Una veglia per Christian Hall, 1 anno dopo

Il 30 dicembre 2021, dalle 19:00 alle 21:00 CST, ci siamo riuniti nell'applicazione dei social media, Clubhouse per partecipare a una veglia online, creata e guidata dall'adottato vietnamita Adam Chau. L'evento è stato organizzato in collaborazione con la famiglia di Christian Hall che ha creato le veglie fisiche di persona in varie città degli Stati Uniti. Lo scopo delle veglie era quello di onorare la vita di Christian, sensibilizzare e riunire le comunità colpite in solidarietà per cercare Giustizia per Christian Hall. Puoi leggere i loro ultimi articoli qui e qui.

Alcuni ospiti adottati sono stati invitati a condividere i nostri pensieri per la veglia online: Kev Minh Allen (Vietnamita americana adottata), Lynelle Long (Adottato australiano vietnamita), Kayla Zheng (adottato cinese americano), Lee Herrick (Coreano americano adottato).

Condivido con voi ciò di cui ho parlato in onore di Christian Hall.

Mi chiamo Lynelle Long, sono la fondatrice di Intercountry Adoptee Voices (ICAV). Vorrei ringraziare Adam Chau per aver organizzato questo evento online oggi in onore di Christian. Grazie Nicole, la cugina di Christian che è alla nostra chiamata, per averci permesso di partecipare a questa veglia. Mi dispiace tanto per la perdita della tua famiglia! È un privilegio poter parlare. Sono una persona con un'esperienza vissuta di adozione internazionale e, come Christian Hall, sono di origine cinese … tranne che sono nato in Vietnam e adottato in Australia, mentre lui è nato in Cina e adottato negli Stati Uniti.

Il filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo vissuto l'abbandono da bambini. Non importa che età abbiamo, per un adottato, la perdita della nostra prima famiglia come abbandono/rinuncia è un'esperienza cruda e dolorosamente traumatica. Rimane con noi per tutta la vita sotto forma di sensazioni corporee e si attiva facilmente. Quando ciò accade, queste sensazioni inondano il nostro corpo come paura, panico, ansia.

Peggio ancora è che quando il nostro abbandono avviene da bambini, non abbiamo sviluppato un linguaggio come modo per comprendere la nostra esperienza. Rimaniamo semplicemente con i sentimenti pre-verbali (sensazioni corporee). Mi ci sono voluti più di 20 anni prima di leggere il primo libro, The Primal Wound di Nancy Verrier, che ha cambiato la mia vita in termini di comprensione dell'impatto che l'abbandono e l'adozione hanno avuto su di me. Quel libro è stato il primo ad aiutare a dare parole all'esperienza che avevo provato fino a quel momento, come un'esperienza del tutto somatica, come sensazioni sgradevoli nel mio corpo, che non avevo capito, da cui avevo passato la vita scappando ogni volta sono riemersi.

L'altro filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo sperimentato ideazioni e tentativi suicidi. Per lui, significava tragicamente la fine della sua vita da parte degli agenti di polizia che non capivano i suoi traumi. Per me, dopo numerosi tentativi falliti e finire al pronto soccorso, ha significato un lungo processo di risveglio al trauma che avevo vissuto. Più di 20 anni dopo, ho trascorso la maggior parte di questo tempo ad aiutare a risvegliare la nostra società su cosa sia veramente l'adozione per noi, la persona adottata.

Essere adottati non ci lascia mai. Potremmo provare a scappare e fingere che non abbia alcun impatto, ma nel profondo del nostro nucleo, il nostro abbandono collega quasi ogni aspetto del nostro essere - soprattutto, come ci connettiamo o meno con gli altri intorno a noi e con noi stessi. Al centro, gli adottati internazionali sperimentano la perdita di identità, razza e cultura. A meno che non abbiamo intorno a noi supporti che ci comprendano e ci aiutino a superare presto il trauma dell'abbandono, inciampiamo nel buio, completamente inconsapevoli di come il nostro abbandono ci colpisce. Molti adottati lo chiamano "essere nella nebbia" fino a quando non ci svegliamo. Oggi, decenni dopo che Nancy Verrier ha scritto per la prima volta il suo fantastico libro, ora ne abbiamo molti, molti libri scritti da adottati chi sono gli esperti della nostra esperienza vissuta. Questi libri sono una testimonianza scritta delle complessità che viviamo attraverso l'adozione e dell'impatto che hanno su di noi.

Negli ultimi 2 mesi, ho lavorato con altri per parlare degli impatti dell'abbandono e del trauma dell'adozione e del collegamento diretto al rischio di suicidio. Riconosco che la famiglia di Christian non collega la sua tragica morte al suicidio, ma sospetto che i suoi sentimenti di abbandono siano stati innescati quando eventi chiave lo hanno portato a trovarsi sul ponte quel giorno. Spero che più famiglie adottive si istruiscano sulle complessità in cui viviamo come persone che si disconnettono dalle nostre origini tramite l'adozione internazionale. Siamo quasi 2 milioni in tutto il mondo e stiamo parlando in massa per aiutare il mondo a capire che non è un'esperienza di arcobaleni e unicorni. Abbiamo bisogno di supporto permanente da professionisti formati in materia di trauma e adozione. Solo in America ci sono centinaia di migliaia di adottati internazionali: l'America rimane il più grande paese ricevente al mondo. Troppi stanno lottando emotivamente ogni giorno, eppure negli Stati Uniti non esiste ancora un servizio di consulenza nazionale gratuito per gli adottati internazionali e le loro famiglie. Inoltre, negli Stati Uniti non esiste un centro nazionale di supporto post-adozione finanziato per aiutare gli adottati internazionali a crescere fino all'età adulta e oltre. Non è un enorme difetto il fatto che il più grande importatore di bambini al mondo non disponga di un sostegno permanente interamente finanziato, equo e liberamente accessibile? come può l'America aspettarsi risultati positivi per i bambini che sono tra i più vulnerabili se non finanziamo ciò che sai di cui hanno bisogno?

