Una veglia per Christian Hall, 1 anno dopo

Il 30 dicembre 2021, dalle 19:00 alle 21:00 CST, ci siamo riuniti nell'applicazione dei social media, Clubhouse per partecipare a una veglia online, creata e guidata dall'adottato vietnamita Adam Chau. L'evento è stato organizzato in collaborazione con la famiglia di Christian Hall che ha creato le veglie fisiche di persona in varie città degli Stati Uniti. Lo scopo delle veglie era quello di onorare la vita di Christian, sensibilizzare e riunire le comunità colpite in solidarietà per cercare Giustizia per Christian Hall. Puoi leggere i loro ultimi articoli qui e qui.

Alcuni ospiti adottati sono stati invitati a condividere i nostri pensieri per la veglia online: Kev Minh Allen (Vietnamita americana adottata), Lynelle Long (Adottato australiano vietnamita), Kayla Zheng (adottato cinese americano), Lee Herrick (Coreano americano adottato).

Condivido con voi ciò di cui ho parlato in onore di Christian Hall.

Mi chiamo Lynelle Long, sono la fondatrice di Intercountry Adoptee Voices (ICAV). Vorrei ringraziare Adam Chau per aver organizzato questo evento online oggi in onore di Christian. Grazie Nicole, la cugina di Christian che è alla nostra chiamata, per averci permesso di partecipare a questa veglia. Mi dispiace tanto per la perdita della tua famiglia! È un privilegio poter parlare. Sono una persona con un'esperienza vissuta di adozione internazionale e, come Christian Hall, sono di origine cinese … tranne che sono nato in Vietnam e adottato in Australia, mentre lui è nato in Cina e adottato negli Stati Uniti.

Il filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo vissuto l'abbandono da bambini. Non importa che età abbiamo, per un adottato, la perdita della nostra prima famiglia come abbandono/rinuncia è un'esperienza cruda e dolorosamente traumatica. Rimane con noi per tutta la vita sotto forma di sensazioni corporee e si attiva facilmente. Quando ciò accade, queste sensazioni inondano il nostro corpo come paura, panico, ansia.

Peggio ancora è che quando il nostro abbandono avviene da bambini, non abbiamo sviluppato un linguaggio come modo per comprendere la nostra esperienza. Rimaniamo semplicemente con i sentimenti pre-verbali (sensazioni corporee). Mi ci sono voluti più di 20 anni prima di leggere il primo libro, The Primal Wound di Nancy Verrier, che ha cambiato la mia vita in termini di comprensione dell'impatto che l'abbandono e l'adozione hanno avuto su di me. Quel libro è stato il primo ad aiutare a dare parole all'esperienza che avevo provato fino a quel momento, come un'esperienza del tutto somatica, come sensazioni sgradevoli nel mio corpo, che non avevo capito, da cui avevo passato la vita scappando ogni volta sono riemersi.

L'altro filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo sperimentato ideazioni e tentativi suicidi. Per lui, significava tragicamente la fine della sua vita da parte degli agenti di polizia che non capivano i suoi traumi. Per me, dopo numerosi tentativi falliti e finire al pronto soccorso, ha significato un lungo processo di risveglio al trauma che avevo vissuto. Più di 20 anni dopo, ho trascorso la maggior parte di questo tempo ad aiutare a risvegliare la nostra società su cosa sia veramente l'adozione per noi, la persona adottata.

Essere adottati non ci lascia mai. Potremmo provare a scappare e fingere che non abbia alcun impatto, ma nel profondo del nostro nucleo, il nostro abbandono collega quasi ogni aspetto del nostro essere - soprattutto, come ci connettiamo o meno con gli altri intorno a noi e con noi stessi. Al centro, gli adottati internazionali sperimentano la perdita di identità, razza e cultura. A meno che non abbiamo intorno a noi supporti che ci comprendano e ci aiutino a superare presto il trauma dell'abbandono, inciampiamo nel buio, completamente inconsapevoli di come il nostro abbandono ci colpisce. Molti adottati lo chiamano "essere nella nebbia" fino a quando non ci svegliamo. Oggi, decenni dopo che Nancy Verrier ha scritto per la prima volta il suo fantastico libro, ora ne abbiamo molti, molti libri scritti da adottati chi sono gli esperti della nostra esperienza vissuta. Questi libri sono una testimonianza scritta delle complessità che viviamo attraverso l'adozione e dell'impatto che hanno su di noi.

