Gli adottati hanno bisogno di servizi di salute mentale

di Christina Soo Ja Massey, ovvero YooNett adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Mi sono rasato i capelli per due motivi:
Il prossimo festival scozzese della salute mentale e delle arti nel maggio 2021.
Il mio attuale stato di salute mentale in declino.

Le lacrime del trauma Ho pianto da orfano indifeso in passato, piango da adulto per tutta la mia vita.

Sono un adottante coreano d'oltremare.
L'adozione non è mai stata felice dopo che alcuni potrebbero provare a far credere.

Un senzatetto adottivo coreano all'estero, che racconta di una famiglia adottiva che non discute nulla a che fare con la sua adozione e precedenti precedenti. Perdere un altro adottante coreano d'oltremare attraverso il suicidio. Molti adottati coreani d'oltremare a cui è stato mentito sul loro passato, presente e futuro. Molti soffrono ulteriore negligenza o più abuso di tutte le forme per mano dei loro adottanti.
Considera solo che abbiamo già sperimentato traumi perdendo i genitori naturali in primo luogo.

Negli anni '70 e '80 la Corea è stata accusata di traffico di bambini a causa del numero crescente di bambini coreani inviati all'estero per l'adozione.

L'immagine che i miei adottanti hanno ricevuto dalla Corea era di un bambino con i capelli rasati. Ho sofferto di un'eruzione cutanea sulla testa causata dall'eczema atopico. L'eczema atopico permane per tutta la vita raccontando la storia di ogni aspetto dello stress vissuto dal corpo.
Così fa lo stress post traumatico.

Potresti pensare ad altre persone famose o meno che si sono rasate la testa in uno stato di disagio mentale. Sinead O'Connor, Britney Spears, Amy Winehouse... qualunque sia il loro motivo.

La rasatura della testa è riconosciuta come un sintomo che può manifestarsi in relazione alla malattia mentale, ma non a una specifica forma di malattia mentale. I sofferenti hanno spesso continuato a sperimentare un crollo mentale subito dopo, forse in uno stato di Mania... Un tentativo di riprendere il controllo o un segno di perdita di controllo.

Ci sono numerosi contributi sui social media online di persone che si radono i capelli durante il blocco di questa pandemia di Covid-19.

Abbiamo urgente bisogno di affrontare le carenze nei servizi di salute mentale. Abbiamo bisogno di un ambiente sicuro e dotato di risorse in cui i professionisti della salute mentale possano continuare a lavorare. Migliore accesso a tecnologie avanzate e social media. Più diversità. Terapie più olistiche e personalizzate. Solo per elencarne alcuni.

Finché i problemi di salute mentale continueranno a essere inascoltati e invisibili, c'è poca speranza per ulteriori risorse.

Partecipa e sensibilizza. Grazie.

#salute mentale
#la salute mentale è importante
# malattia mentale
# consapevolezza della malattia mentale
# sopravvissuto
#seeme
#orte
1TP3Crostataesalutementale
1TP3Crostateefestival della salute mentale
#coreano
#asiano
#tedesco
#asianlivesmatter
#internazionale
#adoptee
1TP3Adozione all'estero
#suicidio
#atopiceczema
#orphan
#ptsd
#bpd
#gravedepressione
1TP3 Ideazione suicidaria
1TP3Disturbo di personalità instabile emotivo
#ambivalente attacco
#trustissues
#relazioni difficili
#violenza domestica
#abuso sessuale
#tratta di esseri umani

Non è un'attrazione turistica

Riesci a immaginare se uno sconosciuto entrasse in casa tua e iniziasse a fare selfie con tuo figlio, gli facesse regali, lo abbracciasse e lo baciasse, poi se ne andasse? Il giorno dopo un nuovo sconosciuto è entrato in casa tua e ha fatto esattamente la stessa cosa.

Questa è una realtà per la maggior parte dei bambini che vivono negli orfanotrofi di tutto il mondo. Non ci pensiamo due volte quando vediamo persone postare questo tipo di immagini, infatti spesso ci lodiamo a vicenda quando partecipiamo a tali attività. Da quando riesco a ricordare, visitare gli orfanotrofi, posare con gli “orfani”, amare e fare loro regali è stata vista come una cosa buona e accettabile, ma credo che sia ora di rivalutare! In effetti, è passato molto tempo da quando avremmo dovuto realizzare quanto a volte possiamo essere negligenti con la sicurezza e il benessere di questi bambini.

Com'è che quando sono i nostri figli vediamo le cose in modo così diverso? Quando si tratta di nostro figlio, nessuno ha bisogno di dirci gli effetti negativi che tali situazioni potrebbero provocare, ma quando non si tratta di nostro figlio, ma di un bambino in un orfanotrofio, lo priviamo così facilmente della sua individualità e del suo valore. Gli istinti genitoriali che tengono i nostri figli fuori dai guai dovrebbero essere estesi a tutti i bambini, non solo a quelli all'interno della nostra stessa casa. Dobbiamo lavorare per proteggere TUTTI i bambini allo stesso modo. 

Anche se c'è sicuramente molto da capire sul motivo per cui esiste questa discrepanza di valore, non è di questo che tratta questo post.

Quello che vorrei discutere è il motivo per cui il volontariato negli orfanotrofi può essere problematico e talvolta causare danni. 

  1. La maggior parte dei bambini negli orfanotrofi non sono orfani. In passato, donare e fare volontariato all'interno degli orfanotrofi è stato visto come una cosa buona e nobile, ma con la consapevolezza che 4 bambini su 5 che vivono all'interno di tali istituti non sono orfani, è nostra responsabilità assicurarci di non contribuire al problema. L'atto di visitare e fare volontariato negli orfanotrofi è diventato sempre più popolare nel corso degli anni e, di conseguenza, c'è stato un aumento diretto del numero di orfanotrofi in tutto il mondo. Il desiderio di donazioni può incitare gli orfanotrofi ad andare alla ricerca di bambini per riempire i loro muri, predando le famiglie vulnerabili che sono alla disperata ricerca di aiuto. Di conseguenza, i bambini vengono rimossi dalle famiglie in cui avrebbero potuto essere investiti per restare insieme (il che è veramente nell'interesse del bambino). Per questo motivo, i bambini vengono spesso tenuti all'interno di queste istituzioni per sostenere donazioni continue da parte di volontari e organizzazioni religiose che hanno sviluppato un rapporto personale con quel particolare orfanotrofio. 
  2. Non esiste un buon orfanotrofio. Anche se non sto dicendo che non ci siano orfanotrofi gestiti da brave persone che fanno del loro meglio per fornire un ambiente sicuro e nutriente, l'istituzionalizzazione dei bambini non è mai stata considerata "buona" per loro. I bambini non prosperano nelle cure istituzionali, anche nelle migliori condizioni. Il tasso di abusi fisici, emotivi e sessuali all'interno degli orfanotrofi è alto. Se sappiamo che i nostri contributi agli orfanotrofi possono potenzialmente promuovere la creazione di orfani e sappiamo anche quanto sia dannosa l'assistenza istituzionale per un bambino, allora perché mai dovremmo considerare di contribuire a un sistema che istituzionalizza inutilmente i bambini 4 volte su 5? Proprio come è per i nostri figli, è meglio che tutti i bambini stiano con le loro famiglie biologiche, ove possibile. Sarebbe meglio sostenere programmi che si concentrano sul tenere insieme le famiglie o reintegrare i bambini nelle loro famiglie invece di investire quei soldi in sistemi che stanno separando le famiglie.
  3. Solo volontari e professionisti adeguatamente controllati e formati dovrebbero lavorare con i bambini in istituto. Consentire a gruppi di volontari non adeguatamente selezionati e formati di avere accesso ai bambini vulnerabili negli orfanotrofi promuove un ambiente non sicuro per i bambini. 
  4. Quando i volontari visitano gli orfanotrofi, anche per un breve periodo di tempo, creano un legame che verrà spezzato una volta che il volontario tornerà a casa. I bambini che si trovano nella sfortunata posizione di essere collocati in un orfanotrofio sono stati esposti a traumi. In primo luogo, c'è il trauma che ha determinato la necessità di assistenza. Potrebbe trattarsi di qualsiasi cosa, da abuso, abbandono, morte in famiglia, povertà, salute mentale di un genitore, perdita del lavoro, corruzione o una moltitudine di altre ragioni. In secondo luogo, c'è il trauma profondo dell'essere separati da tutto e da tutti quelli con cui hanno familiarità. Perdere quel legame e la connessione quotidiana con i membri della propria famiglia è estremamente traumatizzante. Il più delle volte, gli orfanotrofi diventano una porta girevole di persone che entrano, si uniscono ai bambini e poi se ne vanno, esponendo così i bambini al trauma dell'abbandono più e più volte. 
  5. Visitare, fare volontariato e donare agli orfanotrofi crea un mercato di domanda e offerta che può portare al traffico di bambini. In molti paesi in via di sviluppo, dove l'infrastruttura del governo è debole, spesso manca un'adeguata supervisione all'interno degli orfanotrofi. Pertanto, è quasi impossibile garantire che la maggior parte di questi orfanotrofi sia gestita legalmente ed eticamente. In molti paesi in cui la crescita degli orfanotrofi è aumentata negli ultimi anni, è diventato un problema enorme da affrontare. Con oltre 500 orfanotrofi senza licenza solo in Uganda, è quasi impossibile donare o fare volontariato all'interno di queste istituzioni, garantendo al tempo stesso che le cose siano gestite in modo etico e che i bambini non vengano sfruttati per ricevere entrate dalle donazioni.

Anche se non sto dicendo che non c'è assolutamente modo di fare volontariato in modo sicuro ed etico in un orfanotrofio, penso che sia importante umiliarsi e assicurarsi che nel nostro tentativo di "fare del bene" non abbiamo in qualche modo partecipato a un sistema che potrebbe sfruttare i bambini. Può essere facile convincersi che se le nostre intenzioni sono buone i risultati delle nostre azioni sono irrilevanti. Le buone intenzioni sono inutili se causano danni. Per molti anni ho inconsapevolmente sottovalutato la vita dei bambini in istituto, tutto in nome della buona volontà. Sono imbarazzato per la mia mancanza di miglior giudizio e ignoranza. Ma riconoscere e ammettere dove ho sbagliato fa parte del cambiamento che voglio vedere in questo mondo.

Possiamo tutti fare meglio ed essere migliori per questi bambini e le loro famiglie.

Di Jessica Davis

fissando la tua pietra, mirando fijamente a su piedra

sette anni in ritardo
ma sono venuto lo stesso
per fissare la tua pietra
sotto i miei piedi
era tutto
sapevo fare

ho abbellito i tuoi fiori morti
ho visto il mio riflesso
sulla tua lavagna lucida
l'ombra di un nome
freddo
scrollato
non l'ho mai saputo

questo sconosciuto prima di me
il cui sangue?
mi riempie i piedi
senza parole
senza volto
più coerente nella morte
che mai nella vita


Sì, sono qui
per maledirti
e grazie
per il vuoto
e per questa vita 

fissando la tua pietra, mirando fijamente a su piedra
mi boreal interior collection
(c) j.alonso 2019
madrid, spagna

Poesie di j.alonso non può essere riprodotto, copiato o distribuito senza il consenso scritto dell'autore.

