Esperienza vissuta di razzismo nell'adozione internazionale transrazziale

Una settimana fa, uno straordinario gruppo di 6 adottati transrazziali internazionali ha condiviso con me le loro esperienze di razzismo, cresciuti in un paese in cui la maggioranza razziale non riflette il colore della loro pelle e l'aspetto esteriore.

Il webinar si concentra sulle esperienze australiane perché abbiamo fornito questo forum durante l'orario lavorativo per i professionisti dell'adozione e dell'affido australiani. Secondo la mia esperienza, il collegamento con migliaia di adottati internazionali in tutto il mondo attraverso l'ICAV, il razzismo e il modo in cui lo soffriamo e lo viviamo, è un fenomeno condiviso a livello globale, indipendentemente dal paese di adozione.

Ascolta le esperienze condivise qui alla registrazione del nostro webinar panel:

Timecode per chi vuole arrivare alle parti rilevanti:

00:00:00 – 00:03:13 Introduzione e perché discutiamo di razzismo
00:03:27 – 00:04:30 Benvenuti nel paese
00:04:35 – 00:08:20 Introduzione del panel di adozione
00:08:20 – 00:41:14 Che aspetto ha il razzismo e i suoi impatti
00:41:15 – 01:09:47 Suggerimenti su come possiamo essere supportati meglio
01:09:56 – 01:23:14 Domande e risposte con il pubblico
01:23:15 – 01:26:02 Grazie e riepilogo dei punti chiave

risorse

Il nostro ultimo documento prospettico ICAV su Razzismo
Il nostro consigliato Risorse per la gara
ICAV Risorsa video include discussioni su razza e razzismo
Supporti post-adozione

America: hai reso difficile essere orgoglioso di essere asiatico-americano

by Mary Choi Robinson, adopted from South Korea to the USA

As I sit down to my laptop it is May 2, the second day of Asian American and Pacific Islander (AAPI) Heritage Awareness Month and I reflect on Alice Wu’s The Half of It I watched last night to commemorate the first day of AAPI month. Watching the movie with my daughter, I thought how I wished it or something like it had been available when I was a teenager or even in my early twenties. To see an entire film focused on the life of a young Asian woman on the cusp of self-discovery and adulthood would have made me feel seen and a part of the fabric of American identity. So while this month is meant to showcase AAPI heritage I am not in fact proud to be Asian-American…yet.

I am sure my previous statement will elicit reactions from disbelief, to shock, to anger, and everything in between from varying groups of identities. So let me explain why I am not proud yet, how America made it nearly impossible for me to be proud, and how I’m gaining pride in my Asianness. As a Korean adoptee, raised by white parents in predominately-white areas, I have always navigated two racial worlds that often oppose each other and forever contradict my identity. The whiteness of my parents did not insulate or protect me from racism and in fact would even appear at home. When I first arrived to the US, my sister, my parent’s biological child, took me in as her show and tell for school with our parents’ blessing. Her all white classmates and teacher were fascinated with me and some even touched my “beautiful silky shiny jet black” hair, something that would continue into my early thirties until I realized I did non have to allow people to touch my hair. Although I start with this story, this is not a piece about being a transracial, transnational adoptee—that is for another day, maybe in November for National Adoption Awareness Month—but to illustrate how my Asian identity exists in America.

As I grew up, I rarely saw other Asians let alone interacted with them. Instead, I lived in a white world full of Barbie, blonde hair and blue eyes in movies, television shows, magazines, and classrooms. The rare times I did see Asians in person were once a year at the Chinese restaurant to celebrate my adoption day or exaggerated or exocticized caricatures in movies and tv shows. Think Mickey Rooney in Breakfast at Tiffany’s, Long Duck Dong in Sixteen Candles, or Ling Ling the “exotic gem of the East” in Bewitched. Imagine instead an America where Wu’s film or To All the Boys I’ve Loved Before o Crazy Rich Asian o Fresh Off the Boat o Kim’s Convenience would have opened up for generations of Asian Americans. Rarely would I spot another Asian in the school halls. However, I could never form friendships with them, heavens no, they were real full Asians and society had taught me they were weird, ate strange smelly things, talked funny, and my inner adolescent warned me association with “them” would only make me more of an outsider, more Asian. In classrooms from K-12 and even in college, all eyes, often including the teacher, turned to me when anything about an Asian subject, regardless of whether it was about China, Vietnam, Korea, etc., as the expert to either verify or deny the material. I always dreaded when the material even had the mention of an Asian country or food or whatever and would immediately turn red-faced and hot while I rubbed my sweaty palms on my pant legs until the teacher moved on, hoping the entire time I would not be called on as an expert like so many times before.

My white family and white friends would lull me into a false sense of belonging and whiteness by association. That false sense of security would shatter when they so easily and spontaneously weaponized my Asianness against me with racial slurs during arguments. Of course, I was used to racist verbal attacks from complete strangers, I had grown up on a diet of it, but it especially pained me from friends and family. The intimacy of those relationships turned the racism into acts of betrayal. That was the blatant racism; the subtle subversive racism caused just as much damage to my sense of pride. As a young professional in my early twenties, a white colleague told me how beautiful I was “for an Asian girl.” A Latina student in one of my courses loudly and clearly stated, “The first day of class, I was so worried I wouldn’t be able to understand you and I’m so glad your English is so good!” And of course I regularly receive the always popular, “Where are you from? No, where are you really from?” Because Asian Americans, whether born here or not, are always seen as foreigners.

