Esperienza vissuta di razzismo nell'adozione internazionale transrazziale

Una settimana fa, uno straordinario gruppo di 6 adottati transrazziali internazionali ha condiviso con me le loro esperienze di razzismo, cresciuti in un paese in cui la maggioranza razziale non riflette il colore della loro pelle e l'aspetto esteriore.

Il webinar si concentra sulle esperienze australiane perché abbiamo fornito questo forum durante l'orario lavorativo per i professionisti dell'adozione e dell'affido australiani. Secondo la mia esperienza, il collegamento con migliaia di adottati internazionali in tutto il mondo attraverso l'ICAV, il razzismo e il modo in cui lo soffriamo e lo viviamo, è un fenomeno condiviso a livello globale, indipendentemente dal paese di adozione.

Ascolta le esperienze condivise qui alla registrazione del nostro webinar panel:

Timecode per chi vuole arrivare alle parti rilevanti:

00:00:00 – 00:03:13 Introduzione e perché discutiamo di razzismo
00:03:27 – 00:04:30 Benvenuti nel paese
00:04:35 – 00:08:20 Introduzione del panel di adozione
00:08:20 – 00:41:14 Che aspetto ha il razzismo e i suoi impatti
00:41:15 – 01:09:47 Suggerimenti su come possiamo essere supportati meglio
01:09:56 – 01:23:14 Domande e risposte con il pubblico
01:23:15 – 01:26:02 Grazie e riepilogo dei punti chiave

risorse

Il nostro ultimo documento prospettico ICAV su Razzismo
Il nostro consigliato Risorse per la gara
ICAV Risorsa video include discussioni su razza e razzismo
Supporti post-adozione

Gabbie Beckley sul razzismo

Il 3 aprile 2022, un gruppo di 19 adottati internazionali australiani ha partecipato a una consultazione dell'ICAV per la Commissione australiana per i diritti umani (AHRC) che hanno sviluppato un Carta concettuale per un Quadro nazionale contro il razzismo. Riteniamo che gli adottati internazionali/transrazziali siano sottorappresentati nelle discussioni razziali in quasi tutti i paesi adottivi e volevamo assicurarci di avere voce in capitolo. I prossimi blog saranno una selezione degli input degli adottati che hanno partecipato per dare una visione più sfumata della nostra esperienza vissuta di razzismo e dei nostri pensieri su ciò che deve essere fatto per sostenerci meglio.

di Gabbie Beckley, adottato dallo Sri Lanka in Australia, assistente sociale clinico.

Parlare contro il razzismo è responsabilità di tutti

Ho sperimentato molte e varie forme di razzismo nei miei 40 anni di vita, cammino e respiro in questo mondo. Mi ha colpito in così tanti modi, come faccio a scriverli tutti? Sono cresciuta navigando in questo mondo imbiancato come una donna orgogliosa di colore, tuttavia essere orgogliosa di chi sono e di ciò che sono diventata nella mia vita non si escludono a vicenda. Ci sono voluti molto duro lavoro, ricerca dell'anima e riflessione consapevole molte volte per diventare la persona più evoluta che sono fino ad oggi, e sono un costante lavoro in corso.

Ho molte storie familiari di razzismo, che ora possono essere viste per quello che erano, nel tempo, nel luogo e nel contesto generazionale dall'oratore, non un riflesso della mia famiglia nel suo insieme.

Uno dei primi ricordi che ho è che mi è stato detto che un membro della mia famiglia ha detto: "Nessun bambino nero porterà il mio nome!" Ma una volta che sono stato messo tra le braccia del mio familiare, tutte le cazzate razziste sono svanite e sono stato trattato come tutti gli altri. Crescendo, a mia volta ho avuto un grande amore e rispetto per questa persona, ho perdonato la loro ignoranza e mi sono concentrato sul nostro amore condiviso per il cricket e il footy!

Ho avuto esperienze durante gli anni della scuola primaria che posso ancora ricordare come se fosse ieri. Essere preso a calci negli stinchi per essermi opposto a me stesso, per essere entrato in alterchi fisici con bulli razzisti. Perché gli insegnanti mi dicono: "Mi vergogno di venire dal tuo stesso paese".

Sono stato chiamato con la parola N più volte di quante ne possa contare. Ho sperimentato razzismo palese, nascosto, intenzionale e non intenzionale per tutta la mia vita. Sono stato profilato razzialmente dalla polizia, sono stato seguito nei centri commerciali dalle guardie di sicurezza.

Ho lavorato in luoghi di lavoro in cui le persone mi hanno detto "da dove vieni" e che dire dei tuoi "veri genitori". Ho avuto persone che mi hanno detto: "Il tuo inglese è così buono per qualcuno che non è nato qui". Ho avuto un capo che non mi parlava per mesi a causa di qualcosa che percepiva che avevo fatto di sbagliato. Ma non era il caso, era solo uno stronzo razzista ed ero così felice di lasciare quel posto di lavoro ed entrare nel posto di lavoro dei miei sogni!

 Non mi sono state date opportunità per promuovere la mia carriera a causa degli atteggiamenti, dei risentimenti e della meschina gelosia delle persone, che in realtà si riducono al fatto che non vogliamo lavorare per una persona di colore.

Sono stato sottovalutato, licenziato, sottovalutato e non ho visto per tutta la mia vita, motivo per cui probabilmente sono attratto dal lavoro sociale e dalla lotta per i perdenti e dal tentativo di smantellare le disuguaglianze strutturali che rimangono così radicate nella nostra società.

Sono un combattente, sono un guerriero della giustizia sociale, credo fermamente nel potere di fare la differenza e un impatto positivo sulle azioni delle persone, credo nella gentilezza e nel dare alle persone un fair-go.

In che modo questo ha avuto un impatto su di me? Ebbene, mi considero una persona che pensa e riflette profondamente sulle mie azioni e decisioni. Ho avuto la conversazione "cosa fare se vieni fermato dalla polizia" con i miei figli, sulla scia degli omicidi ben pubblicati di George Floyd, Tamar Rice, Brianna Taylor, e per non dimenticare la tragica storia delle nostre prime nazioni le persone con il più alto tasso di carcerazione per i giovani e tutte le morti nere in custodia di cui nessuno è o è stato responsabile. Sono triste, sono arrabbiato, sono costernato dal fatto che questo sia lo stato attuale delle cose in cui io e i miei figli viviamo. Eppure ho speranza, speranza che possiamo costruire una comunità che porti al cambiamento, che lavori con simili... persone di mentalità che condividono la mia passione e guidano per un cambiamento positivo.

Le mie esperienze di razzismo hanno plasmato la persona che sono, il genitore che sono e l'assistente sociale che sono. Ha un impatto sui miei pensieri, azioni e azioni. Sono consapevole di come le persone mi vedono, rispettoso di fronte ai maiali razzisti e mi rifiuto di essere attratto al loro livello. Penso che abbia avuto un impatto sulla mia salute mentale quando ero più giovane, ha causato molti dubbi su me stesso e la ricerca del mio posto in questo mondo.

Penso che una delle mie grazie salvifiche sia stata la riconnessione con la mia famiglia e cultura d'origine. Conoscerli è conoscere me stesso! Ho passato gli ultimi 22 anni a conoscere, crescere e amare la mia famiglia e sono grato ogni giorno di trovarmi in una posizione unica in cui faccio parte di due mondi e posso sedermi comodamente in entrambi. 

Cosa suggerirei di fare per affrontare meglio il razzismo sperimentato dagli adottati internazionali/transrazziali?

