Il peccato dell'amore

di a padre cinese che ha perso sua figlia Marie per adozione internazionale.

Seduti da soli, lanciandosi in alto e in basso, desiderio di capire, vivere con una fioca speranza

C'era una notifica sul mio Facebook che Marie mi sta seguendo. Normalmente non accetto richieste di follower o di amicizia, ma il nome era Marie, quindi ho accettato e lasciato, senza prestare molta attenzione. Il giorno dopo mentre stavo camminando con mia figlia per andare da Tesco a fare la spesa per cucinare quel giorno, ho ricevuto un messaggio da Marie. "Ciao, sto cercando di rintracciare un Clement che conosceva Agnes nel 1972, per favore facci sapere se sei tu?" Ero totalmente scioccato. Ho subito risposto "Sì" e ho chiesto chi fosse. Rispose: "Sono sua figlia". Nel mio cuore sapevo che era lei, quella che mi è mancata in tutti questi anni. Ho vissuto con una vaga speranza di trovarla per tutti questi anni. Ho risposto: "Spero di non stare sognando!" Lei rispose: "Penso che tu sia mio padre".

La prossima cosa che le ho chiesto riguardava il giorno che non potrò mai dimenticare. "La tua data di nascita è il 9 agosto?" Lei ha risposto con un SI. Non avrei mai immaginato che questo giorno sarebbe arrivato. Mia figlia Denise ha visto la mia espressione e mi ha chiesto cosa non andasse. Le ho detto che mia figlia che è stata data via in adozione mi ha trovato. "Ayoi, mi fai venire la pelle d'oca", disse Denise. Non nascondo il mio passato ai miei figli, solo la mia vita privata. Il tempo non ci ha permesso di parlare di più su Facebook perché dovevo finire la spesa e poi tornare di corsa a cucinare e consegnare il cibo, ma ho promesso di rimanere in contatto.

L'intero episodio del ritrovamento di mia figlia Marie doveva essere un momento felice e lo è ancora. Ma era più che felicità. Dopo aver condiviso la mia parte di firmare i suoi documenti di adozione e aver scoperto la sua vita con alcune foto, ha condiviso due foto che hanno riportato tutti i ricordi del mio tempo con Agnes, sua madre. Quando ho visto la foto di Marie e suo marito, è stato come guardare Agnes. È molto simile a lei. Un'altra foto di Agnes in piedi da sola mi ha ricordato l'unica foto che entrambi avevamo scattato in coppia, in uno studio fotografico. Ha anche indossato un sari in quella sessione fotografica.

Mia figlia Denise vuole che chiami Marie in video. Le ho detto che con il mio problema di udito e lo slang inglese di Marie potrebbe essere difficile comunicare. Ma la verità è che guardare Marie è come guardare Agnes. Non sono ancora pronto. Con tutti questi ricordi che riaffiorano, mi rendo conto di non aver dimenticato o di non aver mai smesso di amarla. Mi manca ancora per tutti questi anni. Inconsapevolmente, il mio amore per Agnes ha fatto fallire il mio matrimonio. C'era sempre una terza persona nel nostro letto. La mia ingiustizia ai miei figli. Una volta ero coinvolto nel ministero del matrimonio e mi rendo conto di aver creato così tanta spazzatura nella mia vita.

Ho vissuto una vita di negazione.

Ho conosciuto Agnes nel 1970 tramite suo fratello Bernard. Eravamo amici intimi perché lavoravamo nella stessa scuola. Lui era un insegnante temporaneo e io ero il ragazzo dell'ufficio nell'ufficio della scuola. Ho passato la maggior parte della notte a casa sua perché la mia casa era vicina. Bernard aveva altri tre fratelli e tre sorelle. Agnes era la maggiore delle tre sorelle. Agnes aveva sempre il sorriso sulle labbra ed era una persona molto gentile e genuina. Aveva i capelli lunghi a coda di cavallo. Andavo d'accordo con la famiglia e passavo il Natale con loro. Ho iniziato a provare dei sentimenti per lei e le ho chiesto di andare a ballare alla vigilia di Capodanno. Ha detto di sì ma ho dovuto chiedere il permesso a Bernard perché era più o meno il capofamiglia. Gliel'ho chiesto e non ha avuto obiezioni, quindi siamo andati per il nostro primo appuntamento.

