Suicidio tra adottati

di Hilbrand Westra, nato in Corea del Sud e adottato nei Paesi Bassi, fondatore di Adoptee & Foster Care (AFC) Paesi Bassi

ATTENZIONE AL SUICIDIO TRA GLI ADOTTATI

Cinque volte superiore alla media

Quasi nessuno vuole davvero saperlo, e le persone non ne parlano facilmente, per non parlare dell'attenzione degli adottati quando succede. Solitamente l'attenzione va ai genitori #adottivi e gli adottati sono spesso soli sotto la pioggia.

La scorsa settimana è stato presentato il libro della madre adottiva Rini van Dam #donderdagen in Sneek. Le introduzioni dei relatori si sono giustamente concentrate sull'autore, ovviamente, ma uno degli argomenti per cui è stato creato il libro è stata la morte di Sannison. Un'adottata coreana che ha posto fine alla sua vita prima dei 17 anni e il suo servizio funebre è stato il cinque novembre, il mio compleanno. Aveva appena rotto con un compagno adottato poco prima. Era il 1991, l'anno in cui l'associazione per i coreani adottati, Arierang, tenne il suo primo grande incontro nazionale. L'anno in cui gli amori sono sbocciati e allo stesso tempo sono esplosi. L'anno in cui mi sono reso conto di cosa e dolore e dolore erano in agguato sotto tutti noi.

Due anni dopo, Julia, una coreana adottata dal Belgio che ha lasciato la vita poco prima di compiere 21 anni, è morta e il suo servizio funebre è stato il 5 novembre, il mio compleanno. I suoi genitori adottivi, tuttavia, non volevano adottati al servizio funebre.

Alcuni anni dopo, avrei perso mia sorella, Joo Min, mentre era di stanza come soldato delle Nazioni Unite in Bosnia. Non sappiamo davvero perché abbia scelto di salvare due ragazzi nella loro caduta nelle Alpi francesi italiane quando doveva aver saputo che le sarebbe stato fatale lei stessa.

Ieri mi è tornato in mente quanto sopra. Un confronto doloroso ma forse il più necessario con la mia storia personale per imparare attraverso questa dura strada che non riuscivo più a distogliere lo sguardo dal mio sviluppo interiore. Da allora, ho lavorato duramente per la sofferenza degli adottati in tutto il mondo. Ma invece di lodi e sostegno, ho ricevuto minacce e genitori adottivi arrabbiati sul mio cammino. Alcuni hanno persino minacciato di volermi uccidere. Ma anche gli adottati arrabbiati e gli scienziati di #, soprattutto dai Paesi Bassi, hanno cercato di togliere il mio messaggio dall'aria. Fino a quando la ricerca svedese di Anders Hjern, Frank Lindblad, Bo Vinnerljung è uscita nel 2002 e ha confermato le mie esperienze e sospetti.

Il trauma esistenziale del suicidio mostra una relazione con il processo di lacerazione creato dalla rinuncia e #adoption. Da allora, tali risultati sono emersi in tutto il mondo tranne che nei Paesi Bassi. Ai Paesi Bassi piace ancora indulgere nella storia di Walt Disney e qualsiasi rumore contrario su questo fenomeno viene opportunamente respinto dalla ricerca statistica, che, sebbene accreditata Evidence Based, riesce a respingere convenientemente questo problema.

La scienza preferisce lasciare a se stessi la sofferenza di molti adottati perché ciò che non compare nelle statistiche non esiste secondo il governo e le agenzie di adozione.

Originale in olandese

AANDACHT VOOR #ZELFDODING ONDER #GEADOPTEERDEN

Vijf keer hoger dan gemiddeld

Bijna niemand wil het echt weten, en men spreekt er niet makkelijk over, laat staan dat de geadopteerden de aandacht krijgen als het gebeurt. Meestal gaat de aandach naar de #adoptieouders en staan de geadopteerden vaak alleen in de regen.

Gisteren era de boekuitreiking van het boek #donderdagen van adottatimoeder Rini van Dam in Sneek. De inleidingen van sprekers waren natuurlijk terecht gericht op de schrijfster, maar een van de onderwerpen waarom het boek is ontstaan is de dood van Sannison. Een mede Koreaanse geadopteerde die voor haar 17e een eind maakte aan haar leven en haar rouwdienst was op vijf novembre, mijn verjaardag. Ze aveva kort daarvoor net de prille verkering met een medegeadopteerde uitgemaakt. Era il 1991, het jaar dat vereniging voor geadopteerde Koreanen, Arierang, haar eerste grote landelijke bijeenkomst achter de rug had. Het jaar waar zowel liefdes opbloeiden, maar ook uit elkaar spatten. Het jaar dat ik mij gewaar werd welk en pijn en verdriet onder ons allen schuil ging.

