tutti questi anni in cui parlo, di solito ho perfezionato il modo in cui descrivo e rispondo alle domande perché parlando ripetutamente sull'argomento, divento più succinto nel tempo. Questa volta, tuttavia, il mio modo di pensare/parlare è crudo per una buona parte di esso e Leigh ha fatto un lavoro fantastico nel scuotermi! Ha un modo naturale di intendere questo argomento dato che il turismo degli orfanotrofi è così strettamente connesso.

Non vedo l'ora di ascoltare le prossime due donne di questa serie: Jessica Davis, madre adottiva americana che ha restituito il figlio adottivo alla sua famiglia in Uganda dopo aver scoperto che non era stata una vera orfana né abbandonata con una chiara comprensione del nostro diritto occidentale concetto di adozione. Jessica ha continuato a fondare un'organizzazione Kugatta per assistere altre famiglie adottive che si trovano in situazioni come la sua. Poi Laura Martinez-Mora, avvocato e segretario nel Ufficio permanente dell'Aia team, responsabile del portafoglio delle adozioni internazionali che fornisce la sua prospettiva professionale.

Le nostre opinioni insieme su questo argomento aiuteranno a sviluppare una conversazione approfondita tanto necessaria su come avviene oggi l'adozione internazionale, se fa più male che bene e se può essere etica.

puoi ascoltare qui.

Un enorme grazie a Leigh Matthews per il privilegio di essere coinvolto nel tuo podcast!

Alternative all'adozione?

#3 ICAV Blogger Collaborative Series dal mese di sensibilizzazione sull'adozione 2019

Diciamo che mi sono aperto e ho condiviso che l'adozione internazionale mi ha messo in un luogo di vita accanto alla società e che sento le mie perdite. Se mi apro con un membro della famiglia in Svezia e un membro della famiglia nel mio paese natale, l'Iran, entrambi diranno la stessa cosa in risposta: "Dovresti essere grato di non essere rimasto orfano in Iran". Implicitamente tutte le altre alternative sarebbero peggiori, quindi non ho il diritto di lamentarmi. Dovrei stare zitto.

Quando si discute delle alternative all'adozione, le persone generalmente parlano di prostituzione, povertà, rifiuto da una società crudele in cui la famiglia è tutto – praticamente zero prospettive per una buona vita.

Avrei preferito questo alla comodità di crescere in un paese libero e ricevere un'istruzione, poter viaggiare? Se è così grave, quale altra soluzione ho?

Implicitamente il mio parente iraniano direbbe che il loro paese non può cambiare – che gli orfani saranno sempre disapprovati e che il sesso al di fuori del matrimonio, l'abuso di droghe o la povertà sono irredimibili. Implicitamente il mio parente svedese crederebbe che l'adozione internazionale sia la soluzione migliore. C'è un punto di vista colonialista radicato che diventa visibile solo se inverti il ragionamento: cosa penseresti se un orfano bianco svedese fosse inviato a caso in uno strano paese come l'Iran? Quando avremo degli orfani in Svezia, cosa faremmo con lui o lei? Cercheremmo CON TUTTI I NOSTRI MEZZI di trovare i loro parenti e metterli lì. Se non funzionasse, li metteremmo in una casa sicura dove c'è responsabilità e supporto per il suo trauma. Faremmo in modo che il bambino conosca il più possibile sulla sua famiglia d'origine in modo che possa cercarla in qualsiasi momento e sentirsi sempre in contatto con essa. Questa sarebbe l'alternativa all'adozione.

Ma finché i paesi più ricchi estraggono i bambini dai paesi più poveri, usando l'adozione come merce di scambio nella diplomazia, non ci sono incentivi per il paese più povero ad affrontare i suoi problemi. Gli orfanotrofi nel mio paese natale sono ancora allagati. Dopo la Rivoluzione Islamica, l'Iran non ha più voluto usare noi bambini come merce di scambio e ha smesso di lasciare che gli orfani andassero all'estero. Al giorno d'oggi, devi essere un cittadino iraniano, devi scrivere oltre un terzo del tuo patrimonio e sarai monitorato con il bambino per sei mesi prima che l'adozione sia finalizzata.

Se non pensi che il modo iraniano suoni come una soluzione più ragionevole per gli orfani, è probabilmente a causa del punto di vista colonialista, che i paesi occidentali devono essere un'opzione migliore per far crescere TUTTI. Probabilmente pensi che lo stigma di essere individuato a ogni foto di classe da adottato (corsivo), non conoscere la tua lingua o cultura nativa, ricevere ogni giorno domande sul tuo background ed essere soggetto a razzismo fin dalla prima infanzia è un prezzo che tutti sono disposti a pagare.

