Le adozioni finlandesi sono simili a quelle olandesi.

di Sabina Söderlund-Myllyharju, adottato da Taiwan alla Finlandia.
Traduzione di Fiona Chow. Post originale qui in svedese.

Recentemente il mio feed di notizie di Facebook è stato inondato di importanti notizie provenienti da luoghi come Paesi Bassi, Svizzera e Svezia. I Paesi Bassi hanno sospeso tutte le adozioni dall'estero dopo che un'indagine ha rivelato abusi sistematici e adozioni illegali. Un'indagine simile è stata avviata in Svizzera. In Svezia, gli adulti adottati dal Cile, insieme a quelli di altre nazioni, stanno lottando per un'indagine a livello nazionale da attuare il prima possibile. 

Questo accumulo di vapore nel mondo delle adozioni ha iniziato a suscitare sentimenti dentro di me. Da molto tempo osservo una forte opposizione all'adozione da parte di adulti adottati negli ambienti internazionali in cui sono coinvolto sui social media. Ma fermare completamente tutte le adozioni? Mi suonava estraneo. Molti anni fa, la pensavo allo stesso modo, ma da allora mi sono reso conto che questo modo di pensare è un po' troppo radicale. Almeno, non finché ci sono bambini là fuori senza genitori.

L'altra sera, ho ascoltato una discussione in cui un genitore adottivo svedese si è apertamente intrattenuto con i bambini adottati illegalmente che ora chiedono alla Svezia di assumersi la responsabilità. Li ha sostenuti con tutto il cuore, anche se il suo fidanzamento rischia di portare conseguenze negative nella sua stessa vita. Mi ha scaldato il cuore che lei, come genitore adottivo, sia disposta a fare tutto ciò che è in suo potere in modo che i suoi figli in futuro non abbiano bisogno di mettere in discussione il sistema di adozione allo stesso modo dei bambini rubati di oggi.

La mia adozione non è andata come avrebbe dovuto, e questa è stata la fonte di una miriade di emozioni diverse dentro di me. Questi hanno spaziato dalla tristezza di non essere cresciuto con la mia famiglia biologica, alla vera rabbia per un sistema pieno di inadeguatezze. Com'è possibile che io sia stato trasportato da un continente all'altro con l'aiuto di documenti falsificati? Che i colpevoli siano stati ora processati e puniti è ovviamente giusto e giusto, ma perché non c'è mai stato alcun tentativo di riunire me e dozzine di altri bambini con le loro famiglie originali?

Allo stesso tempo, ho provato enormi sensi di colpa anche solo per aver pensato in questo modo, dato che ho avuto una bella vita qui in Finlandia. Chi sono davvero per lamentarmi? In realtà, non si tratta di non essere grati. Sono davvero grato per molte cose, non ultima delle quali ci sono i miei tre figli che stanno crescendo in un paese fantastico come la Finlandia. Tuttavia, sono grato di essere stato separato dalla mia madre biologica? Posso anche smettere di chiedermi perché i miei documenti di identità sono stati falsificati al momento dell'adozione? Sono stato venduto? È questo che voleva davvero mia madre biologica?

Sono passati molti anni dalla mia adozione e all'epoca gli accordi sono stati presi in privato, senza l'aiuto di un'agenzia di adozione, né la protezione che tale agenzia avrebbe fornito. Sono felice che le adozioni finlandesi di oggi siano regolamentate in modo completamente diverso, in modo che possiamo essere certi che le cose siano fatte in modo legale e corretto quando affidiamo i bambini all'adozione internazionale. Questo è il modo in cui è, non è vero? Sicuramente la nostra attenzione è su ciò che è meglio per il bambino, proprio come richiede la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (UNCRC)? Sicuramente scegliamo di agire senza indugio quando sorgono attività sospette nel campo delle adozioni?

La mia speranza è che gli adottati, i genitori adottivi e gli adottanti possano essere certi che tutti coloro che lavorano con l'adozione in Finlandia siano, con buona coscienza, in grado di dire che tutto funziona come dovrebbe. Spero sinceramente che le agenzie di adozione come Interpedia, Save the Children e la città di Helsinki siano state silenziose per così tanto tempo perché non hanno assolutamente nulla da nascondere. 

Allo stesso tempo, difficilmente posso essere l'unica persona a pensare che un'indagine statale indipendente sia attesa da tempo, anche in un paese come la Finlandia.  

Gradi di essere trafficati nell'adozione internazionale

Da adulto adottato internazionale, essendo stato schietto ormai da 20 anni in ICAV, mi sono spesso chiesto se la mia adozione internazionale fosse legittima o meno. Ciò significa porsi domande del tipo: i miei genitori vietnamiti hanno davvero capito il concetto legale di "adozione" e rinuncia? Sono stati offerti altri tipi di supporto per tenermi? Dato che sono uscito dal Vietnam lacerato dalla guerra, il mio status di vero orfano era davvero senza genitori o famiglia sopravvissuti? È stato tentato il ricongiungimento familiare e parentale anche prima che venissi adottato in Australia? E per quanto riguarda i tentativi di mettermi prima nel mio paese d'origine? Un giorno spero di trovare le risposte a queste domande se avrò la fortuna di ricongiungermi con la mia famiglia biologica.

Sono sicuro che altri compagni adottati all'estero si pongono domande simili a un certo punto della loro vita. Queste sono le realtà che affrontiamo quando invecchiamo, maturiamo nella nostra comprensione delle complessità dell'adozione internazionale e ci sforziamo per integrare le nostre realtà con la politica mondiale che ha creato le nostre vite, come le conosciamo oggi.

