Giustizia o responsabilità accadono nelle adozioni illecite?

di Jessica Davis, mamma adottiva americana che ha restituito il figlio ugandese alla madre biologica in Uganda. Jessica ha scritto questo post in risposta alla recente dichiarazione "colpevole" del personale che lavora presso l'agenzia di adozioni European Adoption Consultants (Ohio) che ha facilitato l'adozione illecita di adottati ugandesi dalla famiglia Davis. Articolo sui media qui.

Sono passati molti anni da quando abbiamo scoperto l'orribile verità che la bambina che abbiamo adottato dall'Uganda era stata illegalmente separata dalla sua famiglia. Da quando ha riunito Namata con sua madre, ho aspettato una parvenza di giustizia e responsabilità, specialmente quando si trattava di questo particolare individuo.

Oggi, Debra Parris, uno dei criminali coinvolti nel traffico di Namata, ha cambiato la sua dichiarazione di colpevolezza su ogni atto d'accusa federale di cui è stata accusata. Debra ha partecipato volentieri alla tratta di bambini dall'Uganda attraverso l'adozione internazionale. Ha causato danni irreparabili a Namata, sua madre ugandese e ha reso le nostre vite infelici per anni mentre cercavamo di smascherare lei e i suoi co-cospiratori. Ha inflitto enormi quantità di danni a MOLTI bambini vulnerabili dell'Uganda e alle loro famiglie (e ne sono certo in molti altri paesi).

Il solo sentire la sua voce oggi è stato travolgente, figuriamoci sentirla finalmente ammettere la colpa. Dal momento che mi sono reso conto di ciò che è accaduto all'interno della nostra adozione non è stato un caso unico, ho preso l'impegno di non perdere mai l'opportunità di lavorare per cambiare la narrativa quando si tratta di adozione internazionale. Questo momento non sarà diverso.

A coloro che scelgono di credere che quello che è successo a Namata ea sua madre sia il risultato di una sola “mela marcia”, vi prego di smetterla. Lavoro con le famiglie ugandesi da oltre 5 anni e posso dirvi che quello che è successo a Namata e alla sua famiglia non è l'eccezione, piuttosto è la regola nell'adozione internazionale. Ogni famiglia ugandese che ho incontrato, anche le famiglie che hanno utilizzato altre agenzie di adozione, hanno avuto esperienze simili da condividere. Nessuna delle famiglie di origine ha capito veramente l'adozione, tutte stavano attraversando un momento difficile e avevano solo bisogno di sostegno. Quasi tutti pensavano di avere accesso all'istruzione o alle cure mediche per la persona amata. Non sto dicendo che non ci siano eccezioni, ma devo ancora incontrare una famiglia ugandese che abbia veramente capito l'adozione.

Come genitore adottivo, scegliere di guardare dall'altra parte o rimanere in silenzio quando si tratta di queste ingiustizie ti rende parte del problema. Quando ho capito cosa stava succedendo con la nostra agenzia di adozioni, ho subito iniziato a parlare con altri genitori adottivi che li avevano usati anche loro. Mi è stato detto più e più volte che stavo reagendo in modo eccessivo, che questo non poteva essere vero, o che almeno non poteva essere così "cattivo" come sostenevo. Ho la sensazione che anche con questa ammissione di colpa, molte famiglie adottive continueranno a dire che non è vero nella loro situazione (che potrebbe benissimo essere vera) e andranno avanti con le loro vite, come se niente fosse.

Questa agenzia di adozione ha facilitato le adozioni di oltre 30 bambini ugandesi. Oggi Debra Parris ha ammesso di aver corrotto agenti di custodia, cancellieri e giudici in Uganda. Ha ammesso di aver presentato consapevolmente informazioni fraudolente al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel tentativo di facilitare le adozioni illecite. Assumere che ciò non stesse accadendo in altre adozioni non è solo ingenuo, ma è un grave errore giudiziario.

Quante famiglie naturali e adottati adulti hanno condiviso esperienze simili? Quando inizieremo ad ascoltare? Quando saranno state divise inutilmente abbastanza famiglie finché non saremo disposti a fare qualcosa? Quando saranno importanti per noi la vita e il benessere di questi "orfani" al di là della loro adozione?

Mentre oggi mi sono rallegrato di questo piccolo passo verso la responsabilità per i torti perpetrati contro molti dei bambini e delle famiglie più vulnerabili nel nostro mondo, non ho potuto fare a meno di pensare a tutte le famiglie ugandesi (e famiglie in tutto il mondo) che questo ha successo a. Famiglie che probabilmente non vedranno mai giustizia o riparazioni, per non parlare della persona amata da cui sono state separate. Non ho potuto fare a meno di pensare a tutti gli adottati che sono stati scambiati tra famiglie come carte collezionabili. Adottivi che vengono messi a tacere e ignorati quando parlano delle loro esperienze con l'adozione. Non posso fare a meno di pensare a tutto il danno che è stato inutilmente inflitto agli adottati e alle famiglie naturali perché questo sistema sembra troppo facile da sfruttare e corrompere.

Quando è abbastanza, abbastanza?

Per saperne di più su Jessica e suo marito Adam, guarda la loro intervista con 1MillionHome Amore audace

Per saperne di più su Jessica, leggi i suoi blog:
Adozione: ordinata e ordinata? Non così tanto!
La bugia che amiamo
Non è un'attrazione turistica
Non c'è una crisi orfana, è una crisi di separazione familiare

Adozione e impatto sui nostri partner

di Brian che è sposato con un'adozione internazionale, che ha vissuto un'adozione internazionale illegale. Abbiamo cambiato i nomi e i luoghi di questa storia per proteggere le identità.

Mi chiamo Brian e sono sposato con un'adozione internazionale. Condivido la mia storia per aiutare le persone a capire quanto sia sensibile e dannosa l'adozione per tutte le persone coinvolte, in particolare per l'adottato.

Raccontare semplicemente la storia dell'adottato non racconta tutta la storia. L'adozione è come la detonazione di una bomba atomica. Le ricadute dell'adozione influiscono negativamente sugli altri che circondano l'adottato.

Come ci siamo conosciuti

Ho conosciuto Melissa nella seconda metà del 1998, nella capitale del suo paese natale. Quando ci siamo incontrati, ero un primo ufficiale (copilota) che pilotava jumbo jet Boeing 747-200. Ho fatto le mie soste nello stesso hotel in cui si trovava Melissa. A quel tempo, era in hotel per essere intervistata da una mischia dei media nella hall dell'hotel. Ero semplicemente curioso di sapere di cosa si trattasse. Due settimane prima, l'avevo vista intervistata in televisione. Ho pensato tra me e me: "Che ragazza dolce, ben parlata e carina. Perché non posso incontrare una come lei". Allora non lo sapevo.

Quindi sapevo che era lì, nella capitale del suo paese natale, per incontrare i suoi genitori biologici. Ma non conoscevo davvero tutti i retroscena dell'adozione di Melissa o le complicazioni e il suo tumulto.

Ho trascorso molti anni volando in tutta l'Asia e rimanendo per periodi di tempo variabili. L'Asia ha così tante culture uniche e ognuna misteriosa. Mi è sempre piaciuto visitare i fumosi templi buddisti, confuciani o taoisti. La mia prima visita in Asia è stata nel 1985 a Hong Kong, dodici anni prima che finisse sotto la falce e martello e il marchio a cinque stelle della Cina comunista. Ho insegnato a Melissa come usare le bacchette.

Detto questo, ero a conoscenza degli affari sporchi, della corruzione ai massimi livelli, dei guadagni e di altre forme di guanxi (关系), dei sorrisi, delle relazioni, del rispetto e di una certa conoscenza delle loro lingue e culture da parte degli stranieri e sapendo che i soldi ottengono le cose fatto. Ad esempio, un visto turistico convertito in un visto di lavoro dal gestore/traduttore di un datore di lavoro.

Melissa e io ci siamo visti nei sei mesi successivi durante i miei soggiorni nella capitale del suo paese natale. A volte potevamo vederci solo per 5 minuti, ma è stato rigenerante e mi ha sostenuto mentre volavo in un'altra parte del mondo. Melissa era sempre nei miei pensieri. Ricordo che le compravo un regalo unico da qualche paese e glielo spedivo per posta. Durante il nostro ultimo incontro, siamo andati al parco dove ho proposto il matrimonio a una scioccata Melissa.

Successivamente, ho iniziato il mio aggiornamento del capitano e l'addestramento di transizione presso Boeing per pilotare nuovi aerei Boeing 747-400. Non ho potuto vedere Melissa e non ho più volato nella capitale del suo paese natale fino a quando non sono diventato Capitano. Non c'era comunque. Era tornata in Australia con i suoi genitori australiani adottivi, John e Jane. 

