Una veglia per Christian Hall, 1 anno dopo

Il 30 dicembre 2021, dalle 19:00 alle 21:00 CST, ci siamo riuniti nell'applicazione dei social media, Clubhouse per partecipare a una veglia online, creata e guidata dall'adottato vietnamita Adam Chau. L'evento è stato organizzato in collaborazione con la famiglia di Christian Hall che ha creato le veglie fisiche di persona in varie città degli Stati Uniti. Lo scopo delle veglie era quello di onorare la vita di Christian, sensibilizzare e riunire le comunità colpite in solidarietà per cercare Giustizia per Christian Hall. Puoi leggere i loro ultimi articoli qui e qui.

Alcuni ospiti adottati sono stati invitati a condividere i nostri pensieri per la veglia online: Kev Minh Allen (Vietnamita americana adottata), Lynelle Long (Adottato australiano vietnamita), Kayla Zheng (adottato cinese americano), Lee Herrick (Coreano americano adottato).

Condivido con voi ciò di cui ho parlato in onore di Christian Hall.

Mi chiamo Lynelle Long, sono la fondatrice di Intercountry Adoptee Voices (ICAV). Vorrei ringraziare Adam Chau per aver organizzato questo evento online oggi in onore di Christian. Grazie Nicole, la cugina di Christian che è alla nostra chiamata, per averci permesso di partecipare a questa veglia. Mi dispiace tanto per la perdita della tua famiglia! È un privilegio poter parlare. Sono una persona con un'esperienza vissuta di adozione internazionale e, come Christian Hall, sono di origine cinese … tranne che sono nato in Vietnam e adottato in Australia, mentre lui è nato in Cina e adottato negli Stati Uniti.

Il filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo vissuto l'abbandono da bambini. Non importa che età abbiamo, per un adottato, la perdita della nostra prima famiglia come abbandono/rinuncia è un'esperienza cruda e dolorosamente traumatica. Rimane con noi per tutta la vita sotto forma di sensazioni corporee e si attiva facilmente. Quando ciò accade, queste sensazioni inondano il nostro corpo come paura, panico, ansia.

Peggio ancora è che quando il nostro abbandono avviene da bambini, non abbiamo sviluppato un linguaggio come modo per comprendere la nostra esperienza. Rimaniamo semplicemente con i sentimenti pre-verbali (sensazioni corporee). Mi ci sono voluti più di 20 anni prima di leggere il primo libro, The Primal Wound di Nancy Verrier, che ha cambiato la mia vita in termini di comprensione dell'impatto che l'abbandono e l'adozione hanno avuto su di me. Quel libro è stato il primo ad aiutare a dare parole all'esperienza che avevo provato fino a quel momento, come un'esperienza del tutto somatica, come sensazioni sgradevoli nel mio corpo, che non avevo capito, da cui avevo passato la vita scappando ogni volta sono riemersi.

L'altro filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo sperimentato ideazioni e tentativi suicidi. Per lui, significava tragicamente la fine della sua vita da parte degli agenti di polizia che non capivano i suoi traumi. Per me, dopo numerosi tentativi falliti e finire al pronto soccorso, ha significato un lungo processo di risveglio al trauma che avevo vissuto. Più di 20 anni dopo, ho trascorso la maggior parte di questo tempo ad aiutare a risvegliare la nostra società su cosa sia veramente l'adozione per noi, la persona adottata.

Essere adottati non ci lascia mai. Potremmo provare a scappare e fingere che non abbia alcun impatto, ma nel profondo del nostro nucleo, il nostro abbandono collega quasi ogni aspetto del nostro essere - soprattutto, come ci connettiamo o meno con gli altri intorno a noi e con noi stessi. Al centro, gli adottati internazionali sperimentano la perdita di identità, razza e cultura. A meno che non abbiamo intorno a noi supporti che ci comprendano e ci aiutino a superare presto il trauma dell'abbandono, inciampiamo nel buio, completamente inconsapevoli di come il nostro abbandono ci colpisce. Molti adottati lo chiamano "essere nella nebbia" fino a quando non ci svegliamo. Oggi, decenni dopo che Nancy Verrier ha scritto per la prima volta il suo fantastico libro, ora ne abbiamo molti, molti libri scritti da adottati chi sono gli esperti della nostra esperienza vissuta. Questi libri sono una testimonianza scritta delle complessità che viviamo attraverso l'adozione e dell'impatto che hanno su di noi.

Negli ultimi 2 mesi, ho lavorato con altri per parlare degli impatti dell'abbandono e del trauma dell'adozione e del collegamento diretto al rischio di suicidio. Riconosco che la famiglia di Christian non collega la sua tragica morte al suicidio, ma sospetto che i suoi sentimenti di abbandono siano stati innescati quando eventi chiave lo hanno portato a trovarsi sul ponte quel giorno. Spero che più famiglie adottive si istruiscano sulle complessità in cui viviamo come persone che si disconnettono dalle nostre origini tramite l'adozione internazionale. Siamo quasi 2 milioni in tutto il mondo e stiamo parlando in massa per aiutare il mondo a capire che non è un'esperienza di arcobaleni e unicorni. Abbiamo bisogno di supporto permanente da professionisti formati in materia di trauma e adozione. Solo in America ci sono centinaia di migliaia di adottati internazionali: l'America rimane il più grande paese ricevente al mondo. Troppi stanno lottando emotivamente ogni giorno, eppure negli Stati Uniti non esiste ancora un servizio di consulenza nazionale gratuito per gli adottati internazionali e le loro famiglie. Inoltre, negli Stati Uniti non esiste un centro nazionale di supporto post-adozione finanziato per aiutare gli adottati internazionali a crescere fino all'età adulta e oltre. Non è un enorme difetto il fatto che il più grande importatore di bambini al mondo non disponga di un sostegno permanente interamente finanziato, equo e liberamente accessibile? come può l'America aspettarsi risultati positivi per i bambini che sono tra i più vulnerabili se non finanziamo ciò che sai di cui hanno bisogno?

Non ho mai conosciuto Christian personalmente. L'ho scoperto solo attraverso la sua morte. Vorrei averlo conosciuto. Dai molti adottati internazionali con cui mi connetto, so che guadagniamo così tanto emotivamente dall'essere connessi ad altri proprio come noi. Essere in contatto con i nostri coetanei aiuta a ridurre quei sentimenti di isolamento, ci aiuta a capire che non siamo gli unici a vivere la vita in questo modo, ci aiuta a connetterci a fonti di supporto e convalida che sappiamo ha funzionato. Vorrei che Christian avesse incontrato la nostra comunità. Non saprò mai se avrebbe fatto la differenza che lui non fosse lì quel giorno su quel ponte. Come adottato, sospetto che Christian molto probabilmente volesse aiuto quel giorno, un aiuto per alleviare la sua anima addolorata, non la morte. 

Inoltre, prendiamoci un momento per ricordare la sua famiglia biologica in Cina. Se hanno mai avuto davvero una scelta nella sua rinuncia, probabilmente non lo sapremo mai, ma dalla mia conoscenza in questo campo, molto probabilmente non è così. L'adozione di Christian fu probabilmente il risultato del L'era della politica 1-Children in Cina dove migliaia di famiglie sono state costrette ad abbandonare i propri figli, molti dei quali sono finiti all'estero adottati come cristiani. Per favore, prenditi un momento per considerare che, attraverso l'adozione, la sua famiglia biologica non ha nemmeno il diritto di sapere che è morto. 

La parodia dell'adozione è che il trauma è vissuto da tutti nella triade (l'adottato, la famiglia adottiva, la famiglia biologica) ma i traumi continuano a non essere riconosciuti e non sono supportati sia nei nostri paesi adottivi che in quelli di nascita. Dobbiamo fare di meglio per prevenire l'inutile separazione delle famiglie e, dove è necessaria l'adozione, garantire che le famiglie intraprendano un'educazione all'adozione, conoscendone appieno le complessità e avendo accesso gratuito equo per tutta la vita ai supporti professionali necessari.

Il mio enorme ringraziamento alla sua famiglia allargata e immediata per essere stata coraggiosa e essersi aperta attraverso tutto questo trauma e aver permesso queste veglie in cui la sua vita e la sua morte possono essere onorate per il bene più grande. Onoro il dolore e la perdita che hanno vissuto e li ringrazio immensamente per aver permesso alla nostra comunità internazionale di adottati di unirsi a loro per sostenerli.

Grazie.

Se desideri sostenere la famiglia di Christian e la loro spinta per la giustizia, firma la petizione qui.

Se desideri comprendere meglio le complessità coinvolte nell'adozione internazionale vissuta dagli adottati, il nostro Risorsa video è un ottimo punto di partenza. Non sarebbe fantastico creare una risorsa come questa per aiutare a educare i primi soccorritori a comprendere meglio le crisi di salute mentale che vivono gli adottati.

Guarire come adottante transrazziale

di Kamina il Koach, adottato transrazziale negli USA.

Sono un adottato domestico, transrazziale, tardivo scoperto nato nel 1979 appena fuori Dallas, in Texas, negli Stati Uniti. A 42 anni, mi identifico come un'altra donna afroamericana, ma in realtà non sapevo di essere nera fino all'età di 14 anni e anche allora pensavo solo che mia madre avesse una relazione, o almeno così mi è stato detto. Ho creduto a questa bugia perché volevo credere ai miei genitori, finché non ho scoperto, per caso, di essere stata adottata. 

Quando ho scoperto a 32 anni di essere stata effettivamente adottata, stavo attraversando TANTO che non potevo sopportare di affrontare questa verità. L'ho riconosciuto e ho subito i commenti ignoranti che le persone hanno fatto sulla mia adozione, per includere domande sul motivo per cui non avevo cercato la mia famiglia. Tutto questo mi ha reso ancora più difensivo. Ho sempre avuto, quello che ho deciso di essere, problemi di rabbia. Questo certamente non ha aiutato la questione, essendo costantemente confrontato con domande a cui non potevo nemmeno rispondere da solo. Invece di affrontare questa nuova orribile verità, l'ho rinchiusa e ho lasciato gli Stati Uniti per quasi 10 anni.

