Il problema del discorso sull'adozione occidentale

di Hilbrand Westra, adottato dalla Corea del Sud ai Paesi Bassi; fondatore di Adoptee Foster Coaching (AFC); assegnato il Ordine di Orange-Nassau per i suoi contributi alla comunità degli adottati dei Paesi Bassi. Il testo originale in olandese qui.

#AL'adozione non è un diritto universale, ma è un diritto occidentale.

Se l'adozione è veramente ed essenzialmente buona, allora dobbiamo consentire le adozioni in e da tutti i paesi. I principi per l'adozione dei bambini (sociali, economici, medici, ideologici, psicologici, (post)cristiani, scientifici e politici, ecc.) devono poi essere applicabili e giuridicamente validi per tutti. L'adozione deve quindi diventare parte di un diritto universale ovunque e per chiunque nel mondo.

Quindi tutti i futuri genitori adottivi possono ricevere sostegno finanziario e fiscale da tutti i governi dei loro paesi. Come per anni i costi di adozione erano fiscalmente deducibili nei Paesi Bassi e negli USA dove esistono i cosiddetti prestiti per l'adozione. Alcuni nei Paesi Bassi hanno ottenuto un prestito privato dalle banche o sono stati sponsorizzati finanziariamente dai membri della famiglia per poter adottare bambini da madri in difficoltà finanziarie.

Torna alla consulenza internazionale. Possiamo classificare al meglio le adozioni come parte delle relazioni estere. Possiamo quindi finalmente vedere l'adozione come una forma esclusiva di cooperazione allo sviluppo e come una forma esclusiva di migrazione, ovviamente senza i genitori dei bambini. Quindi potrà finalmente essere trasferito ai ministeri degli affari esteri, ma ci arriverò tra un momento.

Forse un fatto divertente, l'adozione in Corea del Sud era gestita dal Ministero del Commercio. Sì, sì sapevano già di cosa si trattava allora.

CONFINI APERTI

Se c'è accordo sul fatto che si tratta di un diritto universale, allora i Paesi Bassi devono anche spalancare le porte alle adozioni ad altri paesi da e per i bambini meno fortunati nei Paesi Bassi, ad esempio i bambini che non trovano un affidamento, vivono al di sotto della soglia di povertà, figli di genitori single, figli privi di assicurazione sanitaria, figli di rifugiati, figli espulsi dall'autorità genitoriale o figli di genitori in conflitto, figli che ricevono un'istruzione migliore altrove o opportunità che altrimenti non avrebbero Paesi Bassi.

Ciò significa che dobbiamo accettare agenzie di adozione da Stati Uniti, Canada, Australia e altri paesi europei, nonché da Cina, Arabia Saudita, India e Russia e tutti gli altri paesi in cui l'economia sta riprendendo. Dovrebbero Tutti avere diritto alla fornitura di bambini nei Paesi Bassi.

ACCORDI COMMERCIALI INTERNAZIONALI

Perché non un accordo commerciale transatlantico di adozione su questo argomento. È già stato classificato come Child Industrial Complex nelle scienze sociali (Cheney et al). In realtà, non stiamo giocando in modo completamente corretto ora. Abbiamo accesso, in particolare ai paesi non occidentali, ma non viceversa.

Se davvero crediamo che le attuali argomentazioni a favore dell'adozione siano universalmente legittime, allora dovremmo essere in grado di applicarle anche a uno scambio reciproco di bambini con altri Paesi. Quella che chiamiamo la situazione di dentro e fuori nel gergo delle adozioni come negli Stati Uniti.

La conseguenza è che la Convenzione dell'Aia sull'adozione deve essere abbandonata, non che i Paesi Bassi se ne preoccupino affatto, anche se la sede permanente è nei Paesi Bassi, ignora già il principio di sussidiarietà (prendetevi cura dei vostri figli prima di poter adottare dentro e fuori) . Occorre quindi creare una cosiddetta parità di condizioni. Gioco libero e libera scelta dei bambini per tutti.

POTENZIALI GENITORI CINESI NEI PAESI BASSI

Me lo immagino già, orde di coppie e single cinesi senza figli che si recano nei quartieri svantaggiati di Amsterdam, Rotterdam, Utrecht e L'Aia per selezionare i bambini. Oppure i più furbi vanno in provincia, alla ricerca di giovani madri nubili senza sostegno familiare. Questi vengono poi inseriti in un database in modo che anche altri futuri genitori adottivi in Cina possano scegliere dal catalogo online l'analisi di età, sesso, colore, salute, background, valore del DNA e costi-benefici (a partire da € 25.000). Qualcosa che ora è permesso nei paesi non occidentali.

ISCRIZIONI ARGENTO E ORO

E ci sarà un elenco di fornitori preferiti per i paesi che pagano di più e hanno più interessi politici. Possono scegliere prima! O che dire dei paesi islamici che usano i soldi del petrolio per comprare bambini per conquistare anime nelle regioni della cintura biblica. Almeno lo stesso numero di bambini che hanno adottato in queste regioni dovrebbe quindi essere disponibile dal lato olandese per le regioni musulmane. Sono diverse migliaia. Sembra una grande idea per una solida base negoziale per la pace e il commercio con le superpotenze islamiche. Le prove di tali compromessi ci sono già.

POLITICA E BUSINESS COME AL SOLITO

Che dire dell'adozione di bambini per servizi politici/imprenditoriali come l'ex cancelliere federale Schröder (allora 60 anni) che più o meno ha ricevuto un bambino da Putin nel 2004. In segno di ringraziamento, una delegazione di affari è venuta a conoscere la Russia. Tutta questa vicenda dell'adozione è stata minimizzata e nascosta dal governo tedesco, ma nel frattempo ai servizi segreti tedeschi e russi è stato ordinato di mantenere la "trasmissione del n. 4" nella giusta direzione.

A COSA NON SERVE LA DIFESA?

E che dire dei parlamentari belgi che hanno usato aerei militari belgi per tenere adozioni private dietro le quinte o per cooperare a "evacuazioni" su larga scala dei cosiddetti bambini indifesi dal Congo. Come lo sappiamo di nuovo? Oh, le operazioni Babylift in Vietnam da parte dell'aviazione USA.

In altre parole, ci sono buoni affari da fare con e per i bambini, certamente a livello internazionale.

Una condizione è che non ci possa essere una prima scelta segreta per la classe media benestante dei Paesi Bassi da adottare a livello nazionale. Dopotutto, il gruppo olandese per bambini entrerà improvvisamente a far parte del mercato internazionale dei bambini (M. Riben).

PARI AUGURI PARI OPPORTUNITÀ

Cosa ne pensate della proposta di cui sopra?

Ai futuri genitori adottivi dei Paesi Bassi viene data carta bianca e possono scegliere ciò che vogliono (sono proprio come gli animali che i bambini, come descrive la madre adottiva Karen Gregory nelle sue parole sul giornale Trouw) ma anche altri aspiranti genitori adottivi non occidentali possono scegliere e consegnare nello stesso modo in cui si fa nei Paesi Bassi. Sembra un ottimo piano considerando che offrirà pari opportunità a tutti.

O si. Forse un'opportunità per aziende come Thuisbezorgd e Deliveroo di attingere a un mercato nuovo e internazionale? Il margine di guadagno è enorme. Nelle ore di punta, una media di $ 2,5 miliardi all'anno sono stati spesi in adozioni internazionali.

Se questo mercato aperto esiste, è solo questione di tempo che una star del cinema o una celebrità americana presenti una causa contro i Paesi Bassi per non aver ottenuto ciò che ha ordinato...

E c'è una buona probabilità che i multimilionari stranieri escogitino determinati sussidi sui progetti in modo che possano acquistare e riscattare la fornitura preferita per anni. Tutto sembra un buon piano ora che l'economia olandese può sfruttare una spinta in questo periodo di COVID.

VALORE DI MERCATO IN CALO

Sfortunatamente, il piano di cui sopra in realtà non ha alcun impatto a lungo termine. Viene rilevato da un nuovo mercato. Vale a dire quello della maternità surrogata commerciale e dei bambini firmati che puoi mettere insieme con il materiale del DNA come desideri. Chi vuole allora un figlio di seconda mano?

NUOVI TRATTATI CON LE STESSE SCAPOLE

Ma come sembra ora, quel mercato ha scoperto le scappatoie dell'adozione internazionale e vuole un trattato simile alla Convenzione dell'Aia per l'adozione. Ne abbiamo già discusso a livello internazionale nel 2016. I più intelligenti tra gli avvocati, molte giovani donne bianche che dicono di prendersi cura di altre donne nel mondo (o ciò che conta per loro, il controllo delle madri surrogate per un periodo di gestazione sano) hanno visto la loro possibilità . La solidarietà con le altre donne cessa improvvisamente quando si tratta di bambini. Quindi vengono rilasciati gli "istinti animali", per usare ancora le parole di Gregory.

In fondo sulla carta sembra tutto regolato eticamente, ma tutto subdolo è possibile perché appena c'è un trattato nessuno può e non ha più bisogno di controllarsi a vicenda, e tutto è possibile. Lunga vita alle leggi sui trattati internazionali.

CONSUMATORI DI SCHIZOFRENE

Nel frattempo, sono state raccolte più di 9.000 firme per revocare lo stop temporaneo alle adozioni internazionali nei Paesi Bassi. Tuttavia, questo gruppo di petizioni non vuole approfondire i retroscena dell'argomento in cui sono impegnati in quanto consumatori. Forse Benjamin Barber ha ragione nel suo libro, The Infantile Consumer.

Introduce quello che chiama "l'ethos infantilista": l'ideologia capitalista che riduce i cittadini responsabili a consumatori docili e sostituisce il bene pubblico con la proprietà privata. Barber mostra come i consumatori adulti si infantilizzano in un'economia globale che genera una massiccia sovrapproduzione di beni e si concentra principalmente sul bambino come consumatore. Analizza acutamente le conseguenze di questo sviluppo per i nostri figli, la nostra libertà, cittadinanza e democrazia.con

EDONISMO 2021

Molto tempo fa, quando ho letto il libro di Aldous Huxley, "A Brave New World", ho avuto i brividi che questo potesse essere vero. Ed ecco, è già qui. Se questo è corretto, allora è vero anche il teorema di Hannah Arendt. Peggio ancora, la storia lo ha già dimostrato. Il mostro umano risulta avere un volto ordinario di 'uomo o donna normale' che non è servito da un No. Cerca l'immediata soddisfazione dei bisogni individuali e del divertimento. Possibilmente a spese di altri. Questo si chiama edonismo.

FINE DEL FEMMINISMO 3.0

Anche il femminismo sembra fermarsi ai confini del mondo occidentale, e le donne di colore sembrano rimanere ansiosamente silenziose su questo argomento. Dopotutto, vogliono tutto ciò che hanno anche le donne bianche dominanti: libertà, bellezza, potere, prestigio e anche figli di un altro, se conviene. Anche se costa una perdita esistenziale per i diretti interessati; genitori e figli.

LA SAGA DI HOLLYWOOD

Nel frattempo, Hollywood e Walt Disney prendono in dono il tema dell'orfano e dell'adozione e non mettono più in discussione la sofferenza di Dombo, Bambi, Superman e tanti altri esempi. Dopotutto, la gente ricorda principalmente il lieto fine di Annie (The Musical), per esempio, ma non quello che l'ha preceduto. Dopotutto, il consumatore vuole il prodotto finale ma non la responsabilità del processo in anticipo.

PORNO DI ADOZIONE

Da allora, sembra esistere qualcosa come #adoptionporn. Orde di olandesi siedono ogni settimana davanti alla TV con i fazzoletti pronti a farsi bene con il programma 'come Spoorloos ed. indirettamente permette in questo modo. Il prezzo? Esposizione nazionale della sofferenza.

FINALMENTE

Ma chi paga davvero per quella sofferenza? Di solito non i consumatori. Sono solo utenti finali.

Termino con una citazione del Dr. Jordan Peterson.

"I tuoi diritti, diventano la mia responsabilità."

In altre parole, il tuo diritto diventa una mia responsabilità. Ciò che rivendichi come diritto deve quindi essere fornito e protetto da altri. La domanda è e rimane, a che prezzo?

Lettera all'agenzia per le adozioni

da Clara, nata in Romania e adottata in Francia.

"In termini molto cinici, un americano mi ha detto: "Ma non capisci, amico, che questo è l'ultimo serbatoio di bambini caucasici nel mondo?"[1]

Caro Carol,

L'anno scorso ho deciso di prendere un appuntamento con la tua agenzia per leggere il mio dossier di adozione. Sono arrivato il giorno dell'appuntamento e tutti sembravano sorpresi di vedermi. Quando ho spiegato perché ero lì, ti hanno chiamato Carol perché non ti sei presentato. Quella sera hai scritto un'e-mail dicendo che ti dispiaceva di aver "dimenticato" il mio appuntamento. Se ne è occupata la tua collega Amelia. Amelia era simpatica, era giovane, non aveva mai lavorato con il mio paese natale. Amelia non ha spiegato come funzionano le adozioni per gli adottanti, per i bambini o per la tua bella agenzia. Come avrei dovuto sapere. Ha letto ad alta voce i pochi documenti che ha visto nel mio fascicolo. Ha fatto una copia di quelli che volevo portare con me. C'è un foglio che non ho chiesto e che vorrei avere. Amelia non è stata in grado di dirmi cosa fosse un "abbandono giudiziario" né come fossero le condizioni di vita all'orfanotrofio, per quanto tempo sono rimasta, o perché sono stata messa lì in primo luogo. Amelia ha deciso di leggermi l'indagine sociale che la tua agenzia ha fatto sui miei genitori adottivi, probabilmente perché le dispiaceva per me. Ha anche sottolineato che mio padre adottivo era: "Tollerante e di mentalità aperta, gli piaceva meditare, è scritto proprio qui". Della mia vita precedente non c'era niente. "Dovresti chiedere ai tuoi genitori adottivi", ha detto. “All'epoca non eravamo così scrupolosi quando archiviavamo le carte”. Quanti bambini sono colpiti da metodi di archiviazione che non erano così "accurati" come lo sono ora? Quando me ne sono andato, ero amareggiato, frustrato e arrabbiato. Ho pensato: "Quelle persone sono responsabili del processo che ha cambiato la mia vita per sempre e non sanno nulla".

