Fratello e sorella adottivi vietnamiti si ritrovano attraverso il DNA

Mikati is a fellow Vietnamese adoptee raised in Belgium, who joined the ICAV network some years ago, wanting to connect to those who understood the complexities of this lifelong journey. I’m honoured to be a part of her life and she told me the amazing news recently of finding and reuniting with her biological brother Georges who was also adopted, but to France. Neither knew of the other until their DNA matches showed up. Together, Mikati and Georges have shared with me their thoughts about finding each other and searching now for their Vietnamese family. Since sharing this and having their news go viral in Vietnamese media, they are currently awaiting news that they have possibly found their mother. Incredible what can be achieved these days with DNA technology and social media! Here is their story as reunited brother and sister.

About Your Life

Georges

I’ve been adopted in 1996 by French parents and my Vietnamese name is Trương Vanlam. I live in Noisy-le-Grand, a little Parisian suburb near the river Marne. I happily live with my cat and girlfriend.  

My life in France (childhood to present) meant I’ve grown up in the countryside surrounded by medieval castles, fields and forests. It has not always been easy to be different in a place where Asian people were very rare to encounter. I was a shy kid but I was happy to have the love of my adoptive family and some friends. Later, I studied in Paris, a pluri-ethnic place with a lot of people from different origins. I have an interest in arts like theatre and cinema and I’ve started to develop short films with my friends. I am not shy anymore but creative and more confident.  

My adoptive parents were very happy to see me for Christmas. They are retired and they don’t leave their village very often like before. They try to help me as much as they can and are happy about my reconnection to my new found sister, Mikati. I trust and respect my adoptive parents and they trust me and respect me equally.  

I teach cinema, video editing and graphics with Adobe suite to adults and teens. I’m making videos and one day, I hope to become a movie director.  

Mikati

I was born in 1994 and adopted to Belgium in June 1995 at 7 months of age. I currently live in Kortrijk in West-Flanders, Belgium. My childhood was in Anzegem, not so far from Kortrijk.

I have been able to develop and grow up in Belgium. I have some dear friends. I have a nice job. Over the years I have made beautiful trips in and out of Europe and met many people. I have done two studies – orthopedagogy and social work. Here I learned how important human, children’s and women’s rights are. I have been working for a non-profit organization for years. I follow up families in socially vulnerable situations and connect them with a student who is studying at the college or university. I did not study to be a teacher, but it is true that I do train students about how they can work with vulnerable families, how they can reflect on their actions, etc.

My childhood wasn’t all that fantastic. As an intercountry adoptee, I grew up in a white environment. That environment had little respect for my original roots. Sometimes I would walk down the street and hear racial slurs from people I didn’t know. As much as I tried to assimilate, I didn’t forget my roots.

My Vietnamese name is Pham Thi Hoa Sen which says a lot about what my life has been like. I grew up to turn out beautiful but I grew up in mud just like a lotus flower. A thorough screening could have prevented a lot. My adoptive parents are not bad people and they did their best, but they underestimated the care needed for children adopted internationally. My adoptive mother already had two children from a previous marriage that she was no longer allowed to see. She was mentally unable to raise children. My adoptive parents are burdened by trauma that they have not worked through. At that time there was also little to no psychological support and guidance for adoptive parents. It was very difficult growing up with them. It is by seeking help for myself and talking to people about it, that I am more aware of life. Just because you mean well and have good intentions does not mean that you are acting right.

About Your Reunion

Georges

It has been surreal, like a dream and a little bit frightening to be found by my sister because all my beliefs about my personal history are now unsure. The first days, I remember repeating again and again, “I’ve got an elder sister, I’ve got an elder sister”. Then we started to talk and get to know each other more and it became more real. Now I’m very happy and proud to have Mikati as my sister. It’s very strange because even though we met only two weeks ago, I feel like I have know her for a long time. For me, it’s a new step in my life, the beginning of a journey where I will connect more with her, with Vietnam, where we will try to discover our family story, I hope.  

Mikati is a strong and caring woman who is always trying to help others despite having encountered many difficulties in her life. She’s very passionate, clever, funny and above all I respect and admire the person she is. We like to discuss many things from important subjects like international adoptions and smaller subjects like the life of our respective cats or tv series or why Belgians are so proud to eat French fries with mayonnaise. I don’t know why but I’ve quickly felt a connection with her. It could be because of our shared DNA but I think it’s more probably because she is fundamentally fantastic as a person. I like to tease her a little sometime and she’s very patient with me and my jokes! We’ve got our differences of course, but siblings always have differences. I’m very glad to have her in my life.  

Mikati

1.5 years ago I decided to take a DNA test through MyHeritage (a commercial DNA-kit). To get a bit of an indication of where my roots come from. Through the result I got a little more information about ethnicity and I saw distant relatives. It was cool to know something because I know very little about my roots. I hadn’t looked at MyHeritage in a long time until early December 2022. I have no idea why exactly as I didn’t even get a notification. To my surprise, I saw that I had a new match. It wasn’t just any distant relative, it was my brother! He lived in a neighbouring country, France!

You have to know that I just woke up when I looked at my mobile phone, so I immediately sent a message to some close friends and my guidance counsellor at the Descent Center. I wanted to know if I was dreaming. Finally I got the confirmation from the experts at the Descent Center that my DNA result were real and we share over 2500 centimorgans! That means he is not half but rather, a full brother.

I was so happy! So many emotions raced through my body that day. I saw a lot of people who were also adopted at an event that day. Most of them were a great support. Most were as happy and moved as I was. A minority reacted rather short, jealous or gave unsolicited advice about anything and everything. I also understand their feelings. It is an exceptional situation that triggers many emotions. Those emotions of others made it sometimes overwhelming for me.

I contacted Georges through Facebook. I wondered if he had already seen it. When he didn’t reply, a friend gave me his LinkedIn profile that had his email address on it. I felt like a little stalker but I decided to send him an email as well. I sent him a little text and gave him the option to get in touch if he wanted to. When he answered, he introduced himself and asked a few questions. The contact was open, enthusiastic and friendly. So we are very sure of the DNA match, but some mysteries soon surfaced quickly during the first conversation. We told each other what name we got on our adoption papers. Our last names are different. I see on my adoption papers that I have the same last name as my mother. Maybe he has the father’s last name? Georges has not yet properly looked at his adoption papers, so there are still pieces of the puzzle missing.

I am happy when I connect with my brother. The contact feels so natural! We talk and joke like we have known each other for years. We both got a little emotional when we talked about our childhood but also realised how close geographically we grew up. Georges is barely 14 months younger than me. Did the orphanage ever talk to my adoptive parents and suggest taking Georges too? So that we could grow up together? What would my adoptive parents do in such a situation? With a reunion, the search for one’s identity is not over. In fact, it has opened up many more questions!

About your biological family in Vietnam     

Georges

My determination to find my family in Vietnam has increased since I met my elder sister but I’ve always been curious to find more information about my biological mother and father. Growing up as an adopted child, I grew up with a perpetual mystery about my origins. It defines me, marking me forever because I’m always facing the fear of being rejected again . Like many adoptees, I grew up with this explanation: “Your first parents left you because of their poverty.” This is speculation which may be true or not and we do not know until the facts are gathered. I feel no anger about that but I want to know the real motives, the real story from their point of view. Was it their decision or not….?

Mikati is really passionate and determined in this search and about our story and she told me about the real problems caused by some organisations which have seen international adoption as a business in the 1990s. I did research to gather information based on official and independent reports from the press and UNICEF and I talked to adopted people who have been in our orphanage. I’m worried about some testimonies, about the lack of transparency in the adoption process and to adoptive parents, adopted children and biological parents and now I want to be sure if our parents gave their consent or not. I’m also determined to discover this truth and to show our journey through a documentary in order give more information about what could have been problematic in international adoption in the 1990s to year 2000. I’m not alone in this quest ,my elder sister is with me and I’m with her.  

I’ve never had the opportunity to return to Vietnam yet but it is something I hope to do in the near future. I’m sure it won’t be only for fun and tourism!

You can follow Georges at Facebook, LinkedIn o Youtube.

