Adottivi presso la Commissione speciale dell'Aia

La prossima settimana, dal 4 all'8 luglio, i 104 paesi firmatari del Convenzione del 29 maggio 1993 sulla protezione dei bambini e la cooperazione in materia di adozione internazionale si riuniranno online al Riunione speciale della Commissione discutere Dopo l'adozione e Adozione illecita/illegale importa. È un evento significativo che accade di solito ogni 5 anni e questo segna la prima volta che ci sarà ampio rappresentanza degli adottati internazionali presenti come Osservatori. Storicamente dal 2005, International Korea Adoptee Association (IKAA), la rete che rappresenta gli interessi degli adottati coreani è stata la solo organizzazione adottata a partecipare. Nel 2015, Brasile Baby Affair (BBA) è stata la seconda organizzazione guidata dagli adottati a partecipare con IKAA. A causa del COVID, l'attuale riunione della Commissione speciale è stata posticipata e negli ultimi anni posso dire con orgoglio di aver contribuito a diffondere la conoscenza tra le organizzazioni guidate dagli adottati su COME applicare e incoraggiato organizzazioni di esperienza vissuta come KUMFA (l'organizzazione delle madri coreane) a rappresentarsi. Quest'anno, ce l'abbiamo con orgoglio 6 organizzazioni guidate dagli adottati che rappresentano se stessi e le loro comunità. Siamo progrediti!

Nel 2015 ho scritto il blog intitolato Perché è importante avere voci adottive internazionali su questo sito. Molte volte nel corso degli anni ho sostenuto l'importanza di includere le nostre voci ai più alti livelli delle discussioni di governo. Quindi ripeto, le nostre voci sono estremamente importanti a questi livelli più alti di politiche di adozione, pratiche e discussioni legislative.

Alcuni critici potrebbero dire che non cambiamo nulla nell'adozione internazionale partecipando a questi incontri, tuttavia, vorrei suggerire che il semplice vederci rappresentare i nostri sé adulti in numero aiuta i governi e le autorità a realizzare alcuni punti chiave:

  • Cresciamo! Non rimaniamo bambini perpetui.
  • Vogliamo avere voce in capitolo su ciò che accadrà ai futuri bambini come noi.
  • Aiutiamo a tenerli concentrati su "chi" siamo veramente! Non siamo numeri e statistiche senza nome. Siamo persone vive con sentimenti, pensieri e una miriade di esperienze reali. Le loro decisioni contano e hanno un impatto su di noi per la vita e le nostre generazioni future!
  • Li aiutiamo a imparare le lezioni del passato per migliorare le cose per il futuro e rimediare ai torti storici.
  • Siamo gli esperti della nostra esperienza vissuta e loro possono sfruttare il nostro contributo per ottenere informazioni per svolgere meglio i loro ruoli e migliorare il modo in cui vengono accuditi i bambini vulnerabili.

Uno dei vantaggi del quadro della Convenzione dell'Aia è che crea opportunità come la prossima Commissione speciale in cui gli adottati possono avere visibilità e accesso alle strutture di potere e alle autorità che definiscono e creano l'adozione internazionale. Gli adottati domestici mancano di questo quadro su scala globale e sono svantaggiati nell'avere opportunità che li uniscono per accedere alle informazioni e alle persone che è importante nel lavoro di advocacy.

Sono davvero orgoglioso del nostro team di 8 persone che rappresenterà l'ICAV alla riunione di quest'anno. Mi sono assicurato che copriamo una vasta gamma di paesi adottivi e di nascita perché è così importante avere questa diversità nelle esperienze. Sì, c'è ancora spazio per migliorare, ma sono stato limitato dalla disponibilità delle persone e da altri impegni dato che tutti facciamo questo lavoro come volontari. Non siamo pagati come governo o la maggior parte delle ONG partecipanti a questo prossimo incontro. Ci impegniamo perché siamo appassionati nel cercare di migliorare le cose per le nostre comunità! È essenziale dotarsi di conoscenze sulle strutture di potere che definiscono la nostra esperienza.

Un enorme ringraziamento a questi adottati che stanno offrendo volontari 5 giorni/notti del loro tempo e dei loro sforzi per rappresentare la nostra comunità globale!

