Abby Forero-Hilty alla Commissione speciale dell'Aia

di Abby Forero Hilty, adopted from Colombia to the USA; Co-founder of Colombian Raíces; author of Decodificare le nostre origini
Speech for Day 3, Session 1: Introductory Post Adoption Matters Panel

Artwork by Renée S. Gutiérrez, co-author of Decoding Our Origins

Top 3 Areas of Concern based on the Post-Adoption Services Discussion Paper with excerpts in italics.

1. (2.4.2. Raising awareness of post-adoption services)

Points to Consider:

The best way to ensure that adopted people are receiving relevant, targeted, and high-quality post-adoption services is by having trauma- and adoption-informed adult intercountry adoptees working with the adoptee community to compile a list of such services. These adult adoptees would be PAID for their services. Intercountry adoptees, especially those who are trauma- and adoption-informed, are the only true experts in the needs of intercountry adoptees. Their expertise must be recognised, financially compensated, and required in the provision of any and all post-adoption services. We recognise the paucity in the number of trained, licensed, and qualified intercountry adoptee providers and therefore acknowledge that qualified non-intercountry adoptee providers can also be beneficial (with significant trauma- and adoption-informed training).

Recommendations:

  • All post-adoption services should be provided free of charge to the adopted person (and family of birth) throughout their lifetime, recognising that each adopted person is different and that some individuals may request/require support starting early in life, while others might only start on this journey decades after their adoption.
  • Adoptive families should be assigned a trained, trauma and adoption-informed intercountry adoptee who can serve as a single point of contact for the adopted person, to ensure they have confidential access to these services when they need them.
    – The State should ensure that the adopted person knows how to – and is able to – access this person
  • Access to full birth records and identifying information on the adopted person’s mother and father
    – Birth records must be easy and confidential for the adopted person to access at any point in their lifetime
  • Assistance in translating and understanding the birth records and other associated adoption paperwork (as each country is different, this must be country-specific assistance)
  • Preparation and education on race and racism (in cases of transracial adoption, the White adoptive parents cannot equitably provide the necessary social and cultural preparedness to adopted children of colour as they are not members of the adopted child’s racial and cultural community. White adoptive parents in White dominated spaces do not have lived experiences of being targets of micro-aggressions and racism.
  • Reculturation, or the process by which intercountry adoptees reclaim their original cultural heritage, should be supported through education and immersive experiences such as birth country trips to their country of origin.
  • DNA testing and databases are models of adoptee support in several countries with problematic adoption practices. DNA testing and country sponsored databases should be promoted, supported, and maintained at no cost to adoptees or first family members.
  • Citizenship (country of birth) re-acquisition support and processes should be offered to adoptees who desire to become dual or full citizens of their countries of birth.

Psychological, emotional, and mental health support via psychotherapy and counselling modality/modalities as chosen by the adopted person and offered by trauma and adoption-informed providers.

2. The right of the adoptee to obtain information about their origins is well established in international law, in particular in the United Nations Convention on the Rights of the Child (UNCRC, Arts 7 and 8) as well as in the 1993 Adoption Convention (Art. 30).

Questions:

  • How is the collection of true and accurate information on the identities of the natural mother and father ensured?
  • When and by whom is that information checked and confirmed in both the sending and receiving countries?
  • What procedure is in place to absolutely ensure that that information is preserved and can be given directly to the adopted person – without having to go through the adoptive parents?

Recommendations:

  • There should be no barriers in place (such as minimum age requirement, consent of birth and/or adoptive parents, etc.) in order for the adopted person to easily and confidentially access their own familial information.
    – Some central authorities require adoptees to provide a psychological referral and proof of ongoing counselling (presumably paid for by the adoptee) when the adoptee contacts the central authority for birth family information and search. This practice is unfair and must end.
  • The desire for confidentiality on the identity of the birth parents, either by the birth family or adoptive family, should never be a reason to deny the adopted person their identity. They have the right to their identity. That right should supersede any other party’s desire for secrecy. The secrecy in adoption must end.
  • Central Authority websites must have a clearly marked section for adoptees of all ages to access information on birth family search and reunion:
    – There must be a transparent and simple procedure for accessing this information that is clearly presented on the website;
    – This information must be presented not only in the language of the country of origin, which most transnational adoptees will not be able to read and understand, but also in a language the adoptees themselves can read and understand, e.g., English or German;
    – This information must be made accessible to adoptees with vision and/or hearing impairments
  • What is truly in the “best interest” of the adopted person must be prioritized.
    – Denying someone the truth of their identity is never in anyone’s best interest.