Credo che l'adozione non debba essere la prima risorsa. Credo che tenere unita la famiglia nei loro paesi di nascita con il supporto tramite sponsorizzazione/istruzione/attività generatrici di reddito sarebbe vantaggioso per gli adottati in generale, ma in particolare in termini di salute mentale e connessione con le loro radici e culture. Se le adozioni devono avvenire, mantenere un rapporto con la famiglia è un imperativo! Ciò include genitori naturali, zie, zii, cugini, nonni e fratelli.

Ci deve essere una maggiore enfasi sui pensieri e sui sentimenti dell'adottante in relazione all'adozione di un bambino di colore. Immergiti nella loro storia e nelle loro esperienze, invitali a seguire corsi annuali sull'impatto del razzismo e su come essere un alleato/difensore dell'antirazzismo. Chiedi loro di guardare i loro circoli di amicizia, è diverso? Rappresenta un'ampia gamma di persone culturalmente appropriate, socioeconomiche e di genere diverso?

Penso che dovremmo provare collettivamente a condividere le nostre storie ed esperienze, nella speranza che da una grande conoscenza derivano grandi responsabilità – e questo è affare di tutti!

Per ulteriori informazioni su Gabbie, leggi il suo articolo condiviso anni fa e incluso nel nostro Ricerca pagina: Diritti umani e giustizia sociale nell'adozione internazionale

Andrea condivide su Adoptee Rabbia

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Andrea Johnstone, adottato dal Canada all'Inghilterra.

Ero arrabbiato da adolescente! Volevo così disperatamente che mia madre e mio padre adottivi mi vedessero per quello che ero e che soddisfassero i miei bisogni emotivi. Non è mai successo. Ero il bullo della scuola perché ho dovuto imparare a proteggermi da tutti i commenti razziali.

I miei insegnanti di scuola mi dicevano: "Non sei altro che un negro!" Sì, è proprio così, fottuti insegnanti di scuola. Sono stato tirato su per il mio maglione e sbattuto contro il muro da un insegnante di educazione fisica che mi ha detto: "Ti odio Andrea Johnstone!" cmq!! Quindi sì, ero fottutamente arrabbiato. I ragazzi non sono mai stati puniti per il loro comportamento razziale. Gli insegnanti non avevano idea che vivessi in una famiglia molto disfunzionale: madre narcisista con un padre depressivo e passivo. Quindi diavolo sì, ero arrabbiato!

Tuttavia, le cose sono cambiate e sono andato in terapia profonda dopo un tentativo di suicidio. È stato un lungo viaggio di ritorno a se stessi. E ora sono qui a sostenere molti adottati nel Regno Unito. Quindi tutto doveva essere, poiché conosco quel dolore, conosco quella rabbia interiore. Conosco la ferita primaria perché ci sono stato.

Quella rabbia continua ancora a volte a ribollire dentro. Ma ora so come lenire il suo xx e nessun rimpianto. Tutte le mie esperienze di vita sono ciò che sono oggi. Sono una donna dannatamente straordinaria e saggia che ha imparato ad amarsi veramente e a ricordare che ero quella che stavo aspettando. Per dare a me stesso ciò di cui avevo bisogno.

Tutto il guardare fuori di me stesso, l'amore che cercavo con gli uomini, no... Posso avere una relazione sana con qualcuno solo quando ne avrò una prima con me stessa. E lascia che ti dica che ci sono voluti decenni per risolverlo.

Devi scavare a fondo, signore e signori, perché questo viaggio da adottati non è una passeggiata nel parco. xx

Per i compagni adottati che necessitano di supporto professionale, Andrea è una psicoterapeuta nell'area di Bournemouth UK, puoi metterti in contatto con lei su Psicologia oggi Regno Unito.

Demistificare la stigmatizzazione del suicidio degli adottati

Di Lina Vanegas, RSU e adottato dalla Colombia negli USA.

È vergognoso che il suicidio sia così fortemente stigmatizzato dalla società. La religione e la legge hanno contribuito alla stigmatizzazione del suicidio. La legge ha perpetuato le loro posizioni creando leggi che rendono illegale il suicidio. Ci sono 26 paesi in cui il suicidio è attualmente illegale tra cui Kenya, Bahamas e Giordania. È completamente sbagliato criminalizzare, vergognare e stigmatizzare le persone che stanno lottando e soffrendo. La religione e la legge non sono le uniche istituzioni o sistemi per farlo, ma li uso come esempio per dimostrare quanto impatto abbiano sulla società. Tutti questi pensieri vengono assorbiti dalla società che non ispira né crea empatia, compassione o comprensione per le persone che soffrono.

La vergogna e la stigmatizzazione intorno al suicidio sono evidenti nel linguaggio che usiamo per parlare di suicidio. Quando diciamo "suicidato" lo stiamo paragonando a un crimine. Non è davvero un crimine. Non diciamo che una persona ha "commesso" un cancro, un infarto, un ictus o un Covid, diciamo che qualcuno ha "commesso" un omicidio, una rapina, un'aggressione o uno stupro. Quelli sono crimini.. Il crimine intorno al suicidio è che qualcuno è morto perché stava lottando così tanto internamente, mentalmente ed emotivamente. Smettiamo anche di dire che si sono "uccisi". Ciò che ha ucciso quella persona è stata una lotta per la salute mentale e sono morti per suicidio. È essenziale creare un cambiamento di paradigma in cui guidiamo con empatia, compassione e comprensione. 

Quando le persone usano questa terminologia, stigmatizzano il suicidio. Una persona che è morta per suicidio ha amici, familiari, vicini, conoscenti e persone care. Quando sentono questa scelta di parole, li feriscono e sono già alle prese con la stigmatizzazione di una morte suicida. Potresti conoscerli, ma probabilmente non ti parleranno della loro perdita dopo aver sentito che usi un linguaggio così offensivo e insensibile.  

La società occidentale stigmatizza e svergogna coloro che lottano con problemi di salute mentale e malattie mentali. Ci sono una miriade di espressioni e cose che usano suicidio nel nome/titolo che sono offensive e crudeli per coloro che hanno (o stanno) lottando con pensieri/ideazioni suicidarie, hanno tentato il suicidio e per quelli di noi che hanno perso una persona amata uno al suicidio. Le persone useranno l'espressione abbastanza liberamente "Sto per uccidermi" e "Mi ucciderò e basta" e "Vai a ucciderti". Questi sono pugnali per coloro che sono stati colpiti dal suicidio. Questi commenti sono completamente sordi, insensibili e crudeli e riflettono la generale mancanza di comprensione ed empatia intorno al suicidio.

Dobbiamo rendere la discussione sul suicidio degli adottati una conversazione continua e regolare. Non ci basta parlarne sporadicamente. Questa conversazione deve essere fatta trecentosessantacinque giorni all'anno. Gli adottati lottano e soffrono ventiquattro ore, sette giorni alla settimana e trecentosessantacinque giorni all'anno. La statistica secondo cui gli adottati hanno 4 volte più probabilità di tentare il suicidio proviene da una ricerca pubblicata nel 2013 dall'American Academy of Pediatrics. 

Abbiamo bisogno di ricerche attuali fatte sugli adottati in tutto il mondo. Sto scrivendo dagli Stati Uniti, quindi le organizzazioni ideali per finanziare e condurre questo sono la fondazione americana per la prevenzione del suicidio e l'Associazione americana di suicidio. Questi studi aiuterebbero a informare la prevenzione, la sensibilizzazione e l'educazione. Fino a quando la società non si renderà conto della crisi di salute mentale che stanno affrontando gli adottati, continueremo a lottare in silenzio. Siamo una comunità invisibile e oppressa che lotta letteralmente per le nostre vite. Abbiamo un disperato bisogno di sostegno e prevenzione del suicidio. 