AAPI Awareness Month did not even become official until 1992. But anti-Asian sentiment in the US has a long history and was sealed in 1882 with the first national stance on anti-immigration that would be the catalyst for future immigration policies, better known as the Chinese Exclusion Act, coincidentally signed into law also in the month of May. In February 1942, the US rounded up and interned Japanese-Americans and Asian-Americans of non-Japanese decent after the bombing of Pearl Harbor. Now in 2020 amidst the global lockdown of Covid-19, anti-Asian attacks, both verbal and physical, have increased to startling numbers. As recently as April 28, NBC News reported Over 30 percent of Americans have witnessed COVID-19 bias against Asians. Think about that—this is Americans reporting this not Asian Americans. The attacks have been worldwide but this report shows what Asian Americans are dealing with alongside the stress of the pandemic situation in the US. Keep in mind the attacks on Asian Americans are not just from white folks, indeed we’re fair game for everyone as evidenced by Jose Gomez’s attempt to murder an Asian American family including a two-year old child in Midland, Texas in March. Let that sink in—a two-year old child simply because they are Asian! Asians are being spat on, sprayed, e worse by every racial group.

To help combat this current wave of American anti-Asian sentiment, highly visible leader and former presidential candidate, Andrew Yang advised Asian Americans in a Washington Post op-ed to:

“…embrace and show our American-ness in ways we never have before. We need to step up, help our neighbors, donate gear, vote, wear red white and blue, volunteer, fund aid organizations, and do everything in our power to accelerate the end of this crisis. We should show without a shadow of a doubt that we are Americans who will do our part for our country in this time of need.”

My reaction to Mr. Yang’s response bordered on anger at the implication for Asian Americans to continue the perpetuation of the model minority myth. The danger of which, besides reinforcing divides between racial and minority groups, extols the virtue of suffer in silence. Do not make waves, keep your head down, be a “good” American. Sorry Mr. Yang, I am finally gaining pride in my Asianess and I cannot and will not stay silent any longer.

It has taken me my whole life to gain nuggets of pride in my Asian identity. Now I appreciate the color of my tan skin and dark almond-shaped eyes and no longer compare my physical beauty to white women and the standards society has forced on us all. For the first time I actually see myself, and all Asian women and men, as beautiful because of and not in spite of being Asian. I no longer avoid other Asians and cherish friendships with those who look like me. I love to explore the diversity of Asian cuisines, cultures, and traditions and continue to learn about them since, remember, “Asian” is diverse and not a monolith of just one culture. Now I speak up without fear of rejection or lack of acceptance when I witness anti-Asian or any racist behavior and use those moments as teaching opportunities whenever I can. I no longer resent not being able to pass as white. I am becoming proud to be Asian.

Read Mary’s earlier blog My Adoption Day Is An Anniversary of Loss

Essere veramente visto come un adottato filippino

di Arlynn Hope Dunn, adottato dalle Filippine negli USA; presentato al 16a consultazione globale filippina sui servizi di assistenza all'infanzia il 24 settembre 2021.

Mabuhay e buongiorno! Mi chiamo Hope e mi unisco a te da Knoxville, Tennessee, nel sud-est degli Stati Uniti. Ringrazio ICAB per avermi invitato a far parte della Consultazione Globale sull'adozione internazionale. Sono grato di accedere alle risorse post-adozione dell'ICAB, che sono state significative nel mio processo di riconnessione con la mia famiglia d'origine. Sottolineo che la mia storia e la mia riflessione oggi sono mie e non parlo per le esperienze vissute di altri adottati. Spero che tutti coloro che ascoltano le nostre testimonianze oggi siano aperti a varie prospettive sull'adozione poiché ci influenzano nel corso della nostra vita.

I miei inizi

Sono nata a Manila nel dicembre 1983 e nel luglio 1984 sono volata dalle Filippine con la mia assistente sociale, per incontrare i miei genitori adottivi e la sorella di sei anni che è stata adottata dalla Corea. Avevamo una vita suburbana idilliaca e tranquilla, mia madre era una casalinga e mio padre era un geologo, che viaggiava spesso per il paese. La nostra famiglia molto probabilmente si sarebbe trasferita a ovest per ospitare il lavoro di mio padre, ma non abbiamo mai lasciato il Tennessee. Mio padre aveva il diabete giovanile e sviluppò la polmonite e morì tre giorni prima del mio primo compleanno. Mia madre, una sopravvissuta alla poliomielite, che l'ha lasciata senza l'uso del braccio destro, è diventata improvvisamente una madre single di due bambini piccoli senza parenti vicini. Il dolore irrisolto per la perdita di mio padre si è riverberato per anni nella nostra famiglia attraverso il ritiro emotivo di mia sorella, che era molto vicina a nostro padre... e mia sorella. Quanto a me, ho oscillato dal ruolo di comico per assorbire le tensioni tra mia sorella e mia madre all'autoregolazione delle mie emozioni accumulando cibo da bambino e imbottigliando le mie emozioni, per rendermi scarso e piccolo. Mentre sono cresciuto in una casa che ha verbalizzato l'amore, ora riconosco i modelli di abbandono e codipendenza che hanno avuto un impatto sul mio sviluppo. Sono anche cresciuto nell'era dei primi anni '90, dove le norme sociali e i media rafforzavano il daltonismo piuttosto che offrire la razza come un'opportunità per discutere e celebrare la diversità culturale unica. 

