L'oceano, mia madre

di Allison Young adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

E in quei giorni in cui andavamo al mare e trovavamo Mi-ja ad aspettare al suo solito posto nell'olle, la nonna recitava detti comuni nella speranza di confortare noi due orfane di madre. “L'oceano è meglio della tua madre naturale," lei disse. Il mare è per sempre.

~ L'isola delle donne di mare di Lisa See

Un anno fa, l'11 settembre, dopo una vita di attesa (e un devastante quasi-incontro nel 2003), ho finalmente incontrato la donna che mi ha portato per 9 mesi e mi ha dato alla luce.

Vorrei dire che è stata una situazione per sempre felici e contenti, che è stata catartica e sono così grata per l'incontro, ma a causa delle sue circostanze, mi è stato detto che non avremmo mai potuto avere una relazione o addirittura un ulteriore contatto. 

Anche se ho compassione, questo mi ha ferito più di quanto potessi permettermi di sentire. All'epoca mi sono permesso un giorno di crollare e poi ho messo via quei sentimenti. Ho avuto 3 bambini in un piccolo appartamento in un altro paese e presto avrei adottato mio figlio. Sapevo che probabilmente sarebbe tornato per me in seguito, perché è così che funzionano il trauma e il dolore.

Essere rifiutato da una figura materna mi ha spezzato il cuore e poi, pochi mesi dopo, essere disprezzato dall'altra mia madre mi ha quasi spezzato.

A volte ci vuole un evento che cambia la vita per capire cos'è l'amore, per vedere chi ti sta davvero amando e chi ti sta buttando giù, mentre lo chiama amore. Ho imparato così tanto in quest'ultimo anno, di gran lunga l'anno più difficile della mia vita. Sto imparando il significato dell'amore di sé, della cura di sé e dei confini. Mi sto prendendo cura di me stessa, decolonizzando la mia mente e il mio corpo e permettendo all'oceano di guarirmi.

Ho cercato un aiuto professionale e sto lavorando con un terapista. Sto apportando cambiamenti alla mia vita in meglio, per il mio futuro e così posso interrompere il ciclo per i miei figli.

Quando guardo i miei 4 bellissimi bambini, spero che sappiano che mentre sono tutt'altro che perfetto, proverò così tanto ad essere un buon ascoltatore - per imparare, crescere e cambiare; per valutare ciò che conta di più per loro e vederli per quello che sono.

(baekjeol bulgul) è un detto che significa "spirito indomito".

Il mio nome di nascita,수은 (Soo Eun), significa "grazia dell'acqua".

Starò bene. E sono sempre grato a coloro che hanno contribuito a tenermi a galla nell'ultimo anno.

Per ulteriori informazioni su Allison, dai un'occhiata ai suoi pensieri Cosa c'è in un nome? Identità, rispetto, proprietà?

Non dirmi di essere grato

di Naomi Mackay adottato dall'India alla Svezia.

Il mio viaggio

Sono stato adottato da una famiglia bianca nel sud della Svezia dal nord dell'India alla fine degli anni '70 e non appena sono arrivato in Svezia, mi è stato detto di smettere di parlare in modo strano e che ora ero svedese. Non abbiamo mai parlato della crescita dell'India. Se ho chiesto, ho ricevuto risposte brevi, quindi una conferenza su quanto sia orribile l'India con crimini, stupri, matrimoni precoci e uccisioni di bambine. Perché questo è tutto ciò che è l'India, giusto? Grazie colonizzazione! Avevo una borsa pronta accanto al mio letto con i vestiti e i gioielli portati dall'India, per ogni evenienza.

Il trauma di crescere in questo modo invitava all'odio per me stesso e ai pensieri suicidi e non posso dirti cosa mi ha fermato, ma gli animali erano i miei migliori amici da cui avrei cercato conforto quando ero giù. Non c'era mai stata una menzione di razza, solo quanto ero fortunato ad essere marrone e le mie sopracciglia e i miei capelli sarebbero stati ridicolizzati al punto che avrei strappato le mie sopracciglia quasi all'estinzione e avrei colorato i miei capelli fino al punto di rottura. Ho sentito parlare di odio razziale, ma dato che sono bianco, perché dovrebbe applicarsi a me? Ero una persona bianca all'interno a cui non piaceva farsi fotografare o guardarsi allo specchio, perché era un ricordo del mio colore. Ero una persona bianca che viveva in un mondo bianco senza beneficiare di ciò che questo significa. Le persone dall'India non sono rappresentate nella moda, nella musica, nei film e nei media mainstream e molti pensano che usando una persona di colore, ci abbiano rappresentato tutti.

Crescere senza nessuno che mi somiglia ha causato molti traumi perché ho trovato molto difficile accettarmi e trovare la mia identità. Non sono stato accettato come bianco, ma questo era ciò con cui mi identificavo. Non sono stato accettato come indiano ma non mi sono identificato come tale. All'inizio dei miei 20 anni, quando ho iniziato a viaggiare di più all'estero, mi sono reso conto di quanto fossi a disagio nella mia stessa pelle e se una persona di colore entrava nella stanza, o qualcuno diceva la parola, lo trovavo a disagio perché mi rendevo conto che anche loro erano parlando di me. Sposterei l'argomento su qualcos'altro quando possibile. Ho iniziato a notare che spesso ero l'unica persona di colore nella maggior parte delle stanze, specialmente negli allenamenti e nelle competizioni equestri che sono stati tutta la mia vita crescendo.

Ho sognato e combattuto per diventare un regista fin da quando ero molto giovane. L'ho perseguito nonostante la mia famiglia che non la vedesse come una professione, all'interno di un college svedese che non mi accettava dove i tutor universitari mi ridevano in faccia più volte, tra enti finanziatori che escludevano gli adottati transrazziali, con registi scozzesi che avrebbero non farmi entrare e ho cancellato le mie credenziali su un database della troupe cinematografica. Ho letto molte dichiarazioni personali di persone svedesi di colore che si sono trasferite in America per avere una possibilità di progredire nel loro campo. Anch'io sono stato accettato lì quando finalmente ho trovato il coraggio di fare domanda per fare un Master in regia presso le loro due più prestigiose università di cinema. Pensi ancora che dovrei essere grato?