Volevo rendere omaggio e onorare i due adottati che sono morti questo mese. Erano entrambi adottati transrazziali internazionali. È fondamentale sottolineare che esiste un legame tra questo e le lotte per la salute mentale, il razzismo e il suicidio. Molti di noi sperimentano microaggressioni e razzismo perché non siamo bianchi. Queste esperienze hanno un impatto sulla nostra salute mentale. I genitori adottivi non hanno idea di cosa significhi in quanto non sperimentano questi incidenti e molti preferiscono non vedere la nostra razza in modo che non ci aiuti. Alcuni genitori adottivi perpetuano il razzismo e le microaggressioni che incidono sulla nostra salute mentale. 

Alejandro Gobright è morto il 2 giugno. È stato adottato dal Guatemala negli Stati Uniti. È descritto da un tributo che ho letto come "un grande cantante, poeta e amico incredibile".

Seid Visin morì il 4 giugno. Fu adottato dall'Etiopia in Italia. Ha giocato nelle giovanili del Milan e del Benevento. Ha spiegato in una lettera prima della sua morte suicida come soffriva di continui abusi e trattamenti razziali. È essenziale sottolineare che suo padre adottivo ha fatto di tutto per sottolineare dopo la morte di Seid che il razzismo non ha avuto un ruolo nella sua morte. Questo è un chiaro esempio di un genitore adottivo che ignora, non ascolta e non vuole affrontare le difficoltà che Seid stava affrontando.

Sono estremamente triste e arrabbiato ogni volta che scrivo di suicidi di adottati. Queste morti hanno un impatto sull'intera comunità degli adottati. Alejandro e Seid sono una parte di tutti noi. Ci sono all'incirca dai cinque ai sette milioni di adottati nel mondo ed è ora che si inizi a parlare di suicidio degli adottati. 

Leggi gli altri articoli di Lina su Adoptee Suicide, Parte 1 & Parte 2.

Altre risorse sul suicidio degli adottati

Affrontare il suicidio dell'adottato
Pagina commemorativa dell'ICAV
Giornata della memoria degli adottati
È una settimana nera per gli adottati in Europa
In memoria di Seid Visin

Il razzismo come adottante asiatico

di Josh Woerthwein adottato dal Vietnam negli Stati Uniti.

Ho deciso di condividere le mie esperienze con il razzismo, perché gli eventi attuali mi hanno fatto ricordare il passato. Non prendiamola in giro: molto peggio è successo a persone molto migliori di me. Ma penso che sia importante che la gente sappia che il razzismo esiste da decenni; in realtà è il passatempo preferito dell'America. Penso solo che una certa persona abbia esacerbato la situazione nel modo in cui ha scelto di riferirsi al Covid-19. E per qualche ragione, ha autorizzato i razzisti codardi ad attaccare uomini e donne asiatici anziani (per lo più da dietro, perché non hanno la forza d'animo testicolare per mostrare effettivamente i loro volti) e commettere atti di omicidio di massa.

Io e mia madre adottiva, aprile 1975

LA MAGGIOR PARTE delle persone con cui sono amico sui social media sono persone che ho effettivamente incontrato. C'è una manciata che non ho. Quindi, per quelli di voi che non ho incontrato faccia a faccia, un po' di storia: sono nata in Vietnam nel 1974, adottata da una famiglia bianca nel 1975 (ho tre fratelli, uno è la loro figlia biologica, e hanno adottato altri due bambini, entrambi metà neri e metà bianchi), cresciuti nel centro-sud della Pennsylvania, e non hanno lasciato la zona fino a quando non sono andato all'università. In modo indiretto, sono finito nell'area della metropolitana di New York e sono qui dal 2001.

Sono abbastanza sicuro di aver represso molto di ciò che è successo durante la mia infanzia, ma la maggiore copertura mediatica della violenza basata sul razzismo e dei crimini d'odio nei confronti degli asiatici mi ha fatto ricordare "i bei vecchi tempi". Stavo pensando alla prima volta in cui riesco a ricordare qualcosa di razzista che è stato detto o fatto nei miei confronti, che ha aperto le porte. Sarà lungo, quindi prendi un caffè e goditi il viaggio lungo la mia memoria!