Alla fine sono riuscito a stare di nuovo con Melissa per continuare la nostra relazione. Ho tentato di arrivare in Australia, ma i nostri piani che abbiamo fatto sono stati frustrati. Quando sono arrivata, sono rimasta scioccata nell'apprendere che Melissa si era trasferita dalla casa dei suoi genitori. Viveva da sola da un po' di tempo. Stava affittando una stanza fredda, umida, sul retro, senza una vera privacy, e tutti i tipi di personaggi sgradevoli in visita, che fumavano e mi sembravano dei drogati. Il padrone di casa di Melissa stava affittando il posto, quindi non sono sicuro che il subaffitto a Melissa fosse legale. Ma questa è la posizione in cui si trovava Melissa. Quando ero a Melbourne, avevo una bella suite in centro. Ho soggiornato lì ogni mese, da allora in poi. Alla fine, tuttavia, ho affittato un appartamento – e sinceramente, era solo un po' meglio di dove era stata lei, ma era il nostro nido ed era comodo per il centro. Avevo anche noleggiato un'auto in modo da poter fare un giro in macchina, visitare i suoi genitori e fare qualunque cosa.

Era un po' sconcertante e riguardava il motivo per cui Melissa se ne andò di casa, ma non ho mai avuto la storia completa.  

Immigrare nel suo Paese adottivo

Qualche tempo dopo il mio arrivo in Australia, ho appreso che le lettere e i pacchi che avevo spedito a Melissa erano stati semplicemente scartati o nascosti da Jane, la madre adottiva di Melissa. Sua sorella minore ne ha recuperati alcuni. Forse Melissa pensava che avessi perso interesse, mentre ero via in altre parti del mondo o quando mi allenavo alla Boeing. Posso assolutamente assicurarti che era sempre nei miei pensieri ed ero ansioso di vederla non appena il mio addestramento fosse completato. Le azioni di Jane sono state ingiuste per entrambi perché hanno lasciato Melissa più vulnerabile.  

Un funzionario dell'immigrazione ha commentato che stavo visitando l'Australia così spesso che avrei dovuto considerare di fare domanda per la residenza permanente, quindi l'ho fatto. Nel luglio 2001, compilando io stesso i documenti e pagando la tassa, mi sono semplicemente fidato del processo perché ero un capitano di un Boeing 747-400, un professionista con un reddito decente, autofinanziato, un ex ufficiale dell'esercito e madrelingua inglese. Pensavo che immigrare in Australia sarebbe stata una passeggiata nel parco. Non fraintendetemi, il Dipartimento dell'Immigrazione è un vero bastardo. Hanno reso la nostra vita un inferno inutilmente. Mi è stato rilasciato un visto per coniuge 820N con divieto di lavoro.

Melissa e io ci siamo sposati il 5 marzo 1997 a Los Angeles. Ho iniziato un contratto con un'altra compagnia aerea, pilotando le versioni precedenti del Boeing 747 come Capitano. Purtroppo ho perso il mio lavoro di Capitano a causa dei giochi sporchi del Dipartimento dell'Immigrazione. Non li perdonerò MAI per questo. Hanno giocato tutti i trucchi sporchi nel loro playbook per vincere. Hanno affermato di aver perso l'intero fascicolo del mio caso (comprese le copie elettroniche?) poco prima di andare al Migration Review Tribunal. Fortunatamente io e il mio agente di migrazione avevamo tutti i documenti e gli invii, in originale o in copia autenticata. Ho finalmente ottenuto la residenza permanente nel 2003 e sono diventata cittadina australiana nel 2005.

Questo è stato un periodo di tempo estremamente stressante sia per Melissa che per me. È stato deliberatamente creato in questo modo, dal Dipartimento dell'Immigrazione. Ho perso la mia carriera. Ho perso la mia dignità. Ho perso il mio reddito. E, credo che, come altre coppie Visa Spouse che abbiamo conosciuto e che non potevano resistere alle stronzate dell'immigrazione, si aspettassero che fallissimo. Quando abbiamo visto quelle coppie separarsi, ci ha fatto preoccupare per il nostro futuro, ma sembrava renderci più resilienti e determinati. Vivevamo in un piccolo appartamento con una camera da letto e guidavamo una vecchia Volvo 244DL. Vivevamo in modo molto frugale. Ho dovuto fare appello al tribunale per il riesame delle migrazioni perché la mia domanda è stata respinta, anche se eravamo legalmente sposati, perché mi mancavano 11 giorni su 12 mesi nel paese e non c'era modo di far loro capire che viaggiare è un grande parte della vita di un capitano di una compagnia aerea internazionale. Erano solo ostruzionisti sanguinari.

Affrontare le dinamiche della famiglia adottiva

Aggiungete a tutto ciò che Melissa ed io eravamo sotto costrizione da sua madre adottiva, Jane. Ricordo telefonate che iniziavano con calma e diventavano polemiche. Melissa sarebbe in lacrime quando ha riattaccato il telefono. L'avrei scoraggiata dal chiamare in futuro, ma Melissa sembrava obbligata. Di solito era la stessa scena quando andava a trovarla. È stato difficile per me starmene seduto lì senza difenderla, ma dovevo farlo. A un certo punto, ho minacciato di intentare una causa se Jane non avesse desistito con il suo bullismo e gli abusi. C'è stato un momento in cui non ero il benvenuto in casa. Mi sedevo fuori, aspettando Melissa nella Volvo. Jane ha sempre avuto una qualche forma di controllo psicologico su Melissa e Melissa sembrava sempre tornare indietro per ulteriori abusi. Quasi un'autoflagellazione. Si sente così bene quando si ferma.

Ho ripreso parzialmente la mia carriera nell'aviazione nel 2006, quando mi è stato offerto un contratto come capitano pilotando un Boeing 737-800 a Hong Kong e poi in Cina. Siamo stati via cinque anni, ma Jane avrebbe chiamato. È persino venuta a trovarci! Anche la Cina non era abbastanza lontana. Quando ho deciso di comprare una casa, ho deciso di comprare una casa nell'Australia occidentale. Sì, è scenografica e amo la mia fotografia, ma è stata una mossa necessaria per togliere Melissa dalle grinfie della madre adottiva. Ma Jane ha già visitato alcune volte. Gli anni da quando Melissa era una tenera ragazza ai giorni nostri sono volati. Ora ha 40 anni, è più forte e tiene testa alla madre adottiva, ma è stata una strada dura, accidentata e in salita.  

Essere solidali e comprensivi non è abbastanza. Trovare il modo per rendere Melissa una persona più forte e avere il coraggio di difendere ciò in cui crede le ha dato un vantaggio che a volte mi taglia. Sento che Melissa non è in grado di andare avanti, verso la normalità. C'è qualcosa che manca. È un conflitto interno. È quasi come una malattia, non la stessa della schizofrenia, ma un po' di distacco dalla realtà, a volte può restare a letto quasi tutto il giorno, non volendo affrontare la giornata o svegliarsi alla sua vita. 

Il razzismo e i suoi impatti

Inoltre, penso che il razzismo innato in Australia abbia avuto una mano nel fatto che Melissa sappia di essere diversa, anche se parla con un naturale accento da ragazza australiana e parla inglese a casa da quando è arrivata in Australia da bambina. La maggior parte dei bianchi non sa distinguere un coreano da un tailandese. E la sua faccia asiatica ha ispirato alcuni razzisti a farsi avanti con "Vai a casa stronza cinese!" Melbourne è casa. L'Australia occidentale è casa. Questo è tutto ciò che ha saputo. Anche quando gli australiani la sentono parlare, non riescono ad andare oltre la faccia asiatica. Il meglio che gli ignoranti possono inventare è "Parli bene l'inglese" invece di affermare correttamente "Parli bene l'inglese" o non dire nulla. Quando lei dice loro che è australiana o di Melbourne o dell'Australia occidentale, gli idioti replicano: "Da dove vieni veramente?" Non possono semplicemente accettare.

Ma c'è di peggio. Durante i cinque anni in cui abbiamo vissuto in Cina, due volte è stata aggredita fisicamente da uomini cinesi perché parlava solo inglese. Anche lì in Cina, non riconoscevano le origini del suo paese di nascita e le chiedevano se fosse giapponese o coreana. Peggio ancora, non riuscivano a convincere la sua adozione. In Cina, dicevano spesso che i cinesi non hanno le lentiggini. Ma in effetti lo fanno. I cinesi sono razzisti quanto gli australiani.

Sento che Melissa non è in una situazione di vittoria. Non è accettata come australiana e non è accettata dal suo paese di nascita. Ciò contribuisce al suo conflitto interno. Ho un accento straniero e ricevo anche commenti discriminatori, ma lo affronto in modo diverso.

Melissa è in conflitto perché ha due coppie di genitori e due versioni di se stessa, nessuna delle due si riconcilia con l'altra. In effetti, ha avuto un test del DNA che non fa che aumentare la confusione. 

Ho trascorso molto tempo a volare in tutta l'Asia, soggiornando per periodi di tempo variabili in tutte le principali capitali. Conosco la realtà dell'Asia, cioè che si verificano affari subdoli, come i suoi documenti falsi. Ricordo che un giorno esaminai i suoi vari documenti di identità e certificato di nascita. Per me, l'informazione sembrava sospetta. Dubiterei del suo nome, data di nascita, dove è nata, ecc. Ma sospettare che queste informazioni siano false ed essere in grado di aiutare Melissa a fare qualsiasi cosa in realtà è molto difficile, perché chi dirà la verità? Saranno i suoi genitori biologici per i quali salvare la faccia è così importante? O i suoi genitori adottivi che probabilmente sapevano che quello che stavano facendo era discutibile? Il traffico di bambini è uno stile di vita ed è risaputo che le figlie non sono apprezzate tanto quanto un figlio nelle culture asiatiche, nemmeno nelle culture occidentali. Sento che Melissa è fortunata che non sia stata semplicemente scartata, lasciata nella spazzatura, annegata o trafficata per uso e abuso da parte di pervertiti. Spesso il trafficante di bambini assicurerà o prometterà falsamente a una madre naturale che il bambino andrà in una buona casa, una coppia senza figli in un'altra città o villaggio. Tutti leggiamo le storie o guardiamo il telegiornale della sera.