3. Regarding the professionals involved in the post-adoption services, some States arrange for the same professionals to prepare prospective adoptive parents (PAPs) and provide post-adoption services, 30 while in other States the professionals are different ones. 31 For other States, the professionals involved depend on the region and / or the case at hand

Questions:

  • What qualifications do “professionals” have?
  • Who determines who a “professional” is?
  • There is a major conflict of interest when the “professional” is “preparing” the Prospective Adoptive Parents AND providing post-adoption services to those displaced by adoption.
    – How can the “professional” who is responsible for facilitation adoptions also be providing adoptees with post-adoption services? There is substantial mistrust in the adoptee community of “adoption professionals” who facilitate adoptions – and rightfully so.

Recommendations:

  • In some instances, professionals who both facilitate adoptions and also provide post adoption services may be engaged in dual roles with adoptees and their adoptive families, creating an ethical dilemma. Hence post-adoption services should be provided by separate parties and entities than the adoption service providers.
  • Intercountry adoptees, who are often transracial as well, who have undergone training in the social service field and or are licensed mental health providers, are poised to be in the best position to lead and guide post-adoption services given their lived experiences and extensive training. Ideally, post adoption service providers will represent a broad array of birth/first countries to better serve adoptees from various sending countries.
  • Although we strongly recommend that qualified intercountry adoptees are at the frontlines of facilitating and providing direct post-adoption services, we recognise the need for quality post-adoption services exceeds the potential numbers of professionally trained intercountry adoptees available. Therefore, we would be supportive of non-intercountry adoptee post-adoption service providers if they are licensed mental health providers, have evidence of adoption-informed training to include significant education and understanding of culturally responsive strategies as they apply to intercountry adoptees.

Read our previous post: Adottivi presso la Commissione speciale dell'Aia

Pensieri sull'evento del municipio adottato dagli Stati Uniti

di Kara Bos adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

US Office of Children's Issues: evento virtuale del municipio per adottare adottanti internazionali

Sono stato informato di questo evento perché l'ICAV ha esortato gli adottati a rappresentare le nostre voci in questo invito al dialogo da parte del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sulle esperienze vissute dagli adottati. Era la prima volta che partecipavo a un evento del genere perché non mi considero un attivista e immagino questo tipo di inviti riservati solo a gruppi affermati che parlano per il collettivo. Tuttavia, mi è stata data l'opportunità di partecipare per la prima volta a un evento in collaborazione con funzionari del Dipartimento di Stato e adottati internazionali. È stata un'esperienza elettrizzante vedere un insieme diversificato di adottati da tutte le parti degli Stati Uniti condividere le loro storie personali.

C'erano almeno 60 adottati internazionali e 15 membri del team del Dipartimento di Stato in questa chiamata al municipio virtuale. A 46 di noi sono stati concessi due minuti per rispondere alla domanda: "Cosa vuoi che tu, in qualità di adottato, sappiano i responsabili politici statunitensi sulle esperienze vissute degli adottati?" Naturalmente 2 minuti per adottato non sono stati sufficienti per rispondere a questa domanda pesantemente ponderata, ma tutti abbiamo fatto del nostro meglio per rispettare il tempo dell'altro e rimanere entro questi limiti. Gli argomenti condivisi erano questioni molto personali ed emotive e coinvolte come il supporto per la salute mentale, la cittadinanza per gli adottati retroattiva e inclusiva, la connessione e le risorse per le connessioni rese prontamente disponibili per i bambini adottati all'estero indipendenti dai genitori adottivi che potrebbero non supportare la condivisione di queste risorse con il proprio figlio, e servizi post-adozione come ricerca famiglia di nascita/diritto all'origine, indagine e regolamentazione dei genitori adottivi/adozione e controlli casuali post-adozione che si verificano a lungo termine e non solo entro i primi 3 anni dall'adozione per citarne alcuni .

Il Dipartimento di Stato è stato guidato da Marisa Light che ha moderato e prestato ascolto, intervenendo solo nell'occasione per chiarire quando alcune questioni come la cittadinanza per adottati sono “fuori dalla loro giurisdizione”. Tuttavia, hanno almeno menzionato che conoscono le persone responsabili di questa giurisdizione e hanno promesso di portare questo alla loro attenzione.

Qualcosa da notare è anche che non c'è un singolo adottato internazionale che lavora nel Dipartimento di Stato che abbia la supervisione dell'adozione internazionale negli Stati Uniti. Quando è stata posta questa domanda, hanno potuto solo sottolineare che il capo di Marisa, che apparentemente è più in alto nella "catena", è un adottato domestico e "tiene molto a cuore tutte le nostre preoccupazioni". Naturalmente qualsiasi adottato si chiederebbe: "Con che precisione un dipartimento che supervisiona il processo di adozione può comprendere veramente le complessità legate all'adozione internazionale se non un singolo membro è un adottato internazionale?" Inoltre, se l'adozione internazionale funziona dagli anni '50, da quando hanno iniziato a chiedere il dialogo con gli adottati internazionali? Perché non c'è un singolo adottato internazionale come parte di questa divisione di supervisione?