Negli ultimi 2 mesi, ho lavorato con altri per parlare degli impatti dell'abbandono e del trauma dell'adozione e del collegamento diretto al rischio di suicidio. Riconosco che la famiglia di Christian non collega la sua tragica morte al suicidio, ma sospetto che i suoi sentimenti di abbandono siano stati innescati quando eventi chiave lo hanno portato a trovarsi sul ponte quel giorno. Spero che più famiglie adottive si istruiscano sulle complessità in cui viviamo come persone che si disconnettono dalle nostre origini tramite l'adozione internazionale. Siamo quasi 2 milioni in tutto il mondo e stiamo parlando in massa per aiutare il mondo a capire che non è un'esperienza di arcobaleni e unicorni. Abbiamo bisogno di supporto permanente da professionisti formati in materia di trauma e adozione. Solo in America ci sono centinaia di migliaia di adottati internazionali: l'America rimane il più grande paese ricevente al mondo. Troppi stanno lottando emotivamente ogni giorno, eppure negli Stati Uniti non esiste ancora un servizio di consulenza nazionale gratuito per gli adottati internazionali e le loro famiglie. Inoltre, negli Stati Uniti non esiste un centro nazionale di supporto post-adozione finanziato per aiutare gli adottati internazionali a crescere fino all'età adulta e oltre. Non è un enorme difetto il fatto che il più grande importatore di bambini al mondo non disponga di un sostegno permanente interamente finanziato, equo e liberamente accessibile? come può l'America aspettarsi risultati positivi per i bambini che sono tra i più vulnerabili se non finanziamo ciò che sai di cui hanno bisogno?

Non ho mai conosciuto Christian personalmente. L'ho scoperto solo attraverso la sua morte. Vorrei averlo conosciuto. Dai molti adottati internazionali con cui mi connetto, so che guadagniamo così tanto emotivamente dall'essere connessi ad altri proprio come noi. Essere in contatto con i nostri coetanei aiuta a ridurre quei sentimenti di isolamento, ci aiuta a capire che non siamo gli unici a vivere la vita in questo modo, ci aiuta a connetterci a fonti di supporto e convalida che sappiamo ha funzionato. Vorrei che Christian avesse incontrato la nostra comunità. Non saprò mai se avrebbe fatto la differenza che lui non fosse lì quel giorno su quel ponte. Come adottato, sospetto che Christian molto probabilmente volesse aiuto quel giorno, un aiuto per alleviare la sua anima addolorata, non la morte. 

Inoltre, prendiamoci un momento per ricordare la sua famiglia biologica in Cina. Se hanno mai avuto davvero una scelta nella sua rinuncia, probabilmente non lo sapremo mai, ma dalla mia conoscenza in questo campo, molto probabilmente non è così. L'adozione di Christian fu probabilmente il risultato del L'era della politica 1-Children in Cina dove migliaia di famiglie sono state costrette ad abbandonare i propri figli, molti dei quali sono finiti all'estero adottati come cristiani. Per favore, prenditi un momento per considerare che, attraverso l'adozione, la sua famiglia biologica non ha nemmeno il diritto di sapere che è morto. 

La parodia dell'adozione è che il trauma è vissuto da tutti nella triade (l'adottato, la famiglia adottiva, la famiglia biologica) ma i traumi continuano a non essere riconosciuti e non sono supportati sia nei nostri paesi adottivi che in quelli di nascita. Dobbiamo fare di meglio per prevenire l'inutile separazione delle famiglie e, dove è necessaria l'adozione, garantire che le famiglie intraprendano un'educazione all'adozione, conoscendone appieno le complessità e avendo accesso gratuito equo per tutta la vita ai supporti professionali necessari.

Il mio enorme ringraziamento alla sua famiglia allargata e immediata per essere stata coraggiosa e essersi aperta attraverso tutto questo trauma e aver permesso queste veglie in cui la sua vita e la sua morte possono essere onorate per il bene più grande. Onoro il dolore e la perdita che hanno vissuto e li ringrazio immensamente per aver permesso alla nostra comunità internazionale di adottati di unirsi a loro per sostenerli.

Grazie.

Se desideri sostenere la famiglia di Christian e la loro spinta per la giustizia, firma la petizione qui.

Se desideri comprendere meglio le complessità coinvolte nell'adozione internazionale vissuta dagli adottati, il nostro Risorsa video è un ottimo punto di partenza. Non sarebbe fantastico creare una risorsa come questa per aiutare a educare i primi soccorritori a comprendere meglio le crisi di salute mentale che vivono gli adottati.

Adozioni e suicidio a Natale e Capodanno

Natale e Capodanno sono un periodo in cui di solito ci riuniamo come famiglie, festeggiamo e ci ritroviamo. Per alcuni adottati, questo è un periodo dell'anno particolarmente difficile perché non tutti siamo strettamente legati alle nostre famiglie (di nascita o di adozione). Spesso è questo periodo dell'anno che può essere il più difficile perché fa emergere sentimenti dolorosi di non essere strettamente collegati .. a nessuno. Può ricordarci come non "ci adattiamo", come siamo per sempre negli spazi intermedi, o quanto poco siamo capiti dalle stesse persone che ci hanno cresciuto o ci hanno fatto nascere.