Uscire dalla nebbia degli adottati

Di Mark Hagland, adottato internazionale sudcoreano cresciuto negli Stati Uniti.

Uno degli argomenti di cui noi adulti adottati transrazziali e internazionali parliamo molto – MOLTO – è la “nebbia dell'adottato” e il nostro venirne fuori.

Devo dirti che mi ci sono voluti diversi decenni per tirarmi fuori dalla nebbia degli adottati transrazziali. Sono cresciuto in un candore quasi totale e ho interiorizzato intensamente il razzismo verso me stesso, finendo con un enorme complesso sul mio aspetto fisico che sto ancora lavorando attivamente per guarire, anche ora, a 59 anni.

Ecco il punto: crescere in un bianco quasi totale nel Midwest degli Stati Uniti negli anni '60 e '70, anche con genitori meravigliosi e meravigliosamente amorevoli, è stato incredibilmente devastante per me. Ha completamente disabilitato la mia capacità di navigare nella società razzista in cui tutti viviamo e, come ho detto, ho totalmente interiorizzato il razzismo verso me stesso. Quello che la società mi diceva ogni singolo giorno era che non essere bianco era un crimine atroce, ma allo stesso tempo ero abbastanza deluso da sapere che non sarei mai potuto DIVENTARE bianco, semplicemente non potevo. Quindi, in pratica, mi sentivo una specie di alieno e criminale.

Istintivamente sapevo che dovevo allontanarmi da dove sono cresciuto (di nuovo, anche con genitori molto amorevoli e meravigliosi lì), e dovevo trovare la mia strada per la grande città e in qualche modo trovare un'identità con cui potevo vivere. Ma, essendo cresciuto in un bianco quasi totale e avendo interiorizzato sia un'identità interna bianca che il razzismo in me stesso, è finito per essere un percorso incredibilmente lungo e complesso. Non avendo avuto accesso alla cultura del paese di nascita oa un numero significativo di persone di colore, all'inizio mi agitavo.

Sono stato incredibilmente, incredibilmente fortunato sotto un aspetto: quando sono arrivato a Chicago per la scuola di specializzazione in giornalismo, sono stato ammesso in una scuola gestita da presidi, un numero significativo dei quali erano giornalisti neri, e che erano impegnati nella diversità e nel l'empowerment dei giovani giornalisti di colore. Quindi, per la prima volta, mi sono effettivamente trovato in un ambiente in cui non ero solo una delle poche o poche persone di colore, e ho cominciato a "capire".

E, nel tempo, ho trovato amici di colore che mi avrebbero accettato. Sono stato fortunato anche da questo punto di vista, essendo un giovane gay, perché è più facile nella sottocultura maschile gay incontrare persone di colore e socializzare tra le razze.

Attraverso i miei 20 e 30 anni, ho iniziato a creare per me stesso un ambiente sociale che funzionasse per me, e poi quando avevo 40 anni, sono stato portato nella comunità degli adottati transrazziali, e la mia testa è esplosa e il mio sviluppo ha accelerato drammaticamente. Sono stato in grado di iniziare ad abbracciare veramente un'identità come persona di colore attraverso l'interazione con altri adulti adottati transrazziali, i quali avevano anche lottato come me, per trovare la nostra identità, dato che eravamo tutti cresciuti in un significativo bianco e avevamo dovuto capire le cose completamente da soli.

Nel corso del tempo, sono stato in grado di costruire il mio ambiente sociale e di imparare a interagire con successo con le altre persone di colore. Ci sono voluti decenni, ma ci sono riuscito. E ora, finalmente, a cinquant'anni, ho un senso di identità orgoglioso e relativamente integrato come persona di colore nel mondo.

E sono assolutamente impegnato nella missione, e questo significa sostenere i miei compagni adulti adottati transrazziali nei loro viaggi, ed educare i genitori adottivi bianchi, in modo che possano imparare e possano aiutare i loro figli di colore ad andare avanti con successo nei loro viaggi.

E in quel contesto, esorto e imploro costantemente i genitori adottivi bianchi a trasferirsi nella diversità per il bene dei loro figli. Non voglio che i più piccoli adottati transrazziali e internazionali sperimentino ciò che ho vissuto io. Non voglio che passino letteralmente 40 anni prima che inizino a sentirsi a proprio agio nella loro identità di persone di colore.

Soprattutto, voglio che tutti capiscano che allevare un bambino di colore in un candore totale o quasi totale è profondamente devastante per quel bambino. Significa che quel bambino crescerà all'interno di un'intensa nebbia transrazziale adottata e passerà inevitabilmente anni a lottare per iniziare a costruire un'identità di successo come persona di colore. E questo è tragico.

Quindi sono assolutamente impegnato in questa missione. E sono felice di essere completamente fuori dalla nebbia degli adottati transrazziali. Mi ci sono voluti solo diversi decenni per realizzarlo-WOO-HOO! LOL. Ma seriamente, nessun adottato transrazziale e internazionale dovrebbe dover lottare così a lungo. E onestamente, conosco un numero significativo di adulti adottati transrazziali e internazionali che sono ancora completamente nella nebbia, e non lo sanno nemmeno.

Per favore, non lasciare che questo sia tuo figlio. Per favore.

Adozioni sudcoreane: un'analisi economica

La madre delle bugie

Diversi confronti hanno esaminato il clima sociale e i fattori economici per comprendere le motivazioni per cui il governo sudcoreano continua a esportare i suoi bambini attraverso l'adozione internazionale. Alcuni sostengono che sia dovuto alle condizioni di povertà dopo la guerra di Corea, ma trovo che questo sia fuorviante. L'America ha una lunga tradizione di lanciare un grido di battaglia dopo un grande disastro come il crollo di un'economia, la carestia o la guerra. L'adozione internazionale moderna è iniziata dalla Corea del Sud ed è rimasta popolare nel tempo. Altre nazioni sono diventate popolari paesi di invio negli ultimi anni, ad esempio la Cina. Tuttavia, la Corea del Sud regna ancora come quella con il maggior numero di bambini mandati via in un paese straniero tramite adozione internazionale.

Guerra di Corea il grido di battaglia ma non un contributore importante

Il grafico sopra mostra il numero di adozioni avvenute per anno. Il grido di battaglia per le adozioni sudcoreane potrebbe essere iniziato all'indomani della guerra di Corea e per 17 anni i bambini sono entrati in America. Il divario tra la guerra di Corea e l'inizio della prima ondata di adozioni coreane avvenuta negli anni '70 era quasi di un'intera generazione dopo la guerra di Corea. Pertanto, deve esserci un altro driver che ha motivato la Corea del Sud a esportare i suoi figli.

Se la tutela dei bambini dopo la guerra è stata un fattore importante per aiutare i bambini sudcoreani, allora ci si aspetterebbe di vedere aumentare il numero delle adozioni dopo la guerra. Tuttavia, l'aumento delle adozioni non si verificò fino a sedici o diciotto anni dopo la fine della guerra. Un argomento spesso usato ha a che fare con l'economia povera. Tuttavia, i due periodi di punta con il maggior numero di bambini venduti tramite l'adozione internazionale si sono verificati durante il più grande boom economico per la Corea. Pertanto, devono esistere altre ragioni che hanno motivato la Corea del Sud a vendere il suo bene più prezioso, i suoi figli.  

Questo saggio indagherà in profondità la motivazione sottostante al motivo per cui la Corea del Sud ha inviato così tanti bambini tramite l'adozione internazionale. Prenderò spunto sia dal mio background finanziario professionale sia come persona che ha vissuto questa esperienza di esportazione.

Tendenza o preferenza dell'adozione americana?

La maggior parte dei bambini adottati in America proveniva dall'Asia, dalla Russia e dai paesi dell'ex controllo sovietico. La selezione preferenziale basata sulla razza è stata citata più volte come la ragione principale di questa disparità tra la comunità caucasica che adotta la maggior parte dei bambini in America. L'articolo Scoraggiare le preferenze razziali nell'adozione di Solangel Maldonado ha riassunto bene questo contesto:

“Tracciando la storia dell'adozione transrazziale negli Stati Uniti, questo articolo sostiene che uno dei motivi per cui gli americani vanno all'estero per adottare è la razza. La gerarchia razziale nel mercato delle adozioni pone i bambini bianchi in cima, i bambini afroamericani in fondo e i bambini di altre razze nel mezzo, rendendo così i bambini asiatici o latinoamericani più desiderabili per i genitori adottivi rispetto ai bambini afroamericani”.

Se gli americani erano davvero preoccupati per i bambini coinvolti nei conflitti, allora ci sono enormi lacune nelle tendenze delle adozioni. Si potrebbe presumere che i bambini dei massacri del Ruanda, del Darfur e di altre guerre e disastri si riflettano nelle statistiche sulle adozioni, ma l'America preferisce adottare bambini provenienti da paesi dalla pelle chiara. L'Etiopia si trova nell'Africa settentrionale e l'Etiopia ha alcune delle tonalità più chiare del colore della pelle in Africa. La cultura è stata influenzata da influenze giudaiche e mediorientali. La realtà è che gli americani hanno una preferenza, vogliono il maggior numero possibile di bambini dalla pelle chiara. 

Riferimento per Mappa del colore della pelle

Domanda e offerta di adozione internazionale

In passato, mi è stato chiesto di parlare del lato commerciale dell'adozione. Le seguenti informazioni provengono inizialmente da un'intervista che ho fatto con Kevin Vollmers per un'intervista su Terra di Gazillion Adoptees. Ho trovato un'ottima spiegazione sulla domanda e sull'offerta e su come è correlata al business, per includere l'industria dell'adozione.

“L'offerta e la domanda sono forse uno dei concetti più fondamentali dell'economia ed è la spina dorsale di un'economia di mercato. La domanda si riferisce a quanto (quantità) di un prodotto o servizio è desiderato dagli acquirenti. La quantità domandata è la quantità di un prodotto che le persone sono disposte ad acquistare a un certo prezzo; la relazione tra prezzo e quantità domandata è detta rapporto di domanda. L'offerta rappresenta quanto il mercato può offrire. La quantità offerta si riferisce alla quantità di un certo bene che un produttore è disposto a fornire quando riceve un certo prezzo. La correlazione tra il prezzo e la quantità di un bene o servizio fornito al mercato è nota come rapporto di fornitura. Il prezzo, quindi, è un riflesso della domanda e dell'offerta.”

È stato evidenziato un focus sui fattori che influenzano il lato dell'offerta dell'equazione delle adozioni dalla Corea del Sud e mostra come le variazioni dei prezzi e l'uso dei sussidi abbiano reso l'adozione un business molto redditizio.

Lato della domanda in America per l'adozione internazionale

Alcuni individui sono molto ignoranti riguardo alla grande richiesta di bambini in America. Per la maggior parte, i futuri genitori stanno cercando di adottare bambini per consentire loro di sperimentare la genitorialità. Sono rimasta sorpresa dal numero di coppie incapaci di concepire e sebbene la tecnologia stia avanzando per aiutare il concepimento, le barriere all'uso di queste tecnologie sono a costi elevati e il costo che impone al corpo della donna rispetto ai compromessi del non concepire.

