L'adozione può essere una prigione psicologica

How do I start over?

The question echoes in my brain every day here in Hawaii, now totally away from the relations of my former adopted life.

How do I live anew as one person in this world?

I left my adoptee ties that were technically governmentally bonded relations that I had no control over as a Filipino orphaned child circa 1980’s. For me, they had been total strangers and I didn’t have any oversight or support in post-adoption.

As time went on for me, I wasn’t able to have the fortune to get to know my biological family as after my reunion in 2012 in the Philippines, I decided to go my own way once I discovered our language barriers and my inability to confirm any facts on them.

So yes, fast-forward to current times and it is Sunday, and I have relinquished my bond of my adoptive ties for various reasons, and it hasn’t been easy but for me, it was necessary.

This break action has been mental, emotional and physical. Slamming this lever down included making physically strategic distance by moving far, far away on my own to the Pacific islands in 2019, re-establishing dual citizenship to my birth country in the Philippines in 2021, and civilly sending a kindly written email to my adoptive parents this year after my adoptive brother’s jarring and untimely death.

Additionally, the extended adoptive ties I’ve noticed can also naturally deteriorate with time itself after years of peaceful but gently intentional non-communication.

What happens after you’re on this path of annexation, you wonder?

For me, I’ve arrived at an interesting intersection in my adulthood when I’ve sort of returned to a former state of orphanhood with no real station in life, no bonds, all biological history, heritage and economic status obsolete all over again.

Doesn’t sound that appealing, I know! Tell me about it.

The perk is that instead of being a vulnerable child, I am a 36-year-old woman living in Hawaii. I have rights. I am in control of my wellbeing and fate. I have responsibilities. I drive my own car, I pay bills, I have funds; I have a job and I am not helpless.

I can take care of myself. So to me, the biggest perks are in being healthy and reclaiming my life, identity and sovereignty needed over my own needs and wellbeing.

So quickly the adoptee bond can turn into toxic relations if the parents are narcissistic or emotionally or physically abusive.

After the death of my adopted brother, who was also a Filipino American adoptee and died of severe mental issues and alcohol poisoning, I had a stark wake-up call of how these adoptee relations were silently impacting me too.

And I had to make better choices for myself, I would be risking too much if I ignored this.

It is like leaving a psychological prison, I told Lynelle on a weekend in May.

After some reflection, I realized that as a child and having to make structured attachments from being displaced, this legal bond fastens.

And as a displaced, vulnerable child, I think one falls privy to co-dependency, the need for a family structure overrides even the need for safety for his or her own wellbeing, like if abuses arise in this domestic home.

Or other aspects might not nurture the adoptee, like when the child isn’t being culturally nurtured according to their birth country.

Or when the parents or family members are financially and socially acceptable as to meeting criteria of adoption, but possess narcissistic personalities which is also detrimental to the child’s personal, emotional, psychological and cultural development.

A child stays glued and psychologically devoted to their family ties through development stages and on past adulthood because the need for foundational attachments is paramount to one’s psychological upbringing and success.

And if these ties are in any way bad for the adoptee early on, I think these relations that were once saving can quickly turn into a psychological prison because you are truly bound to these social ties until you’re strong enough to realize that you have a choice.

And you Potere break out of this bond, this governmentally established bond, although possibly later on as an adult. And, with some finesse.

As an adult adoptee, from my experience adoptive ties that develop healthily or dysfunctionally, after a certain amount of time both types transitions into permanence to that adoptee. Adoptive ties mesh and fuse just the same as biological ties, once you’ve gone so long in the developmental process.

This adoptive relation is totally amazing when it’s good, like any good relationship.

The spin is that when there are issues plaguing the adoptive unit, which can be subtle, interplaying with the personality and culture of the adoptive relations, these issues can go totally disguised, unreported, and it can be toxic and the affects can last a lifetime.

From experience, I see that it is because the adoptee child is vulnerable and doesn’t know how to report issues in the relations, because the option isn’t even granted to them.

No one is really there to give or tell the adoptee child that they have these rights or options. When it comes to post-adoption, there isn’t much infrastructure.

Sadly, if dynamics are not supportive to the adoptee, in time, it can cost an adoptee the cultural bonds to their own birth country or the loss of their native language.

It can cost an adoptee their sanity and mental health.

It can cost an adoptee their self-esteem, which all bleeds and returns into the social sea of their placement or back out into other countries.

And, it can cost an adoptee their life.

On the upside, if the placement is good, it can save a person’s life as well! And it can allow this adoptee happiness and joy forevermore.

Each side of the coin both instills an adoptee’s human value and the toll the placement takes on every child who becomes an adult in society is also expensive, leading to exponential advantage and success in society, or potential burnouts.

For me, my adoptive placement was costly in the end. However, I was still able to survive, work and live. I was materialistically taken care of, thankfully.

