Gabby Malpas sul razzismo

Il 3 aprile 2022, un gruppo di 19 adottati internazionali australiani ha partecipato a una consultazione dell'ICAV per la Commissione australiana per i diritti umani (AHRC) che hanno sviluppato un Carta concettuale per un Quadro nazionale contro il razzismo. We believe intercountry/transracial adoptees are under represented in race discussions in almost every adoptive country and wanted to make sure we had a say. Gabby’s input below is included in our full papers qui which we submitted to the AHRC.

di Gabby Malpas, born in New Zealand of Chinese origins and transracial adoptee, ICAV Representative, artist at Gabby Malpas.

Colourblind by Gabby Malpas; watercolour painting

I was born in 1966 in Auckland New Zealand. I am 100% Chinese and at the time of writing, I am 56 years old. I started coming out of the adoption fog at 48 years of age, after meeting my birth mother in 2004. It seems old but to clarify, at 48, I finally connected with other Asian adoptees and found validation, support and the language to express my feelings around my life experience.

I have a huge respect for parents. I am a step parent but have not done the heavy lifting that parents do. It’s hard being a parent. Throw adoption or fostering into the mix and that becomes very hard. Throw transracial adoption into that mix and the challenges become even more so. These are my thoughts around racism. All of our experiences are different.

I am very happy. I see the value of good relationships with friends, peers and family, and acknowledge that all of us have experienced trauma at some point in our lives. However, I have struggled with racism my entire life with my difference pointed out almost daily by classmates, co-workers and friends. Not too regularly, I have also been attacked and harassed on the street and was bullied badly throughout my school years.  Jokes and micro-aggressions seem harmless and it took me decades to understand why I was constantly angry: an innocent question about my name/my origins/my nationality seems innocuous, but day after day, often from complete strangers makes a person exhausted, wary and sad/angry. I often withdraw.

I have this to say – I could not tell you this at age 12, 18, 25, 30 or even 40. It took decades to begin to process, understand and articulate what I am feeling.

Dear adoptive parents

Here is what I would like you to know about my life experience as a transracial adoptee:

  • Please understand my life experience is, was and will always be different to that of my white peers, siblings and parents. Like it or not, quite often we transracial adoptees are treated very differently to our white siblings and peers. I noted a big change in people’s behaviour towards me when they saw one of my parents come into view. Racists are sneaky – they are not going to say stuff with you around. And it comes in many subtle forms: how many brown kids are watched like a hawk as soon as they enter a store? How many brown girls are told they talk too much or are too loud/naughty when their white classmates are termed ‘enthusiastic’ or ‘confident’ for the same behaviour?
  • I was raised colourblind. It was the 60s, 70s and 80s. We knew no better. I was 55 years old when the penny finally dropped about my own family’s response to my experience with racism. An older sister said, “But we just assumed you were one of us,” (therefore, it was impossible for you to experience racism). Another piece of the puzzle solved. However, my 7 year old me would not thank my family for the dismissal, harsh words or outright denial that anything had taken place. Things are different now. We have resources and so much information available.
  • If you are triggered by the terms: white privilege, white fragility and wilful ignorance then think long and hard before adopting a child of different race to you. We are looking to you to teach us, to have our backs and stand up for us. And this includes your circle of friends, your own family and peers. I was raised in the age where children were seen and not heard. I accepted outright racist comments/acts from neighbours, friends, extended family, and later, colleagues because I felt that it was my lot or I was undeserving of better. But think about what that does to someone over a lifetime! Is it any wonder that we adoptees are 4 times more likely to have substance abuse or suicide? Let’s try to change that.
Ching Chong by Gabby Malpas, watercolour painting
  • Believe us. I was 5 or 6 years old when I reported my first racist incident to my parents (and this was because I was scared. I didn’t report the ‘ching chong’ chants, the pulling back of eyes and harsher treatment by certain nuns because I was brown and clearly born of sin – those were a daily occurrence). Two much larger and older boys cornered me and pulled down my pants to see if ‘my bum was the same as the other girls’. Horrific and it still haunts me to this day. In response to sharing what happened, I was punished and told not to lie. So I stopped. It was clearly not safe for me to speak up and I didn’t want to be punished for it (to be fair I think it was the mention of private parts that had them more outraged). I left NZ for good in 1988. I put distance between myself and my family because of the above and some bonds were sadly broken for a while. Do you want this for your own family? If your children do not trust you to have their back they may be reticent to report more serious stuff like abuse, bullying and even date rape/domestic violence.
  • Just because we don’t tell you doesn’t mean it doesn’t happen. I finally found the courage to speak up in the last two years. I cut friends, extended family members and suppliers for my own mental health and sanity but also I finally understood that I didn’t have to engage with such people.
  • Words hurt. And the hurt lasts a lifetime. So those jokes you make about other races — their food, shopping habits, hoarding, driving skills … all those lazy stereotypes that the Australian media like to peddle – well, your kids are listening.  When we see racist incidents reported be dismissed or downplayed by the media (especially if it is a footy star/ celebrity accused), how do you think that makes us feel?  We don’t need to hear:
    ‘They weren’t racist to me – are you sure it happened?’
    ‘What did you do to make them act in this way?’
    ‘Rise above it!’
    ‘Ignore it!”
    ‘Can’t you take a joke?’
    ‘I’m sure Xxxx didn’t mean to be offensive…’
    This ain’t it. Do better.
  • Quite often we are rejected by our own race – we are seen as ‘too white’, too culturally ignorant, and our names are white. This can be very confronting.
    We grow up, study, work and socialise generally in white spaces. We adapt to our environments to fit in but can be treated very harshly by our own race because of this.  A heritage camp and trip once a year can’t help with this and if we are living in a white country – it is understandable that we just want to fit in/fade into the background like everyone else. But we can’t. Don’t shame us for trying to survive in our own environments.
  • Racism is hard to process when the perpetrator looks like a member of your own family. An Asian child who grows up with their own cultural background watches how their parents react and behave when they are faced with racist incidents. They see how their parents behave and speak to the offender. Nothing may be said but there is a shared experience within the family and younger members can learn from their elders – and even grow up to challenge passive responses.

Check out Gabby’s amazing Art Mentoring that she does as a volunteer with younger Chinese adoptees.