Stephanie Eye, consulente senior del Dipartimento di Stato, ha risposto con la seguente e-mail, quando ho chiesto come stavano pianificando di dare seguito alle questioni che avevamo sollevato:

“Stiamo esaminando tutte le questioni, le preoccupazioni e le domande sollevate durante la chiamata e abbiamo in programma di dare seguito ai partecipanti adottati per fornire informazioni chiarificatrici, comprese aree specifiche in cui abbiamo giurisdizione e dove altre entità potrebbero essere più utili. Questo sarà diffuso alla listserv di adottati che stiamo creando e alla quale saranno iscritti tutti i partecipanti al municipio. Speriamo di farlo conoscere a tutti molto presto”.

Posso solo sperare che questo non sia solo spuntare la casella riguardo all'ascolto delle nostre voci. Posso solo sperare che si metta in atto un cambiamento reale ed efficace ascoltando le nostre voci. Posso solo sperare che la verità delle nostre esperienze vissute venga utilizzata non solo per proteggere i futuri adottati, ma anche per aiutare retroattivamente gli adottati che stanno ancora soffrendo. Tutto ciò che possiamo fare è mantenere aperto il dialogo e continuare a dare voce alle nostre verità. Esorto tutti gli adottati a farlo, anche se sembra che nessuno stia veramente ascoltando.

Come disse una volta Ghandi, “Molte persone, specialmente le persone ignoranti, vogliono punirti per aver detto la verità, per essere corretto, per essere te stesso. Non scusarti mai per essere corretto o per essere anni avanti rispetto ai tuoi tempi. Se hai ragione e lo sai, di' quello che pensi. Anche se sei una minoranza, la verità è sempre la verità".

Suggerimenti per l'esperienza vissuta per le risposte alle adozioni illecite

L'8-10 luglio l'ICAV è stata invitata in qualità di Observer al Gruppo di lavoro HCCH sulla prevenzione e il contrasto delle pratiche illecite nell'adozione internazionale.

In allegato è il nostro ultimo documento di prospettiva che fornisce il nostro contributo di esperienza vissuta su suggerimenti per Come le autorità e gli enti potrebbero rispondere alle adozioni illecite in inglese e francese.

Un enorme ringraziamento a tutti i nostri oltre 60 adottanti e organizzazioni di adottati partecipanti, 10 genitori adottivi e organizzazioni di genitori adottivi e la prima rappresentanza della famiglia!

Un ringraziamento speciale e una menzione a due persone fantastiche:
Nicholas Beaufour che ha dedicato un'enorme quantità di tempo per tradurre l'intero documento inglese in francese!
Coline Fanon che ha aiutato il nostro unico e primo membro della famiglia a contribuire! Abbiamo tanto bisogno di sentire più spesso le voci delle nostre prime famiglie!

Recensione: One Child Nation

Una nazione figlia un documentario di Nanfu Wang è stato profondamente emozionante ma molto istruttivo per me che sono stata adottata all'estero! Ho appreso della storia collettiva dolorosa e traumatica che la Cina ha subito nel tentativo di tenere sotto controllo la propria popolazione. Capisco che come paese intero, è necessario mantenerli tutti a uno standard sano, ma allo stesso tempo, attuare una politica così duramente, ignorando le emozioni individuali nella misura mostrata nel documentario, sembrava andare troppo lontano a mio parere. Riconosco di vederlo da una lente bianca poiché è tutto ciò che so, essendo cresciuto in un paese ricco di bianchi. 

Sono in stretto contatto con molti adottati internazionali in tutto il mondo che hanno sperimentato adozioni illecite e illegali. Ho trovato illuminante osservare e ascoltare i punti di vista di così tante persone diverse in vari ruoli (madri, nonne, padri, fratelli, trafficanti, operatori sanitari, dipendenti pubblici, creativi), tutte colpite dall'uccisione dei bambini cinesi, abbandonati per adozione o sterilizzazione forzata della madre. Guardando questo documentario mi sono chiesto se la parola "rinuncia” è persino applicabile legalmente per le migliaia di adottati inviati all'estero dalla Cina durante il periodo di tempo della politica del figlio unico. Penso che la parola "abbandono forzato” sarebbe più appropriato, così come i tanti aborti e sterilizzazioni sono stati molto “forzati” alle donne. Rinuncia nei contesti di adozione internazionale, idealisticamente si riferisce a una decisione ben ponderata di consenso da parte dei genitori genetici - ma dopo aver visto Una nazione figlia, penso che gli unici a dare davvero il consenso in questo caso, sia stato il partito di governo. La frase ripetuta più volte dagli intervistati diceva: “Cosa potrei fare?” Nessuno di loro sentiva di avere autonomia o potere per prendere una vera decisione informata. Le conseguenze di non farlo furono così dure che tolsero ogni senso di scelta. 