Sono arrivato in Francia in aereo

Quest'anno ti ho contattato di nuovo Carol, per chiederti come entrare in contatto con l'intermediario che ha portato i bambini dalla Romania in Francia. Ho un ricordo chiaro di lui da quando è andato in vacanza con la mia famiglia in Francia per diversi anni. Mi hai dato due indirizzi di posta elettronica e mi hai inviato il link di un'associazione di adottati rumeni. Potrebbero aiutarmi a trovare possibili fratelli o sorelle, hai detto. Pensavo che la tua bellissima agenzia aiutasse gli adottati a "trovare le proprie radici". Non era un “tema centrale” per le agenzie di adozione? Voi “invest[ed] sempre di più su […] la ricerca delle proprie origini” e “la tua competenza in questo particolare riguardo [era] ben nota”… Giusto? Ho anche trovato un articolo su questo con grafici belli e colorati in una delle tue riviste. L'associazione di adottati che mi hai presentato in seguito mi ha detto che li hai chiamati per informarti sul processo di ricerca nel mio paese di nascita perché non avevi idea di come procedere da solo. L'unica cosa che ha fatto la tua bellissima agenzia è stata darmi una copia del mio file, che è il minimo indispensabile. In alcuni casi, hai dato agli adottati un file che non conteneva niente o quasi, o con le foto di un altro bambino. Come abbiamo visto l'anno scorso (non tu, visto che non ti sei presentato), lo psicologo che avrebbe dovuto darmi "sostegno" ha semplicemente letto ad alta voce le carte che ho potuto leggere io stesso, ha fatto un complimento sul mio padre adottivo senza conoscerlo e mi ha detto: "Scusa, non c'è altro che possiamo dirti".

Grazie per avermi fatto conoscere l'associazione degli adottati rumeni perché il loro sito Web è davvero un gioiello. Dovresti andare a controllarlo. Ho selezionato alcune sezioni per te[2]. “Dal 1980, il numero di persone dei paesi ricchi che vogliono adottare un bambino è stato dieci volte superiore al numero di bambini adottabili nei paesi poveri”. “Tra il 1990 e il 2000: oltre 30 000 bambini rumeni sono adottati all'estero”. “Le “casa de copii” (letteralmente “case dei bambini”) erano istituzioni statali dove asili nido, alloggio, cibo e cure mediche venivano offerti ai bambini le cui madri o genitori non erano finanziariamente e/o psicologicamente in grado di farlo, per il tempo necessario ai genitori per guarire e riprenderseli”. Interessante. Lo sapevi che una “casa de copii” (l'istituto che ho frequentato) non era un orfanotrofio? “Gli “orfani rumeni” non erano tutti orfani, tutt'altro! Potrebbe essere stato conveniente pensarlo, ma 97% dei bambini aveva una madre che era molto viva e la cui identità era nota e alcuni bambini avevano anche un padre. Più di 50% di madri sono venute a trovare i propri figli. Alcuni su base regolare, altri meno frequentemente e altri solo durante le festività religiose”. Nel 1993, il governo rumeno approva una legge che dice che un bambino che non è stato visitato dai suoi genitori per sei mesi può essere dichiarato “abbandonato” dal tribunale e quindi diventare adottabile. Le madri di solito non avevano mezzi di trasporto e il trucco era spostare il bambino in un orfanotrofio che distava più di 50 km (30 miglia) e lì ce l'avevi. Questa è la legge che è stata usata nel mio caso.

Ero curioso di questa legge del 1993, quindi l'ho cercata. Ho scoperto che per regolare il caos delle adozioni dopo la caduta del regime comunista, una legge richiedeva che gli adottanti lavorassero con un'agenzia autorizzata a trattare le adozioni da parte delle autorità francesi e rumene[3]. Nel 1993, il Congresso degli Stati Uniti stava discutendo il diritto della Romania di ottenere la clausola della nazione più favorita (un accordo commerciale). “Gli Stati Uniti avevano fatto del miglioramento della situazione dei bambini rumeni una condizione per questo accordo commerciale, ed è stato in quel contesto che la Romania ha adottato la cosiddetta “legge sull'abbandono”. […] Nel 1991 si sono avute un numero incredibile di adozioni internazionali, le stime erano più di 10.000. Molti bambini non sono stati adottati dagli orfanotrofi, ma acquistati direttamente da famiglie povere. Nel 1991 è stata adottata una nuova legge che limita le adozioni internazionali ai bambini negli orfanotrofi e negli orfanotrofi. Ma i direttori degli orfanotrofi non darebbero quei bambini perché non erano legalmente adottabili, più spesso i genitori dei bambini sarebbero stati conosciuti e avrebbero fatto visita ai loro figli. A causa di questa limitazione, le adozioni sono diminuite enormemente nel 1992. E così, sotto il travestimento di voler migliorare le condizioni di vita dei bambini istituzionalizzati e disabili, il congresso degli Stati Uniti ha spinto per una legge sull'abbandono, una legge che rendesse i bambini adottabili”.[4]

Queste due leggi, “La legge 11/1990 e la legge 47/1993 sull'abbandono dei minori hanno istituito il quadro giuridico per l'emergere di un mercato dell'adozione internazionale rumeno dopo il 1994. Queste due leggi creano[d] l'offerta – i bambini legalmente dichiarati abbandonati e preparati per l'adozione. Per avere un mercato operativo, è necessario creare la domanda e stabilire i prezzi”.[5]

Quando un bambino è stato abbandonato, il che non era così sistematico come vorresti farmi credere, in quali circostanze i genitori hanno dato il loro consenso? Quando vivi in condizioni di estrema povertà, quando sei fragile, isolato, quando affronti pressioni sociali e familiari a volte opprimenti, puoi davvero prendere una decisione informata? Quando tutti vogliono che tu creda che l'unico modo per assicurarti che tuo figlio sopravviva, è darlo via per sempre, puoi davvero prendere una decisione informata? Quando nessuno ti dice che non vedrai mai più tuo figlio, quando ti viene chiesto di firmare un foglio che non sai nemmeno leggere, quando nessuno ti dice come le nuove leggi potrebbero influenzare te e tuo figlio, quando nessuno, nemmeno le autorità del tuo paese, ti offre un supporto, anche temporaneo, puoi prendere una decisione informata? Quando hai appena partorito un bambino e non hai idea di come ce la farai fino a domani, puoi prendere una decisione informata?

Nel 2007, Roelie Post ha descritto come Holt, un'agenzia americana, è stata incaricata dall'Unicef Romania di aiutare a prevenire gli abbandoni. Ecco come quelle persone affascinanti stavano facendo pressioni sulle giovani madri provenienti da ambienti poveri per rinunciare al loro bambino: “Discutiamo con la madre la possibilità di acconsentire all'adozione subito dopo la nascita. Aspettiamo che passino i 45 giorni obbligatori e poi lei firma. Aspettiamo altri 30 giorni, durante i quali potrebbe cambiare idea, e poi, il file di adozione va al DCP [Dipartimento della protezione dell'infanzia]”.[6] Che bel modo per prevenire gli abbandoni, davvero. Se le tattiche usate nei paesi poveri per far adottare i bambini fossero usate nei paesi più ricchi, la gente sarebbe indignata. Tutti denunceremmo la violazione dei diritti umani fondamentali, dei diritti dei bambini, dei diritti delle donne. Quando sai che la stragrande maggioranza dei bambini veniva mandata in adozione per motivi economici, ti viene da chiederti, Carol. Con solo un po' di aiuto, quanti genitori sarebbero stati in grado di mantenere i propri figli? Solo nel 2009 la povertà non è più stata ritenuta un motivo legittimo per allontanare un bambino dalla propria famiglia.[7] Per quanti decenni questo è stato l'unico motivo utilizzato per rimuovere un bambino dalla sua famiglia? Sono uno di quei bambini a cui è stato detto, "I tuoi genitori erano troppo poveri per allevarti, ecco perché sei stato adottato."

Ho letto la tua bella rivista, Carol, quella del tuo sito web. Ho notato che hai scritto un articolo sulla ricerca delle proprie origini. Ero entusiasta di leggere quello che avevi da dire sull'argomento. Si scopre che in realtà hai un'esperienza molto breve lavorando su quel lato delle adozioni e fino ad ora hai aiutato principalmente gli adottanti. Ma c'era una sezione che ho trovato particolarmente spaventosa.  "Cosa vogliono? Cosa stanno cercando? Si permettono, nei nostri uffici, che è un luogo simbolico, di tornare ad essere il bambino o la bambina che erano una volta e che è stato lasciato sul ciglio della strada”. È questo quello che vedi davanti a te, Carol? Figli? Persone che hanno ancora l'età che avevano quando hanno "passato attraverso" la tua agenzia? Credi che sia venuta fino a Parigi per "consentirmi di essere la bambina che è stata lasciata sul ciglio della strada"?

Il tuo problema Carol, e il problema di tutte quelle persone che vogliono farci credere che l'adozione sia una favola (adottatori, psicologi, "specialisti dell'adozione", o anche il vecchio zio che incontri al matrimonio del tuo migliore amico), è che ti rifiuti di vedere che le persone più colpite dall'adozione non sono più bambini e che hanno le capacità intellettuali per chiedere spiegazioni, per mettere in discussione i processi, le pratiche e l'intero sistema. Rifiuti anche di vedere che siamo assolutamente legittimi nel farlo, perché per diventare figlio di qualcun altro (per le adozioni internazionali), dobbiamo perdere la nostra famiglia naturale (genitori, fratelli, sorelle e l'intera famiglia allargata), noi dobbiamo perdere il nostro paese, la nostra lingua, la nostra cultura, la nostra religione e, soprattutto, perdere la nostra identità. Dato che eravamo l'oggetto della transazione in quel momento (un oggetto passivo, che in nessun momento era d'accordo con esso), capiamo meglio di chiunque altro come ci si sente, a perdere tutte quelle cose e come ci si sente ad essere adottati . Puoi mantenere la tua simpatia.

Quest'anno la tua bella agenzia ha fatto notizia perché adottati da un altro paese, molto lontano dal mio, ti hanno accusato di aver ingannato le loro famiglie naturali per farli adottare in Francia. “Non siamo noi, non sappiamo niente”, hai affermato. Come potrebbe un'agenzia che sembra non sapere mai nulla ottenere la benedizione delle autorità francesi per portare bambini da tutto il mondo nel paese per oltre 40 anni? Questo mi ha incoraggiato a continuare a scavare. Ricordi che c'è un documento che ho dimenticato di chiedere l'anno scorso? Grosso errore, ma non avevo idea di che tipo di persone avessi a che fare in quel momento.

Sei stato difficile da contattare Carol, ho dovuto aspettare più di due mesi prima che tu ricevessi il mio file. Hai fissato un appuntamento telefonico. Quando ho chiesto se pensavi fosse normale che il mio file contenesse così poche informazioni sulla parte rumena del processo, hai inventato una scusa piuttosto schifosa. "Sai, non sappiamo in quali condizioni sono stati creati i file nei paesi di nascita." “Forse i paesi di nascita non hanno chiesto nulla ai genitori, forse nessuno ha chiesto nulla quando il bambino è stato lasciato all'orfanotrofio, forse non sono stati molto precisi”. Eccolo di nuovo, Carol, il tuo motto: "Non siamo noi, non sappiamo niente." Con una nuova piccola aggiunta: "È colpa del paese di nascita".

Se non lo sapevi, se non eri veramente sicuro, perché elaborare le adozioni dalla Romania? L'Unione Europea ha chiesto alla Romania di fermare le adozioni abbastanza a lungo da creare un sistema di protezione dell'infanzia a causa di tutte le pratiche scorrette del passato. E pensi che questo sia successo perché il sistema di adozione in Romania non era fraudolento? Pensi Carol, che la Romania fosse definita un "bazar dei bambini"[8] o un “ex supermercato per adozioni”[9] per nessuna ragione? Theodora Bertzi, ex direttrice del Comitato per le adozioni della Romania ha usato questo termine per riferirsi alle adozioni in Romania, aggiungendo: “I bambini venivano mandati all'estero come pacchi. C'erano un sacco di soldi coinvolti. Erano bianchi e sani e le adozioni venivano elaborate molto rapidamente. I bambini erano diventati oggetti usati per rispondere ai bisogni emotivi degli adulti.[10]” Secondo Yves Denechères, professore francese di storia contemporanea, e Béatrice Scutaru, “Tra il gennaio 1990 e il luglio 1991, […] gli orfanotrofi hanno aperto [ndr] la loro porta ma
il numero di bambini adottabili si è dimostrato insufficiente di fronte all'esplosione
domanda nei paesi ricchi. Molti candidati all'adozione “hanno tentato la fortuna in
Romania". “Così sono entrate in vigore le regole di un mercato di scarsità del dopoguerra: tutto era
in vendita e tutto si poteva comprare” (Trillat, 1993, p.20).
[11]

Il rapporto indirizzato nel marzo 2002 al primo ministro Adrian Năstase quando fu decisa la moratoria sulle adozioni (citata in precedenza), afferma chiaramente che le adozioni fino a quella data erano un mercato. Le parole "mercato delle adozioni” sono usati 6 volte in questo rapporto.[12] E mi dirai, Carol, che la tua bellissima agenzia non ne aveva idea? Bene, una cosa è certa, avete continuato a fare acquisti lì per oltre dieci anni!

