Esperienza vissuta di razzismo nell'adozione internazionale transrazziale

Una settimana fa, uno straordinario gruppo di 6 adottati transrazziali internazionali ha condiviso con me le loro esperienze di razzismo, cresciuti in un paese in cui la maggioranza razziale non riflette il colore della loro pelle e l'aspetto esteriore.

Il webinar si concentra sulle esperienze australiane perché abbiamo fornito questo forum durante l'orario lavorativo per i professionisti dell'adozione e dell'affido australiani. Secondo la mia esperienza, il collegamento con migliaia di adottati internazionali in tutto il mondo attraverso l'ICAV, il razzismo e il modo in cui lo soffriamo e lo viviamo, è un fenomeno condiviso a livello globale, indipendentemente dal paese di adozione.

Ascolta le esperienze condivise qui alla registrazione del nostro webinar panel:

Timecode per chi vuole arrivare alle parti rilevanti:

00:00:00 – 00:03:13 Introduzione e perché discutiamo di razzismo
00:03:27 – 00:04:30 Benvenuti nel paese
00:04:35 – 00:08:20 Introduzione del panel di adozione
00:08:20 – 00:41:14 Che aspetto ha il razzismo e i suoi impatti
00:41:15 – 01:09:47 Suggerimenti su come possiamo essere supportati meglio
01:09:56 – 01:23:14 Domande e risposte con il pubblico
01:23:15 – 01:26:02 Grazie e riepilogo dei punti chiave

risorse

Il nostro ultimo documento prospettico ICAV su Razzismo
Il nostro consigliato Risorse per la gara
ICAV Risorsa video include discussioni su razza e razzismo
Supporti post-adozione

Cicatrici da battaglia in adozione

di Mike, adottato da Hong Kong alla Nuova Zelanda.

Queste sono le mie cicatrici di battaglia di quando avevo circa 12-13 anni, fatte in questi periodi di vacanza. Mi deprimevo davvero guardando tutte quelle famiglie amorevoli con genitori che assomigliavano a loro, parlavano come loro, ecc. Non aiutava ero un maschio cinese con genitori bianchi.

Ogni volta che guardo i miei polsi sono grato di aver superato quei momenti. Mi ci è voluto fino all'età di 30 anni prima di affrontare davvero il mio disturbo da stress post-traumatico e la depressione a causa della mia adozione interrazziale e internazionale. Di tanto in tanto ho dei momenti in cui torno nel mio passato e penso a "ne è valsa la pena", vivendo la mia vita e arrivando dove sono oggi - sto meglio o avrei dovuto semplicemente finire la mia vita allora?

Immagino che una lezione da trarre da questo, non importa cosa fai come genitore adottivo - ci sono alcune cose di cui un bambino ha bisogno per imparare le risposte alle domande da solo. Non spetta a voi genitori dare loro la risposta in cui volete che credano e ascoltino.

L'altro di Mike ospite post all'ICAV

Perché non torno indietro: il punto di vista di un adottante internazionale

Da anonimo.

Cresciuto in un bianco quasi totale nel Midwest dell'America negli anni '60 e '70, come membro della prima grande ondata di adottati transrazziali internazionali, ho sperimentato una consistente emarginazione e ostracismo a causa della mia razza e, per dirla più schiettamente, a causa della razza che non ero: bianco. Mi chiedevano costantemente da dove venissi - no, DAVVERO, da dove venivo REEEEAAAAALLLY????? - Posso dire che la società intorno a me ha reso molto chiaro che ero un estraneo, uno straniero, uno sconosciuto, un alieno. Mi è stato spesso chiesto da dove venissi, e a volte chiesto quando stavo tornando a da dove venivo. E molto occasionalmente, sì, lo ero detto di tornare a da dove venivo. Tutto questo è stato profondamente doloroso e dolorante, ovviamente, ma ho in gran parte interiorizzato un'enorme quantità di razzismo e xenofobia in me stesso, e mi sono ritrovato con un gigantesco complesso sul mio aspetto fisico, che mi ci sono voluti più di quattro decenni per auto-guarirmi da—e ci sto ancora lavorando.

In effetti, un elemento enorme nella mia partecipazione a gruppi su Facebook sull'adozione transrazziale, così come la partecipazione di persona a conferenze sull'adozione transrazziale, è stato un profondo senso di missione non solo nel sostenere i miei compagni adulti transrazziali e adottati internazionali per navigare nella società , inclusi razzismo e xenofobia, ma anche in giro cercando di aiutare i genitori adottivi transrazziali bianchi a preparare i loro figli adottivi di colore a navigare nel mondo che ci circonda. Sento un'intensa identificazione con i più piccoli adottati, che in alcuni casi, anche ora nel 2019, stanno vivendo ciò che ho vissuto da piccolo a Milwaukee, nel Wisconsin, negli anni '60; e onestamente, con tutte le risorse disponibili per i genitori adottivi transrazziali bianchi ora, nella seconda decade del 21nssecolo, c'è qualche ragione per cui il più piccolo adottato transrazziale dovrebbe sperimentare ciò che io e altri adottati transrazziali nelle prime ondate sperimentato diversi decenni fa?

Nel frattempo, sono successe molte cose in America, e altrove, negli ultimi due decenni. Per prima cosa, un numero sufficiente di americani bianchi era disposto a dare una possibilità a un uomo di colore/di razza, che abbiamo eletto il nostro primo presidente di colore, nel novembre 2008. Ricordo ancora l'emozione della notte delle elezioni del 4 novembre 2008, quando l'allora senatore Barack Obama è apparso sul palco del Grant Park di Chicago (la città che sono orgoglioso di dire è la mia casa) con la sua bella e compiuta moglie Michelle Obama e i loro adorabili figli di allora, Malia e Sasha Obama, e sono stati accolti dal l'applauso più scrosciante che credo di aver mai sentito, da parte di centinaia di migliaia di persone radunate lì, applaudendo, urlando di gioia, piangendo, molti in sbalordita incredulità che il nostro paese potesse avere la mente e il cuore per rompere quella barriera. E io, come milioni di americani, speravo in quel momento che almeno alcune persone che non avevano votato per Barack Obama gli augurassero davvero ogni bene, e sarebbero state disposte a dargli la possibilità di guidare tutti noi, tutti gli americani, e di usare la sua posizione di presidente del nostro paese per aiutare anche a guidare nel mondo.

