L'adozione può essere una prigione psicologica

How do I start over?

The question echoes in my brain every day here in Hawaii, now totally away from the relations of my former adopted life.

How do I live anew as one person in this world?

I left my adoptee ties that were technically governmentally bonded relations that I had no control over as a Filipino orphaned child circa 1980’s. For me, they had been total strangers and I didn’t have any oversight or support in post-adoption.

As time went on for me, I wasn’t able to have the fortune to get to know my biological family as after my reunion in 2012 in the Philippines, I decided to go my own way once I discovered our language barriers and my inability to confirm any facts on them.

So yes, fast-forward to current times and it is Sunday, and I have relinquished my bond of my adoptive ties for various reasons, and it hasn’t been easy but for me, it was necessary.

This break action has been mental, emotional and physical. Slamming this lever down included making physically strategic distance by moving far, far away on my own to the Pacific islands in 2019, re-establishing dual citizenship to my birth country in the Philippines in 2021, and civilly sending a kindly written email to my adoptive parents this year after my adoptive brother’s jarring and untimely death.

Additionally, the extended adoptive ties I’ve noticed can also naturally deteriorate with time itself after years of peaceful but gently intentional non-communication.

What happens after you’re on this path of annexation, you wonder?

For me, I’ve arrived at an interesting intersection in my adulthood when I’ve sort of returned to a former state of orphanhood with no real station in life, no bonds, all biological history, heritage and economic status obsolete all over again.

Doesn’t sound that appealing, I know! Tell me about it.

The perk is that instead of being a vulnerable child, I am a 36-year-old woman living in Hawaii. I have rights. I am in control of my wellbeing and fate. I have responsibilities. I drive my own car, I pay bills, I have funds; I have a job and I am not helpless.

I can take care of myself. So to me, the biggest perks are in being healthy and reclaiming my life, identity and sovereignty needed over my own needs and wellbeing.

So quickly the adoptee bond can turn into toxic relations if the parents are narcissistic or emotionally or physically abusive.

After the death of my adopted brother, who was also a Filipino American adoptee and died of severe mental issues and alcohol poisoning, I had a stark wake-up call of how these adoptee relations were silently impacting me too.

And I had to make better choices for myself, I would be risking too much if I ignored this.

It is like leaving a psychological prison, I told Lynelle on a weekend in May.

After some reflection, I realized that as a child and having to make structured attachments from being displaced, this legal bond fastens.

And as a displaced, vulnerable child, I think one falls privy to co-dependency, the need for a family structure overrides even the need for safety for his or her own wellbeing, like if abuses arise in this domestic home.

Or other aspects might not nurture the adoptee, like when the child isn’t being culturally nurtured according to their birth country.

Or when the parents or family members are financially and socially acceptable as to meeting criteria of adoption, but possess narcissistic personalities which is also detrimental to the child’s personal, emotional, psychological and cultural development.

A child stays glued and psychologically devoted to their family ties through development stages and on past adulthood because the need for foundational attachments is paramount to one’s psychological upbringing and success.

And if these ties are in any way bad for the adoptee early on, I think these relations that were once saving can quickly turn into a psychological prison because you are truly bound to these social ties until you’re strong enough to realize that you have a choice.

And you Potere break out of this bond, this governmentally established bond, although possibly later on as an adult. And, with some finesse.

As an adult adoptee, from my experience adoptive ties that develop healthily or dysfunctionally, after a certain amount of time both types transitions into permanence to that adoptee. Adoptive ties mesh and fuse just the same as biological ties, once you’ve gone so long in the developmental process.

This adoptive relation is totally amazing when it’s good, like any good relationship.

The spin is that when there are issues plaguing the adoptive unit, which can be subtle, interplaying with the personality and culture of the adoptive relations, these issues can go totally disguised, unreported, and it can be toxic and the affects can last a lifetime.

From experience, I see that it is because the adoptee child is vulnerable and doesn’t know how to report issues in the relations, because the option isn’t even granted to them.

No one is really there to give or tell the adoptee child that they have these rights or options. When it comes to post-adoption, there isn’t much infrastructure.

Sadly, if dynamics are not supportive to the adoptee, in time, it can cost an adoptee the cultural bonds to their own birth country or the loss of their native language.

It can cost an adoptee their sanity and mental health.

It can cost an adoptee their self-esteem, which all bleeds and returns into the social sea of their placement or back out into other countries.

And, it can cost an adoptee their life.

On the upside, if the placement is good, it can save a person’s life as well! And it can allow this adoptee happiness and joy forevermore.

Each side of the coin both instills an adoptee’s human value and the toll the placement takes on every child who becomes an adult in society is also expensive, leading to exponential advantage and success in society, or potential burnouts.

For me, my adoptive placement was costly in the end. However, I was still able to survive, work and live. I was materialistically taken care of, thankfully.

I honestly think much was due to my own faith, offbeat imagination and whatever blind luck I was born with that all carried me through this.