Torna alla telefonata. Ti ho chiesto come mai la tua agenzia non sapeva di più delle adozioni che hai elaborato in Romania. Ti sentivi impotente, mi hai detto. “Prova a capire”. “L'intermediario non risponde”. Se era l'unico a sapere cosa stava succedendo, non è un po' preoccupante? "Le persone che lavoravano in Romania all'epoca sono morte, o ora sono vecchie signore". E: “Se ne sapessi di più, te lo direi, ma non posso. Cerca di capire quanto mi sento impotente”. Non sei stato trasportato in un altro paese, non ti è stato detto "quelle persone ora devono essere chiamate "mamma" e "papà", non hai dovuto imparare di nuovo la tua lingua madre per capire che mucchio di carte indecifrabili dici che non dovevi cercare le leggi sulla famiglia, la tutela dei minori e l'abbandono per capire cosa ti era successo, eppure, dal tuo comodo ufficietto, mi dicevi di capire come impotente tu provato. Non pretendo di essere uno psicologo, ma non stavi invertendo i ruoli lì?

Mi hai poi chiesto con voce irritata di cosa volessi parlare esattamente: il mio abbandono? So che sei molto attaccato al concetto di “abbandono” perché dà una base giuridica e una giustificazione morale all'allontanamento dei bambini dai loro paesi di nascita, e all'irrevocabile rottura legale ed emotiva dei legami familiari con i loro genitori naturali (nel caso delle adozioni chiuse, che sono la maggioranza in Francia). La tua bella agenzia si guadagna da vivere grazie agli abbandoni, dopotutto. La stessa parola “abbandono” sta scaricando l'intera responsabilità di quanto accaduto sulle madri naturali che non sono lì a difendersi. Come se avessero una scelta. Così i loro figli non li vogliono più cercare perché pensano di essere stati “abbandonati” da una madre che non li amava e non li voleva nella sua vita. Ma questo non lo sappiamo. Non c'è modo di dimostrarlo. Capita solo che sia davvero conveniente giustificare le adozioni. Se fossimo un po' più onesti, parleremmo di “separazione” perché c'è stata una o più separazioni, scelte o meno.

L'importanza della famiglia allargata durante l'infanzia.

In realtà non c'erano così tanti bambini veramente abbandonati. Quando c'era un abbandono, la coercizione, la manipolazione, la menzogna, il ricatto e altre tattiche spaventose venivano spesso usate per ottenere il bene desiderato: un bambino, il più giovane possibile. Ti ho già detto tutto questo. Agenzie di adozione che hanno ricoperto la carica direttamente in maternità[13], infermiere che si rifiutavano di far partire la giovane madre con il suo bambino o di restituirglielo dopo la nascita, bambini che venivano dichiarati morti subito dopo la nascita per essere poi esportati in adozione[14], direttori di orfanotrofi – o orfanotrofi – che si rifiutavano di far vedere i propri figli alle famiglie[15] (che sono stati collocati lì, non abbandonati), i servizi sociali che hanno spostato i bambini per impedire alle loro famiglie di vederli, e le autorità che hanno tenuto gli orfanotrofi aperti e pieni di bambini appositamente per l'adozione internazionale erano tutte realtà, Carol. In un articolo pubblicato sull'Irish Times nel 2002, Serban Mihailescu, ministro rumeno per l'infanzia, ha dichiarato: "L'effetto delle adozioni straniere è stato "estremamente negativo" e ha incoraggiato i funzionari a mantenere le istituzioni piene di bambini". Il numero dei bambini negli istituti è aumentato perché sempre più stranieri volevano adottare bambini rumeni e sempre più personale negli istituti lavorava come spacciatore e spingeva i bambini per l'adozione internazionale. È come un business, un business da $100 milioni”.[16]

Incolpare solo la Romania sarebbe troppo facile. Senza una domanda così alta, non ci sarebbe stata un'offerta così alta di "orfani" creati artificialmente da "salvare". La pressione affrontata dalle autorità rumene dai maggiori paesi importatori (Stati Uniti, Francia, Spagna, Italia, Israele) è stata enorme e la risposta delle lobby a qualsiasi tentativo di regolare le adozioni è stata feroce. Nel 2002, dopo la decisione della moratoria sulle adozioni internazionali, le agenzie per le adozioni di quei paesi accettavano ancora i fascicoli dei potenziali adottanti e le richieste venivano ancora inviate al Comitato per le adozioni rumeno, sperando che fossero costretti a concederle. Quando sono iniziati i negoziati per l'integrazione della Romania nella NATO, "i funzionari statunitensi […] hanno avvertito il governo rumeno che un divieto continuo potrebbe compromettere l'accettazione della Romania per l'adesione alla NATO".[17] Sai come lo chiamo? Ricatto dell'adozione.

 Vedi, Carol, durante i quasi tre mesi che mi hai chiesto di aspettare per riavere il mio file, mi sono istruita sulle adozioni dalla Romania negli anni '90. E ho solo altre domande ora. Voglio sapere come sono stati contati i sei mesi senza visita della famiglia di un bambino. Chi ha contato i giorni? C'era un registro? C'era una traccia scritta di quelle visite? Qualcuno ha firmato un documento per dimostrare che la visita era avvenuta? L'identità dei visitatori era controllata? Dove sono quei fogli Carol? Voglio spiegazioni chiare su questo “abbandono” perché in questo momento non ho nulla che lo dimostri. E capirai che non mi fido molto di te o della tua agenzia visto quanto avevi e devi ancora guadagnare da tutti quei cosiddetti “abbandoni”.

Qualche settimana dopo, dopo un'altra telefonata inutile, un'altra e-mail, hai finito per accettare di inviarmi i documenti che non ho ricevuto la prima volta. Per e-mail. Finalmente. Benvenuti al 21ns secolo. Ho trovato più incongruenze che ancora una volta non sei riuscito a spiegare. "Non siamo noi, non lo sappiamo". Nel frattempo, ho continuato a lavorare sul fascicolo inviatomi dalle autorità francesi (che contiene documenti che lei sosteneva di non avere) e mi sono reso conto che c'erano documenti di abbandono del tribunale della mia regione natale. Sono riuscito a leggere l'indirizzo dei miei genitori naturali in quel momento. Ho trovato alcune date. Forse questi dettagli non sono veri, o forse non li sto interpretando bene. Ma erano proprio lì dall'inizio, in un documento che né la tua agenzia né i miei genitori si sono mai presi la briga di decifrare e di tradurre perché la verità è che non ti importava. Quello che importava alla tua bellissima agenzia e ai miei genitori era avere un figlio, cancellare la sua identità, seppellire il suo passato. E vissero felici e contenti, con i poveri orfani abbandonati che avevano salvato da una vita di miseria.

 Vedi Carol, nessuno mi ha detto che avere a che fare con te sarebbe stata la parte più impegnativa e snervante dell'intero processo. Immagina com'è per le persone che non hanno abbastanza supporto, tempo, energia o spazio mentale per fare tutto questo. Non posso fare a meno di pensare che tu e la tua agenzia trattiate gli adottati in quel modo apposta perché se fosse più facile, forse più persone inizierebbero a fare domande. Nella rivista della tua agenzia scrivi che hai un “ruolo simbolicamente importante come intermediario tra le famiglie originarie e adottive, come custode delle storie preadottive e adottive dell'adottato”. Questo riassume magnificamente tutte le bugie di cui la tua agenzia ha scritto sul suo "aiuto" nella ricerca delle radici da parte degli adottati. Sei davvero l'intermediario. Ma la famiglia originale non è nemmeno nominata. Viene cancellato, reso invisibile, come se non fossero mai esistiti. Dici di non sapere nulla, il che dimostra che eri incompetente, che stavi guardando dall'altra parte o che non ti sei preoccupato di controllare cosa stava succedendo e in ogni caso è estremamente allarmante. Non si indaga sulla storia pre-adozione prima dell'adozione, e di certo non dopo una volta che l'adottato è maggiorenne. Fai promesse che non puoi e non manterrai per dare legittimità alle tue azioni e lucidare la tua reputazione di agenzia rispettosa della legge e delle persone. Quello che ho imparato da questa esperienza è che rispetti tutti tranne quelli che dici di salvare.

Clara


[1] Bogdan Baltazar, portavoce del governo rumeno, in un'intervista al canale televisivo CBS.

https://selectnews.ro/cristian-burci-patronul-prima-tv-adevarul-intermediat-vanzari-de-copii-din-orfelinate/?fbclid=IwAR3f4CJBtzfHoFFZfUBJ2l34gIfy0ZGKXAU42ndhBWFoJqhfLbUsUniotxg

[2] http://orphelinsderoumanie.org/ladoption-en-roumanie-dans-le-contexte-international-des-annees-1980-1990/

[3] Legge sulle adozioni 11/1990 modificata l'8 luglio 1991.

[4] Roelie Post, Romania For Export Only: la storia non raccontata degli “orfani” rumeni, P. 66

[5] Riorganizzazione del sistema internazionale di adozione e protezione dell'infanzia, marzo 2002, IGIAA (Gruppo indipendente per l'analisi dell'adozione internazionale).

[6] Roelie Post, Romania For Export Only: la storia non raccontata degli “orfani” rumeni  P. 200

[7] “Le direttive sulle misure alternative per la protezione dell'infanzia, approvate dall'ONU nel 2009, vietano di affidare un bambino solo perché i suoi genitori sono poveri. È preferibile invece offrire un sostegno adeguato alla famiglia”. Intervento di Nigel Cantwell, durante una conferenza MAI, 16 ottobre 2018

[8] Articolo del New York Times del 24 marzons 1991, di Kathleen Hunt:

https://www.nytimes.com/1991/03/24/magazine/the-romanian-baby-bazaar.html

«Un giovane ginecologo in un importante ospedale di Bucarest afferma di essere stato avvicinato da tre avvocati separati per tenerli informati di eventuali bambini abbandonati alla nascita. “Mi hanno offerto $100 per ogni bambino che potevo produrre e $200 se lo presentavo già con il consenso della madre per darlo in adozione.””

[9] Articolo di Le Monde del 20 ottobre 2006 di Mirel Bran: https://www.lemonde.fr/a-la-une/article/2006/10/20/roumanie-ex-supermarche-de-l-adoption_825807_3208.html

[10] Articolo di Le Monde del 20 ottobre 2006 di Mirel Bran: https://www.lemonde.fr/a-la-une/article/2006/10/20/roumanie-ex-supermarche-de-l-adoption_825807_3208.html  “La Roumanie était devenue le supermarché des adozioni, s'insurge Theodora Bertzi. Les enfants étaient envoyés comme des colis à l'étranger avec beaucoup d'argent à la clé. Ils étaient blancs et en bonne santé et l'adoption allait très vite. L'enfant était devenu un objet destiné à satisfaire les besoins émotionnels des adultes.

[11] Adozione internazionale di bambini rumeni e
L'ingresso della Romania nell'Unione Europea
(1990-2007), Yves Denechere, Béatrice Scutaru, Eastern Journal of European Studies, Volume 1, Issue 1, giugno 2010

[12] Riorganizzare il sistema internazionale di adozione e protezione dell'infanzia
Marzo 2002, IGIAA (Gruppo Indipendente per l'Analisi delle Adozioni Internazionali)

[13] Roelie Post, Romania For Export Only: la storia non raccontata degli “orfani” rumeni P. 200 « Dopo il tour della maternità, l'Unicef Romania ha guidato Mariela a Holt, una delle più grandi agenzie di adozione degli Stati Uniti, che ha sede nella clinica per la maternità”.

[14] «Nel corso di un anno, all'ospedale di Ploiesti, infermieri e medici avevano detto a 23 madri i cui bambini erano nati prematuri che i loro bambini erano morti, quando in realtà furono messi in incubatrici, ben nutriti ed esportati per sei mesi dopo". Emma Nicholson, eurodeputata e relatrice speciale per il Parlamento europeo (1999-2004) http://orphelinsderoumanie.org/ladoption-en-roumanie-dans-le-contexte-international-des-annees-1980-1990/

[15] Roelie Post, Romania For Export Only: la storia non raccontata degli “orfani” rumeni P. 130.

[16] " Incassare il "salvataggio del bambino", articolo dell'Irish Times pubblicato il 24 maggio 2002

[17] Articolo dell'Irish Times del 2002.

Priorità distorte

Non avere la cittadinanza in quanto adottato è come avere un Falso positivo.

È giunto alla mia attenzione che i membri del Senato e del Congresso degli Stati Uniti hanno recentemente inviato lettere per promuovere la loro agenda in materia di adozione internazionale. Il primo che allego qui al vicesegretario Carl Risch chiedendo attenzione a impegnarsi nuovamente in uno degli scopi dell'Intercountry Adoption Act, “migliorare la capacità del governo federale di assistere” le famiglie che cercano di adottare bambini provenienti da altri paesi.

Il secondo che allego qui al Segretario di Stato Michael Pompeo chiedendo risorse e focus per rivolgersi alle famiglie in attesa che vogliono portare a casa i propri figli con restrizioni COVID.

Mentre apprezzo i sentimenti dei membri del Senato e del Congresso di essere coinvolti ed evidenziare l'importanza di questi problemi, mi frustra che da un lato queste lettere siano scritte, usando tutto il potere tra di loro come collettivo, eppure non ho visto tali una lettera per spingere per il Legge sulla cittadinanza degli adottati 2019 (ACA). Negli ultimi 5 anni, conosco i nostri leader dedicati agli adottati internazionali: Joy Alessi di Campagna per i diritti degli adottati e Kristopher Larsen a Adottivi per la giustizia e le loro squadre hanno lavorato instancabilmente, cercando di convincere senatori e membri del Congresso a sostenere il tanto necessario e in ritardo Adotta la legge sulla cittadinanza 2019 (ACA). Abbiamo bisogno di un numero sufficiente di senatori e membri del Congresso per sostenere l'Adoptee Citizenship Act 2019 perché ci sono lacune rimaste dal Legge sulla cittadinanza dei bambini del 2000 che ha portato gli adottati internazionali prima del 1983 a essere lasciati senza cittadinanza automatica.