Ci siamo divertiti quella notte e sapevo di essere innamorato di lei. Anche se ero stato con alcune altre ragazze in precedenza, non avevo mai provato questa sensazione prima. Ho capito che lei era il mio primo amore. Quando arrivammo a casa sua era già l'una di notte e il giorno di Capodanno. Dopo aver trascorso un po' di tempo con la famiglia e aver augurato a tutti Buon Anno, per me è arrivato il momento di tornare a casa. Agnes mi ha accompagnato fuori di casa. Ero solo con lei e le ho espresso i miei sentimenti e le ho chiesto di essere la mia ragazza. Ha detto di sì, ma avremmo avuto problemi a dirlo a Bernard. Le ho detto che avrei parlato con lui e abbiamo finito con il nostro primo bacio.

Pochi giorni dopo, ho parlato con Bernard della mia relazione con sua sorella, ma con mia sorpresa non si è opposto, quindi ho iniziato a passare più tempo a casa sua. Bernard era bravo con la sua chitarra e ad Agnes piaceva cantare. Non so cantare, ma spesso suonavo con loro. Ho molti ricordi felici di quel periodo. Agnes e Bernard sono stati spesso invitati come cantanti ospiti allo spettacolo del concorso a tempo Singing Talent. Ad uno degli spettacoli dove avevano invitato Agnes a cantare, proprio mentre stava per salire sul palco mi disse: “Questa canzone è per te”. Guardandomi ha iniziato a cantare. Ha cantato "Lascia che sia io". Potrò mai dimenticare quella notte con quella canzone? NO, mai nella mia vita dimenticherò quella notte.

Siamo stati insieme per due anni. Col passare del tempo, siamo diventati più intimi e un giorno ha scoperto di essere incinta. Volevamo sposarci, ma abbiamo avuto problemi a ottenere l'approvazione di sua madre. Così abbiamo deciso di andare dal Sacerdote per un consiglio e chiedere l'approvazione dei suoi genitori. Quello che non ci aspettavamo era che sua madre non solo non approvasse il nostro matrimonio, ma si accordasse anche con il prete affinché Agnes andasse al Centro per madri nubili. Sono andato a casa sua per supplicare sua madre, ma mi hanno cacciato di casa. La famiglia sapeva da sempre della nostra relazione, ma si è messa contro di me. Sono andato dal prete ma mi ha detto che Agnes avrebbe lasciato Taiping tra due giorni. Mia madre è persino andata a casa sua per supplicare la loro famiglia, ma hanno detto di no. Non mi hanno nemmeno permesso di vedere Agnes prima che partisse.

Dopo due mesi non ce la facevo più, Agnes mi mancava e mi preoccupavo per lei. Sono andato dal Prete per sapere dove si trovasse, ma non ha voluto darmi informazioni su di lei. L'ho supplicato a lungo che piangeva nel suo ufficio. Alla fine, me l'ha detto e mi ha persino fatto incontrare Agnes con la suora. È stata portata dalle Suore del Buon Pastore a Batu Arang, vicino a Kuala Lumpur. Quella stessa notte ho preso un treno per Kuala Lumpur e sono andato in autobus a Batu Arang, a una certa distanza da Kuala Lumpur. Riuscii a vedere Agnes dopo due mesi. La suora è stata così gentile da concederci del tempo insieme da soli. Prima di lasciare quel luogo la suora mi disse che potevo farle visita solo una volta al mese. Durante il suo soggiorno lì, l'ho visitata quattro volte. L'ultima volta che l'ho visitata è stata poche settimane prima del parto. Durante l'ultima visita abbiamo parlato del nome del bambino. Durante la sua permanenza lì, era vicina a una suora di nome suor Marie. Quindi, abbiamo deciso di chiamarla Marie se avessimo una figlia, o se avessimo avuto un figlio, Mario. Abbiamo anche parlato di lavorare a Kuala Lumpur dopo il parto. Non era entusiasta di tornare a Taiping. Per quanto riguarda il bambino, lasceremmo che mia madre si prendesse cura di lei.