Guardare come i bambini cinesi sono stati incanalati in modo efficiente nel sistema dell'orfanotrofio per essere dati a genitori stranieri mi fa dubitare del motivo per cui solo i trafficanti sono stati mandati in prigione. In realtà, anche i leader di partito e i ministri del governo cinese avrebbero dovuto essere mandati in prigione per i loro ruoli. È stato loro crimine imporre questa politica alle famiglie in modo così duro. Perché ritenere responsabili solo gli intermediari quando in realtà è stato l'intero partito di governo a creare l'ambiente, gli incentivi, a chiedere l'abbandono forzato e poi un numero schiacciante di bambini per i quali l'adozione sembrava un'ottima soluzione? Il governo ha costretto le famiglie a rinunciare ai propri figli, gli orfanotrofi hanno dato via i bambini a famiglie straniere per ingenti somme di denaro! Se assumiamo che la maggioranza dei bambini sia andata negli Stati Uniti da soli e calcoliamo la somma totale di denaro guadagnata nel commercio, è un US$10.4b business (US $40.000 per bambino in media per circa 260.000 bambini). Secondo stime più prudenti, se tutti i bambini fossero stati adottati in Australia, il governo cinese avrebbe guadagnato AUS$780M (AUS $3000 per bambino). Qualcuno, da qualche parte, ha guadagnato un sacco di soldi adottando bambini cinesi! Quanto di quel denaro è stato restituito alle famiglie e alla comunità per aiutare ad alleviare le loro sofferenze in forme di servizi di supporto? Ad oggi, sembra che non ci sia stato alcun riconoscimento della perdita e del dolore della gente, per non parlare delle perdite per tutta la vita di cultura, persone, razza, luogo, famiglie, patrimonio e lingua per le migliaia di adottati mandati via. È come se i cinesi adottati all'estero fossero invisibili al governo cinese. Con l'allontanamento, questi bambini adottati (molti dei quali ora sono adulti) sono scomparsi e i cinesi considerano la loro lavagna pulita. Noi che lo viviamo sappiamo che non funziona così semplice. Cresciamo per avere domande e dobbiamo in qualche modo dare un senso al perché il nostro Paese ha scelto di mandarci via e dimenticarci, comportandoci come se non fossimo mai esistiti.

Mi chiedo anche come la Cina possa ritenersi di seguire le linee guida delineate come firmataria della Convenzione dell'Aia per l'adozione internazionale. Comprendendo le linee guida della Convenzione dell'Aia, molti aspetti del programma di adozione internazionale della Cina di quest'epoca sono discutibili. Ad esempio, dov'era il consenso informato e la rinuncia legale dei bambini, dove sono i documenti di identità veritieri e come possono giustificare i guadagni finanziari ma con poca o nessuna fornitura di servizi post adozione?

Spero che tutti gli adottati cinesi guarderanno questo documentario mentre invecchiano e maturano. Li aiuterà a fare i conti con come la loro vita è diventata così radicalmente sfollata. È molto normale che noi adottati all'estero ci interroghiamo su come siamo arrivati a vivere in un paese non di nostra nascita. Questo documentario è una potente cattura di ciò che è realmente accaduto nella più ampia arena sociale, politica ed economica, insieme a uno sguardo sulle molte storie individuali che molti cinesi adottati all'estero possono rispecchiare dall'altra parte.

Mi chiedo se la Cina un giorno sarà come l'Australia e il Canada, i due paesi che hanno riconosciuto la loro storia di adozioni forzate, tranne per il fatto che le loro erano nazionali. Entrambi questi paesi da allora hanno riconosciuto i torti storici in termini di diritti individuali e impatto e ora si sono scusati, ma solo il Canada ha fornito un risarcimento finanziario. Il governo cinese un giorno si scuserà con le migliaia di cinesi adottati all'estero per averli intenzionalmente inviati all'estero? E cosa significherebbero le scuse in azione? Credo che dovrebbe essere una fornitura di servizi ben finanziati per aiutarli ad affrontare le conseguenze per tutta la vita. Mi è rimasta una forte impressione del crepacuore che le famiglie in lutto e tristi sperimentano in Cina. Meritano di sapere cosa è successo ai bambini che hanno partorito e hanno dovuto abbandonare. Per gli stessi adottati, molti di loro stanno crescendo in paesi come America, Paesi Bassi, Australia, Canada e Regno Unito. Potrebbero essere felici e non avere alcun desiderio di trovare le loro famiglie. O potrebbero essere come Johanne Zhangjia adottata in Norvegia e uccisa dal fratellastro razzista. Alcune adozioni internazionali funzionano, altre no. Tra questi due estremi ci sono tutte le vie di mezzo. Questi sono individui reali, migliaia, ognuno con le proprie domande e pensieri. Tutti i cinesi adottati all'estero e le loro famiglie originarie meritano di conoscere la verità e di essere supportati per riconnettersi se mai lo desiderano.

