L'adottato peruviano torna nel paese di nascita

Durante il blocco COVID del 2020, ho avuto la possibilità di giocare con la creazione di una risorsa tramite videoconferenza. Fare clic su questo collegamento per la mia intervista con Milagros Forrester, un peruviano adottato cresciuto nel Regno Unito. Ha gentilmente condiviso il suo viaggio di adozione spiegando in dettaglio come la sua famiglia adottiva l'ha aiutata a riconnettersi con le sue origini e a tornare nel suo paese natale.

Molte grazie a Milagros perché ha aspettato pazientemente che io completassi le ore di editing video, per portare questo in uno stato finito.

Gli adottanti adotterebbero un orfano?

Ecco il nostro ultimo documento prospettico ICAV, una raccolta di risposte dei membri ICAV di tutto il mondo, che hanno voluto contribuire e fornire risposte alla domanda:

Adotteremmo o no, attraverso l'adozione internazionale o transrazziale?

Questa raccolta viene fornita a poco più di un decennio da quando l'ICAV ha compilato il nostro primo lotto di risposte a questa domanda. Mi ha incuriosito vedere se le nostre opinioni sono cambiate nel tempo mentre procediamo e maturiamo nella nostra comprensione dell'adozione.

Leggere le nostre opinioni ti dà alcuni pensieri da considerare su questa domanda da parte di coloro che hanno vissuto l'esperienza. Accogliamo con favore le tue opinioni e puoi farlo commentando questa pagina.

Immersione culturale del paese di nascita per adottanti internazionali

Di Sunny Reed, coreano adottato all'estero.

Quando sono stato adottato più di trent'anni fa, c'erano significativamente meno sbocchi per un genitore adottivo transrazziale (TRAp) per esporre il proprio figlio alla sua cultura di nascita. Libri, campi culturali (ai quali non ho mai partecipato), incontri sponsorizzati da agenzie e altri eventi passivi costituivano la maggior parte delle opzioni disponibili.

Oggi, nel nostro clima ricco di informazioni, leggere semplicemente articoli, guardare video e ascoltare musica conta solo come immersione superficiale per un adottato transrazziale (TRAd). I forum online e altri media forniscono un senso di comunità, ma nonostante ciò, la socializzazione si basa esclusivamente sugli sforzi concentrati dei genitori.

In questo post parlerò di un articolo del 2010 di M. Elizabeth Vonk, Jaegoo Lee e Josie Crolley-Simic sugli attuali sforzi di socializzazione culturale dei TRAps e la mia prospettiva sulla loro ricerca.

Pratiche di socializzazione culturale nell'adozione transrazziale domestica e internazionale
Vonk, Lee e Crolley-Simic

Riepilogo dell'articolo

Gli autori hanno cercato di scoprire l'impatto (se presente) della socializzazione culturale sulla relazione di un genitore adottivo transrazziale (TRAp) con il proprio figlio. Sono necessarie ulteriori ricerche per rispondere concretamente a questa domanda, ma i dati scoperti durante la loro indagine hanno contribuito a spunti affascinanti su come la razza abbia influenzato la decisione di un genitore di incorporare l'etnia del proprio figlio nella propria vita.

Punti chiave

  • L'aspetto può dettare quanta enfasi i genitori mettono sulla socializzazione culturale
  • Le TRAp sono raramente associate ad adulti dell'etnia del loro bambino e spesso vivevano in aree non diversificate
  • Gli sforzi di socializzazione culturale sono diminuiti con l'età del bambino

Discussione

La cosa interessante di questi risultati è come i genitori – tutti identificati come bianchi – gravitassero verso attività culturali superficiali. Cucinare cibo etnico, leggere libri e celebrare festività uniche erano le cose più comuni e suppongo che abbia a che fare con la novità e la facilità. Queste attività sono le meno minacciose per i genitori bianchi e possono essere intraprese nella privacy delle proprie case, senza critiche da fonti autentiche. In combinazione con i risultati che i genitori bianchi raramente socializzano con gli adulti della razza dei loro figli, questo ha senso.

Particolarmente grave è l'incapacità dei genitori di trasferire le loro famiglie in quartieri culturalmente diversi. La mia famiglia si stabilì in una comunità agricola bianca omogenea nel New Jersey e si rifiutava di riconoscere che i dati demografici avevano ripercussioni profondamente negative sul mio sviluppo. Anche dopo ripetuti episodi di razzismo scolastico (a tutti i livelli), non potevano o non volevano prendere in considerazione il passaggio a una scuola diversa.