Sinceramente, se avessi conosciuto tutte queste complicazioni e la perdita della mia carriera che ho lavorato così duramente per costruire, prima dell'incontro, probabilmente non avrei perseguito una relazione con Melissa per quanto dolce e carina. Ma non avevo una sfera di cristallo, vero? Ho appena resistito.

La mancanza di risposta dell'Australia a un'adozione illegale

Credo che il governo australiano, l'agenzia per le adozioni e i genitori adottivi di Melissa siano stati tutti complici della sua adozione illegale. Non ci sono state indagini approfondite per verificare che tutto fosse autentico. Confronta questo con le rigorose indagini che si sono verificate per farmi diventare un residente permanente australiano e poi un cittadino, eppure ho tutti i tipi di prove di prima classe per dimostrare chi sono. Sembra che il governo australiano abbia deliberatamente chiuso un occhio con l'adozione di Melissa.

Per quanto riguarda la madre adottiva di Melissa, Jane, credo che sia manipolatrice, connivente e abbia i suoi problemi mentali, alcuni dei quali legati all'impossibilità di avere i suoi figli biologici. Ho anche sentito per tutto il tempo che Melissa potrebbe essere stata abusata sessualmente. Suo padre adottivo è un po' senza spina dorsale. Non sembra mai difendere Melissa dagli attacchi e dalle parole cattive di Jane. Anche se non posso provarlo e non ho nulla su cui basarmi, ho i miei sospetti e le mie osservazioni sui comportamenti e le reazioni di Melissa. Una volta Melissa mi ha raccontato una storia, che quando era piccola si avvolgeva i seni per mascherarli. Credo che Jane abbia accelerato tutto.

Sono stati 20 anni di battaglia, per proteggere Melissa dalla madre adottiva. Questo è il motivo per cui viviamo nell'Australia occidentale e non a Melbourne, dove Melissa è cresciuta e dove rimangono i suoi genitori adottivi, anche se si sono separati.

Dopo essere venuta a conoscenza dell'adozione illegale di Melissa e prima di capire davvero lo scontro tra lei e la sua madre adottiva, ho deciso che non avrei portato Melissa nella mia patria. Non volevo separarla dall'unica famiglia che ha conosciuto e anche perché non volevo che cambiasse. Forse è stato un errore. Ritengo anche che sia sbagliato per i genitori adottivi caucasici adottare bambini non caucasici. A mio parere, questo gioca un ruolo importante nell'influenzare l'immagine mentale di sé di un adottato.

Melissa rimane la ragazza più dolce che abbia mai conosciuto e la amo, ma vorrei che non fosse così complicata e conflittuale.

I governi finalmente riconoscono le pratiche di adozione internazionale illecite e illegali

Questo è uno scenario comune, non copre i bambini apertamente rubati dagli ospedali e molti altri modi

Sono un adottato e sono fiducioso

Sono molto emozionato e pieno di speranza dopo aver ascoltato il recente Belgio notizia, che il loro ministro ha annunciato la sua intenzione di chiedere al Parlamento di sospendere tutte le adozioni per i prossimi 2 anni a seguito della loro indagine sulle adozioni internazionali.

Circondato da incredibili leader adottati in tutto il mondo, so quanti sforzi sono stati fatti per ottenere i diritti degli adottati internazionali dove siamo oggi. Notizie come questa non risolvono in alcun modo o risolvono i problemi che affrontiamo, ma sono almeno l'inizio del riconoscimento dei torti commessi, con governi e autorità che si fanno avanti per affrontare la verità di cui abbiamo parlato per decenni. Il riconoscimento è il primo passo di molti!

Il Belgio non è il primo paese adottivo a farlo. I Paesi Bassi hanno annunciato la loro moratoria su tutte le adozioni internazionali all'inizio di quest'anno a febbraio e ha pubblicato il loro rapporto. La Svizzera ha annunciato la sua rapporto dall'indagine sulle pratiche passate relative alle adozioni dello Sri Lanka e sono esortati a fornire riparazione alle vittime. Anche la Svezia ha annunciato la sua intenzione di indagare loro adozioni internazionali illegali. E ieri il ministro belga ha annunciato che le sue raccomandazioni saranno esaminate dal Parlamento. Puoi leggere qui il rapporto completo del gruppo di esperti.

Ma per alcuni paesi abbiamo ancora del lavoro da fare

Sembra che finalmente alcuni governi stiano ascoltando la nostra esperienza vissuta e abbiano deciso di non chiudere più un occhio. Ma anche se questi 4 hanno ascoltato, voglio anche ricordarvi che c'è stato molto lavoro e anni di sforzi fatti in altri paesi che ancora non sono venuti al "tavolo di riconoscimento". In Francia, gli adottati hanno avuto un enorme sostegno nella loro petizione che il parlamento francese conduca un'indagine sulle loro storiche adozioni internazionali. In Danimarca, il adottati dal Cile hanno lavorato con il governo per indagare sulle loro adozioni.

Nel mio paese adottivo, l'Australia, ho parlato e sostenuto per molti anni il sostegno agli adottati e alle famiglie colpite e il riconoscimento degli abusi in Australia. In effetti, è già passato più di un decennio e ricordo che nei miei primi anni rappresentavo gli adottati al NICAAG dove Julia Rollings (mamma adottiva) e io abbiamo presentato questo problema all'inizio del 2008 e abbiamo chiesto che fosse affrontato il problema. Più recentemente, ho anche presentato un piccolo gruppo di 8 adottati colpiti per incontrare i nostri Autorità centrale, DSS nel 2017 chiedendo supporti molto specifici. Tuttavia, fino ad oggi, quegli adottati sono stati ancora ignorati e licenziati. Nonostante ci siano casi molto chiari di attività illegale in cui gli autori sono stati condannati e incarcerati (ad esempio, la coorte di Julie Chu nell'immagine qui sotto da Taiwan), non è stato offerto nulla agli adottati o alle loro famiglie per aiutarli ad affrontare le complessità extra del loro adozioni illegali. È come se questi adottati colpiti non esistessero e l'Australia spera che il problema svanisca mentre devono affrontare questioni molto più importanti, come il COVID-19 o le imminenti elezioni.

È tempo che le autorità di tutto il mondo si facciano avanti e si assumano la responsabilità dei processi e delle strutture che hanno distrutto le nostre vite attraverso l'adozione, nel bene e nel male. 

L'adozione internazionale ha seguito la strada dell'adozione nazionale

Nell'adozione internazionale, stiamo assistendo allo stesso schema in cui, paese dopo paese, i governi riconoscono gli errori nelle loro domestico adozioni. Il Canada apre la strada fornendo compensazione finanziaria alle loro vittime dello Scoop degli anni Sessanta. L'Australia ha già fornito a scuse formali per le donne e i bambini che sono stati colpiti durante l'era dell'adozione forzata, ma a cui non è ancora stata offerta alcuna forma di risarcimento. Anche l'Australia ha appena annunciato il loro compensazione per gli aborigeni indigeni che furono allontanati con la forza e collocati in famiglie bianche sotto la generazione rubata. È interessante che il governo australiano possa riconoscere queste pratiche passate ma non riconosca le somiglianze molto strette con le nostre storiche adozioni internazionali. L'Irlanda come governo ha riconosciuto solo quest'anno i torti e ha fornito a scuse formali alle madri e ai bambini che nelle Case dei Bambini hanno subito adozioni forzate. L'Irlanda è anche esitando a offrire un risarcimento.

E i nostri paesi di nascita?

Pochissimi dei nostri paesi di nascita coinvolti nelle nostre adozioni illecite e illegali hanno intrapreso alcuna azione. Guatemala, Etiopia e Russia sono i principali che mi vengono in mente in cui hanno interrotto tutte le adozioni internazionali a causa di irregolarità, ma anche loro non sono riusciti a fornire agli adottati colpiti servizi o risarcimenti per riconoscere i torti loro arrecati. Alcuni di loro hanno condannato i colpevoli, ma raramente la loro condanna corrisponde alla profondità del loro crimine.

Diamo una rapida panoramica di come gli autori sono stati condannati fino ad oggi:

Il più recente è il prima frase per il politico locale americano coinvolto con le donne dell'isola di Marshall che hanno ricevuto solo 6 anni di reclusione. Lauryn Galindo, leader del giro di adozioni cambogiano, è stata condannata a 18 mesi di carcere, il suo crimine era solo frode sui visti e riciclaggio di denaro. Il Gli autori della truffa dell'adozione samoana sono stati condannati a soli 5 anni di libertà vigilata, per favoreggiamento all'ingresso abusivo di uno straniero. Siamo ancora in attesa della sentenza del autori coinvolti negli schemi ugandesi e polacchi per aver organizzato adozioni attraverso corruzione e frode.