I cambiamenti

La prima volta che ho incontrato gli indiani dopo essere stata adottata è stato quando mi sono trasferita in Scozia, avevo 24 anni ed ero così incuriosita e a disagio. Nella mia mentalità mi vedevo ancora bianco e non mettevo in relazione quello che mi stava succedendo riguardo alla razza. Ero cauto con i neri e mi vedevo al di sopra degli asiatici, proprio in un modo che immagino facciano i bianchi ma non riesco a spiegare come o perché. Mi ha tenuto al sicuro, mentalmente. A volte mi manca questo, era più facile da gestire rispetto alla verità.

Nel 2020, sono diventato più attivo nelle attività antirazziste poiché conosco altri che lo hanno fatto e mi sono unito a molti gruppi di social media. C'era un particolare gruppo scozzese dove vivo che mi ha fatto sentire molto a disagio perché mi trovavo di fronte molte persone di colore con voci forti e sicure. Ho trovato il mio senza essere chiuso o soffocato dai bianchi e sono arrivato a realizzare tutto ciò che mi è stato rubato: la mia cultura, le mie convinzioni, la mia voce come persona di colore, la mia dignità, la mia eredità, la mia lingua e la mia radici, la mia identità. Sono stato venduto a scopo di lucro per privilegiare gli altri, ma per il quale non avrei mai sperimentato il privilegio attraverso la fede cristiana con cui sono stato educato. Mi sono sentito così tradito. Quando continuo a sentire dai miei conoscenti e amici bianchi che "ottieni quello che ci metti", ho iniziato a credere di essere solo pigro e senza talento. Non ho preso in considerazione il loro vantaggio e gli ostacoli extra che ho incontrato nel mio viaggio come persona di colore. È molto da accettare e sono COS ARRABBIATO!! Pensi ancora che dovrei essere grato?

(Dis)apprendimento

Quando ho iniziato a togliere il candore che ho ereditato dall'adozione, mi sono reso conto che alcune cose sono più difficili di altre da rimuovere. La mia lingua ha ancora bisogno di essere modificata in qualche modo e mi ritrovo a scusarmi con orrore mentre divento più consapevole. Qualche mese fa mi è stato chiesto perché continuo a usare la parola “colorato”. Non mi è mai venuto in mente che lo stavo dicendo e ho persino rimproverato ad altri in molte occasioni di usarlo. In svedese, “colorato” è “färgad” e scavando più a fondo mi rendo conto che è ancora ampiamente usato nei media e dalle persone nella lingua di tutti i giorni. Dopo aver parlato con diverse persone svedesi e aver osservato i media, mi sono reso conto che non esiste una formulazione alternativa, quindi ho deciso di stabilirla, era ora!

In Svezia, le frasi inglesi sono usate e mai tradotte in quanto lo rendono più appetibile per i bianchi e mette distanza tra la persona e il problema. Ho creato una pagina svedese contro il razzismo perché credo davvero nella creazione dei cambiamenti necessari con un approccio meno interattivo che non dia spazio alla fragilità bianca. C'è così tanto sulla mia educazione che ho bisogno di disfare e disimparare. La maggior parte dei social media svedesi e delle pagine antirazziste che ho trovato finora parlano solo del pregiudizio che devono affrontare gli ebrei poiché è ciò con cui i bianchi si sentono a proprio agio. Questo non è razzismo, è antisemitismo.

Indosso il mio colore/oppressione sulla mia pelle affinché tutti possano vederlo e in nessun momento posso nasconderlo o cambiarlo. Perché tutto questo è importante quando parlo del mio trauma come adottato all'estero? Perché mostra le società razziste molto radicate in cui vengono venduti Black e Brown e il razzismo interno profondamente radicato che crea in noi. Mi odio per essere così, ma odio di più le persone che mi hanno fatto questo. Odio è una parola forte, non cerco scuse per usarla. È abuso mentale, violenza e stupro. Pensi ancora che dovrei essere grato?

Ricostruzione

Ora mi sto ricostruendo come donna indiana. Una persona di colore. Un'adottato transrazziale internazionale e ho scoperto che lo yoga mi sta aiutando a guarire anche se sento che lo sto appropriando culturalmente, so che è la mia cultura e ne ho tutto il diritto. Recentemente ho scoperto di essere nato indù, quindi il mio profondo legame con lo yoga è naturale. Più decolonizzo lo yoga, più decolonizzo me stesso. Gli incidenti più dannosi per il mio processo di guarigione sono stati gli indiani che mi hanno parlato male di non essere cresciuto lì, di non parlare nessuna delle lingue, di conoscere bene la cultura o le religioni, di vestirsi con abiti tradizionali indiani o di cucinare cibi indiani.

Per chi è indiano, sei così fortunato ad avere ciò che mi è stato negato. Sei così fortunato a conoscere gli odori, le radici e l'amore del nostro bel paese. Ho diritto a qualsiasi parte di esso quanto te e mentre sto ancora imparando, sono grato di avere ora persone comprensive nella mia vita che mi aiutano a guarire. Ho il privilegio in quanto il mio accento e le mie ideologie imbiancate si adattano alla vita svedese e le persone cresciute in India hanno il privilegio di non aver vissuto il trauma della perdita della loro intera identità a causa della svenduta, e non sono cresciute con lo stesso livello di razzismo interiorizzato, né vedere parti della cultura in mostra e essere loro vendute. Credo che la mia natura curiosa e il desiderio di imparare sia il motivo per cui sono stato aperto al cambiamento e al (dis)apprendimento. Mi sono istruito sulla storia dei neri e sul trauma del colonialismo.

Andando avanti

Credo che da adulto sia mia responsabilità istruirmi e imparare cosa posso fare per rendere questo mondo sicuro per tutti. Attualmente sto lavorando a un film documentario e a un libro sulla mia vita e il mio viaggio. Riconosco che molti di noi lo stanno facendo. Le nostre esperienze sono uniche e sono le nostre. Abbiamo tutti modi diversi di farcela e ho grossi problemi di fiducia con i bianchi, specialmente i cristiani. Vedo un sacco di centratura bianca nella mia vita quotidiana e genitori adottivi bianchi che parlano di come l'adozione transrazziale li ha colpiti e del trauma che hanno dovuto affrontare. Sto guarendo ogni giorno e scrivere questo è stato un passo avanti.

