Essere veramente visto come un adottato filippino

di Arlynn Hope Dunn, adottato dalle Filippine negli USA; presentato al 16a consultazione globale filippina sui servizi di assistenza all'infanzia il 24 settembre 2021.

Mabuhay e buongiorno! Mi chiamo Hope e mi unisco a te da Knoxville, Tennessee, nel sud-est degli Stati Uniti. Ringrazio ICAB per avermi invitato a far parte della Consultazione Globale sull'adozione internazionale. Sono grato di accedere alle risorse post-adozione dell'ICAB, che sono state significative nel mio processo di riconnessione con la mia famiglia d'origine. Sottolineo che la mia storia e la mia riflessione oggi sono mie e non parlo per le esperienze vissute di altri adottati. Spero che tutti coloro che ascoltano le nostre testimonianze oggi siano aperti a varie prospettive sull'adozione poiché ci influenzano nel corso della nostra vita.

I miei inizi

Sono nata a Manila nel dicembre 1983 e nel luglio 1984 sono volata dalle Filippine con la mia assistente sociale, per incontrare i miei genitori adottivi e la sorella di sei anni che è stata adottata dalla Corea. Avevamo una vita suburbana idilliaca e tranquilla, mia madre era una casalinga e mio padre era un geologo, che viaggiava spesso per il paese. La nostra famiglia molto probabilmente si sarebbe trasferita a ovest per ospitare il lavoro di mio padre, ma non abbiamo mai lasciato il Tennessee. Mio padre aveva il diabete giovanile e sviluppò la polmonite e morì tre giorni prima del mio primo compleanno. Mia madre, una sopravvissuta alla poliomielite, che l'ha lasciata senza l'uso del braccio destro, è diventata improvvisamente una madre single di due bambini piccoli senza parenti vicini. Il dolore irrisolto per la perdita di mio padre si è riverberato per anni nella nostra famiglia attraverso il ritiro emotivo di mia sorella, che era molto vicina a nostro padre... e mia sorella. Quanto a me, ho oscillato dal ruolo di comico per assorbire le tensioni tra mia sorella e mia madre all'autoregolazione delle mie emozioni accumulando cibo da bambino e imbottigliando le mie emozioni, per rendermi scarso e piccolo. Mentre sono cresciuto in una casa che ha verbalizzato l'amore, ora riconosco i modelli di abbandono e codipendenza che hanno avuto un impatto sul mio sviluppo. Sono anche cresciuto nell'era dei primi anni '90, dove le norme sociali e i media rafforzavano il daltonismo piuttosto che offrire la razza come un'opportunità per discutere e celebrare la diversità culturale unica. 

A differenza delle grandi comunità filippine in California, c'era poca diversità dove sono cresciuto, poiché la maggior parte della mia scuola e comunità era bianca con alcuni studenti neri. Ero uno dei tre studenti asiatici e siamo stati tutti adottati. Piuttosto che gravitare l'uno verso l'altro, ci siamo appoggiati a diversi gruppi di amici come parte naturale dell'assimilazione. Di noi tre, ero più tranquillo e dolorosamente timido, il che mi rendeva un facile bersaglio di bullismo. All'età di sette anni, sono stato chiamato la parola "N" sullo scuolabus. Mi è stato detto che mia madre mi ha partorito in una risaia. Ironia della sorte, al ritorno dell'anno scolastico in autunno, le ragazze si accalcavano per toccarmi la pelle e chiedermi come facevo a diventare così scuro. A quei tempi, ero così orgoglioso della mia pelle scura e non ho mai imparato a conoscere il colorismo fino a quando non ero un adulto. Alla fine il bullismo è diminuito fino a dopo l'attacco alle torri gemelle dell'11 settembre 2001, quando il razzismo è riapparso e un altro studente mi ha detto di farmi saltare in aria con il resto della mia gente. In risposta, la mia insegnante mi ha fatto abbracciare l'altro studente perché a 17 anni “era solo un ragazzo”. La risposta della mia famiglia è stata di ricordarmi che sono americano come se solo quella fosse una corazza sufficiente per resistere e deviare la violenza verbale. Ho interiorizzato così tanta vergogna di essere diverso, che ho equiparato a meno di, che sono diventato complice della mia stessa cancellazione culturale e del crollo dell'autostima.

