Gabby Malpas sul razzismo

Il 3 aprile 2022, un gruppo di 19 adottati internazionali australiani ha partecipato a una consultazione dell'ICAV per la Commissione australiana per i diritti umani (AHRC) che hanno sviluppato un Carta concettuale per un Quadro nazionale contro il razzismo. We believe intercountry/transracial adoptees are under represented in race discussions in almost every adoptive country and wanted to make sure we had a say. Gabby’s input below is included in our full papers qui which we submitted to the AHRC.

di Gabby Malpas, born in New Zealand of Chinese origins and transracial adoptee, ICAV Representative, artist at Gabby Malpas.

Colourblind by Gabby Malpas; watercolour painting

I was born in 1966 in Auckland New Zealand. I am 100% Chinese and at the time of writing, I am 56 years old. I started coming out of the adoption fog at 48 years of age, after meeting my birth mother in 2004. It seems old but to clarify, at 48, I finally connected with other Asian adoptees and found validation, support and the language to express my feelings around my life experience.

I have a huge respect for parents. I am a step parent but have not done the heavy lifting that parents do. It’s hard being a parent. Throw adoption or fostering into the mix and that becomes very hard. Throw transracial adoption into that mix and the challenges become even more so. These are my thoughts around racism. All of our experiences are different.

I am very happy. I see the value of good relationships with friends, peers and family, and acknowledge that all of us have experienced trauma at some point in our lives. However, I have struggled with racism my entire life with my difference pointed out almost daily by classmates, co-workers and friends. Not too regularly, I have also been attacked and harassed on the street and was bullied badly throughout my school years.  Jokes and micro-aggressions seem harmless and it took me decades to understand why I was constantly angry: an innocent question about my name/my origins/my nationality seems innocuous, but day after day, often from complete strangers makes a person exhausted, wary and sad/angry. I often withdraw.

I have this to say – I could not tell you this at age 12, 18, 25, 30 or even 40. It took decades to begin to process, understand and articulate what I am feeling.

Dear adoptive parents

Here is what I would like you to know about my life experience as a transracial adoptee:

  • Please understand my life experience is, was and will always be different to that of my white peers, siblings and parents. Like it or not, quite often we transracial adoptees are treated very differently to our white siblings and peers. I noted a big change in people’s behaviour towards me when they saw one of my parents come into view. Racists are sneaky – they are not going to say stuff with you around. And it comes in many subtle forms: how many brown kids are watched like a hawk as soon as they enter a store? How many brown girls are told they talk too much or are too loud/naughty when their white classmates are termed ‘enthusiastic’ or ‘confident’ for the same behaviour?
  • I was raised colourblind. It was the 60s, 70s and 80s. We knew no better. I was 55 years old when the penny finally dropped about my own family’s response to my experience with racism. An older sister said, “But we just assumed you were one of us,” (therefore, it was impossible for you to experience racism). Another piece of the puzzle solved. However, my 7 year old me would not thank my family for the dismissal, harsh words or outright denial that anything had taken place. Things are different now. We have resources and so much information available.
  • If you are triggered by the terms: white privilege, white fragility and wilful ignorance then think long and hard before adopting a child of different race to you. We are looking to you to teach us, to have our backs and stand up for us. And this includes your circle of friends, your own family and peers. I was raised in the age where children were seen and not heard. I accepted outright racist comments/acts from neighbours, friends, extended family, and later, colleagues because I felt that it was my lot or I was undeserving of better. But think about what that does to someone over a lifetime! Is it any wonder that we adoptees are 4 times more likely to have substance abuse or suicide? Let’s try to change that.
Ching Chong by Gabby Malpas, watercolour painting
  • Believe us. I was 5 or 6 years old when I reported my first racist incident to my parents (and this was because I was scared. I didn’t report the ‘ching chong’ chants, the pulling back of eyes and harsher treatment by certain nuns because I was brown and clearly born of sin – those were a daily occurrence). Two much larger and older boys cornered me and pulled down my pants to see if ‘my bum was the same as the other girls’. Horrific and it still haunts me to this day. In response to sharing what happened, I was punished and told not to lie. So I stopped. It was clearly not safe for me to speak up and I didn’t want to be punished for it (to be fair I think it was the mention of private parts that had them more outraged). I left NZ for good in 1988. I put distance between myself and my family because of the above and some bonds were sadly broken for a while. Do you want this for your own family? If your children do not trust you to have their back they may be reticent to report more serious stuff like abuse, bullying and even date rape/domestic violence.
  • Just because we don’t tell you doesn’t mean it doesn’t happen. I finally found the courage to speak up in the last two years. I cut friends, extended family members and suppliers for my own mental health and sanity but also I finally understood that I didn’t have to engage with such people.
  • Words hurt. And the hurt lasts a lifetime. So those jokes you make about other races — their food, shopping habits, hoarding, driving skills … all those lazy stereotypes that the Australian media like to peddle – well, your kids are listening.  When we see racist incidents reported be dismissed or downplayed by the media (especially if it is a footy star/ celebrity accused), how do you think that makes us feel?  We don’t need to hear:
    ‘They weren’t racist to me – are you sure it happened?’
    ‘What did you do to make them act in this way?’
    ‘Rise above it!’
    ‘Ignore it!”
    ‘Can’t you take a joke?’
    ‘I’m sure Xxxx didn’t mean to be offensive…’
    This ain’t it. Do better.
  • Quite often we are rejected by our own race – we are seen as ‘too white’, too culturally ignorant, and our names are white. This can be very confronting.
    We grow up, study, work and socialise generally in white spaces. We adapt to our environments to fit in but can be treated very harshly by our own race because of this.  A heritage camp and trip once a year can’t help with this and if we are living in a white country – it is understandable that we just want to fit in/fade into the background like everyone else. But we can’t. Don’t shame us for trying to survive in our own environments.
  • Racism is hard to process when the perpetrator looks like a member of your own family. An Asian child who grows up with their own cultural background watches how their parents react and behave when they are faced with racist incidents. They see how their parents behave and speak to the offender. Nothing may be said but there is a shared experience within the family and younger members can learn from their elders – and even grow up to challenge passive responses.