  • Non me lo ricordo perché ero troppo giovane ma me ne ha parlato mia madre: un'amica di mia madre mi ha visto nel passeggino e ha detto che assomigliavo quasi a mia mamma, e ha chiesto a mia mamma se sarebbe stata operata fatto sui miei occhi in modo che potessi assomigliare ancora di più a lei. Mia madre, scioccata, è tornata con: "Che ne dici di operarmi gli occhi così sembro più come LUI?". La sua amica era ancora più scioccata e disse: "Perché dovresti fare una cosa del genere?!" Sono abbastanza sicuro che non fossero più amici dopo. Mia madre è stata anche ringraziata numerose volte da un numero qualsiasi di persone quando era fuori con me per "averlo salvato dai comunisti sporchi".
  • All'età di 5 o 6 anni, all'asilo, ricordo altri bambini che mi prendevano in giro dicendo "Cinese, giapponese, ginocchia sporche, guarda QUESTI", e quando dicevano "QUESTI", tiravano su e fuori gli angoli esterni degli occhi per imitare (presumibilmente) i miei occhi.
  • Nel mio quartiere, uno dei fratelli maggiori di un mio amico mi ha soprannominato "Hadji". Penso che abbia detto che era perché gli ricordavo Hadji nei cartoni di Jonny Quest. Si è bloccato. Nel mio quartiere mi chiamavano sempre "Hadji" fino a quando non me ne sono andato, verso i 19 anni.
  • Quando avevo 8 anni, stavo tornando a casa da casa di un amico e un ragazzo più grande (probabilmente aveva 16 anni) ha provato a spararmi alla testa dalla finestra della sua camera dall'altra parte della strada con una pistola a pallini. Era un brutto tiratore e invece mi ha colpito all'anca destra. Quando è stato interrogato dalla polizia, ha detto che voleva solo "sparare di inclinazione".
  • La stessa casa di un amico da cui stavo tornando a casa, me ne ero appena andato perché suo padre mi ha detto: "Ho usato per sparare a lil gook come te dal mio Huey in 'Nam".
  • Sono stato chiamato "slant" o "chink" un paio di volte alla settimana alle elementari.
  • Questo è cambiato in "gook" e "zipperhead" o "zip" nella scuola media.
    The More You Know: lo sapevi che "gook" deriva dalla parola coreana per America/Americans, che è "miguk"? Sembra "me gook", quindi durante la guerra di Corea, gli americani probabilmente pensavano che i coreani stessero dicendo "me, gook", trasformandolo in un epiteto e chiamando i coreani "gooks". Questo, ovviamente, si è trasferito a tutti gli asiatici, dal momento che sai che sembriamo tutti uguali per i bianchi. Inoltre, "zipperhead" deriva da quando i soldati americani colpivano un soldato coreano o vietnamita alla testa con il calcio dei loro fucili d'assalto, aprivano le loro teste come una cerniera. "Zip" è solo una forma abbreviata di esso.
  • Quando sono arrivato al liceo, si era trasformato in "Charlie", "VC" e "riceboy". "VC" deriva ovviamente da "Viet Cong" alias "Victor Charlie" alias "Charlie". "Riceboy" è quello che è stato usato di più però.
  • Mi è stato anche detto di tornare nel mio paese una moltitudine di volte per tutto il tempo che posso ricordare fino alla terza media.
  • Al liceo tenevo un pennello e un barattolo di vernice nel mio armadietto al liceo che si abbinavano al mio armadietto, perché potevo dipingere sopra le svastiche che erano rimaste sul mio armadietto più velocemente di quanto mi ci sarebbe voluto per far venire la manutenzione a farlo.
  • All'inizio della nona elementare, un ragazzo Mike mi ha detto di tornare nel mio paese e ho deciso di dirgli di tornare al suo. Non ero un bambino molto grande. Praticamente mi ha preso in braccio e mi ha buttato giù da una rampa di scale che mi ha rotto entrambi i polsi. È stato sospeso per tre giorni.
  • Durante le scuole medie e superiori, mi è stato chiesto numerose volte dai compagni di classe bianchi: "Le tue donne asiatiche hanno le fighe inclinate, perché i tuoi occhi sono inclinati?"
  • Sarei ricco se avessi un nichelino per il numero di volte in cui mi è stato chiesto se conoscevo il kung fu o il karate, seguito da un debole colpo di karate e "hi-yaaaaaaaaaa". A questo punto della mia vita, non conoscevo un po' di arti marziali. Lo stesso vale per essere chiesto se ho mangiato cani e gatti.
  • Il KKK e la WAR (White Aryan Resistance) erano entrambi essenzialmente dei club nel mio liceo (non sanzionati dalla scuola ma la scuola non ha fatto nulla per la loro presenza).
  • Al liceo (circa 1.200 studenti e meno di mezza dozzina di noi non erano bianchi), un ragazzino è stato beccato con qualcosa come quattro fucili e 2.000 proiettili nella cabina del suo camioncino. Quando gli è stato chiesto perché, ha detto che era "per pulire la scuola da tutte le persone di fango". Pensavo fosse solo un terribile tiratore. Non sarebbe stato catturato se qualcun altro non l'avesse visto e non ne avesse parlato con il preside, dato che era strano vederlo al di fuori della stagione di caccia.
    Ho conosciuto una simpatica ragazza cattolica al liceo alla pista di pattinaggio locale. È arrivato al punto in cui le ho chiesto di uscire e lei ha accettato. Sono andato a casa sua a prenderla durante il nostro appuntamento serale e suo padre ha aperto la porta. La conversazione è andata così:
    IL SUO PAPÀ: Chi cazzo sei?
    IO: Josh, sono qui per prendere Colleen per il nostro appuntamento.
    SUO PADRE: Non succederà, ed ecco perché: non sei irlandese. Probabilmente non sei cattolico. E tu di sicuro non sei bianco, quindi è meglio che ti allontani dalla mia proprietà prima che prenda il mio fucile.
    Inutile dire che da allora non ho mai provato a uscire con una donna cattolica.
  • In terza media, ho lanciato un giocatore di football Jamie attraverso una finestra nel bel mezzo della mia lezione di inglese. Per gran parte della classe, ha continuato a sussurrare, "Hey riceboy" dall'altra parte della stanza. Immagino che sia stato solo un decennio e più di rabbia repressa che finalmente è arrivata al culmine. Sono cresciuto quacchero... pacifista. WWJD e tutte quelle stronzate. Mi sono alzato dalla sedia, ho attraversato di corsa la stanza, l'ho strappato dalla sedia e l'ho lanciato attraverso una finestra di sicurezza in rete metallica (eravamo al primo piano, non è caduto molto lontano). Sono stato sospeso per tre giorni. Dopo di che, però, nessuno durante il resto del mio anno da junior o da senior al liceo mi ha detto niente di razzista, mai più, a scuola.
  • Ero andato da Denny's con due amici, Leah (un'adottata coreana) e il suo ragazzo Jeffrey (un ragazzo bianco italiano). A Jeffrey piaceva vestirsi in stile punk e indossava Doc Martens nere con lacci rossi. Eravamo seduti lì e un gruppo di skinhead è venuto al nostro tavolo e ha chiesto a Jeffrey perché era seduto con "due delle persone del fango". Jeffrey era confuso. Hanno detto che solo gli skinhead guadagnati possono indossare Docs neri con i lacci rossi (come ho scoperto in seguito, Doc Martens neri con i lacci rossi o bianchi, allacciati in un certo modo, significa che sei uno skinhead, o hai partecipato a un boot party dove calpesti e prendi a calci qualcuno). Hanno finito per inseguirci da Denny's alla nostra macchina. Mentre mi sedevo al posto di guida, uno mi afferrò al collo attraverso la portiera. Ho sbattuto la portiera sul suo braccio alcune volte finché non ha lasciato la presa ed è tornato su uno di loro che era dietro l'auto (è rotolato sul tetto/cofano). Non so cosa sia successo al terzo. Siamo scappati e non siamo mai più andati da Denny's.
  • Alla fine sono uscito da Bumblefuck, Pennsylvania, e sono andato all'università. Almeno avevano più gente nera e marrone in giro, quindi è stato un bel cambiamento. Stranamente, ho provato a unirmi alla Asian American Student Coalition/Association e mi è stato praticamente negato di non essere "abbastanza asiatico". Non potevo vincere da nessuna parte.
  • Ho iniziato quello che pensavo fosse un bel rapporto con questa donna italiana quando ero una matricola. Ci siamo frequentati per alcuni mesi, poi mi ha fatto il fantasma. Sono stato finalmente in grado di mettermi in contatto con lei e lei ha detto: "Stavo solo usando il tuo culo obliquo per vendicare il mio ragazzo".
  • Detto questo, non ho avuto a che fare con molto razzismo mentre ero lì.
  • Stavo andando a Philadelphia e la mia macchina ha forato una gomma. Era sera (era buio) ed ero sul lato dell'autostrada Schuylkill. Se conosci l'area, c'è tipo zero spalla. Comunque, stavo rovistando nel bagagliaio per estrarre il cric quando un'auto si è fermata dietro di me. È stato bello perché i loro fari mi davano più luce. Ho sentito una persona chiedere: "Hai bisogno di aiuto?" Mi sono girato e ho detto “No” e i due ragazzi che si stavano avvicinando a me, le loro espressioni sono cambiate immediatamente. Indossavano il tipico abbigliamento neonazista: anfibi, pantaloni militari e giacche. Sono venute fuori le osservazioni razziste, dicendomi di tornare nel mio paese, ecc. Uno ha tirato una catena e ha iniziato a frustarla, l'altro ha tirato fuori un coltello. Hanno iniziato ad avvicinarsi a me e sono andato in modalità attacco. In realtà avevo iniziato a frequentare una scuola di karate il mio primo anno di college ea quel punto ero cintura marrone. Ho avuto tre anni di allenamento 5 giorni alla settimana e numerosi tornei al mio attivo. Ragazzo delle catene: Ho piegato la sua gamba all'indietro al ginocchio. Ragazzo coltello: sono stato in grado di afferrare il braccio del suo coltello, la gamba lo ha spazzato e gli ho schiacciato il plesso solare. Ho finito di cambiare le gomme e le ho lasciate sul ciglio della strada.
  • Avanti veloce di alcuni anni all'azienda con cui lavoro da 20 anni. Ci sono stati tre incidenti lì durante i miei primi cinque o sei anni. Il primo, un autista delle consegne stava camminando vicino a me nel magazzino e mi ha chiesto dove fosse la scuola di karate, seguita da un finto colpo di karate e "hi-yaaaaaa". In realtà era così tanto tempo che non sentivo dire nulla di razzista nei miei confronti, il mio primo pensiero è stato: "Aspetta, abbiamo una scuola di karate qui adesso?"
  • Un collega con cui avevo avuto a che fare al telefono per mesi, che finalmente ho incontrato di persona a una conferenza, mi ha detto: “Il tuo inglese è così buono, non mi aspettavo che uno come te lo parlasse così bene ”.
    Stavo mangiando cibo cinese con altri tre colleghi nel nostro piccolo quadruplo e un collega più anziano stava passando, ha fatto capolino, ha guardato uno di loro e ha detto: "Ehi Billy! Mangiate tutti quel cibo scadente adesso, eh?!” e sinistra. Ho perso la mia merda. È tornato più tardi per scusarsi e la conversazione è andata così:
    JOE: Ehi Josh, non volevo offenderti con quello che ho detto prima. È solo che, sai, ho combattuto nella guerra di Corea e mi hanno davvero incasinato un fianco. Ma posso capire il tuo inglese, quindi sei a posto nel mio libro. (Tieni presente che LAVORIAMO PER UN'AZIENDA DI PROPRIETÀ ASIATICA!!!)
    IO: Ehi Joe, se aprirai la bocca con me ancora una volta, ti romperò l'altra fottuta anca e ballerò sulla tua tomba.
    Dopo che l'ho segnalato alle risorse umane, il suo impiego è stato interrotto.
  • Ho notato che "Parli bene l'inglese" è qualcosa che mi viene detto di più da adulto (non era qualcosa che avevo sentito molto alle elementari/medie/superiori).
  • Alcuni anni fa, ero al normale abbeveratoio con alcuni amici, la maggior parte non bianchi. Una donna bianca a caso da fuori città (penso dal Texas) ci ha detto che stava facendo un film sugli aviatori di Tuskegee e ci ha detto che lo stava chiamando "The Flying N*ggers". Inutile dire che abbiamo tentato di non parlarle per il resto della serata. Più tardi, eravamo fuori a fumare e lei stava cercando di attirare la nostra attenzione. Ha chiamato il mio buon amico "Maleek" (non è il suo nome) e mi stava chiamando "Pol Pot". "Maleek" alla fine si è girato ed è stato tipo "COSA?!" e ha fatto piccoli movimenti svolazzanti con le mani e dice, "FLYING N*GGERS!" Il mio amico con rabbia è tornato dentro perché probabilmente non voleva provocare la situazione, ma mi sono rivolto a lei e le ho detto: "Vieni qui". Quando si è avvicinata abbastanza a me, le ho sussurrato all'orecchio: "Se apri la bocca ancora una volta, metterò i tuoi denti su questi gradini e ti calpesterò lentamente la testa finché non finirai per ingoiare il tuo lingua”, fece un passo indietro e sorrise. Raccolse le sue cose e se ne andò.
  • Quando vivevo in Ohio, sono andato in metropolitana per prendere un panino e la donna che lavora lì ha iniziato a chiacchierare con me come se mi conoscesse. Mi ha persino chiesto come stava mio fratello Vinh. Allora ho detto che non avevo idea di chi stesse parlando e lei mi ha chiesto se ero così e così. Ho detto no, non lavoro in quel salone di bellezza. Ha detto: "Oh mio errore. Tutti voi giapponesi mi assomigliate.»
  • Vivendo anch'io in Ohio, mi prendevo cura del figlio della mia ragazza (sono entrambi neri). Lei aveva fame, io ero pigro, quindi abbiamo attraversato la strada fino a Denny's, tra tutti i posti. Eravamo seduti nella sezione posteriore. Altri due tavoli erano seduti, portavano menu, acqua e servivano prima che qualcuno venisse a darci i menu. Alla fine l'ho portata da un'altra parte per un panino e, uscendo, ho chiesto al direttore se era normale che Denny's fosse apertamente razzista nei confronti dei suoi clienti non bianchi. Ho spiegato cosa è successo, si è scusata e ha offerto un pasto gratuito. FOH.
  • Alla domanda: "Da dove vieni?" rispondendo con “Pennsylvania” perché è da lì che mi sono identificato dall'essere, e poi ho chiesto: “No, da dove vieni VERAMENTE? Tipo, cosa sei?"

