Diario spazzatura domenicale

Oggi è stata una giornata difficile. È stato difficile rialzarmi dopo essere caduto. È stato ancora più difficile svolgere il compito che mi ero prefissato, ovvero finire questo diario spazzatura diffuso questa domenica alle Hawaii. La gravità mi sembrava di far cadere dei pesi su di me. A poco a poco mi sono sentito più leggero con ogni strato di tecnica mista che ho applicato sulla pagina. Dipinti, un centrino, una busta ricostruita, un piccolo spazio per pensieri poetici manoscritti in corsivo, immagini ritagliate di fiori gialli, arte vittoriana e pezzi di pagine di libri vintage. Alla fine l'ho pubblicato e sebbene il mio lavoro non sia mai perfetto per me, provo un senso di esultanza quando i miei segreti misti vengono pubblicati, mostrati al mondo intero. Non mi sento così solo quando succede. Mi mostro nel modo più bello, mostrando tutte le parti migliori di me. Quindi cerco di scrivere regolarmente un diario spazzatura, almeno un post a settimana se posso. Oggi è stato difficile ma ho pubblicato uno spread e questo mi ha aiutato ad andare avanti.

Qual è stata una cosa che ti ha aiutato ad andare avanti oggi?

Per favore commenta qui o scrivimi a starwoodletters@gmail.com

Chi sono?

da TLB, adottato dal Vietnam al Canada.

Assomiglio a mio padre o a mia madre? Qual è il mio vero nome? Quando sono nato? Chi sono veramente? Ho passato queste domande per tutta la vita e non sono sicuro di trovare mai la risposta.

Sono nato in Vietnam, adottato da una famiglia bianca in Canada nei primi anni '70. Sono in parte afroamericano e vietnamita ma sembro più afroamericano, e sono anche disabile fisico che ho contratto a causa della poliomielite e di una ferita da arma da fuoco (qualcosa che mi è stato detto da bambino, ma non sono sicuro che sia vero) . Ho sempre saputo di essere diverso crescendo, non per il colore della mia pelle ma perché ero disabile. Quando sono arrivato in Canada ho dovuto andare in ospedale per molti interventi chirurgici per raddrizzare le gambe e la schiena a causa della scoliosi. Quando sono tornato a casa dall'ospedale, è stato allora che ho sentito di non appartenere alla famiglia. Da bambino ero testardo e parlavo a malapena perché gli effetti di lasciare il Vietnam e di trovarmi in un ambiente diverso mi hanno sopraffatto.

Essendo un bambino disabile asiatico afroamericano, vivendo in un mondo bianco, sapevo di essere diverso e volevo così tanto integrarmi. In tenera età, sapevo che mia madre adottiva mi trattava in modo diverso dagli altri miei fratelli. Avevano altri due figli biologici insieme a un altro bambino adottato dalla Children's Aid Society, quindi ero la pecora nera della famiglia e quello era il mio soprannome per gli altri membri della famiglia e vicini. La mia madre adottiva non era la madre perfetta che tutti pensavano fosse a porte chiuse. L'uso della mia sedia a rotelle era vietato in casa, quindi dovevo sempre strisciare sul pavimento e sul tappeto, ma lasciare segni sul tappeto non sembrava buono e faceva sì che mia madre adottiva passasse sempre l'aspirapolvere, quindi ho dovuto spostare la mia camera da letto nel seminterrato – essere isolato dai miei fratelli. Ogni volta che i miei fratelli venivano a giocare con me, venivano rimandati di sopra e gli veniva detto di non giocare con la tua sorella "pecora nera". Essendo solo nel seminterrato, ho smesso di parlare e ho dovuto divertirmi da bambino. Dal non parlare, le mie corde vocali non si sono sviluppate bene, quindi ogni volta che andavo a scuola, avevo problemi a interagire con gli altri studenti ed ero vittima di bullismo ed etichettato come stupido.

Mia madre adottiva mi ha sempre detto che dovrei essere loro grato per avermi adottato. Ho sempre tenuto dentro i miei sentimenti perché se dicessi loro come mi sentivo davvero, sarei stato battuto. Dovevo sempre ringraziarla per avermi salvato la vita ogni volta che facevo qualcosa di sbagliato. La prima volta che ho detto "Vorrei che non mi avessi mai adottato" mia madre adottiva mi ha abusato emotivamente e fisicamente. A volte non mi importava cosa mi avesse fatto, ero più felice di stare nel mio guscio nell'armadio.

Non sono mai stato coinvolto in nessuna delle riunioni di famiglia o delle vacanze di famiglia. Mangerei sempre da solo dopo che tutti gli altri mangiarono. L'unico ricordo che non dimenticherò mai è stato quando la mia famiglia adottiva è andata via in Florida e non mi è stato permesso di andare perché mia madre adottiva ha detto che "i bambini neri e storpi non erano ammessi". Sono andato allo specchio e mi sono guardato. Volevo così tanto essere bianco che ho strofinato la mia pelle così forte ma è diventata rossa. Ho spinto la mia sedia a rotelle giù per le scale e ho cercato di alzarmi per camminare, invece sono caduta e sono rimasta distesa sul pavimento per giorni finché un vicino non mi ha trovato sanguinante. Invece di essere un buon vicino e aiutare una ragazza, si è approfittato di me per giorni mentre la mia famiglia era via a divertirsi. Quando la mia famiglia è tornata, ho cercato di dire a mia madre adottiva cosa era successo. Tutto quello che ha detto è stato: "Stavi cercando attenzione ed è quello che ti meritavi".

Volevo così tanto far parte della famiglia al punto che avrei accettato di pulire la casa. Mia madre adottiva mi presentava sempre ai suoi amici come la "cameriera nera del terzo paese". Mia madre adottiva mi ha abusato emotivamente continuando a dire che non mi ha mai voluto a causa della mia disabilità e del colore della mia pelle. Non pensava che sarei diventato "così scuro" e un bambino problematico che aveva bisogno di appuntamenti per la terapia. Tutto quello che volevo era rendere orgogliosa di me la mia madre adottiva, ma niente di quello che ho fatto l'ha mai soddisfatta. Ogni volta che i miei fratelli si mettevano nei guai, li difendevo e mentivo e rubavo per loro in modo che giocassero con me. C'erano volte in cui nascondevo il cibo di notte perché ero così affamato, ma ogni volta che venivo catturato, sono stato mandato nell'armadio per giorni. Niente di quello che ho fatto è stato abbastanza buono per mia madre adottiva.