Check out Gabby’s amazing Art Mentoring that she does as a volunteer with younger Chinese adoptees.

Gabbie Beckley sul razzismo

Il 3 aprile 2022, un gruppo di 19 adottati internazionali australiani ha partecipato a una consultazione dell'ICAV per la Commissione australiana per i diritti umani (AHRC) che hanno sviluppato un Carta concettuale per un Quadro nazionale contro il razzismo. Riteniamo che gli adottati internazionali/transrazziali siano sottorappresentati nelle discussioni razziali in quasi tutti i paesi adottivi e volevamo assicurarci di avere voce in capitolo. I prossimi blog saranno una selezione degli input degli adottati che hanno partecipato per dare una visione più sfumata della nostra esperienza vissuta di razzismo e dei nostri pensieri su ciò che deve essere fatto per sostenerci meglio.

di Gabbie Beckley, adottato dallo Sri Lanka in Australia, assistente sociale clinico.

Parlare contro il razzismo è responsabilità di tutti

Ho sperimentato molte e varie forme di razzismo nei miei 40 anni di vita, cammino e respiro in questo mondo. Mi ha colpito in così tanti modi, come faccio a scriverli tutti? Sono cresciuta navigando in questo mondo imbiancato come una donna orgogliosa di colore, tuttavia essere orgogliosa di chi sono e di ciò che sono diventata nella mia vita non si escludono a vicenda. Ci sono voluti molto duro lavoro, ricerca dell'anima e riflessione consapevole molte volte per diventare la persona più evoluta che sono fino ad oggi, e sono un costante lavoro in corso.

Ho molte storie familiari di razzismo, che ora possono essere viste per quello che erano, nel tempo, nel luogo e nel contesto generazionale dall'oratore, non un riflesso della mia famiglia nel suo insieme.

Uno dei primi ricordi che ho è che mi è stato detto che un membro della mia famiglia ha detto: "Nessun bambino nero porterà il mio nome!" Ma una volta che sono stato messo tra le braccia del mio familiare, tutte le cazzate razziste sono svanite e sono stato trattato come tutti gli altri. Crescendo, a mia volta ho avuto un grande amore e rispetto per questa persona, ho perdonato la loro ignoranza e mi sono concentrato sul nostro amore condiviso per il cricket e il footy!