Twee jaar later, overleed Julia, een Koreaanse geadopteerde uit België die net voor haar 21e het leven verliet en haar rouwdienst was op vijf novembre, mijn verjaardag. Haar adoptieouders echter wilden geen geadopteerden bij de rouwdienst.

Enkele jaren più tardi zou ik mijn eigen zus, Joo Min, verliezen terwijl ik gestationeerd era als VN soldaat in Bosnia. Weten niet echt waarom ze verkoos om twee jongens in hun val in de Frans Italiananse Alpen te redden terwijl ze geweten moet hebben dat het haar zelf noodlottig zou worden.

Gisteren werd ik aan het bovenstaande herinnerd. Een pijnlijke, maar wellicht de meest noodzakelijke confrontatie met mijn persoonlijke historie om via deze harde weg te leren dat ik niet langer weg kon kijken van mijn innerlijke ontwikkeling. Sindsdien heb ik mij hard gemaakt voor het leed van geadopteerden over de hele wereld. Maar inplaats van lof e understeuning ontving ik bedreigingen en boze adoptieouders op mijn pad. Sommigen dreigden mij zelfs om te willen brengen. Maar ook boze geadopterden en #wetenschapper, vooral uit Nederland, probeerden mijn boodschap uit de lucht te halen. Totdat het Zweedse onderzoek van Anders Hjern, Frank Lindblad, Bo Vinnerljung nel 2002 è stato scritto in diversi passaggi.

Het existentiële trauma tot zelfdoding laat een relatie zien met het verscheurende proces dat ontstaat door afstand en 1TP4Adoptie. Sindsdien zijn over de hele wereld dergelijke uitkomsten opgedoken behalve in Nederland. Nederland laaft zich nog graag aan het Walt Disney verhaal en elk tegengesteld geluid over dit fenomeen wordt handig weggewerkt door statistisch onderzoek, dat weliswaar Evidence Based geaccrediteerd is, maar dit onderwerp handig weet weg te werken.

De wetenschap laat het lijden van veel geadopteerden liever aan henzelf over want wat niet in de statistieken opduikt bestaat niet volgens de overheid en de hulpverlening.

risorse

ICAV Pagina commemorativa con collegamenti Suicide Awareness e altre risorse su questo argomento

Perché gli Intercountry Adoptees vogliono conoscere le loro origini?

Il desiderio di conoscere le mie origini è un bisogno umano innato e fondamentale (e giusto).

Il mio bisogno di conoscere le mie origini è simile al tuo bisogno di respirare l'aria che ti tiene in vita.

respiro d'aria di Tim Kakandar

Sappiamo che le nostre origini sono importanti solo quando non le abbiamo o non vi accediamo. Per chi come me, questa è la nostra esperienza quotidiana vissuta!

Come adottato all'estero, vivo tutta la mia vita cercando di scoprire da chi vengo e perché sono stato abbandonato/rubato.

È davvero difficile sapere come andare avanti nella vita se non so come e perché mi sono trovata in questa situazione innaturale. 

La mia vita non è iniziata con l'adozione! Ho una storia genetica, generazioni di persone prima di me che hanno contribuito a quello che sono.

Non possiamo fingere in questo mondo di adozione e formazione familiare che la genetica non abbia importanza, lo fa – in modo significativo; Non sono una tabula rasa su cui imprimere; ci sono conseguenze a questa pretesa e si vede nelle statistiche del nostro tassi più elevati di suicidi tra i giovani adottati!

Una delle esperienze più condivise tra gli adottati con cui mi connetto è il tema del "sentirsi soli", "come un alieno" e tuttavia gli esseri umani non sono fatti per essere isolati. Siamo esseri sociali che desiderano la connessione.

La separazione dalle mie origini naturali e la conoscenza di queste, mi ha lasciato disconnesso e perso in modo fondamentale.

La mia vita è stata spesa cercando di riconnettermi, prima con il mio io interiore, poi con il sé esteriore e con coloro che mi circondano, alla ricerca di un senso di appartenenza.

Come adottato, mi possono essere date tutte le cose materiali del mondo, ma non ha riparato il buco che sente la mia anima, quando non ha nessun posto e nessuno a cui appartenere, naturalmente.

La mia famiglia sostitutiva non equivaleva a un naturale senso di appartenenza.

Ho cercato le mie origini perché i miei sentimenti innati e l'esperienza di isolamento e perdita mi hanno spinto a scoprire da dove vengo e a dare un senso a come sono arrivato qui.

Questo è stato condiviso da Lynelle Long al webinar del 1 luglio: Il diritto del bambino all'identità nell'accoglienza eterofamiliare.

