Adopté d'Haïti

par Christla Petitberghien adottato d'Haïti in Francia.
versione inglese qui.

Bandiere di Francia e Haiti

Si la réforme de 2013 a certes permis une avancée, je ne pense que cela suffise. Je crois qu'il faut abolir l'adoption plénière qui non seulement prive les personnes adoptées du contact pourtant cruciale avec leur familles naturelles mais aussi efface même leur exist juridiquement. Notre certificat de naissance est déclaré nul et non avenue et est remplacé par un autre document fittif qui déclare que nous sommes nés de nos adoptants. C'est de la falsificazione. Autrement dit,c'est une forme de détournement cognitif qui nie et écrase notre identité biologique première et notre réalité au profit d'une “Fiction” dite légale et pourtant qui est à l'origine de la plupart des discriminas systémiques aux failes nous devons face nous, personnes adoptées, groupe social marginalisé et invisibilisé. Je me demande toujours comment les gens peuvent trouver ça normal de couper et de détruire les liens entre l'enfant et sa famille ? Comment est-ce que nous pouvons trouver cela accettabile ? Pourquoi nous trouvons normal que des individus est à passer leur vie à chercher leur famille ? À vivre dans l'incertitude et la non-information ? À se demander qui si sa famille est toujours en vie ? Ou si nous retrouverons nos pères et mères décédés ? Pourquoi avons-nous tant banaliser la séparation et cherchons même à l'encourager. Nous devrions cesser de croire que pensionati les enfants des familles aux situazioni socio-économique précaires aide l'enfant. Ça ne l'aide pas. Ça ne résout rien si ce n'est créer plus de traumas à cette enfant.

Dans le système de l'adoption, la pauvreté est perçue comme une raison pouvant justifier l'adoption des enfants. Su supponiamo donc que pensioni les enfants de leur famille est une solution à la pauvreté. Alors même que les condition de vie de la famille d'origine ne devraient pas être la raison de toute séparation d'un enfant à ses parent. N'avons-nous pas vu les véhémentes réactions de la popolazione americana et mondiale lorsque Donald Trump avait mis en place une politique de separations entre des familles immigrées et leurs enfants? Combien de personnes étaient scandalisées ? Combien de personnes alertaient sur le fait que séparer un enfant de sa famille en ragion de leur situazione économique est inhumain ? Pourtant, dans le cadre de l'adoption, la même ha scelto se produit. Les mères sont séparées de leurs enfants pour des raisons économiques et sociales au lieu de recevoir le soutien approprié et personne ne s'en offusque. Grâce à l'adoption, cela est rendu accettabile. Riitta Högbacka, chercheuse à l'université de Helsinki a bien rappelé dans son étude sur “l'adoption internationale et la production sociale de l'abandon” que “l'Assemblée générale des Nations unies (2010) a, par exemple, clairement déclaré que la pauvreté ne devrait jamais être la seule justification pour pensioni un enfant à ses parent, pour le placer dans une structure de protection de remplacement ou pour empêcher sa réinsertion, mais qu'elle devrait être considérée comme un signal de laapportercessité un soutien appropriato alla famiglia. Dans la pratique, le manque matériel est un facteur de motivazione des adozioni, et les mères naturelles appauvries n'ont pas reçu d'aide ou de soutien pour garder leur enfant. Le système d'adoption laisse les mères à elles-mêmes et ne les aident pas.” C'est bien vrai, combien d'entre nous, avons retrouvé nos familles dans la même situazione qu'au momento de notre adozione ? Toujours dans la même pauvreté, toujours sans ressources et n'ayant reçu aucune aide? I genitori sont toujours laissés pour compte dans le système de l'adoption. Comme l'a dit Debora L. Spar, la doyenne associata principale della Harvard Business School Harvard School of Business, «Ce sont les États pauvres qui produisent les enfants et les riches qui les consomment. Dans ce processus, les parentes pauvres sont laissés pour compte, n'étant que les fabricants initiaux des enfants d'autres personnes. ».

