Recensione di Fare i conti con la ferita primordiale

Rebecca e Jill

Fare i conti con la ferita primordiale è un film condotto da adottati creato da Rebecca Autumn Sansom e sua madre naturale Jill. Insieme esplorano ciò che Ferita Primordiale è e come ha influenzato le loro vite.

Questo film parla davvero del viaggio di Rebecca per venire a patti con chi è; dare un senso all'essere adottati; comprendere il profondo dolore e la perdita che ha provato nella sua vita; esplorando come non sia solo il suo viaggio ma anche molti altri adottati; venire a patti con l'ascolto del viaggio della sua madre naturale e la comprensione che questa esperienza ha temi universali.

Penso che sia una fantastica esplorazione degli impatti profondi creati quando si separano una madre e un bambino; ascoltare e vedere l'esperienza vissuta da entrambi i lati: l'adottato e la sua madre naturale. È anche perspicace nel dimostrare la realtà comune di come i genitori adottivi facciano fatica a comprendere il significato e a venire a patti con il trauma da cui hanno costruito la loro famiglia. 

Spesso durante la riunione noi adottati siamo presi nel mezzo di problemi emotivi in competizione e a volte possiamo assumerci troppa responsabilità di tenere lo spazio per tutti. Personalmente ho sentito che il film di Rebecca è un modo così potente per mantenere lo spazio per se stessa e raccontare la sua storia, bravo!

Amo la gamma di esperti all'interno di questo documentario, in particolare tutta l'esperienza vissuta e il modo in cui i professionisti si intrecciano tra le storie personali. È così importante capire l'enorme rete di persone interconnesse in adozione, i ruoli che svolgono, come siamo tutti influenzati. È stato particolarmente toccante vedere il viaggio longitudinale di riconnessione facilitato dall'assistente sociale di Jill, a cui chiaramente importava molto.

Alla fine questo film mi ha colpito per la sua verità e convalida per tutti gli adottati che non possono semplicemente "andare avanti" e agire come se la separazione dalle nostre madri naturali non avesse alcun impatto su di noi. Nel complesso, il messaggio per me suona vero: che affinché avvenga una guarigione profonda nell'adozione, è necessario che ci sia un profondo calcolo degli impatti causati dalla separazione di una madre dal bambino e il riconoscimento che questi sono per tutta la vita.

Per saperne di più sul documentario, puoi visitare Rebecca's sito web.

ICAV è in esecuzione adottato eventi online questo settembre, dove gli adottati avranno accesso per vedere il documentario e successivamente partecipare a un gruppo online per una discussione post film.

Una contabilità da un adottato

di Maria Cardara, adottato dalla Grecia negli USA; Professore Associato e Presidente del Dipartimento di Comunicazione presso la California State University East Bay.

Sono stati due anni incredibili ma, soprattutto, proprio nell'anno di una pandemia globale. È stato in quest'anno che ho trovato la mia voce come adottato. Sembrava che le stelle fossero allineate. Pensato per essere in questo momento, in questo spazio. Ho trovato persone, o forse sono loro che mi hanno trovato, che mi hanno portato alla mia comunità di compagni adottati, madri naturali, attivisti e sostenitori.

Tutto è iniziato dopo la morte di mia madre adottiva nel 2018. (Mio padre era morto 18 anni prima). La sua morte è stato uno dei momenti più tristi della mia vita. Di nuovo a sinistra, mi sono sentito. Lei e io eravamo cresciuti così vicini nel corso degli anni e avevamo trascorso molto tempo insieme, ma la sua partenza mi ha anche fornito lo spazio di cui avevo bisogno per considerare la vita davanti a lei. E lì era una vita prima di lei, per quanto breve possa essere stata. Anche il mio piccolo io aveva un passato. È stato sepolto, però. Oscurato. In molti modi, cancellato.

Che importava? Come potrebbe importare?

La mia adozione, che avevo messo da parte, era stata al centro e al centro di tutta la mia crescita da bambino e da adolescente. Non l'ho messo lì. Tutti gli altri l'hanno messo lì. Un'etichetta. Un tag. La mia identità è stata imposta. A volte mi ha stigmatizzato. E sicuramente mi ha reso un estraneo che guardava a una vita che ho vissuto, ma che non potevo veramente rivendicare. Come il mio. Da dove vengo in realtà.

Cosa mi ha portato fino ad oggi e qual è il motivo per cui ora posso scriverne?

Nel 2018, ho voluto avvicinarmi alle mie radici come adottato di origine greca. Mi sono iscritto a lezioni di lingua greca in una chiesa a Oakland, in California. Andavo a lezione tornando a casa a Sonoma ogni lunedì sera venendo dall'università dove insegnavo. Quelle lezioni mi hanno ricollegato alla mia cultura. È stata una gioia assoluta ascoltare la lingua, imparare a parlarla e divertirsi nella sua complessità con i miei compagni studenti tutti, almeno parzialmente greci, ma completamente greci nel loro amore per essa.

È stato durante questa lezione che mi è stato chiesto, από ου αι? Di dove sei? μαι α, potrei affermare con orgoglio con certezza. Sono un greco. α ? α. Sono nato ad Atene. οθετήθηκα. Sono stato adottato. io sono adottato. Come la recita di un mantra. Queste due cose mi identificano e sono le uniche due cose che so per certo, come ho notato prima nel mio scritto.

La mia compagna di classe, Kathy, ha detto: "Ho una cugina adottata, Mary, anche lei greca". Mi sono subito incuriosito. C'era qualcun altro che veniva da dov'ero io e che era marchiato come me?!

Adottato.

"Ha una storia incredibile, Mary", ha detto Kathy. “Devi incontrarla e, infatti, lo farai. Sta venendo a trovarci e la porterò in classe". Kathy mi ha raccontato la storia quel giorno e con ogni frase che ha pronunciato i miei occhi si sono allargati e ho continuato a ripetere le parole: No. Stai scherzando? Dio mio. Dio mio. Dio mio. Che cosa? Quella è incredibile!

Nel giro di una o due settimane da quando Kathy mi raccontava la sua storia poco plausibile, Dena Poulias venne in classe. Una donna graziosa, bionda, occhi azzurri, timida e tranquilla, è venuta con sua cugina per ascoltare la nostra lezione. Voleva partecipare, le ha chiesto l'insegnante? No, ha esitato. Era lì solo per ascoltarci e per incontrarci.  

Dopo la lezione mi sono presentata in modo più completo e le ho detto che avevo sentito la sua storia. Sono uno scrittore, dissi a Dena. Sarei onorato di scrivere la tua storia. Mi ha detto che desiderava scrivere la sua storia da anni, ma non ci era riuscita. Non era una scrittrice, disse. Le ho dato il mio numero e il mio indirizzo email. Penso di averla contattata una volta, ma non era pronta. La sua è stata una storia pesante e dolorosa. Non poteva essere successo, ho cercato di convincermi.

Settimane dopo, Dena ha scritto e ha detto che era pronta a parlare. Decise che voleva che raccontassi la sua storia e così nel corso di circa un anno, a intervalli di due giorni qui, una settimana là, il mese successivo avremmo parlato. Be', lei parlava e c'erano così tante cose che non riusciva a ricordare con esattezza. Ma suo marito era il suo ricordo. Così era sua cugina, Kathy. E sua sorella. E sua madre e suo padre. La storia, a differenza di qualsiasi altra cosa che avessi mai scritto, scorreva fuori da me. Sono un giornalista e quindi ho scritto notizie e documentari. Questo era diverso. Saggistica letteraria. Ricreavo scene e dialoghi raccontatimi da fonti in prima persona. Era di portata visiva. Molti che hanno letto le anteprime hanno detto che era cinematografico. Qualunque cosa fosse, era tutto vero. Dena, finalmente, stava raccontando la sua storia a qualcuno e sono stato ispirato dal fatto che finalmente l'abbia fatta uscire fuori.

Nel corso della scrittura, avevo bisogno di alcune informazioni importanti. Stavo per coinvolgere una rispettata organizzazione greca in alcune scandalose pratiche di adozione negli anni '50. Anche curiosare da solo sui social media e fare domande ha portato alcuni commenti online piuttosto odiosi. Quando ho contattato l'organizzazione stessa, prevedibilmente ha negato qualsiasi azione sbagliata. Il presidente ha letteralmente detto: "Non ho idea di cosa tu stia parlando". Vieni a dare un'occhiata ai nostri file a Washington, DC, disse. "Non abbiamo niente del genere e nessuna storia del genere."

Inserisci un Gonda Van Steen, uno dei più eminenti studiosi del mondo in studi greci moderni. Nella mia ricerca, mi ero imbattuta nel suo nuovo libro intitolato Adozione, memoria e guerra fredda Grecia: Kid Pro Quo? Le ho scritto di punto in bianco, mi sono presentato, le ho detto che ero un giornalista e le ho chiesto di questa particolare organizzazione. Lei lo sapeva? Era coinvolto nel commercio e, in alcuni casi, nella "vendita" di bambini?

L'organizzazione era effettivamente coinvolti in queste pratiche di adozione non etiche. Faceva sicuramente parte della storia di Dena. Gonda aveva detto, nel corso delle nostre conversazioni, che la storia che stavo scrivendo suonava terribilmente familiare. Infatti, Dena Poulias compare alle pagine 202 e 203 del suo libro ed era uno dei casi che aveva seguito e raccontato. Ha detto che era stata una delle storie più "commoventi" che aveva incontrato. Gonda ha iniziato a riempirmi la testa di storia e a contestualizzare la mia adozione.

ho continuato a scrivere.

All'inizio del 2021, più o meno quando ho finito la storia di Dena, ho letto un altro incredibile libro sull'adozione chiamato bambino americano, scritto dalla brillante autrice di best-seller, Gabrielle Glaser. Non riuscivo a metterlo giù e sono rimasto trafitto da un'altra incredibile, incredibile storia di adozione simile a quella di Dena. Questo libro è incentrato sulle adozioni domestiche, che sono state altrettanto orribili quanto ciò che stava accadendo sulla scena internazionale. La scrittura di Glaser mi ha spezzato il cuore e in qualche modo l'ha svegliato.