Essere veramente visto come un adottato filippino

di Arlynn Hope Dunn, adottato dalle Filippine negli USA; presentato al 16a consultazione globale filippina sui servizi di assistenza all'infanzia il 24 settembre 2021.

Mabuhay e buongiorno! Mi chiamo Hope e mi unisco a te da Knoxville, Tennessee, nel sud-est degli Stati Uniti. Ringrazio ICAB per avermi invitato a far parte della Consultazione Globale sull'adozione internazionale. Sono grato di accedere alle risorse post-adozione dell'ICAB, che sono state significative nel mio processo di riconnessione con la mia famiglia d'origine. Sottolineo che la mia storia e la mia riflessione oggi sono mie e non parlo per le esperienze vissute di altri adottati. Spero che tutti coloro che ascoltano le nostre testimonianze oggi siano aperti a varie prospettive sull'adozione poiché ci influenzano nel corso della nostra vita.

I miei inizi

Sono nata a Manila nel dicembre 1983 e nel luglio 1984 sono volata dalle Filippine con la mia assistente sociale, per incontrare i miei genitori adottivi e la sorella di sei anni che è stata adottata dalla Corea. Avevamo una vita suburbana idilliaca e tranquilla, mia madre era una casalinga e mio padre era un geologo, che viaggiava spesso per il paese. La nostra famiglia molto probabilmente si sarebbe trasferita a ovest per ospitare il lavoro di mio padre, ma non abbiamo mai lasciato il Tennessee. Mio padre aveva il diabete giovanile e sviluppò la polmonite e morì tre giorni prima del mio primo compleanno. Mia madre, una sopravvissuta alla poliomielite, che l'ha lasciata senza l'uso del braccio destro, è diventata improvvisamente una madre single di due bambini piccoli senza parenti vicini. Il dolore irrisolto per la perdita di mio padre si è riverberato per anni nella nostra famiglia attraverso il ritiro emotivo di mia sorella, che era molto vicina a nostro padre... e mia sorella. Quanto a me, ho oscillato dal ruolo di comico per assorbire le tensioni tra mia sorella e mia madre all'autoregolazione delle mie emozioni accumulando cibo da bambino e imbottigliando le mie emozioni, per rendermi scarso e piccolo. Mentre sono cresciuto in una casa che ha verbalizzato l'amore, ora riconosco i modelli di abbandono e codipendenza che hanno avuto un impatto sul mio sviluppo. Sono anche cresciuto nell'era dei primi anni '90, dove le norme sociali e i media rafforzavano il daltonismo piuttosto che offrire la razza come un'opportunità per discutere e celebrare la diversità culturale unica. 

A differenza delle grandi comunità filippine in California, c'era poca diversità dove sono cresciuto, poiché la maggior parte della mia scuola e comunità era bianca con alcuni studenti neri. Ero uno dei tre studenti asiatici e siamo stati tutti adottati. Piuttosto che gravitare l'uno verso l'altro, ci siamo appoggiati a diversi gruppi di amici come parte naturale dell'assimilazione. Di noi tre, ero più tranquillo e dolorosamente timido, il che mi rendeva un facile bersaglio di bullismo. All'età di sette anni, sono stato chiamato la parola "N" sullo scuolabus. Mi è stato detto che mia madre mi ha partorito in una risaia. Ironia della sorte, al ritorno dell'anno scolastico in autunno, le ragazze si accalcavano per toccarmi la pelle e chiedermi come facevo a diventare così scuro. A quei tempi, ero così orgoglioso della mia pelle scura e non ho mai imparato a conoscere il colorismo fino a quando non ero un adulto. Alla fine il bullismo è diminuito fino a dopo l'attacco alle torri gemelle dell'11 settembre 2001, quando il razzismo è riapparso e un altro studente mi ha detto di farmi saltare in aria con il resto della mia gente. In risposta, la mia insegnante mi ha fatto abbracciare l'altro studente perché a 17 anni “era solo un ragazzo”. La risposta della mia famiglia è stata di ricordarmi che sono americano come se solo quella fosse una corazza sufficiente per resistere e deviare la violenza verbale. Ho interiorizzato così tanta vergogna di essere diverso, che ho equiparato a meno di, che sono diventato complice della mia stessa cancellazione culturale e del crollo dell'autostima.

Giovani adulti

Da giovane adulto, ho lottato con le pietre miliari che venivano naturalmente ai miei coetanei. Ho fallito la maggior parte delle lezioni al liceo, ma al mio preside piacevo e mi ha permesso di laurearmi in tempo. Ho lasciato il college senza una visione di chi volevo essere entro i 21 anni. Ho concluso una relazione e un fidanzamento di sei anni e non sono riuscito a mantenere un lavoro entro i 23. Ero attivo nella chiesa evangelica ma gli anziani mi hanno detto che il mio la depressione e l'idea suicidaria derivavano dalla mia mancanza di fede. Alla fine, ho acquisito esperienza lavorando con i bambini. Sono tornato al college all'età di 27 anni mentre svolgevo più lavori e sono stato accettato nel programma di assistente di terapia occupazionale, dove ho acquisito strumenti per la salute mentale e in seguito mi sono laureato con lode e ho pronunciato il discorso di laurea.

Come sfogo dal mio intenso programma universitario e lavorativo, mi piaceva andare al cinema da solo e nel 2016 ho visto un film che è stato il catalizzatore per il mio viaggio alla ricerca della mia eredità.  Leone è un film sulla vita reale di Saroo Brierly, cresciuto dai suoi genitori adottivi australiani e alla fine si è riunito con la sua prima madre in India. Mentre Saroo è raccolto tra le braccia della sua prima madre, una diga di emozioni si è spezzata dentro di me, principalmente il senso di colpa per il fatto che in qualche modo avevo smarrito il ricordo della mia prima madre. Qualcosa di profondo dentro di me, risvegliato mentre assistevo a questo tiro alla fune sulle sue emozioni, recitato su uno schermo cinematografico. Ho visto uno specchio che mi illuminava mentre correva interferenza tra due mondi che raramente lo vedevano e le complessità dell'adozione e come è stato lasciato a conciliare questo peso insopportabile da solo.