Arrêtons de penser que les enfants dans les crèches et orphelinats n'ont pas de familles, qu'ils ont été délaissés ou abbandonato parce que ce n'est pas vrai pour la très grande majorité. Beaucoup de personnes prétendent que les familles ont fait le choix de laisser leur enfants. Ce n'est pas vrai. Aucunes n'avaient la capacité de faire un choix authentique réel et authentique. En effet on leur proponi pas d'autres possibilités que l'adoption. Il n'existe pas d'alternatives de award en charge temporaire, d'aider financière, de Structures d'acceuil des mères en situazione difficiles, de soutien face aux manques de ressources. Donc qu'est-ce qu'un choix fait en l'absence d'autres choix ?Ce que nous ne considérons pas dans la rhétorique du supposé libre choix des familles naturelles, c'est le cadre bien précis et contraignant dans lequel la décision de la separazione s'inscrit. De fait, ce que nous écartons de la table, c'est la manière dont le renoncement de l'enfant par une mère et sa famille a été déterminé par des facteurs sociaux, économiques et politiques.les action de la plupart des mères naturelles, loin d'être un choix éclairé et fait en toute liberté sont plus des séparations forcées qu'autre choose. Leur “choix” s'est fait en l'absence de toutes autres alternatives, donc contraint par l'inégalité des condition dans lesquelles elles vivent. De plus,lorsqu'on parle de « consensoment éclairé » en matière d'adoption, il faudrait rappeler que toujours ce consensoment n'est jamais parfaitement éclairé et qu'il y'a toujours une énorme asymétrie d'informations qui lescipent à favoriti consentments des mères naturelles. In effetti, si quelques fois les mères ont été Correctement informées de leur perte de tous droits parentaux sur l'enfant et la rupture permanente avec leur progéniture que cause l'adoption, Certaines informations qui seraient pourtant déterminantes pour la mères decisions leur sont jamais dit. De quoi je parle ? Du traumatisme dévastateur qu'engendre la séparation d'une mère et son enfant tant pour elles-mêmes que pour l'enfant. Les mères ne sont jamais mises au courant des recherches établie sur la séparation, des risques pour l'adopté, des chances d'infertilité secondaire et de développer des troubles psychiques et un stress post-traumatique, de l'importance du lien mère-enf . Comment expliquer que les adoptants sont aujourd'hui dûment informés des effets des traumatismes ( separazione, déraciment et adozione) sur l'enfant adopté alors même que les mères naturelles qui sont poussés à prendre une décision aux décision aux consétrés? On voit donc que le consensoment ne peut dès lors jamais être fait de façon éclairée quand on omet la vérité sur le devenir de l'enfant et sa mère.

Ainsi, nous devons penser les enfants des crèches non comme délaissés mais comme ayant une famille. Ces enfants ont des genitori et sinon toute une famille élargie qui tiennent à eux. Nous devons penser pas à cette famille. Parce que nous n'aiderons véritablement les enfants, nous ne pourrons prévenir les abbandonare qu'en prenant en compte leur famille. Aidons les plutôt à garder leur enfants. Soutenons les financièrement pour qu'ils puissent les élever dignement. Investissons nelle associazioni di conservazione familiare e riunificazione familiare. Investissons nei programmi di autonomia delle famiglie. Travaillons pour réduire toujours plus le nombre d'adoptions.

L'adozione è davvero l'opzione migliore?

Un'adottato transrazziale di Haiti pesa

di Judith Alexis Augustine Craig adottato da Haiti in Canada.

Foto dell'orfanotrofio di Judith – Haiti, 1979

Dall'annuncio del giudice Amy Coney Barrett come nuova nominata per la Corte Suprema c'è stato un attento esame della sua politica, delle sue opinioni religiose e della sua famiglia. In quanto haitiana adottata, mi sono interessata molto alle discussioni sui suoi figli adottivi di Haiti. C'erano molte domande sulla legittimità delle sue adozioni, in particolare su suo figlio che è stato adottato in seguito al terremoto di Haiti. Questo mi ha particolarmente colpito, perché in seguito al terremoto ci sono stati molti discutibili trasferimenti di bambini haitiani.

Sono stato intervistato da diversi media dopo il terremoto e questa domanda è stata sollevata continuamente. Al momento la mia risposta è stata diretta. Sapevo che molti bambini erano stati adottati legalmente, ma stavano aspettando che il governo approvasse il processo in modo che potessero raggiungere le loro famiglie adottive all'estero. Ho sentito, alla luce della situazione, che fosse opportuno che quei bambini potessero raggiungere immediatamente le loro famiglie. La sfida è diventata per quei bambini che sono stati 'presunti' orfani dopo il terremoto e sono stati 'salvati' da molte agenzie internazionali che li hanno prelevati e portati via da Haiti senza verificare se fossero veramente orfani o se esistessero familiari alternativi per i bambini con cui convivere. Abbiamo guardato con orrore come i bambini sono stati portati via da Haiti entro una settimana dopo il terremoto e poi abbiamo appreso che non erano orfani, né erano parte di un processo di adozione e peggio ancora avevano famiglie. Inoltre, abbiamo visto membri di un gruppo religioso tentare di attraversare illegalmente il confine con la Repubblica Dominicana con bambini haitiani, nessuno dei quali era orfano. Questi sono solo alcuni esempi di rapimenti illegali di bambini avvenuti subito dopo il terremoto.  