Overall, this has been a total trip and my journey has been very far from embodying the traditional fairy tale adoption story.

So now, it’s time to do the hard work, an adoptee mentor messaged me today. But I can do it, we all can do it! It just takes good choices and regular upkeep.

Nearing the end of this post, I will share to my adoptee community that we have a choice especially once we’re of legal age. I’m sort of a wildflower in general, and a late bloomer, so I’m coming out of the fog and becoming aware now in my mid-thirties.

Yes, we have a lot to rear ourselves depending on the economic status we find ourselves in without our adoptee ties. But like other adoptee peer support has shared, you should not do this kind of thing by yourself. You can have support structures the whole time in this.

And yes, it is terrifying, because you will have to rebuild your sense of identity when leaving toxic family relations. As yes, it can be like rebuilding your identity all over again from when you leave them and start anew, as a now a self-made, sovereign person.

From a Hawaiian private school I work at now, I have come to find that cultural identity building begins in the present and it is built upon values, history, education and the wisdom of the past. Now that I have found a home in Hawaii, maybe I can learn more about it.

I will also be working on weekly goals that I hope to share to the community as I continue on this never-ending journey.

In conclusion, if you are in a good adoptive family, God bless your fortune and I have so much love and happiness for you! However, if you are needing to split away from the ties, like if your adoption wasn’t that healthy, then please know it isn’t impossible.

Professional and peer support is here for you, every day on your way to freedom. You can create your own sovereignty, it will just take work.

Read Desiree’s earlier post at ICAV: Cosa ho perso quando sono stato adottato and follow her at Weebly o Instagram @starwoodletters.

Cosa ho perso quando sono stato adottato

Oggi mi guardo intorno e non ho una famiglia in vista. Ero lacerato alle radici quando sono nato nelle Filippine in condizioni di indigenza nel 1985, sono rimasto orfano alla nascita e adottato nel 1987.

In duplice modo, il mio processo di adozione internazionale aveva sistematicamente cancellato la mia intera eredità e la conoscenza dei miei antenati. Mentre mi legavo permanentemente a persone che non avevano alcun interesse a preservare o mantenere intatta la mia nazionalità e cultura di nascita.

Non so perché ciò sia dovuto accadere durante il processo di adozione.

Perché il passato doveva essere cancellato in modo così efficiente come se non fosse mai esistito.

Perché tutto questo doveva essere cancellato?

Le narrazioni dei miei nonni, le narrazioni dei miei bisnonni, le voci di tutta la carne e il sangue e le ossa che hanno fatto il mio DNA oggi.

Perché le loro storie hanno dovuto lasciarmi?

Era perché ero marrone?

È stato perché sono nato nelle Filippine, che nella storia è sempre stato un paese in via di sviluppo, emarginato con un passato colonizzato?

Era perché ero un bambino vulnerabile che non aveva voce in capitolo o diritti sulla mia stessa vita in quel momento? Era perché i miei ricordi e la mia identità non avevano importanza?

Ho dovuto essere separato dal mio paese di nascita e dalla lingua materna del mio paese di nascita per essere salvato da una famiglia più privilegiata?    

E perché le restanti informazioni biografiche erano così incredibilmente inutili e irrilevanti? E perché ho dovuto aspettare fino all'età di 18 anni per ricevere anche quelle informazioni, quali parti di esse, ho scoperto in seguito da una riunione con la mia madre naturale, non erano nemmeno vere.

Mi sto lamentando perché sono rimasta orfana?

O mi sto lamentando perché c'erano parti di questo processo di adozione che era sistematicamente disumano, inclusa l'adozione di me da una coppia caucasica del Midwest che non aveva mostrato alcun interesse a preservare la mia eredità culturale o a mantenermi in contatto con la lingua del mio paese natale. Come mostra, anche in quella documentazione di adozione, non avevano alcun interesse per la mia eredità.

Non sapevo che se avessi mantenuto questa connessione quando ero un bambino marrone vulnerabile e sostanzialmente acquistato da una famiglia bianca privilegiata, sarei stato in grado di tornare nelle Filippine nella mia età adulta, il mio paese natale, e avrei essere in grado di parlare fluentemente, il che mi avrebbe dato un percorso molto più semplice per rivendicare la mia cittadinanza.

Anche il mio nome di nascita, perché i miei genitori adottivi che non mi hanno mai conosciuto hanno improvvisamente avuto il diritto di cambiare il mio nome di nascita quando mi hanno adottato/acquistato?

Perché erano stati dati loro dei diritti?

Quali diritti mi sono stati sottratti in questo duplice processo?

Dove è andata a finire la mia cittadinanza nel mio paese natale quando sono stata adottata?

Perché tutto questo ha dovuto lasciarmi quando sono stato adottato?

Puoi leggere l'articolo di Stephanie: Sulla strada del recupero, seguila a Weebly o Instagram @starwoodletters.