Ho deciso, dopo aver consultato Gonda, di raccogliere storie di adottati nati in Grecia e di metterle in un'antologia. Questo gruppo di adottati, "i bambini perduti della Grecia", non era mai stato sentito prima! Durante le conversazioni sull'avvicinamento agli autori, Gonda ha suggerito, sai, Mary, dovresti contattare Gabrielle Glaser e chiederle se avrebbe scritto The Forward. Da un lato, ho pensato che fosse un'idea folle. Voglio dire, giusto. Gabrielle Glaser?! Veramente? Poi ho pensato, beh, perché no? Le scrissi come avevo scritto a Gonda. Freddo. Ma lei era lì. Lei rispose. Era adorabile. E oggi siamo amici. Il suo libro mi ha anche fatto rivalutare l'adozione stessa. Compreso il mio.

Come ho spiegato in un recente forum online sull'adozione, mi sono sentito come il Leone che ha trovato il suo coraggio, lo Spaventapasseri, che ha trovato il suo cervello e l'Uomo di latta che ha trovato il suo cuore tutto in una volta. Dena mi ha dato coraggio. Gonda mi ha fatto pensare a quello che è successo a me ea migliaia come me. E Gabrielle mi ha aiutato a sentire il battito del mio cuore.

Attraverso di loro ho trovato la mia strada per Greg Luce e Lynelle Long e Shawna Hodgson e così tanti altri troppi da nominare. Ora sto con loro e con i nostri alleati, parlando e scrivendo e sostenendo i diritti degli adottati.

È così che sono arrivato a questo punto. Ma perché scrivo qui e ora?

La condivisione della mia storia di adozione ha suscitato sentimenti e pensieri in altri A proposito di me. Si chiedono. Perché e come mi sento come mi sento? Perché non ho condiviso prima? I miei sentimenti li rendono tristi. Pensavano che fossi felice. Semplicemente non capiscono. E tu sai cosa? Potrebbero mai. Comprendere. E va bene. Non posso e non voglio difendere i miei sentimenti, che sono reali, per quanto estranei e irragionevoli possano sembrare agli altri.

Non ho pensieri sul fatto che avrei dovuto essere adottato o meno. Non ho pensieri sul fatto che la mia vita in Grecia sarebbe stata migliore. Non biasimo nessuno per quello che mi è successo e per come è successo. Non posso tornare indietro e rimettermi in gioco con le persone che stavano facendo quello che stavano facendo. So che stavano prendendo decisioni che pensavano, in quel momento, fossero nel mio interesse.

Non si sono resi conto che mia madre naturale stava soffrendo. Che aveva una famiglia, che l'aveva abbandonata perché era una madre adolescente e nubile. È stata messa da parte ed è stata relegata senza importanza nella storia della mia vita. Come può essere? Io e lei una volta eravamo una cosa sola. Le era stato promesso da un delegato che nessuno l'avrebbe "disturbata" mai più. Si è mai ripresa dalla vergogna che le è stata imposta? E dalla nostra separazione? Aveva bisogno di sostegno e amore per prendere una decisione sobria riguardo al suo bambino, alla sua stessa carne e sangue. Non mi importa se aveva 14 o 24 anni. Aveva bisogno di aiuto.  

La regina Frederika di Grecia ha iniziato una casa trovatello ad Atene 1955

Ho appreso di recente il numero che mi è stato assegnato quando sono stato collocato nella Casa dei trovatelli di Atene l'11 gennaio 1955. È 44488. Ciò significa che migliaia di bambini sono venuti prima di me, tutti relegati ai numeri. Il numero, per quanto freddo, può sbloccare alcune informazioni che desidero e di cui ho bisogno. Ho controllato alcune vecchie lettere dell'agenzia di servizi sociali che si occupava del mio caso. Una lettera dice che ci sono due persone elencate sui giornali quando sono entrato in quell'orfanotrofio. Una madre e un padre. Ho il suo nome. voglio il suo. Chi sono? Da dove vengo? E cosa è successo? Fondamentale per l'integrità di ogni persona è la conoscenza del proprio passato.

Pensa a questo. Se non sei stato adottato, crescendo hai ascoltato la tua storia, forse ancora e ancora. È stato dolce e sentimentale mentre ascoltavi la storia della tua nascita e dei tuoi primi giorni. Sei stato concepito in una certa serie di circostanze. Sei nato in una certa serie di circostanze. I tuoi genitori ricordano quel giorno. Ti raccontano di quel giorno, cosa hai fatto, cosa hanno fatto loro, come eri, quanto pesavi, com'era quando ti hanno portato a casa, che tipo di bambino eri. Insomma, hai avuto una storia che le persone hanno condiviso con te. La mia storia è iniziata nel momento in cui sono entrato tra le braccia di un'altra famiglia che non era la mia. C'era qualcosa, per quanto breve, prima, e io non lo so. Questo è il punto.           

Sono stata collocata con meravigliosi genitori adottivi e in una grande e amorevole famiglia greco-americana. Non ho perso la mia lingua o la mia cultura. I miei genitori erano incredibilmente affettuosi e non posso descrivere la profondità del mio amore per loro e per i miei nonni. Apprezzo la vita che mi hanno dato. Apprezzo la mia famiglia e i miei amici. Ero un bambino felice e un adulto ancora più felice. Chi mi conosce probabilmente descriverebbe il mio amore per la vita e le risate e il mio livello di impegno per le cose e le persone a cui tengo.

MA questo non ha niente, niente a che fare con quello che è successo prima. Queste sono due cose separate. Gli adottati che conosco si sforzano di diventare esseri umani completi. Ciò significa che avevano un passato e hanno bisogno di conoscerlo appieno. Meritano atti di adozione aperti, certificati di nascita originali e cittadinanza di origine, se lo vogliono. Gli adottati hanno diritto a questi e anche noi abbiamo diritto ai nostri sentimenti e pensieri sulla nostra vita. Come ha spiegato di recente un'adottato, incontrare un genitore naturale ti consente di tagliare il cordone ombelicale emotivo. Invitiamo gli altri a fare domande perché si preoccupano di capirci, ma per favore non metterci sulla difensiva. Non dobbiamo spiegare. Siamo stanchi di spiegare. Stiamo solo pensando alle nostre esperienze personali, che sono tutte diverse.  

bramo la connessione. Connessione profonda e inconfondibile con gli altri. Lo sai quando lo provi con un altro essere umano. Forse lo senti così completamente che ti sembra di conoscerli da tutta la vita o in un'altra vita. Sai di cosa sto parlando. Per me, quella connessione è quasi qualcosa di divino. Corro verso la luce e tengo quella fiammella come un fiore prezioso e fragile. me ne occupo io. Coltivalo. Amo sentirmi come se appartenessi e a volte quella sensazione, così bella, è sfuggente nella mente e nel cuore di un adottato.

Anche questo adottato è gay. Quindi, ci sono due punti di differenza che ho dovuto navigare.

Sto con la stessa donna da quasi 30 anni. Circa quindici anni fa ho adottato i suoi figli da un precedente matrimonio. Non c'è un modo semplice per dirlo, ma il padre li ha abbandonati quando erano piccoli. Sono stato un genitore con lei da quando i ragazzi avevano 2 e 3 anni. Non avrebbero potuto essere più "i miei figli". I nostri amici hanno riconosciuto il mio posto nelle loro vite, ovviamente, ma c'erano altri che non avrebbero mai potuto e non l'hanno mai fatto.

Il mio compagno era il "vero" genitore. Quelli erano i "suoi" ragazzi, non miei, mai miei agli occhi di alcuni. Non facevo parte della loro famiglia, ma semplicemente un estraneo. Questo è stato incredibilmente doloroso. In effetti, proprio di recente i ragazzi (ora uomini) sono stati presentati come suoi figli mentre io ero proprio lì.

Che significato ha l'adozione? No, sono serio. Diavolo, non lo so nemmeno io e sono stato adottato e l'ho adottato!

Ho potuto ristabilire la mia cittadinanza greca anni fa e ne sono felice, grato.

Poter ottenerlo è stata l'eccezione alla regola, ho imparato. È stata, per molti versi, un'esperienza umiliante cercare di dimostrare più e più volte chi ero, dove sono nato ea chi. C'era il problema di un certificato di nascita alterato, cosa che non sarebbe mai dovuta accadere e di certo non ha aiutato, ma questa è un'altra storia.

Il mio partner è completamente greco (americano). I bambini sono completamente greci (americani). La mia compagna ha ottenuto la cittadinanza greca tramite i suoi genitori (nati in Grecia) e volevamo che anche i ragazzi avessero la cittadinanza greca nel caso in cui, in futuro, volessero un giorno lavorare in Grecia o all'interno dell'UE. Sarebbe stata una battaglia in salita per dimostrare la connessione greca attraverso i loro nonni materni e poi anche attraverso il loro padre greco e i suoi genitori, con i quali non sono più in contatto. Ma aspetta! Ero il loro genitore legale e anch'io nato greco. Un cittadino! Potrebbero ottenere la cittadinanza tramite me, un genitore legale. Non potrebbero? Facile, no? Ma tieni duro!

Questo non doveva essere. Poiché non ero un genitore naturale, in mancanza di quella connessione biologica, non era permesso. Le persone ottengono la cittadinanza greca attraverso genitori e nonni. Ad altri viene concessa la cittadinanza greca perché sono studiosi famosi o attori o autori, senza alcun legame biologico con la gente del paese. Ma io, un adottato di origine greca, che per caso ha adottato due ragazzi greco-americani, non ho potuto stabilire la cittadinanza per i miei figli. Sono meno miei figli perché non siamo biologicamente imparentati? Non sono affatto miei figli?

Adozione.

Vedi perché ci sentiamo come ci sentiamo. È complicato e spesso significa poco agli occhi di alcuni. Rimane uno stigma. C'è discriminazione. Ancora.

