Connettersi con persone di colore non è automatico per gli adottati transrazziali

di Mark Hagland, adottato dalla Corea negli Stati Uniti, co-fondatore di Prospettive di adozione transrazziale (un gruppo FB per futuri genitori e adottivi). Mark originariamente ha scritto questo per il suo gruppo Transracial Adoption Perspectives.

Oggi ho avuto una conversazione telefonica di un'ora assolutamente meravigliosa con una persona di colore (POC) con cui mi sono connesso alcuni mesi fa tramite Facebook. Originariamente ci eravamo collegati in un modo molto "Facebook" - attraverso amici di amici di amici - sai, quel modo di connettersi di Facebook.

Per proteggere la sua privacy, la chiamerò semplicemente "X". X è una donna di razza nera che ha quasi la mia età (ho 60 anni); ci siamo collegati molto fortemente intorno alla giustizia razziale e alle questioni politiche. È un'assoluta delizia. Ci piacerebbe incontrarci di persona un giorno presto (viviamo abbastanza lontano l'uno dall'altro), e abbiamo parlato di una vasta gamma di argomenti, tra cui la giustizia razziale e la politica, ma anche delle nostre esperienze vissute come persone di colore; e ho condiviso con lei alcune delle cose che faccio nel mondo delle adozioni transrazziali. È stata estremamente di supporto e incoraggiante. E questo l'ha spinta a condividere alcune esperienze profondamente personali sul razzismo, il colorismo e le sfide in quanto persona birazziale in particolare.

Condivido questo qui perché voglio condividere il fatto che, crescendo in un bianco quasi totale, ero essenzialmente disabile intellettualmente e culturalmente quando sono entrato nell'età adulta, in termini di connessione con altre persone di colore di tutti i non -razze bianche. Sapevo assolutamente che avevo bisogno di entrare in contatto con un altro POC, ma all'inizio era difficile, perché ero cresciuto in un bianco quasi totale e assolutamente all'interno della cultura bianca, anche se i bianchi non mi avevano mai permesso di "essere" bianco. In altre parole, sapevo solo come connettermi al mio compagno POC in un modo molto "bianco", e si vedeva.

Quindi mi ci sono voluti anni per "irrompere" nella società POC. Nel corso del tempo, sono stato presentato a sempre più persone e ho acquisito fluidità culturale con individui dei vari gruppi razziali non bianchi. Naturalmente, ogni singola persona sulla terra è un individuo; non serve dirlo. Ma la capacità di un adottato transrazziale cresciuto nella bianchezza di uscire dalla bianchezza appresa è tutt'altro che una cosa automatica. In effetti, un giovane adulto adottato transrazziale cresciuto nella bianchezza può inavvertitamente inviare segnali a individui di colore che possono renderli riluttanti a impegnarsi, se uno si presenta come non capendo il compagno POC; ma è come qualsiasi altra cosa nella vita: finché non si hanno certi tipi di esperienze, non si ha la fluidità necessaria per perseguire quelle esperienze.

La mia conversazione di oggi mi ha fatto venire in mente qualcosa. Per diversi anni, ho consigliato in privato e confidenzialmente una particolare mamma bianca transrazziale adottiva. La chiamerò "Y". Lei e suo marito avevano cresciuto due bambini neri, un maschio e una femmina; Chiamerò sua figlia "Z". Y e suo marito hanno cresciuto i loro figli in un bianco quasi totale in una piccola città del Midwest (circa 100.000), e quando Z si è trasferita in una grande città per cercare di integrarsi con altri giovani adulti neri, è stata devastata dal rifiuto che ha vissuto. Era così culturalmente bianca che la gente la prendeva in giro e la respingeva a priori. Ha avuto diversi anni di esperienze dolorose prima di essere in grado di raggiungere un livello in cui era socialmente e culturalmente accettata. Ora sta bene, ma ha avuto diversi anni difficili (motivo per cui sua madre mi aveva contattato per un consiglio).