Gli autori hanno anche scoperto – purtroppo – che i genitori di bambini europei si impegnavano in attività culturali meno frequentemente di quelli di bambini asiatici e neri. Trovo questo ironico, dal momento che il background condiviso dovrebbe renderlo meno estraneo ai genitori. Ma se la socializzazione è in gran parte basata sull'apparenza, allora la razza è senza dubbio un catalizzatore di quanto un genitore senta di dover essere coinvolto.

Gli autori sostengono che la socializzazione culturale mette in evidenza le ovvie differenze tra genitore e figlio, facendo sentire i caregiver "inadeguati". Si chiedono anche se le attività culturali li inducano a "rendere conto della loro responsabilità nei confronti dei loro figli e non sono sicuri di come procedere". Direi che sì, questo è probabilmente ciò che sta accadendo, dal momento che affrontare la realtà della loro complessa situazione potrebbe distruggere le loro aspettative originarie per l'adozione.

Le idee dei miei genitori di "far [mi] cultura" includevano, all'inizio, l'organizzazione di cacce alle uova coreane e l'andare alle feste di Natale coreane. Niente era unicamente coreano in questi eventi. Erano solo un gruppo di famiglie bianche che riunivano i loro bambini coreani adottati e celebravano le feste cristiane. Ironia della sorte, non abbiamo mai riconosciuto gli eventi coreani e, come suggerito dalla ricerca, queste attività si sono ridotte a zero dopo che tutti abbiamo iniziato la scuola elementare.

Sebbene le mie esperienze siano avvenute negli ultimi decenni, questo articolo relativamente recente mostra che, nonostante le risorse aggiuntive disponibili, sono stati compiuti pochi progressi reali nell'applicazione pratica della socializzazione culturale. Continueremo a parlarne nei prossimi post, poiché l'obiettivo è aiutare i TRAps ad assistere il loro bambino nello sviluppo di un'identità razziale sicura.

Il tuo turno!

Le tue esperienze sono in linea con i risultati di questo articolo? In caso contrario, cosa pensi che tu o i tuoi genitori abbiate fatto di diverso?

Non esitate a discutere nei commenti!

Gabby Mentors Young Chinese Adoptees tramite Art

Sono un adottato cinese, adottato in una famiglia bianca della Nuova Zelanda nel 1966, che ha avuto altri 8 figli. Ho lottato per tutta la vita per dare un senso al mio posto nel mondo. È stato solo quando avevo circa 48 anni che mi sono connesso ad altri adottati internazionali e transrazziali online. Da allora non mi sono più sentito isolato o incompreso. È stato incredibilmente curativo sapere che i miei pensieri e le mie emozioni sono condivisi da molti in questi gruppi.

Come artista, comunico alcune delle mie esperienze di vita attraverso l'arte. Ho avuto molte persone adottive che si sono avvicinate a me condividendo una narrativa comune e sono stato sorpreso, umiliato e incoraggiato da questo.

Mi offro volontario organizzando laboratori artistici per adolescenti da Famiglie con bambini dalla Cina (FCCA) a Sydney presso lo spazio di lavoro Cosydney a Chippendale. Lo faccio perché mi riconosco in ognuno di loro e sono felice che abbiano una rete di supporto e un gruppo di pari che forniscono supporto e capiscono i loro problemi. Imparo molto da loro e ci ridiamo sempre!

Se avete domande potete vedere la mia opera d'arte all'indirizzo www.gabbymalpas.com/
oppure contattami a Gabby Malpas.

In concomitanza con l'inaugurazione della mia ultima mostra, c'è una mostra di opere d'arte create dai nostri giovani cinesi stranieri adottati dai workshop che ho condotto.

Unisciti a noi se vuoi vedere le loro bellissime opere d'arte, alle 14:00 di sabato 9 dicembre al Galleria d'arte (Indirizzo: 3 Blackfriars Street Chippendale).

 

 

 

 

Nessuna madre, nessun bambino

Raramente ascoltiamo o vediamo l'adozione internazionale dal punto di vista della nostra famiglia biologica, ma senza le nostre madri non saremmo noi! Gli adulti adottati all'estero stanno gradualmente diventando consapevoli di come possiamo collaborare con le nostre famiglie biologiche e incoraggiarle a diventare più visibili.

Vorrei presentarvi una di queste adottive, Yennifer Villa, che è stata adottata in Germania e nata in Colombia. Sta per volare nel suo paese natale dove intraprenderà un progetto di 6-9 mesi dal titolo Nessuna madre, nessun bambino per catturare le madri e le loro storie di abbandono attraverso l'arte della fotografia. Ha in programma di mostrare il risultato finale del suo lavoro come una mostra fotografica pop-up che si terrà a Colonia (e forse in tutta Europa) verso la fine del prossimo anno.