Allo stesso tempo, io e tanti americani di colore sapevamo che c'erano molti che odiavano il presidente eletto Obama semplicemente per la sua razza (anche se ne aveva due, un'altra complessità della sua identità), e che alcune di quelle persone avrebbero fatto di tutto potrebbero indebolirlo semplicemente per la sua razza, anche a prescindere da eventuali questioni ideologiche coinvolte. Noi persone di colore sapevamo che ci sarebbe stato un contraccolpo; ma le dimensioni e la resistenza di quel contraccolpo hanno scioccato anche molti di noi. E, sorprendentemente, 62,9 milioni di elettori americani, o il 46 per cento dell'elettorato, hanno votato per Donald Trump, un uomo con assolutamente zero esperienza politica o di politica pubblica, e la cui intera campagna era stata basata su razzismo e xenofobia; e a causa del nostro bizzarro (e, per i non americani, essenzialmente inspiegabile) sistema di collegio elettorale, Trump ha vinto la presidenza, anche se 65,8 milioni di elettori, del 48 per cento, avevano votato per l'ex Segretario di Stato, l'ex senatore e l'ex First Lady Hillary Clinton. In ogni caso, in base a come funziona il nostro strano sistema di Collegio Elettorale, Trump ha assunto la presidenza nel gennaio 2017 e fin dai primi momenti della sua presidenza ha inquadrato letteralmente il tutto in termini apocalittici, parlando di “carneficina americana” che solo lui poteva fermare , e intensificando la sua retorica razzista mese dopo mese.

E poi, questo mese, Trump ha intensificato la sua retorica piena di odio contro quattro rappresentanti statunitensi al primo mandato: Ilhan Omar del Minnesota, Rashida Tlaib del Michigan, Ayanna Pressley del Massachusetts e Alexandria Ocasio-Cortez di New York, lanciando insulti e accuse contro di loro, bollandoli come "antiamericani" e accumulando bugie su bugie, nel tentativo di consolidare la sua popolarità tra i suoi principali sostenitori, mentre la campagna presidenziale americana (che, surrealmente, dura due anni interi qui) è iniziata . E poi, il 14 luglio, Trump ha twittato che quelle quattro deputate dovrebbero "tornare nei... luoghi in cui sono venute", anche se tre delle quattro sono nate in America.

Quindi, dopo una massiccia condanna delle sue osservazioni, Trump ha dichiarato il 17 luglio durante un comizio elettorale in North Carolina, delle quattro deputate: “Non hanno mai niente di buono da dire. Ecco perché dico: "Ehi, se non ti piace, lasciali andare, lasciali andare". …Penso che in alcuni casi odino il nostro Paese”. Ha poi chiamato in modo specifico la rappresentante Omar, affermando ancora una volta falsamente di aver elogiato il gruppo terroristico al-Qaeda (un'accusa completamente smentita numerose volte in passato), e affermando che la deputata Omar "guarda con disprezzo" gli americani; e la folla ha reagito cantando: "Rimandala indietro, rimandala indietro". Trump non ha fatto nulla per fermare i cori e, dopo averne debolmente preso le distanze nei giorni successivi, ora sembra approvarli.

Per quelli di noi che sono immigrati di colore - e anche per molte persone di colore che non sono immigrati - siamo cresciuti ascoltando gli insulti "torna da dove vieni". Sono dannosi e devastanti. Padma Lakshmi, artista ambasciatrice ACLU per i diritti degli immigrati e delle donne, scrivendo in Il Washington Postil 19 luglio, ha parlato per molti di noi quando ha scritto che: “Quelle parole, quelle parole offensive, xenofobe e titolate che ho sentito durante tutta la mia infanzia, mi hanno pugnalata nel cuore. Facevano eco alla sensazione incrollabile che prova la maggior parte degli immigrati marroni. Indipendentemente da ciò che facciamo, indipendentemente da quanto assimiliamo e contribuiamo, non siamo mai veramente abbastanza americani perché i nostri nomi suonano divertenti, la nostra pelle non è bianca o le nostre nonne vivono in un altro paese".

E per quelli di noi che sono adottati transrazziali e internazionali, crescono in bianco e spesso circondati da razzisti e razzismo, il dolore può essere davvero molto profondo. Kurt Bardella, che come me è un adulto coreano adottato, il 17 luglio, ha scritto, in nbcnews.com, il sito web di notizie online della rete televisiva statunitense NBC News, sulla sua reazione alle provocazioni del "tornare indietro" di Trump, in un editoriale intitolato "'Torna indietro' è il modo in cui i razzisti cercano di negare la mia americanità. Ma non me ne vado mai». Tra le altre cose, Bardella ha scritto in modo eloquente che: “Come tante persone emarginate in America, quando diciamo la nostra opinione nella sfera politica, quando sfidiamo la normalità dello status quo bianco, siamo attaccati come tutt'altro che completamente americani. Te lo garantisco, ogni singola persona di colore che scrive una rubrica o appare sui telegiornali per dibattere sui temi nazionali del giorno (in particolare da un punto di vista critico nei confronti dell'attuale presidente) riceve una raffica di tweet, messaggi diretti di Facebook ed e-mail da bianco Gli americani dicono loro di "tornare a casa". Questi promemoria in cui gli altri percepiscono il colore della nostra pelle come un motivo per rifiutare la nostra americanità, è una realtà costante che fa parte delle nostre vite da quando possiamo ricordare.

Inoltre, Bardella ha scritto: “Naturalmente, l'armamento del razzismo esistente da parte di Donald Trump non è nuovo; è stato il suo strumento preferito da quando ha ampliato la sua presenza sulla scena politica mettendo in discussione la legittimità del primo presidente nero. Come presidente, ha elogiato i nazionalisti bianchi a Charlottesville, ha graziato uno sceriffo razzista in Arizona, ha etichettato Haiti e le nazioni africane "paesi di merda", ha attaccato i giocatori della NFL per aver protestato contro l'inno nazionale e ha presieduto un'amministrazione che ha rinchiuso e torturato bambini centroamericani e le loro famiglie al confine meridionale mentre li deridevano come potenziali membri di bande”. In sostanza, Trump ha riempito tutto il suo tempo nello Studio Ovale finora - due anni e mezzo - con attacchi razzisti, xenofobi e denigrazione, letteralmente quasi ogni settimana.

Quello che hanno scritto Bardella e Lakshmi lo dice in modo più articolato di quanto potessi io, come anch'io vedo le cose. Spaventosamente, sembra certo che Trump basirà l'intera campagna per la rielezione del 2020 su razzismo aperto, supremazia bianca e xenofobia, sperando di ottenere più voti bianchi rispetto al 2016, anche se tra i cambiamenti demografici che renderanno gli Stati Uniti un paese di "maggioranza-minoranza" entro il 2045, secondo il censimento degli Stati Uniti. E in realtà è di questo che si tratta. La paura e l'apprensione di alcuni bianchi negli Stati Uniti è ormai palpabile: nelle grandi città e nei piccoli centri di tutto il paese, la presenza di persone di colore, compresi immigrati di colore molto identificabili, è inconfondibile. E i sostenitori della base principale di Trump sono terrorizzati e infuriati.