In Vietnam, il capobanda condannato a 4,5 anni per falsificazione di documenti. Taiwan condannato Julie Chu e le sue coorti all'ergastolo per aver ideato un sindacato di esportazione di bambini, ma se l'è cavata con leggerezza dopo aver fatto appello e ha scontato solo 6 anni. In Cina, i trafficanti di bambini che rapiscono e vendono bambini vengono giustiziati. Questa risposta rimane la più dura che abbia mai visto, ma l'ergastolo sembra ragionevole dato che le loro azioni hanno un impatto su di noi per tutta la vita.

Il fatto che la maggior parte degli autori di adozioni internazionali la faccia franca con condanne blande dimostra la mancanza di un quadro giuridico che ci protegga. E nonostante il fatto che pochissimi autori di adozioni internazionali vengano mai catturati, figuriamoci condannati, c'è ancora da chiedersi, dov'è il sostegno per le vittime?

L'americano Trust di restituzione degli adottati samoani è l'UNICO programma di giustizia riparativa in cui mi sono imbattuto, che istituisce un fondo fornito dai perpetratori per facilitare il collegamento con la famiglia di origine e il paese. Ma i fondi forniti sono stati estremamente limitanti considerando quante persone sono colpite e tra gli adottati colpiti, solo uno è stato autorizzato a tornare alla propria famiglia naturale. I governi hanno anche considerato se gli adottati internazionali desiderano essere rimpatriati nel loro paese di nascita?

Quale livello di responsabilità dovrebbero assumersi i governi?

Molti articoli sono stati scritti sui problemi dell'adozione internazionale attraverso le irregolarità nel processarci per l'adozione internazionale, ma la questione più critica a cui i governi devono rispondere è la nostra diritto all'identità.

Un recente rapporto (vedi Sezione 4) di Protezione dell'identità del bambino (CHIP), mette in evidenza il livello di responsabilità degli Stati dovrebbe giocare nell'aiutarci a trovare le nostre identità originali ea cercare un risarcimento.

“L'articolo 8 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (CRC) rileva che un bambino ha diritto all'identità, inclusi un nome, una nazionalità e relazioni familiari. Ogni volta che un bambino viene privato di uno di questi elementi, gli Stati hanno l'obbligo di ripristinare rapidamente l'identità del bambino. Al centro di ogni adozione internazionale (ICA) c'è la modifica dell'identità di un bambino data alla nascita”. - PATATA FRITTA

Vorrei chiedere a tutti i governi firmatari di Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo e il Convenzione dell'Aia sull'adozione internazionale, cosa stanno facendo per "ripristinare rapidamente la nostra identità originale”? Tutte queste indagini nei paesi europei sono una parte necessaria del processo per rivedere e approfondire ciò che è successo. Ma.. i provvedimenti presi per fermare le adozioni non forniscono alcuna dolcezza a noi vittime. Ci sono centinaia e migliaia di noi in tutto il mondo. Cosa vogliamo? Tutto quello che devi fare è leggere la nostra raccolta di risposte che ho distribuito a Gruppo di lavoro dell'Aia sulla prevenzione e il contrasto delle pratiche illecite in materia di adozione, poco più di 1 anno fa.

In sintesi, il nostro rapporto spiega cosa vuole la maggior parte di noi. Ognuno di noi ha presentato indipendentemente i propri pensieri senza sapere cosa stesse presentando l'altro. Ecco i primi 3 suggerimenti che abbiamo raccolto:

  • Una modifica alle leggi sull'adozione internazionale per garantire l'esistenza di un quadro giuridico per il quale le pratiche illecite possono essere perseguite. Attualmente non c'è nessuno.
  • Un organismo investigativo indipendente, quindi non ci aspettiamo che i governi e le autorità per le adozioni "indaghino" da soli. Attualmente è quello che succede.
  • Servizi di supporto interamente finanziati per le vittime. Attualmente ci sono enormi lacune nei supporti generali post-adozione per non parlare dei supporti specifici per essere trafficati. Nessun paese al mondo attualmente fornisce alcun tipo di supporto alla tratta per gli adottati o le loro famiglie, sia adottive che naturali, ma soprattutto per le famiglie naturali che raramente hanno voce nell'arena globale.

Osservo i Paesi Bassi che stanno ancora lavorando al loro Centro Nazionale di Competenza potrebbe includere servizi di supporto specifici per le vittime della tratta, così sembra anche dal Belgio rapporto stanno provando. Ma il supporto per le vittime della tratta deve essere completo, non solo un DNA o un servizio di consulenza generale. Nella nostra relazione, elenchiamo per intero ciò che questo supporto deve includere: assistenza legale; Consulenza; aiuto finanziario; gruppi di sostegno per esperienze vissute finanziate; ricerca della famiglia; Test del DNA e servizi di genealogia professionale; supporto di viaggio; lezioni di lingua; servizi di traduzione; servizi di mediazione; sostegno alla cultura e al patrimonio.

Perché l'adozione non può essere una storia da "vissero felici e contenti"?

La gente pensa erroneamente che gli adottati internazionali debbano essere infelici nella loro adozione per voler combattere per la giustizia. Non è vero.

Possiamo essere felici nella nostra vita adottiva e nel nostro paese, ma anche essere infelici con come le nostre adozioni sono state condotte e ci aspettiamo giustamente che tutto sia fatto per ripristinare le nostre identità originali e aiutarci a riconnetterci con le nostre famiglie naturali che ci hanno perso a causa dell'adozione internazionale.

Le nostre voci lottano da decenni per il nostro diritto alle origini, per fare ammenda della nostra identità perduta, per far riconoscere le adozioni internazionali illecite e illegali per quello che sono: la mercificazione dei bambini. Abbiamo bisogno che questo folle sistema si fermi, va avanti da troppo tempo. Non siamo un piccolo numero, le stime variano ma sicuramente siamo nel centinaia di migliaia globalmente e forse qualche milione.

È tempo per la verità e, si spera, a lungo termine, potremmo vedere una giustizia riparatrice e riparatrice per noi e le nostre famiglie. Nel frattempo, io e gli altri leader adottati continuiamo a lavorare sodo per le nostre comunità a livello globale! Avanti e in alto! Spero un giorno di poter scrivere della nostra storia del "vissero felici e contenti", una volta che avremo giustizia e riconoscimento per i torti commessi.

Altre risorse

Campagna di sensibilizzazione all'impatto (video) condotto da Adozioni critiche dall'Europa (CAFE), Belgio

Alla ricerca dell'umanità podcast Separati: l'etica dell'adozione

Patrick Noordoven: Adozione internazionale e diritto all'identità

David Smolin: Il caso della moratoria sulle adozioni internazionali

Per tradurre automaticamente una delle seguenti risorse, apri nel browser Google Chrome.

Olanda

Nessuna nuova adozione dall'estero per il momento
I Paesi Bassi bloccano tutte le adozioni all'estero con effetto immediato
Il ministro Dekker sospende l'adozione internazionale con effetto immediato
L'olandese blocca le adozioni internazionali dopo la scoperta degli abusi
Rapporto olandese (inglese)

Svizzera

Rapporto sulle adozioni internazionali (francese, tedesco, italiano)
Adozioni dallo Sri Lanka: il Consiglio federale si rammarica della negligenza delle autorità
Conferenza stampa del Ministro (Tedesco)
Comunicato stampa dell'organizzazione degli adottati dello Sri Lanka Ritorno alle origini (inglese) in francese
Bambini dello Sri Lanka rapiti adottati in Svizzera

Belgio

Wouter Beke sostiene una pausa per l'adozione generale, ma riceve immediatamente critiche
Il ministro Beke vuole l'interruzione dell'adozione per rivedere a fondo il settore
Il ministro Beke vuole una pausa per l'adozione generale a causa di "errori" e "malcostume": cosa sta succedendo?
Le Fiandre pianificano "almeno 2 anni di pausa" dalle adozioni internazionali
Il rapporto del gruppo di esperti è pronto
Rapporto finale del gruppo di esperti

Le adozioni finlandesi sono simili a quelle olandesi.

di Sabina Söderlund-Myllyharju, adottato da Taiwan alla Finlandia.
Traduzione di Fiona Chow. Post originale qui in svedese.

Recentemente il mio feed di notizie di Facebook è stato inondato di importanti notizie provenienti da luoghi come Paesi Bassi, Svizzera e Svezia. I Paesi Bassi hanno sospeso tutte le adozioni dall'estero dopo che un'indagine ha rivelato abusi sistematici e adozioni illegali. Un'indagine simile è stata avviata in Svizzera. In Svezia, gli adulti adottati dal Cile, insieme a quelli di altre nazioni, stanno lottando per un'indagine a livello nazionale da attuare il prima possibile. 

Questo accumulo di vapore nel mondo delle adozioni ha iniziato a suscitare sentimenti dentro di me. Da molto tempo osservo una forte opposizione all'adozione da parte di adulti adottati negli ambienti internazionali in cui sono coinvolto sui social media. Ma fermare completamente tutte le adozioni? Mi suonava estraneo. Molti anni fa, la pensavo allo stesso modo, ma da allora mi sono reso conto che questo modo di pensare è un po' troppo radicale. Almeno, non finché ci sono bambini là fuori senza genitori.