I honestly think much was due to my own faith, offbeat imagination and whatever blind luck I was born with that all carried me through this.

Overall, this has been a total trip and my journey has been very far from embodying the traditional fairy tale adoption story.

So now, it’s time to do the hard work, an adoptee mentor messaged me today. But I can do it, we all can do it! It just takes good choices and regular upkeep.

Nearing the end of this post, I will share to my adoptee community that we have a choice especially once we’re of legal age. I’m sort of a wildflower in general, and a late bloomer, so I’m coming out of the fog and becoming aware now in my mid-thirties.

Yes, we have a lot to rear ourselves depending on the economic status we find ourselves in without our adoptee ties. But like other adoptee peer support has shared, you should not do this kind of thing by yourself. You can have support structures the whole time in this.

And yes, it is terrifying, because you will have to rebuild your sense of identity when leaving toxic family relations. As yes, it can be like rebuilding your identity all over again from when you leave them and start anew, as a now a self-made, sovereign person.

From a Hawaiian private school I work at now, ho scoperto che la costruzione dell'identità culturale inizia nel presente e si basa su valori, storia, educazione e saggezza del passato. Ora che ho trovato una casa alle Hawaii, forse posso saperne di più.

Lavorerò anche su obiettivi settimanali che spero di condividere con la comunità mentre continuo in questo viaggio senza fine.

Insomma, se sei in una buona famiglia adottiva, Dio benedica la tua fortuna e ho tanto amore e felicità per te! Tuttavia, se hai bisogno di separarti dai legami, come se la tua adozione non fosse così salutare, sappi che non è impossibile.

Il supporto professionale e tra pari è qui per te, ogni giorno sulla tua strada verso la libertà. Puoi creare la tua sovranità, ci vorrà solo del lavoro.

Leggi il post precedente di Desiree su ICAV: Cosa ho perso quando sono stato adottato e seguila a Weebly o Instagram @starwoodletters.

Comprato e venduto, questa è adozione!

di Lina Vanegas adottato dalla Colombia negli Stati Uniti. Puoi seguire Lina su Instagram @linaleadswithlove o su Twitter @LinaLeadsWLove

Quando si parla di adozione è importante essere onesti e trasparenti ed evitare di ricoprire di zucchero le cose o inserire positività tossica o propaganda di adozione.

La realtà è che molte persone non capiscono veramente l'adozione, cosa comporta, cos'è e gli impatti, il trauma, il dolore e la perdita.

Per scomporlo, sono stato comprato e venduto nel 1976. Ho perso tutto e la mia identità è stata cancellata. Questo è straziante e devastante per me. È difficile avvolgerci la testa. Sinceramente non riesco a capire come sia potuto succedere. La cosa tragica è che io sono uno dei milioni. Sì MILIONI DI S. Ci sono circa 7 milioni di adottati e sfollati e il numero è in crescita. 2 milioni di noi sono adottati all'estero.

Ho appena visto un commento su Facebook ieri sera che elogiava un genitore adottivo bianco per aver condiviso una storia adottiva positiva e hanno anche affermato che abbiamo bisogno di storie di adozione più positive. Se quello che vuoi è positivo, allora l'adozione non è l'argomento da equiparare ad esso. C'è sempre trauma, dolore e perdita con l'adozione, indipendentemente dalle circostanze. Questo è un dato e una garanzia. Quando parliamo di adozione, dobbiamo essere onesti su ciò che comporta. Non è bello, una favola, arcobaleni, confettini e unicorni.

Sono stato comprato e venduto nel 1976. Questa è la mia esperienza vissuta.

Puoi leggere gli altri articoli di Lina condivisi qui su ICAV:
Demistificare la stigmatizzazione di Adoptee Suicide

Tossicità e dolore

di Dan R Moen, adottato dalle Filippine negli USA.

La terza parte di questa serie si concentra sulla tossicità e sul suo impatto con il dolore. Le forme nere a forma di vite rappresentano la tossicità e il modo in cui si manifesta dentro e intorno a tutti noi. È raffigurato come una bestia incontrollabile e ha completamente inghiottito un individuo. Cresce e prospera quando il dolore non viene affrontato, le risorse per la guarigione non sono disponibili o utilizzate e quando si ha voglia di arrendersi. La creatura simile a una vite si avvolge attorno all'altro gentiluomo e sta cercando di tirarlo giù insieme all'altra persona. Sta cercando disperatamente di afferrare il frutto appeso, che rappresenta la speranza. Liberamente ispirato alla mitologia di Tantalo, è appena fuori dalla portata del frutto, ma la tossicità lo sta allontanando. Intrecciati nelle viti ci sono vari fattori di stress che danno alla creatura simile a una vite il suo potere. Frasi come Covid-19, Trump, violenza armata, Biden, divorzio e altre frasi alimentano questa creatura e, quando non vengono affrontate, le permettono di diventare più forte.