Rivendicare il mio patrimonio filippino

Ho iniziato il mio viaggio per reclamare la mia eredità filippina attraverso il mio nome. Negli ultimi quattro anni, sono passato dal mio nome adottivo Hope al mio nome di nascita Arlynn, che in gaelico significa "giuramento, impegno". Mi sembra di poter tornare a qualcosa che ora so per certo mi è stato dato dalla mia prima madre. Prima di iniziare formalmente la mia ricerca nella mia storia, l'ho detto a mia sorella, che ha sostenuto la mia decisione. Passarono diversi mesi prima che chiesi a mia madre se conosceva altri dettagli sulla mia famiglia d'origine oltre alla corrispondenza che mi aveva dato in un raccoglitore. Sentivo di dover proteggere i suoi sentimenti come se il fatto di voler sapere improvvisamente della mia prima famiglia l'avrebbe ferita. Mi ha detto che non c'erano altre informazioni. Più tardi, avrei scoperto che era una bugia.

Per tutta la vita, mia madre ha continuato a lottare con il suo uso improprio dei farmaci antidolorifici prescritti. Da bambina, ricordo che mia madre mi faceva notare quali flaconi di medicinali usava nel caso non si fosse svegliata per farmi chiamare la polizia. A volte, dormivo sul pavimento vicino alla sua stanza per assicurarmi che respirasse ancora. Avevo 32 anni quando ha richiesto l'intervento ospedaliero per i sintomi di astinenza, mi ha detto nella sua rabbia che avrebbe voluto lasciarmi nel mio paese di nascita. Mi ha fatto più male che se mi avesse schiaffeggiato perché non si è mai scagliata contro la mia adozione quando ero più giovane. Sono uscito dalla sua stanza sentendomi come se avessi perso un altro genitore.

Alla fine, la casa della mia infanzia è stata venduta e mia madre è andata in una casa di cura per cure a seguito di un'emorragia cerebrale. Mia sorella ed io abbiamo recuperato la cassetta di sicurezza di nostra madre presso la sua banca locale, che a mia insaputa conteneva il mio caso di studio completo. Mia sorella mi ha detto che non avrei mai dovuto saperlo e nostra madre le ha fatto promettere di non dirmelo, quando era più piccola. Mi sono seduto da solo nella mia macchina singhiozzando mentre leggevo il nome del mio primo padre per la prima volta poiché non era elencato sul mio certificato di nascita, al quale ho sempre avuto accesso crescendo. Descriveva in dettaglio come i miei genitori avessero sette figli e cinque di loro morirono durante l'infanzia per malattia. I miei genitori si separarono mentre mio padre rimase con i figli sopravvissuti e mia madre rimase con suo nipote rifiutandosi di riconciliarsi con mio padre non sapendo che era incinta di me. Nel corso del tempo, mia madre ha cominciato a vagare lontano da casa ed è stata istituzionalizzata. Dopo la mia nascita si è allontanata di nuovo da casa e ha scoperto che cantava da sola. Dopo la mia nascita, mi è stato consigliato di essere collocato in un rifugio per bambini temporaneo poiché mia madre non era in grado di prendersi cura di me. Un'impronta viola del pollice al posto di una firma ha indirizzato il suo atto di resa per me alle autorità di assistenza sociale.

Famiglia perduta da tempo

Alla ricerca della famiglia biologica

Grazie alle risorse di ICAB e Facebook, sono stato in grado di localizzare mio fratello e mia sorella sopravvissuti e ho appreso che i miei genitori naturali sono morti. All'inizio del 2021, sono riuscito a trovare i parenti della mia prima madre, inclusa la sua unica sorella sopravvissuta. Sono ancora stupito e grato che i miei fratelli e la mia famiglia allargata mi abbiano abbracciato e io soffro dal desiderio di incontrarli, di essere toccato dalla mia gente. Prima della pandemia avevo l'obiettivo di viaggiare nelle Filippine, ma durante la chiusura dell'economia ho perso due dei miei lavori, la mia salute mentale ha sofferto dell'isolamento di vivere da solo durante il blocco e alla fine ho perso la mia casa e i soldi che è stato cresciuto da amici e famiglia per andare nelle Filippine ha dovuto impedirmi di vivere nella mia macchina, finché non fossi riuscito a stare con gli amici. Dallo scorso novembre ho potuto ottenere un lavoro a tempo pieno e quest'estate ho trovato una terapista, anche lei adottata transrazziale, che ha lavorato con me per elaborare il mio dolore e il senso di colpa del sopravvissuto. sopravvisse a molti dei miei fratelli. Mentre ricostruisco lentamente la mia vita, una rinnovata energia per tornare un giorno nella mia patria per incontrare i miei fratelli mi motiva ulteriormente.

Mentre la mia ricerca per reclamare la mia patria, la mia lingua perduta e i miei fratelli ha portato un profondo dolore, c'è stata un'enorme gioia nel connettermi con le mie nipoti che mi stanno insegnando le frasi Waray Waray e Tagalog. Ho curato i miei social media in modo che gli algoritmi mi attirino verso altri adottati, artisti, scrittori e guaritori filippini. Lo scorso dicembre ho compiuto 37 anni, la stessa età di quando mi ha partorito la mia prima madre. Il giorno del mio compleanno ho potuto incontrare un prete di Baybaylan che ha pregato su di me e sui miei antenati. Durante tutto questo tempo da quando l'ho riscoperta per caso di studio, ho cercato di affrontare il dolore e alla fine ha iniziato a piangere. Abbiamo pianto insieme e quel piccolo gesto gentile mi ha toccato così profondamente perché per la prima volta ho sentito come se qualcuno fosse seduto con me nel mio dolore, ed era così intimo perché Mi sono sentito veramente visto in quel momento e degno di amore. 

Pensieri per i professionisti dell'adozione

Le pratiche del settore delle adozioni sono cambiate drasticamente nel corso degli anni da quando sono stato adottato. Spero che le conversazioni sull'adozione continuino a spostarsi verso gli adottati per includere le nostre storie che illuminino questo ampio continuum di esperienze vissute che indicano non solo le esperienze positive o negative, ma le tengono tutte sotto una lente critica da parte dei professionisti dell'adozione. Spero che i professionisti di questo settore riconoscano e riconoscano il grado in cui il trauma della separazione precoce dei bambini dalle nostre prime madri e il ruolo dell'assimilazione e la perdita dell'associazione culturale influiscono sugli adottati. I futuri genitori sono formati in questo e anche nella consulenza sul lutto? Considera di guardare verso pratiche che assicurino la conservazione della famiglia, se possibile. Se viene concessa l'adozione, come farai a garantire che un bambino abbia le risorse per trovare una comunità se vive in luoghi non culturalmente diversi? Come troveranno la comunità? Un'ultima domanda di riflessione: quando un bambino viene abbandonato dal tuo paese, quali pratiche saranno assicurate per sostenere quell'adottato che vuole tornare nel paese di origine, senza che quella persona si senta un estraneo, un turista o un intruso?