Lutto per il figlio del passato di Dan R Moen (adottato filippino)

L'adozione si basa fortemente sulla perdita: la perdita delle nostre origini, la perdita di sapere da chi veniamo e perché, la perdita della nostra cultura e delle tradizioni a cui siamo nati, la perdita delle nostre famiglie allargate. E l'adozione non sempre sostituisce tutto ciò che abbiamo perso. Anche l'adozione è fortemente basata sul trauma: è il trauma che le nostre generazioni hanno attraversato che spesso ci portano ad essere abbandonati per qualsiasi motivo. Oppure può essere il trauma che ha attraversato il nostro Paese, conseguenza di guerre, carestie, disastri naturali, ecc. Noi adottati portiamo queste perdite e traumi dentro di noi, spesso non siamo consapevoli di portarli, finché non facciamo un tuffo profondo nelle nostre origini e riconnetterci ad alcuni dei nostri sentimenti più primordiali di abbandono e dolore.

In questo periodo di Natale e Capodanno, spero che possiamo essere consapevoli dei nostri compagni adottati per i quali questo può essere un periodo dell'anno particolarmente stimolante. L'anno scorso in Europa il team di adottati che sono terapisti presso AFC sapeva almeno 6 adottati dai loro circoli immediati che si sono suicidati tra Natale e Capodanno. Quest'anno, a livello globale chissà quali saranno i nostri numeri, perché abbiamo anche vissuto un altro anno difficile con COVID-19 e questo ha ulteriormente aumentato il senso di isolamento per molti, adottati o meno.

Ho appena finito di partecipare a due eventi importanti quest'anno per aumentare la consapevolezza della connessione tra l'essere adottati e l'esperienza di sentimenti o azioni suicidari. Il primo è stato un webinar con un'esperienza vissuta in cui abbiamo condiviso apertamente. Puoi vederlo qui:

Il secondo, che ha seguito il nostro primo, è stato un evento su Twitter in cui molti di noi hanno condiviso la nostra esperienza vissuta e i pensieri che puoi leggere qui come riassunto sveglia.

Un enorme ringraziamento all'organizzazione sponsor Sopravvissuti Uniti e madre adottiva internazionale Maureen McCauley a Storie della luce del giorno, che ha organizzato questi 2 eventi incredibilmente potenti e tanto necessari.

Volevo condividere le mie risposte alla domanda 4 che ci chiedeva, per i compagni adottati che stanno lottando, cosa direi? La mia risposta è:

Non sei solo! Molti di noi sono stati in quello spazio, so quanto sia difficile trovare una via d'uscita, ma è possibile. Rivolgiti ai tuoi spazi di supporto tra pari: ce ne sono così tanti. Se hai bisogno di aiuto per trovarli, ICAV ha un elenco di organizzazioni guidate da adottati internazionali Intorno al mondo.

Inoltre, non abbiate paura di cercare di trovare un professionista della salute mentale. Può fare un'enorme differenza essere supportati da qualcuno formato per comprendere la nostra esperienza vissuta. Se hai bisogno di aiuto per trovarli, ICAV ha un elenco globale di supporti post adozione come un ottimo punto di partenza.

L'adozione inizia con i traumi e la maggior parte della nostra vita la passiamo a disfare le valigie e a dare un senso alla nostra vita, chi siamo, come siamo arrivati qui. Ma una volta che ci circondiamo di sostegno e ci impegniamo a lavorare su quelle parti dolorose, la nostra vita può cambiare e POSSIAMO trovare guarigione e connessione.

Inizia con noi stessi, ritrovando la connessione con noi stessi – chi siamo nati per essere, non necessariamente chi siamo adottati per essere.

La nostra vita come adottati non deve essere controllata per sempre dai nostri inizi, ma è così importante non negare e ignorare il dolore, ma offrire al tuo bambino ferito interiore uno spazio in cui il suo dolore può essere ascoltato e dove può iniziare la guarigione.

Il mio messaggio per le famiglie adottive e i professionisti che faticano a capire come/perché gli adottati possono sentirsi suicidi, consiglio vivamente di guardare il nostro serie di video che copre i temi universali che ho osservato, riflessi attraverso le storie che molti adottati hanno condiviso con me negli ultimi 20 anni. È COS importante che gli adottati si sentano ascoltati, convalidati e abbiano lo spazio per condividere dai nostri cuori, senza giudizio o aspettativa.

Parte della visione che ho creato e che ho ancora per ICAV rimane molto vera in questo periodo dell'anno:

Un mondo in cui gli adottati internazionali esistenti non sono isolati o ignorati, ma supportati dalla comunità, dal governo, dalle organizzazioni e dalla famiglia durante l'intero percorso di adozione.