Purtroppo, un gran numero di genitori adottivi transrazziali bianchi in America rifiutano di accettare che l'esplosione dell'aperta aggressione razziale delle persone di colore abbia qualcosa a che fare con i loro figli adottivi di colore. Nascosti in bolle di bianchezza (spesso di destra) e senza o pochi amici adulti di colore, molti genitori adottivi transrazziali bianchi negli Stati Uniti sono convinti che i loro figli saranno trattati come "speciali", e inoltre, che Trump e i suoi principali seguaci desiderano solo il meglio per i loro figli.

Ho avuto un coinvolgimento molto recente in quel numero proprio questa settimana, quando un thread in un gruppo incentrato sull'adozione transrazziale di cui non modero ma di cui ero membro, è esploso perché una mia amica, una mamma adottiva transrazziale che mi piace molto molto, ha pubblicato l'editoriale di Kurt Bardella nel gruppo. Facebook me lo ha notificato e ho ringraziato la mia amica per averlo postato, affermando che l'ho apprezzata così tanto che ha alzato le voci degli adottati transrazziali e internazionali in questo momento difficile. Ma una madre bianca razzista che sostiene pienamente Trump ci ha assicurato che Trump non potrebbe mai essere razzista, e che nulla di ciò che dice o fa potrebbe essere razzista, e le cose sono esplose da lì. Insieme a un gran numero di membri che la pensano allo stesso modo, io (uno degli unici due adottati transrazziali adulti che partecipano a quel thread di discussione) e gli altri che protestavano contro il razzismo e la supremazia bianca, siamo stati prontamente rimossi dal moderatore dal gruppo, mentre la madre adottiva razzista è stato trattenuto. Mi è stato anche detto che sono stato rimosso non solo per aver discusso di politica, ma anche per aver usato, una volta sola, la parola con la f in una frase in uno dei miei commenti nel thread di discussione.

In altre parole, usare un linguaggio volgare, anche una volta, e nel contesto della protesta, è molto più offensivo del razzismo e della supremazia bianca. Non solo, mantenendo il membro razzista / suprematista bianco del gruppo ed espellendo tutti noi che protestavamo contro il razzismo e la supremazia bianca, il moderatore di quel gruppo, che è ciò che molti di noi nel mondo dell'adozione transrazziale chiamano " Arcobaleno e unicorni", un gruppo incentrato solo sugli aspetti dolci e piacevoli dell'adozione transrazziale e che non consente alcuna discussione sulla razza o su qualsiasi altra cosa complessa o stimolante, ha dimostrato il nostro punto. Se l'educazione forzata intorno alle norme socioculturali della classe media-bianca-americana-donna è molto più importante che sfidare il razzismo, allora chiaramente, nessuna discussione autentica e significativa sul razzismo è possibile in un tale gruppo.

Ciò che Donald Trump sta facendo in questo momento - armare in modo assoluto i principi della supremazia bianca e fare affidamento sui profondi risentimenti razziali e socioculturali dei razzisti bianchi - non è solo profondamente moralmente ripugnante, ma spaventa gli americani di colore, sia immigrati che non immigrati. di colore. Ora veniamo indicati come obiettivi ovvi per l'aggressione razziale e forse anche per la violenza.

La linea di fondo è questa: l'America è giunta a un momento di profonda crisi e di emergenza morale. Non è più possibile restare in silenzio. Questo è ciò che accadde nella Germania nazista nel 1934-1937, quando i "buoni tedeschi" espressero un aperto sostegno ad Adolf Hitler e alle sue truppe d'assalto, o rimasero docilmente in silenzio. Sappiamo tutti cosa è successo dopo.

Quindi è qui che mi trovo: non si tratta più di politica; riguarda la sicurezza e il benessere di tutti noi americani di colore. E non tacerò. Ma mi impegnerò con coloro che vogliono capire e che sono disposti ad essere autentici alleati. E lavorerò. E spero.

E no, non "tornerò indietro".

L'importanza degli specchi razziali

Guest post condiviso in modo anonimo da uno dei membri dell'ICAV e originariamente pubblicato su Prospettive di adozione transrazziale gruppo che è istituito per promuovere una maggiore comprensione dell'adozione transrazziale per i genitori adottivi e futuri. Un'ottima risorsa e uno degli spazi più sicuri gestiti su Facebook, per la triade.

Ancora una volta ieri sera, mi sono trovata in uno spazio sociale quasi tutto bianco (le uniche persone di colore eravamo io e una donna nera/biraziale). Ero lì per un'ottima ragione, e non ho alcun rimpianto, e tutto è andato perfettamente bene.

Ma ogni volta che entro in uno spazio sociale tutto bianco o quasi tutto bianco ora, mi ricorda entrambe le esperienze vissute della mia infanzia, incluso l'intense senso di isolamento sociale e di diversità che ho sperimentato, e del perché ho scelto di spingermi nella diversità e nella rappresentazione razziale non appena ho potuto, da giovane adulto, e perché ora vivo in una vibrante diversità e rappresentazione razziale in una grande città per la maggior parte dei miei anni da adulto. Crescere in un candore quasi totale è stato devastante per me, e mi ci sono voluti molti anni per "sbucciare gli strati della cipolla" e per ritrovarmi come una persona di colore, per "posizionarmi" come POC, per così dire, e per centrarmi in un ambiente che ha funzionato per me.

Avevo genitori profondamente amorevoli, ma onestamente nessuno sapeva nulla durante quella prima ondata di adozioni transrazziali e internazionali alla fine degli anni '50 e '60, e all'epoca c'erano assolutamente ZERO risorse per i genitori adottivi - ZERO - e quelli di noi in quella prima ondata, ne soffrì di conseguenza. I miei genitori hanno fatto un lavoro incredibile con zero risorse, ma comunque ci sono state conseguenze negative.

Quindi il mio augurio per i più piccoli adottati transrazziali e internazionali è che non debbano passare diversi decenni della loro vita a trovare il loro posto sociale nel mondo, che trovino le loro identità, voci e spazi sociali, come persone di colore, decenni prima di me. ha fatto, che crescono per essere fiduciosi giovani adulti di colore. In effetti, un grande elemento nel mio senso di missione nel co-fondare il gruppo Prospettive di adozione transrazziale, doveva influenzare i genitori adottivi bianchi della seconda decade del 21° secolo per conoscere e riconoscere alcune verità fondamentali sulle esperienze vissute degli adottati transrazziali, al fine di aiutare quei più piccoli adottati, che ora sono i loro figli.

