La bugia che amiamo

di Jessica Davis, madre adottiva negli USA che ha adottato dall'Uganda e co-fondato Kugatta, un'organizzazione che ricollega le famiglie ugandesi ai loro figli, rimossi tramite adozione internazionale.

La bugia che amiamo. Adozione.

Ho sentito dire che l'adozione è uno dei più grandi atti d'amore, ma è così? Forse ciò che è ed è stata l'adozione per la maggior parte delle persone non è davvero così "grande" come è stato descritto.

Invece di concentrarci sull'immaginario fiabesco della nuova "famiglia per sempre" che viene creata attraverso l'adozione, dovremmo concentrarci su come l'adozione significhi la fine di una famiglia; l'assoluta devastazione del mondo di un bambino con conseguente separazione da tutti e da tutto ciò che gli è familiare. Quando l'attenzione è fuori luogo, non siamo in grado di aiutare veramente il bambino e, di conseguenza, spesso riponiamo su di lui aspettative non realistiche. Aspettative di gratitudine, legame, assimilazione e persino aspettarsi che "passino avanti" dalle loro storie.

Quindi quale motivo è abbastanza accettabile per separare definitivamente una famiglia? Povertà? Se una famiglia è povera va bene prendere il proprio figlio? O non sarebbe più amorevole e più utile investire tempo e risorse nel potenziamento economico della famiglia in modo che possano stare insieme?

Se un bambino ha bisogni medici che la famiglia sta lottando per soddisfare, va bene prendere il loro bambino OPPURE è un atto di amore e decenza umana più grande assistere quella famiglia in modo che possano soddisfare i bisogni del loro bambino e rimanere insieme?

Se una famiglia è caduta in disgrazia, va bene prendere il proprio figlio? OPPURE dovremmo stringerci intorno alla famiglia e aiutarli nei momenti difficili in modo che possano rimanere insieme?

Che dire di un bambino che ha perso entrambi i genitori? Allora va bene adottare il bambino? O sarebbe un atto d'amore più grande assicurarsi prima che il bambino viva con i suoi parenti biologici, la sua famiglia? Perché è meglio creare una nuova famiglia con estranei quando ci sono parenti biologici estesi?

E se un bambino vive in un paese in via di sviluppo? Allora è meglio prendere un figlio dalla propria famiglia per dargli accesso a più “cose” e “opportunità”? Per dare loro una “vita migliore”? È anche possibile vivere una “vita migliore” separati dalla propria famiglia? OPPURE sarebbe un atto d'amore più grande sostenere quella famiglia in modo che il loro bambino possa avere accesso a più cose e opportunità all'interno del proprio paese? Per costruire il futuro di quel paese, investendo e sostenendo quel bambino in modo che possa diventare il meglio che può. In che modo aiuta un paese in via di sviluppo se continuiamo a portare via inutilmente i loro futuri medici, insegnanti, assistenti sociali, dipendenti dei servizi pubblici, ecc.?

Non so molto sull'adozione domestica, ma so molto sull'adozione internazionale e queste sono alcune delle tante ragioni che sento ripetutamente come convalida per la separazione permanente di un bambino dalla famiglia, dai parenti biologici e dal paese di origine.

Ai genitori e alla famiglia allargata non è stata data alcuna opzione (a parte l'adozione) quando cercavano aiuto/assistenza. Che scelta c'è quando c'è solo un'opzione data? Non solo alla maggior parte di queste famiglie non viene data alcuna opzione, ma spesso viene detto che il loro bambino starà "meglio" senza di loro e che tenere il proprio figlio impedisce loro di queste "grandi opportunità". Questa mentalità è sbagliata e dannosa per il loro bambino.

Gran parte della narrativa sull'adozione è costruita attorno alla necessità di "salvare" un bambino impoverito fornendo una "famiglia per sempre" ma 70%-90% di bambini adottati all'estero HANNO FAMIGLIE. Quali altre cose continuiamo a fare in adozione sapendo 4 volte su 5 che stiamo sbagliando?