A sinistra, il braccio rappresenta il suicidio; raffigurante come tutti questi fattori di stress possono manifestarsi nella tossicità della creatura simile a una liana e come ora gli sono cresciuti i barbi. Avvolgendosi attorno al braccio del gentiluomo, taglia in profondità e crea un dolore ultraterreno. Il sangue gocciola e alimenta i fattori di stress sul terreno, accendendo ancora una volta il ciclo e il potere della creatura simile alla vite.

Dai un'occhiata agli altri due dipinti di Dan all'interno di questa serie Il lutto per il figlio del passato e La mia prospettiva è importante?

Per saperne di più su Dan e sul suo lavoro, dai un'occhiata al suo sito web.

L'adottato inconsapevole

di Krishna Rao adottato dall'India negli Stati Uniti.

Il giorno in cui ho saputo di essere stato adottato, entrambe le mie famiglie sono morte. Quelli che mi hanno cresciuto, si sono rivelati una farsa. Quelli che non l'hanno fatto, si sono rivelati un enigma.

Nel giugno del 2019 a 34 anni ho saputo di essere stata adottata dopo aver fatto un test del DNA per gioco. Sicuramente sono state tante le emozioni che ho provato quando ho fatto questa scoperta. Dall'avere la mia identità in frantumi, al mettere in discussione tutto sul mio passato.

Per 34 anni ho creduto di essere il parente biologico dei genitori che mi hanno cresciuto, perché è quello che mi hanno detto. E sì, ho sempre sentito che qualcosa fosse strano, semplicemente non avevo la conoscenza cosciente per sapere cosa fosse.

Nei primi giorni in cui ho scoperto la mia adozione, mi sono imbattuto nel podcast di April Dinwoodie. In uno dei suoi podcast intervista Darryl McDaniels di Run DMC, che a quanto pare, è anche un adottante scoperto in ritardo e ha appreso della sua adozione a 35 anni. Darryl ha detto qualcosa che mi è rimasto davvero impresso. “Posso usare la mia storia non solo per migliorare la mia vita, ma posso aiutare tante altre persone che si trovano nella mia stessa situazione a capire meglio le loro vite”.

Quello che ha detto mi ha ispirato a iniziare a condividere la mia storia. Ho quindi iniziato a scrivere sul blog della mia esperienza. ho creato un Instagram pagina e condivido i miei pensieri su Twitter. Mi ha permesso di elaborare cosa significa essere adottato. Per tutta la mia vita fino a quel momento, sono stato cresciuto come un adottato, senza mai sapere consapevolmente di essere stato adottato.

Documentare i miei pensieri, emozioni ed esperienze è un modo per me di lavorarci sopra e guarire.

Da quel momento ho imparato molto. Ma in nessun modo, la forma o la forma fanno di me un esperto in adozione. Ho ancora molto da imparare e, soprattutto, molta guarigione.

Viviamo in un mondo in cui condividere è così facile ora. I miei pensieri hanno raggiunto persone provenienti da tutto il mondo. E così tanti altri. A tal proposito, è interessante leggere tutte le diverse opinioni che gli adottati hanno sull'adozione. Alcuni sono a favore, altri contro. Alcuni nel mezzo, e ci sono quelli che semplicemente non hanno affatto un'opinione.

Quando penso a dove mi trovo, mi sembra che non ci sia una risposta definitiva. Non sono in adozione. Non sono contrario all'adozione. Ad oggi, mi sento più come se fossi contrario alle cazzate su tutta la faccenda.

Non credo che l'adozione scomparirà nel corso della mia vita. non vedo come. È più che dare una casa a un bambino. In molti casi si tratta di dare a una persona l'opportunità di avere una vita. Non garantisce una vita migliore, solo una diversa.

Mi piacerebbe vedere più movimento nella conservazione della famiglia, ma come adottato all'estero, capisco che l'idea della conservazione della famiglia richiederà molto più lavoro. Come cambiamo la mentalità di intere società? In molti luoghi l'adozione è ancora profondamente stigmatizzata. Sono stato adottato dall'India negli Stati Uniti e anche se le persone adottano in India a livello nazionale, ho la sensazione che sia ancora un argomento tabù. I miei documenti dall'India affermano che sono stato abbandonato perché mia madre non era sposata. È come se l'unica opzione per una donna incinta non sposata fosse abbandonare suo figlio.

Tutti coloro che sono colpiti dall'adozione hanno le proprie opinioni e come persona che è entrata in questo spazio meno di due anni fa, sono stanco di vedere divisioni. Abbiamo tutti diritto a un'opinione. Siamo tutti autorizzati a dire le nostre menti. Per lo stesso motivo, ad altri è permesso non essere d'accordo.

