Apprezzando Paese e Cultura

di Laney Allison, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Ciao. Sono Laney Allison, adottata da Ma'Anshan, provincia di Anhui, Cina nell'agosto del 1994 da una mamma single. Sono cresciuto a Dallas, TX e ora vivo/lavoro a Washington, DC, USA.
Sono un co-fondatore/co-presidente di China's Children International.

Puoi raggiungermi @Lane_Xue su instagram e segui l'instagram CCI @cci_adoptees

L'adozione è complicata

Di Aaron Dechter, adottato dalla Colombia in America.

Sia io che mia madre.

45 anni fa oggi, sono stato adottato e sono arrivato a Boston, negli Stati Uniti. Questa giornata è dura: tre facce della medaglia. Profonda tristezza per Mamá e la mia famiglia colombiana per il figlio che è stato rubato e portato via. Felicità per mia mamma, mio papà e la mia famiglia americana per quello che è stato il giorno più importante per loro. Quindi questo mi lascia.

Come molti altri adottati che sono fatti a pezzi internamente in un milione di pezzi, alla mia età ora, sono arrivato ad accettare gli alti e bassi, la felicità e la tristezza mentre il pendolo oscilla ogni giorno.

La mia sorella minore mi dice: "Il dolore e la sofferenza di Mamá e di tutta la famiglia non guariranno mai". Mia sorella maggiore mi dice: "Prendilo come un dono della vita per avere due famiglie che mi amano, per prendersi cura di me e permettermi di tornare a casa". Brenna e Gabriella dicono: “Questo è stato un giorno felice, ora sapendo che la verità è diversa. È dura, è ancora un giorno speciale ma sembra contaminato”. Tutte le opinioni sono giustificate.

Quindi eccomi qui, a rappresentare la triade dell'adozione. Rappresento Mamá e la famiglia Colombia. Rappresento i miei genitori e la famiglia americana. Rappresento Brenna e Gabriella e me stesso. Non posso lavare via l'adozione, ma mi ha reso quello che sono oggi.

Il percorso verso la guarigione continua, ma sono ancora qui a combattere la causa per Mamá, i miei genitori e me.

Come mai?

Sono un cane, un gatto o un pesce che puoi restituire in un negozio di animali? 
Le tue azioni riflettono che sono meno di un animale
Dai colpi di affetto e commenti positivi ai tuoi animali domestici 
Poiché ricevo un castigo costante per le infrazioni che ho commesso
Sei sinceramente preoccupato quando il tuo animale domestico è malato o smarrito
Non sai niente di me e rimani all'oscuro dei problemi che affronto da solo
sono insignificante
non sono nessuno
Perché mi hai adottato?

Altre famiglie hanno l'abitudine di chiamarsi regolarmente
Ma non siamo come le altre famiglie, non ricevo chiamate da voi
La maggior parte delle famiglie si fa visita durante le vacanze
A meno che non vengo da te, non ricevo visite
La maggior parte delle famiglie conosce capitoli l'una dell'altra mentre interagiscono
Conosci a malapena un paragrafo della mia vita
Sono invisibile per te
non m'importa
Perché mi hai adottato?

Rimani vile, orgoglioso e restio ad aggrapparti ai rami d'ulivo che ho allungato
Con questo atteggiamento, come potrei sottomettervi i miei figli?
Sostieni che le mie verità sono semplici esagerazioni, bugie o storie inventate
Come possiamo parlare quando tutte le mie parole sono offensive per te?
Ho riflettuto su questa domanda così tante volte
Hai detto che mi sono meritato le cose orribili che mi hai fatto
sono una delusione
non sono degno
Perché mi hai adottato?

Non c'è risposta a questa domanda
Non sei abbastanza onesto da dirmi perché
Quando esamini la risposta, non ti piaci ancora di più
Quando ti trovi di fronte ai fatti, stringi la presa sulla negazione
Preferiresti portare con te le ragioni nella tomba
Che essere onesti con tuo figlio
non mi merito
io sono sotto di te
Perché mi hai adottato?