Mi chiedo come la Cina stia implementando la sua nuova politica sui due figli. È così duro? Sono state apprese lezioni? I bambini rimasti vengono ancora abbandonati con la forza e dati in adozione internazionale? In che modo i governi ospitanti oi futuri genitori possono considerare etica questa offerta di bambini, in termini di standard dell'Aia per l'adozione?

Non ci sono ancora state troppe recensioni di Una nazione figlia documentario di adulti cinesi adottati perché la maggior parte è ancora impegnata a crescere e a trovare la propria voce. Uno dei pochi che ha iniziato a dar voce alle sue opinioni è André-Anne – sta facendo esattamente la stessa domanda che ho io, nel suo articolo.

*Aggiunto nell'agosto 2021 con i pensieri di Shelley Rottenberg sul documentario, con i ringraziamenti a Progetti CCI.

Quando il governo cinese riconoscerà le migliaia di adottati internazionali cinesi in tutto il mondo e fornirà loro i servizi di supporto post adozione tanto necessari? Per quanto tempo il governo potrà rimanere volontariamente escluso dalle proprie responsabilità nei confronti dei propri figli abbandonati con la forza?

Le immagini sopra dei bambini, secondo quanto riferito, "persi/abbandonati" sono un simbolo delle centinaia di migliaia di cinesi adottati all'estero che crescono in tutto il mondo, cresciuti con una mentalità democratica. Un giorno saranno una forza con cui fare i conti!

Spero che il governo cinese sarà pronto a rispondere alle loro domande e ad essere onesto su ciò che è successo che ha causato loro la perdita della loro identità, della loro cultura, della loro gente e delle loro case. Forse sperano che questi bambini rimarranno invisibili e tranquilli per sempre come lo sono le persone che vivono in Cina, ma il governo cinese non ha visto i modelli degli adottati internazionali in tutto il mondo. Noi adottati non sediamo tutti in silenzio e scompariamo. Molti di noi crescono ammucchiano e trovano le nostre voci. Attendo con ansia il giorno in cui sentiremo ad alta voce cosa pensano i cinesi adottati all'estero della politica del figlio unico e dei suoi impatti.

L'importanza di includere le persone più colpite nelle discussioni sulle politiche

Sono un'adozione internazionale nata durante la guerra del Vietnam nei primi anni '70, adottata prima della fine della guerra, da una famiglia australiana bianca che aveva i propri figli biologici. La mia esperienza di adozione infantile è stata quella in cui non ho mai veramente capito di essere stato colpito dall'essere adottato: ho assorbito il mantra dell'era che avrei semplicemente "assimilato e adattato" al mio nuovo paese e alla mia famiglia. Ho speso molte energie cercando di fare proprio questo, ma quando ho raggiunto la mia adolescenza, ho iniziato a rendermi conto che le cose non erano esattamente le stesse per me come per i miei coetanei australiani. Mi sembrava di lottare di più nelle relazioni, mi sono sentito sicuramente solo per tutta la vita anche in una cosiddetta "famiglia adottiva amorevole". Non è stato fino alla metà degli anni '20 che sono diventato acutamente consapevole di quanto avevo assorbito il razzismo verso la mia etnia, la mia asiatica. Mi ci è voluto un decennio per esplorare come l'adozione mi abbia influenzato e sono cresciuta attraverso questo viaggio grazie ai molti altri adottati che ho incontrato online e faccia a faccia nella comunità che ho costruito. È stato l'isolamento della mia infanzia che mi ha spinto a creare questa comunità, che ora è una delle più grandi reti di adottati internazionali in tutto il mondo che include adottati di qualsiasi paese di nascita ed è questa comunità che mi ha permesso di crescere, imparare e trovare la mia voce. Oggi, questa rete è una delle più grandi comunità online che incoraggia gli adulti adottati all'estero a parlare a livello governativo (nazionale e internazionale) e a cercare il coinvolgimento nelle discussioni politiche.