Ho avuto esperienze durante gli anni della scuola primaria che posso ancora ricordare come se fosse ieri. Essere preso a calci negli stinchi per essermi opposto a me stesso, per essere entrato in alterchi fisici con bulli razzisti. Perché gli insegnanti mi dicono: "Mi vergogno di venire dal tuo stesso paese".

Sono stato chiamato con la parola N più volte di quante ne possa contare. Ho sperimentato razzismo palese, nascosto, intenzionale e non intenzionale per tutta la mia vita. Sono stato profilato razzialmente dalla polizia, sono stato seguito nei centri commerciali dalle guardie di sicurezza.

Ho lavorato in luoghi di lavoro in cui le persone mi hanno detto "da dove vieni" e che dire dei tuoi "veri genitori". Ho avuto persone che mi hanno detto: "Il tuo inglese è così buono per qualcuno che non è nato qui". Ho avuto un capo che non mi parlava per mesi a causa di qualcosa che percepiva che avevo fatto di sbagliato. Ma non era il caso, era solo uno stronzo razzista ed ero così felice di lasciare quel posto di lavoro ed entrare nel posto di lavoro dei miei sogni!

 Non mi sono state date opportunità per promuovere la mia carriera a causa degli atteggiamenti, dei risentimenti e della meschina gelosia delle persone, che in realtà si riducono al fatto che non vogliamo lavorare per una persona di colore.

Sono stato sottovalutato, licenziato, sottovalutato e non ho visto per tutta la mia vita, motivo per cui probabilmente sono attratto dal lavoro sociale e dalla lotta per i perdenti e dal tentativo di smantellare le disuguaglianze strutturali che rimangono così radicate nella nostra società.

Sono un combattente, sono un guerriero della giustizia sociale, credo fermamente nel potere di fare la differenza e un impatto positivo sulle azioni delle persone, credo nella gentilezza e nel dare alle persone un fair-go.

In che modo questo ha avuto un impatto su di me? Ebbene, mi considero una persona che pensa e riflette profondamente sulle mie azioni e decisioni. Ho avuto la conversazione "cosa fare se vieni fermato dalla polizia" con i miei figli, sulla scia degli omicidi ben pubblicati di George Floyd, Tamar Rice, Brianna Taylor, e per non dimenticare la tragica storia delle nostre prime nazioni le persone con il più alto tasso di carcerazione per i giovani e tutte le morti nere in custodia di cui nessuno è o è stato responsabile. Sono triste, sono arrabbiato, sono costernato dal fatto che questo sia lo stato attuale delle cose in cui io e i miei figli viviamo. Eppure ho speranza, speranza che possiamo costruire una comunità che porti al cambiamento, che lavori con simili... persone di mentalità che condividono la mia passione e guidano per un cambiamento positivo.

Le mie esperienze di razzismo hanno plasmato la persona che sono, il genitore che sono e l'assistente sociale che sono. Ha un impatto sui miei pensieri, azioni e azioni. Sono consapevole di come le persone mi vedono, rispettoso di fronte ai maiali razzisti e mi rifiuto di essere attratto al loro livello. Penso che abbia avuto un impatto sulla mia salute mentale quando ero più giovane, ha causato molti dubbi su me stesso e la ricerca del mio posto in questo mondo.

Penso che una delle mie grazie salvifiche sia stata la riconnessione con la mia famiglia e cultura d'origine. Conoscerli è conoscere me stesso! Ho passato gli ultimi 22 anni a conoscere, crescere e amare la mia famiglia e sono grato ogni giorno di trovarmi in una posizione unica in cui faccio parte di due mondi e posso sedermi comodamente in entrambi. 

Cosa suggerirei di fare per affrontare meglio il razzismo sperimentato dagli adottati internazionali/transrazziali?

Credo che l'adozione non debba essere la prima risorsa. Credo che tenere unita la famiglia nei loro paesi di nascita con il supporto tramite sponsorizzazione/istruzione/attività generatrici di reddito sarebbe vantaggioso per gli adottati in generale, ma in particolare in termini di salute mentale e connessione con le loro radici e culture. Se le adozioni devono avvenire, mantenere un rapporto con la famiglia è un imperativo! Ciò include genitori naturali, zie, zii, cugini, nonni e fratelli.

