L'India mi ha abbandonato

di Kris Rao, adottati dall'India negli Stati Uniti, hanno recentemente scoperto la loro adozione come adottati di Late Discovery.

Mi sono imbattuto in un podcast indiano chiamato The Filter Koffee Podcast ospitato da Karthik Nagarajan. Si siede con un ospite e mentre lo descrive, ha una conversazione. “Il tipo che ti rende più ricco. Il tipo che solo il caffè può tirare fuori".



Più di recente, nel gennaio del 2022, si è seduto con Poulomi Pavini Shukla, un avvocato della corte suprema, e ha parlato degli orfani in India. Questo particolare episodio è stato intitolato Perché gli orfani indiani vengono abbandonati due volte?

Senza entrare troppo nei dettagli del podcast, ecco alcuni argomenti chiave su cui sono andati:

  • I diversi schemi che sono stati messi in atto per i bambini bisognosi di assistenza.
    (I regimi governativi in India sono lanciati dal governo per affrontare il benessere sociale ed economico dei suoi cittadini)
  • I soldi/budget destinati agli orfani. Che equivale a meno di 1 rupia al giorno per bambino.
  • Il numero stimato di orfani in India riportato dall'UNICEF.
  • Come vengono gestiti gli orfanotrofi e quanti dovrebbero essere creati in ogni distretto.
  • Cosa succede ai bambini abbandonati e alle loro vite da orfani.
  • Le differenze tra orfani femmine e maschi.

Una delle cose che mi ha colpito è stato il numero stimato di orfani in India. Secondo l'UNICEF, in India ci sono 29,6 milioni di orfani, circa 30 milioni.

E come adottato, come uno di questi cosiddetti orfani sociali, tutto ciò a cui riuscivo a pensare mentre ascoltavo questo podcast era:

Perché l'India ha 30 milioni di orfani in primo luogo?

Cosa sta facendo il mio paese che sta creando questo problema?

Cosa sta facendo il mio paese per impedirlo?

A me sembra che il problema più grande non sia solo che abbiamo 30 milioni di orfani bisognosi di cure, è che abbiamo 60 milioni di genitori che si sono arresi e hanno abbandonato i loro figli. E sta ancora accadendo. Questi numeri sono ancora in crescita.

Dov'è quella conversazione?

È a causa della religione, della casta? Quali altri fattori sono in gioco qui?

E la giustizia riproduttiva?

Sono uno dei milioni di orfani sociali usciti dall'India. E mi porta a chiedermi, è perché la mia esistenza porta “vergogna” sulla mia famiglia il motivo per cui sono orfano? La mia esistenza macchia il cognome?

Il mio concepimento era così problematico agli occhi della società e della cultura indiana che mia madre si sentì in dovere di abbandonarmi?

Una volta ho scritto che l'unico motivo per cui sono stato adottato è perché la società in qualche modo ha deluso mia madre e l'ha costretta a prendere una decisione che non avrebbe dovuto prendere in primo luogo.

Cosa stiamo facendo per cambiarlo?

Dall'ascolto del podcast, capisco che aiutare gli orfani in India è vitale e necessita di attenzione. Avendo vissuto io stesso in India per 11 anni e visitato orfanotrofi, sì, ho capito.

Penso che sia importante prendersi cura di ogni bambino. Ma perché questo include separarli dalle loro famiglie? Perché un bambino dovrebbe perdere tutti i legami legali con i suoi primi genitori biologici e le famiglie (compresi i parenti allargati) per essere semplicemente accudito?

E, soprattutto, cosa stiamo facendo per gli "orfani sociali" che ora sono adulti e desiderano conoscere le loro vere radici? Accesso ai nostri antenati, storia, ecc.

Come possiamo rimuovere questo stigma e tabù che continuo a sentire sull'adozione in India?

Come indicato dal titolo, Poulomi afferma che gli orfani dell'India rimangono orfani due volte. "Una volta per essere orfani dei loro genitori e una volta per essere orfani dello Stato o orfani della legge".

Per gli adottati internazionali come me, sembra che l'India mi abbia abbandonato per la terza volta quando mi ha mandato via per essere un problema di un altro paese.

Le circostanze sfortunate e ingiustificate che mi hanno reso uno degli "orfani sociali" dell'India mi hanno messo sulla strada dell'adozione.

E l'adozione non solo ha tolto le mie scelte, ma ha anche tolto le mie possibilità di trovare le mie radici. 

Per ulteriori informazioni su Kris, dai un'occhiata al loro ultimo blog: Kris condivide l'adozione della rabbia

Segui Kris su:
Kris-404:RootsNotFound
Twitter @adottatoindiano
Instagram @indianlatediscoveryadoptee

Voci contro le adozioni illegali parlano alle Nazioni Unite

Il 10 marzo 2022 ho avuto l'onore di presentare in inglese una breve presentazione di 10 minuti in rappresentanza della nostra coalizione Voci contro l'adozione illegale (VAIA) al Nazioni Unite.

All'incontro hanno partecipato:
Il Comitato per le sparizioni forzate (CED)
il Comitato sui diritti dell'infanzia (CRC)
il Comitato per i diritti umani (CCPR)
il Relatore Speciale sulla Promozione della Verità, Giustizia, Riparazione e Garanzie di Non Ricorrenza
il relatore speciale sulla vendita e lo sfruttamento sessuale dei bambini, compresa la prostituzione minorile, la pornografia minorile e altro materiale pedopornografico
il Relatore speciale sulla tratta delle persone, in particolare donne e bambini,
e il gruppo di lavoro sulle sparizioni forzate o involontarie.