Poche settimane dopo, ero in chiesa per il servizio mattutino e il prete mi ha informato che Agnes era stata ricoverata per il parto la sera prima. Mi sono precipitato a Kuala Lumpur in taxi. Quando l'ho raggiunta, aveva già partorito. Quando l'ho vista, era appena uscita dalla sala parto ma non ho visto il bambino. Mi ha detto che l'infermiera la stava lavando. Quando l'infermiera è uscita con il bambino, mi ha chiesto se fossi il padre, ho annuito e lei mi ha dato il bambino. L'ho portata in braccio per un po' finché Agnes mi ha chiesto cosa darle come secondo nome. Ho suggerito Geraldine e lei ha accettato. Mi ha dato la sua carta d'identità per registrare il certificato di nascita. Le ho consegnato il bambino e lei ha sorriso, dicendo al bambino "Sei Marie Geraldine L__". Sono stato con lei fino a dopo l'orario di visita. Prima di partire, ho detto ad Agnes che l'avrei rivista tra tre settimane perché avrei potuto prendere il certificato di nascita solo tra tre settimane. Non sapevo che questa sarebbe stata l'ultima volta che li avrei visti entrambi.

Due settimane dopo il prete mi informò che ero stato convocato in tribunale per firmare Marie in adozione. Mi sono fatta prendere dal panico e ne ho parlato a mia madre e lei mi ha chiesto di riportare Marie indietro. Sono andato con il cuore pesante. Quando sono arrivato lì, mi hanno dato dei documenti da firmare. Mi sono rifiutato di firmare e ho detto loro che volevo tenere il bambino. Il responsabile mi ha detto che se avessi firmato o meno, l'adozione sarebbe stata processata perché la madre aveva pieni diritti. Ho detto che volevo adottare Marie sotto il nome di mia madre. Quello che ha risposto mi ha sorpreso. Un padre non può adottare una bambina, ma se fosse stato un maschio ci sarebbe stata una possibilità. In un giorno ho perso tutto. Non avevo altra scelta che firmare il documento e correre a Batu Arang. Ma la suora si è rifiutata di vedermi e non mi ha permesso di oltrepassare il cancello. Due mesi dopo sono andato di nuovo. Questa volta una delle suore è venuta ad incontrarmi ma non mi ha permesso di entrare. Mi ha detto che Agnes aveva lasciato il posto e che il bambino era stato mandato alla casa di cura del governo. Non c'era più niente che potessi fare se non andarmene con il cuore pesante e arrabbiato.

Per quarantotto anni, ogni anno ho augurato buon compleanno alla figlia che non ho mai visto ma era solo un'ombra nel mio cuore. Sapevo solo che era da qualche parte sul pianeta. Le ho augurato buon compleanno e ho detto una preghiera per lei. È qui che ho fatto ingiustizia agli altri miei figli. Non ho augurato buon compleanno a nessuno dei miei figli che sono con me. I miei figli non hanno festeggiato i compleanni crescendo. Col passare del tempo, al momento in cui ho capito che Marie avrebbe dovuto raggiungere l'età da giovane adulta, ho colto l'occasione per venire al centro commerciale di Kuala Lumpur. Mi sedevo in un angolo a guardare le ragazze che passavano, chiedendomi se qualcuna di loro potesse essere Marie. Era solo un debole barlume di speranza. Potrei averla vista senza nemmeno saperlo. Mi ha dato un piccolo conforto.

Per fortuna quest'anno in occasione del suo 49° compleanno, posso personalmente augurarle buon compleanno! Per tutti questi anni, è un momento che ho aspettato con un debole barlume di speranza. Grazie Marie per avermi trovato!

Agnese c'è sempre un posto per te nel mio cuore. Possa tu riposare in pace come nostra figlia ci ha trovato.

La prossima settimana: i pensieri di Marie dalla riunione con suo padre cinese.

Indossa il tuo destino

di Bina Mirjam de Boer adottato dall'India ai Paesi Bassi, coach per adozioni e affido @ Bina Coaching.