Ho un breve video di un collage di foto che ho creato che attraversa la mia vita da quando ero bambino fino ad oggi.

Grazie mille per aver ascoltato la mia testimonianza.

Maraming Salamat po.

In memoria di Seid Visin

Di Mark Hagland, Adottato internazionale sudcoreano cresciuto negli USA, co-fondatore di Prospettive di adozione transrazziale (un gruppo di genitori adottivi per imparare dall'esperienza vissuta), e autore di Viaggio straordinario: il percorso permanente dell'adottato transrazziale

Cosa stiamo imparando

Nei giorni scorsi, da quando, il 4 giugno, è trapelata la notizia che il ventenne Seid Visin si era suicidato, la stampa italiana ed europea hanno pubblicato articoli e trasmettere segmenti sulla sua morte, con una buona dose di incredulità e confusione. Ci sono una serie di ragioni per la confusione, alcune delle quali giornalistiche - domande sulla dichiarazione che aveva apparentemente fatto un paio di anni fa al suo terapeuta, rispetto a ciò che potrebbe essere successo nella sua vita più di recente - ma soprattutto, a causa delle dichiarazioni rilasciate dai suoi genitori Walter e Maddalena.

Walter e Maddalena adottarono Seid all'età di sette anni; è cresciuto nella loro casa a Nocera Inferiore, un sobborgo di Napoli. Posso capire che sono profondamente confusi da quello che è successo; ma mi è anche chiaro che, nonostante le loro buone intenzioni, non hanno alcuna comprensione della sua angoscia per il razzismo che ha continuato a sperimentare. Ho appena visto un'intervista con un programma televisivo italiano chiamato "Approfondimento Focus", in cui continuavano a ripetere quanto fosse felice, come i suoi recenti problemi psicologici fossero collegati al blocco COVID, che incolpavano della sua recente depressione e come non aveva alcun interesse per il suo background etiope. Hanno anche ripetutamente negato che il razzismo avesse qualcosa a che fare con il disagio emotivo del figlio.

Quest'ultima serie di dichiarazioni da parte dei genitori di Seid mi ha davvero colpito in molti modi diversi, soprattutto visti gli stralci del testo di quella lettera al suo terapeuta di (apparentemente) un paio di anni fa, che sono stati rilasciati. Per questo, il Corriere della Sera ha ottenuto una lettera che Seid Visin ha scritto al suo terapeuta due anni fa, e Rolling Stone Italia l'ha pubblicata. In esso, Seid ha scritto che: "Ovunque io vada, ovunque io sia, sento il peso degli sguardi scettici, prevenuti, disgustati e spaventati delle persone sulle mie spalle come un macigno". Scriveva che si vergognava “di essere nero, come se avessi paura di essere scambiato per un immigrato, come se dovessi dimostrare a chi non mi conosceva, che ero come loro, che ero italiano, bianco." Questa sensazione lo portava a fare “scherzi di cattivo gusto su neri e immigrati (…) come a sottolineare che non ero uno di loro. Ma era paura. La paura dell'odio che ho visto negli occhi della gente verso gli immigrati”.

Come ha scritto un giornalista sportivo su Le Parisien, “La sua morte ha suscitato grande emozione in Italia. Nel 2019 il giovane ha fatto notare il razzismo di cui era vittima, scrivendo un post sui social in cui esprimeva il suo disagio. "Alcuni mesi fa sono riuscito a trovare un lavoro, che ho dovuto lasciare perché troppe persone, per lo più anziane, si sono rifiutate di essere servite da me", ha detto. Mi hanno anche accusato del fatto che molti giovani italiani non riuscivano a trovare lavoro. I genitori adottivi della vittima, però, hanno voluto fornire dettagli. 'Il gesto di Seid non deriva da episodi di razzismo', hanno detto alla stampa italiana”.

Ecco il testo della lettera; la sua data esatta non è certa, e c'è confusione su quando sia stato scritto - o molto recentemente, o circa due anni fa - ma in ogni caso, eccolo qui:

“Non sono un immigrato, ma sono stato adottato da bambino. Ricordo che tutti mi amavano. Ovunque andassi, tutti si rivolgevano a me con gioia, rispetto e curiosità. Ora, quell'atmosfera di pace idilliaca sembra molto lontana. Sembra misticamente. tutto era invertito. Adesso, ovunque io vada, sento sulle spalle il peso di sguardi scettici, disgustati e spaventati. Ero riuscita a trovare un lavoro che dovevo lasciare perché troppe persone, soprattutto anziani, si rifiutavano di essere accuditi da me. E come se non mi bastasse, mi accusavano di essere responsabile di molti giovani italiani (bianchi) che non trovavano lavoro. Dopo questa esperienza, qualcosa è cambiato dentro di me. Come se mi vergognassi di essere nero, come se avessi paura che qualcuno mi scambiasse per un immigrato. Come se dovesse dimostrare a persone che non sapeva di essere come loro, di essere italiano.

Ho persino fatto battute sgradevoli su neri e immigrati, come per sottolineare che non ero uno di loro. L'unica cosa che spiegava il mio comportamento era la paura. La paura dell'odio che vedeva negli occhi della gente verso gli immigrati. La paura del disprezzo che ho provato sulla bocca delle persone, anche dei miei parenti, che malinconicamente invocavano Mussolini e il 'capitano Salvini'. Non voglio implorare compassione o pietà. Voglio solo ricordare a me stessa il disagio e la sofferenza che sto vivendo. Sono una goccia d'acqua accanto all'oceano di sofferenza che sta vivendo chi preferisce morire per continuare a vivere nella miseria e nell'inferno. Quelle persone che rischiano la vita, e quelle che l'hanno già persa, solo per curiosare in giro, per assaporare quella che chiamiamo semplicemente 'vita'”.