Non ho mai conosciuto Christian personalmente. L'ho scoperto solo attraverso la sua morte. Vorrei averlo conosciuto. Dai molti adottati internazionali con cui mi connetto, so che guadagniamo così tanto emotivamente dall'essere connessi ad altri proprio come noi. Essere in contatto con i nostri coetanei aiuta a ridurre quei sentimenti di isolamento, ci aiuta a capire che non siamo gli unici a vivere la vita in questo modo, ci aiuta a connetterci a fonti di supporto e convalida che sappiamo ha funzionato. Vorrei che Christian avesse incontrato la nostra comunità. Non saprò mai se avrebbe fatto la differenza che lui non fosse lì quel giorno su quel ponte. Come adottato, sospetto che Christian molto probabilmente volesse aiuto quel giorno, un aiuto per alleviare la sua anima addolorata, non la morte. 

Inoltre, prendiamoci un momento per ricordare la sua famiglia biologica in Cina. Se hanno mai avuto davvero una scelta nella sua rinuncia, probabilmente non lo sapremo mai, ma dalla mia conoscenza in questo campo, molto probabilmente non è così. L'adozione di Christian fu probabilmente il risultato del L'era della politica 1-Children in Cina dove migliaia di famiglie sono state costrette ad abbandonare i propri figli, molti dei quali sono finiti all'estero adottati come cristiani. Per favore, prenditi un momento per considerare che, attraverso l'adozione, la sua famiglia biologica non ha nemmeno il diritto di sapere che è morto. 

La parodia dell'adozione è che il trauma è vissuto da tutti nella triade (l'adottato, la famiglia adottiva, la famiglia biologica) ma i traumi continuano a non essere riconosciuti e non sono supportati sia nei nostri paesi adottivi che in quelli di nascita. Dobbiamo fare di meglio per prevenire l'inutile separazione delle famiglie e, dove è necessaria l'adozione, garantire che le famiglie intraprendano un'educazione all'adozione, conoscendone appieno le complessità e avendo accesso gratuito equo per tutta la vita ai supporti professionali necessari.

Il mio enorme ringraziamento alla sua famiglia allargata e immediata per essere stata coraggiosa e essersi aperta attraverso tutto questo trauma e aver permesso queste veglie in cui la sua vita e la sua morte possono essere onorate per il bene più grande. Onoro il dolore e la perdita che hanno vissuto e li ringrazio immensamente per aver permesso alla nostra comunità internazionale di adottati di unirsi a loro per sostenerli.

Grazie.

Se desideri sostenere la famiglia di Christian e la loro spinta per la giustizia, firma la petizione qui.

Se desideri comprendere meglio le complessità coinvolte nell'adozione internazionale vissuta dagli adottati, il nostro Risorsa video è un ottimo punto di partenza. Non sarebbe fantastico creare una risorsa come questa per aiutare a educare i primi soccorritori a comprendere meglio le crisi di salute mentale che vivono gli adottati.

Gli adottati hanno bisogno di servizi di salute mentale

di Christina Soo Ja Massey, ovvero YooNett adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Mi sono rasato i capelli per due motivi:
Il prossimo festival scozzese della salute mentale e delle arti nel maggio 2021.
Il mio attuale stato di salute mentale in declino.

Le lacrime del trauma Ho pianto da orfano indifeso in passato, piango da adulto per tutta la mia vita.

Sono un adottante coreano d'oltremare.
L'adozione non è mai stata felice dopo che alcuni potrebbero provare a far credere.

Un senzatetto adottivo coreano all'estero, che racconta di una famiglia adottiva che non discute nulla a che fare con la sua adozione e precedenti precedenti. Perdere un altro adottante coreano d'oltremare attraverso il suicidio. Molti adottati coreani d'oltremare a cui è stato mentito sul loro passato, presente e futuro. Molti soffrono ulteriore negligenza o più abuso di tutte le forme per mano dei loro adottanti.
Considera solo che abbiamo già sperimentato traumi perdendo i genitori naturali in primo luogo.

Negli anni '70 e '80 la Corea è stata accusata di traffico di bambini a causa del numero crescente di bambini coreani inviati all'estero per l'adozione.

L'immagine che i miei adottanti hanno ricevuto dalla Corea era di un bambino con i capelli rasati. Ho sofferto di un'eruzione cutanea sulla testa causata dall'eczema atopico. L'eczema atopico permane per tutta la vita raccontando la storia di ogni aspetto dello stress vissuto dal corpo.
Così fa lo stress post traumatico.

Potresti pensare ad altre persone famose o meno che si sono rasate la testa in uno stato di disagio mentale. Sinead O'Connor, Britney Spears, Amy Winehouse... qualunque sia il loro motivo.

La rasatura della testa è riconosciuta come un sintomo che può manifestarsi in relazione alla malattia mentale, ma non a una specifica forma di malattia mentale. I sofferenti hanno spesso continuato a sperimentare un crollo mentale subito dopo, forse in uno stato di Mania... Un tentativo di riprendere il controllo o un segno di perdita di controllo.

Ci sono numerosi contributi sui social media online di persone che si radono i capelli durante il blocco di questa pandemia di Covid-19.

Abbiamo urgente bisogno di affrontare le carenze nei servizi di salute mentale. Abbiamo bisogno di un ambiente sicuro e dotato di risorse in cui i professionisti della salute mentale possano continuare a lavorare. Migliore accesso a tecnologie avanzate e social media. Più diversità. Terapie più olistiche e personalizzate. Solo per elencarne alcuni.

Finché i problemi di salute mentale continueranno a essere inascoltati e invisibili, c'è poca speranza per ulteriori risorse.

Partecipa e sensibilizza. Grazie.

#salute mentale
#la salute mentale è importante
# malattia mentale
# consapevolezza della malattia mentale
# sopravvissuto
#seeme
#orte
1TP3Crostataesalutementale
1TP3Crostateefestival della salute mentale
#coreano
#asiano
#tedesco
#asianlivesmatter
#internazionale
#adoptee
1TP3Adozione all'estero
#suicidio
#atopiceczema
#orphan
#ptsd
#bpd
#gravedepressione
1TP3 Ideazione suicidaria
1TP3Disturbo di personalità instabile emotivo
#ambivalente attacco
#trustissues
#relazioni difficili
#violenza domestica
#abuso sessuale
#tratta di esseri umani

Cosa ci vorrebbe per scegliere di farmi da genitore?

di Cam Lee Piccolo, adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti, terapista presso TerapiaRiscattato.

Non tutti i bambini possono fare questa domanda prima di diventare adottati. E non tutte le future mamme hanno la possibilità di rispondere.

So che ci sono così tanti tipi di circostanze rappresentate nella nostra comunità, anche mentre stai leggendo questo e mentre contribuisci a questa comunità di adozione molto speciale a cui apparteniamo.