Demistificare la stigmatizzazione del suicidio degli adottati

Di Lina Vanegas, RSU e adottato dalla Colombia negli USA.

È vergognoso che il suicidio sia così fortemente stigmatizzato dalla società. La religione e la legge hanno contribuito alla stigmatizzazione del suicidio. La legge ha perpetuato le loro posizioni creando leggi che rendono illegale il suicidio. Ci sono 26 paesi in cui il suicidio è attualmente illegale tra cui Kenya, Bahamas e Giordania. È completamente sbagliato criminalizzare, vergognare e stigmatizzare le persone che stanno lottando e soffrendo. La religione e la legge non sono le uniche istituzioni o sistemi per farlo, ma li uso come esempio per dimostrare quanto impatto abbiano sulla società. Tutti questi pensieri vengono assorbiti dalla società che non ispira né crea empatia, compassione o comprensione per le persone che soffrono.

La vergogna e la stigmatizzazione intorno al suicidio sono evidenti nel linguaggio che usiamo per parlare di suicidio. Quando diciamo "suicidato" lo stiamo paragonando a un crimine. Non è davvero un crimine. Non diciamo che una persona ha "commesso" un cancro, un infarto, un ictus o un Covid, diciamo che qualcuno ha "commesso" un omicidio, una rapina, un'aggressione o uno stupro. Quelli sono crimini.. Il crimine intorno al suicidio è che qualcuno è morto perché stava lottando così tanto internamente, mentalmente ed emotivamente. Smettiamo anche di dire che si sono "uccisi". Ciò che ha ucciso quella persona è stata una lotta per la salute mentale e sono morti per suicidio. È essenziale creare un cambiamento di paradigma in cui guidiamo con empatia, compassione e comprensione. 

Quando le persone usano questa terminologia, stigmatizzano il suicidio. Una persona che è morta per suicidio ha amici, familiari, vicini, conoscenti e persone care. Quando sentono questa scelta di parole, li feriscono e sono già alle prese con la stigmatizzazione di una morte suicida. Potresti conoscerli, ma probabilmente non ti parleranno della loro perdita dopo aver sentito che usi un linguaggio così offensivo e insensibile.  

La società occidentale stigmatizza e svergogna coloro che lottano con problemi di salute mentale e malattie mentali. Ci sono una miriade di espressioni e cose che usano suicidio nel nome/titolo che sono offensive e crudeli per coloro che hanno (o stanno) lottando con pensieri/ideazioni suicidarie, hanno tentato il suicidio e per quelli di noi che hanno perso una persona amata uno al suicidio. Le persone useranno l'espressione abbastanza liberamente "Sto per uccidermi" e "Mi ucciderò e basta" e "Vai a ucciderti". Questi sono pugnali per coloro che sono stati colpiti dal suicidio. Questi commenti sono completamente sordi, insensibili e crudeli e riflettono la generale mancanza di comprensione ed empatia intorno al suicidio.

Dobbiamo rendere la discussione sul suicidio degli adottati una conversazione continua e regolare. Non ci basta parlarne sporadicamente. Questa conversazione deve essere fatta trecentosessantacinque giorni all'anno. Gli adottati lottano e soffrono ventiquattro ore, sette giorni alla settimana e trecentosessantacinque giorni all'anno. La statistica secondo cui gli adottati hanno 4 volte più probabilità di tentare il suicidio proviene da una ricerca pubblicata nel 2013 dall'American Academy of Pediatrics. 

Abbiamo bisogno di ricerche attuali fatte sugli adottati in tutto il mondo. Sto scrivendo dagli Stati Uniti, quindi le organizzazioni ideali per finanziare e condurre questo sono la fondazione americana per la prevenzione del suicidio e l'Associazione americana di suicidio. Questi studi aiuterebbero a informare la prevenzione, la sensibilizzazione e l'educazione. Fino a quando la società non si renderà conto della crisi di salute mentale che stanno affrontando gli adottati, continueremo a lottare in silenzio. Siamo una comunità invisibile e oppressa che lotta letteralmente per le nostre vite. Abbiamo un disperato bisogno di sostegno e prevenzione del suicidio. 

Volevo rendere omaggio e onorare i due adottati che sono morti questo mese. Erano entrambi adottati transrazziali internazionali. È fondamentale sottolineare che esiste un legame tra questo e le lotte per la salute mentale, il razzismo e il suicidio. Molti di noi sperimentano microaggressioni e razzismo perché non siamo bianchi. Queste esperienze hanno un impatto sulla nostra salute mentale. I genitori adottivi non hanno idea di cosa significhi in quanto non sperimentano questi incidenti e molti preferiscono non vedere la nostra razza in modo che non ci aiuti. Alcuni genitori adottivi perpetuano il razzismo e le microaggressioni che incidono sulla nostra salute mentale. 