Quando avevo 11 anni, mi è stato detto che avrei lasciato la famiglia e avrei passato qualche giorno da qualche altra parte. Non sapevo cosa avevo sbagliato. Quella notte sono rimasto sveglio tutta la notte a ripensare al giorno - cosa ho fatto per dispiacere alla mia madre adottiva. Tutto quello che mi ha detto è che sarei andata in un posto migliore che potesse prendersi cura del mio comportamento da "nera storpia". Ho pianto per tutto il tempo implorando mia madre adottiva che sarei stata una "brava ragazza". Quattro ore dopo fui portato in una grande casa di pietra con molte scale e altri bambini che correvano per il soggiorno. Mia madre adottiva mi ha detto che era solo per poche settimane e che la famiglia mi avrebbe aiutato con il mio comportamento. Per i giorni successivi, tutto ciò che ho fatto è stato sedermi vicino alla finestra aspettando il ritorno di mia madre adottiva. I giorni si sono trasformati in settimane e le settimane in mesi. Alla fine ho dovuto rendermi conto che stavo in questa casa e che nessuno sarebbe tornato per me.

Vivevo in una casa con altri 25 bambini. Ho cercato di integrarmi ed essere parte della famiglia, ma mi sentivo comunque un emarginato. Anche se non ero l'unico figlio disabile, sentivo di non appartenere. Ho scoperto che la madre adottiva di questa casa era la donna che ha aiutato i miei genitori adottivi ad adottarmi dal Vietnam. La madre adottiva aveva un'organizzazione che aiutava le famiglie canadesi e americane ad adottare bambini provenienti da paesi del terzo mondo dagli orfanotrofi che aveva aperto. Non ero l'unico bambino adottato e inviato alla famiglia affidataria. Negli anni, vivendo presso la famiglia affidataria, sono diventata una bambina riservata e tranquilla e durante la mia adolescenza volevo ancora sapere “chi sono io”? Ho chiesto alla madre adottiva se sapeva qualcosa della mia madre naturale e ogni volta che glielo chiedevo, la risposta era sempre: "Aspetta fino ai diciotto anni". Da allora ho lasciato in pace la domanda e ho cercato di vivere la mia adolescenza in casa.

Quando sono andato per la prima volta nella famiglia affidataria, sono stato messo in una scuola con altri bambini disabili, ma ho sentito che non era per me. Volevo essere indipendente ed essere lasciata in pace, quindi sono diventata molto testarda soprattutto durante le sessioni di terapia. Avere terapisti che mi sollevavano le gambe e cercavano di allungarle non funzionava per me, cercavano di farmi usare bretelle e stampelle, decisamente non lo volevo. Quindi alla fine hanno deciso che usassi una sedia a rotelle sportiva e che libertà mi sentivo!! L'uso della sedia a rotelle ha rafforzato le mie braccia da adolescente e sono diventato molto forte, durante la ricreazione. Mentre altri bambini erano in terapia, mi trovavo in palestra a far rimbalzare i palloni da basket. Questo è quando un allenatore sportivo mi ha visto lanciare il mio primo canestro e mi ha chiesto: "Vuoi essere un atleta e viaggiare?" Le ho risposto rapidamente: "Sì!" Non sapeva che non volevo solo essere un atleta, ma volevo viaggiare per poter stare il più possibile fuori dalla mia casa adottiva. Il mio padre adottivo abusava di me ogni volta che andavamo a casa di famiglia a Montreal ogni estate, quindi ogni volta che scoprivo che avrei viaggiato in estate, non vedevo l'ora che arrivasse l'estate sapendo che sarei stato fuori dal paese!

Se non fosse stato per quell'allenatore sportivo, non avrei potuto essere l'atleta paralimpico che sono oggi. Ho viaggiato in molti paesi e vinto numerose medaglie, ma una parte di me sentiva che non me lo meritavo. Ogni volta che ero via, mi sentivo ancora un estraneo ai miei compagni di squadra e agli altri atleti. In fondo credevo che tutti sapessero chi erano e parlavano sempre della loro famiglia. Con la mia timidezza, avevo ancora problemi a interagire con i miei compagni di squadra. Alla fine di ogni viaggio, avevo paura di tornare a casa perché sapevo a cosa stavo tornando.

La mia famiglia affidataria non ha riconosciuto i miei successi atletici. C'erano volte in cui non sapevano nemmeno che me ne andavo per una settimana perché c'erano così tanti bambini in casa e la madre adottiva era impegnata con il suo lavoro. Ricordo che una volta sono arrivato a casa dalla mia prima gara dove avevo vinto le mie prime 5 medaglie d'oro (essendo il più giovane della squadra) e quando sono arrivato a casa, mi sono seduto davanti alla porta con le mie borse in attesa che qualcuno salutasse me. Quando mia sorella è scesa dalle scale per vedermi, ha detto solo: "Stai scappando?" Da quel momento, il mio entusiasmo è sceso dal mio cuore e avrei voluto poter scappare. Quindi da quel momento in poi, ho continuato con le mie gare senza alcuna sensazione di realizzazione, sentendomi come un nessuno.

Ho gareggiato in due Paralimpiadi, due giochi PanAm e tante piccole competizioni. Quando ho vinto le mie prime 5 medaglie d'oro alle Paralimpiadi, sono stato intervistato dal giornale ma molte delle parole scritte non erano vere. La storia ritraeva una giovane ragazza che vinceva medaglie da una casa adottiva che si prendeva cura di lei, ma in realtà non sapevano la verità.

