Accettazione della responsabilità come facilitatore dell'adozione

di Jessica Davis, madre adottiva americana di una figlia ugandese, è tornata con successo dalla sua famiglia ugandese; co-fondatore di Kugatta che riunisce le famiglie colpite dall'adozione internazionale dell'Uganda.

La scorsa settimana, Margaret Cole, la donna che possedeva l'agenzia di adozione che ha trafficato Namata dalla sua famiglia, ha cambiato la sua dichiarazione di colpevolezza.

Sebbene le accuse di cui si è dichiarata colpevole non rappresentino pienamente la profondità dello sfruttamento e dell'ingiustizia che è stata perpetuata contro innumerevoli famiglie a seguito delle sue azioni, è sicuramente un passo nella giusta direzione vederla accettare QUALCHE responsabilità. Tanti bambini sono stati danneggiati a causa della sua avidità. Margaret Cole ha accumulato più di $200 milioni attraverso il sangue e le lacrime letterali di alcuni dei bambini e delle famiglie più vulnerabili del mondo.

Oggi, mentre l'ho vista cambiare la sua dichiarazione di colpevolezza, ha chiesto un ulteriore "perdono" in modo da contrattare punti sulla sua condanna poiché stava "accettando la responsabilità". L'accusa ha detto assolutamente di no, ha avuto tutto il tempo per assumersi la responsabilità delle sue azioni, ma ha aspettato fino a una settimana prima del processo e solo un giorno dopo aver visto il caso che era stato avviato contro di lei.

Così tante persone hanno lavorato duramente per assicurare alla giustizia le persone coinvolte in questo programma di adozione. Non posso ringraziare ciascuno di loro abbastanza!

Leggi i primi pensieri di Jessica quest'anno: Dolore per la perdita e gioia nel vederla riunita alla sua famiglia

Leggi Il blog di Lynelle che include una rapida occhiata a come sono stati condannati gli autori.

risorse

L'ex direttore esecutivo dell'Agenzia per l'adozione internazionale si dichiara colpevole di un programma di adozione fraudolenta

Texas Mom rimane libera senza vincoli dopo aver comprato a suo figlio una bambina "adottata" di quattro anni dalla Polonia

La difesa ammette che il loro cliente, Margaret Cole Hughes, Direttore di European Adoption Consultants (EAC) ha guadagnato $200m da 8000 adozioni in tre decenni

Proprietario dell'agenzia Strongsville, dipendenti accusati di cospirazione in casi di adozione straniera

Bambini in vendita: "Mia mamma è stata ingannata"

Il dolore della perdita e la gioia di vederla riunita alla sua famiglia

di Jessica Davis, madre adottiva americana di una figlia ugandese, è tornata con successo dalla sua famiglia ugandese; co-fondatore di Kugatta che riunisce le famiglie colpite dall'adozione internazionale dell'Uganda.

Namata con i suoi fratelli

Ogni anno penso che non piangerò e non mi farà male così profondamente come una volta. Ma ogni volta che vedo tutto ciò che è stato quasi permanentemente sottratto a Namata, il dolore ritorna altrettanto profondo (se non più profondo) della prima volta in cui mi sono reso conto a cosa avevo partecipato e cosa doveva essere fatto. Ho ancora membri della famiglia allargata che si rifiutano di ammettere che riunirla con la sua famiglia ugandese fosse la cosa GIUSTA e GIUSTA da fare.

Ci sono molte persone che credono che sia giusto prendere bambini da famiglie LOVING se queste famiglie sono povere, vivono nel paese “sbagliato”, praticano la religione “sbagliata”, o per una serie di altri motivi irrazionali. È incredibile quanto denaro, tempo e risorse contribuiscano alla separazione delle famiglie che in primo luogo non dovrebbero mai essere separate.

Non smetterò mai di denunciare i torti che si perpetuano all'interno del sistema di adozione internazionale. Non smetterò di lottare per coloro che sono stati sfruttati da questo sistema e di certo non dimenticherò mai la fantastica bambina che è entrata nella mia vita e mi ha insegnato a fare meglio. Per quanto mi manchi, il mio dolore impallidisce in confronto alla gioia che provo vedendola a casa con la sua famiglia e prosperare.