Le ultime informazioni dal Centri di controllo delle malattie (CDC) stima quanto segue:

“Circa 6% delle donne sposate di età compresa tra 15 e 44 anni in America non sono in grado di rimanere incinta dopo un anno di tentativi (infertilità). Inoltre, circa 12% delle donne di età compresa tra 15 e 44 anni in America hanno difficoltà a rimanere incinta oa portare a termine una gravidanza, indipendentemente dallo stato civile (diminuita fecondità)”.

Indagine nazionale sulla crescita familiare ha affermato che 7.5% di tutti gli uomini con esperienza sessuale ha riferito di aver ricevuto aiuto per avere un figlio in qualche momento della loro vita. Ciò equivale a 3,3-4,7 milioni di uomini in America. Degli uomini che hanno cercato aiuto, al 18.1% è stato diagnosticato un problema di infertilità maschile. Questi dati indicano che potrebbero esserci fino a 6,7-10,8 coppie che avranno problemi nel concepire figli e sono probabilmente candidate all'adozione. Questo non vuol dire che le coppie sterili siano le uniche a voler adottare. Ci sono prove che anche le famiglie senza problemi di fertilità e le famiglie con figli biologici hanno il desiderio di adottare.

In un recente sondaggio condotto dal Consiglio nazionale per l'adozione e la loro testimonianza davanti al Congresso sulla riforma del reclutamento dei genitori affidatari e adottivi; il loro sondaggio ha concluso quanto segue:

  • 25% considera seriamente di diventare un genitore affidatario/o adottare;
  • 63% credono che i leader religiosi dovrebbero fare di più per incoraggiare le persone a diventare genitori adottivi o ad adottare;
  • 76% supporta l'assunzione di più operatori del caso, anche se costa milioni di dollari.

Oltre al desiderio di allevare una famiglia da coppie sterili, l'industria delle adozioni è stata pesantemente influenzata dal movimento evangelico in America che abbraccia quasi un decennio. Durante questo periodo, le famiglie numerose e consolidate senza problemi di infertilità hanno adottato in numero elevato. Il movimento per l'adozione evangelica ha anche combattuto per fare pressione al Congresso per mantenere il credito d'imposta per l'adozione e ha vinto nel 2017 per estendere il disegno di legge per sostenere le famiglie evangeliche in crescita.

È estremamente difficile determinare quanto sia grande la domanda di adozione, è vero che non tutte le coppie sterili guarderanno all'adozione come parte del loro paniere di scelte e inoltre, ci sono grandi gruppi segmentati come gli evangelici che sono molto favorevoli all'adozione e anche questo è difficile da determinare, ma il potenziale dal lato della domanda potrebbe facilmente essere di milioni a due cifre. 

Lato della domanda in Corea del Sud

La Corea del Sud ha poca o nessuna richiesta di adozione all'interno dei propri confini. Si stima che la Corea del Sud accolga circa 4% dei propri figli indesiderati. Nonostante la vendita di 200.000 bambini, negli ultimi sei decenni ha registrato un aumento di quasi dieci volte nei loro orfanotrofi statali. Si stima che più di 2 milioni di bambini siano stati allevati dallo stato in Corea del Sud. Per la maggior parte, i coreani aderiscono ai principi confuciani e si conformano a rimanere all'interno delle proprie linee di sangue. Pertanto, il lato della domanda in Corea è quasi inesistente. Per comprendere le differenze culturali, L'economista pubblicò un articolo intitolato "Perché le adozioni sono così rare in Corea del Sud e ha dichiarato:

“Le nozioni tradizionali confuciane della famiglia di stirpe continuano a prevalere, così come gli aspetti della primogenitura. Le donne che non possono avere figli affrontano un forte stigma sociale, così come gli orfani e gli adottati, le cui possibilità di trovare un lavoro e di sposarsi sono limitate. Molte adozioni in Corea del Sud sono nascoste alla famiglia e agli amici e, in molti casi, al bambino adottato. I genitori si assicurano che il gruppo sanguigno del bambino corrisponda al proprio; alcune madri fingono addirittura la gravidanza. Tutto ciò invia il messaggio che l'adozione è vergognosa, a sua volta scoraggiandone di più. La segretezza spiega anche perché 95% dei neonati adottati in Corea del Sud hanno meno di un mese: abbastanza piccoli da essere spacciati per figli biologici. La maggioranza dei bambini adottati sono femmine per evitare difficoltà di eredità e di riti familiari ancestrali, che normalmente vengono svolti dai figli di stirpe”.

Lato dell'offerta in America per l'adozione domestica

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani produce ogni anno un rapporto sul numero di bambini in affidamento o bisognosi di una casa. Adoptionnetwork.com fornisce una pletora di statistiche sull'adozione per dare un'idea di quanto sia grande l'offerta in America. Il sito ha fornito i seguenti esempi:

  • 428.000 bambini sono in affidamento negli Stati Uniti;
  • 135.000 bambini vengono adottati negli Stati Uniti ogni anno;
  • Nel 2015, oltre 670.000 bambini hanno trascorso del tempo nel sistema di affidamento;
  • 2% degli americani lo ha effettivamente adottato, più di 1/3 lo ha considerato;
  • Vengono adottati circa 7 milioni di americani;
  • Le spese statali e federali per i costi amministrativi dell'affido (affidamento e monitoraggio dei bambini in affidamento) sono stati pari a $4,3 miliardi 

In America le cifre mostrano che la stragrande maggioranza dei bambini non viene adottata e il sistema è fortemente sovvenzionato da fondi federali e statali che si è trasformato in un business multimiliardario. 

Lato dell'offerta in Corea del Sud per eventuali adozioni

Il numero esatto di bambini disponibili per l'adozione ogni anno in Corea del Sud è sconosciuto ed è stato gonfiato artificialmente a causa di leggi e incentivi che incoraggiano l'abbandono. La matematica non mente, si stima che 4.2% dei 51,5 milioni di coreani siano stati allevati in istituzioni statali o mandati in adozione. I veri problemi vengono sorvolati quando le emozioni vengono usate sui fatti. Il motivo principale per cui le madri sudcoreane regalano i propri figli è perché non ci sono programmi di assistenza sociale né diritti civili che supportano i genitori single in Corea del Sud. Un genitore single riceve in media 70.000 won (US$84) per figlio al mese rispetto agli 1,1 milioni di won che vengono spesi per ogni bambino in un orfanotrofio e questa disparità aiuta a spingere le madri disperate ad abbandonare i propri figli. 

Se il sostegno andasse alla madre invece che alle istituzioni, il lato dell'offerta in Corea si prosciugherebbe da un giorno all'altro.

Nonostante queste leggi perverse, il numero di bambini nei centri di assistenza che ospitano gli orfani è diminuito notevolmente. Nel 2015, il numero di bambini assistiti dallo Stato è sceso a 12.821 da 17.517 nel 2006, ovvero un calo di 26,8%. Molte organizzazioni cercano di indicare il fatto che la Corea del Sud ha spedito 200.000 bambini in altri paesi come indicatore di una grande offerta di bambini disponibili per l'adozione, ma qualcuno mostra la ricerca per questo? No, perché così facendo capiremmo che non c'è una grande offerta in Corea del Sud.

Joel LA Peterson è il pluripremiato autore nazionale del romanzo, I sogni di mia madre e ha dichiarato in un articolo dell'Huffington Post nel 2015:

"Invece, la mia ricerca suggerisce che molti - forse la maggior parte o tutti - i bambini coreani "abbandonati" erano desiderati e le loro madri hanno attraversato un processo orribile e agonizzante per raggiungere una decisione che dimostrasse che le loro madri si preoccupavano del loro benessere e facevano l'unica cosa che potrebbero dare qualche vantaggio al loro bambino conferendo almeno la cittadinanza coreana”.

Spiega inoltre perché non esiste una curva di offerta in Corea del Sud affermando:

“Recenti sondaggi condotti in Corea indicano che oltre il 90% delle madri single desidera tenere il proprio figlio se le circostanze e la società lo hanno consentito. Sembrerebbe che, in effetti, le madri coreane non siano diverse dalle madri di tutto il mondo. Solo leggi coreane e il peso delle norme sociali coreane”.

Pratiche senza scrupoli riducono i costi di input

I costi delle agenzie di adozione sono molto più bassi per operare nei paesi in via di sviluppo più poveri. I costi operativi potrebbero essere molto più bassi: qualche migliaio di dollari per coprire una fornitura annuale di spese per vitto, alloggio e spese accessorie. Durante l'apice delle vendite di bambini in Corea del Sud c'era una grande disparità nel PIL pro capite tra America e Corea del Sud. Con i minori costi operativi in Corea durante questo periodo di tempo, ciò ha permesso al governo sudcoreano di realizzare maggiori profitti. Il costo potrebbe essere notevolmente inferiore se le pratiche senza scrupoli che sono state spinte dal mercato a portare bambini per l'adozione straniera. Altri vantaggi per l'agenzia di adozione e gli adottanti includono la mancanza di risorse per le famiglie povere per cercare il loro bambino o presentare una petizione al sistema legale se i genitori cambiano idea. 

Gli incentivi per l'adozione fanno crescere i profitti

L'incentivo fiscale americano gioca un ruolo negativo nell'aumentare i costi di adozione. Diversi economisti correlano l'aumento delle tasse universitarie con l'aumento delle sovvenzioni e dei sussidi federali. Ciò significa che per ogni dollaro che uno studente ha ricevuto in borse di studio e denaro gratuito: l'università ha aumentato i costi delle tasse scolastiche e l'importo del debito lo stesso per lo studente. I fondi forniti dal governo non hanno compensato i costi per lo studente. Invece, ciò che ha fatto il sistema è stato aumentare il costo totale delle tasse scolastiche. Non importa quanto questo possa essere sottolineato da economisti e legislatori intelligenti: le persone chiederanno di ottenere più fondi per la loro istruzione attraverso sovvenzioni e sussidi governativi invece di chiedere modi per ridurre i costi delle tasse scolastiche.

Lo stesso problema vale per chi vuole adottare. Il finanziamento è disponibile tramite cancellazioni fiscali, prestiti e sovvenzioni ai futuri genitori, incentivandoli ad adottare.

Non ci sono prove chiare che i costi di input siano aumentati o che i genitori vengano abbinati a bambini migliori a causa di ricerche o processi più estesi. Le spese di adozione specifiche come le spese di adozione, le spese processuali, le spese legali e le spese di viaggio vengono utilizzate come credito d'imposta. Ricorda che un credito d'imposta è un dollaro per dollaro di riduzione dell'imposta federale e non una riduzione del reddito imponibile. Inoltre, il credito d'imposta per l'adozione consente un credito d'imposta di US$13.460 per il bambino adottato. Quindi, c'è da chiedersi, dove vanno a finire questi soldi? Le agenzie di adozione rispondono affermando che gli aumenti dei costi sono causati da normative più severe, tempi di detenzione più lunghi e aumenti dei costi di input (cibo, alloggio, abbigliamento, ecc.).