Devo fare la domanda ovvia qui: perché i politici americani non sostengono l'Adoptee Citizenship Act (ACA) ma useranno la loro forza politica per spingere per più adozioni? È lo stesso Legge sull'adozione internazionale del 2000 che viene citato da loro per ottenere il sostegno del governo federale per aiutare le nuove famiglie adottive desiderose di costruire le loro famiglie, ma ancora – per le famiglie storiche che una volta cercavano di adottare bambini, che si ritrovano decenni dopo, senza cittadinanza per i loro figli (ora adulti ) – non c'è permanenza e nessuna leadership politica per affrontare il problema. Non è piuttosto distorto che i poteri forti si concentreranno maggiormente sull'inserimento di nuovi bambini senza essersi assicurati che quelli già presenti abbiano stabilità, permanenza e cittadinanza? Che cos'è l'adozione se non per garantire la permanenza, che nell'adozione internazionale riguarda fondamentalmente la cittadinanza? Non dimentichiamo inoltre che ogni beneficiario dell'Atto sulla cittadinanza adoptee (ACA) è stato già controllato all'ingresso e ha promesso la cittadinanza. L'Adoptee Citizenship Act (ACA) mira a coprire gli adottati che sono entrati con visti di adozione (IR4) altrimenti noti come residenti permanenti legali.

Mi sento per i miei colleghi adottati che lavorano instancabilmente, spingendo quella che sembra una battaglia in salita per ottenere il supporto necessario per affrontare questo problema atteso da tempo. Perché lettere come questa non vengono scritte? GHIACCIO o USCIS e a tutti i funzionari di governo di alto livello, compreso il Presidente, che hanno i collegamenti per influenzare queste importanti decisioni?

Non ho le risposte alle mie domande, le chiedo semplicemente perché spero che lo siano anche gli altri. Abbiamo bisogno che senatori e membri del Congresso assumano una leadership sulla questione della cittadinanza automatica per le migliaia di adottati internazionali, ora adulti, che vivono in animazione sospesa. Questi adottati hanno chiesto ai leader americani di rappresentare la loro causa e aiutarli a superare quella che sembra una barriera insormontabile: essere considerati cittadini legittimi del loro paese adottivo. Questo diritto sembra essere ottenibile in ogni altro paese di adozione, ad eccezione degli Stati Uniti d'America!

L'adozione è complessa

di Rowan van Veelen adottato dallo Sri Lanka ai Paesi Bassi.

Le mie due madri

ADOZIONE

Sono infelice nei Paesi Bassi?

Sono contrario all'adozione e sono ancora felice della mia bella vita nei Paesi Bassi. Non è così in bianco e nero come tutti pensano.

Posso essere felice nei Paesi Bassi e allo stesso tempo infelice per la mancanza di non conoscere la mia famiglia biologica.

LA RABBIA PER L'ADOZIONE NON È LO STESSO DELLA RABBIA PER I GENITORI ADOTTANTI

I miei genitori adottivi hanno fatto tutto per amore. Quello che non potevano darmi come genitori adottivi è il rispecchiamento e la comprensione delle mie perdite.

È molto semplice vedere che sono i miei genitori, ma c'è anche la parte del personaggio, che è organica e in cui siamo diversi.
Perché dovrei essere arrabbiato con loro per questo? Questo è qualcosa di ingiusto aspettarsi dai genitori adottivi perché nemmeno loro possono darlo.

Proprio come ogni genitore, commettono errori nell'istruzione e va bene! Quindi non sono arrabbiato neanche per questo. Quindi posso dire personalmente che sono contrario all'adozione ma allo stesso tempo grato per chi sono i miei genitori adottivi. Allo stesso tempo, mi mancavano i miei genitori biologici.
Essere adottati non è bianco o nero, ma grigio.

CONTRO L'ADOZIONE PERCHÉ .. ?

Ho scoperto che la mia famiglia biologica e i miei documenti erano corretti. Allora perché dovrei oppormi all'adozione? Come accennato in precedenza, ho dei buoni genitori, quindi qual è il problema?

Il problema è che i soldi sono fatti da me nel mio momento più vulnerabile della vita quando ero un bambino.

Nel momento in cui dipendevo maggiormente dagli altri, la mia vulnerabilità veniva sfruttata.

Per gli altri per fare soldi, mi sento come qualcosa che è stato scambiato. È una sensazione spaventosa che le persone abbiano organizzato tutto nella procedura per portarmi nei Paesi Bassi. Non è una sensazione sicura. Questo ha senso perché non si è mai trattato della mia sicurezza, ma di quanto valevo da bambino in vendita.

Quindi sì, sono super felice che i miei documenti fossero corretti e che dopo 27 anni ho incontrato la mia famiglia! Ma questo non cambia il modo in cui è andata e le conseguenze negative sul mio sviluppo a causa di questi eventi.

NON SOLO IN SRI LANKA

Allora perché sono contrario all'adozione da tutto il mondo?
Perché finché si guadagneranno soldi dalla procedura di adozione, i diritti dei bambini saranno violati.

Finché esisterà una domanda di bambini dall'Occidente, l'offerta sarà creata nei paesi poveri.
Questo non si ferma finché la domanda non si ferma.

Se devi adottare, se necessario, fallo dall'interno dei Paesi Bassi. Credimi, capisco quanto siano difficili le scelte per essere senza figli, ma non devi mai dimenticare l'importanza del bambino.

Indossa il tuo destino

di Bina Mirjam de Boer adottato dall'India ai Paesi Bassi, coach per adozioni e affido @ Bina Coaching.

Recentemente è stato annunciato che esiste una società surrogata in Ucraina che rimarrà con centinaia di bambini ordinati ma non consegnati a causa del coronavirus. Non possono essere prelevati durante il lockdown dai genitori stranieri. Nel post di RTL 4 vediamo infermieri sconvolti e sentiamo l'avvocato della società di adozione parlare dell'importanza che questi bambini vadano dai loro genitori stranieri il prima possibile.

La cosa bizzarra è che commissionando la maternità surrogata e/o la società di adozione, questi bambini vengono sottratti alla madre, alle origini e al paese di nascita e finiscono in una famiglia in cui uno, o nessuno, dei genitori è geneticamente il loro genitore .

Lunedì 18 maggio è andata in onda la causa dell'adottata dello Sri Lanka, Dilani Butink, in base alla quale ha citato in giudizio l'organizzazione per le adozioni / fornitore di permessi Stichting Kind en Future e lo Stato olandese. Il suo caso riterrà entrambe le parti responsabili della sua adozione fraudolenta. Questo perché lo stato olandese e le organizzazioni di adozione e/o titolari di licenza sono a conoscenza da molti anni delle pratiche fraudolente e del traffico di bambini dai paesi di invio. Tuttavia, migliaia di bambini sono stati adottati legalmente (e senza accordo) dalla loro madrepatria nei Paesi Bassi dopo aver scoperto il traffico. Eppure ci stiamo ancora concentrando sul mettere al primo posto il desiderio di un figlio.

Attualmente, il governo olandese sta lavorando per adeguare la legge sulla maternità surrogata. Sotto la sua maschera e attorno alla crescita selvaggia delle fattorie per bambini, il surrogato e il bambino devono ricevere protezione dalla maternità surrogata all'estero, ma l'Ucraina non offre questo. È piuttosto strano perché la causa di questa legge, cioè la creazione di bambini in modo "non naturale", influisce sul diritto di questo bambino ad esistere. Chi legge questo disegno di legge si accorge subito che i diritti del bambino e la sicurezza della madre non sono sufficientemente tutelati e/o rispettati. La ragione di questa legge è che abbiamo ancora l'adozione internazionale e il concepimento di bambini attraverso una madre surrogata donatrice e non è una favola o un pensiero altruistico.

Pensando a cosa dicevano i miei genitori adottivi quando mi chiedevano se ero loro grato per la mia nuova vita, cioè rispondevano che non dovevo essere grato. Questo perché volevano così tanto un figlio ed erano così egoisti che mi hanno lasciato venire dall'estero.

Nella maggior parte dei casi, il desiderio di un figlio non è il desiderio di rendere un bambino parte della tua vita, ma un desiderio biologicamente guidato di riprodursi o di avere un figlio tutto tuo. Se si trattasse davvero solo del bambino, le migliaia di bambini dimenticati che vivono negli orfanotrofi sarebbero raccolti da coppie senza figli. Il fatto che viviamo in un mondo in cui il desiderio di avere il nostro bambino "fatto da sé" è esaltato al di sopra dei desideri e della salute del bambino, assicura che il mercato guidato finanziariamente continui a funzionare che domina il mondo delle adozioni, dei donatori e della maternità surrogata.

Per realizzare questo desiderio per un bambino a tutti i costi, vengono utilizzati modi che non possono essere fatti senza un intervento medico o legale. Le madri straniere sono aiutate a rinunciare al proprio figlio invece di rompere i tabù o aiutare la madre a crescere il bambino da sola, o lasciare intatti i legami familiari legali, il che è meglio per il bambino. L'influenza della distanza (la genitorialità legale da elevare al di sopra della genitorialità genetica) su una vita umana è ancora compartimentata, negata e ignorata, con tutte le conseguenze.

Nonostante tutte le storie di adulti adottati e bambini donatori adulti sull'influenza della distanza e di un passato (parzialmente) nascosto o dei bassi tassi di rendimento delle famiglie composte, il desiderio di un bambino rimane elevato al di sopra dei desideri del bambino.

Nel 2020, a quanto pare, non siamo ancora consapevoli che queste azioni non solo sollevano i genitori desiderosi dal destino insopportabile di un'esistenza senza figli, ma li allontanano anche dalla responsabilità di portare il proprio destino. Allo stesso tempo, ci assicuriamo che questi bambini siano gravati non richiesti, con un destino insopportabile. Vale a dire, una vita con un'identità nascosta e fatta. Non voglio dire che una coppia senza figli non abbia diritto a un figlio nella propria vita, ma ci sono altri modi per lasciare che un bambino faccia parte della loro vita senza dare a madre e figlio un destino insopportabile.

Gli adottati spesso non sanno chi sono, quando sono nati, qual è la loro età o nome di nascita, da quali sistemi familiari hanno avuto origine o qual è la loro storia operativa. Sono cresciuti con l'idea di appartenere a una famiglia diversa da cui hanno avuto origine geneticamente. Tuttavia, questa diseredità legale non taglia l'adottato dal suo sistema familiare originario (cosa impossibile) ma devono scoprire nella loro vita adulta che il fondamento su cui è stata costruita la loro vita non è quello giusto. I bambini donatori cercano il padre e scoprono di avere decine di (mezze) sorelle e fratelli o di essere gemelli ma provengono da padri donatori diversi. Entrambe le volte, è una questione di domanda per un bambino e di renderlo disponibile.

Molte persone adottate vengono alla scoperta ad un certo punto della loro vita che vivono con un destino insopportabile, vivono in una storia surreale di cui hanno perso l'essenza ma sperimentano le loro emozioni nei loro corpi. Questo ti fa anche sentire che gli adottati spesso dicono che sentono di dover sopravvivere invece di prosperare.

Spero che il processo legale all'adottata dello Sri Lanka Dilani Butink contribuisca a una maggiore consapevolezza e alla cessazione del traffico di bambini in qualsiasi modo e che lasciamo il destino e la responsabilità al suo posto. Come disse una volta un adottato coreano: "Preferisci morire di fame o morire di tristezza?" .. una frase che ancora osservo regolarmente durante gli incontri di gruppo con gli adottati.

Sono consapevole che non poter avere figli è un destino insopportabile mentre allo stesso tempo noto e lavoro quotidianamente con gli effetti delle conseguenze della distanza e dell'adozione. E anche questo è insopportabile per molti, purtroppo noi bambini adottati e donatori non possiamo mettere da parte il nostro destino e le responsabilità che abbiamo ricevuto e questo è un fardello che dobbiamo sopportare indesiderato come l'ergastolo.

Spero anche che il processo legale contribuisca ad ottenere assistenza. Nel 2020, i governi non si assumono ancora la piena responsabilità di distogliere lo sguardo da queste forme di traffico di minori nell'adozione internazionale e dalle sue conseguenze. Alla fine, secondo me, la domanda rimane: hai il coraggio di assumerti la responsabilità e portare il destino che hai ricevuto? È una scelta vivere senza figli “fatti in casa” o si carica un'altra persona con il destino di vivere senza la sua identità, famiglia e cultura originali.

Per favore, impariamo dalla storia e non usiamo i bambini come illuminazione del destino, ma portiamo il nostro destino.

Non è un'attrazione turistica

Riesci a immaginare se uno sconosciuto entrasse in casa tua e iniziasse a fare selfie con tuo figlio, gli facesse regali, lo abbracciasse e lo baciasse, poi se ne andasse? Il giorno dopo un nuovo sconosciuto è entrato in casa tua e ha fatto esattamente la stessa cosa.

Questa è una realtà per la maggior parte dei bambini che vivono negli orfanotrofi di tutto il mondo. Non ci pensiamo due volte quando vediamo persone postare questo tipo di immagini, infatti spesso ci lodiamo a vicenda quando partecipiamo a tali attività. Da quando riesco a ricordare, visitare gli orfanotrofi, posare con gli “orfani”, amare e fare loro regali è stata vista come una cosa buona e accettabile, ma credo che sia ora di rivalutare! In effetti, è passato molto tempo da quando avremmo dovuto realizzare quanto a volte possiamo essere negligenti con la sicurezza e il benessere di questi bambini.

Com'è che quando sono i nostri figli vediamo le cose in modo così diverso? Quando si tratta di nostro figlio, nessuno ha bisogno di dirci gli effetti negativi che tali situazioni potrebbero provocare, ma quando non si tratta di nostro figlio, ma di un bambino in un orfanotrofio, lo priviamo così facilmente della sua individualità e del suo valore. Gli istinti genitoriali che tengono i nostri figli fuori dai guai dovrebbero essere estesi a tutti i bambini, non solo a quelli all'interno della nostra stessa casa. Dobbiamo lavorare per proteggere TUTTI i bambini allo stesso modo. 

