Adottato dall'India al Belgio

di Annick Boosten, adottato dall'India al Belgio, co-fondatore di Adotta Schakel.
Molte grazie a Maureen Welscher e Jean Repplier per il testo originale e la traduzione.

A proposito di me

Annick Boosten

Sono stato adottato dall'India all'età di quattro anni. I miei genitori avevano già un figlio David, che ha quattro anni più di me. C'era un altro figlio ma sfortunatamente aveva una malattia metabolica che lo uccise quando aveva otto mesi. Poiché la malattia era ereditaria (anche David sembrava averla, solo in misura minore) i miei genitori decisero di adottare un bambino. I miei genitori sono persone laboriose che sono sempre occupate, il tipo che dice sempre: "Non lamentarti, vai avanti e basta". È così che mi hanno cresciuto.

Mia madre ha lavorato furiosamente per insegnarmi la lingua olandese in modo che potessi andare a scuola il prima possibile perché sono venuta da loro a dicembre e poi a gennaio dovevo andare a scuola. Quando obiettavo e dicevo: "Sono sicuro che lo fanno in modo molto diverso in India", mia madre ha risposto: "Non sei in India, sei in Belgio ed è così che facciamo qui". Sono molto felice con i miei genitori ma a volte mi sarebbe piaciuto che mi conoscessero un po' meglio, che fossero un po' più empatici. Da bambino ero sovraccaricato di vestiti costosi e tutti i tipi di giocattoli elettronici come compenso perché i miei genitori lavoravano così duramente. Durante le vacanze, sono stato mandato in tutti i tipi di campi in modo che i miei genitori non dovessero allontanarsi dal lavoro. Avrei preferito di gran lunga se fossimo stati coinvolti da vicino come famiglia e i miei genitori avessero trovato il tempo per noi di fare cose divertenti insieme. Avrei preferito una giornata in spiaggia piuttosto che una X-box o una Playstation.

Ora che ho un figlio mio, gli do un bacio ogni giorno e gli dico quanto sono felice con lui. Lo faccio anche in quei momenti in cui potrei essere un po' arrabbiato perché lui non vuole dormire. Mi mancava quel tipo di interazione con i miei genitori.

Annick e suo figlio

Pensieri sull'essere adottato

Quando sono entrato nella nostra famiglia, ai miei genitori era già stato detto dall'orfanotrofio: “Farai meglio a stare attento, ricorda un sacco di cose”. Ho raccontato a mia madre storie intere su una casa blu, su una signora che si prendeva cura di me, che c'erano stanze con altri bambini piccoli. L'ho raccontato in modo così dettagliato che mia madre ha deciso di scriverlo. Quando ho visitato la casa dei bambini nel 2018, le pareti si sono rivelate dipinte di blu. La donna nei miei ricordi era probabilmente la mia madre biologica. La dichiarazione ufficiale è che entrambi i miei genitori biologici erano morti e che quindi ero idoneo per l'adozione.

All'età di vent'anni, ogni tipo di scandalo è stato rivelato sugli abusi nelle adozioni indiane. Avevo già sentito queste storie da altri adottati indiani, ma i miei genitori erano infastiditi se iniziavo a parlarne. Non riuscivano proprio a credere che qualcosa di così nobile come l'adozione potesse essere fraudolento. I miei genitori sono cattolici rigorosi e avevano voluto fare qualcosa di buono adottando. Queste storie non si adattavano alla loro visione delle cose. Quando l'associazione di adozione responsabile dell'accompagnamento dei bambini indiani in Belgio, De Vreugdezaaiers, è stata sciolta, non hanno più potuto chiudere gli occhi sugli abusi delle adozioni indiane. Da bambino andavo sempre alle giornate in famiglia che organizzavano per i bambini adottivi indiani e i loro genitori. Ho quindi deciso di stabilire l'Adoption Link. Adotta Schakel significa connettere le persone e metterle in contatto tra loro. In tal modo, ci concentriamo principalmente sul mondo delle adozioni in cui ci sforziamo di rafforzare il legame tra gli adottati e tra i genitori naturali. Aiutiamo anche gli adottati che cercano i loro genitori biologici attraverso la ricerca del DNA.