Giovani adulti

Da giovane adulto, ho lottato con le pietre miliari che venivano naturalmente ai miei coetanei. Ho fallito la maggior parte delle lezioni al liceo, ma al mio preside piacevo e mi ha permesso di laurearmi in tempo. Ho lasciato il college senza una visione di chi volevo essere entro i 21 anni. Ho concluso una relazione e un fidanzamento di sei anni e non sono riuscito a mantenere un lavoro entro i 23. Ero attivo nella chiesa evangelica ma gli anziani mi hanno detto che il mio la depressione e l'idea suicidaria derivavano dalla mia mancanza di fede. Alla fine, ho acquisito esperienza lavorando con i bambini. Sono tornato al college all'età di 27 anni mentre svolgevo più lavori e sono stato accettato nel programma di assistente di terapia occupazionale, dove ho acquisito strumenti per la salute mentale e in seguito mi sono laureato con lode e ho pronunciato il discorso di laurea.

Come sfogo dal mio intenso programma universitario e lavorativo, mi piaceva andare al cinema da solo e nel 2016 ho visto un film che è stato il catalizzatore per il mio viaggio alla ricerca della mia eredità.  Leone è un film sulla vita reale di Saroo Brierly, cresciuto dai suoi genitori adottivi australiani e alla fine si è riunito con la sua prima madre in India. Mentre Saroo è raccolto tra le braccia della sua prima madre, una diga di emozioni si è spezzata dentro di me, principalmente il senso di colpa per il fatto che in qualche modo avevo smarrito il ricordo della mia prima madre. Qualcosa di profondo dentro di me, risvegliato mentre assistevo a questo tiro alla fune sulle sue emozioni, recitato su uno schermo cinematografico. Ho visto uno specchio che mi illuminava mentre correva interferenza tra due mondi che raramente lo vedevano e le complessità dell'adozione e come è stato lasciato a conciliare questo peso insopportabile da solo.

Rivendicare il mio patrimonio filippino

Ho iniziato il mio viaggio per reclamare la mia eredità filippina attraverso il mio nome. Negli ultimi quattro anni, sono passato dal mio nome adottivo Hope al mio nome di nascita Arlynn, che in gaelico significa "giuramento, impegno". Mi sembra di poter tornare a qualcosa che ora so per certo mi è stato dato dalla mia prima madre. Prima di iniziare formalmente la mia ricerca nella mia storia, l'ho detto a mia sorella, che ha sostenuto la mia decisione. Passarono diversi mesi prima che chiesi a mia madre se conosceva altri dettagli sulla mia famiglia d'origine oltre alla corrispondenza che mi aveva dato in un raccoglitore. Sentivo di dover proteggere i suoi sentimenti come se il fatto di voler sapere improvvisamente della mia prima famiglia l'avrebbe ferita. Mi ha detto che non c'erano altre informazioni. Più tardi, avrei scoperto che era una bugia.

Per tutta la vita, mia madre ha continuato a lottare con il suo uso improprio dei farmaci antidolorifici prescritti. Da bambina, ricordo che mia madre mi faceva notare quali flaconi di medicinali usava nel caso non si fosse svegliata per farmi chiamare la polizia. A volte, dormivo sul pavimento vicino alla sua stanza per assicurarmi che respirasse ancora. Avevo 32 anni quando ha richiesto l'intervento ospedaliero per i sintomi di astinenza, mi ha detto nella sua rabbia che avrebbe voluto lasciarmi nel mio paese di nascita. Mi ha fatto più male che se mi avesse schiaffeggiato perché non si è mai scagliata contro la mia adozione quando ero più giovane. Sono uscito dalla sua stanza sentendomi come se avessi perso un altro genitore.