Sono grato che la famiglia affidataria mi abbia permesso di stare con loro, ma a porte chiuse si sono ritratti come la coppia perfetta che aiuta molti bambini. La casa non era accessibile, ho continuato a strisciare su e giù per le scale per raggiungere la mia camera da letto, e ho dovuto strisciare su e giù e portare la mia sedia giù per le scale di pietra fuori per raggiungere il mio scuolabus.

Tutta la mia vita vivendo nella famiglia affidataria, volevo così tanto essere fuori e vivere da solo. Quando ho compiuto 16 anni, ho finito il liceo e ho lasciato la casa famiglia. Ho frequentato l'università e ho conseguito una laurea in Economia aziendale.

Durante tutta la mia vita, mi sono sempre sentito non amato e non voluto da nessuno. Ho pensato a mia madre biologica che non mi voleva, a mia madre adottiva che non mi voleva e all'interno della famiglia affidataria ero solo “un altro bambino”. Ho fatto del mio meglio per fare le cose giuste, non sono mai stato coinvolto dalla parte sbagliata della legge, ecc. Ho sempre sentito di non essere adatto a nessun posto, ho avuto problemi con le riunioni sociali e l'interazione con gli adulti della mia età. Ancora oggi gran parte di me continua a sentirsi isolata, non voluta e soprattutto a non sapere chi sono veramente.

Di recente, ho deciso di registrarmi a 23&Me per conoscere il mio background e ho scoperto di avere molti cugini di 2° e 3° là fuori. Sono stato sorpreso di sapere che ho una sorta di famiglia lontana là fuori, ma deluso per non avere alcuna informazione sui miei genitori. Voglio solo avere la sensazione di appartenenza. Crescendo, non ho mai avuto quella sensazione.

Il diritto all'identità

di Maria Diemar, nata in Cile e cresciuta in Svezia. Puoi accedere al suo blog su Possiedo la mia storia Maria Diemar dove ha pubblicato questo il 23 agosto.

Il diritto alla propria identità,
è un diritto umano?
È un diritto umano per tutti?

dove appartieni,
le circostanze da cui provieni,
è importante saperlo?

È possibile eliminare lo sfondo di una persona?
Prenderesti in considerazione l'eliminazione dello sfondo di un'altra persona?

Cosa è illegale?
Cosa non è etico?
Cosa sono le irregolarità?

Negli ultimi anni ho scoperto sempre di più della mia storia.
Dallo scoprire che sono Ingegerd Maria Olsson nei registri in Cile,
per rendermi conto che posso votare,
e rinnovare il mio passaporto dal 1975,
a capire che mi sembra di non aver mai lasciato il Cile, paese in cui sono nato.

Secondo il mio passaporto cileno,
Vivo in una strada di un quartiere d'affari a Rancagua.
Secondo altri documenti,
Vivo con un assistente sociale a Santiago.
Probabilmente siamo più di 400 bambini che vivono a quell'indirizzo:
Monsignor Muller 38.

Io “vivo” in Cile e vivo negli Stati Uniti.
Sono nelle liste elettorali in Cile,
e in Svezia ho un passaporto svedese e posso ritirare un passaporto cileno quando voglio.

La mia nascita non è mai stata registrata presso l'ospedale dove sono nato.
Non sono figlio di nessuno.
Invece di un certificato di nascita,
è stato scritto un protocollo in cui estranei hanno testimoniato che sono nato il giorno del mio compleanno.

In Cile, sono registrato come orfano
perché una donna svedese, Anna Maria Elmgren, mi ha sistemata e iscritta all'albo in Cile.
Ho un nome svedese nel registro cileno.
io sono Ingegerd Maria Olsson in Cile.

sono un orfano
ma ho una madre nei documenti del tribunale di Temuco.
Nei documenti del tribunale, ho una madre.
Una madre che mi tradisce.

Avevo 44 anni quando ho fatto il test del DNA,
poi ho capito che sono mapuche.
Vengo da un popolo indigeno.

Per essere un figlio di popoli indigeni,
questo dettaglio è qualcosa che qualcuno ha dimenticato di menzionare.
Un dettaglio non troppo importante.
O è?

Il diritto alla propria identità è un diritto di tutti?
Chi decide questo?

#adoptee #adopted #rubato #Ilegal #adoption #Cile #victim #traffico #Sverige #Adoptionscentrum #Sverige #adopterad #chileadoptionTpuTpurightchejustTP3T3Tno

Bellezza collaterale in adozione

C'è un dolore che non lascia mai il mio cuore
di non sapere chi sia la mia famiglia
essere rimosso dal mio paese, dalla mia cultura e dalla mia gente
ma posso riconoscere,

c'è stata una bellezza collaterale
in tutto quello che è successo.

Non compensa 
è semplicemente
i miei figli non sarebbero qui
se non fosse per tutte le mie perdite.

La vita è una cosa strana
i dolori sono così profondi
le lotte a volte così intense
i momenti di guadagno così preziosi.

Ho scelto di vivere consapevolmente
e accettare che tutto coesiste.

Ispirato dalla visione del film, Bellezza collaterale.

Di Lynelle Long

Rottura in adozione

Di Huang Feng Ying, cinese adottato all'estero cresciuto in America.

Sono nato 黄凤英 (Huang Feng Ying) il 29 maggio 1995 e mi sono trovato a Wuhan, in Cina. Fui "trovato" il 30 maggio 1995 in BaoFeng Street, distretto di Qiaokou, Wuhan. Qualsiasi altra parte della mia storia è sconosciuta, inclusa la mia data di nascita (che è una stima datami dal mio "cercatore" o dal governo). Sono stato adottato e portato in America nell'ottobre del 1995.

Il mio nome adottivo è Allyson, vengo da Wheaton, Illinois. Ho la mia laurea in Psicologia presso l'Università dell'Illinois e sto lavorando al mio Master of Arts in Clinical Mental Health Counseling presso il Wheaton College, il mio obiettivo è essere un terapeuta per coloro che hanno esperienze traumatiche interculturali, inclusi missionari, adottati, genitori adottivi, genitori naturali, operatori interculturali, operatori umanitari, studenti internazionali, ecc. 

