Una domanda per le agenzie di adozione

di Cameron Lee, adottato dalla Corea del Sud negli USA, terapeuta e fondatore di Terapia riscattata

Cosa autorizza un'agenzia di adozione a continuare a operare? Il numero di bambini collocati al mese? La quantità più bassa di discontinuità di adozione all'anno? Le credenziali del regista? La loro apparizione in una produzione mediatica esclusiva?

Se faticano a incorporare una vasta gamma di testimonianze degli adottati nel modo in cui forniscono efficacemente servizi di assistenza all'infanzia, comprese iniziative per mantenere intatte le famiglie, cosa stanno facendo dentro e verso le nostre comunità?

Una domanda che i genitori adottivi possono porre è: “In che modo le testimonianze di adulti adottati hanno cambiato le tue procedure operative standard negli ultimi cinque anni? Puoi mostrare almeno tre esempi di come il tuo programma è cambiato o si è evoluto sulla base della ricerca e della letteratura guidate dagli adottati?"

A meno che non siano disposti a mostrarvi il loro contributo ai bacini curativi del servizio che affermano di fornire, va bene chiedersi quante persone e famiglie siano state trattenute dall'accesso alle loro strutture di acqua viva.

In altre parole, mostraci il cuore della tua agenzia. Se c'è un'abbondanza di non adottati che parlano e insegnano, ci deve essere qualcos'altro che ci mostri che stai lavorando nel migliore interesse dell'adottato, non solo all'età in cui è "adottabile", ma per tutta la durata della nostra vita.

Vogliamo collaborare con te! Ma per favore, riduci al minimo l'idea che il nostro attivismo sia dannoso per gli affari. La voce dell'adottato non dovrebbe essere una minaccia per coloro desiderosi di imparare a servire meglio gli adottati. Molti di noi vogliono aiutarti a realizzare le tue promesse. Grazie per averci ascoltato in questo modo e per averlo reso una "migliore pratica" di solidarietà.

Leggi l'altro blog di Cameron su ICAV, Il Papa che fa vergognare le persone ad adottare bambini

Adozioni e suicidio a Natale e Capodanno

Natale e Capodanno sono un periodo in cui di solito ci riuniamo come famiglie, festeggiamo e ci ritroviamo. Per alcuni adottati, questo è un periodo dell'anno particolarmente difficile perché non tutti siamo strettamente legati alle nostre famiglie (di nascita o di adozione). Spesso è questo periodo dell'anno che può essere il più difficile perché fa emergere sentimenti dolorosi di non essere strettamente collegati .. a nessuno. Può ricordarci come non "ci adattiamo", come siamo per sempre negli spazi intermedi, o quanto poco siamo capiti dalle stesse persone che ci hanno cresciuto o ci hanno fatto nascere.

Lutto per il figlio del passato di Dan R Moen (adottato filippino)

L'adozione si basa fortemente sulla perdita: la perdita delle nostre origini, la perdita di sapere da chi veniamo e perché, la perdita della nostra cultura e delle tradizioni a cui siamo nati, la perdita delle nostre famiglie allargate. E l'adozione non sempre sostituisce tutto ciò che abbiamo perso. Anche l'adozione è fortemente basata sul trauma: è il trauma che le nostre generazioni hanno attraversato che spesso ci portano ad essere abbandonati per qualsiasi motivo. Oppure può essere il trauma che ha attraversato il nostro Paese, conseguenza di guerre, carestie, disastri naturali, ecc. Noi adottati portiamo queste perdite e traumi dentro di noi, spesso non siamo consapevoli di portarli, finché non facciamo un tuffo profondo nelle nostre origini e riconnetterci ad alcuni dei nostri sentimenti più primordiali di abbandono e dolore.

In questo periodo di Natale e Capodanno, spero che possiamo essere consapevoli dei nostri compagni adottati per i quali questo può essere un periodo dell'anno particolarmente stimolante. L'anno scorso in Europa il team di adottati che sono terapisti presso AFC sapeva almeno 6 adottati dai loro circoli immediati che si sono suicidati tra Natale e Capodanno. Quest'anno, a livello globale chissà quali saranno i nostri numeri, perché abbiamo anche vissuto un altro anno difficile con COVID-19 e questo ha ulteriormente aumentato il senso di isolamento per molti, adottati o meno.

Ho appena finito di partecipare a due eventi importanti quest'anno per aumentare la consapevolezza della connessione tra l'essere adottati e l'esperienza di sentimenti o azioni suicidari. Il primo è stato un webinar con un'esperienza vissuta in cui abbiamo condiviso apertamente. Puoi vederlo qui:

Il secondo, che ha seguito il nostro primo, è stato un evento su Twitter in cui molti di noi hanno condiviso la nostra esperienza vissuta e i pensieri che puoi leggere qui come riassunto sveglia.