Il sangue non è acqua. Ti piace la compagnia di alcune famiglie quasi come un ospite d'onore, ma spesso non come un membro in buona fede. Sei fuori da qualcun altro, ma non completamente loro.

Non biasimo nessuno. Non sono arrabbiato. Ma questa è la mia realtà. Possiedo tutto e mi va bene. Devo essere. Ma per tutti gli amici e la famiglia degli adottati, vi preghiamo di comprendere che non solo abbiamo diritto a tutti i nostri record. Abbiamo anche diritto alle nostre esperienze e ai nostri sentimenti. Non riflettono su di te. Non riguardano te. Prendiamoli. Possediamo la nostra causa. E per favore, prova ad ascoltare prima. 

A proposito di Mary

Mary ha conseguito un dottorato di ricerca. in Public and International Affairs ed è Professore Associato e Presidente del Dipartimento di Comunicazione dove insegna Comunicazione Politica, Giornalismo e Film documentario alla California State University, East Bay. Mary sta attualmente compilando un'antologia di storie di adottati greci e ha 13 collaboratori per la raccolta con il titolo provvisorio "Voices of the Lost Children of Greece", che sarà pubblicata da Inno stampa nel 2022. Se desideri partecipare, contatta Maria.

Per altri articoli di Mary, leggi Riportateli indietro e Esigere ciò che ci appartiene: la nostra identità greca.

Lacrime di trauma

di Christina Soo Ja Massey, ovvero YooNett adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Opera di CS Massey aka YooNett

Le lacrime del trauma Piango come un orfano indifeso, piango come un adulto per tutta la vita.

Questa opera d'arte si occupa principalmente del disturbo post traumatico da stress. Il trauma di essere abbandonato, lasciato a lottare per la mia Vita, ma non potendo farlo... La paura, le ansie e la disperazione della situazione. Ho cercato di trasmettere come questo trauma persista per tutta la mia vita. Sono venuto dai miei Adopter già profondamente spaventato solo per rivivere la vecchia Esperienza attraverso nuove Cicatrici.

Leggi il blog precedente di Christina Gli adottati hanno bisogno di servizi di salute mentale.

Per altre opere d'arte di Christina, visita YooNett.

Il dolore per la madre dura per sempre

di Melanie Kleintz adottato dal Perù in Germania.

Tra il 24 dicembre 2020 e il 1 gennaio 2021, un totale di 6 adottati dall'Europa si sono tolti la vita, a Settimana nera in Europa per gli adottati. Il numero di casi non denunciati è decisamente più alto. Tutti non riuscivano a chiarire le loro origini, il loro dolore era troppo forte e non trovavano altro modo per rendere sopportabile il dolore.

È così infinitamente triste, doloroso e insopportabile sentirne parlare. Lavoro con genitori adottivi e futuri genitori adottivi da 10 anni e ho tenuto conferenze sull'argomento. Evito anche abbastanza felicemente l'argomento di quanto gli adottati siano vicini alla morte, anche se ne so meglio.

Quante volte negli ultimi anni ho sentito dire che gli adottati dovrebbero essere contenti di essere stati salvati. Negli ultimi mesi una bambina mi ha fatto capire quanto sia importante lavorare con gli adottati, i bambini in affido e il sistema che li circonda. All'esterno tutto sembra così semplice. Il bambino ha nuovi genitori e “è buono“.

Il dolore dei bambini non è permesso dal mondo esterno per tutta la vita. Il dolore per la loro prima “madre” dura tutta la vita. I bambini che conoscono la loro nuova mamma non possono capire il loro dolore. Ieri mio figlio l'ha spiegato bene. Questi bambini hanno un “vuoto nel cuore e anche se ridono, sono sempre tristi”.

C'è ancora molto lavoro educativo da fare con gli adottati traumatizzati e i bambini in affido. Il lavoro di prevenzione e i servizi post adozione sono per me le caratteristiche più importanti!

Se avessi un desiderio, vorrei che ogni adottato potesse chiarire le proprie origini e che nessun ostacolo fosse posto sulla loro strada. I documenti per l'adozione sarebbero stati completi e i genitori adottivi avrebbero sempre offerto supporto in tutto.

Sono così infinitamente triste che questi 6 non abbiano trovato altra via d'uscita e spero solo che gli adottati, i genitori adottivi o altre persone vicine agli adottati, cerchino aiuto e sostegno in una fase iniziale.

Noi adottati possiamo sostenere questo problema all'interno dei nostri gruppi. Il “più caro” della vita ci è stato tolto e chi non capisce quanto ci manca la nostra prima madre, ha bisogno di capire un po' di più il desiderio di chi è stato adottato.

Non possiamo impedire agli adottati di prendere le loro decisioni. L'hanno pianificato. È stata una loro decisione, con la speranza che la loro situazione fosse tollerabile.

Conosco un tedesco adottato che si è tolto la vita a Natale qualche anno fa. Ci è stato detto che è morto e non importa dove è stato detto, tutti i suoi coetanei sapevano che si era suicidato. Tutti sapevano della sua situazione ma nessuno poteva aiutarlo perché non sapevano come.

Sono così orgoglioso dei membri dei miei gruppi. Ci scambiamo idee, impariamo a parlare della propria adozione e ci sosteniamo a vicenda. Negli ultimi mesi del 2020, ho sentito davvero una bella unione nel gruppo. Sensibile e attento! Gli incontri online sono andati allo stesso modo. Vorrei mantenerlo e mantenerlo.

Cari amici adottati, siete persone forti e coraggiose. Non vedo l'ora che arrivi il prossimo incontro che potremo trascorrere insieme.

(madre)

Eomeoni

di Michelle YK Piper adottato dalla Corea del Sud in Australia.

Opera di Michelle Piper, 2021

Due anni oggi mi hanno detto che eri morto.

15 anni dal giorno in cui ho compiuto 18 anni fino al giorno in cui ho iniziato ufficialmente quel temuto, esasperante, disumanizzante, doloroso processo di tentativo di rintracciarti; 15 anni di costante conflitto interno, una feroce guerra che infuria all'interno.

Rimani fedele alla famiglia, alla società, alla cultura e al paese a cui ero stato abbandonato; rimanere obbediente al processo di assimilazione forzata, senza mai mettere in discussione o chiedere perché? (almeno mai ad alta voce) e SEMPRE “grati” per il privilegio di essere vivi e di vivere in uno dei più grandi paesi del mondo (Australia); continuare a ignorare la consapevolezza sempre più profonda dell'angosciante tumulto e del dolore che consumano la mia anima nata dal vuoto, senza radici del mio passato cancellato.

O…
Affronta ciò che ho sempre così disperatamente evitato.

Domande…
Tutte quelle domande.
Tante, tante domande.
Impossibile dar voce anche a me stesso in segreto e in solitudine, ma impossibile silenzio entro le mura confinate della mia Psiche.

15 anni per accumulare abbastanza coraggio per cercarti; Ho cercato, e un anno dopo ho ricevuto "la chiamata". Una chiamata che aspettavo costantemente, un anno in cui controllavo ripetutamente le mie e-mail e il telefono. Veniva da uno sconosciuto in un ufficio governativo, che era appena stato trasferito al mio caso. Un trasferimento di cui non mi è stato chiesto né informato.

Sul 2ns Gennaio 2019, una voce strana e sconosciuta ha spiegato chi era e perché stava chiamando.
Eri morto.
Sei morto Esattamente 2 mesi dopo il mio 23rd Compleanno.
Sei morto il 6ns luglio 2009.
2009, ero in ritardo di 10 anni.
Mio padre non poteva o non voleva essere trovato.
Era così.

Per oltre 30 anni essere adottata non significava nulla, o almeno mi dicevo che non significava nulla. Solo una parola per spiegare gli inevitabili sussurri di confusione quando le persone ci hanno incrociato.
“L'hanno appena chiamata mamma?”, “Forse il papà è asiatico…? Però non sembrano metà/metà.”
Ero abituato a questi commenti, tutta la mia vita è stata costellata di razzismo, alcuni per ignoranza, altri senza dubbio intenzionali.
Ma essere adottato non era qualcosa su cui soffermarsi, semplicemente un fatto; accettato e riconosciuto solo quando inevitabile.
Ma l'inevitabile è diventato impossibile.

Quella chiamata, quella dannata chiamata; per quanto ferocemente avessi reagito, avrei demolito le fondamenta di ogni muro che avevo stabilito; una miriade di muri che formavano l'incomprensibile e impenetrabile labirinto di protezione in cui mi ero completamente circondato e mi ero perso.

15 anni per trovare il coraggio di cercarti, ma una vita intera a chiederti...

Sono mai stato nei tuoi pensieri?
Hai mai pensato a me?
Il giorno della mia nascita? Quando quella data inevitabile è tornata al punto di partenza, una data che segnerà per sempre ogni anno che abbiamo trascorso separati.
Un altro anno è andato; un altro anno di vita perso. Un altro anno di quella che è stata una vita di separazione.
Mi hai pensato a Natale?
In momenti di feste familiari, culturali e tradizionali, quando si sarebbero dovuti raggiungere dei traguardi. Quando ricette, segreti e le storie dei nostri antenati sarebbero dovute passare di Madre in Figlia.
Ti sei mai chiesto come faccio adesso se o quanto ci somigliamo e siamo simili?

Ti ha consumato lo stesso irrevocabile vuoto, solitudine, dolore e disprezzo di te stesso?
…..Ho significato qualcosa per te?