Sono stato adottato in una bellissima famiglia multiculturale in America! Mia madre (Grace) è arrivata in America dalla Polonia quando aveva 9 anni, mentre mio padre (Gerald) è di etnia polacca ma è cresciuto a Chicago, nell'Illinois. Ho anche una sorella adottiva più giovane che i miei genitori sono andati ad adottare in un'altra parte della Cina. Il suo nome cinese è 岑 福 梅 (Cen Fumei) e il nome americano è Natalie. Sono profondamente grato per le opportunità e le esperienze che la mia famiglia adottiva mi ha dato: lezioni private di violino e pianoforte, campo estivo, viaggi a Disney World, istruzione universitaria e anche le piccole cose come non restare mai senza cibo. Ho anche avuto la fortuna di essere in una famiglia che ha profonde radici culturali in Polonia. Mia nonna, mia mamma e la mia famiglia parlano fluentemente polacco. Questa identità culturale mi ha dato un senso di appartenenza ma anche un senso di estraneo nella mia stessa terra. Domande persistenti sulla mia identità, da dove vengo, e un profondo dolore e perdita sono i dolori fondamentali di ogni adottato. Sebbene esistano queste domande persistenti, ho trovato conforto nella mia fede in Cristo. Mi ha dato una nuova identità come sua figlia ed è stato un consolatore durante il mio dolore e le fasi iniziali della mia attuale ricerca della famiglia di nascita. 

Il mio dipinto si chiama ,爸爸, e . 

In cinese significa Mamma, Baba e figlia.  Mostra la fragilità dell'adozione e come, come figlia, sono stata tagliata fuori dalla mia famiglia biologica, ma nel mio mondo ho avuto molte opportunità. Ho incluso i simboli della mia Alma Mater, la musica e altre cose. Riflette l'opportunità che ho guadagnato, ma anche le perdite che addoloro. Questo è ciò che spesso mi sembra l'adozione. Dall'esterno, guardando dentro, può sembrare che sia stato mandato al più glorioso campo estivo. Vivo in un mondo di cibo senza fine, istruzione, opportunità, risorse, ecc. Ma dall'interno guardando fuori, sono come un bambino al campo estivo a cui non è mai permesso di tornare a casa - sempre grato per ciò che ho ma sempre in lutto per ciò che Ho perso. La complessità di essere un adottato è provare emozioni contrastanti. Questo va bene. Le mie emozioni non sono perfettamente legate in un arco, sono complicate e disordinate. Sono pieni di gioia e dolore. Ho imparato ad appoggiarmi, sentire il dolore, permettere alla gioia di traboccare e stare bene con entrambi. 

Puoi contattarmi huangfengying.allyson@gmail.com in qualsiasi momento.

Foto di famiglia da sinistra a destra: Gerald (padre), Natalie (sorella minore 岑 福 梅), Allyson (io: 黄凤英), Grace (madre)

Perché non torno indietro: il punto di vista di un adottante internazionale

Da anonimo.

Cresciuto in un bianco quasi totale nel Midwest dell'America negli anni '60 e '70, come membro della prima grande ondata di adottati transrazziali internazionali, ho sperimentato una consistente emarginazione e ostracismo a causa della mia razza e, per dirla più schiettamente, a causa della razza che non ero: bianco. Mi chiedevano costantemente da dove venissi - no, DAVVERO, da dove venivo REEEEAAAAALLLY????? - Posso dire che la società intorno a me ha reso molto chiaro che ero un estraneo, uno straniero, uno sconosciuto, un alieno. Mi è stato spesso chiesto da dove venissi, e a volte chiesto quando stavo tornando a da dove venivo. E molto occasionalmente, sì, lo ero detto di tornare a da dove venivo. Tutto questo è stato profondamente doloroso e dolorante, ovviamente, ma ho in gran parte interiorizzato un'enorme quantità di razzismo e xenofobia in me stesso, e mi sono ritrovato con un gigantesco complesso sul mio aspetto fisico, che mi ci sono voluti più di quattro decenni per auto-guarirmi da—e ci sto ancora lavorando.

In effetti, un elemento enorme nella mia partecipazione a gruppi su Facebook sull'adozione transrazziale, così come la partecipazione di persona a conferenze sull'adozione transrazziale, è stato un profondo senso di missione non solo nel sostenere i miei compagni adulti transrazziali e adottati internazionali per navigare nella società , inclusi razzismo e xenofobia, ma anche in giro cercando di aiutare i genitori adottivi transrazziali bianchi a preparare i loro figli adottivi di colore a navigare nel mondo che ci circonda. Sento un'intensa identificazione con i più piccoli adottati, che in alcuni casi, anche ora nel 2019, stanno vivendo ciò che ho vissuto da piccolo a Milwaukee, nel Wisconsin, negli anni '60; e onestamente, con tutte le risorse disponibili per i genitori adottivi transrazziali bianchi ora, nella seconda decade del 21nssecolo, c'è qualche ragione per cui il più piccolo adottato transrazziale dovrebbe sperimentare ciò che io e altri adottati transrazziali nelle prime ondate sperimentato diversi decenni fa?

Nel frattempo, sono successe molte cose in America, e altrove, negli ultimi due decenni. Per prima cosa, un numero sufficiente di americani bianchi era disposto a dare una possibilità a un uomo di colore/di razza, che abbiamo eletto il nostro primo presidente di colore, nel novembre 2008. Ricordo ancora l'emozione della notte delle elezioni del 4 novembre 2008, quando l'allora senatore Barack Obama è apparso sul palco del Grant Park di Chicago (la città che sono orgoglioso di dire è la mia casa) con la sua bella e compiuta moglie Michelle Obama e i loro adorabili figli di allora, Malia e Sasha Obama, e sono stati accolti dal l'applauso più scrosciante che credo di aver mai sentito, da parte di centinaia di migliaia di persone radunate lì, applaudendo, urlando di gioia, piangendo, molti in sbalordita incredulità che il nostro paese potesse avere la mente e il cuore per rompere quella barriera. E io, come milioni di americani, speravo in quel momento che almeno alcune persone che non avevano votato per Barack Obama gli augurassero davvero ogni bene, e sarebbero state disposte a dargli la possibilità di guidare tutti noi, tutti gli americani, e di usare la sua posizione di presidente del nostro paese per aiutare anche a guidare nel mondo.