La mia casa adottiva era piena di razzismo, caos e confusione. Ero senzatetto a 15 anni perché la mia adottiva mi ha cacciato. Ha chiamato la polizia e sono venuti e hanno aspettato che facessi le valigie e partissi. Ho chiesto loro dove dovevo andare. Dissero che non gli importava, ma non potevo restare lì perché la mia fragile adottiva bianca aveva paura del suo grosso fardello nero. La cosa migliore che mi sia mai capitata è stata uscire da quella casa, anche se ha reso la vita un po' più complessa di quanto avrebbe dovuto essere originariamente. Fino a quel momento, avevamo litigato per un uomo di quasi 15 anni più grande di me che lei mi aveva permesso di vedere. Fino a quando non ho iniziato a portare alla luce tutto il mio trauma, non mi ero nemmeno reso conto che anche questo era un abuso. Tuttavia, nel tempo che ha trascorso con lui aiutandoci a sgattaiolare in giro per vederci, si è innamorata di lui. Lascerò quella prima casa proprio lì, ma non prima di menzionare anche che il figlio biologico della mia adottiva ha abusato sessualmente di me e quando finalmente ho avuto il coraggio di tirarlo fuori, ho scoperto che lei sapeva. Quindi sì, lasciamoli lì. 

Ho avuto così tanti traumi nei lavori prima di scoprire di essere stato adottato che avevo passato quasi 10 anni a curare quelle ferite prima ancora di poter considerare il viaggio fuori dalla nebbia. Ho guardato alla religione, frequentando anche il seminario per diventare cappellano nell'esercito. Il libro "The Secret" ha iniziato la mia trasformazione spirituale. Sebbene non sia più affatto religioso, sono piuttosto profondamente spirituale poiché quel libro mi ha messo sulla strada dello studio della fisica quantistica e di altre idee e teorie che non solo supportavano la mia anima, ma non andavano contro la scienza. Avevo bisogno di dare un senso a tutto.

In Cina ho trovato il libro Una Nuova Terra di Ekhart Tolle e ho iniziato a imparare di più sull'energia e ho scoperto che potevo controllare i miei crampi mestruali concentrandomi sull'energia che tengo nel mio corpo. Questo mi ha portato a scoprire la medicina energetica e la guarigione energetica, da cui ho preso la mia sintonizzazione per diventare un maestro di Reiki. Vivere fuori dal rumore bianco degli Stati Uniti mi ha dato l'opportunità di esplorare me stesso in un modo che non avevo mai fatto prima, e così ho fatto. La meditazione è diventata più facile e ho iniziato a crescere e cambiare mentre continuavo ad alimentare la mia mente con la conoscenza della mia anima e la potente energia che tutti condividiamo che è dentro di noi. 

Sono diventato un musulmano devoto mentre vivevo in Arabia Saudita e ho studiato molto il buddismo mentre vivevo in Thailandia e Myanmar. Cercavo costantemente un modo per riempire il buco nel mio cuore dove avrebbe dovuto esserci una famiglia. La religione non l'ha fatto. La scienza non l'ha fatto. E siamo dolorosamente diretti e diciamo che neanche la spiritualità ha funzionato. Volevo disperatamente avere figli miei, ma quello era l'ennesimo tentativo di riempire quel buco.

Sono tornato negli Stati Uniti dopo quasi 10 anni di vita e lavoro all'estero in otto paesi diversi durante il periodo peggiore della mia vita per essere un americano, marzo del 2020, l'inizio della pandemia di COVID-19. Sono un introverso ed empatico, quindi essere a casa è stato fantastico, ma il problema era che potevo letteralmente SENTIRE tutto il dolore del paese. A un certo punto, ero rannicchiata sotto la scrivania del mio ufficio in lacrime, tremavo e piangevo. La solitudine alla fine mi ha spezzato il giorno del mio compleanno, una brutta giornata per molti adottati e io non faccio eccezione. Questa è stata la seconda volta che mi sono auto-sabotato il giorno del mio compleanno e sono quasi riuscito a porre fine alla mia vita. Dovevo andare a trovare un ragazzo che mi piaceva ed è scomparso. Invece, mi sono alzato, mi sono vestito e sono uscito per ottenere l'attenzione di cui pensavo disperatamente di aver bisogno. Sono stato arrestato per guida in stato di ebbrezza diretto verso chissà dove. Ero così fuori di testa che non sapevo nemmeno di aver guidato fino in un'altra città prima di essere fermato e arrestato. 

Questo è stato per me. Ho iniziato il mio viaggio di reunion poco dopo. Ovunque tu vada, ci sei e stavo scappando da me stesso da troppo tempo. Nei 10 anni in cui sono stato all'estero, si sono formati gruppi per assistere gli adottati domestici nella ricerca gratuita, utilizzando solo informazioni non identificative e risultati del DNA. Sono un fanatico della ricerca ed è così che ho finito per rifiutare la tana del coniglio adottivo. Mi ero già unito a un gruppo di adottati una volta e me ne ero andato perché ero sopraffatto. Lo stesso questa volta. Mi sono unito a molti gruppi e ogni volta mi trovavo fuori posto o selvaggiamente a disagio. Per fortuna, però, non prima di aver conosciuto due fantastiche amiche adottive che sono anche donne di colore e adottate in modo transrazziale. Sono molto grato per la loro presenza nella mia vita, ma per la maggior parte evito ancora i gruppi. Odio i discorsi che finiscono in battibecchi. L'unico gruppo che continuo a divertirmi è uno per adottati che hanno tagliato i legami con le loro famiglie adottive. Non ho trovato un altro gruppo in cui mi sentissi così al sicuro.

Mentre mi muovevo attraverso il mio viaggio di riunione, ho continuato a sentire la gente dire che HO BISOGNO di un terapeuta. Non potevo permettermene uno all'epoca e non avevo un'assicurazione per aiutarmi. Invece, mi sono unito a un gruppo di supporto per gli adottati di colore. Nemmeno io ci andavo bene. È stata decente la prima sessione, ma dopo ho iniziato a sentirmi di nuovo un estraneo. Ho iniziato a chiedere più aiuto per vedere se qualcuno aveva qualche idea e uno dei miei nuovi amici adottati mi ha rivolto a Joe, uno dei primissimi psicoterapeuti adottati che ha iniziato a scrivere su questo. Il suo sito web afferma che ha offerto aiuto gratuito a coloro che si stanno muovendo verso la riunione. Tuttavia, dopo la nostra prima seduta, iniziò a discutere di soldi. Era anche un maschio bianco più anziano che mi ha messo a disagio e ha tentato di compensare dicendomi che aveva una ragazza nera. Era molto inquietante e scomodo. Inutile dire che neanche questo ha funzionato.

Dopo Joe, un ex amico militare mi ha indicato un terapista finanziato dall'esercito. Sono stato così grato di scoprire che anche lei è stata addestrata in EMDR. Sapevo dell'EMDR perché un mio amico è morto tra le braccia di un altro amico e un cappellano dell'esercito mi ha suggerito di ricercarlo per aiutarlo a elaborare il suo trauma. Tuttavia, ha finito per essere piuttosto razzista, definendomi un razzista al contrario. Dopo due sessioni, ha concluso la nostra relazione tramite un messaggio che ha quasi spezzato la mia anima in due. Avevo iniziato a vedere una persona molto dolce di cui ero innamorato ed ero certo che non sarei stata in grado di mantenere la relazione o navigare in una riunione senza aiuto. Era come essere lasciati, come la morte. L'abbandono è sempre stato uguale alla morte per me. 

Quei due tentativi falliti di terapia non mi hanno impedito di continuare il mio viaggio di guarigione. Il dottor Gabor Mate è uno dei miei esperti di trauma preferiti e afferma che tutti i nostri blocchi mentali sono un prodotto del trauma, comprese le dipendenze. Sostiene anche gli psichedelici per la guarigione, anche se non era la prima volta che ne sentivo parlare. La prima volta è stata probabilmente quando stavo chiedendo a un amico dell'esperienza di pre-morte e mi hanno menzionato il DMT, la versione fabbricata dell'ayahuasca medicinale vegetale. A questo punto avevo letto un libro su come le persone sono in grado di ricablare il cervello seguendo una modalità di meditazione intensiva, ma quell'ayahuasca era stata in grado di ottenere gli stessi risultati, spesso con una sola dose. Andando più avanti nella tana del coniglio, ho trovato i gruppi psichedelici sulla piattaforma di social media ClubHouse, ed è lì che ho rivolto per la prima volta la mia attenzione alla psilocibina, la sostanza chimica psichedelica nei funghi magici. Non ci avevo mai pensato prima, ma ho cominciato a studiarli più da vicino. Ho scoperto che hanno le stesse capacità di ricablare il cervello e calmare la parte del cervello dell'ego in modo da poter guardare il mio trauma per quello che è veramente. 

Quando mi sono trasferito in Arizona nel luglio del 2021, ho finalmente avuto accesso e ho iniziato la ricerca della medicina (funghi magici) mentre ancora studiavo ciò che la gente aveva da dire sul processo. La scienza ha fatto molti studi, ma volevo sentire anche cosa avevano da dire i nativi al riguardo. La colonizzazione ha permesso ai bianchi di appropriarsi di tutto e far sembrare che fossero le loro idee, ma queste modalità di guarigione naturali esistono da migliaia di anni. Volevo sentire cosa avevano da dire tutti in modo da poter prendere la decisione migliore per me stesso. Anche ClubHouse ha offerto questa opportunità.

