Complessità dell'adozione internazionale

Schermata 2016-04-17 alle 4.47.22 am

Recentemente un giornalista ricercatore di Sth American mi ha contattato per fare alcune domande sull'adozione internazionale e le mie opinioni. Ho adorato il suo commento conclusivo: "Vogliamo capirne di più (adozione internazionale) e crediamo che la visione di chi l'ha vissuta sia essenziale per questo".

1. Raccontaci un po' della tua vita. Quanti anni avevi quando sei stato adottato dalla tua famiglia australiana? Qual è stato questo processo? Dove tu abbastanza vecchio da capire cosa stava succedendo?

2. Hai sentito il bisogno di entrare in contatto con la cultura del tuo paese di origine? Quando è successo?

3. È comune tra i bambini adottati da altri paesi avere questo bisogno?

4. Pensi che ci siano casi in cui le adozioni internazionali non sono l'opzione migliore?

5. Qual è l'origine del gruppo Intercountry Adoptee Voices?

6. Perché le persone partecipano all'ICAV?

7. Com'è il tuo lavoro in ICAV?

Ecco le mie risposte.

Sono un'adozione vietnamita che vive in Australia, adottata all'età di 6 mesi. I miei genitori adottivi hanno organizzato la mia adozione privatamente tramite un avvocato vietnamita, Le, che ha lavorato anche per il governo vietnamita durante la guerra del Vietnam. Le ha informato i miei genitori adottivi che lui e sua moglie hanno trovato una bambina per loro nel luglio 1973 e ha consigliato ai miei genitori di volare per riportarmi in Australia poiché questo sarebbe stato il modo più rapido. Così mio padre adottivo è volato a Saigon (ora Ho Chi Minh) e mi è venuto a prendere e mi ha riportato in Australia, dicembre 1973. Ad oggi, non abbiamo mai visto documenti di adozione dalla fine del Vietnam e non è stato fino a quando avevo 16 anni vecchio che il governo australiano ha inventato il mio falso certificato di nascita australiano e ha finalizzato la mia adozione nella famiglia che mi stava crescendo.

Perché questo processo si verificasse, all'età di 16 anni un altro assistente sociale è venuto a trovarci per far ripetere il processo di adozione dato che le valutazioni originali sull'adozione del mio genitore adottivo sembravano mancare. L'agenzia australiana che aveva facilitato questo nel settembre 1973 non esisteva più e nel 1977 aveva dimostrato che i documenti erano scomparsi anche se l'assistente sociale era stato chiaramente in contatto e valutato la mia famiglia adottiva. Ricordo che qualcuno venne a parlare con me di cose sull'adozione, ma a quell'età della mia vita, ero concentrato sulla sopravvivenza e dato che i miei fratelli adottivi mi prendevano in giro per "non esistere perché non avevo documenti di nascita", ovviamente quando il social lavoratore ha chiesto se volevo essere adottato e ottenere documenti, ho detto di sì. Quello che non ricordo è se mi hanno mai parlato chiaramente di cosa significasse l'adozione, né se è stata fatta alcuna offerta per aiutarmi a trovare la mia famiglia biologica oi miei documenti originali vietnamiti.

Quindi ero abbastanza grande per capire il significato di "adozione"? Ora che sono sulla quarantina, dico assolutamente di no. A quell'età, ricordo che la mia attenzione era sul "cercare di inserirmi" con i miei coetanei.. cercando di sentirmi parte di una comunità, di una famiglia. Quindi, ovviamente, quando qualcuno mi dice che questo è ciò che farà l'adozione, allora ovviamente acconsento. Ma ora che ho 40 anni, sospetto che nessuno mi abbia davvero dato una grande scelta. Sarebbe stato se non avessi acconsentito ad essere adottato, sarei stato nella terra di nessuno - non potendo essere un cittadino australiano, non potendo probabilmente tornare in Vietnam perché non avevo nemmeno la prova di essere nato lì . Se qualcuno si fosse offerto per conto del governo australiano di cercare la mia famiglia biologica - sono sicuro che avrei detto che lo preferivo perché da bambino e nella mia adolescenza ho provato un enorme senso di perdita - ma non ne ho mai parlato perché Avevo indirettamente assorbito le aspettative della società e della famiglia adottiva che ero “fortunato” ad essere adottato – che dovevo essere grato di vivere in Australia – che in alternativa sarei stato morto o per strada in Vietnam. Per un adolescente, quelle opzioni suonano molto drammatiche e, naturalmente, non sono qualcosa che avrei scelto se volevo sopravvivere.