A causa del lavoro di Racines Perdues Raíces Perdidas e Ritorno alle origini, la nostra coalizione VAIA è stata al corrente del lavoro congiunto svolto da questi membri del Comitato delle Nazioni Unite che stanno lavorando su un Dichiarazione congiunta sulle adozioni internazionali illegali.

Questo è ciò che ho condiviso nella mia dichiarazione:

Buona giornata, buona serata a tutti voi!

Mi chiamo Lynelle Long e sono un'adottata internazionale residente in Australia, per procura adottata tramite un avvocato privato, uscita dalla guerra del Vietnam nei primi anni '70.

Vorrei ringraziare tutti voi per l'onore di essere qui e per aver incluso le nostre voci in questa occasione importantissima. Sono stato lieto di leggere la bozza di testo a cui tutti voi avete contribuito. Riflette molti dei punti che abbiamo trattato nel nostro documento sulla prospettiva dell'esperienza vissuta che ho presentato al gruppo di lavoro dell'Aia 2019 sulla prevenzione e la lotta alle pratiche illecite nell'adozione internazionale. Mi scalda il cuore sapere che così tanti di voi sono nostri alleati, per aiutare e incoraggiare gli Stati a rispondere nel modo giusto ed etico alle nostre adozioni illegali e illecite. Grazie!

Il messaggio che la bozza di testo trasmette è assolutamente in linea con ciò che anche noi cerchiamo. La tua azione da questo incontro e se questo testo viene pubblicato, ci dà un raggio di speranza in quello che spesso è sembrato un mare infinito di sgomento e perdita mentre abbiamo passato anni a lottare e difendere noi stessi. È meraviglioso non sentirsi più soli, ma sapere che abbiamo forti alleati che ci sostengono anche. Siamo i bambini per i quali l'adozione internazionale è tutto. Non rimaniamo “bambini” per sempre. Cresciamo per avere la nostra voce e vogliamo parlare e garantire che le lezioni del passato vengano apprese e che le pratiche e la legislazione vengano modificate per evitare che gli stessi torti accadano ad altri e per affrontare e correggere i torti fatti a noi .

Oggi mi presento a voi come Rappresentante per il Voci contro le adozioni illegali coalizione (VAIA)

La nostra coalizione è stata creata da associazioni che si battono per il riconoscimento delle adozioni illegali, del nostro diritto all'origine, per molti hanno bisogno di modifiche legali per sostenerci come vittime e richiedono assistenza istituzionale, statale, diplomatica e consolare per rettificare i torti fatti a noi.

Ci presentiamo ufficialmente oggi alle Nazioni Unite come una coalizione di organizzazioni che formano una campagna della società civile, è un'iniziativa guidata da adottati con esperienza vissuta.

Siamo organizzazioni, associazioni, fondazioni e collettivi non governativi e non finanziati, costituiti da adottati, famiglie biologiche e famiglie adottive.

Insieme abbiamo lanciato una campagna della società civile per difendere i nostri diritti ed è così che ci presentiamo a voi, le Nazioni Unite.

I nostri obiettivi sono:

– chiedere il riconoscimento delle adozioni illegali e il loro riconoscimento come crimine contro l'umanità quando seguono il rapimento, la vendita o la tratta di bambini e vi sono prove sufficienti per dimostrare che sono avvenute nell'ambito di un attacco generalizzato o sistematico contro la popolazione civile .

– presentare le azioni politiche e legali intraprese da ciascuna organizzazione nel mondo.

– invitare gli Stati a impegnarsi in un dialogo con noi sul riconoscimento della responsabilità per quanto accaduto e per ottenere riparazione.

Oggi vorremmo informare i diversi gruppi di lavoro, le Alte Commissioni, i giornalisti speciali, le missioni diplomatiche e gli esperti dei diversi comitati, in particolare il Comitato sui diritti dell'infanzia, il Comitato sulle sparizioni forzate nonché il Comitato per i diritti umani, della situazione internazionale in materia di adozioni illegali in relazione alla tratta di esseri umani.

Riteniamo essenziale che vi sia uniformità nelle risposte a seguito del verificarsi di adozioni illegali.

Riteniamo sia anche anormale che, a seconda del Paese in cui risiede l'adottato, non siamo riconosciuti come vittime.

Vogliamo anche richiamare l'attenzione sul fatto che i procedimenti legali per adozioni illegali si confrontano il più delle volte con problemi che ci impediscono di chiedere giustizia e riparazione. Ad esempio la prescrizione, anche la difficoltà di stabilire i fatti di ciò che è accaduto nei nostri casi quando i registri ci sono tenuti o sono stati distrutti.

Vorremmo che il nostro contributo e le nostre esperienze fossero presi in considerazione dalle Nazioni Unite.

Non vediamo l'ora di vedere la tua dichiarazione finale e faremo del nostro meglio per renderci disponibili a lavorare con tutte le parti interessate per vederne l'attuazione.

Grazie mille per il vostro tempo, per averci ascoltato e per averci permesso di partecipare.

Insieme a Racines Perdues Raíces Perdidas vi terremo informati sullo stato di avanzamento del nostro lavoro presso l'ONU.