Ho fantasticato su tutti i modi in cui avrei potuto uccidermi praticamente per la scuola elementare durante il mio primo anno di liceo. C'è stato un tentativo fallito da cui mi ci è voluto un po' per riprendermi. Tutto questo è successo prima di Trump. E la cosa più schifosa è che di solito presumo che le persone siano razziste finché non dimostrano il contrario.

#StopWhiteTerrorismo

Parole dolorose

di Wes Liu, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Il COVID continua a diffondersi all'interno delle nostre comunità perché le persone continuano a mancare di serietà quando lo affrontano. I cinesi continuano ad essere accusati. Mentre le etnie asiatiche includono innumerevoli culture uniche, belle e distinguibili, molti che sono al di fuori della diaspora asiatica non possono dire la differenza. Ciò si traduce in chiunque appaia asiatico (in particolare dell'Asia orientale) per essere rimproverato con insulti razziali, battute sul mangiare pipistrelli e commenti del tipo "torna al tuo paese". Questi eventi sono diventati più frequenti a causa del COVID-19.

Non posso cambiare la forma dei miei bellissimi occhi. Non posso cambiare la mia eredità, né posso cambiare il modo in cui le persone parlano. Ma posso condividere quanto possano essere offensive le parole. Come pensi che ci si senta per la mia lingua ad essere inscatolata in "Ching Chong Ching Chong"? Quanto pensi che sia doloroso sentirsi dire che non sono degno della vita a causa del mio aspetto fisico? Quanto pensi che abbia imparato a odiare o vergognarmi della mia cultura che ha una storia che risale a secoli fa? Quanto pensi che abbia paura di presentarmi in pubblico perché potrei essere la prossima vittima di aggressione, solo per il mio aspetto?

Non va bene mettersi al di sopra di qualcuno e della sua cultura a causa della tua ignoranza e mancanza di comprensione. E solo perché ascolti k-pop e guardi anime non fa di te un esperto di giapponese. E no, non ho intenzione di fare i compiti di matematica per te. Non chiedere: "Che asiatico sei". Invece forse chiedi: "Qual è la tua etnia?"

Guarda le tue parole. Sono cinese e sono bella. Sono asiatico americana e sono bella.

Guardare La conversazione su YouTube di Wes sulla gestione del razzismo con la FCCNY.

Possiamo ignorare o negare che il razzismo esiste per gli adottati di colore?

Siamo nel bel mezzo di tempi senza precedenti con il COVID-19 che sta conquistando il mondo, ma come un asiatico adottato all'estero cresciuto in un paese adottivo bianco, mi ritrovo ancora una volta, in quello scomodo spazio "in mezzo". Ho vissuto l'esperienza di essere seduto tra due culture e razze molto diverse: est e ovest. Sono un prodotto di entrambi, ma in questo momento mi vergogno di come gli esseri umani possono comportarsi e trattarsi a vicenda quando alla fine siamo della stessa razza umana.

Questa è solo una piccola raccolta di articoli che sono stati pubblicati sugli aumenti del razzismo contro gli asiatici dopo il COVID-19. È osservato in tutti i paesi del mondo.
Il consolato coreano di Montreal emette un avviso di sicurezza dopo che un uomo è stato accoltellato
Il procuratore generale di New York ha istituito una linea diretta per denunciare i crimini d'odio contro gli americani di origine asiatica
Gli attacchi razzisti contro gli asiatici continuano ad aumentare man mano che cresce la minaccia del coronavirus
L'FBI avverte di un potenziale aumento dei crimini d'odio contro gli americani asiatici in mezzo al Coronavirus
Momento disgustoso Madre razzista insulta i pendolari mascherati
Elenco di Wikipedia di incidenti di xenofobia e razzismo relativi a COVID-19

Sono cresciuto con la mentalità bianca del mio paese adottivo, ma ho anche trascorso più di un decennio abbracciando la mia eredità asiatica, una volta rimossa. Il mio attuale orgoglio di essere asiatico non è avvenuto facilmente perché sono stato adottato in un'era senza istruzione per informare i genitori che il nostro patrimonio culturale e razziale è di immensa importanza. Ho dovuto dedicare anni di sforzi concertati per reclamare la mia eredità, razza e cultura di nascita. Quindi trovo questo periodo di palese razzismo contro cinesi/asiatici molto impegnativo. Mi ricorda come una volta odiavo la mia stessa asiaticità. Da bambina sono stata presa in giro per il mio aspetto diverso, presa di mira per i miei occhi a mandorla, il naso piatto e il profilo non europeo. Sono cresciuto isolato essendo l'unica persona non bianca nella mia comunità da bambino. So che per molti adottati asiatici (e molti adottati di colore) in questo momento, dobbiamo rivivere quei momenti razzisti da capo.