Uno dei più grandi inciampi che vedo accadere più e più volte nella genitorialità adottiva transrazziale è quello che è successo con "Y" e "Z". I genitori di quella famiglia erano affettuosi e solidali con i loro figli, ma la loro figlia ha sbattuto contro un muro quando ha cercato di penetrare la cultura della nascita da giovane adulta, ed è stata emotivamente devastata dalla non accettazione iniziale e dal licenziamento che ha vissuto. Ma non deve essere così. I genitori bianchi adottivi transrazziali devono preparare i loro figli a cercare di integrarsi con la loro cultura di nascita e anche a diventare abili nell'interazione con persone di colore di tutte le razze. Mi ci è voluto un po', ma sono stato così felice di poter interagire con persone di colore di tutte le razze non bianche e di essere accettato da loro come un compagno POC. E no, non è affatto automatico. Posso dirti che ho avuto innumerevoli esperienze con individui neri, neri/birazziali, latini, nativi e asiatici (est, sud, sud-est), in cui hanno visto e affermato la mia condizione di POC. E voglio che sia assolutamente chiaro che il mio riferimento a questo fatto non è in alcun modo un vanto; invece, è semplicemente la mia segnalazione che è assolutamente possibile per gli adottati transrazziali essere in grado di navigare nella società in modi in cui altre persone di colore li percepiscono come POC e interagiscono di conseguenza.

Alcuni di questi sono un po' sfumati e difficili da spiegare, ma posso assicurarti che ci sono comunicazioni subtestuali in corso tutto il tempo, e c'è un mondo di differenza tra l'interazione con altri POC come POC e l'interazione con altri POC quando loro" ti sto mettendo a debita distanza. Ho sperimentato entrambi e conosco la differenza.

In ogni caso, se tuo figlio di colore non vede specchi quotidiani di se stesso negli adulti e nei bambini della loro razza specifica, nonché negli adulti e nei bambini di tutte le razze non bianche, e se tuo figlio non sta effettivamente interagendo con POC su quotidianamente, sarà molto più difficile per loro iniziare a integrarsi con persone della loro razza di nascita e con persone di tutte le razze non bianche, mentre si avvicinano all'età adulta. Per favore, assicurati assolutamente che la prima età adulta non sia uno shock terribile, come è successo a "Z". Sicuramente ti incolperanno per averli lasciati nei guai in quest'area cruciale. Non costringerli a capire tutto da soli; iniziare a costruire i ponti necessari quando sono bambini piccoli, in modo che le connessioni avvengano in modo fluido e organico e in modo che anche la loro competenza evolva in modo fluido e organico. È un elemento enorme nel loro viaggio permanente e non può essere ignorato. Circondare tuo figlio con media e cultura che li riflettano è essenziale, ma lo è anche aiutare tuo figlio a essere in grado di interagire facilmente e naturalmente con i membri della sua razza e tutte le razze non bianche. Entrambi sono incredibilmente importanti.

In ogni caso, grazie per aver letto e considerato questo.

Per altri articoli che Mark ha condiviso:
Uscire dalla nebbia degli adottati
Possiamo ignorare e negare che esiste il razzismo per gli adottanti del colore?

Per il nuovo libro di Mark:
Viaggio straordinario: il percorso permanente dell'adottato transrazziale

Conseguenze di Atlanta

di Kayla Zheng, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Sto ancora elaborando l'omicidio di 6 donne asiatiche nel Sparatoria alle terme di Atlanta. Ho pubblicato e condiviso attraverso i miei account sui social media la mia rabbia, la mia sfiducia, l'audacia delle forze dell'ordine e della società per proteggere la fragilità del terrorista bianco e la sfacciata negazione del razzismo. Sento la tensione come una fessura nella mia armatura di compostezza forzata. Ma non sto solo elaborando tutto questo come una donna asiatica. Sono anche costretta a elaborare questa minaccia come una donna asiatica adottata, che è stata cresciuta in un mondo e da persone che assomigliano a quel terrorista. Peggio ancora, sono stato cresciuto da persone che hanno ideologie simili a quelle di quel terrorista. Dove comincio a soffrire, dove comincio a elaborare, come inizio a farti sapere come mi sento quando ho trascorso la maggior parte della mia vita vivendo sotto lo stesso tetto di candore che afferma di amarmi ma danneggia le persone che mi assomiglia?