Una valutazione è stata fatta ai dati finanziari di Holt International per determinare dove i fondi venivano distribuiti in tutto il sistema.

Holt International, così come numerosi siti di sostegno all'adozione, hanno utilizzato la cifra di US$40.000 come costo medio che una futura famiglia spende per ogni adozione. Utilizzando questo per il 2010 sul numero di bambini elaborati per l'adozione in America, l'importo totale delle entrate guadagnate è stato di US$29.560.000. Sottrarre le tasse di adozione Holt International a carico di ciascuna famiglia, la passività totale non registrata è di US$18.756.000, ovvero 63% del finanziamento non è stato contabilizzato.  

UN Washington Post L'articolo afferma che il costo maggiore al di fuori dei costi di agenzia (che sono separati) sono le spese legali che vanno da US$6,000 a $8,000. Gran parte di ciò che Holt e altre agenzie di adozione pubblicano è vago e i registri finanziari cambiano di anno in anno, rendendo difficile determinare dove vengono spesi i fondi e impedendo la trasparenza. Nel 2010, come ha fatto Holt a guadagnare un ulteriore valore di US$14 milioni di entrate quando metà delle entrate proveniva dalle tasse di adozione?

Adotta per tutti i bambini è un'altra agenzia di adozione americana e elencano una ripartizione più ampia dei loro costi. Collaborano con il Società di assistenza sociale orientale per mettere i bambini dalla Corea del Sud in America.

Pistola fumante
Un'altra agenzia di adozioni chiamata Nuovi inizi che si occupa delle adozioni sudcoreane dà un'idea dei maggiori dettagli della loro Costi del programma sudcoreano:

Costo del programma coreano Coordinamento del programma $6,500 per la sponsorizzazione e lo sviluppo del programma; lavorare con ESWS per identificare un bambino e organizzare un'adozione; ricevere un rinvio di un bambino che include lo studio di base del bambino; garantire le informazioni legali del bambino da presentare all'USCIS per l'approvazione dell'immigrazione; deposito dei documenti in Corea per l'approvazione del tribunale e il permesso di emigrazione, stabilendo gli itinerari mentre la famiglia è all'estero per l'udienza di adozione, il collocamento del bambino e il visto di viaggio del bambino. ($2.500 dovuto all'approvazione dello studio a casa; $1.500 dovuto all'accettazione; e $2.500 dovuto alla presentazione del permesso di emigrazione).”
Commissione di agenzia estera e "donazione" $19,500 Per le spese per l'assistenza all'infanzia prima dell'adozione, identificare un bambino disponibile per l'adozione, garantire la necessaria cessazione dei diritti genitoriali, fornire lo studio di base sul bambino, organizzare la finalizzazione dell'adozione e l'immigrazione del bambino (dovuta all'accettazione). 
Costo totale del programma coreano $26.000

Il documento fornito da New Beginnings mostra che gran parte dei costi di adozione viene restituita al governo della Corea del Sud. Non mi piace il termine che usano queste agenzie. Lo chiamano donazioni e questo significa che i fondi non sono stati contabilizzati. Le agenzie sudcoreane devono essere trasparenti sui fondi ricevuti e su come vengono spesi i fondi. Indipendentemente da ciò, questa è la quantità di finanziamento che avrebbe potuto contribuire all'economia coreana: pagare gli stipendi per l'elaborazione dei documenti, il costo delle cure per i bambini e altre spese. Farò riferimento a questi numeri durante lo studio come la tassa e la donazione dell'agenzia straniera.

Esempio di caso Holt
È quasi impossibile ottenere valutazioni reali dai rendiconti finanziari online di Holt. La maggior parte degli anni, Holt pubblicherà un numero totale di bambini adottati in America dividendo il numero tra adozioni fatte dal paese d'origine e adozioni nazionali. A causa dei dati limitati devo fare alcune ipotesi. Presumo che la maggior parte dei costi sarà trasferita alle famiglie americane e che la maggior parte dei costi sarebbe per i bambini nati all'estero, cioè le adozioni nazionali dovrebbero essere più economiche da elaborare.  

Nel 2007, Holt ha elencato le adozioni nazionali e internazionali in America separatamente e se togliamo la cipolla, i costi complessivi per le adozioni internazionali aumenterebbero se tagliassimo fuori dall'equazione le adozioni nazionali. Ho utilizzato i dati del 2007 per calcolare il nuovo costo: 59 adozioni nazionali e 561 estere e questo implica che circa 10% di tutte le adozioni Holt, per un anno medio, sono domestiche.  

Il Federal Adoption Tax Credit è stato emanato nel 1997. Non ho dati sufficienti per determinare se la legge ha aumentato questi costi. Avrei bisogno di guardare i rendiconti finanziari che risalgono ai primi anni '90 per fare una valutazione accurata, ma ciò non significa nemmeno che questi dati siano totalmente inutili. Innanzitutto, la quota di adozione per bambino internazionale è vicina a quanto riportato da altre fonti. L'aumento dei ricavi operativi totali suggerisce che i costi vengono trasferiti ai potenziali genitori, il numero di adozioni non sta aumentando in modo drammatico e i fondi operativi annuali sono aumentati di anno in anno, nel complesso. Ciò potrebbe essere dovuto all'inflazione di 2-3%. 

Le relazioni annuali elencano anche le aree in cui le agenzie di adozione stanno lavorando attivamente. Possiamo vedere numerose tendenze. In primo luogo, vanno costantemente in aree economicamente depresse per ottenere questi bambini. Vediamo dove stanno concentrando la loro attenzione e possibili modelli di abuso. Ad esempio, negli ultimi anni alle agenzie di adozione è stato vietato fare affari in Russia e Guatemala a causa di abusi percepiti o reali all'interno del processo di adozione. Nel complesso, si può presumere che la politica stia funzionando bene nell'incoraggiare gli individui ad adottare. Tuttavia, altre fonti sottolineano che il programma sostiene le adozioni straniere e non aiuta il sistema di affidamento domestico.   

Una recente ricerca di Child Trends utilizza i dati del 1999-2005 del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti per determinare chi beneficia maggiormente del credito. Nella sua sintesi del rapporto, l'autore Rob Geen rivela che:

  • La stragrande maggioranza dei beneficiari del credito d'imposta per l'adozione ha completato adozioni private o straniere piuttosto che adozioni da affidamento.
  • Il credito d'imposta sostiene in modo sproporzionato le famiglie a reddito più elevato.
  • Il credito d'imposta sostiene principalmente l'adozione dei bambini più piccoli.
  •  Quasi tutte le adozioni straniere sono state supportate dal … credito d'imposta, ma solo una su quattro l'adozione in affidamento.

Dimensione stimata del settore delle adozioni

Il processo di adozione non è diverso da altri programmi in cui l'assistenza federale aumenta la ricchezza di coloro che li gestiscono. Insieme alla crescente domanda di adozioni internazionali, l'assistenza federale agisce per gonfiare i costi e consente a coloro che gestiscono i programmi di diventare più ricchi. 

Sono andato all'Ufficio degli affari consolari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per ottenere il numero medio di adozioni internazionali all'anno. Il sito ha un database che elenca il numero totale di adozioni come 271.833 dal 1999-2017. Ho preso l'anno medio di circa 15.101 adozioni all'anno e l'ho moltiplicato per il costo medio di adozione internazionale di Adoption.com di US$35.000 per determinare la dimensione del mercato americano. è US$529 milioni di dollari all'anno. Ciò non tiene conto di spese legali, spese mediche, costi di consulenza e costi di immigrazione. Inoltre non tiene conto di tutti gli altri paesi sviluppati che adottano all'estero. Diversi siti stimano che il numero di adozioni in Europa e in tutti gli altri paesi sviluppati sia uguale a quello dell'America. Perciò, l'intero settore delle adozioni internazionali vale almeno un miliardo di dollari USA all'anno.

Ulteriori letture
Articolo di Harvard Law: Adozione internazionale, riflessioni sulla questione dei diritti umani
Sito di infertilità dei CDC
La Nuova Repubblica: il problema del movimento di adozione cristiana
Christian News Now: gli evangelici respingono i tagli al credito d'imposta per l'adozione e vincono
Adoptionnetwork.com Statistiche sull'adozione
Washington Post: perché è così costoso adottare un bambino?
Huffington Post: I fatti sorprendenti dietro l'abbandono dei bambini in Corea
Today Online: la Corea del Sud ha stabilito adozioni internazionali inverse di politiche vecchie di decenni
AAC (Agenzia per le adozioni) Costi per l'adozione coreana
New Beginnings (Agenzia per l'adozione) Riepilogo delle commissioni in Corea
Dipartimento di Stato degli Stati Uniti: Statistiche sulle adozioni internazionali
Wikipedia: costi di adozione

Le attuali motivazioni per le adozioni non hanno senso

In realtà ci sono stati due periodi di punta in cui i bambini sono stati adottati fuori dalla Corea del Sud e si sono verificati durante gli anni '70 e '80. Non vi era alcuna correlazione tra i tassi di adozione rispetto al PIL pro capite. Se questo fosse vero, allora ci si aspetterebbe che più bambini vengano esportati durante la crisi del FMI nella seconda parte degli anni '90, tuttavia ciò non si è mai verificato. Si potrebbe obiettare che il fattore chiave potrebbe essere stato la dimensione della famiglia. Questo si potrebbe dire per i bambini nati negli anni '70. La dimensione media della famiglia conteneva 4,53 bambini per famiglia.

Il tasso di natalità della Corea del Sud si stabilizza vicino al tasso attuale che è inferiore a 2 bambini per famiglia intorno al 1982. Tuttavia, un gran numero di bambini veniva ancora adottato per quasi 8 anni dopo che il tasso di natalità era sceso al di sotto di 2 per nucleo familiare.  

Una spiegazione migliore per le adozioni ha a che fare con il fatto che la Corea del Sud è una società patriarcale. Se una donna sudcoreana perde il sostegno del suo partner, viene evitata e ridicolizzata dalla società. Non ha un sistema di supporto a cui rivolgersi e le viene data una sola opzione per dare a suo figlio una possibilità di lotta: l'adozione.

Wikipedia afferma:
“Le statistiche dimostrano il successo dei programmi educativi nazionali della Corea del Sud. Nel 1945 il tasso di alfabetizzazione degli adulti era stimato al 22%; nel 1970 l'alfabetizzazione degli adulti era dell'87,6 percento[41]e, alla fine degli anni '80, le fonti lo stimavano intorno al 93 per cento”.  

In un periodo relativamente breve, la Corea del Sud ha notevolmente migliorato il proprio sistema educativo, il che ha significato che un numero maggiore di donne è entrato all'università. L'età in cui le donne hanno partorito negli anni '70-'80 era quella delle madri di 20-24 anni ed è da qui che proveniva un gran numero di bambini in adozione. Il numero di bambini nati in questo segmento è diminuito drasticamente dopo gli anni '80. Ciò era in gran parte dovuto a 2 fattori: in primo luogo, la uso della tecnologia ad ultrasuoni determinare il sesso del bambino ed eseguire aborti mirati su feti di sesso femminile; e in secondo luogo il aumento dell'uso di contraccettivi e aborto dalle donne in Corea del Sud.