Di Jayme Hansen

pericoli di un adottato nato all'estero

vorrei essere un gigante
con piedi larghi dieci miglia
così potrei attraversare l'oceano
e torna dall'altra parte
un bacio della buonanotte su una sponda
a coloro che tengo vicino al mio cuore
poi una lunga camminata attraverso
l'oceano profondo e blu
ai miei amati sull'altro porto
e poi avrei un cuore da gigante
per tenere dentro tutta questa gioia e dolore
ma invece sono solo questo piccolo uomo solitario
e così mi siedo nel mezzo
e piangi

pericoli di un adottato nato all'estero
mi boreal interior collection

(c) j.alonso 2019

Poesie di j.alonso non può essere riprodotto, copiato o distribuito senza il consenso scritto dell'autore.

Quando il dolore e la perdita sono troppi

Dietro il sorriso sfacciato c'è molto dolore, tristezza e vulnerabilità. Anche se ora sono cresciuto, non significa che il mio dolore sia mai passato!

Di solito non sono uno che sfoga la mia frustrazione e il mio dolore sui social media, ma eccomi!! Sono stufo di vivere una vita di dolore e perdita. Negli ultimi anni ho trascorso così tanto del mio tempo in strutture di salute mentale che non riesco nemmeno a contarli tutti. Ogni volta che penso che sto migliorando, qualcosa di merda mi riporta giù. Penseresti che essere in una struttura di salute mentale ti consentirebbe le cure e il supporto di cui hai bisogno. Posso dirti che è tutt'altro!

Attualmente sono in un reparto di salute mentale e la vita sembra essere appena caduta in un milione di pezzi in 24 ore! Ho deluso i miei genitori adottivi, ho danneggiato la reputazione, ho perso gli amici e ora sento di dover combattere questa battaglia da solo.

Ho avuto diverse occasioni in cui le infermiere sono venute a parlarmi e mi hanno insegnato la mia vita! Come adottato, come osano sedersi lì e dirmi che andrà tutto bene, che sono un privilegiato e che dovrei essere grato per quello che ho!

Sono sicuro che a molti altri adottati queste dichiarazioni siano state dette più e più volte. Come osano le persone che non mi conoscono darmi una lezione sulla mia vita. Non sanno cosa significhi perdere la mia famiglia naturale e avere un milione di domande senza risposta. Quindi cosa dà loro il diritto di essere così giudicanti?

Voglio lasciare aperta la domanda agli altri adottati: come affronti ogni giorno e combatti i problemi di salute mentale?

Il sistema di salute mentale è davvero incasinato e le persone hanno bisogno di una migliore formazione su come aiutare gli adottati a gestire la nostra perdita e il nostro dolore. C'è così poco aiuto reale e utile! Abbiamo perso tante belle anime di adottati. Ogni volta che vedo un altro adottato è morto sul Memoriale per gli adottati internazionali pagina, il mio cuore affonda e mi scava più a fondo nella mia depressione. Mi ricorda quanto dobbiamo lavorare duramente rispetto agli altri nella società, per adattarci e superare questo incubo continuo.

Posso dirti onestamente che sto lottando così tanto che mi ha spaventato per tutta la vita. Non so per quanto ancora potrò affrontare qualcuno o qualcosa su questo pianeta!

di Pooja
Adottato internazionale indiano in Australia

Affrontare il suicidio dell'adottato

Queste ultime settimane da Pasqua sono state riflessive e tristi per me. Ogni volta che un amico adottato si suicida, suscita molte emozioni:

  • Tristezza cruda che abbiamo deluso un'altra persona colpita dall'adozione!
  • impotenza che i poteri futuri (governi mandanti e riceventi, agenzie, avvocati, assistenti sociali) che controllano e continuano a facilitare l'adozione internazionale, non fanno abbastanza per prevenire questo tipo di esito. Sappiamo, dopo 70 anni di adozione internazionale, che il trauma legato all'adozione internazionale DEVE essere sostenuto per la VITA!
  • Rabbia che è documentato e ben compreso che continuiamo a subiscono tassi di suicidio molto più elevati rispetto alle persone non adottate e tuttavia - i poteri in essere continuano ancora a facilitare l'adozione internazionale con un impegno minimo per un adeguato supporto post-adozione, né alcuna conseguenza per essere ritenuti responsabili del loro ruolo nel facilitare l'adozione.
  • Dolore per le persone lasciate indietro, che sono improvvisamente rese intensamente consapevoli dei sentimenti di impotenza che ha portato la persona a lasciare questo mondo in questo modo.
  • Frustrazione che per la maggior parte degli adottati, possiamo raggiungere questo spazio senza chiedere aiuto perché siamo spesso circondati dall'ignoranza pubblica e dalla falsa dichiarazione dei media che l'adozione è solo "meravigliosa" e fornisce una "famiglia per sempre"; o di "un momento-in-tempo-riunione" che crea l'illusione che questo risolverà il dolore interno del bisogno di sapere a dove apparteniamo. Il danno che questi messaggi falsi creano quando non sono equilibrati o ascoltano coloro che lo vivono da un ampio spettro nel tempo, è che questo messaggio può agire per negare e amplificare le lotte che spesso gli adottati sentono.

E dove sono i supporti per chi è rimasto indietro? In che modo la nostra comunità di pari affronta l'effetto a catena quando ciò accade? Non ho visto molte risorse per dotarci di questo. Lottiamo, vagando nel buio.

Quello che questo mi fa è mettermi in allerta per tutti gli adottati che conosco che condividono l'essere in questo spazio oscuro. Saresti sorpreso da quanti ce ne sono, spesso quelli che nessuno sospetta! Tutto quello che posso fare è raggiungere, offrirti di ascoltare, dire loro che sono qui quando ne hanno più bisogno e incoraggiarli a chiedere aiuto professionale. Questo perché il dolore è spesso il nostro trauma profondo dalla rinuncia e forse complicato se l'adozione non fosse solidale e positiva. È una sensazione terribile chiedersi chi sarà il prossimo. Sono solo una persona e ci sono migliaia di noi adottati all'estero. Sembra una bomba ad orologeria! Eppure so anche perfettamente come si sentono perché ero lì durante i miei anni più dolorosi. So quanto facilmente la vita diventi quello spazio oscuro in cui credi davvero che a nessuno importi, ma anche se lo fanno... sembra che il dolore non finisca mai.

Per quelli che non capiscono e non vogliono, per me quando ero in quello spazio, Volevo solo che il dolore finisse! Volevo solo sentire un po' di pace! Ero stanco di piangere, stanco di essere così triste, così arrabbiato, esausto cercando di fingere di essere "normale". Ma il suicidio è una soluzione temporanea e spesso quando in quello spazio, non stiamo guardando la realtà di non essere qui nella vita e tutte le cose che ci perderemo, o l'impatto sulle persone che ci lasciamo alle spalle - abbiamo solo consumarsi con il desiderio di porre fine al dolore!

In qualche modo, dobbiamo creare uno spazio che aiuti gli adottati ad affrontare questo dolore in modo sicuro.

Il suicidio adottato mi spinge a continuare a raggiungere i miei coetanei, a cercare di creare uno spazio sicuro dove le loro emozioni e confusioni possano esistere senza giudizio. L'ICAV consiste nel fornire risorse e connettere i coetanei per consentire il viaggio alla scoperta delle loro verità, incoraggiandoli a trovare la guarigione e offrendo un po' di speranza.

Posso solo desiderare che il suicidio degli adottati stimoli più di noi a raggiungere regolarmente i nostri coetanei adottati; fai il check-in, mostra interesse, sii un orecchio in ascolto e aiutali ad incoraggiarli a raggiungere spazi/luoghi in cui saranno sollevati e supportati.

ICAV ha creato il Memoriale per gli adottati internazionali Pagina Facebook 2 anni fa. Purtroppo, abbiamo più di 30 adottati internazionali e transrazziali commemorati lì in questo breve periodo di tempo, ma che dire di quelli che non conosciamo perché non hanno mai sfruttato le reti di supporto? Sono quelli di cui mi preoccupo di più!