Yennifer ha attualmente 29 anni ed è stata adottata a circa 2 anni. La sua età è stimata perché non ha informazioni di nascita ufficiali su se stessa. Da alcuni documenti forniti attraverso il consolato tedesco e l'orfanotrofio in Colombia, sembra che potrebbe essere stata con sua madre per i primi 3 mesi di vita fino a quando non è stata collocata nel suo orfanotrofio. Ad un certo punto, le visite di sua madre si sono fermate e Yennifer non ha mai saputo perché sua madre non sia mai tornata.

Adottata all'estero e cresciuta in una piccola città tedesca con una famiglia adottiva che non parlava mai di adozione per "cercare di rendere le cose più facili", Yennifer è cresciuta sentendo un commento sulla sua madre biologica - "probabilmente era una tossicodipendente e ora è morta”.

Che dura realtà con cui deve fare i conti un giovane adottato! Posso riferirmi al danno che questo ha sulla nostra psiche crescendo perché mi è stata detta una cosa simile sulla mia madre biologica - "probabilmente era una prostituta”.

Da adulti ora, Yennifer e io sappiamo che i nostri genitori adottivi non ci hanno detto cose del genere sulle nostre madri per essere cattive: erano le agenzie di adozione/avvocati/governi propagandistici a cui veniva detto di giustificare il non conoscere le sfumature del motivo per cui dovevamo essere adottato.

Comprendendo le buone intenzioni della sua famiglia adottiva e non volendo essere scortese o irrispettosa, Yennifer si sente in dovere di vedere di persona le verità delle madri in Colombia. Sospetta che le storie della madre siano più complesse e sfumate e attraverso il suo progetto mira ad aprire la porta a una maggiore comprensione del motivo per cui le madri in Colombia rinunciano ai propri figli.

Yennifer sta attualmente studiando Sostenibilità e Design presso Akademie für Gestaltung (Academy for Design) ed è attraverso questo che i fondi che raccoglie le permetteranno di portare a termine il suo progetto. Non ha viaggiato in Colombia da quando è stata adottata in Germania da bambina, quindi questo viaggio sarà memorabile e memorabile. Yennifer ha contatti di pari adottati che la sosterranno durante il suo anno in Colombia prendendo tempo per localizzare le madri, trascorrere del tempo con loro e fotografarle dopo aver appreso delle loro esperienze. Yennifer ha pianificato questo progetto Nessuna madre, nessun bambino negli ultimi 2 anni e si sente molto positivo ed eccitato. L'importanza del suo progetto è cambiare la narrativa di “era solo una drogata” per portare alla luce le realtà e le sfumature di ogni madre che ha dovuto rinunciare attraverso la sua fotografia.

Questo non è il primo progetto di adozione in cui Yennifer è stata coinvolta. Decodifica delle origini, la prima antologia colombiana di adulti adottati è stata completata l'anno scorso e Yennifer ha utilizzato le sue abilità artistiche come capo grafico per il sito web del libro. I proventi della vendita del libro sono stati raccolti per finanziare kit di test del DNA per famiglie biologiche colombiane, alcuni dei quali Yennifer sta portando con sé per la distribuzione alle madri che contribuiscono al suo progetto fotografico.

Leggi il mio recensione di Decoding Origins.

Yennifer vola in Colombia il 10 novembre di quest'anno. Il suo obiettivo è raccogliere $5.500EUR per finanziare le sue spese di attrezzatura, viaggio e soggiorno. È pronta a partire e ha una visione di come potrebbero essere le foto, ma vuole incontrare le mamme, parlare con loro, coinvolgerle e permettere loro di contribuire a definire il progetto in modo che sia davvero su di loro.

Non vediamo l'ora di vedere parte del lavoro di Yennifer su questo progetto nel prossimo anno e speriamo che ispiri altri adottati internazionali a considerare come potremmo collaborare con le nostre famiglie biologiche e incoraggiarli a diventare più visibili nell'arena delle adozioni internazionali.

Il potere del supporto tra pari

Di recente mi è stato ricordato, fornendo la storia di come è nata ICAV, che originariamente abbiamo iniziato come rete di supporto per adottati internazionali da adottati internazionali. Abbiamo iniziato perché non avevo nessun posto a cui rivolgermi quando volevo entrare in contatto con altri come me. Da allora, ho imparato molte volte il potere del supporto tra pari e che non può essere sottovalutato!

Sento costantemente dagli adottati la mancanza di supporti post adozione che potrebbero migliorare il complesso viaggio dell'essere adottati all'estero. Ovunque veniamo adottati da e verso, la mancanza di un supporto post-adozione accessibile e noto è il tema comune nei nostri paesi di origine e di accoglienza.

