Il re

Non sappiamo cosa pensiamo di sapere.

Da bambino mio padre non si stancava mai di urlare: "Chi è il re?" e io rispondevo con entusiasmo, "Elvis" come mi era stato insegnato a fare, sempre tra risate e applausi. Ero troppo giovane per capire il significato delle mie parole, sapevo solo cosa volevano da me gli adulti.

Da bambini, anche da adulti, le nostre parole possono avere un carattere performativo; diciamo sempre cose per deliziare gli altri, a volte per provocare o semplicemente per mettere a proprio agio le persone per mantenere l'armonia. Perfezioniamo questa abilità da bambini, profondamente consapevoli delle richieste dichiarate e non dichiarate di lealtà, silenzio o fedeltà.

Posso pensare a tanti modi in cui vorrei esprimere i pensieri di qualcun altro confezionati come miei. Le mie parole non avevano nulla a che fare con le mie convinzioni e tutto a che fare con l'adattamento e la ricerca di approvazione. Qualcosa non esclusivo per gli adottati ma particolarmente difficile per noi, come lo è per chiunque senta di non inserirsi nella comunità in cui si trova.

Se trovi che questo sia riconoscibile, allora forse non sarebbe un salto considerare che l'adottato che conosci non sta bene come pensi. Forse vedi il pericolo nel video virale di una bambina che parla di incontrare la sua madre adottiva per la prima volta esprimendo nient'altro che amore e gratitudine.

Sia l'etica su larga scala dell'uso di questo per il marketing dell'adozione professionale sia il pericolo più personale per questa bambina che deve già trovarsi in un ambiente in cui comprende a livello inconscio profondo cosa ci si aspetta da lei per essere al sicuro. Avviso spoiler, non è per avere curiosità o desiderio per la sua famiglia d'origine o l'identità che ha perso.

Quando guardo le mie foto sorridenti felici di me da bambina o da bambina sento di aver tradito me stessa, eppure so che ero solo una bambina che cercava di adattarsi, non ero un ambasciatore per gli adottati. Per la bambina nel video virale, provo dolore per lei perché vedo quel possibile futuro per lei e ancora di più a causa della natura pubblica del video e di come viene utilizzato. 

Se non sei ancora stato in una comunità di amici e familiari in cui la coppia apparentemente perfetta si separa o divorzia con la totale sorpresa tua o di chi ti circonda, dagli tempo. Se non ti sei ancora imbattuto nel fatto che uno o più dei tuoi cari hanno sofferto di depressione o problemi di salute mentale per decenni senza che tu lo sapessi, forse anche senza che loro lo sapessero, sospetto che tu sia in minoranza. Spero che tu non debba e non dovrai mai interrogarti sulla vera natura dello stato d'animo di una persona cara dopo che si è tolta la vita.

Anche coloro che prestano molta attenzione al benessere e ai sentimenti degli altri possono e saranno fuorviati riguardo alle paure profonde e alla fragilità degli altri. La nostra società è un campo di addestramento nell'arsenale emotivo, nel perfezionismo e nei sentimenti marginali.

Se non sei un adottato, ne parlo nella speranza che tu possa ricordare un momento in cui ti sei sbagliato su qualcuno o una parte di te stesso, magari rivisitare ciò che pensi di sapere su coloro a cui tieni e imparare a sembrare un un po' più in profondità e fidarsi delle esperienze vissute degli adottati invece di scontarle.

Se rimani in giro per gli adottati abbastanza a lungo con una mente aperta, vedrai emergere alcuni temi universali e probabilmente scoprirai che non sappiamo cosa pensiamo di fare. Se puoi permetterlo, possiamo iniziare a essere più onesti con noi stessi e gli altri su ciò che facciamo e non sappiamo. Puoi ascoltare e indagare con umiltà, gentilezza e disponibilità ad imparare da chi è disposto a condividere. Aiutaci a fare meglio per definire i problemi reali, riconoscere i pregiudizi che frenano il progresso e costruire il giusto supporto per gli adottati.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%