Alla fine, la casa della mia infanzia è stata venduta e mia madre è andata in una casa di cura per cure a seguito di un'emorragia cerebrale. Mia sorella ed io abbiamo recuperato la cassetta di sicurezza di nostra madre presso la sua banca locale, che a mia insaputa conteneva il mio caso di studio completo. Mia sorella mi ha detto che non avrei mai dovuto saperlo e nostra madre le ha fatto promettere di non dirmelo, quando era più piccola. Mi sono seduto da solo nella mia macchina singhiozzando mentre leggevo il nome del mio primo padre per la prima volta poiché non era elencato sul mio certificato di nascita, al quale ho sempre avuto accesso crescendo. Descriveva in dettaglio come i miei genitori avessero sette figli e cinque di loro morirono durante l'infanzia per malattia. I miei genitori si separarono mentre mio padre rimase con i figli sopravvissuti e mia madre rimase con suo nipote rifiutandosi di riconciliarsi con mio padre non sapendo che era incinta di me. Nel corso del tempo, mia madre ha cominciato a vagare lontano da casa ed è stata istituzionalizzata. Dopo la mia nascita si è allontanata di nuovo da casa e ha scoperto che cantava da sola. Dopo la mia nascita, mi è stato consigliato di essere collocato in un rifugio per bambini temporaneo poiché mia madre non era in grado di prendersi cura di me. Un'impronta viola del pollice al posto di una firma ha indirizzato il suo atto di resa per me alle autorità di assistenza sociale.

Famiglia perduta da tempo

Alla ricerca della famiglia biologica

Grazie alle risorse di ICAB e Facebook, sono stato in grado di localizzare mio fratello e mia sorella sopravvissuti e ho appreso che i miei genitori naturali sono morti. All'inizio del 2021, sono riuscito a trovare i parenti della mia prima madre, inclusa la sua unica sorella sopravvissuta. Sono ancora stupito e grato che i miei fratelli e la mia famiglia allargata mi abbiano abbracciato e io soffro dal desiderio di incontrarli, di essere toccato dalla mia gente. Prima della pandemia avevo l'obiettivo di viaggiare nelle Filippine, ma durante la chiusura dell'economia ho perso due dei miei lavori, la mia salute mentale ha sofferto dell'isolamento di vivere da solo durante il blocco e alla fine ho perso la mia casa e i soldi che è stato cresciuto da amici e famiglia per andare nelle Filippine ha dovuto impedirmi di vivere nella mia macchina, finché non fossi riuscito a stare con gli amici. Dallo scorso novembre ho potuto ottenere un lavoro a tempo pieno e quest'estate ho trovato una terapista, anche lei adottata transrazziale, che ha lavorato con me per elaborare il mio dolore e il senso di colpa del sopravvissuto. sopravvisse a molti dei miei fratelli. Mentre ricostruisco lentamente la mia vita, una rinnovata energia per tornare un giorno nella mia patria per incontrare i miei fratelli mi motiva ulteriormente.

Mentre la mia ricerca per reclamare la mia patria, la mia lingua perduta e i miei fratelli ha portato un profondo dolore, c'è stata un'enorme gioia nel connettermi con le mie nipoti che mi stanno insegnando le frasi Waray Waray e Tagalog. Ho curato i miei social media in modo che gli algoritmi mi attirino verso altri adottati, artisti, scrittori e guaritori filippini. Lo scorso dicembre ho compiuto 37 anni, la stessa età di quando mi ha partorito la mia prima madre. Il giorno del mio compleanno ho potuto incontrare un prete di Baybaylan che ha pregato su di me e sui miei antenati. Durante tutto questo tempo da quando l'ho riscoperta per caso di studio, ho cercato di affrontare il dolore e alla fine ha iniziato a piangere. Abbiamo pianto insieme e quel piccolo gesto gentile mi ha toccato così profondamente perché per la prima volta ho sentito come se qualcuno fosse seduto con me nel mio dolore, ed era così intimo perché Mi sono sentito veramente visto in quel momento e degno di amore. 

Pensieri per i professionisti dell'adozione

Le pratiche del settore delle adozioni sono cambiate drasticamente nel corso degli anni da quando sono stato adottato. Spero che le conversazioni sull'adozione continuino a spostarsi verso gli adottati per includere le nostre storie che illuminino questo ampio continuum di esperienze vissute che indicano non solo le esperienze positive o negative, ma le tengono tutte sotto una lente critica da parte dei professionisti dell'adozione. Spero che i professionisti di questo settore riconoscano e riconoscano il grado in cui il trauma della separazione precoce dei bambini dalle nostre prime madri e il ruolo dell'assimilazione e la perdita dell'associazione culturale influiscono sugli adottati. I futuri genitori sono formati in questo e anche nella consulenza sul lutto? Considera di guardare verso pratiche che assicurino la conservazione della famiglia, se possibile. Se viene concessa l'adozione, come farai a garantire che un bambino abbia le risorse per trovare una comunità se vive in luoghi non culturalmente diversi? Come troveranno la comunità? Un'ultima domanda di riflessione: quando un bambino viene abbandonato dal tuo paese, quali pratiche saranno assicurate per sostenere quell'adottato che vuole tornare nel paese di origine, senza che quella persona si senta un estraneo, un turista o un intruso?