Mikati

I have my reasons for wanting to find my parents. Under Article 7 of the UN Convention on the Rights of the Child, the child has a right to information about his or her parentage. It is also fundamental in human beings to know where they come from. As long as I don’t know the story about my biological parents, I can’t be mad. I really wonder what their
story is. I know it’s going to be hard to search. I know that commercial DNA testing is less used in Vietnam. Papers and names were sometimes forged. I don’t know if my mom actually came from My Tho. Is her name really Tuyet Mai? Right now I’m looking at it mostly inquisitively and with compassion. I want to look at the bigger picture. Why is it that parents are faced with the decision to give up a child? How can a system support parents so that such things do not have to happen again?

Recently a Vietnamese woman contacted me on social media. She told me why she had given up her child in the same orphanage as Georges and I. It has not been easy for her to find out where her child went and she continues to search for her child, even if it was more than 20 years ago. She is still saddened by the situation. If anyone can help us broaden this search, please see qui.

I have lost contact with my adoptive parents, so they know nothing about my search. I’m sure my adoptive mother would have disapproved.

It would be nice if we find our parents, but we’ll see. I am very grateful for Phuc who has offered to help us search. He seems very nice. I hear from other adoptees that he is friendly and reliable. I also read articles about him and it’s unbelievable what he does to bring families together! I would find it courageous if families dare to come out for what was difficult in the past and why they gave up their child. By telling their story as biological parents, even if they feel ashamed, our society can learn and improve the future.

There are adoptees whose biological parents thought their baby was stillborn but it was actually sold for adoption. If that’s the case with our parents, they don’t even know we are alive. Our story can be everything. It’s hard to know what our case was.

I have so many unanswered questions and I would like to know my family’s story.

If I were to see my biological mother again, the first thing I would tell her is that I would like to get to know her and listen to her story.

Vietnam will always be special to me, even though I didn’t grow up there. I was 9 years old when I went back with my adoptive parents and my sister (non biological) who is also adopted. We went from North to South. Even though my adoptive mother was negative about Vietnam, she couldn’t ruin it for me. The food, the smiling people, the chaos in Ho Chi Minh and the nature in smaller villages have stayed with me. Now I’m reading more about Vietnam and talking more to Vietnamese people. I am saving up to travel to Vietnam again. Maybe alone, maybe with friends or maybe with Georges. We’ll see. But I certainly will go back and learn more about my beautiful country.

You can follow Mikati and her journey at Facebook o Instagram.

To read Mikati and Georges’ story as published in the Vietnam media, click qui and the English translation qui.

Le adozioni finlandesi sono simili a quelle olandesi.

di Sabina Söderlund-Myllyharju, adottato da Taiwan alla Finlandia.
Traduzione di Fiona Chow. Post originale qui in svedese.

Recentemente il mio feed di notizie di Facebook è stato inondato di importanti notizie provenienti da luoghi come Paesi Bassi, Svizzera e Svezia. I Paesi Bassi hanno sospeso tutte le adozioni dall'estero dopo che un'indagine ha rivelato abusi sistematici e adozioni illegali. Un'indagine simile è stata avviata in Svizzera. In Svezia, gli adulti adottati dal Cile, insieme a quelli di altre nazioni, stanno lottando per un'indagine a livello nazionale da attuare il prima possibile. 

Questo accumulo di vapore nel mondo delle adozioni ha iniziato a suscitare sentimenti dentro di me. Da molto tempo osservo una forte opposizione all'adozione da parte di adulti adottati negli ambienti internazionali in cui sono coinvolto sui social media. Ma fermare completamente tutte le adozioni? Mi suonava estraneo. Molti anni fa, la pensavo allo stesso modo, ma da allora mi sono reso conto che questo modo di pensare è un po' troppo radicale. Almeno, non finché ci sono bambini là fuori senza genitori.

L'altra sera, ho ascoltato una discussione in cui un genitore adottivo svedese si è apertamente intrattenuto con i bambini adottati illegalmente che ora chiedono alla Svezia di assumersi la responsabilità. Li ha sostenuti con tutto il cuore, anche se il suo fidanzamento rischia di portare conseguenze negative nella sua stessa vita. Mi ha scaldato il cuore che lei, come genitore adottivo, sia disposta a fare tutto ciò che è in suo potere in modo che i suoi figli in futuro non abbiano bisogno di mettere in discussione il sistema di adozione allo stesso modo dei bambini rubati di oggi.

La mia adozione non è andata come avrebbe dovuto, e questa è stata la fonte di una miriade di emozioni diverse dentro di me. Questi hanno spaziato dalla tristezza di non essere cresciuto con la mia famiglia biologica, alla vera rabbia per un sistema pieno di inadeguatezze. Com'è possibile che io sia stato trasportato da un continente all'altro con l'aiuto di documenti falsificati? Che i colpevoli siano stati ora processati e puniti è ovviamente giusto e giusto, ma perché non c'è mai stato alcun tentativo di riunire me e dozzine di altri bambini con le loro famiglie originali?

Allo stesso tempo, ho provato enormi sensi di colpa anche solo per aver pensato in questo modo, dato che ho avuto una bella vita qui in Finlandia. Chi sono davvero per lamentarmi? In realtà, non si tratta di non essere grati. Sono davvero grato per molte cose, non ultima delle quali ci sono i miei tre figli che stanno crescendo in un paese fantastico come la Finlandia. Tuttavia, sono grato di essere stato separato dalla mia madre biologica? Posso anche smettere di chiedermi perché i miei documenti di identità sono stati falsificati al momento dell'adozione? Sono stato venduto? È questo che voleva davvero mia madre biologica?

Sono passati molti anni dalla mia adozione e all'epoca gli accordi sono stati presi in privato, senza l'aiuto di un'agenzia di adozione, né la protezione che tale agenzia avrebbe fornito. Sono felice che le adozioni finlandesi di oggi siano regolamentate in modo completamente diverso, in modo che possiamo essere certi che le cose siano fatte in modo legale e corretto quando affidiamo i bambini all'adozione internazionale. Questo è il modo in cui è, non è vero? Sicuramente la nostra attenzione è su ciò che è meglio per il bambino, proprio come richiede la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (UNCRC)? Sicuramente scegliamo di agire senza indugio quando sorgono attività sospette nel campo delle adozioni?

La mia speranza è che gli adottati, i genitori adottivi e gli adottanti possano essere certi che tutti coloro che lavorano con l'adozione in Finlandia siano, con buona coscienza, in grado di dire che tutto funziona come dovrebbe. Spero sinceramente che le agenzie di adozione come Interpedia, Save the Children e la città di Helsinki siano state silenziose per così tanto tempo perché non hanno assolutamente nulla da nascondere. 

Allo stesso tempo, difficilmente posso essere l'unica persona a pensare che un'indagine statale indipendente sia attesa da tempo, anche in un paese come la Finlandia.  

Caro papà, sei ancora razzista

di Autore Mae Claire, nato ad Haiti cresciuto negli USA.

Una lettera al mio defunto padre che mi ha fatto uscire illegalmente da un orfanotrofio ad Haiti. 
I miei lavori: https://www.amazon.com/-/e/B00IZG9Q56
Insta: @liftingtaboos
Blog: https://solifegoeson.com/

Mae a 15 anni

Caro papà,

L'IRS chiede informazioni sui miei genitori naturali affinché il trasferimento degli eredi abbia successo. La tua morte ha lasciato molti buchi in una situazione già molto complessa. Vedi, ricordi quando ti ho chiamato 3 anni fa e ti ho spiegato quanto fossero orribili, pericolose e dolorose le tue azioni circa 40 anni fa?

Sì. Quella conversazione. Hai ragione. Quello in cui ti ho spiegato come ottenere la mia carta verde fosse quasi impossibile perché hai scelto di trafficarmi. In quel momento, pensavi di fare la cosa "giusta"... perché... il Saviorismo... la fragilità bianca e il bisogno di salvare una povera ragazza nera da un destino indicibile. Voglio dire, sono quasi certo che ci fosse amore da qualche parte in mezzo a tutto questo. Ma l'amore è una cosa a lungo termine. Amore significa pensare al futuro.

Non l'hai fatto papà. In effetti, hai continuato a mentire sulla mia esistenza, impedendomi di conoscere veramente le mie origini.

In tua difesa, quando sono cresciuto mi hai detto che i miei documenti erano falsi. Falso…avevo 13 anni. Cosa capisce un tredicenne dell'avere documenti falsi? Tutto quello che potevo fare era vivere il momento, andare a scuola e fare quello che fa un normale tredicenne. Poi ho compiuto 17 anni, viaggiare fuori dal paese è diventato più difficile perché ero... beh, trafficato.