Ecco l'elenco delle organizzazioni che lo compongono Voci contro l'adozione illegale (VAIA):

Fondazione Racines Perdues
Cileni adottati nel mondo (CAW)
Collectif adotta Schakel
InterCountry Adoptee Voices (ICAV)
Association Reconnaissance Adoptions Illégales à l'International en France (RAÏF)
Empreintes Vivantes
Piano Angelo
Collectif des adoptés français du Mali
Collettivo dei genitori adottati nello Sri Lanka
Ruanda en Zoveel meer
Associazione DNA Ind
Ritorno alle origini
Collettivo degli adottati dello Sri-Lanka
Protezione dell'identità del bambino

Risorsa:

Documento prospettico ICAV: Suggerimenti per l'esperienza vissuta per le risposte alle adozioni illecite (in francese o inglese)

Cosa ho perso quando sono stato adottato

Oggi mi guardo intorno e non ho una famiglia in vista. Ero lacerato alle radici quando sono nato nelle Filippine in condizioni di indigenza nel 1985, sono rimasto orfano alla nascita e adottato nel 1987.

In duplice modo, il mio processo di adozione internazionale aveva sistematicamente cancellato la mia intera eredità e la conoscenza dei miei antenati. Mentre mi legavo permanentemente a persone che non avevano alcun interesse a preservare o mantenere intatta la mia nazionalità e cultura di nascita.

Non so perché ciò sia dovuto accadere durante il processo di adozione.

Perché il passato doveva essere cancellato in modo così efficiente come se non fosse mai esistito.

Perché tutto questo doveva essere cancellato?

Le narrazioni dei miei nonni, le narrazioni dei miei bisnonni, le voci di tutta la carne e il sangue e le ossa che hanno fatto il mio DNA oggi.

Perché le loro storie hanno dovuto lasciarmi?

Era perché ero marrone?

È stato perché sono nato nelle Filippine, che nella storia è sempre stato un paese in via di sviluppo, emarginato con un passato colonizzato?

Era perché ero un bambino vulnerabile che non aveva voce in capitolo o diritti sulla mia stessa vita in quel momento? Era perché i miei ricordi e la mia identità non avevano importanza?

Ho dovuto essere separato dal mio paese di nascita e dalla lingua materna del mio paese di nascita per essere salvato da una famiglia più privilegiata?    

E perché le restanti informazioni biografiche erano così incredibilmente inutili e irrilevanti? E perché ho dovuto aspettare fino all'età di 18 anni per ricevere anche quelle informazioni, quali parti di esse, ho scoperto in seguito da una riunione con la mia madre naturale, non erano nemmeno vere.

Mi sto lamentando perché sono rimasta orfana?

O mi sto lamentando perché c'erano parti di questo processo di adozione che era sistematicamente disumano, inclusa l'adozione di me da una coppia caucasica del Midwest che non aveva mostrato alcun interesse a preservare la mia eredità culturale o a mantenermi in contatto con la lingua del mio paese natale. Come mostra, anche in quella documentazione di adozione, non avevano alcun interesse per la mia eredità.

Non sapevo che se avessi mantenuto questa connessione quando ero un bambino marrone vulnerabile e sostanzialmente acquistato da una famiglia bianca privilegiata, sarei stato in grado di tornare nelle Filippine nella mia età adulta, il mio paese natale, e avrei essere in grado di parlare fluentemente, il che mi avrebbe dato un percorso molto più semplice per rivendicare la mia cittadinanza.

Anche il mio nome di nascita, perché i miei genitori adottivi che non mi hanno mai conosciuto hanno improvvisamente avuto il diritto di cambiare il mio nome di nascita quando mi hanno adottato/acquistato?

Perché erano stati dati loro dei diritti?

Quali diritti mi sono stati sottratti in questo duplice processo?

Dove è andata a finire la mia cittadinanza nel mio paese natale quando sono stata adottata?

Perché tutto questo ha dovuto lasciarmi quando sono stato adottato?

Puoi leggere l'articolo di Stephanie: Sulla strada del recupero, seguila a Weebly o Instagram @starwoodletters.

Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Per conoscere i tuoi genitori, fratelli, zii, zie e nonni...

Per conoscere la tua storia medica; se tua madre è morta di cancro, tuo padre ha sofferto di problemi cardiaci, se tua nonna ha avuto il diabete...

Per sapere a chi assomigli, da dove vengono i tuoi tratti, se il tuo viso allo specchio è il riflesso di qualcun altro..

Per conoscere la tua storia di nascita, data, ora, stagione dell'anno, in quale ospedale sei nato...

Per conoscere il proprio paese di nascita, cultura, patrimonio, lingua, costumi, religione...

Essere circondati da persone che ti assomigliano razzialmente...

Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Queste sono le cose che non do per scontate perché non ne ho avute durante la crescita. Sono nato in un paese, adottato in un altro, da una famiglia di razza diversa. Sono un'adottato transrazziale internazionale. Ho passato una parte enorme della mia vita chiedendomi, cercando, cercando di conoscere le mie origini.

Nella mia comunità di adottati internazionali, conoscere le proprie origini è sicuramente un privilegio!

Implicazioni dell'espansione della politica del figlio unico in Cina

di Hannah, adottato dalla Cina al Canada.