Ho una domanda per te. Sostieni la tratta di esseri umani? Non c'è un "ma", così come potrei anche chiedere: "Sosteni il razzismo?" C'è solo "Sì" o "No". Se desideri sostenere e aiutare i bambini, dai un'occhiata a cosa puoi fare.

Adottato in Spagna

di Andrea Pelaez Castro adottato dalla Colombia alla Spagna. Andrea ha scritto a tesi di master che indaga sulle adozioni in Spagna con un focus su come prevenire la rottura/fallimento delle adozioni. Puoi seguire il suo blogspot Decostruzione dell'adozione.

ADOZIONE INTERNAZIONALE IN SPAGNA: DESTRUTTURA DI UN ANACRONISMO

Alcuni potrebbero pensare quanto sono fortunato perché non ho perso la mia lingua madre, né le mie sorelle biologiche e il fatto che ci siamo mischiati con i nostri genitori. In questi anni, molte persone hanno osato dirmi che dovremmo ringraziare chiunque sia responsabile di questo mondo che non eravamo per strada a drogarci o prostituirci. Sono stati i miei genitori a mettere quell'idea nel nostro cervello molle in primo luogo. Quelle parole hanno segnato tutta la mia infanzia, ma ho sempre sentito che qualcosa non andava. Non mi sentivo grato per tutte quelle cose che avrei dovuto essere. Al contrario, continuavo a chiedermi perché eravamo in un paese che non era il nostro, perché eravamo trattati in modo diverso dagli altri bambini e perché non potevamo reclamare nostra madre (cosa che abbiamo smesso di fare a causa della punizione che abbiamo ricevuto ). Questa lotta costante tra ciò che avrei dovuto provare e ciò che sentivo si è rivelato essere, è stato il periodo più lungo di odio e bassa autostima che abbia mai sperimentato. Non potevo sopportare la rabbia e la solitudine che accompagnano ciò che mi è stato detto: mia madre ci ha abbandonato perché non ci amava. Ripetuta parola dopo parola come un mantra, ho abbracciato quell'idea per sopravvivere ed essere accettata. Tuttavia, essendo consapevole della situazione che stavo vivendo, alla fine ho raggiunto la svolta quando ho lasciato il nido.

La mia vita stava per cambiare di nuovo grazie alla mia determinazione a conoscere la verità, per quanto spaventosa potesse essere. Nel 2015 ho vissuto un anno a Londra, la mia prima esperienza indipendente che mi ha permesso di pensare alle mie origini e a mia madre. Quando sono tornato in Spagna, il mio paese di adozione, ho deciso di iniziare il mio percorso insieme alla mia carriera professionale di avvocato. Per capire perché mi trattengo così tanti anni e perché i miei genitori non volevano parlare di adozione, ho iniziato i miei studi in diritto di famiglia e infanzia a Barcellona. Ho divorato ogni libro e articolo su adozione, regolazione emotiva, rinuncia, trauma, ADHD, disturbo dell'attaccamento e prime famiglie che mi sono capitate tra le mani. Sono diventata una spugna assorbendo ogni piccola conoscenza che potesse aiutarmi a comprendere questo scambio di bambini che avviene in tutto il mondo. Ho intitolato la mia tesi finale “Adozione in Spagna: valutazione e supporto per prevenire le interruzioni”. Infine, è emerso un pensiero critico sull'adozione per rispondere a tutte le mie domande relative ai miei genitori e al modo in cui sono stato educato.

Quando siamo arrivati a Madrid, in Spagna, dopo il lungo viaggio dalla Colombia, mi sono meravigliato della grande città, della nostra nuova casa e della gentilezza di quegli estranei. Quello che non avrei mai potuto immaginare era la solitudine e la mancanza di accettazione delle persone che avrebbero dovuto prendersi cura di noi. Quello che sto per dire non l'ho mai condiviso prima (a parte la mia famiglia prescelta). I nostri primi dieci anni con i nostri genitori si possono riassumere con una parola: isolamento. Conoscevamo solo dolore fisico ed emotivo, trattati come se fossimo selvaggi o da 'la guerrilla' (membri delle FARC), insulti che usavano chiamarci. Con continue minacce di essere di nuovo abbandonati e ricordandoci i loro rimpianti per l'adozione. L'intero edificio ha sentito i nostri pianti e le nostre urla. L'abbiamo detto ad alcuni adulti, ma tutti hanno guardato dall'altra parte. Questo abuso sui nostri corpi e le nostre menti ci ha lasciato senza speranza e si è sviluppato in un disturbo dell'attaccamento, paura del contatto fisico ma desiderio di qualsiasi tipo di segno d'amore.

Isolamento da George Papadimitriou

Potevamo solo capire cosa stava succedendo essendo giovani adulti. Abbiamo mirato al loro riconoscimento del trauma che hanno causato, cercando di capire perché non hanno cercato aiuto o aiuto psicologico. Tuttavia, ho fatto uno sforzo dopo aver finito e condiviso la mia tesi con loro in modo che potessero capire l'adozione internazionale e gli effetti del legame affettivo rotto in primo luogo. Ma ogni tentativo è stato vano. In quel momento percepii le cause della loro stessa angoscia e del loro dolore, come il lutto incompiuto dell'infertilità o l'assenza di cure e attaccamenti da parte delle proprie famiglie. Sono cresciuti in condizioni di violenza e privazione, quindi questo è l'unico tipo di amore che abbiamo conosciuto da loro. Tuttavia, pur consapevole di ciò, non accettavo del tutto la situazione attuale e mi ostinavo a sistemare la mia famiglia, anelando a un legame che non è mai esistito.