Il mio viaggio verso la completezza, l'integrazione e la fiducia in se stessi come persona di colore mi ha letteralmente durato diversi decenni. Il mio desiderio più profondo per i più piccoli adottati è che non debbano lottare per diversi decenni per raggiungere il loro equivalente del posto in cui mi trovo ora, perché prendere diversi decenni è un viaggio troppo lungo, onestamente.

Spero che i genitori adottivi di tutto il mondo siano in grado di ascoltarlo e possano fare ciò che è necessario per sostenere i loro figli nei loro viaggi. Sarebbe una cosa incredibile, davvero.

In ogni caso, grazie per aver letto e considerato questo.

L'interpretazione di un adottato su "Crazy Rich Asians"

Ci sono un sacco di opinioni e pezzi che circondano Pazzi e ricchi asiatici proprio adesso. Sto semplicemente aggiungendo al ritornello, ma da una prospettiva leggermente diversa come persona adottata internazionale cinese americana. Come un adottato che ha guardato Pazzi e ricchi asiatici, è difficile descrivere tutti i sentimenti che ho provato mentre ero seduto al cinema, ben due volte. È stato bello, divertente, intelligente e divertente. Naturalmente, il film sta ricevendo elogi extra a causa di un cast tutto asiatico e non solo il cast, ma anche la musica e la rappresentazione culturale. La rappresentazione conta ed è stato con un sorriso che mi sono avvicinato ai titoli di coda del film.

Come adottato, mi sono sentito orgoglioso di vedere persone che mi somigliavano sul grande schermo. Persone che avevano caratteristiche simili, presentate in diverse sfumature dove non tutti gli asiatici erano maestri di kung fu o supporto tecnico IT nerd. Il film è stato rinfrescante e francamente un'esperienza nuova, almeno nei principali film di Hollywood.

Ma... e questo è un grande ma. Mi sono sentito rappresentato dal mio aspetto, ma non necessariamente da come sono cresciuto. Come adottato mi metto a cavallo tra la cultura asiatica e quella bianca dove sembro asiatico ma sono cresciuto in una famiglia bianca. Ad essere sincero, non sono sicuro di aver capito ogni battuta in Pazzi e ricchi asiatici, e sicuramente non capivo ogni canzone. I miei genitori non praticavano necessariamente il rituale dell'onore/vergogna di incolpare i propri figli. L'ho riconosciuto e ho riso, ma a livello esperienziale non riuscivo a relazionarmi.

La mia storia di immigrato è un viaggio in solitaria passando da un povero orfanotrofio in Cina a una famiglia bianca della classe media in America. La mia storia di immigrato è arrivata senza scelta e con l'aspettativa di gratitudine, perché per alcuni non ho sofferto tanto quanto altre famiglie immigrate asiatiche. Questo è un argomento per una discussione diversa. Al punto, tuttavia, gli adottati asiatici e altri hanno faticato a identificarsi come asiatici americani o asiatici perché non siamo visti abbastanza come asiatici. Siamo chiamati "imbiancati" da altri asiatici americani e chiaramente non siamo bianchi, ma abbiamo familiarità con la cultura bianca perché non avevamo altra scelta che essere cresciuti in essa. Siamo esclusi perché non ci adattiamo a nessuna norma convenzionale. Siamo le vere banane.

C'era un articolo l'altro giorno delle attrici asiatiche miste e se fossero "abbastanza asiatiche" per il film. Questo tipo di dibattito mi fa solo grattare la testa. Per essere chiari, questo non è un colpo al film. Il film è stato un grande passo nella giusta direzione. Non sto chiedendo un film cino-americano tutto adottato. Ma se gli asiatici si lamentano del fatto che i bianchi li lasciano fuori da Hollywood e che ci deve essere più rappresentanza, allora sicuramente gli asiatici dovrebbero anche essere aperti a una rappresentazione asiatica più diversificata e cosa significa essere asiatici. Proprio come ci sono tutte le diverse sfumature di ciò che significa essere americano, in una certa misura possono esserci diverse sfumature di ciò che significa essere asiatico o asiatico americano. Capisco che gli asiatici siano per lo più omogenei all'interno delle loro culture e dei loro paesi, ma il mondo in cui viviamo sempre più è multirazziale e multietnico. Se gli asiatici vogliono più rappresentazione in uno spazio che occupano come la società, allora forse dovrebbero essere aperti ad altri che occupano uno spazio simile a loro.

Il cambiamento è lento. Capisco. Pazzi e ricchi asiatici è stato un passo monumentale nell'aprire la porta a un cast tutto asiatico e potenzialmente a una maggiore rappresentazione di minoranze di tutte le forme e dimensioni. Personalmente, però, non vedo l'ora di smettere di categorizzare le persone e di metterle in scatole solo perché è conveniente o perché è sempre stato così. Piuttosto, vorrei lasciare che le persone si accendano e aggiungano nuove categorie ed etichette in modo che possano essere se stesse. C'è molto da fare di sicuro, ma ciò non significa che non possiamo e non dobbiamo festeggiare quando è opportuno farlo. ho lasciato Pazzi e ricchi asiatici con un sorriso sul mio viso e la speranza nel mio cuore.

 

I diritti del bambino

I diritti del bambino
Le verità non dette
Le parole che si dicono
Sono tutti nella sua testa

Ma perché sono diverso?
Si sente piangere
Ma a sei anni
Non riesce a capire perché

Perché i suoi occhi non sono blu?
Come sua madre o suo padre
Perché le loro mani sono così leggere?
E lei è più buia della notte

lei si tiene stretta
Quindi non si spaventa
Del "bianco" che ha nell'occhio della mente
Il riflesso che combatte

Oh come vorrebbe
Che lei era la stessa
E la frase "Sei così fortunato"
Era solo un gioco

I diritti del bambino
Così persa in se stessa
Guarda il sorriso di sua madre
E continua a comporre

nella lotta
La lotta da vedere
Essere ascoltato,
Per deliziare la notte

Invece di
Ok si!
È un oh, NO!
Si è arresa
E non vale la pena combattere

Perché ero troppo scuro
Per poter restare
Tra le braccia di mia madre
Ed è stato regalato

Adozione che vedi
È così molto crudele
Ti perseguita costantemente
E non gioca secondo la regola

Il bambino che guarda
Al bel sorriso di sua madre
E poi al naso ebreo di suo padre
Poi sente il suo ed è tutto bloccato e chiuso

Ma perché ha chiesto?
Perché non abbino?
Neanche vicino
Non nelle dita delle mani o dei piedi

Eppure le autorità hanno scelto
Il mio destino il mio percorso
La mia vita
E tutto il mio cuore

All'età di sei anni quel giorno ho chiesto
E le risposte
Ha fatto diventare il mio cuore tutto buio
E freddo con tristezza

Le risposte mi hanno dato notizie
Che non ero abbastanza per restare
Ma abbastanza fortunato da
essere dato via

La mia pelle color caffè
Semplicemente non si adattava

Eppure ogni giorno sorriderò
dietro i denti stretti
Sorridi a un mondo
è semplicemente una prova
Di perdita di speranza, rifiuto e negazione

Negazione dell'esistenza del mio valore
e persistenza

continuerò a cercare
Per una ragione
Per non arrendersi
E scegli di amare, ridere e continuare a respirare

Mio bellissimo figlio
Tutta bionda e occhi azzurri
Mi ha fatto la mia domanda
Mamma perché sei diversa?