Recentemente è stato annunciato che esiste una società surrogata in Ucraina che rimarrà con centinaia di bambini ordinati ma non consegnati a causa del coronavirus. Non possono essere prelevati durante il lockdown dai genitori stranieri. Nel post di RTL 4 vediamo infermieri sconvolti e sentiamo l'avvocato della società di adozione parlare dell'importanza che questi bambini vadano dai loro genitori stranieri il prima possibile.

La cosa bizzarra è che commissionando la maternità surrogata e/o la società di adozione, questi bambini vengono sottratti alla madre, alle origini e al paese di nascita e finiscono in una famiglia in cui uno, o nessuno, dei genitori è geneticamente il loro genitore .

Lunedì 18 maggio è andata in onda la causa dell'adottata dello Sri Lanka, Dilani Butink, in base alla quale ha citato in giudizio l'organizzazione per le adozioni / fornitore di permessi Stichting Kind en Future e lo Stato olandese. Il suo caso riterrà entrambe le parti responsabili della sua adozione fraudolenta. Questo perché lo stato olandese e le organizzazioni di adozione e/o titolari di licenza sono a conoscenza da molti anni delle pratiche fraudolente e del traffico di bambini dai paesi di invio. Tuttavia, migliaia di bambini sono stati adottati legalmente (e senza accordo) dalla loro madrepatria nei Paesi Bassi dopo aver scoperto il traffico. Eppure ci stiamo ancora concentrando sul mettere al primo posto il desiderio di un figlio.

Attualmente, il governo olandese sta lavorando per adeguare la legge sulla maternità surrogata. Sotto la sua maschera e attorno alla crescita selvaggia delle fattorie per bambini, il surrogato e il bambino devono ricevere protezione dalla maternità surrogata all'estero, ma l'Ucraina non offre questo. È piuttosto strano perché la causa di questa legge, cioè la creazione di bambini in modo "non naturale", influisce sul diritto di questo bambino ad esistere. Chi legge questo disegno di legge si accorge subito che i diritti del bambino e la sicurezza della madre non sono sufficientemente tutelati e/o rispettati. La ragione di questa legge è che abbiamo ancora l'adozione internazionale e il concepimento di bambini attraverso una madre surrogata donatrice e non è una favola o un pensiero altruistico.

Pensando a cosa dicevano i miei genitori adottivi quando mi chiedevano se ero loro grato per la mia nuova vita, cioè rispondevano che non dovevo essere grato. Questo perché volevano così tanto un figlio ed erano così egoisti che mi hanno lasciato venire dall'estero.

Nella maggior parte dei casi, il desiderio di un figlio non è il desiderio di rendere un bambino parte della tua vita, ma un desiderio biologicamente guidato di riprodursi o di avere un figlio tutto tuo. Se si trattasse davvero solo del bambino, le migliaia di bambini dimenticati che vivono negli orfanotrofi sarebbero raccolti da coppie senza figli. Il fatto che viviamo in un mondo in cui il desiderio di avere il nostro bambino "fatto da sé" è esaltato al di sopra dei desideri e della salute del bambino, assicura che il mercato guidato finanziariamente continui a funzionare che domina il mondo delle adozioni, dei donatori e della maternità surrogata.

Per realizzare questo desiderio per un bambino a tutti i costi, vengono utilizzati modi che non possono essere fatti senza un intervento medico o legale. Le madri straniere sono aiutate a rinunciare al proprio figlio invece di rompere i tabù o aiutare la madre a crescere il bambino da sola, o lasciare intatti i legami familiari legali, il che è meglio per il bambino. L'influenza della distanza (la genitorialità legale da elevare al di sopra della genitorialità genetica) su una vita umana è ancora compartimentata, negata e ignorata, con tutte le conseguenze.

Nonostante tutte le storie di adulti adottati e bambini donatori adulti sull'influenza della distanza e di un passato (parzialmente) nascosto o dei bassi tassi di rendimento delle famiglie composte, il desiderio di un bambino rimane elevato al di sopra dei desideri del bambino.