Questo è il motivo per cui spendo le mie energie sostenendo di fermare o cambiare il modo in cui viene effettuata l'adozione internazionale per garantire migliori supporti post-adozione (come ricerca e ricongiungimento gratuiti e test del DNA, consulenza gratuita, valutazioni e supporto gratuiti sulla salute mentale), una migliore valutazione e istruzione delle famiglie adottive, trovare modi per rendere giustizia a coloro che sono stati vittime delle peggiori mani (deportazione, abusi nelle famiglie adottive, adozioni illegali e illecite, reinserimento). Ci sono così tanti problemi complicati nell'adozione internazionale e gli adottati non dovrebbero essere lasciati a navigare da soli senza i giusti sistemi di supporto in atto. I paesi di origine e di accoglienza dovrebbero essere ritenuti responsabili del successo o meno delle loro adozioni internazionali. Ciò implica che ci dovrebbe essere un follow-up a lungo termine su coloro che il governo, le agenzie e gli avvocati mettono, incluso il follow-up con le famiglie di entrambe le parti (adottive e natali).

L'adottato suicida mi dice che non abbiamo ancora fatto abbastanza per prevenire e ridurre al minimo i danni causati dalle strutture che facilitano e supportano l'adozione internazionale.

Lynelle Long

risorse

Se sei un adottante colpito dalla perdita del tuo amico adottato a causa del suicidio, o stai pensando al suicidio, considera la possibilità di contattare supporto professionale in caso di crisi e ai tuoi supporti locali per la Post Adozione.

Anche il supporto tra pari può essere utile poiché a volte possiamo consigliare dove trovare questi supporti professionali post adozione e crisi. È possibile trovare un elenco di supporti post-adozione internazionali guidati da adottati qui; ma a meno che non abbia una formazione professionale, il supporto tra pari è informale e non viene fornito 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Un articolo di un adottato locale: Verso la prevenzione del suicidio correlato all'adozione.

Un articolo del genitore adottivo internazionale: Capire perché gli adottati corrono un rischio maggiore di suicidio.

Miti e fatti sul suicidio

Estratto: Prima lettera a mio padre iraniano

Visita di ritorno nella mia terra natale - Iran, Mashhad

In Svezia, dove sono cresciuto, le persone come me si chiamano adottato. È facile individuare un adottato. Sembra che veniamo da un posto molto lontano, ma non conosciamo la nostra lingua o cultura nativa. Questo crea confusione ovunque andiamo. Crea anche confusione dentro di noi.

Chi siamo noi? Chi sono?

Addoloriamo i nostri traumi in silenzio perché non appena condividiamo la nostra tristezza, ci viene detto che dovremmo essere grati: al nostro nuovo fantastico paese e ai nostri gentili genitori adottivi.

Questo è qualcosa che un bambino biologico svedese non deve mai sentire: che dovrebbero essere grati di vivere in Svezia! Questo crea la sensazione di valere meno rispetto a tutti gli altri; che esistiamo in Svezia in altri termini rispetto ai nostri coetanei; che è condizionale. In molti casi, i nostri genitori adottivi non si sono presi cura di noi. Hanno ignorato i nostri traumi. E non hanno capito il razzismo che tutti noi abbiamo dovuto sopportare, sia da bambini che da adulti. Non eravamo protetti. Eravamo un gioco leale.

Quando vieni adottato a volte ti addolori e pensi a tua madre. Per qualche ragione non pensi molto a tuo padre. Penso che questo sia dovuto al fatto che abbiamo l'impressione che le nostre madri fossero giovani e all'oscuro, forse tossicodipendenti, forse prostitute. E che nostro padre era solo un tizio. La parte con la prostituzione, tra l'altro, fa parte della narrativa che le ragazze adottate vengono consegnate quando sono giovani. “Se fossi rimasto nel tuo paese saresti stato una prostituta, quindi perché non sei grato?!” Riuscite a immaginare cosa ci fa questo messaggio?!

Papà, come la maggior parte degli altri adottati, ho passato del tempo a interrogarmi su mia madre, ma non so se ti ho mai pensato in passato. Ora, penso a te tutto il tempo.

