Le crescenti connessioni tra adottati e non adottati

La mia vita adottiva era una montagna di terreno isolato e duro. Ora che sono adulto, conosco l'importanza di essere connessi a risorse, informazioni e prospettive diverse. So anche che sono necessarie azione e consapevolezza su questo argomento a cui siamo tutti collegati, poiché i gradi di separazione con l'adozione continuano a ridursi sia per gli adottati che per i non adottati.

La scorsa settimana, ho timidamente iniziato a fare amicizia su Facebook con gli adottati, tra i normali stress che mi consumano in questa scuola nella Riserva Navajo. Ho osservato i post e le foto di tutti e ho scoperto che siamo tutti così individualisti e unici. Eppure, in così tanti modi, siamo proprio come tutti gli altri. Pubblicare foto di gatti, cibo e tramonti. La maggior parte delle volte, non riesco nemmeno a dire chi è un adottato o un non adottato.

Ho pensato molto durante le navette di 50 minuti da e per il lavoro questa settimana. In primo luogo, mi sono chiesto se classificare gli individui come "adottivi". Nel contesto dei diritti umani, ho ritenuto importante compiere sforzi per definire ciò che identifica gli individui e le comunità. Soprattutto se le persone cadono nelle regioni dell'essere a rischio, vulnerabile, o emarginato. Più tardi, sono tornato a casa e ho trovato alcune ricerche per scoprire che gli adottati cadono in queste regioni.

Durante più viaggi in navetta, ho pensato di più a questo. Mi sono resa conto che categorizzare dà anche un volto, a concetti difficili da percepire per chi non ha vissuto questo tipo di Dislocamento e assimilazione.

Dalla mia stessa vita, so come questi eventi alterano la vita umana e la psicologia. E poiché questa categorizzazione include una massiccia popolazione di persone emarginate e sottorappresentate, sento che gli adottati, le nostre esperienze devono essere nominate, identificate e, si spera, eguagliate nella società un giorno.

Dopo aver fatto amicizia con un centinaio di adottati su Facebook, ho anche appreso che gli adottati comprendono quasi tutti i gruppi demografici e le comunità esistenti e vivono anche in tutte le regioni geografiche del mondo.

Ulteriori ricerche hanno mostrato a numero crescente di adottati nel mondo, che supporta il modo in cui i gradi di separazione tra adottati e non adottati si stanno avvicinando. E solo a livello personale, questo può accadere facendo più amici degli adottati sui social media o conoscendo più coetanei nella mia vita quotidiana associati all'adozione.

Verso la fine della settimana ho imparato che, con o senza che noi lo sapessimo, questo argomento ci unisce tutti insieme quasi invisibilmente.

Inoltre, gli adottati sono collegati da altre questioni e situazioni globali. Come questioni socio-economiche e crisi dei rifugiati nel mondo aumenta, aumentano anche le situazioni di adozione. Quindi, nel complesso, dalla mia conoscenza e dalla ricerca online che ho collegato e referenziato qui, credo che sia ora di iniziare a portare questi argomenti difficili sul tavolo per iniziare a trovare soluzioni.

Per me, aumentare la consapevolezza può portare una luce su quel terreno difficile che ha attraversato il mio percorso di vita sin dalla nascita. Questa azione mi permette di immaginare modi per connetterci un po' di più gli uni agli altri. Dal lavoro come bibliotecario nella Riserva Navajo all'essere uno scrittore, ho scoperto che creare connessioni ci impedisce di essere isolati in una categoria o nell'altra. Le connessioni possono anche portare supporto dove è più necessario.

Riferimenti

Friedlander, Myrna. (2003). Adozione: incompreso, mitizzato, emarginato. Psicologa Counselling – COUNS PSYCHOL. 31. 745-752. 10.1177/0011000003258389.

Harf, Aurélie et al. "Identità culturale e bambini adottati a livello internazionale: approccio qualitativo alle rappresentazioni dei genitori". Ed. Sì Wu. PLoS UNO 10.3 (2015): e0119635. PMC. Ragnatela. 1 dicembre 2017.

"Human Rights Watch." Human Rights Watch, http://www.hrw.org/.

Keyes, Margaret A. et al. "Rischio di tentativo di suicidio nella prole adottata e non adottata". Pediatria 132,4 (2013): 639-646. PMC. Ragnatela. 1 dicembre 2017.

“Attenzione agli adottati internazionali vulnerabili”. L'Istituto per l'adozione Donaldson, http://www.buildingstrongfamiliesny.org/news/looking-out-for-vulnerable-international-adoptees/.

Silverstein, Jake. "Gli sfollati: introduzione". Il New York Times, Il New York Times, 5 novembre 2015, http://www.nytimes.com/2015/11/08/magazine/the-displaced-introduction.html.

Wulczyn, Fred H. e Kristin Brunner Hislop. "Crescita della popolazione adottiva". Assistente segretario per la pianificazione e la valutazione, 2002, doi:10.3897/bdj.4.e7720.figure2f.

La cittadinanza dovrebbe essere garantita nell'adozione internazionale

L'adozione internazionale è spesso descritta dalle agenzie di adozione che usano parole come "famiglia per sempre" per attirare le coppie che desiderano adottare, supponendo che un bambino bisognoso sia abbinato a una famiglia, come se fosse nato. Si presume che il posto del bambino adottato in quella famiglia diventi permanente, giusto?

Sbagliato! L'adozione internazionale NON equivale alla permanenza. La realtà che vediamo oggi va contro tutto ciò che dovrebbe essere l'adozione.

Ecco alcune immagini dal sito Web del Dipartimento degli Stati Uniti (USA) (l'hanno cambiato qualche tempo dopo questo post):

Se cerchiamo su Google la definizione di adozione, Wikipedia ci dice:

Adozione è un processo in cui una persona assume la genitorialità di un altro, di solito un bambino, dal genitore o dai genitori biologici o legali di quella persona e, così facendo, trasferisce permanentemente tutti i diritti e le responsabilità, insieme alla filiazione, dal genitore biologico o dai genitori.

A differenza della tutela o di altri sistemi progettati per la cura dei giovani, l'adozione ha lo scopo di effettuare un cambiamento permanente di stato e come tale richiede il riconoscimento della società, attraverso sanzioni legali o religiose.

La pratica odierna negli Stati Uniti di rimpatriare attivamente gli adulti adottati internazionali nel loro paese d'origine perché non è loro garantita la cittadinanza (cioè la permanenza), ritrae un messaggio diverso rispetto alla definizione di adozione. Perché dovremmo prendere nota di come gli Stati Uniti trattano i loro adottati internazionali? Perché gli Stati Uniti sono i maggiore paese ricevente nel mondo per adozione internazionale.

Come non dare automaticamente la cittadinanza? In che modo questo è “etico” o “trasparente”? Perché le adozioni internazionali, che vanno dagli anni '50 ai primi anni '80 negli Stati Uniti, non sono considerate sufficienti per garantire la permanenza dell'adottato come cittadino nel loro paese adottivo?

Ecco la nostra novità Cittadinanza – ICAV Prospettiva Paper che dimostra la mancanza di giustizia ed etica nell'adozione internazionale per il bambino, che cresce fino a diventare adulto.

La cittadinanza del paese adottato DEVE essere un diritto automatico per il bambino adottato all'estero!

 

 

 

Italiano
%%piè di pagina%%