La soluzione più ragionevole è, ovviamente, cosa faremmo ai nostri "propri" qui in Occidente. Sono consapevole che ciò richiede un movimento nei paesi più poveri per creare un cambiamento. Ecco perché abbiamo bisogno delle voci degli adottati!

di Sarah Märtensson

Quando vedo questa domanda, sento che è un classico tropo da leone marino, cioè un tipo di trolling o molestia che consiste nel perseguire le persone con richieste persistenti di prove o domande ripetute, mantenendo una pretesa di civiltà e sincerità. Può assumere la forma di “inviti incessanti e in malafede a impegnarsi nel dibattito”.

Questa domanda e altre simili attribuiscono agli adottati l'onere di avere le soluzioni e le risposte, rifiutando di centrare le voci degli adottati come parte integrante della definizione dei problemi.

Guardo alla tutela sull'adozione, non mi preoccupo della cancellazione. La cura dei bambini in crisi non deve comportare segretezza su larga scala, recisione dei legami familiari e rimozione completa dalla cultura della nascita.

Un onere emotivo e finanziario della ricerca grava sugli adottati a causa della segretezza. Le famiglie di nascita sono spesso prive di potere e attivamente scoraggiate dal contatto. Eppure sembra che più adottati siano aperti al contatto se è guidato dalle famiglie d'origine, quando la paura del rifiuto è diminuita. Non esistono sistemi assistiti dal governo per offrire test genetici e supporto per il ricongiungimento e non esiste alcuna pressione da parte dei paesi di adozione o di nascita, o dalla Convenzione dell'Aia per farlo. Gli adottanti sono costretti ad affrontare sentimenti complicati riguardo alla ricerca a causa del continuo occultamento di informazioni nell'adozione, che è soprattutto la norma all'interno dell'adozione internazionale. Le pratiche clandestine sono del tutto normalizzate all'interno dell'adozione dove altrimenti sarebbe inaccettabile e illegale.

Il pubblico è affascinato dai segreti di famiglia e dalle storie di ricongiungimento. Televisione, film e libri su ricerche e riunioni sono abbondanti, ma nessuno mette in dubbio il motivo di tale anonimato punitivo e della rottura di tutte le relazioni biologiche. Nessuno chiede mai ai genitori adottivi perché è una componente dell'adozione né chiede loro di immaginare che effetto potrebbe avere su una persona, né invitarli a immaginare quanto sarebbe facile parlare con i genitori adottivi di quei sentimenti che trasmettono fragilità e paura intorno all'argomento.

di Juliette Lam

Se possibile, tieni i bambini e i neonati nelle loro famiglie e nella loro cultura!

di Kate Coghlan

La risposta a questa domanda potrebbe essere un saggio, una tesi o un libro in sé. Non posso rendergli giustizia qui, ma menzionerò alcuni pensieri iniziali perché è una domanda così pertinente. In definitiva, questa domanda chiede:

L'adozione è una soluzione e dovremmo farlo? 

Il concetto alla base dell'adozione è che la maggior parte delle persone riconosce che l'umanità non è perfetta, esistono bambini e famiglie che lottano e hanno bisogno di aiuto, e la maggior parte di noi vuole aiutare i bambini vulnerabili, ma come facciamo a dare quell'aiuto è davvero ciò a cui pensiamo quando chiediamo alternative all'adozione. Si presume che il modo legalizzato di adozione internazionale debba essere una buona cosa perché i governi lo hanno concordato, sembrano avere garanzie in atto sotto forma di convenzioni (Convenzione dell'Aia per l'adozione internazionale) e succede da decenni. Tuttavia, avendo vissuto la vita di un adottato internazionale e conoscendo migliaia di persone in tutto il mondo, la mia risposta alle persone che chiedono quali alternative all'adozione è triplice.

In primo luogo, credo che dovremmo fare di più per prevenire la necessità dell'adozione internazionale e molte organizzazioni stanno facendo un lavoro straordinario in questo. Abbiamo bisogno che le persone spendano le somme di denaro del settore delle adozioni in programmi preventivi che si concentrano sulla conservazione della famiglia e della comunità.

Ecco solo una manciata di alcune fantastiche ONG che stanno facendo un lavoro meraviglioso per aiutare le famiglie e le comunità a prevenire la necessità di prendere in considerazione l'adozione internazionale o gli orfanotrofi:
Internazionale accattivante
Progetto Famiglia Selamta
Chiamata collettiva
Pamoja Leone
Aiutare i bambini in tutto il mondo
Martin Punaks
Amici di Shishur Sevay
Rispetto molto le organizzazioni come LUMOS che si concentrano sulla fine dell'istituzionalizzazione senza promuovere l'adozione internazionale. Puoi leggere il loro rapporto mentre parlano di organizzazioni di finanziamento che promuovono l'assistenza comunitaria e familiare. Questa è l'azione che dobbiamo intraprendere che aiuta a prevenire la necessità di adozione internazionale.