Alejandro Gobright è morto il 2 giugno. È stato adottato dal Guatemala negli Stati Uniti. È descritto da un tributo che ho letto come "un grande cantante, poeta e amico incredibile".

Seid Visin morì il 4 giugno. Fu adottato dall'Etiopia in Italia. Ha giocato nelle giovanili del Milan e del Benevento. Ha spiegato in una lettera prima della sua morte suicida come soffriva di continui abusi e trattamenti razziali. È essenziale sottolineare che suo padre adottivo ha fatto di tutto per sottolineare dopo la morte di Seid che il razzismo non ha avuto un ruolo nella sua morte. Questo è un chiaro esempio di un genitore adottivo che ignora, non ascolta e non vuole affrontare le difficoltà che Seid stava affrontando.

Sono estremamente triste e arrabbiato ogni volta che scrivo di suicidi di adottati. Queste morti hanno un impatto sull'intera comunità degli adottati. Alejandro e Seid sono una parte di tutti noi. Ci sono all'incirca dai cinque ai sette milioni di adottati nel mondo ed è ora che si inizi a parlare di suicidio degli adottati. 

Leggi gli altri articoli di Lina su Adoptee Suicide, Parte 1 & Parte 2.

Altre risorse sul suicidio degli adottati

Affrontare il suicidio dell'adottato
Pagina commemorativa dell'ICAV
Giornata della memoria degli adottati
È una settimana nera per gli adottati in Europa
In memoria di Seid Visin

In memoria di Seid Visin

Di Mark Hagland, Adottato internazionale sudcoreano cresciuto negli USA, co-fondatore di Prospettive di adozione transrazziale (un gruppo di genitori adottivi per imparare dall'esperienza vissuta), e autore di Viaggio straordinario: il percorso permanente dell'adottato transrazziale

Cosa stiamo imparando

Nei giorni scorsi, da quando, il 4 giugno, è trapelata la notizia che il ventenne Seid Visin si era suicidato, la stampa italiana ed europea hanno pubblicato articoli e trasmettere segmenti sulla sua morte, con una buona dose di incredulità e confusione. Ci sono una serie di ragioni per la confusione, alcune delle quali giornalistiche - domande sulla dichiarazione che aveva apparentemente fatto un paio di anni fa al suo terapeuta, rispetto a ciò che potrebbe essere successo nella sua vita più di recente - ma soprattutto, a causa delle dichiarazioni rilasciate dai suoi genitori Walter e Maddalena.

Walter e Maddalena adottarono Seid all'età di sette anni; è cresciuto nella loro casa a Nocera Inferiore, un sobborgo di Napoli. Posso capire che sono profondamente confusi da quello che è successo; ma mi è anche chiaro che, nonostante le loro buone intenzioni, non hanno alcuna comprensione della sua angoscia per il razzismo che ha continuato a sperimentare. Ho appena visto un'intervista con un programma televisivo italiano chiamato "Approfondimento Focus", in cui continuavano a ripetere quanto fosse felice, come i suoi recenti problemi psicologici fossero collegati al blocco COVID, che incolpavano della sua recente depressione e come non aveva alcun interesse per il suo background etiope. Hanno anche ripetutamente negato che il razzismo avesse qualcosa a che fare con il disagio emotivo del figlio.

Quest'ultima serie di dichiarazioni da parte dei genitori di Seid mi ha davvero colpito in molti modi diversi, soprattutto visti gli stralci del testo di quella lettera al suo terapeuta di (apparentemente) un paio di anni fa, che sono stati rilasciati. Per questo, il Corriere della Sera ha ottenuto una lettera che Seid Visin ha scritto al suo terapeuta due anni fa, e Rolling Stone Italia l'ha pubblicata. In esso, Seid ha scritto che: "Ovunque io vada, ovunque io sia, sento il peso degli sguardi scettici, prevenuti, disgustati e spaventati delle persone sulle mie spalle come un macigno". Scriveva che si vergognava “di essere nero, come se avessi paura di essere scambiato per un immigrato, come se dovessi dimostrare a chi non mi conosceva, che ero come loro, che ero italiano, bianco." Questa sensazione lo portava a fare “scherzi di cattivo gusto su neri e immigrati (…) come a sottolineare che non ero uno di loro. Ma era paura. La paura dell'odio che ho visto negli occhi della gente verso gli immigrati”.

Come ha scritto un giornalista sportivo su Le Parisien, “La sua morte ha suscitato grande emozione in Italia. Nel 2019 il giovane ha fatto notare il razzismo di cui era vittima, scrivendo un post sui social in cui esprimeva il suo disagio. "Alcuni mesi fa sono riuscito a trovare un lavoro, che ho dovuto lasciare perché troppe persone, per lo più anziane, si sono rifiutate di essere servite da me", ha detto. Mi hanno anche accusato del fatto che molti giovani italiani non riuscivano a trovare lavoro. I genitori adottivi della vittima, però, hanno voluto fornire dettagli. 'Il gesto di Seid non deriva da episodi di razzismo', hanno detto alla stampa italiana”.