Ci deve essere una maggiore enfasi sui pensieri e sui sentimenti dell'adottante in relazione all'adozione di un bambino di colore. Immergiti nella loro storia e nelle loro esperienze, invitali a seguire corsi annuali sull'impatto del razzismo e su come essere un alleato/difensore dell'antirazzismo. Chiedi loro di guardare i loro circoli di amicizia, è diverso? Rappresenta un'ampia gamma di persone culturalmente appropriate, socioeconomiche e di genere diverso?

Penso che dovremmo provare collettivamente a condividere le nostre storie ed esperienze, nella speranza che da una grande conoscenza derivano grandi responsabilità – e questo è affare di tutti!

Per ulteriori informazioni su Gabbie, leggi il suo articolo condiviso anni fa e incluso nel nostro Ricerca pagina: Diritti umani e giustizia sociale nell'adozione internazionale

In memoria di Seid Visin

Di Mark Hagland, Adottato internazionale sudcoreano cresciuto negli USA, co-fondatore di Prospettive di adozione transrazziale (un gruppo di genitori adottivi per imparare dall'esperienza vissuta), e autore di Viaggio straordinario: il percorso permanente dell'adottato transrazziale

Cosa stiamo imparando

Nei giorni scorsi, da quando, il 4 giugno, è trapelata la notizia che il ventenne Seid Visin si era suicidato, la stampa italiana ed europea hanno pubblicato articoli e trasmettere segmenti sulla sua morte, con una buona dose di incredulità e confusione. Ci sono una serie di ragioni per la confusione, alcune delle quali giornalistiche - domande sulla dichiarazione che aveva apparentemente fatto un paio di anni fa al suo terapeuta, rispetto a ciò che potrebbe essere successo nella sua vita più di recente - ma soprattutto, a causa delle dichiarazioni rilasciate dai suoi genitori Walter e Maddalena.

Walter e Maddalena adottarono Seid all'età di sette anni; è cresciuto nella loro casa a Nocera Inferiore, un sobborgo di Napoli. Posso capire che sono profondamente confusi da quello che è successo; ma mi è anche chiaro che, nonostante le loro buone intenzioni, non hanno alcuna comprensione della sua angoscia per il razzismo che ha continuato a sperimentare. Ho appena visto un'intervista con un programma televisivo italiano chiamato "Approfondimento Focus", in cui continuavano a ripetere quanto fosse felice, come i suoi recenti problemi psicologici fossero collegati al blocco COVID, che incolpavano della sua recente depressione e come non aveva alcun interesse per il suo background etiope. Hanno anche ripetutamente negato che il razzismo avesse qualcosa a che fare con il disagio emotivo del figlio.

Quest'ultima serie di dichiarazioni da parte dei genitori di Seid mi ha davvero colpito in molti modi diversi, soprattutto visti gli stralci del testo di quella lettera al suo terapeuta di (apparentemente) un paio di anni fa, che sono stati rilasciati. Per questo, il Corriere della Sera ha ottenuto una lettera che Seid Visin ha scritto al suo terapeuta due anni fa, e Rolling Stone Italia l'ha pubblicata. In esso, Seid ha scritto che: "Ovunque io vada, ovunque io sia, sento il peso degli sguardi scettici, prevenuti, disgustati e spaventati delle persone sulle mie spalle come un macigno". Scriveva che si vergognava “di essere nero, come se avessi paura di essere scambiato per un immigrato, come se dovessi dimostrare a chi non mi conosceva, che ero come loro, che ero italiano, bianco." Questa sensazione lo portava a fare “scherzi di cattivo gusto su neri e immigrati (…) come a sottolineare che non ero uno di loro. Ma era paura. La paura dell'odio che ho visto negli occhi della gente verso gli immigrati”.

Come ha scritto un giornalista sportivo su Le Parisien, “La sua morte ha suscitato grande emozione in Italia. Nel 2019 il giovane ha fatto notare il razzismo di cui era vittima, scrivendo un post sui social in cui esprimeva il suo disagio. "Alcuni mesi fa sono riuscito a trovare un lavoro, che ho dovuto lasciare perché troppe persone, per lo più anziane, si sono rifiutate di essere servite da me", ha detto. Mi hanno anche accusato del fatto che molti giovani italiani non riuscivano a trovare lavoro. I genitori adottivi della vittima, però, hanno voluto fornire dettagli. 'Il gesto di Seid non deriva da episodi di razzismo', hanno detto alla stampa italiana”.