Molte persone sentivano che queste organizzazioni religiose internazionali o ONG stavano facendo bene a rimuovere questi bambini da questo orribile disastro naturale, invece era vero il contrario. Questi bambini avevano appena subito un trauma estremo e ora affrontavano un altro trauma rimosso senza preavviso, consenso o preparazione. I Servizi Sociali Internazionali (ISS, 2010) hanno affermato che l'adozione internazionale non dovrebbe avvenire in una situazione di guerra o di calamità naturale quando era impossibile verificare la situazione personale e familiare dei bambini.1

La triste realtà è che le adozioni illegali internazionali del mercato nero continuano a prosperare in tutto il mondo, con bambini che vengono rapiti dai loro genitori o genitori costretti a rinunciare ai propri figli. Sono persuasi a farlo tra false promesse che saranno educati all'estero e poi restituiti alla loro famiglia o che le loro famiglie potranno unirsi a loro in futuro. Ciò ha portato molti paesi a chiudere tutti insieme i propri confini all'adozione internazionale o ad attuare regolamenti più severi.  

Haiti ha seguito l'esempio e ha introdotto misure più severe che vietano le adozioni private, limitando il numero di adozioni internazionali all'anno, chiudendo gli orfanotrofi al di sotto degli standard e riscrivendo il codice delle adozioni. Ulteriori misure includevano un maggiore sostegno alle famiglie ad Haiti prima che accettassero l'adozione del loro bambino e un periodo di tempo obbligatorio per le famiglie per cambiare idea.2

Mentre alcuni temono che queste nuove restrizioni significheranno che i 50.000 bambini negli orfanotrofi languiranno nelle cure, la riforma è assolutamente necessaria per proteggere i bambini e le loro famiglie”. Durante il mio viaggio ad Haiti mentre stavo cercando la mia famiglia biologica, ho incontrato dozzine di famiglie che avevano abbandonato i loro figli anni prima, molti con false pretese, e non li avevano mai più sentiti o visti. È stato straziante vedere queste famiglie in tale dolore e angoscia per i loro figli perduti. Molti degli 'orfani' ad Haiti sono collocati in orfanotrofi a causa delle difficoltà economiche che stanno attraversando le loro famiglie. Lasciare i propri figli in un orfanotrofio è inteso per un breve periodo di tempo mentre si stabilizzano le loro vite. Molti genitori hanno tutte le intenzioni di tornare per riprendere a prendersi cura dei propri figli. Immagina l'orrore quando hanno scoperto che il loro bambino era stato adottato all'estero. Allora, qual è la soluzione?

Come assistente sociale negli ultimi 15 anni ho lavorato in paesi sviluppati con intricati sistemi di assistenza all'infanzia che supportano i bambini e le loro famiglie che affrontano una vasta gamma di sfide. Ad Haiti non esistono sistemi di affido allo stesso modo e questa è un'area che potrebbe fornire un supporto temporaneo tanto necessario alle famiglie. Anche se questo approccio richiederà un'ulteriore istruzione per la comunità haitiana e un impegno finanziario e pratico da parte del governo, manterrà unite le famiglie e preverrà l'adozione non necessaria e illegale.

Anche se non posso parlare delle circostanze specifiche che circondano le adozioni del giudice Barnett, spero che siano state legali e superiori a bordo. La mia più grande speranza è che continuino a verificarsi ulteriori trasformazioni all'interno del sistema di adozione internazionale in modo che le famiglie possano rimanere insieme ovunque in sicurezza e che le riforme continuino a proteggere i diritti dei bambini e delle loro famiglie. L'adozione dovrebbe essere l'ultima risorsa, quando tutte le altre strade per mantenere i bambini all'interno della loro famiglia sono completamente esaurite e sostenute.

Riferimenti

  1. Adozione internazionale dopo il terremoto di Haiti: salvataggio o rapina?
  2. Haiti aggiusta il sistema di adozione, ma alcuni temono troppo pochi adottati

L'adozione internazionale può essere etica? Fa bene?

In questa nuova serie in 3 parti, Leigh Matthews al Podcast di DoGooder (anche il co-fondatore di Ripensare gli orfanotrofi), discute con me il perché e il come se l'adozione internazionale sia utile e possa mai essere etica.