Questo spiega anche l'alta percentuale di ragazze sudcoreane date in adozione durante questo periodo. Molto probabilmente, le donne più povere che non potevano permettersi di abortire o usare contraccettivi sono state costrette a rinunciare al loro bambino a causa delle pressioni sociali. 

“Gli squilibri nel rapporto tra i sessi alla nascita nel sud-est e nell'est asiatico sono aumentati soprattutto dopo la metà degli anni '80. Studiamo come la tecnologia ad ultrasuoni ha influenzato i rapporti tra i sessi alla nascita in Corea del Sud, un paese con una forte preferenza per i figli. Tra il 1985 e il 1995 gli screening fetali ei servizi per l'aborto erano ampiamente disponibili, sebbene non disponibili negli anni precedenti e vietati negli anni successivi”. (Fonte: Articolo NIH)

Come mezzo diretto per evitare nascite indesiderate, in particolare dopo il fallimento contraccettivo, l'aborto indotto è gradualmente aumentato in Corea del Sud, specialmente tra le donne urbane (Choe e Park, 2005Stefano, 2012). Nel 1970, l'aborto era diventato una pratica comune con più di 40% di donne che riferivano di aver avuto un aborto indotto per interrompere gravidanze indesiderate e questo tasso è salito a oltre 50% negli anni '80 (Chun e Das Gupta, 2009). Gli aborti erano facili da ottenere nelle cliniche di tutto il paese e le operazioni erano sicure, economiche e completate senza resistenza sociale nonostante l'illegalità della procedura (Tedesco, 1999).

Adozione utilizzata per evitare costi

Quale potrebbe essere un altro driver per la Corea del Sud per vendere i propri figli? Credo che dobbiamo davvero guardare agli incentivi economici. Il primo incentivo economico è l'elusione dei costi. La Corea del Sud ha perso i costi per crescere i bambini negli istituti dall'età in cui entrano nel sistema fino all'età adulta. Bisogna ricordare che la crescita economica in Corea del Sud è stata estremamente elevata e la crescita media tra il 1970 e il 1990 è stata di 18,7% ogni anno. Immaginate l'importo che il governo dovrebbe sostenere mentre i costi di salari, cibo e alloggio continuano ad aumentare di tale importo ogni anno? 

Ho misurato la crescita considerando il PIL pro capite come indicatore. Ho calcolato che il costo per ospitare, nutrire ed educare un bambino in un istituto sarebbe costato più di una famiglia, dato che i bambini hanno bisogno di cure 24 ore su 24. Ho usato il costo di 40% del PIL pro capite di un dato anno come costo per crescere il bambino per quell'anno. I costi potrebbero effettivamente aumentare se si tiene conto del maggior costo del lavoro per prendersi cura di neonati e bambini con bisogni speciali. Ho anche stimato che il bambino medio ha trascorso 16 anni all'interno dell'istituto. È stato ipotizzato che l'età media del bambino inviato alle istituzioni coreane fosse di 2 anni.

Il costo totale per il governo sudcoreano in termini di riduzione dei costi per soli 20 dei 62 anni in cui la Corea ha esportato bambini (1970-1990) è stimato intorno a US$6,4 miliardi!

Questa è la prova che la Corea del Sud aveva un motivo economico per svendere i suoi figli e supporta questa teoria dell'elusione dei costi. La Corea del Sud spende molto meno denaro in programmi di assistenza sociale rispetto ad altri paesi dell'OCSE, il che significa che ha più fondi per altri programmi come la ricerca e lo sviluppo e l'esercito. 

Nel suo libro del 2010, Kim Rasmussen ha detto: il causa ultima del numero di adozioni fuori dalla Corea del Sud nel 2010 è stato La mancanza di spesa della Corea del Sud per il suo sistema di assistenza sociale. Rasmussen ha anche condiviso che gli altri paesi OCSE-30 hanno speso in media 20,61 TP1T del loro PIL in prestazioni di assistenza sociale, mentre la Corea del Sud ha speso solo 6,9% del suo PIL in prestazioni di assistenza sociale. Rasmussen ritiene che la promozione delle adozioni domestiche da parte della Corea del Sud non affronti il cuore del problema e che la Corea del Sud dovrebbe aumentare la spesa per le prestazioni sociali.[50]

Adozione come generatore di entrate

Nei grafici seguenti, stimo il costo medio per la tassa e la donazione dell'agenzia straniera come stato stazionario (US$19.500 per bambino) volte il numero di adozioni all'anno in Corea del Sud. Confronto le entrate in termini di PIL pro capite e ho determinato che nel 2015, quando è stato scritto l'articolo, il costo è di circa 35% del PIL pro capite in America. Ho quindi preso quella percentuale e l'ho calcolata in base al PIL pro capite americano dichiarato per ogni anno corrispondente. Ho preso le informazioni e le ho confrontate con il costo e il numero di barili di petrolio utilizzati in Corea per determinare quanto l'adozione avrebbe potuto avere un impatto sull'economia sudcoreana (se presente). La tassa e il PIL della Corea del Sud sono stati confrontati per determinare la forza dell'economia e se ha avuto qualche effetto sul numero di adozioni. Non sembra esserci alcuna correlazione.

Il prezzo adeguato ai dollari odierni del programma di adozione totale dal 1970 al 1990 ha fruttato alla Corea del Sud un fatturato di US$3,1 miliardi, con una media di US$157 milioni all'anno.

Per comprenderne l'entità e l'impatto, l'equivalente di un programma in America che è più di 6 volte la dimensione della Corea del Sud, il reddito guadagnato svendendo i suoi figli sarebbe l'equivalente del costo della lotta all'AIDS in Africa. In quel programma l'America ha speso circa US$1 miliardi all'anno. Oppure potresti equiparare l'importo al cittadino americano Programma pranzo dopo scuola per l'intero paese che ha sfamato i bambini impoveriti affamati.

La linea gialla nel grafico (sopra) prende la tariffa e la donazione dell'agenzia straniera rettificate per il numero di bambini adottati ogni anno. La maggior parte dei fondi è andata al governo sudcoreano come profitto sopra la linea. Sono stati pubblicati articoli che affermano che il governo sudcoreano ha guadagnato denaro dall'adozione, come ad esempio Questo articolo sull'adozione internazionale dei bambini sudcoreani in Wikipedia.

Un articolo del 1988 originario di il progressista e ristampato in Eredità del cucciolo di libbra dice che il governo sudcoreano ha fatto quindici-venti milioni di dollari all'anno dall'adozione di orfani coreani in famiglie di altri paesi. L'articolo del 1988 dice anche che l'adozione di orfani fuori dalla Corea del Sud ha avuto tre effetti: ha risparmiato al governo sudcoreano i costi della cura degli orfani coreani; ha sollevato il governo sudcoreano dalla necessità di capire cosa fare con gli orfani e ha ridotto la popolazione.[5]

Penso che la quantità di entrate guadagnate dall'esportazione di bambini sudcoreani sia stata sottovalutata!

Ulteriori letture
Considerandoadoption.com: processo di adozione della Corea del Sud, costi, agenzie di adozione

Mancanza di trasparenza da parte delle agenzie di adozione

Confronto tra i salari degli Stati Uniti e il costo medio di adozione, utilizzando la regressione basata sui costi noti

A causa della mancanza di trasparenza, non esiste un metodo esatto per calcolare le entrate che il governo sudcoreano ha realizzato durante il processo di adozione. Holt e altre agenzie di adozione che operano fuori dalla Corea del Sud dichiarano i loro rendiconti finanziari su base annuale e se gli importi sono inferiori alla transazione di adozione media, si potrebbe presumere che la differenza sia data al governo sudcoreano. I problemi che rendono difficile la trasparenza sono che le agenzie di adozione come Holt cambiano i loro bilanci su base frequente e solo una frazione delle società di adozione condivide i loro bilanci con il pubblico.

Il grafico seguente mostra un confronto tra la crescita del PIL della Corea (linea grigia) rispetto al profitto realizzato dall'adozione (linea blu), i cambiamenti nell'uso del petrolio (arancione) e l'aumento delle entrate fiscali (gialla) nel tempo.

Si è confrontato il costo dei barili di petrolio utilizzati nel ventennio. La quantità di denaro realizzata nelle vendite di adozione rimane al di sopra, o al livello del petrolio utilizzato, quando si utilizza il numero di stato stazionario ($6000/adottato) e aumenta notevolmente quando si applica la commissione e la donazione dell'agenzia straniera ($19.500). La linea blu crescerebbe di tre volte. 

Ulteriori letture
L'uso storico del petrolio della Corea del Sud
Prezzi storici del petrolio

La Corea del Sud non aveva motivo di vendere i suoi figli

Svendere economicamente i bambini tramite l'adozione internazionale è stata una mossa suicida perché la popolazione alla fine è scesa al di sotto di 2,1 bambini per famiglia. Nei paesi sviluppati, la fertilità sub-sostitutiva è comunque inferiore a circa 2,1 bambini nati per donna, ma la soglia può arrivare fino a 3,4 in alcuni paesi in via di sviluppo a causa dei tassi di mortalità più elevati. Andare al di sotto di questo numero si tradurrà nella situazione attuale che la Corea del Sud deve affrontare e cioè un tasso di fertilità sub-sostitutivo.  Ciò si è verificato intorno all'inizio o alla fine del 1982.

Teorizzo che il rapido calo dei tassi di fertilità in Corea del Sud sia avvenuto per due motivi:

  1. Culturale: era inaccettabile per le donne avere figli se non erano sposate. Quel segmento è rapidamente scomparso (dai 20 ai 24 anni) a causa della contraccezione e dell'uso dell'aborto. Devo sovrapporlo per vedere se altri bambini vengono cresciuti negli orfanotrofi. La Corea del Sud rende troppo facile per i genitori scaricare i figli e scappare.
  2. Qualcuno (o il governo) stava guadagnando economicamente dalla vendita all'ingrosso di bambini: se facciamo la media del profitto negli anni di $5000 x 200.000 bambini il profitto sarebbe equivalente a US$1 miliardi di dollari.

Nel 1980 il PIL della Corea del Sud era di $68 miliardi, il che dimostra che la vendita all'ingrosso dei suoi figli avrebbe contribuito in modo significativo alla crescita economica del paese. Ci deve essere un documento sudcoreano da qualche parte equivalente a quello tedesco Soluzione finale. Invece dell'eradicazione, la Corea del Sud aveva un piano per l'esportazione di massa dei suoi figli.

Dopo il 1988, c'è stato un forte calo delle adozioni internazionali dopo le Olimpiadi di Seoul. Questa è una data importante, poiché molte nazioni stavano castigando la Corea del Sud per l'esportazione dei suoi figli. Sentendo questa pressione, la Corea del Sud ha immediatamente ridotto il numero di adozioni all'anno di 75%.  