Nel processo di ricerca di funghi magici, ho iniziato a cercare un terapeuta. La mia relazione sentimentale è finita in modo abbastanza violento e non potevo sopportare l'idea di ferire qualcun altro con le mie ferite. Credo che l'energia positiva concentrata del mio amico adottato, mi abbia portato dal mio nuovo terapeuta o almeno aiutato nella mia ricerca. Non solo è molto consapevole del suo candore e del privilegio che le conferisce, non è a disagio a parlarne. È anche informata sull'adozione, addestrata in brainspotting e psichedelici per la guarigione. Il brainspotting è ancora più efficace dell'EMDR e richiede meno lavoro di preparazione. L'ho trovata usando https://www.psychologytoday.com/us. Mi piace questo sito perché mi permette di cercare terapisti che accettano la mia assicurazione, la modalità che desideravo e l'area di specializzazione. Ho sempre cercato prima l'adozione informata, ma avrei accettato solo il trauma informato. Sono felice di aver trovato la terapeuta che ho ora perché si è fidata del mio intuito sulla mia guarigione, anche prima di me.

A questo punto, ho fatto tre sessioni di psilocibina e 5 sessioni di terapia e sono sbalordito dalle scoperte e dai progressi che ho fatto. Mi amo, probabilmente per la prima volta nella mia vita, mi amo davvero. Ho pianto ciò che ho perso quando ho perso la mia famiglia e ho sviluppato una profonda compassione per me stessa. Le mie più grandi paure fino ad oggi sono state la mia rabbia e i miei problemi nello sviluppo dei confini. Indovina a cosa sto lavorando ora? Esatto, la mia rabbia e i miei limiti. Perché ora? È incredibile quello che sei disposto a fare per qualcuno che ami, specialmente quando quel qualcuno sei te stesso! Fa ancora paura, ma so per certo che ne valgo la pena. Ora sto usando attivamente la psilocibina da solo e usando il mio terapista per l'integrazione dopo ogni cerimonia.  

Concluderò dicendo che siamo tutti unici, anche se condividiamo l'adozione in comune. Prima di iniziare un viaggio di guarigione così radicale, per favore considera dove ti trovi spiritualmente ed emotivamente. Inoltre, non prendere per nulla la parola degli altri. Prendi tutto con le pinze, anche quello che ho scritto qui. Sebbene le persone possano avere un titolo come medico o terapista, ciò non significa che sappiano quale percorso di guarigione è il migliore per TE. Solo TU lo sai veramente.

Se non hai soldi per un terapeuta, cosa che capisco con tutto il cuore, ci sono così tante risorse online che ti indirizzeranno nella giusta direzione e ti aiuteranno a darti un'idea delle tue difficoltà. Dedica molto tempo a riflettere su te stesso, sul tuo viaggio e su dove vuoi andare prima di prendere qualsiasi decisione. Tutta la guarigione di cui hai bisogno è già lì dentro di te. Il trucco è trovare la chiave per sbloccarlo.

Un'ultima cosa, la guarigione è un viaggio, non una destinazione. Anche se sto facendo enormi passi da gigante, camminerò sempre su questa strada. Non puoi affrettarti e potresti anche farti male se lo fai. Abbi pazienza con te stesso, anche se spesso è più facile a dirsi che a farsi. Mando amore e luce a tutti coloro che leggono questo mentre ti muovi lungo il tuo percorso di guarigione.

Risorse consigliate per la guarigione con sostanze psichedeliche

Consiglio anche di partecipare a ClubHouse e ai gruppi che discutono di questo argomento. Nello specifico, c'è una coppia a cui mi sono unito che fa questo da 14 anni, cioè guarire le persone con i funghi magici. I loro nomi sono Tah e Kole. Sono MOLTO informati. 

Trovami

Youtube: Kamina il Koach
E-mail: KaminaTheKoach@gmail.com

Altri post di ICAV con l'esperienza adottata da Magic Mushrooms: Il mio punto di svolta & Verità profonde.

Adozione e impatto sui nostri partner

di Brian che è sposato con un'adozione internazionale, che ha vissuto un'adozione internazionale illegale. Abbiamo cambiato i nomi e i luoghi di questa storia per proteggere le identità.

Mi chiamo Brian e sono sposato con un'adozione internazionale. Condivido la mia storia per aiutare le persone a capire quanto sia sensibile e dannosa l'adozione per tutte le persone coinvolte, in particolare per l'adottato.

Raccontare semplicemente la storia dell'adottato non racconta tutta la storia. L'adozione è come la detonazione di una bomba atomica. Le ricadute dell'adozione influiscono negativamente sugli altri che circondano l'adottato.

Come ci siamo conosciuti

Ho conosciuto Melissa nella seconda metà del 1998, nella capitale del suo paese natale. Quando ci siamo incontrati, ero un primo ufficiale (copilota) che pilotava jumbo jet Boeing 747-200. Ho fatto le mie soste nello stesso hotel in cui si trovava Melissa. A quel tempo, era in hotel per essere intervistata da una mischia dei media nella hall dell'hotel. Ero semplicemente curioso di sapere di cosa si trattasse. Due settimane prima, l'avevo vista intervistata in televisione. Ho pensato tra me e me: "Che ragazza dolce, ben parlata e carina. Perché non posso incontrare una come lei". Allora non lo sapevo.

Quindi sapevo che era lì, nella capitale del suo paese natale, per incontrare i suoi genitori biologici. Ma non conoscevo davvero tutti i retroscena dell'adozione di Melissa o le complicazioni e il suo tumulto.

Ho trascorso molti anni volando in tutta l'Asia e rimanendo per periodi di tempo variabili. L'Asia ha così tante culture uniche e ognuna misteriosa. Mi è sempre piaciuto visitare i fumosi templi buddisti, confuciani o taoisti. La mia prima visita in Asia è stata nel 1985 a Hong Kong, dodici anni prima che finisse sotto la falce e martello e il marchio a cinque stelle della Cina comunista. Ho insegnato a Melissa come usare le bacchette.

Detto questo, ero a conoscenza degli affari sporchi, della corruzione ai massimi livelli, dei guadagni e di altre forme di guanxi (关系), dei sorrisi, delle relazioni, del rispetto e di una certa conoscenza delle loro lingue e culture da parte degli stranieri e sapendo che i soldi ottengono le cose fatto. Ad esempio, un visto turistico convertito in un visto di lavoro dal gestore/traduttore di un datore di lavoro.

Melissa e io ci siamo visti nei sei mesi successivi durante i miei soggiorni nella capitale del suo paese natale. A volte potevamo vederci solo per 5 minuti, ma è stato rigenerante e mi ha sostenuto mentre volavo in un'altra parte del mondo. Melissa era sempre nei miei pensieri. Ricordo che le compravo un regalo unico da qualche paese e glielo spedivo per posta. Durante il nostro ultimo incontro, siamo andati al parco dove ho proposto il matrimonio a una scioccata Melissa.

Successivamente, ho iniziato il mio aggiornamento del capitano e l'addestramento di transizione presso Boeing per pilotare nuovi aerei Boeing 747-400. Non ho potuto vedere Melissa e non ho più volato nella capitale del suo paese natale fino a quando non sono diventato Capitano. Non c'era comunque. Era tornata in Australia con i suoi genitori australiani adottivi, John e Jane. 

Alla fine sono riuscito a stare di nuovo con Melissa per continuare la nostra relazione. Ho tentato di arrivare in Australia, ma i nostri piani che abbiamo fatto sono stati frustrati. Quando sono arrivata, sono rimasta scioccata nell'apprendere che Melissa si era trasferita dalla casa dei suoi genitori. Viveva da sola da un po' di tempo. Stava affittando una stanza fredda, umida, sul retro, senza una vera privacy, e tutti i tipi di personaggi sgradevoli in visita, che fumavano e mi sembravano dei drogati. Il padrone di casa di Melissa stava affittando il posto, quindi non sono sicuro che il subaffitto a Melissa fosse legale. Ma questa è la posizione in cui si trovava Melissa. Quando ero a Melbourne, avevo una bella suite in centro. Ho soggiornato lì ogni mese, da allora in poi. Alla fine, tuttavia, ho affittato un appartamento – e sinceramente, era solo un po' meglio di dove era stata lei, ma era il nostro nido ed era comodo per il centro. Avevo anche noleggiato un'auto in modo da poter fare un giro in macchina, visitare i suoi genitori e fare qualunque cosa.

Era un po' sconcertante e riguardava il motivo per cui Melissa se ne andò di casa, ma non ho mai avuto la storia completa.  

Immigrare nel suo Paese adottivo

Qualche tempo dopo il mio arrivo in Australia, ho appreso che le lettere e i pacchi che avevo spedito a Melissa erano stati semplicemente scartati o nascosti da Jane, la madre adottiva di Melissa. Sua sorella minore ne ha recuperati alcuni. Forse Melissa pensava che avessi perso interesse, mentre ero via in altre parti del mondo o quando mi allenavo alla Boeing. Posso assolutamente assicurarti che era sempre nei miei pensieri ed ero ansioso di vederla non appena il mio addestramento fosse completato. Le azioni di Jane sono state ingiuste per entrambi perché hanno lasciato Melissa più vulnerabile.  

Un funzionario dell'immigrazione ha commentato che stavo visitando l'Australia così spesso che avrei dovuto considerare di fare domanda per la residenza permanente, quindi l'ho fatto. Nel luglio 2001, compilando io stesso i documenti e pagando la tassa, mi sono semplicemente fidato del processo perché ero un capitano di un Boeing 747-400, un professionista con un reddito decente, autofinanziato, un ex ufficiale dell'esercito e madrelingua inglese. Pensavo che immigrare in Australia sarebbe stata una passeggiata nel parco. Non fraintendetemi, il Dipartimento dell'Immigrazione è un vero bastardo. Hanno reso la nostra vita un inferno inutilmente. Mi è stato rilasciato un visto per coniuge 820N con divieto di lavoro.

Melissa e io ci siamo sposati il 5 marzo 1997 a Los Angeles. Ho iniziato un contratto con un'altra compagnia aerea, pilotando le versioni precedenti del Boeing 747 come Capitano. Purtroppo ho perso il mio lavoro di Capitano a causa dei giochi sporchi del Dipartimento dell'Immigrazione. Non li perdonerò MAI per questo. Hanno giocato tutti i trucchi sporchi nel loro playbook per vincere. Hanno affermato di aver perso l'intero fascicolo del mio caso (comprese le copie elettroniche?) poco prima di andare al Migration Review Tribunal. Fortunatamente io e il mio agente di migrazione avevamo tutti i documenti e gli invii, in originale o in copia autenticata. Ho finalmente ottenuto la residenza permanente nel 2003 e sono diventata cittadina australiana nel 2005.