Mentre mi specializzavo in minori, diritto di famiglia e adozioni, ho iniziato a sbucciare il primo strato: la ricerca delle mie origini e di mia madre. A tal fine, il passo principale è stato quello di istruirmi e decostruire il motivo per cui sono finito qui. Sono stato adottato in Spagna dove l'adozione è un costrutto legale che ha lo scopo di proteggere i bambini che non hanno famiglia o quando i loro parenti non possono provvedere a loro, ma ho capito che invece l'adozione è preservare i privilegi e gli interessi degli altri, ereditati da famiglie privilegiate grazie al colonialismo e al cattolicesimo. I primi movimenti di adozione si sono verificati dopo la guerra civile nel 1936-1939, lasciando la parte sconfitta soggiogata sotto una dittatura, che ha governato il paese fino al 1975. Conosciamo tutti questo periodo come il tempo dei "bebes robados" (bambini rubati). Le famiglie avversarie furono sminuite e punite dal governo, mandando uomini e donne in prigione e prendendo ogni bambino che potevano per metterli in case "adatte". Questa impresa è stata possibile grazie alla collaborazione tra la stessa dittatura e la Chiesa cattolica. Il personale ospedaliero e le case di maternità (gestite da suore) erano collegate e istruite per l'iscrizione e la consegna dei bambini, i pagamenti precedenti erano effettuati dal parroco del villaggio o del distretto. Questa vasta rete è andata avanti fino agli anni '90. Le associazioni stimano che 300.000 bambini siano stati rapiti nel 1940-1990 in Spagna dopo che la giustizia è stata servita per la prima volta nel 2018. La maggior parte di quegli adulti e delle loro madri che rivendicavano i propri diritti non erano in grado di conoscere la verità considerando quei crimini erano storici e non c'era nessuno vivo che si assumesse responsabilità né documenti che lo provassero.

Da questa prospettiva e dalla concezione generalizzata della famiglia nucleare (una madre-un padre), ma anche una visione morale ristretta che incoraggia il sessismo e mina la maternità single, l'adozione era ed è stata assimilata alla filiazione biologica. Ho sentito tante volte una frase di persone che vogliono adottare: 'Perché dobbiamo ottenere una valutazione delle nostre capacità di genitori e tuttavia una ragazza di 17 anni non ne ha bisogno per essere incinta?' Ne viene fuori un altro: "E se il bambino ha dei problemi?" E la miniera d'oro: 'Le adozioni internazionali non dovrebbero essere consentite senza restrizioni? Quei bambini hanno bisogno di essere salvati'. Queste affermazioni sono di gente comune, istruita, con risorse economiche e anche emotive. Nonostante questi sentimenti, c'è così tanto da insegnare e imparare sull'adozione e sugli adottati. Le nostre voci e le nostre storie devono essere ascoltate in modo da non essere più rappresentati come "bambini per sempre", il che ci impedisce di riconoscere la nostra esperienza come un viaggio lungo tutta la vita.

Vorrei affrontare e commentare queste frasi:

  • Innanzitutto, i privilegi dei paesi prosperi e la povertà o la mancanza di risorse delle prime famiglie sono la ragione per cui qualcuno può permettersi di crescere un bambino adottato. Pertanto, se i paesi impoveriti potessero ricevere quei fondi stanziati per l'adozione, i bambini potrebbero essere cresciuti dai genitori e rimarrebbero nelle loro comunità. Inoltre, quando un bambino nasce da altri genitori il legame affettivo non cresce magicamente o nelle stesse condizioni di quello biologico perché le sue radici sono dichiarate, quindi i futuri genitori avranno sempre bisogno di imparare da zero cosa deve crescere senza conoscere il nostro inizio.
  • L'adozione nasce da un trauma, considerando la ferita emotiva lasciata e portata dentro di noi, causata dalla privazione della protezione primaria, del nutrimento e dell'affetto di nostra madre e talvolta di chi si prende cura di orfanotrofi/istituti o famiglie affidatarie. Principalmente, il problema non è il bambino, ma l'adulto che vuole adottare pensando a se stesso, a come le cose o gli eventi avrebbero effetto su uno quando lo scopo non è altro che la persona separata dalla sua origine. Non siamo fatti per essere adatti alle famiglie adottive, è pensato per essere il contrario.
  •  Infine, ma non meno importante, l'adozione internazionale è un acquisto velato e corrotto e non abbiamo bisogno di essere salvati dal nostro luogo di nascita. Le nostre famiglie potrebbero avere meno o essere in una crisi temporanea, ma ciò non significa che queste circostanze possano essere utilizzate come vantaggio dalle famiglie privilegiate. È un circolo vizioso ampiamente conosciuto, in cui un bambino può essere preso dalle autorità o rapito dalle organizzazioni. Ci sono storie in cui anche una famiglia povera potrebbe aver ricevuto minacce e/o denaro per rinunciare al proprio figlio in modo che gli altri possano essere nutriti. Insisto, quelle risorse potrebbero essere esattamente gli aiuti necessari, ma i salvatori bianchi e il debito colonialista trovano comunque la loro via d'uscita. È un peso che i nostri paesi continuano a soffrire. Inoltre, l'adozione internazionale crea uno shock psicologico e un dolore. Significa che il nostro dolore e il nostro dolore vengono solo spostati in un altro luogo, che non sono accettati perché quei sentimenti sono stati negati nei nostri paesi adottivi poiché "siamo stati salvati e quindi dobbiamo essere eternamente grati".

In Spagna, e in altri paesi, a volte le persone che si avvicinano all'adozione come un modo per formare una famiglia non si rendono conto e/o non sono nemmeno interessate a decostruire i propri desideri e le conseguenze. Sì, qui si parla di adozione, c'è notizia in TV, ci sono associazioni di genitori adottivi e adottati, ma non basta. Ciò di cui occorre prestare attenzione è la visione critica su questo argomento. Non possiamo più ignorare che questo sistema non protegge i bambini né li salva. Soprattutto l'adozione plenaria, che è il contratto più obsoleto mai esistito. Sì, è un contratto in cui si firma e si paga per dare il proprio nome a un bambino e acquisire diritti su un'altra persona in modo che possa essere cresciuto da qualcun altro e in un altro paese. Detto ciò:

PERCHÉ DOBBIAMO PERDERE LA NOSTRA PRIMA FAMIGLIA PER ESSERE PROTETTI O CRESCE DAGLI ALTRI? PERCHÉ DEVE ESSERE ROTTO IL LEGAME AFFETTIVO? COS'E' QUELLA PAURA CHE CI IMPEDISCE DI RIMANERE CONNESSI CON LE NOSTRE ORIGINI?