  • Abby Forero Hilty (adottato negli USA, attualmente in Canada, nato in Colombia; Autore dell'antologia colombiana adottata Decodificare le nostre origini, co-fondatore di Colombian Raíces; Rappresentante internazionale ICAV)
  • Ama Asha Bolton (adottato negli USA, nato in India, Presidente di Persone per la riforma dell'adozione etica PEAR; Rappresentante ICAV USA)
  • Colin Cadier (adottato in Francia, nato in Brasile, Presidente di La Voix Des adotta LVDA)
  • Jeannie Glienna (adottato negli USA, nato nelle Filippine, co-fondatore di Adotta Kwento Kwento)
  • Judith Alexis Augustine Craig (adottato in Canada, nato ad Haiti; co-fondatore di Rete di adozione per adulti Ontario)
  • Kayla Zheng (adottato negli USA, nato in Cina; Rappresentante ICAV USA)
  • Luda Merino (adottato in Spagna, nato in Russia)
  • Me stesso, Lynelle Long (adottato in Australia, nato in Vietnam; Fondatore di ICAV)

Ci rappresentiamo insieme ai nostri colleghi adottati che rappresentano le proprie organizzazioni guidate dagli adottati come Osservatori:

Non mi aspetto grandi cambiamenti o eventi monumentali in questo prossimo incontro, ma sono le connessioni che creiamo che contano, sia che siano tra noi adottati e/o con i vari governi e organizzazioni di ONG rappresentate. Il cambiamento in questo spazio richiede decenni ma spero che le piccole connessioni che crescono nel tempo si accumulino e diventino un'influenza positiva.

I prossimi post condivideranno alcuni dei messaggi chiave che alcuni membri del nostro team hanno messo insieme in preparazione per questa riunione della Commissione speciale dell'Aia sul supporto post-adozione e ciò che la comunità attraverso questi leader desidera condividere. Rimani sintonizzato!

Voci contro le adozioni illegali parlano alle Nazioni Unite

Il 10 marzo 2022 ho avuto l'onore di presentare in inglese una breve presentazione di 10 minuti in rappresentanza della nostra coalizione Voci contro l'adozione illegale (VAIA) al Nazioni Unite.

All'incontro hanno partecipato:
Il Comitato per le sparizioni forzate (CED)
il Comitato sui diritti dell'infanzia (CRC)
il Comitato per i diritti umani (CCPR)
il Relatore Speciale sulla Promozione della Verità, Giustizia, Riparazione e Garanzie di Non Ricorrenza
il relatore speciale sulla vendita e lo sfruttamento sessuale dei bambini, compresa la prostituzione minorile, la pornografia minorile e altro materiale pedopornografico
il Relatore speciale sulla tratta delle persone, in particolare donne e bambini,
e il gruppo di lavoro sulle sparizioni forzate o involontarie.

A causa del lavoro di Racines Perdues Raíces Perdidas e Ritorno alle origini, la nostra coalizione VAIA è stata al corrente del lavoro congiunto svolto da questi membri del Comitato delle Nazioni Unite che stanno lavorando su un Dichiarazione congiunta sulle adozioni internazionali illegali.

Questo è ciò che ho condiviso nella mia dichiarazione:

Buona giornata, buona serata a tutti voi!

Mi chiamo Lynelle Long e sono un'adottata internazionale residente in Australia, per procura adottata tramite un avvocato privato, uscita dalla guerra del Vietnam nei primi anni '70.

Vorrei ringraziare tutti voi per l'onore di essere qui e per aver incluso le nostre voci in questa occasione importantissima. Sono stato lieto di leggere la bozza di testo a cui tutti voi avete contribuito. Riflette molti dei punti che abbiamo trattato nel nostro documento sulla prospettiva dell'esperienza vissuta che ho presentato al gruppo di lavoro dell'Aia 2019 sulla prevenzione e la lotta alle pratiche illecite nell'adozione internazionale. Mi scalda il cuore sapere che così tanti di voi sono nostri alleati, per aiutare e incoraggiare gli Stati a rispondere nel modo giusto ed etico alle nostre adozioni illegali e illecite. Grazie!

Il messaggio che la bozza di testo trasmette è assolutamente in linea con ciò che anche noi cerchiamo. La tua azione da questo incontro e se questo testo viene pubblicato, ci dà un raggio di speranza in quello che spesso è sembrato un mare infinito di sgomento e perdita mentre abbiamo passato anni a lottare e difendere noi stessi. È meraviglioso non sentirsi più soli, ma sapere che abbiamo forti alleati che ci sostengono anche. Siamo i bambini per i quali l'adozione internazionale è tutto. Non rimaniamo “bambini” per sempre. Cresciamo per avere la nostra voce e vogliamo parlare e garantire che le lezioni del passato vengano apprese e che le pratiche e la legislazione vengano modificate per evitare che gli stessi torti accadano ad altri e per affrontare e correggere i torti fatti a noi .

Oggi mi presento a voi come Rappresentante per il Voci contro le adozioni illegali coalizione (VAIA)

La nostra coalizione è stata creata da associazioni che si battono per il riconoscimento delle adozioni illegali, del nostro diritto all'origine, per molti hanno bisogno di modifiche legali per sostenerci come vittime e richiedono assistenza istituzionale, statale, diplomatica e consolare per rettificare i torti fatti a noi.