Tu, il giorno in cui hai partorito, ti sei semplicemente allontanato e non ti sei mai voltato indietro? Cancellando ogni ricordo, ogni momento, ogni emozione. Cancellandomi.
Mi hai rifiutato dal momento in cui abbiamo smesso di essere una cosa sola, rifiutando di riconoscere la vita che avevi portato così dolorosamente in questo mondo?
Anche una volta mi hai tenuto tra le tue braccia?
La mia esistenza è sempre stata una vergogna?
Una corruzione nel flusso e nella purezza delle stirpi. Il prodotto del peggior tipo di offesa che si possa commettere contro una cultura e un popolo i cui sistemi sociali, etici, politici e legali sono fondamentalmente radicati nei principi del Confucianesimo.
Sono sempre stato percepito come un abominio?
Un'ignominia, una conseguenza ripugnante di sfidare ciò che è così veementemente indottrinato nel nostro popolo dalla nascita, così fieramente apprezzato e atteso da ogni bambino di ogni generazione.
Obbedienza. Rispetto.
Rispetto del tuo anziano e assoluta obbedienza nel seguire le direttive. Conosci il tuo posto, nella famiglia, nella casa e nella società, nella cultura e nel paese. non rispettare; uscire dalle norme sociali ed essere condannati a una vita contaminata per sempre dalla vergogna, dal rifiuto e dal disonore.

Oppure, il giorno in cui hai partorito, il tuo sguardo è caduto su di me, disperato di memorizzare ogni dettaglio che il tempo avrebbe permesso?
Le tue braccia mi hanno trovato, abbracciandomi, stringendo il tuo abbraccio? Hai memorizzato il mio profumo, quel meraviglioso, dolce profumo di bambino mentre la tua mente ha iniziato un assalto; ricordi vividi dei 9 mesi trascorsi?
Il dolore, il terrore, l'amore, lo smarrimento e la confusione. La lotta interna di una decisione impossibile da prendere ma impossibile da ignorare.
La tua mente ti ha imposto i ricordi dei miei primi movimenti che hai sentito dentro? Prova innegabile della vita che cresce dentro?
Ti ricordi tutte le volte che ti sei ritrovato a maledirmi per la nausea mattutina, o quando è diventato impossibile muoverti liberamente?

Ricordi tutte le volte che mi avevi parlato e mi avevi consolato? Accarezzandoti lo stomaco e sorridendo con gioia e contentezza quando la mia irrequietezza cessò al suono della tua voce?
Ti sei ricordato di tutte le conversazioni unilaterali che hai avuto con me, ammonendomi per il tuo aumento di peso, le caviglie gonfie, il bisogno costante di fare pipì e il disagio generale?
Ti ricordi di aver pensato che nessuna di queste cose aveva importanza quando finalmente hai visto il volto di tua figlia appena nata di fronte a te?
Ricordi e conservi questi momenti preziosi con la stessa disperazione che ho fatto io il giorno in cui è nata mia figlia?
Sono rimasto figlio unico? O c'erano bambini futuri che erano ritenuti "degni" di mantenere?

Hai lasciato infinite domande senza risposte definitive, nemmeno nella morte.
L'agenzia che mi ha venduto insiste che tu sia morto, mentre il governo stesso non sembra confermarlo.

Cosa dovrei fare con quello? Per favore , dimmi.

Mi aggrappo alla speranza che in qualche modo tu sia ancora vivo..?
Aggrappati disperatamente al sogno infantile e ingenuo che FORSE, solo forse, sei?
che forse sei not morto, ma cercando me, forse io era uno di quei bambini che non si è mai arreso di sua spontanea volontà.
O prendere la parola dell'agenzia che mi ha trafficato, mandato all'estero e accettare che te ne sei andato?

Sarà mai possibile guarire se mi dico che sei morto?
Come dovrei piangerti?
Come si piange per un volto che non si ricorda?
Come posso liberarmi di qualcuno che, non importa quanto tempo e distanza è stato posto tra di noi, è ancora tutto ciò che sono, eppure tutto ciò che non so?
Come posso essere libero quando la tua forma senza volto perseguita i miei sogni? Quando ogni giorno sono colpito da una rinnovata ondata di dolorosa comprensione di tutto ciò che è stato rubato. Tutto ciò che è stato perso. Per tutto ciò che è stato cancellato.
Per i miei genitori che rimarranno per sempre degli estranei senza volto, genitori che non avrò mai l'opportunità di conoscere o incontrare. Per i fratelli e le sorelle non lo saprò mai. Per la zia e gli zii, i cugini e i nonni.
Per la storia del mio popolo, sono rimasto così ignorante fino ad ora; per la storia straziante e brutale del nostro Paese; ancora in guerra dopo 70 anni, divisa, letteralmente lacerata in due, avvelenata dalla corruzione politica, dai colpi di stato militari e dalla schiavitù. Di bambini trafficati, The Forgotten Generation; una generazione che ha combattuto, è morta e ha ricostruito il nostro Paese, che ora languisce nella povertà spinta ai margini della società che vive nell'isolamento e nello squallore, timorosa di chiedere aiuto per paura di “gravare” il Paese che hanno combattuto e sono morti per proteggere. Per il conforto delle donne schiavizzate, violentate, torturate e uccise dai giapponesi. Per la tragedia del traghetto Sewol, che ha iniziato ad affondare la mattina del 16ns aprile 2014, dove 304 dei 476 passeggeri a bordo, di cui 250 studenti, sono morti; intrappolato su un traghetto che affonda, mentre il capitano e l'equipaggio sono fuggiti, dicendo ai passeggeri a bordo di rimanere dov'erano. Obbedendo agli anziani (quel pregiato attributo radicato fin dalla nascita), gli studenti riponevano la loro fiducia negli ordini impartiti, restavano dov'erano, in attesa di essere soccorsi. Un salvataggio che non è mai stato tentato, un salvataggio che non è mai arrivato.
Genitori, famiglia, insegnanti, compagni di classe e sopravvissuti allo stesso modo isterici, bloccati sulla battigia, ancora ricevendo messaggi dagli studenti rimasti intrappolati all'interno che erano ancora vivi in quella che era una nave quasi completamente sommersa. I genitori non possono fare altro che guardare mentre l'ultima sezione visibile della nave è affondata davanti a loro.
E poi niente.
Silenzio, mentre iniziava lo shock e l'ampiezza della tragedia che si era appena svolta davanti a loro.
Un momento di silenzio incredulo davanti alle grida gutturali e raccapriccianti che solo un genitore che ha appena perso il figlio può fare.
Filmati successivamente rilasciati, hanno rivelato al mondo gli ultimi 20 minuti di alcuni studenti intrappolati all'interno. I cui ricordi mi perseguiteranno per sempre, volti che non dimenticherò mai. Messaggi d'amore e scuse ai propri cari, che producono ancora dolore fisico da ascoltare.

Guardare la mia gente soffrire, morire nei modi più orribili, sentire l'indignazione travolgente e il dolore insopportabile che hanno consumato la nostra nazione più e più volte, ma non essere in grado di essere lì con loro, di soffrire con loro; non hai mai considerato quanto sarebbero stati dolorosi questi momenti?
Hai mai immaginato quanta agonia provocherebbe solo osservare la mia lingua madre? Quando tutto appare, suona e sembra così naturale, finché non lo ricordi, niente di tutto ciò ha senso per te. Non puoi decifrarlo. Non lo capisci. Non puoi parlarlo.
Hai mai considerato quanto alto avrebbe pagato la tua bambina, per quella vita "migliore" che eri così sicuro che avrebbe fatto?
Se tu, mia Madre, non riuscivi a trovarmi in te stessa per allevarmi, sia per la vergogna, il disonore, o solo per essere un "bastardo" (SI, i miei documenti di adozione usano proprio questa parola!), se hai temuto per me, per il pregiudizio, la discriminazione e lo stigma che avrei sopportato se fossimo rimasti insieme in Corea, come potresti pensare che gettarmi in un mondo di bianchi dove sono stato forse uno dei 5 asiatici per oltre 18 anni della mia vita sarebbe stato a mio vantaggio ? Pensavi onestamente che quelli del mondo occidentale non mi avrebbero rifiutato? Umiliarmi, usare il mio status di adottato coreano contro di me nei modi più umilianti e degradanti concepibili? Se tu; mia madre, la mia famiglia, la mia gente e il mio paese mi consideravano nient'altro che un prodotto da esportare, perché avrebbe dovuto farlo qualcun altro?

Se sei effettivamente morto nel 2009, sei morto all'età di 46 anni.

So che non mi hai mai cercato, non hai mai provato a scoprire dove fossi.
E ora te ne sei andato, (forse), non lo so.
Il fatto di non sapere mi fa infuriare, mi consuma con una disperata disperazione e disperazione.
Ma, se te ne sei andato...
Come hai potuto andartene e non dire mai addio?
Come hai potuto andartene senza mai allungare la mano, senza nemmeno cercare di trovarmi?
Non ti importava come stavo o dove sono finito?
Come hai potuto lasciarmi con così tante domande senza risposta?
Nessuna foto per me per ricordarti, per studiare il tuo viso, per memorizzare.
Nessuna ultima parola di saggezza o consiglio.
Nessuna lettera di spiegazione.
Niente.
Solo un infinito, vuoto silenzio.

E così, dentro l'ormai adulta, rimane ancora la bambina spaventata, confusa, respinta, abbandonata, che non crescerà mai. Chi non saprà mai perché non l'hai voluta, perché non l'hai tenuta? Quello che hai visto in lei che ti ha tanto ripugnato l'hai gettata da parte e attraverso i mari; mantenendo l'esistenza della bambina che hai portato tanti anni fa come un vergognoso segreto, hai letteralmente portato con te nella tomba.

Michelle ha pubblicato altri articoli sulla sua esperienza come adottata internazionale coreana su trimestrale coreano.

Verità profonde

di Anonimo, un seguito di Il mio punto di svolta.

Nota: l'ICAV non tollera l'uso di sostanze illegali. Questo post è condiviso nello spirito di evidenziare come ognuno trova percorsi diversi per la guarigione e le profondità del trauma nell'abbandono.

Annotare i miei pensieri immediati dopo quella prima esperienza con la psilocibina era puramente quello di aderire allo stesso processo sviluppato per gli studi clinici alla John Hopkins. Ci sono state davvero cose che ho vissuto durante quel viaggio che sono state rivelatrici e articolare quelle esperienze sulla carta è stata una parte importante del processo di integrazione.