"Ricorda il tuo compleanno", mi sussurravi mentre ci avvicinavamo a una persona in uniforme. Ho sempre pensato che fosse strano dover memorizzare una data che in realtà non era affatto il mio compleanno. Ho anche pensato che fosse insolito che l'età del mio passaporto fosse di 3 anni più giovane della mia età biologica.

In nome del salvatore e dell'urgenza, stavi... facendo un patto con il diavolo. Trova una donna che vuole vendere la sua firma, trova un bambino morto che non ha ancora ricevuto un certificato di morte, trova un avvocato che sarebbe losco al massimo e BAM ... ti sei procurato una ragazza nera carina che ha bisogno di essere salvata.

Ma ecco la cosa. Non avevo bisogno di risparmiare. Non ero un orfano nonostante fossi in un orfanotrofio. Allora perché non hai aspettato l'approvazione della mia vera madre? Perché passare attraverso canali illegali?

Urgenza.

Saviorismo.

Avevo una madre, avevo un padre, avevo altri 5 fratelli. Avevo una zia, uno zio, un nonno. Ho avuto una famiglia.

Ma mi hai portato via tutto questo. Niente corrisponde e niente potrà mai corrispondere a causa della decisione che hai preso quando ero al ginocchio. Mia madre di carta non è la mia madre biologica. Tutto è una bugia. Quello non è il mio certificato di nascita, quello non è il mio nome, quella non è la mia età. E allo stesso tempo, eri la famiglia con cui sono cresciuto, una famiglia molto tossica, ma eri tutto ciò che conoscevo.

Quindi sono cresciuto odiando il colore della mia pelle, i miei capelli, il mio viso, la mia razza, la mia cultura. Sono cresciuto cercando ciò che avevi e ciò che eri anche se mi hai impedito di essere uguale. Mi hai fatto sentire responsabile per quello che mi era stato fatto. Mi hai fatto sentire in colpa se non ti ho mostrato amore come ha fatto il bios. Mi hai spinto a contemplare e anche a tentare il suicidio. Secondo Child Welfare Information Gateway "Il contatto continuo con i membri della famiglia naturale può ridurre al minimo o risolvere i sentimenti di dolore e perdita del bambino, ridurre il trauma della separazione e aiutare il bambino a sviluppare e mantenere un senso di identità più forte". Non hai tentato niente di tutto questo perché sapevi che quello che avevi fatto era contro la legge.

Secondo l'UNICEF, sostiene l'adozione internazionale, se perseguita in conformità con gli standard e i principi della Convenzione dell'Aia del 1993 sulla protezione dei minori e la cooperazione in materia di adozioni internazionali. Questi includono garantire che le adozioni siano autorizzate solo dalle autorità competenti, guidate dal consenso informato di tutti gli interessati, che l'adozione internazionale goda delle stesse tutele e standard che si applicano alle adozioni nazionali e che l'adozione internazionale non si traduca in un guadagno finanziario improprio per coloro che sono coinvolti in esso. Tali disposizioni intendono innanzitutto tutelare i minori, ma hanno anche l'effetto positivo di tutelare i diritti dei genitori naturali e di garantire ai futuri genitori adottivi che il loro bambino non è stato oggetto di pratiche illegali.

A casa tua, ero un impostore e non ero mai abbastanza bravo. Ma fortunato papà, non sei l'unico. Ci sono così tanti genitori adottivi bianchi che faranno di tutto per avere un bambino nero. Ovviamente in questo momento potrebbero davvero intraprendere quel percorso verso il paradiso con buone intenzioni. Ma le intenzioni muoiono velocemente e il percorso diventa irregolare, roccioso, spaventoso, offensivo, offensivo. Quel percorso continua per noi. L'impatto è per sempre.

Quando i genitori adottivi bianchi adottano, non sono consapevoli dell'impatto a lungo termine che lascia sull'adottato... specialmente se l'adottato è di colore.

Un tipico adottato viene strappato al proprio ambiente e costretto a sopravvivere con nuove aspettative, nuove regole, nuove leggi che ne governano l'immediatezza. Sono costretti ad adattarsi... non il contrario.

Un tipico adottante del colore viene da un paese ritenuto “più povero” e bisognoso di risparmio. La povertà non dovrebbe MAI essere una ragione sufficiente per prendere il figlio di qualcun altro... e non dovrebbe mai essere una ragione per fare il possibile per falsificare i documenti.

Quando si tratta di adozioni illegali e illecite, Haiti dovrebbe ottenere una stella d'oro. Sebbene Haiti non sia mai stato un paese che "vende" i propri figli, la povertà e la promessa di una vita "migliore" sono molto allettanti. Quindi accade più frequentemente del previsto. Kathrine Joyce lo descrive perfettamente nel suo libro intitolato The Child Catchers. Lei dice “​L'adozione è stata a lungo invischiata nella politica dei diritti riproduttivi, presentata come un compromesso "win-win" nel dibattito senza fine sull'aborto. L'adozione ultimamente è diventata ancora più impigliata nell'agenda cristiana conservatrice.​”Nel suo libro descrive come ​Child Catchers trova un modo per convincere le famiglie povere a mettere i propri figli in un orfanotrofio. Una volta che i bambini sono in un orfanotrofio, diventano il reparto dello stato e ora sono prodotti da vendere.

Diventiamo oggetti di scena.

Nel loro articolo di 40 pagine intitolato Orphanage Entrepreneurs: ​Il traffico dei bambini invisibili di Haiti​, dicono Georgette Mulheir con Mara Cavanagh e colleghi​: Il governo di Haiti dovrebbe rafforzare il sistema di protezione dell'infanzia e gli approcci giudiziari alla tratta di bambini, tra cui: sviluppare un sistema di ispezione indipendente; sviluppare un sistema per il monitoraggio dei bambini in affidamento; aumentare il numero degli assistenti sociali e migliorarne la formazione; dare la priorità ai bambini trafficati negli orfanotrofi nell'ambito della Strategia anti-tratta.

Ero il tuo papà prop. Ero la persona che mostravi agli altri per dimostrare che non eri razzista o prevenuto. Ero quella bambina che soffriva dentro ma portava il grande sorriso fuori; perché è così che piaceva a papà. È così che piace alla maggior parte dei genitori adottivi. Si aspettano che siamo silenziosi, felici, grati, riconoscenti e grati. Si aspettano che ricordiamo la data in cui sono stati "ottenuti".

Ma ora vedi chiaramente papà, vero? Ti rendi conto ora che la mamma non sarà mai in grado di spiegare cosa avete fatto entrambi. Per avidità, hai tolto una vita e, nel frattempo, hai distrutto una famiglia per sempre.

Non sarò mai in grado di far parte adeguatamente della mia famiglia d'origine. "Dì loro che è stata un'adozione chiusa" Dico a mia sorella di dirlo a mia madre mentre è al telefono con gli IR. Continuo a proteggere coloro che mi hanno trafficato. Procedo per assicurarmi che mia madre non sia bombardata da indagini e da possibili arresti anomali.

Quando le chiedono "cosa ti aspetta?", potevo solo sperare che dicesse la verità.

“Traffico. Pensavamo di fare bene ma abbiamo bevuto il Koolaid”. Ma non è in grado di ammettere il suo errore. Questa risposta è un sogno da sognare solo di notte, non di giorno.

Ci saranno quei papà che diranno "questa è una storia triste ma non è la NOSTRA storia". E le storie davvero sono uniche. Purtroppo, quando si tratta di dare soldi per i figli, o di ricevere una detrazione fiscale per l'adozione, si è deciso di partecipare a un sistema che troppo spesso crea traumi a lungo termine. Hai bevuto il Koolaid.

Papà, lo sapevi che oltre 80% di bambini considerati “orfani” non sono veramente orfani? Secondo l'Unicef, i bambini vengono inseriti temporaneamente negli orfanotrofi perché gli orfanotrofi forniscono cibo, alloggio, istruzione e attività. Quindi presumere che siamo liberi di essere presi è un enorme errore giudiziario.

Secondo il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, il governo di Haiti non soddisfa pienamente gli standard minimi per l'eliminazione della tratta, ma sta compiendo sforzi significativi per farlo. Rimangono nel livello 2 perché il governo non ha condannato i trafficanti durante l'anno di riferimento. Il governo non ha stanziato fondi sufficienti per i suoi sforzi contro la tratta o per i servizi alle vittime e non ha attuato le sue procedure operative standard per l'identificazione delle vittime.