Personalmente ho trovato questa intervista la più approfondita che abbia mai fatto su questo argomento. Non ho avuto la precedenza sulle domande e alla fine sono rimasto un po' scosso e sconcertato quando mi sono reso conto che alcuni dei contenuti di cui avevo parlato non erano così coerenti come avrei voluto perché nessuno aveva mai chiesto domande così intense prima. Dopo tutti questi anni in cui parlo, di solito ho perfezionato il modo in cui descrivo e rispondo alle domande perché parlando ripetutamente sull'argomento, divento più succinto nel tempo. Questa volta, tuttavia, il mio modo di pensare/parlare è crudo per una buona parte di esso e Leigh ha fatto un lavoro fantastico nel scuotermi! Ha un modo naturale di intendere questo argomento dato che il turismo degli orfanotrofi è così strettamente connesso.

Non vedo l'ora di ascoltare le prossime due donne di questa serie: Jessica Davis, madre adottiva americana che ha restituito il figlio adottivo alla sua famiglia in Uganda dopo aver scoperto che non era stata una vera orfana né abbandonata con una chiara comprensione del nostro diritto occidentale concetto di adozione. Jessica ha continuato a fondare un'organizzazione Kugatta per assistere altre famiglie adottive che si trovano in situazioni come la sua. Poi Laura Martinez-Mora, avvocato e segretario nel Ufficio permanente dell'Aia team, responsabile del portafoglio delle adozioni internazionali che fornisce la sua prospettiva professionale.

Le nostre opinioni insieme su questo argomento aiuteranno a sviluppare una conversazione approfondita tanto necessaria su come avviene oggi l'adozione internazionale, se fa più male che bene e se può essere etica.

puoi ascoltare qui.

Un enorme grazie a Leigh Matthews per il privilegio di essere coinvolto nel tuo podcast!

Killdeers coreani

Sono stato allevato in un piccolo caseificio che si trovava ai margini della Red River Valley sul lato del Minnesota. Sono cresciuto in una comunità agricola rurale che era piena di una lussureggiante foresta verde di mais, onde ambrate di grano e punti intermittenti di fattorie ricoperte da fitti alberi decidui. Su queste vaste pianure viveva un curioso uccellino, in termini scientifici, chiamato a Charadrius vociferous. Questi piccoli uccelli marroni insignificanti con zampe lunghe e sottili hanno fatto i loro nidi a terra nei campi e sulla costa in tutto il Nord America. La gente del posto, dove sono cresciuto, chiama questo uccello dal verso in falsetto che fa... uccidi cervi, uccidi cervi. Sono certo che se gli uccelli potessero parlare, prenderebbero in giro le gambe sottili come una matita e il corpo ossuto dell'assassino.

Ciò che rende memorabile questo benigno aspetto esteriore senza lucentezza sono le capacità recitative dell'uccello. Questo uccello finge di avere un'ala spezzata per attirare predatori e intrusi come un cane curioso o bambini piccoli lontano dalle loro preziose uova. È incredibile osservare questi uccelli urlare e sbattere le ali e poi sfrecciare via quando ti avvicini a loro. Gli uccelli meritano un Emmy Award per le loro performance drammatiche. Ho bei ricordi d'infanzia di inseguire questi piccoli amici piumati e sono stato indotto a credere che avessero bisogno di cure mediche. Non ho mai localizzato le uova degli uccelli, ma ricordo di aver visto pulcini piumati lanuginosi che sfrecciavano come un gruppo di scolari che si divertivano nei campi da gioco.

Durante i miei studi ho appreso che gli uccelli killer erano originari del Nord America, quindi sono rimasto sbalordito nel vedere simili buffonate durante i miei viaggi in Corea. All'inizio pensavo che i bambini che salutavano i soldati fossero i bambini normali mentre passavamo nei nostri veicoli cingolati blindati. Pochi istanti dopo, mi sono reso conto che questi mascherati erano in realtà dei professionisti che facevano una truffa. Questi bambini attori mi hanno ricordato i pretenziosi Killdeers feriti a casa nelle praterie del Minnesota. Come gli uccelli, giocavano feriti. Invece di ali spezzate, hanno recitato con lacrime di alligatore e facce imbronciate. Il familiare assassino, le grida di angoscia degli assassini furono sostituite da voci infantili che imploravano oggetti, "MRE, MRE", "GI gimme MRE!" I bambini chiedevano cibo preconfezionato dell'esercito chiamato Piatti pronti da mangiare o MRE in breve. Ho guardato i bambini con cautela e sono stato interrotto dal mio sguardo dal mio amico.