Questo è stato un periodo di tempo estremamente stressante sia per Melissa che per me. È stato deliberatamente creato in questo modo, dal Dipartimento dell'Immigrazione. Ho perso la mia carriera. Ho perso la mia dignità. Ho perso il mio reddito. E, credo che, come altre coppie Visa Spouse che abbiamo conosciuto e che non potevano resistere alle stronzate dell'immigrazione, si aspettassero che fallissimo. Quando abbiamo visto quelle coppie separarsi, ci ha fatto preoccupare per il nostro futuro, ma sembrava renderci più resilienti e determinati. Vivevamo in un piccolo appartamento con una camera da letto e guidavamo una vecchia Volvo 244DL. Vivevamo in modo molto frugale. Ho dovuto fare appello al tribunale per il riesame delle migrazioni perché la mia domanda è stata respinta, anche se eravamo legalmente sposati, perché mi mancavano 11 giorni su 12 mesi nel paese e non c'era modo di far loro capire che viaggiare è un grande parte della vita di un capitano di una compagnia aerea internazionale. Erano solo ostruzionisti sanguinari.

Affrontare le dinamiche della famiglia adottiva

Aggiungete a tutto ciò che Melissa ed io eravamo sotto costrizione da sua madre adottiva, Jane. Ricordo telefonate che iniziavano con calma e diventavano polemiche. Melissa sarebbe in lacrime quando ha riattaccato il telefono. L'avrei scoraggiata dal chiamare in futuro, ma Melissa sembrava obbligata. Di solito era la stessa scena quando andava a trovarla. È stato difficile per me starmene seduto lì senza difenderla, ma dovevo farlo. A un certo punto, ho minacciato di intentare una causa se Jane non avesse desistito con il suo bullismo e gli abusi. C'è stato un momento in cui non ero il benvenuto in casa. Mi sedevo fuori, aspettando Melissa nella Volvo. Jane ha sempre avuto una qualche forma di controllo psicologico su Melissa e Melissa sembrava sempre tornare indietro per ulteriori abusi. Quasi un'autoflagellazione. Si sente così bene quando si ferma.

Ho ripreso parzialmente la mia carriera nell'aviazione nel 2006, quando mi è stato offerto un contratto come capitano pilotando un Boeing 737-800 a Hong Kong e poi in Cina. Siamo stati via cinque anni, ma Jane avrebbe chiamato. È persino venuta a trovarci! Anche la Cina non era abbastanza lontana. Quando ho deciso di comprare una casa, ho deciso di comprare una casa nell'Australia occidentale. Sì, è scenografica e amo la mia fotografia, ma è stata una mossa necessaria per togliere Melissa dalle grinfie della madre adottiva. Ma Jane ha già visitato alcune volte. Gli anni da quando Melissa era una tenera ragazza ai giorni nostri sono volati. Ora ha 40 anni, è più forte e tiene testa alla madre adottiva, ma è stata una strada dura, accidentata e in salita.  

Essere solidali e comprensivi non è abbastanza. Trovare il modo per rendere Melissa una persona più forte e avere il coraggio di difendere ciò in cui crede le ha dato un vantaggio che a volte mi taglia. Sento che Melissa non è in grado di andare avanti, verso la normalità. C'è qualcosa che manca. È un conflitto interno. È quasi come una malattia, non la stessa della schizofrenia, ma un po' di distacco dalla realtà, a volte può restare a letto quasi tutto il giorno, non volendo affrontare la giornata o svegliarsi alla sua vita. 

Il razzismo e i suoi impatti

Inoltre, penso che il razzismo innato in Australia abbia avuto una mano nel fatto che Melissa sappia di essere diversa, anche se parla con un naturale accento da ragazza australiana e parla inglese a casa da quando è arrivata in Australia da bambina. La maggior parte dei bianchi non sa distinguere un coreano da un tailandese. E la sua faccia asiatica ha ispirato alcuni razzisti a farsi avanti con "Vai a casa stronza cinese!" Melbourne è casa. L'Australia occidentale è casa. Questo è tutto ciò che ha saputo. Anche quando gli australiani la sentono parlare, non riescono ad andare oltre la faccia asiatica. Il meglio che gli ignoranti possono inventare è "Parli bene l'inglese" invece di affermare correttamente "Parli bene l'inglese" o non dire nulla. Quando lei dice loro che è australiana o di Melbourne o dell'Australia occidentale, gli idioti replicano: "Da dove vieni veramente?" Non possono semplicemente accettare.

Ma c'è di peggio. Durante i cinque anni in cui abbiamo vissuto in Cina, due volte è stata aggredita fisicamente da uomini cinesi perché parlava solo inglese. Anche lì in Cina, non riconoscevano le origini del suo paese di nascita e le chiedevano se fosse giapponese o coreana. Peggio ancora, non riuscivano a convincere la sua adozione. In Cina, dicevano spesso che i cinesi non hanno le lentiggini. Ma in effetti lo fanno. I cinesi sono razzisti quanto gli australiani.

Sento che Melissa non è in una situazione di vittoria. Non è accettata come australiana e non è accettata dal suo paese di nascita. Ciò contribuisce al suo conflitto interno. Ho un accento straniero e ricevo anche commenti discriminatori, ma lo affronto in modo diverso.

Melissa è in conflitto perché ha due coppie di genitori e due versioni di se stessa, nessuna delle due si riconcilia con l'altra. In effetti, ha avuto un test del DNA che non fa che aumentare la confusione. 

Ho trascorso molto tempo a volare in tutta l'Asia, soggiornando per periodi di tempo variabili in tutte le principali capitali. Conosco la realtà dell'Asia, cioè che si verificano affari subdoli, come i suoi documenti falsi. Ricordo che un giorno esaminai i suoi vari documenti di identità e certificato di nascita. Per me, l'informazione sembrava sospetta. Dubiterei del suo nome, data di nascita, dove è nata, ecc. Ma sospettare che queste informazioni siano false ed essere in grado di aiutare Melissa a fare qualsiasi cosa in realtà è molto difficile, perché chi dirà la verità? Saranno i suoi genitori biologici per i quali salvare la faccia è così importante? O i suoi genitori adottivi che probabilmente sapevano che quello che stavano facendo era discutibile? Il traffico di bambini è uno stile di vita ed è risaputo che le figlie non sono apprezzate tanto quanto un figlio nelle culture asiatiche, nemmeno nelle culture occidentali. Sento che Melissa è fortunata che non sia stata semplicemente scartata, lasciata nella spazzatura, annegata o trafficata per uso e abuso da parte di pervertiti. Spesso il trafficante di bambini assicurerà o prometterà falsamente a una madre naturale che il bambino andrà in una buona casa, una coppia senza figli in un'altra città o villaggio. Tutti leggiamo le storie o guardiamo il telegiornale della sera.

Sinceramente, se avessi conosciuto tutte queste complicazioni e la perdita della mia carriera che ho lavorato così duramente per costruire, prima dell'incontro, probabilmente non avrei perseguito una relazione con Melissa per quanto dolce e carina. Ma non avevo una sfera di cristallo, vero? Ho appena resistito.

La mancanza di risposta dell'Australia a un'adozione illegale

Credo che il governo australiano, l'agenzia per le adozioni e i genitori adottivi di Melissa siano stati tutti complici della sua adozione illegale. Non ci sono state indagini approfondite per verificare che tutto fosse autentico. Confronta questo con le rigorose indagini che si sono verificate per farmi diventare un residente permanente australiano e poi un cittadino, eppure ho tutti i tipi di prove di prima classe per dimostrare chi sono. Sembra che il governo australiano abbia deliberatamente chiuso un occhio con l'adozione di Melissa.

Per quanto riguarda la madre adottiva di Melissa, Jane, credo che sia manipolatrice, connivente e abbia i suoi problemi mentali, alcuni dei quali legati all'impossibilità di avere i suoi figli biologici. Ho anche sentito per tutto il tempo che Melissa potrebbe essere stata abusata sessualmente. Suo padre adottivo è un po' senza spina dorsale. Non sembra mai difendere Melissa dagli attacchi e dalle parole cattive di Jane. Anche se non posso provarlo e non ho nulla su cui basarmi, ho i miei sospetti e le mie osservazioni sui comportamenti e le reazioni di Melissa. Una volta Melissa mi ha raccontato una storia, che quando era piccola si avvolgeva i seni per mascherarli. Credo che Jane abbia accelerato tutto.

Sono stati 20 anni di battaglia, per proteggere Melissa dalla madre adottiva. Questo è il motivo per cui viviamo nell'Australia occidentale e non a Melbourne, dove Melissa è cresciuta e dove rimangono i suoi genitori adottivi, anche se si sono separati.

Dopo essere venuta a conoscenza dell'adozione illegale di Melissa e prima di capire davvero lo scontro tra lei e la sua madre adottiva, ho deciso che non avrei portato Melissa nella mia patria. Non volevo separarla dall'unica famiglia che ha conosciuto e anche perché non volevo che cambiasse. Forse è stato un errore. Ritengo anche che sia sbagliato per i genitori adottivi caucasici adottare bambini non caucasici. A mio parere, questo gioca un ruolo importante nell'influenzare l'immagine mentale di sé di un adottato.

Melissa rimane la ragazza più dolce che abbia mai conosciuto e la amo, ma vorrei che non fosse così complicata e conflittuale.

Demistificare la stigmatizzazione del suicidio degli adottati

Di Lina Vanegas, RSU e adottato dalla Colombia negli USA.