Immagino che fossero la proverbiale pala che ha portato alla luce alcune verità profonde che, se non le avessi scritte, avrebbero facilmente perso la loro profondità nel tempo. A quel tempo, anche se non c'era alcuna intenzione che altri leggessero della mia esperienza psichedelica, anche se capisco che potrebbe essere utile per altri che esplorano opzioni di trattamento per situazioni simili, quindi scrivo questi pensieri aggiuntivi tenendo presente che anche altri potrebbero leggere questo.

Il periodo di mesi successivo al primo viaggio era di immenso contrasto con la vita prima di quel giorno. Ma come sono passati alcuni anni, posso vedere che il livello di contrasto era relativo a quel particolare momento.

Il mio primo viaggio ha rivelato il dolore, il dolore causato dalla separazione, e come il peso di quel dolore abbia creato la propria risacca di sofferenza per decenni. Guardando indietro negli anni e attraverso la discussione con i professionisti della salute, posso vedere modelli di pensiero, comportamenti e sentimenti che risalgono fino alla mia adolescenza che mostrano segni di depressione, stress post trauma, solitudine e dolore.

Avere queste cose rivelate a me, è stato il primo angolo girato che mi ha dato un po' di chiarezza sui miei "problemi". Quando giri per la prima volta un angolo, è quando il contrasto è così evidente perché è ancora dietro di te mentre la nuova linea di vista rivela una prospettiva diversa. C'è un certo sollievo nel vedere per la prima volta un punto di vista diverso.

Non mi illudevo che un viaggio con i funghi fosse l'unico proiettile d'argento di cui avevo bisogno. Come professionista della salute da molti anni, non avevo aspettative che ulteriori progressi sarebbero stati coerenti e lineari, nonostante questo inizio apparentemente epocale. Ho cercato di applicare un po' di fiducia nel processo di guarigione, e speravo che questo angolo girato fosse il primo passo in quel processo. Sapevo che dovevo essere paziente. Sapevo di non avere altra scelta che essere paziente, ma la scelta di provare speranza per la prima volta sembrava qualcosa su cui in realtà avevo un po' di controllo per la prima volta.

Di grande aiuto in questo processo è stato condividere questa prima esperienza con amici e familiari selezionati che hanno mostrato curiosità, cura e sostegno. Decenni di relazioni con queste persone, osservando l'evoluzione della mia vita e i suoi difetti, sono stati l'esposizione perfetta che ha permesso loro di comprendere il significato di un'esperienza e dei proclami di morte dell'ego psichedelico.

Tuttavia, in contrasto con questo era mia madre adottiva. Dopo aver subito la perdita del marito di cinquant'anni per Alzheimer pochi anni prima, e ancora quella che sembrava vivere una vita di lutto, ero ancora estremamente delusa e ferita dalla sua mancanza di curiosità, apertura mentale e simpatia. Forse le mie aspettative erano troppo ottimistiche per una vedova in lutto, fondamentalista cristiano per tutta la vita ed esperto conservatore anti-droga. Molti tentativi di conversazione per essere aperti e condividere me stesso con lei sulla mia salute mentale e sull'efficacia degli psichedelici generalmente hanno portato al silenzio o a un'osservazione superficiale e benevola come: "Beh, purché ti abbia aiutato e ti senti meglio ora". Inquadratura così banale. Avrebbe potuto benissimo essere un'osservazione in relazione all'avere mal di testa e all'assunzione di Panadol.

Questo mi ha fatto capire alcune dure verità su di lei. Sì, ho tutti i ringraziamenti e la gratitudine per la vita che mi ha dato. Ma ora non ha più niente da darmi, sia per limitate capacità emotive e mentali, virtù religiose, o semplice mancanza di obblighi. Devo accettarlo. Mi dice che mi ama come suo figlio. Ma sembra un amore sentimentale per qualcuno che non esiste più. Era comunque una persona fittizia. Non mi aveva mai conosciuto davvero tutti quegli anni prima. Ora non mi conoscerà mai, dannazione. Potrebbe ancora amarmi a modo suo, ma non l'amore che hai con qualcuno che deriva dalla condivisione di uno dei percorsi della vita insieme in cui discuterete e litigare, ridere e piangere, o vi perderete l'un l'altro. Io e mia madre non condividiamo più nessun percorso. Sembra davvero un rifiuto. Un secondo rifiuto da parte della seconda madre. Le mie conversazioni con lei ora sono superficiali come con il barista della caffetteria locale. Se mi chiede come sto, non le dico la verità. Non è interessata. Parlando di questo con uno psicologo e disfacendo la storia pre-adozione di mia madre, abbiamo dedotto che ero una sorta di figlio sostitutivo per un primogenito perso a causa di complicazioni post-partum. Se poi aggiungi un'inquadratura religiosa fondamentalista, come essere salvato da un paese devastato dalla guerra era tutto il piano di Dio, allora ci si può rendere conto di quanto questo sia de-validante e di come abbia ritardato il disimballaggio e l'elaborazione dell'intera esperienza di adozione.

I mesi successivi al primo viaggio con i funghi mi hanno sensibilizzato molto di più alle situazioni emotive. I miei anni precedenti di lavoro in emergenza sanitaria, avevano sviluppato una capacità di disimpegnarsi emotivamente da situazioni difficili che era un meccanismo protettivo comune sviluppato da molti paramedici. Ma ora vedevo e sentivo tutto, in particolare la sofferenza e il dolore. Guardare cose come una donna al telegiornale piangere per la morte di suo figlio, o un soldato che fa una smorfia di dolore, alle prese con esercizi di riabilitazione è diventato inguardabile per me. Quel dolore e quell'angoscia profondi e genuini mi collegarono istantaneamente al dolore che ora viveva dentro di me. Ho iniziato a provare compassione per il mondo e per me stesso. Ho visto così tanto dolore e sofferenza nel mondo. Sembrava quello di cui era fatto il mondo. Ho sempre trovato i bambini belli e affascinanti, ma anche adesso c'era qualcosa di triste nello stare con loro. Forse era vederli con i propri genitori. Vedendo quello sguardo di collegamento che fanno con le loro madri e che viene restituito in natura. Quella connessione e comunicazione non verbale primordiale. Vedere madri e bambini amorevoli fare questo, mi schiaccia dentro.

Per la prima volta ho provato rabbia nei confronti di mia madre naturale e in seguito di mia madre adottiva. Nel corso degli anni c'erano stati tentativi di localizzare mia madre naturale attraverso programmi di ricerca e connessioni personali. Avevo visto molti documentari su genitori e figli che si riunivano dopo molti anni di ricerche e spesso non era un finale da favola. Intellettualmente potrei entrare in empatia con una giovane madre disperata in un terzo mondo o in un paese dilaniato dalla guerra, che dà il figlio in adozione. Ma le cose adesso erano diverse. Ho pensato spesso a come sarebbero andate le cose se ci fossimo trovati ora, che tipo di relazione avremmo avuto o vorremmo avere. So che la cultura e la tradizione familiare di solito dettano il modo in cui opera una relazione genitore-figlio. Ma le cose ora sono diverse e sarebbero diverse. Posso quasi sentire l'aggressività dentro di me mentre mi rilasso contro le aspettative di una persona e di una situazione che potrebbero non verificarsi mai. Una futura relazione sarebbe alle mie condizioni, a quelle di nessun altro. Certamente non qualcuno che mi ha lasciato senza niente. Ma è tutto ipotetico. Ora sono più grande, quindi probabilmente è morta comunque. Penso di poterlo lasciare andare. Ma ci vorrà del tempo.

Per quanto riguarda mia madre adottiva, la sua indifferenza e i suoi giudizi mi restano nel collo ogni volta che ci impegniamo in una conversazione educata e superficiale. Conosco la sofferenza che ha attraversato allattando il suo unico compagno di vita, mio padre, durante il lungo addio, ma questo è il ciclo della vita. La sua vita da manuale. Aveva tutto quello che io non avrò mai. La vita che non avrò mai. Per una che professa di vivere nella speranza di promesse e miti religiosi, non ha molto senso per me la visione del mondo egocentrica che ha ora, la mancanza di gioia nella sua vita e l'allontanamento dalla sua stessa famiglia.

Penso di essere sempre stata una persona disciplinata quando si tratta di fare le cose che devo fare. Sapevo che cose come l'esercizio fisico, il sonno, il mangiare bene, contribuiscono tutti a una buona salute mentale. Leggendo James Gordon's "La trasformazione: guarire dal trauma per diventare di nuovo integri” mi ha incoraggiato ad aggiungere la meditazione alla mia routine di auto-mantenimento. Accoppiato con la lettura di Sam Harris "Spiritualità senza religione“Sono stato in grado di avvicinarmi alla meditazione come uno strumento di auto-creazione e consapevolezza senza inutili riempitivi religiosi o esoterici. Qui ho scoperto come trovare il piacere nel solo respirare. Respiriamo costantemente ma non ci accorgiamo mai di come questa semplice funzione automatica possa semplicemente far star bene. La meditazione mi ha anche permesso di ridiscendere profondamente nel subconscio in numerose occasioni come un mini viaggio psichedelico. Con i giusti schemi di respirazione e l'ambiente, potrei raggiungere quel luogo ed esplorare ulteriormente le profondità della mia coscienza. Spesso mi ha portato più lacrime, dolore e nuove intuizioni su me stesso, ma mi ha anche permesso di isolare il mio dolore in uno spazio fisicamente definibile. Prima del viaggio con i funghi, era diffuso, sotto la superficie, trascinandomi sempre verso il basso. Come calpestare le acque dell'oceano con la distesa nera appena sotto i tuoi piedi, aspettando che ti stanchi e sprofondi nelle oscure profondità. Da allora, con più meditazione, ora è molto più evidente ed esplicito, come un pesante mattone conficcato nel mio petto ogni volta che ricordo lo spazio in cui la mediazione o le sostanze psichedeliche mi permettono di andare. Non mi afferra più dal basso. È qui con me ora, portata stretta nel mio petto – pesante.