Non ho sentito il bisogno di contattare la mia cultura biologica e il mio paese di origine fino alla fine dei miei 20 anni. In breve, ho dovuto superare alcuni problemi negativi da superare prima di quello che avevo vissuto nella mia vita, quindi ci sono voluti alcuni anni per arrivare al fondo delle cose e rendermi conto che da adulto avevo anche problemi di abbandono più profondi. Una volta che ho esplorato questi problemi, sono diventato più pronto e disposto a tornare nel mio paese natale e vedere cosa avrebbe suscitato. Avevo 27 anni quando feci il mio primo viaggio di ritorno in Vietnam. È stato un viaggio emotivamente travolgente, ma l'unico momento clou che ricordo di più è stata una conversazione in inglese rotta con una signora vietnamita locale che mi ha detto qualcosa che ha catturato ciò che avevo sentito per tutta la vita, ma nessuno l'aveva mai detto. Questa signora vietnamita mi ha fatto domande su da dove venivo e perché ero qui in Vietnam e quando ho spiegato molto semplicemente "nata qui ma portata via da piccola per avere genitori bianchi in Australia" ha detto, "oh, ti sei perso così tanto!" E sì, in sostanza, il mio viaggio di ritorno in Vietnam mi ha fatto capire quanto mi fosse mancato l'essere adottato in un altro paese: mi era mancato conoscere la mia eredità e cultura, la lingua, il senso di appartenenza, conoscere la mia famiglia , il senso di comunità che lega insieme queste comunità nonostante siano più povere nell'indice di ricchezza, di adattarsi e assomigliare a tutti gli altri intorno a me, di conoscere la storia della guerra e ascoltarla / sperimentarne le ramificazioni e comprenderla al momento livello di "vissuto", di vedere l'impatto della guerra sulle persone intorno e capire cosa spinge il paese in avanti, così tanto che mi ero perso. Col senno di poi forse stava commentando non dall'angolazione che interpretavo io, ma forse come una "fortuna che ti sei perso tutte le terribili ramificazioni della guerra" ma non è così che si è imbattuta - sembrava triste per me ed era la sua empatia per ciò che Non lo ero, ma avrei potuto facilmente essere ciò che non avevo mai sperimentato prima. Stava guarendo in sé.

Per molti anni ho lavorato volontariamente nella creazione di un gruppo di supporto per adulti adottati all'estero come me. Le mie lotte crescendo in un paese adottivo mi hanno fatto capire la necessità di sostegno. Nella mia guarigione avevo appreso il potere della convalida di gruppo e dell'empatia da altri che avevano percorso un percorso simile. Quindi nei 17 anni da quando ho diretto un gruppo chiamato InterCountry Adoptee Voices, ho incontrato centinaia di altri adottati internazionali cresciuti non solo in Australia, ma in altri paesi ricchi come Stati Uniti, Paesi Bassi, Inghilterra, Canada, ecc. . e nella mia esperienza di ascolto di molti altri come me, direi di sì, è comune per gli adottati internazionali avere il bisogno di voler esplorare il loro paese di origine e la cultura e conoscere l'altra metà della loro identità. Per alcuni, non c'è alcun desiderio, ma in generale, molti finiscono per voler esplorarlo a un certo punto della loro vita. Penso che per gli adottati che sono stati cresciuti con famiglie adottive molto positive che abbracciano tutte le perdite e le sfide e crescono il bambino in modo che sia in grado di esplorarli e parlarne liberamente, aiuta sicuramente a percorrere questo viaggio di essere abbandonati e adottati con più sollievo. Quello che ho visto per la maggior parte è che il viaggio è di solito più complicato rispetto alla persona non adottata perché siamo innescati dal nostro abbandono precoce a lottare con la connessione, il rifiuto, l'autostima e un sentimento di non appartenenza.