Questa domanda è sorta per me mentre mi chiedevo di mia madre di recente, ed è stata portata ulteriormente in superficie mentre guardavo alcuni clip da Il bambino del karate.

Gli adottanti sperimentano una perdita di scelta e di voce quando si tratta di una tale decisione, di fare da genitore al bambino o di rinunciare all'adozione... e TROPPI adottanti respingono i sentimenti dei loro figli a riguardo. Troppi.

Permettere. Figli. addolorarsi.

Non dire agli adottati che stanno facendo un grosso problema con una cosa così piccola. Chiedi perché le agenzie di adozione e i mediatori di potere all'interno di quelle istituzioni hanno fatto una tale fortuna interrompendo queste sacre relazioni.

Per favore lasciaci addolorarlo. E permettici di chiederci: "E se?" Anche se la risposta è irrisolvibile, quel qualcuno è qui per ascoltarla con noi, per riconoscerne il peso.

Perché di certo non dovevamo portarlo da soli. Possa il nostro messaggio reciproco essere: "Non devi".

#adoption #adoptionstory #adoptionjourney #adoptivefamily #trauma #traumarecovery #traumainformed #traumatherapy #transracialadoption #transracial #koreanadoptee #koreanadoptees #internationaladoption #adoptionblog #identity #resilience #adopteevoices #adopteerights #therapeutic #counselingpsychology #mentalhealthawareness #adoptionawareness #therapyredeemed

Cicatrici da battaglia in adozione

di Mike, adottato da Hong Kong alla Nuova Zelanda.

Queste sono le mie cicatrici di battaglia di quando avevo circa 12-13 anni, fatte in questi periodi di vacanza. Mi deprimevo davvero guardando tutte quelle famiglie amorevoli con genitori che assomigliavano a loro, parlavano come loro, ecc. Non aiutava ero un maschio cinese con genitori bianchi.

Ogni volta che guardo i miei polsi sono grato di aver superato quei momenti. Mi ci è voluto fino all'età di 30 anni prima di affrontare davvero il mio disturbo da stress post-traumatico e la depressione a causa della mia adozione interrazziale e internazionale. Di tanto in tanto ho dei momenti in cui torno nel mio passato e penso a "ne è valsa la pena", vivendo la mia vita e arrivando dove sono oggi - sto meglio o avrei dovuto semplicemente finire la mia vita allora?

Immagino che una lezione da trarre da questo, non importa cosa fai come genitore adottivo - ci sono alcune cose di cui un bambino ha bisogno per imparare le risposte alle domande da solo. Non spetta a voi genitori dare loro la risposta in cui volete che credano e ascoltino.

L'altro di Mike ospite post all'ICAV

L'eredità e gli effetti degli abusi nell'adozione

Parte 2 di una serie di 3 parti sugli abusi sessuali nell'adozione

Quando si verifica un abuso a un bambino da parte delle stesse persone che dovrebbero proteggerlo, si crea una devastante eredità di impatti. Ho vissuto con la mia famiglia adottiva per 19 anni fino a quando non sono partiti per andare all'estero per essere missionari. Fino a quel momento della mia vita, avevo imparato a sopprimere le mie verità e a seppellirle nel profondo del mio corpo.

Come si può mai descrivere l'impatto e l'eredità che ci rimangono come vittime di abusi sessuali all'interno di una famiglia adottiva? Le parole sembrano inadeguate.

Ci si aspetta che il peggior crimine non venga raccontato - Darrell Hammond

Ho visto Darryl Hammond's Cracked Up storia di vita su Netflix: mi ha aiutato a trovare le parole. Consiglio vivamente di guardarlo per coloro che vogliono seriamente comprendere il trauma infantile e l'eredità che lascia. Ho raccontato la sua storia su così tanti livelli: la rabbia verso se stessi per essere stati così vulnerabili, le emozioni contrastanti su queste stesse persone che sono i tuoi genitori che gli altri vedono solo come persone fantastiche e meravigliose, i ricordi di abusi in cui il mio corpo si è sentito violato, mancato di rispetto e usato per i propri scopi, i meccanismi di coping che ho sviluppato per sopravvivere, la scia di devastazione lasciata nelle prime relazioni e scelte perché non sapevo meglio fino a quando non ho ricevuto un aiuto professionale, il tenta di togliermi la vita perché il dolore era così insopportabile, la depressione, l'oscurità che mi avrebbe consumato. Tanti paralleli con la vita che ho vissuto finché non ho trovato aiuto e guarigione. Per fortuna non mi ci sono voluti più di 50 anni, ma ha sicuramente consumato gran parte della mia vita da adulto e continuo ancora ad affrontare gli impatti fino ad oggi. Penso che questa sia la parte che la maggior parte delle persone non capisce quale evidenzia il documentario di Darryl: il nostro trauma non ci lascia mai: ciò che può migliorare è che impariamo a perdonare noi stessi per i nostri meccanismi di sopravvivenza e di coping, e possiamo imparare a riconnetterci e a prenderci cura di noi stessi. È un viaggio di una vita di guarigione e di venire a patti con ciò che ci è stato tolto: la nostra innocenza e il potenziale per vivere la vita senza quelle cicatrici brutali.

Ogni giorno, ogni settimana, ogni anno faccio fatica a comprendere la mia famiglia adottiva. La mia mente d'infanzia non riesce a integrare il fatto che avrebbero potuto essere così crudeli, cattivi, negligenti, meschini, ma tuttavia erano anche i miei salvatori, la mia ancora di salvezza per sopravvivere a una guerra, i miei soccorritori. È la loro tacita aspettativa che io vada avanti con la vita come se non fosse successo nulla che continua a ferire di più. L'ho fatto per molti anni, ma diventa più difficile man mano che invecchio e non riesco più ad accettarlo. Non posso più negare l'impatto emotivo che provo ogni volta che interagisco con loro. È stato così difficile fingere di non farmi del male, non ce la faccio più. Quello che scelgono di vedere è un sopravvissuto forte e resiliente che ha vinto. Sì, questo fa parte di ciò che sono, ma ciò che non vogliono vedere è l'altra metà: il bambino interiore ferito e traumatizzato che vuole essere protetto, amato e nutrito. Ho dovuto imparare a donare a me stesso perché loro non sono stati capaci. Nessun membro della mia famiglia adottiva vuole sapere come sono influenzato o capire la mia lotta. Questo è perché la loro vergogna è più profonda del mio dolore. Questo è ciò di cui nessuno parlerà. Non mi è sfuggito che Darryl Hammond racconta pubblicamente la sua storia dopo che entrambi i suoi genitori sono morti. Riconosco che inconsciamente proteggiamo i nostri genitori se hanno abusato di noi ed è a nostre spese per la salute mentale, farlo. Questa è la triste realtà del trauma infantile inflittoci dai nostri presunti "amorevoli" genitori.