Allo stesso tempo, io e tanti americani di colore sapevamo che c'erano molti che odiavano il presidente eletto Obama semplicemente per la sua razza (anche se ne aveva due, un'altra complessità della sua identità), e che alcune di quelle persone avrebbero fatto di tutto potrebbero indebolirlo semplicemente per la sua razza, anche a prescindere da eventuali questioni ideologiche coinvolte. Noi persone di colore sapevamo che ci sarebbe stato un contraccolpo; ma le dimensioni e la resistenza di quel contraccolpo hanno scioccato anche molti di noi. E, sorprendentemente, 62,9 milioni di elettori americani, o il 46 per cento dell'elettorato, hanno votato per Donald Trump, un uomo con assolutamente zero esperienza politica o di politica pubblica, e la cui intera campagna era stata basata su razzismo e xenofobia; e a causa del nostro bizzarro (e, per i non americani, essenzialmente inspiegabile) sistema di collegio elettorale, Trump ha vinto la presidenza, anche se 65,8 milioni di elettori, del 48 per cento, avevano votato per l'ex Segretario di Stato, l'ex senatore e l'ex First Lady Hillary Clinton. In ogni caso, in base a come funziona il nostro strano sistema di Collegio Elettorale, Trump ha assunto la presidenza nel gennaio 2017 e fin dai primi momenti della sua presidenza ha inquadrato letteralmente il tutto in termini apocalittici, parlando di “carneficina americana” che solo lui poteva fermare , e intensificando la sua retorica razzista mese dopo mese.

E poi, questo mese, Trump ha intensificato la sua retorica piena di odio contro quattro rappresentanti statunitensi al primo mandato: Ilhan Omar del Minnesota, Rashida Tlaib del Michigan, Ayanna Pressley del Massachusetts e Alexandria Ocasio-Cortez di New York, lanciando insulti e accuse contro di loro, bollandoli come "antiamericani" e accumulando bugie su bugie, nel tentativo di consolidare la sua popolarità tra i suoi principali sostenitori, mentre la campagna presidenziale americana (che, surrealmente, dura due anni interi qui) è iniziata . E poi, il 14 luglio, Trump ha twittato che quelle quattro deputate dovrebbero "tornare nei... luoghi in cui sono venute", anche se tre delle quattro sono nate in America.

Quindi, dopo una massiccia condanna delle sue osservazioni, Trump ha dichiarato il 17 luglio durante un comizio elettorale in North Carolina, delle quattro deputate: “Non hanno mai niente di buono da dire. Ecco perché dico: "Ehi, se non ti piace, lasciali andare, lasciali andare". …Penso che in alcuni casi odino il nostro Paese”. Ha poi chiamato in modo specifico la rappresentante Omar, affermando ancora una volta falsamente di aver elogiato il gruppo terroristico al-Qaeda (un'accusa completamente smentita numerose volte in passato), e affermando che la deputata Omar "guarda con disprezzo" gli americani; e la folla ha reagito cantando: "Rimandala indietro, rimandala indietro". Trump non ha fatto nulla per fermare i cori e, dopo averne debolmente preso le distanze nei giorni successivi, ora sembra approvarli.

Per quelli di noi che sono immigrati di colore - e anche per molte persone di colore che non sono immigrati - siamo cresciuti ascoltando gli insulti "torna da dove vieni". Sono dannosi e devastanti. Padma Lakshmi, artista ambasciatrice ACLU per i diritti degli immigrati e delle donne, scrivendo in Il Washington Postil 19 luglio, ha parlato per molti di noi quando ha scritto che: “Quelle parole, quelle parole offensive, xenofobe e titolate che ho sentito durante tutta la mia infanzia, mi hanno pugnalata nel cuore. Facevano eco alla sensazione incrollabile che prova la maggior parte degli immigrati marroni. Indipendentemente da ciò che facciamo, indipendentemente da quanto assimiliamo e contribuiamo, non siamo mai veramente abbastanza americani perché i nostri nomi suonano divertenti, la nostra pelle non è bianca o le nostre nonne vivono in un altro paese".

E per quelli di noi che sono adottati transrazziali e internazionali, crescono in bianco e spesso circondati da razzisti e razzismo, il dolore può essere davvero molto profondo. Kurt Bardella, che come me è un adulto coreano adottato, il 17 luglio, ha scritto, in nbcnews.com, il sito web di notizie online della rete televisiva statunitense NBC News, sulla sua reazione alle provocazioni del "tornare indietro" di Trump, in un editoriale intitolato "'Torna indietro' è il modo in cui i razzisti cercano di negare la mia americanità. Ma non me ne vado mai». Tra le altre cose, Bardella ha scritto in modo eloquente che: “Come tante persone emarginate in America, quando diciamo la nostra opinione nella sfera politica, quando sfidiamo la normalità dello status quo bianco, siamo attaccati come tutt'altro che completamente americani. Te lo garantisco, ogni singola persona di colore che scrive una rubrica o appare sui telegiornali per dibattere sui temi nazionali del giorno (in particolare da un punto di vista critico nei confronti dell'attuale presidente) riceve una raffica di tweet, messaggi diretti di Facebook ed e-mail da bianco Gli americani dicono loro di "tornare a casa". Questi promemoria in cui gli altri percepiscono il colore della nostra pelle come un motivo per rifiutare la nostra americanità, è una realtà costante che fa parte delle nostre vite da quando possiamo ricordare.