L'altra sera, ho ascoltato una discussione in cui un genitore adottivo svedese si è apertamente intrattenuto con i bambini adottati illegalmente che ora chiedono alla Svezia di assumersi la responsabilità. Li ha sostenuti con tutto il cuore, anche se il suo fidanzamento rischia di portare conseguenze negative nella sua stessa vita. Mi ha scaldato il cuore che lei, come genitore adottivo, sia disposta a fare tutto ciò che è in suo potere in modo che i suoi figli in futuro non abbiano bisogno di mettere in discussione il sistema di adozione allo stesso modo dei bambini rubati di oggi.

La mia adozione non è andata come avrebbe dovuto, e questa è stata la fonte di una miriade di emozioni diverse dentro di me. Questi hanno spaziato dalla tristezza di non essere cresciuto con la mia famiglia biologica, alla vera rabbia per un sistema pieno di inadeguatezze. Com'è possibile che io sia stato trasportato da un continente all'altro con l'aiuto di documenti falsificati? Che i colpevoli siano stati ora processati e puniti è ovviamente giusto e giusto, ma perché non c'è mai stato alcun tentativo di riunire me e dozzine di altri bambini con le loro famiglie originali?

Allo stesso tempo, ho provato enormi sensi di colpa anche solo per aver pensato in questo modo, dato che ho avuto una bella vita qui in Finlandia. Chi sono davvero per lamentarmi? In realtà, non si tratta di non essere grati. Sono davvero grato per molte cose, non ultima delle quali ci sono i miei tre figli che stanno crescendo in un paese fantastico come la Finlandia. Tuttavia, sono grato di essere stato separato dalla mia madre biologica? Posso anche smettere di chiedermi perché i miei documenti di identità sono stati falsificati al momento dell'adozione? Sono stato venduto? È questo che voleva davvero mia madre biologica?

Sono passati molti anni dalla mia adozione e all'epoca gli accordi sono stati presi in privato, senza l'aiuto di un'agenzia di adozione, né la protezione che tale agenzia avrebbe fornito. Sono felice che le adozioni finlandesi di oggi siano regolamentate in modo completamente diverso, in modo che possiamo essere certi che le cose siano fatte in modo legale e corretto quando affidiamo i bambini all'adozione internazionale. Questo è il modo in cui è, non è vero? Sicuramente la nostra attenzione è su ciò che è meglio per il bambino, proprio come richiede la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (UNCRC)? Sicuramente scegliamo di agire senza indugio quando sorgono attività sospette nel campo delle adozioni?

La mia speranza è che gli adottati, i genitori adottivi e gli adottanti possano essere certi che tutti coloro che lavorano con l'adozione in Finlandia siano, con buona coscienza, in grado di dire che tutto funziona come dovrebbe. Spero sinceramente che le agenzie di adozione come Interpedia, Save the Children e la città di Helsinki siano state silenziose per così tanto tempo perché non hanno assolutamente nulla da nascondere. 

Allo stesso tempo, difficilmente posso essere l'unica persona a pensare che un'indagine statale indipendente sia attesa da tempo, anche in un paese come la Finlandia.  

I bambini rubati della Cambogia

di Elizabeth Jacobs, nato in Cambogia e adottato negli USA.

Elisabetta da bambina

Vorrei condividere con voi il mio progetto in cui creerò un documentario che seguirà il mio primo viaggio di ritorno in Cambogia dalla mia adozione avvenuta nel 2000. Ora ho ventun anni e sto scoprendo chi sono sono davvero come persona e cosa voglio fare di me stesso. Prima di continuare a crescere ulteriormente nell'adulto che desidero essere, sento il bisogno di fare i conti con il mio passato. Dopo aver rivisitato alcuni documenti e foto della mia adozione, ho scoperto alcune incongruenze che sollevano interrogativi sul mio passato. Spero che tornando in Cambogia potrei cercare la mia identità originale per capire meglio la mia vita prima che fosse americanizzata.

All'inizio, il mio piano per il documentario era mostrare il processo per trovare la mia famiglia cambogiana circa ventuno anni dopo. Il mio intento era quello di concentrarmi su una possibile riunione con qualsiasi membro biologico della mia famiglia e di ripercorrere i passaggi della mia adozione, come visitare l'orfanotrofio da cui sono stato abbandonato e possibilmente visitare la mia madre adottiva e la tata. Tuttavia, durante le indagini sulla mia adozione, ho scoperto molto di più di quanto si sapeva in precedenza.

Mi sento emotivamente pronto e curioso di conoscere la mia adozione, ma così facendo, ho setacciato tutti i documenti e ho trovato alcune nuove informazioni che mi fanno dubitare se sono stato rubato o meno dai miei genitori biologici, forse non legalmente rinunciato come pensavo prima.

Non avendo alcuna informazione sulla mia famiglia biologica, mi chiedo se sono o meno una vittima di Lauren Galindo, la famigerata trafficante di bambini in Cambogia, e della sua rete di reclutatori. Lo schema di Galindo era il seguente: un reclutatore avrebbe fatto amicizia e si sarebbe guadagnato la fiducia dei genitori impoveriti dando loro piccole somme di denaro e promettendo loro che avrebbero portato i loro figli in un orfanotrofio dove sarebbero stati ben curati mentre la famiglia sarebbe tornata i loro piedi. Inoltre avrebbero assicurato ai genitori che i loro figli, una volta cresciuti, li avrebbero sostenuti dall'America. È così che si è svolto il processo nei confronti di molti neonati e bambini piccoli i cui genitori erano troppo poveri per prendersi cura di loro. Invece di restituire questi bambini ai loro genitori, il collegamento ha offerto questi bambini in adozione principalmente a genitori americani in cambio di "tasse di adozione fasulle" per un importo di migliaia di dollari. Le tasse sono state interamente costituite da Galindo in quanto il governo non ha richiesto tasse di adozione.

La mia adozione è stata condotta pochi mesi dopo che il divieto di adozione è stato messo in atto a causa dello scandalo del traffico di bambini di Lauren Galindo. Galindo è stata accusata di riciclaggio di denaro per il quale è stata successivamente incarcerata per 8 mesi e accusata di aver creato un giro di traffico di neonati/bambini in cui i bambini sono stati rubati alle loro famiglie amorevoli e venduti per un profitto.

Ventuno anni dopo, ora sono un adulto pronto a fare le mie scelte e voglio visitare il mio passato e affrontare tutte le questioni irrisolte che sono rimaste nascoste per così tanti anni.

Sento che questo argomento è importante perché riguarda il mio passato e come la mia vita avrebbe potuto essere drasticamente diversa se non fossi mai stata adottata. Ora che mi chiedo se la mia adozione sia stata parte di uno scandalo di traffico di bambini in Cambogia, questo documentario è diventato più di una semplice riunione con il mio paese d'origine. È diventato un diario visivo e un'indagine in tempo reale sulla verità sulla mia adozione. Sto mostrando il mio viaggio al pubblico in modo da poter condividere questa storia molto importante di identità perduta. Ci sono centinaia di adottati come me e penso che sia importante diffondere la consapevolezza su questo scandalo perché potrebbero esserci altri là fuori che credono di essere adottati legalmente, quando in realtà potrebbero avere una famiglia in Cambogia che si sono chiesti per tutti questi anni dove il loro bambino è finito.

Il mio arrivo

Ritengo che questo argomento sia importante e molto rilevante perché la Cambogia ha ancora il divieto di adozioni internazionali a causa dell'enorme quantità di corruzione nel settore delle adozioni. Oggi il governo cambogiano sta lavorando a poco a poco per togliere il divieto, tuttavia, poiché il paese è così povero, potrebbe essere così facile che le cose tornino come erano dove persone senza scrupoli cercano ancora di approfittare dei genitori che hanno bisogno aiutare con i propri figli.

Sono sempre cresciuto con il desiderio di adottare dalla Cambogia, ma non posso farlo con questo divieto. Mi rattrista sapere che ci sono veri orfani in Cambogia in attesa di essere adottati ma non possono perché sono troppi quelli che approfitterebbero del loro abbandono in cambio di un profitto.

Dato che questo documentario è molto personale per me, so che lo troverò impegnativo e sarà un viaggio molto emozionante ma di grande impatto da catturare. È anche possibile che non trovi alcuna informazione sui miei genitori biologici e finisco con ancora più domande di quelle che ho iniziato. L'obiettivo è quindi quello di ottenere quanta più chiarezza possibile sul mio passato. Il risultato è incerto, ma questo non fa che aumentare la suspense che questo documentario catturerà.

Se vuoi sostenermi nella mia ricerca per creare questo documentario, visita la mia raccolta fondi sito web.

L'adozione è davvero l'opzione migliore?

Un'adottato transrazziale di Haiti pesa

di Judith Alexis Augustine Craig adottato da Haiti in Canada.

Foto dell'orfanotrofio di Judith – Haiti, 1979

Dall'annuncio del giudice Amy Coney Barrett come nuova nominata per la Corte Suprema c'è stato un attento esame della sua politica, delle sue opinioni religiose e della sua famiglia. In quanto haitiana adottata, mi sono interessata molto alle discussioni sui suoi figli adottivi di Haiti. C'erano molte domande sulla legittimità delle sue adozioni, in particolare su suo figlio che è stato adottato in seguito al terremoto di Haiti. Questo mi ha particolarmente colpito, perché in seguito al terremoto ci sono stati molti discutibili trasferimenti di bambini haitiani.