Provincia di Guizhou: "Gli esseri umani hanno una sola terra, dobbiamo controllare la crescita della popolazione!" (Adam Secolo)

Nato in Cina

Sono nato in Cina. Questo è tutto, fine della storia delle origini. Questo è tutto quello che so. Probabilmente sono nato nella provincia di Jiangsu, ma anche questo non è certo. La prima testimonianza nota della mia esistenza è una visita medica quando si stima che avessi 20 giorni. Molti dei miei amici sanno dove sono nati, in quale ospedale, in che giorno, alcuni sanno anche il tempo fino al secondo e quanto tempo ci è voluto. Non so niente di tutto questo. Sanno chi era presente al momento della loro nascita, quali membri della famiglia hanno incontrato per primi. Non so niente di tutto questo. La mia data di nascita legale è stimata da quando sono stato trovato, non ho un registro di nascita originale. Il mio nome mi è stato dato dai funzionari dell'orfanotrofio. Non so come mi chiamassi o se i miei genitori biologici si fossero presi la briga di darmi un nome. Il record di dove sono stato trovato e quando sono stato perso o dimenticato. Mia madre (adottiva) ha scritto in un album di ritagli in quale contea è stato detto che sono stato trovato. Non ci sono registrazioni, non ho un certificato di abbandono come fanno alcuni adottati cinesi e non ho un annuncio di ritrovamento registrato. Per molti intenti e scopi, la mia vita è iniziata quando sono stato adottato da una coppia canadese bianca quando avevo meno di un anno. Sono uno delle migliaia di bambini cinesi adottati da stranieri dopo che la Cina ha aperto le sue porte all'adozione internazionale nel 1991.

Come la maggior parte degli adottati cinesi, sono stato adottato all'ombra della politica del figlio unico, introdotta per la prima volta nel 1979. La politica del figlio unico (il nome non ufficiale per la politica di restrizione alle nascite) dettava che alle coppie fosse permesso avere un solo figlio. Ci sono state eccezioni per le famiglie rurali e le minoranze etniche, ma la politica è stata attuata e applicata in modo diseguale in tutto il paese, con diversi livelli di violenza. La preferenza culturale per i figli maschi è ben pubblicizzata e si ritiene che sia la ragione per cui la maggior parte delle adozioni cinesi nell'ambito della politica del figlio unico erano femmine. È ampiamente noto e accettato tra la comunità degli adottati cinesi, la maggior parte di noi nati femmine, che siamo stati abbandonati (o rubati) a causa del nostro sesso alla nascita.

Le modifiche alle restrizioni sulle nascite in Cina

Il 31 maggio 2021, ho controllato le notizie e ho visto un articolo CBC che ha detto che la Cina aveva allentato le sue restrizioni alla nascita e ora avrebbe permesso alle coppie di avere fino a tre figli, invece dei due precedenti, che sono stati implementati nel 2016. Ricordo di aver letto un articolo di notizie simile nel 2015 quando è stato annunciato che la Cina stava rilassando il La politica del figlio unico per la prima volta da decenni per consentire due figli per coppia. All'epoca, non ci pensavo molto, ero felice che le restrizioni fossero state allentate e triste che stessero ancora controllando i diritti riproduttivi. Eppure, questa mattina, quando ho visto la notizia, mi sono sentito molto più forte. Forse è perché durante la pandemia, ho fatto uno sforzo per connettermi alla comunità degli adottati, unendomi ai gruppi Facebook online, gestiti da adottati per adottati. Ho iniziato a provare a (ri)imparare il mandarino, che avevo dimenticato da tempo, nonostante avessi preso lezioni di mandarino quando ero piccola. Forse è a causa dei riflettori puntati sul razzismo anti-nero e anti-asiatico a causa delle molteplici uccisioni di polizia di alto profilo di persone di colore, l'aumento dei crimini di odio asiatici a causa della retorica razzista sull'origine della pandemia, che mi ha costretto per esaminare più da vicino la mia identità razziale e culturale come adottato canadese, transrazziale, cinese, internazionale. Ma forse più di tutto, è perché ho due sorelle, anch'esse adottate dalla Cina, cosa che fino ad ora non era consentita in Cina per la maggior parte delle famiglie.  

Emozioni confuse

Per molte ragioni, leggere l'articolo sulla nuova politica rilassata della Cina, mi ha dato molti altri sentimenti contrastanti. Ancora una volta, la felicità per una politica rilassata e la tristezza e la delusione per il continuo controllo dei corpi delle donne e dei diritti riproduttivi. Ma questa volta è arrivato con un altro sentimento: rabbia. Sono arrabbiato. Sembra uno schiaffo in faccia per tutti gli adottati cinesi e le loro famiglie biologiche che sono state (forzatamente) separate in base alla politica del figlio unico. Sembra che non sia stato per niente, anche più di prima. Qual è stato il motivo per cui i miei genitori biologici mi hanno abbandonato (se è quello che è successo) se avessero solo cambiato la politica in seguito? Che senso ha creare la politica quando il tasso di natalità era già in calo, come avviene quando le donne hanno un maggiore accesso all'istruzione, alla carriera e ai contraccettivi, e ora vogliono aumentare di nuovo il tasso di natalità? Qual è stato lo scopo di spogliarmi del mio nome, del mio compleanno, della mia cultura, quando la forza trainante del mio abbandono è stata (semi-)invertita? Se ora alle coppie cinesi è permesso avere tre figli (lo stesso numero di me e delle mie sorelle), allora qual era il senso della politica che ha spinto migliaia di bambini, per lo più ragazze, ad essere abbandonati, abortiti e trafficati?