Ecco il testo della lettera; la sua data esatta non è certa, e c'è confusione su quando sia stato scritto - o molto recentemente, o circa due anni fa - ma in ogni caso, eccolo qui:

“Non sono un immigrato, ma sono stato adottato da bambino. Ricordo che tutti mi amavano. Ovunque andassi, tutti si rivolgevano a me con gioia, rispetto e curiosità. Ora, quell'atmosfera di pace idilliaca sembra molto lontana. Sembra misticamente. tutto era invertito. Adesso, ovunque io vada, sento sulle spalle il peso di sguardi scettici, disgustati e spaventati. Ero riuscita a trovare un lavoro che dovevo lasciare perché troppe persone, soprattutto anziani, si rifiutavano di essere accuditi da me. E come se non mi bastasse, mi accusavano di essere responsabile di molti giovani italiani (bianchi) che non trovavano lavoro. Dopo questa esperienza, qualcosa è cambiato dentro di me. Come se mi vergognassi di essere nero, come se avessi paura che qualcuno mi scambiasse per un immigrato. Come se dovesse dimostrare a persone che non sapeva di essere come loro, di essere italiano.

Ho persino fatto battute sgradevoli su neri e immigrati, come per sottolineare che non ero uno di loro. L'unica cosa che spiegava il mio comportamento era la paura. La paura dell'odio che vedeva negli occhi della gente verso gli immigrati. La paura del disprezzo che ho provato sulla bocca delle persone, anche dei miei parenti, che malinconicamente invocavano Mussolini e il 'capitano Salvini'. Non voglio implorare compassione o pietà. Voglio solo ricordare a me stessa il disagio e la sofferenza che sto vivendo. Sono una goccia d'acqua accanto all'oceano di sofferenza che sta vivendo chi preferisce morire per continuare a vivere nella miseria e nell'inferno. Quelle persone che rischiano la vita, e quelle che l'hanno già persa, solo per curiosare in giro, per assaporare quella che chiamiamo semplicemente 'vita'”.

Un paio di note molto importanti qui. In primo luogo, è abbastanza significativo che Seid faccia esplicito riferimento non a Mussolini, ma anche a Matteo Salvini, ex vicepresidente del Consiglio e ancora attuale senatore al Parlamento italiano, che è segretario della Lega Nord, che è un diritto -ala razzista, partito politico xenofobo, i cui sostenitori sono praticamente l'equivalente dei sostenitori di Donald Trump negli Stati Uniti. Negli ultimi quindici anni in Italia c'è stata una massiccia ondata di espressioni di razzismo e xenofobia in Italia, e la xenofobia razzista è esplosa negli ultimi anni, in particolare perché molte migliaia di neri africani sono entrati in Italia come rifugiati di guerra , conflitti e povertà in Africa. In secondo luogo, nella lettera di cui sopra, ha chiarito in modo estremamente chiaro che era profondamente angosciato dal razzismo che stava vivendo.

È interessante notare che sua madre Maddalena, in quell'intervista trasmessa sul programma "Approfondimento Focus", continuava a sottolineare che Seid era stato recentemente depresso a causa dell'isolamento imposto a lui e ad altri durante il lockdown di questa primavera. Ovviamente, raramente c'è una sola causa di suicidio. Seid avrebbe potuto certamente essere depresso durante il blocco nazionale in Italia questa primavera. Ma ciò non nega assolutamente la sua estrema angoscia per la sua esperienza vissuta di razzismo.

Riflettendo su tutto questo, vedo una situazione tragicamente classica per un giovane adulto transrazziale, adottato all'estero, un giovane che era razzialmente e socialmente isolato, che stava vivendo un continuo razzismo e i cui genitori, da quello che possiamo dire, negavano il razzismo che stava vivendo e il disagio che stava vivendo a causa di esso.

Un'altra tragica perdita dell'ennesima vita di adottati transrazziali internazionali.

Condivido un post di La Repubblica, con un link a un selfie-video (che da allora è stato rimosso, quindi posto questo uno invece) in cui Seid si diverte a ballare.