Perché essere coinvolti nelle discussioni politiche? E cosa c'è di così importante nell'essere coinvolti? Chiariamo prima cosa si intende per politica. Facendo riferimento al contenuto di Wikipedia sulla "politica", la consideriamo come: un deliberato sistema di principi per guidare le decisioni e raggiungere risultati razionali; una dichiarazione di intenti che aiuta nel processo decisionale; diverso da regole o leggi in cui la politica guida le azioni verso il risultato desiderato mentre la legge obbliga o vieta comportamenti; dovrebbe includere l'esame delle alternative e la scelta tra di esse sulla base dell'impatto che avranno; e si tratta di cercare di massimizzare gli effetti previsti mentre si mira a ridurre al minimo gli effetti indesiderati.

Quando si tratta di adozione internazionale e di come viene condotta in ogni paese di nascita e di adozione, sappiamo tutti che, indipendentemente dal fatto di essere firmatari della Convenzione dell'Aia o della Convenzione sui diritti dell'infanzia, le leggi e le politiche variano da un paese all'altro a causa dei modi in cui l'adozione internazionale è compresa e attuata, sia in teoria che in pratica.

Opera di Lisa Wool-Rim Sjöblom

Al centro di tutto questo, NOI sono i bambini che crescono per diventare adulti e siamo noi che si tratta di adozione internazionale. In teoria, l'adozione internazionale esiste perché presumibilmente ci fornisce a causa delle nostre situazioni vulnerabili in cui non siamo in grado, per qualsiasi motivo, di essere accuditi dai nostri primi genitori. Molti di noi sono destinatari di politiche di adozione internazionale passate e attuali o di una loro mancanza, e in ICAV parliamo apertamente delle insidie e dei problemi noti che l'adozione internazionale crea. Molti dei nostri paesi di nascita considerano l'adozione come una transazione una tantum che implica la consegna legale di noi alle nostre nuove famiglie e paesi per sempre. Tuttavia, sappiamo dalla nostra esperienza vissuta, che l'adozione non è una transazione una tantum - è un viaggio psicologico che dura la nostra vita - per il quale siamo sempre influenzati, nel bene, nel male e in ogni altra sfumatura di esperienza nel mezzo.

All'ICAV parliamo apertamente delle molte complessità dell'adozione internazionale che ci riguardano. Ad esempio, il nostro diritto all'identità originale viene ignorato perché la maggior parte dei paesi adottivi ci rilascia un nuovo certificato di nascita "come se fossi nato a" al momento dell'adozione. La maggior parte dei paesi recide completamente anche il nostro diritto legale alla nostra famiglia di origine attraverso l'uso dell'adozione plenaria (rispetto alla semplice adozione che manterrebbe i legami di parentela). La maggior parte di noi ha un accesso molto limitato o nullo ai nostri documenti di adozione che una volta fornivano (fino alla tecnologia del DNA) la nostra unica capacità di trovare le nostre prime famiglie e le nostre origini. I nostri documenti possono variare dall'essere completamente falsificati al contenere alcuni elementi di verità, ma in troppi casi vengono modificati per farci sembrare più commerciabili per le potenziali famiglie, nascondendo le nostre verità comprese informazioni mediche e storia di fondamentale importanza. Per quegli adottati che sono finiti in adozione internazionale con mezzi illegali o illeciti, c'è una vita di ingiustizie con cui dovremmo convivere, con poco o nessun supporto. Per coloro che finiscono in una famiglia adottiva che non è una buona coppia, finiamo per subire ulteriori strati di traumi. Troppo spesso le persone e i governi dimenticano che il nostro fondamento è l'abbandono / il trauma in utero dell'essere separati dalla nostra madre biologica.

In ICAV, incoraggiamo i nostri membri e leader a cercare modi in cui gli adottati possano essere ascoltati a livello di governo, dove viene creata una politica che costruisce il futuro delle nostre vite. Riteniamo che sia importante per il governo comprendere i modi in cui la politica influisce sulle nostre vite. Senza questa comprensione, come può la politica essere nel nostro "migliore interesse"? Come possono gli adulti che non hanno mai vissuto la nostra esperienza sapere cosa è meglio per noi? Avere voci adottive coinvolte nella politica significa invitarci al tavolo, ascoltare davvero i nostri punti di vista, incorporare ciò che diciamo nella politica e riconoscere che siamo gli esperti della nostra stessa esperienza.

La premessa fondamentale dell'adozione internazionale è quella di dare a un bambino vulnerabile una "famiglia" e un "paese" a cui appartenere. Perché cercare di fare del bene alle persone vulnerabili se non ascolti quanto sia efficace o meno la politica e la pratica? I governi possono comprendere veramente i reali impatti (positivi e negativi) delle loro politiche solo ascoltando coloro che ne sono coinvolti. Nell'adozione internazionale, si tratta dell'adottato, delle prime famiglie e delle famiglie adottive, non delle agenzie di adozione, degli avvocati o di qualsiasi altro intermediario. Senza ascoltare la nostra voce, i governi corrono il rischio di continuare a commettere gli stessi errori che hanno commesso sin dall'inizio.