Ci presentiamo ufficialmente oggi alle Nazioni Unite come una coalizione di organizzazioni che formano una campagna della società civile, è un'iniziativa guidata da adottati con esperienza vissuta.

Siamo organizzazioni, associazioni, fondazioni e collettivi non governativi e non finanziati, costituiti da adottati, famiglie biologiche e famiglie adottive.

Insieme abbiamo lanciato una campagna della società civile per difendere i nostri diritti ed è così che ci presentiamo a voi, le Nazioni Unite.

I nostri obiettivi sono:

– chiedere il riconoscimento delle adozioni illegali e il loro riconoscimento come crimine contro l'umanità quando seguono il rapimento, la vendita o la tratta di bambini e vi sono prove sufficienti per dimostrare che sono avvenute nell'ambito di un attacco generalizzato o sistematico contro la popolazione civile .

– presentare le azioni politiche e legali intraprese da ciascuna organizzazione nel mondo.

– invitare gli Stati a impegnarsi in un dialogo con noi sul riconoscimento della responsabilità per quanto accaduto e per ottenere riparazione.

Oggi vorremmo informare i diversi gruppi di lavoro, le Alte Commissioni, i giornalisti speciali, le missioni diplomatiche e gli esperti dei diversi comitati, in particolare il Comitato sui diritti dell'infanzia, il Comitato sulle sparizioni forzate nonché il Comitato per i diritti umani, della situazione internazionale in materia di adozioni illegali in relazione alla tratta di esseri umani.

Riteniamo essenziale che vi sia uniformità nelle risposte a seguito del verificarsi di adozioni illegali.

Riteniamo sia anche anormale che, a seconda del Paese in cui risiede l'adottato, non siamo riconosciuti come vittime.

Vogliamo anche richiamare l'attenzione sul fatto che i procedimenti legali per adozioni illegali si confrontano il più delle volte con problemi che ci impediscono di chiedere giustizia e riparazione. Ad esempio la prescrizione, anche la difficoltà di stabilire i fatti di ciò che è accaduto nei nostri casi quando i registri ci sono tenuti o sono stati distrutti.

Vorremmo che il nostro contributo e le nostre esperienze fossero presi in considerazione dalle Nazioni Unite.

Non vediamo l'ora di vedere la tua dichiarazione finale e faremo del nostro meglio per renderci disponibili a lavorare con tutte le parti interessate per vederne l'attuazione.

Grazie mille per il vostro tempo, per averci ascoltato e per averci permesso di partecipare.

Insieme a Racines Perdues Raíces Perdidas vi terremo informati sullo stato di avanzamento del nostro lavoro presso l'ONU.

Ecco l'elenco delle organizzazioni che lo compongono Voci contro l'adozione illegale (VAIA):

Fondazione Racines Perdues
Cileni adottati nel mondo (CAW)
Collectif adotta Schakel
InterCountry Adoptee Voices (ICAV)
Association Reconnaissance Adoptions Illégales à l'International en France (RAÏF)
Empreintes Vivantes
Piano Angelo
Collectif des adoptés français du Mali
Collettivo dei genitori adottati nello Sri Lanka
Ruanda en Zoveel meer
Associazione DNA Ind
Ritorno alle origini
Collettivo degli adottati dello Sri-Lanka
Protezione dell'identità del bambino

Risorsa:

Documento prospettico ICAV: Suggerimenti per l'esperienza vissuta per le risposte alle adozioni illecite (in francese o inglese)

Giustizia o responsabilità accadono nelle adozioni illecite?

di Jessica Davis, mamma adottiva americana che ha restituito il figlio ugandese alla madre biologica in Uganda. Jessica ha scritto questo post in risposta alla recente dichiarazione "colpevole" del personale che lavora presso l'agenzia di adozioni European Adoption Consultants (Ohio) che ha facilitato l'adozione illecita di adottati ugandesi dalla famiglia Davis. Articolo sui media qui.

Sono passati molti anni da quando abbiamo scoperto l'orribile verità che la bambina che abbiamo adottato dall'Uganda era stata illegalmente separata dalla sua famiglia. Da quando ha riunito Namata con sua madre, ho aspettato una parvenza di giustizia e responsabilità, specialmente quando si trattava di questo particolare individuo.

Oggi, Debra Parris, uno dei criminali coinvolti nel traffico di Namata, ha cambiato la sua dichiarazione di colpevolezza su ogni atto d'accusa federale di cui è stata accusata. Debra ha partecipato volentieri alla tratta di bambini dall'Uganda attraverso l'adozione internazionale. Ha causato danni irreparabili a Namata, sua madre ugandese e ha reso le nostre vite infelici per anni mentre cercavamo di smascherare lei e i suoi co-cospiratori. Ha inflitto enormi quantità di danni a MOLTI bambini vulnerabili dell'Uganda e alle loro famiglie (e ne sono certo in molti altri paesi).