Ulteriori letture
Ricerca sul tasso di fertilità sub-sostituzione in Corea del Sud

Cala il numero dei bambini istituzionalizzati e delle adozioni 

 Con il recente passaggio di leggi e severi requisiti per l'adozione, il numero di bambini esportati dalla Corea del Sud per l'adozione è diminuito drasticamente negli ultimi dieci anni. In numerosi studi, noto la statistica che L'America ha accolto quasi la metà delle adozioni in tutto il mondo.

Un diario online La conversazione articolo afferma che le adozioni internazionali sono diminuite del 72% dal 2005 e cita:

“Negli ultimi decenni anche Corea del Sud, Romania, Guatemala, Cina, Kazakistan e Russia – tutti ex leader nelle adozioni straniere – hanno vietato o ridotto i trasferimenti di affidamento internazionali. Nel 2005, quasi 46.000 bambini sono stati adottati oltre confine, di cui circa la metà si sono diretti a una nuova vita negli Stati Uniti. Nel 2015 le adozioni internazionali erano diminuite del 72%, a 12.000 in totale. Solo 5.500 di questi bambini sono finiti negli Usa, il resto in Italia e Spagna”.

Inoltre, è diminuito anche il numero di bambini inviati negli orfanotrofi in Corea. Guarda questo articolo che cita:

“Nel 2015, il numero di bambini che soggiornano nei centri di assistenza che si occupano principalmente di orfani è sceso del 26,8 per cento a 12.821, dai 17.517 del 2006”. 

I genitori adottati stanno morendo rapidamente

Durante i primi anni '70, i tassi di fertilità in Corea del Sud e il rapporto per le donne che partorivano erano un terzo nella fascia di età compresa tra la prima e la metà dei vent'anni, un terzo tra la metà e la fine degli anni '20 e un terzo tra i trent'anni o più. Con il progredire della Corea del Sud, il numero di donne nel segmento più giovane è diminuito notevolmente. Il mio grafico iniziale sopra mostrava potenziali linee di età e presumeva che il padre avesse in media un paio di anni più della madre.

Ho anche trovato un articolo sull'aspettativa di vita che è aumentata di quasi 20 anni dagli anni '70 a oggi. La linea rossa orizzontale tratteggiata nel grafico sopra rappresenta i cambiamenti nell'aspettativa di vita e si fonderà con l'età media dei genitori. L'aspettativa di vita è aumentata ed è rimasta di circa 84 anni dalla metà degli anni '80 ad oggi. Laddove la linea tratteggiata rossa verticale incontra la linea tratteggiata orizzontale mostra un'alta probabilità che i padri siano deceduti e dove la linea tratteggiata gialla e la prima linea tratteggiata rossa si incontrano, vale anche per le madri. Ho anche calcolato le età in base al numero di adottati adottati per gruppo di anni e stimato, utilizzando le attuali tabelle attuariali, che più di 2.000 genitori muoiono ogni annoCirca un terzo di tutti i genitori biologici degli adottati è già morto ed è fondamentale che gli adottati effettuino le ricerche il prima possibile se vogliono trovare i genitori vivi.

In conclusione

I soldi spesi per l'adozione internazionale dei bambini sudcoreani avrebbero fatto di più per sostenere le madri single, impedito la separazione dei bambini dall'ambiente circostante e impedito inutili esternalità negative sperimentate attraverso l'adozione. La Corea del Sud avrebbe potuto utilizzare i finanziamenti per avviare i suoi programmi di assistenza sociale come i programmi di formazione del Canada che insegnano alle madri come allevare i propri figli, affrontare lo stress e consentire loro di diventare genitori single produttivi.  

I problemi che devono affrontare molti 3rdi paesi del mondo non riguardano una cattiva genitorialità ma piuttosto una situazione di una mancanza di risorse. Se una madre non può permettersi di provvedere a suo figlio, farà di tutto per garantire che suo figlio abbia una vita migliore. Pochi individui vedono le azioni altruistiche di madri disperate. Queste madri sono disposte a regalare i propri figli per offrire loro una vita migliore. Inoltre, nessuno ha detronizzato i modi arcaici di fare affari e di gestione della governance in Corea del Sud. Diritti e leggi vanno a proteggere gli stessi uomini patriarcali che detengono le chiavi del potere in Corea del Sud. Nulla viene fatto per provvedere ai milioni di donne e bambini rimasti vulnerabili quando l'uomo decide di abbandonare la famiglia. Non viene fatto nulla per garantire il mantenimento dei figli e una rete di sicurezza sviluppata da un governo che sceglie di nascondere la testa sotto la sabbia, invece di affrontare i problemi che li affliggono da oltre 5 decenni.

“Sebbene le donne coreane stiano partecipando di più al mercato del lavoro rispetto agli anni precedenti, il divario nel livello di occupazione tra uomini e donne, indipendentemente dal loro livello di istruzione, è enorme. Infatti, il divario di genere è più ampio tra coloro che hanno un'istruzione terziaria rispetto a quelli con solo istruzione preprimaria e primaria; e la Corea del Sud è l'unico Paese OCSE che mostra un tale effetto”. (Fonte: OCSE)

Di Jayme

Opere d'arte inviate per il concorso per copertine Il colore del tempo

All'inizio di quest'anno, si è tenuto un concorso artistico tra gli adottati internazionali australiani per il nostro prossimo libro, Il colore del tempo, il seguito di Il colore della differenza.

Abbiamo ricevuto una vasta gamma di opere d'arte e siamo rimasti sorpresi dalla profondità dei messaggi ritratti sull'essere un australiano adottato all'estero. È importante condividere quest'opera d'arte perché è raro vedere una gamma così ampia che esprima visivamente così tanto, in uno spazio, da adottati internazionali. Un enorme grazie a tutti coloro che hanno partecipato e per aver dato il permesso di condividere questo con la comunità più ampia!

L'opera d'arte vincente da cui abbiamo basato il design della copertina del nostro nuovo libro, è stata creata da un artista invecchiato maturo, Lan Hopwood, adottato vietnamita che ha scritto questo per spiegare la sua presentazione:

L'immagine del bambino è 'radicata' in un paesaggio australiano (sono cresciuto nel paese del NSW con paddock, ecc.), scherma fatiscente che ricorda il viaggio spezzato di un adottato, l'intensità nel volto di quel bambino – identità perduta. Preso tra due mondi mentre il tempo passa. Il fiore d'erba cattura l'immagine di un bambino immerso nella luce del sole, il viso sollevato nell'innocenza, nella gioia e nella speranza. Mappa globale che mostra la diaspora degli adottati internazionali.

Ha anche presentato un altro pezzo e ha scritto:

Passato e presente. Un bambino spedito come un carico in un'altra terra e nel tempo e fino ai giorni nostri, una madre vive la sua vita quotidiana con le tensioni delle decisioni passate e dei traumi impressi sul suo viso. Una vita in cui quella bambina avrebbe potuto entrare se fosse rimasta. Gli occhi del bambino di tristezza e smarrimento che parla di adottati internazionali e della loro ricerca di identità.

Le opere d'arte presentate al concorso da altri adottati internazionali australiani sono mostrate di seguito in ordine casuale:

di Yasmin Cook, Sth adolescente coreano adottato, che ha scritto:

La mia opera d'arte è un riflesso di come mi sento riguardo alla vita. La famiglia è centrale e vedo la lingua dei messaggi di testo SMS di 'ILY' – “Ti amo” nella parola di 'Fam ILY'. Lo sfondo riflette una mappa del mondo con la Corea del Sud in cima al triangolo e l'Australia in un altro angolo. Le parole che circondano il design sono sincere e sincere e riflettono il mio viaggio personale come adottato all'estero.

di Rosa Potter, giovane adulto adottato cileno, che ha scritto:

La rappresentazione delle Ande con foglie di gomma per rappresentare l'Australia; le sagome colorate rappresentano le differenze di colore.

di Rebecca Springett, Sth coreano giovane adulto adottato, che ha scritto:

Le mani rappresentano una madre e un bambino insieme che mostrano una sensazione sicura e protetta. Tenersi per mano mostra questa fiducia e protezione reciproca. Ogni fiore rappresenta gli adottati internazionali, ad esempio, il fiore di pruno è il fiore nazionale di Taiwan. Il cerchio di fiori sono insieme come uno e sono sempre lì l'uno per l'altro. Volevo mostrare unità con ogni paese e mostrare come siamo tutti supportati dall'Australia (Australian wattle).

di R'bka Ford, adolescente etiope adottato, che scrisse:

Dall'angolo, le occhiaie interne rappresentano l'essere in un luogo in cui non capivo cosa stesse succedendo, quindi le linee sono spesse e nere. Poi, gradualmente, man mano che la tecnica di disegno diventa più chiara, so un po' dove sto andando e con chi sarò. I petali rappresentano me che faccio esperienza di cose nuove in Australia e sboccio ed esploro, fino a quando alla fine non mi spezzo nella mia persona unica come una combinazione di due luoghi.

di Geetha Perera, Adottato di età matura dello Sri Lanka:

di Jessie Cooper, adolescente cinese adottato, che ha scritto:

A volte mi sento come un cubo di Rubik in frantumi. Tutto il mio essere non appartiene a questo posto. Dovrei tornare in Cina in un orfanotrofio dove ero originariamente. Un intero cubo di Rubik è la mia VITA!

Questa Strada dell'Ispirazione è un percorso che continuerò a percorrere per superare tutti i miei problemi.

Certi giorni il mio cuore fa così male che vorrei solo chiudermi.

di Tia Terry, Sth coreano maturo invecchiato adottato:

Una serata con Drysdale

Presunzioni automatiche: autoritratto

Stampa Linoleografia: ispirata all'arte tradizionale coreana

di Gabby Malpas, cinese matura invecchiata adottata:

Non ti amerò per molto tempo
Le donne asiatiche sono state 'feticizzate' dalla società occidentale per decenni. Erano anni che non era accettabile vedere le altre razze allo stesso modo, eppure questo atteggiamento persiste.
Devo ammettere vergognosamente che non ho fatto nulla per combatterlo quando ero più giovane e probabilmente l'ho persino abilitato in alcuni casi.

Topsy Turvy – Un pesce fuor d'acqua
Come adottato transrazziale la mia differenza è ovvia. Mi sembra sempre di non appartenere alla mia famiglia. Ma quando ho viaggiato attraverso l'Asia, è ovvio che anche io non appartengo a quel paese. Non sono solo barriere linguistiche, sono vestiti, manierismi e comportamenti.
Mi sento costantemente sotto esame.
Questo è qualcosa a cui mi sono abituato ora. Non ne conosco di diverso.
Le ninfee blu sono associate alla "conoscenza" nella cultura buddista cinese

Sei sicuro?
Guarda attentamente questa immagine: a prima vista sembra una scena di giungla tropicale da qualche parte esotica. Le roselle cremisi, le viti del frutto della passione, le begonie e le orecchie di elefante si trovano in molti cortili di Sydney. La maggior parte degli asiatici sperimenta il razzismo nella propria vita. Come adottato transrazziale ero più sensibile a questo perché crescendo non ho avuto il vantaggio di tornare a casa da una famiglia che mi assomigliava o condivideva la mia esperienza. Gli incidenti raccontati agli adulti sono stati accolti con "non è successo a me, devi averlo immaginato", o "sono sicuro che non intendevano sul serio". Quindi sono cresciuto con molti dubbi su me stesso, ansia e rabbia.
Per favore ascoltaci. Anche se questa non è la tua esperienza perché dubitare che non sia la nostra?