Emozioni miste di KwangHo Shin

Ora la politica è stata cambiata e allora? Sono ancora un cinese adottato, vivo a migliaia di chilometri dal mio paese di nascita, senza un modo semplice per collegarmi a parenti di sangue viventi, a meno che non voglia tentare una ricerca. Sono ancora un cinese adottato che non conosce il mio nome di nascita, compleanno o luogo di nascita. Gli adottati sudcoreani hanno combattuto e hanno fatto pressioni con successo sul governo sudcoreano per il riconoscimento e le riparazioni (limitate). Gli è stato dato un modo per recuperare la cittadinanza sudcoreana e ora possono richiedere il visto F-4 (patrimonio coreano). Durante la pandemia, il governo sudcoreano ha inviato mascherine gratuite agli adottati coreani. La Cina non riconosce la doppia cittadinanza, né fornisce agli adottati un visto speciale che consentirebbe loro un modo più semplice per tornare nel loro paese di nascita. La Cina non riconosce gli adottati internazionali o come le migliaia di bambini adottati a livello internazionale siano state conseguenze dirette della politica del figlio unico. La politica è stata allentata e ora le coppie cinesi possono avere fino a tre figli, come la mia famiglia in Canada. La politica che probabilmente ha guidato la mia adozione è stata allentata, eppure nulla è cambiato per me, e il governo cinese va avanti.

Cosa succede se?

Non mi piace pensare a cosa-se e cosa-potrebbe essere. Non mi piace immaginare come sarebbe potuta essere la mia vita se non fossi mai stata abbandonata (o rubata), se non fossi mai stata adottata, se invece fossi stata adottata da una coppia cinese ecc. Ma questo recente annuncio mi ha costretto a pensare al cosa-se. Nello specifico, "E se la mia famiglia naturale fosse stata in grado di tenermi perché non era limitata dalla politica del figlio unico?" Sono felice e soddisfatto della mia vita attuale. Nonostante i singhiozzi occasionali, le micro aggressioni razziste e le lotte per l'identità, non cambierei nulla. Ciò non significa che non posso e non piangerò la vita che mi è stata tolta a causa della politica del figlio unico. Mi dispiace di non sapere come mi hanno chiamato i miei genitori biologici (se lo hanno fatto). Mi dispiace di non conoscere la data, l'ora e il luogo in cui sono nato. Mi dispiace di non sapere, e forse non lo saprò mai, se assomiglio a qualcuno dei miei parenti biologici. Mi dispiace che probabilmente non conoscerò mai la storia completa dietro la mia adozione. Mi dispiace che come canadese, non mi sentirò mai completamente a mio agio in Cina e che come cinese adottato, non sarò mai visto come completamente canadese. E sono arrabbiato perché il governo cinese può cambiare la politica del figlio unico e andare avanti, mentre io e migliaia di altri ne sopporteremo le conseguenze per il resto delle nostre vite.

Rivoglio i miei fratelli

di Erika Fonticoli, nato in Colombia adottato in Italia.

Cosa sono i fratelli e le sorelle? Per me, sono piccoli o grandi alleati di tutte o nessuna battaglia. Nel corso della mia vita ho capito che un fratello o una sorella possono essere l'arma vincente contro ogni ostacolo che si presenta e, allo stesso tempo, quella confortante vicinanza che si prova anche quando non c'è battaglia da combattere. Un genitore può fare molto per i propri figli: dare amore, sostegno, protezione, ma ci sono cose che non diremmo mai a un genitore. E... che ne dici di un fratello? Ci sono cose nella mia vita che non ho mai potuto dire a nessuno, e anche se ho avuto un rapporto di amore-odio con mia sorella fin dall'infanzia, non c'è niente di me che lei non sappia.

Nel momento peggiore della mia vita, quando ero così ferito e ho iniziato ad avere paura di fidarmi del mondo, lei era la mano che ho stretto tra mille altre. Siamo due persone totalmente diverse, forse abbiamo in comune solo giocosità e DNA, ma lei rimane comunque la persona da cui mi sento più compresa e supportata. Amo i miei genitori adottivi, amo i miei amici, ma lei, lei è l'altra parte di me. A volte siamo convinti che la forza di una relazione dipenda dalla durata di essa o dalla quantità di esperienze vissute insieme. Già, beh.. Non ho condiviso molti momenti con mia sorella, non è stato un rapporto facile il nostro, ma ogni volta che ne avevo bisogno lei era sempre al mio fianco. Non ho dovuto dire niente o chiedere aiuto, lei lo ha sentito ed è corsa da me.

E i fratelli ritrovati da adulti? Possiamo dire che valgono meno? Sono stato adottato all'età di 5 anni, con mia sorella che aveva 7 anni. Per 24 anni ho creduto di avere solo un'altra versione di me stessa, lei. Poi, durante la ricerca delle mie origini, ho scoperto di avere altri due fratelli, poco più piccoli di me. La mia prima reazione è stata shock, confusione, negazione. Seguirono emozione, sorpresa e gioia. Infine, a queste emozioni si aggiungevano lo smarrimento e la paura di essere rifiutati da esse. Dopotutto, non sapevano nemmeno che esistessimo, io e mia sorella maggiore eravamo estranei per loro. Allora... come potrei presentarmi? Me la sono fatta almeno un centinaio di volte fino a quando, immersa in un ricco brodo di emozioni, ho deciso di buttarmi. Sentivo dentro di me l'irrefrenabile bisogno di conoscerli, di vederli, di parlargli. È stata forse la cosa più assurda che abbia mai vissuto. “Ciao, piacere di conoscerti, sono tua sorella!”, ho scritto loro.