È vergognoso che il suicidio sia così fortemente stigmatizzato dalla società. La religione e la legge hanno contribuito alla stigmatizzazione del suicidio. La legge ha perpetuato le loro posizioni creando leggi che rendono illegale il suicidio. Ci sono 26 paesi in cui il suicidio è attualmente illegale tra cui Kenya, Bahamas e Giordania. È completamente sbagliato criminalizzare, vergognare e stigmatizzare le persone che stanno lottando e soffrendo. La religione e la legge non sono le uniche istituzioni o sistemi per farlo, ma li uso come esempio per dimostrare quanto impatto abbiano sulla società. Tutti questi pensieri vengono assorbiti dalla società che non ispira né crea empatia, compassione o comprensione per le persone che soffrono.

La vergogna e la stigmatizzazione intorno al suicidio sono evidenti nel linguaggio che usiamo per parlare di suicidio. Quando diciamo "suicidato" lo stiamo paragonando a un crimine. Non è davvero un crimine. Non diciamo che una persona ha "commesso" un cancro, un infarto, un ictus o un Covid, diciamo che qualcuno ha "commesso" un omicidio, una rapina, un'aggressione o uno stupro. Quelli sono crimini.. Il crimine intorno al suicidio è che qualcuno è morto perché stava lottando così tanto internamente, mentalmente ed emotivamente. Smettiamo anche di dire che si sono "uccisi". Ciò che ha ucciso quella persona è stata una lotta per la salute mentale e sono morti per suicidio. È essenziale creare un cambiamento di paradigma in cui guidiamo con empatia, compassione e comprensione. 

Quando le persone usano questa terminologia, stigmatizzano il suicidio. Una persona che è morta per suicidio ha amici, familiari, vicini, conoscenti e persone care. Quando sentono questa scelta di parole, li feriscono e sono già alle prese con la stigmatizzazione di una morte suicida. Potresti conoscerli, ma probabilmente non ti parleranno della loro perdita dopo aver sentito che usi un linguaggio così offensivo e insensibile.  

La società occidentale stigmatizza e svergogna coloro che lottano con problemi di salute mentale e malattie mentali. Ci sono una miriade di espressioni e cose che usano suicidio nel nome/titolo che sono offensive e crudeli per coloro che hanno (o stanno) lottando con pensieri/ideazioni suicidarie, hanno tentato il suicidio e per quelli di noi che hanno perso una persona amata uno al suicidio. Le persone useranno l'espressione abbastanza liberamente "Sto per uccidermi" e "Mi ucciderò e basta" e "Vai a ucciderti". Questi sono pugnali per coloro che sono stati colpiti dal suicidio. Questi commenti sono completamente sordi, insensibili e crudeli e riflettono la generale mancanza di comprensione ed empatia intorno al suicidio.

Dobbiamo rendere la discussione sul suicidio degli adottati una conversazione continua e regolare. Non ci basta parlarne sporadicamente. Questa conversazione deve essere fatta trecentosessantacinque giorni all'anno. Gli adottati lottano e soffrono ventiquattro ore, sette giorni alla settimana e trecentosessantacinque giorni all'anno. La statistica secondo cui gli adottati hanno 4 volte più probabilità di tentare il suicidio proviene da una ricerca pubblicata nel 2013 dall'American Academy of Pediatrics. 

Abbiamo bisogno di ricerche attuali fatte sugli adottati in tutto il mondo. Sto scrivendo dagli Stati Uniti, quindi le organizzazioni ideali per finanziare e condurre questo sono la fondazione americana per la prevenzione del suicidio e l'Associazione americana di suicidio. Questi studi aiuterebbero a informare la prevenzione, la sensibilizzazione e l'educazione. Fino a quando la società non si renderà conto della crisi di salute mentale che stanno affrontando gli adottati, continueremo a lottare in silenzio. Siamo una comunità invisibile e oppressa che lotta letteralmente per le nostre vite. Abbiamo un disperato bisogno di sostegno e prevenzione del suicidio. 

Volevo rendere omaggio e onorare i due adottati che sono morti questo mese. Erano entrambi adottati transrazziali internazionali. È fondamentale sottolineare che esiste un legame tra questo e le lotte per la salute mentale, il razzismo e il suicidio. Molti di noi sperimentano microaggressioni e razzismo perché non siamo bianchi. Queste esperienze hanno un impatto sulla nostra salute mentale. I genitori adottivi non hanno idea di cosa significhi in quanto non sperimentano questi incidenti e molti preferiscono non vedere la nostra razza in modo che non ci aiuti. Alcuni genitori adottivi perpetuano il razzismo e le microaggressioni che incidono sulla nostra salute mentale. 

Alejandro Gobright è morto il 2 giugno. È stato adottato dal Guatemala negli Stati Uniti. È descritto da un tributo che ho letto come "un grande cantante, poeta e amico incredibile".

Seid Visin morì il 4 giugno. Fu adottato dall'Etiopia in Italia. Ha giocato nelle giovanili del Milan e del Benevento. Ha spiegato in una lettera prima della sua morte suicida come soffriva di continui abusi e trattamenti razziali. È essenziale sottolineare che suo padre adottivo ha fatto di tutto per sottolineare dopo la morte di Seid che il razzismo non ha avuto un ruolo nella sua morte. Questo è un chiaro esempio di un genitore adottivo che ignora, non ascolta e non vuole affrontare le difficoltà che Seid stava affrontando.

Sono estremamente triste e arrabbiato ogni volta che scrivo di suicidi di adottati. Queste morti hanno un impatto sull'intera comunità degli adottati. Alejandro e Seid sono una parte di tutti noi. Ci sono all'incirca dai cinque ai sette milioni di adottati nel mondo ed è ora che si inizi a parlare di suicidio degli adottati. 

Leggi gli altri articoli di Lina su Adoptee Suicide, Parte 1 & Parte 2.

Altre risorse sul suicidio degli adottati

Affrontare il suicidio dell'adottato
Pagina commemorativa dell'ICAV
Giornata della memoria degli adottati
È una settimana nera per gli adottati in Europa
In memoria di Seid Visin

L'adottato inconsapevole

di Krishna Rao adottato dall'India negli Stati Uniti.

Il giorno in cui ho saputo di essere stato adottato, entrambe le mie famiglie sono morte. Quelli che mi hanno cresciuto, si sono rivelati una farsa. Quelli che non l'hanno fatto, si sono rivelati un enigma.

Nel giugno del 2019 a 34 anni ho saputo di essere stata adottata dopo aver fatto un test del DNA per gioco. Sicuramente sono state tante le emozioni che ho provato quando ho fatto questa scoperta. Dall'avere la mia identità in frantumi, al mettere in discussione tutto sul mio passato.

Per 34 anni ho creduto di essere il parente biologico dei genitori che mi hanno cresciuto, perché è quello che mi hanno detto. E sì, ho sempre sentito che qualcosa fosse strano, semplicemente non avevo la conoscenza cosciente per sapere cosa fosse.

Nei primi giorni in cui ho scoperto la mia adozione, mi sono imbattuto nel podcast di April Dinwoodie. In uno dei suoi podcast intervista Darryl McDaniels di Run DMC, che a quanto pare, è anche un adottante scoperto in ritardo e ha appreso della sua adozione a 35 anni. Darryl ha detto qualcosa che mi è rimasto davvero impresso. “Posso usare la mia storia non solo per migliorare la mia vita, ma posso aiutare tante altre persone che si trovano nella mia stessa situazione a capire meglio le loro vite”.

Quello che ha detto mi ha ispirato a iniziare a condividere la mia storia. Ho quindi iniziato a scrivere sul blog della mia esperienza. ho creato un Instagram pagina e condivido i miei pensieri su Twitter. Mi ha permesso di elaborare cosa significa essere adottato. Per tutta la mia vita fino a quel momento, sono stato cresciuto come un adottato, senza mai sapere consapevolmente di essere stato adottato.

Documentare i miei pensieri, emozioni ed esperienze è un modo per me di lavorarci sopra e guarire.

Da quel momento ho imparato molto. Ma in nessun modo, la forma o la forma fanno di me un esperto in adozione. Ho ancora molto da imparare e, soprattutto, molta guarigione.

Viviamo in un mondo in cui condividere è così facile ora. I miei pensieri hanno raggiunto persone provenienti da tutto il mondo. E così tanti altri. A tal proposito, è interessante leggere tutte le diverse opinioni che gli adottati hanno sull'adozione. Alcuni sono a favore, altri contro. Alcuni nel mezzo, e ci sono quelli che semplicemente non hanno affatto un'opinione.

Quando penso a dove mi trovo, mi sembra che non ci sia una risposta definitiva. Non sono in adozione. Non sono contrario all'adozione. Ad oggi, mi sento più come se fossi contrario alle cazzate su tutta la faccenda.

Non credo che l'adozione scomparirà nel corso della mia vita. non vedo come. È più che dare una casa a un bambino. In molti casi si tratta di dare a una persona l'opportunità di avere una vita. Non garantisce una vita migliore, solo una diversa.

Mi piacerebbe vedere più movimento nella conservazione della famiglia, ma come adottato all'estero, capisco che l'idea della conservazione della famiglia richiederà molto più lavoro. Come cambiamo la mentalità di intere società? In molti luoghi l'adozione è ancora profondamente stigmatizzata. Sono stato adottato dall'India negli Stati Uniti e anche se le persone adottano in India a livello nazionale, ho la sensazione che sia ancora un argomento tabù. I miei documenti dall'India affermano che sono stato abbandonato perché mia madre non era sposata. È come se l'unica opzione per una donna incinta non sposata fosse abbandonare suo figlio.

Tutti coloro che sono colpiti dall'adozione hanno le proprie opinioni e come persona che è entrata in questo spazio meno di due anni fa, sono stanco di vedere divisioni. Abbiamo tutti diritto a un'opinione. Siamo tutti autorizzati a dire le nostre menti. Per lo stesso motivo, ad altri è permesso non essere d'accordo.

So che non tutto ciò che dico o condivido è gradito ad alcune persone e per me va bene. Ma come prendiamo questo problema e lo trasformiamo in un approccio gradevole?