Non ero mai stato così preoccupato delle mie origini prima. Per anni ho avuto una relazione con un ragazzo che non era per niente disponibile. Pensava che non avesse senso andare alla ricerca delle mie radici. Dovevo continuare a costruire la mia vita qui e lasciarmi il passato alle spalle, o almeno così pensava. Quindi non mi sentivo davvero supportato. Quando quella relazione è finita, sono stata coinvolta con Ionut. È un adottato rumeno, cosa che non sapevo all'inizio della nostra relazione. Dopo due settimane l'ho scoperto. Avevo già notato che si abbronzava molto rapidamente al sole, mentre tutti gli uomini belgi erano ancora pallidi durante l'estate. Poi mi ha detto che era a causa dei suoi geni rumeni. Ero geloso del legame che aveva con la sua famiglia rumena. Ogni anno andava in vacanza lì. A un certo punto ho pensato: “Questo è quello che voglio anch'io! Forse posso anche trovare nuovi contatti all'interno della mia famiglia biologica”.

Avere una famiglia tutta mia

Quella sensazione mi ha davvero preso quando ho voluto fondare la mia famiglia. Ho fatto un test del DNA e, con mia grande sorpresa, sono apparse numerose corrispondenze. Sembra che molti della mia famiglia biologica fossero stati dati in adozione. Il nonno di mio padre aveva sette figli e tutti li diedero in adozione. Ho contatti con alcuni di loro in America tramite Facebook. Risultò anche che mio padre non era morto. Attraverso suo fratello, sono entrato in contatto con lui e ho deciso di visitarlo nel 2018. È stata un'esperienza terribile. Ero incinta di appena tre mesi e mi sentivo terribilmente male. Anche mio padre si rivelò malato di una specie di malattia contagiosa. Era in quarantena e ho avuto contatti con lui attraverso un buco nel muro. Non mi è stato permesso di avvicinarmi di più. Il tassista indiano ha tradotto le mie domande e le risposte di mio padre, cosa che ha richiesto un'eternità. Avevo scritto molte domande, ma alla fine mi sono dimenticato di farle. Ad ogni modo, ho fatto la domanda più importante: "Perché sono stato dato in adozione?" E la fredda risposta è stata: "Quando tua madre è morta, ho dato a mio fratello i soldi per portarti in un orfanotrofio. In questo modo potrei andare avanti con la mia vita e sposare una nuova donna". Mio padre pensava che non fosse affatto da biasimare. In India era proprio così. Sono rimasto stupito. Non aveva alcun rimorso e non è mai andato a cercarmi. Aveva appena continuato la sua vita, coinvolto con un'altra donna con la quale aveva concepito dei figli. Ha osato chiedermi se mi sarebbe piaciuto incontrarli. Gli ho detto: "Grazie, ma no grazie. Non sono affatto interessato ai fratellastri o alle sorelle». Ho anche detto che avrei preferito suicidarmi piuttosto che dare via mio figlio, cosa che secondo lui era molto strana. Quando l'ho salutato, gli ho detto che non volevo ulteriori contatti e sembrava che gli andasse bene. Tuttavia, mi ha dato un nome della famiglia di mia madre. Mi ha detto che veniva dallo Sri Lanka e che dovevo cercare la sua famiglia lì. Un giorno lo farò, ma ora non ne ho voglia. Lo farò quando James sarà abbastanza grande da rendersi conto di cosa significa per me cercare una famiglia biologica, forse quando avrà circa otto o dieci anni.

Quando gli adottati mi hanno chiesto: "Devo cercare o no?" Rispondevo sempre: "Sì". Continuo a pensare che sia bello sapere da dove vieni. Non è sempre facile affrontare una brutta esperienza. Conosco persone a cui ho consigliato di farlo e che, dopo essere tornate a casa, sono rimaste molto turbate perché l'incontro non era quello che avevano sperato. Mi sento in colpa per questo. Anch'io ho avuto un brutto incontro ma preferisco condividere la mia opinione e le mie esperienze. La scelta poi spetta a loro. Fortunatamente posso guardarlo e pensare: "È proprio così". Mi sarebbe piaciuto che fosse stato diverso, ma è così che va. Il cinquanta per cento dei miei geni sono comunque suoi. Quindi tutte le cattive qualità che ho, posso attribuirle a mio padre, ahah. Quando sono di cattivo umore, grido: "Scusa, sono i geni di mio padre!"