Ciò che è stato particolarmente scatenante di recente, è vedere il presidente americano scegliere di parlare consapevolmente del disastro COVID-19 con le dita puntate a un'intera razza, definendolo il "virus cinese". Mi sono sentito personalmente offeso. Hai fatto?

Quando un leader della superpotenza mondiale etichetta un'intera razza in modo così negativo, ci dice apertamente che il razzismo è molto reale, agito dai più alti poteri. Fanno sembrare che sia "normale", "okay", "giustificato" farlo, ma il razzismo non dovrebbe mai andare bene! Quindi famiglie adottive, se non avete riconosciuto che noi adottati internazionali e transrazziali sperimentiamo ogni giorno micro aggressioni razziali, spero che questo periodo nel tempo sia il vostro campanello d'allarme!

Il razzismo è uno dei problemi più comuni che noi adottati all'estero finiamo per dover affrontare. Affrontare il razzismo e dover spiegare costantemente perché sembriamo asiatici (o di qualsiasi colore diverso dalla maggioranza) ma parliamo, pensiamo e agiamo come una persona bianca nel nostro paese adottivo è una sfida costante. Questo è stato documentato in molte delle risorse a cui noi adottati contribuiamo e creiamo, ad es. Il colore della differenza e Il colore del tempo. Purtroppo, non tutti i genitori adottivi riconoscono il razzismo che sperimentiamo e molti non sono sicuramente in grado di sapere come prepararci per questo.

Alcuni genitori adottivi più svegli hanno recentemente chiesto cosa possono fare per sostenere i loro figli adottivi di origine asiatica. Condivido questo consiglio di Mark Hagland, un adottato coreano che ha coeducato genitori adottivi in questo gruppo facebook per molti anni:

Penso che i genitori debbano assolutamente trovare il modo di spiegare la situazione e l'ambiente ai loro figli asiatici. Naturalmente, qualunque cosa dicano deve essere adeguata all'età e sensibile al temperamento individuale e allo stadio di sviluppo del proprio figlio/i. E ogni bambino è diverso. Ma tutti i bambini meritano la verità, condivisa con sensibilità e amore, ovviamente.

Alcuni genitori inevitabilmente diranno cose come: “Oh, non potrei assolutamente fare del male a mio figlio! Voglio che lei/lui rimanga innocente il più a lungo possibile!” Qualsiasi sentimento del genere rivela il privilegio bianco. Tutti i bambini di colore finiscono per sperimentare il razzismo. La cosa meno amorevole possibile è evitare di preparare il proprio figlio a sperimentare l'inevitabile. Molto meglio spiegare amorevolmente al proprio figlio che ci saranno esperienze difficili là fuori, ma che andranno bene perché saranno supportati da voi, i loro genitori.

Dico spesso ai genitori di bambini piccoli che anche i bambini più piccoli possono capire il concetto di equità. Inizia con quello, se hai un bambino piccolo. Inizia con l'idea che alcune persone sono cattive/sleali solo per l'aspetto di una persona o per la sua provenienza. È cattivo/ingiusto. Con un bambino piccolo, dobbiamo prepararlo senza impartire paure o traumi.

Da giovane mi sono assicurata di trasferirmi in una città molto grande, diversificata, accogliente e progressista per vivere nel comfort psicologico. E questa è letteralmente la prima volta da adulto che sono anche minimamente preoccupato di subire aggressioni o micro aggressioni contro di me personalmente, nella città in cui vivo. Credo che andrà tutto bene, ma chi può dirlo con certezza?

Anch'io sono stato come Mark e da adulto ho finito per trasferirmi in una zona della città molto più diversificata di quella in cui sono cresciuto. Nella mia città di Sydney, in Australia, ho trovato un posto a cui appartenere dove non sono l'unica persona asiatica o non bianca nella mia comunità. Mi sono anche sposato con una famiglia asiatica che mi ha aiutato immensamente ad abbracciare la mia razza.

Per i giovani adulti adottati, se in questo momento stai lottando a causa dell'aumento del razzismo che vedi diretto verso gli asiatici da COVID-19, consiglio vivamente di aderire gruppi guidati da adottati e comunità in cui puoi connetterti con gli altri ed essere supportato dai tuoi colleghi. Non c'è niente come poter parlare liberamente tra un gruppo di persone che capiscono com'è! La convalida e il supporto tra pari sono inestimabili. Se ti sei trovato molto eccitato e in difficoltà emotive, cerca ulteriore supporto professionale e circondati di una forte rete di supporto di persone che capiscono cosa vuol dire essere una minoranza razziale. Ecco anche un collegamento con alcuni ottimi consigli.

In questo momento non è un momento facile per nessuno, ma per gli adottati e qualsiasi persona di colore, è un momento più intenso per essere bersaglio di atti/commenti razzisti e/o per essere innescati. Per favore, prenditi del tempo per coltivare te stesso e unisciti a comunità che fanno del loro meglio per supportarti e capirti. Facciamo tutti:

Un post strettamente correlato che abbiamo condiviso in precedenza, Non vedo il colore.

Superare il bullismo

Bloccato da FaerieWarrior

Ciao, potresti chiamarmi FaerieWarrior e sono un artista cinese che è stato adottato in America nel 1997 a circa tredici mesi. Sono stata cresciuta da una madre single e ho sempre avuto la passione per il disegno. Attualmente ho una laurea in educazione (k-12) e arte. Mi piacerebbe tornare al college e potenzialmente ottenere un master in arte. 

Sopra c'è uno dei miei disegni che chiamo “Bloccato”. Esprime come dopo essere stato vittima di bullismo in 7th/8th grade e come ho sempre tenuto per me i miei sentimenti e le mie emozioni. Tendevo a tenere le persone a distanza e non mi aprivo mai veramente. 

Il bullismo è iniziato a metà della sesta elementare e si è intensificato alla settima/ottava classe. Il ragazzo più popolare della nostra classe è venuto da me durante la ricreazione e mi ha detto che aveva una cotta per me. Io, essendo un intellettuale e non mi piaceva affatto questo ragazzo, ho detto: "Ew, no!" Quindi, per i due anni successivi, sono stato vittima di bullismo su varie cose dal mio aspetto, i miei hobby e il mio cosiddetto "fidanzato" (il mio amico d'infanzia che ha frequentato una scuola diversa e no, non uscivamo insieme). 

Probabilmente dovrei dire che circa 85-90% della mia classe erano americani bianchi. Le altre etnie della nostra classe erano: una ragazza ispanica, una ragazza filippina e una ragazza cinese (io). Dato che siamo andati tutti in una scuola cattolica K-8, anche noi siamo stati cresciuti cattolici. 

Sono stato per lo più vittima di bullismo su quanto fossero "lunghi e disgustosi" i miei capelli (continuo a tenermi con orgoglio i capelli lunghi) insieme al mio amore per la lettura. Mentre leggevo, alcune persone mi lanciavano oggetti casuali per vedere se me ne accorgevo. Pennarelli, graffette, testine di gomma, ecc. erano i proiettili principali. Una volta a lezione di musica, il ragazzo che si dichiarava cotta per me ha lanciato una penna rotta che mi ha colpito sull'assegno. 

Il gruppo di "amici" di cui facevo parte, per lo più mi ignorava a meno che non avesse bisogno di aiuto con i compiti scolastici (di solito mi veniva dato il compito di fare gli esperimenti e le spiegazioni per i laboratori di scienze). Altre volte mi escludevano dalle loro conversazioni o progetti in piccoli gruppi con lo sprezzante, "Dovresti lavorare con altre persone e cercare di fare amicizia", mentre continuavano a lavorare con le stesse identiche persone. Tali ipocriti.