Abbiamo fatto tutto “bene”. Abbiamo utilizzato un'agenzia di adozione molto apprezzata, seguito tutti i protocolli e le procedure corretti e segnalato tutto ciò che non andava quando lo abbiamo scoperto. Infatti, anche se è stato dimostrato che la nostra agenzia di adozione era corrotta, i documenti di Namata sono stati falsificati, il giudice ugandese è stato corrotto, l'intervista all'ambasciata ha mostrato che la madre di Namata non capiva cosa fosse l'adozione e all'epoca non ci è stato detto, la nostra adozione di Namata dall'Uganda era ed è tuttora considerato LEGALE. Cosa ti dice sull'adozione internazionale?

Namata non è riuscita a tornare a casa perché era la cosa giusta e giusta da fare. I diritti di Serena violati e il miglior interesse di Namata ignorati erano irrilevanti da parte di coloro che avrebbero dovuto preoccuparsene. Il motivo per cui Namata è andata a casa e si è riunita con la sua famiglia è perché Adam e io ci siamo rifiutati di accettare che tutto ciò andasse bene o "in meglio".

Innumerevoli famiglie sono state inutilmente fatte a pezzi attraverso l'adozione internazionale, proprio come quella di Namata.

Raramente sento qualcuno esprimere preoccupazione per queste ingiustizie o per ciò che è stato perso, piuttosto le persone usano buone intenzioni andate storte per ignorare queste realtà e andare avanti come se non fosse successo nulla di sbagliato. Se le persone non ascoltano o non riescono a capire il problema in questione, forse lo vedranno quando guarderanno questa famiglia e si renderanno conto che tutto ciò che era quasi perso e che non c'era letteralmente alcuna ragione per questo.

Namata e la sua famiglia

Leggi l'ultimo post di Jessica: Giustizia o responsabilità accadono nelle adozioni illecite?

Giustizia o responsabilità accadono nelle adozioni illecite?

di Jessica Davis, mamma adottiva americana che ha restituito il figlio ugandese alla madre biologica in Uganda. Jessica ha scritto questo post in risposta alla recente dichiarazione "colpevole" del personale che lavora presso l'agenzia di adozioni European Adoption Consultants (Ohio) che ha facilitato l'adozione illecita di adottati ugandesi dalla famiglia Davis. Articolo sui media qui.

Sono passati molti anni da quando abbiamo scoperto l'orribile verità che la bambina che abbiamo adottato dall'Uganda era stata illegalmente separata dalla sua famiglia. Da quando ha riunito Namata con sua madre, ho aspettato una parvenza di giustizia e responsabilità, specialmente quando si trattava di questo particolare individuo.

Oggi, Debra Parris, uno dei criminali coinvolti nel traffico di Namata, ha cambiato la sua dichiarazione di colpevolezza su ogni atto d'accusa federale di cui è stata accusata. Debra ha partecipato volentieri alla tratta di bambini dall'Uganda attraverso l'adozione internazionale. Ha causato danni irreparabili a Namata, sua madre ugandese e ha reso le nostre vite infelici per anni mentre cercavamo di smascherare lei e i suoi co-cospiratori. Ha inflitto enormi quantità di danni a MOLTI bambini vulnerabili dell'Uganda e alle loro famiglie (e ne sono certo in molti altri paesi).

Il solo sentire la sua voce oggi è stato travolgente, figuriamoci sentirla finalmente ammettere la colpa. Dal momento che mi sono reso conto di ciò che è accaduto all'interno della nostra adozione non è stato un caso unico, ho preso l'impegno di non perdere mai l'opportunità di lavorare per cambiare la narrativa quando si tratta di adozione internazionale. Questo momento non sarà diverso.

A coloro che scelgono di credere che quello che è successo a Namata ea sua madre sia il risultato di una sola “mela marcia”, vi prego di smetterla. Lavoro con le famiglie ugandesi da oltre 5 anni e posso dirvi che quello che è successo a Namata e alla sua famiglia non è l'eccezione, piuttosto è la regola nell'adozione internazionale. Ogni famiglia ugandese che ho incontrato, anche le famiglie che hanno utilizzato altre agenzie di adozione, hanno avuto esperienze simili da condividere. Nessuna delle famiglie di origine ha capito veramente l'adozione, tutte stavano attraversando un momento difficile e avevano solo bisogno di sostegno. Quasi tutti pensavano di avere accesso all'istruzione o alle cure mediche per la persona amata. Non sto dicendo che non ci siano eccezioni, ma devo ancora incontrare una famiglia ugandese che abbia veramente capito l'adozione.