Che ne dici? Ora che ci stai osservando dal cielo? (Credo che tu sia lì perché non posso credere in un Dio che creerebbe un luogo in cui le persone possano soffrire più di quanto abbiano già sofferto sulla terra). Riesci a vedere il dolore e la sofferenza, vero papà? Puoi vedere la confusione. Lo vedi?

Spero che tu possa vederlo ora. Ma so che ci sono così tanti genitori adottivi che non possono vederlo. Pensano che i loro passi siano stati guidati da Dio... Dio non chiederebbe mai a qualcuno di rimuovere un bambino che ha un'intera famiglia che li ama e si prende cura di loro. Ci viene chiesto di prenderci cura della Vedova e dell'Orfano... ma tu hai appena preso il cosiddetto orfano.

Immagina in che tipo di mondo vivremmo oggi se le persone con di più dessero a quelle che hanno di meno. Come sarebbe questo mondo se a chi molto è dato, molto è veramente richiesto? Che forma avrebbe e potrebbe assumere? Che forma dovrebbe assumere?

E se, invece di prendere il figlio di qualcun altro, chiedessimo "Come posso tenervi insieme?" Questa domanda monumentale, con un mucchio di soluzioni adattabili, cambierebbe il corso dei bambini che crescono in povertà.

Come adottato, so di non essere il solo a credere che molto del nostro dolore e della nostra sofferenza avrebbero potuto essere evitati se qualcuno avesse cercato di sostenere la nostra famiglia che era povera di cose fisiche ma ricca di spirito.

In quanto adottato, non avrebbe mai dovuto essere permesso cambiare il mio nome, avere documenti falsi, essere trattato come un cittadino di 2a e 3a classe e soprattutto non in nome di "essere chiamato". Dio non chiama le persone a fare un danno eterno agli altri. L'adozione è un trauma e quasi 100% del tempo, provoca danni a lungo termine che anche la terapia non riesce a guarire.

Gli adottati non sono oggetti di scena per dimostrare un'affermazione come "Non sono razzista". Siamo umani che sono stati, per la maggior parte, acquistati per soddisfare un desiderio, un'incapacità, un desiderio, una chiamata, un vuoto, e l'elenco potrebbe continuare all'infinito.

Ma sono qui per dire, papà, che adottare me e gli altri non ti ha reso meno razzista. Sei rimasto razzista a modo tuo. Quando abbiamo pianto e ti abbiamo parlato del razzismo che ci stava accadendo e tu non hai fatto nulla al riguardo... hai mostrato il tuo razzismo. Quando ti ho visto trattare altre persone della mia stessa razza e nazionalità... hai mostrato il tuo pregiudizio e il tuo classismo.

Il tuo cuore era puro per molti versi ma sfortunatamente l'adozione non lo ha reso più o meno puro. La chiamata non ti ha avvicinato o allontanato da Dio. In effetti, separarmi ha creato un buco cavernoso nella nostra relazione e ha distrutto quello che avrebbe potuto essere un ponte verso la mia famiglia d'origine, la mia cultura, la mia razza e la mia vita.

L'adozione è pericolosa. Spesso lo facciamo e non sappiamo nemmeno o capiamo davvero perché lo stiamo facendo. Lo facciamo perché in questo momento, ​sentecome la cosa giusta. Lo facciamo perché pensiamo che risolverà qualcosa in noi. Forse risolve qualcosa in noi... ma lascia l'adottato con cicatrici, lividi e nostalgia per quello che avrebbe potuto essere.

Caro papà, ora sei morto e probabilmente puoi vedere e capire il dolore che hai causato. Se c'è un modo in cui puoi infiltrarti nella vita di altri che hanno adottato o sperano di adottare e avvertirli dei pericoli; noi adottati saremo per sempre grati.

Possa tu non riposare in pace finché non avrai salvato altri adottati dallo stesso dolore.

Indossa il tuo destino

di Bina Mirjam de Boer adottato dall'India ai Paesi Bassi, coach per adozioni e affido @ Bina Coaching.

Recentemente è stato annunciato che esiste una società surrogata in Ucraina che rimarrà con centinaia di bambini ordinati ma non consegnati a causa del coronavirus. Non possono essere prelevati durante il lockdown dai genitori stranieri. Nel post di RTL 4 vediamo infermieri sconvolti e sentiamo l'avvocato della società di adozione parlare dell'importanza che questi bambini vadano dai loro genitori stranieri il prima possibile.

La cosa bizzarra è che commissionando la maternità surrogata e/o la società di adozione, questi bambini vengono sottratti alla madre, alle origini e al paese di nascita e finiscono in una famiglia in cui uno, o nessuno, dei genitori è geneticamente il loro genitore .

Lunedì 18 maggio è andata in onda la causa dell'adottata dello Sri Lanka, Dilani Butink, in base alla quale ha citato in giudizio l'organizzazione per le adozioni / fornitore di permessi Stichting Kind en Future e lo Stato olandese. Il suo caso riterrà entrambe le parti responsabili della sua adozione fraudolenta. Questo perché lo stato olandese e le organizzazioni di adozione e/o titolari di licenza sono a conoscenza da molti anni delle pratiche fraudolente e del traffico di bambini dai paesi di invio. Tuttavia, migliaia di bambini sono stati adottati legalmente (e senza accordo) dalla loro madrepatria nei Paesi Bassi dopo aver scoperto il traffico. Eppure ci stiamo ancora concentrando sul mettere al primo posto il desiderio di un figlio.

Attualmente, il governo olandese sta lavorando per adeguare la legge sulla maternità surrogata. Sotto la sua maschera e attorno alla crescita selvaggia delle fattorie per bambini, il surrogato e il bambino devono ricevere protezione dalla maternità surrogata all'estero, ma l'Ucraina non offre questo. È piuttosto strano perché la causa di questa legge, cioè la creazione di bambini in modo "non naturale", influisce sul diritto di questo bambino ad esistere. Chi legge questo disegno di legge si accorge subito che i diritti del bambino e la sicurezza della madre non sono sufficientemente tutelati e/o rispettati. La ragione di questa legge è che abbiamo ancora l'adozione internazionale e il concepimento di bambini attraverso una madre surrogata donatrice e non è una favola o un pensiero altruistico.

Pensando a cosa dicevano i miei genitori adottivi quando mi chiedevano se ero loro grato per la mia nuova vita, cioè rispondevano che non dovevo essere grato. Questo perché volevano così tanto un figlio ed erano così egoisti che mi hanno lasciato venire dall'estero.

Nella maggior parte dei casi, il desiderio di un figlio non è il desiderio di rendere un bambino parte della tua vita, ma un desiderio biologicamente guidato di riprodursi o di avere un figlio tutto tuo. Se si trattasse davvero solo del bambino, le migliaia di bambini dimenticati che vivono negli orfanotrofi sarebbero raccolti da coppie senza figli. Il fatto che viviamo in un mondo in cui il desiderio di avere il nostro bambino "fatto da sé" è esaltato al di sopra dei desideri e della salute del bambino, assicura che il mercato guidato finanziariamente continui a funzionare che domina il mondo delle adozioni, dei donatori e della maternità surrogata.

Per realizzare questo desiderio per un bambino a tutti i costi, vengono utilizzati modi che non possono essere fatti senza un intervento medico o legale. Le madri straniere sono aiutate a rinunciare al proprio figlio invece di rompere i tabù o aiutare la madre a crescere il bambino da sola, o lasciare intatti i legami familiari legali, il che è meglio per il bambino. L'influenza della distanza (la genitorialità legale da elevare al di sopra della genitorialità genetica) su una vita umana è ancora compartimentata, negata e ignorata, con tutte le conseguenze.

Nonostante tutte le storie di adulti adottati e bambini donatori adulti sull'influenza della distanza e di un passato (parzialmente) nascosto o dei bassi tassi di rendimento delle famiglie composte, il desiderio di un bambino rimane elevato al di sopra dei desideri del bambino.

Nel 2020, a quanto pare, non siamo ancora consapevoli che queste azioni non solo sollevano i genitori desiderosi dal destino insopportabile di un'esistenza senza figli, ma li allontanano anche dalla responsabilità di portare il proprio destino. Allo stesso tempo, ci assicuriamo che questi bambini siano gravati non richiesti, con un destino insopportabile. Vale a dire, una vita con un'identità nascosta e fatta. Non voglio dire che una coppia senza figli non abbia diritto a un figlio nella propria vita, ma ci sono altri modi per lasciare che un bambino faccia parte della loro vita senza dare a madre e figlio un destino insopportabile.