Anche se c'è sicuramente molto da capire sul motivo per cui esiste questa discrepanza di valore, non è di questo che tratta questo post.

Quello che vorrei discutere è il motivo per cui il volontariato negli orfanotrofi può essere problematico e talvolta causare danni. 

  1. La maggior parte dei bambini negli orfanotrofi non sono orfani. In passato, donare e fare volontariato all'interno degli orfanotrofi è stato visto come una cosa buona e nobile, ma con la consapevolezza che 4 bambini su 5 che vivono all'interno di tali istituti non sono orfani, è nostra responsabilità assicurarci di non contribuire al problema. L'atto di visitare e fare volontariato negli orfanotrofi è diventato sempre più popolare nel corso degli anni e, di conseguenza, c'è stato un aumento diretto del numero di orfanotrofi in tutto il mondo. Il desiderio di donazioni può incitare gli orfanotrofi ad andare alla ricerca di bambini per riempire i loro muri, predando le famiglie vulnerabili che sono alla disperata ricerca di aiuto. Di conseguenza, i bambini vengono rimossi dalle famiglie in cui avrebbero potuto essere investiti per restare insieme (il che è veramente nell'interesse del bambino). Per questo motivo, i bambini vengono spesso tenuti all'interno di queste istituzioni per sostenere donazioni continue da parte di volontari e organizzazioni religiose che hanno sviluppato un rapporto personale con quel particolare orfanotrofio. 
  2. Non esiste un buon orfanotrofio. Anche se non sto dicendo che non ci siano orfanotrofi gestiti da brave persone che fanno del loro meglio per fornire un ambiente sicuro e nutriente, l'istituzionalizzazione dei bambini non è mai stata considerata "buona" per loro. I bambini non prosperano nelle cure istituzionali, anche nelle migliori condizioni. Il tasso di abusi fisici, emotivi e sessuali all'interno degli orfanotrofi è alto. Se sappiamo che i nostri contributi agli orfanotrofi possono potenzialmente promuovere la creazione di orfani e sappiamo anche quanto sia dannosa l'assistenza istituzionale per un bambino, allora perché mai dovremmo considerare di contribuire a un sistema che istituzionalizza inutilmente i bambini 4 volte su 5? Proprio come è per i nostri figli, è meglio che tutti i bambini stiano con le loro famiglie biologiche, ove possibile. Sarebbe meglio sostenere programmi che si concentrano sul tenere insieme le famiglie o reintegrare i bambini nelle loro famiglie invece di investire quei soldi in sistemi che stanno separando le famiglie.
  3. Solo volontari e professionisti adeguatamente controllati e formati dovrebbero lavorare con i bambini in istituto. Consentire a gruppi di volontari non adeguatamente selezionati e formati di avere accesso ai bambini vulnerabili negli orfanotrofi promuove un ambiente non sicuro per i bambini. 
  4. Quando i volontari visitano gli orfanotrofi, anche per un breve periodo di tempo, creano un legame che verrà spezzato una volta che il volontario tornerà a casa. I bambini che si trovano nella sfortunata posizione di essere collocati in un orfanotrofio sono stati esposti a traumi. In primo luogo, c'è il trauma che ha determinato la necessità di assistenza. Potrebbe trattarsi di qualsiasi cosa, da abuso, abbandono, morte in famiglia, povertà, salute mentale di un genitore, perdita del lavoro, corruzione o una moltitudine di altre ragioni. In secondo luogo, c'è il trauma profondo dell'essere separati da tutto e da tutti quelli con cui hanno familiarità. Perdere quel legame e la connessione quotidiana con i membri della propria famiglia è estremamente traumatizzante. Il più delle volte, gli orfanotrofi diventano una porta girevole di persone che entrano, si uniscono ai bambini e poi se ne vanno, esponendo così i bambini al trauma dell'abbandono più e più volte. 
  5. Visitare, fare volontariato e donare agli orfanotrofi crea un mercato di domanda e offerta che può portare al traffico di bambini. In molti paesi in via di sviluppo, dove l'infrastruttura del governo è debole, spesso manca un'adeguata supervisione all'interno degli orfanotrofi. Pertanto, è quasi impossibile garantire che la maggior parte di questi orfanotrofi sia gestita legalmente ed eticamente. In molti paesi in cui la crescita degli orfanotrofi è aumentata negli ultimi anni, è diventato un problema enorme da affrontare. Con oltre 500 orfanotrofi senza licenza solo in Uganda, è quasi impossibile donare o fare volontariato all'interno di queste istituzioni, garantendo al tempo stesso che le cose siano gestite in modo etico e che i bambini non vengano sfruttati per ricevere entrate dalle donazioni.

Anche se non sto dicendo che non c'è assolutamente modo di fare volontariato in modo sicuro ed etico in un orfanotrofio, penso che sia importante umiliarsi e assicurarsi che nel nostro tentativo di "fare del bene" non abbiamo in qualche modo partecipato a un sistema che potrebbe sfruttare i bambini. Può essere facile convincersi che se le nostre intenzioni sono buone i risultati delle nostre azioni sono irrilevanti. Le buone intenzioni sono inutili se causano danni. Per molti anni ho inconsapevolmente sottovalutato la vita dei bambini in istituto, tutto in nome della buona volontà. Sono imbarazzato per la mia mancanza di miglior giudizio e ignoranza. Ma riconoscere e ammettere dove ho sbagliato fa parte del cambiamento che voglio vedere in questo mondo.

Possiamo tutti fare meglio ed essere migliori per questi bambini e le loro famiglie.

Di Jessica Davis

Adozioni sudcoreane: un'analisi economica

La madre delle bugie

Diversi confronti hanno esaminato il clima sociale e i fattori economici per comprendere le motivazioni per cui il governo sudcoreano continua a esportare i suoi bambini attraverso l'adozione internazionale. Alcuni sostengono che sia dovuto alle condizioni di povertà dopo la guerra di Corea, ma trovo che questo sia fuorviante. L'America ha una lunga tradizione di lanciare un grido di battaglia dopo un grande disastro come il crollo di un'economia, la carestia o la guerra. L'adozione internazionale moderna è iniziata dalla Corea del Sud ed è rimasta popolare nel tempo. Altre nazioni sono diventate popolari paesi di invio negli ultimi anni, ad esempio la Cina. Tuttavia, la Corea del Sud regna ancora come quella con il maggior numero di bambini mandati via in un paese straniero tramite adozione internazionale.

Guerra di Corea il grido di battaglia ma non un contributore importante

Il grafico sopra mostra il numero di adozioni avvenute per anno. Il grido di battaglia per le adozioni sudcoreane potrebbe essere iniziato all'indomani della guerra di Corea e per 17 anni i bambini sono entrati in America. Il divario tra la guerra di Corea e l'inizio della prima ondata di adozioni coreane avvenuta negli anni '70 era quasi di un'intera generazione dopo la guerra di Corea. Pertanto, deve esserci un altro driver che ha motivato la Corea del Sud a esportare i suoi figli.

Se la tutela dei bambini dopo la guerra è stata un fattore importante per aiutare i bambini sudcoreani, allora ci si aspetterebbe di vedere aumentare il numero delle adozioni dopo la guerra. Tuttavia, l'aumento delle adozioni non si verificò fino a sedici o diciotto anni dopo la fine della guerra. Un argomento spesso usato ha a che fare con l'economia povera. Tuttavia, i due periodi di punta con il maggior numero di bambini venduti tramite l'adozione internazionale si sono verificati durante il più grande boom economico per la Corea. Pertanto, devono esistere altre ragioni che hanno motivato la Corea del Sud a vendere il suo bene più prezioso, i suoi figli.  

Questo saggio indagherà in profondità la motivazione sottostante al motivo per cui la Corea del Sud ha inviato così tanti bambini tramite l'adozione internazionale. Prenderò spunto sia dal mio background finanziario professionale sia come persona che ha vissuto questa esperienza di esportazione.

Tendenza o preferenza dell'adozione americana?

La maggior parte dei bambini adottati in America proveniva dall'Asia, dalla Russia e dai paesi dell'ex controllo sovietico. La selezione preferenziale basata sulla razza è stata citata più volte come la ragione principale di questa disparità tra la comunità caucasica che adotta la maggior parte dei bambini in America. L'articolo Scoraggiare le preferenze razziali nell'adozione di Solangel Maldonado ha riassunto bene questo contesto:

“Tracciando la storia dell'adozione transrazziale negli Stati Uniti, questo articolo sostiene che uno dei motivi per cui gli americani vanno all'estero per adottare è la razza. La gerarchia razziale nel mercato delle adozioni pone i bambini bianchi in cima, i bambini afroamericani in fondo e i bambini di altre razze nel mezzo, rendendo così i bambini asiatici o latinoamericani più desiderabili per i genitori adottivi rispetto ai bambini afroamericani”.

Se gli americani erano davvero preoccupati per i bambini coinvolti nei conflitti, allora ci sono enormi lacune nelle tendenze delle adozioni. Si potrebbe presumere che i bambini dei massacri del Ruanda, del Darfur e di altre guerre e disastri si riflettano nelle statistiche sulle adozioni, ma l'America preferisce adottare bambini provenienti da paesi dalla pelle chiara. L'Etiopia si trova nell'Africa settentrionale e l'Etiopia ha alcune delle tonalità più chiare del colore della pelle in Africa. La cultura è stata influenzata da influenze giudaiche e mediorientali. La realtà è che gli americani hanno una preferenza, vogliono il maggior numero possibile di bambini dalla pelle chiara. 

Riferimento per Mappa del colore della pelle

Domanda e offerta di adozione internazionale

In passato, mi è stato chiesto di parlare del lato commerciale dell'adozione. Le seguenti informazioni provengono inizialmente da un'intervista che ho fatto con Kevin Vollmers per un'intervista su Terra di Gazillion Adoptees. Ho trovato un'ottima spiegazione sulla domanda e sull'offerta e su come è correlata al business, per includere l'industria dell'adozione.

“L'offerta e la domanda sono forse uno dei concetti più fondamentali dell'economia ed è la spina dorsale di un'economia di mercato. La domanda si riferisce a quanto (quantità) di un prodotto o servizio è desiderato dagli acquirenti. La quantità domandata è la quantità di un prodotto che le persone sono disposte ad acquistare a un certo prezzo; la relazione tra prezzo e quantità domandata è detta rapporto di domanda. L'offerta rappresenta quanto il mercato può offrire. La quantità offerta si riferisce alla quantità di un certo bene che un produttore è disposto a fornire quando riceve un certo prezzo. La correlazione tra il prezzo e la quantità di un bene o servizio fornito al mercato è nota come rapporto di fornitura. Il prezzo, quindi, è un riflesso della domanda e dell'offerta.”

È stato evidenziato un focus sui fattori che influenzano il lato dell'offerta dell'equazione delle adozioni dalla Corea del Sud e mostra come le variazioni dei prezzi e l'uso dei sussidi abbiano reso l'adozione un business molto redditizio.

Lato della domanda in America per l'adozione internazionale

Alcuni individui sono molto ignoranti riguardo alla grande richiesta di bambini in America. Per la maggior parte, i futuri genitori stanno cercando di adottare bambini per consentire loro di sperimentare la genitorialità. Sono rimasta sorpresa dal numero di coppie incapaci di concepire e sebbene la tecnologia stia avanzando per aiutare il concepimento, le barriere all'uso di queste tecnologie sono a costi elevati e il costo che impone al corpo della donna rispetto ai compromessi del non concepire.

Le ultime informazioni dal Centri di controllo delle malattie (CDC) stima quanto segue:

“Circa 6% delle donne sposate di età compresa tra 15 e 44 anni in America non sono in grado di rimanere incinta dopo un anno di tentativi (infertilità). Inoltre, circa 12% delle donne di età compresa tra 15 e 44 anni in America hanno difficoltà a rimanere incinta oa portare a termine una gravidanza, indipendentemente dallo stato civile (diminuita fecondità)”.

Indagine nazionale sulla crescita familiare ha affermato che 7.5% di tutti gli uomini con esperienza sessuale ha riferito di aver ricevuto aiuto per avere un figlio in qualche momento della loro vita. Ciò equivale a 3,3-4,7 milioni di uomini in America. Degli uomini che hanno cercato aiuto, al 18.1% è stato diagnosticato un problema di infertilità maschile. Questi dati indicano che potrebbero esserci fino a 6,7-10,8 coppie che avranno problemi nel concepire figli e sono probabilmente candidate all'adozione. Questo non vuol dire che le coppie sterili siano le uniche a voler adottare. Ci sono prove che anche le famiglie senza problemi di fertilità e le famiglie con figli biologici hanno il desiderio di adottare.

In un recente sondaggio condotto dal Consiglio nazionale per l'adozione e la loro testimonianza davanti al Congresso sulla riforma del reclutamento dei genitori affidatari e adottivi; il loro sondaggio ha concluso quanto segue:

  • 25% considera seriamente di diventare un genitore affidatario/o adottare;
  • 63% credono che i leader religiosi dovrebbero fare di più per incoraggiare le persone a diventare genitori adottivi o ad adottare;
  • 76% supporta l'assunzione di più operatori del caso, anche se costa milioni di dollari.

Oltre al desiderio di allevare una famiglia da coppie sterili, l'industria delle adozioni è stata pesantemente influenzata dal movimento evangelico in America che abbraccia quasi un decennio. Durante questo periodo, le famiglie numerose e consolidate senza problemi di infertilità hanno adottato in numero elevato. Il movimento per l'adozione evangelica ha anche combattuto per fare pressione al Congresso per mantenere il credito d'imposta per l'adozione e ha vinto nel 2017 per estendere il disegno di legge per sostenere le famiglie evangeliche in crescita.

È estremamente difficile determinare quanto sia grande la domanda di adozione, è vero che non tutte le coppie sterili guarderanno all'adozione come parte del loro paniere di scelte e inoltre, ci sono grandi gruppi segmentati come gli evangelici che sono molto favorevoli all'adozione e anche questo è difficile da determinare, ma il potenziale dal lato della domanda potrebbe facilmente essere di milioni a due cifre. 