Trascorrere il Ringraziamento da solo

Le vacanze sono sempre state un po' fastidiose, almeno per me. E per peggiorare le cose, quest'anno trascorrerò il Ringraziamento da solo, ma sono felice di avere almeno un paio di giorni liberi questa settimana a causa delle vacanze! Ho anche dei nuovi obiettivi con cui occuperò il mio tempo. Ad esempio, spero di iniziare a scattare fotografie locali delle Hawaii. Penso che questo obiettivo sia fantastico perché può motivarmi tre volte:

  1. Il mio obiettivo mi incoraggerebbe a saperne di più sulle bellissime Hawaii.
  2. Mi motiverà a incontrare nuove persone.
  3. Posso anche aggiornare il mio portafoglio.

La vita alle Hawaii come nuovo singolo è stata tranquilla, ma devo ammettere che può essere solitaria. All'inizio è stata più dura, ma in questi giorni ho avuto dei piccoli momenti di gioia nei momenti che passano.

La mia lista di piccole cose che mi portano gioia temporanea (come persona single appena creata alle Hawaii)

  • Ascolto di musica pop bhutanese su Spotify
  • Seduto nel mio posto segreto preferito con vista sull'oceano
  • Diario spazzatura a casa con un film acceso
  • Fare jogging vicino all'autostrada
  • Mangiare pok in qualsiasi momento della giornata
  • Parlando con amici
  • Check-in con i miei gruppi di supporto o laboratori creativi

Il mese prossimo sarà Natale.

Ho pensato a come sarà visitare la mia famiglia adottiva in Arizona in quel periodo. Sono stati anni di allontanamento e non ho ancora incontrato nemmeno una manciata di figli di mio cugino, quindi è decisamente un bene che li incontri quest'anno.

Sarà anche bello non essere soli, e spero di poter scrivere anche sul blog in quel momento.

Ho anche pensato ai miei progetti alle Hawaii. Se dovessi provare a tornare sulla terraferma per vivere e lavorare in un posto più abbordabile. In questo momento il lavoro qui mi fa andare avanti su Oahu, ma è ancora volubile. Mi ha colpito anche un'altra idea: Penso che sarebbe fantastico pianificare un viaggio nelle Filippine con alcuni amici filippini-americani adottati che potrebbero voler esplorare insieme il nostro paese d'origine!

Qualcuno è interessato?

Non c'è molto altro di cui scrivere in questo momento, quindi firmerò. Per favore sentiti libero di trovarmi su Facebook o Instagram se vuoi metterti in contatto!

Sulla strada del recupero

Sono un filippino americano adottato di 36 anni e la mia strada per riprendermi dall'essere rimasta orfana da bambina non è mai stata facile. Non avevo le risorse per tornare nelle Filippine per restaurare la mia eredità. Non ho mai avuto le risorse per riparare i problemi che ho avuto con il mio collocamento in adozione internazionale. Quindi, ho dovuto trovare soluzioni creative per riprendermi da tutto questo.

Non posso promettere consigli per salvare nessuno dalle complicazioni dell'essere adottati o adottati. Quello che posso fare è dare alcune soluzioni personali che ho trovato nella mia vita da adottato che mi hanno aiutato nel mio percorso di recupero dal mio viaggio di adozione internazionale.

5 cose che ho fatto per reclamare la mia vita da adottato

  1. Creare. Ho studiato prima scrittura e poi biblioteconomia e scienze dell'informazione. I miei interessi mi hanno portato a creare arte e prodotti informativi misti che mi hanno aiutato a dare voce alle perdite della mia vita transrazziale e a ristrutturare un nuovo senso di identità in modi innovativi. Potrei trasformare il mio dolore con l'arte e l'istruzione. Ad esempio, ho creato un archivio digitale che mostra il mio processo di adozione e l'identità biologica che ho perso quando sono nato orfano nelle Filippine nel 1985. Puoi visualizzare il mio archivio qui e il mio Instagram qui.
  2. Ritirarsi serenamente. Tra l'incudine e il martello, dovevo scegliere ciò che era meglio per me psicologicamente ed emotivamente. Ho iniziato a ritirarmi dalla norma nei miei primi vent'anni. Mi sono separato dalla mia famiglia adottiva attraverso il distanziamento geografico e sociale. Mi sono ritirato da tutte le relazioni passate che mi hanno fallito in passato e dalle cattive relazioni che ho avuto. Mi sono trasferito alle Hawaii a trent'anni, un luogo in cui ero stato misteriosamente chiamato per anni. Ecco, ho lasciato andare. Ma nonostante abbia lasciato andare, non ho mai rinunciato a me stesso, all'amore che ho per la vita, ai miei ideali o al mondo che mi circonda. E per mantenermi bene alle Hawaii, ho continuato le mie pratiche di meditazione e terapie olistiche.
  3. Concentrandosi sul lavoro. Ci sono percorsi nel buddismo in cui si può praticare la meditazione in modo ottimale e raggiungere la liberazione attraverso un lavoro e una fatica intensi. Il lavoro è stata la migliore pratica per me. Il lavoro si rivolge alla mia personalità studiosa. È il miglior sfogo fisico, emotivo e psicologico. Riesco a ricostruire un senso di identità anche nel lavoro.
  4. Essere coinvolti nelle comunità. Sono stato coinvolto con comunità di supporto e gruppi di supporto. Gravito verso persone che praticano la meditazione, persone dedite all'arte o all'apprendimento o attività senza scopo di lucro. Mi piace far parte di reti di supporto con le persone. faccio domande. mi offro volontario. Mi piace credere di ristrutturare i legami spezzati della mia storia facendomi coinvolgere oggi. Far parte di comunità mi aiuta a coltivare un senso di appartenenza. Costruisco una base positiva intorno a me e sostengo le strutture.
  5. Prendersi cura delle mie relazioni oggi. Le relazioni mi tengono regolato nella mia vita quotidiana. I miei rapporti includono quelli non convenzionali come prendersi cura delle mie piante, del mio gatto, dei rapporti di lavoro e con me stesso. Ho iniziato a consigliare gli adottati su base regolare per coltivare un rapporto migliore che ho con me stesso e il mio mondo di adottati. Sto anche tornando dalla mia famiglia adottiva questo Natale per visitare e aiutare a guarire i miei rapporti con loro. Le mie relazioni mi aiutano a stare bene nella vita oggi.