IL LEGAME AFFETTIVO

L'adozione internazionale è un successo proprio per questo motivo: le persone hanno paura di perdere qualcuno che non è loro, tanto per cominciare. Che concetto arcaico! Tornando all'assimilazione dell'adozione come filiazione naturale. Il legame affettivo non può crescere se le nostre radici e il nostro passato vengono rifiutati. Esiste ancora un tipo di film all'interno del genere del terrore che parla di questa paura, dove i figli adottivi si ribellano alla famiglia o la prima madre torna a rivendicare ciò che è suo. La paura e il rifiuto non possono essere il seme di nessuna famiglia. Questo è il motivo per cui la mia tesi non era molto apprezzata in quel momento, perché affrontavo un argomento importante e indicavo una paura con cui eravamo nati (non essere accettati). Questo concetto di rottura netta all'interno dell'adozione plenaria è obsoleto e deve essere rimosso dalle nostre comunità. La società potrebbe non essere pronta ad abolire questa cifra a causa di problemi economici, di fertilità e di salute mentale, ma non dovrebbero essere gli adottati a subire le scelte degli altri. L'adozione deve provenire da un luogo di stabilità e di accettazione dei propri limiti, altrimenti le generazioni vengono ferite e si crea angoscia per questioni che non è nostro dovere risolvere o di cui non siamo responsabili.

Ora che ho trovato la mia famiglia e ho compreso le circostanze che mi hanno portato qui, posso iniziare il mio processo di guarigione, che non significa essere statico, ma andare avanti attraverso il dolore e tutti i tipi di dolore. Il livello successivo con cui sto cercando di convivere e che non ho accettato alla fine della mia ricerca è che non c'è alcun legame affettivo o un concetto di famiglia nella mia adozione. Ad un certo punto ho dovuto sopportare il dolore che ne deriva, ma alla fine mi ha liberato. Nelle parole di Lynelle Long, il mio contratto con loro è finito. Leggere quelle parole e relazionarsi con esse in questo momento, è l'inizio di un periodo cruciale della mia vita. Consiglio vivamente ad altri di iniziare la ricerca delle nostre origini, solo una nuova saggezza può essere diffusa in noi stessi, e inoltre non abbiate paura di condividere la vostra storia. Non negare te stesso o le tue ferite. Sono solo un promemoria che siamo ancora vivi e che possiamo guarire insieme.

QUESTA È LA MIA STORIA

Ho 32 anni e sono stata adottata all'età di 7 anni, insieme alle mie due sorelline (5 e 3 anni) da genitori spagnoli nel 1995 in Colombia. La nostra mamma colombiana aveva 20 anni quando nostro padre colombiano morì nel 1993. La sua morte era collegata a un'organizzazione paramilitare/droga. Questo evento ha cambiato tutta la nostra vita. Sono stato in queste fasi di dolore, negazione e odio, ma ora penso di essere nella fase di negoziazione della perdita della mia famiglia, di mia madre e di questa vita completamente diversa che avrei potuto vivere se le cose fossero state distinte, anche solo una cosa. A causa di questa violenza, i membri maschi della famiglia di mio padre furono spazzati via in caso di possibile vendetta. In questo modo, mia madre ha perso il contatto con la sua famiglia, quindi non poteva prendersi cura di noi mentre cercava di provvedere a noi. L'ICBF (l'autorità centrale colombiana che protegge i bambini) è venuta a conoscenza di questa situazione ed è intervenuta. Mia madre colombiana non aveva alcun sostegno economico o emotivo (almeno a nessuno importava abbastanza da cercare il resto della nostra famiglia), quindi ha dovuto prendere una decisione con entrambe le mani legate.

Due anni dopo, ci siamo trasferiti a Madrid, in Spagna. I nostri genitori adottivi erano antiquati non solo nel loro pensiero sull'istruzione, ma anche nella loro intelligenza emotiva. Non si sono davvero immedesimati in noi o hanno accettato il nostro passato e le nostre origini. Di conseguenza non parlerebbero di adozione. Fino a quando non ho lasciato il nido, non ero in grado di pensare alla mia prima madre o alla mia famiglia. Era troppo doloroso e volevo essere accettato con ogni mezzo. Non mi sono mai sentito vicino ai miei genitori adottivi, ma si sono presi cura di noi tre bambini e non abbiamo mai saputo cosa significa essere separati l'uno dall'altro. Nel 2016 ho deciso che era abbastanza e ho iniziato questo viaggio spaventoso. Le mie sorelle non si sono mai sentite preparate a farlo con me, ma sono state al mio fianco guardandomi alle spalle e, come amano dire: questa è come una telenovela (telenovela). Tuttavia, ho fatto le mie ricerche e sono diventato il mio investigatore privato. Avevo solo bisogno della nostra pratica di adozione per ottenere il suo numero identificativo, e con un piccolo aiuto dai contatti in Colombia, l'ho trovata nel 2018. Non ero pronto a prendere contatto all'inizio, ma ho superato questa difficoltà scrivendo una lettera con le mie sorelle. Poi, a dicembre 2020, ho trovato la famiglia di mio padre su Facebook. Mancava un nome di cui mi parlava mia madre, ma era la chiave per sbloccare ciò che mi stava trattenendo dal conoscere veramente la mia famiglia.

Mi rendo conto, soprattutto leggendo le esperienze di altri adottati, quanto sono fortunato. Sono consapevole delle conseguenze dell'adozione, dei suoi traumi e delle sue ferite, delle cicatrici con cui dobbiamo imparare a convivere; la decostruzione delle mie origini e della mia stessa personalità, le necessità e le difese necessarie per sopravvivere. L'intero processo mi ha insegnato qualcosa di più prezioso che non avrei mai potuto immaginare: accettare me stesso e gli altri. Ho sempre avuto con me le mie sorelle, che stanno imparando da questa crescita con la mente aperta, sapendo che non è facile e non sono pronte a vivere le mie stesse fasi, ma sono disposte ad ascoltare e camminare con me come per quanto possono. Riconoscere e capire che questo non era possibile con i nostri genitori è stato il passo più doloroso, ma siamo riusciti a prendere il controllo delle nostre vite e delle nostre scelte. Ora mi sto preparando per questo viaggio, fisicamente ed emotivamente. In questo momento sto leggendo 'Colombia: una concisa storia contemporanea' per conoscere finalmente il mio Paese, che per tanti anni ho ignorato. Grazie alla mia mamma colombiana, ho scoperto di essere davvero nata a Muzo, Boyaca.

La mia città natale, Muzo, Boyaca in Colombia

Versione originale spagnola di questo articolo qui.

Piccola domanda

di Pradeep adottato dallo Sri Lanka in Belgio, fondatore di Empreintes Vivantes.