A differenza delle grandi comunità filippine in California, c'era poca diversità dove sono cresciuto, poiché la maggior parte della mia scuola e comunità era bianca con alcuni studenti neri. Ero uno dei tre studenti asiatici e siamo stati tutti adottati. Piuttosto che gravitare l'uno verso l'altro, ci siamo appoggiati a diversi gruppi di amici come parte naturale dell'assimilazione. Di noi tre, ero più tranquillo e dolorosamente timido, il che mi rendeva un facile bersaglio di bullismo. All'età di sette anni, sono stato chiamato la parola "N" sullo scuolabus. Mi è stato detto che mia madre mi ha partorito in una risaia. Ironia della sorte, al ritorno dell'anno scolastico in autunno, le ragazze si accalcavano per toccarmi la pelle e chiedermi come facevo a diventare così scuro. A quei tempi, ero così orgoglioso della mia pelle scura e non ho mai imparato a conoscere il colorismo fino a quando non ero un adulto. Alla fine il bullismo è diminuito fino a dopo l'attacco alle torri gemelle dell'11 settembre 2001, quando il razzismo è riapparso e un altro studente mi ha detto di farmi saltare in aria con il resto della mia gente. In risposta, la mia insegnante mi ha fatto abbracciare l'altro studente perché a 17 anni “era solo un ragazzo”. La risposta della mia famiglia è stata di ricordarmi che sono americano come se solo quella fosse una corazza sufficiente per resistere e deviare la violenza verbale. Ho interiorizzato così tanta vergogna di essere diverso, che ho equiparato a meno di, che sono diventato complice della mia stessa cancellazione culturale e del crollo dell'autostima.

Giovani adulti

Da giovane adulto, ho lottato con le pietre miliari che venivano naturalmente ai miei coetanei. Ho fallito la maggior parte delle lezioni al liceo, ma al mio preside piacevo e mi ha permesso di laurearmi in tempo. Ho lasciato il college senza una visione di chi volevo essere entro i 21 anni. Ho concluso una relazione e un fidanzamento di sei anni e non sono riuscito a mantenere un lavoro entro i 23. Ero attivo nella chiesa evangelica ma gli anziani mi hanno detto che il mio la depressione e l'idea suicidaria derivavano dalla mia mancanza di fede. Alla fine, ho acquisito esperienza lavorando con i bambini. Sono tornato al college all'età di 27 anni mentre svolgevo più lavori e sono stato accettato nel programma di assistente di terapia occupazionale, dove ho acquisito strumenti per la salute mentale e in seguito mi sono laureato con lode e ho pronunciato il discorso di laurea.

Come sfogo dal mio intenso programma universitario e lavorativo, mi piaceva andare al cinema da solo e nel 2016 ho visto un film che è stato il catalizzatore per il mio viaggio alla ricerca della mia eredità.  Leone è un film sulla vita reale di Saroo Brierly, cresciuto dai suoi genitori adottivi australiani e alla fine si è riunito con la sua prima madre in India. Mentre Saroo è raccolto tra le braccia della sua prima madre, una diga di emozioni si è spezzata dentro di me, principalmente il senso di colpa per il fatto che in qualche modo avevo smarrito il ricordo della mia prima madre. Qualcosa di profondo dentro di me, risvegliato mentre assistevo a questo tiro alla fune sulle sue emozioni, recitato su uno schermo cinematografico. Ho visto uno specchio che mi illuminava mentre correva interferenza tra due mondi che raramente lo vedevano e le complessità dell'adozione e come è stato lasciato a conciliare questo peso insopportabile da solo.

Rivendicare il mio patrimonio filippino

Ho iniziato il mio viaggio per reclamare la mia eredità filippina attraverso il mio nome. Negli ultimi quattro anni, sono passato dal mio nome adottivo Hope al mio nome di nascita Arlynn, che in gaelico significa "giuramento, impegno". Mi sembra di poter tornare a qualcosa che ora so per certo mi è stato dato dalla mia prima madre. Prima di iniziare formalmente la mia ricerca nella mia storia, l'ho detto a mia sorella, che ha sostenuto la mia decisione. Passarono diversi mesi prima che chiesi a mia madre se conosceva altri dettagli sulla mia famiglia d'origine oltre alla corrispondenza che mi aveva dato in un raccoglitore. Sentivo di dover proteggere i suoi sentimenti come se il fatto di voler sapere improvvisamente della mia prima famiglia l'avrebbe ferita. Mi ha detto che non c'erano altre informazioni. Più tardi, avrei scoperto che era una bugia.