Dobbiamo parlare del suicidio degli adottati, ora

di Lina Vanegas adottato dalla Colombia negli USA, RSU.

È imperativo iniziare a parlare apertamente e onestamente del suicidio degli adottati. Gli adottati hanno 4 volte più probabilità di tentare il suicidio. Questo è un numero allarmante e la maggior parte delle persone non è nemmeno a conoscenza di questo fatto. Troppi adottati sono morti e stanno morendo. Gli adottati non sono visti come un gruppo emarginato. La nostra esperienza vissuta di vulnerabilità e di esposizione a traumi complessi non è riconosciuta dalla società. Gli adottati sono considerati "fortunati", "salvati/salvati", a cui è stata data una "vita migliore" e molti si aspettano che siamo grati che è davvero la narrativa che dobbiamo smantellare affinché la società ci veda, ci convalidi, ci sostenga e creare un mondo inclusivo, sicuro e affermativo per gli adottati.

Il suicidio è un argomento così scomodo e difficile da discutere. La società tende ad evitare le conversazioni quando sono a disagio. Il cambiamento e la crescita avvengono dal disagio. La comunità ha bisogno di appoggiarsi rapidamente a queste conversazioni perché gli adottati stanno morendo. Il disagio che provano i membri della comunità è nulla in confronto al dolore immenso, alla solitudine, alla tristezza che provano le persone che contemplano il suicidio, tentano il suicidio e muoiono per suicidio. Anche le persone che hanno perso una persona cara a causa del suicidio provano molto dolore.

Le nostre conversazioni sul suicidio degli adottati devono essere inquadrate per i membri della comunità sul fatto che essere separati dalle nostre madri è un trauma che può predisporci a problemi di salute mentale come PTSD, depressione, suicidio e anche dipendenza, disturbi alimentari, autolesionismo e tossici. relazioni. Una volta che le persone saranno in grado di cogliere il trauma della separazione, penso che saranno in grado di capire come predispone gli adottati alle lotte per la salute mentale. C'è un conflitto tra ciò che le persone sentono sull'adozione e credono che sia vero e la realtà dell'adozione. Una volta che le persone apprendono la realtà dell'adozione, penso che sarà più facile per loro comprendere la crisi di salute mentale che stanno vivendo gli adottati.

Per supportare gli adottati, abbiamo bisogno di membri della comunità che comprendano gli adottati. I membri della comunità devono capire che i sintomi che vedono negli adottati che sono legati alla salute mentale sono molto spesso il risultato del nostro trauma. Se le persone possono capire questo, penso che l'empatia e la comprensione nei confronti del suicidio degli adottati saranno molto maggiori. Anche gli adottati devono essere compresi in ogni sistema e istituzione in modo che possano essere visti e aiutati. Ad esempio, se un adottato va in un ospedale psichiatrico o in un pronto soccorso perché ha tentato il suicidio o ha un piano di suicidio e i fornitori non capiscono il trauma dell'adozione, allora non c'è modo che possano aiutare l'adottato con il loro trauma. Molto probabilmente il fornitore diagnosticherà e prescriverà farmaci all'adottato. Questo non farà nulla per aiutare l'adottato ad affrontare il trauma e iniziare a guarire.

Sarebbe utile se ci fossero gruppi di supporto per adottati che fossero prontamente disponibili e pubblicizzati. Molti di noi fanno parte di questi gruppi, ma generalmente funzionano attraverso il passaparola. Sarebbe fantastico se i professionisti del settore della salute mentale facessero più ricerche sugli adottati. Abbiamo bisogno che la Fondazione americana per la prevenzione del suicidio faccia ricerche specifiche sugli adottati. La ricerca sarebbe quindi in grado di informare la consapevolezza, l'educazione, la prevenzione e il supporto intorno al suicidio degli adottati. È importante che vengano valutate le barriere per gli adottati che cercano aiuto medico, mentale, terapeutico o psichiatrico e quindi si trovino soluzioni per rendere le cose più affermative, inclusive e sicure per gli adottati. Se gli adottati non cercano aiuto, non saranno in grado di ricevere aiuto e vogliamo assicurarci che cerchino aiuto quando necessario e che sia facilmente accessibile. Ad esempio, è molto stimolante e spaventoso andare dal medico senza una storia medica ed è un enorme innesco che viene chiesto ogni volta: "Hai aggiornamenti sulla tua storia medica familiare?" o "Qual è la tua storia familiare?". È anche stimolante ascoltare i commenti dei fornitori sull'adozione quando diciamo ai fornitori che siamo stati adottati. Ho parlato con molti adottati che mi hanno detto che evitano il medico per questi motivi. Anch'io ho evitato gli appuntamenti perché può essere molto stimolante e faticoso spiegarmi continuamente ed essere al posto di dover sentire come se dovessi educare il fornitore. A volte i fornitori sono ricettivi e altre volte sono molto condiscendenti, il che aggiunge molto a una situazione già scatenante. Questo tipo di interazione negativa può essere un deterrente per qualsiasi adottato che cerchi ulteriori cure.