Come genitore adottivo, scegliere di guardare dall'altra parte o rimanere in silenzio quando si tratta di queste ingiustizie ti rende parte del problema. Quando ho capito cosa stava succedendo con la nostra agenzia di adozioni, ho subito iniziato a parlare con altri genitori adottivi che li avevano usati anche loro. Mi è stato detto più e più volte che stavo reagendo in modo eccessivo, che questo non poteva essere vero, o che almeno non poteva essere così "cattivo" come sostenevo. Ho la sensazione che anche con questa ammissione di colpa, molte famiglie adottive continueranno a dire che non è vero nella loro situazione (che potrebbe benissimo essere vera) e andranno avanti con le loro vite, come se niente fosse.

Questa agenzia di adozione ha facilitato le adozioni di oltre 30 bambini ugandesi. Oggi Debra Parris ha ammesso di aver corrotto agenti di custodia, cancellieri e giudici in Uganda. Ha ammesso di aver presentato consapevolmente informazioni fraudolente al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel tentativo di facilitare le adozioni illecite. Assumere che ciò non stesse accadendo in altre adozioni non è solo ingenuo, ma è un grave errore giudiziario.

Quante famiglie naturali e adottati adulti hanno condiviso esperienze simili? Quando inizieremo ad ascoltare? Quando saranno state divise inutilmente abbastanza famiglie finché non saremo disposti a fare qualcosa? Quando saranno importanti per noi la vita e il benessere di questi "orfani" al di là della loro adozione?

Mentre oggi mi sono rallegrato di questo piccolo passo verso la responsabilità per i torti perpetrati contro molti dei bambini e delle famiglie più vulnerabili nel nostro mondo, non ho potuto fare a meno di pensare a tutte le famiglie ugandesi (e famiglie in tutto il mondo) che questo ha successo a. Famiglie che probabilmente non vedranno mai giustizia o riparazioni, per non parlare della persona amata da cui sono state separate. Non ho potuto fare a meno di pensare a tutti gli adottati che sono stati scambiati tra famiglie come carte collezionabili. Adottivi che vengono messi a tacere e ignorati quando parlano delle loro esperienze con l'adozione. Non posso fare a meno di pensare a tutto il danno che è stato inutilmente inflitto agli adottati e alle famiglie naturali perché questo sistema sembra troppo facile da sfruttare e corrompere.

Quando è abbastanza, abbastanza?

Per saperne di più su Jessica e suo marito Adam, guarda la loro intervista con 1MillionHome Amore audace

Per saperne di più su Jessica, leggi i suoi blog:
Adozione: ordinata e ordinata? Non così tanto!
La bugia che amiamo
Non è un'attrazione turistica
Non c'è una crisi orfana, è una crisi di separazione familiare

La bugia che amiamo

di Jessica Davis, madre adottiva negli USA che ha adottato dall'Uganda e co-fondato Kugatta, un'organizzazione che ricollega le famiglie ugandesi ai loro figli, rimossi tramite adozione internazionale.

La bugia che amiamo. Adozione.

Ho sentito dire che l'adozione è uno dei più grandi atti d'amore, ma è così? Forse ciò che è ed è stata l'adozione per la maggior parte delle persone non è davvero così "grande" come è stato descritto.

Invece di concentrarci sull'immaginario fiabesco della nuova "famiglia per sempre" che viene creata attraverso l'adozione, dovremmo concentrarci su come l'adozione significhi la fine di una famiglia; l'assoluta devastazione del mondo di un bambino con conseguente separazione da tutti e da tutto ciò che gli è familiare. Quando l'attenzione è fuori luogo, non siamo in grado di aiutare veramente il bambino e, di conseguenza, spesso riponiamo su di lui aspettative non realistiche. Aspettative di gratitudine, legame, assimilazione e persino aspettarsi che "passino avanti" dalle loro storie.

Quindi quale motivo è abbastanza accettabile per separare definitivamente una famiglia? Povertà? Se una famiglia è povera va bene prendere il proprio figlio? O non sarebbe più amorevole e più utile investire tempo e risorse nel potenziamento economico della famiglia in modo che possano stare insieme?

Se un bambino ha bisogni medici che la famiglia sta lottando per soddisfare, va bene prendere il loro bambino OPPURE è un atto di amore e decenza umana più grande assistere quella famiglia in modo che possano soddisfare i bisogni del loro bambino e rimanere insieme?

Se una famiglia è caduta in disgrazia, va bene prendere il proprio figlio? OPPURE dovremmo stringerci intorno alla famiglia e aiutarli nei momenti difficili in modo che possano rimanere insieme?