Di Sara

Primo regalo di mio padre iraniano

L'esperienza vissuta dell'adozione internazionale illecita


Quest'anno, uno degli obiettivi dell'ICAV è quello di portare in primo piano le voci di coloro che hanno vissuto l'esperienza dell'adozione illecita attraverso pratiche di adozione internazionale. L'esperienza di un'adozione internazionale illegale è ormai riconosciuta come “esistente” da molti dei nostri governi e autorità centrali che facilitano le adozioni. ISS-SSI ha anche fornito un Manuale sulla risposta alle adozioni illegali su questo nel 2016, inclusi i contributi di alcuni con esperienza vissuta. Tuttavia, rimane un dato di fatto oggi, che ci sono a malapena una manciata di adulti adottati all'estero che hanno ricevuto supporto e assistenza adeguati, che si tratti di un collegamento emotivo, finanziario, legale o governativo in risposta alle loro adozioni illecite.

Che dire delle adozioni internazionali illecite che sono tecnicamente "legali" ma sono fondamentalmente non etiche sotto? internazionale o altro standard come il Protocollo di Palermo? I poteri che controllano e regolano l'adozione internazionale fanno ben poco per fornire un supporto utile a chi la vive.

Nel 2011, il mio paese adottivo, l'Australia, ha aperto la strada a un gruppo di lavoro all'Aia allo sviluppo di misure cooperative per la prevenzione delle pratiche illecite in adozione e rimangono uno dei pochi paesi adottivi a sviluppare un “protocollo” per aver risposto alle accuse di traffico di minori in adozione. Tuttavia, questa risposta del protocollo è fortemente limitata in quanto agisce solo per "rivedere la documentazione di adozione" e tuttavia spesso è la documentazione stessa, che è stata falsificata e difficile da accertare senza altre fonti di informazione. Anche SE la documentazione si dimostra falsa, cosa succede? In casi come l'anello di traffico taiwanese di Julie Chu dove persecuzione legale seguito, è stato fatto poco o nulla per gli adottati taiwanesi e le loro prime famiglie sia nel paese di adozione che in quello di nascita. Le persone colpite non dovrebbero ricevere servizi interamente finanziati per aiutarle a riunirsi, reintegrarsi e riconnettersi se lo desiderano in qualsiasi fase della loro vita? O devono intraprendere un'azione legale per essere mai risarciti per le loro perdite e implicazioni legali? E se non vogliono azioni legali ma vogliono comunque aiuto?

Nel mio periodo all'ICAV, ho assistito alla crescita permanente che si verifica in termini di sviluppo per gli adottati internazionali adulti: prima iniziamo a esplorare il nostro viaggio individuale, ma quando ci colleghiamo con altri adottati e reti di supporto tra pari, veniamo esposti al quadro più ampio dell'adozione internazionale e la pratica mondiale come avviene oggi. La Convenzione dell'Aia per l'adozione internazionale è stata progettata per combattere le adozioni illegali ma, nonostante i suoi ideali, non è stata in grado di fermarle del tutto né garantire adeguati supporti post-adozione, soprattutto per questo specifico segmento della popolazione degli adottati internazionali. Molti critici affermano che la Convenzione dell'Aia ha aggravato il problema mascherando le pratiche illecite con il pretesto di un'adozione "legale". Man mano che la popolazione adulta di adottati invecchia e matura, ciò che osservo è un numero enorme, ammasso, di adottati che si stanno impegnando attivamente per denunciare le numerose adozioni illecite che hanno segnato la sua storia.

Agli adottati sudcoreani piace Jane Jeong Trenka hanno aperto la strada nella lotta per i diritti degli adottati a causa del loro ruolo storico come i primi bambini incartati in tempi moderni ad essere esportati in gran numero - ma più recentemente ci sono quelli che aprono la strada agli adottati di altri paesi di nascita che sono stati illecitamente adottato. Adottivi interessati come:

  • Patrick Noordoven a partire dal Brasile Baby Affair che di recente ha vinto il suo risultato storico di riconoscimento giuridico che coloro adottati illegalmente avevano diritto alla loro informazione; in generale aprendo la strada ad altri adottati brasiliani del periodo Brazil Baby Affair; e anche un successo con la corte olandese che nomina un commissione esterna indagare sulle adozioni internazionali in passato dal Brasile, ma anche da Sri Lanka, Bangladesh, Colombia e Indonesia;
  • Sanne van Rossen che ha rilasciato la sua scoperta rivoluzionaria La tristezza dello Sri Lanka (traduzione in inglese disponibile quest'anno) e la copertura mediatica di accompagnamento di Zembla che ha effettivamente incoraggiato gli adottati dello Sri Lanka in tutto il mondo a lavorare insieme; Il lavoro di Sanne ha portato anche al riconoscimento ufficiale del Baby Farming epoca dal governo dello Sri Lanka;
  • Alejandro Quezada chi ha fondato Adozioni cilene nel mondo insieme ad altri adottati cileni stanno lavorando con le madri del Cile i cui bambini sono stati rubati o persi per l'adozione. Insieme hanno spinto per un'indagine formale sulle adozioni illegali dal Cile;
  • Marcia Engel a Piano Angelo e altri adottati colombiani nel gruppo chiedono che le adozioni illegali vengano indagate ufficialmente;
  • Osmin Ramirez e la storica di suo padre Risultati della Commissione Interamericana sui Diritti Umani; più altri adottati guatemaltechi incoraggiati a lavorare insieme nel loro gruppo fornire sostegno a tutti coloro che vengono adottati illegalmente;
  • e Arun Dohle a partire dal Contro il traffico di bambini che ha denunciato per decenni le adozioni illegali dall'India e da molti altri paesi.

Quali saranno le risposte del governo e dell'autorità centrale a questi casi di adozioni illecite? Per quanto tempo continueranno a ignorare le voci di coloro che sono stati maggiormente colpiti dal punto di vista pratico, aiutandoli a trovare le loro famiglie e a reintegrarsi nei loro paesi se questo è il loro desiderio? Che ne dici di finanziare "l'organizzazione dell'esperienza vissuta" che aiuta di più perché comprende meglio le complessità? O un "gruppo consultivo di esperienze vissute"?

Spero che incoraggiando l'advocacy e aiutando a esporre le voci di coloro che lo vivono, assisteremo al cambiamento, non solo riconoscendo formalmente i torti commessi, ma cercando di fare ammenda e fornire il supporto tanto necessario a coloro che sono costretti a viverlo. Una cosa è riconoscere le terribili pratiche del passato e cercare di evitare di ripeterle nel futuro, ma un'altra è affrontare i problemi attuali e fornire supporto a coloro che hanno vissuto una vita derivante da pratiche passate.

Oggi vi presento la storia di Mariela che ha vissuto l'esperienza di essere stato adottato illegalmente dal Guatemala al Belgio. Questo è un esempio dell'esperienza vissuta da una persona di adozione internazionale illecita. Non vediamo l'ora di condividere presto il nostro nuovo progetto per riunire tante altre voci come quella di Mariela!

Solo ascoltando chi la vive possiamo comprendere appieno tutta la complessità delle adozioni illecite all'estero!

Lynelle Long

La mia storia del DNA

DNA Breve Hansen Short 2018

Fare clic sul collegamento sopra. Ti verrà quindi chiesto di APRIRE o SALVARE il file. Se vuoi guardarlo, fai clic su APRI. Se vuoi conservare il file, fai clic su SALVA.

Questa è una presentazione di Microsoft PowerPoint con l'audio inserito nella maggior parte delle pagine.

Fare clic sul simbolo dell'altoparlante al centro della pagina e premere il pulsante di riproduzione.

Lo spettacolo in powerpoint riguarda la mia storia del DNA. Come sono diventato quello che sono oggi. Come ho ottenuto il gene britannico? Giapponese? Cinese? E coreano? È una coincidenza che il mio compleanno e il compleanno di mia sorella siano atterrati nelle festività coreane che celebrano il movimento di liberazione giapponese?

Uso il mio background in biologia e storia per spiegare come penso di essere diventato quello che sono oggi. Il download richiede circa 1-2 minuti. La dimensione del file è 39,5 MB.

Godetevi la presentazione!

Jayme Hansen

 

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%