Ecco il testo della lettera; la sua data esatta non è certa, e c'è confusione su quando sia stato scritto - o molto recentemente, o circa due anni fa - ma in ogni caso, eccolo qui:

“Non sono un immigrato, ma sono stato adottato da bambino. Ricordo che tutti mi amavano. Ovunque andassi, tutti si rivolgevano a me con gioia, rispetto e curiosità. Ora, quell'atmosfera di pace idilliaca sembra molto lontana. Sembra misticamente. tutto era invertito. Adesso, ovunque io vada, sento sulle spalle il peso di sguardi scettici, disgustati e spaventati. Ero riuscita a trovare un lavoro che dovevo lasciare perché troppe persone, soprattutto anziani, si rifiutavano di essere accuditi da me. E come se non mi bastasse, mi accusavano di essere responsabile di molti giovani italiani (bianchi) che non trovavano lavoro. Dopo questa esperienza, qualcosa è cambiato dentro di me. Come se mi vergognassi di essere nero, come se avessi paura che qualcuno mi scambiasse per un immigrato. Come se dovesse dimostrare a persone che non sapeva di essere come loro, di essere italiano.

Ho persino fatto battute sgradevoli su neri e immigrati, come per sottolineare che non ero uno di loro. L'unica cosa che spiegava il mio comportamento era la paura. La paura dell'odio che vedeva negli occhi della gente verso gli immigrati. La paura del disprezzo che ho provato sulla bocca delle persone, anche dei miei parenti, che malinconicamente invocavano Mussolini e il 'capitano Salvini'. Non voglio implorare compassione o pietà. Voglio solo ricordare a me stessa il disagio e la sofferenza che sto vivendo. Sono una goccia d'acqua accanto all'oceano di sofferenza che sta vivendo chi preferisce morire per continuare a vivere nella miseria e nell'inferno. Quelle persone che rischiano la vita, e quelle che l'hanno già persa, solo per curiosare in giro, per assaporare quella che chiamiamo semplicemente 'vita'”.

Un paio di note molto importanti qui. In primo luogo, è abbastanza significativo che Seid faccia esplicito riferimento non a Mussolini, ma anche a Matteo Salvini, ex vicepresidente del Consiglio e ancora attuale senatore al Parlamento italiano, che è segretario della Lega Nord, che è un diritto -ala razzista, partito politico xenofobo, i cui sostenitori sono praticamente l'equivalente dei sostenitori di Donald Trump negli Stati Uniti. Negli ultimi quindici anni in Italia c'è stata una massiccia ondata di espressioni di razzismo e xenofobia in Italia, e la xenofobia razzista è esplosa negli ultimi anni, in particolare perché molte migliaia di neri africani sono entrati in Italia come rifugiati di guerra , conflitti e povertà in Africa. In secondo luogo, nella lettera di cui sopra, ha chiarito in modo estremamente chiaro che era profondamente angosciato dal razzismo che stava vivendo.

È interessante notare che sua madre Maddalena, in quell'intervista trasmessa sul programma "Approfondimento Focus", continuava a sottolineare che Seid era stato recentemente depresso a causa dell'isolamento imposto a lui e ad altri durante il lockdown di questa primavera. Ovviamente, raramente c'è una sola causa di suicidio. Seid avrebbe potuto certamente essere depresso durante il blocco nazionale in Italia questa primavera. Ma ciò non nega assolutamente la sua estrema angoscia per la sua esperienza vissuta di razzismo.

Riflettendo su tutto questo, vedo una situazione tragicamente classica per un giovane adulto transrazziale, adottato all'estero, un giovane che era razzialmente e socialmente isolato, che stava vivendo un continuo razzismo e i cui genitori, da quello che possiamo dire, negavano il razzismo che stava vivendo e il disagio che stava vivendo a causa di esso.

Un'altra tragica perdita dell'ennesima vita di adottati transrazziali internazionali.

Condivido un post di La Repubblica, con un link a un selfie-video (che da allora è stato rimosso, quindi posto questo uno invece) in cui Seid si diverte a ballare.

Possa il ricordo di Seid e della sua vita essere una benedizione.

Risorse correlate

Pagina commemorativa dell'ICAV

Leggi il contributo di Mark Hagland all'altro post di ICAV: Possiamo ignorare o negare che esiste il razzismo per gli adottanti del colore?

Dobbiamo parlare del suicidio degli adottati, ora

Affrontare la perdita del suicidio dell'adozione

di Lina Vanegas adottato dalla Colombia negli USA, RSU.