Che dire di un bambino che ha perso entrambi i genitori? Allora va bene adottare il bambino? O sarebbe un atto d'amore più grande assicurarsi prima che il bambino viva con i suoi parenti biologici, la sua famiglia? Perché è meglio creare una nuova famiglia con estranei quando ci sono parenti biologici estesi?

E se un bambino vive in un paese in via di sviluppo? Allora è meglio prendere un figlio dalla propria famiglia per dargli accesso a più “cose” e “opportunità”? Per dare loro una “vita migliore”? È anche possibile vivere una “vita migliore” separati dalla propria famiglia? OPPURE sarebbe un atto d'amore più grande sostenere quella famiglia in modo che il loro bambino possa avere accesso a più cose e opportunità all'interno del proprio paese? Per costruire il futuro di quel paese, investendo e sostenendo quel bambino in modo che possa diventare il meglio che può. In che modo aiuta un paese in via di sviluppo se continuiamo a portare via inutilmente i loro futuri medici, insegnanti, assistenti sociali, dipendenti dei servizi pubblici, ecc.?

Non so molto sull'adozione domestica, ma so molto sull'adozione internazionale e queste sono alcune delle tante ragioni che sento ripetutamente come convalida per la separazione permanente di un bambino dalla famiglia, dai parenti biologici e dal paese di origine.

Ai genitori e alla famiglia allargata non è stata data alcuna opzione (a parte l'adozione) quando cercavano aiuto/assistenza. Che scelta c'è quando c'è solo un'opzione data? Non solo alla maggior parte di queste famiglie non viene data alcuna opzione, ma spesso viene detto che il loro bambino starà "meglio" senza di loro e che tenere il proprio figlio impedisce loro di queste "grandi opportunità". Questa mentalità è sbagliata e dannosa per il loro bambino.

Gran parte della narrativa sull'adozione è costruita attorno alla necessità di "salvare" un bambino impoverito fornendo una "famiglia per sempre" ma 70%-90% di bambini adottati all'estero HANNO FAMIGLIE. Quali altre cose continuiamo a fare in adozione sapendo 4 volte su 5 che stiamo sbagliando?

Alcuni dicono che il più grande atto d'amore è l'adozione, io dico che il più grande atto d'amore è fare tutto ciò che è in proprio potere per tenere unite le famiglie.

Ho intitolato questo post La bugia che amiamo perché sembra che tanti di noi amino l'ADOZIONE (e la fiaba spesso da essa perpetuata) più di quanto amiamo IL BAMBINO stesso. Ciò è dimostrato ogni volta che un bambino viene inutilmente spogliato della sua famiglia e della sua cultura, il tutto mentre noi, come società, incoraggiamo e promuoviamo un tale processo. Questo accade quando prima non siamo disposti a fare il duro compito di porre le domande difficili; quando preferiamo ignorare la realtà a portata di mano e vivere la “favola” che qualche problema è stato risolto adottando un bambino che aveva già una famiglia amorevole.

Un giorno, spero che le cose siano diverse: che sempre più persone capiranno che non c'è una crisi orfana, ma piuttosto c'è un crisi di separazione familiare accade nel nostro mondo e l'adozione non è la risposta, anzi è parte del problema. L'adozione internazionale è diventata un'attività con enormi quantità di denaro da guadagnare e poche o nessuna protezione per i più vulnerabili perché la maggior parte di noi si siede nei nostri comodi primi mondi ed è felice con la favola. L'adozione è davvero la menzogna che amiamo!

Per saperne di più da Jessica, lei e il marito Adam sono stati recentemente intervistati in questo forse Dio podcast : Ogni orfano ha bisogno di essere adottato?.

Guarda l'altro di Jessica articolo all'ICAV e lei Buon problema podcast insieme a Lynelle e Laura come una serie in 3 parti di Leigh Matthews.

La verità sull'adozione internazionale

La prima parte di questo articolo è scritta da Jessica Davis, madre adottiva negli USA che ha adottato dall'Uganda. Ha scritto di recente e volevo condividere i miei pensieri in risposta ai suoi.

Namata

di Jessica Davis

Una madre senza opzioni disponibili in realtà non ha scelta quando si tratta di lasciare che sua figlia vada su un "programma educativo”.

Suo figlio riceve "adottato” mentre il programma educativo era il risultato di disperazione, avidità, ignoranza e corruzione.

Un'agenzia di adozione avida che ha scelto di guardare dall'altra parte su come i bambini stavano entrando nel sistema per l'adozione.