E ho dovuto ascoltare
Al mio cuore spezzarsi nel tempo
Mentre la mia storia si svolge
E cerco di spiegare

Perché i miei genitori sono bianchi?
Ancora e ancora
E le due mamme che ho adesso
Invece di uno solo
Ho due nonne delle tue due mamme?

Oh fanculo la confusione
Per quando avrai sei anni
Tutto è così reale
Ai diritti del bambino
È un grosso problema

E ora sto in piedi
a 43
Ancora deluso
Al mio albero genealogico

Dove lo metto
Cosa faccio
Con la conoscenza
proprio non lo farei

Quindi dico
Abbasso l'adozione
E avanti con il supporto
I diritti del bambino
Per favore non abortire

Le tue idee che una madre
Può essere supportato
Per stare in piedi con il suo bambino
Quindi vengono trasportati

Lontano da una vita piena
Di confusione e dolore
Una vita di "avrebbero potuto essere" ombre
E pioggia costante

Vorrei non riuscire a vedere la differenza tra
Mia madre e mio padre
E perché oh perché?
Semplicemente non mi adattavo

I diritti del bambino
non negherò mai
Il bisogno di essere ascoltati
Visto e osservato

Nella tua ricerca di informazioni
Se ora potessi vedere
Quel giovane di sei anni
Tienila stretta in modo che veda

È amata così com'è
Nonostante si sia perso
È amata così com'è
E il suo cuore potrebbe scongelarsi

Dal dolore che ha avuto
Per la passeggiata a venire
Per trovare il suo posto
Dove si può cantare la sua canzone

Per quelli che ora mi conoscono
Stai vicino al mio cuore
So di essere sgargiante e fiammeggiante
E privato e duro

Con la mia lingua
Che può farti a pezzi
Con la mia rabbia e il mio dolore
Per favore non guizzare

Dai diritti del bambino
non negherò mai
La verità prima di tutto
Verrà in superficie e piangerà

I diritti del bambino
E a tutti i vostri cuori
Vi amo tutti teneramente
Ma sono io da dove devo iniziare

Scritto da CVerite il 12 luglio 2018
un adottato transrazziale con sede nel Regno Unito

Adotta il desiderio di conoscere la Verità

Oggi voglio condividere una potente esperienza di vita di un'adozione internazionale indiana cresciuta in Belgio, membro dell'ICAV, disposta a condividere il suo desiderio di conoscere la verità della sua vita prima dell'adozione.

Essendo adottato dall'India, di solito è molto difficile cercare e trovare la propria famiglia genetica. Ciò è dovuto a una serie di motivi, come le leggi indiane sull'adozione internazionale che fanno poco per promuovere la ricerca e il ricongiungimento, insieme alla mancanza di documentazione e/o alla verità della documentazione del paese di nascita o di adozione.

Ciò che dimostra la storia di Serafina è che, poiché era disposta a mettere in discussione tutto ciò che le veniva detto, a volte l'esito è inaspettato.

Buona lettura La storia di Serafina per scoprire di persona come si è svolto il suo viaggio e il messaggio che desidera condividere!

Ritorno al paese natale

Sono appena tornato da un viaggio di andata e ritorno di oltre 3 settimane nel mio paese di nascita, il Vietnam. Questo viaggio attesta il mantra “l'adozione è un viaggio che dura tutta la vita“! Il mio ritorno in patria è stato un altro disfacimento dei molti strati nell'esplorazione di chi sono e dove appartengo.

Questo viaggio è stato un tale contrasto con il primo che ho fatto 18 anni fa. Nel 2000 sono tornato per la prima volta in Vietnam. Avevo circa 20 anni. Avevo appena iniziato a svegliarmi per capire che avevo "adozione" e "rinuncia" problemi. Certamente non avevo idea di avere una massa di dolore e perdita seduta sotto la superficie della mia vita quotidiana.

Quando sono arrivato in Vietnam per la prima volta nel 2000, sono stato colpito da sentimenti travolgenti che non sapevo esistessero. Ricordo il profondo, intenso lutto che sorse dentro di me mentre stavamo atterrando all'aeroporto. Emozioni travolgenti mi hanno inondato e ho passato la prima settimana a piangere ea cercare di capire perché stavo piangendo e cosa significasse tutto questo.

Quel viaggio finì per essere abbastanza liberatorio, una visita meravigliosa e molto salutare. Il momento più memorabile è stata la donna del posto nel delta del Mekong che mi ha chiesto in un inglese esitante da dove venissi. Nel mio inglese stentato ho spiegato molto semplicemente che avevo lasciato il paese da bambina e che ero stata cresciuta da australiani bianchi perché non conoscevo mia madre o mio padre. Avendo vissuto quasi 3 decenni ascoltando la risposta delle persone, “Oh, quanto sei fortunato"Apprendimento del mio stato di adozione, questa donna nel Delta del Mekong era stata la prima a comprendere immediatamente le mie perdite. Ha detto la mia verità che ha risuonato dentro quando ha risposto: "Oh, ti sei perso così tanto!”

18 anni dopo, sono una Lynelle diversa, non più frammentata e confusa. Ora sono molto consapevole degli impatti della rinuncia e dell'adozione. Sono trascorsi 20 anni da quando si parla e si incoraggiano gli altri adottati a diventare proattivi e a condividere i problemi che affrontiamo. Questa volta sono tornato e mi sono sentito così radicato di essere tornato nella mia terra natale e di conoscere il mio luogo, l'ora e la data di nascita. Mi sono divertito di essere tornato nel mio distretto e ospedale di nascita. Mi è piaciuto mimetizzarmi tra le persone che mi somigliano. Ho sentito una naturale affinità con il luogo e le persone. Adoro la vivacità di Ho Chi Minh City! io Potere ora chiamalo casa perché il mio certificato di nascita è stato trovato e conosco alcune verità basilari su me stesso!

Chiaramente non ero solo io a sentire che mi sentivo a casa. Mio marito è un cinese australiano di terza generazione e mi ha detto: "Wow, ho appena realizzato di essere sposato con una donna vietnamita!"È stato uno di quei momenti divertenti, ma sotto la superficie, la verità in ciò che ha detto era profonda. io sono in realtà vietnamita e sento di aver finalmente recuperato quella parte di me che mancava. Non mi sento più solo una ragazza australiana, lo sono Vietnamita – Australiana. Questa seconda visita mi ha messo in luce i tanti aspetti di chi sono, sono fondamentalmente, molto vietnamita!