Non solo, c'erano due (o tre, non ricordo bene) ragazzi che sarebbero stati super raccapriccianti e stranamente sessuali nei miei confronti. Quando lo stronzo che l'ha iniziato camminava per l'aula, camminava intenzionalmente dietro di me e mi accarezzava la schiena mentre passava. Ogni singola volta. Questo mi ha portato a odiare essere toccato, specialmente quando proviene da uno sconosciuto o inaspettato. Quel ragazzo ha persino avuto il coraggio di dirmi che avrebbe "Fammi diventare la prossima mamma adolescente" (ai tempi in cui quello show televisivo era una "cosa"). Ho risposto con "Non ti avvicineresti mai abbastanza per provarci", mentre gli davo un calcio nello stinco sotto il tavolo.

C'è stato un solo incidente in cui la mia etnia era sotto tiro. Qualche strano ragazzo a caso che aveva una relazione di amore/odio con me mi ha chiamato un insulto razziale (alcuni giorni diceva di essere innamorato di me e il giorno dopo mi odiava a morte). Ero un po' confuso perché non avevo mai sentito quella parola prima in vita mia. Tornai a casa e cercai nel dizionario. Non mi importava particolarmente perché avevo un senso di scopo su chi ero e cosa sono qui per fare. 

Beh, sto divagando da un po' quindi se vuoi saperne di più su questo periodo della mia vita, ho una storia speedpaint in cui disegno e ti racconto in modo più approfondito i miei anni da giovane (sono circa 20 minuti a lungo quindi spero che tu abbia dei popcorn). Puoi trovarlo qui.

Quando ho raggiunto il liceo, ho iniziato a scontrarmi con mia madre adottiva. Non mi esibivo al livello che lei voleva e ogni anno dal secondo anno all'ultimo anno ho lottato in una classe. Abbiamo anche avuto molte idee diverse su quale dovrebbe essere il mio percorso professionale (non mi ha supportato come artista professionista). Mi sentivo costantemente come una delusione e che non valevo nulla. Dalla mia conseguente autostima rovinata, fiducia distrutta e anni di bullismo e abusi, quei sentimenti sono diventati una sensazione generale di delusione per i miei talenti.

CNY 2020 Anno del Topo di FaerieWarrior

Ad ogni modo, per una conversazione più spensierata, sopra c'è un disegno che ho fatto per il capodanno cinese 2020. È stato un disegno divertente da realizzare. Sono nato nell'anno del topo e mi diverto sempre a "celebrare" il capodanno cinese. Ogni anno chiedevo a mia madre di comprarmi cibo cinese e cambiavamo l'animale di pezza che bazzica in cucina (abbiamo tutti i berretti dello zodiaco cinese). La ragazza ha il simbolo cinese di “metallo” sul petto perché quest'anno l'elemento è il metallo. I colori fortunati per i ratti sono oro, blu e verde. Quindi ho incorporato l'oro nel vestito e il blu negli occhi del topo. Il fiore fortunato per i topi è il giglio, quindi li ho aggiunti come accessori per capelli dato che indosso sempre un fiore tra i capelli. 

Sono cresciuto con molti libri sul mio paese d'origine e la sua cultura/tradizioni, quindi sono cresciuto sempre orgoglioso della mia eredità. Amo molto l'idea/i concetti dello zodiaco e ne farei un vero nerd (cioè ho compilato note sui tratti della personalità, le relazioni da fare e da non fare, ecc.). Quando ero un bambino, mia madre mi ha portato a lezioni di cinese in cui ero troppo timida e asociale per partecipare davvero, cosa di cui mi pento ora.

Quindi con la testa tra le nuvole e con tutte le mie esperienze passate, mi diverto a creare arte e storie che spero avranno un impatto sugli altri in futuro.
Se vuoi vedere altri miei lavori, puoi seguirmi su DeviantArt.

Sì, noi amiamo questo paese.

Sei una cameriera, una ragazza alla pari o una prostituta? Ho sentito tutto questo durante la mia infanzia e la mia carriera professionale in Norvegia.

Una cronaca norvegese di maggio Martinsen, CEO di Gruppo Irmi. Scritto in collaborazione con l'organizzazione norvegese Adoptionforum e tradotto dal originale articolo pubblicato sui giornali norvegesi.

Ho iniziato a scrivere questo testo nove anni fa, ma è stato archiviato e archiviato perché non osavo alzarmi in piedi. Siamo riusciti a infrangere il codice e ad avere un paese senza razzismo?

Secondo Norwegian People's Aid, le persone in cerca di lavoro con nomi stranieri hanno il 25% in meno di possibilità di essere intervistate e il 43% degli immigrati dall'Africa, dall'Asia e dall'America Latina era sovraqualificato nelle posizioni in cui lavorava (2012). In Norvegia abbiamo la sezione 185 del codice penale, nota anche come sezione sul razzismo, ma può sembrare che non siamo stati in grado di risolvere la sfida.

LEGGI ANCHE: Parla dopo aver scritto di razzismo per dieci anni

Si dice spesso che la Norvegia e i norvegesi siano così amichevoli e inclusivi e che non ci sia quasi nessun razzismo in questo paese. Ma il concetto di razzismo racchiude anche atteggiamenti e discriminazioni che impongono alle persone tratti basati su razza, religione e cultura. Sono nata in Corea e adottata da genitori etnici norvegesi della costa occidentale. Direi che siamo stati reciprocamente fortunati; erano genitori intraprendenti che volevano un figlio, e io ero un bambino che aveva bisogno di genitori. Penseresti che fossi norvegese.
Ma la società e gli individui mi hanno spesso ricordato che non lo sono.

Di recente ho incontrato un'altra donna intraprendente di origine cinese, ma è norvegese come me. Ha scritto un post in Drammens Tidende il 5 aprile 2016 su com'è essere un'imprenditrice e una donna di origine immigrata che affronta il razzismo quotidiano in Norvegia. Sebbene sia stato adottato dai norvegesi, abbia ricoperto posizioni di comando per 15 anni, non sono riuscito a sfuggire al razzismo.

Arrivo con i miei genitori adottivi

Il razzismo visibile

Da bambino

Sono cresciuto in un villaggio dove quasi tutti erano etnicamente norvegesi. A causa di questo, ho avuto momenti difficili nella mia infanzia. Probabilmente anche i miei genitori hanno sperimentato il razzismo all'inizio. Mi hanno raccontato di un episodio in cui io, da bambino, ho pianto su un volo. Uno dei passeggeri aveva detto loro che "persone come lei" appartiene a Emma Hjort, cioè una casa per bambini disabili mentali.

Da bambino, dovevo abituarmi a ricevere commenti come figa negra, puttana negra, fottuto sfigato giallo, ecc. I bambini fanno scherzi e scioperi, e appartiene all'infanzia di tutti. Ma se qualcosa andava storto, la colpa veniva data “a quella gialla”. Sono stato messo a terra e più spesso incolpato di quanto meritato. Mi ha fatto qualcosa da piccolo. E non sono mai stato un informatore. Ho scelto di “soffrire in silenzio”.

Ho imparato presto ad acquisire gli atteggiamenti "se hai intenzione di realizzare qualcosa nella vita, allora devi 'combattere il doppio' e 'non si tratta mai di come ti senti, ma di come lo prendi'." Invece di diventare triste e amareggiato, mi sono concentrato sulla ricerca di una soluzione per una vita quotidiana migliore.

La mia soluzione era diventare un maschiaccio con un tocco di umorismo.