Gli adottati spesso non sanno chi sono, quando sono nati, qual è la loro età o nome di nascita, da quali sistemi familiari hanno avuto origine o qual è la loro storia operativa. Sono cresciuti con l'idea di appartenere a una famiglia diversa da cui hanno avuto origine geneticamente. Tuttavia, questa diseredità legale non taglia l'adottato dal suo sistema familiare originario (cosa impossibile) ma devono scoprire nella loro vita adulta che il fondamento su cui è stata costruita la loro vita non è quello giusto. I bambini donatori cercano il padre e scoprono di avere decine di (mezze) sorelle e fratelli o di essere gemelli ma provengono da padri donatori diversi. Entrambe le volte, è una questione di domanda per un bambino e di renderlo disponibile.

Molte persone adottate vengono alla scoperta ad un certo punto della loro vita che vivono con un destino insopportabile, vivono in una storia surreale di cui hanno perso l'essenza ma sperimentano le loro emozioni nei loro corpi. Questo ti fa anche sentire che gli adottati spesso dicono che sentono di dover sopravvivere invece di prosperare.

Spero che il processo legale all'adottata dello Sri Lanka Dilani Butink contribuisca a una maggiore consapevolezza e alla cessazione del traffico di bambini in qualsiasi modo e che lasciamo il destino e la responsabilità al suo posto. Come disse una volta un adottato coreano: "Preferisci morire di fame o morire di tristezza?" .. una frase che ancora osservo regolarmente durante gli incontri di gruppo con gli adottati.

Sono consapevole che non poter avere figli è un destino insopportabile mentre allo stesso tempo noto e lavoro quotidianamente con gli effetti delle conseguenze della distanza e dell'adozione. E anche questo è insopportabile per molti, purtroppo noi bambini adottati e donatori non possiamo mettere da parte il nostro destino e le responsabilità che abbiamo ricevuto e questo è un fardello che dobbiamo sopportare indesiderato come l'ergastolo.

Spero anche che il processo legale contribuisca ad ottenere assistenza. Nel 2020, i governi non si assumono ancora la piena responsabilità di distogliere lo sguardo da queste forme di traffico di minori nell'adozione internazionale e dalle sue conseguenze. Alla fine, secondo me, la domanda rimane: hai il coraggio di assumerti la responsabilità e portare il destino che hai ricevuto? È una scelta vivere senza figli “fatti in casa” o si carica un'altra persona con il destino di vivere senza la sua identità, famiglia e cultura originali.

Per favore, impariamo dalla storia e non usiamo i bambini come illuminazione del destino, ma portiamo il nostro destino.

Non c'è una crisi orfana, è una crisi di separazione familiare

Non c'è una crisi orfana, è una crisi di separazione familiare.

Le famiglie vulnerabili vengono prese di mira e inutilmente separate dai loro figli. Quando ti rendi conto che 80-90% di bambini negli orfanotrofi hanno famiglie, dobbiamo modificare il nostro modo di pensare. Dobbiamo smetterla di dire che c'è una crisi orfana e quando sentiamo chiese, amici, familiari o vediamo post di Facebook che affermano queste bugie, dobbiamo essere coraggiosi e sfidare queste idee sbagliate. Se continuiamo con la retorica dell'adozione così com'è ora, non stiamo andando bene! Spogliare inutilmente un bambino dalla sua famiglia non è una "vita migliore". Un bambino che perde tutti quelli che ama e tutto ciò che gli è familiare non è nel loro "miglior interesse". Fare qualcosa per “è quello che abbiamo sempre fatto” è irresponsabile ea questo proposito credo criminale. Se siamo consapevoli di queste realtà e non facciamo nulla per affrontarle, anche se scegliamo di ignorarle, siamo complici. 

Nei paesi in via di sviluppo gli orfanotrofi non sono visti come li intendiamo noi occidentali. Molti genitori amorevoli sono convinti che gli orfanotrofi siano un modo per dare ai propri figli le opportunità che non gli sono state date. Proprio come fa ogni genitore amorevole, tutti noi vogliamo il meglio per i nostri figli. I direttori di orfanotrofi e i cercatori di bambini promettono alle famiglie un'istruzione migliore, 3 pasti al giorno, servizi migliorati e un posto sicuro, quindi dormi tutto mentre sono ancora in grado di vedere i loro figli. Purtroppo, la realtà è spesso molto diversa, soprattutto quando si tratta di un orfanotrofio corrotto. Questo tipo di orfanotrofio farà tutto ciò che è in suo potere per tenere la famiglia e il bambino separati. 

L'ho già detto e lo dirò di nuovo. Se scegli di adottare a livello internazionale, non dovresti nemmeno prenderlo in considerazione a meno che tu non sia disposto a investire tempo e denaro per garantire ogni è stato fatto uno sforzo per mantenere quel bambino/i all'interno della loro famiglia e cultura. Fidarsi di un'agenzia di adozione, di un direttore di orfanotrofio o di qualsiasi altra parte che tragga profitto dall'adozione non è accettabile o sufficiente. All'inizio, ho fallito miseramente in questo. Ero all'oscuro della realtà in gioco e, a causa della MIA ignoranza, ho permesso ai criminali di trasferire un bambino innocente dalla sua famiglia. Ho fatto pubblicamente i miei errori e le realtà conosciute all'interno della comunità delle adozioni internazionali nella speranza che i miei errori e le mie rivelazioni attraverso questo processo consentano ad altri di fare meglio. In tutta onestà, dovremmo anche parlare di orfani, adozione, ecc. se non abbiamo affrontato adeguatamente la crisi della separazione familiare? È solo dopo che ci siamo assicurati che a ogni famiglia sia stata data ogni opportunità di stare insieme che dovremmo mai pronunciare la parola adozione.

Scritto e condiviso da Jessica Davis durante il mese nazionale di sensibilizzazione sull'adozione.

Cosa c'è nel nostro "migliore interesse" come persone adottate all'estero?

Trovo interessante riflettere sul perché il concetto Migliore interesse del bambino nell'adozione internazionale si discute e si prendono decisioni senza sostanziali ricerca sui risultati a lungo termine nell'adozione internazionale. Quando dico a lungo termine, intendo decenni per mostrare come l'adozione internazionale influisca su di noi nelle varie fasi della vita. La maggior parte della ricerca esistente si concentra su un breve lasso di tempo dall'adolescenza alla prima età adulta, ma non molto oltre. Avendo vissuto la mia vita fino alla mezza età adulta, e riflettendo sui cambiamenti che ho attraversato da giovane adottato, venendo a patti con la mia vita, la mia identità, dove mi adatto, avendo figli miei, non c'è dubbio nella mia mente che il modo in cui gli adottati vedono l'adozione e il suo impatto cambia nel tempo con l'avanzare dell'età e con l'esperienza della vita.

C'è anche poco input nei forum professionali su Migliore interesse del bambino da coloro che sono esperti del viaggio vissuto — adottati internazionali! L'adozione internazionale è un fenomeno moderno da oltre 70 anni se si considerano le ondate di adottati internazionali tedeschi, greci, poi coreani e oltre. Rimane un presupposto formulato all'interno delle convenzioni e delle leggi internazionali sull'adozione, che è nel nostro miglior interesse metterci con estranei - razzialmente, culturalmente, spiritualmente, emotivamente e biologicamente, ma non esistono ancora prove longitudinali per confermare che l'adozione internazionale È una soluzione positiva per i bambini stessi, né input da coloro che la vivono in un largo spettro di esperienze.

Al recente Simposio sull'adozione internazionale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, una delle 5 questioni che ho sollevato in considerazione come miglioramento per la politica discussione, era il Migliore interesse del bambino concetto da discutere dal punto di vista di chi lo vive. Anche JaeRan Kim ha recentemente scritto un fantastico articolo ponendo la domanda pertinente sul motivo per cui fino al mese scorso gli adulti adottati all'estero americani non erano stati contattati in modo proattivo per partecipare ai forum di discussione politica. La mia ipotesi è che forse è scomodo ascoltare le nostre verità? Potrebbe significare che l'industria ha bisogno di ascoltare e cambiare!