Per tutta la vita, mia madre ha continuato a lottare con il suo uso improprio dei farmaci antidolorifici prescritti. Da bambina, ricordo che mia madre mi faceva notare quali flaconi di medicinali usava nel caso non si fosse svegliata per farmi chiamare la polizia. A volte, dormivo sul pavimento vicino alla sua stanza per assicurarmi che respirasse ancora. Avevo 32 anni quando ha richiesto l'intervento ospedaliero per i sintomi di astinenza, mi ha detto nella sua rabbia che avrebbe voluto lasciarmi nel mio paese di nascita. Mi ha fatto più male che se mi avesse schiaffeggiato perché non si è mai scagliata contro la mia adozione quando ero più giovane. Sono uscito dalla sua stanza sentendomi come se avessi perso un altro genitore.

Alla fine, la casa della mia infanzia è stata venduta e mia madre è andata in una casa di cura per cure a seguito di un'emorragia cerebrale. Mia sorella ed io abbiamo recuperato la cassetta di sicurezza di nostra madre presso la sua banca locale, che a mia insaputa conteneva il mio caso di studio completo. Mia sorella mi ha detto che non avrei mai dovuto saperlo e nostra madre le ha fatto promettere di non dirmelo, quando era più piccola. Mi sono seduto da solo nella mia macchina singhiozzando mentre leggevo il nome del mio primo padre per la prima volta poiché non era elencato sul mio certificato di nascita, al quale ho sempre avuto accesso crescendo. Descriveva in dettaglio come i miei genitori avessero sette figli e cinque di loro morirono durante l'infanzia per malattia. I miei genitori si separarono mentre mio padre rimase con i figli sopravvissuti e mia madre rimase con suo nipote rifiutandosi di riconciliarsi con mio padre non sapendo che era incinta di me. Nel corso del tempo, mia madre ha cominciato a vagare lontano da casa ed è stata istituzionalizzata. Dopo la mia nascita si è allontanata di nuovo da casa e ha scoperto che cantava da sola. Dopo la mia nascita, mi è stato consigliato di essere collocato in un rifugio per bambini temporaneo poiché mia madre non era in grado di prendersi cura di me. Un'impronta viola del pollice al posto di una firma ha indirizzato il suo atto di resa per me alle autorità di assistenza sociale.

Famiglia perduta da tempo

Alla ricerca della famiglia biologica

Grazie alle risorse di ICAB e Facebook, sono stato in grado di localizzare mio fratello e mia sorella sopravvissuti e ho appreso che i miei genitori naturali sono morti. All'inizio del 2021, sono riuscito a trovare i parenti della mia prima madre, inclusa la sua unica sorella sopravvissuta. Sono ancora stupito e grato che i miei fratelli e la mia famiglia allargata mi abbiano abbracciato e io soffro dal desiderio di incontrarli, di essere toccato dalla mia gente. Prima della pandemia avevo l'obiettivo di viaggiare nelle Filippine, ma durante la chiusura dell'economia ho perso due dei miei lavori, la mia salute mentale ha sofferto dell'isolamento di vivere da solo durante il blocco e alla fine ho perso la mia casa e i soldi che è stato cresciuto da amici e famiglia per andare nelle Filippine ha dovuto impedirmi di vivere nella mia macchina, finché non fossi riuscito a stare con gli amici. Dallo scorso novembre ho potuto ottenere un lavoro a tempo pieno e quest'estate ho trovato una terapista, anche lei adottata transrazziale, che ha lavorato con me per elaborare il mio dolore e il senso di colpa del sopravvissuto. sopravvisse a molti dei miei fratelli. Mentre ricostruisco lentamente la mia vita, una rinnovata energia per tornare un giorno nella mia patria per incontrare i miei fratelli mi motiva ulteriormente.

Mentre la mia ricerca per reclamare la mia patria, la mia lingua perduta e i miei fratelli ha portato un profondo dolore, c'è stata un'enorme gioia nel connettermi con le mie nipoti che mi stanno insegnando le frasi Waray Waray e Tagalog. Ho curato i miei social media in modo che gli algoritmi mi attirino verso altri adottati, artisti, scrittori e guaritori filippini. Lo scorso dicembre ho compiuto 37 anni, la stessa età di quando mi ha partorito la mia prima madre. Il giorno del mio compleanno ho potuto incontrare un prete di Baybaylan che ha pregato su di me e sui miei antenati. Durante tutto questo tempo da quando l'ho riscoperta per caso di studio, ho cercato di affrontare il dolore e alla fine ha iniziato a piangere. Abbiamo pianto insieme e quel piccolo gesto gentile mi ha toccato così profondamente perché per la prima volta ho sentito come se qualcuno fosse seduto con me nel mio dolore, ed era così intimo perché Mi sono sentito veramente visto in quel momento e degno di amore. 