So che non tutto ciò che dico o condivido è gradito ad alcune persone e per me va bene. Ma come prendiamo questo problema e lo trasformiamo in un approccio gradevole?

Personalmente penso che la definizione di adozione debba cambiare. Non si tratta solo di prendere un bambino e metterlo in una nuova famiglia dove perde tutto quello che aveva una volta. Lo vedo sempre in cui le persone parlano di ciò che è meglio per i bambini, dimenticando per tutto il tempo che questi bambini cresceranno, si formeranno opinioni lungo la strada e diventeranno adulti. L'ho fatto sicuramente.

Questi adulti non sono più bambini adottati. Non sono bambini periodo. E questi adulti hanno già una famiglia. Hanno già radici.

Ero qualcuno prima che l'adozione mi cambiasse. Non è tutto sole e arcobaleni, ma è ancora lì. Come qualcuno che non conosce la sua storia di origine, voglio la mia. Anche se è destino e oscurità.

Quando si parla di adozione, credo che le parole contino. La lingua inglese non è abbastanza complessa per aiutarci a definire i rapporti in adozione.

Per come la vedo io, i miei genitori sono le persone che mi hanno cresciuto. Non sono mia madre e mio padre. I miei adottanti sono figure materne e paterne, non sostituti. Mia madre e mio padre, quelli che ho già, non sono i miei genitori perché non mi hanno cresciuto. Comunque sia visto, o definito, posso ancora accettare entrambi i gruppi di persone come mia famiglia.

Posso prendere quella decisione anche se sembra che la società voglia che io separi i due e dica che appartengo a quelli che hanno speso tempo e risorse su di me. Spendere tempo e risorse non importa se la relazione è condizionata e, nel mio caso, quando è piena di inganni. Chiunque avrebbe potuto nutrirmi e proteggermi, ma ci vuole molto di più per dare una vita a qualcuno.

Detto questo, scelgo a chi appartengo. E in questo momento, nessuno di loro. Come mai? Perché non riesco ad apprezzare il fatto che altre persone abbiano fatto delle scelte per me. Scelte che hanno portato alla mia rinuncia e poi alla mia adozione.

Entrambi i set sono stati sottoposti a lavaggio del cervello in qualche forma o forma. Agli adottanti è stato probabilmente detto e hanno sentito che i bambini adottati sarebbero stati loro. Si sono spinti un po' troppo oltre, e come tali non mi hanno mai detto che ero stato adottato. E posso solo ipotizzare cosa abbia passato mia madre naturale. Mi viene detto che i figli di madri non sposate non sono degni di essere tenuti. Leggere la storia delle adozioni in India e come vengono trattate le donne non sposate quando si tratta di essere incinte non è stato molto positivo.

Il mio passato è fuori dal mio controllo e devo accettarlo. Ora sono io quello che deve spendere tempo e risorse per elaborare tutto questo da solo.

So che ci sono genitori adottivi decenti là fuori, che crescono i figli di altre persone e li sostengono come adottati. Ne conosco alcuni. Conosco e ho letto di coppie che riportano i loro adottati nei loro paesi di nascita. Vogliono davvero aiutarli a trovare le loro famiglie. È sorprendentemente illuminante e straziante per me perché so che era un'opzione che non ho mai avuto modo di sperimentare. Invece, questo ora è diventato un processo e un viaggio che faccio da solo.

Non so dove stavo andando con questo. È solo. Conosco la mia adozione da 20 mesi. Sono andato avanti a tutto vapore cercando di imparare e assorbire tutto ciò che potevo e ogni giorno la mia prospettiva cambia. Cerco di imparare da tutte le parti prima di formarmi un'opinione. E ci sono molti lati in questo.

L'adozione è un'esperienza complicata e traumatica.

Questo è il motivo per cui dico che sono contro le stronzate. Sono stanco della merda che non importa. Ci deve essere un modo per renderlo migliore.

Meglio per gli adottati perché qui sono in gioco le nostre vite e il nostro benessere!

Famiglia e Natale

Questo è l'unico periodo dell'anno in cui mi viene in mente che non ho quella famiglia d'infanzia con ricordi e vicinanza incredibili. Ho sempre desiderato, come solo alcuni altri adottati possono sapere, quel senso di famiglia in cui mi sento desiderato, amato, amato profondamente. So che la mia famiglia, come tante altre, non è mai perfetta, ma più invecchio, più vedo la mia infanzia nella mia famiglia adottiva e posso solo ricordare il dolore che mi ha creato. L'adozione dovrebbe essere felice, no? È ciò che viene rappresentato. Ma so di aver avuto momenti di felicità nella mia - è così difficile da ricordare perché quando invecchio e rivivo tutto di nuovo attraverso i miei figli, mi rendo conto del livello di abbandono e trauma causato dalla mia famiglia adottiva, che avrebbe potuto stato evitato.