Personalmente penso che la definizione di adozione debba cambiare. Non si tratta solo di prendere un bambino e metterlo in una nuova famiglia dove perde tutto quello che aveva una volta. Lo vedo sempre in cui le persone parlano di ciò che è meglio per i bambini, dimenticando per tutto il tempo che questi bambini cresceranno, si formeranno opinioni lungo la strada e diventeranno adulti. L'ho fatto sicuramente.

Questi adulti non sono più bambini adottati. Non sono bambini periodo. E questi adulti hanno già una famiglia. Hanno già radici.

Ero qualcuno prima che l'adozione mi cambiasse. Non è tutto sole e arcobaleni, ma è ancora lì. Come qualcuno che non conosce la sua storia di origine, voglio la mia. Anche se è destino e oscurità.

Quando si parla di adozione, credo che le parole contino. La lingua inglese non è abbastanza complessa per aiutarci a definire i rapporti in adozione.

Per come la vedo io, i miei genitori sono le persone che mi hanno cresciuto. Non sono mia madre e mio padre. I miei adottanti sono figure materne e paterne, non sostituti. Mia madre e mio padre, quelli che ho già, non sono i miei genitori perché non mi hanno cresciuto. Comunque sia visto, o definito, posso ancora accettare entrambi i gruppi di persone come mia famiglia.

Posso prendere quella decisione anche se sembra che la società voglia che io separi i due e dica che appartengo a quelli che hanno speso tempo e risorse su di me. Spendere tempo e risorse non importa se la relazione è condizionata e, nel mio caso, quando è piena di inganni. Chiunque avrebbe potuto nutrirmi e proteggermi, ma ci vuole molto di più per dare una vita a qualcuno.

Detto questo, scelgo a chi appartengo. E in questo momento, nessuno di loro. Come mai? Perché non riesco ad apprezzare il fatto che altre persone abbiano fatto delle scelte per me. Scelte che hanno portato alla mia rinuncia e poi alla mia adozione.

Entrambi i set sono stati sottoposti a lavaggio del cervello in qualche forma o forma. Agli adottanti è stato probabilmente detto e hanno sentito che i bambini adottati sarebbero stati loro. Si sono spinti un po' troppo oltre, e come tali non mi hanno mai detto che ero stato adottato. E posso solo ipotizzare cosa abbia passato mia madre naturale. Mi viene detto che i figli di madri non sposate non sono degni di essere tenuti. Leggere la storia delle adozioni in India e come vengono trattate le donne non sposate quando si tratta di essere incinte non è stato molto positivo.

Il mio passato è fuori dal mio controllo e devo accettarlo. Ora sono io quello che deve spendere tempo e risorse per elaborare tutto questo da solo.

So che ci sono genitori adottivi decenti là fuori, che crescono i figli di altre persone e li sostengono come adottati. Ne conosco alcuni. Conosco e ho letto di coppie che riportano i loro adottati nei loro paesi di nascita. Vogliono davvero aiutarli a trovare le loro famiglie. È sorprendentemente illuminante e straziante per me perché so che era un'opzione che non ho mai avuto modo di sperimentare. Invece, questo ora è diventato un processo e un viaggio che faccio da solo.

Non so dove stavo andando con questo. È solo. Conosco la mia adozione da 20 mesi. Sono andato avanti a tutto vapore cercando di imparare e assorbire tutto ciò che potevo e ogni giorno la mia prospettiva cambia. Cerco di imparare da tutte le parti prima di formarmi un'opinione. E ci sono molti lati in questo.

L'adozione è un'esperienza complicata e traumatica.

Questo è il motivo per cui dico che sono contro le stronzate. Sono stanco della merda che non importa. Ci deve essere un modo per renderlo migliore.

Meglio per gli adottati perché qui sono in gioco le nostre vite e il nostro benessere!

Lacrime di trauma

di Christina Soo Ja Massey, ovvero YooNett adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Opera di CS Massey aka YooNett

Le lacrime del trauma Piango come un orfano indifeso, piango come un adulto per tutta la vita.

Questa opera d'arte si occupa principalmente del disturbo post traumatico da stress. Il trauma di essere abbandonato, lasciato a lottare per la mia Vita, ma non potendo farlo... La paura, le ansie e la disperazione della situazione. Ho cercato di trasmettere come questo trauma persista per tutta la mia vita. Sono venuto dai miei Adopter già profondamente spaventato solo per rivivere la vecchia Esperienza attraverso nuove Cicatrici.

Leggi il blog precedente di Christina Gli adottati hanno bisogno di servizi di salute mentale.

Per altre opere d'arte di Christina, visita YooNett.

Il dolore per la madre dura per sempre

di Melanie Kleintz adottato dal Perù in Germania.

Tra il 24 dicembre 2020 e il 1 gennaio 2021, un totale di 6 adottati dall'Europa si sono tolti la vita, a Settimana nera in Europa per gli adottati. Il numero di casi non denunciati è decisamente più alto. Tutti non riuscivano a chiarire le loro origini, il loro dolore era troppo forte e non trovavano altro modo per rendere sopportabile il dolore.

È così infinitamente triste, doloroso e insopportabile sentirne parlare. Lavoro con genitori adottivi e futuri genitori adottivi da 10 anni e ho tenuto conferenze sull'argomento. Evito anche abbastanza felicemente l'argomento di quanto gli adottati siano vicini alla morte, anche se ne so meglio.

Quante volte negli ultimi anni ho sentito dire che gli adottati dovrebbero essere contenti di essere stati salvati. Negli ultimi mesi una bambina mi ha fatto capire quanto sia importante lavorare con gli adottati, i bambini in affido e il sistema che li circonda. All'esterno tutto sembra così semplice. Il bambino ha nuovi genitori e “è buono“.

Il dolore dei bambini non è permesso dal mondo esterno per tutta la vita. Il dolore per la loro prima “madre” dura tutta la vita. I bambini che conoscono la loro nuova mamma non possono capire il loro dolore. Ieri mio figlio l'ha spiegato bene. Questi bambini hanno un “vuoto nel cuore e anche se ridono, sono sempre tristi”.

C'è ancora molto lavoro educativo da fare con gli adottati traumatizzati e i bambini in affido. Il lavoro di prevenzione e i servizi post adozione sono per me le caratteristiche più importanti!

Se avessi un desiderio, vorrei che ogni adottato potesse chiarire le proprie origini e che nessun ostacolo fosse posto sulla loro strada. I documenti per l'adozione sarebbero stati completi e i genitori adottivi avrebbero sempre offerto supporto in tutto.

Sono così infinitamente triste che questi 6 non abbiano trovato altra via d'uscita e spero solo che gli adottati, i genitori adottivi o altre persone vicine agli adottati, cerchino aiuto e sostegno in una fase iniziale.

Noi adottati possiamo sostenere questo problema all'interno dei nostri gruppi. Il “più caro” della vita ci è stato tolto e chi non capisce quanto ci manca la nostra prima madre, ha bisogno di capire un po' di più il desiderio di chi è stato adottato.

Non possiamo impedire agli adottati di prendere le loro decisioni. L'hanno pianificato. È stata una loro decisione, con la speranza che la loro situazione fosse tollerabile.

Conosco un tedesco adottato che si è tolto la vita a Natale qualche anno fa. Ci è stato detto che è morto e non importa dove è stato detto, tutti i suoi coetanei sapevano che si era suicidato. Tutti sapevano della sua situazione ma nessuno poteva aiutarlo perché non sapevano come.

Sono così orgoglioso dei membri dei miei gruppi. Ci scambiamo idee, impariamo a parlare della propria adozione e ci sosteniamo a vicenda. Negli ultimi mesi del 2020, ho sentito davvero una bella unione nel gruppo. Sensibile e attento! Gli incontri online sono andati allo stesso modo. Vorrei mantenerlo e mantenerlo.

Cari amici adottati, siete persone forti e coraggiose. Non vedo l'ora che arrivi il prossimo incontro che potremo trascorrere insieme.

Lettera al presidente Moon

di Michelle YK Piper adottato dalla Corea del Sud in Australia.

Presidente Luna,

Per te, potrei essere solo una statistica.

Un numero.

Nome: 86c-1335.

Nato: "bastardo"

Abbandonato da: Bio Madre

Queste sono le parole inchiostrate nelle fragili pagine che “catalogano” la mia nascita, 4 mesi e mezzo prima di essere separato da mia madre, esiliato dalla mia madrepatria, venduto e mandato oltremare attraverso il processo di "adozione".

Per 34 anni ho portato il peso della vergogna e dell'umiliazione per decisioni sulle quali non avevo alcun controllo o voce.

Per 34 anni, la società e il mondo in generale si aspettavano da me che fossi "grato" per essere adottato; per non essere "abortito" o lasciati a languire nella povertà, allevati da una madre single e ostracizzati da una società che non accetta un'esistenza così disonorevole e vergognosa.

Dovrebbe essere "grato" essere stato "scelto" per andare a "meglio vita".

Dimmi, presidente Moon, quanti adottati coreani sono andati in realtà a "vita migliore", sai?

Quanti di noi sono stati controllati o seguiti negli anni dopo la nostra adozione?

Qualunque..?

Hai QUALUNQUE conoscenza o comprensione della sofferenza e del trauma a cui molti dei bambini della tua nazione sono stati esposti dopo aver vissuto una vita "migliore"?

Sei consapevole del fatto che siamo 4 volte più a rischio di suicidio rispetto alla persona media, solo a causa del trauma della rinuncia? Sapete quanti adottati da allora hanno perso la vita per suicidio?

Se la nostra stessa gente, le persone che governano la nostra nazione, continuano a dipingerci come prodotti usa e getta, per l'esportazione, come pensi che il resto del mondo ci percepisca? Per valorizzarci?

Per sapere chi siamo e da dove veniamo, per essere trattati con il STESSO decenza e rispetto come qualsiasi altro essere, per NOSTRO vive per contare, per importare, per essere valutato per qualcosa di più del semplice prezzo corrente del miglior offerente; puoi onestamente sostenere che questa sia una richiesta così immensa o irragionevole?

Perché noi adottati continuiamo a pagare il prezzo degli errori e dei fallimenti delle élite che hanno governato le generazioni prima di noi?