Hai già preso un appuntamento con te stesso?

Ricordo che dovetti forgiarmi, come tanti adottati! Forgiare la mia personalità senza punti di riferimento stabili e questo principalmente a causa dell'assenza di genitori biologici. Infatti, i bambini che vivono con i loro genitori biologici non si rendono conto che le loro scelte, i loro gusti, le loro decisioni ecc., sono spesso (non sempre) inconsciamente orientate, guidate, ispirate dalle basi fornite dai loro genitori biologici. Esempio: non sarò un meccanico come papà, ma so cosa avrei potuto fare perché lo ha fatto papà. La mamma è nel mondo degli affari sociali, quindi potrei avere una predisposizione per quest'area. Poi ci sono i bambini che vanno direttamente agli stessi lavori dei loro genitori biologici perché a loro sembra una forma di scommessa sicura.

In breve, quello che voglio dire è che sono stato scaricato per molto tempo, come molti dei miei compagni adottati, credo. Non tutto ma molto. E mi sono fatto un sacco di domande. Quindi è vero che questo accade anche ai bambini/ragazzi che vivono con i genitori organici, ma in modo diverso. Le basi dell'interrogatorio sono a mio avviso divergenti. Per questo ricordo anche di aver preso appuntamento con me stessa. Ho davvero preso diverse serate. Diversi momenti per ritrovarmi dentro di me. E fammi domande semplici e banali che erano di importanza monumentale per me.

Chi sei Prad? Cosa ti piace? Qual'è il tuo colore preferito? Non quello che renderà la tua risposta interessante o ti renderà migliore. Il colore che ti piace. Nero. No, a pensarci bene, mi piace il blu. Lo stesso vale per la musica. Qual è il tuo stile di abbigliamento? Cosa è meglio per te? In cosa sei bravo? Sembri freddo, a volte distante. Sei davvero o è una conchiglia? C'è un settore che ti attrae più di un altro? Tutte queste domande che ci sono già state poste in altre circostanze, me le sono poste. Ami lo sport? Sì, ma non sono un appassionato di calcio a differenza di tutti i miei amici. Non abbiate paura di dirlo, di assumerlo. Per questo e per tutto il resto. Sii te stesso. Penso a te. Solo a te. Non vivere per gli altri. Non per i tuoi amici, non per il tuo grande amore, nemmeno per i tuoi genitori adottivi. Non mentire a te stesso, costruisci te stesso.

Possiamo costruire i nostri parametri di riferimento. Le nostre basi. È un esercizio così difficile e meraviglioso per noi adottati. Ma penso che sia necessario perché l'importante che resta è ascoltare se stessi.

Se non l'hai già fatto, prenditi il tempo per incontrarti. Prendi un appuntamento con te stesso.

Con amore,
Prad

Leggi Pradeep's Un altro giorno senza di te

I bambini rubati della Cambogia

di Elizabeth Jacobs, nato in Cambogia e adottato negli USA.

Elisabetta da bambina

Vorrei condividere con voi il mio progetto in cui creerò un documentario che seguirà il mio primo viaggio di ritorno in Cambogia dalla mia adozione avvenuta nel 2000. Ora ho ventun anni e sto scoprendo chi sono sono davvero come persona e cosa voglio fare di me stesso. Prima di continuare a crescere ulteriormente nell'adulto che desidero essere, sento il bisogno di fare i conti con il mio passato. Dopo aver rivisitato alcuni documenti e foto della mia adozione, ho scoperto alcune incongruenze che sollevano interrogativi sul mio passato. Spero che tornando in Cambogia potrei cercare la mia identità originale per capire meglio la mia vita prima che fosse americanizzata.

All'inizio, il mio piano per il documentario era mostrare il processo per trovare la mia famiglia cambogiana circa ventuno anni dopo. Il mio intento era quello di concentrarmi su una possibile riunione con qualsiasi membro biologico della mia famiglia e di ripercorrere i passaggi della mia adozione, come visitare l'orfanotrofio da cui sono stato abbandonato e possibilmente visitare la mia madre adottiva e la tata. Tuttavia, durante le indagini sulla mia adozione, ho scoperto molto di più di quanto si sapeva in precedenza.

Mi sento emotivamente pronto e curioso di conoscere la mia adozione, ma così facendo, ho setacciato tutti i documenti e ho trovato alcune nuove informazioni che mi fanno dubitare se sono stato rubato o meno dai miei genitori biologici, forse non legalmente rinunciato come pensavo prima.

Non avendo alcuna informazione sulla mia famiglia biologica, mi chiedo se sono o meno una vittima di Lauren Galindo, la famigerata trafficante di bambini in Cambogia, e della sua rete di reclutatori. Lo schema di Galindo era il seguente: un reclutatore avrebbe fatto amicizia e si sarebbe guadagnato la fiducia dei genitori impoveriti dando loro piccole somme di denaro e promettendo loro che avrebbero portato i loro figli in un orfanotrofio dove sarebbero stati ben curati mentre la famiglia sarebbe tornata i loro piedi. Inoltre avrebbero assicurato ai genitori che i loro figli, una volta cresciuti, li avrebbero sostenuti dall'America. È così che si è svolto il processo nei confronti di molti neonati e bambini piccoli i cui genitori erano troppo poveri per prendersi cura di loro. Invece di restituire questi bambini ai loro genitori, il collegamento ha offerto questi bambini in adozione principalmente a genitori americani in cambio di "tasse di adozione fasulle" per un importo di migliaia di dollari. Le tasse sono state interamente costituite da Galindo in quanto il governo non ha richiesto tasse di adozione.

La mia adozione è stata condotta pochi mesi dopo che il divieto di adozione è stato messo in atto a causa dello scandalo del traffico di bambini di Lauren Galindo. Galindo è stata accusata di riciclaggio di denaro per il quale è stata successivamente incarcerata per 8 mesi e accusata di aver creato un giro di traffico di neonati/bambini in cui i bambini sono stati rubati alle loro famiglie amorevoli e venduti per un profitto.

Ventuno anni dopo, ora sono un adulto pronto a fare le mie scelte e voglio visitare il mio passato e affrontare tutte le questioni irrisolte che sono rimaste nascoste per così tanti anni.