La connessione con la madre terra, il rispetto per la natura e la cura delle cose sono sempre stati dentro di me, ma è diventato evidente durante i miei viaggi in Vietnam che questo è un modo di essere molto vietnamita. Ho viaggiato da sud a nord e ovunque andassi, in città o in campagna, c'erano tanti appezzamenti di terra con campi coltivati a ortaggi, fiori, riso o altro. Le vie della città in Vietnam non hanno ancora dimenticato il legame tra madre natura e i nostri bisogni umani.

Il desiderio innato in me di costruire e far parte di una comunità, l'ho visto riflesso anche nello stile di vita vietnamita. In Vietnam solo l'esempio di come si muovono l'uno intorno all'altro sulle strade è sorprendente. Le persone e il traffico si limitano a scorrere l'uno intorno all'altro, permettendo l'un l'altro di andare per la propria strada senza aggressività, invadenza o competizione. C'è un modo naturale per "lavorare insieme” nell'armonia che risuona dentro di me.

Sono per natura una persona molto amichevole, sempre interessata a scoprire gli altri a un livello più profondo. Ho trovato questo riflesso in molti dei locali vietnamiti che ho incontrato e con cui ho trascorso molto tempo. Il mio tassista Hr Hien mi ha portato a fare un viaggio di 12 ore ai mercati galleggianti. Mi ha abbracciato, un estraneo davvero, come il suo piccolo”sorella“. Si scopre che in realtà siamo nati nello stesso ospedale con lui che aveva solo 7 anni in più. Mi ha protetto e protetto tutto il giorno. Avrebbe potuto facilmente abusare della sua posizione di potere, dato che non parlo vietnamita e avrebbe potuto derubarmi e scaricarmi nel mezzo del delta del Mekong. Invece, mi ha preso per l'intera giornata e mi ha trattato con rispetto, accogliendomi nella sua vita condividendo i suoi pensieri e le sue opinioni sulla vita, la cultura, la famiglia, le leggi e i modi vietnamiti. Quando acquistavamo le cose, diceva: "Non dire una parola, dirò loro che sei mia sorella tornata dall'Australia che è partita da piccola per spiegare perché non parli vietnamita“. Poi avrebbe negoziato per noi e avrebbe ottenuto il "tariffa locale“. Sono state esperienze come questa che mi hanno mostrato l'anima del popolo vietnamita con cui mi relaziono – il senso di prendersi cura degli altri, di essere gentili e generosi nello spirito.

Tornando a visitare il War Remnants Museum, mi è tornato in mente lo spirito vietnamita di resilienza, perdono e capacità di andare avanti nonostante una storia terribile e brutta di guerre e atrocità. Attributi che ho visto nel mio essere e ora capisco da dove derivano. È il mio spirito vietnamita, il mio DNA vietnamita! Sono programmato per essere sopravvissuto e prosperare, nonostante le avversità.

Per me, tornare alla terra natale è stato così importante per abbracciare tutti gli aspetti di chi sono. Sono un prodotto di rinuncia e adozione, tra due culture, terre e persone. Crescendo nel mio paese adottivo, ero stato completamente australiano senza capire o abbracciare la mia vietnamita. Ora, a metà degli anni '40, sento di essere tornato in me stesso. Sono orgogliosamente entrambe le mie due culture e terre. Amo gli aspetti vietnamiti che vedo in me stesso e amo anche la mia cultura e identità australiana. Non mi sento più diviso, ma mi sento a mio agio nell'essere entrambi allo stesso tempo.

Ci sono voluti anni di consapevolezza attiva per abbracciare la mia identità, cultura e origini perdute, ma è un viaggio che volevo fare. Mi ero reso conto verso la fine dei vent'anni che l'adozione aveva comportato la negazione di gran parte di ciò che ero, nel profondo del mio cuore.

Non vedo l'ora di futuri ritorni in Vietnam. Spero che un giorno sarà per ricongiungersi con la mia famiglia natale vietnamita. Sarà un fantastico percorso di scoperta che aprirà ulteriori sfaccettature nella scoperta di chi sono!

Posso così immedesimarmi nel loto, il fiore nazionale del Vietnam!

Ai vietnamiti, loto è noto come an squisito fiore, che simboleggia la purezza, la serenità, l'impegno e l'ottimismo del futuro poiché è il fiore che cresce nell'acqua fangosa e si erge sopra la superficie per sbocciare con straordinaria bellezza.

Clic qui per la mia raccolta di foto di questo viaggio e qui per le foto dell'anno 2000 visita di ritorno.

La genitorialità mi ha reso migliore

Uno dei momenti più memorabili, impresso per sempre nella mia memoria, è la nascita di mio figlio. Ricordo i mesi ansiosi in attesa del mio bellissimo figlio, che si sviluppava nel grembo di sua madre, sentendo il suo piccolo corpo scalciare e aspettare di nascere. Ricordo di aver guardato le immagini dell'ecografia e mi sono chiesto a chi sarebbe stato assomigliato. Mi somiglierebbe? Sua madre?

Ricordo di aver portato di corsa mia moglie in ospedale e il miracolo della nascita mentre metteva al mondo. Mi sentivo spaventato ed eccitato allo stesso tempo mentre stavo in sala parto, guardando l'infermiera che lo puliva e gli tagliava il cordone ombelicale. Ero in soggezione, meraviglia e stupore mentre succhiava il seno di sua madre. Ho assistito a un miracolo della vita e sono entrato nel regno della paternità. Volevo dare a mio figlio una vita che non ho mai avuto: dargli ricordi felici, una solida educazione e le cose migliori che potevo permettermi. Ma non mi rendevo conto che mio figlio mi avrebbe dato qualcosa in cambio, molto più di qualsiasi cosa io potessi fare per lui.

Solo anni dopo mi sono seduto con altri adottati e ho condiviso i ricordi della nascita di mio figlio e anche loro hanno condiviso come sono stati sopraffatti da un'ondata di amore profondo ed emozioni estreme alla nascita dei loro figli. Per molti di noi adottati, con i nostri continui problemi di abbandono e perdita, mi chiedo se la nascita di nostro figlio sia molto più significativa e prepotente rispetto alla persona non adottata. Credo che ci siano diversi motivi per cui penso che la nascita di nostro figlio sia più opprimente per noi:

Prima Famiglia

Per molti adottati all'estero, le possibilità di trovare una famiglia biologica sono letteralmente una su un milione. I nostri documenti di nascita sono spesso falsificati, smarriti o incompleti. La nascita di nostro figlio potrebbe essere la prima persona che incontriamo che è biologicamente imparentata con noi.