Ho scritto a malapena su questo argomento in oltre 20 anni – in alcuni punti lo cito brevemente ma raramente in modo approfondito. Non è un argomento che amo né è un argomento di cui parlo per far vergognare la mia famiglia. Lo faccio ora, per incoraggiare gli altri che sono torturati dalla vergogna per quello che è successo loro - a parlare, trovare la loro voce e potenziare se stessi. Il primo articolo Ho scritto su questo argomento che ho mantenuto anonimo per la mia vergogna e il desiderio di proteggere la mia famiglia adottiva. Ripenso a quanto sia ridicolo che avrei dovuto mai sentirmi dovevo proteggerli. Come persona adottata, non c'è niente di peggio che essere abbandonato dalla mia prima famiglia e poi non essere protetto dalla mia seconda. I miei strati di perdita e dolore si sono moltiplicati!

Non dimentichiamo mai cosa succede a noi come sopravvissuti agli abusi sessuali, possiamo semplicemente passare dall'odio e dalla rabbia che sono così validi, alla realizzazione che ci danneggia solo se permettiamo che si marciscano o ci feriscano. Per la mia stessa sopravvivenza, devo conviverci e andare avanti – in qualche modo ho imparato a rimanere fedele ai miei bisogni e ad assicurarmi che la mia vita non sia più controllata dalle azioni sconsiderate dei colpevoli molti anni fa, o dalla vergogna e colpa che ora li controlla.

La mia vita sessuale è per sempre offuscata e danneggiata. Non avrò mai una relazione con il mio partner che avrei potuto avere, se non avessi subito interferenze sessuali. Essere abusato in questo modo ha sempre aggravato la mia capacità di fidarmi, di voler essere vicino, di sentirmi al sicuro con persone e figure al potere, distrugge la mia fede in un potere più grande: la mia spiritualità. Non era sorprendente che dopo il Commissione reale sulle risposte istituzionali agli abusi sessuali, il documentario Rivelazione ha rivelato che molti bambini si erano suicidati che gli investigatori hanno attribuito direttamente ad essere stati abusati sessualmente. Non è un segreto che molti di noi che sono stati abusati finiscono per intossicarsi, distruggendosi perché la nostra anima è così danneggiata e ferita. Vogliamo solo che il dolore finisca, vogliamo che qualcuno ci raggiunga e ci aiuti.

Piango per il bambino dentro di me che era così vulnerabile e fiducioso ma è stato così fuorviato e sfruttato dai maschi della mia famiglia adottiva (estesa e immediata). Piango per coloro in tutto il mondo che devono convivere con questo orrendo crimine per noi come bambini innocenti. L'abuso sessuale è una terribile realtà per chiunque, ma averlo fatto all'interno di una famiglia adottiva aggiunge così tanti strati più complessi di traumi che diventano quasi impossibili da svelare e affrontare. Il trauma dell'abbandono in sé e per sé è abbastanza terribile. L'abbandono e poi l'abuso nella famiglia adottiva è solo una distruzione dell'anima. Spero che un giorno le persone smettano di parlare di adozione come se ci salvasse sempre e si rendano conto che l'abuso sessuale, fisico, emotivo è troppo diffuso negli ambienti familiari adottivi. Dobbiamo cambiare questo!

Voglio sottolineare che ho incontrato molti fantastici genitori adottivi e non sono così amareggiato e contorto da etichettarli tutti con questa pennellata, ma voglio risvegliare la nostra società al più grande mito che l'adozione ci salva. Da un luogo di onestà - per quelli di noi che vivono abusi in famiglie adottive, è probabilmente il più grande killer silenzioso di adottati!

Non ho mai parlato quando ero giovane perché mi è stato costantemente detto come fortunato che sono stato da amici e sconosciuti. Non ho mai parlato perché mi hanno fatto sentire una merda nella mia famiglia adottiva, preso di mira, scelto, lo schiavo di famiglia, chiamato con nomi come "tronchi d'albero" o "faccia di scimmia". Ricordo un giovane Matthew, non l'ho mai dimenticato, era raro che fosse gentile con me e poteva percepire cosa stava succedendo. Matthew è stato assunto da mio padre come nostro nuovo bracciante agricolo per dare una mano. Era biondo, occhi azzurri, rispettoso e forte. Ricordo che si oppose al mio padre adottivo chiedendomi perché fosse così duro con me, costringendomi a fare il lavoro che un giovane come lui poteva fare, ma ero una ragazza pubescente. Mio padre si è liberato rapidamente di lui. Non ho mai più sentito o visto Matthew.

Chissà come sta oggi Matthew e se ha trovato un altro lavoro. Mi è dispiaciuto che sia stato a causa mia che ha perso il lavoro, ma fino ad oggi, lo ricordo sempre per essere stato gentile senza implicazioni sessuali e molto rispettoso di me. Aveva mostrato pura preoccupazione per me. Vorrei che avesse denunciato mio padre e i suoi modi. Non sa fino a che punto sia arrivato mio padre con l'abuso e se lo sapesse, probabilmente odierebbe il fatto di non aver fatto qualcosa.

I miei amici in chiesa ea scuola a volte hanno visto come mi trattava mio padre, ma sembra che nessuno abbia riferito nulla. Perché dovrebbero? Mia madre era la preside della scuola, i miei genitori erano entrambi visti come forti cristiani con un background missionario, attivi nella chiesa e nella comunità, guidando i gruppi giovanili, ospitando i vigili del fuoco. Non stavo recitando. Ero un accademico scolastico e di successo. Non ero drogato. Ma mi sono ritirato in me stesso. Ho sempre pensato di essere un introverso fino a quando la mia famiglia adottiva se ne andò mentre io rimasi indietro per iniziare l'anno 12 mentre loro andarono a vivere e lavorare all'estero come missionari.