Oggi condivido L'esperienza di Stefania, filippino adottato dalla metà degli anni '80. La sua storia mette in luce la misura in cui possono sentirsi alcuni adottati internazionali solo. Uso la parola "alcuni" perché non voglio generalizzare troppo, ma piuttosto sottolineare che nessuno nei nostri governi in realtà facilita sondaggi per valutare come se la caveremo noi adulti adottati una volta che la nostra adozione è stata effettuata.

Sono i gruppi di sostegno tra pari come l'ICAV che diventano i crogioli per le esperienze di massa degli adottati internazionali in tutto il mondo.

I nostri governi non dovrebbero sottovalutare il potere del nostro supporto tra pari e l'impatto positivo che questo può avere nell'aiutare a ridurre il senso di isolamento che molti possono provare. Spero che un giorno vedremo i nostri governi che hanno facilitato le nostre adozioni, fornire i finanziamenti tanto necessari per sostenere finanziariamente le organizzazioni di sostegno dei gruppi di pari (formali o informali) come ICAV e quelli associati all'ICAV.

Forniamo un'immensa quantità di supporto in tutto il mondo che attualmente non è fornito affatto dai nostri governi e/o alcuni supporti che non possono essere forniti da professionisti che non comprendono l'esperienza vissuta.

Il potere del supporto tra pari deriva dal fornire vera empatia, rimuovere il senso di isolamento derivato da una/alcune situazioni e dare a qualcuno (in senso figurato) una mano a cui aggrapparsi; da chi ha già viaggiato e comprende intuitivamente le sfide.

Alcuni esempi dell'attuale supporto di gruppi di pari all'interno della più ampia rete informale dell'ICAV:

  • Ricerca e riunificazione, Compreso Test del DNA
    (L'Australia attualmente fornisce un servizio gratuito tramite ISS Australia finanziato dal nostro governo federale, ma nella maggior parte degli altri paesi mittenti e riceventi non esiste tale servizio finanziato dal governo).
    Alcuni gruppi guidati da adottati forniscono questo: Brazil Baby Affair (BBA), Born in Lebanon, Plan Angel Colombia, 325Kamra.
  • Ritorno in patria
    Alcuni adottati organizzano posti di soggiorno in casa per altri adottati
    La conoscenza è condivisa nei gruppi di Facebook da adottati che sono tornati prima
    Per coloro che tornano a vivere per un lungo periodo, sapendo come gestire i visti, trovare lavoro o dove andare per servizi di traduzione
    Alcuni gruppi guidati dagli adottati forniscono questo: International Korean Adoptee Association (IKAA) e la loro vasta rete per gli adottati coreani, Adopted Vietnamese International (AVI), The Voice of Adoptees (La Voix Des Adoptes – French), alcuni individui per Sri Lanka e Vietnam.
  • Mentoring informale per l'esperienza quotidiana di essere un adottato internazionale
    Essere disponibili tramite i social media 24×7 (che può essere estenuante e difficile con confini poco dichiarati e tutto il supporto fornito dai volontari).
    Tutto Adottati gruppi Led quotata dall'ICAV.
  • Libri, opere d'arte, film, multimedia del esperienza vissuta
    Alcuni gruppi guidati da adottati forniscono questo: Decoding Origins (Colombia), Adoptionland, ICAV, Lost Sarees, Out of the Fog, The Rambler, L'Hybride.
  • Contatto faccia a faccia
    Eventi sociali informali che facilitano le amicizie e il networking
    Eventi formali come conferenze, raduni, riunioni,
    Alcuni gruppi guidati da adottati che forniscono questo: AdoptionPolitiksForum, ICAV, Adoptee Rights Campaign (ARC), The Voice of Adoptees, Asian Adult Adoptees of British Columbia (AAABC), I'm Adopted, Chinese Children International (CCI), anche conosciuto come (AKA ).
  • advocacy per migliorare le nostre situazioni ed educare il pubblico più ampio sulle complessità che affrontiamo.
    Alcuni gruppi guidati da adottati che forniscono questo: AdoptionsPolitiksForum, Adoptionland, ICAV, ARC, The Voice of Adoptees, Adoption Museum Project, CCI.
  • Ricerca completato da altri accademici adottati internazionali specifici per l'adozione internazionale da tutto il mondo.

Speriamo che questo ti dia un'idea dell'immensa quantità di lavoro fornita dalle organizzazioni guidate dagli adottati e dagli individui che forniscono supporto gratuito e tra pari ai nostri compagni adottati internazionali. Vogliamo ridurre il numero di esperienze come quella di Stephanie e garantire che a quelle già adottate venga fornito il supporto che meritano.

Nota: tutti i gruppi sopra elencati sono forniti nella pagina ICAV Gruppi guidati da adottanti

Ricerca e riunione di adottanti internazionali

Recentemente sono stato contattato da un ricercatore che voleva sapere se potevamo condividere le nostre esperienze su come la ricerca e il ricongiungimento influiscano su di noi. Ho deciso che era una buona ragione per mettere insieme un documento di prospettiva atteso da tempo.