Genetica condivisa

Cresciamo sentendo estranei e familiari parlare di avere gli occhi, il naso o altre caratteristiche del corpo di un parente. Sono stata curiosa delle mie caratteristiche fisiche e da chi ho ereditato le mie. Non sono più geloso delle altre persone perché ora vedo i miei tratti trasmessi a un altro essere umano e posso sperimentare cosa significa condividere caratteristiche genetiche, gesti e tratti.

Un nuovo rispetto per mia madre naturale

Ho visto mia moglie soffrire di nausee mattutine, frequenti viaggi in bagno e stanchezza. La maternità cambia il corpo e gli ormoni: i calci del feto, il bisogno di mangiare cibi insoliti, le mille altre cose bizzarre che accadono a una donna durante la gravidanza. Non ho potuto fare a meno di immaginare quello che mia madre ha vissuto con me durante la sua gravidanza e rendermi conto che è un evento che cambia la vita che non si può dimenticare o ignorare.

Come Genitore, capire cosa significa Sacrificarsi

Per un numero schiacciante di adozioni, un gran numero di madri era single o la famiglia si trovava in una posizione finanziariamente precaria e costretta a rinunciare al figlio. Nonostante le difficoltà, la madre porta ancora il figlio a termine. Come padre, questa è stata la prima volta che ho dovuto mettere sistematicamente i bisogni di qualcun altro al di sopra dei miei. Ora capisco cosa significa sacrificarsi come genitore, anche se significa che la persona più piccola della famiglia ottiene l'ultimo biscotto.

La mia vita è diventata più piena

Avere un figlio ha cambiato radicalmente la mia vita sociale. Ho finito per portare piccole persone a lezioni, lezioni e club. Ho guadagnato un apprezzamento per il silenzio. Ho provato cose nuove che non avrei mai immaginato di fare. I bambini hanno messo alla prova la mia pazienza e hanno ampliato la mia capacità di accettare cose che prima non potevo tollerare. È grazie a queste esperienze che la mia vita è diventata più ricca e piena.

La prima volta che ho capito”Amore di lunga data

I greci credono che ci siano sei tipi di amore. Molti di loro li ho sentiti durante le mie prime relazioni. avevo sperimentato Eros, la passione sessuale. Anche, Philia, la profonda amicizia con coloro a cui siamo davvero legati. Ma la prima volta che mi sono sentito pragma, l'amore di lunga data, è stato quando ho avuto dei figli. pragma è dove sono disposto a dare amore piuttosto che semplicemente riceverlo. Se avessi chiesto a me stessa più giovane se mi piacerebbe sedermi sul divano a guardare Dora con mia figlia, divertirmi a giocare a tè o spendere centinaia di dollari per trovare una versione asiatica della bambola "American Girl" con abiti coordinati per lei - quella me più giovane sarebbe incredulo!

Chiusura e Pace

Una volta mi sentivo come se fossi un vaso vuoto. Relazioni, encomi e successi non potevano riempire questo vuoto. Ho lavorato sodo. Ho viaggiato in dozzine di paesi stranieri per riempire la mia mente di immagini e suoni. Ho passato migliaia di ore a cercare la mia famiglia biologica e ho cercato cose che potessero darmi una conclusione con la mia esperienza di adozione. Niente sembrava aiutarmi finché non ho avuto dei figli miei. Mi hanno dato l'amore e la soddisfazione per essere me stesso e ottenere la chiusura di cui avevo bisogno, per andare avanti con la mia vita.

Ho incontrato persone che si sono affrettate ad avere un figlio, pensando erroneamente che avrebbe risolto i problemi di relazione. Non lo consiglio affatto. Penso che sia un motivo sbagliato per avere un figlio e potrebbe effettivamente portare a ripetere quello che è successo alle nostre madri naturali che hanno perso il loro bambino in adozione. Questo è successo a mio fratello biologico che è cresciuto con me nella nostra famiglia adottiva. Purtroppo ha perso la custodia dei suoi figli. L'ho vista cadere nella disperazione e nel profondo abisso della depressione e della negazione.

Per me avere un figlio mi ha cambiato per sempre e mi ha aiutato a riconnettermi con il mondo e dare un senso alla mia vita. Potrei dire che mio figlio è stato il catalizzatore che mi ha aiutato a iniziare a vivere una vita migliore. Diventare genitore mi ha costretto a cambiare in meglio. È stato il catalizzatore per me nell'accettare il mio viaggio di adozione e mi ha aiutato a trovare la chiusura con i problemi che una volta mi davano fastidio.

Condivisione: Hai vissuto cose simili da adottato quando sei diventato genitore? Consiglieresti alle single adottate di rimanere incinte se decidono di rimanere single per sempre e vogliono un figlio? In che modo avere un figlio ti ha cambiato la vita?

Recensione CUORE DI LEONE

Non avevo idea di avere un profondo bisogno di vedere i miei figli sentirsi felici. Mi rendo conto ora di quanto ho visto negativamente la rabbia e la frustrazione. Non mi ero reso conto che quando ho deciso di adottare un bambino, in parte si trattava di riparare un bambino rotto. Avevo così tanto amore da dare e pensavo di poter amare un bambino finché non fosse di nuovo intero. p94

LIONHEART: La guida alla vita reale per le famiglie adottive è un libro scritto da quello che definirei incredibilmente accesi genitori adottivi. Se tutti i genitori adottivi abbracciassero i nostri inizi traumatici come queste 3 coppie, con gli sforzi che hanno chiaramente fatto per affrontare le complessità coinvolte, la mia ipotesi è - vedremmo risultati molto meno tragici e negativi dall'adozione internazionale in tutto il mondo.

Questo libro deve essere letto dai futuri genitori adottivi in ogni paese di accoglienza! Solo in America, questo libro farebbe un ENORME impatto sull'educazione necessaria e veritiera che dovrebbe essere fornita ai futuri genitori sulla realtà del compito che stanno assumendo attraverso l'adozione internazionale.

Questo libro è il miglior manuale pratico che abbia letto e che fornisce ai genitori potenziali e adottivi una guida pertinente per gestire le sfide che inevitabilmente portiamo come persone adottate. Fin dall'inizio, gli autori chiariscono che questo non è un libro per deboli di cuore, da qui il titolo Cuor di Leone. Gli autori delineano la realtà che ho sperimentato anche come adottato all'estero, cresciuto nello stesso tipo di famiglia rappresentato nel loro libro, ovvero l'essere un bambino adottato all'estero tra i figli biologici di un genitore adottivo.