Pensieri per i professionisti dell'adozione

Le pratiche del settore delle adozioni sono cambiate drasticamente nel corso degli anni da quando sono stato adottato. Spero che le conversazioni sull'adozione continuino a spostarsi verso gli adottati per includere le nostre storie che illuminino questo ampio continuum di esperienze vissute che indicano non solo le esperienze positive o negative, ma le tengono tutte sotto una lente critica da parte dei professionisti dell'adozione. Spero che i professionisti di questo settore riconoscano e riconoscano il grado in cui il trauma della separazione precoce dei bambini dalle nostre prime madri e il ruolo dell'assimilazione e la perdita dell'associazione culturale influiscono sugli adottati. I futuri genitori sono formati in questo e anche nella consulenza sul lutto? Considera di guardare verso pratiche che assicurino la conservazione della famiglia, se possibile. Se viene concessa l'adozione, come farai a garantire che un bambino abbia le risorse per trovare una comunità se vive in luoghi non culturalmente diversi? Come troveranno la comunità? Un'ultima domanda di riflessione: quando un bambino viene abbandonato dal tuo paese, quali pratiche saranno assicurate per sostenere quell'adottato che vuole tornare nel paese di origine, senza che quella persona si senta un estraneo, un turista o un intruso?

Ho un breve video di un collage di foto che ho creato che attraversa la mia vita da quando ero bambino fino ad oggi.

Grazie mille per aver ascoltato la mia testimonianza.

Maraming Salamat po.

Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Per conoscere i tuoi genitori, fratelli, zii, zie e nonni...

Per conoscere la tua storia medica; se tua madre è morta di cancro, tuo padre ha sofferto di problemi cardiaci, se tua nonna ha avuto il diabete...

Per sapere a chi assomigli, da dove vengono i tuoi tratti, se il tuo viso allo specchio è il riflesso di qualcun altro..

Per conoscere la tua storia di nascita, data, ora, stagione dell'anno, in quale ospedale sei nato...

Per conoscere il proprio paese di nascita, cultura, patrimonio, lingua, costumi, religione...

Essere circondati da persone che ti assomigliano razzialmente...

Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Queste sono le cose che non do per scontate perché non ne ho avute durante la crescita. Sono nato in un paese, adottato in un altro, da una famiglia di razza diversa. Sono un'adottato transrazziale internazionale. Ho passato una parte enorme della mia vita chiedendomi, cercando, cercando di conoscere le mie origini.

Nella mia comunità di adottati internazionali, conoscere le proprie origini è sicuramente un privilegio!

In memoria di Seid Visin

Di Mark Hagland, Adottato internazionale sudcoreano cresciuto negli USA, co-fondatore di Prospettive di adozione transrazziale (un gruppo di genitori adottivi per imparare dall'esperienza vissuta), e autore di Viaggio straordinario: il percorso permanente dell'adottato transrazziale

Cosa stiamo imparando

Nei giorni scorsi, da quando, il 4 giugno, è trapelata la notizia che il ventenne Seid Visin si era suicidato, la stampa italiana ed europea hanno pubblicato articoli e trasmettere segmenti sulla sua morte, con una buona dose di incredulità e confusione. Ci sono una serie di ragioni per la confusione, alcune delle quali giornalistiche - domande sulla dichiarazione che aveva apparentemente fatto un paio di anni fa al suo terapeuta, rispetto a ciò che potrebbe essere successo nella sua vita più di recente - ma soprattutto, a causa delle dichiarazioni rilasciate dai suoi genitori Walter e Maddalena.

Walter e Maddalena adottarono Seid all'età di sette anni; è cresciuto nella loro casa a Nocera Inferiore, un sobborgo di Napoli. Posso capire che sono profondamente confusi da quello che è successo; ma mi è anche chiaro che, nonostante le loro buone intenzioni, non hanno alcuna comprensione della sua angoscia per il razzismo che ha continuato a sperimentare. Ho appena visto un'intervista con un programma televisivo italiano chiamato "Approfondimento Focus", in cui continuavano a ripetere quanto fosse felice, come i suoi recenti problemi psicologici fossero collegati al blocco COVID, che incolpavano della sua recente depressione e come non aveva alcun interesse per il suo background etiope. Hanno anche ripetutamente negato che il razzismo avesse qualcosa a che fare con il disagio emotivo del figlio.

Quest'ultima serie di dichiarazioni da parte dei genitori di Seid mi ha davvero colpito in molti modi diversi, soprattutto visti gli stralci del testo di quella lettera al suo terapeuta di (apparentemente) un paio di anni fa, che sono stati rilasciati. Per questo, il Corriere della Sera ha ottenuto una lettera che Seid Visin ha scritto al suo terapeuta due anni fa, e Rolling Stone Italia l'ha pubblicata. In esso, Seid ha scritto che: "Ovunque io vada, ovunque io sia, sento il peso degli sguardi scettici, prevenuti, disgustati e spaventati delle persone sulle mie spalle come un macigno". Scriveva che si vergognava “di essere nero, come se avessi paura di essere scambiato per un immigrato, come se dovessi dimostrare a chi non mi conosceva, che ero come loro, che ero italiano, bianco." Questa sensazione lo portava a fare “scherzi di cattivo gusto su neri e immigrati (…) come a sottolineare che non ero uno di loro. Ma era paura. La paura dell'odio che ho visto negli occhi della gente verso gli immigrati”.