Un paio di note molto importanti qui. In primo luogo, è abbastanza significativo che Seid faccia esplicito riferimento non a Mussolini, ma anche a Matteo Salvini, ex vicepresidente del Consiglio e ancora attuale senatore al Parlamento italiano, che è segretario della Lega Nord, che è un diritto -ala razzista, partito politico xenofobo, i cui sostenitori sono praticamente l'equivalente dei sostenitori di Donald Trump negli Stati Uniti. Negli ultimi quindici anni in Italia c'è stata una massiccia ondata di espressioni di razzismo e xenofobia in Italia, e la xenofobia razzista è esplosa negli ultimi anni, in particolare perché molte migliaia di neri africani sono entrati in Italia come rifugiati di guerra , conflitti e povertà in Africa. In secondo luogo, nella lettera di cui sopra, ha chiarito in modo estremamente chiaro che era profondamente angosciato dal razzismo che stava vivendo.

È interessante notare che sua madre Maddalena, in quell'intervista trasmessa sul programma "Approfondimento Focus", continuava a sottolineare che Seid era stato recentemente depresso a causa dell'isolamento imposto a lui e ad altri durante il lockdown di questa primavera. Ovviamente, raramente c'è una sola causa di suicidio. Seid avrebbe potuto certamente essere depresso durante il blocco nazionale in Italia questa primavera. Ma ciò non nega assolutamente la sua estrema angoscia per la sua esperienza vissuta di razzismo.

Riflettendo su tutto questo, vedo una situazione tragicamente classica per un giovane adulto transrazziale, adottato all'estero, un giovane che era razzialmente e socialmente isolato, che stava vivendo un continuo razzismo e i cui genitori, da quello che possiamo dire, negavano il razzismo che stava vivendo e il disagio che stava vivendo a causa di esso.

Un'altra tragica perdita dell'ennesima vita di adottati transrazziali internazionali.

Condivido un post di La Repubblica, con un link a un selfie-video (che da allora è stato rimosso, quindi posto questo uno invece) in cui Seid si diverte a ballare.

Possa il ricordo di Seid e della sua vita essere una benedizione.

Risorse correlate

Pagina commemorativa dell'ICAV

Leggi il contributo di Mark Hagland all'altro post di ICAV: Possiamo ignorare o negare che esiste il razzismo per gli adottanti del colore?

Dobbiamo parlare del suicidio degli adottati, ora

Conseguenze di Atlanta

di Kayla Zheng, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Sto ancora elaborando l'omicidio di 6 donne asiatiche nel Sparatoria alle terme di Atlanta. Ho pubblicato e condiviso attraverso i miei account sui social media la mia rabbia, la mia sfiducia, l'audacia delle forze dell'ordine e della società per proteggere la fragilità del terrorista bianco e la sfacciata negazione del razzismo. Sento la tensione come una fessura nella mia armatura di compostezza forzata. Ma non sto solo elaborando tutto questo come una donna asiatica. Sono anche costretta a elaborare questa minaccia come una donna asiatica adottata, che è stata cresciuta in un mondo e da persone che assomigliano a quel terrorista. Peggio ancora, sono stato cresciuto da persone che hanno ideologie simili a quelle di quel terrorista. Dove comincio a soffrire, dove comincio a elaborare, come inizio a farti sapere come mi sento quando ho trascorso la maggior parte della mia vita vivendo sotto lo stesso tetto di candore che afferma di amarmi ma danneggia le persone che mi assomiglia?

Se dovessi chiedere ai miei genitori adottivi evangelici bianchi i loro sentimenti per la sparatoria di massa ad Atlanta, si chiederebbero se fosse basata sulla razza. Dopotutto, non tutte le vittime erano asiatiche. Se dovessi chiedere loro se alcuni leader politici in posizioni di potere sono responsabili di alimentare sentimenti anti-asiatici, mi troverei di fronte a "fake news". Ma se dovessi chiedere loro se amano la loro figlia asiatica, verrei accolto con "sì, tuttavia, non ti vedo come asiatica, sei solo nostra figlia". Come posso elaborare un dolore e una paura così reali e appetibili, quando vengono ignorati e negati da coloro che dovrebbero essere i miei protettori per sempre? Come lo traduco in parole e lo avvolgo, in modo che sia presentabile e comprensibile per gli altri vedere le contraddizioni? In questo sta il problema, il problema con il razzismo, il suo potere sistemico e istituzionale che è sottile ma sembra proiettili, schegge e morte.

Questo è tutto per dire che per quanto i miei genitori evangelici adottivi bianchi affermano di amarmi, non possono amarmi. Perché non possono riconoscere il terrorismo che mi hanno inflitto per tutta la vita. Non possono amarmi completamente perché la loro "cecità ai colori" ha impedito loro di vedere l'intero spettro della mia identità e di come passo la vita. Non possono davvero amarmi completamente perché si rifiutano di riconoscere il loro pregiudizio razziale nei miei confronti e come mi hanno cresciuto in quell'ambiente. Non possono amarmi completamente perché non possono affrontare la loro bianchezza, il loro stesso razzismo e il modo in cui contribuiscono a una cultura della supremazia bianca.

Alcuni membri della famiglia adottiva allargata mi hanno contattato, rassicurandomi che si preoccupano, facendomi sapere che sono preoccupati per la mia sicurezza. D'altra parte, non ho sentito un sussurro dalla mia famiglia adottiva immediata. Nessuno di loro. Il loro silenzio la dice lunga. Sto ancora elaborando cosa significa essere asiatico in America. Penso ancora alla volta in cui mi è stato detto di tornare da dove vengo, come se non fosse stato il candore a ricondurmi con la forza in un paese che mi disprezza. A un Paese che mi vede come un virus, un feticcio, una spia comunista, una minaccia e una fantasia da colonizzare dall'Est. Sto ancora assorbendo e cercando di capire cosa significhi per me la violenza verso le persone che mi somigliano. Faccio fatica con tutto questo, ma lotto con questo oltre ad essere una donna asiatica adottata. Faccio fatica a capire cosa significhi quando le persone con cui sono cresciuto si rifiutano di vedermi come una donna asiatica. E quel rifiuto potrebbe costarmi la vita.

Leggi l'articolo più letto di Kayla: Decolonizzare Mosè

Il razzismo come adottante asiatico

di Josh Woerthwein adottato dal Vietnam negli Stati Uniti.