Sì, sento ancora gli echi dei miei legami spezzati che influenzano la mia vita oggi. Soffro ancora di essere nato nella povertà indigente nelle Filippine tanto tempo fa. Sogno ancora il fratello americano filippino più grande che ho perso in questa esperienza di adozione internazionale. Porto ancora il vuoto in cui le voci della mia famiglia biologica sono scomparse per sempre. Non c'è una risposta facile per riprendersi da questi paradossi.

Nonostante tutto, so che sto trovando la mia strada giorno dopo giorno. Sono uscito dalla nebbia, ed è stata una buona cosa.

Leggi di più da Stefania:
Ricostruire identità e patrimonio
L'appello di un filippino adottato per non essere cancellato

Prosperare in questi tempi mutevoli

Con tutto questo cambiamento imprevedibile, è più importante che mai gestire e conservare la tua energia perché alimenti tutta la tua vita con essa. Hai quattro fonti di energia: fisica, mentale, emotiva e spirituale. Quando veniamo attivati emotivamente, perdiamo molta energia.” – Alice Inoue, autrice premiata a livello nazionale ed esperta di vita

Queste sono le parole del mio tirocinio di ieri mattina all'Hawaii Convention Center. Alice Inoue è stato uno dei nostri oratori pubblici nella nostra presentazione.

Ero stato un giudice temporaneo appena assunto nel settore delle richieste di disoccupazione del Dipartimento del Lavoro per lo Stato delle Hawaii. Quel giorno, mi stavo allenando nell'arte di comunicare con i clienti, specialmente quando sono emotivamente intensificati. Non sapevo che questa formazione sarebbe coincisa con la vita degli adulti adottati e con il pubblico in questo periodo, poiché ho dovuto affrontare i trigger emotivi per tutta la vita.

Ora sembra che i trigger emotivi siano qualcosa con cui tutti abbiamo a che fare su una scala più ampia. Spanning e mescolandosi con la demografia più ampia della società.

Trigger emotivi dei disoccupati

Il Covid-19 sta influenzando tutte le nostre vite in modi visibili e invisibili. La disoccupazione fino ad oggi persiste con oltre 100.000 problemi nello stato delle Hawaii. Sono stato assunto per aiutare ad alleviare alcuni di questi problemi. È un lavoro a tempo pieno.

Un giorno non basta nemmeno per intaccare questa situazione.

Parlo con i clienti al lavoro che stanno lottando in tempi difficili. Può essere difficile poiché come lavoratori governativi stiamo vivendo anche in questi tempi di Covid. È una sfida lavorare con persone emotivamente innescate che sono cadute disoccupate.

Soprattutto essere vulnerabile ai fattori scatenanti come persona che vive anche in questi tempi mutevoli e incerti. Dagli impiegati statali al pubblico, tutti hanno più stress, pressione e ansia che mai. Inoltre, da adulto adottato, mi ritrovo a lavorare con i miei inneschi emotivi insieme a quelli di tutti gli altri.

Quindi, mi sono seduto con il mio amichevole team di giudici che sono stati assunti a giugno e ho ascoltato.

Quello che ho capito per la prima volta era una nozione preconcetta: che i trigger emotivi sono per lo più riservati alle persone con PTSD. Quello che ho imparato dalla presentazione è che i fattori scatenanti si sviluppano anche con le persone con ferite nella loro infanzia.

Trigger emotivi

"Crescendo, abbiamo avuto un dolore che non sapevamo come affrontare", affermava la diapositiva, con la foto di un bambino che piangeva sullo schermo. "Da adulti, veniamo stimolati da esperienze che ricordano quei vecchi sentimenti dolorosi".