Non mi ero reso conto che questo articolo sarebbe finito per essere un libro in quanto include oltre 40 adottati internazionali, contribuendo con 100 pagine!

Le domande poste per stimolare il tipo di risposte che stavo cercando erano:

  • Da che paese di origine vieni? In quale paese di origine sei stato adottato e a che età?
  • Cosa pensi che ti abbia spinto a cercare? Era qualcosa che avresti sempre voluto fare o sei arrivato a un punto della tua vita che ha suscitato il desiderio? Quali erano le tue aspettative?
  • Come hai fatto a condurre la tua ricerca? Quali risorse hai utilizzato? Quali ostacoli hai incontrato?
  • Che esito hai avuto? Che impatto ha avuto su di te? In che modo questo ha influito sul tuo rapporto con la tua famiglia adottiva?
  • Com'è stata l'esperienza di mantenere una relazione con la tua famiglia biologica? Quali ostacoli hai incontrato? Cosa è stato utile nel navigare in questa parte della tua vita?
  • Come hai integrato la tua ricerca e/o riunione nel senso di chi sei? Ha cambiato qualcosa? In quali modi?
  • Cosa potrebbero fare i professionisti, i governi e le agenzie per aiutare nella ricerca e nelle riunioni di adottati internazionali come te?

Queste domande erano solo linee guida e gli adottati sono stati incoraggiati a fornire ulteriori approfondimenti sull'argomento.

Sono stati inclusi tutti i tipi di risultati, indipendentemente dal fatto che le ricerche abbiano avuto successo o meno.

Questa risorsa fornirà agli adottati un'ampia gamma di prospettive da considerare quando si considerano i problemi coinvolti nella ricerca della famiglia originale. Il documento fornirà inoltre al pubblico più ampio e a coloro che sono coinvolti nell'adozione internazionale una comprensione più profonda di come un adottato vive la ricerca. I governi, le agenzie e le organizzazioni di ricerca professionale hanno un feedback diretto su cosa possono fare per migliorare il processo per gli adottati internazionali.

Ricerca e riunione: documento di prospettiva su impatti e risultati

Come viaggiano nel tempo gli adottati?

Durante i miei anni di connessione con gli adottati internazionali, ho avuto l'onore di condividere i loro viaggi e di farne parte ascoltando e relazionandomi. Meno frequentemente ho colleghi maschi adottati che condividono sul nostro sito web in senso emotivo riguardo al percorso di adozione, soprattutto a lungo termine.

Richard è uno dei miei amici adottati disposto a condividere il suo viaggio di crescita, adottato in Australia e recentemente tornato nelle Filippine, per riconnettersi con la sua eredità e cultura dopo essersi riunito con la sua famiglia biologica alcuni anni prima.

Mi ha chiesto se sapevo di come altri hanno vissuto il trasferimento in madrepatria e ho risposto che conosco molti adottati coreani e vietnamiti che lo hanno fatto per un breve periodo (1 anno o giù di lì) ma non hanno letto o sentito parlare di molti altri Gli adottati filippini lo fanno...

Quindi ha condiviso volentieri le sue ultime esperienze Il trasferimento di Richard nelle Filippine. Grazie Riccardo!

Complessità dell'adozione internazionale

Recentemente un giornalista ricercatore di Sth American mi ha contattato per fare alcune domande sull'adozione internazionale e le mie opinioni. Ho adorato il suo commento conclusivo: "Vogliamo capirne di più (adozione internazionale) e crediamo che la visione di chi l'ha vissuta sia essenziale per questo".

1. Raccontaci un po' della tua vita. Quanti anni avevi quando sei stato adottato dalla tua famiglia australiana? Qual è stato questo processo? Dove tu abbastanza vecchio da capire cosa stava succedendo?

2. Hai sentito il bisogno di entrare in contatto con la cultura del tuo paese di origine? Quando è successo?

3. È comune tra i bambini adottati da altri paesi avere questo bisogno?

4. Pensi che ci siano casi in cui le adozioni internazionali non sono l'opzione migliore?

5. Qual è l'origine del gruppo Intercountry Adoptee Voices?

6. Perché le persone partecipano all'ICAV?

7. Com'è il tuo lavoro in ICAV?

Ecco le mie risposte.