Quindi, dato che siamo raramente invitati ai tavoli per discutere di questo importante concetto, ho deciso di portarvi ciò in cui credono alcuni adottati internazionali di età matura e pensiero critico. i nostri migliori interessi. Ascolta tu stesso ciò che coloro che lo vivono, considerano nel nostro interesse. Spero che questo ti aiuti a riflettere più a fondo sull'adozione internazionale come industria, su come viene condotta e sui cambiamenti necessari per includere le nostre prospettive vissute.

La domanda: Cosa pensi che DOVREBBE significare "Nel migliore interesse del bambino" nei contesti di adozione internazionale... nel contesto della tua adozione? Se potessi parlare per te stesso "figlio" quando è stata presa la decisione di adottarti all'estero, cosa avresti voluto dire? Qual era il tuo interesse, con il senno di poi?

Risposte condivise, in ordine di permessi concessi:

“Se mia sorella/cugina avesse un bambino e non ci fosse considerazione per il coinvolgimento della famiglia nel crescere il bambino, sarei così irritato. Essendo legato alla famiglia, sarei molto più adatto a crescere il bambino. Non c'è modo all'inferno, il bambino supererebbe tutti noi che onoriamo la presenza di sua madre e lo guidiamo con le reali migliori intenzioni del bambino e della madre. Il legame di parentela è VITALE.” (Anonimo, indiano adottato)

"Il miglior interesse non è essere costretti a lasciare le nostre famiglie e i nostri paesi semplicemente per essere curati". (Georgiana-A. Macavei, adottiva rumena)

"Non togliermi la cittadinanza originale o il diritto di vivere e conoscere la mia cultura mentre sono nel mio paese di nascita." (Linzi Ibrahim, adottato dallo Sri Lanka)

"Per me, "nel migliore interesse del bambino" è il benessere in azione, dove gli adulti determinano ciò che è meglio - in termini di salute, alloggio, stabilità familiare, cure educative, stabilità economica, ecc. Quindi io, come orfano attraverso l'adozione acquisita questo. O in altre parole, guadagna un grado di privilegio bianco. Secondo l'UNCRC (Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo) l'ideale è la continuità della cultura, dei legami familiari, della stabilità, della salute, ecc. Ma il "diritto del bambino" è diverso dall'"interesse superiore del bambino".

Il miglior interesse è anche il miglior interesse del genitore adottivo (AP). Cioè, l'AP, prendendosi cura di un adottato/orfano abbandonato, sta provvedendo al miglior interesse del bambino e di se stessi come coppia che diventa un'unità familiare. Un bambino portato dall'impoverimento/istituzionalizzazione del terzo mondo alla prima casa amante del mondo, ad esempio, la separazione familiare all'interno della narrativa incorporata dell'adozione è nel "miglior interesse del bambino" in quanto si adatta all'obiettivo della famiglia occidentale moderna. Quindi, a loro volta, gli adottati devono essere grati.

Il "miglior interesse del bambino" è anche una svolta del concetto di infanzia del secolo scorso. Quando l'Occidente industrializzato si è spostato dal lavoro coloniale e dalla cura del bambino tramite tate/o famiglie con molti bambini, ai concetti post-seconda guerra mondiale di gioco infantile, sviluppo e istruzione/assistenza all'infanzia. Con le donne bianche come autisti all'interno dell'establishment coloniale che determinano ciò che è nel "migliore interesse del bambino" (generazione rubata, scuole residenziali, adozione, case di cura, a ciò che ora chiamiamo affidamento e accordi di assistenza permanente). Quindi l'adozione deve essere vista come una progressione sociale naturale che avvantaggia il bambino, cioè l'adozione nell'interesse superiore del bambino.

La mia preoccupazione principale è che l'interesse superiore del bambino è limitato dalla parola "bambino". L'adozione di bambini e l'atto di adozione tramite agenzie per l'infanzia/dipartimenti della chiesa e del governo della famiglia non riguardano i diritti dei bambini, specialmente quando si sviluppa in un adolescente/adulto. Quando i concetti di appartenenza, comunità e differenza iniziano a giocare sulla psicologia dell'individuo. Per un bambino essere libero e amato in una famiglia nucleare e in grado di essere un bambino in adozione è tutto ben intenzionato, ma il bambino non ha un'agenzia come individuo da qui le discussioni sull'identità e "chi è la mia famiglia prima che venissi qui ?"

Ma l'interesse superiore del bambino trascura e respinge il diritto di una persona a conoscere i propri genitori biologici e ad avere un legame continuo con la cultura e la lingua.

L'adozione nella spinta del "migliore interesse del bambino" agisce in realtà per recidere "i diritti del bambino".” (Dominic Golding, vietnamita adottato)

“Penso che nel contesto della mia adozione non fosse assolutamente nel mio interesse tagliare legalmente i legami con le mie radici e la mia identità e perdere il mio paese, la mia cultura, la mia madre e la mia famiglia. Il miglior interesse del bambino per me significherebbe trovare modi che consentano a una madre di mantenere suo figlio e, se non è possibile, allora con la famiglia allargata, gli amici o una casa per bambini sicura nel loro paese di origine". (Sagarika Abeysinghe, adottata dallo Sri Lanka)

“Dopo la mia recente esperienza (sintomi di stress post traumatico e shock) credo che l'interesse superiore del bambino nell'adozione dovrebbe essere evitato con tutti i mezzi. Sarebbe meglio secondo me sostenere la famiglia d'origine e vedere quali sono le vere cause profonde dell'adozione (dalla famiglia d'origine e dalla famiglia adottiva). Credo che finché sarà consentita l'adozione, esisterà anche il traffico di bambini e avrà enormi conseguenze per il bambino”. (Lidya Booster, indonesiana/cinese adottata)

“Il mio interesse è sapere che la mia famiglia e i miei amici stanno bene. Non ho bisogno di venire in un paese dove sono io quello che deve adattarsi a tutti quelli che mi circondano. Ho sperimentato la perdita sia della famiglia che del paese. Perché spogliarmi della mia lingua e dei miei ricordi? Per il mio migliore interesse, dovrei essere in grado di sentire che non sono punito per essere senza genitori. Devo poter amare e sentire la mancanza di mia madre. Ho bisogno di essere in grado di avere una connessione con il mio paese che non sia imbiancata". (Angelica Bråten, colombiana adottata)

“Questa è davvero l'ultima opzione? Che crescerò così lontano dalla mia cultura? Non conosco la risposta su cosa fosse meglio, ma non credo nella parte 'nell'interesse del bambino' quando si trattava di fare soldi”. (Dilani Butink, adottata dallo Sri Lanka)

“Riporta me e i miei fratelli da mia madre. Non sono un orfano. mi hanno rubato!! E rinchiudere queste persone che guadagnano da noi vendendomi a un pedofilo! Questo sarebbe stato nel mio interesse! Essere portato via dalla mia famiglia è stato il primo crimine. Tutti i bambini che sono stati dati in adozione senza il consenso delle famiglie non avrebbero dovuto aver luogo. Questo è il caso di un gruppo molto grande”. (Maria Quevedo, colombiana adottata)

“Il miglior interesse dovrebbe significare preservare la cultura della nascita del bambino. Negare la lingua, il nome, l'eredità ancestrale e così via nega un'enorme componente spirituale e connettiva alla propria vita. Nella difficile situazione dei nativi indigeni di rivendicare giustizia e comprensione degli impatti a così tanti livelli, questo è successo anche a molti di noi adottati all'estero”. (Kelly Foston, adottata dalla Corea del Sud)

"Il bambino ha bisogno di essere immerso ed esposto alla sua cultura di nascita fin dall'inizio in modo che quando raggiunge l'età adulta (20), sia in grado di decidere da solo se vuole essere coinvolto o meno". (Marc Conrad, boliviano adottato)

“Il miglior interesse del bambino non può iniziare con gli adulti che cercano un bambino perché credono che sia un loro diritto innato crescere un bambino. Una volta che hai degli adulti che cercano un bambino da crescere, i migliori interessi del bambino sono già compromessi. L'interesse superiore di un bambino è indissolubilmente legato al posto genetico di quel bambino nella sua famiglia. Anche se è vero che alcuni genitori o persino famiglie non sono in grado di crescere il proprio figlio per vari motivi, trovo quasi impossibile credere che assolutamente nessuno all'interno della comunità culturale/razziale/etnica/locale di quel bambino possa aiutare a crescere quel bambino. Se questo è il caso, forse dobbiamo guardare alla società che non apprezza preservare e allevare i propri figli.