Come faccio a superarlo? Dovrei? O accetto che sarà sempre... sì, fa male sotto la superficie, trasuda dolore ogni volta che devo pensare alla "famiglia adottiva". Sono abbastanza grande ora per capire che questo dolore fa parte di ciò che sono. Non se ne andrà, ma posso sostenere e onorare ciò che ho dovuto fare, per superarlo: essere funzionale, stabile, amorevole.

Guarire non significa che il dolore si ferma e scompare. Guarire significa che sono arrivato ad accettare la verità. Non mi siedo più dentro annegando o reagendo. Ho imparato modi migliori per gestire le mie emozioni. Ho imparato ad avere dei limiti e a non dare oltre ciò che sono disposto a fare. Ho imparato che va bene rimanere fedele alle mie esigenze. Ho imparato ad accettare ciò che non può essere cambiato ma a cambiare ciò che posso. Posso accettarli così come sono e sapere che non sono capaci, anche se lo volessero. Devo darlo a me stesso. Amore, connessione, accettazione, nutrimento. 

Il Natale, come il Ringraziamento per gli americani, è un periodo in cui, come adottato, provo quei sentimenti tristi per quello che avrei potuto avere ma non ho avuto. So che la realtà delle riunioni è che anche la bio famiglia, se mai le trovo, molto probabilmente non sarà mai in grado di soddisfare il mio bisogno emotivo di "famiglia". Quindi, questo Natale, porterò i miei figli e mio marito vicino e farò tesoro di ogni momento che avrò con loro perché sono l'unica vera famiglia che avrò mai! Sono grato di essere stato in grado di guarire abbastanza da avere una relazione d'amore e diventare io stessa madre e dare ai miei figli ciò che non ho mai avuto. Questa è stata la benedizione della mia vita e sarà il mio obiettivo questo Natale!

Immagina di perdere i tuoi genitori due volte!

di Bina Mirjam de Boer adottato dall'India ai Paesi Bassi.

Era il 10 ottobre 1990. "Immaginare” di John Lennon trasmesso alla radio. Ho sentito la mia mamma adottiva al telefono dire a mia sorella che nostro padre è morto...

14 anni e di nuovo orfana.
Mio padre adottivo è morto improvvisamente a causa di un errore medico dopo un intervento di ernia. Di conseguenza, la nostra famiglia non sarebbe mai stata completa.

Da bambino ciò che mi circondava spesso mi diceva di essere grato per la mia nuova vita con i miei nuovi genitori. Nessuno mi ha detto che l'adozione non solo ti fa avere nuovi genitori, ma l'adozione ti fa anche perdere i tuoi genitori due volte.

Il dolore e la tristezza che provavo a 14 anni erano immensi e la solitudine era insopportabile. Allora non capivo che non solo piangevo la perdita del mio padre adottivo, della mia sicurezza e della mia nuova famiglia, ma che la perdita aveva innescato il mio vecchio trauma.

Oggi so di non essere solo in questo. Molte persone adottate hanno traumi che hanno avuto origine prima di essere adottate.

Traumi invisibili e imprevedibili e innescati dalla perdita. Perdita di un animale domestico, casa, amicizia, salute, lavoro, divorzio di genitori adottivi o perdita di una persona cara o dei genitori adottivi.

A volte i traumi infantili precoci sono troppo grandi con tutte le conseguenze. Ma spesso la conoscenza del trauma della perdita può aiutare con la rinuncia e l'adozione, dobbiamo dichiarare questa reazione "anormale" a un apparente piccolo evento.

Le circostanze che circondano la morte del mio padre adottivo mi hanno aiutato a rendere la mia missione quella di creare un'assistenza post-vendita consapevole attraverso e per le persone adottate.

In AFC notiamo che gli adottati beneficiano di coach per l'adozione specializzati in rinuncia e adozione. Questo perché anche gli stessi adottati hanno subito perdite simili. Conoscere la solitudine e la tristezza, portare il proprio destino e sopravvivere al dolore.

E oggi mi consolo con il pensiero che mio padre adottivo è orgoglioso di me, della mia passione e spinta. E che questo non ha reso la sua morte del tutto inutile….

#Al'adozione non è una favola

In affettuoso ricordo, Nico Brinksma.

Lezioni di vita da un adottato – Parte 1

Questa è una serie scritta da Tamieka piccolo, adottato dall'Etiopia in Australia.

'Il tuo tempo è limitato, quindi non sprecarlo vivendo la vita di qualcun altro, non lasciarti intrappolare dal dogma, che è vivere con i risultati del pensiero di altre persone, non lasciare che il rumore delle opinioni degli altri affoghi la tua interiorità voce e, cosa più importante, abbi il coraggio di seguire il tuo cuore e il tuo intuito.'