Uno dei peggiori errori commessi nell'adozione internazionale moderna dai suoi inizi negli anni '50 e '60 (a partire dagli adottati greci, tedeschi e sudcoreani), è non fare abbastanza per frenare gli incentivi monetari nell'adozione internazionale che consentono agli intermediari per trarre vantaggio dalla mancanza di, o per aggirare, politiche e leggi che consentano loro di facilitare e partecipare a pratiche illegali e illecite. Abbiamo generazioni e generazioni di adottati interessati le cui adozioni sono state illecite o addirittura illegali. Non hanno nessuno a cui rivolgersi e certamente hanno ben poca giustizia. Oggi i governi di tutto il mondo dovrebbero essere preoccupati per il crescente slancio di gruppi di prime famiglie e adulti adottati all'estero che hanno già cercato vie legali per intraprendere azioni per i fallimenti del passato.

Ad esempio, le madri di perdita cilene stanno lavorando insieme a Cileni adottati nel mondo (CAW) e hanno chiesto un'indagine sulle loro adozioni degli anni '70 e '80. L'indagine in Cile ha scoperto che un gran numero dei bambini che hanno lasciato il Cile in quel periodo non sono stati volontariamente abbandonati per l'adozione e stanno cercando giustizia.

Allo stesso modo, gli adottati guatemaltechi si sono uniti da tutto il mondo e chiedono un'indagine da parte dei governi guatemalteco e belga. Un caso legale ben noto più recente è quello di un padre biologico che ha vinto alla Corte interamericana dei diritti umani e ha condannato lo Stato del Guatemala per adozione irregolare e utilizzo di procedure illegali. Guarda il video qui .

Un altro esempio è l'adottato brasiliano Patrick Noordoven che è diventato il primo nei Paesi Bassi a vincere una causa legale per il suo diritto all'identità originale. Con questa vittoria, il Ministero della Giustizia olandese sta ora indagando sul ruolo del governo olandese nelle adozioni illegali da Brasile, Colombia, Sri Lanka, Bangladesh e Indonesia! Vedi articolo qui.

Opera di Lisa Wool-Rim Sjöblom

Quando i governi non riescono a rispondere in modo responsabile per i loro ruoli o per i ruoli che i singoli facilitatori hanno svolto, nelle adozioni storiche, a coloro che sono stati colpiti non rimane altra scelta che trovare percorsi legali per chiedere giustizia. Ora abbiamo oltre 70 anni di moderne adozioni internazionali in tutto il mondo con i nostri numeri di adottati in centinaia di migliaia da molti paesi di nascita diversi. L'Asia è di gran lunga il più grande continente di invio di bambini (Peter Selman, HCCH Statistics). Gli adottati in massa hanno raggiunto la maturità quando mettono in discussione la loro identità, come sono cresciuti in un altro paese spesso con genitori di razza dissimile e pensano in modo critico al motivo per cui sono stati allontanati dai loro paesi di nascita. Il nostro movimento di adottati sta crescendo e prendendo slancio. L'ICAV parla spesso della mancanza di un organismo internazionale che ritenga i governi responsabili del loro ruolo svolto nel facilitare o chiudere un occhio sulle pratiche illegali e illecite storiche.

Potrebbe esserci un altro percorso? Se i governi fossero disposti ad ascoltare le persone colpite, per imparare dalle lezioni del passato e garantire che non continuiamo a ripetere gli stessi errori?

Parte della Visione ICAV è: Un mondo in cui gli adottati internazionali esistenti non sono isolati o ignorati, ma supportati dalla comunità, dal governo, dalle organizzazioni e dalla famiglia durante l'intero percorso di adozione.

Questo può essere ottenuto solo se coloro che sono al potere nel governo ci apprezzano e ci coinvolgono. Quando le nostre voci vengono ignorate, il governo agisce in contrasto con il loro obiettivo di agire nel nostro "migliore interesse", invece crea adottivi, prime famiglie e adottati per il fallimento nel peggiore dei casi, o come minimo traumi prevenibili.

Un'altra delle maggiori aree di fallimento delle politiche nell'adozione internazionale in tutto il mondo per qualsiasi governo, è la mancanza di supporti post-adozione completi, equi e per tutta la vita, liberamente finanziati, che siano informati sul trauma e sulla resilienza, con l'inclusione nella fornitura di servizi da parte di coloro che conoscono il viaggio best – adottati, adottivi e prime famiglie. 

Chiunque abbia vissuto l'adozione internazionale sa intimamente che il nostro viaggio è una delle molteplici perdite che si manifestano come traumi e che devono essere sostenute per tutta la vita. Invitando gli adottati, le prime famiglie e le famiglie adottive a condividere le lezioni apprese dall'esperienza vissuta, il governo farà in modo che riducano i rischi di conseguenze indesiderate e diventino più reattivi nel processo decisionale.