Inoltre, Bardella ha scritto: “Naturalmente, l'armamento del razzismo esistente da parte di Donald Trump non è nuovo; è stato il suo strumento preferito da quando ha ampliato la sua presenza sulla scena politica mettendo in discussione la legittimità del primo presidente nero. Come presidente, ha elogiato i nazionalisti bianchi a Charlottesville, ha graziato uno sceriffo razzista in Arizona, ha etichettato Haiti e le nazioni africane "paesi di merda", ha attaccato i giocatori della NFL per aver protestato contro l'inno nazionale e ha presieduto un'amministrazione che ha rinchiuso e torturato bambini centroamericani e le loro famiglie al confine meridionale mentre li deridevano come potenziali membri di bande”. In sostanza, Trump ha riempito tutto il suo tempo nello Studio Ovale finora - due anni e mezzo - con attacchi razzisti, xenofobi e denigrazione, letteralmente quasi ogni settimana.

Quello che hanno scritto Bardella e Lakshmi lo dice in modo più articolato di quanto potessi io, come anch'io vedo le cose. Spaventosamente, sembra certo che Trump basirà l'intera campagna per la rielezione del 2020 su razzismo aperto, supremazia bianca e xenofobia, sperando di ottenere più voti bianchi rispetto al 2016, anche se tra i cambiamenti demografici che renderanno gli Stati Uniti un paese di "maggioranza-minoranza" entro il 2045, secondo il censimento degli Stati Uniti. E in realtà è di questo che si tratta. La paura e l'apprensione di alcuni bianchi negli Stati Uniti è ormai palpabile: nelle grandi città e nei piccoli centri di tutto il paese, la presenza di persone di colore, compresi immigrati di colore molto identificabili, è inconfondibile. E i sostenitori della base principale di Trump sono terrorizzati e infuriati.

Purtroppo, un gran numero di genitori adottivi transrazziali bianchi in America rifiutano di accettare che l'esplosione dell'aperta aggressione razziale delle persone di colore abbia qualcosa a che fare con i loro figli adottivi di colore. Nascosti in bolle di bianchezza (spesso di destra) e senza o pochi amici adulti di colore, molti genitori adottivi transrazziali bianchi negli Stati Uniti sono convinti che i loro figli saranno trattati come "speciali", e inoltre, che Trump e i suoi principali seguaci desiderano solo il meglio per i loro figli.

Ho avuto un coinvolgimento molto recente in quel numero proprio questa settimana, quando un thread in un gruppo incentrato sull'adozione transrazziale di cui non modero ma di cui ero membro, è esploso perché una mia amica, una mamma adottiva transrazziale che mi piace molto molto, ha pubblicato l'editoriale di Kurt Bardella nel gruppo. Facebook me lo ha notificato e ho ringraziato la mia amica per averlo postato, affermando che l'ho apprezzata così tanto che ha alzato le voci degli adottati transrazziali e internazionali in questo momento difficile. Ma una madre bianca razzista che sostiene pienamente Trump ci ha assicurato che Trump non potrebbe mai essere razzista, e che nulla di ciò che dice o fa potrebbe essere razzista, e le cose sono esplose da lì. Insieme a un gran numero di membri che la pensano allo stesso modo, io (uno degli unici due adottati transrazziali adulti che partecipano a quel thread di discussione) e gli altri che protestavano contro il razzismo e la supremazia bianca, siamo stati prontamente rimossi dal moderatore dal gruppo, mentre la madre adottiva razzista è stato trattenuto. Mi è stato anche detto che sono stato rimosso non solo per aver discusso di politica, ma anche per aver usato, una volta sola, la parola con la f in una frase in uno dei miei commenti nel thread di discussione.

In altre parole, usare un linguaggio volgare, anche una volta, e nel contesto della protesta, è molto più offensivo del razzismo e della supremazia bianca. Non solo, mantenendo il membro razzista / suprematista bianco del gruppo ed espellendo tutti noi che protestavamo contro il razzismo e la supremazia bianca, il moderatore di quel gruppo, che è ciò che molti di noi nel mondo dell'adozione transrazziale chiamano " Arcobaleno e unicorni", un gruppo incentrato solo sugli aspetti dolci e piacevoli dell'adozione transrazziale e che non consente alcuna discussione sulla razza o su qualsiasi altra cosa complessa o stimolante, ha dimostrato il nostro punto. Se l'educazione forzata intorno alle norme socioculturali della classe media-bianca-americana-donna è molto più importante che sfidare il razzismo, allora chiaramente, nessuna discussione autentica e significativa sul razzismo è possibile in un tale gruppo.

Ciò che Donald Trump sta facendo in questo momento - armare in modo assoluto i principi della supremazia bianca e fare affidamento sui profondi risentimenti razziali e socioculturali dei razzisti bianchi - non è solo profondamente moralmente ripugnante, ma spaventa gli americani di colore, sia immigrati che non immigrati. di colore. Ora veniamo indicati come obiettivi ovvi per l'aggressione razziale e forse anche per la violenza.

La linea di fondo è questa: l'America è giunta a un momento di profonda crisi e di emergenza morale. Non è più possibile restare in silenzio. Questo è ciò che accadde nella Germania nazista nel 1934-1937, quando i "buoni tedeschi" espressero un aperto sostegno ad Adolf Hitler e alle sue truppe d'assalto, o rimasero docilmente in silenzio. Sappiamo tutti cosa è successo dopo.

Quindi è qui che mi trovo: non si tratta più di politica; riguarda la sicurezza e il benessere di tutti noi americani di colore. E non tacerò. Ma mi impegnerò con coloro che vogliono capire e che sono disposti ad essere autentici alleati. E lavorerò. E spero.

E no, non "tornerò indietro".

Aspettative di gratitudine nell'adozione

Recentemente sono stato contattato da un amico adottato che sta cercando opinioni ed esperienze di adottati dove gratitudine è previsto e come ci sentiamo al riguardo. Ho risposto immediatamente perché la gratitudine nell'adozione è un argomento così inespresso, in particolare dal punto di vista dell'adottato. Per me è stato sicuramente un peso che ho sentito durante la crescita e che porto ancora oggi. È interessante notare che poco è stato scritto su questo argomento specifico dell'adozione internazionale perché le nostre adozioni sono così ricche di connotazioni di essere salvato dalla povertà, dalla guerra, dai bassifondi e dalle strade. Queste connotazioni arrivano anche con la stessa aspettativa che noi fiorire nei nostri paesi adottivi bianchi occidentali e nelle famiglie per le quali dovremmo essere grato per.