Opere di Adriana Alvarez

Ho perso due persone nella mia vita per suicidio, il padre dei miei figli che era anche il mio ex marito e mia madre. Il padre dei miei figli è stato adottato e mia madre è stata colpita dall'adozione perché ha perso me per l'adozione. Entrambi purtroppo corrispondono alle statistiche. Gli adottati hanno quattro volte più probabilità di tentare il suicidio. Direi che le mamme (prime madri, madri originali, mamme naturali) hanno anche alti tassi di tentativi di suicidio.

Sono un adottato transrazziale e internazionale che è stato adottato da Bogotà, in Colombia e ho vissuto la maggior parte della mia vita nel Michigan negli Stati Uniti. La perdita per suicidio è una morte come nessun'altra. Non è come un incidente d'auto, un infarto o un cancro in cui c'è una chiara spiegazione di come qualcuno è morto. Le persone che muoiono per suicidio stanno lottando immensamente. Non c'è chiusura con questa morte. Anche il suicidio è fortemente stigmatizzato, la gente non ne vuole parlare e molti giudicano la morte. La perdita per suicidio per noi adottati è ulteriormente aggravata e amplificata con tutta la perdita e il dolore che abbiamo già sperimentato e può innescare molti dei problemi di cui soffriamo in relazione all'adozione. 

Se stai leggendo questo e hai perso qualcuno per suicidio, voglio che tu sappia che non sei solo e che mi dispiace molto che tu stia vivendo questa perdita orrendamente dolorosa. Voglio anche che tu sappia che non è colpa tua. Non c'è niente che avresti potuto fare o avresti dovuto fare. La persona che è morta soffriva tanto. Potresti anche leggere questo e essere rimasto scioccato dalla morte della persona perché non avevi idea che stesse soffrendo e forse sembravano felici e come se tutto andasse bene. Non è ancora colpa tua. Per favore, non incolpare te stesso e non trattenere alcun senso di colpa. È estremamente doloroso sapere o apprendere che la persona amata stava soffrendo così tanto.

Una cosa che ho imparato è che alcuni giorni sono più difficili di altri. Mi ha aiutato a sapere che posso spezzare le mie giornate e posso prenderle momento per momento, minuto per minuto o ora per ora o un giorno alla volta come dice il famoso slogan degli Alcolisti Anonimi (AA). Il primo anno per me è stato completamente sfocato. Sembrava trascinarsi per sempre e avevo fretta di lasciarmi tutto alle spalle perché era così doloroso e difficile. Onestamente, non riesco a ricordare molto perché ero molto scioccato. Per favore, sii paziente, gentile e gentile con te stesso se hai subito una perdita suicida. La perdita per suicidio è una perdita così dolorosa e che cambia la vita. Il primo anno di perdita è stato davvero difficile perché tutto diventa un primo senza di loro. 

Alcuni dei giorni più difficili per me sono il compleanno della persona, l'anniversario della sua morte e le vacanze. Ho imparato a sedermi con le mie emozioni e a sentirle. Mi concedo il permesso di piangere e piangere se questo è ciò che deve accadere. Se qualcosa era troppo difficile, allora creavo una nuova tradizione o decidevo di non farlo. Poi ci sono momenti in cui crollo semplicemente perché qualcosa mi ha fatto scattare e sono tornato a sentire il mio dolore. Il dolore è un viaggio, fluisce e rifluisce. Non è lineare e non c'è una data di scadenza. Per favore, non permettere a nessuno di dirti diversamente o di spingerti a superarlo o a guarire in un certo lasso di tempo. Tutti soffriamo in modo diverso e il dolore non è un'esperienza unica. 

Opera di Nicholas Down

È stato un vero viaggio per me trovare modi per farcela e iniziare a guarire. La perdita per suicidio ha davvero cambiato il modo in cui ho visto la vita. Ora vedo che la vita è breve e fugace e che ogni giorno non è promesso. Ho scelto di usare la perdita di mia madre come slancio per aiutarmi a vivere la mia vita in onore di lei. Mi sforzo di trasformare il mio dolore in uno scopo, un percorso e potere. Ci sono stati molti modi che ho trovato per aiutarmi a farcela e che voglio condividere con voi.

Per me, sedermi con i miei sentimenti e sentirli veramente è stato molto utile. Piangere, urlare e letteralmente perdere il fiato, singhiozzare e avere quel profondo pianto dell'anima ha aiutato il mio dolore e il mio lutto. Anche per me la terapia è stata fondamentale. È davvero utile avere uno spazio sicuro e non giudicante che sia solo per me. È importante trovare un terapeuta che lavori esclusivamente con i traumi e idealmente qualcuno che sia competente per l'adozione. Molti terapeuti onestamente non hanno studiato l'adozione, quindi è difficile per loro capirci veramente.