Ricollegandomi con alcuni della mia famiglia adottiva allargata negli ultimi anni, ho confermato che alcuni avevano dubbi su come venivo trattato fin dall'infanzia. Alcuni mi hanno detto che avrebbero voluto, col senno di poi, di aver fatto di più, di aver riportato i loro sospetti. Come persona adottata, non ho mai sperimentato un genitore protettivo o sicuro. mi dispiace!

In questi giorni ho la resilienza per guardare cose come Rivelazione e Cracked Up. Di solito evito perché sarei un tale relitto guardando tutto ciò che assomigliava molto ai miei traumi. Ho imparato a trasformare la mia agitazione emotiva in qualcosa di costruttivo. Scrivo per condividere con il mondo intero come possiamo proteggere meglio i bambini vulnerabili. Trasformo la tragedia della mia infanzia in un'opportunità per parlare e dare agli altri il potere di fare altrettanto. Sostengo coloro che stanno ancora lottando per trovare la propria voce. Parlo degli argomenti messi a tacere che le persone non vogliono discutere. Parlo per dare speranza ad altri adottati come me, con il messaggio che la tua vita non deve essere distrutta. C'è un modo per guarire e andare avanti. Non dobbiamo vergognarci. Non abbiamo nulla di cui vergognarci! Possiamo parlare anche se non otteniamo giustizia legale. Possiamo aiutare a incoraggiare i nostri compagni di sventura a trovare il loro coraggio e a liberarsi dai loro manti di vergogna. Non è nostro compito, è il sistema e gli adulti che non riescono a proteggere i più vulnerabili!

Parlo per far luce su questa tragedia nascosta degli abusi sessuali all'interno delle famiglie adottive. Non sappiamo nemmeno quali siano i nostri tassi di abuso sessuale perché nessuno li cattura o ricerca se siamo più inclini agli abusi sessuali nelle famiglie adottive rispetto ad altri. Posso solo fare riferimento a ricerche in situazioni simili come affidamento e se le nostre statistiche rispecchiano in qualche modo l'affidamento, allora siamo davvero le vittime silenziose perché non abbiamo nessuno che ci monitora una volta che ci uniamo alla nostra famiglia adottiva. Non abbiamo strade per chiedere aiuto. Siamo totalmente vulnerabili all'interno della nostra famiglia adottiva. Dobbiamo fare di meglio per proteggere i bambini vulnerabili e assicurarci di essere collocati in ambienti migliori di quelli che abbiamo già perso. Bisogna parlare di abuso sessuale in adozione perché questo cambiamento avvenga!

Prossimamente: Parte 3 – Cosa bisogna fare in caso di abuso all'interno delle famiglie adottive

Risorse informate sui traumi

di Lynelle Pulled by the Root intervista sugli abusi sessuali nelle famiglie adottive

Quando il dolore e la perdita sono troppi

Dietro il sorriso sfacciato c'è molto dolore, tristezza e vulnerabilità. Anche se ora sono cresciuto, non significa che il mio dolore sia mai passato!

Di solito non sono uno che sfoga la mia frustrazione e il mio dolore sui social media, ma eccomi!! Sono stufo di vivere una vita di dolore e perdita. Negli ultimi anni ho trascorso così tanto del mio tempo in strutture di salute mentale che non riesco nemmeno a contarli tutti. Ogni volta che penso che sto migliorando, qualcosa di merda mi riporta giù. Penseresti che essere in una struttura di salute mentale ti consentirebbe le cure e il supporto di cui hai bisogno. Posso dirti che è tutt'altro!

Attualmente sono in un reparto di salute mentale e la vita sembra essere appena caduta in un milione di pezzi in 24 ore! Ho deluso i miei genitori adottivi, ho danneggiato la reputazione, ho perso gli amici e ora sento di dover combattere questa battaglia da solo.

Ho avuto diverse occasioni in cui le infermiere sono venute a parlarmi e mi hanno insegnato la mia vita! Come adottato, come osano sedersi lì e dirmi che andrà tutto bene, che sono un privilegiato e che dovrei essere grato per quello che ho!

Sono sicuro che a molti altri adottati queste dichiarazioni siano state dette più e più volte. Come osano le persone che non mi conoscono darmi una lezione sulla mia vita. Non sanno cosa significhi perdere la mia famiglia naturale e avere un milione di domande senza risposta. Quindi cosa dà loro il diritto di essere così giudicanti?

Voglio lasciare aperta la domanda agli altri adottati: come affronti ogni giorno e combatti i problemi di salute mentale?

Il sistema di salute mentale è davvero incasinato e le persone hanno bisogno di una migliore formazione su come aiutare gli adottati a gestire la nostra perdita e il nostro dolore. C'è così poco aiuto reale e utile! Abbiamo perso tante belle anime di adottati. Ogni volta che vedo un altro adottato è morto sul Memoriale per gli adottati internazionali pagina, il mio cuore affonda e mi scava più a fondo nella mia depressione. Mi ricorda quanto dobbiamo lavorare duramente rispetto agli altri nella società, per adattarci e superare questo incubo continuo.

Posso dirti onestamente che sto lottando così tanto che mi ha spaventato per tutta la vita. Non so per quanto ancora potrò affrontare qualcuno o qualcosa su questo pianeta!

di Pooja
Adottato internazionale indiano in Australia

Salute mentale e adozione

Malattia mentale, salute mentale – parole che alla maggior parte delle persone non piace leggere in relazione alla parola adozione. Di solito ci piace pensare a felice per sempre dopo le famiglie ma la realtà è che l'adozione si basa sul trauma dell'abbandono e della perdita, quindi non sorprende che gli adottati soffrano di tassi di malattia mentale molto più alti della popolazione non adottata.

Quindi, invece di nascondere la testa sotto la sabbia e ignorare la realtà, parliamo apertamente di cosa potremmo fare meglio per aiutare gli individui e le famiglie con un'esperienza vissuta di malattia mentale.

In Australia, Ottobre è il mese della salute mentale e mi piacerebbe esplorare come potremmo ridurre i sentimenti di isolamento e la lotta quotidiana per gli adottati con un'esperienza vissuta di malattia mentale. Come possiamo essere più sensibili e non innescare inavvertitamente il dolore sottostante? Non solo gli adottati con un'esperienza vissuta subiscono la stessa perdita per abbandono di tutti gli adottati, ma subiscono un doppio smacco dallo stigma della malattia mentale che aggrava ulteriormente i loro traumi della prima infanzia.