Un enorme ringraziamento all'organizzazione sponsor Sopravvissuti Uniti e madre adottiva internazionale Maureen McCauley a Storie della luce del giorno, che ha organizzato questi 2 eventi incredibilmente potenti e tanto necessari.

Volevo condividere le mie risposte alla domanda 4 che ci chiedeva, per i compagni adottati che stanno lottando, cosa direi? La mia risposta è:

Non sei solo! Molti di noi sono stati in quello spazio, so quanto sia difficile trovare una via d'uscita, ma è possibile. Rivolgiti ai tuoi spazi di supporto tra pari: ce ne sono così tanti. Se hai bisogno di aiuto per trovarli, ICAV ha un elenco di organizzazioni guidate da adottati internazionali Intorno al mondo.

Inoltre, non abbiate paura di cercare di trovare un professionista della salute mentale. Può fare un'enorme differenza essere supportati da qualcuno formato per comprendere la nostra esperienza vissuta. Se hai bisogno di aiuto per trovarli, ICAV ha un elenco globale di supporti post adozione come un ottimo punto di partenza.

L'adozione inizia con i traumi e la maggior parte della nostra vita la passiamo a disfare le valigie e a dare un senso alla nostra vita, chi siamo, come siamo arrivati qui. Ma una volta che ci circondiamo di sostegno e ci impegniamo a lavorare su quelle parti dolorose, la nostra vita può cambiare e POSSIAMO trovare guarigione e connessione.

Inizia con noi stessi, ritrovando la connessione con noi stessi – chi siamo nati per essere, non necessariamente chi siamo adottati per essere.

La nostra vita come adottati non deve essere controllata per sempre dai nostri inizi, ma è così importante non negare e ignorare il dolore, ma offrire al tuo bambino ferito interiore uno spazio in cui il suo dolore può essere ascoltato e dove può iniziare la guarigione.

Il mio messaggio per le famiglie adottive e i professionisti che faticano a capire come/perché gli adottati possono sentirsi suicidi, consiglio vivamente di guardare il nostro serie di video che copre i temi universali che ho osservato, riflessi attraverso le storie che molti adottati hanno condiviso con me negli ultimi 20 anni. È COS importante che gli adottati si sentano ascoltati, convalidati e abbiano lo spazio per condividere dai nostri cuori, senza giudizio o aspettativa.

Parte della visione che ho creato e che ho ancora per ICAV rimane molto vera in questo periodo dell'anno:

Un mondo in cui gli adottati internazionali esistenti non sono isolati o ignorati, ma supportati dalla comunità, dal governo, dalle organizzazioni e dalla famiglia durante l'intero percorso di adozione.

Demistificare la stigmatizzazione del suicidio degli adottati

Di Lina Vanegas, RSU e adottato dalla Colombia negli USA.

È vergognoso che il suicidio sia così fortemente stigmatizzato dalla società. La religione e la legge hanno contribuito alla stigmatizzazione del suicidio. La legge ha perpetuato le loro posizioni creando leggi che rendono illegale il suicidio. Ci sono 26 paesi in cui il suicidio è attualmente illegale tra cui Kenya, Bahamas e Giordania. È completamente sbagliato criminalizzare, vergognare e stigmatizzare le persone che stanno lottando e soffrendo. La religione e la legge non sono le uniche istituzioni o sistemi per farlo, ma li uso come esempio per dimostrare quanto impatto abbiano sulla società. Tutti questi pensieri vengono assorbiti dalla società che non ispira né crea empatia, compassione o comprensione per le persone che soffrono.

La vergogna e la stigmatizzazione intorno al suicidio sono evidenti nel linguaggio che usiamo per parlare di suicidio. Quando diciamo "suicidato" lo stiamo paragonando a un crimine. Non è davvero un crimine. Non diciamo che una persona ha "commesso" un cancro, un infarto, un ictus o un Covid, diciamo che qualcuno ha "commesso" un omicidio, una rapina, un'aggressione o uno stupro. Quelli sono crimini.. Il crimine intorno al suicidio è che qualcuno è morto perché stava lottando così tanto internamente, mentalmente ed emotivamente. Smettiamo anche di dire che si sono "uccisi". Ciò che ha ucciso quella persona è stata una lotta per la salute mentale e sono morti per suicidio. È essenziale creare un cambiamento di paradigma in cui guidiamo con empatia, compassione e comprensione. 

Quando le persone usano questa terminologia, stigmatizzano il suicidio. Una persona che è morta per suicidio ha amici, familiari, vicini, conoscenti e persone care. Quando sentono questa scelta di parole, li feriscono e sono già alle prese con la stigmatizzazione di una morte suicida. Potresti conoscerli, ma probabilmente non ti parleranno della loro perdita dopo aver sentito che usi un linguaggio così offensivo e insensibile.  