Sono stato intervistato da diversi media dopo il terremoto e questa domanda è stata sollevata continuamente. Al momento la mia risposta è stata diretta. Sapevo che molti bambini erano stati adottati legalmente, ma stavano aspettando che il governo approvasse il processo in modo che potessero raggiungere le loro famiglie adottive all'estero. Ho sentito, alla luce della situazione, che fosse opportuno che quei bambini potessero raggiungere immediatamente le loro famiglie. La sfida è diventata per quei bambini che sono stati 'presunti' orfani dopo il terremoto e sono stati 'salvati' da molte agenzie internazionali che li hanno prelevati e portati via da Haiti senza verificare se fossero veramente orfani o se esistessero familiari alternativi per i bambini con cui convivere. Abbiamo guardato con orrore come i bambini sono stati portati via da Haiti entro una settimana dopo il terremoto e poi abbiamo appreso che non erano orfani, né erano parte di un processo di adozione e peggio ancora avevano famiglie. Inoltre, abbiamo visto membri di un gruppo religioso tentare di attraversare illegalmente il confine con la Repubblica Dominicana con bambini haitiani, nessuno dei quali era orfano. Questi sono solo alcuni esempi di rapimenti illegali di bambini avvenuti subito dopo il terremoto.  

Molte persone sentivano che queste organizzazioni religiose internazionali o ONG stavano facendo bene a rimuovere questi bambini da questo orribile disastro naturale, invece era vero il contrario. Questi bambini avevano appena subito un trauma estremo e ora affrontavano un altro trauma rimosso senza preavviso, consenso o preparazione. I Servizi Sociali Internazionali (ISS, 2010) hanno affermato che l'adozione internazionale non dovrebbe avvenire in una situazione di guerra o di calamità naturale quando era impossibile verificare la situazione personale e familiare dei bambini.1

La triste realtà è che le adozioni illegali internazionali del mercato nero continuano a prosperare in tutto il mondo, con bambini che vengono rapiti dai loro genitori o genitori costretti a rinunciare ai propri figli. Sono persuasi a farlo tra false promesse che saranno educati all'estero e poi restituiti alla loro famiglia o che le loro famiglie potranno unirsi a loro in futuro. Ciò ha portato molti paesi a chiudere tutti insieme i propri confini all'adozione internazionale o ad attuare regolamenti più severi.  

Haiti ha seguito l'esempio e ha introdotto misure più severe che vietano le adozioni private, limitando il numero di adozioni internazionali all'anno, chiudendo gli orfanotrofi al di sotto degli standard e riscrivendo il codice delle adozioni. Ulteriori misure includevano un maggiore sostegno alle famiglie ad Haiti prima che accettassero l'adozione del loro bambino e un periodo di tempo obbligatorio per le famiglie per cambiare idea.2

Mentre alcuni temono che queste nuove restrizioni significheranno che i 50.000 bambini negli orfanotrofi languiranno nelle cure, la riforma è assolutamente necessaria per proteggere i bambini e le loro famiglie”. Durante il mio viaggio ad Haiti mentre stavo cercando la mia famiglia biologica, ho incontrato dozzine di famiglie che avevano abbandonato i loro figli anni prima, molti con false pretese, e non li avevano mai più sentiti o visti. È stato straziante vedere queste famiglie in tale dolore e angoscia per i loro figli perduti. Molti degli 'orfani' ad Haiti sono collocati in orfanotrofi a causa delle difficoltà economiche che stanno attraversando le loro famiglie. Lasciare i propri figli in un orfanotrofio è inteso per un breve periodo di tempo mentre si stabilizzano le loro vite. Molti genitori hanno tutte le intenzioni di tornare per riprendere a prendersi cura dei propri figli. Immagina l'orrore quando hanno scoperto che il loro bambino era stato adottato all'estero. Allora, qual è la soluzione?

Come assistente sociale negli ultimi 15 anni ho lavorato in paesi sviluppati con intricati sistemi di assistenza all'infanzia che supportano i bambini e le loro famiglie che affrontano una vasta gamma di sfide. Ad Haiti non esistono sistemi di affido allo stesso modo e questa è un'area che potrebbe fornire un supporto temporaneo tanto necessario alle famiglie. Anche se questo approccio richiederà un'ulteriore istruzione per la comunità haitiana e un impegno finanziario e pratico da parte del governo, manterrà unite le famiglie e preverrà l'adozione non necessaria e illegale.

Anche se non posso parlare delle circostanze specifiche che circondano le adozioni del giudice Barnett, spero che siano state legali e superiori a bordo. La mia più grande speranza è che continuino a verificarsi ulteriori trasformazioni all'interno del sistema di adozione internazionale in modo che le famiglie possano rimanere insieme ovunque in sicurezza e che le riforme continuino a proteggere i diritti dei bambini e delle loro famiglie. L'adozione dovrebbe essere l'ultima risorsa, quando tutte le altre strade per mantenere i bambini all'interno della loro famiglia sono completamente esaurite e sostenute.

Riferimenti

  1. Adozione internazionale dopo il terremoto di Haiti: salvataggio o rapina?
  2. Haiti aggiusta il sistema di adozione, ma alcuni temono troppo pochi adottati

Caro papà, sei ancora razzista

di Autore Mae Claire, nato ad Haiti cresciuto negli USA.

Una lettera al mio defunto padre che mi ha fatto uscire illegalmente da un orfanotrofio ad Haiti. 
I miei lavori: https://www.amazon.com/-/e/B00IZG9Q56
Insta: @liftingtaboos
Blog: https://solifegoeson.com/

Mae a 15 anni

Caro papà,

L'IRS chiede informazioni sui miei genitori naturali affinché il trasferimento degli eredi abbia successo. La tua morte ha lasciato molti buchi in una situazione già molto complessa. Vedi, ricordi quando ti ho chiamato 3 anni fa e ti ho spiegato quanto fossero orribili, pericolose e dolorose le tue azioni circa 40 anni fa?

Sì. Quella conversazione. Hai ragione. Quello in cui ti ho spiegato come ottenere la mia carta verde fosse quasi impossibile perché hai scelto di trafficarmi. In quel momento, pensavi di fare la cosa "giusta"... perché... il Saviorismo... la fragilità bianca e il bisogno di salvare una povera ragazza nera da un destino indicibile. Voglio dire, sono quasi certo che ci fosse amore da qualche parte in mezzo a tutto questo. Ma l'amore è una cosa a lungo termine. Amore significa pensare al futuro.

Non l'hai fatto papà. In effetti, hai continuato a mentire sulla mia esistenza, impedendomi di conoscere veramente le mie origini.

In tua difesa, quando sono cresciuto mi hai detto che i miei documenti erano falsi. Falso…avevo 13 anni. Cosa capisce un tredicenne dell'avere documenti falsi? Tutto quello che potevo fare era vivere il momento, andare a scuola e fare quello che fa un normale tredicenne. Poi ho compiuto 17 anni, viaggiare fuori dal paese è diventato più difficile perché ero... beh, trafficato.

"Ricorda il tuo compleanno", mi sussurravi mentre ci avvicinavamo a una persona in uniforme. Ho sempre pensato che fosse strano dover memorizzare una data che in realtà non era affatto il mio compleanno. Ho anche pensato che fosse insolito che l'età del mio passaporto fosse di 3 anni più giovane della mia età biologica.

In nome del salvatore e dell'urgenza, stavi... facendo un patto con il diavolo. Trova una donna che vuole vendere la sua firma, trova un bambino morto che non ha ancora ricevuto un certificato di morte, trova un avvocato che sarebbe losco al massimo e BAM ... ti sei procurato una ragazza nera carina che ha bisogno di essere salvata.

Ma ecco la cosa. Non avevo bisogno di risparmiare. Non ero un orfano nonostante fossi in un orfanotrofio. Allora perché non hai aspettato l'approvazione della mia vera madre? Perché passare attraverso canali illegali?

Urgenza.

Saviorismo.

Avevo una madre, avevo un padre, avevo altri 5 fratelli. Avevo una zia, uno zio, un nonno. Ho avuto una famiglia.

Ma mi hai portato via tutto questo. Niente corrisponde e niente potrà mai corrispondere a causa della decisione che hai preso quando ero al ginocchio. Mia madre di carta non è la mia madre biologica. Tutto è una bugia. Quello non è il mio certificato di nascita, quello non è il mio nome, quella non è la mia età. E allo stesso tempo, eri la famiglia con cui sono cresciuto, una famiglia molto tossica, ma eri tutto ciò che conoscevo.

Quindi sono cresciuto odiando il colore della mia pelle, i miei capelli, il mio viso, la mia razza, la mia cultura. Sono cresciuto cercando ciò che avevi e ciò che eri anche se mi hai impedito di essere uguale. Mi hai fatto sentire responsabile per quello che mi era stato fatto. Mi hai fatto sentire in colpa se non ti ho mostrato amore come ha fatto il bios. Mi hai spinto a contemplare e anche a tentare il suicidio. Secondo Child Welfare Information Gateway "Il contatto continuo con i membri della famiglia naturale può ridurre al minimo o risolvere i sentimenti di dolore e perdita del bambino, ridurre il trauma della separazione e aiutare il bambino a sviluppare e mantenere un senso di identità più forte". Non hai tentato niente di tutto questo perché sapevi che quello che avevi fatto era contro la legge.