Come ha scritto un giornalista sportivo su Le Parisien, “La sua morte ha suscitato grande emozione in Italia. Nel 2019 il giovane ha fatto notare il razzismo di cui era vittima, scrivendo un post sui social in cui esprimeva il suo disagio. "Alcuni mesi fa sono riuscito a trovare un lavoro, che ho dovuto lasciare perché troppe persone, per lo più anziane, si sono rifiutate di essere servite da me", ha detto. Mi hanno anche accusato del fatto che molti giovani italiani non riuscivano a trovare lavoro. I genitori adottivi della vittima, però, hanno voluto fornire dettagli. 'Il gesto di Seid non deriva da episodi di razzismo', hanno detto alla stampa italiana”.

Ecco il testo della lettera; la sua data esatta non è certa, e c'è confusione su quando sia stato scritto - o molto recentemente, o circa due anni fa - ma in ogni caso, eccolo qui:

“Non sono un immigrato, ma sono stato adottato da bambino. Ricordo che tutti mi amavano. Ovunque andassi, tutti si rivolgevano a me con gioia, rispetto e curiosità. Ora, quell'atmosfera di pace idilliaca sembra molto lontana. Sembra misticamente. tutto era invertito. Adesso, ovunque io vada, sento sulle spalle il peso di sguardi scettici, disgustati e spaventati. Ero riuscita a trovare un lavoro che dovevo lasciare perché troppe persone, soprattutto anziani, si rifiutavano di essere accuditi da me. E come se non mi bastasse, mi accusavano di essere responsabile di molti giovani italiani (bianchi) che non trovavano lavoro. Dopo questa esperienza, qualcosa è cambiato dentro di me. Come se mi vergognassi di essere nero, come se avessi paura che qualcuno mi scambiasse per un immigrato. Come se dovesse dimostrare a persone che non sapeva di essere come loro, di essere italiano.

Ho persino fatto battute sgradevoli su neri e immigrati, come per sottolineare che non ero uno di loro. L'unica cosa che spiegava il mio comportamento era la paura. La paura dell'odio che vedeva negli occhi della gente verso gli immigrati. La paura del disprezzo che ho provato sulla bocca delle persone, anche dei miei parenti, che malinconicamente invocavano Mussolini e il 'capitano Salvini'. Non voglio implorare compassione o pietà. Voglio solo ricordare a me stessa il disagio e la sofferenza che sto vivendo. Sono una goccia d'acqua accanto all'oceano di sofferenza che sta vivendo chi preferisce morire per continuare a vivere nella miseria e nell'inferno. Quelle persone che rischiano la vita, e quelle che l'hanno già persa, solo per curiosare in giro, per assaporare quella che chiamiamo semplicemente 'vita'”.

Un paio di note molto importanti qui. In primo luogo, è abbastanza significativo che Seid faccia esplicito riferimento non a Mussolini, ma anche a Matteo Salvini, ex vicepresidente del Consiglio e ancora attuale senatore al Parlamento italiano, che è segretario della Lega Nord, che è un diritto -ala razzista, partito politico xenofobo, i cui sostenitori sono praticamente l'equivalente dei sostenitori di Donald Trump negli Stati Uniti. Negli ultimi quindici anni in Italia c'è stata una massiccia ondata di espressioni di razzismo e xenofobia in Italia, e la xenofobia razzista è esplosa negli ultimi anni, in particolare perché molte migliaia di neri africani sono entrati in Italia come rifugiati di guerra , conflitti e povertà in Africa. In secondo luogo, nella lettera di cui sopra, ha chiarito in modo estremamente chiaro che era profondamente angosciato dal razzismo che stava vivendo.

È interessante notare che sua madre Maddalena, in quell'intervista trasmessa sul programma "Approfondimento Focus", continuava a sottolineare che Seid era stato recentemente depresso a causa dell'isolamento imposto a lui e ad altri durante il lockdown di questa primavera. Ovviamente, raramente c'è una sola causa di suicidio. Seid avrebbe potuto certamente essere depresso durante il blocco nazionale in Italia questa primavera. Ma ciò non nega assolutamente la sua estrema angoscia per la sua esperienza vissuta di razzismo.

Riflettendo su tutto questo, vedo una situazione tragicamente classica per un giovane adulto transrazziale, adottato all'estero, un giovane che era razzialmente e socialmente isolato, che stava vivendo un continuo razzismo e i cui genitori, da quello che possiamo dire, negavano il razzismo che stava vivendo e il disagio che stava vivendo a causa di esso.

Un'altra tragica perdita dell'ennesima vita di adottati transrazziali internazionali.

Condivido un post di La Repubblica, con un link a un selfie-video (che da allora è stato rimosso, quindi posto questo uno invece) in cui Seid si diverte a ballare.

Possa il ricordo di Seid e della sua vita essere una benedizione.

Risorse correlate

Pagina commemorativa dell'ICAV

Leggi il contributo di Mark Hagland all'altro post di ICAV: Possiamo ignorare o negare che esiste il razzismo per gli adottanti del colore?