Daltonico
Un titolo ironico per un'esplosione di colori.
Questo è un gentile rimprovero alla "cecità ai colori", specialmente nei confronti degli adottati transrazziali. Le persone non fanno male quando ci dicono: “Non vedo il colore“, ma è dannoso perché è una negazione della nostra differenza e delle nostre esperienze. Abbiamo e continuiamo ad avere un'esperienza di vita completamente diversa da quella delle nostre famiglie adottive ma anche da altre razze che fanno parte delle loro stesse famiglie. Non ci adattiamo facilmente a nessuno dei due mondi e una volta raggiunta l'età adulta e ci allontaniamo dai nostri ambienti sicuri, spesso veniamo catapultati in un mondo di razzismo e dolore a cui siamo completamente impreparati.
Il colore conta. Riconoscere che lo fa e dare a tuo figlio gli strumenti per navigare nel mondo come una persona di colore è fondamentale.

Grazie a tutti gli artisti partecipanti!

Il copyright di tutte le opere d'arte qui mostrate appartiene all'artista. Nessuna parte di esso in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo può essere riprodotta, archiviata in un sistema o trasmessa senza previa autorizzazione scritta. Le richieste devono essere inviate all'ICAV che richiederà il permesso dell'artista per qualsiasi richiesta.

LEONE Recensione di ICAV

Come compagno australiano di adozione internazionale, ho guardato LION e l'ho trovato migliore di quello che mi aspettavo dopo aver letto così tante recensioni diverse.

Ha catturato così tanti aspetti emotivi del viaggio di un adottato internazionale. Ho sentito che l'aspetto più potente era quello del fratello adottivo di Saroo (anche lui dall'India) che chiaramente ha lottato con la sua vita adottiva dal primo giorno dell'arrivo nella sua nuova famiglia. Essendo io stessa madre di un figlio con bisogni speciali che ha vissuto crisi di nervi, il comportamento che ho visto rifletteva un ragazzo che non solo aveva sopportato gli inizi duri come Saroo che hanno portato a comportamenti legati al trauma, ma molto probabilmente soffriva anche di altri bisogni speciali - evidenti dal cicatrici multiple sulla sua testa quando è arrivato per la prima volta e il crollo della notte 1. Devo dire che i suoi genitori adottivi sono ritratti mentre gestiscono quella notte in modo abbastanza amorevole e calmo anche se sono sicuro che in realtà deve essere stato uno shock dopo aver avuto un figlio adottivo “perfetto” la prima volta. Serve anche come un sano promemoria della necessità di un'adeguata educazione pre-adottiva e dell'impostazione realistica dell'aspettativa che gli adottati non vengano come tabula rasa, nemmeno i neonati.

Le lotte del fratello adottivo di Saroo mi hanno parlato molto per gli adottati che conosco che non se la passano bene, nonostante siano collocati con le migliori famiglie adottive. Questi adottati soffrono quotidianamente e hanno poca tregua dalla loro profonda sofferenza emotiva e mentale e lo vedo specialmente da coloro che arrivano come adottati di età avanzata in famiglie che non capiscono che potrebbe esserci un trauma pre-adozione. In una parte del film è stato crudo e doloroso sentire Saroo accusare il fratello adottivo di aver causato così tanto dolore alla madre adottiva. L'angoscia che questo causò sul volto del fratello adottivo di Saroo - la sua espressione era come per dire: "Se potessi fare di meglio lo farei... e come osi giudicarmi!" Ciò ha sollevato nella mia mente l'assunto irrealistico che noi adottati riteniamo sia nostro ruolo dare ai nostri genitori adottivi solo felicità e gioia.

Ho anche provato empatia con il fratello adottivo di Saroo perché il duro giudizio di Saroo deriva da un'altra ipotesi indiscussa che noi adottati non dovremmo avere nulla da soffrire poiché la nostra adozione ci ha già salvato da tutto il destino e l'oscurità del nostro passato e ha creato in noi una "nuova vita". Come ritrae il fratello adottivo di Saroo, a volte quella nuova vita sfugge agli adottati ed è la triste realtà che molti soffrono per il resto della loro vita e non riescono mai a catturare quel sogno sfuggente di essere "felici per sempre" nella nostra vita adottiva, come Saroo voleva essere capace.

Per quegli adottati come il fratello adottivo di Saroo che non possono sfuggire al nostro destino, il film ha fatto bene a catturare questa realtà. Sento spesso dagli adottati all'interno di una famiglia adottiva che un bambino adottato è diventato il più gradito alle persone e, all'apparenza, si comporta bene contro l'altro che lotta e trascina con sé il resto della famiglia adottiva. Non per colpa loro, ma solo perché le cose sono più difficili con più cose da affrontare e avere una personalità diversa e una fortuna personale per essere in grado di farcela meglio. Come il fratello adottivo di Saroo, questo è il loro migliore, ma spesso viene giudicato non abbastanza buono in cambio della gratitudine per essere stato adottato.

Per Saroo che sembrava essere l'adottato "perfetto", il film ha fatto bene a mostrare che anche l'adottato perfetto sta lottando silenziosamente dentro. Il suo rapporto con la sua ragazza ha sofferto e lei era quella più vicina a Saroo, il suo rapporto ha sofferto con i suoi genitori adottivi, la sua capacità di mantenere un lavoro, ecc. Tutto sembrava essere influenzato dal suo passato! È così vero da ritrarre che anche per l'adottato "perfetto" abbiamo ancora dentro di noi battaglie intense come quelle degli adottati "difficili". Credo che l'adottato apparentemente "perfetto" lo nasconda meglio e sia guidato dalla natura delle nostre domande implacabili e dai frammenti di vita e identità prima di essere adottato come il nostro "acting out" o adottato in difficoltà.

La dinamica tra i due fratelli adottivi era potente e potevo sentire il senso di un pio desiderio di tornare indietro al tempo che aveva Saroo prima dell'arrivo del fratello adottivo. L'indimenticabile scena a tavola in cui Saroo da adulto dice finalmente "non è mio fratello" è l'unico momento di verità nella loro famiglia in cui il non detto diventa finalmente detto. Penso che per molte famiglie adottive non si consideri abbastanza quanto un nuovo arrivo di fratello adottivo possa avere un impatto sul primo adottato/bambino e come possono arrivare a risentirsi del cambiamento delle dinamiche e degli equilibri della famiglia.

L'altro tema potente a cui potevo relazionarmi era come Saroo fosse così sensibile alla sua madre adottiva e sentendo che aveva bisogno di proteggerla dalle sue verità. Questa è una realtà che diventa visibile di volta in volta quando gli adottati internazionali condividono con me il loro desiderio di cercare o comprendere le proprie radici. Non vogliono turbare la mamma vulnerabile che chiaramente li ama e li desiderava così tanto. Il nostro desiderio da adottati di mostrare la nostra gratitudine e amore in cambio ci costa le nostre stesse verità e crea la necessità di nasconderlo. Così anche Saroo finisce isolato e attraversa il suo viaggio molto solo e senza sostegno. Ha così paura che lei, sapendo della sua ricerca, possa ferire profondamente e se non letteralmente "uccidere" la sua madre adottiva, cosa che lui ritiene che il fratello adottivo stia già facendo.

Questo è un problema che molti di noi adottati all'estero hanno, giustificato o meno, nel sentire che abbiamo bisogno di proteggere i nostri genitori adottivi. C'è stata anche una battuta commovente nel film dopo che la madre adottiva di Saroo ha condiviso la sua visione che ha portato ad adottarlo, dicendo che l'ha fatta "sentire bene per la prima volta nella sua vita". Quell'affermazione diceva quello che molti di noi adottati sentono ma non verbalizziamo mai - che siamo lì per far sentire bene i nostri genitori adottivi con se stessi e abbiamo paura di dare loro qualsiasi informazione e verità su noi stessi o sulla nostra vita prima di loro, che metterà a repentaglio la nostra relazione con loro. Viviamo nella paura che si pentano di noi perché non abbiamo realizzato il loro sogno o la loro visione.

Com'è triste che Saroo abbia passato così tanto tempo a dover proteggere sua madre adottiva (e padre adottivo) dai suoi veri sentimenti di tristezza che i suoi ricordi gli hanno causato - la profondità del suo desiderio di rassicurare la sua stessa famiglia biologica che era vivo per quindi smettere di preoccuparsi e ricerca. Ciò che è ancora più triste è che non c'era la verità e l'apertura tra Saroo e i suoi genitori adottivi per consentire a entrambi di connettersi e sostenersi a vicenda perché in realtà le loro realtà non erano in opposizione ma avrebbero potuto essere simbiotiche.

Questa dinamica è di nuovo qualcosa che sento dagli adottati che condividono con me e che vivo anch'io. Abbiamo paura di far conoscere davvero alle nostre famiglie adottive le vere profondità della nostra tristezza e perdita per le nostre famiglie originali perché sentiamo che saranno deluse o si sentiranno "meno che" genitori per noi. La dinamica della famiglia adottiva di Saroo non è rara nelle famiglie adottive, ma oserei dire che è raro vedere qualsiasi altra dinamica nella maggior parte delle famiglie adottive. Più volte gli adottati condividono che non cercheranno fino alla morte del loro genitore adottivo, o non vogliono condividere il loro desiderio di cercare perché "ferirà" il genitore adottivo, o non hanno bisogno di cercare perché il loro adottivo i genitori sono “famiglia” e non hanno bisogno di altri.

Ho notato che molte volte Saroo ha cercato di rassicurare la sua madre adottiva, specialmente quando stava andando in India e di nuovo quando aveva trovato la sua madre biologica, che sarebbe stata sempre la sua famiglia e che l'amava. Questo è un tale peso da portare per gli adottati: sentire costantemente che dobbiamo rassicurare i nostri genitori adottivi del nostro amore e gratitudine. Raramente si sente parlare di bambini biologici che soffrono lo stesso peso! Non sarebbe bello non doversi preoccupare delle nostre famiglie adottive con un barometro così ipersensibile!

Sono stato contento di vedere che Saroo ha fatto il viaggio in India da solo. Noi adottati a volte abbiamo bisogno di farlo per non complicare il nostro viaggio con la preoccupazione per i sentimenti e le emozioni complesse della nostra famiglia adottiva. La nostra ricerca e riunione per alcuni deve essere un momento nel tempo in cui si tratta solo di noi, dell'adottato e della nostra famiglia di origine - come era prima dell'adozione - così possiamo sperimentare il nostro dolore, l'euforia per essere riuniti, la tristezza e tutto il resto , senza l'ulteriore onere di sentirci responsabili delle emozioni della nostra famiglia adottiva.

Ho adorato il finale che spiegava perché il film si chiamava LION e rifletteva così bene, ciò che sperimentano gli adottati: quello di non conoscere la pronuncia corretta del nostro nome originale perché la nostra esperienza adottiva è così coinvolgente e completa che perdiamo completamente ogni capacità di parlare o capire la nostra lingua di nascita, specialmente se adottata in età avanzata.