Il solo sentire la sua voce oggi è stato travolgente, figuriamoci sentirla finalmente ammettere la colpa. Dal momento che mi sono reso conto di ciò che è accaduto all'interno della nostra adozione non è stato un caso unico, ho preso l'impegno di non perdere mai l'opportunità di lavorare per cambiare la narrativa quando si tratta di adozione internazionale. Questo momento non sarà diverso.

A coloro che scelgono di credere che quello che è successo a Namata ea sua madre sia il risultato di una sola “mela marcia”, vi prego di smetterla. Lavoro con le famiglie ugandesi da oltre 5 anni e posso dirvi che quello che è successo a Namata e alla sua famiglia non è l'eccezione, piuttosto è la regola nell'adozione internazionale. Ogni famiglia ugandese che ho incontrato, anche le famiglie che hanno utilizzato altre agenzie di adozione, hanno avuto esperienze simili da condividere. Nessuna delle famiglie di origine ha capito veramente l'adozione, tutte stavano attraversando un momento difficile e avevano solo bisogno di sostegno. Quasi tutti pensavano di avere accesso all'istruzione o alle cure mediche per la persona amata. Non sto dicendo che non ci siano eccezioni, ma devo ancora incontrare una famiglia ugandese che abbia veramente capito l'adozione.

Come genitore adottivo, scegliere di guardare dall'altra parte o rimanere in silenzio quando si tratta di queste ingiustizie ti rende parte del problema. Quando ho capito cosa stava succedendo con la nostra agenzia di adozioni, ho subito iniziato a parlare con altri genitori adottivi che li avevano usati anche loro. Mi è stato detto più e più volte che stavo reagendo in modo eccessivo, che questo non poteva essere vero, o che almeno non poteva essere così "cattivo" come sostenevo. Ho la sensazione che anche con questa ammissione di colpa, molte famiglie adottive continueranno a dire che non è vero nella loro situazione (che potrebbe benissimo essere vera) e andranno avanti con le loro vite, come se niente fosse.

Questa agenzia di adozione ha facilitato le adozioni di oltre 30 bambini ugandesi. Oggi Debra Parris ha ammesso di aver corrotto agenti di custodia, cancellieri e giudici in Uganda. Ha ammesso di aver presentato consapevolmente informazioni fraudolente al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel tentativo di facilitare le adozioni illecite. Assumere che ciò non stesse accadendo in altre adozioni non è solo ingenuo, ma è un grave errore giudiziario.

Quante famiglie naturali e adottati adulti hanno condiviso esperienze simili? Quando inizieremo ad ascoltare? Quando saranno state divise inutilmente abbastanza famiglie finché non saremo disposti a fare qualcosa? Quando saranno importanti per noi la vita e il benessere di questi "orfani" al di là della loro adozione?

Mentre oggi mi sono rallegrato di questo piccolo passo verso la responsabilità per i torti perpetrati contro molti dei bambini e delle famiglie più vulnerabili nel nostro mondo, non ho potuto fare a meno di pensare a tutte le famiglie ugandesi (e famiglie in tutto il mondo) che questo ha successo a. Famiglie che probabilmente non vedranno mai giustizia o riparazioni, per non parlare della persona amata da cui sono state separate. Non ho potuto fare a meno di pensare a tutti gli adottati che sono stati scambiati tra famiglie come carte collezionabili. Adottivi che vengono messi a tacere e ignorati quando parlano delle loro esperienze con l'adozione. Non posso fare a meno di pensare a tutto il danno che è stato inutilmente inflitto agli adottati e alle famiglie naturali perché questo sistema sembra troppo facile da sfruttare e corrompere.

Quando è abbastanza, abbastanza?

Per saperne di più su Jessica e suo marito Adam, guarda la loro intervista con 1MillionHome Amore audace

Per saperne di più su Jessica, leggi i suoi blog:
Adozione: ordinata e ordinata? Non così tanto!
La bugia che amiamo
Non è un'attrazione turistica
Non c'è una crisi orfana, è una crisi di separazione familiare

I governi finalmente riconoscono le pratiche di adozione internazionale illecite e illegali

Questo è uno scenario comune, non copre i bambini apertamente rubati dagli ospedali e molti altri modi

Sono un adottato e sono fiducioso

Sono molto emozionato e pieno di speranza dopo aver ascoltato il recente Belgio notizia, che il loro ministro ha annunciato la sua intenzione di chiedere al Parlamento di sospendere tutte le adozioni per i prossimi 2 anni a seguito della loro indagine sulle adozioni internazionali.

Circondato da incredibili leader adottati in tutto il mondo, so quanti sforzi sono stati fatti per ottenere i diritti degli adottati internazionali dove siamo oggi. Notizie come questa non risolvono in alcun modo o risolvono i problemi che affrontiamo, ma sono almeno l'inizio del riconoscimento dei torti commessi, con governi e autorità che si fanno avanti per affrontare la verità di cui abbiamo parlato per decenni. Il riconoscimento è il primo passo di molti!