Lato della domanda in Corea del Sud

La Corea del Sud ha poca o nessuna richiesta di adozione all'interno dei propri confini. Si stima che la Corea del Sud accolga circa 4% dei propri figli indesiderati. Nonostante la vendita di 200.000 bambini, negli ultimi sei decenni ha registrato un aumento di quasi dieci volte nei loro orfanotrofi statali. Si stima che più di 2 milioni di bambini siano stati allevati dallo stato in Corea del Sud. Per la maggior parte, i coreani aderiscono ai principi confuciani e si conformano a rimanere all'interno delle proprie linee di sangue. Pertanto, il lato della domanda in Corea è quasi inesistente. Per comprendere le differenze culturali, L'economista pubblicò un articolo intitolato "Perché le adozioni sono così rare in Corea del Sud e ha dichiarato:

“Le nozioni tradizionali confuciane della famiglia di stirpe continuano a prevalere, così come gli aspetti della primogenitura. Le donne che non possono avere figli affrontano un forte stigma sociale, così come gli orfani e gli adottati, le cui possibilità di trovare un lavoro e di sposarsi sono limitate. Molte adozioni in Corea del Sud sono nascoste alla famiglia e agli amici e, in molti casi, al bambino adottato. I genitori si assicurano che il gruppo sanguigno del bambino corrisponda al proprio; alcune madri fingono addirittura la gravidanza. Tutto ciò invia il messaggio che l'adozione è vergognosa, a sua volta scoraggiandone di più. La segretezza spiega anche perché 95% dei neonati adottati in Corea del Sud hanno meno di un mese: abbastanza piccoli da essere spacciati per figli biologici. La maggioranza dei bambini adottati sono femmine per evitare difficoltà di eredità e di riti familiari ancestrali, che normalmente vengono svolti dai figli di stirpe”.

Lato dell'offerta in America per l'adozione domestica

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani produce ogni anno un rapporto sul numero di bambini in affidamento o bisognosi di una casa. Adoptionnetwork.com fornisce una pletora di statistiche sull'adozione per dare un'idea di quanto sia grande l'offerta in America. Il sito ha fornito i seguenti esempi:

  • 428.000 bambini sono in affidamento negli Stati Uniti;
  • 135.000 bambini vengono adottati negli Stati Uniti ogni anno;
  • Nel 2015, oltre 670.000 bambini hanno trascorso del tempo nel sistema di affidamento;
  • 2% degli americani lo ha effettivamente adottato, più di 1/3 lo ha considerato;
  • Vengono adottati circa 7 milioni di americani;
  • Le spese statali e federali per i costi amministrativi dell'affido (affidamento e monitoraggio dei bambini in affidamento) sono stati pari a $4,3 miliardi 

In America le cifre mostrano che la stragrande maggioranza dei bambini non viene adottata e il sistema è fortemente sovvenzionato da fondi federali e statali che si è trasformato in un business multimiliardario. 

Lato dell'offerta in Corea del Sud per eventuali adozioni

Il numero esatto di bambini disponibili per l'adozione ogni anno in Corea del Sud è sconosciuto ed è stato gonfiato artificialmente a causa di leggi e incentivi che incoraggiano l'abbandono. La matematica non mente, si stima che 4.2% dei 51,5 milioni di coreani siano stati allevati in istituzioni statali o mandati in adozione. I veri problemi vengono sorvolati quando le emozioni vengono usate sui fatti. Il motivo principale per cui le madri sudcoreane regalano i propri figli è perché non ci sono programmi di assistenza sociale né diritti civili che supportano i genitori single in Corea del Sud. Un genitore single riceve in media 70.000 won (US$84) per figlio al mese rispetto agli 1,1 milioni di won che vengono spesi per ogni bambino in un orfanotrofio e questa disparità aiuta a spingere le madri disperate ad abbandonare i propri figli. 

Se il sostegno andasse alla madre invece che alle istituzioni, il lato dell'offerta in Corea si prosciugherebbe da un giorno all'altro.

Nonostante queste leggi perverse, il numero di bambini nei centri di assistenza che ospitano gli orfani è diminuito notevolmente. Nel 2015, il numero di bambini assistiti dallo Stato è sceso a 12.821 da 17.517 nel 2006, ovvero un calo di 26,8%. Molte organizzazioni cercano di indicare il fatto che la Corea del Sud ha spedito 200.000 bambini in altri paesi come indicatore di una grande offerta di bambini disponibili per l'adozione, ma qualcuno mostra la ricerca per questo? No, perché così facendo capiremmo che non c'è una grande offerta in Corea del Sud.

Joel LA Peterson è il pluripremiato autore nazionale del romanzo, I sogni di mia madre e ha dichiarato in un articolo dell'Huffington Post nel 2015:

"Invece, la mia ricerca suggerisce che molti - forse la maggior parte o tutti - i bambini coreani "abbandonati" erano desiderati e le loro madri hanno attraversato un processo orribile e agonizzante per raggiungere una decisione che dimostrasse che le loro madri si preoccupavano del loro benessere e facevano l'unica cosa che potrebbero dare qualche vantaggio al loro bambino conferendo almeno la cittadinanza coreana”.

Spiega inoltre perché non esiste una curva di offerta in Corea del Sud affermando:

“Recenti sondaggi condotti in Corea indicano che oltre il 90% delle madri single desidera tenere il proprio figlio se le circostanze e la società lo hanno consentito. Sembrerebbe che, in effetti, le madri coreane non siano diverse dalle madri di tutto il mondo. Solo leggi coreane e il peso delle norme sociali coreane”.

Pratiche senza scrupoli riducono i costi di input

I costi delle agenzie di adozione sono molto più bassi per operare nei paesi in via di sviluppo più poveri. I costi operativi potrebbero essere molto più bassi: qualche migliaio di dollari per coprire una fornitura annuale di spese per vitto, alloggio e spese accessorie. Durante l'apice delle vendite di bambini in Corea del Sud c'era una grande disparità nel PIL pro capite tra America e Corea del Sud. Con i minori costi operativi in Corea durante questo periodo di tempo, ciò ha permesso al governo sudcoreano di realizzare maggiori profitti. Il costo potrebbe essere notevolmente inferiore se le pratiche senza scrupoli che sono state spinte dal mercato a portare bambini per l'adozione straniera. Altri vantaggi per l'agenzia di adozione e gli adottanti includono la mancanza di risorse per le famiglie povere per cercare il loro bambino o presentare una petizione al sistema legale se i genitori cambiano idea. 

Gli incentivi per l'adozione fanno crescere i profitti

L'incentivo fiscale americano gioca un ruolo negativo nell'aumentare i costi di adozione. Diversi economisti correlano l'aumento delle tasse universitarie con l'aumento delle sovvenzioni e dei sussidi federali. Ciò significa che per ogni dollaro che uno studente ha ricevuto in borse di studio e denaro gratuito: l'università ha aumentato i costi delle tasse scolastiche e l'importo del debito lo stesso per lo studente. I fondi forniti dal governo non hanno compensato i costi per lo studente. Invece, ciò che ha fatto il sistema è stato aumentare il costo totale delle tasse scolastiche. Non importa quanto questo possa essere sottolineato da economisti e legislatori intelligenti: le persone chiederanno di ottenere più fondi per la loro istruzione attraverso sovvenzioni e sussidi governativi invece di chiedere modi per ridurre i costi delle tasse scolastiche.

Lo stesso problema vale per chi vuole adottare. Il finanziamento è disponibile tramite cancellazioni fiscali, prestiti e sovvenzioni ai futuri genitori, incentivandoli ad adottare.

Non ci sono prove chiare che i costi di input siano aumentati o che i genitori vengano abbinati a bambini migliori a causa di ricerche o processi più estesi. Le spese di adozione specifiche come le spese di adozione, le spese processuali, le spese legali e le spese di viaggio vengono utilizzate come credito d'imposta. Ricorda che un credito d'imposta è un dollaro per dollaro di riduzione dell'imposta federale e non una riduzione del reddito imponibile. Inoltre, il credito d'imposta per l'adozione consente un credito d'imposta di US$13.460 per il bambino adottato. Quindi, c'è da chiedersi, dove vanno a finire questi soldi? Le agenzie di adozione rispondono affermando che gli aumenti dei costi sono causati da normative più severe, tempi di detenzione più lunghi e aumenti dei costi di input (cibo, alloggio, abbigliamento, ecc.).

Una valutazione è stata fatta ai dati finanziari di Holt International per determinare dove i fondi venivano distribuiti in tutto il sistema.

Holt International, così come numerosi siti di sostegno all'adozione, hanno utilizzato la cifra di US$40.000 come costo medio che una futura famiglia spende per ogni adozione. Utilizzando questo per il 2010 sul numero di bambini elaborati per l'adozione in America, l'importo totale delle entrate guadagnate è stato di US$29.560.000. Sottrarre le tasse di adozione Holt International a carico di ciascuna famiglia, la passività totale non registrata è di US$18.756.000, ovvero 63% del finanziamento non è stato contabilizzato.  

UN Washington Post L'articolo afferma che il costo maggiore al di fuori dei costi di agenzia (che sono separati) sono le spese legali che vanno da US$6,000 a $8,000. Gran parte di ciò che Holt e altre agenzie di adozione pubblicano è vago e i registri finanziari cambiano di anno in anno, rendendo difficile determinare dove vengono spesi i fondi e impedendo la trasparenza. Nel 2010, come ha fatto Holt a guadagnare un ulteriore valore di US$14 milioni di entrate quando metà delle entrate proveniva dalle tasse di adozione?

Adotta per tutti i bambini è un'altra agenzia di adozione americana e elencano una ripartizione più ampia dei loro costi. Collaborano con il Società di assistenza sociale orientale per mettere i bambini dalla Corea del Sud in America.

Pistola fumante
Un'altra agenzia di adozioni chiamata Nuovi inizi che si occupa delle adozioni sudcoreane dà un'idea dei maggiori dettagli della loro Costi del programma sudcoreano:

Costo del programma coreano Coordinamento del programma $6,500 per la sponsorizzazione e lo sviluppo del programma; lavorare con ESWS per identificare un bambino e organizzare un'adozione; ricevere un rinvio di un bambino che include lo studio di base del bambino; garantire le informazioni legali del bambino da presentare all'USCIS per l'approvazione dell'immigrazione; deposito dei documenti in Corea per l'approvazione del tribunale e il permesso di emigrazione, stabilendo gli itinerari mentre la famiglia è all'estero per l'udienza di adozione, il collocamento del bambino e il visto di viaggio del bambino. ($2.500 dovuto all'approvazione dello studio a casa; $1.500 dovuto all'accettazione; e $2.500 dovuto alla presentazione del permesso di emigrazione).”
Commissione di agenzia estera e "donazione" $19,500 Per le spese per l'assistenza all'infanzia prima dell'adozione, identificare un bambino disponibile per l'adozione, garantire la necessaria cessazione dei diritti genitoriali, fornire lo studio di base sul bambino, organizzare la finalizzazione dell'adozione e l'immigrazione del bambino (dovuta all'accettazione). 
Costo totale del programma coreano $26.000

Il documento fornito da New Beginnings mostra che gran parte dei costi di adozione viene restituita al governo della Corea del Sud. Non mi piace il termine che usano queste agenzie. Lo chiamano donazioni e questo significa che i fondi non sono stati contabilizzati. Le agenzie sudcoreane devono essere trasparenti sui fondi ricevuti e su come vengono spesi i fondi. Indipendentemente da ciò, questa è la quantità di finanziamento che avrebbe potuto contribuire all'economia coreana: pagare gli stipendi per l'elaborazione dei documenti, il costo delle cure per i bambini e altre spese. Farò riferimento a questi numeri durante lo studio come la tassa e la donazione dell'agenzia straniera.

Esempio di caso Holt
È quasi impossibile ottenere valutazioni reali dai rendiconti finanziari online di Holt. La maggior parte degli anni, Holt pubblicherà un numero totale di bambini adottati in America dividendo il numero tra adozioni fatte dal paese d'origine e adozioni nazionali. A causa dei dati limitati devo fare alcune ipotesi. Presumo che la maggior parte dei costi sarà trasferita alle famiglie americane e che la maggior parte dei costi sarebbe per i bambini nati all'estero, cioè le adozioni nazionali dovrebbero essere più economiche da elaborare.  

Nel 2007, Holt ha elencato le adozioni nazionali e internazionali in America separatamente e se togliamo la cipolla, i costi complessivi per le adozioni internazionali aumenterebbero se tagliassimo fuori dall'equazione le adozioni nazionali. Ho utilizzato i dati del 2007 per calcolare il nuovo costo: 59 adozioni nazionali e 561 estere e questo implica che circa 10% di tutte le adozioni Holt, per un anno medio, sono domestiche.  

Il Federal Adoption Tax Credit è stato emanato nel 1997. Non ho dati sufficienti per determinare se la legge ha aumentato questi costi. Avrei bisogno di guardare i rendiconti finanziari che risalgono ai primi anni '90 per fare una valutazione accurata, ma ciò non significa nemmeno che questi dati siano totalmente inutili. Innanzitutto, la quota di adozione per bambino internazionale è vicina a quanto riportato da altre fonti. L'aumento dei ricavi operativi totali suggerisce che i costi vengono trasferiti ai potenziali genitori, il numero di adozioni non sta aumentando in modo drammatico e i fondi operativi annuali sono aumentati di anno in anno, nel complesso. Ciò potrebbe essere dovuto all'inflazione di 2-3%. 

