Cosa succede dopo la riunione?

di Matteo Pellegrino, adottato dalla Corea del Sud negli USA, compositore, musicista, oboista. Puoi seguire Matteo a Youtube o Instagram @compotatoser.

Il mio omma ed io nel corso degli anni nel luogo in cui ci siamo incontrati per la prima volta. Torniamo qui ogni volta.

Se la ricerca della nascita di un adottato fosse una favola, allora il ricongiungimento sarebbe il "felici e contenti". Per quanto riguarda le ricerche sulla nascita degli adottati, sono statisticamente molto fortunato. Probabilmente meno di 5% (e questa è una stima alta) di tutte le ricerche di nascita per adozione hanno un risultato positivo quanto il mio. Sono stato riunito con la mia famiglia per 3 anni interi ormai e, a volte, se ci penso troppo a lungo, è completamente sbalorditivo perché sembra ancora ieri che stavo vedendo la faccia di mia madre per la prima volta.

L'adozione è un'esperienza complessa e sfaccettata. Si estende molto oltre e molto più in profondità del semplice "sei stato adottato". Il numero di persone colpite dall'adozione non è limitato all'adottato. C'è la madre naturale, le famiglie, le generazioni di parenti e la società al di fuori della famiglia. Nel mio caso è un dolore silenzioso che mia madre ha dovuto tenere per sé per 24 anni, mia nonna che sapeva che ero stata mandata via e piangeva ogni volta che vedeva al telegiornale una storia di ricongiungimenti familiari, mia zia che piangeva dopo l'incontro me perché lei "avrebbe dovuto essere lì per prendersi cura di me". Sono anche tutte le difficoltà che dobbiamo ancora affrontare insieme dopo il ricongiungimento. Come possiamo superare una barriera linguistica e gestire le pressioni e le aspettative dell'apprendimento per comunicare tra loro? Come affrontiamo le nostre differenze culturali di fronte alla vergogna che proviamo? E come possiamo provare ad andare avanti sapendo che questa relazione è stata forgiata e continuerà ad evolversi per il resto della nostra vita?

La nonna a capotavola, come dovrebbe essere. Lei è decisamente al comando.

Questa è la mia storia, quindi sento che è mia responsabilità presentarla candidamente. Non solo il bellissimo "lieto fine", ma anche il complicato, disordinato e a volte doloroso "per sempre" del ricongiungimento: imparare a essere madre e figlio, imparare a essere una famiglia, dopo oltre 20 anni di distanza. Non è facile, è molto lavoro, ma alla fine sono molto fortunato.

Dai un'occhiata al recente Storia dell'adozione transrazziale raccontata attraverso la musica e la danza, per il quale Matthew ha composto la musica, intitolato Cara madre:

Il dolore della perdita e la gioia di vederla riunita alla sua famiglia

di Jessica Davis, madre adottiva americana di una figlia ugandese, è tornata con successo dalla sua famiglia ugandese; co-fondatore di Kugatta che riunisce le famiglie colpite dall'adozione internazionale dell'Uganda.

Namata con i suoi fratelli

Ogni anno penso che non piangerò e non mi farà male così profondamente come una volta. Ma ogni volta che vedo tutto ciò che è stato quasi permanentemente sottratto a Namata, il dolore ritorna altrettanto profondo (se non più profondo) della prima volta in cui mi sono reso conto a cosa avevo partecipato e cosa doveva essere fatto. Ho ancora membri della famiglia allargata che si rifiutano di ammettere che riunirla con la sua famiglia ugandese fosse la cosa GIUSTA e GIUSTA da fare.

Ci sono molte persone che credono che sia giusto prendere bambini da famiglie LOVING se queste famiglie sono povere, vivono nel paese “sbagliato”, praticano la religione “sbagliata”, o per una serie di altri motivi irrazionali. È incredibile quanto denaro, tempo e risorse contribuiscano alla separazione delle famiglie che in primo luogo non dovrebbero mai essere separate.

Non smetterò mai di denunciare i torti che si perpetuano all'interno del sistema di adozione internazionale. Non smetterò di lottare per coloro che sono stati sfruttati da questo sistema e di certo non dimenticherò mai la fantastica bambina che è entrata nella mia vita e mi ha insegnato a fare meglio. Per quanto mi manchi, il mio dolore impallidisce in confronto alla gioia che provo vedendola a casa con la sua famiglia e prosperare.

Abbiamo fatto tutto “bene”. Abbiamo utilizzato un'agenzia di adozione molto apprezzata, seguito tutti i protocolli e le procedure corretti e segnalato tutto ciò che non andava quando lo abbiamo scoperto. Infatti, anche se è stato dimostrato che la nostra agenzia di adozione era corrotta, i documenti di Namata sono stati falsificati, il giudice ugandese è stato corrotto, l'intervista all'ambasciata ha mostrato che la madre di Namata non capiva cosa fosse l'adozione e all'epoca non ci è stato detto, la nostra adozione di Namata dall'Uganda era ed è tuttora considerato LEGALE. Cosa ti dice sull'adozione internazionale?

Namata non è riuscita a tornare a casa perché era la cosa giusta e giusta da fare. I diritti di Serena violati e il miglior interesse di Namata ignorati erano irrilevanti da parte di coloro che avrebbero dovuto preoccuparsene. Il motivo per cui Namata è andata a casa e si è riunita con la sua famiglia è perché Adam e io ci siamo rifiutati di accettare che tutto ciò andasse bene o "in meglio".

Innumerevoli famiglie sono state inutilmente fatte a pezzi attraverso l'adozione internazionale, proprio come quella di Namata.

Raramente sento qualcuno esprimere preoccupazione per queste ingiustizie o per ciò che è stato perso, piuttosto le persone usano buone intenzioni andate storte per ignorare queste realtà e andare avanti come se non fosse successo nulla di sbagliato. Se le persone non ascoltano o non riescono a capire il problema in questione, forse lo vedranno quando guarderanno questa famiglia e si renderanno conto che tutto ciò che era quasi perso e che non c'era letteralmente alcuna ragione per questo.

Namata e la sua famiglia

Leggi l'ultimo post di Jessica: Giustizia o responsabilità accadono nelle adozioni illecite?

Italiano
%%piè di pagina%%