Ho deciso di condividere le mie esperienze con il razzismo, perché gli eventi attuali mi hanno fatto ricordare il passato. Non prendiamola in giro: molto peggio è successo a persone molto migliori di me. Ma penso che sia importante che la gente sappia che il razzismo esiste da decenni; in realtà è il passatempo preferito dell'America. Penso solo che una certa persona abbia esacerbato la situazione nel modo in cui ha scelto di riferirsi al Covid-19. E per qualche ragione, ha autorizzato i razzisti codardi ad attaccare uomini e donne asiatici anziani (per lo più da dietro, perché non hanno la forza d'animo testicolare per mostrare effettivamente i loro volti) e commettere atti di omicidio di massa.

Io e mia madre adottiva, aprile 1975

LA MAGGIOR PARTE delle persone con cui sono amico sui social media sono persone che ho effettivamente incontrato. C'è una manciata che non ho. Quindi, per quelli di voi che non ho incontrato faccia a faccia, un po' di storia: sono nata in Vietnam nel 1974, adottata da una famiglia bianca nel 1975 (ho tre fratelli, uno è la loro figlia biologica, e hanno adottato altri due bambini, entrambi metà neri e metà bianchi), cresciuti nel centro-sud della Pennsylvania, e non hanno lasciato la zona fino a quando non sono andato all'università. In modo indiretto, sono finito nell'area della metropolitana di New York e sono qui dal 2001.

Sono abbastanza sicuro di aver represso molto di ciò che è successo durante la mia infanzia, ma la maggiore copertura mediatica della violenza basata sul razzismo e dei crimini d'odio nei confronti degli asiatici mi ha fatto ricordare "i bei vecchi tempi". Stavo pensando alla prima volta in cui riesco a ricordare qualcosa di razzista che è stato detto o fatto nei miei confronti, che ha aperto le porte. Sarà lungo, quindi prendi un caffè e goditi il viaggio lungo la mia memoria!