Le relazioni annuali elencano anche le aree in cui le agenzie di adozione stanno lavorando attivamente. Possiamo vedere numerose tendenze. In primo luogo, vanno costantemente in aree economicamente depresse per ottenere questi bambini. Vediamo dove stanno concentrando la loro attenzione e possibili modelli di abuso. Ad esempio, negli ultimi anni alle agenzie di adozione è stato vietato fare affari in Russia e Guatemala a causa di abusi percepiti o reali all'interno del processo di adozione. Nel complesso, si può presumere che la politica stia funzionando bene nell'incoraggiare gli individui ad adottare. Tuttavia, altre fonti sottolineano che il programma sostiene le adozioni straniere e non aiuta il sistema di affidamento domestico.   

Una recente ricerca di Child Trends utilizza i dati del 1999-2005 del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti per determinare chi beneficia maggiormente del credito. Nella sua sintesi del rapporto, l'autore Rob Geen rivela che:

  • La stragrande maggioranza dei beneficiari del credito d'imposta per l'adozione ha completato adozioni private o straniere piuttosto che adozioni da affidamento.
  • Il credito d'imposta sostiene in modo sproporzionato le famiglie a reddito più elevato.
  • Il credito d'imposta sostiene principalmente l'adozione dei bambini più piccoli.
  •  Quasi tutte le adozioni straniere sono state supportate dal … credito d'imposta, ma solo una su quattro l'adozione in affidamento.

Dimensione stimata del settore delle adozioni

Il processo di adozione non è diverso da altri programmi in cui l'assistenza federale aumenta la ricchezza di coloro che li gestiscono. Insieme alla crescente domanda di adozioni internazionali, l'assistenza federale agisce per gonfiare i costi e consente a coloro che gestiscono i programmi di diventare più ricchi. 

Sono andato all'Ufficio degli affari consolari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per ottenere il numero medio di adozioni internazionali all'anno. Il sito ha un database che elenca il numero totale di adozioni come 271.833 dal 1999-2017. Ho preso l'anno medio di circa 15.101 adozioni all'anno e l'ho moltiplicato per il costo medio di adozione internazionale di Adoption.com di US$35.000 per determinare la dimensione del mercato americano. è US$529 milioni di dollari all'anno. Ciò non tiene conto di spese legali, spese mediche, costi di consulenza e costi di immigrazione. Inoltre non tiene conto di tutti gli altri paesi sviluppati che adottano all'estero. Diversi siti stimano che il numero di adozioni in Europa e in tutti gli altri paesi sviluppati sia uguale a quello dell'America. Perciò, l'intero settore delle adozioni internazionali vale almeno un miliardo di dollari USA all'anno.

Ulteriori letture
Articolo di Harvard Law: Adozione internazionale, riflessioni sulla questione dei diritti umani
Sito di infertilità dei CDC
La Nuova Repubblica: il problema del movimento di adozione cristiana
Christian News Now: gli evangelici respingono i tagli al credito d'imposta per l'adozione e vincono
Adoptionnetwork.com Statistiche sull'adozione
Washington Post: perché è così costoso adottare un bambino?
Huffington Post: I fatti sorprendenti dietro l'abbandono dei bambini in Corea
Today Online: la Corea del Sud ha stabilito adozioni internazionali inverse di politiche vecchie di decenni
AAC (Agenzia per le adozioni) Costi per l'adozione coreana
New Beginnings (Agenzia per l'adozione) Riepilogo delle commissioni in Corea
Dipartimento di Stato degli Stati Uniti: Statistiche sulle adozioni internazionali
Wikipedia: costi di adozione

Le attuali motivazioni per le adozioni non hanno senso

In realtà ci sono stati due periodi di punta in cui i bambini sono stati adottati fuori dalla Corea del Sud e si sono verificati durante gli anni '70 e '80. Non vi era alcuna correlazione tra i tassi di adozione rispetto al PIL pro capite. Se questo fosse vero, allora ci si aspetterebbe che più bambini vengano esportati durante la crisi del FMI nella seconda parte degli anni '90, tuttavia ciò non si è mai verificato. Si potrebbe obiettare che il fattore chiave potrebbe essere stato la dimensione della famiglia. Questo si potrebbe dire per i bambini nati negli anni '70. La dimensione media della famiglia conteneva 4,53 bambini per famiglia.

Il tasso di natalità della Corea del Sud si stabilizza vicino al tasso attuale che è inferiore a 2 bambini per famiglia intorno al 1982. Tuttavia, un gran numero di bambini veniva ancora adottato per quasi 8 anni dopo che il tasso di natalità era sceso al di sotto di 2 per nucleo familiare.  

Una spiegazione migliore per le adozioni ha a che fare con il fatto che la Corea del Sud è una società patriarcale. Se una donna sudcoreana perde il sostegno del suo partner, viene evitata e ridicolizzata dalla società. Non ha un sistema di supporto a cui rivolgersi e le viene data una sola opzione per dare a suo figlio una possibilità di lotta: l'adozione.

Wikipedia afferma:
“Le statistiche dimostrano il successo dei programmi educativi nazionali della Corea del Sud. Nel 1945 il tasso di alfabetizzazione degli adulti era stimato al 22%; nel 1970 l'alfabetizzazione degli adulti era dell'87,6 percento[41]e, alla fine degli anni '80, le fonti lo stimavano intorno al 93 per cento”.  

In un periodo relativamente breve, la Corea del Sud ha notevolmente migliorato il proprio sistema educativo, il che ha significato che un numero maggiore di donne è entrato all'università. L'età in cui le donne hanno partorito negli anni '70-'80 era quella delle madri di 20-24 anni ed è da qui che proveniva un gran numero di bambini in adozione. Il numero di bambini nati in questo segmento è diminuito drasticamente dopo gli anni '80. Ciò era in gran parte dovuto a 2 fattori: in primo luogo, la uso della tecnologia ad ultrasuoni determinare il sesso del bambino ed eseguire aborti mirati su feti di sesso femminile; e in secondo luogo il aumento dell'uso di contraccettivi e aborto dalle donne in Corea del Sud.

Questo spiega anche l'alta percentuale di ragazze sudcoreane date in adozione durante questo periodo. Molto probabilmente, le donne più povere che non potevano permettersi di abortire o usare contraccettivi sono state costrette a rinunciare al loro bambino a causa delle pressioni sociali. 

“Gli squilibri nel rapporto tra i sessi alla nascita nel sud-est e nell'est asiatico sono aumentati soprattutto dopo la metà degli anni '80. Studiamo come la tecnologia ad ultrasuoni ha influenzato i rapporti tra i sessi alla nascita in Corea del Sud, un paese con una forte preferenza per i figli. Tra il 1985 e il 1995 gli screening fetali ei servizi per l'aborto erano ampiamente disponibili, sebbene non disponibili negli anni precedenti e vietati negli anni successivi”. (Fonte: Articolo NIH)

Come mezzo diretto per evitare nascite indesiderate, in particolare dopo il fallimento contraccettivo, l'aborto indotto è gradualmente aumentato in Corea del Sud, specialmente tra le donne urbane (Choe e Park, 2005Stefano, 2012). Nel 1970, l'aborto era diventato una pratica comune con più di 40% di donne che riferivano di aver avuto un aborto indotto per interrompere gravidanze indesiderate e questo tasso è salito a oltre 50% negli anni '80 (Chun e Das Gupta, 2009). Gli aborti erano facili da ottenere nelle cliniche di tutto il paese e le operazioni erano sicure, economiche e completate senza resistenza sociale nonostante l'illegalità della procedura (Tedesco, 1999).

Adozione utilizzata per evitare costi

Quale potrebbe essere un altro driver per la Corea del Sud per vendere i propri figli? Credo che dobbiamo davvero guardare agli incentivi economici. Il primo incentivo economico è l'elusione dei costi. La Corea del Sud ha perso i costi per crescere i bambini negli istituti dall'età in cui entrano nel sistema fino all'età adulta. Bisogna ricordare che la crescita economica in Corea del Sud è stata estremamente elevata e la crescita media tra il 1970 e il 1990 è stata di 18,7% ogni anno. Immaginate l'importo che il governo dovrebbe sostenere mentre i costi di salari, cibo e alloggio continuano ad aumentare di tale importo ogni anno? 

Ho misurato la crescita considerando il PIL pro capite come indicatore. Ho calcolato che il costo per ospitare, nutrire ed educare un bambino in un istituto sarebbe costato più di una famiglia, dato che i bambini hanno bisogno di cure 24 ore su 24. Ho usato il costo di 40% del PIL pro capite di un dato anno come costo per crescere il bambino per quell'anno. I costi potrebbero effettivamente aumentare se si tiene conto del maggior costo del lavoro per prendersi cura di neonati e bambini con bisogni speciali. Ho anche stimato che il bambino medio ha trascorso 16 anni all'interno dell'istituto. È stato ipotizzato che l'età media del bambino inviato alle istituzioni coreane fosse di 2 anni.

Il costo totale per il governo sudcoreano in termini di riduzione dei costi per soli 20 dei 62 anni in cui la Corea ha esportato bambini (1970-1990) è stimato intorno a US$6,4 miliardi!

Questa è la prova che la Corea del Sud aveva un motivo economico per svendere i suoi figli e supporta questa teoria dell'elusione dei costi. La Corea del Sud spende molto meno denaro in programmi di assistenza sociale rispetto ad altri paesi dell'OCSE, il che significa che ha più fondi per altri programmi come la ricerca e lo sviluppo e l'esercito. 

Nel suo libro del 2010, Kim Rasmussen ha detto: il causa ultima del numero di adozioni fuori dalla Corea del Sud nel 2010 è stato La mancanza di spesa della Corea del Sud per il suo sistema di assistenza sociale. Rasmussen ha anche condiviso che gli altri paesi OCSE-30 hanno speso in media 20,61 TP1T del loro PIL in prestazioni di assistenza sociale, mentre la Corea del Sud ha speso solo 6,9% del suo PIL in prestazioni di assistenza sociale. Rasmussen ritiene che la promozione delle adozioni domestiche da parte della Corea del Sud non affronti il cuore del problema e che la Corea del Sud dovrebbe aumentare la spesa per le prestazioni sociali.[50]

Adozione come generatore di entrate

Nei grafici seguenti, stimo il costo medio per la tassa e la donazione dell'agenzia straniera come stato stazionario (US$19.500 per bambino) volte il numero di adozioni all'anno in Corea del Sud. Confronto le entrate in termini di PIL pro capite e ho determinato che nel 2015, quando è stato scritto l'articolo, il costo è di circa 35% del PIL pro capite in America. Ho quindi preso quella percentuale e l'ho calcolata in base al PIL pro capite americano dichiarato per ogni anno corrispondente. Ho preso le informazioni e le ho confrontate con il costo e il numero di barili di petrolio utilizzati in Corea per determinare quanto l'adozione avrebbe potuto avere un impatto sull'economia sudcoreana (se presente). La tassa e il PIL della Corea del Sud sono stati confrontati per determinare la forza dell'economia e se ha avuto qualche effetto sul numero di adozioni. Non sembra esserci alcuna correlazione.

Il prezzo adeguato ai dollari odierni del programma di adozione totale dal 1970 al 1990 ha fruttato alla Corea del Sud un fatturato di US$3,1 miliardi, con una media di US$157 milioni all'anno.

Per comprenderne l'entità e l'impatto, l'equivalente di un programma in America che è più di 6 volte la dimensione della Corea del Sud, il reddito guadagnato svendendo i suoi figli sarebbe l'equivalente del costo della lotta all'AIDS in Africa. In quel programma l'America ha speso circa US$1 miliardi all'anno. Oppure potresti equiparare l'importo al cittadino americano Programma pranzo dopo scuola per l'intero paese che ha sfamato i bambini impoveriti affamati.

La linea gialla nel grafico (sopra) prende la tariffa e la donazione dell'agenzia straniera rettificate per il numero di bambini adottati ogni anno. La maggior parte dei fondi è andata al governo sudcoreano come profitto sopra la linea. Sono stati pubblicati articoli che affermano che il governo sudcoreano ha guadagnato denaro dall'adozione, come ad esempio Questo articolo sull'adozione internazionale dei bambini sudcoreani in Wikipedia.

Un articolo del 1988 originario di il progressista e ristampato in Eredità del cucciolo di libbra dice che il governo sudcoreano ha fatto quindici-venti milioni di dollari all'anno dall'adozione di orfani coreani in famiglie di altri paesi. L'articolo del 1988 dice anche che l'adozione di orfani fuori dalla Corea del Sud ha avuto tre effetti: ha risparmiato al governo sudcoreano i costi della cura degli orfani coreani; ha sollevato il governo sudcoreano dalla necessità di capire cosa fare con gli orfani e ha ridotto la popolazione.[5]

Penso che la quantità di entrate guadagnate dall'esportazione di bambini sudcoreani sia stata sottovalutata!

Ulteriori letture
Considerandoadoption.com: processo di adozione della Corea del Sud, costi, agenzie di adozione

Mancanza di trasparenza da parte delle agenzie di adozione

Confronto tra i salari degli Stati Uniti e il costo medio di adozione, utilizzando la regressione basata sui costi noti

A causa della mancanza di trasparenza, non esiste un metodo esatto per calcolare le entrate che il governo sudcoreano ha realizzato durante il processo di adozione. Holt e altre agenzie di adozione che operano fuori dalla Corea del Sud dichiarano i loro rendiconti finanziari su base annuale e se gli importi sono inferiori alla transazione di adozione media, si potrebbe presumere che la differenza sia data al governo sudcoreano. I problemi che rendono difficile la trasparenza sono che le agenzie di adozione come Holt cambiano i loro bilanci su base frequente e solo una frazione delle società di adozione condivide i loro bilanci con il pubblico.

Il grafico seguente mostra un confronto tra la crescita del PIL della Corea (linea grigia) rispetto al profitto realizzato dall'adozione (linea blu), i cambiamenti nell'uso del petrolio (arancione) e l'aumento delle entrate fiscali (gialla) nel tempo.

Si è confrontato il costo dei barili di petrolio utilizzati nel ventennio. La quantità di denaro realizzata nelle vendite di adozione rimane al di sopra, o al livello del petrolio utilizzato, quando si utilizza il numero di stato stazionario ($6000/adottato) e aumenta notevolmente quando si applica la commissione e la donazione dell'agenzia straniera ($19.500). La linea blu crescerebbe di tre volte. 