Perché i bambini delle nostre nazioni continuano a pagare il prezzo di un sistema profondamente imperfetto e fallito? Un sistema messo in atto per “proteggere” e “curare”, per salvaguardare i più vulnerabili e indifesi della società, per proteggere chi non è in grado di difendersi o di far conoscere la propria sofferenza.

Un sistema che ha catastroficamente mancato di adempiere al suo dovere di diligenza più e più volte, un sistema che catastroficamente NON RIUSCITO nel suo dovere di proteggere Jeong-In di 16 mesi.

Il mio status in Corea di bambino nato fuori dal matrimonio da una madre single senza il consenso o l'approvazione degli anziani della nostra famiglia, senza l'approvazione della società, significava che dal giorno in cui sono nato, la mia vita non aveva più valore per la nostra nazione ma per il profitto monetario che si potrebbe ricavare dall'operazione di vendita della mia adozione.

Per te, io sono una statistica senza volto.

Solo un altro numero su un pezzo di carta; un'immissione di dati nel sistema governativo, un facile creatore di denaro utilizzato dalla Corea nella sua determinazione di elevarsi alla potenza economica avanzata che è oggi.

Per te, sono un niente, un nessuno, un ripugnante sottoprodotto del più alto tradimento a una nazione le cui strutture sociali, politiche e legali continuano ad essere governate dai principi del confucianesimo.

Per te, potrei essere solo un numero, ma sono uno che rappresenta oltre 200.000 dei tuoi figli sfollati in tutto il mondo.

Sigilli i nostri registri, ci neghi le basi dei diritti umani.

Hai cercato di tenerci senza volto, di impedire che le nostre voci venissero ascoltate.

Hai guardato con reticenza come siamo stati venduti, trafficati, maltrattati e assassinati.

Hai seppellito le nostre verità e messo a tacere le nostre voci.

Ha tentato di censurare la conoscenza e la prova della nostra esistenza con la stessa facilità con cui sei riuscito a cancellare il nostro passato.

Cerchi di placarci con parole vuote e scuse generali, eppure più e più volte la Corea ha CHIARAMENTE ha stabilito quanto poco valore dia veramente al benessere e alla vita dei suoi figli.

Non solo attraverso le decine di migliaia di adottati sparsi in tutto il mondo, ma attraverso il 250 studenti ha lasciato morire a bordo del Sewol Ferry che affonda.

250 bambini chi Potevo sono stati salvati, non lo erano.

Per il modo in cui obbedienza e perfezione sono PREVISTO e RICHIESTO di ogni bambino; accademicamente, socialmente, anche fisicamente, spingendo i tassi di suicidio coreani in alcuni dei più alti al mondo e la principale causa di morte a livello nazionale da secoli 9-24 anni

Questi sono i TUOI bambini!!!

Il futuro della nostra nazione!

Se deve avere un futuro.

Sembra che tu mostri poco o nessun riguardo per la vita dei giovani, eppure i tassi di mortalità ora superano i tassi di natalità, lasciando la domanda per quanto tempo resisterà la nostra gente?

Quanto tempo manca alla nostra gara?

L'immagine della Corea, proiettata con tanta cura sulla scena mondiale, non è altro che una farsa.

Una nazione consumata dall'orgoglio, dall'avidità e dall'ambizione che si crogiola nei suoi progressi tecnologici ed economici, mentre continua la sua lunga e profonda storia di abuso dei diritti umani. Godersi il fenomeno globale del K-pop, dei K-drama e della chirurgia plastica impeccabile che trasforma i cittadini in bambole anime realistiche, il che non equivale a nient'altro che distrazioni plastiche, carine, luccicanti e superficiali; cerotti realizzati per tagli minori, ma con cui la Corea usa nel tentativo di nascondere le ferite estese, critiche e ineffabili appena "nascoste" sotto la superficie.

Rimodellare deliberatamente l'immagine della Corea per la realizzazione e la pacificazione per l'arena globale pur rimanendo saldi e fedeli a un sistema fondamentalmente imperfetto, corrotto e rotto che continua a estorcere e trarre profitto dalla separazione, dalla sofferenza e dall'abuso della sua gente rende coloro che governano il sud niente di meglio della dittatura tirannica che opprime il nostro popolo nel nord.

Per te, potremmo essere solo statistiche.

Ma non siamo più senza voce, e non saremo più messi a tacere!

Noi siamo oltre 200.000 forti, ognuno con un volto, un nome e una storia.

Avevamo madri e padri, fratelli e sorelle, nonni, zie, zii e cugini.

Non importa quanto tu possa provare a disumanizzarci, te lo posso promettere, in questo tu non deve avere successo.

Non sarò più messo a tacere. Non rimarrò più senza volto, perché NON sono una cosa.

Sono nato a Haeundae, Busan.

Figlia di- Kim, Yeo Kyeong (madre) e Jang, Hyeon Soo (padre).

Ho subito razzismo, abusi sessuali su minori e stupro in due diverse occasioni nella mia vita "migliore" finora.

Ho combattuto con un disturbo alimentare per 21 anni, ho fatto innumerevoli tentativi di porre fine alla mia vita, da cui sono stato riportato indietro.

Le mie braccia porteranno per sempre le cicatrici permanenti, grottesche e sfiguranti da cui il sangue della mia vita è così spesso liberamente fluito, solo per essere sostituito, di volta in volta, nei disperati tentativi di salvare una vita che ai tuoi occhi sembra poco o niente valore e non vale assolutamente la pena di essere risparmiato.

Dimmi presidente Moon, cosa farai quando non ci sarà più una popolazione per sostenere la nostra razza?

Quando voi e le persone che continuano a governare la nostra nazione ammetterete la vostra colpevolezza, vi assumerete la responsabilità del loro dovere di salvaguardare il nostro popolo, di proteggere i vulnerabili e i senza voce?

Per proteggere, proteggere e preservare il futuro della nostra nazione e il futuro dei suoi figli.

NON siamo oggetti!

NON siamo irrilevanti!

NOI siamo i TUOI figli!!!

NON SIAMO MERCE!!!

NON siamo un prodotto da etichettare e confezionare per la vendita!

NON siamo beni sostituibili, scambiabili e rimborsabili per l'esportazione, non importa quanto tu abbia cercato di disumanizzarci.

Presidente Moon, NON siamo COSE!!!

(madre)

Eomeoni

di Michelle YK Piper adottato dalla Corea del Sud in Australia.

Opera di Michelle Piper, 2021

Due anni oggi mi hanno detto che eri morto.

15 anni dal giorno in cui ho compiuto 18 anni fino al giorno in cui ho iniziato ufficialmente quel temuto, esasperante, disumanizzante, doloroso processo di tentativo di rintracciarti; 15 anni di costante conflitto interno, una feroce guerra che infuria all'interno.

Rimani fedele alla famiglia, alla società, alla cultura e al paese a cui ero stato abbandonato; rimanere obbediente al processo di assimilazione forzata, senza mai mettere in discussione o chiedere perché? (almeno mai ad alta voce) e SEMPRE “grati” per il privilegio di essere vivi e di vivere in uno dei più grandi paesi del mondo (Australia); continuare a ignorare la consapevolezza sempre più profonda dell'angosciante tumulto e del dolore che consumano la mia anima nata dal vuoto, senza radici del mio passato cancellato.

O…
Affronta ciò che ho sempre così disperatamente evitato.

Domande…
Tutte quelle domande.
Tante, tante domande.
Impossibile dar voce anche a me stesso in segreto e in solitudine, ma impossibile silenzio entro le mura confinate della mia Psiche.

15 anni per accumulare abbastanza coraggio per cercarti; Ho cercato, e un anno dopo ho ricevuto "la chiamata". Una chiamata che aspettavo costantemente, un anno in cui controllavo ripetutamente le mie e-mail e il telefono. Veniva da uno sconosciuto in un ufficio governativo, che era appena stato trasferito al mio caso. Un trasferimento di cui non mi è stato chiesto né informato.

Sul 2ns Gennaio 2019, una voce strana e sconosciuta ha spiegato chi era e perché stava chiamando.
Eri morto.
Sei morto Esattamente 2 mesi dopo il mio 23rd Compleanno.
Sei morto il 6ns luglio 2009.
2009, ero in ritardo di 10 anni.
Mio padre non poteva o non voleva essere trovato.
Era così.

Per oltre 30 anni essere adottata non significava nulla, o almeno mi dicevo che non significava nulla. Solo una parola per spiegare gli inevitabili sussurri di confusione quando le persone ci hanno incrociato.
“L'hanno appena chiamata mamma?”, “Forse il papà è asiatico…? Però non sembrano metà/metà.”
Ero abituato a questi commenti, tutta la mia vita è stata costellata di razzismo, alcuni per ignoranza, altri senza dubbio intenzionali.
Ma essere adottato non era qualcosa su cui soffermarsi, semplicemente un fatto; accettato e riconosciuto solo quando inevitabile.
Ma l'inevitabile è diventato impossibile.

Quella chiamata, quella dannata chiamata; per quanto ferocemente avessi reagito, avrei demolito le fondamenta di ogni muro che avevo stabilito; una miriade di muri che formavano l'incomprensibile e impenetrabile labirinto di protezione in cui mi ero completamente circondato e mi ero perso.

15 anni per trovare il coraggio di cercarti, ma una vita intera a chiederti...

Sono mai stato nei tuoi pensieri?
Hai mai pensato a me?
Il giorno della mia nascita? Quando quella data inevitabile è tornata al punto di partenza, una data che segnerà per sempre ogni anno che abbiamo trascorso separati.
Un altro anno è andato; un altro anno di vita perso. Un altro anno di quella che è stata una vita di separazione.
Mi hai pensato a Natale?
In momenti di feste familiari, culturali e tradizionali, quando si sarebbero dovuti raggiungere dei traguardi. Quando ricette, segreti e le storie dei nostri antenati sarebbero dovute passare di Madre in Figlia.
Ti sei mai chiesto come faccio adesso se o quanto ci somigliamo e siamo simili?