Alcuni dicono che il più grande atto d'amore è l'adozione, io dico che il più grande atto d'amore è fare tutto ciò che è in proprio potere per tenere unite le famiglie.

Ho intitolato questo post La bugia che amiamo perché sembra che tanti di noi amino l'ADOZIONE (e la fiaba spesso da essa perpetuata) più di quanto amiamo IL BAMBINO stesso. Ciò è dimostrato ogni volta che un bambino viene inutilmente spogliato della sua famiglia e della sua cultura, il tutto mentre noi, come società, incoraggiamo e promuoviamo un tale processo. Questo accade quando prima non siamo disposti a fare il duro compito di porre le domande difficili; quando preferiamo ignorare la realtà a portata di mano e vivere la “favola” che qualche problema è stato risolto adottando un bambino che aveva già una famiglia amorevole.

Un giorno, spero che le cose siano diverse: che sempre più persone capiranno che non c'è una crisi orfana, ma piuttosto c'è un crisi di separazione familiare accade nel nostro mondo e l'adozione non è la risposta, anzi è parte del problema. L'adozione internazionale è diventata un'attività con enormi quantità di denaro da guadagnare e poche o nessuna protezione per i più vulnerabili perché la maggior parte di noi si siede nei nostri comodi primi mondi ed è felice con la favola. L'adozione è davvero la menzogna che amiamo!

Per saperne di più da Jessica, lei e il marito Adam sono stati recentemente intervistati in questo forse Dio podcast : Ogni orfano ha bisogno di essere adottato?.

Guarda l'altro di Jessica articolo all'ICAV e lei Buon problema podcast insieme a Lynelle e Laura come una serie in 3 parti di Leigh Matthews.

Cosa perdono gli adottati nell'adozione internazionale

Di solito vado in punta di piedi intorno all'adozione e non dico mai il UN parola perché le persone semplicemente non rispondono bene a "rabbia dell'adottato“. Ma durante il mese di novembre, ritengo opportuno esprimere i miei sentimenti su ciò per cui ho rabbia, nell'adozione internazionale.

Odio che le nostre identità originali vengano ignorate e vengano cancellate come se non avessero importanza! Non ho mai visto i miei documenti di identità perché si sono "persi" durante il trasporto e nessuno nel governo del mio paese adottivo, né la mia famiglia adottiva, hanno pensato di andare in capo al mondo per localizzarli. Forse pensavano che non sarebbe stato importante perché mi è stata data una "nuova" vita e una famiglia - ed è tutto ciò di cui avrei mai avuto bisogno?!

Odio che perdiamo la nostra cultura di nascita, la lingua, la religione, il patrimonio, i costumi, i parenti, la comunità e il paese. Odio che questi importanti aspetti della nostra identità vengano ignorati e negati. Come se non importassero perché si presume che ciò che ho guadagnato materialmente dal mio paese adottivo compensi tutte le perdite?!

Odio dover sopportare il razzismo e l'isolamento nella mia comunità mentre crescevo da bambino. La vergogna di sembrare non bianco, l'odio interiore che ho sviluppato di conseguenza perché non mi vedevo rispecchiato da nessuna parte. La frase della mia famiglia adottiva, "Ti amiamo come uno di noi” ha mostrato quanto poco comprendessero gli impatti dell'adozione internazionale. Non riuscivano a riconoscere che il mio viaggio era diverso dal loro né capivano il profondo impatto che questo avrebbe avuto su di me.

Odio che le persone diano per scontato che tutte le case adottive siano fantastiche e quando veniamo collocati in case adottive non molto positive, nessuno ci controlla, nessuno ci difende, spesso la nostra storia non viene creduta e/o invalidata, e nessuno ci dà un posto sicuro in cui essere nutriti, rispettati o curati. Da bambino mi sentivo così vulnerabile e solo. È stata una terribile sensazione travolgente che mi ha lasciato per anni in reazioni di lotta o fuga, con cicatrici da indossare per il resto della mia vita.