Ulteriori letture
L'uso storico del petrolio della Corea del Sud
Prezzi storici del petrolio

La Corea del Sud non aveva motivo di vendere i suoi figli

Svendere economicamente i bambini tramite l'adozione internazionale è stata una mossa suicida perché la popolazione alla fine è scesa al di sotto di 2,1 bambini per famiglia. Nei paesi sviluppati, la fertilità sub-sostitutiva è comunque inferiore a circa 2,1 bambini nati per donna, ma la soglia può arrivare fino a 3,4 in alcuni paesi in via di sviluppo a causa dei tassi di mortalità più elevati. Andare al di sotto di questo numero si tradurrà nella situazione attuale che la Corea del Sud deve affrontare e cioè un tasso di fertilità sub-sostitutivo.  Ciò si è verificato intorno all'inizio o alla fine del 1982.

Teorizzo che il rapido calo dei tassi di fertilità in Corea del Sud sia avvenuto per due motivi:

  1. Culturale: era inaccettabile per le donne avere figli se non erano sposate. Quel segmento è rapidamente scomparso (dai 20 ai 24 anni) a causa della contraccezione e dell'uso dell'aborto. Devo sovrapporlo per vedere se altri bambini vengono cresciuti negli orfanotrofi. La Corea del Sud rende troppo facile per i genitori scaricare i figli e scappare.
  2. Qualcuno (o il governo) stava guadagnando economicamente dalla vendita all'ingrosso di bambini: se facciamo la media del profitto negli anni di $5000 x 200.000 bambini il profitto sarebbe equivalente a US$1 miliardi di dollari.

Nel 1980 il PIL della Corea del Sud era di $68 miliardi, il che dimostra che la vendita all'ingrosso dei suoi figli avrebbe contribuito in modo significativo alla crescita economica del paese. Ci deve essere un documento sudcoreano da qualche parte equivalente a quello tedesco Soluzione finale. Invece dell'eradicazione, la Corea del Sud aveva un piano per l'esportazione di massa dei suoi figli.

Dopo il 1988, c'è stato un forte calo delle adozioni internazionali dopo le Olimpiadi di Seoul. Questa è una data importante, poiché molte nazioni stavano castigando la Corea del Sud per l'esportazione dei suoi figli. Sentendo questa pressione, la Corea del Sud ha immediatamente ridotto il numero di adozioni all'anno di 75%.  

Ulteriori letture
Ricerca sul tasso di fertilità sub-sostituzione in Corea del Sud

Cala il numero dei bambini istituzionalizzati e delle adozioni 

 Con il recente passaggio di leggi e severi requisiti per l'adozione, il numero di bambini esportati dalla Corea del Sud per l'adozione è diminuito drasticamente negli ultimi dieci anni. In numerosi studi, noto la statistica che L'America ha accolto quasi la metà delle adozioni in tutto il mondo.

Un diario online La conversazione articolo afferma che le adozioni internazionali sono diminuite del 72% dal 2005 e cita:

“Negli ultimi decenni anche Corea del Sud, Romania, Guatemala, Cina, Kazakistan e Russia – tutti ex leader nelle adozioni straniere – hanno vietato o ridotto i trasferimenti di affidamento internazionali. Nel 2005, quasi 46.000 bambini sono stati adottati oltre confine, di cui circa la metà si sono diretti a una nuova vita negli Stati Uniti. Nel 2015 le adozioni internazionali erano diminuite del 72%, a 12.000 in totale. Solo 5.500 di questi bambini sono finiti negli Usa, il resto in Italia e Spagna”.

Inoltre, è diminuito anche il numero di bambini inviati negli orfanotrofi in Corea. Guarda questo articolo che cita:

“Nel 2015, il numero di bambini che soggiornano nei centri di assistenza che si occupano principalmente di orfani è sceso del 26,8 per cento a 12.821, dai 17.517 del 2006”. 

I genitori adottati stanno morendo rapidamente

Durante i primi anni '70, i tassi di fertilità in Corea del Sud e il rapporto per le donne che partorivano erano un terzo nella fascia di età compresa tra la prima e la metà dei vent'anni, un terzo tra la metà e la fine degli anni '20 e un terzo tra i trent'anni o più. Con il progredire della Corea del Sud, il numero di donne nel segmento più giovane è diminuito notevolmente. Il mio grafico iniziale sopra mostrava potenziali linee di età e presumeva che il padre avesse in media un paio di anni più della madre.

Ho anche trovato un articolo sull'aspettativa di vita che è aumentata di quasi 20 anni dagli anni '70 a oggi. La linea rossa orizzontale tratteggiata nel grafico sopra rappresenta i cambiamenti nell'aspettativa di vita e si fonderà con l'età media dei genitori. L'aspettativa di vita è aumentata ed è rimasta di circa 84 anni dalla metà degli anni '80 ad oggi. Laddove la linea tratteggiata rossa verticale incontra la linea tratteggiata orizzontale mostra un'alta probabilità che i padri siano deceduti e dove la linea tratteggiata gialla e la prima linea tratteggiata rossa si incontrano, vale anche per le madri. Ho anche calcolato le età in base al numero di adottati adottati per gruppo di anni e stimato, utilizzando le attuali tabelle attuariali, che più di 2.000 genitori muoiono ogni annoCirca un terzo di tutti i genitori biologici degli adottati è già morto ed è fondamentale che gli adottati effettuino le ricerche il prima possibile se vogliono trovare i genitori vivi.

In conclusione

I soldi spesi per l'adozione internazionale dei bambini sudcoreani avrebbero fatto di più per sostenere le madri single, impedito la separazione dei bambini dall'ambiente circostante e impedito inutili esternalità negative sperimentate attraverso l'adozione. La Corea del Sud avrebbe potuto utilizzare i finanziamenti per avviare i suoi programmi di assistenza sociale come i programmi di formazione del Canada che insegnano alle madri come allevare i propri figli, affrontare lo stress e consentire loro di diventare genitori single produttivi.  

I problemi che devono affrontare molti 3rdi paesi del mondo non riguardano una cattiva genitorialità ma piuttosto una situazione di una mancanza di risorse. Se una madre non può permettersi di provvedere a suo figlio, farà di tutto per garantire che suo figlio abbia una vita migliore. Pochi individui vedono le azioni altruistiche di madri disperate. Queste madri sono disposte a regalare i propri figli per offrire loro una vita migliore. Inoltre, nessuno ha detronizzato i modi arcaici di fare affari e di gestione della governance in Corea del Sud. Diritti e leggi vanno a proteggere gli stessi uomini patriarcali che detengono le chiavi del potere in Corea del Sud. Nulla viene fatto per provvedere ai milioni di donne e bambini rimasti vulnerabili quando l'uomo decide di abbandonare la famiglia. Non viene fatto nulla per garantire il mantenimento dei figli e una rete di sicurezza sviluppata da un governo che sceglie di nascondere la testa sotto la sabbia, invece di affrontare i problemi che li affliggono da oltre 5 decenni.

“Sebbene le donne coreane stiano partecipando di più al mercato del lavoro rispetto agli anni precedenti, il divario nel livello di occupazione tra uomini e donne, indipendentemente dal loro livello di istruzione, è enorme. Infatti, il divario di genere è più ampio tra coloro che hanno un'istruzione terziaria rispetto a quelli con solo istruzione preprimaria e primaria; e la Corea del Sud è l'unico Paese OCSE che mostra un tale effetto”. (Fonte: OCSE)

Di Jayme

Gradi di essere trafficati nell'adozione internazionale

Da adulto adottato internazionale, essendo stato schietto ormai da 20 anni in ICAV, mi sono spesso chiesto se la mia adozione internazionale fosse legittima o meno. Ciò significa porsi domande del tipo: i miei genitori vietnamiti hanno davvero capito il concetto legale di "adozione" e rinuncia? Sono stati offerti altri tipi di supporto per tenermi? Dato che sono uscito dal Vietnam lacerato dalla guerra, il mio status di vero orfano era davvero senza genitori o famiglia sopravvissuti? È stato tentato il ricongiungimento familiare e parentale anche prima che venissi adottato in Australia? E per quanto riguarda i tentativi di mettermi prima nel mio paese d'origine? Un giorno spero di trovare le risposte a queste domande se avrò la fortuna di ricongiungermi con la mia famiglia biologica.

Sono sicuro che altri compagni adottati all'estero si pongono domande simili a un certo punto della loro vita. Queste sono le realtà che affrontiamo quando invecchiamo, maturiamo nella nostra comprensione delle complessità dell'adozione internazionale e ci sforziamo per integrare le nostre realtà con la politica mondiale che ha creato le nostre vite, come le conosciamo oggi.

Considerarsi trafficati come adottati all'estero è una sfida a causa della definizione legale che ci esclude e non consente alcun ambito legale per agire contro gli autori.

Tratta di esseri umani è il movimento illegale di persone, all'interno dei confini nazionali o internazionali, allo scopo di sfruttamento sotto forma di sesso a scopo di lucro, servizi domestici o lavoro manuale.

La tratta di adozioni internazionali esiste certamente, ma non possiamo intraprendere azioni legali a causa del fatto che non esiste alcuna legge o quadro internazionale che ci permetta di essere legalmente considerati "trafficati" a meno che non dimostriamo di soddisfare i criteri di "sfruttamento per sesso o lavoro" .

Tuttavia, all'interno delle adozioni internazionali, i livelli in cui possiamo essere oggetto di tratta possono variare enormemente. C'è chi ha:

  • falsificazione totale della documentazione e sono stati rubati alle loro famiglie di origine, venduti in adozione internazionale a scopo di lucro, dove è stata avviata un'azione legale contro coloro che hanno profittato ed è stato dimostrato in tribunale che era trapelato il torto.
  • documentazione che potrebbe apparire sospetta ma al momento non ulteriormente messa in discussione; dimostrato anni dopo essere incoerente o scorretto.
  • scartoffie che appaiono legittime, ma al ricongiungimento decenni dopo, la storia dei genitori naturali non corrisponde in alcun modo alla documentazione fornita dall'agenzia di adozione / facilitatore.
  • non esistono documenti di identità a causa dell'essere stato un bambino "perso" e con pochi tentativi di ricongiungimento con la famiglia, siamo stati venduti/trattati tramite adozione internazionale.

Dove inizia o dove finisce lo spettro di essere stati "trattati per adozione internazionale"? Difficile da discutere quando il concetto non può esistere in diritto. Anche gli insegnamenti delle migliori pratiche di ISS International da questi tipi di scenari non lo etichettano come "traffico", ma lo chiamano "adozioni illegali” nel loro Manuale. E al di fuori delle conclusioni e raccomandazioni in quel manuale, bisogna chiedersi quanti dei firmatari dell'Aia hanno un processo per consentire alla famiglia biologica, ai genitori adottivi o agli adulti adottati che sospettano pratiche illecite (ad es. di supporto o processo – finanziariamente, legalmente o emotivamente?

Il 7 dicembre 2017, l'ICAV ha facilitato un piccolo gruppo di 7 adottati internazionali in rappresentanza di India, Taiwan e Sri Lanka per richiedere al governo federale australiano, tramite il Dipartimento dei servizi sociali (DSS), di considerare di fornire un sostegno finanziario a coloro che sono stati vittime di tratta vari gradi. Per questi adottati, nessuna somma di denaro potrà mai compensare le perdite e i traumi causati direttamente dal grado di traffico che hanno subito. Per non parlare della loro famiglia biologica! Ma possiamo almeno chiedere che alcune forme di giustizia riparativa siano fornite dai poteri forti che facilitano le adozioni e le permettono di continuare.

Non c'è modo di risolvere definitivamente il dilemma causato dal traffico di adozioni internazionali perché l'adozione è legalmente vincolante, nonostante l'esistenza di casi di successo del procedimento contro coloro che hanno falsificato i documenti.

Purtroppo, l'unico caso legale che può essere fatto in caso di adozione internazionale per traffico noto è per falsificazione di documenti. I colpevoli ricevono uno schiaffo sul polso, un po' di carcere e una piccola multa (rispetto a quanto hanno guadagnato). In confronto, cosa ottiene l'adottato o la famiglia biologica? Niente. Nemmeno i servizi per aiutarli a superare e superare questo trauma non necessario.

Voglio aumentare la consapevolezza degli impatti che la tratta ha su quegli adottati che devono viverla, per sempre. Le loro voci sono inascoltate e sminuite da coloro che sostengono l'adozione. Le loro esperienze trascorrono senza che noi impariamo dagli errori e mettiamo in atto processi e leggi internazionali tanto necessari per prevenire ulteriori ingiustizie come le loro. Per loro, anche quando l'autore è punito dalla legge, in quanto adottati sono lasciati a vivere le conseguenze senza alcun riconoscimento di ciò che hanno dovuto sopportare. Non c'è giustizia per loro.

Si prega di leggere La storia di Roopali. Il suo è un esempio di come vivere le conseguenze per tutta la vita di un'adozione in cui sembra che i suoi primi genitori non abbiano acconsentito volontariamente, né fosse una vera orfana, ed era abbastanza grande per essere ascoltata e data una scelta. La sua storia dà voce alle sfide extra subite direttamente a causa dell'essere stata "trafficata" in una certa misura. È stata abbastanza coraggiosa da condividere la sua storia con il governo australiano con l'ICAV nel 2015, quando abbiamo incontrato i Senior Advisor del Primo Ministro. Non c'era un solo occhio secco nella stanza, eravamo tutti così colpiti dall'evidente trauma che lei sopporta giorno per giorno. Il traffico di bambini vulnerabili tramite l'adozione internazionale deve cessare!

Spero che la storia di Roopali incoraggi gli altri a parlare ea chiedere ai loro governi che sia necessaria un'azione verso il riconoscimento legale della "tratta" attraverso l'adozione internazionale E la giustizia riparativa.

Italiano
%%piè di pagina%%