La domanda se penso che ci siano casi di adozione internazionale che non sono l'opzione migliore è una domanda fantastica! Mi congratulo con chiunque me lo possa chiedere. Vorrei che più governi facessero questa domanda. Se guardiamo alla storia delle adozioni coreane e scopriamo la loro realtà parlando con loro oggi, si potrebbe concludere che molte delle loro adozioni sono state fatte semplicemente a causa della mancanza di opzioni disponibili per le madri single. In altri casi coreani, le famiglie biologiche sono ancora insieme ma all'epoca non avevano risorse per crescere i loro figli – così hanno cercato un'alternativa – che in Corea, l'adozione è davvero l'unica opzione piuttosto che cambiare atteggiamenti e valori antiquati. Ciò si riflette in tutto il mondo da altri paesi di invio, come India, Cina, Etiopia, Romania, Guatemala, Cambogia, Vietnam. Di solito l'adozione internazionale è avvenuta a causa della mancanza di alternative per la famiglia biologica.

Nel 2015, viviamo in un mondo in cui c'è un enorme divario tra coloro che hanno ricchezza e coloro che vivono in povertà. Se il mondo dividesse la sua ricchezza e la distribuisse in modo più equo, non credo che ci sarebbe un bisogno così grande di adozione. L'altro problema che viviamo come adottati è la realtà che l'adozione recide legalmente il nostro diritto al nostro diritto di nascita – essendo la nostra identità e il nostro patrimonio. Questo è fondamentalmente sbagliato quando viene fatto senza il nostro consenso (in un momento in cui siamo troppo giovani per comprenderne le implicazioni). Secondo la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (UNCRC), se siamo orfani abbiamo il diritto umano fondamentale di conoscere la nostra identità ed essere tenuti con la nostra famiglia, comunità e paese. Il problema che vedo oggi è che l'adozione internazionale è diventata un'enorme macchina guidata dal denaro, alimentata dalle coppie benestanti in cerca di un bambino, con i baby broker nel mezzo che sfruttano l'iniqua divisione tra ricchi e poveri, e incontrollata e non penalizzata dai governi intorno il mondo. Non è stato fatto abbastanza per garantire che tutte le altre opzioni siano esaminate e autorizzate prima di consentire che un bambino venga dato in adozione internazionale. Non esistono controlli doppi o tripli effettuati dai paesi di origine o di accoglienza per garantire che un bambino sia veramente un orfano legittimo, come definito dall'UNICEF, poiché ha perso entrambi i genitori. Dove c'è una famiglia o una comunità, non c'è abbastanza offerta in termini di “ricchezza” per garantire che le persone locali/del paese di origine abbiano opzioni per crescere il bambino. C'è di più che si potrebbe fare per facilitare il micro prestito per le famiglie povere. C'è di più che si potrebbe fare per aiutare le famiglie che stanno lottando per la mancanza di istruzione e opportunità.