La società occidentale stigmatizza e svergogna coloro che lottano con problemi di salute mentale e malattie mentali. Ci sono una miriade di espressioni e cose che usano suicidio nel nome/titolo che sono offensive e crudeli per coloro che hanno (o stanno) lottando con pensieri/ideazioni suicidarie, hanno tentato il suicidio e per quelli di noi che hanno perso una persona amata uno al suicidio. Le persone useranno l'espressione abbastanza liberamente "Sto per uccidermi" e "Mi ucciderò e basta" e "Vai a ucciderti". Questi sono pugnali per coloro che sono stati colpiti dal suicidio. Questi commenti sono completamente sordi, insensibili e crudeli e riflettono la generale mancanza di comprensione ed empatia intorno al suicidio.

Dobbiamo rendere la discussione sul suicidio degli adottati una conversazione continua e regolare. Non ci basta parlarne sporadicamente. Questa conversazione deve essere fatta trecentosessantacinque giorni all'anno. Gli adottati lottano e soffrono ventiquattro ore, sette giorni alla settimana e trecentosessantacinque giorni all'anno. La statistica secondo cui gli adottati hanno 4 volte più probabilità di tentare il suicidio proviene da una ricerca pubblicata nel 2013 dall'American Academy of Pediatrics. 

Abbiamo bisogno di ricerche attuali fatte sugli adottati in tutto il mondo. Sto scrivendo dagli Stati Uniti, quindi le organizzazioni ideali per finanziare e condurre questo sono la fondazione americana per la prevenzione del suicidio e l'Associazione americana di suicidio. Questi studi aiuterebbero a informare la prevenzione, la sensibilizzazione e l'educazione. Fino a quando la società non si renderà conto della crisi di salute mentale che stanno affrontando gli adottati, continueremo a lottare in silenzio. Siamo una comunità invisibile e oppressa che lotta letteralmente per le nostre vite. Abbiamo un disperato bisogno di sostegno e prevenzione del suicidio. 

Volevo rendere omaggio e onorare i due adottati che sono morti questo mese. Erano entrambi adottati transrazziali internazionali. È fondamentale sottolineare che esiste un legame tra questo e le lotte per la salute mentale, il razzismo e il suicidio. Molti di noi sperimentano microaggressioni e razzismo perché non siamo bianchi. Queste esperienze hanno un impatto sulla nostra salute mentale. I genitori adottivi non hanno idea di cosa significhi in quanto non sperimentano questi incidenti e molti preferiscono non vedere la nostra razza in modo che non ci aiuti. Alcuni genitori adottivi perpetuano il razzismo e le microaggressioni che incidono sulla nostra salute mentale. 

Alejandro Gobright è morto il 2 giugno. È stato adottato dal Guatemala negli Stati Uniti. È descritto da un tributo che ho letto come "un grande cantante, poeta e amico incredibile".

Seid Visin morì il 4 giugno. Fu adottato dall'Etiopia in Italia. Ha giocato nelle giovanili del Milan e del Benevento. Ha spiegato in una lettera prima della sua morte suicida come soffriva di continui abusi e trattamenti razziali. È essenziale sottolineare che suo padre adottivo ha fatto di tutto per sottolineare dopo la morte di Seid che il razzismo non ha avuto un ruolo nella sua morte. Questo è un chiaro esempio di un genitore adottivo che ignora, non ascolta e non vuole affrontare le difficoltà che Seid stava affrontando.

Sono estremamente triste e arrabbiato ogni volta che scrivo di suicidi di adottati. Queste morti hanno un impatto sull'intera comunità degli adottati. Alejandro e Seid sono una parte di tutti noi. Ci sono all'incirca dai cinque ai sette milioni di adottati nel mondo ed è ora che si inizi a parlare di suicidio degli adottati. 

Leggi gli altri articoli di Lina su Adoptee Suicide, Parte 1 & Parte 2.

Altre risorse sul suicidio degli adottati

Affrontare il suicidio dell'adottato
Pagina commemorativa dell'ICAV
Giornata della memoria degli adottati
È una settimana nera per gli adottati in Europa
In memoria di Seid Visin

Gli adottati hanno bisogno di servizi di salute mentale

di Christina Soo Ja Massey, ovvero YooNett adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Mi sono rasato i capelli per due motivi:
Il prossimo festival scozzese della salute mentale e delle arti nel maggio 2021.
Il mio attuale stato di salute mentale in declino.

Le lacrime del trauma Ho pianto da orfano indifeso in passato, piango da adulto per tutta la mia vita.

Sono un adottante coreano d'oltremare.
L'adozione non è mai stata felice dopo che alcuni potrebbero provare a far credere.