Considerarsi trafficati come adottati all'estero è una sfida a causa della definizione legale che ci esclude e non consente alcun ambito legale per agire contro gli autori.

Tratta di esseri umani è il movimento illegale di persone, all'interno dei confini nazionali o internazionali, allo scopo di sfruttamento sotto forma di sesso a scopo di lucro, servizi domestici o lavoro manuale.

La tratta di adozioni internazionali esiste certamente, ma non possiamo intraprendere azioni legali a causa del fatto che non esiste alcuna legge o quadro internazionale che ci permetta di essere legalmente considerati "trafficati" a meno che non dimostriamo di soddisfare i criteri di "sfruttamento per sesso o lavoro" .

Tuttavia, all'interno delle adozioni internazionali, i livelli in cui possiamo essere oggetto di tratta possono variare enormemente. C'è chi ha:

  • falsificazione totale della documentazione e sono stati rubati alle loro famiglie di origine, venduti in adozione internazionale a scopo di lucro, dove è stata avviata un'azione legale contro coloro che hanno profittato ed è stato dimostrato in tribunale che era trapelato il torto.
  • documentazione che potrebbe apparire sospetta ma al momento non ulteriormente messa in discussione; dimostrato anni dopo essere incoerente o scorretto.
  • scartoffie che appaiono legittime, ma al ricongiungimento decenni dopo, la storia dei genitori naturali non corrisponde in alcun modo alla documentazione fornita dall'agenzia di adozione / facilitatore.
  • non esistono documenti di identità a causa dell'essere stato un bambino "perso" e con pochi tentativi di ricongiungimento con la famiglia, siamo stati venduti/trattati tramite adozione internazionale.

Dove inizia o dove finisce lo spettro di essere stati "trattati per adozione internazionale"? Difficile da discutere quando il concetto non può esistere in diritto. Anche gli insegnamenti delle migliori pratiche di ISS International da questi tipi di scenari non lo etichettano come "traffico", ma lo chiamano "adozioni illegali” nel loro Manuale. E al di fuori delle conclusioni e raccomandazioni in quel manuale, bisogna chiedersi quanti dei firmatari dell'Aia hanno un processo per consentire alla famiglia biologica, ai genitori adottivi o agli adulti adottati che sospettano pratiche illecite (ad es. di supporto o processo – finanziariamente, legalmente o emotivamente?

Il 7 dicembre 2017, l'ICAV ha facilitato un piccolo gruppo di 7 adottati internazionali in rappresentanza di India, Taiwan e Sri Lanka per richiedere al governo federale australiano, tramite il Dipartimento dei servizi sociali (DSS), di considerare di fornire un sostegno finanziario a coloro che sono stati vittime di tratta vari gradi. Per questi adottati, nessuna somma di denaro potrà mai compensare le perdite e i traumi causati direttamente dal grado di traffico che hanno subito. Per non parlare della loro famiglia biologica! Ma possiamo almeno chiedere che alcune forme di giustizia riparativa siano fornite dai poteri forti che facilitano le adozioni e le permettono di continuare.

Non c'è modo di risolvere definitivamente il dilemma causato dal traffico di adozioni internazionali perché l'adozione è legalmente vincolante, nonostante l'esistenza di casi di successo del procedimento contro coloro che hanno falsificato i documenti.

Purtroppo, l'unico caso legale che può essere fatto in caso di adozione internazionale per traffico noto è per falsificazione di documenti. I colpevoli ricevono uno schiaffo sul polso, un po' di carcere e una piccola multa (rispetto a quanto hanno guadagnato). In confronto, cosa ottiene l'adottato o la famiglia biologica? Niente. Nemmeno i servizi per aiutarli a superare e superare questo trauma non necessario.

Voglio aumentare la consapevolezza degli impatti che la tratta ha su quegli adottati che devono viverla, per sempre. Le loro voci sono inascoltate e sminuite da coloro che sostengono l'adozione. Le loro esperienze trascorrono senza che noi impariamo dagli errori e mettiamo in atto processi e leggi internazionali tanto necessari per prevenire ulteriori ingiustizie come le loro. Per loro, anche quando l'autore è punito dalla legge, in quanto adottati sono lasciati a vivere le conseguenze senza alcun riconoscimento di ciò che hanno dovuto sopportare. Non c'è giustizia per loro.

Si prega di leggere La storia di Roopali. Il suo è un esempio di come vivere le conseguenze per tutta la vita di un'adozione in cui sembra che i suoi primi genitori non abbiano acconsentito volontariamente, né fosse una vera orfana, ed era abbastanza grande per essere ascoltata e data una scelta. La sua storia dà voce alle sfide extra subite direttamente a causa dell'essere stata "trafficata" in una certa misura. È stata abbastanza coraggiosa da condividere la sua storia con il governo australiano con l'ICAV nel 2015, quando abbiamo incontrato i Senior Advisor del Primo Ministro. Non c'era un solo occhio secco nella stanza, eravamo tutti così colpiti dall'evidente trauma che lei sopporta giorno per giorno. Il traffico di bambini vulnerabili tramite l'adozione internazionale deve cessare!

Spero che la storia di Roopali incoraggi gli altri a parlare ea chiedere ai loro governi che sia necessaria un'azione verso il riconoscimento legale della "tratta" attraverso l'adozione internazionale E la giustizia riparativa.

Italiano
%%piè di pagina%%