Ti ha consumato lo stesso irrevocabile vuoto, solitudine, dolore e disprezzo di te stesso?
…..Ho significato qualcosa per te?

Tu, il giorno in cui hai partorito, ti sei semplicemente allontanato e non ti sei mai voltato indietro? Cancellando ogni ricordo, ogni momento, ogni emozione. Cancellandomi.
Mi hai rifiutato dal momento in cui abbiamo smesso di essere una cosa sola, rifiutando di riconoscere la vita che avevi portato così dolorosamente in questo mondo?
Anche una volta mi hai tenuto tra le tue braccia?
La mia esistenza è sempre stata una vergogna?
Una corruzione nel flusso e nella purezza delle stirpi. Il prodotto del peggior tipo di offesa che si possa commettere contro una cultura e un popolo i cui sistemi sociali, etici, politici e legali sono fondamentalmente radicati nei principi del Confucianesimo.
Sono sempre stato percepito come un abominio?
Un'ignominia, una conseguenza ripugnante di sfidare ciò che è così veementemente indottrinato nel nostro popolo dalla nascita, così fieramente apprezzato e atteso da ogni bambino di ogni generazione.
Obbedienza. Rispetto.
Rispetto del tuo anziano e assoluta obbedienza nel seguire le direttive. Conosci il tuo posto, nella famiglia, nella casa e nella società, nella cultura e nel paese. non rispettare; uscire dalle norme sociali ed essere condannati a una vita contaminata per sempre dalla vergogna, dal rifiuto e dal disonore.

Oppure, il giorno in cui hai partorito, il tuo sguardo è caduto su di me, disperato di memorizzare ogni dettaglio che il tempo avrebbe permesso?
Le tue braccia mi hanno trovato, abbracciandomi, stringendo il tuo abbraccio? Hai memorizzato il mio profumo, quel meraviglioso, dolce profumo di bambino mentre la tua mente ha iniziato un assalto; ricordi vividi dei 9 mesi trascorsi?
Il dolore, il terrore, l'amore, lo smarrimento e la confusione. La lotta interna di una decisione impossibile da prendere ma impossibile da ignorare.
La tua mente ti ha imposto i ricordi dei miei primi movimenti che hai sentito dentro? Prova innegabile della vita che cresce dentro?
Ti ricordi tutte le volte che ti sei ritrovato a maledirmi per la nausea mattutina, o quando è diventato impossibile muoverti liberamente?

Ricordi tutte le volte che mi avevi parlato e mi avevi consolato? Accarezzandoti lo stomaco e sorridendo con gioia e contentezza quando la mia irrequietezza cessò al suono della tua voce?
Ti sei ricordato di tutte le conversazioni unilaterali che hai avuto con me, ammonendomi per il tuo aumento di peso, le caviglie gonfie, il bisogno costante di fare pipì e il disagio generale?
Ti ricordi di aver pensato che nessuna di queste cose aveva importanza quando finalmente hai visto il volto di tua figlia appena nata di fronte a te?
Ricordi e conservi questi momenti preziosi con la stessa disperazione che ho fatto io il giorno in cui è nata mia figlia?
Sono rimasto figlio unico? O c'erano bambini futuri che erano ritenuti "degni" di mantenere?

Hai lasciato infinite domande senza risposte definitive, nemmeno nella morte.
L'agenzia che mi ha venduto insiste che tu sia morto, mentre il governo stesso non sembra confermarlo.

Cosa dovrei fare con quello? Per favore , dimmi.

Mi aggrappo alla speranza che in qualche modo tu sia ancora vivo..?
Aggrappati disperatamente al sogno infantile e ingenuo che FORSE, solo forse, sei?
che forse sei not morto, ma cercando me, forse io era uno di quei bambini che non si è mai arreso di sua spontanea volontà.
O prendere la parola dell'agenzia che mi ha trafficato, mandato all'estero e accettare che te ne sei andato?

Sarà mai possibile guarire se mi dico che sei morto?
Come dovrei piangerti?
Come si piange per un volto che non si ricorda?
Come posso liberarmi di qualcuno che, non importa quanto tempo e distanza è stato posto tra di noi, è ancora tutto ciò che sono, eppure tutto ciò che non so?
Come posso essere libero quando la tua forma senza volto perseguita i miei sogni? Quando ogni giorno sono colpito da una rinnovata ondata di dolorosa comprensione di tutto ciò che è stato rubato. Tutto ciò che è stato perso. Per tutto ciò che è stato cancellato.
Per i miei genitori che rimarranno per sempre degli estranei senza volto, genitori che non avrò mai l'opportunità di conoscere o incontrare. Per i fratelli e le sorelle non lo saprò mai. Per la zia e gli zii, i cugini e i nonni.
Per la storia del mio popolo, sono rimasto così ignorante fino ad ora; per la storia straziante e brutale del nostro Paese; ancora in guerra dopo 70 anni, divisa, letteralmente lacerata in due, avvelenata dalla corruzione politica, dai colpi di stato militari e dalla schiavitù. Di bambini trafficati, The Forgotten Generation; una generazione che ha combattuto, è morta e ha ricostruito il nostro Paese, che ora languisce nella povertà spinta ai margini della società che vive nell'isolamento e nello squallore, timorosa di chiedere aiuto per paura di “gravare” il Paese che hanno combattuto e sono morti per proteggere. Per il conforto delle donne schiavizzate, violentate, torturate e uccise dai giapponesi. Per la tragedia del traghetto Sewol, che ha iniziato ad affondare la mattina del 16ns aprile 2014, dove 304 dei 476 passeggeri a bordo, di cui 250 studenti, sono morti; intrappolato su un traghetto che affonda, mentre il capitano e l'equipaggio sono fuggiti, dicendo ai passeggeri a bordo di rimanere dov'erano. Obbedendo agli anziani (quel pregiato attributo radicato fin dalla nascita), gli studenti riponevano la loro fiducia negli ordini impartiti, restavano dov'erano, in attesa di essere soccorsi. Un salvataggio che non è mai stato tentato, un salvataggio che non è mai arrivato.
Genitori, famiglia, insegnanti, compagni di classe e sopravvissuti allo stesso modo isterici, bloccati sulla battigia, ancora ricevendo messaggi dagli studenti rimasti intrappolati all'interno che erano ancora vivi in quella che era una nave quasi completamente sommersa. I genitori non possono fare altro che guardare mentre l'ultima sezione visibile della nave è affondata davanti a loro.
E poi niente.
Silenzio, mentre iniziava lo shock e l'ampiezza della tragedia che si era appena svolta davanti a loro.
Un momento di silenzio incredulo davanti alle grida gutturali e raccapriccianti che solo un genitore che ha appena perso il figlio può fare.
Filmati successivamente rilasciati, hanno rivelato al mondo gli ultimi 20 minuti di alcuni studenti intrappolati all'interno. I cui ricordi mi perseguiteranno per sempre, volti che non dimenticherò mai. Messaggi d'amore e scuse ai propri cari, che producono ancora dolore fisico da ascoltare.

Guardare la mia gente soffrire, morire nei modi più orribili, sentire l'indignazione travolgente e il dolore insopportabile che hanno consumato la nostra nazione più e più volte, ma non essere in grado di essere lì con loro, di soffrire con loro; non hai mai considerato quanto sarebbero stati dolorosi questi momenti?
Hai mai immaginato quanta agonia provocherebbe solo osservare la mia lingua madre? Quando tutto appare, suona e sembra così naturale, finché non lo ricordi, niente di tutto ciò ha senso per te. Non puoi decifrarlo. Non lo capisci. Non puoi parlarlo.
Hai mai considerato quanto alto avrebbe pagato la tua bambina, per quella vita "migliore" che eri così sicuro che avrebbe fatto?
Se tu, mia Madre, non riuscivi a trovarmi in te stessa per allevarmi, sia per la vergogna, il disonore, o solo per essere un "bastardo" (SI, i miei documenti di adozione usano proprio questa parola!), se hai temuto per me, per il pregiudizio, la discriminazione e lo stigma che avrei sopportato se fossimo rimasti insieme in Corea, come potresti pensare che gettarmi in un mondo di bianchi dove sono stato forse uno dei 5 asiatici per oltre 18 anni della mia vita sarebbe stato a mio vantaggio ? Pensavi onestamente che quelli del mondo occidentale non mi avrebbero rifiutato? Umiliarmi, usare il mio status di adottato coreano contro di me nei modi più umilianti e degradanti concepibili? Se tu; mia madre, la mia famiglia, la mia gente e il mio paese mi consideravano nient'altro che un prodotto da esportare, perché avrebbe dovuto farlo qualcun altro?

Se sei effettivamente morto nel 2009, sei morto all'età di 46 anni.

So che non mi hai mai cercato, non hai mai provato a scoprire dove fossi.
E ora te ne sei andato, (forse), non lo so.
Il fatto di non sapere mi fa infuriare, mi consuma con una disperata disperazione e disperazione.
Ma, se te ne sei andato...
Come hai potuto andartene e non dire mai addio?
Come hai potuto andartene senza mai allungare la mano, senza nemmeno cercare di trovarmi?
Non ti importava come stavo o dove sono finito?
Come hai potuto lasciarmi con così tante domande senza risposta?
Nessuna foto per me per ricordarti, per studiare il tuo viso, per memorizzare.
Nessuna ultima parola di saggezza o consiglio.
Nessuna lettera di spiegazione.
Niente.
Solo un infinito, vuoto silenzio.

E così, dentro l'ormai adulta, rimane ancora la bambina spaventata, confusa, respinta, abbandonata, che non crescerà mai. Chi non saprà mai perché non l'hai voluta, perché non l'hai tenuta? Quello che hai visto in lei che ti ha tanto ripugnato l'hai gettata da parte e attraverso i mari; mantenendo l'esistenza della bambina che hai portato tanti anni fa come un vergognoso segreto, hai letteralmente portato con te nella tomba.

Michelle ha pubblicato altri articoli sulla sua esperienza come adottata internazionale coreana su trimestrale coreano.

Italiano
%%piè di pagina%%