Secondo l'UNICEF, sostiene l'adozione internazionale, se perseguita in conformità con gli standard e i principi della Convenzione dell'Aia del 1993 sulla protezione dei minori e la cooperazione in materia di adozioni internazionali. Questi includono garantire che le adozioni siano autorizzate solo dalle autorità competenti, guidate dal consenso informato di tutti gli interessati, che l'adozione internazionale goda delle stesse tutele e standard che si applicano alle adozioni nazionali e che l'adozione internazionale non si traduca in un guadagno finanziario improprio per coloro che sono coinvolti in esso. Tali disposizioni intendono innanzitutto tutelare i minori, ma hanno anche l'effetto positivo di tutelare i diritti dei genitori naturali e di garantire ai futuri genitori adottivi che il loro bambino non è stato oggetto di pratiche illegali.

A casa tua, ero un impostore e non ero mai abbastanza bravo. Ma fortunato papà, non sei l'unico. Ci sono così tanti genitori adottivi bianchi che faranno di tutto per avere un bambino nero. Ovviamente in questo momento potrebbero davvero intraprendere quel percorso verso il paradiso con buone intenzioni. Ma le intenzioni muoiono velocemente e il percorso diventa irregolare, roccioso, spaventoso, offensivo, offensivo. Quel percorso continua per noi. L'impatto è per sempre.

Quando i genitori adottivi bianchi adottano, non sono consapevoli dell'impatto a lungo termine che lascia sull'adottato... specialmente se l'adottato è di colore.

Un tipico adottato viene strappato al proprio ambiente e costretto a sopravvivere con nuove aspettative, nuove regole, nuove leggi che ne governano l'immediatezza. Sono costretti ad adattarsi... non il contrario.

Un tipico adottante del colore viene da un paese ritenuto “più povero” e bisognoso di risparmio. La povertà non dovrebbe MAI essere una ragione sufficiente per prendere il figlio di qualcun altro... e non dovrebbe mai essere una ragione per fare il possibile per falsificare i documenti.

Quando si tratta di adozioni illegali e illecite, Haiti dovrebbe ottenere una stella d'oro. Sebbene Haiti non sia mai stato un paese che "vende" i propri figli, la povertà e la promessa di una vita "migliore" sono molto allettanti. Quindi accade più frequentemente del previsto. Kathrine Joyce lo descrive perfettamente nel suo libro intitolato The Child Catchers. Lei dice “​L'adozione è stata a lungo invischiata nella politica dei diritti riproduttivi, presentata come un compromesso "win-win" nel dibattito senza fine sull'aborto. L'adozione ultimamente è diventata ancora più impigliata nell'agenda cristiana conservatrice.​”Nel suo libro descrive come ​Child Catchers trova un modo per convincere le famiglie povere a mettere i propri figli in un orfanotrofio. Una volta che i bambini sono in un orfanotrofio, diventano il reparto dello stato e ora sono prodotti da vendere.

Diventiamo oggetti di scena.

Nel loro articolo di 40 pagine intitolato Orphanage Entrepreneurs: ​Il traffico dei bambini invisibili di Haiti​, dicono Georgette Mulheir con Mara Cavanagh e colleghi​: Il governo di Haiti dovrebbe rafforzare il sistema di protezione dell'infanzia e gli approcci giudiziari alla tratta di bambini, tra cui: sviluppare un sistema di ispezione indipendente; sviluppare un sistema per il monitoraggio dei bambini in affidamento; aumentare il numero degli assistenti sociali e migliorarne la formazione; dare la priorità ai bambini trafficati negli orfanotrofi nell'ambito della Strategia anti-tratta.

Ero il tuo papà prop. Ero la persona che mostravi agli altri per dimostrare che non eri razzista o prevenuto. Ero quella bambina che soffriva dentro ma portava il grande sorriso fuori; perché è così che piaceva a papà. È così che piace alla maggior parte dei genitori adottivi. Si aspettano che siamo silenziosi, felici, grati, riconoscenti e grati. Si aspettano che ricordiamo la data in cui sono stati "ottenuti".

Ma ora vedi chiaramente papà, vero? Ti rendi conto ora che la mamma non sarà mai in grado di spiegare cosa avete fatto entrambi. Per avidità, hai tolto una vita e, nel frattempo, hai distrutto una famiglia per sempre.

Non sarò mai in grado di far parte adeguatamente della mia famiglia d'origine. "Dì loro che è stata un'adozione chiusa" Dico a mia sorella di dirlo a mia madre mentre è al telefono con gli IR. Continuo a proteggere coloro che mi hanno trafficato. Procedo per assicurarmi che mia madre non sia bombardata da indagini e da possibili arresti anomali.

Quando le chiedono "cosa ti aspetta?", potevo solo sperare che dicesse la verità.

“Traffico. Pensavamo di fare bene ma abbiamo bevuto il Koolaid”. Ma non è in grado di ammettere il suo errore. Questa risposta è un sogno da sognare solo di notte, non di giorno.

Ci saranno quei papà che diranno "questa è una storia triste ma non è la NOSTRA storia". E le storie davvero sono uniche. Purtroppo, quando si tratta di dare soldi per i figli, o di ricevere una detrazione fiscale per l'adozione, si è deciso di partecipare a un sistema che troppo spesso crea traumi a lungo termine. Hai bevuto il Koolaid.

Papà, lo sapevi che oltre 80% di bambini considerati “orfani” non sono veramente orfani? Secondo l'Unicef, i bambini vengono inseriti temporaneamente negli orfanotrofi perché gli orfanotrofi forniscono cibo, alloggio, istruzione e attività. Quindi presumere che siamo liberi di essere presi è un enorme errore giudiziario.

Secondo il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, il governo di Haiti non soddisfa pienamente gli standard minimi per l'eliminazione della tratta, ma sta compiendo sforzi significativi per farlo. Rimangono nel livello 2 perché il governo non ha condannato i trafficanti durante l'anno di riferimento. Il governo non ha stanziato fondi sufficienti per i suoi sforzi contro la tratta o per i servizi alle vittime e non ha attuato le sue procedure operative standard per l'identificazione delle vittime.

Che ne dici? Ora che ci stai osservando dal cielo? (Credo che tu sia lì perché non posso credere in un Dio che creerebbe un luogo in cui le persone possano soffrire più di quanto abbiano già sofferto sulla terra). Riesci a vedere il dolore e la sofferenza, vero papà? Puoi vedere la confusione. Lo vedi?

Spero che tu possa vederlo ora. Ma so che ci sono così tanti genitori adottivi che non possono vederlo. Pensano che i loro passi siano stati guidati da Dio... Dio non chiederebbe mai a qualcuno di rimuovere un bambino che ha un'intera famiglia che li ama e si prende cura di loro. Ci viene chiesto di prenderci cura della Vedova e dell'Orfano... ma tu hai appena preso il cosiddetto orfano.

Immagina in che tipo di mondo vivremmo oggi se le persone con di più dessero a quelle che hanno di meno. Come sarebbe questo mondo se a chi molto è dato, molto è veramente richiesto? Che forma avrebbe e potrebbe assumere? Che forma dovrebbe assumere?

E se, invece di prendere il figlio di qualcun altro, chiedessimo "Come posso tenervi insieme?" Questa domanda monumentale, con un mucchio di soluzioni adattabili, cambierebbe il corso dei bambini che crescono in povertà.

Come adottato, so di non essere il solo a credere che molto del nostro dolore e della nostra sofferenza avrebbero potuto essere evitati se qualcuno avesse cercato di sostenere la nostra famiglia che era povera di cose fisiche ma ricca di spirito.

In quanto adottato, non avrebbe mai dovuto essere permesso cambiare il mio nome, avere documenti falsi, essere trattato come un cittadino di 2a e 3a classe e soprattutto non in nome di "essere chiamato". Dio non chiama le persone a fare un danno eterno agli altri. L'adozione è un trauma e quasi 100% del tempo, provoca danni a lungo termine che anche la terapia non riesce a guarire.

Gli adottati non sono oggetti di scena per dimostrare un'affermazione come "Non sono razzista". Siamo umani che sono stati, per la maggior parte, acquistati per soddisfare un desiderio, un'incapacità, un desiderio, una chiamata, un vuoto, e l'elenco potrebbe continuare all'infinito.

Ma sono qui per dire, papà, che adottare me e gli altri non ti ha reso meno razzista. Sei rimasto razzista a modo tuo. Quando abbiamo pianto e ti abbiamo parlato del razzismo che ci stava accadendo e tu non hai fatto nulla al riguardo... hai mostrato il tuo razzismo. Quando ti ho visto trattare altre persone della mia stessa razza e nazionalità... hai mostrato il tuo pregiudizio e il tuo classismo.

Il tuo cuore era puro per molti versi ma sfortunatamente l'adozione non lo ha reso più o meno puro. La chiamata non ti ha avvicinato o allontanato da Dio. In effetti, separarmi ha creato un buco cavernoso nella nostra relazione e ha distrutto quello che avrebbe potuto essere un ponte verso la mia famiglia d'origine, la mia cultura, la mia razza e la mia vita.