Nel corso degli anni di connessione e sostegno tra pari ai miei compagni adottati, l'esperienza più dura è stata quella di sentire come se avessi deluso i miei compagni coetanei con un'esperienza vissuta di malattia mentale. Non vengo attrezzato sapendo intuitivamente come sostenerli e ciò che rende difficile il mio ruolo di pari, sono i confini del supporto tra pari tramite i social media e il faccia a faccia sono allentati e indefiniti. Quello che ho imparato è che gli adottati con esperienze vissute di malattia mentale hanno bisogno di confini più forti perché li aiuta a sentirsi al sicuro quando si avvicinano.

So che non c'è niente di più potente che ascoltarlo da chi lo vive. Quindi, ho chiesto a uno dei miei coetanei che ha alcune idee dal punto di vista dell'esperienza vissuta. Ha gentilmente condiviso i suoi pensieri su come possiamo fornire un supporto migliore agli adottati e attualmente sta lavorando come educatrice tra pari volontaria nel campo della salute mentale. La ringrazio personalmente per aver fornito questa ricchezza di informazioni che ha raccolto nel corso del suo viaggio di vita! Lo fa nella speranza che aiuti i suoi compagni adottati con un'esperienza vissuta di malattia mentale.

Ecco cosa fornisce, incluso l'elenco delle risorse in basso.

In questo articolo, il termine esperienza vissuta si riferisce a qualcuno che si identifica come affetto da una malattia mentale, o proviene da un trauma complesso, o potrebbe essere un caregiver per qualcuno con esperienza vissuta. Soprattutto, dobbiamo riconoscere che qualcuno che soffre di quei sintomi ha vissuto un'esperienza che è non un'etichetta né questo li definisce come una persona. Proprio come le persone non sono il loro "braccio rotto" o il loro "mal di testa", le malattie fisiche ed emotive / mediche devono essere trattate con lo stesso rispetto.

Ecco alcune delle mie idee su cosa si potrebbe fare per supportare meglio gli adottati con l'esperienza vissuta nella malattia mentale:

Narrazione mirata

Incoraggia gli altri a organizzare eventi per adottati con esperienza vissuta come un pasto o un forum/laboratorio in cui possono parlare del loro percorso di recupero. Questo rompe lo stigma e non è uno sproloquio, ma una storia condivisa con lo scopo di aiutare gli altri a condividere ciò che ha aiutato.

Potresti inquadrare la narrazione mirata come una serie di domande che l'adottato può condividere come: cosa ha aiutato vs cosa non ha aiutato? Come sei cambiato da allora ad oggi? Cosa ti piacerebbe vedere fatto o detto in modo diverso? Di cosa hai più o meno bisogno per continuare la tua guarigione in futuro?

Eventi sociali o workshop

Tenete incontri settimanali o quindicinali sul caffè o fate una passeggiata o un gruppo artistico, ma l'enfasi non è sulla consulenza. Chiedi agli adottati con esperienza vissuta nel campo della salute mentale di scrivere un elenco di risorse che li hanno aiutati e renderlo accessibile agli altri online.

Inventa e Adottato con la Giornata dell'esperienza vissuta per onorare gli adottati e trascorrere una giornata di attività divertenti e di cura di sé. Fallo anche per i loro accompagnatori. Potresti includere cabine informative, cabine di coccole, attività di piantare un albero, attività gastronomiche e artistiche, discorsi di persone con Esperienza vissuta e persone di rango sociale per partecipare e aprire l'evento.

Formazione/Supervisione

I coetanei adottati dovrebbero seguire la formazione Trauma Informed Care (TIC) e la formazione sul Disturbo Traumatico dello Sviluppo (lo stesso della formazione sul Disturbo Post Traumatico da Stress Complesso). La formazione TIC consiste nel chiedere cosa è successo a una persona e considera il contesto. Questo è in contrasto con porre una domanda invalidante come "Cosa c'è che non va in te?" o "Perché non ti stai adattando?".

La formazione e la supervisione riguardano la persona di supporto tra pari che impara a rispondere, non solo a reagire. È necessaria una consapevolezza generale su come parliamo e agiamo intorno alle persone con esperienza vissuta e conoscere i confini, il dovere di cura, il consulente in caso di incidente, il suicidio, il pronto soccorso per la salute mentale sono tutti buoni kit di strumenti da aggiungere alla cintura.

La formazione riguarda anche l'essere, il fare e l'usare un linguaggio appropriato in ogni momento e notare i nostri trigger e giudizi che sorgono e tendono a quelli.

Il modello di recupero o approccio dei punti di forza

Entrambi questi modelli sono attualmente i migliori per fornire un quadro per coinvolgere le persone con l'esperienza vissuta della malattia mentale. Puoi accedervi tramite Collegio di recupero o un'organizzazione di tipo simile. L'obiettivo di questi modelli è portare consapevolezza su ciò che la persona può già fare per se stessa e ciò che ha aiutato finora. C'è anche la formazione disponibile per gli assistenti di persone con malattie mentali.

Le persone con esperienze traumatiche potrebbero non sempre mostrare o dire qualcosa se vengono attivate. Quindi è importante fare il check-in e chiedere se stanno bene. Fai cose come impostare luoghi sicuri / zone fredde durante gli eventi, per ogni evenienza.

Autoeducazione, formazione ed essere in consigli di amministrazione / comitati di organizzazioni come SANE Australia o Oltre il blu era un modo in cui mi sono aiutato. Mi hanno offerto l'opportunità di condividere la mia storia o di unirmi al loro ufficio di relatori. L'accesso all'istruzione e alle opportunità di eventi è importante per coloro che hanno esperienza vissuta.

Se un peer adottato con esperienza vissuta vuole continuare a diventare un peer educator, ho trovato Recovery College e Una porta per la salute mentale insegna tutti i moduli necessari, incluso il racconto di storie intenzionali. Dopo aver completato i moduli, diventi un "educatore tra pari" certificato e puoi quindi insegnare nei college. One Door Mental Health rimborsa coloro che raccontano la propria esperienza vissuta durante i workshop. Puoi anche essere rimborsato quando One Door Mental Health viene chiesto da un'organizzazione di servizi di parlare su un argomento specifico come BPD, depressione, ansia o schizofrenia.