Nel 2020, a quanto pare, non siamo ancora consapevoli che queste azioni non solo sollevano i genitori desiderosi dal destino insopportabile di un'esistenza senza figli, ma li allontanano anche dalla responsabilità di portare il proprio destino. Allo stesso tempo, ci assicuriamo che questi bambini siano gravati non richiesti, con un destino insopportabile. Vale a dire, una vita con un'identità nascosta e fatta. Non voglio dire che una coppia senza figli non abbia diritto a un figlio nella propria vita, ma ci sono altri modi per lasciare che un bambino faccia parte della loro vita senza dare a madre e figlio un destino insopportabile.

Gli adottati spesso non sanno chi sono, quando sono nati, qual è la loro età o nome di nascita, da quali sistemi familiari hanno avuto origine o qual è la loro storia operativa. Sono cresciuti con l'idea di appartenere a una famiglia diversa da cui hanno avuto origine geneticamente. Tuttavia, questa diseredità legale non taglia l'adottato dal suo sistema familiare originario (cosa impossibile) ma devono scoprire nella loro vita adulta che il fondamento su cui è stata costruita la loro vita non è quello giusto. I bambini donatori cercano il padre e scoprono di avere decine di (mezze) sorelle e fratelli o di essere gemelli ma provengono da padri donatori diversi. Entrambe le volte, è una questione di domanda per un bambino e di renderlo disponibile.

Molte persone adottate vengono alla scoperta ad un certo punto della loro vita che vivono con un destino insopportabile, vivono in una storia surreale di cui hanno perso l'essenza ma sperimentano le loro emozioni nei loro corpi. Questo ti fa anche sentire che gli adottati spesso dicono che sentono di dover sopravvivere invece di prosperare.

Spero che il processo legale all'adottata dello Sri Lanka Dilani Butink contribuisca a una maggiore consapevolezza e alla cessazione del traffico di bambini in qualsiasi modo e che lasciamo il destino e la responsabilità al suo posto. Come disse una volta un adottato coreano: "Preferisci morire di fame o morire di tristezza?" .. una frase che ancora osservo regolarmente durante gli incontri di gruppo con gli adottati.

Sono consapevole che non poter avere figli è un destino insopportabile mentre allo stesso tempo noto e lavoro quotidianamente con gli effetti delle conseguenze della distanza e dell'adozione. E anche questo è insopportabile per molti, purtroppo noi bambini adottati e donatori non possiamo mettere da parte il nostro destino e le responsabilità che abbiamo ricevuto e questo è un fardello che dobbiamo sopportare indesiderato come l'ergastolo.

Spero anche che il processo legale contribuisca ad ottenere assistenza. Nel 2020, i governi non si assumono ancora la piena responsabilità di distogliere lo sguardo da queste forme di traffico di minori nell'adozione internazionale e dalle sue conseguenze. Alla fine, secondo me, la domanda rimane: hai il coraggio di assumerti la responsabilità e portare il destino che hai ricevuto? È una scelta vivere senza figli “fatti in casa” o si carica un'altra persona con il destino di vivere senza la sua identità, famiglia e cultura originali.

Per favore, impariamo dalla storia e non usiamo i bambini come illuminazione del destino, ma portiamo il nostro destino.

Processo decisionale dei genitori adottivi nell'adozione internazionale

Di Sunny Reed

Con la popolarità di Questi siamo noi e la storia del New York Times su il bambino nero ha scambiato per uno bianco, è utile dare un'occhiata alla rappresentazione dell'adozione nei media popolari.

Sia nel mio work-in-progress che nel mio blog, do uno sguardo retrospettivo alla scarsità di risorse per l'adozione, sia professionali che generali, per dipingere un quadro più ampio di ciò che ha portato le persone ad adottare un bambino al di fuori della loro razza e paese. L'articolo di oggi si concentra su come le rappresentazioni della Russia e della Cina nei media hanno influenzato la decisione di un genitore adottivo di adottare.

Framing Adozione:_I media e il processo decisionale dei genitori
Heather Jacobson

Riepilogo dell'articolo

I futuri genitori eseguono ricerche durante il processo di adozione, spesso sulla base di articoli pubblicati dai media popolari. Jacobson ha rivelato le reazioni dei potenziali genitori a questi articoli e come le notizie hanno influito sulla loro decisione di adottare.