Essere in una relazione con un altro adottato

Avere una relazione con qualcuno che è anche adottato è molto bello. Ionut e io ci capiamo davvero. Ad esempio, capire cosa significa essere lontani dalla propria cultura biologica e dai propri genitori, doversi adattare in un paese adottivo, la sensazione di essere un estraneo. Le aree in cui non ci capiamo possono essere un ostacolo perché entrambi abbiamo storie di adozione molto diverse e il nostro "bagaglio". A questo proposito, la nostra storia di adozione è completamente diversa.

Annick & Ionut

Non avevo mai realizzato quanto fosse importante per me avere un mio figlio biologico, qualcosa di così strettamente connesso a me che porta il mio DNA. Ho tenuto James tra le braccia e ho visto come mi assomigliava e quanto mi faceva sentire felice. James è chiaramente un prodotto mio e di Ionut. Mi piace vedere in lui delle somiglianze con me stesso, che non mi sarei mai aspettato mi avrebbero reso così felice. Come genitori, entrambi vogliamo trascorrere più tempo con nostro figlio rispetto ai miei genitori. Il legame familiare è molto importante per entrambi. Dico sempre: "Tuo figlio è il tuo cimelio, non la tua proprietà". Vogliamo dargli calore, amore, affetto e fiducia e, soprattutto, gli è permesso di essere se stesso.

Rivoglio i miei fratelli

di Erika Fonticoli, nato in Colombia adottato in Italia.

Cosa sono i fratelli e le sorelle? Per me, sono piccoli o grandi alleati di tutte o nessuna battaglia. Nel corso della mia vita ho capito che un fratello o una sorella possono essere l'arma vincente contro ogni ostacolo che si presenta e, allo stesso tempo, quella confortante vicinanza che si prova anche quando non c'è battaglia da combattere. Un genitore può fare molto per i propri figli: dare amore, sostegno, protezione, ma ci sono cose che non diremmo mai a un genitore. E... che ne dici di un fratello? Ci sono cose nella mia vita che non ho mai potuto dire a nessuno, e anche se ho avuto un rapporto di amore-odio con mia sorella fin dall'infanzia, non c'è niente di me che lei non sappia.

Nel momento peggiore della mia vita, quando ero così ferito e ho iniziato ad avere paura di fidarmi del mondo, lei era la mano che ho stretto tra mille altre. Siamo due persone totalmente diverse, forse abbiamo in comune solo giocosità e DNA, ma lei rimane comunque la persona da cui mi sento più compresa e supportata. Amo i miei genitori adottivi, amo i miei amici, ma lei, lei è l'altra parte di me. A volte siamo convinti che la forza di una relazione dipenda dalla durata di essa o dalla quantità di esperienze vissute insieme. Già, beh.. Non ho condiviso molti momenti con mia sorella, non è stato un rapporto facile il nostro, ma ogni volta che ne avevo bisogno lei era sempre al mio fianco. Non ho dovuto dire niente o chiedere aiuto, lei lo ha sentito ed è corsa da me.

E i fratelli ritrovati da adulti? Possiamo dire che valgono meno? Sono stato adottato all'età di 5 anni, con mia sorella che aveva 7 anni. Per 24 anni ho creduto di avere solo un'altra versione di me stessa, lei. Poi, durante la ricerca delle mie origini, ho scoperto di avere altri due fratelli, poco più piccoli di me. La mia prima reazione è stata shock, confusione, negazione. Seguirono emozione, sorpresa e gioia. Infine, a queste emozioni si aggiungevano lo smarrimento e la paura di essere rifiutati da esse. Dopotutto, non sapevano nemmeno che esistessimo, io e mia sorella maggiore eravamo estranei per loro. Allora... come potrei presentarmi? Me la sono fatta almeno un centinaio di volte fino a quando, immersa in un ricco brodo di emozioni, ho deciso di buttarmi. Sentivo dentro di me l'irrefrenabile bisogno di conoscerli, di vederli, di parlargli. È stata forse la cosa più assurda che abbia mai vissuto. “Ciao, piacere di conoscerti, sono tua sorella!”, ho scritto loro.