Il Belgio non è il primo paese adottivo a farlo. I Paesi Bassi hanno annunciato la loro moratoria su tutte le adozioni internazionali all'inizio di quest'anno a febbraio e ha pubblicato il loro rapporto. La Svizzera ha annunciato la sua rapporto dall'indagine sulle pratiche passate relative alle adozioni dello Sri Lanka e sono esortati a fornire riparazione alle vittime. Anche la Svezia ha annunciato la sua intenzione di indagare loro adozioni internazionali illegali. E ieri il ministro belga ha annunciato che le sue raccomandazioni saranno esaminate dal Parlamento. Puoi leggere qui il rapporto completo del gruppo di esperti.

Ma per alcuni paesi abbiamo ancora del lavoro da fare

Sembra che finalmente alcuni governi stiano ascoltando la nostra esperienza vissuta e abbiano deciso di non chiudere più un occhio. Ma anche se questi 4 hanno ascoltato, voglio anche ricordarvi che c'è stato molto lavoro e anni di sforzi fatti in altri paesi che ancora non sono venuti al "tavolo di riconoscimento". In Francia, gli adottati hanno avuto un enorme sostegno nella loro petizione che il parlamento francese conduca un'indagine sulle loro storiche adozioni internazionali. In Danimarca, il adottati dal Cile hanno lavorato con il governo per indagare sulle loro adozioni.

Nel mio paese adottivo, l'Australia, ho parlato e sostenuto per molti anni il sostegno agli adottati e alle famiglie colpite e il riconoscimento degli abusi in Australia. In effetti, è già passato più di un decennio e ricordo che nei miei primi anni rappresentavo gli adottati al NICAAG dove Julia Rollings (mamma adottiva) e io abbiamo presentato questo problema all'inizio del 2008 e abbiamo chiesto che fosse affrontato il problema. Più recentemente, ho anche presentato un piccolo gruppo di 8 adottati colpiti per incontrare i nostri Autorità centrale, DSS nel 2017 chiedendo supporti molto specifici. Tuttavia, fino ad oggi, quegli adottati sono stati ancora ignorati e licenziati. Nonostante ci siano casi molto chiari di attività illegale in cui gli autori sono stati condannati e incarcerati (ad esempio, la coorte di Julie Chu nell'immagine qui sotto da Taiwan), non è stato offerto nulla agli adottati o alle loro famiglie per aiutarli ad affrontare le complessità extra del loro adozioni illegali. È come se questi adottati colpiti non esistessero e l'Australia spera che il problema svanisca mentre devono affrontare questioni molto più importanti, come il COVID-19 o le imminenti elezioni.

È tempo che le autorità di tutto il mondo si facciano avanti e si assumano la responsabilità dei processi e delle strutture che hanno distrutto le nostre vite attraverso l'adozione, nel bene e nel male. 

L'adozione internazionale ha seguito la strada dell'adozione nazionale

Nell'adozione internazionale, stiamo assistendo allo stesso schema in cui, paese dopo paese, i governi riconoscono gli errori nelle loro domestico adozioni. Il Canada apre la strada fornendo compensazione finanziaria alle loro vittime dello Scoop degli anni Sessanta. L'Australia ha già fornito a scuse formali per le donne e i bambini che sono stati colpiti durante l'era dell'adozione forzata, ma a cui non è ancora stata offerta alcuna forma di risarcimento. Anche l'Australia ha appena annunciato il loro compensazione per gli aborigeni indigeni che furono allontanati con la forza e collocati in famiglie bianche sotto la generazione rubata. È interessante che il governo australiano possa riconoscere queste pratiche passate ma non riconosca le somiglianze molto strette con le nostre storiche adozioni internazionali. L'Irlanda come governo ha riconosciuto solo quest'anno i torti e ha fornito a scuse formali alle madri e ai bambini che nelle Case dei Bambini hanno subito adozioni forzate. L'Irlanda è anche esitando a offrire un risarcimento.

E i nostri paesi di nascita?

Pochissimi dei nostri paesi di nascita coinvolti nelle nostre adozioni illecite e illegali hanno intrapreso alcuna azione. Guatemala, Etiopia e Russia sono i principali che mi vengono in mente in cui hanno interrotto tutte le adozioni internazionali a causa di irregolarità, ma anche loro non sono riusciti a fornire agli adottati colpiti servizi o risarcimenti per riconoscere i torti loro arrecati. Alcuni di loro hanno condannato i colpevoli, ma raramente la loro condanna corrisponde alla profondità del loro crimine.