Ho un breve video di un collage di foto che ho creato che attraversa la mia vita da quando ero bambino fino ad oggi.

Grazie mille per aver ascoltato la mia testimonianza.

Maraming Salamat po.

LEONE Recensione di ICAV

Come compagno australiano di adozione internazionale, ho guardato LION e l'ho trovato migliore di quello che mi aspettavo dopo aver letto così tante recensioni diverse.

Ha catturato così tanti aspetti emotivi del viaggio di un adottato internazionale. Ho sentito che l'aspetto più potente era quello del fratello adottivo di Saroo (anche lui dall'India) che chiaramente ha lottato con la sua vita adottiva dal primo giorno dell'arrivo nella sua nuova famiglia. Essendo io stessa madre di un figlio con bisogni speciali che ha vissuto crisi di nervi, il comportamento che ho visto rifletteva un ragazzo che non solo aveva sopportato gli inizi duri come Saroo che hanno portato a comportamenti legati al trauma, ma molto probabilmente soffriva anche di altri bisogni speciali - evidenti dal cicatrici multiple sulla sua testa quando è arrivato per la prima volta e il crollo della notte 1. Devo dire che i suoi genitori adottivi sono ritratti mentre gestiscono quella notte in modo abbastanza amorevole e calmo anche se sono sicuro che in realtà deve essere stato uno shock dopo aver avuto un figlio adottivo “perfetto” la prima volta. Serve anche come un sano promemoria della necessità di un'adeguata educazione pre-adottiva e dell'impostazione realistica dell'aspettativa che gli adottati non vengano come tabula rasa, nemmeno i neonati.

Le lotte del fratello adottivo di Saroo mi hanno parlato molto per gli adottati che conosco che non se la passano bene, nonostante siano collocati con le migliori famiglie adottive. Questi adottati soffrono quotidianamente e hanno poca tregua dalla loro profonda sofferenza emotiva e mentale e lo vedo specialmente da coloro che arrivano come adottati di età avanzata in famiglie che non capiscono che potrebbe esserci un trauma pre-adozione. In una parte del film è stato crudo e doloroso sentire Saroo accusare il fratello adottivo di aver causato così tanto dolore alla madre adottiva. L'angoscia che questo causò sul volto del fratello adottivo di Saroo - la sua espressione era come per dire: "Se potessi fare di meglio lo farei... e come osi giudicarmi!" Ciò ha sollevato nella mia mente l'assunto irrealistico che noi adottati riteniamo sia nostro ruolo dare ai nostri genitori adottivi solo felicità e gioia.

Ho anche provato empatia con il fratello adottivo di Saroo perché il duro giudizio di Saroo deriva da un'altra ipotesi indiscussa che noi adottati non dovremmo avere nulla da soffrire poiché la nostra adozione ci ha già salvato da tutto il destino e l'oscurità del nostro passato e ha creato in noi una "nuova vita". Come ritrae il fratello adottivo di Saroo, a volte quella nuova vita sfugge agli adottati ed è la triste realtà che molti soffrono per il resto della loro vita e non riescono mai a catturare quel sogno sfuggente di essere "felici per sempre" nella nostra vita adottiva, come Saroo voleva essere capace.

Per quegli adottati come il fratello adottivo di Saroo che non possono sfuggire al nostro destino, il film ha fatto bene a catturare questa realtà. Sento spesso dagli adottati all'interno di una famiglia adottiva che un bambino adottato è diventato il più gradito alle persone e, all'apparenza, si comporta bene contro l'altro che lotta e trascina con sé il resto della famiglia adottiva. Non per colpa loro, ma solo perché le cose sono più difficili con più cose da affrontare e avere una personalità diversa e una fortuna personale per essere in grado di farcela meglio. Come il fratello adottivo di Saroo, questo è il loro migliore, ma spesso viene giudicato non abbastanza buono in cambio della gratitudine per essere stato adottato.