A pensarci adesso mi viene da ridere, eppure all'epoca pensavo che fosse un modo così carino per conoscersi. Mia sorella minore, proprio come temevo, mi ha rifiutato, o forse ha rifiutato l'idea di avere altre due sorelle di cui non aveva mai sentito parlare. I primi mesi con lei sono stati terribili, duri e pieni di emozioni altalenanti, spinti sia dal suo desiderio di avere altre sorelle, sia dalla sua sfiducia nel credere che fosse reale. Non era facile, per lei ero un perfetto sconosciuto eppure aveva l'inspiegabile sensazione di essere legata a me, la sensazione di volermi nella sua vita senza nemmeno sapere chi fossi. Mi rifiutava eppure non poteva non cercarmi, mi guardava come se fossi qualcosa da studiare, perché era scioccata dal fatto che assomigliasse così tanto a qualcun altro che non aveva mai visto per 23 anni .

Con mio fratello è stato completamente diverso, mi ha chiamato subito “sorella”. Abbiamo parlato incessantemente dall'inizio, notti insonni per raccontarci, scoprendo a poco a poco di essere due gocce d'acqua. Era mio fratello dal primo momento. Ma come è possibile? Non lo so. Quando sono partito per incontrarli, diretto dall'altra parte del mondo, mi sembrava tutto così folle. Continuavo a ripetermi: "E se non gli piaccio?", e mi chiedevo come sarebbe stato trovarmi faccia a faccia con loro. La risposta? Per me non è stato un conoscersi per la prima volta, è stato un rivederli. Come quando ti allontani e non vedi la tua famiglia per molto tempo, poi quando torni a casa per vederli di nuovo
ti senti commosso e corri ad abbracciarli. Questo è stato il mio primo momento con loro! Un momento di lacrime, un abbraccio senza fine, seguito da un rapido ritorno giocoso e affettuoso come se la vita non ci avesse mai separati nemmeno per un giorno.

Quindi... valgono meno? Il mio rapporto con loro è meno intenso e autentico di quello con mia sorella, con cui sono cresciuto? No. Pensavo di avere un'altra metà di me, ora mi sento come se ne avessi tre. Ne vedo uno ogni giorno, ascolto costantemente gli altri due per messaggi o videochiamate. Ci sono cose nella mia vita che non posso dire a nessuno, cose che solo i miei tre fratelli sanno, e nei momenti più difficili della mia vita adesso ho tre mani che prenderei senza pensarci. Amo la mia famiglia, i miei genitori adottivi e la mia mamma biologica, ma i miei fratelli sono la parte del mio cuore di cui non potrei vivere senza. Averli nella mia vita mi riempie di gioia, ma averne due così lontani da me scava dentro di me un abisso che spesso si trasforma in un grido di mancanza e nostalgia. Lacrime dietro le quali si nasconde il desiderio di condividere con loro tutti gli anni che ci sono stati tolti, le esperienze ei momenti fraterni che ho vissuto con loro solo venti giorni in Colombia.

Come dicevo prima, secondo me, non importa la durata di una relazione né la quantità di esperienze vissute insieme ma la qualità… detto questo, anche quei rari momenti ci sembrano un sogno ancora irrealizzabile. Nei periodi più importanti e delicati della nostra vita spesso ci sentiamo sopraffatti dall'impotenza e dall'impossibilità di sostenerci a vicenda, perché purtroppo una parola di conforto non sempre basta. Possiamo scriverci, chiamarci, ma niente potrà mai sostituire il calore di un abbraccio quando senti che il tuo cuore sta soffrendo.

Nella fase più dolorosa e traumatica della vita di mia sorella minore, quando ha iniziato ad avere paura del mondo, quando pensava di meritare solo calci e insulti, quando pensava di non avere nessuno, le ho scritto. Le scrivevo ogni giorno, preoccupata e addolorata, e per quanto cercassi di trasmetterle il mio amore e la mia vicinanza, sentivo di non poter fare abbastanza. Mi sentivo impotente e inutile, sentivo che non c'era niente che potessi fare per lei, perché quando mi sentivo schiacciata dalla vita era l'abbraccio di mia sorella maggiore che mi faceva sentire protetta. Ed è quello che la mia sorellina voleva in quel momento, un mio abbraccio, qualcosa di così piccolo e
semplice che non potevo dargliela perché la distanza me lo impediva. E nemmeno nostro fratello perché anche lui è cresciuto lontano, in un'altra famiglia. Non sapevo cosa fare, come potevo aiutarla, era spaventata e ferita. Volevo che venisse a vivere con me, lei e il mio nipotino, così potevo prendermi cura di loro e aiutarli nel momento più difficile della loro vita. L'ho esaminato per mesi, ricerca dopo ricerca, e poi ho scoperto che nonostante il test del DNA avesse riconosciuto che siamo sorelle, il mondo no.

Legalmente, eravamo ancora dei completi estranei, proprio come quando abbiamo parlato per la prima volta.

Vorrei che la legge dia la possibilità ai fratelli separati dall'adozione di essere ricongiunti se questo è il desiderio di entrambi, che la legge ci permetta di godere di quei diritti che solo un vincolo familiare offre. Non abbiamo deciso di separarci, è stato scelto per noi, ma non vogliamo incolpare nessuno per questo. Vorremmo solo avere la possibilità di trascorrere il resto della nostra vita come una famiglia, una famiglia sentimentale e legale a tutti gli effetti. Non deve essere un obbligo per tutti, ma un'opportunità per quei fratelli biologici il cui legame è sopravvissuto. Un'occasione per noi perfetti sconosciuti che, nonostante tutto, ci definiamo famiglia. Forse qualcuno si ritroverà in quello che ho sentito e provo ancora, forse qualcun altro no, ma proprio perché ogni storia è diversa penso che dovrebbe esserci la possibilità di un lieto fine per tutti. Il mio sarebbe riavere i miei fratelli.