Continuo ad essere paziente. Riporre fede nei poteri curativi del corpo e della mente. Ma le cose sembrano durare per sempre. È come essere in uno schema di mantenimento del volo. So dove voglio andare ma non riesco ad atterrare, quindi continuo a girare in tondo, sperando che il carburante non finisca.

Ho iniziato le arti marziali Brazilian Jiu-Jitsu che si sono rivelate una grande fonte di distrazione e terapia mentale, inoltre è più terapeutico cercare di strangolare qualcuno che parlare con uno psicologo dei miei sentimenti per un'ora. Essere così stanco e dolorante dopo l'allenamento significa che crollo nel sonno completamente esausto, senza energia per la mente per iniziare stupide conversazioni con se stessa. Ma come attestano le mie articolazioni e le mie membra doloranti, l'età sta iniziando a farsi sentire. Sembra che il corpo non possa sempre incassare gli assegni che la mente vuole emettere.

Prima del viaggio dei funghi, il mio sollievo era il pensiero di avere il controllo per porre fine alle cose ogni volta che lo desideravo. Che lo facessi o meno non era il punto, era la sensazione che potevo. Dopo il viaggio, non riuscivo a localizzare quella sensazione. Sembrava che quella capacità dentro di me fosse sparita. Sembrava una buona cosa in quel momento. Ma ora alcuni giorni non ne sono così sicuro. Pensare di non avere la capacità di liberarmi, significa che sono intrappolato qui. L'unica speranza che avevo prima, l'idea che mi dava sollievo, è svanita. Alcuni giorni sono indeciso se rimpiangere o meno il viaggio, poiché mi ha tolto l'unica speranza che avevo che mi ha portato in questi ultimi decenni.

Rifarei i funghi o li consiglierei? Decisamente. Mi ha dato una diagnosi. È arrivato al nocciolo del mio problema. Ma dopo alcuni anni, avevo bisogno di rivalutare la mia posizione. Avevo bisogno di una prognosi della situazione perché sembrava che le cose si fossero fermate, o forse regredite un po' dal contrasto che avevo visto per la prima volta.

Ho programmato un altro giorno per un viaggio con la psilocibina. Ma dopo venti minuti passati a guardare la dose secca macinata sul banco della cucina, non riuscivo a farlo di nuovo. L'ultima volta è stata così straziante.

Avevo una piccola pastiglia di LSD nel congelatore, come faccio io, e ho deciso di prenderne mezza compressa e fare un po' di meditazione. L'LSD ha lo stesso effetto sulla mente della psilocibina. Ho preso solo la metà perché non volevo un viaggio pesante come l'ultima volta. Quanto basta per spegnere la rete in modalità predefinita e farmi valutare le cose.

Penso di aver dimenticato la concentrazione delle pastiglie perché l'effetto è stato lo stesso dei funghi, più forte di quanto mi aspettassi. Forse l'equivalente di circa ¾ della dose originale. Potevo sentirmi scivolare nella mia mente come prima, non così in profondità, ma abbastanza per vedermi.

Questa volta c'era una casa e io ci stavo seduto da solo al buio. Non c'era nessuna sensazione di angoscia, urgenza di fuga. Solo rassegnazione. Questa casa ero io. Una rappresentazione di me stesso e della mia vita, ma era fuori controllo e pericolosa. Ho dovuto costruire questa casa da solo senza alcun aiuto e senza gli strumenti giusti. Sono ancora riuscito a mettere insieme qualcosa che sembrava una casa. Ma sapevo che era incompleto e aveva le basi mancanti. Da lontano sembrava a posto, ma quando mi sono avvicinato e dentro, ho potuto vedere che non era giusto. Nessuno vorrebbe restare qui. È troppo tardi per demolire tutto e ricominciare.

Che prognosi deludente. Forse mi sono sopravvalutato e mi sono aspettato troppo e troppo presto, quindi sono tornato al lavoro come al solito. Continua a fare le cose che gli esperti dicono che devo fare. Non ho scelta davvero. Posso succhiarlo ancora per un po', anche se mi sembra di voler solo tornare a casa. È così che mi sento adesso, come se stessi aspettando di tornare a casa ovunque sia, in questa vita o nella prossima. Voglio solo andare a casa. Non vedo l'ora di tornare a casa.

Possiamo essere i nostri eroi

di Bina Mirjam de Boer, adottato dall'India ai Paesi Bassi, allenatore di adozione e formatore presso Adoptee & Foster Coaching (AFC). Questo è un seguito del Settimana nera in Europa.

traduzione inglese

Le ultime 2 settimane è come se fossimo sulle montagne russe all'interno della comunità di adozione in cui tutti i temi che sono passati negli ultimi anni erano sotto una lente di ingrandimento.

La perdita dei nostri compagni adottati ha colpito come una bomba, principalmente perché ha toccato parti di noi stessi, perché alla fine tutti abbiamo perso una parte di noi stessi attraverso l'abbandono e l'adozione.

Accettando e riconoscendo che sappiamo che la morte è qualcosa da cui di solito stiamo lontani, abbiamo bisogno di un eroe e dobbiamo diventare nostri. Normalmente la perdita non ha posto, abbiamo solo un occhio per sopravvivere ma quando riconosciamo la nostra perdita, riconosciamo anche le parti perdute dentro di noi.

Nell'ultima settimana, abbiamo sperimentato che non possiamo più ignorare la morte e ci motiviamo a vicenda per condividere e riconoscere il nostro dolore, paura e dolore. Esprimendo congiuntamente il desiderio di voler rimuovere il tabù sulla morte e sulla perdita, è stato creato uno spazio in cui entrambi i lati dell'adozione stanno iniziando ad avere un posto.

Non solo sopravviviamo, ma piangiamo e onoriamo apertamente le parti perdute dentro di noi. Lascia scorrere le lacrime che abbiamo avuto da bambini e la nostra parte infantile è finalmente liberata.

E con questo nasce anche la consapevolezza che possiamo abbracciare la morte e la vita perché poi la paura scompare e possiamo vivere di amore…

Olandese originale

De afgelopen 2 week is het of we binnen het adoptieveld in een achtbaan zaten waarin all thema's die in de afgelopen jaren voorbij zijn gekomen onder een vergrootglas lagen.

Het verlies van onze mede geadopteerden sloeg in als een bom. Voornamelijk omdat deze delen van onszelf raakte. Want uiteindelijk hebben wij allen een stukje van onszelf verloren door afstand en adoptie.

Maar het accepteren en erkennen dat ook wij de dood kennen, is iets waarvan wegblijven. Abbiamo avuto un paio di cose che abbiamo tenuto. Verlies aveva geen plaats noi hadden alleen oog voor het winnen, overleven. Want as we ons verlies erkenden, erkende we ook de gestorven delen in ons.

De afgelopen week hebben we ervaren dat we er nu niet meer om heen kunnen en motiveren elkaar om onze pijn, angst en verdriet te delen, te erkennen. Door gezamenlijk de wens uit te spreken dat we het taboe er af willen halen, is er een ruimte ontstaan waarin beide zijdes van de adoptie medaille een plaats beginnen te krijgen.

Waar we niet meer alleen overleven maar ook openlijk rouwen en de gestorven delen in ons eren. De tranen die we als kind hadden, laten we stromen en ons kinddeel wordt eindelijk bevrijd.

En hiermee is ook het besef geboren dat we de dood en het leven mogen omarmen. Want dan verdwijnt angst en kunnen we vanuit lieefde verder leven…

Rivoglio i miei fratelli

di Erika Fonticoli, nato in Colombia adottato in Italia.

Cosa sono i fratelli e le sorelle? Per me, sono piccoli o grandi alleati di tutte o nessuna battaglia. Nel corso della mia vita ho capito che un fratello o una sorella possono essere l'arma vincente contro ogni ostacolo che si presenta e, allo stesso tempo, quella confortante vicinanza che si prova anche quando non c'è battaglia da combattere. Un genitore può fare molto per i propri figli: dare amore, sostegno, protezione, ma ci sono cose che non diremmo mai a un genitore. E... che ne dici di un fratello? Ci sono cose nella mia vita che non ho mai potuto dire a nessuno, e anche se ho avuto un rapporto di amore-odio con mia sorella fin dall'infanzia, non c'è niente di me che lei non sappia.

Nel momento peggiore della mia vita, quando ero così ferito e ho iniziato ad avere paura di fidarmi del mondo, lei era la mano che ho stretto tra mille altre. Siamo due persone totalmente diverse, forse abbiamo in comune solo giocosità e DNA, ma lei rimane comunque la persona da cui mi sento più compresa e supportata. Amo i miei genitori adottivi, amo i miei amici, ma lei, lei è l'altra parte di me. A volte siamo convinti che la forza di una relazione dipenda dalla durata di essa o dalla quantità di esperienze vissute insieme. Già, beh.. Non ho condiviso molti momenti con mia sorella, non è stato un rapporto facile il nostro, ma ogni volta che ne avevo bisogno lei era sempre al mio fianco. Non ho dovuto dire niente o chiedere aiuto, lei lo ha sentito ed è corsa da me.

E i fratelli ritrovati da adulti? Possiamo dire che valgono meno? Sono stato adottato all'età di 5 anni, con mia sorella che aveva 7 anni. Per 24 anni ho creduto di avere solo un'altra versione di me stessa, lei. Poi, durante la ricerca delle mie origini, ho scoperto di avere altri due fratelli, poco più piccoli di me. La mia prima reazione è stata shock, confusione, negazione. Seguirono emozione, sorpresa e gioia. Infine, a queste emozioni si aggiungevano lo smarrimento e la paura di essere rifiutati da esse. Dopotutto, non sapevano nemmeno che esistessimo, io e mia sorella maggiore eravamo estranei per loro. Allora... come potrei presentarmi? Me la sono fatta almeno un centinaio di volte fino a quando, immersa in un ricco brodo di emozioni, ho deciso di buttarmi. Sentivo dentro di me l'irrefrenabile bisogno di conoscerli, di vederli, di parlargli. È stata forse la cosa più assurda che abbia mai vissuto. “Ciao, piacere di conoscerti, sono tua sorella!”, ho scritto loro.