Genitori adottivi ignoranti che non hanno compreso appieno il problema prima di provare a "aiuto”.

Un intermediario disperato che ha scelto di “curva” la verità e sfruttare le famiglie vulnerabili dell'Uganda per portare il cibo in tavola.

Giudici corrotti e altri funzionari governativi che si preoccupavano più di riempirsi le tasche che del benessere di un bambino.

L'idea sbagliata di "una vita migliore” ha condotto tutti i soggetti coinvolti lungo un percorso che ha contribuito a cancellare quasi l'identità di una bambina, la cultura ei legami con la sua famiglia.

L'amore dei genitori adottivi che non si basava esclusivamente sul fatto che un bambino facesse parte della loro famiglia li ha aiutati a vedere oltre le bugie e l'ha aiutata a tornare a casa.

Il coraggio di un bambino nel parlare ha permesso di capire la verità.

Continuare a consentire ai bambini con famiglie di essere adottati inutilmente e sottoposti a una vita di traumi e perdite a causa della separazione da tutto e da tutti coloro che hanno conosciuto e amato, dalla loro identità all'interno di quell'unità familiare è disumano.

Ogni volta che vado a trovare Namata e la sua famiglia, queste sono le cose che mi passano per la mente.

Tutto ciò che era QUASI perso e cancellato.

4 bambini su 5 che vivono in istituti in tutto il mondo hanno famiglie da cui potrebbero tornare a casa.

Ignorare questa crisi di separazione familiare continuerà solo a garantire che 4 volte su 5 bambini come Namata saranno adottati e separati dalle loro famiglie inutilmente.

Soggetto a una vita di traumi e perdite INUTILE.

Se l'adozione riguarda il benessere del bambino, perché ci preoccupiamo del suo benessere solo nella misura in cui finisce in una nuova famiglia?

Gli adottati hanno 4 volte più probabilità di tentare di togliersi la vita, quindi a chi viene data priorità il benessere quando ignoriamo consapevolmente la verità e continuiamo con l'adozione internazionale come è oggi?

Conoscere meglio. Fare meglio.

Jessica Davis

La risposta di Lynelle a Jessica:

Essendo un'adozione internazionale separata per sempre dalla mia famiglia, queste foto mi fanno venire le lacrime agli occhi. La scorsa notte ho sognato mio padre biologico: era la prima volta che era presente nei miei sogni. Di solito è mia madre. Vedere tua figlia circondata da persone che la rispecchiano, sono il suo clan e avere il suo luogo di appartenenza è così bello! So quanto crepacuore, perdita e dolore inespressi, smarrimento e desiderio le hai impedito!

Il tuo dolore ogni giorno è il dolore che avrebbe vissuto con tutta la sua vita se fosse rimasta adottata.

Lynelle Long

Grazie per essere una mamma che ha fatto ciò che è nel suo interesse! Che regalo le hai fatto per fermare quel dolore inutile! Mi dispiace solo che tu ti senta tuo ed è la prima volta che capisco davvero quanto debba essere doloroso per te e per il resto della tua famiglia.

Vorrei che altri genitori adottivi potessero capirlo. ioo è il tuo dolore o il nostro che esiste con l'adozione internazionale ma tanti scelgono di salvarsi dal dolore, invece del bambino. Sei uno dei pochi che conosco che ha scelto di accettarlo per te stesso e fare ciò che è giusto ed etico!

È semplicemente bellissima e merita di essere al suo posto!

Condiviso con il permesso di Serena e Namata.

L'adozione internazionale può essere etica? Fa bene?

In questa nuova serie in 3 parti, Leigh Matthews al Podcast di DoGooder (anche il co-fondatore di Ripensare gli orfanotrofi), discute con me il perché e il come se l'adozione internazionale sia utile e possa mai essere etica.

Personalmente ho trovato questa intervista la più approfondita che abbia mai fatto su questo argomento. Non ho avuto la precedenza sulle domande e alla fine sono rimasto un po' scosso e sconcertato quando mi sono reso conto che alcuni dei contenuti di cui avevo parlato non erano così coerenti come avrei voluto perché nessuno aveva mai chiesto domande così intense prima. Dopo tutti questi anni in cui parlo, di solito ho perfezionato il modo in cui descrivo e rispondo alle domande perché parlando ripetutamente sull'argomento, divento più succinto nel tempo. Questa volta, tuttavia, il mio modo di pensare/parlare è crudo per una buona parte di esso e Leigh ha fatto un lavoro fantastico nel scuotermi! Ha un modo naturale di intendere questo argomento dato che il turismo degli orfanotrofi è così strettamente connesso.