L'adozione è pericolosa. Spesso lo facciamo e non sappiamo nemmeno o capiamo davvero perché lo stiamo facendo. Lo facciamo perché in questo momento, ​sentecome la cosa giusta. Lo facciamo perché pensiamo che risolverà qualcosa in noi. Forse risolve qualcosa in noi... ma lascia l'adottato con cicatrici, lividi e nostalgia per quello che avrebbe potuto essere.

Caro papà, ora sei morto e probabilmente puoi vedere e capire il dolore che hai causato. Se c'è un modo in cui puoi infiltrarti nella vita di altri che hanno adottato o sperano di adottare e avvertirli dei pericoli; noi adottati saremo per sempre grati.

Possa tu non riposare in pace finché non avrai salvato altri adottati dallo stesso dolore.

#Adozione non è una favola

di Aurélie Lever, adottata transrazziale di origini franco-vietnamite cresciuta nei Paesi Bassi – esperta in adozioni per esperienza ed educazione.

Cerco spesso di tenere la bocca chiusa o di sedermi sul lato costruttivo di quello che sembra essere un dialogo senza fine. Ma questa storia. fare. me. furioso. Per favore, guarda questo video di Dilani Butink parla del suo esito legale nei Paesi Bassi la scorsa settimana.

Si tratta del caso di Dilani che è precluso, in quanto sono passati 20 anni dal processo di adozione. È una cosiddetta pillola amara che deve essere inghiottita una volta? No gente, è una narrazione che continua a tornare: un governo che crea leggi per consentire l'adozione, ma non vuole assumersi la responsabilità delle effettive conseguenze dell'adozione. Un presunto cavalierato morale, per dare al bambino una vita migliore, ma quando si tratta di esso, il sé adottato viene spostato in avanti per catturare la spada di Damocle.

Non c'è nessuna preoccupazione per il lato umano di questo caso di adozione in campo legale. Riguarda i fatti concreti. Sono passati più di 20 anni, quindi il caso è stato chiuso. Ma quando si terrà conto dei fatti umani? Per aiutare, ecco alcuni di questi fatti umani:

  1. Spesso un adottato (o affidato) impiega almeno 20-25 anni per rendersi conto di ciò che il processo di distanza e adozione o affidamento gli ha fatto. Principalmente perché manca una corretta assistenza post-vendita per gli adulti adottati e affidati.
  2. Dopo questa presa di coscienza, un adottato finisce spesso in un ottovolante di traumi di perdita e lutto attorno a temi diversi. Sentimenti che spesso ci sono stati fin dai tempi del bambino, ma che non possono essere espressi. Un bambino non può classificare i sentimenti di trauma, non può collocare le emozioni ad essi associate. Questo non significa che un bambino non senta tutto però. I sentimenti sono immagazzinati nel corpo e continuano ad esistere. Fino a quel momento in cui questo si innesca e spesso poi arriva un temporale dietro l'angolo. Con tutte le conseguenze; burn-out, depressione, psicosi, suicidio: sono cose nel vocabolario quotidiano degli adottati.
  3. Non aiuta che la società faccia pressione su un adottato, dicendo loro di essere grato o felice, perché è stato raccolto così magnificamente qui in Occidente e questa vita darebbe loro una vita prospera (spesso materialistica). O dover essere grato che il bambino sia stato portato via dalla madre per il suo bene perché la madre non poteva prendersi cura del bambino. In questo modo, la felicità è determinata per noi. Ma chi può decidere per noi cos'è la felicità? E come lo definisci?
  4. Inoltre, non aiuta che spesso non ci sia spazio per questi processi di dolore e perdita in questa società. Ciò causa fraintendimenti per il fatto che il bambino all'interno è spesso morto-infelice. Cosa aiuterebbe? Empatia e supporto. Chiediti come non adottato come ti sentiresti se tuo figlio venisse portato via da un giorno all'altro e sopportasse qualcun altro, e poi ti viene detto di essere grato perché tuo figlio avrà una vita migliore. Ho letteralmente sentito dire una volta un non adottato, poi muori dentro. Esattamente, molte persone adottate muoiono simbolicamente dentro e devono lottare attraverso questi sentimenti per sentirsi di nuovo vitali.
  5. Ci sono ancora troppo pochi terapisti che possono davvero aiutare le persone adottate. In definitiva, gli adottati devono fare loro stessi studi specializzati per anni (dopo anni di auto-ricerca) per essere in grado di fornire la giusta assistenza post-vendita agli altri adottati. Grazie a Dio stanno emergendo lentamente, anche se penso che ci siano solo una manciata di specialisti che capiscono davvero. Quindi, proprio come l'arte, qualcosa di bello alla fine nasce da tutta quella distruttività. Solo che non si tratta di arte, si tratta di vite umane.

Questi sono tutt'altro che fatti, diversi libri sono stati scritti per questo. E sì, ci sono sicuramente anche storie positive. Proprio come ci sono persone di colore che soffrono di razzismo e persone che non ne soffrono. Non è mai in bianco e nero. Non mi sentirai mai dire che non ci sono adottati felici, o adottati che affermano di essere felici perché sono stati adottati. Ma questo non significa che dobbiamo tacere per il resto.

Attualmente esiste un supporto sociale per LGBQT, per BlackLivesMatter, per le vittime nel mondo della ginnastica, ma qual è il supporto sociale per gli adottati? Non ce n'è abbastanza. Creiamo un movimento. Gli adottati meritano giustizia. Chi è dentro?

#ADOPTIONISNOFAVOLA
#ADOPTEEMOVIMENTO
#SOLENIDENTITÀ
#ACTIVISMPER ADOTTATI

#ADOTTI DIRITTI
#GIUSTIZIAPER ADOTTATI

SI PREGA DI CONDIVIDERE!

Il diritto all'identità

di Maria Diemar, nata in Cile e cresciuta in Svezia. Puoi accedere al suo blog su Possiedo la mia storia Maria Diemar dove ha pubblicato questo il 23 agosto.

Il diritto alla propria identità,
è un diritto umano?
È un diritto umano per tutti?

dove appartieni,
le circostanze da cui provieni,
è importante saperlo?

È possibile eliminare lo sfondo di una persona?
Prenderesti in considerazione l'eliminazione dello sfondo di un'altra persona?

Cosa è illegale?
Cosa non è etico?
Cosa sono le irregolarità?

Negli ultimi anni ho scoperto sempre di più della mia storia.
Dallo scoprire che sono Ingegerd Maria Olsson nei registri in Cile,
per rendermi conto che posso votare,
e rinnovare il mio passaporto dal 1975,
a capire che mi sembra di non aver mai lasciato il Cile, paese in cui sono nato.

Secondo il mio passaporto cileno,
Vivo in una strada di un quartiere d'affari a Rancagua.
Secondo altri documenti,
Vivo con un assistente sociale a Santiago.
Probabilmente siamo più di 400 bambini che vivono a quell'indirizzo:
Monsignor Muller 38.

Io “vivo” in Cile e vivo negli Stati Uniti.
Sono nelle liste elettorali in Cile,
e in Svezia ho un passaporto svedese e posso ritirare un passaporto cileno quando voglio.

La mia nascita non è mai stata registrata presso l'ospedale dove sono nato.
Non sono figlio di nessuno.
Invece di un certificato di nascita,
è stato scritto un protocollo in cui estranei hanno testimoniato che sono nato il giorno del mio compleanno.

In Cile, sono registrato come orfano
perché una donna svedese, Anna Maria Elmgren, mi ha sistemata e iscritta all'albo in Cile.
Ho un nome svedese nel registro cileno.
io sono Ingegerd Maria Olsson in Cile.

sono un orfano
ma ho una madre nei documenti del tribunale di Temuco.
Nei documenti del tribunale, ho una madre.
Una madre che mi tradisce.

Avevo 44 anni quando ho fatto il test del DNA,
poi ho capito che sono mapuche.
Vengo da un popolo indigeno.

Per essere un figlio di popoli indigeni,
questo dettaglio è qualcosa che qualcuno ha dimenticato di menzionare.
Un dettaglio non troppo importante.
O è?

Il diritto alla propria identità è un diritto di tutti?
Chi decide questo?

#adoptee #adopted #rubato #Ilegal #adoption #Cile #victim #traffico #Sverige #Adoptionscentrum #Sverige #adopterad #chileadoptionTpuTpurightchejustTP3T3Tno

Suggerimenti per l'esperienza vissuta per le risposte alle adozioni illecite

L'8-10 luglio l'ICAV è stata invitata in qualità di Observer al Gruppo di lavoro HCCH sulla prevenzione e il contrasto delle pratiche illecite nell'adozione internazionale.

In allegato è il nostro ultimo documento di prospettiva che fornisce il nostro contributo di esperienza vissuta su suggerimenti per Come le autorità e gli enti potrebbero rispondere alle adozioni illecite in inglese e francese.

Un enorme ringraziamento a tutti i nostri oltre 60 adottanti e organizzazioni di adottati partecipanti, 10 genitori adottivi e organizzazioni di genitori adottivi e la prima rappresentanza della famiglia!

Un ringraziamento speciale e una menzione a due persone fantastiche:
Nicholas Beaufour che ha dedicato un'enorme quantità di tempo per tradurre l'intero documento inglese in francese!
Coline Fanon che ha aiutato il nostro unico e primo membro della famiglia a contribuire! Abbiamo tanto bisogno di sentire più spesso le voci delle nostre prime famiglie!

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%