  • Non me lo ricordo perché ero troppo giovane ma me ne ha parlato mia madre: un'amica di mia madre mi ha visto nel passeggino e ha detto che assomigliavo quasi a mia mamma, e ha chiesto a mia mamma se sarebbe stata operata fatto sui miei occhi in modo che potessi assomigliare ancora di più a lei. Mia madre, scioccata, è tornata con: "Che ne dici di operarmi gli occhi così sembro più come LUI?". La sua amica era ancora più scioccata e disse: "Perché dovresti fare una cosa del genere?!" Sono abbastanza sicuro che non fossero più amici dopo. Mia madre è stata anche ringraziata numerose volte da un numero qualsiasi di persone quando era fuori con me per "averlo salvato dai comunisti sporchi".
  • All'età di 5 o 6 anni, all'asilo, ricordo altri bambini che mi prendevano in giro dicendo "Cinese, giapponese, ginocchia sporche, guarda QUESTI", e quando dicevano "QUESTI", tiravano su e fuori gli angoli esterni degli occhi per imitare (presumibilmente) i miei occhi.
  • Nel mio quartiere, uno dei fratelli maggiori di un mio amico mi ha soprannominato "Hadji". Penso che abbia detto che era perché gli ricordavo Hadji nei cartoni di Jonny Quest. Si è bloccato. Nel mio quartiere mi chiamavano sempre "Hadji" fino a quando non me ne sono andato, verso i 19 anni.
  • Quando avevo 8 anni, stavo tornando a casa da casa di un amico e un ragazzo più grande (probabilmente aveva 16 anni) ha provato a spararmi alla testa dalla finestra della sua camera dall'altra parte della strada con una pistola a pallini. Era un brutto tiratore e invece mi ha colpito all'anca destra. Quando è stato interrogato dalla polizia, ha detto che voleva solo "sparare di inclinazione".
  • La stessa casa di un amico da cui stavo tornando a casa, me ne ero appena andato perché suo padre mi ha detto: "Ho usato per sparare a lil gook come te dal mio Huey in 'Nam".
  • Sono stato chiamato "slant" o "chink" un paio di volte alla settimana alle elementari.
  • Questo è cambiato in "gook" e "zipperhead" o "zip" nella scuola media.
    The More You Know: lo sapevi che "gook" deriva dalla parola coreana per America/Americans, che è "miguk"? Sembra "me gook", quindi durante la guerra di Corea, gli americani probabilmente pensavano che i coreani stessero dicendo "me, gook", trasformandolo in un epiteto e chiamando i coreani "gooks". Questo, ovviamente, si è trasferito a tutti gli asiatici, dal momento che sai che sembriamo tutti uguali per i bianchi. Inoltre, "zipperhead" deriva da quando i soldati americani colpivano un soldato coreano o vietnamita alla testa con il calcio dei loro fucili d'assalto, aprivano le loro teste come una cerniera. "Zip" è solo una forma abbreviata di esso.
  • Quando sono arrivato al liceo, si era trasformato in "Charlie", "VC" e "riceboy". "VC" deriva ovviamente da "Viet Cong" alias "Victor Charlie" alias "Charlie". "Riceboy" è quello che è stato usato di più però.
  • Mi è stato anche detto di tornare nel mio paese una moltitudine di volte per tutto il tempo che posso ricordare fino alla terza media.
  • Al liceo tenevo un pennello e un barattolo di vernice nel mio armadietto al liceo che si abbinavano al mio armadietto, perché potevo dipingere sopra le svastiche che erano rimaste sul mio armadietto più velocemente di quanto mi ci sarebbe voluto per far venire la manutenzione a farlo.
  • All'inizio della nona elementare, un ragazzo Mike mi ha detto di tornare nel mio paese e ho deciso di dirgli di tornare al suo. Non ero un bambino molto grande. Praticamente mi ha preso in braccio e mi ha buttato giù da una rampa di scale che mi ha rotto entrambi i polsi. È stato sospeso per tre giorni.
  • Durante le scuole medie e superiori, mi è stato chiesto numerose volte dai compagni di classe bianchi: "Le tue donne asiatiche hanno le fighe inclinate, perché i tuoi occhi sono inclinati?"
  • Sarei ricco se avessi un nichelino per il numero di volte in cui mi è stato chiesto se conoscevo il kung fu o il karate, seguito da un debole colpo di karate e "hi-yaaaaaaaaaa". A questo punto della mia vita, non conoscevo un po' di arti marziali. Lo stesso vale per essere chiesto se ho mangiato cani e gatti.
  • Il KKK e la WAR (White Aryan Resistance) erano entrambi essenzialmente dei club nel mio liceo (non sanzionati dalla scuola ma la scuola non ha fatto nulla per la loro presenza).
  • Al liceo (circa 1.200 studenti e meno di mezza dozzina di noi non erano bianchi), un ragazzino è stato beccato con qualcosa come quattro fucili e 2.000 proiettili nella cabina del suo camioncino. Quando gli è stato chiesto perché, ha detto che era "per pulire la scuola da tutte le persone di fango". Pensavo fosse solo un terribile tiratore. Non sarebbe stato catturato se qualcun altro non l'avesse visto e non ne avesse parlato con il preside, dato che era strano vederlo al di fuori della stagione di caccia.
    Ho conosciuto una simpatica ragazza cattolica al liceo alla pista di pattinaggio locale. È arrivato al punto in cui le ho chiesto di uscire e lei ha accettato. Sono andato a casa sua a prenderla durante il nostro appuntamento serale e suo padre ha aperto la porta. La conversazione è andata così:
    IL SUO PAPÀ: Chi cazzo sei?
    IO: Josh, sono qui per prendere Colleen per il nostro appuntamento.
    SUO PADRE: Non succederà, ed ecco perché: non sei irlandese. Probabilmente non sei cattolico. E tu di sicuro non sei bianco, quindi è meglio che ti allontani dalla mia proprietà prima che prenda il mio fucile.
    Inutile dire che da allora non ho mai provato a uscire con una donna cattolica.
  • In terza media, ho lanciato un giocatore di football Jamie attraverso una finestra nel bel mezzo della mia lezione di inglese. Per gran parte della classe, ha continuato a sussurrare, "Hey riceboy" dall'altra parte della stanza. Immagino che sia stato solo un decennio e più di rabbia repressa che finalmente è arrivata al culmine. Sono cresciuto quacchero... pacifista. WWJD e tutte quelle stronzate. Mi sono alzato dalla sedia, ho attraversato di corsa la stanza, l'ho strappato dalla sedia e l'ho lanciato attraverso una finestra di sicurezza in rete metallica (eravamo al primo piano, non è caduto molto lontano). Sono stato sospeso per tre giorni. Dopo di che, però, nessuno durante il resto del mio anno da junior o da senior al liceo mi ha detto niente di razzista, mai più, a scuola.
  • Ero andato da Denny's con due amici, Leah (un'adottata coreana) e il suo ragazzo Jeffrey (un ragazzo bianco italiano). A Jeffrey piaceva vestirsi in stile punk e indossava Doc Martens nere con lacci rossi. Eravamo seduti lì e un gruppo di skinhead è venuto al nostro tavolo e ha chiesto a Jeffrey perché era seduto con "due delle persone del fango". Jeffrey era confuso. Hanno detto che solo gli skinhead guadagnati possono indossare Docs neri con i lacci rossi (come ho scoperto in seguito, Doc Martens neri con i lacci rossi o bianchi, allacciati in un certo modo, significa che sei uno skinhead, o hai partecipato a un boot party dove calpesti e prendi a calci qualcuno). Hanno finito per inseguirci da Denny's alla nostra macchina. Mentre mi sedevo al posto di guida, uno mi afferrò al collo attraverso la portiera. Ho sbattuto la portiera sul suo braccio alcune volte finché non ha lasciato la presa ed è tornato su uno di loro che era dietro l'auto (è rotolato sul tetto/cofano). Non so cosa sia successo al terzo. Siamo scappati e non siamo mai più andati da Denny's.
  • Alla fine sono uscito da Bumblefuck, Pennsylvania, e sono andato all'università. Almeno avevano più gente nera e marrone in giro, quindi è stato un bel cambiamento. Stranamente, ho provato a unirmi alla Asian American Student Coalition/Association e mi è stato praticamente negato di non essere "abbastanza asiatico". Non potevo vincere da nessuna parte.
  • Ho iniziato quello che pensavo fosse un bel rapporto con questa donna italiana quando ero una matricola. Ci siamo frequentati per alcuni mesi, poi mi ha fatto il fantasma. Sono stato finalmente in grado di mettermi in contatto con lei e lei ha detto: "Stavo solo usando il tuo culo obliquo per vendicare il mio ragazzo".
  • Detto questo, non ho avuto a che fare con molto razzismo mentre ero lì.
  • Stavo andando a Philadelphia e la mia macchina ha forato una gomma. Era sera (era buio) ed ero sul lato dell'autostrada Schuylkill. Se conosci l'area, c'è tipo zero spalla. Comunque, stavo rovistando nel bagagliaio per estrarre il cric quando un'auto si è fermata dietro di me. È stato bello perché i loro fari mi davano più luce. Ho sentito una persona chiedere: "Hai bisogno di aiuto?" Mi sono girato e ho detto “No” e i due ragazzi che si stavano avvicinando a me, le loro espressioni sono cambiate immediatamente. Indossavano il tipico abbigliamento neonazista: anfibi, pantaloni militari e giacche. Sono venute fuori le osservazioni razziste, dicendomi di tornare nel mio paese, ecc. Uno ha tirato una catena e ha iniziato a frustarla, l'altro ha tirato fuori un coltello. Hanno iniziato ad avvicinarsi a me e sono andato in modalità attacco. In realtà avevo iniziato a frequentare una scuola di karate il mio primo anno di college ea quel punto ero cintura marrone. Ho avuto tre anni di allenamento 5 giorni alla settimana e numerosi tornei al mio attivo. Ragazzo delle catene: Ho piegato la sua gamba all'indietro al ginocchio. Ragazzo coltello: sono stato in grado di afferrare il braccio del suo coltello, la gamba lo ha spazzato e gli ho schiacciato il plesso solare. Ho finito di cambiare le gomme e le ho lasciate sul ciglio della strada.
  • Avanti veloce di alcuni anni all'azienda con cui lavoro da 20 anni. Ci sono stati tre incidenti lì durante i miei primi cinque o sei anni. Il primo, un autista delle consegne stava camminando vicino a me nel magazzino e mi ha chiesto dove fosse la scuola di karate, seguita da un finto colpo di karate e "hi-yaaaaaa". In realtà era così tanto tempo che non sentivo dire nulla di razzista nei miei confronti, il mio primo pensiero è stato: "Aspetta, abbiamo una scuola di karate qui adesso?"
  • Un collega con cui avevo avuto a che fare al telefono per mesi, che finalmente ho incontrato di persona a una conferenza, mi ha detto: “Il tuo inglese è così buono, non mi aspettavo che uno come te lo parlasse così bene ”.
    Stavo mangiando cibo cinese con altri tre colleghi nel nostro piccolo quadruplo e un collega più anziano stava passando, ha fatto capolino, ha guardato uno di loro e ha detto: "Ehi Billy! Mangiate tutti quel cibo scadente adesso, eh?!” e sinistra. Ho perso la mia merda. È tornato più tardi per scusarsi e la conversazione è andata così:
    JOE: Ehi Josh, non volevo offenderti con quello che ho detto prima. È solo che, sai, ho combattuto nella guerra di Corea e mi hanno davvero incasinato un fianco. Ma posso capire il tuo inglese, quindi sei a posto nel mio libro. (Tieni presente che LAVORIAMO PER UN'AZIENDA DI PROPRIETÀ ASIATICA!!!)
    IO: Ehi Joe, se aprirai la bocca con me ancora una volta, ti romperò l'altra fottuta anca e ballerò sulla tua tomba.
    Dopo che l'ho segnalato alle risorse umane, il suo impiego è stato interrotto.
  • Ho notato che "Parli bene l'inglese" è qualcosa che mi viene detto di più da adulto (non era qualcosa che avevo sentito molto alle elementari/medie/superiori).
  • Alcuni anni fa, ero al normale abbeveratoio con alcuni amici, la maggior parte non bianchi. Una donna bianca a caso da fuori città (penso dal Texas) ci ha detto che stava facendo un film sugli aviatori di Tuskegee e ci ha detto che lo stava chiamando "The Flying N*ggers". Inutile dire che abbiamo tentato di non parlarle per il resto della serata. Più tardi, eravamo fuori a fumare e lei stava cercando di attirare la nostra attenzione. Ha chiamato il mio buon amico "Maleek" (non è il suo nome) e mi stava chiamando "Pol Pot". "Maleek" alla fine si è girato ed è stato tipo "COSA?!" e ha fatto piccoli movimenti svolazzanti con le mani e dice, "FLYING N*GGERS!" Il mio amico con rabbia è tornato dentro perché probabilmente non voleva provocare la situazione, ma mi sono rivolto a lei e le ho detto: "Vieni qui". Quando si è avvicinata abbastanza a me, le ho sussurrato all'orecchio: "Se apri la bocca ancora una volta, metterò i tuoi denti su questi gradini e ti calpesterò lentamente la testa finché non finirai per ingoiare il tuo lingua”, fece un passo indietro e sorrise. Raccolse le sue cose e se ne andò.
  • Quando vivevo in Ohio, sono andato in metropolitana per prendere un panino e la donna che lavora lì ha iniziato a chiacchierare con me come se mi conoscesse. Mi ha persino chiesto come stava mio fratello Vinh. Allora ho detto che non avevo idea di chi stesse parlando e lei mi ha chiesto se ero così e così. Ho detto no, non lavoro in quel salone di bellezza. Ha detto: "Oh mio errore. Tutti voi giapponesi mi assomigliate.»
  • Vivendo anch'io in Ohio, mi prendevo cura del figlio della mia ragazza (sono entrambi neri). Lei aveva fame, io ero pigro, quindi abbiamo attraversato la strada fino a Denny's, tra tutti i posti. Eravamo seduti nella sezione posteriore. Altri due tavoli erano seduti, portavano menu, acqua e servivano prima che qualcuno venisse a darci i menu. Alla fine l'ho portata da un'altra parte per un panino e, uscendo, ho chiesto al direttore se era normale che Denny's fosse apertamente razzista nei confronti dei suoi clienti non bianchi. Ho spiegato cosa è successo, si è scusata e ha offerto un pasto gratuito. FOH.
  • Alla domanda: "Da dove vieni?" rispondendo con “Pennsylvania” perché è da lì che mi sono identificato dall'essere, e poi ho chiesto: “No, da dove vieni VERAMENTE? Tipo, cosa sei?"