Diamo una rapida panoramica di come gli autori sono stati condannati fino ad oggi:

Il più recente è il prima frase per il politico locale americano coinvolto con le donne dell'isola di Marshall che hanno ricevuto solo 6 anni di reclusione. Lauryn Galindo, leader del giro di adozioni cambogiano, è stata condannata a 18 mesi di carcere, il suo crimine era solo frode sui visti e riciclaggio di denaro. Il Gli autori della truffa dell'adozione samoana sono stati condannati a soli 5 anni di libertà vigilata, per favoreggiamento all'ingresso abusivo di uno straniero. Siamo ancora in attesa della sentenza del autori coinvolti negli schemi ugandesi e polacchi per aver organizzato adozioni attraverso corruzione e frode.

In Vietnam, il capobanda condannato a 4,5 anni per falsificazione di documenti. Taiwan condannato Julie Chu e le sue coorti all'ergastolo per aver ideato un sindacato di esportazione di bambini, ma se l'è cavata con leggerezza dopo aver fatto appello e ha scontato solo 6 anni. In Cina, i trafficanti di bambini che rapiscono e vendono bambini vengono giustiziati. Questa risposta rimane la più dura che abbia mai visto, ma l'ergastolo sembra ragionevole dato che le loro azioni hanno un impatto su di noi per tutta la vita.

Il fatto che la maggior parte degli autori di adozioni internazionali la faccia franca con condanne blande dimostra la mancanza di un quadro giuridico che ci protegga. E nonostante il fatto che pochissimi autori di adozioni internazionali vengano mai catturati, figuriamoci condannati, c'è ancora da chiedersi, dov'è il sostegno per le vittime?

L'americano Trust di restituzione degli adottati samoani è l'UNICO programma di giustizia riparativa in cui mi sono imbattuto, che istituisce un fondo fornito dai perpetratori per facilitare il collegamento con la famiglia di origine e il paese. Ma i fondi forniti sono stati estremamente limitanti considerando quante persone sono colpite e tra gli adottati colpiti, solo uno è stato autorizzato a tornare alla propria famiglia naturale. I governi hanno anche considerato se gli adottati internazionali desiderano essere rimpatriati nel loro paese di nascita?

Quale livello di responsabilità dovrebbero assumersi i governi?

Molti articoli sono stati scritti sui problemi dell'adozione internazionale attraverso le irregolarità nel processarci per l'adozione internazionale, ma la questione più critica a cui i governi devono rispondere è la nostra diritto all'identità.

Un recente rapporto (vedi Sezione 4) di Protezione dell'identità del bambino (CHIP), mette in evidenza il livello di responsabilità degli Stati dovrebbe giocare nell'aiutarci a trovare le nostre identità originali ea cercare un risarcimento.

“L'articolo 8 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (CRC) rileva che un bambino ha diritto all'identità, inclusi un nome, una nazionalità e relazioni familiari. Ogni volta che un bambino viene privato di uno di questi elementi, gli Stati hanno l'obbligo di ripristinare rapidamente l'identità del bambino. Al centro di ogni adozione internazionale (ICA) c'è la modifica dell'identità di un bambino data alla nascita”. - PATATA FRITTA

Vorrei chiedere a tutti i governi firmatari di Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo e il Convenzione dell'Aia sull'adozione internazionale, cosa stanno facendo per "ripristinare rapidamente la nostra identità originale”? Tutte queste indagini nei paesi europei sono una parte necessaria del processo per rivedere e approfondire ciò che è successo. Ma.. i provvedimenti presi per fermare le adozioni non forniscono alcuna dolcezza a noi vittime. Ci sono centinaia e migliaia di noi in tutto il mondo. Cosa vogliamo? Tutto quello che devi fare è leggere la nostra raccolta di risposte che ho distribuito a Gruppo di lavoro dell'Aia sulla prevenzione e il contrasto delle pratiche illecite in materia di adozione, poco più di 1 anno fa.

In sintesi, il nostro rapporto spiega cosa vuole la maggior parte di noi. Ognuno di noi ha presentato indipendentemente i propri pensieri senza sapere cosa stesse presentando l'altro. Ecco i primi 3 suggerimenti che abbiamo raccolto:

  • Una modifica alle leggi sull'adozione internazionale per garantire l'esistenza di un quadro giuridico per il quale le pratiche illecite possono essere perseguite. Attualmente non c'è nessuno.
  • Un organismo investigativo indipendente, quindi non ci aspettiamo che i governi e le autorità per le adozioni "indaghino" da soli. Attualmente è quello che succede.
  • Servizi di supporto interamente finanziati per le vittime. Attualmente ci sono enormi lacune nei supporti generali post-adozione per non parlare dei supporti specifici per essere trafficati. Nessun paese al mondo attualmente fornisce alcun tipo di supporto alla tratta per gli adottati o le loro famiglie, sia adottive che naturali, ma soprattutto per le famiglie naturali che raramente hanno voce nell'arena globale.