Il diritto all'identità

di Maria Diemar, nata in Cile e cresciuta in Svezia. Puoi accedere al suo blog su Possiedo la mia storia Maria Diemar dove ha pubblicato questo il 23 agosto.

Il diritto alla propria identità,
è un diritto umano?
È un diritto umano per tutti?

dove appartieni,
le circostanze da cui provieni,
è importante saperlo?

È possibile eliminare lo sfondo di una persona?
Prenderesti in considerazione l'eliminazione dello sfondo di un'altra persona?

Cosa è illegale?
Cosa non è etico?
Cosa sono le irregolarità?

Negli ultimi anni ho scoperto sempre di più della mia storia.
Dallo scoprire che sono Ingegerd Maria Olsson nei registri in Cile,
per rendermi conto che posso votare,
e rinnovare il mio passaporto dal 1975,
a capire che mi sembra di non aver mai lasciato il Cile, paese in cui sono nato.

Secondo il mio passaporto cileno,
Vivo in una strada di un quartiere d'affari a Rancagua.
Secondo altri documenti,
Vivo con un assistente sociale a Santiago.
Probabilmente siamo più di 400 bambini che vivono a quell'indirizzo:
Monsignor Muller 38.

Io “vivo” in Cile e vivo negli Stati Uniti.
Sono nelle liste elettorali in Cile,
e in Svezia ho un passaporto svedese e posso ritirare un passaporto cileno quando voglio.

La mia nascita non è mai stata registrata presso l'ospedale dove sono nato.
Non sono figlio di nessuno.
Invece di un certificato di nascita,
è stato scritto un protocollo in cui estranei hanno testimoniato che sono nato il giorno del mio compleanno.

In Cile, sono registrato come orfano
perché una donna svedese, Anna Maria Elmgren, mi ha sistemata e iscritta all'albo in Cile.
Ho un nome svedese nel registro cileno.
io sono Ingegerd Maria Olsson in Cile.

sono un orfano
ma ho una madre nei documenti del tribunale di Temuco.
Nei documenti del tribunale, ho una madre.
Una madre che mi tradisce.

Avevo 44 anni quando ho fatto il test del DNA,
poi ho capito che sono mapuche.
Vengo da un popolo indigeno.

Per essere un figlio di popoli indigeni,
questo dettaglio è qualcosa che qualcuno ha dimenticato di menzionare.
Un dettaglio non troppo importante.
O è?

Il diritto alla propria identità è un diritto di tutti?
Chi decide questo?

#adoptee #adopted #rubato #Ilegal #adoption #Cile #victim #traffico #Sverige #Adoptionscentrum #Sverige #adopterad #chileadoptionTpuTpurightchejustTP3T3Tno

Orfano Bennie

Questa serie di 50 stampe serigrafate di Benjamin Lundberg Torres Sánchez risponde alla risoluzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (12/18/19) remixando i fumetti Little Orphan Annie con l'autoritratto transnazionale adottato. Ispirato dal commento di Patricia Fronek (@triciafronek) e altri su Twitter, celebra l'appello delle Nazioni Unite per la fine degli orfanotrofi, esprimendo scetticismo su come sarà in pratica tale risoluzione. Come potrebbero trasformarsi i sistemi di adozione e affidamento (qui evocati dalla “Señora Hannigan”) mentre ci sforziamo verso l'abolizione? 

Le stampe firmate, datate e numerate costano $7 (USD) e possono essere ordinate tramite e-mail benjofaman@gmail.com. I fondi sosterranno la futura adozione dell'abolizione dell'arte e dell'agitprop. Per ulteriori informazioni sul mio lavoro, visita jointhebenjam.org

NAAM 2019 AdopteeVoices #10

All'ICAV, abbiamo invitato i membri a condividere durante il National Adoption Awareness Month ciò che vorrebbero far sapere al pubblico. Ecco un altro di ciò che alcuni dei nostri membri sono felici di condividere.

Credo che il mondo abbia bisogno di sapere che l'adozione avviene perché la società è rotta e da questo mondo rotto nasce il BISOGNO per l'adozione. Se solo potessimo eliminare la necessità dell'adozione, risolveremmo molti dei problemi del mondo. 

L'unico modo per fermare l'adozione è rimuovere il BISOGNO per l'adozione e affrontare le cause come aiutare finanziariamente le madri single a poter crescere il loro bambino.

Alcune madri non stanno abbastanza bene per crescere il loro bambino e ci sono molte altre cause che creano bisogno di adozione.

di Tim Kim

Le famiglie che si uniscono attraverso l'adozione meritano gli stessi diritti, privilegi e sicurezza delle famiglie biologiche, inclusa la cittadinanza e la nazionalità, che sono i diritti umani fondamentali di tutti gli individui.

La cittadinanza è fondamentale per la stabilità economica, la conservazione della famiglia e la legittimità sociale.

È necessaria una legislazione per garantire che i diritti di cittadinanza siano applicati equamente a tutti i figli di cittadini americani.