Sono un'adozione vietnamita che vive in Australia, adottata all'età di 6 mesi. I miei genitori adottivi hanno organizzato la mia adozione privatamente tramite un avvocato vietnamita, Le, che ha lavorato anche per il governo vietnamita durante la guerra del Vietnam. Le ha informato i miei genitori adottivi che lui e sua moglie hanno trovato una bambina per loro nel luglio 1973 e ha consigliato ai miei genitori di volare per riportarmi in Australia poiché questo sarebbe stato il modo più rapido. Così mio padre adottivo è volato a Saigon (ora Ho Chi Minh) e mi è venuto a prendere e mi ha riportato in Australia, dicembre 1973. Ad oggi, non abbiamo mai visto documenti di adozione dalla fine del Vietnam e non è stato fino a quando avevo 16 anni vecchio che il governo australiano ha inventato il mio falso certificato di nascita australiano e ha finalizzato la mia adozione nella famiglia che mi stava crescendo.

Perché questo processo si verificasse, all'età di 16 anni un altro assistente sociale è venuto a trovarci per far ripetere il processo di adozione dato che le valutazioni originali sull'adozione del mio genitore adottivo sembravano mancare. L'agenzia australiana che aveva facilitato questo nel settembre 1973 non esisteva più e nel 1977 aveva dimostrato che i documenti erano scomparsi anche se l'assistente sociale era stato chiaramente in contatto e valutato la mia famiglia adottiva. Ricordo che qualcuno venne a parlare con me di cose sull'adozione, ma a quell'età della mia vita, ero concentrato sulla sopravvivenza e dato che i miei fratelli adottivi mi prendevano in giro per "non esistere perché non avevo documenti di nascita", ovviamente quando il social lavoratore ha chiesto se volevo essere adottato e ottenere documenti, ho detto di sì. Quello che non ricordo è se mi hanno mai parlato chiaramente di cosa significasse l'adozione, né se è stata fatta alcuna offerta per aiutarmi a trovare la mia famiglia biologica oi miei documenti originali vietnamiti.

Quindi ero abbastanza grande per capire il significato di "adozione"? Ora che sono sulla quarantina, dico assolutamente di no. A quell'età, ricordo che la mia attenzione era sul "cercare di inserirmi" con i miei coetanei.. cercando di sentirmi parte di una comunità, di una famiglia. Quindi, ovviamente, quando qualcuno mi dice che questo è ciò che farà l'adozione, allora ovviamente acconsento. Ma ora che ho 40 anni, sospetto che nessuno mi abbia davvero dato una grande scelta. Sarebbe stato se non avessi acconsentito ad essere adottato, sarei stato nella terra di nessuno - non potendo essere un cittadino australiano, non potendo probabilmente tornare in Vietnam perché non avevo nemmeno la prova di essere nato lì . Se qualcuno si fosse offerto per conto del governo australiano di cercare la mia famiglia biologica - sono sicuro che avrei detto che lo preferivo perché da bambino e nella mia adolescenza ho provato un enorme senso di perdita - ma non ne ho mai parlato perché Avevo indirettamente assorbito le aspettative della società e della famiglia adottiva che ero “fortunato” ad essere adottato – che dovevo essere grato di vivere in Australia – che in alternativa sarei stato morto o per strada in Vietnam. Per un adolescente, quelle opzioni suonano molto drammatiche e, naturalmente, non sono qualcosa che avrei scelto se volevo sopravvivere.

Non ho sentito il bisogno di contattare la mia cultura biologica e il mio paese di origine fino alla fine dei miei 20 anni. In breve, ho dovuto superare alcuni problemi negativi da superare prima di quello che avevo vissuto nella mia vita, quindi ci sono voluti alcuni anni per arrivare al fondo delle cose e rendermi conto che da adulto avevo anche problemi di abbandono più profondi. Una volta che ho esplorato questi problemi, sono diventato più pronto e disposto a tornare nel mio paese natale e vedere cosa avrebbe suscitato. Avevo 27 anni quando feci il mio primo viaggio di ritorno in Vietnam. È stato un viaggio emotivamente travolgente, ma l'unico momento clou che ricordo di più è stata una conversazione in inglese rotta con una signora vietnamita locale che mi ha detto qualcosa che ha catturato ciò che avevo sentito per tutta la vita, ma nessuno l'aveva mai detto. Questa signora vietnamita mi ha fatto domande su da dove venivo e perché ero qui in Vietnam e quando ho spiegato molto semplicemente "nata qui ma portata via da piccola per avere genitori bianchi in Australia" ha detto, "oh, ti sei perso così tanto!" E sì, in sostanza, il mio viaggio di ritorno in Vietnam mi ha fatto capire quanto mi fosse mancato l'essere adottato in un altro paese: mi era mancato conoscere la mia eredità e cultura, la lingua, il senso di appartenenza, conoscere la mia famiglia , il senso di comunità che lega insieme queste comunità nonostante siano più povere nell'indice di ricchezza, di adattarsi e assomigliare a tutti gli altri intorno a me, di conoscere la storia della guerra e ascoltarla / sperimentarne le ramificazioni e comprenderla al momento livello di "vissuto", di vedere l'impatto della guerra sulle persone intorno e capire cosa spinge il paese in avanti, così tanto che mi ero perso. Col senno di poi forse stava commentando non dall'angolazione che interpretavo io, ma forse come una "fortuna che ti sei perso tutte le terribili ramificazioni della guerra" ma non è così che si è imbattuta - sembrava triste per me ed era la sua empatia per ciò che Non lo ero, ma avrei potuto facilmente essere ciò che non avevo mai sperimentato prima. Stava guarendo in sé.