Osservo i Paesi Bassi che stanno ancora lavorando al loro Centro Nazionale di Competenza potrebbe includere servizi di supporto specifici per le vittime della tratta, così sembra anche dal Belgio rapporto stanno provando. Ma il supporto per le vittime della tratta deve essere completo, non solo un DNA o un servizio di consulenza generale. Nella nostra relazione, elenchiamo per intero ciò che questo supporto deve includere: assistenza legale; Consulenza; aiuto finanziario; gruppi di sostegno per esperienze vissute finanziate; ricerca della famiglia; Test del DNA e servizi di genealogia professionale; supporto di viaggio; lezioni di lingua; servizi di traduzione; servizi di mediazione; sostegno alla cultura e al patrimonio.

Perché l'adozione non può essere una storia da "vissero felici e contenti"?

La gente pensa erroneamente che gli adottati internazionali debbano essere infelici nella loro adozione per voler combattere per la giustizia. Non è vero.

Possiamo essere felici nella nostra vita adottiva e nel nostro paese, ma anche essere infelici con come le nostre adozioni sono state condotte e ci aspettiamo giustamente che tutto sia fatto per ripristinare le nostre identità originali e aiutarci a riconnetterci con le nostre famiglie naturali che ci hanno perso a causa dell'adozione internazionale.

Le nostre voci lottano da decenni per il nostro diritto alle origini, per fare ammenda della nostra identità perduta, per far riconoscere le adozioni internazionali illecite e illegali per quello che sono: la mercificazione dei bambini. Abbiamo bisogno che questo folle sistema si fermi, va avanti da troppo tempo. Non siamo un piccolo numero, le stime variano ma sicuramente siamo nel centinaia di migliaia globalmente e forse qualche milione.

È tempo per la verità e, si spera, a lungo termine, potremmo vedere una giustizia riparatrice e riparatrice per noi e le nostre famiglie. Nel frattempo, io e gli altri leader adottati continuiamo a lavorare sodo per le nostre comunità a livello globale! Avanti e in alto! Spero un giorno di poter scrivere della nostra storia del "vissero felici e contenti", una volta che avremo giustizia e riconoscimento per i torti commessi.

Altre risorse

Campagna di sensibilizzazione all'impatto (video) condotto da Adozioni critiche dall'Europa (CAFE), Belgio

Alla ricerca dell'umanità podcast Separati: l'etica dell'adozione

Patrick Noordoven: Adozione internazionale e diritto all'identità

David Smolin: Il caso della moratoria sulle adozioni internazionali

Per tradurre automaticamente una delle seguenti risorse, apri nel browser Google Chrome.

Olanda

Nessuna nuova adozione dall'estero per il momento
I Paesi Bassi bloccano tutte le adozioni all'estero con effetto immediato
Il ministro Dekker sospende l'adozione internazionale con effetto immediato
L'olandese blocca le adozioni internazionali dopo la scoperta degli abusi
Rapporto olandese (inglese)

Svizzera

Rapporto sulle adozioni internazionali (francese, tedesco, italiano)
Adozioni dallo Sri Lanka: il Consiglio federale si rammarica della negligenza delle autorità
Conferenza stampa del Ministro (Tedesco)
Comunicato stampa dell'organizzazione degli adottati dello Sri Lanka Ritorno alle origini (inglese) in francese
Bambini dello Sri Lanka rapiti adottati in Svizzera

Belgio

Wouter Beke sostiene una pausa per l'adozione generale, ma riceve immediatamente critiche
Il ministro Beke vuole l'interruzione dell'adozione per rivedere a fondo il settore
Il ministro Beke vuole una pausa per l'adozione generale a causa di "errori" e "malcostume": cosa sta succedendo?
Le Fiandre pianificano "almeno 2 anni di pausa" dalle adozioni internazionali
Il rapporto del gruppo di esperti è pronto
Rapporto finale del gruppo di esperti

La bugia che amiamo

di Jessica Davis, madre adottiva negli USA che ha adottato dall'Uganda e co-fondato Kugatta, un'organizzazione che ricollega le famiglie ugandesi ai loro figli, rimossi tramite adozione internazionale.

La bugia che amiamo. Adozione.

Ho sentito dire che l'adozione è uno dei più grandi atti d'amore, ma è così? Forse ciò che è ed è stata l'adozione per la maggior parte delle persone non è davvero così "grande" come è stato descritto.

Invece di concentrarci sull'immaginario fiabesco della nuova "famiglia per sempre" che viene creata attraverso l'adozione, dovremmo concentrarci su come l'adozione significhi la fine di una famiglia; l'assoluta devastazione del mondo di un bambino con conseguente separazione da tutti e da tutto ciò che gli è familiare. Quando l'attenzione è fuori luogo, non siamo in grado di aiutare veramente il bambino e, di conseguenza, spesso riponiamo su di lui aspettative non realistiche. Aspettative di gratitudine, legame, assimilazione e persino aspettarsi che "passino avanti" dalle loro storie.