Ho fantasticato su tutti i modi in cui avrei potuto uccidermi praticamente per la scuola elementare durante il mio primo anno di liceo. C'è stato un tentativo fallito da cui mi ci è voluto un po' per riprendermi. Tutto questo è successo prima di Trump. E la cosa più schifosa è che di solito presumo che le persone siano razziste finché non dimostrano il contrario.

#StopWhiteTerrorismo

Parole dolorose

di Wes Liu, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Il COVID continua a diffondersi all'interno delle nostre comunità perché le persone continuano a mancare di serietà quando lo affrontano. I cinesi continuano ad essere accusati. Mentre le etnie asiatiche includono innumerevoli culture uniche, belle e distinguibili, molti che sono al di fuori della diaspora asiatica non possono dire la differenza. Ciò si traduce in chiunque appaia asiatico (in particolare dell'Asia orientale) per essere rimproverato con insulti razziali, battute sul mangiare pipistrelli e commenti del tipo "torna al tuo paese". Questi eventi sono diventati più frequenti a causa del COVID-19.

Non posso cambiare la forma dei miei bellissimi occhi. Non posso cambiare la mia eredità, né posso cambiare il modo in cui le persone parlano. Ma posso condividere quanto possano essere offensive le parole. Come pensi che ci si senta per la mia lingua ad essere inscatolata in "Ching Chong Ching Chong"? Quanto pensi che sia doloroso sentirsi dire che non sono degno della vita a causa del mio aspetto fisico? Quanto pensi che abbia imparato a odiare o vergognarmi della mia cultura che ha una storia che risale a secoli fa? Quanto pensi che abbia paura di presentarmi in pubblico perché potrei essere la prossima vittima di aggressione, solo per il mio aspetto?

Non va bene mettersi al di sopra di qualcuno e della sua cultura a causa della tua ignoranza e mancanza di comprensione. E solo perché ascolti k-pop e guardi anime non fa di te un esperto di giapponese. E no, non ho intenzione di fare i compiti di matematica per te. Non chiedere: "Che asiatico sei". Invece forse chiedi: "Qual è la tua etnia?"

Guarda le tue parole. Sono cinese e sono bella. Sono asiatico americana e sono bella.

Guardare La conversazione su YouTube di Wes sulla gestione del razzismo con la FCCNY.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%