Dobbiamo parlare del suicidio degli adottati, ora

Non dirmi di essere grato

di Naomi Mackay adottato dall'India alla Svezia.

Il mio viaggio

Sono stato adottato da una famiglia bianca nel sud della Svezia dal nord dell'India alla fine degli anni '70 e non appena sono arrivato in Svezia, mi è stato detto di smettere di parlare in modo strano e che ora ero svedese. Non abbiamo mai parlato della crescita dell'India. Se ho chiesto, ho ricevuto risposte brevi, quindi una conferenza su quanto sia orribile l'India con crimini, stupri, matrimoni precoci e uccisioni di bambine. Perché questo è tutto ciò che è l'India, giusto? Grazie colonizzazione! Avevo una borsa pronta accanto al mio letto con i vestiti e i gioielli portati dall'India, per ogni evenienza.

Il trauma di crescere in questo modo invitava all'odio per me stesso e ai pensieri suicidi e non posso dirti cosa mi ha fermato, ma gli animali erano i miei migliori amici da cui avrei cercato conforto quando ero giù. Non c'era mai stata una menzione di razza, solo quanto ero fortunato ad essere marrone e le mie sopracciglia e i miei capelli sarebbero stati ridicolizzati al punto che avrei strappato le mie sopracciglia quasi all'estinzione e avrei colorato i miei capelli fino al punto di rottura. Ho sentito parlare di odio razziale, ma dato che sono bianco, perché dovrebbe applicarsi a me? Ero una persona bianca all'interno a cui non piaceva farsi fotografare o guardarsi allo specchio, perché era un ricordo del mio colore. Ero una persona bianca che viveva in un mondo bianco senza beneficiare di ciò che questo significa. Le persone dall'India non sono rappresentate nella moda, nella musica, nei film e nei media mainstream e molti pensano che usando una persona di colore, ci abbiano rappresentato tutti.

Crescere senza nessuno che mi somiglia ha causato molti traumi perché ho trovato molto difficile accettarmi e trovare la mia identità. Non sono stato accettato come bianco, ma questo era ciò con cui mi identificavo. Non sono stato accettato come indiano ma non mi sono identificato come tale. All'inizio dei miei 20 anni, quando ho iniziato a viaggiare di più all'estero, mi sono reso conto di quanto fossi a disagio nella mia stessa pelle e se una persona di colore entrava nella stanza, o qualcuno diceva la parola, lo trovavo a disagio perché mi rendevo conto che anche loro erano parlando di me. Sposterei l'argomento su qualcos'altro quando possibile. Ho iniziato a notare che spesso ero l'unica persona di colore nella maggior parte delle stanze, specialmente negli allenamenti e nelle competizioni equestri che sono stati tutta la mia vita crescendo.

Ho sognato e combattuto per diventare un regista fin da quando ero molto giovane. L'ho perseguito nonostante la mia famiglia che non la vedesse come una professione, all'interno di un college svedese che non mi accettava dove i tutor universitari mi ridevano in faccia più volte, tra enti finanziatori che escludevano gli adottati transrazziali, con registi scozzesi che avrebbero non farmi entrare e ho cancellato le mie credenziali su un database della troupe cinematografica. Ho letto molte dichiarazioni personali di persone svedesi di colore che si sono trasferite in America per avere una possibilità di progredire nel loro campo. Anch'io sono stato accettato lì quando finalmente ho trovato il coraggio di fare domanda per fare un Master in regia presso le loro due più prestigiose università di cinema. Pensi ancora che dovrei essere grato?

I cambiamenti

La prima volta che ho incontrato gli indiani dopo essere stata adottata è stato quando mi sono trasferita in Scozia, avevo 24 anni ed ero così incuriosita e a disagio. Nella mia mentalità mi vedevo ancora bianco e non mettevo in relazione quello che mi stava succedendo riguardo alla razza. Ero cauto con i neri e mi vedevo al di sopra degli asiatici, proprio in un modo che immagino facciano i bianchi ma non riesco a spiegare come o perché. Mi ha tenuto al sicuro, mentalmente. A volte mi manca questo, era più facile da gestire rispetto alla verità.

Nel 2020, sono diventato più attivo nelle attività antirazziste poiché conosco altri che lo hanno fatto e mi sono unito a molti gruppi di social media. C'era un particolare gruppo scozzese dove vivo che mi ha fatto sentire molto a disagio perché mi trovavo di fronte molte persone di colore con voci forti e sicure. Ho trovato il mio senza essere chiuso o soffocato dai bianchi e sono arrivato a realizzare tutto ciò che mi è stato rubato: la mia cultura, le mie convinzioni, la mia voce come persona di colore, la mia dignità, la mia eredità, la mia lingua e la mia radici, la mia identità. Sono stato venduto a scopo di lucro per privilegiare gli altri, ma per il quale non avrei mai sperimentato il privilegio attraverso la fede cristiana con cui sono stato educato. Mi sono sentito così tradito. Quando continuo a sentire dai miei conoscenti e amici bianchi che "ottieni quello che ci metti", ho iniziato a credere di essere solo pigro e senza talento. Non ho preso in considerazione il loro vantaggio e gli ostacoli extra che ho incontrato nel mio viaggio come persona di colore. È molto da accettare e sono COS ARRABBIATO!! Pensi ancora che dovrei essere grato?