Invitandoci a partecipare, ascoltandoci con sincera apertura e rispetto, ascoltando le nostre esperienze e tenendo conto delle lezioni apprese, è così che i governi possono rafforzare i loro risultati e diventare più innovativi ed equilibrati. Non sono le agenzie o gli intermediari che il governo dovrebbe coinvolgere e ascoltare di più, sono gli adottati, le prime e le famiglie adottive! Spero di vedere il giorno in cui saremo ugualmente rappresentati e invitati a essere coinvolti nella politica del governo e nei forum legislativi per l'adozione internazionale! 

Questo articolo è stato inizialmente scritto in risposta a una richiesta di pubblicazione coreana, ma è stato successivamente inedito. La richiesta mi chiedeva di scrivere sull'importanza di includere le voci degli adottati nei forum politici.

I bambini vulnerabili non sono tabula rasa

Oggi voglio condividere con voi Il viaggio di Joey. È uno dei pochi maschi cinesi adottati all'estero adottati fuori dalla Cina di cui ho sentito parlare, a causa della politica del figlio unico che ha visto una proporzione ineguale di femmine adottati, piuttosto che di maschi.

L'esperienza di Joey mette in evidenza il problema di cui ho scritto nel mio LEONE recensione all'inizio di quest'anno; del trauma che si verifica prima dell'adozione e come le famiglie adottive affrontano (o meno) questo. Come influisce su tutti nella famiglia adottiva e come la nostra società chiude un occhio su questo aspetto dell'adozione.

Le agenzie di adozione e i governi (sia di invio che di ricezione) devono intensificare ed essere responsabili perché dopo oltre 60 generazioni di adozione internazionale in tutto il mondo, con tutti i blog e forum ora disponibili in cui gli adottati internazionali adulti stanno attivamente parlando, i governi e le agenzie hanno bisogno abbracciare ciò che noi che lo viviamo stanno dicendo e iniziano a fare cambiamenti nella politica e nella pratica delle adozioni internazionali. Senza questo, continuiamo a ripetere gli stessi errori.

Modificare Potevo includere cose come:

  • conservazione e sostegno della famiglia prima di tutto ricongiungersi in caso di smarrimento, sostegno se esiste una disabilità nota, microfinanziamenti se la povertà è il motivo per cui le famiglie stanno mettendo il proprio figlio in un orfanotrofio tanto per cominciare.
  • ampia formazione sui traumi all'interno dei nostri paesi di invio. Comincia dall'inizio. Gli assistenti di bambini vulnerabili devono riconoscere il trauma che un bambino subisce quando viene separato dalla propria famiglia genetica. Avere più accompagnatori che attraversano la vita di un bambino mentre si trova in un orfanotrofio o in un affidamento non è ottimale. Esaminare modi per ridurre questo problema e modi per identificare i bambini più a rischio e sviluppare percorsi di intervento precoce che confluiscano nella transizione che un bambino subisce quando viene adottato in un paese straniero.
  • formazione obbligatoria sul trauma degli assistenti sociali e dei professionisti che valutano i futuri genitori adottivi. Come possiamo aspettarci che le famiglie adottive "capiscano" se coloro che le valutano non comprendono nemmeno la profondità del trauma che i bambini vulnerabili vivono quotidianamente e con cui vivranno, per sempre?
  • formazione obbligatoria sul trauma dei futuri genitori che sono ritenuti idonei non solo nelle prime fasi di prendere in considerazione l'adozione di un bambino, ma una volta che sono stati approvati e quando vengono effettuati gli abbinamenti, questo allenamento sul trauma deve continuare a lungo oltre a prendere il bambino e portarlo a casa.
  • sviluppare portali centralizzati di specialisti in traumatologia a cui i genitori adottivi possono rivolgersi dall'inizio e durante tutto il percorso, per assicurarsi di essere circondati dai giusti supporti professionali.
  • l'adozione contemporanea di più bambini in una famiglia non dovrebbe avvenire se i genitori adottivi non hanno esperienza nell'adozione/affidamento o prendersi cura di bambini vulnerabili. Ho già scritto della pratica di separare i bambini biologicamente imparentati (gemelli) e tenere insieme i fratelli biologici dovrebbe essere l'unica eccezione per consentire a più bambini di entrare in un'unica famiglia contemporaneamente, ma con il requisito che deve essere in atto un piano di supporto completo.

Non sto dicendo che noi adottati abbiamo le risposte o che qualsiasi soluzione sarà facile, ma almeno possiamo iniziare le conversazioni e portare questi problemi in primo piano!

Italiano
%%piè di pagina%%