L'adozione internazionale è diventata una soluzione facile per i paesi ricchi per "consentire" ai bambini di essere esportati come una merce perché non hanno la spina dorsale per fare la cosa giusta da parte del bambino e aiutare a facilitare questi paesi più poveri (con l'eccezione della Corea del Sud e ora il USA da quando è diventato un paese di invio) per impostare un numero sufficiente di opzioni basate sulla comunità che impedirebbero la necessità di adozione internazionale. La Convenzione dell'Aia sull'adozione internazionale è diventata un modo legittimo per continuare l'esportazione di bambini senza che vi sia alcun disincentivo legale dal traffico aperto che è il lato più oscuro di questo business. Credo che l'adozione da parte dei parenti fosse probabilmente l'intenzione originale che era buona, ma il problema è che l'adozione è diventata più di quanto previsto e c'è semplicemente una mancanza di forza di volontà da parte delle nazioni al potere e di coloro che non ce l'hanno, per garantire il al bambino vengono date tutte le opzioni PRIMA dell'adozione internazionale. Questo è quando l'adozione non è l'opzione migliore.

Naturalmente ci sono anche i numerosi casi di adozioni internazionali in cui il bambino adottato viene maltrattato, maltrattato e ucciso dalla famiglia adottiva, il che è un caso assolutamente facile da evidenziare quando l'adozione internazionale non è l'opzione migliore. Inoltre, i casi in cui il bambino adottato finisce per essere espulso nel suo paese di origine perché i genitori adottivi non sono riusciti a finalizzare l'adozione, anche se all'inizio non hanno mai avuto voce in capitolo sull'esportazione. Poi ci sono i casi in cui i nostri certificati di nascita sono falsificati e, ancora una volta, l'adozione internazionale non è l'opzione migliore a causa di questa realtà – che le nostre identità originali, il nostro diritto umano fondamentale, sono “come se non fossero mai esistite”. Le adozioni internazionali non sono l'opzione migliore quando non c'è traccia dei bambini e non si garantisce negli anni successivi di follow-up che sia stato davvero nel loro "migliore interesse" e che siano cresciuti fino a diventare adulti pienamente funzionanti ed emotivamente sani.

Allora cosa resta? Quando ci sono casi di adozioni internazionali che SONO l'opzione migliore? Quando entrambi i paesi di origine e di destinazione hanno fatto tutto il possibile, date le loro risorse congiunte, per facilitare tutte le altre opzioni per la cura del bambino, compresa l'assistenza familiare e comunitaria, e se queste continuano a non funzionare, credo che potrebbe essere un'opzione legittima all'adozione internazionale – MA con il certificato di nascita originale rimasto intatto e con il bambino che ha pieno accesso al futuro. Al bambino dovrebbe anche essere consentito di avere la doppia cittadinanza in entrambi i paesi per facilitare il ritorno e l'accesso ai servizi per aiutare il ricongiungimento con la famiglia biologica, se lo desidera. Dovrebbe anche essere disponibile una suite completa di servizi (ad es. psicologici, sociali, di traduzione, medici, finanziari) per aiutare l'adottato a navigare sia nelle culture che nelle lingue e per garantire che crescano adulti ben adattati ed emotivamente sani.

Nota: ciò che deve essere discusso è applicare la domanda 4 dal punto di vista della famiglia biologica. Troppo spesso le famiglie biologiche provenienti dall'adozione internazionale sono ricercate dai media per commentare e fornire le loro opinioni longitudinali.

Le origini di InterCountry Adoptee Voices (ICAV) è che è stato avviato perché ho visto il potere della convalida e del supporto di gruppo e come può aiutare a guarire le nostre ferite di abbandono avendo un senso di appartenenza da coloro che hanno percorso un simile il percorso. Ho fondato ICAV nel 1998 in Australia e oggi è cresciuto fino a includere adottati internazionali da molti paesi del mondo. Penso che gli adottati partecipino all'ICAV per la necessità di sentirsi come se qualcuno da qualche parte potesse capire com'è il viaggio: le sfide, le domande, gli alti e bassi della ricerca e delle riunioni, il razzismo, il bisogno di un senso di appartenenza e molti altri. Amo il mio lavoro in ICAV. Amo sentire nel corso degli anni come la vita è in viaggio per gli adottati e sono sempre appassionato di educare il pubblico più ampio sulle complessità e sui problemi coinvolti.