(Dis)apprendimento

Quando ho iniziato a togliere il candore che ho ereditato dall'adozione, mi sono reso conto che alcune cose sono più difficili di altre da rimuovere. La mia lingua ha ancora bisogno di essere modificata in qualche modo e mi ritrovo a scusarmi con orrore mentre divento più consapevole. Qualche mese fa mi è stato chiesto perché continuo a usare la parola “colorato”. Non mi è mai venuto in mente che lo stavo dicendo e ho persino rimproverato ad altri in molte occasioni di usarlo. In svedese, “colorato” è “färgad” e scavando più a fondo mi rendo conto che è ancora ampiamente usato nei media e dalle persone nella lingua di tutti i giorni. Dopo aver parlato con diverse persone svedesi e aver osservato i media, mi sono reso conto che non esiste una formulazione alternativa, quindi ho deciso di stabilirla, era ora!

In Svezia, le frasi inglesi sono usate e mai tradotte in quanto lo rendono più appetibile per i bianchi e mette distanza tra la persona e il problema. Ho creato una pagina svedese contro il razzismo perché credo davvero nella creazione dei cambiamenti necessari con un approccio meno interattivo che non dia spazio alla fragilità bianca. C'è così tanto sulla mia educazione che ho bisogno di disfare e disimparare. La maggior parte dei social media svedesi e delle pagine antirazziste che ho trovato finora parlano solo del pregiudizio che devono affrontare gli ebrei poiché è ciò con cui i bianchi si sentono a proprio agio. Questo non è razzismo, è antisemitismo.

Indosso il mio colore/oppressione sulla mia pelle affinché tutti possano vederlo e in nessun momento posso nasconderlo o cambiarlo. Perché tutto questo è importante quando parlo del mio trauma come adottato all'estero? Perché mostra le società razziste molto radicate in cui vengono venduti Black e Brown e il razzismo interno profondamente radicato che crea in noi. Mi odio per essere così, ma odio di più le persone che mi hanno fatto questo. Odio è una parola forte, non cerco scuse per usarla. È abuso mentale, violenza e stupro. Pensi ancora che dovrei essere grato?

Ricostruzione

Ora mi sto ricostruendo come donna indiana. Una persona di colore. Un'adottato transrazziale internazionale e ho scoperto che lo yoga mi sta aiutando a guarire anche se sento che lo sto appropriando culturalmente, so che è la mia cultura e ne ho tutto il diritto. Recentemente ho scoperto di essere nato indù, quindi il mio profondo legame con lo yoga è naturale. Più decolonizzo lo yoga, più decolonizzo me stesso. Gli incidenti più dannosi per il mio processo di guarigione sono stati gli indiani che mi hanno parlato male di non essere cresciuto lì, di non parlare nessuna delle lingue, di conoscere bene la cultura o le religioni, di vestirsi con abiti tradizionali indiani o di cucinare cibi indiani.

Per chi è indiano, sei così fortunato ad avere ciò che mi è stato negato. Sei così fortunato a conoscere gli odori, le radici e l'amore del nostro bel paese. Ho diritto a qualsiasi parte di esso quanto te e mentre sto ancora imparando, sono grato di avere ora persone comprensive nella mia vita che mi aiutano a guarire. Ho il privilegio in quanto il mio accento e le mie ideologie imbiancate si adattano alla vita svedese e le persone cresciute in India hanno il privilegio di non aver vissuto il trauma della perdita della loro intera identità a causa della svenduta, e non sono cresciute con lo stesso livello di razzismo interiorizzato, né vedere parti della cultura in mostra e essere loro vendute. Credo che la mia natura curiosa e il desiderio di imparare sia il motivo per cui sono stato aperto al cambiamento e al (dis)apprendimento. Mi sono istruito sulla storia dei neri e sul trauma del colonialismo.

Andando avanti

Credo che da adulto sia mia responsabilità istruirmi e imparare cosa posso fare per rendere questo mondo sicuro per tutti. Attualmente sto lavorando a un film documentario e a un libro sulla mia vita e il mio viaggio. Riconosco che molti di noi lo stanno facendo. Le nostre esperienze sono uniche e sono le nostre. Abbiamo tutti modi diversi di farcela e ho grossi problemi di fiducia con i bianchi, specialmente i cristiani. Vedo un sacco di centratura bianca nella mia vita quotidiana e genitori adottivi bianchi che parlano di come l'adozione transrazziale li ha colpiti e del trauma che hanno dovuto affrontare. Sto guarendo ogni giorno e scrivere questo è stato un passo avanti.

Ho una domanda per te. Sostieni la tratta di esseri umani? Non c'è un "ma", così come potrei anche chiedere: "Sosteni il razzismo?" C'è solo "Sì" o "No". Se desideri sostenere e aiutare i bambini, dai un'occhiata a cosa puoi fare.

Italiano
%%piè di pagina%%