Si presume che, in qualche modo, magicamente, le nostre perdite nell'abbandono dovrebbero essere annullate dai guadagni nell'adozione.

Posso capire come la maggior parte delle persone che pensano alla parola adozione non lo equivarrebbe necessariamente a vivere un'esperienza di ci si aspetta di essere grati. Ma, dalla mia esperienza di vita, la parola "grato”, “grato”, “siate felici", o "fortunato” compare regolarmente nella conversazione sull'adozione. Le persone che non sono interessate dall'adozione si aspettano che siamo grati per il ricchezza materiale e istruzione guadagniamo nella vita essendo stati adottati. Come adottato, non solo ho sperimentato le supposizioni delle persone su come fortunato Sono ai loro occhi da adottare, ho anche sperimentato l'attesa di gratitudine detta ad alta voce dal mio genitore adottivo durante la mia infanzia. Mi è stato detto una o due volte, ma il modo in cui sono stato trattato per la maggior parte della mia infanzia fino a quando sono diventato indipendente e mi sono trasferito da uno stato all'altro, mi ha detto senza parole che era il fondamento della mia adozione.

Col senno di poi, sapendo ora che mio padre adottivo non si sentiva a suo agio nell'adottare un bambino non suo, proveniente da un paese straniero, è andato contro il suo istinto e ha chiaramente ceduto il passo al desiderio di sua moglie di salvare un bambino dalla guerra del Vietnam. Da cosa mi hanno salvato, non lo saprò mai a meno che non trovi la mia prima famiglia. Se sono stato davvero salvato, chi lo sa. Sono grato? Se ho risposto no, la gente naturalmente si ritraeva e mi guardava inorridita, sbalordita. Come oso essere ingrato per la mia vita in un paese ricco con agi materiali, un'istruzione e la vita a cui aspirano tutti i poveri.

Ma, naturalmente, sono grato in molti modi! Senza scegliere di essere grato, il mio benessere emotivo sarebbe fatto di insoddisfazione, depressione, disagio e desiderio di essere morto.

Io ci sono stato! Per molti anni! E ho dovuto combattere per trovare una via d'uscita.

Scelgo attivamente di essere consapevolmente grato, di concentrarmi e di trascorrere la mia vita trasformandola in qualcosa di positivo. Ed è molto più bello essere in una fase della vita in cui posso scegliere di essere grato in generale, invece di essere costretto a sentirmi in debito per essere salvato tramite adozione.

Sono una donna adottiva nata in Vietnam, volata da bambina in Australia all'inizio degli anni '70. Ho raccontato la mia storia personale migliaia di volte, ma nessuno si è mai chiesto com'era portare quell'aspettativa per essere grata della mia esistenza nella mia famiglia adottiva.

La mia adozione non è stata legalmente facilitata fino all'età di 17 anni ed è ancora un mistero se i miei documenti per l'adozione legale esistano da qualche parte in Vietnam. Non ero davvero arrivato a riconoscere o capire il vero significato di questo fino agli ultimi 6 mesi. È illuminante osservare come la mia storia di adozione e rinuncia sia cambiata nel tempo man mano che sono diventato più pienamente consapevole delle verità, percepite e reali. Devo costantemente ripensare a ciò che mi è stato detto crescendo e confrontandolo con le verità che trovo oggi e chi sono diventato.

Non avendo un'identità sulla carta da 17 anni, ovviamente sento l'aspettativa di essere grata al mio paese adottivo Australia nel darmi un certificato di nascita e quindi avermi permesso un'identità. Ma a quale costo? L'aspettativa di essere grati in questi giorni è oscurata dalle domande che ho sul perché non sembra essere stato messo in discussione se avessi un'identità in Vietnam o come preservarla o rispettarla legalmente.

Le parole "gratitudine" o "grato" sono come un campanello d'allarme che suona dentro di me. Mi dà sui nervi e dentro di me sento un sussulto. Per me arriva con tanti ricordi negativi. Anche cercare su Google un'immagine per questo blog e vedere le immagini, ha creato sensazioni di disagio e disagio nel mio corpo. Se riesci a relazionarti con me come adottato, dicendo, vedendo o leggendo la parola “gratitudine” in relazione all'adozione è un innesco con cui devo fare i conti tutto il tempo.

La mia infanzia adottiva l'ho trascorsa lavorando come un ragazzo schiavo nel caseificio di famiglia. Essere lanciato il "ysei in debito con questa famiglia perché ti abbiamo adottato” La linea perché stavo difendendo me stesso, è stato uno dei momenti più difficili che ricordo. È stata una di quelle rare volte in cui stavo cercando di difendermi per non voler essere costretto a farlo aiuto con la mungitura delle mucche. Gli altri bambini potevano dormire sonni tranquilli ogni mattina. Il mio senso di infanzia giustizia era forte. Perché sono stato costantemente scelto per essere costretto a lavorare in fattoria con mio padre adottivo che mi ha toccato in modo inappropriato mentre ero nella latteria o nella mia camera da letto? Non aveva alcun senso di rispetto per la mia privacy mentre il mio corpo si sviluppava nei primi anni dell'adolescenza. Ricordo che alcune volte mi ha svegliato con le sue mani fredde che mi scorrevano sul petto e sullo stomaco nudi, poi mi ha trascinato fuori dal letto per le gambe, la camicia da notte che mi si è alzata sopra la testa esponendo il mio corpo nudo, ridendo di come "divertente" doveva essere trascinato lungo l'erba coperta di brina in una fredda mattina vittoriana. Questo sarebbe accaduto solo alla luce del giorno prima ancora che il sole sorgesse. Nessun altro era sveglio. Il mio odio è aumentato ulteriormente quando una volta ho rimosso la chiave esterna dalla serratura della mia porta, ma mi è stato detto in modo autorevole come oso provare a chiuderlo fuori. Tutto della mia vita dipendeva da lui e non mi veniva dato alcun senso di privacy, rispetto o controllo.