Ascoltai e trangugiai il mio caffè.

Nell'ora, ho imparato come i fattori scatenanti non sono solo nella terra degli adulti adottati post-trauma, ma si intrecciano anche ampiamente nell'ambito del terreno sociale del mondo.

Un'altra diapositiva affermava: "(I trigger sono) i luoghi super-reattivi dentro di te che vengono attivati dai comportamenti o dai commenti di qualcun altro".

Il miglior consiglio per affrontare i fattori scatenanti emotivi

"Qualunque cosa ti senta in dovere di fare, non farlo", ha detto Alice Inoue, mentre spiegava la regola d'oro per tutte le situazioni emotivamente scatenanti. “Metti la tua attenzione sui piedi e sulle dita dei piedi. Senti il terreno sotto di te. Togliti dall'esperienza viscerale della minaccia in modo da rispondere piuttosto che reagire consapevolmente".

Più suggerimenti:

  • Crea un "controfatto" o riformula uno scenario di una situazione attuale che potrebbe essere peggiore, così puoi sentirti subito meglio.
  • Controlla ciò su cui hai il controllo: la tua prospettiva, le decisioni e le azioni. Calmati con una tecnica di respirazione “4-7-8”.
  • Applica la logica alle paure irrazionali quando succede qualcosa. E ricorda i 3 Come: Accetta, Adatta e Consenti.

Prosperare con un set di competenze post-adozione

Il mondo sta cambiando ogni giorno a causa del Covid. In questo periodo ho trovato una base non tradizionale nel mondo a causa delle esperienze della mia vita.

In quanto adulto adottato, sono armato di tutta la terapia e del trattamento che ho fatto nel mio passato, fino a dove sono stato educato. Inoltre, posso estendere le mie pratiche a una professione in cui lavoro con un pubblico emotivamente attivato in questo periodo di Covid-19.

È stata come un'epifania, allenarsi su come crescere professionalmente e personalmente come uno. Le mie soluzioni per adottati coincidevano con il servire insieme il pubblico. Così, in questo periodo, ho visto come ciascuno dei nostri fiumi possa un giorno incontrare l'oceano. Durante l'apprendimento, come le sfide della vita possono diventare anche i nostri più grandi strumenti di trasformazione.

“Da ogni crisi e sfida emergono benedizioni”, ha detto Alice Inoue, alla fine della presentazione. "Hai molte benedizioni in arrivo per te."

Diario spazzatura domenicale

Oggi è stata una giornata difficile. È stato difficile rialzarmi dopo essere caduto. È stato ancora più difficile svolgere il compito che mi ero prefissato, ovvero finire questo diario spazzatura diffuso questa domenica alle Hawaii. La gravità mi sembrava di far cadere dei pesi su di me. A poco a poco mi sono sentito più leggero con ogni strato di tecnica mista che ho applicato sulla pagina. Dipinti, un centrino, una busta ricostruita, un piccolo spazio per pensieri poetici manoscritti in corsivo, immagini ritagliate di fiori gialli, arte vittoriana e pezzi di pagine di libri vintage. Alla fine l'ho pubblicato e sebbene il mio lavoro non sia mai perfetto per me, provo un senso di esultanza quando i miei segreti misti vengono pubblicati, mostrati al mondo intero. Non mi sento così solo quando succede. Mi mostro nel modo più bello, mostrando tutte le parti migliori di me. Quindi cerco di scrivere regolarmente un diario spazzatura, almeno un post a settimana se posso. Oggi è stato difficile ma ho pubblicato uno spread e questo mi ha aiutato ad andare avanti.

Qual è stata una cosa che ti ha aiutato ad andare avanti oggi?

Per favore commenta qui o scrivimi a starwoodletters@gmail.com

Il qui e ora

Una delle mie spiagge locali alle Hawaii

È passato un po' di tempo dall'ultima volta che ho scritto su ICAV e sono successe molte cose. Ma sto bene. Adesso vivo in un piccolo monolocale di fronte alla spiaggia. In una città costiera vicino a Honolulu. Dopo un anno scolastico pandemico di insegnamento supplente alle Kamehameha Schools, insegnando fotografia digitale e creando un annuario per l'ottavo anno, ora sono un giudice a tempo pieno presso lo Stato delle Hawaii, aiutando l'arretrato dei sinistri che si è verificato a causa di Covid. È un lavoro condizionato, dovrebbe finire a dicembre, ma c'è la possibilità che venga esteso per altri 6 mesi. Ho dovuto prendere quello che potevo poiché il campo della supplenza ovunque semplicemente non è più stabile.