A pensarci adesso mi viene da ridere, eppure all'epoca pensavo che fosse un modo così carino per conoscersi. Mia sorella minore, proprio come temevo, mi ha rifiutato, o forse ha rifiutato l'idea di avere altre due sorelle di cui non aveva mai sentito parlare. I primi mesi con lei sono stati terribili, duri e pieni di emozioni altalenanti, spinti sia dal suo desiderio di avere altre sorelle, sia dalla sua sfiducia nel credere che fosse reale. Non era facile, per lei ero un perfetto sconosciuto eppure aveva l'inspiegabile sensazione di essere legata a me, la sensazione di volermi nella sua vita senza nemmeno sapere chi fossi. Mi rifiutava eppure non poteva non cercarmi, mi guardava come se fossi qualcosa da studiare, perché era scioccata dal fatto che assomigliasse così tanto a qualcun altro che non aveva mai visto per 23 anni .

Con mio fratello è stato completamente diverso, mi ha chiamato subito “sorella”. Abbiamo parlato incessantemente dall'inizio, notti insonni per raccontarci, scoprendo a poco a poco di essere due gocce d'acqua. Era mio fratello dal primo momento. Ma come è possibile? Non lo so. Quando sono partito per incontrarli, diretto dall'altra parte del mondo, mi sembrava tutto così folle. Continuavo a ripetermi: "E se non gli piaccio?", e mi chiedevo come sarebbe stato trovarmi faccia a faccia con loro. La risposta? Per me non è stato un conoscersi per la prima volta, è stato un rivederli. Come quando ti allontani e non vedi la tua famiglia per molto tempo, poi quando torni a casa per vederli di nuovo
ti senti commosso e corri ad abbracciarli. Questo è stato il mio primo momento con loro! Un momento di lacrime, un abbraccio senza fine, seguito da un rapido ritorno giocoso e affettuoso come se la vita non ci avesse mai separati nemmeno per un giorno.

Quindi... valgono meno? Il mio rapporto con loro è meno intenso e autentico di quello con mia sorella, con cui sono cresciuto? No. Pensavo di avere un'altra metà di me, ora mi sento come se ne avessi tre. Ne vedo uno ogni giorno, ascolto costantemente gli altri due per messaggi o videochiamate. Ci sono cose nella mia vita che non posso dire a nessuno, cose che solo i miei tre fratelli sanno, e nei momenti più difficili della mia vita adesso ho tre mani che prenderei senza pensarci. Amo la mia famiglia, i miei genitori adottivi e la mia mamma biologica, ma i miei fratelli sono la parte del mio cuore di cui non potrei vivere senza. Averli nella mia vita mi riempie di gioia, ma averne due così lontani da me scava dentro di me un abisso che spesso si trasforma in un grido di mancanza e nostalgia. Lacrime dietro le quali si nasconde il desiderio di condividere con loro tutti gli anni che ci sono stati tolti, le esperienze ei momenti fraterni che ho vissuto con loro solo venti giorni in Colombia.

Come dicevo prima, secondo me, non importa la durata di una relazione né la quantità di esperienze vissute insieme ma la qualità… detto questo, anche quei rari momenti ci sembrano un sogno ancora irrealizzabile. Nei periodi più importanti e delicati della nostra vita spesso ci sentiamo sopraffatti dall'impotenza e dall'impossibilità di sostenerci a vicenda, perché purtroppo una parola di conforto non sempre basta. Possiamo scriverci, chiamarci, ma niente potrà mai sostituire il calore di un abbraccio quando senti che il tuo cuore sta soffrendo.

Nella fase più dolorosa e traumatica della vita di mia sorella minore, quando ha iniziato ad avere paura del mondo, quando pensava di meritare solo calci e insulti, quando pensava di non avere nessuno, le ho scritto. Le scrivevo ogni giorno, preoccupata e addolorata, e per quanto cercassi di trasmetterle il mio amore e la mia vicinanza, sentivo di non poter fare abbastanza. Mi sentivo impotente e inutile, sentivo che non c'era niente che potessi fare per lei, perché quando mi sentivo schiacciata dalla vita era l'abbraccio di mia sorella maggiore che mi faceva sentire protetta. Ed è quello che la mia sorellina voleva in quel momento, un mio abbraccio, qualcosa di così piccolo e
semplice che non potevo dargliela perché la distanza me lo impediva. E nemmeno nostro fratello perché anche lui è cresciuto lontano, in un'altra famiglia. Non sapevo cosa fare, come potevo aiutarla, era spaventata e ferita. Volevo che venisse a vivere con me, lei e il mio nipotino, così potevo prendermi cura di loro e aiutarli nel momento più difficile della loro vita. L'ho esaminato per mesi, ricerca dopo ricerca, e poi ho scoperto che nonostante il test del DNA avesse riconosciuto che siamo sorelle, il mondo no.