Un senzatetto adottivo coreano all'estero, che racconta di una famiglia adottiva che non discute nulla a che fare con la sua adozione e precedenti precedenti. Perdere un altro adottante coreano d'oltremare attraverso il suicidio. Molti adottati coreani d'oltremare a cui è stato mentito sul loro passato, presente e futuro. Molti soffrono ulteriore negligenza o più abuso di tutte le forme per mano dei loro adottanti.
Considera solo che abbiamo già sperimentato traumi perdendo i genitori naturali in primo luogo.

Negli anni '70 e '80 la Corea è stata accusata di traffico di bambini a causa del numero crescente di bambini coreani inviati all'estero per l'adozione.

L'immagine che i miei adottanti hanno ricevuto dalla Corea era di un bambino con i capelli rasati. Ho sofferto di un'eruzione cutanea sulla testa causata dall'eczema atopico. L'eczema atopico permane per tutta la vita raccontando la storia di ogni aspetto dello stress vissuto dal corpo.
Così fa lo stress post traumatico.

Potresti pensare ad altre persone famose o meno che si sono rasate la testa in uno stato di disagio mentale. Sinead O'Connor, Britney Spears, Amy Winehouse... qualunque sia il loro motivo.

La rasatura della testa è riconosciuta come un sintomo che può manifestarsi in relazione alla malattia mentale, ma non a una specifica forma di malattia mentale. I sofferenti hanno spesso continuato a sperimentare un crollo mentale subito dopo, forse in uno stato di Mania... Un tentativo di riprendere il controllo o un segno di perdita di controllo.

Ci sono numerosi contributi sui social media online di persone che si radono i capelli durante il blocco di questa pandemia di Covid-19.

Abbiamo urgente bisogno di affrontare le carenze nei servizi di salute mentale. Abbiamo bisogno di un ambiente sicuro e dotato di risorse in cui i professionisti della salute mentale possano continuare a lavorare. Migliore accesso a tecnologie avanzate e social media. Più diversità. Terapie più olistiche e personalizzate. Solo per elencarne alcuni.

Finché i problemi di salute mentale continueranno a essere inascoltati e invisibili, c'è poca speranza per ulteriori risorse.

Partecipa e sensibilizza. Grazie.

#salute mentale
#la salute mentale è importante
# malattia mentale
# consapevolezza della malattia mentale
# sopravvissuto
#seeme
#orte
1TP3Crostataesalutementale
1TP3Crostateefestival della salute mentale
#coreano
#asiano
#tedesco
#asianlivesmatter
#internazionale
#adoptee
1TP3Adozione all'estero
#suicidio
#atopiceczema
#orphan
#ptsd
#bpd
#gravedepressione
1TP3 Ideazione suicidaria
1TP3Disturbo di personalità instabile emotivo
#ambivalente attacco
#trustissues
#relazioni difficili
#violenza domestica
#abuso sessuale
#tratta di esseri umani

Cosa ci vorrebbe per scegliere di farmi da genitore?

di Cam Lee Piccolo, adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti, terapista presso TerapiaRiscattato.

Non tutti i bambini possono fare questa domanda prima di diventare adottati. E non tutte le future mamme hanno la possibilità di rispondere.

So che ci sono così tanti tipi di circostanze rappresentate nella nostra comunità, anche mentre stai leggendo questo e mentre contribuisci a questa comunità di adozione molto speciale a cui apparteniamo.

Questa domanda è sorta per me mentre mi chiedevo di mia madre di recente, ed è stata portata ulteriormente in superficie mentre guardavo alcuni clip da Il bambino del karate.

Gli adottanti sperimentano una perdita di scelta e di voce quando si tratta di una tale decisione, di fare da genitore al bambino o di rinunciare all'adozione... e TROPPI adottanti respingono i sentimenti dei loro figli a riguardo. Troppi.

Permettere. Figli. addolorarsi.

Non dire agli adottati che stanno facendo un grosso problema con una cosa così piccola. Chiedi perché le agenzie di adozione e i mediatori di potere all'interno di quelle istituzioni hanno fatto una tale fortuna interrompendo queste sacre relazioni.

Per favore lasciaci addolorarlo. E permettici di chiederci: "E se?" Anche se la risposta è irrisolvibile, quel qualcuno è qui per ascoltarla con noi, per riconoscerne il peso.

Perché di certo non dovevamo portarlo da soli. Possa il nostro messaggio reciproco essere: "Non devi".

#adoption #adoptionstory #adoptionjourney #adoptivefamily #trauma #traumarecovery #traumainformed #traumatherapy #transracialadoption #transracial #koreanadoptee #koreanadoptees #internationaladoption #adoptionblog #identity #resilience #adopteevoices #adopteerights #therapeutic #counselingpsychology #mentalhealthawareness #adoptionawareness #therapyredeemed

Italiano
%%piè di pagina%%