Sono single da poco anche se non so da quanto tempo ho già incontrato qualcuno che mi fa ridere, il che è fantastico. Di recente ho rotto con la mia ex fidanzata con cui stavo alle Hawaii da circa due anni. È stato bello per me separarmi da lui anche se è difficile, è sempre difficile lasciare andare qualcuno che una volta amavo anche se non mi trattava bene. Penso che sia stata la pandemia e tutte le variabili inaspettate a far emergere modelli comportamentali che non sapeva di avere. Immagino di non poter giustificare il fatto che non mi tratti bene. Dovevo solo andarmene e non parlo più con lui.

La vita è piena dei suoni dell'autostrada, della vista di un oceano scintillante, delle spiagge, di Aloha Aina. Il mio gattino, Pualani, è stato la mia roccia e la corda che mi ha collegato a questa terra come un filippino-americano adottato di 35 anni. Il mio studio è pieno di piante, diario spazzatura, lettere di penna, infradito, beni di prima necessità. Ho alcune pietre e cristalli che mantengono la mia energia radicata, bilanciando il cosmo caotico all'interno.

La vita in questi giorni è stata un capitolo completamente nuovo, lavorare a tempo pieno, sbarcare il lunario alle Hawaii da solo. Ho iniziato a giocare a Dungeons and Dragons il lunedì sera e Fallout 76 con il mio nuovo vicino di casa con cui sono uscito quasi tutti i giorni. Mi ha invitato fuori e mi ha reso produttivo, incontrando persone, esplorando le Hawaii, andando in spiaggia e sostenendo i miei hobby segreti da nerd contemporaneamente. Non posso ringraziarlo abbastanza per essere riuscito a tirarmi fuori dal mio guscio anche solo un po', il che è miracoloso.

A volte mi chiedo dove sia andata a finire la mia vita. A volte mi sento come un tentativo fallito di diventare un adulto normale perché a quest'ora dovrei essere sposato con figli. Avrei dovuto possedere una casa, andare alle riunioni degli insegnanti dei genitori, avrei dovuto trovare un posto a cui appartenere ormai, ma non l'ho fatto. Sopravvivo alle Hawaii con tutti questi libri non scritti dentro di me, in attesa di essere rilasciati. Non ho ancora trovato quel lavoro in cui crescere per il resto dei miei anni a venire, ma lo voglio. È un conflitto costante qui alle Hawaii perché è troppo costoso possedere una casa. Ma è un posto bellissimo che è costantemente in movimento con tutti i giusti tipi di elementi che mi tengono sulle spine ogni giorno. Mi fa provare, tutti i giorni.

La città è impressionante. L'oceano, un mistero costante e compagno delle infinite ricerche della mia anima. La cultura hawaiana è quella che rispetto e con cui mi connetto a un livello intrinseco e non detto. Adoro vivere vicino a un'autostrada dove la biblioteca è raggiungibile a piedi e così anche una spiaggia. Vedo la spiaggia ogni giorno ora, svegliandomi. È magnifico. Dandomi un profondo senso di sollievo ogni giorno.

Alle Hawaii, il mio passato di adottato incombe sempre presente come un mondo di perdita silenzioso e disincantato che vive nel mio cuore, non importa quanto sia bella la giornata. Ma, sempre di più, sento di poter fare i conti con il mio passato qui fuori. In qualche modo, lo sto solo facendo, forse muovendomi attraverso di esso, senza sapere perché o come. In qualche modo, mi sono ritrovato qui, a vivere da solo e a stare bene, nonostante il dolore.

Ricostruire identità e patrimonio

Ho fatto "Rose” da vecchie riviste in un momento della mia vita in cui mi sentivo perso. Strappavo e ritagliavo la carta velina da progetti artistici precedenti, da pagine di libri e fogli di album scartati. Ho assemblato la tecnica mista su supporto quadrato. La parola "eredità" era incollato sullo sfondo.

Le rose sono diventate il punto focale. Questi si sono rivelati più chiari e prominenti nel pezzo, che non era stato affatto pianificato.

Quando comincio a scrivere un blog per conto di questioni relative agli orfani e all'adozione internazionale, mi rendo conto che quest'arte che sto facendo ruota attorno all'avere un'identità orfana, che cercherò di affrontare con la mia prospettiva in questo post.

Nel complesso, ci sono molte cose difficili da affrontare con questa disposizione anche prima che possa iniziare la guarigione. Nella mia esperienza, ho dovuto confrontarmi con come sono nata, il che significava accettare la parte più difficile del passato che aveva subito il trauma di un grave dislocamento. Successivamente, ho dovuto riparare il trauma con continui sforzi personali di ricostruzione e il potere della fede.

Una risoluzione che ho trovato nell'avere un'identità orfana è la promessa di un nuovo giorno. Una promessa che il sole sorgerà. Che nel complesso panorama della nostra vita c'è una rosa che cresce in mezzo. E se ci concentriamo su ciò che sta sbocciando, potremmo essere in grado di tendere a questa nuova crescita.

A coloro che hanno un passato orfano, che hanno sperimentato lo spostamento definitivo dove non si può tornare indietro, posso riferirmi.