Sento che questo argomento è importante perché riguarda il mio passato e come la mia vita avrebbe potuto essere drasticamente diversa se non fossi mai stata adottata. Ora che mi chiedo se la mia adozione sia stata parte di uno scandalo di traffico di bambini in Cambogia, questo documentario è diventato più di una semplice riunione con il mio paese d'origine. È diventato un diario visivo e un'indagine in tempo reale sulla verità sulla mia adozione. Sto mostrando il mio viaggio al pubblico in modo da poter condividere questa storia molto importante di identità perduta. Ci sono centinaia di adottati come me e penso che sia importante diffondere la consapevolezza su questo scandalo perché potrebbero esserci altri là fuori che credono di essere adottati legalmente, quando in realtà potrebbero avere una famiglia in Cambogia che si sono chiesti per tutti questi anni dove il loro bambino è finito.

Il mio arrivo

Ritengo che questo argomento sia importante e molto rilevante perché la Cambogia ha ancora il divieto di adozioni internazionali a causa dell'enorme quantità di corruzione nel settore delle adozioni. Oggi il governo cambogiano sta lavorando a poco a poco per togliere il divieto, tuttavia, poiché il paese è così povero, potrebbe essere così facile che le cose tornino come erano dove persone senza scrupoli cercano ancora di approfittare dei genitori che hanno bisogno aiutare con i propri figli.

Sono sempre cresciuto con il desiderio di adottare dalla Cambogia, ma non posso farlo con questo divieto. Mi rattrista sapere che ci sono veri orfani in Cambogia in attesa di essere adottati ma non possono perché sono troppi quelli che approfitterebbero del loro abbandono in cambio di un profitto.

Dato che questo documentario è molto personale per me, so che lo troverò impegnativo e sarà un viaggio molto emozionante ma di grande impatto da catturare. È anche possibile che non trovi alcuna informazione sui miei genitori biologici e finisco con ancora più domande di quelle che ho iniziato. L'obiettivo è quindi quello di ottenere quanta più chiarezza possibile sul mio passato. Il risultato è incerto, ma questo non fa che aumentare la suspense che questo documentario catturerà.

Se vuoi sostenermi nella mia ricerca per creare questo documentario, visita la mia raccolta fondi sito web.

Autoritratto di Alessia

di Alessia Petrolito, nato negli USA e adottato in Italia. Fondatore di ArP Adottico e Adotta CLOUD.

Passato presente futuro

Olio su tela

2011

cm 100 x 80 x 4,5

Petrolito Alessia, Passato Presente e Futuro – Scheda di dettaglio

Questa rappresentazione è un autoritratto del mio passato e delle mie radici americane alle mie spalle e del futuro sconosciuto di fronte a me. Sebbene possa accadere che questo ritratto non sia completato, lo è. Nel collage originale, sotto il mento, c'era una foto della città in cui ho vissuto, Santena. Ma poi, quando ho iniziato a dipingerlo, ho sentito che aveva bisogno di più spazio, quindi ho coperto quella parte con la vernice bianca.

il mio interiore boreale, il mio interiore boreale

dalle prime luci
al morire del giorno
le sfumature della mia vita
trovare la loro strada verso la tela
traboccante la tavolozza
nella loro ansia
essere

i miei boreali interiori, questi
ondeggiano attraverso i loro toni
in costante tentativo
per formare
che potrei avere sostanza
evocando
che potrei sentire
essendo
che potrei vivere

e così è
che nei vivi
in questo vortice di tempo
e la relativa circostanza
il flusso e riflusso
Ricordami
che regala d'oro
e disperazione oscura
si trovano tutti nel fiorire
della mia mano piena di speranza

il mio interiore boreale, il mio interiore boreale
mi boreal interior collection
(c) j.alonso 2020
el pocico, españa

Poesie di j.alonso non può essere riprodotto, copiato o distribuito senza il consenso scritto dell'autore.

fissando la tua pietra, mirando fijamente a su piedra

sette anni in ritardo
ma sono venuto lo stesso
per fissare la tua pietra
sotto i miei piedi
era tutto
sapevo fare

ho abbellito i tuoi fiori morti
ho visto il mio riflesso
sulla tua lavagna lucida
l'ombra di un nome
freddo
scrollato
non l'ho mai saputo

questo sconosciuto prima di me
il cui sangue?
mi riempie i piedi
senza parole
senza volto
più coerente nella morte
che mai nella vita


Sì, sono qui
per maledirti
e grazie
per il vuoto
e per questa vita 

fissando la tua pietra, mirando fijamente a su piedra
mi boreal interior collection
(c) j.alonso 2019
madrid, spagna

Poesie di j.alonso non può essere riprodotto, copiato o distribuito senza il consenso scritto dell'autore.

Ritorno al paese natale

Sono appena tornato da un viaggio di andata e ritorno di oltre 3 settimane nel mio paese di nascita, il Vietnam. Questo viaggio attesta il mantra “l'adozione è un viaggio che dura tutta la vita“! Il mio ritorno in patria è stato un altro disfacimento dei molti strati nell'esplorazione di chi sono e dove appartengo.

Questo viaggio è stato un tale contrasto con il primo che ho fatto 18 anni fa. Nel 2000 sono tornato per la prima volta in Vietnam. Avevo circa 20 anni. Avevo appena iniziato a svegliarmi per capire che avevo "adozione" e "rinuncia" problemi. Certamente non avevo idea di avere una massa di dolore e perdita seduta sotto la superficie della mia vita quotidiana.

Quando sono arrivato in Vietnam per la prima volta nel 2000, sono stato colpito da sentimenti travolgenti che non sapevo esistessero. Ricordo il profondo, intenso lutto che sorse dentro di me mentre stavamo atterrando all'aeroporto. Emozioni travolgenti mi hanno inondato e ho passato la prima settimana a piangere ea cercare di capire perché stavo piangendo e cosa significasse tutto questo.

Quel viaggio finì per essere abbastanza liberatorio, una visita meravigliosa e molto salutare. Il momento più memorabile è stata la donna del posto nel delta del Mekong che mi ha chiesto in un inglese esitante da dove venissi. Nel mio inglese stentato ho spiegato molto semplicemente che avevo lasciato il paese da bambina e che ero stata cresciuta da australiani bianchi perché non conoscevo mia madre o mio padre. Avendo vissuto quasi 3 decenni ascoltando la risposta delle persone, “Oh, quanto sei fortunato"Apprendimento del mio stato di adozione, questa donna nel Delta del Mekong era stata la prima a comprendere immediatamente le mie perdite. Ha detto la mia verità che ha risuonato dentro quando ha risposto: "Oh, ti sei perso così tanto!”