Il recupero di chiunque vale quanto la connessione sociale, le reti di supporto, le finanze per il supporto, la comprensione e le opportunità per contribuire. Essere trattati nel modo più normale possibile ma con il contesto del trauma, considerato fino a dove possono arrivare i nostri comportamenti/limiti/aspettative. Ciò include ciò su cui gli altri sono capaci e disposti ad avere una mentalità aperta e l'impostazione di un contesto per il quadro più ampio.

Tutti devono sapere di essere visti e ascoltati e che le persone si preoccupano. Noi che viviamo con la malattia mentale contiamo e abbiamo uno scopo. Siamo spesso esclusi ed emarginati e il nostro comportamento ci rende vulnerabili e un facile bersaglio per essere trascurati come prezioso contributo e risorsa educativa per la comunità.

Elenco di alcune risorse per la salute mentale in Australia

LEONE Recensione di ICAV

Come compagno australiano di adozione internazionale, ho guardato LION e l'ho trovato migliore di quello che mi aspettavo dopo aver letto così tante recensioni diverse.

Ha catturato così tanti aspetti emotivi del viaggio di un adottato internazionale. Ho sentito che l'aspetto più potente era quello del fratello adottivo di Saroo (anche lui dall'India) che chiaramente ha lottato con la sua vita adottiva dal primo giorno dell'arrivo nella sua nuova famiglia. Essendo io stessa madre di un figlio con bisogni speciali che ha vissuto crisi di nervi, il comportamento che ho visto rifletteva un ragazzo che non solo aveva sopportato gli inizi duri come Saroo che hanno portato a comportamenti legati al trauma, ma molto probabilmente soffriva anche di altri bisogni speciali - evidenti dal cicatrici multiple sulla sua testa quando è arrivato per la prima volta e il crollo della notte 1. Devo dire che i suoi genitori adottivi sono ritratti mentre gestiscono quella notte in modo abbastanza amorevole e calmo anche se sono sicuro che in realtà deve essere stato uno shock dopo aver avuto un figlio adottivo “perfetto” la prima volta. Serve anche come un sano promemoria della necessità di un'adeguata educazione pre-adottiva e dell'impostazione realistica dell'aspettativa che gli adottati non vengano come tabula rasa, nemmeno i neonati.

Le lotte del fratello adottivo di Saroo mi hanno parlato molto per gli adottati che conosco che non se la passano bene, nonostante siano collocati con le migliori famiglie adottive. Questi adottati soffrono quotidianamente e hanno poca tregua dalla loro profonda sofferenza emotiva e mentale e lo vedo specialmente da coloro che arrivano come adottati di età avanzata in famiglie che non capiscono che potrebbe esserci un trauma pre-adozione. In una parte del film è stato crudo e doloroso sentire Saroo accusare il fratello adottivo di aver causato così tanto dolore alla madre adottiva. L'angoscia che questo causò sul volto del fratello adottivo di Saroo - la sua espressione era come per dire: "Se potessi fare di meglio lo farei... e come osi giudicarmi!" Ciò ha sollevato nella mia mente l'assunto irrealistico che noi adottati riteniamo sia nostro ruolo dare ai nostri genitori adottivi solo felicità e gioia.

Ho anche provato empatia con il fratello adottivo di Saroo perché il duro giudizio di Saroo deriva da un'altra ipotesi indiscussa che noi adottati non dovremmo avere nulla da soffrire poiché la nostra adozione ci ha già salvato da tutto il destino e l'oscurità del nostro passato e ha creato in noi una "nuova vita". Come ritrae il fratello adottivo di Saroo, a volte quella nuova vita sfugge agli adottati ed è la triste realtà che molti soffrono per il resto della loro vita e non riescono mai a catturare quel sogno sfuggente di essere "felici per sempre" nella nostra vita adottiva, come Saroo voleva essere capace.

Per quegli adottati come il fratello adottivo di Saroo che non possono sfuggire al nostro destino, il film ha fatto bene a catturare questa realtà. Sento spesso dagli adottati all'interno di una famiglia adottiva che un bambino adottato è diventato il più gradito alle persone e, all'apparenza, si comporta bene contro l'altro che lotta e trascina con sé il resto della famiglia adottiva. Non per colpa loro, ma solo perché le cose sono più difficili con più cose da affrontare e avere una personalità diversa e una fortuna personale per essere in grado di farcela meglio. Come il fratello adottivo di Saroo, questo è il loro migliore, ma spesso viene giudicato non abbastanza buono in cambio della gratitudine per essere stato adottato.

Per Saroo che sembrava essere l'adottato "perfetto", il film ha fatto bene a mostrare che anche l'adottato perfetto sta lottando silenziosamente dentro. Il suo rapporto con la sua ragazza ha sofferto e lei era quella più vicina a Saroo, il suo rapporto ha sofferto con i suoi genitori adottivi, la sua capacità di mantenere un lavoro, ecc. Tutto sembrava essere influenzato dal suo passato! È così vero da ritrarre che anche per l'adottato "perfetto" abbiamo ancora dentro di noi battaglie intense come quelle degli adottati "difficili". Credo che l'adottato apparentemente "perfetto" lo nasconda meglio e sia guidato dalla natura delle nostre domande implacabili e dai frammenti di vita e identità prima di essere adottato come il nostro "acting out" o adottato in difficoltà.

La dinamica tra i due fratelli adottivi era potente e potevo sentire il senso di un pio desiderio di tornare indietro al tempo che aveva Saroo prima dell'arrivo del fratello adottivo. L'indimenticabile scena a tavola in cui Saroo da adulto dice finalmente "non è mio fratello" è l'unico momento di verità nella loro famiglia in cui il non detto diventa finalmente detto. Penso che per molte famiglie adottive non si consideri abbastanza quanto un nuovo arrivo di fratello adottivo possa avere un impatto sul primo adottato/bambino e come possono arrivare a risentirsi del cambiamento delle dinamiche e degli equilibri della famiglia.

L'altro tema potente a cui potevo relazionarmi era come Saroo fosse così sensibile alla sua madre adottiva e sentendo che aveva bisogno di proteggerla dalle sue verità. Questa è una realtà che diventa visibile di volta in volta quando gli adottati internazionali condividono con me il loro desiderio di cercare o comprendere le proprie radici. Non vogliono turbare la mamma vulnerabile che chiaramente li ama e li desiderava così tanto. Il nostro desiderio da adottati di mostrare la nostra gratitudine e amore in cambio ci costa le nostre stesse verità e crea la necessità di nasconderlo. Così anche Saroo finisce isolato e attraversa il suo viaggio molto solo e senza sostegno. Ha così paura che lei, sapendo della sua ricerca, possa ferire profondamente e se non letteralmente "uccidere" la sua madre adottiva, cosa che lui ritiene che il fratello adottivo stia già facendo.