Per Saroo che sembrava essere l'adottato "perfetto", il film ha fatto bene a mostrare che anche l'adottato perfetto sta lottando silenziosamente dentro. Il suo rapporto con la sua ragazza ha sofferto e lei era quella più vicina a Saroo, il suo rapporto ha sofferto con i suoi genitori adottivi, la sua capacità di mantenere un lavoro, ecc. Tutto sembrava essere influenzato dal suo passato! È così vero da ritrarre che anche per l'adottato "perfetto" abbiamo ancora dentro di noi battaglie intense come quelle degli adottati "difficili". Credo che l'adottato apparentemente "perfetto" lo nasconda meglio e sia guidato dalla natura delle nostre domande implacabili e dai frammenti di vita e identità prima di essere adottato come il nostro "acting out" o adottato in difficoltà.

La dinamica tra i due fratelli adottivi era potente e potevo sentire il senso di un pio desiderio di tornare indietro al tempo che aveva Saroo prima dell'arrivo del fratello adottivo. L'indimenticabile scena a tavola in cui Saroo da adulto dice finalmente "non è mio fratello" è l'unico momento di verità nella loro famiglia in cui il non detto diventa finalmente detto. Penso che per molte famiglie adottive non si consideri abbastanza quanto un nuovo arrivo di fratello adottivo possa avere un impatto sul primo adottato/bambino e come possono arrivare a risentirsi del cambiamento delle dinamiche e degli equilibri della famiglia.

L'altro tema potente a cui potevo relazionarmi era come Saroo fosse così sensibile alla sua madre adottiva e sentendo che aveva bisogno di proteggerla dalle sue verità. Questa è una realtà che diventa visibile di volta in volta quando gli adottati internazionali condividono con me il loro desiderio di cercare o comprendere le proprie radici. Non vogliono turbare la mamma vulnerabile che chiaramente li ama e li desiderava così tanto. Il nostro desiderio da adottati di mostrare la nostra gratitudine e amore in cambio ci costa le nostre stesse verità e crea la necessità di nasconderlo. Così anche Saroo finisce isolato e attraversa il suo viaggio molto solo e senza sostegno. Ha così paura che lei, sapendo della sua ricerca, possa ferire profondamente e se non letteralmente "uccidere" la sua madre adottiva, cosa che lui ritiene che il fratello adottivo stia già facendo.

Questo è un problema che molti di noi adottati all'estero hanno, giustificato o meno, nel sentire che abbiamo bisogno di proteggere i nostri genitori adottivi. C'è stata anche una battuta commovente nel film dopo che la madre adottiva di Saroo ha condiviso la sua visione che ha portato ad adottarlo, dicendo che l'ha fatta "sentire bene per la prima volta nella sua vita". Quell'affermazione diceva quello che molti di noi adottati sentono ma non verbalizziamo mai - che siamo lì per far sentire bene i nostri genitori adottivi con se stessi e abbiamo paura di dare loro qualsiasi informazione e verità su noi stessi o sulla nostra vita prima di loro, che metterà a repentaglio la nostra relazione con loro. Viviamo nella paura che si pentano di noi perché non abbiamo realizzato il loro sogno o la loro visione.

Com'è triste che Saroo abbia passato così tanto tempo a dover proteggere sua madre adottiva (e padre adottivo) dai suoi veri sentimenti di tristezza che i suoi ricordi gli hanno causato - la profondità del suo desiderio di rassicurare la sua stessa famiglia biologica che era vivo per quindi smettere di preoccuparsi e ricerca. Ciò che è ancora più triste è che non c'era la verità e l'apertura tra Saroo e i suoi genitori adottivi per consentire a entrambi di connettersi e sostenersi a vicenda perché in realtà le loro realtà non erano in opposizione ma avrebbero potuto essere simbiotiche.