Legalmente, eravamo ancora dei completi estranei, proprio come quando abbiamo parlato per la prima volta.

Vorrei che la legge dia la possibilità ai fratelli separati dall'adozione di essere ricongiunti se questo è il desiderio di entrambi, che la legge ci permetta di godere di quei diritti che solo un vincolo familiare offre. Non abbiamo deciso di separarci, è stato scelto per noi, ma non vogliamo incolpare nessuno per questo. Vorremmo solo avere la possibilità di trascorrere il resto della nostra vita come una famiglia, una famiglia sentimentale e legale a tutti gli effetti. Non deve essere un obbligo per tutti, ma un'opportunità per quei fratelli biologici il cui legame è sopravvissuto. Un'occasione per noi perfetti sconosciuti che, nonostante tutto, ci definiamo famiglia. Forse qualcuno si ritroverà in quello che ho sentito e provo ancora, forse qualcun altro no, ma proprio perché ogni storia è diversa penso che dovrebbe esserci la possibilità di un lieto fine per tutti. Il mio sarebbe riavere i miei fratelli.

Mia madre

di My Huong Lé, adottato vietnamita cresciuto in Australia, vivendo in Vietnam. Co-fondatore di Vietnam Family Search, un'organizzazione guidata da adottati dedicata ad aiutare a riunire le famiglie in Vietnam.

Una madre non dovrebbe essere ricordata solo per essere speciale nel giorno della festa della mamma, ma ogni giorno. Poco più di due anni fa mi sono miracolosamente riunito con mia madre. Ogni giorno con lei da allora è stato fantastico, ma in questa festa della mamma voglio onorarla in modo speciale.

Il mio cuore va anche alle madri di tutto il mondo che sono state separate dai loro figli per qualsiasi motivo. Mamme che non si dimenticano!

Questa è la storia di mia madre:

I miei occhi hanno guardato la mia bambina con amore nel momento in cui è nata. Mentre la stringevo il giorno in cui ha esalato il suo primo respiro, una sensazione di immensa gioia è saltata nel tuo cuore. 

Non aveva padre perché mi lasciò quando ero incinta e tornò all'estero dopo aver terminato il servizio militare. Indipendentemente da ciò, ho deciso fin dal concepimento che avrei amato questo bambino come un dono. 

Quando la tenni stretta per la prima volta, la esaminai. Aveva tutte le dita delle mani e dei piedi e con quel sollievo arrivò la realizzazione del suo naso più grande e allungato. 

In pochi istanti tutto si è trasformato in una sfocatura mentre sanguinavo copiosamente. Mentre giacevo privo di sensi, l'infermiera ha avvertito mia madre che sarei morto. Tuttavia, ore dopo, mentre scivolavo dentro e fuori dall'incoscienza, con voce debole ho sussurrato: "Dov'è il mio Huong?". In risposta, mi è stato detto: "Due amici sono venuti a trovarla e hanno preso il tuo bambino per prendersi cura di lei". 

Con un senso di sollievo nel mio cuore, ero grata che il mio neonato fosse al sicuro e mentre giacevo a letto per settimane in uno stato di debolezza, i miei pensieri andavano alla deriva, desiderosi di tenere il mio adorato bambino tra le mie braccia. 

Dopo quasi due mesi in cui ho preso abbastanza forza, sono andata lentamente a piedi a trovare i miei amici per portare mia figlia a casa ….. ma non si vedevano. Le domande iniziarono a vorticare nella mia testa e una sensazione di terrore iniziò a fissarmi come una pietra nel petto quando iniziò la ricerca.

I giorni si sono trasformati in settimane, le settimane in mesi e i mesi in anni. Ho arato i campi sotto il sole cocente d'oro. Con il cuore spezzato, piangevo silenziosamente ogni notte non sapendo cosa fosse successo a My Huong. Ho pregato per la sua sicurezza e desideravo che un giorno sarebbe tornata. Il mio unico desiderio era poter vedere il suo viso una volta prima di morire.