Ma non si è mai fermato del tutto. L'episodio peggiore è stato durante una funzione in chiesa e noi eravamo i cresimandi. Prima del servizio, diverse persone mi hanno costretto a entrare nel bagno della scuola. Mi hanno messo la testa nel water dicendo: "Se devi essere cresimato, devi essere battezzato prima" mentre mi hanno inzuppato la testa con l'acqua del water. Sono arrivato in chiesa appiccicoso e alcuni hanno gridato: "Penso che le fogne gialle qui dentro odorino!" La dichiarazione è stata seguita da una risata sprezzante da tutta la scuola rurale. Questo è stato il giorno in cui ho sentito di avere due scelte: suicidarmi tagliandomi un'arteria o annegando; la scelta numero due è stata quella di rimanere concentrati sulla scuola e pensare ad allontanarsi dal villaggio. Ho scelto quest'ultimo.

Secondo i sondaggi scolastici condotti dall'Olweus Group, oltre il 40% di coloro che sono stati vittime di bullismo ha pensato al suicidio.

La Youth Data Survey del febbraio 2017 afferma che il 10% dei sedicenni ha cercato di uccidersi. Alcuni, purtroppo, "ci riescono", quindi il bullismo e il razzismo, uniti all'isolamento, hanno conseguenze fatali per molti giovani.

Per me, una svolta importante è arrivata quando uno dei principali bulli, dopo molti anni, si è scusato con me e ha riconosciuto ai suoi genitori ea me ciò a cui ero stato esposto da bambino. Non tutti hanno l'opportunità di perdonare come ho fatto io.

Il razzismo silenzioso

Nel libro Pregiudizio plausibile dell'antropologa Marianne Gullestad, scrive di razzismo invisibile – la discriminazione che non notiamo perché si basa su convinzioni che molte persone pensano siano perfettamente normali. Molti sembrano pensare che l'identità abbia a che fare con la discendenza.

Ero convinto che la società stesse migliorando. Ma nell'età adulta è arrivata una nuova lezione: ho scelto di chiamarlo "il razzismo silenzioso".

Avevo dato alla luce il mio secondo figlio e stavo girando intorno alla mia piccola figlia bionda quando la gente per strada mi ha fermato e mi ha chiesto: "Di chi ti occupi? Dove sei una cameriera?" Gli uomini si avvicinavano spesso e mi chiedevano quanto costassi una notte. Ho sempre avuto uno stile classico e conservatore, quindi sono rimasto sorpreso. Ho imparato presto a non offendermi troppo e ad accettare che questa società è “proprio così”. Si tratta ancora di atteggiamenti, ignoranza e stigmatizzazione.

Come donna dall'aspetto asiatico in Norvegia, ho l'impressione di essere vista come una merce internazionale: una cameriera, una ragazza alla pari o una prostituta. Quando avevo la tentazione di arrabbiarmi, lasciavo che fosse. Quando sono apparse le "offerte", ho usato l'umorismo e ho risposto con un chiaro dialetto della West/Midcoast e un sorriso dicendo: “Scusa, sono troppo caro per te!

razzismo digitale

Già nel 2012 le Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per l'aumento del razzismo digitale. I nostri figli ora stanno imparando il comportamento del web online attraverso la scuola. Ma che dire degli adulti?

Sui siti di incontri digitali, le persone si incontrano alla ricerca di possibili fidanzati, fidanzate e futuri compagni di vita. Conosco diverse persone che si sono sposate, a seguito di contatti attraverso piattaforme digitali.

Sebbene fossi scettico su queste arene e pensassi che fosse meglio incontrare persone nella vita reale, ero curioso di conoscere siti di incontri consolidati e usati mentre ero single nei primi anni 2000. Sfortunatamente, sono poi annegato nelle richieste di prostituzione e attività di camera da letto, sia il visibile che l'invisibile hanno spiegato che ero un'asiatica. Ho concluso presto che questa arena era più adatta per i norvegesi etnici, e rapidamente mi sono disconnesso e ho chiuso l'account.

C'è stato qualche sviluppo positivo qui in quest'area negli ultimi 15-20 anni, mi sono chiesto di recente e ho stabilito un profilo per sostenere il test. La conclusione è che fortunatamente sembra essere un po' migliorato. Ma purtroppo non è sparito del tutto.

Sviluppo e responsabilità sociale

Dopo aver trascorso alcuni anni a Tokyo come diplomatico per il ministero degli Esteri, io e mio marito ci siamo trasferiti a casa e nel 2011 ho iniziato un nuovo lavoro di direttore a Oslo.

Il primo giorno di lavoro, un collega chiede durante un programma chiuso con visita guidata,
"Di dove sei?" Una domanda logica e la risposta è stata semplice: "Sono appena tornato da Tokyo, ma sono cresciuto fuori Namsos" (una città locale in Norvegia). Ma il collega mi ha guardato come se fossi caduto dal pianeta Marte: "Non è vero!" Ho riso prima di collegarmi al fatto che fosse la mia etnia a essere improvvisamente messa a fuoco. Dato che ero l'unica donna nel gruppo dirigente e avevo anche un'origine etnica diversa, forse non era strano? Ho gentilmente risposto che sono stata adottata dalla Corea da genitori norvegesi.

La reazione è stata indimenticabile. “No, non si chiama così. Persone come te non vengono adottate. Sei importato.” Non ho potuto fare a meno di ridere, anche perché non credevo alle mie orecchie. Davvero non eravamo andati oltre?

In una celebrazione del cinquantesimo compleanno, sono stato in una conversazione con un senior director in una direzione norvegese, che ha parlato delle sfide che la Norvegia sta affrontando con tutti i somali. Mi sono incuriosito e ho dovuto chiedere di più su cosa volesse dire quella persona, spiegando che io stesso ero stato adottato e avevo genitori norvegesi. La risposta è stata: “Oh, vieni dall'Asia. Sì, le persone come te sono così laboriose e dolci".

 “Persone come te“?

Pensavo di essere norvegese!

Viaggio molto per lavoro. Tra tutti gli aeroporti che visito, spicca OSL Gardermoen. 9 volte su 10, io e il mio bagaglio dobbiamo essere ispezionati. Si chiama "controllo casuale". Un'osservazione interessante è che questo accade sempre, mentre accade raramente in altre città europee quando arrivo. Ne ho fatto uno sport, quindi quando sono con altri nel gruppo di viaggio tendo a dire: tieni traccia di ciò che sta accadendo nei controlli di sicurezza ora.

Non dirò che questi episodi quotidiani siano razzismo, ma sono mie osservazioni. Due settimane fa hanno cercato di espellermi dalla coda UE/SEE al controllo passaporti, citando che ero giapponese. Quando ho mostrato il mio passaporto norvegese con un sorriso, la persona che si era avvicinata era piuttosto turbata e imbarazzata.

In viaggio con le mie figlie in Corea del Sud

Quando si tratta di politica sull'immigrazione, integrazione e prevenzione del razzismo, non dimenticare i norvegesi “invisibili” che sono adottati o nati in Norvegia. Le mie figlie hanno un padre etnico norvegese e sono nate in Norvegia. Le nuove generazioni, i giovani adulti promettenti, non dovranno ritrovarsi tra commenti, pregiudizi e discriminazioni. Come madre, posso insegnare ai miei figli a includere e prendersi cura, e a colpire duramente quando gli altri sono soggetti a bullismo o razzismo. Ma non potremo mai affrontare la battaglia da soli.

Abbiamo bisogno di aumentare la conoscenza e chiarire la responsabilità che abbiamo tutti di aiutare a cambiare gli atteggiamenti. Non lasciate che chi è esposto soffra in silenzio. Il lavoro deve essere radicato nei politici e nello Stato come parte di un'importante responsabilità sociale. È una delusione che non siamo riusciti a migliorare ulteriormente.

Italiano
%%piè di pagina%%