A pensarci adesso mi viene da ridere, eppure all'epoca pensavo che fosse un modo così carino per conoscersi. Mia sorella minore, proprio come temevo, mi ha rifiutato, o forse ha rifiutato l'idea di avere altre due sorelle di cui non aveva mai sentito parlare. I primi mesi con lei sono stati terribili, duri e pieni di emozioni altalenanti, spinti sia dal suo desiderio di avere altre sorelle, sia dalla sua sfiducia nel credere che fosse reale. Non era facile, per lei ero un perfetto sconosciuto eppure aveva l'inspiegabile sensazione di essere legata a me, la sensazione di volermi nella sua vita senza nemmeno sapere chi fossi. Mi rifiutava eppure non poteva non cercarmi, mi guardava come se fossi qualcosa da studiare, perché era scioccata dal fatto che assomigliasse così tanto a qualcun altro che non aveva mai visto per 23 anni .

Con mio fratello è stato completamente diverso, mi ha chiamato subito “sorella”. Abbiamo parlato incessantemente dall'inizio, notti insonni per raccontarci, scoprendo a poco a poco di essere due gocce d'acqua. Era mio fratello dal primo momento. Ma come è possibile? Non lo so. Quando sono partito per incontrarli, diretto dall'altra parte del mondo, mi sembrava tutto così folle. Continuavo a ripetermi: "E se non gli piaccio?", e mi chiedevo come sarebbe stato trovarmi faccia a faccia con loro. La risposta? Per me non è stato un conoscersi per la prima volta, è stato un rivederli. Come quando ti allontani e non vedi la tua famiglia per molto tempo, poi quando torni a casa per vederli di nuovo
ti senti commosso e corri ad abbracciarli. Questo è stato il mio primo momento con loro! Un momento di lacrime, un abbraccio senza fine, seguito da un rapido ritorno giocoso e affettuoso come se la vita non ci avesse mai separati nemmeno per un giorno.

Quindi... valgono meno? Il mio rapporto con loro è meno intenso e autentico di quello con mia sorella, con cui sono cresciuto? No. Pensavo di avere un'altra metà di me, ora mi sento come se ne avessi tre. Ne vedo uno ogni giorno, ascolto costantemente gli altri due per messaggi o videochiamate. Ci sono cose nella mia vita che non posso dire a nessuno, cose che solo i miei tre fratelli sanno, e nei momenti più difficili della mia vita adesso ho tre mani che prenderei senza pensarci. Amo la mia famiglia, i miei genitori adottivi e la mia mamma biologica, ma i miei fratelli sono la parte del mio cuore di cui non potrei vivere senza. Averli nella mia vita mi riempie di gioia, ma averne due così lontani da me scava dentro di me un abisso che spesso si trasforma in un grido di mancanza e nostalgia. Lacrime dietro le quali si nasconde il desiderio di condividere con loro tutti gli anni che ci sono stati tolti, le esperienze ei momenti fraterni che ho vissuto con loro solo venti giorni in Colombia.

Come dicevo prima, secondo me, non importa la durata di una relazione né la quantità di esperienze vissute insieme ma la qualità… detto questo, anche quei rari momenti ci sembrano un sogno ancora irrealizzabile. Nei periodi più importanti e delicati della nostra vita spesso ci sentiamo sopraffatti dall'impotenza e dall'impossibilità di sostenerci a vicenda, perché purtroppo una parola di conforto non sempre basta. Possiamo scriverci, chiamarci, ma niente potrà mai sostituire il calore di un abbraccio quando senti che il tuo cuore sta soffrendo.

Nella fase più dolorosa e traumatica della vita di mia sorella minore, quando ha iniziato ad avere paura del mondo, quando pensava di meritare solo calci e insulti, quando pensava di non avere nessuno, le ho scritto. Le scrivevo ogni giorno, preoccupata e addolorata, e per quanto cercassi di trasmetterle il mio amore e la mia vicinanza, sentivo di non poter fare abbastanza. Mi sentivo impotente e inutile, sentivo che non c'era niente che potessi fare per lei, perché quando mi sentivo schiacciata dalla vita era l'abbraccio di mia sorella maggiore che mi faceva sentire protetta. Ed è quello che la mia sorellina voleva in quel momento, un mio abbraccio, qualcosa di così piccolo e
semplice che non potevo dargliela perché la distanza me lo impediva. E nemmeno nostro fratello perché anche lui è cresciuto lontano, in un'altra famiglia. Non sapevo cosa fare, come potevo aiutarla, era spaventata e ferita. Volevo che venisse a vivere con me, lei e il mio nipotino, così potevo prendermi cura di loro e aiutarli nel momento più difficile della loro vita. L'ho esaminato per mesi, ricerca dopo ricerca, e poi ho scoperto che nonostante il test del DNA avesse riconosciuto che siamo sorelle, il mondo no.

Legalmente, eravamo ancora dei completi estranei, proprio come quando abbiamo parlato per la prima volta.

Vorrei che la legge dia la possibilità ai fratelli separati dall'adozione di essere ricongiunti se questo è il desiderio di entrambi, che la legge ci permetta di godere di quei diritti che solo un vincolo familiare offre. Non abbiamo deciso di separarci, è stato scelto per noi, ma non vogliamo incolpare nessuno per questo. Vorremmo solo avere la possibilità di trascorrere il resto della nostra vita come una famiglia, una famiglia sentimentale e legale a tutti gli effetti. Non deve essere un obbligo per tutti, ma un'opportunità per quei fratelli biologici il cui legame è sopravvissuto. Un'occasione per noi perfetti sconosciuti che, nonostante tutto, ci definiamo famiglia. Forse qualcuno si ritroverà in quello che ho sentito e provo ancora, forse qualcun altro no, ma proprio perché ogni storia è diversa penso che dovrebbe esserci la possibilità di un lieto fine per tutti. Il mio sarebbe riavere i miei fratelli.

quando madri e padri corrono come l'acqua, cuando madres y padres corre como el agua

avanti e indietro lei corre
chiama
giorno dopo giorno
anche se malamente ora
i mesi
sono venuti e andati
il suo piccolo
non è tornato

agitando i ciottoli
inquietante il villaggio
lei chiama ancora una volta
mio prezioso!
mi vida!
Ascoltami!
il mio piccolo
oh come vorrei
tutto impossibile

come vorrei
per pietà
in un mondo
con quattro stagioni
tristi nuove lune
foglie secche
canzoni d'inverno

la mia vita!
questi seni
si sono induriti
mi hanno addolorato
per giorni
e settimane
in segno di protesta
come ho cercato
in tutta la terra
per te

ora pendono
mi prendono in giro
nel vuoto rimprovero
linee come smorfie
corso viola e arrabbiato
investire
indicando la mia inutilità

di se c'è
è una bontà che resta
nella miseria
della mia rovina
dove oh dove?
è il mio piccolo?

a tutte le cose sante
Ascoltami
oh possa la provvidenza proteggere
cosa io
non poteva

mi vida!
dentro il suono
della mia voce
e il pianto
della mia anima
una piccola anima
Ascoltami
Prezioso
dove puoi essere?
sotto questo cielo?

o mi vida
io sono qui!

quando madri e padri corrono come l'acqua
(alla fedele mamma gatta del nostro villaggio)
cuandro madres y padres corre como el agua
j.alonso
el pocico, easpaña

Poesie di j.alonso non può essere riprodotto, copiato o distribuito senza il consenso scritto dell'autore.

L'importanza di includere le persone più colpite nelle discussioni sulle politiche

Sono un'adozione internazionale nata durante la guerra del Vietnam nei primi anni '70, adottata prima della fine della guerra, da una famiglia australiana bianca che aveva i propri figli biologici. La mia esperienza di adozione infantile è stata quella in cui non ho mai veramente capito di essere stato colpito dall'essere adottato: ho assorbito il mantra dell'era che avrei semplicemente "assimilato e adattato" al mio nuovo paese e alla mia famiglia. Ho speso molte energie cercando di fare proprio questo, ma quando ho raggiunto la mia adolescenza, ho iniziato a rendermi conto che le cose non erano esattamente le stesse per me come per i miei coetanei australiani. Mi sembrava di lottare di più nelle relazioni, mi sono sentito sicuramente solo per tutta la vita anche in una cosiddetta "famiglia adottiva amorevole". Non è stato fino alla metà degli anni '20 che sono diventato acutamente consapevole di quanto avevo assorbito il razzismo verso la mia etnia, la mia asiatica. Mi ci è voluto un decennio per esplorare come l'adozione mi abbia influenzato e sono cresciuta attraverso questo viaggio grazie ai molti altri adottati che ho incontrato online e faccia a faccia nella comunità che ho costruito. È stato l'isolamento della mia infanzia che mi ha spinto a creare questa comunità, che ora è una delle più grandi reti di adottati internazionali in tutto il mondo che include adottati di qualsiasi paese di nascita ed è questa comunità che mi ha permesso di crescere, imparare e trovare la mia voce. Oggi, questa rete è una delle più grandi comunità online che incoraggia gli adulti adottati all'estero a parlare a livello governativo (nazionale e internazionale) e a cercare il coinvolgimento nelle discussioni politiche.

Perché essere coinvolti nelle discussioni politiche? E cosa c'è di così importante nell'essere coinvolti? Chiariamo prima cosa si intende per politica. Facendo riferimento al contenuto di Wikipedia sulla "politica", la consideriamo come: un deliberato sistema di principi per guidare le decisioni e raggiungere risultati razionali; una dichiarazione di intenti che aiuta nel processo decisionale; diverso da regole o leggi in cui la politica guida le azioni verso il risultato desiderato mentre la legge obbliga o vieta comportamenti; dovrebbe includere l'esame delle alternative e la scelta tra di esse sulla base dell'impatto che avranno; e si tratta di cercare di massimizzare gli effetti previsti mentre si mira a ridurre al minimo gli effetti indesiderati.