Sono un avido lettore e per me leggere e ricercare mi ha dato risposte e mi ha aiutato a capire. Mi sono buttato nella lettura e nella ricerca del suicidio. Per me era importante capire il suicidio in modo da poter dare un senso alle cose. Ho letto molto di altri sopravvissuti alla perdita di suicidio, il che è stato davvero essenziale perché potevo relazionarmi con quello che stavano dicendo e potevo imparare come hanno affrontato e guarito. L'altro gruppo che era davvero importante leggere e ascoltare era quello dei sopravvissuti al tentativo di suicidio. Mi ha aiutato ad essere in grado di acquisire una comprensione più profonda del suicidio e delle lotte per la salute mentale. Mi ha anche dato un'idea di come posso aiutare le persone che soffrono di idee suicide.

 Mi sono unito a un gruppo di supporto al lutto e a un gruppo di supporto per le vittime di suicidio. Entrambi questi gruppi mi hanno permesso di connettermi con altre persone che stavano vivendo le mie stesse cose e non avevo bisogno di spiegarmi. Ho fatto amicizia, ho pianto, ho riso ma soprattutto ho capito che non ero solo e mi sono sentito visto, ascoltato e convalidato. Frequento anche un gruppo di adozione che è stato utile perché molti adottati hanno anche a che fare con la perdita dei suicidi. È stato utile parlare con altri adottati della perdita per suicidio. Puoi cercare un gruppo online e l'accessibilità dovrebbe essere più semplice ora che la maggior parte dei gruppi viene eseguita virtualmente. 

Anche partecipare a eventi come le passeggiate che raccolgono fondi per la prevenzione del suicidio o partecipare alla Giornata internazionale della perdita dei sopravvissuti al suicidio che si tiene a novembre è molto utile. Ancora una volta, sono stato in grado di rendermi conto che non sono solo e mi sono sentito parte di un pezzo più grande. È stimolante vedere che vengono raccolti fondi per aiutare a prevenire il suicidio, finanziare la ricerca e anche catartico. 

Anche movimenti come la corsa, la bicicletta, la camminata e lo yoga mi hanno aiutato a farcela perché sono uno sbocco in cui posso liberare e incanalare le mie emozioni. La meditazione è stata fantastica perché mi ha permesso di rallentare ed essere presente nel mio corpo. Il diario e la scrittura sono stati il mio sbocco creativo per elaborare e affrontare la perdita suicida. Anche assicurarmi di seguire una dieta equilibrata e di dormire a sufficienza è stato davvero utile. Il pezzo per la cura di sé è davvero importante e avrà un aspetto diverso per tutti. Per favore, fai qualcosa per te che ti piace fare. 

I social media sono anche un ottimo modo per entrare in contatto con altri sopravvissuti a un suicidio. Ci sono molti gruppi e organizzazioni a cui puoi unirti. Ci sono anche molti blog, podcast e articoli su problemi di salute mentale che discutono di suicidio che sono grandi risorse. 

Sono passati quasi 7 anni dalla mia prima perdita suicida e poco più di 2 dalla morte di mia madre, quindi è stato un periodo di tempo decente e non un lungo periodo di tempo. Sono in un luogo in cui voglio condividere la mia storia, sia che si tratti di uno contro uno, di un gruppo o attraverso la scrittura. Questo non è qualcosa che avrei potuto fare all'inizio perché era così doloroso e stavo ancora elaborando tutto. Ora scopro che condividere la mia storia mi ha davvero aiutato a far fronte e ad essere in grado di aiutare gli altri.

Ho fatto uno sforzo per incorporare le persone che si sono perse nella mia vita quotidiana. Ho acquistato ornamenti in loro onore per il mio albero di Natale, ho incorniciato loro foto per la mia casa, acquisto regolarmente fiori in onore di mia madre, accendo candele e preparo il loro cibo preferito durante le vacanze o in qualsiasi altro momento. Sto pensando di farmi un tatuaggio in onore di mia madre in modo che sia sempre simbolicamente lì con me. È stato rassicurante per me incorporarli nella mia vita quotidiana. Alcune altre idee a cui ho pensato sono, piantare un albero o una pianta per la persona, puoi mettere loro un posto a tavola, puoi comprare o creare qualche tipo di arte che possa essere in suo onore, puoi comprare o fare una sciarpa o qualcosa da indossare che li simbolizzi. 

Voglio che ricordi che il suicidio della persona amata non è colpa tua. Non sei il solo a perdere qualcuno per suicidio.

Per favore, abbi cura di te e ricorda che ci sono risorse per aiutarti a farcela. Sii gentile e gentile con te stesso.

Altre risorse sul suicidio degli adottati

Affrontare il suicidio dell'adottato
Pagina commemorativa dell'ICAV
Giornata della memoria degli adottati
È una settimana nera per gli adottati in Europa

Italiano
%%piè di pagina%%