Trovo anche impossibile credere che l'interesse superiore di un bambino possa essere protetto cancellando l'identità di un bambino e tagliando intenzionalmente e permanentemente quel bambino dai suoi antenati. L'interesse superiore di nessun bambino può essere eticamente preservato quando il denaro scambia le mani per quel bambino, quando documenti fondamentali come i certificati di nascita originali o sono falsificati o in qualsiasi modo negati a quel bambino. Sebbene possa ferire ed essere difficile da accettare, la verità adeguata all'età è sempre nell'interesse di un bambino. Le bugie e le falsificazioni non lo sono mai”. (Abby Forero Hilty, colombiana adottata)

"Non ci sarebbe mai potuto o sarebbe "nell'interesse del bambino" quando lo stai portando via dalla cultura in cui sono nati, o dalla famiglia che rischiano di perdere." (Kim Yang Ai, adottato Sth coreano)

“Perché pensi che sia nel migliore interesse adottare una bambina fuori dal suo paese in un altro con una lingua, una cultura, ecc. completamente diversa? Non è nel migliore interesse falsificare documenti per rendere il bambino più desiderabile per la nuova famiglia adottiva... tattica di marketing". (Ashley Thomas, adottata colombiana)

“Il mio primo pensiero sarebbe se la famiglia immediata/estesa fosse disponibile, allora forse sarebbe nell'interesse del bambino. Se in un orfanotrofio, c'è qualche famiglia nel migliore interesse o un'istituzione? Considero l'età un fattore (ad es. più il bambino è grande, maggiore è la capacità di prendere le proprie decisioni, ecc.)?" (Farnad Darnell, adottato iraniano)

“Non è mai nell'interesse di un bambino rimuoverlo dal suo paese di origine, trasferirlo in un altro e poi affidargli da adulti il compito di provare a dimostrare perché “meritano” di restare, cioè io non ho cittadinanza a causa di come è avvenuta la mia adozione. Al di là delle disfunzioni e degli abusi che ho subito da bambino, e che affronto da adulto, per nessun altro motivo se non per essere stato adottato nell'abuso, da buttare anche nella consapevolezza che il mio governo adottivo mi considera un inconveniente di cui vorrebbero liberarsi, aggiunge la beffa letterale al danno effettivo”. (C, adottato canadese)

“Se il presupposto è che un'adozione internazionale avrà luogo, allora “nel migliore interesse del bambino” significa per me che il collocamento implicherebbe un'educazione approfondita delle potenziali famiglie adottive sulle migliori pratiche basate sull'evidenza con molto supporto a lungo termine. Le potenziali famiglie verrebbero interrogate sulla loro attuale relazione con le persone della razza e della cultura da cui stanno adottando e aiutandole a vedere le aree in cui hanno pregiudizi. Le potenziali famiglie verrebbero anche interrogate sulle loro aspettative nel crescere un bambino e su come potrebbero farcela se quel bambino non soddisfa le loro aspettative. Essendo un adottato e in procinto di adottare, penso che ci dovrebbe essere meno enfasi sul reddito e sulle tasse e più enfasi sulle abilità genitoriali e sulla comprensione culturale. Certo, garantire la cittadinanza e forse anche la doppia cittadinanza, se lo desidera l'adottato, dovrebbe essere un dato di fatto”. (Anonimo, Sth coreano adottato)

Naturalmente, questo post non osa pretendere di parlare a nome di tutti gli adottati internazionali in tutte le fasi della vita o dei punti di vista, ma è una raccolta di risposte di coloro che hanno partecipato alle discussioni all'ICAV come mezzo per iniziare la conversazione e stimolare il pensiero.

Quali sono i tuoi pensieri dopo aver letto questa raccolta di risposte dagli adottati internazionali? Accogliamo con favore i tuoi commenti qui sotto.

Adozione: ordinata e ordinata? Non così tanto!

Ciao a tutti. Il mio nome è Jessica Davis. Mio marito ed io abbiamo adottato dall'Uganda nel 2015. Vorrei condividere i miei pensieri riguardo a un ricordo apparso sulla mia timeline di facebook.

Se hai familiarità con timehop su facebook, sai che quasi ogni giorno una foto, un video o un post del tuo passato apparirà sulla tua timeline dandoti l'opportunità di riflettere e condividere. Bene, oggi questa è la foto che mi è venuta fuori.

Quattro anni fa, abbiamo scoperto che il visto di Namata era stato approvato per venire in America con noi. Come occidentali, tendiamo ad amare immagini come questa quando si tratta di adozione e in qualche modo è comprensibile. Se Namata avesse davvero avuto bisogno di essere adottata, sarebbe stata sicuramente una foto per cui valeva la pena emozionarsi!

Il problema è che troppo spesso vogliamo che le cose siano proprio come questa immagine. Tutti sorridenti e le cose impacchettate pulite e ordinate. Ma nella vita reale, anche in questo momento qui raffigurato, le cose non sono sempre come sembrano. Adam ed io eravamo decisamente felici in questo momento e pronti per essere a casa e iniziare la nostra vita insieme, e fuori anche Namata lo era. Ma dentro di sé, stava per lasciare tutto e tutti quelli che le erano familiari, per ragioni da cui era troppo sopraffatta anche solo per mettere in discussione. Per fortuna, nel corso dell'anno successivo è stata in grado di esprimere ad Adam e a me le sue domande su come è stata adottata. Per fortuna, io e Adam non siamo andati a cercare le risposte che noi ricercato ascoltare. Abbiamo scelto una strada sicuramente piena di incertezze, ma che speravamo ci avrebbe portato alla verità. Namata se lo meritava!

L'adozione internazionale non dovrebbe mai riguardare il fare una buona azione nel mondo o diventare mamma o papà. Sì, queste ragioni sono normali e di solito sono la base per iniziare il processo, ma nel momento in cui si inizia il processo di adozione, dobbiamo riconoscere che quei sentimenti riguardano tutti i genitori adottivi e non il bambino o i bambini che speriamo adottare. L'adozione per loro deriva da una completa perdita di tutto e di tutti coloro che sono loro familiari. Riconoscere questo è vitale per un sano processo di adozione. Sono convinto che noi, come società, abbiamo adottato tutto per diventare una famiglia. Quando facciamo questo, tendiamo a vedere l'adozione in questa luce felice che non consente all'adottato la libertà di esprimere ciò che l'adozione è in realtà per loro - perdita. Non ci dovrebbe essere assolutamente alcuna attenzione a diventare "mamma" o "papà". Mentre credo che possa diventare un risultato naturale attraverso uno scenario di adozione sano, credo che debba arrivare quando, e solo se, il bambino sente quella connessione.

Mi viene spesso chiesto come Adam e io abbiamo fatto quello che abbiamo fatto quando abbiamo deciso di riunire Namata con la sua famiglia in Uganda. Sebbene ci siano diversi fattori che hanno contribuito a fare ciò, il motivo principale era che io e Adam ci eravamo entrambi impegnati a soddisfare le esigenze di Namata. Scoprire che aveva una madre amorevole e una famiglia da cui era stata illegalmente portata via, ha preso la decisione per noi. Come genitore non avrei mai potuto vivere con me stesso sapendo che stavo contribuendo al buco delle dimensioni dell'Uganda nel cuore di Namata. La sua famiglia e la sua cultura non avrebbero mai dovuto essere portate via da lei in primo luogo. Sono eternamente grato ora guardando indietro che anche nel mezzo del nostro dolore per la perdita di una delle bambine più incredibili che abbia mai incontrato, ci è stata data l'opportunità di sistemare le cose!

Attualmente, non esistono precedenti legali per situazioni come la nostra. Ci sono bambini qui in America che sono stati rapiti, alle loro famiglie mentite e le loro adozioni prodotte da tangenti e manipolazione. Ci sono famiglie in Uganda e in tutto il mondo che sperano ogni giorno di vedere i propri figli, fratelli, nipoti, nipoti. Un modo per affrontare questa follia è lottare per la riforma delle leggi sull'adozione internazionale. Un altro modo è quello di aiutare a cambiare la narrativa dietro l'adozione internazionale. All'interno delle nostre chiese, circoli sociali e luoghi di lavoro, dobbiamo riconoscere che l'adozione internazionale si è infiltrata con denaro e avidità. Quando leggiamo il statistiche che dicono che 80-90% di bambini negli orfanotrofi all'estero hanno famiglie, dobbiamo fare di più per assicurarci di non contribuire a un sistema che sta effettivamente facendo a pezzi le famiglie. Ci sono molti gruppi di Facebook e siti web che approfondiscono le complessità dietro l'adozione internazionale. Unisciti a questi gruppi e visita queste pagine per imparare. Appello ai legislatori per il cambiamento e diventa una persona che si erge contro questi orribili errori giudiziari.