Possa il ricordo di Seid e della sua vita essere una benedizione.

Risorse correlate

Pagina commemorativa dell'ICAV

Leggi il contributo di Mark Hagland all'altro post di ICAV: Possiamo ignorare o negare che esiste il razzismo per gli adottanti del colore?

Dobbiamo parlare del suicidio degli adottati, ora

Conseguenze di Atlanta

di Kayla Zheng, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Sto ancora elaborando l'omicidio di 6 donne asiatiche nel Sparatoria alle terme di Atlanta. Ho pubblicato e condiviso attraverso i miei account sui social media la mia rabbia, la mia sfiducia, l'audacia delle forze dell'ordine e della società per proteggere la fragilità del terrorista bianco e la sfacciata negazione del razzismo. Sento la tensione come una fessura nella mia armatura di compostezza forzata. Ma non sto solo elaborando tutto questo come una donna asiatica. Sono anche costretta a elaborare questa minaccia come una donna asiatica adottata, che è stata cresciuta in un mondo e da persone che assomigliano a quel terrorista. Peggio ancora, sono stato cresciuto da persone che hanno ideologie simili a quelle di quel terrorista. Dove comincio a soffrire, dove comincio a elaborare, come inizio a farti sapere come mi sento quando ho trascorso la maggior parte della mia vita vivendo sotto lo stesso tetto di candore che afferma di amarmi ma danneggia le persone che mi assomiglia?

Se dovessi chiedere ai miei genitori adottivi evangelici bianchi i loro sentimenti per la sparatoria di massa ad Atlanta, si chiederebbero se fosse basata sulla razza. Dopotutto, non tutte le vittime erano asiatiche. Se dovessi chiedere loro se alcuni leader politici in posizioni di potere sono responsabili di alimentare sentimenti anti-asiatici, mi troverei di fronte a "fake news". Ma se dovessi chiedere loro se amano la loro figlia asiatica, verrei accolto con "sì, tuttavia, non ti vedo come asiatica, sei solo nostra figlia". Come posso elaborare un dolore e una paura così reali e appetibili, quando vengono ignorati e negati da coloro che dovrebbero essere i miei protettori per sempre? Come lo traduco in parole e lo avvolgo, in modo che sia presentabile e comprensibile per gli altri vedere le contraddizioni? In questo sta il problema, il problema con il razzismo, il suo potere sistemico e istituzionale che è sottile ma sembra proiettili, schegge e morte.

Questo è tutto per dire che per quanto i miei genitori evangelici adottivi bianchi affermano di amarmi, non possono amarmi. Perché non possono riconoscere il terrorismo che mi hanno inflitto per tutta la vita. Non possono amarmi completamente perché la loro "cecità ai colori" ha impedito loro di vedere l'intero spettro della mia identità e di come passo la vita. Non possono davvero amarmi completamente perché si rifiutano di riconoscere il loro pregiudizio razziale nei miei confronti e come mi hanno cresciuto in quell'ambiente. Non possono amarmi completamente perché non possono affrontare la loro bianchezza, il loro stesso razzismo e il modo in cui contribuiscono a una cultura della supremazia bianca.

Alcuni membri della famiglia adottiva allargata mi hanno contattato, rassicurandomi che si preoccupano, facendomi sapere che sono preoccupati per la mia sicurezza. D'altra parte, non ho sentito un sussurro dalla mia famiglia adottiva immediata. Nessuno di loro. Il loro silenzio la dice lunga. Sto ancora elaborando cosa significa essere asiatico in America. Penso ancora alla volta in cui mi è stato detto di tornare da dove vengo, come se non fosse stato il candore a ricondurmi con la forza in un paese che mi disprezza. A un Paese che mi vede come un virus, un feticcio, una spia comunista, una minaccia e una fantasia da colonizzare dall'Est. Sto ancora assorbendo e cercando di capire cosa significhi per me la violenza verso le persone che mi somigliano. Faccio fatica con tutto questo, ma lotto con questo oltre ad essere una donna asiatica adottata. Faccio fatica a capire cosa significhi quando le persone con cui sono cresciuto si rifiutano di vedermi come una donna asiatica. E quel rifiuto potrebbe costarmi la vita.

Leggi l'articolo più letto di Kayla: Decolonizzare Mosè

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%