Adottivi che si uniscono alle famiglie americane da bambini, crescono con i valori americani e contribuiscono in ogni modo alle comunità della nostra nazione.

La parità di diritti di cittadinanza rafforzerà anche i nostri valori nazionali consentendo agli adottati di partecipare pienamente alla democrazia americana.

di Gioia Alessi, Condirettore di Campagna per i diritti degli adottati

Adozione: ordinata e ordinata? Non così tanto!

Ciao a tutti. Il mio nome è Jessica Davis. Mio marito ed io abbiamo adottato dall'Uganda nel 2015. Vorrei condividere i miei pensieri riguardo a un ricordo apparso sulla mia timeline di facebook.

Se hai familiarità con timehop su facebook, sai che quasi ogni giorno una foto, un video o un post del tuo passato apparirà sulla tua timeline dandoti l'opportunità di riflettere e condividere. Bene, oggi questa è la foto che mi è venuta fuori.

Quattro anni fa, abbiamo scoperto che il visto di Namata era stato approvato per venire in America con noi. Come occidentali, tendiamo ad amare immagini come questa quando si tratta di adozione e in qualche modo è comprensibile. Se Namata avesse davvero avuto bisogno di essere adottata, sarebbe stata sicuramente una foto per cui valeva la pena emozionarsi!

Il problema è che troppo spesso vogliamo che le cose siano proprio come questa immagine. Tutti sorridenti e le cose impacchettate pulite e ordinate. Ma nella vita reale, anche in questo momento qui raffigurato, le cose non sono sempre come sembrano. Adam ed io eravamo decisamente felici in questo momento e pronti per essere a casa e iniziare la nostra vita insieme, e fuori anche Namata lo era. Ma dentro di sé, stava per lasciare tutto e tutti quelli che le erano familiari, per ragioni da cui era troppo sopraffatta anche solo per mettere in discussione. Per fortuna, nel corso dell'anno successivo è stata in grado di esprimere ad Adam e a me le sue domande su come è stata adottata. Per fortuna, io e Adam non siamo andati a cercare le risposte che noi ricercato ascoltare. Abbiamo scelto una strada sicuramente piena di incertezze, ma che speravamo ci avrebbe portato alla verità. Namata se lo meritava!

L'adozione internazionale non dovrebbe mai riguardare il fare una buona azione nel mondo o diventare mamma o papà. Sì, queste ragioni sono normali e di solito sono la base per iniziare il processo, ma nel momento in cui si inizia il processo di adozione, dobbiamo riconoscere che quei sentimenti riguardano tutti i genitori adottivi e non il bambino o i bambini che speriamo adottare. L'adozione per loro deriva da una completa perdita di tutto e di tutti coloro che sono loro familiari. Riconoscere questo è vitale per un sano processo di adozione. Sono convinto che noi, come società, abbiamo adottato tutto per diventare una famiglia. Quando facciamo questo, tendiamo a vedere l'adozione in questa luce felice che non consente all'adottato la libertà di esprimere ciò che l'adozione è in realtà per loro - perdita. Non ci dovrebbe essere assolutamente alcuna attenzione a diventare "mamma" o "papà". Mentre credo che possa diventare un risultato naturale attraverso uno scenario di adozione sano, credo che debba arrivare quando, e solo se, il bambino sente quella connessione.

Mi viene spesso chiesto come Adam e io abbiamo fatto quello che abbiamo fatto quando abbiamo deciso di riunire Namata con la sua famiglia in Uganda. Sebbene ci siano diversi fattori che hanno contribuito a fare ciò, il motivo principale era che io e Adam ci eravamo entrambi impegnati a soddisfare le esigenze di Namata. Scoprire che aveva una madre amorevole e una famiglia da cui era stata illegalmente portata via, ha preso la decisione per noi. Come genitore non avrei mai potuto vivere con me stesso sapendo che stavo contribuendo al buco delle dimensioni dell'Uganda nel cuore di Namata. La sua famiglia e la sua cultura non avrebbero mai dovuto essere portate via da lei in primo luogo. Sono eternamente grato ora guardando indietro che anche nel mezzo del nostro dolore per la perdita di una delle bambine più incredibili che abbia mai incontrato, ci è stata data l'opportunità di sistemare le cose!

Attualmente, non esistono precedenti legali per situazioni come la nostra. Ci sono bambini qui in America che sono stati rapiti, alle loro famiglie mentite e le loro adozioni prodotte da tangenti e manipolazione. Ci sono famiglie in Uganda e in tutto il mondo che sperano ogni giorno di vedere i propri figli, fratelli, nipoti, nipoti. Un modo per affrontare questa follia è lottare per la riforma delle leggi sull'adozione internazionale. Un altro modo è quello di aiutare a cambiare la narrativa dietro l'adozione internazionale. All'interno delle nostre chiese, circoli sociali e luoghi di lavoro, dobbiamo riconoscere che l'adozione internazionale si è infiltrata con denaro e avidità. Quando leggiamo il statistiche che dicono che 80-90% di bambini negli orfanotrofi all'estero hanno famiglie, dobbiamo fare di più per assicurarci di non contribuire a un sistema che sta effettivamente facendo a pezzi le famiglie. Ci sono molti gruppi di Facebook e siti web che approfondiscono le complessità dietro l'adozione internazionale. Unisciti a questi gruppi e visita queste pagine per imparare. Appello ai legislatori per il cambiamento e diventa una persona che si erge contro questi orribili errori giudiziari.

Di jessica

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%