Steve Jobs

Ci sono studi che dimostrano che è comune per gli adottati creare un falso senso di sé - di solito tra due identità - il bambino d'oro perfetto che fa di tutto per l'approvazione delle loro famiglie adottive in modo da non dover mai affrontare il rifiuto, o il ribelle che può rifiutare le loro famiglie prima che possano rifiutarle (ancora). Il bambino d'oro può assomigliare molto allo studente astuto che riversa ore e ore nelle sue classi, ottiene voti positivi, è terrorizzato dall'idea di ottenere qualcosa di meno, qualcuno che non è mai in disaccordo con le opinioni o le ideologie dei genitori e può affermare che non c'è nulla lamentarsi in termini di adozione. Potrebbero finire per essere il tipo in effetti (e ovviamente non devi essere adottato per farlo) ma per vivere la vita che le loro famiglie adottive desiderano per loro. Potrebbero volere che studino per diventare un medico, un chirurgo, uno scienziato, un ingegnere invece di fare ciò che il loro cuore desidera veramente.

Per me personalmente, ero sicuramente uno di quei tipi di falsi sé in cui gli adottati possono tendere a cadere, quelli che hanno risultati eccessivi, i perfezionisti, quelli terrorizzati dalla disapprovazione dei loro genitori o dal deludere i miei insegnanti e mentori. Per me fin da bambino ho sempre voluto essere un artista. Sapevo in fondo che era quello che volevo essere per tutta la mia vita; ei miei genitori ne erano molto consapevoli. Tuttavia, hanno cercato di riportarmi alla realtà; dicendo che dovevo essere il meglio del meglio del settore come Picasso o Van Gogh per arrivare ovunque in quel campo. Lo hanno sottolineato in particolare quando sono arrivato alla fine del liceo e ho dovuto pensare seriamente a cosa volevo fare nella mia vita come carriera.

Ho finito per scegliere la psicologia perché era una scienza, qualcosa di tangibile e strutturato che potevo seguire secondo le aspettative della società. Non fraintendermi: psicologia; la psicologia e il comportamento umano e sociale mi interessa, ma non ha acceso un fuoco o una scintilla dentro di me come fa l'arte. Alla fine ho scelto di studiare Animal Behaviour quando mi sono laureata e sono stata accettata all'università. Quando sono stato esposto al mondo esterno, al mondo reale, mi sono reso conto di quanto della mia vita mi stavo permettendo di essere dettato dai miei genitori. Ho capito che dovevo vivere la mia vita ei miei sogni. E sì, è stato spaventoso affrontare i miei genitori e dire loro che mi stavo trasferendo al Bachelor of Arts e volevo diventare un'artista. Ma ho aperto un percorso nella mia vita di tanta scoperta di me stesso e conoscenza; dove ho incontrato così tante persone meravigliose, con cui mi sono allineato in così tanti modi. Non me ne pento fino ad oggi.

Lasciatemi dire questo per esperienza personale ai compagni adottati; vivi la vita che vuoi vivere, non ciò che la società ti impone di fare; non quello che la tua famiglia o i tuoi amici pensano che dovresti fare - fai cosa tu desiderio, ciò che ti porta gioia, eccitazione, ciò che fa cantare il tuo cuore e il tuo spirito librarsi.

Perché quando la tua famiglia e quegli amici o chiunque non fa più parte della tua vita rimarrai bloccato con la vita e i sogni che hai fatto. Nessun altro deve viverlo tranne te, e sperimenterai la tua felicità o mancanza di felicità, non loro né nessun altro. Sarai tu quello che andrà a letto ogni notte sentendoti realizzato o insoddisfatto delle decisioni che prendi ogni giorno, quindi assicurati di forgiare il tuo percorso, il tuo sogno in modo da poter trovare la vera felicità. Non è facile a volte, ma niente nella vita che valga la pena lo è.

Ho ucciso i miei genitori vietnamiti

di Mark Erickson, adottato dal Vietnam negli USA.

Condividerlo per elaborare i sentimenti sulla mia famiglia naturale, cercando di scrivere alcune cose difficili.

Ho una confessione da fare: Ho ucciso i miei genitori vietnamiti. Non so quando l'ho fatto o come l'ho fatto, ma l'ho fatto. In realtà, quello che ho fatto è stato peggio. Per ucciderli avrei dovuto conoscerli, riconoscere la loro esistenza e dimenticarli. Invece li ho cancellati del tutto: niente nomi, niente ricordi, niente sentimenti.

Nessuno mi ha detto espressamente di farlo, ma il messaggio era forte e chiaro. Giochiamo a fingere. I tuoi genitori vietnamiti non devono mai essere riconosciuti o menzionati. Siamo i tuoi veri genitori. Sei nato nei nostri cuori.