Quando si tratta di adozione internazionale e di come viene condotta in ogni paese di nascita e di adozione, sappiamo tutti che, indipendentemente dal fatto di essere firmatari della Convenzione dell'Aia o della Convenzione sui diritti dell'infanzia, le leggi e le politiche variano da un paese all'altro a causa dei modi in cui l'adozione internazionale è compresa e attuata, sia in teoria che in pratica.

Opera di Lisa Wool-Rim Sjöblom

Al centro di tutto questo, NOI sono i bambini che crescono per diventare adulti e siamo noi che si tratta di adozione internazionale. In teoria, l'adozione internazionale esiste perché presumibilmente ci fornisce a causa delle nostre situazioni vulnerabili in cui non siamo in grado, per qualsiasi motivo, di essere accuditi dai nostri primi genitori. Molti di noi sono destinatari di politiche di adozione internazionale passate e attuali o di una loro mancanza, e in ICAV parliamo apertamente delle insidie e dei problemi noti che l'adozione internazionale crea. Molti dei nostri paesi di nascita considerano l'adozione come una transazione una tantum che implica la consegna legale di noi alle nostre nuove famiglie e paesi per sempre. Tuttavia, sappiamo dalla nostra esperienza vissuta, che l'adozione non è una transazione una tantum - è un viaggio psicologico che dura la nostra vita - per il quale siamo sempre influenzati, nel bene, nel male e in ogni altra sfumatura di esperienza nel mezzo.

All'ICAV parliamo apertamente delle molte complessità dell'adozione internazionale che ci riguardano. Ad esempio, il nostro diritto all'identità originale viene ignorato perché la maggior parte dei paesi adottivi ci rilascia un nuovo certificato di nascita "come se fossi nato a" al momento dell'adozione. La maggior parte dei paesi recide completamente anche il nostro diritto legale alla nostra famiglia di origine attraverso l'uso dell'adozione plenaria (rispetto alla semplice adozione che manterrebbe i legami di parentela). La maggior parte di noi ha un accesso molto limitato o nullo ai nostri documenti di adozione che una volta fornivano (fino alla tecnologia del DNA) la nostra unica capacità di trovare le nostre prime famiglie e le nostre origini. I nostri documenti possono variare dall'essere completamente falsificati al contenere alcuni elementi di verità, ma in troppi casi vengono modificati per farci sembrare più commerciabili per le potenziali famiglie, nascondendo le nostre verità comprese informazioni mediche e storia di fondamentale importanza. Per quegli adottati che sono finiti in adozione internazionale con mezzi illegali o illeciti, c'è una vita di ingiustizie con cui dovremmo convivere, con poco o nessun supporto. Per coloro che finiscono in una famiglia adottiva che non è una buona coppia, finiamo per subire ulteriori strati di traumi. Troppo spesso le persone e i governi dimenticano che il nostro fondamento è l'abbandono / il trauma in utero dell'essere separati dalla nostra madre biologica.

In ICAV, incoraggiamo i nostri membri e leader a cercare modi in cui gli adottati possano essere ascoltati a livello di governo, dove viene creata una politica che costruisce il futuro delle nostre vite. Riteniamo che sia importante per il governo comprendere i modi in cui la politica influisce sulle nostre vite. Senza questa comprensione, come può la politica essere nel nostro "migliore interesse"? Come possono gli adulti che non hanno mai vissuto la nostra esperienza sapere cosa è meglio per noi? Avere voci adottive coinvolte nella politica significa invitarci al tavolo, ascoltare davvero i nostri punti di vista, incorporare ciò che diciamo nella politica e riconoscere che siamo gli esperti della nostra stessa esperienza.

La premessa fondamentale dell'adozione internazionale è quella di dare a un bambino vulnerabile una "famiglia" e un "paese" a cui appartenere. Perché cercare di fare del bene alle persone vulnerabili se non ascolti quanto sia efficace o meno la politica e la pratica? I governi possono comprendere veramente i reali impatti (positivi e negativi) delle loro politiche solo ascoltando coloro che ne sono coinvolti. Nell'adozione internazionale, si tratta dell'adottato, delle prime famiglie e delle famiglie adottive, non delle agenzie di adozione, degli avvocati o di qualsiasi altro intermediario. Senza ascoltare la nostra voce, i governi corrono il rischio di continuare a commettere gli stessi errori che hanno commesso sin dall'inizio.

Uno dei peggiori errori commessi nell'adozione internazionale moderna dai suoi inizi negli anni '50 e '60 (a partire dagli adottati greci, tedeschi e sudcoreani), è non fare abbastanza per frenare gli incentivi monetari nell'adozione internazionale che consentono agli intermediari per trarre vantaggio dalla mancanza di, o per aggirare, politiche e leggi che consentano loro di facilitare e partecipare a pratiche illegali e illecite. Abbiamo generazioni e generazioni di adottati interessati le cui adozioni sono state illecite o addirittura illegali. Non hanno nessuno a cui rivolgersi e certamente hanno ben poca giustizia. Oggi i governi di tutto il mondo dovrebbero essere preoccupati per il crescente slancio di gruppi di prime famiglie e adulti adottati all'estero che hanno già cercato vie legali per intraprendere azioni per i fallimenti del passato.

Ad esempio, le madri di perdita cilene stanno lavorando insieme a Cileni adottati nel mondo (CAW) e hanno chiesto un'indagine sulle loro adozioni degli anni '70 e '80. L'indagine in Cile ha scoperto che un gran numero dei bambini che hanno lasciato il Cile in quel periodo non sono stati volontariamente abbandonati per l'adozione e stanno cercando giustizia.

Allo stesso modo, gli adottati guatemaltechi si sono uniti da tutto il mondo e chiedono un'indagine da parte dei governi guatemalteco e belga. Un caso legale ben noto più recente è quello di un padre biologico che ha vinto alla Corte interamericana dei diritti umani e ha condannato lo Stato del Guatemala per adozione irregolare e utilizzo di procedure illegali. Guarda il video qui .

Un altro esempio è l'adottato brasiliano Patrick Noordoven che è diventato il primo nei Paesi Bassi a vincere una causa legale per il suo diritto all'identità originale. Con questa vittoria, il Ministero della Giustizia olandese sta ora indagando sul ruolo del governo olandese nelle adozioni illegali da Brasile, Colombia, Sri Lanka, Bangladesh e Indonesia! Vedi articolo qui.

Opera di Lisa Wool-Rim Sjöblom

Quando i governi non riescono a rispondere in modo responsabile per i loro ruoli o per i ruoli che i singoli facilitatori hanno svolto, nelle adozioni storiche, a coloro che sono stati colpiti non rimane altra scelta che trovare percorsi legali per chiedere giustizia. Ora abbiamo oltre 70 anni di moderne adozioni internazionali in tutto il mondo con i nostri numeri di adottati in centinaia di migliaia da molti paesi di nascita diversi. L'Asia è di gran lunga il più grande continente di invio di bambini (Peter Selman, HCCH Statistics). Gli adottati in massa hanno raggiunto la maturità quando mettono in discussione la loro identità, come sono cresciuti in un altro paese spesso con genitori di razza dissimile e pensano in modo critico al motivo per cui sono stati allontanati dai loro paesi di nascita. Il nostro movimento di adottati sta crescendo e prendendo slancio. L'ICAV parla spesso della mancanza di un organismo internazionale che ritenga i governi responsabili del loro ruolo svolto nel facilitare o chiudere un occhio sulle pratiche illegali e illecite storiche.

Potrebbe esserci un altro percorso? Se i governi fossero disposti ad ascoltare le persone colpite, per imparare dalle lezioni del passato e garantire che non continuiamo a ripetere gli stessi errori?

Parte della Visione ICAV è: Un mondo in cui gli adottati internazionali esistenti non sono isolati o ignorati, ma supportati dalla comunità, dal governo, dalle organizzazioni e dalla famiglia durante l'intero percorso di adozione.

Questo può essere ottenuto solo se coloro che sono al potere nel governo ci apprezzano e ci coinvolgono. Quando le nostre voci vengono ignorate, il governo agisce in contrasto con il loro obiettivo di agire nel nostro "migliore interesse", invece crea adottivi, prime famiglie e adottati per il fallimento nel peggiore dei casi, o come minimo traumi prevenibili.

Un'altra delle maggiori aree di fallimento delle politiche nell'adozione internazionale in tutto il mondo per qualsiasi governo, è la mancanza di supporti post-adozione completi, equi e per tutta la vita, liberamente finanziati, che siano informati sul trauma e sulla resilienza, con l'inclusione nella fornitura di servizi da parte di coloro che conoscono il viaggio best – adottati, adottivi e prime famiglie. 

Chiunque abbia vissuto l'adozione internazionale sa intimamente che il nostro viaggio è una delle molteplici perdite che si manifestano come traumi e che devono essere sostenute per tutta la vita. Invitando gli adottati, le prime famiglie e le famiglie adottive a condividere le lezioni apprese dall'esperienza vissuta, il governo farà in modo che riducano i rischi di conseguenze indesiderate e diventino più reattivi nel processo decisionale.

Invitandoci a partecipare, ascoltandoci con sincera apertura e rispetto, ascoltando le nostre esperienze e tenendo conto delle lezioni apprese, è così che i governi possono rafforzare i loro risultati e diventare più innovativi ed equilibrati. Non sono le agenzie o gli intermediari che il governo dovrebbe coinvolgere e ascoltare di più, sono gli adottati, le prime e le famiglie adottive! Spero di vedere il giorno in cui saremo ugualmente rappresentati e invitati a essere coinvolti nella politica del governo e nei forum legislativi per l'adozione internazionale! 

Questo articolo è stato inizialmente scritto in risposta a una richiesta di pubblicazione coreana, ma è stato successivamente inedito. La richiesta mi chiedeva di scrivere sull'importanza di includere le voci degli adottati nei forum politici.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%