Ho iniziato a risentirmi del mio padre adottivo durante la mia infanzia, ma ancora mi struggevo per mostrare un po' di amore. io non lo ero grato per questa esistenza e certamente ho odiato che la mia mancanza di parente di sangue status significava che sembrava dargli la licenza di lavorarmi come uno schiavo e toccarmi nel modo in cui nessun padre dovrebbe. Gli altri suoi figli bio sono stati lasciati a fare quello che volevano. Non erano costretti a lavorare come me su compiti fisici pesanti; tagliare carriole carichi di legno duro, mungere le mucche giorno e notte, cucinare e pulire in cucina, essere costretto a correre fuori al buio e chiudere i polli ogni notte (ero terrorizzata dal buio), ecc. Sembrava un lavoro da schiavi senza alcuna empatia per i miei sentimenti. Certamente non è stata un'infanzia piena di amore, sicurezza o comprensione. Né c'era spazio per alcuna compassione o supporto su ciò che avrei potuto provare dall'essere separato dalla mia famiglia biologica e dal chiedermi perché.

L'aspettativa, verbalizzata ad alta voce, di essere grata di essere stata adottata era un fardello pesante da portare.. e lo è ancora. Sono stato costretto a giustificare il motivo per cui avevo bisogno di balsamo per capelli e shampoo (avevo i capelli lunghi fino alla vita) e lui avrebbe fornito solo sapone perché era abbastanza buono per tutti gli altri che avevano i capelli corti o piccoli. Mi è stato fatto sentire che l'acquisto di uno spazzolino da denti era troppo e come osavo aver bisogno o chiedere qualcosa. Mi hanno fatto sentire e mi è stato detto molte volte che ero un "pignolo”, “difficile"bambino, sempre"dicendo bugie" e "rubare“.

A tutt'oggi il “dovresti essere grato perché ti abbiamo adottato“Il mantra è ciò che mi ha impedito di parlare apertamente dell'abuso emotivo e sessuale che ho subito dalla prima infanzia all'adolescenza. A nessun adottato dovrebbe mai essere gettata quella linea di sentimento che abbiamo un debito di gratitudine verso le nostre famiglie adottive. Anche quando non si verificano abusi. Che si parli o meno, noi adottati NON dobbiamo alle nostre famiglie. Adottano per le proprie ragioni di autosoddisfazione. Non avevo altra scelta che sopravvivere alla famiglia adottiva in cui mi trovavo.

Probabilmente puoi sentire la rabbia che provo ancora per l'ingiustizia di sentirmi in debito con la mia famiglia adottiva per essere stato salvato/salvato. Porta conseguenze per tutta la vita dell'essere fieramente indipendenti e non permettere facilmente a nessuno di farlo aiuto me. Sospetto che altri adottati possano relazionarsi. Per me, essere aiutato, ricevere qualcosa che non chiedo, di solito viene con la paura del prezzo non detto a cui viene fornito quell'aiuto. Quindi, preferirei farlo da solo. L'attesa della gratitudine per essere stati salvati dalla famiglia adottiva e dalla società in generale è un fardello pesante.

Questo fardello della gratitudine attesa nell'essere adottati è rafforzato dagli elementi religiosi intrecciati in gran parte della moderna difesa dell'adozione.

Le ferventi organizzazioni religiose e gli individui che volontariamente promuovono e facilitano l'adozione e il salvataggio dei bambini aggiungono un altro strato di attesa gratitudine su di noi. Le persone che credono che l'adozione sia un'azione ordinata da Dio, che stanno seguendo il suo comando di aiutare un orfano, rende difficile per gli adottati condividere le lotte per essere adottati e abbandonati.

Raramente sento parlare di adottati che si alzino volentieri in una chiesa o in un istituto religioso e condividano la loro esperienza di adozione con tutte le sue complessità. Per me, questo sarebbe il peggior pubblico di sempre! Non riesco a immaginare di ricevere conferme o empatia. Invece, sospetto che riceverei consigli non richiesti per essere grato e grato a Dio di trovarmi in una un posto migliore e che ora va tutto bene. Il noto detto di "Contare le tue benedizioni!” dalle persone religiose in risposta alle avversità è uno che trovo difficile da digerire.

Google per te la parola gratitudine e vedrai le tante immagini religiose e spirituali legate a questo concetto. Le nostre lotte come adottati non sono convalidate e non sono supportate a causa del cieco pregiudizio che in qualche modo l'adozione sia inteso ad essere, ordinato da Dio. Come si può mettere in dubbio il tacito presupposto che dovremmo essere grati per la nostra adozione, quando questa è la credenza religiosa e spirituale di lunga data?

Per fortuna, la mia famiglia adottiva e altri si sono scusati negli ultimi anni per le azioni sbagliate della mia infanzia e ho scelto di essere grato per questo e per andare avanti. È interessante come, scusandomi, ora mi senta più libero di essere aperto sulla mia vita. È come se mi fosse stato tolto un peso dalle spalle. Non porto più il peso della responsabilità per i segreti di famiglia e la vergogna, cercando di proteggerli dalle conseguenze. Per molti anni sono stato fedele a me stesso e non permetterò all'aspettativa di gratitudine di sopraffare le mie verità.

Ho concentrato le mie energie sulla ricostruzione dei rapporti con la famiglia adottiva in quanto sono i miei una sola famiglia Lo so, per allevarmi e darmi un'identità. Per questo io sono veramente grato, ma questo non vuol dire che il viaggio non sia stato una lotta ea molti costi.

La gratitudine nell'adozione non dovrebbe mai essere un'aspettativa. Dovrebbe essere una scelta che siamo liberi di fare riguardo alla vita in generale, dopo che siamo venuti a patti con, e siamo stati supportati, nel comprendere le nostre perdite e i guadagni derivanti dall'abbandono e dall'adozione.

Italiano
%%piè di pagina%%