Questa dinamica è di nuovo qualcosa che sento dagli adottati che condividono con me e che vivo anch'io. Abbiamo paura di far conoscere davvero alle nostre famiglie adottive le vere profondità della nostra tristezza e perdita per le nostre famiglie originali perché sentiamo che saranno deluse o si sentiranno "meno che" genitori per noi. La dinamica della famiglia adottiva di Saroo non è rara nelle famiglie adottive, ma oserei dire che è raro vedere qualsiasi altra dinamica nella maggior parte delle famiglie adottive. Più volte gli adottati condividono che non cercheranno fino alla morte del loro genitore adottivo, o non vogliono condividere il loro desiderio di cercare perché "ferirà" il genitore adottivo, o non hanno bisogno di cercare perché il loro adottivo i genitori sono “famiglia” e non hanno bisogno di altri.

Ho notato che molte volte Saroo ha cercato di rassicurare la sua madre adottiva, specialmente quando stava andando in India e di nuovo quando aveva trovato la sua madre biologica, che sarebbe stata sempre la sua famiglia e che l'amava. Questo è un tale peso da portare per gli adottati: sentire costantemente che dobbiamo rassicurare i nostri genitori adottivi del nostro amore e gratitudine. Raramente si sente parlare di bambini biologici che soffrono lo stesso peso! Non sarebbe bello non doversi preoccupare delle nostre famiglie adottive con un barometro così ipersensibile!

Sono stato contento di vedere che Saroo ha fatto il viaggio in India da solo. Noi adottati a volte abbiamo bisogno di farlo per non complicare il nostro viaggio con la preoccupazione per i sentimenti e le emozioni complesse della nostra famiglia adottiva. La nostra ricerca e riunione per alcuni deve essere un momento nel tempo in cui si tratta solo di noi, dell'adottato e della nostra famiglia di origine - come era prima dell'adozione - così possiamo sperimentare il nostro dolore, l'euforia per essere riuniti, la tristezza e tutto il resto , senza l'ulteriore onere di sentirci responsabili delle emozioni della nostra famiglia adottiva.

Ho adorato il finale che spiegava perché il film si chiamava LION e rifletteva così bene, ciò che sperimentano gli adottati: quello di non conoscere la pronuncia corretta del nostro nome originale perché la nostra esperienza adottiva è così coinvolgente e completa che perdiamo completamente ogni capacità di parlare o capire la nostra lingua di nascita, specialmente se adottata in età avanzata.

Il film ha fatto bene a ritrarre lo stato delle cose in India, dove i bambini vulnerabili come lo era Saroo, hanno pochissimo aiuto offerto. Sembrava che ci fossero pochi rifugi sicuri, assistenti sociali o servizi per sfamare i poveri e gli affamati. Sono personalmente lieto di vedere che il film viene utilizzato come una strada per creare assistenza ai bambini di strada indiani in futuro e fornire opzioni migliori di quelle sperimentate da Saroo.

Non vedo l'ora di saperne di più sul viaggio di Saroo perché sospetto che questo potrebbe essere solo l'inizio di lui che condivide la sua voce. Ha condiviso il suo viaggio con il mondo INTERO e non è un'impresa da poco essere così aperto dopo aver mantenuto la sua ricerca e i suoi sentimenti così segreti per così tanto tempo! Spero che supererà il suo senso di responsabilità troppo sviluppato nei confronti della madre adottiva e prenderà un posto utile nel dialogo mondiale sull'adozione internazionale su ciò che accade realmente per i bambini vulnerabili e le loro famiglie e su ciò che deve essere fatto per proteggerli meglio.

In contrasto con la sua madre adottiva che usa il film per promuovere ulteriori adozioni internazionali, spero che Saroo contribuirà a creare un forum in cui il mondo possa approfondire le questioni etiche legate ai diritti dei bambini vulnerabili e delle loro famiglie e un posto giusto per l'adozione internazionale dopo che TUTTI i tentativi di riunire la famiglia si sono verificati. Nel film c'era una frase che Saroo diceva sulla sua lotta per essere adottato in un "luogo di così tanti privilegi" e cercando di dare un senso a questo in contrasto con la sua spinta interiore a "trovare casa" e famiglia e nessuno che lo aiutasse quando era un bambino smarrito. Mi ha fatto sperare che Saroo utilizzerà la sua opportunità di fama mondiale come adottato all'estero per guidare il pensiero critico su ciò che abbiamo nei paesi occidentali e il nostro senso di responsabilità nell'usare le nostre risorse per consentire un mondo migliore, invece di guadagnare dalle vulnerabilità di altri paesi .

Italiano
%%piè di pagina%%