La mia sensazione su questo è che è qui che si può iniziare ad andare avanti.

Passo dopo passo, giorno dopo giorno, possiamo ricostruire le nostre vite e cosa significa il patrimonio per noi, oggi e con ogni nuovo giorno davanti a noi.

Colonna di Stephanie, filippina adottiva internazionale

Il mio primo post sul blog

Sono nella navetta, seduto sul sedile posteriore con le mie cuffie ad ascoltare Krishna Das. Sono le 6:49 e il sole sta sorgendo sopra l'orizzonte. Mentre il furgone si volta per lasciare il fienile degli autobus vicino al centro commerciale, posso vedere il cielo schiarirsi. Rosa, giallo e viola, con bassi flussi di nuvole. Il treno passa mentre ci fermiamo e giriamo a sinistra, impennando lungo la strada di accesso all'autostrada. Mentre scrivo, il cielo si trasforma in polveroso, celeste e lavanda. I pini ponderosi verdi passano davanti alla mia finestra mentre ci dirigiamo verso la scuola elementare dove lavoro.

Mi chiamo Stephanie e sono un'adottata di 32 anni che vive nell'Arizona settentrionale. Sono nata nelle Filippine nel 1985 e abbandonata alla nascita in un orfanotrofio, dove sono stata curata da suore cattoliche. Il mio nome di nascita era Desiree Maru, ma è cambiato in Stephanie Flood quando sono stata adottata all'età di due anni. 

Sto iniziando questa rubrica regolare, Colonna di Stephanie, filippina adottiva internazionale perché voglio iniziare a esprimermi come un'orfana del passato, un'adulta adottata e una donna che porta ferite traumatiche del passato, non importa dove vada. Mentre guarisco, scrivo nella speranza di sensibilizzare su argomenti critici e portare un nuovo dialogo in uno spazio in cui molti non possono percorrere a meno che non siano stati lì.

Sono qui per riempire questo spazio con la prospettiva necessaria. Con umanità. La mia umanità. Quindi, nel complesso, questo blog conterrà la mia posizione, i pensieri, le azioni, le intuizioni, i ricordi del mio passato e le speranze del mio futuro invisibile.

Penso che sarà un'avventura avere questa rubrica.

Sto scrivendo questa prima voce mentre vado a una scuola a Leupp, in Arizona, nella riserva Navajo. Lavoro in una biblioteca scolastica come assistente/bibliotecario multimediale e gestisco la biblioteca da solo. Questa scuola è a circa 45 minuti da Flagstaff, dove ho vissuto negli ultimi dieci anni, frequentando il college alla Northern Arizona University e ora sono uno studente online con la San Jose State University che studia biblioteconomia e scienze dell'informazione.

L'atmosfera nel furgone oggi è densa di tensione.

Ho sempre la musica nelle orecchie su queste navette per il lavoro e il ritorno, nel tentativo di rendere questi viaggi quotidiani un viaggio piacevole e contemplativo.

C'è così tanto splendido scenario che passa.

Terra che non puoi immaginare completamente a meno che tu non sia qui e non hai un motivo per attraversare questa parte ben conservata del mondo.

Colline in lontananza. Una volta raggiunta Leupp Road, le ponderosa si trasformano in boschetti di pini di ginepro grandi come alberi. Sono questi pini ispidi, rotondi e verdi che hanno un profumo così dolce. Puoi bruciare i rami morti per l'incenso o per le preghiere, e fanno un buon accendino per i fuochi della stufa a legna.

Ora la luce è sveglia. È dorato e crudo, rastrellando la Terra, spazzando su questo alto paesaggio desertico con onestà. Infine, è più caldo nel veicolo. Posso togliermi la felpa perché sotto ho un maglione. Fa freddo la mattina a Flagstaff, specialmente alle 5:30 quando mi sveglio.

La terra sembra così bella quando è in fiamme con l'alba.

Mentre guidiamo, sento gli insegnanti davanti che si fanno più rumorosi, ma mi concentro sulla musica che risuona nelle mie orecchie. La luce brilla nei miei occhi. continuo a scrivere. Respiro e mi concentro sul mio respiro, perché quello che ho imparato a riconoscere è che divento ansioso facilmente, specialmente in ambienti ostili o in rapido cambiamento. 

In questa scuola, gli studenti possono improvvisamente essere aggressivi l'uno con l'altro senza preavviso. Sono stato sgridato da due insegnanti mentre facevo anche il mio lavoro da quando sono stato assunto qui ad agosto. Per mantenere la calma qui e il mio lavoro, mantengo le distanze. Faccio rispettare rigidi confini professionali perché lavoro meglio in ambienti positivi e vincolanti.

Mi piace anche il flusso di lavoro ininterrotto, positivo e mirato.

Anche se qui in questa scuola elementare, a volte è come se stessi demolendo muri invisibili solo per fare il lavoro necessario in questa biblioteca scolastica.