Per molti anni ho lavorato volontariamente nella creazione di un gruppo di supporto per adulti adottati all'estero come me. Le mie lotte crescendo in un paese adottivo mi hanno fatto capire la necessità di sostegno. Nella mia guarigione avevo appreso il potere della convalida di gruppo e dell'empatia da altri che avevano percorso un percorso simile. Quindi nei 17 anni da quando ho diretto un gruppo chiamato InterCountry Adoptee Voices, ho incontrato centinaia di altri adottati internazionali cresciuti non solo in Australia, ma in altri paesi ricchi come Stati Uniti, Paesi Bassi, Inghilterra, Canada, ecc. . e nella mia esperienza di ascolto di molti altri come me, direi di sì, è comune per gli adottati internazionali avere il bisogno di voler esplorare il loro paese di origine e la cultura e conoscere l'altra metà della loro identità. Per alcuni, non c'è alcun desiderio, ma in generale, molti finiscono per voler esplorarlo a un certo punto della loro vita. Penso che per gli adottati che sono stati cresciuti con famiglie adottive molto positive che abbracciano tutte le perdite e le sfide e crescono il bambino in modo che sia in grado di esplorarli e parlarne liberamente, aiuta sicuramente a percorrere questo viaggio di essere abbandonati e adottati con più sollievo. Quello che ho visto per la maggior parte è che il viaggio è di solito più complicato rispetto alla persona non adottata perché siamo innescati dal nostro abbandono precoce a lottare con la connessione, il rifiuto, l'autostima e un sentimento di non appartenenza.

La domanda se penso che ci siano casi di adozione internazionale che non sono l'opzione migliore è una domanda fantastica! Mi congratulo con chiunque me lo possa chiedere. Vorrei che più governi facessero questa domanda. Se guardiamo alla storia delle adozioni coreane e scopriamo la loro realtà parlando con loro oggi, si potrebbe concludere che molte delle loro adozioni sono state fatte semplicemente a causa della mancanza di opzioni disponibili per le madri single. In altri casi coreani, le famiglie biologiche sono ancora insieme ma all'epoca non avevano risorse per crescere i loro figli – così hanno cercato un'alternativa – che in Corea, l'adozione è davvero l'unica opzione piuttosto che cambiare atteggiamenti e valori antiquati. Ciò si riflette in tutto il mondo da altri paesi di invio, come India, Cina, Etiopia, Romania, Guatemala, Cambogia, Vietnam. Di solito l'adozione internazionale è avvenuta a causa della mancanza di alternative per la famiglia biologica.

Nel 2015, viviamo in un mondo in cui c'è un enorme divario tra coloro che hanno ricchezza e coloro che vivono in povertà. Se il mondo dividesse la sua ricchezza e la distribuisse in modo più equo, non credo che ci sarebbe un bisogno così grande di adozione. L'altro problema che viviamo come adottati è la realtà che l'adozione recide legalmente il nostro diritto al nostro diritto di nascita – essendo la nostra identità e il nostro patrimonio. Questo è fondamentalmente sbagliato quando viene fatto senza il nostro consenso (in un momento in cui siamo troppo giovani per comprenderne le implicazioni). Secondo la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (UNCRC), se siamo orfani abbiamo il diritto umano fondamentale di conoscere la nostra identità ed essere tenuti con la nostra famiglia, comunità e paese. Il problema che vedo oggi è che l'adozione internazionale è diventata un'enorme macchina guidata dal denaro, alimentata dalle coppie benestanti in cerca di un bambino, con i baby broker nel mezzo che sfruttano l'iniqua divisione tra ricchi e poveri, e incontrollata e non penalizzata dai governi intorno il mondo. Non è stato fatto abbastanza per garantire che tutte le altre opzioni siano esaminate e autorizzate prima di consentire che un bambino venga dato in adozione internazionale. Non esistono controlli doppi o tripli effettuati dai paesi di origine o di accoglienza per garantire che un bambino sia veramente un orfano legittimo, come definito dall'UNICEF, poiché ha perso entrambi i genitori. Dove c'è una famiglia o una comunità, non c'è abbastanza offerta in termini di “ricchezza” per garantire che le persone locali/del paese di origine abbiano opzioni per crescere il bambino. C'è di più che si potrebbe fare per facilitare il micro prestito per le famiglie povere. C'è di più che si potrebbe fare per aiutare le famiglie che stanno lottando per la mancanza di istruzione e opportunità.