Foto: Consiglio del Queensland

 Sarebbe fantastico se ci fosse una linea di crisi per gli adottati. Una linea di crisi sarebbe molto valida perché l'adottato non avrebbe bisogno di spiegare se stesso o l'adozione. Gli adottanti hanno bisogno di risorse e supporto che siano sicuri, inclusivi e affermativi. A volte le persone si sentono più a loro agio a inviare SMS o a prendere il telefono piuttosto che andare di persona o partecipare a una chiamata virtuale con zoom. Sarebbe anche molto utile se quando vengono registrati i decessi per suicidio, che lo stato di adozione della persona sia incluso nei dati. Le informazioni potrebbero essere ulteriormente suddivise per includere la razza, l'adozione domestica o internazionale transrazziale o l'esperienza di affidamento. Questo ci darebbe un'idea di come meglio modellare la consapevolezza, l'educazione, il sostegno e la prevenzione. Ci darà anche statistiche più accurate sul suicidio degli adottati.

Uno dei modi in cui la comunità può supportare gli adottati che vivono con una perdita per suicidio sarebbe quello di comprendere prima l'adozione e il trauma e come i tentativi di suicidio e le morti siano alti nella comunità. Sarebbe un enorme passo avanti per gli adottati per sentirsi visti e ascoltati. È così doloroso passare attraverso una perdita suicida e sarebbe estremamente valido essere compreso. Sperimentare la perdita per suicidio come adottato può far emergere molti argomenti simili con cui si può lottare intorno all'adozione come l'abbandono, l'indegnità o il non essere abbastanza bravi, il dolore, il trauma, la perdita, il sentirsi soli e molte altre cose.

Per le famiglie che hanno perso un adottato a causa del suicidio, sarebbe anche utile per la comunità comprendere l'adozione, il trauma e i tassi allarmanti di suicidio. Le famiglie dovrebbero anche avere a disposizione servizi di supporto che dovrebbero includere fornitori di servizi di salute mentale e gruppi di supporto competenti per l'adozione e informati sul trauma. Abbiamo tutti bisogno e meritiamo supporto per affrontare la perdita dei suicidi.

Sarebbe bello avere membri della comunità in grado di supportare gli adottati e i familiari che stanno vivendo un suicidio, ascoltandoli senza giudizio. La perdita per suicidio per un adottato è super complicata perché abbiamo già sperimentato così tante perdite e questo è un altro trauma che può essere molto scatenante. Come sopravvissuto a un suicidio, apprezzo davvero chiunque sappia ascoltare senza giudizio. È essenziale non fare domande come, perché sono morti, come sono morti, sapevi che erano depressi, se hanno lasciato un biglietto d'addio. Ancora una volta, ascoltare è davvero la cosa più valida e importante che le persone possono fare l'una per l'altra. Se non capiamo il suicidio, allora dovremmo fare la nostra parte per educarci leggendo, ascoltando blog e partecipando agli eventi. Non dovremmo chiedere a qualcuno che ha appena perso qualcuno per suicidio di fare il lavoro emotivo di educarci. Sono in lutto e hanno bisogno del nostro sostegno.

Dobbiamo iniziare a parlare del suicidio degli adottati adesso. Non sta andando via e i numeri sono allarmanti. Se creiamo consapevolezza ed educazione nella nostra comunità, porterà a un mondo più inclusivo, affermativo e sicuro per gli adottati. Troppi di noi stanno morendo o sono morti. Se ci sentiamo al sicuro e a nostro agio, incoraggio le persone ad avere queste conversazioni con gli altri quando arriva il momento. Ogni conversazione può essere utile ed è un'opportunità per piantare semi, creare cambiamento, educare, creare consapevolezza, parlare di prevenzione e iniziare ad affrontare il tema del suicidio degli adottati che porterà a salvare vite umane. Mi piacerebbe vivere in un mondo in cui le statistiche sui suicidi per gli adottati sono notevolmente ridotte e idealmente inesistenti. 

Leggi la prima parte della serie suicida di Lina: Affrontare la perdita del suicidio dell'adozione

Altre risorse sul suicidio degli adottati

Affrontare il suicidio dell'adottato
Pagina commemorativa dell'ICAV
Giornata della memoria degli adottati
È una settimana nera per gli adottati in Europa

Italiano
%%piè di pagina%%