Combatto per rimanere concentrato sui bisogni della biblioteca e dei bambini Navajo, mentre sono tirato da altre richieste e stress. Dato che questa biblioteca è grossolanamente conforme agli standard nazionali, ogni giorno è una lotta per mantenere a galla ciò che mi interessa.

Supero tre corvi seduti su un recinto di filo spinato.

Piccole e minuscole case punteggiano scarsamente il paesaggio aperto, selvaggio ma arido che si estende per miglia qui fuori.

Hogan. Prateria. Rimorchi. Campo aperto.

In lontananza ci sono ora mesas e l'orizzonte è avvolto in sfumature blu. I ginepri sono spariti. Passano gruppi di mucche. Poi più terreno aperto.

Sento gli insegnanti nella parte anteriore del furgone alzare di nuovo la voce. Diventano più rumorosi. Guardo la mia collana che indosso.

È l'Albero della Vita appeso al mio ciondolo con un cinturino rosso in pelle.

L'ho indossato stamattina per ricordare a me stessa i miei valori che ho coltivato da quando ero giovane, crescendo nel Wisconsin, principalmente da solo poiché l'altro mio fratello maggiore adottato aveva gravi problemi post-traumatici e i miei genitori lavoravano spesso. Fin dall'infanzia, ho coltivato il mio sistema di valori che è stato radicato nella crescita personale e nelle filosofie spirituali.

La fede era il mio sistema di supporto. Anche se questa fede è cambiata nel tempo.

Ora sembra che ci stiamo avvicinando alla scuola.

Temo segretamente la segretaria qui, ma so che è principalmente tutto nella mia testa.

Mi rendo conto che a volte sono incline a una mentalità da vittima casuale, essendo cresciuto abituato ad essere così estremamente influenzato dal mio ambiente esterno e non avendo abbastanza risorse per sostenermi come adottato.

Ora che sono un adulto, sto capendo i problemi che erano sorti dalla mia educazione estrema. E vedo che è più importante che mai rompere con certi cattivi schemi che mi hanno impedito di andare avanti e rafforzare i miei ostacoli in opportunità per imparare e cambiare in meglio.

Vado al circolo delle riunioni mattutine e sembra che Peta sia infastidita da qualcosa. È in seconda elementare ed è molto tranquilla. Sceglie di starmi accanto per un po'.

Le faccio alcune domande mentre tutti si stanno radunando:

Che animale c'è sulla tua maglietta?

Un elefante.

Cosa hai fatto questo fine settimana?

Ha borbottato qualcosa.

Mi piace il tuo smalto glitterato.

E ancora, c'è un problema nei suoi occhi.

Peta ha occhi castano a mandorla lucenti e capelli setosi scuri. È una parlantina morbida come me e ultimamente ha mostrato altri aspetti che mi ricordano. Le piace essere d'aiuto in biblioteca e spesso chiede di aiutarmi. Vedo che si adatta, ma a volte non lo fa a causa del suo comportamento insolito, come me.

Peta è in piedi accanto a me mentre il cerchio inizia a radunarsi.

Una ragazza si avvicina a lei, una sua coetanea, Taima, un'altra studentessa di seconda della sua classe che è spesso molto sicura di sé, felice e socievole.

Taima si erge coraggiosamente di fronte a Peta. Fissa direttamente negli occhi di Peta, e si guardano l'un l'altro in silenzio, faccia a faccia, come guerrieri silenziosi.

Taima chiede cosa c'è che non va.

Peta la fissa senza battere ciglio e non risponde.

Taima mi guarda, interrogativamente.

lei sta pensando, dico a Taima.

Taima se ne va e più tardi Peta va in classe. Per qualche minuto, mi chiedo di Peta e di tutti questi bambini nella Riserva Navajo.

Nella biblioteca della scuola, ho musica melodica che suona su Pandora sul mio computer della scrivania. Allevia la mia anima profonda e misteriosa e i sentimenti di isolamento qui fuori dal momento che non sono amico di nessuno nemmeno al lavoro.

Alla mia scrivania ho un blocco appiccicoso di numeri di telefono e titoli di libri sull'adozione.

Ho anche appena scritto:

NOVEMBRE

Mese nazionale di sensibilizzazione sull'adozione

sulla lavagna cancellabile a secco con un pennarello verde che si trova di fronte alla stanza.

In quel particolare giorno, avevo iniziato a raccogliere libri di adozione da questa biblioteca e da altre biblioteche distrettuali, esponendoli alla lavagna a secco.

Questo è un passo per me per iniziare a includere nuove e diverse prospettive in questa biblioteca scolastica. Inizialmente avevo immaginato anche l'adozione nella comunità Navajo, ma principalmente questo è stato un passo per me per iniziare a tirarmi fuori un po' di più.

L'adozione non riguarda solo persone e familiari, L'avevo detto agli studenti quando ho presentato questi libri il giorno del check-out il giorno successivo.

Puoi adottare torrenti, natura, animali, cani e persino criceti!

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%