Quindi quale motivo è abbastanza accettabile per separare definitivamente una famiglia? Povertà? Se una famiglia è povera va bene prendere il proprio figlio? O non sarebbe più amorevole e più utile investire tempo e risorse nel potenziamento economico della famiglia in modo che possano stare insieme?

Se un bambino ha bisogni medici che la famiglia sta lottando per soddisfare, va bene prendere il loro bambino OPPURE è un atto di amore e decenza umana più grande assistere quella famiglia in modo che possano soddisfare i bisogni del loro bambino e rimanere insieme?

Se una famiglia è caduta in disgrazia, va bene prendere il proprio figlio? OPPURE dovremmo stringerci intorno alla famiglia e aiutarli nei momenti difficili in modo che possano rimanere insieme?

Che dire di un bambino che ha perso entrambi i genitori? Allora va bene adottare il bambino? O sarebbe un atto d'amore più grande assicurarsi prima che il bambino viva con i suoi parenti biologici, la sua famiglia? Perché è meglio creare una nuova famiglia con estranei quando ci sono parenti biologici estesi?

E se un bambino vive in un paese in via di sviluppo? Allora è meglio prendere un figlio dalla propria famiglia per dargli accesso a più “cose” e “opportunità”? Per dare loro una “vita migliore”? È anche possibile vivere una “vita migliore” separati dalla propria famiglia? OPPURE sarebbe un atto d'amore più grande sostenere quella famiglia in modo che il loro bambino possa avere accesso a più cose e opportunità all'interno del proprio paese? Per costruire il futuro di quel paese, investendo e sostenendo quel bambino in modo che possa diventare il meglio che può. In che modo aiuta un paese in via di sviluppo se continuiamo a portare via inutilmente i loro futuri medici, insegnanti, assistenti sociali, dipendenti dei servizi pubblici, ecc.?

Non so molto sull'adozione domestica, ma so molto sull'adozione internazionale e queste sono alcune delle tante ragioni che sento ripetutamente come convalida per la separazione permanente di un bambino dalla famiglia, dai parenti biologici e dal paese di origine.

Ai genitori e alla famiglia allargata non è stata data alcuna opzione (a parte l'adozione) quando cercavano aiuto/assistenza. Che scelta c'è quando c'è solo un'opzione data? Non solo alla maggior parte di queste famiglie non viene data alcuna opzione, ma spesso viene detto che il loro bambino starà "meglio" senza di loro e che tenere il proprio figlio impedisce loro di queste "grandi opportunità". Questa mentalità è sbagliata e dannosa per il loro bambino.

Gran parte della narrativa sull'adozione è costruita attorno alla necessità di "salvare" un bambino impoverito fornendo una "famiglia per sempre" ma 70%-90% di bambini adottati all'estero HANNO FAMIGLIE. Quali altre cose continuiamo a fare in adozione sapendo 4 volte su 5 che stiamo sbagliando?

Alcuni dicono che il più grande atto d'amore è l'adozione, io dico che il più grande atto d'amore è fare tutto ciò che è in proprio potere per tenere unite le famiglie.

Ho intitolato questo post La bugia che amiamo perché sembra che tanti di noi amino l'ADOZIONE (e la fiaba spesso da essa perpetuata) più di quanto amiamo IL BAMBINO stesso. Ciò è dimostrato ogni volta che un bambino viene inutilmente spogliato della sua famiglia e della sua cultura, il tutto mentre noi, come società, incoraggiamo e promuoviamo un tale processo. Questo accade quando prima non siamo disposti a fare il duro compito di porre le domande difficili; quando preferiamo ignorare la realtà a portata di mano e vivere la “favola” che qualche problema è stato risolto adottando un bambino che aveva già una famiglia amorevole.

Un giorno, spero che le cose siano diverse: che sempre più persone capiranno che non c'è una crisi orfana, ma piuttosto c'è un crisi di separazione familiare accade nel nostro mondo e l'adozione non è la risposta, anzi è parte del problema. L'adozione internazionale è diventata un'attività con enormi quantità di denaro da guadagnare e poche o nessuna protezione per i più vulnerabili perché la maggior parte di noi si siede nei nostri comodi primi mondi ed è felice con la favola. L'adozione è davvero la menzogna che amiamo!

Per saperne di più da Jessica, lei e il marito Adam sono stati recentemente intervistati in questo forse Dio podcast : Ogni orfano ha bisogno di essere adottato?.

Guarda l'altro di Jessica articolo all'ICAV e lei Buon problema podcast insieme a Lynelle e Laura come una serie in 3 parti di Leigh Matthews.

Italiano
%%piè di pagina%%