Mi sono relazionato a questo libro su alcuni livelli. In primo luogo, come adulto adottato all'estero, ho visto me stesso attraverso il viaggio dei loro figli adottati: lottare per sentirsi al sicuro, comportarsi in molti degli stessi modi durante l'infanzia, desiderare di sviluppare fiducia ma ha paura, affrontare molte delle stesse sfide, ecc.

"... fare da genitore a un bambino che era sia disperatamente malato che emotivamente segnato è diverso in molti modi. Sono un genitore biologico e adottivo, e posso dirvi per esperienza diretta che non sono la stessa cosa". p90

In secondo luogo, come genitore di mio figlio biologico con bisogni aggiuntivi, questo libro è stato un riflesso della mia genitorialità negli ultimi 11 anni! Potrei relazionarmi totalmente con i problemi sensoriali, i comportamenti impegnativi, la ricerca di risposte e terapie, l'esaurimento di cercare disperatamente di trovare qualcosa che funzioni e le differenze nell'essere genitori di un bambino senza bisogni aggiuntivi rispetto a uno con molti, ecc. gli autori fanno correttamente il collegamento, che adottare un bambino è letteralmente lo stesso che avere un bambino con bisogni aggiuntivi.

Gran parte dei consigli standard per genitori di bambini con una malattia mentale si applica alle famiglie adottive. p102

In terzo luogo, queste 3 famiglie si sono unite per formare la propria rete di sostegno perché si sono rese conto di trovarsi in una situazione unica e che il sostegno era cruciale per la loro sopravvivenza nell'adozione. Questo libro è nato dalla loro amicizia, dal sostenersi a vicenda e dalla consapevolezza che le lezioni apprese potrebbero essere preziose per gli altri. Allo stesso modo, ho costruito una rete di supporto con i miei compagni adulti adottati all'estero e abbiamo prodotto molti ottimi documenti, libri e risorse che sono utili per gli altri.

L'unica area che questo libro non copre affatto, che consiglierei a tutti i futuri genitori adottivi di indagare, è il quadro generale delle questioni e dei dilemmi etici, politici, sociali e dei diritti umani all'interno dell'adozione internazionale. Il mio percorso di adozione personale dura tutta la vita e quello che ho notato in particolare dopo aver avuto figli miei, è che ho lentamente aperto gli occhi al quadro più ampio dell'adozione internazionale. Questa fase include porre domande che i miei genitori adottivi non hanno mai fatto, ma che si trovano nel profondo e alla fine salgono in superficie.

Domande come: la mia rinuncia e quindi l'adozione è legittima, è stato scambiato denaro ed è stato equivalente a quanto costerebbe elaborare l'adozione o è stato ricavato denaro dalla transazione, chi ha guadagnato da quel denaro, quanti bambini sono stati inviati dalla mia nascita paese ogni anno e perché, cosa succede per le famiglie naturali e come affrontano la perdita del figlio, e se non dovessero perdere il figlio e come possiamo potenziare questa opzione?

Domande sui diritti umani come: cosa ha fatto il mio paese di nascita per cercare di aiutarmi a mantenermi con la mia famiglia, la mia famiglia allargata, la mia comunità, il mio paese, prima che venissi adottato all'estero? In che modo i miei genitori adottivi hanno partecipato a questo commercio/attività? Era volontariamente o ciecamente? Fa qualche differenza? L'adozione internazionale è in bianco e nero come generalmente viene descritta dai media? Ci sono stati altri risultati che avrei potuto vivere come adottato, se non fossi stato adottato in un'industria delle adozioni alimentata dal denaro?

Maturando nella mia comprensione dell'adozione, mi sono reso conto che non è ciò che appare a prima vista e che dobbiamo preparare i bambini adottati in fasi adeguate all'età per le domande del quadro generale. Il libro aveva un paio di incroci in cui questo avrebbe potuto essere esplorato ma non lo era. Ad esempio, la morte di un bambino assegnato a una famiglia adottiva e in seguito a causa del dolore e dei sentimenti di perdita, i genitori hanno cambiato paese e agenzia da cui adottare. Poi, in un altro capitolo, un bambino adottato chiede (quello che viene definito un "strano” domanda), “puoi comprare un bambino?” Ho riflettuto su come è possibile che noi adottati vediamo chiaramente la connessione ma non i genitori adottivi. Nella nostra visione semplice, se scegli e selezioni un bambino da qualsiasi paese desideri, o cambi perché non ti va più bene, paghi dei soldi per elaborare la transazione, come non è simile allo shopping, ad esempio, l'acquisto di un bambino? La domanda è davvero così strana? È una realtà potente che alla fine mettiamo in discussione gli adottati e riflette solo un aspetto delle complessità socio-politiche-economiche di genere che tutti i genitori adottivi farebbero bene a considerare e discutere apertamente man mano che i bambini adottati crescono.

All'interno dell'ICAV, posso garantire che pensiamo e discutiamo di queste questioni complesse di livello superiore. Scriviamo anche ampiamente su come è facilitata l'adozione internazionale, da chi, se il ciclo è perpetuato dalla domanda (potenziali genitori) e perché non abbiamo diritti legali - chiaramente evidente quando le nostre adozioni falliscono, siamo oggetto di tratta o abbiamo documenti falsificati, o subire abusi o deportazione.

Forse gli autori del libro devono ancora raggiungere questo stadio con i loro figli e questo potrebbe spiegare perché è assente. Se è così, mi piacerebbe vederli scrivere negli anni a venire, un libro longitudinale che copre le fasi successive della genitorialità adottiva man mano che i loro figli crescono fino alla mia età e oltre.

Indipendentemente dall'omissione di domande di grande respiro, consiglio vivamente questo libro a tutti i futuri genitori perché è sicuramente un enorme vantaggio per l'aiuto ricevuto dai genitori adottivi della mia generazione.

Questo libro fornisce un resoconto onesto e senza pretese di ciò che DAVVERO accade quando si adotta un bambino da un paese straniero. La premessa del consiglio genitoriale deriva da a trauma informato e genitorialità attaccata prospettiva. A mio parere, in quanto adottato all'estero, questo è un vero resoconto del bagaglio emotivo che portiamo con noi, indipendentemente dal fatto che veniamo adottati da neonati o meno. ho scritto prima non siamo tabula rasa. Se i futuri genitori NON sono preparati ad affrontare le realtà presentate in questa straordinaria risorsa scritta da genitori adottivi esperti, allora suggerisco che l'adozione internazionale di un bambino potrebbe non essere adatta a te. Ma se sono disposti ad abbracciare ciò che questo libro ha da offrire, oltre a essere aperti a discutere il quadro più ampio dell'adozione internazionale, credo che questo consentirà alla tua famiglia, le migliori possibilità di risultati migliori.

Visita il loro sito Web per i dettagli su come acquista Cuor di Leone.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%