Punti chiave

  • Le storie dei mass media russi sono descritte in modo più negativo di quelle cinesi
  • L'adozione russa è segnalata più frequentemente di quella cinese
  • Le storie di adozione cinesi negative si sono concentrate più sulla logistica che sui potenziali problemi di salute mentale del bambino
  • Poiché i futuri genitori intervistati per lo studio di Jacobson stavano venendo in adozione dopo una situazione di infertilità rischiosa, hanno mostrato il desiderio di evitare ulteriori rischi

Discussione

Una certa dose di scetticismo è salutare quando ci si avvicina alla decisione di adottare un bambino non tuo; dopotutto, è una decisione enorme, che ha un impatto sulla vita di un bambino che non aveva scelta. L'autrice ha scoperto che, indipendentemente dal tono generale di ogni articolo di notizie, la conclusione generale che ha tratto è stata che adottare un bambino in una casa amorevole va bene, ma i potenziali genitori potrebbero calpestare un pericoloso terreno politico.

Quando l'adozione diventa politicizzata, c'è una tendenza a disumanizzare il bambino. Il bambino non è una pedina politica, un povero trovatello portato di nascosto da un paese devastato dalla guerra in una casa amorevole. Quando gli articoli dei media descrivono l'adozione in questo modo, l'identità in via di sviluppo del bambino è influenzata negativamente da questi pregiudizi. Non solo i genitori adottivi, nonostante i loro migliori sforzi, possono assorbire questi punti di vista dannosi, ma inevitabilmente le persone meno coinvolte emotivamente nell'adottato utilizzeranno senza dubbio, senza alcun altro quadro di riferimento, questi articoli come un modo per formulare opinioni sul tema dell'adozione .

I genitori adottivi hanno riferito di essere stati influenzati da questi articoli, alcuni menzionando i rapporti secondo cui i bambini russi hanno più problemi di attaccamento rispetto ai cinesi che li hanno portati ad adottare un bambino cinese. Questo è inquietante, perché si nota che molti adottati hanno problemi di attaccamento; non è un fenomeno nazionale. Come sottolinea Jacobson, "la maggior parte degli adottati sia dalla Cina che dalla Russia ha sperimentato un'istituzionalizzazione che può avere gravi conseguenze per i risultati dei bambini". Molti di noi adulti adottati all'estero, leggendo questo articolo, possono confermare questa realtà.

Altri genitori adottivi internazionali hanno utilizzato gli articoli che hanno letto come giustificazione contro l'adozione nazionale e preferendo l'adozione internazionale. Leggevano storie di genitori biologici locali che cercavano i loro figli e li rivolevano indietro. Come riportato nella ricerca, nelle loro menti come genitori adottivi, questo sarebbe intollerabile poiché molti hanno sperimentato la propria sofferenza attraverso l'infertilità o i nati morti.

Le opinioni espresse nella ricerca di Jacobson riflettono la natura dell'adozione incentrata sul genitore adottivo; i genitori adottivi consumano i media, i genitori adottivi prendono la decisione finale di adottare. Ovviamente i genitori adottivi hanno bisogno di un modo per informare le loro decisioni, ma un po' preoccupante è che le caratteristiche razziali prevalgano sui rischi di adozione russa. I genitori adottivi hanno perseverato nelle adozioni russe nonostante gli avvertimenti, perché erano desiderosi di ottenere un bambino che avesse una somiglianza razziale più stretta con il loro. Dobbiamo mettere in discussione questa decisione, perché l'apparenza non può prevedere il futuro esito di un bambino.

Come adottati transrazziali e internazionali, è nostro dovere rimanere vigili su questi articoli di notizie e assicurarci che i mass media rappresentino in modo equo le nostre lotte e la nostra rappresentazione politica. Se non lo fanno, è nostra responsabilità tagliare il pregiudizio emotivamente guidato verso l'adozione producendo articoli che forniscono resoconti equilibrati.

Italiano
%%piè di pagina%%