Il dolore sopportabile di essere adottati

di Kara Bos, nato in Corea del Sud e adottato negli Stati Uniti. Kara è diventata la prima adottata internazionale coreana a combattere legalmente e ad ottenere i diritti di paternità per suo padre coreano.

Quasi un anno fa è stato confermato che ? era mio padre. È la prima volta che condivido pubblicamente il nome di mio padre.

Mentre cammino sotto questi bellissimi fiori di ciliegio e apprezzo la loro bellezza, il mio cuore continua a tentare di riparare dopo essere stato frantumato in un milione di pezzi nel corso di un anno. La conferma nel DNA nel sapere chi era mio padre, ha portato un senso di vittoria quando ero costantemente di fronte all'incertezza e mi dicevano che mi sbagliavo. La continua mancanza di comunicazione, il trattamento disumano e il non permettermi di incontrare mio padre dalla sua famiglia mi hanno spinto a reagire e a rivendicare la mia identità.

Il 12 giugno 2020 ha segnato la data in cui sono stato riconosciuto dalla legge coreana che ? era mio padre, e sono stato aggiunto nel suo registro di famiglia come ?, che avrebbe dovuto essere fatto nel 1981, quando sono nato. Anche questa è stata una vittoria nel rivendicare ciò che era perduto, la giustizia rettificata. Non ero più un orfano, con genitori sconosciuti e nessuna identità. Tuttavia, il mio unico incontro sarà per sempre inciso nella mia memoria e nel mio cuore come un film dell'orrore. Uno pieno di rammarico e cosa succede se... come ho scoperto in seguito, da agosto è stato portato in ospedale e vi è rimasto fino alla sua morte, avvenuta il 3 dicembre 2020 (86 anni).

Se non avessi fatto causa a novembre 2019, ad aprile 2020 non avrei saputo che era mio padre, non l'avrei mai incontrato e non saprei ora che è morto.

Anche se questo cuore spezzato è stato immenso, almeno lo so... è questo che significa essere adottati.

#adoptee #coreanadoptee #reclaimedidentity #origin

Leggi l'altro post di Kara: La brutale agonia della calma dopo la tempesta.

Italiano
%%piè di pagina%%