“Ehi, Hansen! Ho mangiato parte del mio pranzo durante il nostro viaggio e darò il resto del mio pasto. Watcha pensare?" "Non mi interessa", risposi. Ho riflettuto per un secondo e ho riportato a fuoco i bambini. "Hmmm, ad essere onesti, non credo davvero che vogliano i tuoi avanzi." Barrick è saltato giù dal veicolo prima che potessi finire la mia risposta. Barrick sembrava un gigante imponente rispetto alle due bambine ed era comico vederlo provare a parlare coreano con loro. Ho guardato con divertimento mentre le bambine rifiutavano il suo pacchetto MRE aperto. Hanno fatto segno che volevano interi pacchi MRE che giacevano sopra il mio veicolo blindato. Barrick ha insistito sul fatto che gli oggetti all'interno della familiare busta di plastica marrone erano ancora in buono stato. "Vedi", ha sostenuto mentre teneva i cracker sigillati in aria e faceva gesti facciali che gli articoli erano deliziosi.

Potrei dire che la ragazza più grande, che aveva circa 8 anni, si stava infastidendo. Ha sbuffato diverse volte e poi ha rifiutato sfacciatamente l'offerta agitando le mani affinché si perdesse. Quando ha fatto la sua ultima offerta, la ragazza più grande ha alzato il pugno in aria e ha dato a Barrick l'uccello!

Barrick si voltò verso di me scioccato e mi chiese incredulo: "Hai visto? Ha alzato il dito medio!» Barrick fece qualche passo indietro verso il veicolo della pista e si voltò ancora una volta per vedere la bambina che gli faceva la linguaccia. Scosse la testa incredulo e disse: "Solo pensare, mi dispiaceva per lei!"

Un altro soldato si avvicinò ai bambini piccoli e porse alla più piccola delle caramelle, sembrava avere circa 5 anni. Le piccole dita stringevano i pezzi di caramelle dure e lei iniziò a metterne un pezzo in bocca. Poi veloce come un fulmine, il figlio maggiore colpì il più piccolo con una caramella in faccia. Ha assestato un paio di colpi duri alle piccole guance con i palmi aperti. Il viso del figlio maggiore era pieno di rabbia. Poi, come punizione, la più grande delle ragazze ha tolto i guanti diradanti dalla più piccola e li ha infilati nelle tasche del cappotto.

Abbiamo tutti guardato la scena con orrore e incredulità. Ho chiesto al mio KATUSA (Corean Augmentee to the US Army), un soldato nazionale coreano che era assegnato alla nostra unità, di venire con me e tradurre per me. Mi sono inginocchiato nella neve e ho afferrato con cautela la ragazza più grande per le spalle e le ho chiesto perché stesse picchiando sua sorella. La ragazza si staccò da me e la riportò verso il mio viso. Mi alzai e camminai davanti a lei e mi inginocchiai. Questa volta le ho chiesto se amava sua sorella minore e se sì perché l'aveva colpita in faccia. Il KATUSA tradusse di nuovo il mio messaggio e, dopo alcuni minuti di interrogatorio, il forte sguardo freddo della ragazza maggiore si dissipò e lei iniziò a singhiozzare tra le mie braccia.

La ragazza piangente sbottò un fiume di parole e lasciò il mio abbraccio per abbracciare la sua sorellina. Dopo una breve conversazione, ho appreso che i bambini sono stati costretti a stare fuori a venti gradi sotto la temperatura per implorare MRE dai soldati statunitensi di passaggio che si sono addestrati vicino a casa sua. I suoi genitori erano contadini poveri e integrarono il loro magro reddito vendendo le razioni dell'esercito al mercato nero. Mentre ascoltavo la sua storia ho iniziato a vedere i segni rivelatori di abbandono. Ho notato che le dita esposte erano rosse e gonfie per il lieve congelamento e le guance screpolate dall'esposizione. I capelli erano arruffati e opachi fiocchi di forfora erano presenti nei loro capelli e gli abiti orribilmente attillati li tenevano a malapena caldi dai gelidi venti montuosi della Corea.

Tante domande riempiono la mia mente mentre racconto questa storia che è successa tanti anni fa. Chissà quale stronzo insegnerebbe a una ragazzina il significato del dito medio. Spero di aver avuto un impatto migliore su di lei e che abbia imparato ad amare e amare le sue sorelle, nonostante il fardello che i suoi genitori le hanno posto sulle spalle quando aveva 8 anni. Rivisito questa storia di tanto in tanto e rifletto su come sta questa ragazza. Sarebbe stata meglio adottata come me e soffrire come me, o sarebbe stato meglio essere tenuta con la sua povera famiglia in Corea? Il viaggio "una volta nella vita" per vedere la mia "patria" mi ha insegnato più su me stesso di quanto immaginassi possibile. Spero che questa ragazza sia diventata una donna forte e indipendente che non ha altro che felicità.

Italiano
%%piè di pagina%%