18 anni dopo, sono una Lynelle diversa, non più frammentata e confusa. Ora sono molto consapevole degli impatti della rinuncia e dell'adozione. Sono trascorsi 20 anni da quando si parla e si incoraggiano gli altri adottati a diventare proattivi e a condividere i problemi che affrontiamo. Questa volta sono tornato e mi sono sentito così radicato di essere tornato nella mia terra natale e di conoscere il mio luogo, l'ora e la data di nascita. Mi sono divertito di essere tornato nel mio distretto e ospedale di nascita. Mi è piaciuto mimetizzarmi tra le persone che mi somigliano. Ho sentito una naturale affinità con il luogo e le persone. Adoro la vivacità di Ho Chi Minh City! io Potere ora chiamalo casa perché il mio certificato di nascita è stato trovato e conosco alcune verità basilari su me stesso!

Chiaramente non ero solo io a sentire che mi sentivo a casa. Mio marito è un cinese australiano di terza generazione e mi ha detto: "Wow, ho appena realizzato di essere sposato con una donna vietnamita!"È stato uno di quei momenti divertenti, ma sotto la superficie, la verità in ciò che ha detto era profonda. io sono in realtà vietnamita e sento di aver finalmente recuperato quella parte di me che mancava. Non mi sento più solo una ragazza australiana, lo sono Vietnamita – Australiana. Questa seconda visita mi ha messo in luce i tanti aspetti di chi sono, sono fondamentalmente, molto vietnamita!

La connessione con la madre terra, il rispetto per la natura e la cura delle cose sono sempre stati dentro di me, ma è diventato evidente durante i miei viaggi in Vietnam che questo è un modo di essere molto vietnamita. Ho viaggiato da sud a nord e ovunque andassi, in città o in campagna, c'erano tanti appezzamenti di terra con campi coltivati a ortaggi, fiori, riso o altro. Le vie della città in Vietnam non hanno ancora dimenticato il legame tra madre natura e i nostri bisogni umani.

Il desiderio innato in me di costruire e far parte di una comunità, l'ho visto riflesso anche nello stile di vita vietnamita. In Vietnam solo l'esempio di come si muovono l'uno intorno all'altro sulle strade è sorprendente. Le persone e il traffico si limitano a scorrere l'uno intorno all'altro, permettendo l'un l'altro di andare per la propria strada senza aggressività, invadenza o competizione. C'è un modo naturale per "lavorare insieme” nell'armonia che risuona dentro di me.

Sono per natura una persona molto amichevole, sempre interessata a scoprire gli altri a un livello più profondo. Ho trovato questo riflesso in molti dei locali vietnamiti che ho incontrato e con cui ho trascorso molto tempo. Il mio tassista Hr Hien mi ha portato a fare un viaggio di 12 ore ai mercati galleggianti. Mi ha abbracciato, un estraneo davvero, come il suo piccolo”sorella“. Si scopre che in realtà siamo nati nello stesso ospedale con lui che aveva solo 7 anni in più. Mi ha protetto e protetto tutto il giorno. Avrebbe potuto facilmente abusare della sua posizione di potere, dato che non parlo vietnamita e avrebbe potuto derubarmi e scaricarmi nel mezzo del delta del Mekong. Invece, mi ha preso per l'intera giornata e mi ha trattato con rispetto, accogliendomi nella sua vita condividendo i suoi pensieri e le sue opinioni sulla vita, la cultura, la famiglia, le leggi e i modi vietnamiti. Quando acquistavamo le cose, diceva: "Non dire una parola, dirò loro che sei mia sorella tornata dall'Australia che è partita da piccola per spiegare perché non parli vietnamita“. Poi avrebbe negoziato per noi e avrebbe ottenuto il "tariffa locale“. Sono state esperienze come questa che mi hanno mostrato l'anima del popolo vietnamita con cui mi relaziono – il senso di prendersi cura degli altri, di essere gentili e generosi nello spirito.

Tornando a visitare il War Remnants Museum, mi è tornato in mente lo spirito vietnamita di resilienza, perdono e capacità di andare avanti nonostante una storia terribile e brutta di guerre e atrocità. Attributi che ho visto nel mio essere e ora capisco da dove derivano. È il mio spirito vietnamita, il mio DNA vietnamita! Sono programmato per essere sopravvissuto e prosperare, nonostante le avversità.

Per me, tornare alla terra natale è stato così importante per abbracciare tutti gli aspetti di chi sono. Sono un prodotto di rinuncia e adozione, tra due culture, terre e persone. Crescendo nel mio paese adottivo, ero stato completamente australiano senza capire o abbracciare la mia vietnamita. Ora, a metà degli anni '40, sento di essere tornato in me stesso. Sono orgogliosamente entrambe le mie due culture e terre. Amo gli aspetti vietnamiti che vedo in me stesso e amo anche la mia cultura e identità australiana. Non mi sento più diviso, ma mi sento a mio agio nell'essere entrambi allo stesso tempo.

Ci sono voluti anni di consapevolezza attiva per abbracciare la mia identità, cultura e origini perdute, ma è un viaggio che volevo fare. Mi ero reso conto verso la fine dei vent'anni che l'adozione aveva comportato la negazione di gran parte di ciò che ero, nel profondo del mio cuore.

Non vedo l'ora di futuri ritorni in Vietnam. Spero che un giorno sarà per ricongiungersi con la mia famiglia natale vietnamita. Sarà un fantastico percorso di scoperta che aprirà ulteriori sfaccettature nella scoperta di chi sono!

Posso così immedesimarmi nel loto, il fiore nazionale del Vietnam!

Ai vietnamiti, loto è noto come an squisito fiore, che simboleggia la purezza, la serenità, l'impegno e l'ottimismo del futuro poiché è il fiore che cresce nell'acqua fangosa e si erge sopra la superficie per sbocciare con straordinaria bellezza.

Clic qui per la mia raccolta di foto di questo viaggio e qui per le foto dell'anno 2000 visita di ritorno.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%