Se c'era una parte del mio giovane io che credeva che i miei genitori vietnamiti fossero ancora vivi, allora il peso di portare quella speranza era troppo per me. Quindi ho smesso. Non ero Oliver Twist. Non ero la piccola orfana Annie. Invece, sono diventato un contorto spaventapasseri-uomo-leone di latta a tre teste: incapace di mettere in discussione la mia esperienza, disconnesso dai miei sentimenti e non conflittuale per un errore.

Quello su cui non contavo era che questo matricidio-parricidio fosse in realtà un doppio omicidio-suicidio. Per cancellarli, ho dovuto cancellare anche una parte di me. Mi sono automedicato. Ma invece di auto-medicare con sostanze come altre nella mia cerchia ristretta, sono diventato un compulsivo troppo ambizioso.

Questo ha funzionato per molti anni. Ma i miei genitori vietnamiti non starebbero al gioco e rimarrebbero cancellati. Invece, hanno perseguitato i miei incubi e in seguito i miei sogni ad occhi aperti. Quando mi sono guardato allo specchio, stavo guardando l'immagine dei miei creatori?

Dai un'occhiata a Mark's fotografia e libro del Vietnam o seguilo su Instagram.

Duro, resiliente e un sopravvissuto!

Ospite post di Mike, adottato da Hong Kong alla Nuova Zelanda.

Ricordo di essere cresciuto in un orfanotrofio fino all'età di 6 anni. Alcuni dei miei ricordi includono giocare nel piccolo parco che aveva uno stagno e amare la natura, le piccole rane e gli uccelli. Quando eravamo cattivi, i bambini più grandi nascondevano i ragni di gomma nei nostri letti dicendo che venivano solo perché siamo cattivi, finché una notte mi sono arrabbiato, triste e l'ho tagliato a metà - ridendo e piangendo allo stesso tempo, lanciandolo contro altri bambini. Sono sempre stata la figura del grande fratello.

Ricordo di essere stato spinto giù da un palco e di essermi fatto male alla testa. Ecco da dove viene la mia paura di cadere e di avere paura dell'altezza. È stato molto divertente crescere in un orfanotrofio. Lì ho imparato cos'era la famiglia, la mia cultura, il mio retaggio, la mia lingua, avevo un senso di appartenenza e identità. Ero il ragazzo intelligente ma cattivo!

Ricordo l'ultimo giorno prima di essere portato in Nuova Zelanda per l'adozione. Mia madre naturale è venuta a trovarmi per salutarmi ma non l'ho riconosciuta. Poteva passare solo un paio di minuti con me perché non ha fatto le scartoffie. Quindi, per un po', ho sempre pensato a tanti “e se” e se è stata colpa mia se sono stato portato via perché non l'ho riconosciuta.

Quando sono stata adottata all'età di 6 anni e portata in Nuova Zelanda da una coppia europea bianca, ho dovuto imparare di nuovo e adattarmi così velocemente. Si trattava di adattarsi e sopravvivere!

I miei genitori adottivi non erano pronti per le sfide che arrivavano con un adottato più anziano con un senso di identità. C'era un sacco di abusi fisici ed emotivi. Era un ambiente familiare di merda in cui erano abusivi l'uno con l'altro, anche fisicamente. Avevano anche 2 bambini adottivi che erano viziati! Ero la pecora nera della famiglia. Sono stato vittima di bullismo a scuola, poi sono tornato a casa per essere maltrattato e picchiato anche lì. Mi ha fatto crescere molto velocemente e mi ha reso più forte.

Spesso usavano i loro modi abusivi per cercare di riparare me nel bambino che volevano. Questo, naturalmente, mi ha spinto sempre di più al punto di scappare in tenera età, depressione, tentato suicidio, autolesionismo, ecc. All'età di 10 anni, sono scappato di casa e mi sono ritrovato con un gruppo di ragazzi di strada per un settimana finché non si sono rivolti a me e mi hanno picchiato, lasciandomi insanguinato perché la polizia venisse a prendermi e mi riportasse dai miei genitori adottivi. Hanno cercato così duramente di ripararmi e sistemarmi con vari psicologi, consulenti, ecc., Ma senza successo.

I miei genitori adottivi alla fine hanno divorziato quando avevo 15 anni e sono finito con mia madre adottiva. Le cose sono andate più in discesa dopo, il che alla fine mi ha portato a una vita criminale. Amavo la vita da criminale giovanile, l'eccitazione del taccheggio, del furto, dell'irruzione nelle auto, ecc., Facendo parte di una gang di strada giovanile. Ma questo alla fine mi ha portato in prigione all'età di 19 anni. Ho mandato 2 ragazzi bianchi in ospedale dopo una rissa di gruppo. Il motivo della lotta era a causa delle mie opinioni razziste contro i bianchi perché a quel tempo non conoscevo tutti i problemi e lo stato mentale in cui mi trovavo.