Il film ha fatto bene a ritrarre lo stato delle cose in India, dove i bambini vulnerabili come lo era Saroo, hanno pochissimo aiuto offerto. Sembrava che ci fossero pochi rifugi sicuri, assistenti sociali o servizi per sfamare i poveri e gli affamati. Sono personalmente lieto di vedere che il film viene utilizzato come una strada per creare assistenza ai bambini di strada indiani in futuro e fornire opzioni migliori di quelle sperimentate da Saroo.

Non vedo l'ora di saperne di più sul viaggio di Saroo perché sospetto che questo potrebbe essere solo l'inizio di lui che condivide la sua voce. Ha condiviso il suo viaggio con il mondo INTERO e non è un'impresa da poco essere così aperto dopo aver mantenuto la sua ricerca e i suoi sentimenti così segreti per così tanto tempo! Spero che supererà il suo senso di responsabilità troppo sviluppato nei confronti della madre adottiva e prenderà un posto utile nel dialogo mondiale sull'adozione internazionale su ciò che accade realmente per i bambini vulnerabili e le loro famiglie e su ciò che deve essere fatto per proteggerli meglio.

In contrasto con la sua madre adottiva che usa il film per promuovere ulteriori adozioni internazionali, spero che Saroo contribuirà a creare un forum in cui il mondo possa approfondire le questioni etiche legate ai diritti dei bambini vulnerabili e delle loro famiglie e un posto giusto per l'adozione internazionale dopo che TUTTI i tentativi di riunire la famiglia si sono verificati. Nel film c'era una frase che Saroo diceva sulla sua lotta per essere adottato in un "luogo di così tanti privilegi" e cercando di dare un senso a questo in contrasto con la sua spinta interiore a "trovare casa" e famiglia e nessuno che lo aiutasse quando era un bambino smarrito. Mi ha fatto sperare che Saroo utilizzerà la sua opportunità di fama mondiale come adottato all'estero per guidare il pensiero critico su ciò che abbiamo nei paesi occidentali e il nostro senso di responsabilità nell'usare le nostre risorse per consentire un mondo migliore, invece di guadagnare dalle vulnerabilità di altri paesi .

Recensione del libro: Le madri della nascita in Corea del Sud

Rilasciato oggi, 8 novembre 2016, alle Palgrave-MacMillan

https://www.amazon.com/Birth-Mothers-Transnational-Adoption-Practice/dp/1137538511

Straziante per apprendere le esperienze di vita delle nostre madri biologiche!

Questo libro è una lettura obbligata per coloro che pensano in modo critico all'adozione internazionale. È scritto da un'accademica, Hosu Kim, che è lei stessa coreana nata e si è trasferita negli Stati Uniti negli anni '90. È una sociologa e si considera una studiosa femminista transnazionale. Fornisce una visione straordinaria della storia dell'adozione internazionale della Corea del Sud e, soprattutto, si concentra sulle esperienze delle madri sudcoreane che hanno perso i loro figli a causa dell'adozione internazionale.

Dato che io stesso sono stato adottato all'estero, cresciuto in Australia e adottato dopo la guerra del Vietnam, ho sempre sostenuto di rafforzare e includere le voci delle nostre famiglie originarie per garantire una prospettiva più equilibrata dell'adozione internazionale. L'ICAV è stato determinante nell'aiutare a portare in primo piano le voci e le esperienze degli adottati internazionali. Gli adottati internazionali hanno continuato a evolversi, connettersi e collaborare, parlando ad alta voce in tutto il mondo delle nostre esperienze. In confronto, le nostre madri e i nostri padri sono ancora invisibili e per lo più non considerati quando si tratta di politiche di adozione internazionale e di processo decisionale a tutti i livelli.

Spero che questo libro, essendo il primo del suo genere a ricercare accademicamente sulle esperienze di un certo numero di madri sudcoreane, aiuterà il mondo a compiere passi per l'inclusione delle loro voci ed esperienze!

Informazioni sul libro

Kim conia il termine "maternità virtuale" per descrivere il processo attraverso il quale le madri sudcoreane vengono separate dai loro figli per l'adozione internazionale tramite case di maternità e poi riconnettersi con il loro bambino attraverso processi immaginari o reali come programmi TV, blog su Internet e orali raccolte di storia. Il suo libro dimostra come queste donne sudcoreane inizino come madri nel senso tradizionale, ma non si tratta di un'identità fissa basata esclusivamente sul parto. Invece, fare la madre come una donna sudcoreana che ha rinunciato a suo figlio tramite l'adozione internazionale è un processo transitorio e trasformativo.

Per aiutarci a capire meglio il concetto di maternità virtuale cita frasi di madri come:

“Sono una madre ma non una madre”,

"Ho abbandonato il mio bambino ma non l'ho fatto davvero, non ho abbandonato il mio bambino ma potrei anche averlo",

“Ero vivo ma non si può davvero chiamare vivo”.  

I primi capitoli esplorano l'emergere storico dell'adozione internazionale nel contesto della Corea del Sud del dopoguerra. Spesso assumiamo che le madri rinuncino ai contesti di adozione internazionale a causa della povertà, ma Kim ti offre una visione approfondita di ciò che è accaduto in Corea del Sud. Dimostra i legami diretti tra la guerra, la crisi degli orfani di guerra, la necessità di programmi di soccorso d'emergenza forniti da organizzazioni umanitarie straniere (di solito ONG religiose) che si sono trasformate in istituzioni permanenti di assistenza all'infanzia. L'emergere di queste ONG come case di maternità e quindi agenzie di adozione consente successivamente al governo sudcoreano di evitare la responsabilità di sviluppare infrastrutture di assistenza sociale. Chiudendo un occhio sull'assunzione di responsabilità, insieme a credenze e tradizioni patriarcali di vecchia data, il governo sudcoreano sceglie di sacrificare madri e bambini a spese delle prime priorità del paese: sicurezza nazionale e sviluppo economico.

Leggendo questo libro, ho acquisito informazioni e risposte alla mia domanda a lungo meditata sul perché la Corea del Sud rimane il più grande esportatore di bambini, pur avendo una forte situazione economica. Un'economia forte è stata realizzata a spese dei bambini esportati in enmasse e delle madri a cui non è stata data altra scelta! Come adottato all'estero, questa ingiustizia mi fa arrabbiare! Sento spesso altri adottati internazionali che lottano con lo stesso senso di abbandono, non dalle nostre madri, ma dai nostri paesi che scelgono di dare via la loro responsabilità su di noi.

Il capitolo sul ruolo delle narrazioni televisive di ricerca/riunione è stato perspicace e si adattava a ciò che ho imparato anche dal punto di vista degli adottati. Le palese riunioni orchestrate a “ritraggono la convinzione culturale che l'adozione transnazionale offra una vita migliore” tramite il sogno americano. Il "idealizzazione che i genitori adottivi e la vita in occidente" è meglio. La mancanza di responsabilizzazione delle parti coinvolte. Il primo incontro sensazionale che fa poco per essere reale riguardo alle complessità. La tristezza che avvolge gli adottati e le madri dopo il ricongiungimento. Tutte queste realtà mi hanno colpito a testa alta e hanno evidenziato la disinvoltura di tali programmi di ricerca televisivi!

Kim afferma correttamente gli spettacoli televisivi “linearizzare la perdita di tempo.. appiattire le complessità della perdita”. La durezza delle realtà delle madri biologiche dopo la riunione è qualcosa che vedo rispecchiato nelle vite degli adottati internazionali.. la quasi impossibilità di poter costruire relazioni significative a causa di “lingua, cultura, finanze, barriere burocratiche e differenze” .

Le seguenti dichiarazioni di Kim portano con forza a casa la realtà delle verità di nostra madre:

“è quindi attraverso il ricongiungimento con il suo bambino che la madre naturale finalmente vede e sente la morte metaforica del suo bambino”..

“è il riconoscimento dell'entità e dell'irrecuperabilità di queste perdite”

" .. il ricongiungimento è stato sia una realizzazione finale, un riconoscimento della perdita di tempo, della perdita di un figlio e della perdita della propria maternità".

Mi sono sentito schiacciato dal peso delle esperienze della madre sudcoreana! È stato pesante come avevo percepito nei miei anni in cui sono stato in contatto con gli adottati internazionali e dalle realtà che ho appreso dal nostro ultimo articolo su Ricerca e riunione: impatti e risultati. Gli adottati scoprono la verità sulla loro rinuncia e adozione quando si riuniscono. Come Kim mette in evidenza dalle esperienze di queste madri, spesso non è come l'industria delle adozioni e della televisione cercano di farci credere.

Kim ha usato adeguatamente la frase:

“la morte sociale delle madri naturali non è semplicemente uno stato di invisibilità, ma piuttosto il risultato di processi violenti che coinvolgono .. il dominio e l'umiliazione che svalutano la vita di queste donne”.

Una volta che ci apriamo alla realtà di nostra madre, non si può fare a meno di giudicare severamente l'industria delle adozioni per le sue conseguenze disumanizzanti per madre e figlio. Le nostre madri non avevano davvero scelte e il loro valore è stato schiacciato fin dall'inizio. Allo stesso modo, si riflette anche per gli adottati per cui continuiamo ad avere pochi diritti legali, finanziari, etici o assistenza quando subiamo un'adozione internazionale che non è stata nei nostri interessi, ad esempio tratta aperta o sospetta, deportazione, reinserimento e abuso/morte a nelle mani di genitori adottivi non idonei.

Kim ha scritto delle madri che inevitabilmente finiscono per “estraniati dalla propria vita”. Questo stesso "separazione da se stessi” è una delle questioni fondamentali con cui lottano anche molti adottati. I conti di nostra madre non possono essere ignorati o negati!

La sua perdita la separa dal suo passato e penetra nel suo presente in cui i suoi sentimenti, bisogni e desideri si allontanano da lei; attraverso questo allontanamento, diventa tagliata fuori dal proprio futuro”.

L'adozione internazionale non può essere intrapresa senza riconoscere l'impatto permanente sulle nostre madri che sono state separate da noi, i loro figli. Kim sfida tutti a riconoscere le perdite subite dalle nostre madri e i processi e i mezzi con cui le loro vite sono rese invisibili e svalutate. Questo libro ci chiede di essere coinvolti e toccati da quanto è accaduto in nome dello sviluppo economico.

I miei ringraziamenti speciali ad Hanna Johannson che mi ha collegato a Hosu Kim e alla sua ricerca!

Puoi anche leggere ricerche correlate sulle esperienze di Madri etiopi separate tramite adozione internazionale di Rebecca Demissie e Madri dell'India meridionale che rinunciano all'adozione di Pien Bos.

Nota: ho scelto di usare il termine biologico o semplicemente madre al contrario delle mamme “alla nascita” per rispetto delle innumerevoli mamme che si sentono offese dalla terminologia del settore delle adozioni. Quindi anche io uso il termine adozione internazionale al contrario di “adozione transnazionale” a causa della terminologia giuridica derivata dal Convenzione dell'Aia del 1993 sulla protezione dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale

Italiano
%%piè di pagina%%