Se dovessi chiedere ai miei genitori adottivi evangelici bianchi i loro sentimenti per la sparatoria di massa ad Atlanta, si chiederebbero se fosse basata sulla razza. Dopotutto, non tutte le vittime erano asiatiche. Se dovessi chiedere loro se alcuni leader politici in posizioni di potere sono responsabili di alimentare sentimenti anti-asiatici, mi troverei di fronte a "fake news". Ma se dovessi chiedere loro se amano la loro figlia asiatica, verrei accolto con "sì, tuttavia, non ti vedo come asiatica, sei solo nostra figlia". Come posso elaborare un dolore e una paura così reali e appetibili, quando vengono ignorati e negati da coloro che dovrebbero essere i miei protettori per sempre? Come lo traduco in parole e lo avvolgo, in modo che sia presentabile e comprensibile per gli altri vedere le contraddizioni? In questo sta il problema, il problema con il razzismo, il suo potere sistemico e istituzionale che è sottile ma sembra proiettili, schegge e morte.

Questo è tutto per dire che per quanto i miei genitori evangelici adottivi bianchi affermano di amarmi, non possono amarmi. Perché non possono riconoscere il terrorismo che mi hanno inflitto per tutta la vita. Non possono amarmi completamente perché la loro "cecità ai colori" ha impedito loro di vedere l'intero spettro della mia identità e di come passo la vita. Non possono davvero amarmi completamente perché si rifiutano di riconoscere il loro pregiudizio razziale nei miei confronti e come mi hanno cresciuto in quell'ambiente. Non possono amarmi completamente perché non possono affrontare la loro bianchezza, il loro stesso razzismo e il modo in cui contribuiscono a una cultura della supremazia bianca.

Alcuni membri della famiglia adottiva allargata mi hanno contattato, rassicurandomi che si preoccupano, facendomi sapere che sono preoccupati per la mia sicurezza. D'altra parte, non ho sentito un sussurro dalla mia famiglia adottiva immediata. Nessuno di loro. Il loro silenzio la dice lunga. Sto ancora elaborando cosa significa essere asiatico in America. Penso ancora alla volta in cui mi è stato detto di tornare da dove vengo, come se non fosse stato il candore a ricondurmi con la forza in un paese che mi disprezza. A un Paese che mi vede come un virus, un feticcio, una spia comunista, una minaccia e una fantasia da colonizzare dall'Est. Sto ancora assorbendo e cercando di capire cosa significhi per me la violenza verso le persone che mi somigliano. Faccio fatica con tutto questo, ma lotto con questo oltre ad essere una donna asiatica adottata. Faccio fatica a capire cosa significhi quando le persone con cui sono cresciuto si rifiutano di vedermi come una donna asiatica. E quel rifiuto potrebbe costarmi la vita.

Leggi l'articolo più letto di Kayla: Decolonizzare Mosè

autoritratto di kimura

di kimura byol-nathalie lemoine, nato in Corea del Sud; creatore di archivi culturali adottati

in quanto graphic designer qualificato ma soprattutto artista e attivista, le immagini simili a poster sono realizzate in modo incisivo, poche parole, semplici immagini photoshoppate e il messaggio è più facile da catturare. il fatto che NON possiamo leggere facilmente le parole gialle sullo spazio bianco è il modo in cui gli asiatici navigano nel mondo bianco. molti asiatici, aborigeni, autoctoni adottati sono stati adottati principalmente da famiglie bianche e credevano per molto tempo di essere loro stessi bianchi, è così che siamo cresciuti, è così che siamo sopravvissuti al razzismo (a volte a casa, spesso a riunioni di famiglia - a scuola, al lavoro ). rappresenta strati di vita pronta ... spostati e rubati ma una vita che ce l'abbiamo fatta, di cicatrici, perdita e desiderio di capire ...

Italiano
%%piè di pagina%%