Sono uscito di prigione a 21 anni e sono tornato dal mio papà adottivo. Non durò molto a lungo perché era ancora bloccato in quella mentalità che poteva intimidirmi e modellarmi in quel cittadino modello che ogni papà può sognare. Con sua grande delusione, ero in un profondo stato di depressione, negazione e odio perché ero così istituzionalizzato: la prigione era un po' come l'orfanotrofio. Ho finito per unirmi alle Triadi e diventare un leader.

Non ho rimpianti per l'adozione, il mio passato e tutto ciò che è successo, poiché ho ottenuto così tanto attraverso lo sport. Ho rappresentato il mio paese/patria nello sport, ho girato il mondo, ho sposato la ragazza dei miei sogni, ecc., ma quando invecchio (37 a luglio), ho paura del futuro che ho. Mia moglie vuole figli ma io non ho un lavoro o un reddito stabile. Non voglio che i miei figli passino quello che ho fatto io. In una banda, lo stile di vita che conduco, è difficile quando hai precedenti penali, disturbo da stress post-traumatico e un senso di paura del rifiuto.

Qualche anno fa, mia madre naturale mi ha trovato su Facebook. Sono andato a Hong Kong per incontrarla un paio di volte. È stato deludente. Forse mi aspettavo che il film si incontrasse in modo drammatico e emotivo, ma non era niente del genere! Ero proprio come, "Oh sì! Sei mia mamma”. Ma non siamo riusciti a comunicare molto a causa della barriera linguistica, quindi è stato un po' deludente. Ho una sorellastra che parla inglese e vive con mia madre. Ho scoperto che mia madre aveva solo 18 anni quando mi ha avuto e all'epoca. Viveva in una casa di donne. Sua madre (mia nonna) era divorziata all'età di 15 anni e non aveva la capacità di dare stabilità alle sue 2 ragazze, quindi le ha mandate a una casa di ragazze per sopravvivere.

Nonostante tutto quello che ho vissuto, immagino che quello che voglio dire ai genitori adottivi è che hai una responsabilità nei confronti del bambino che adotti: sii una figura madre/paterna positiva per il bambino che stai portando nel tuo mondo. Cerca di comprendere meglio le sfide che il tuo bambino interrazziale potrebbe avere.

Mike accoglie i tuoi messaggi in risposta alla sua storia.

Quando il dolore e la perdita sono troppi

Dietro il sorriso sfacciato c'è molto dolore, tristezza e vulnerabilità. Anche se ora sono cresciuto, non significa che il mio dolore sia mai passato!

Di solito non sono uno che sfoga la mia frustrazione e il mio dolore sui social media, ma eccomi!! Sono stufo di vivere una vita di dolore e perdita. Negli ultimi anni ho trascorso così tanto del mio tempo in strutture di salute mentale che non riesco nemmeno a contarli tutti. Ogni volta che penso che sto migliorando, qualcosa di merda mi riporta giù. Penseresti che essere in una struttura di salute mentale ti consentirebbe le cure e il supporto di cui hai bisogno. Posso dirti che è tutt'altro!

Attualmente sono in un reparto di salute mentale e la vita sembra essere appena caduta in un milione di pezzi in 24 ore! Ho deluso i miei genitori adottivi, ho danneggiato la reputazione, ho perso gli amici e ora sento di dover combattere questa battaglia da solo.

Ho avuto diverse occasioni in cui le infermiere sono venute a parlarmi e mi hanno insegnato la mia vita! Come adottato, come osano sedersi lì e dirmi che andrà tutto bene, che sono un privilegiato e che dovrei essere grato per quello che ho!

Sono sicuro che a molti altri adottati queste dichiarazioni siano state dette più e più volte. Come osano le persone che non mi conoscono darmi una lezione sulla mia vita. Non sanno cosa significhi perdere la mia famiglia naturale e avere un milione di domande senza risposta. Quindi cosa dà loro il diritto di essere così giudicanti?

Voglio lasciare aperta la domanda agli altri adottati: come affronti ogni giorno e combatti i problemi di salute mentale?

Il sistema di salute mentale è davvero incasinato e le persone hanno bisogno di una migliore formazione su come aiutare gli adottati a gestire la nostra perdita e il nostro dolore. C'è così poco aiuto reale e utile! Abbiamo perso tante belle anime di adottati. Ogni volta che vedo un altro adottato è morto sul Memoriale per gli adottati internazionali pagina, il mio cuore affonda e mi scava più a fondo nella mia depressione. Mi ricorda quanto dobbiamo lavorare duramente rispetto agli altri nella società, per adattarci e superare questo incubo continuo.

Posso dirti onestamente che sto lottando così tanto che mi ha spaventato per tutta la vita. Non so per quanto ancora potrò affrontare qualcuno o qualcosa su questo pianeta!

di Pooja
Adottato internazionale indiano in Australia

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%