Di jessica

Eccezioni alla regola

Ogni bambino dovrebbe fare un'eccezione a una regola?

Un post di un adottante sulla mia pagina Facebook mi ha fatto pensare a un problema.

C'è un'eccezione alla regola in cui dovrebbero essere consentite le adozioni internazionali?

La donna ha affermato che “Tutti e 13 i miei figli dalla Cina hanno bisogni speciali. Alcuni piuttosto gravi. Una cosa è certa... nessuno nel paese si è fatto avanti per adottarli.”

Ho pensato a questo problema per molto tempo e ho creduto che dovessero esserci disposizioni speciali e ne ho ricavato un elenco:

  • Orfani che sono in pericolo imminente e hanno un'alta probabilità di morire, come un disastro naturale o un conflitto (esempi, Haiti e l'operazione Babylift in Vietnam)
  • Bambini che vengono scartati dalla società e hanno scarse possibilità di sopravvivenza (esempi: bambini HAPA - questa è una parola nativa hawaiana che letteralmente si traduce con "parte" o "mix". Alle Hawaii, la parola si riferisce a un patrimonio etnico misto come metà bianchi e coreani. In Corea, questi bambini sono ridicolizzati, tormentati e rifiutati dalla società).
  • Bambini con disabilità. Come descritto dall'adottante, è improbabile che questi bambini ricevano assistenza sanitaria e tali bambini sono normalmente evitati dalla società. A volte questi bambini ricevevano un trattamento barbaro per essere stati picchiati, affamati e rifiutati di ricevere cure mediche.

In superficie, sembra un'ottima idea, ma dopo molte considerazioni, ho scoperto che questa logica ha alcune carenze. Ho ascoltato un podcast chiamato Freaconomics (link nell'elenco delle risorse sotto) sul tema della donazione di organi. Qui puoi vedere qualcosa di prezioso che viene dato gratuitamente a un destinatario. Non è consentito scambiare denaro tra le parti per prevenire mercati corruttivi e abusi. Sicuramente, un bambino è prezioso quanto, o più, delle migliaia di organi che vengono trapiantati ogni anno in America. L'episodio di Freaconomics intitolato "Fammi un abbinamento" ha affermato questa proposta economica in modo eloquente dicendo:

“Si verificano mercati di corrispondenza in cui denaro e prezzi non fanno tutto il lavoro. E alcuni dei mercati che ho studiato, non lasciamo che i prezzi facciano il lavoro. Mi piace pensare ai mercati abbinati come mercati in cui non puoi semplicemente scegliere ciò che vuoi anche se te lo puoi permettere, devi anche essere scelto. Quindi i mercati del lavoro sono così; entrare all'università è così. Quelle cose costano soldi, ma i soldi non decidono chi entra a Stanford. Stanford non aumenta le tasse scolastiche finché l'offerta non eguaglia la domanda e un numero sufficiente di matricole vuole venire a occupare i posti”.

Qui vediamo un metodo collaudato per scambiare qualcosa di grande valore per niente. Credo che il sistema potrebbe essere implementato per mettere i bambini in case amorevoli senza corruzione. Tuttavia, adottanti, orfanotrofi e agenzie di terze parti si concentrano principalmente sugli aspetti emotivi del collocamento invece di affrontare i problemi reali della corruzione. Se i governi potessero implementare un sistema in cui il denaro non sarebbe scambiato per collocare i bambini, sarei favorevole a sostenere immediatamente tali collocamenti. Perché qualcuno non dovrebbe supportare un tale sistema? Penso che uno dei problemi più grandi siano gli adottanti stessi!

Il problema che vedo è che non tutti gli adottanti hanno ragioni altruistiche per adottare. Pochi adottanti lo ammetteranno mai. Gli adottanti hanno preferenze nei bambini che vogliono adottare e di solito preferiscono i bambini dalla pelle più chiara (in media) rispetto ai bambini dalla pelle scura. Se gli individui fossero puramente altruisti, allora la razza di un bambino non avrebbe importanza e non ci sarebbe elasticità del prezzo basata sulla razza. Tuttavia, vediamo prezzi più alti per i bambini più desiderabili. David Smolin nel suo articolo “Adozione internazionale: salvare gli orfani o il traffico di bambini” lo ha chiaramente evidenziato affermando:

“La percezione che i bambini vengano implicitamente acquistati e venduti all'interno del sistema di adozione nazionale è favorita dalla pratica comune delle agenzie private che addebitano somme molto diverse in base alla razza del bambino. Quindi, potrebbe costare trentamila dollari adottare un bambino bianco, ma solo diecimila dollari adottare un bambino afroamericano”.

La pratica attuale può salvare alcuni bambini e nessuno può negarlo. Tuttavia, d'altro canto, siamo tutti d'accordo sul fatto che un gran numero di adottati viene ferito durante il processo. Il sito online chiamato http://poundpuplegacy.org/ ha catalogato oltre 638 casi di abuso, stupro e morte di adottati. Questa è solo una mera frazione dell'abuso che si verifica agli adottati ed è il denaro che guida il lato della domanda della curva e, in definitiva, l'abuso. Questo redditizio modello di business, per la maggior parte, continua a separare le famiglie e provoca sofferenza e perdita per il bambino che viene adottato. L'adottato positivo e diversi adottanti soffocano le voci esplicite delle adozioni non proprio perfette. Vogliono sottolineare che le adozioni positive sono possibili e ignorano in gran parte le questioni affrontate dall'opposizione. Non riescono ad affrontare il fatto che la stragrande maggioranza dei bambini da adottare non sono bambini provenienti da paesi dilaniati dalla guerra, veri orfani o disabili. La principale causa di allontanamento dei bambini dalle famiglie tramite l'adozione internazionale è la povertà.

Il lato favorevole all'adozione non riesce ad affrontare queste esternalità negative. Non esplorano mai ciò che è meglio per l'intero gruppo di coorte. Nel mondo medico, questa idea è vista attraverso l'uso del "triage". Questo termine descrive come i professionisti medici devono comportarsi in situazioni in cui sono sopraffatti da un gran numero di vittime. Ai fornitori viene insegnato a ordinare i pazienti per fare il massimo bene per il maggior numero. Anche noi dovremmo guardare all'adozione nella stessa lente. Non solo attraverso la lente degli adottati, ma spesso il secondo punto nella triade dell'adozione: le famiglie originarie. Anche loro sono spesso sofferenti e trascurati nell'equazione. David Smolin ha dichiarato questa corruzione contro le famiglie originali come:

“Le regole internazionali apparentemente consentono di offrire aiuto solo a quei genitori naturali che abbandonano i loro figli, piuttosto che richiedere che l'aiuto ai genitori naturali sia incondizionato. Pertanto, le regole internazionali consentono modelli di aiuto che creano incentivi alla rinuncia”.

In conclusione, salvare i pochi emarginati, trascurati e dimenticati non fa nulla per la stragrande maggioranza che viene lasciata indietro. Il sistema continua a corrompere e non fa nulla per spingere i paesi a cambiare. Il vero cambiamento viene da forze esterne che richiedono un cambiamento di questi paesi che stanno violando i diritti del bambino consentendo l'adozione. So che molte persone non sono d'accordo con me, ma per fare cambiamenti duraturi non possiamo fare le stesse cose del passato per aspettarci un risultato diverso.

risorse

Adozione internazionale: salvare i bambini o trattarli?

Fammi un match Episodio 209

Eredità del cucciolo di libbra

 

 

Accademico adottato sull'UNCRC e l'adozione internazionale

È fantastico che gli accademici diano il loro contributo nel campo dell'adozione internazionale, in particolare accademici che sono anche adottati all'estero.

Dai un'occhiata al più recente articolo di ricerca presentato da Patrick Noordoven che approfondisce la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (UNCRC) e l'adozione internazionale (ICA).

Cosa ne pensi?

Puoi leggere di più da altri accademici adottati internazionali.

Italiano
%%piè di pagina%%