In secondo luogo, quando le persone chiedono quali alternative all'adozione, rispondo chiedendo se sanno chi è il i primi 10 paesi di invio sono negli ultimi 20 anni. Segnalo poi che Cina, Corea del Sud e Russia sono tra i primi 10 paesi d'invio nonostante siano le prime nazioni mondiali con Pil sostanziali. C'è da chiedersi perché continuano a mandare i loro figli all'estero? E questo include l'America che è tra i primi 25 paesi di invio. L'adozione internazionale NON riguarda la mancanza di denaro e risorse, ma la maggior parte delle persone non prenderà in considerazione alternative all'adozione perché si tratta di il loro bisogno di un figlio, avendo quel figlio come "loro" da tenere per sempre, invece di concentrarsi su ciò che è meglio per il bambino. Se fossimo interessati a cosa è meglio per il bambino?, ascolteremmo gli adulti adottati all'estero che, nel complesso, condividono le difficoltà di crescere tra due terre. Gli adulti adottati all'estero affermano che dobbiamo fare di più per aiutare a mantenere i bambini nei loro paesi e affrontare la mancanza di alternative all'adozione lì.

Questo mi porta al terzo punto. Se guardiamo ad alcuni dei nostri paesi del primo mondo che hanno già ottime alternative in atto, sappiamo che esistono alternative e molte di esse funzionano in modo efficace.

Qualche esempio: 
La Francia usa Adozione semplice rispetto al ampiamente usato Adozione Plenaria
In Australia, alcuni stati usano Tutela/Amministrazione, Cura della parentela/Assistenza fuori casa e Cura permanente/Affidamento modelli che operano ormai da molti anni. 
La Svezia è riscrivendo la loro infrastruttura sociale garantire che i diritti dei bambini siano centrali.
UN Rapporto svizzero che ha confrontato i sistemi di protezione dell'infanzia a livello internazionale, ha fornito 14 raccomandazioni su ciò che è necessario per la "buona pratica".
Un recente quarzo rapporto elenca i migliori paesi in Europa che stanno attualmente fornendo incredibili programmi di benessere familiare. Questo tipo di infrastruttura sociale spesso manca nei paesi di nascita colpiti dalla povertà. Aiutarli a sviluppare sistemi di sostegno familiare farebbe molto per evitare la necessità di dover mai prendere in considerazione l'adozione.
Ci sono anche alcuni esperti del settore come Lori Carangelo a chi possiamo rivolgerci per capire cosa considerano un'alternativa all'adozione. Più recentemente, un primo nel suo genere ricerca è stato appena rilasciato da Karleen Gribble della Western Sydney University in cui ha intervistato persone affette da affidamento e adottive, chiedendo cosa preferiamo all'adozione plenaria. La sua ricerca è stata affidata al governo australiano da AdoptChange, dove è possibile accedere al intero rapporto gratis.

Credo che chiedere alternative all'adozione sia una delle questioni più rilevanti che dovremmo discutere nell'adozione internazionale. Quando questo è adeguatamente discusso, porta alla realizzazione che esistono altre soluzioni e che aggrapparsi a un modello obsoleto di adozione plenaria non ha alcun motivo utile se non — perché “lo facciamo così da decenni”. Alla gente non piace il cambiamento. Il cambiamento costa. Il cambiamento richiede una nuova mentalità. Sappiamo che esistono alternative, semplicemente non abbiamo la forza di volontà politica per cambiare l'industria estremamente redditizia che si è costruita nel corso di decenni per fare ciò che è giusto per i bambini e le famiglie coinvolte.

L'adozione internazionale è troppo spesso descritta come l'UNICO salvatore di un problema complesso che viene semplificato in concetti di marketing come "Orfanotrofio contro Adozione", ovvero oscurità contro luce, morte contro vita. Questa rappresentazione è eccessivamente semplicistica e per pensare al cambiamento, dobbiamo allontanarci da questi concetti tutto o niente.

L'adozione nella sua attuale forma plenaria non dovrebbe essere una soluzione oggi dato che abbiamo opzioni alternative e, cosa più importante, modi per prevenire la necessità di una soluzione così estrema. L'adozione plenaria non dovrebbe mai essere una prima soluzione. Se una comunità e una famiglia non possono più prendersi cura dei propri figli nonostante siano state offerte prima molte strategie preventive, allora i modelli Parentela, Adozione semplice e Tutela fanno molto meglio per proteggere i diritti e gli interessi di tutti i soggetti coinvolti. È tempo che discutiamo a fondo di questa questione e ascoltiamo coloro che la vivono da un'ampia gamma di esperienze.

di Lynelle Long

Italiano
%%piè di pagina%%