Odio che viviamo in un'epoca in cui le scuse del governo sembrano essere l'ultimo accessorio di moda, ma tuttavia per coloro adottati con mezzi illegali o discutibili, noi adottati all'estero non arriveremo mai alla chiusura. Una vera scusa significherebbe in primo luogo riconoscere il torto, poi un impegno permanente a fare ammenda, inclusa la fornitura di un compenso finanziario per riflettere il dolore che portiamo per sempre, insieme ai supporti necessari per aiutarci a ripristinare il nostro benessere mentale; e infine apportare le modifiche necessarie per non ripetere mai più gli stessi errori.

Odio che alcuni dei miei amici adottati negli Stati Uniti stiano vivendo una vita sventrata perché sono stati deportati nel loro paese di nascita come beni comuni, spediti dentro e fuori con facilità, trattati come se non avessero alcun valore reale e certamente senza scelta. Nella maggior parte dei casi, sono stati collocati in case adottive molto dannose e le loro vite sono andate fuori controllo. L'adozione non dovrebbe riguardare? "permanenza“?! Questa settimana nei titoli delle notizie, an adottato internazionale in Australia deve essere rimpatriato nelle Isole Cook. È immorale e non etico adottare un bambino da un paese all'altro quando è opportuno, senza alcuna scelta propria, e poi essere rimandato nel paese di nascita perché non riescono a essere all'altezza di essere una storia di successo di adozione!

Odio che migliaia di miei amici adottati all'estero negli Stati Uniti vivano ogni giorno nella paura perché non hanno ancora ricevuto la cittadinanza automatica. Spesso non hanno sicurezza sociale e non possono lasciare il paese per paura di essere prelevati dai funzionari dell'immigrazione. L'adozione non è destinata a fornire un? famiglia per sempre... e permanenza in una casa e in un paese?!

Sento questa rabbia oggi perché è novembre e in tutto il mondo, molti usano questo mese per celebrare adozione e promuovere la sensibilizzazione. Per me, non celebro questi aspetti dell'adozione, mi fanno giustamente arrabbiare e ancora di più, quando vedo la mia esperienza replicata nella vita di molti in tutto il mondo.

In ICAV, crediamo nella promozione della consapevolezza degli impatti dell'adozione internazionale TUTTO l'anno, non solo a novembre.

Spero che dopo aver letto questo, sarete tutti giustamente arrabbiati per le cose degli adottati internazionali PERDERE a causa della nostra adozione.

Il mio obiettivo è incoraggiare gli adottati a trasformare quella giusta rabbia in un'energia appropriata:

  • educare la comunità più ampia e migliorare una comprensione più profonda delle complessità coinvolte nell'adozione internazionale;
  • spingere per i tanto necessari cambiamenti sociali, politici, legali ed economici che causano la disuguaglianza e lasciano molte delle nostre famiglie con poca scelta;
  • per aiutare a prevenire le adozioni ove necessario, sostenendo iniziative di ricongiungimento familiare e sostenendo questo nei nostri paesi di nascita;
  • e se l'adozione deve essere l'ultima risorsa, per contribuire a migliorare il modo in cui conduciamo l'adozione internazionale, ad esempio cambiandola dal nostro plenaria sistema a semplice adozioni; e sostenere Tutti membri della triade durante il viaggio di tutta la vita.

Riconosco anche che ci sono molte altre emozioni e pensieri meno spaventosi di cui possiamo parlare nell'adozione internazionale, ma all'ICAV mi piace sensibilizzare su questioni che normalmente non vengono trasmesse.

Ci sono molti che parlano dei lati positivi dell'adozione… ma non molti che condividono apertamente gli aspetti meno positivi. Parlando, miro a bilanciare le discussioni sull'adozione internazionale e transrazziale.

Italiano
%%piè di pagina%%