Questo è un problema che molti di noi adottati all'estero hanno, giustificato o meno, nel sentire che abbiamo bisogno di proteggere i nostri genitori adottivi. C'è stata anche una battuta commovente nel film dopo che la madre adottiva di Saroo ha condiviso la sua visione che ha portato ad adottarlo, dicendo che l'ha fatta "sentire bene per la prima volta nella sua vita". Quell'affermazione diceva quello che molti di noi adottati sentono ma non verbalizziamo mai - che siamo lì per far sentire bene i nostri genitori adottivi con se stessi e abbiamo paura di dare loro qualsiasi informazione e verità su noi stessi o sulla nostra vita prima di loro, che metterà a repentaglio la nostra relazione con loro. Viviamo nella paura che si pentano di noi perché non abbiamo realizzato il loro sogno o la loro visione.

Com'è triste che Saroo abbia passato così tanto tempo a dover proteggere sua madre adottiva (e padre adottivo) dai suoi veri sentimenti di tristezza che i suoi ricordi gli hanno causato - la profondità del suo desiderio di rassicurare la sua stessa famiglia biologica che era vivo per quindi smettere di preoccuparsi e ricerca. Ciò che è ancora più triste è che non c'era la verità e l'apertura tra Saroo e i suoi genitori adottivi per consentire a entrambi di connettersi e sostenersi a vicenda perché in realtà le loro realtà non erano in opposizione ma avrebbero potuto essere simbiotiche.

Questa dinamica è di nuovo qualcosa che sento dagli adottati che condividono con me e che vivo anch'io. Abbiamo paura di far conoscere davvero alle nostre famiglie adottive le vere profondità della nostra tristezza e perdita per le nostre famiglie originali perché sentiamo che saranno deluse o si sentiranno "meno che" genitori per noi. La dinamica della famiglia adottiva di Saroo non è rara nelle famiglie adottive, ma oserei dire che è raro vedere qualsiasi altra dinamica nella maggior parte delle famiglie adottive. Più volte gli adottati condividono che non cercheranno fino alla morte del loro genitore adottivo, o non vogliono condividere il loro desiderio di cercare perché "ferirà" il genitore adottivo, o non hanno bisogno di cercare perché il loro adottivo i genitori sono “famiglia” e non hanno bisogno di altri.

Ho notato che molte volte Saroo ha cercato di rassicurare la sua madre adottiva, specialmente quando stava andando in India e di nuovo quando aveva trovato la sua madre biologica, che sarebbe stata sempre la sua famiglia e che l'amava. Questo è un tale peso da portare per gli adottati: sentire costantemente che dobbiamo rassicurare i nostri genitori adottivi del nostro amore e gratitudine. Raramente si sente parlare di bambini biologici che soffrono lo stesso peso! Non sarebbe bello non doversi preoccupare delle nostre famiglie adottive con un barometro così ipersensibile!

Sono stato contento di vedere che Saroo ha fatto il viaggio in India da solo. Noi adottati a volte abbiamo bisogno di farlo per non complicare il nostro viaggio con la preoccupazione per i sentimenti e le emozioni complesse della nostra famiglia adottiva. La nostra ricerca e riunione per alcuni deve essere un momento nel tempo in cui si tratta solo di noi, dell'adottato e della nostra famiglia di origine - come era prima dell'adozione - così possiamo sperimentare il nostro dolore, l'euforia per essere riuniti, la tristezza e tutto il resto , senza l'ulteriore onere di sentirci responsabili delle emozioni della nostra famiglia adottiva.

Ho adorato il finale che spiegava perché il film si chiamava LION e rifletteva così bene, ciò che sperimentano gli adottati: quello di non conoscere la pronuncia corretta del nostro nome originale perché la nostra esperienza adottiva è così coinvolgente e completa che perdiamo completamente ogni capacità di parlare o capire la nostra lingua di nascita, specialmente se adottata in età avanzata.

Il film ha fatto bene a ritrarre lo stato delle cose in India, dove i bambini vulnerabili come lo era Saroo, hanno pochissimo aiuto offerto. Sembrava che ci fossero pochi rifugi sicuri, assistenti sociali o servizi per sfamare i poveri e gli affamati. Sono personalmente lieto di vedere che il film viene utilizzato come una strada per creare assistenza ai bambini di strada indiani in futuro e fornire opzioni migliori di quelle sperimentate da Saroo.

Non vedo l'ora di saperne di più sul viaggio di Saroo perché sospetto che questo potrebbe essere solo l'inizio di lui che condivide la sua voce. Ha condiviso il suo viaggio con il mondo INTERO e non è un'impresa da poco essere così aperto dopo aver mantenuto la sua ricerca e i suoi sentimenti così segreti per così tanto tempo! Spero che supererà il suo senso di responsabilità troppo sviluppato nei confronti della madre adottiva e prenderà un posto utile nel dialogo mondiale sull'adozione internazionale su ciò che accade realmente per i bambini vulnerabili e le loro famiglie e su ciò che deve essere fatto per proteggerli meglio.

In contrasto con la sua madre adottiva che usa il film per promuovere ulteriori adozioni internazionali, spero che Saroo contribuirà a creare un forum in cui il mondo possa approfondire le questioni etiche legate ai diritti dei bambini vulnerabili e delle loro famiglie e un posto giusto per l'adozione internazionale dopo che TUTTI i tentativi di riunire la famiglia si sono verificati. Nel film c'era una frase che Saroo diceva sulla sua lotta per essere adottato in un "luogo di così tanti privilegi" e cercando di dare un senso a questo in contrasto con la sua spinta interiore a "trovare casa" e famiglia e nessuno che lo aiutasse quando era un bambino smarrito. Mi ha fatto sperare che Saroo utilizzerà la sua opportunità di fama mondiale come adottato all'estero per guidare il pensiero critico su ciò che abbiamo nei paesi occidentali e il nostro senso di responsabilità nell'usare le nostre risorse per consentire un mondo migliore, invece di guadagnare dalle vulnerabilità di altri paesi .

Italiano
%%piè di pagina%%