Poi, a metà febbraio 2018, ho ricevuto un messaggio per dire che My Huong era stato visto in TV. La mia mente è tornata indietro a tutti gli anni di desiderio e ho pianto una valle di lacrime. Quella notte quelle lacrime erano lacrime di sollievo - che la possibilità di trovare My Huong ora potesse essere reale. 

Le mie preghiere furono esaudite e due settimane dopo ti trovasti faccia a faccia con me, tua figlia che ti era stata crudelmente rubata. Dopo quasi 48 lunghi anni di lontananza, la sconvolgente realtà di avere tua figlia al tuo fianco ti ha fatto venire voglia di svenire. Mentre le accarezzavi il viso e le baciavi le guance, in quel momento sapeva che eri sua madre.

Mamma, non so come esprimere tutto ciò che significhi per me. Dalla nostra riunione di due anni fa, mi hai mostrato che il tuo amore non finisce mai e hai portato un'immensa gioia nella mia vita e riempito il mio cuore. Sei il dono più grande e ogni giorno sono grato a Dio per il miracolo di averti restituito a me. 

In questa speciale festa della mamma, voglio onorarti. Sono onorato e benedetto di averti come mia madre!

Ti amo con tutto il mio cuore!
Il mio Huong Lé

Per così tanti anni, ho nascosto i miei traumi infantili più profondi sotto una maschera di sorrisi e positività percepita. Ora, sono costretto ad affrontare questi traumi e debolezze del passato, così come il trauma più recente causato dalla rete dell'inganno, che è stato svelato quando sono stato contattato dalla mia vera madre due anni fa. Le ferite della falsa madre e della famiglia sono ancora profonde, ma ogni giorno sto guarendo e sono così grata di avere la mia cara madre che vive con me. È un dono così prezioso e ringrazio Dio per il miracolo di averla nella mia vita.

Per chi fosse interessato alla mia storia potete leggere quanto segue articolo che è stato scritto da Zoe Osborne.

Ricerca e riunione di adottanti internazionali

Recentemente sono stato contattato da un ricercatore che voleva sapere se potevamo condividere le nostre esperienze su come la ricerca e il ricongiungimento influiscano su di noi. Ho deciso che era una buona ragione per mettere insieme un documento di prospettiva atteso da tempo.

Non mi ero reso conto che questo articolo sarebbe finito per essere un libro in quanto include oltre 40 adottati internazionali, contribuendo con 100 pagine!

Le domande poste per stimolare il tipo di risposte che stavo cercando erano:

  • Da che paese di origine vieni? In quale paese di origine sei stato adottato e a che età?
  • Cosa pensi che ti abbia spinto a cercare? Era qualcosa che avresti sempre voluto fare o sei arrivato a un punto della tua vita che ha suscitato il desiderio? Quali erano le tue aspettative?
  • Come hai fatto a condurre la tua ricerca? Quali risorse hai utilizzato? Quali ostacoli hai incontrato?
  • Che esito hai avuto? Che impatto ha avuto su di te? In che modo questo ha influito sul tuo rapporto con la tua famiglia adottiva?
  • Com'è stata l'esperienza di mantenere una relazione con la tua famiglia biologica? Quali ostacoli hai incontrato? Cosa è stato utile nel navigare in questa parte della tua vita?
  • Come hai integrato la tua ricerca e/o riunione nel senso di chi sei? Ha cambiato qualcosa? In quali modi?
  • Cosa potrebbero fare i professionisti, i governi e le agenzie per aiutare nella ricerca e nelle riunioni di adottati internazionali come te?

Queste domande erano solo linee guida e gli adottati sono stati incoraggiati a fornire ulteriori approfondimenti sull'argomento.

Sono stati inclusi tutti i tipi di risultati, indipendentemente dal fatto che le ricerche abbiano avuto successo o meno.

Questa risorsa fornirà agli adottati un'ampia gamma di prospettive da considerare quando si considerano i problemi coinvolti nella ricerca della famiglia originale. Il documento fornirà inoltre al pubblico più ampio e a coloro che sono coinvolti nell'adozione internazionale una comprensione più profonda di come un adottato vive la ricerca. I governi, le agenzie e le organizzazioni di ricerca professionale hanno un feedback diretto su cosa possono fare per migliorare il processo per gli adottati internazionali.

Ricerca e riunione: documento di prospettiva su impatti e risultati

Italiano
%%piè di pagina%%