L'adozione internazionale è diventata una soluzione facile per i paesi ricchi per "consentire" ai bambini di essere esportati come una merce perché non hanno la spina dorsale per fare la cosa giusta da parte del bambino e aiutare a facilitare questi paesi più poveri (con l'eccezione della Corea del Sud e ora il USA da quando è diventato un paese di invio) per impostare un numero sufficiente di opzioni basate sulla comunità che impedirebbero la necessità di adozione internazionale. La Convenzione dell'Aia sull'adozione internazionale è diventata un modo legittimo per continuare l'esportazione di bambini senza che vi sia alcun disincentivo legale dal traffico aperto che è il lato più oscuro di questo business. Credo che l'adozione da parte dei parenti fosse probabilmente l'intenzione originale che era buona, ma il problema è che l'adozione è diventata più di quanto previsto e c'è semplicemente una mancanza di forza di volontà da parte delle nazioni al potere e di coloro che non ce l'hanno, per garantire il al bambino vengono date tutte le opzioni PRIMA dell'adozione internazionale. Questo è quando l'adozione non è l'opzione migliore.

Naturalmente ci sono anche i numerosi casi di adozioni internazionali in cui il bambino adottato viene maltrattato, maltrattato e ucciso dalla famiglia adottiva, il che è un caso assolutamente facile da evidenziare quando l'adozione internazionale non è l'opzione migliore. Inoltre, i casi in cui il bambino adottato finisce per essere espulso nel suo paese di origine perché i genitori adottivi non sono riusciti a finalizzare l'adozione, anche se all'inizio non hanno mai avuto voce in capitolo sull'esportazione. Poi ci sono i casi in cui i nostri certificati di nascita sono falsificati e, ancora una volta, l'adozione internazionale non è l'opzione migliore a causa di questa realtà – che le nostre identità originali, il nostro diritto umano fondamentale, sono “come se non fossero mai esistite”. Le adozioni internazionali non sono l'opzione migliore quando non c'è traccia dei bambini e non si garantisce negli anni successivi di follow-up che sia stato davvero nel loro "migliore interesse" e che siano cresciuti fino a diventare adulti pienamente funzionanti ed emotivamente sani.

Allora cosa resta? Quando ci sono casi di adozioni internazionali che SONO l'opzione migliore? Quando entrambi i paesi di origine e di destinazione hanno fatto tutto il possibile, date le loro risorse congiunte, per facilitare tutte le altre opzioni per la cura del bambino, compresa l'assistenza familiare e comunitaria, e se queste continuano a non funzionare, credo che potrebbe essere un'opzione legittima all'adozione internazionale – MA con il certificato di nascita originale rimasto intatto e con il bambino che ha pieno accesso al futuro. Al bambino dovrebbe anche essere consentito di avere la doppia cittadinanza in entrambi i paesi per facilitare il ritorno e l'accesso ai servizi per aiutare il ricongiungimento con la famiglia biologica, se lo desidera. Dovrebbe anche essere disponibile una suite completa di servizi (ad es. psicologici, sociali, di traduzione, medici, finanziari) per aiutare l'adottato a navigare sia nelle culture che nelle lingue e per garantire che crescano adulti ben adattati ed emotivamente sani.

Nota: ciò che deve essere discusso è applicare la domanda 4 dal punto di vista della famiglia biologica. Troppo spesso le famiglie biologiche provenienti dall'adozione internazionale sono ricercate dai media per commentare e fornire le loro opinioni longitudinali.

Le origini di InterCountry Adoptee Voices (ICAV) è che è stato avviato perché ho visto il potere della convalida e del supporto di gruppo e come può aiutare a guarire le nostre ferite di abbandono avendo un senso di appartenenza da coloro che hanno percorso un simile il percorso. Ho fondato ICAV nel 1998 in Australia e oggi è cresciuto fino a includere adottati internazionali da molti paesi del mondo. Penso che gli adottati partecipino all'ICAV per la necessità di sentirsi come se qualcuno da qualche parte potesse capire com'è il viaggio: le sfide, le domande, gli alti e bassi della ricerca e delle riunioni, il razzismo, il bisogno di un senso di appartenenza e molti altri. Amo il mio lavoro in ICAV. Amo sentire nel corso degli anni come la vita è in viaggio per gli adottati e sono sempre appassionato di educare il pubblico più ampio sulle complessità e sui problemi coinvolti.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%