Non vedo l'ora di ascoltare le prossime due donne di questa serie: Jessica Davis, madre adottiva americana che ha restituito il figlio adottivo alla sua famiglia in Uganda dopo aver scoperto che non era stata una vera orfana né abbandonata con una chiara comprensione del nostro diritto occidentale concetto di adozione. Jessica ha continuato a fondare un'organizzazione Kugatta per assistere altre famiglie adottive che si trovano in situazioni come la sua. Poi Laura Martinez-Mora, avvocato e segretario nel Ufficio permanente dell'Aia team, responsabile del portafoglio delle adozioni internazionali che fornisce la sua prospettiva professionale.

Le nostre opinioni insieme su questo argomento aiuteranno a sviluppare una conversazione approfondita tanto necessaria su come avviene oggi l'adozione internazionale, se fa più male che bene e se può essere etica.

puoi ascoltare qui.

Un enorme grazie a Leigh Matthews per il privilegio di essere coinvolto nel tuo podcast!

Non c'è una crisi orfana, è una crisi di separazione familiare

Non c'è una crisi orfana, è una crisi di separazione familiare.

Le famiglie vulnerabili vengono prese di mira e inutilmente separate dai loro figli. Quando ti rendi conto che 80-90% di bambini negli orfanotrofi hanno famiglie, dobbiamo modificare il nostro modo di pensare. Dobbiamo smetterla di dire che c'è una crisi orfana e quando sentiamo chiese, amici, familiari o vediamo post di Facebook che affermano queste bugie, dobbiamo essere coraggiosi e sfidare queste idee sbagliate. Se continuiamo con la retorica dell'adozione così com'è ora, non stiamo andando bene! Spogliare inutilmente un bambino dalla sua famiglia non è una "vita migliore". Un bambino che perde tutti quelli che ama e tutto ciò che gli è familiare non è nel loro "miglior interesse". Fare qualcosa per “è quello che abbiamo sempre fatto” è irresponsabile ea questo proposito credo criminale. Se siamo consapevoli di queste realtà e non facciamo nulla per affrontarle, anche se scegliamo di ignorarle, siamo complici. 

Nei paesi in via di sviluppo gli orfanotrofi non sono visti come li intendiamo noi occidentali. Molti genitori amorevoli sono convinti che gli orfanotrofi siano un modo per dare ai propri figli le opportunità che non gli sono state date. Proprio come fa ogni genitore amorevole, tutti noi vogliamo il meglio per i nostri figli. I direttori di orfanotrofi e i cercatori di bambini promettono alle famiglie un'istruzione migliore, 3 pasti al giorno, servizi migliorati e un posto sicuro, quindi dormi tutto mentre sono ancora in grado di vedere i loro figli. Purtroppo, la realtà è spesso molto diversa, soprattutto quando si tratta di un orfanotrofio corrotto. Questo tipo di orfanotrofio farà tutto ciò che è in suo potere per tenere la famiglia e il bambino separati. 

L'ho già detto e lo dirò di nuovo. Se scegli di adottare a livello internazionale, non dovresti nemmeno prenderlo in considerazione a meno che tu non sia disposto a investire tempo e denaro per garantire ogni è stato fatto uno sforzo per mantenere quel bambino/i all'interno della loro famiglia e cultura. Fidarsi di un'agenzia di adozione, di un direttore di orfanotrofio o di qualsiasi altra parte che tragga profitto dall'adozione non è accettabile o sufficiente. All'inizio, ho fallito miseramente in questo. Ero all'oscuro della realtà in gioco e, a causa della MIA ignoranza, ho permesso ai criminali di trasferire un bambino innocente dalla sua famiglia. Ho fatto pubblicamente i miei errori e le realtà conosciute all'interno della comunità delle adozioni internazionali nella speranza che i miei errori e le mie rivelazioni attraverso questo processo consentano ad altri di fare meglio. In tutta onestà, dovremmo anche parlare di orfani, adozione, ecc. se non abbiamo affrontato adeguatamente la crisi della separazione familiare? È solo dopo che ci siamo assicurati che a ogni famiglia sia stata data ogni opportunità di stare insieme che dovremmo mai pronunciare la parola adozione.

Scritto e condiviso da Jessica Davis durante il mese nazionale di sensibilizzazione sull'adozione.

Italiano
%%piè di pagina%%