Un Adottivo condivide la terapia EMDR

di Gabriela Paulsen, adopted from Romania to Denmark.

EMDR Therapy Changed My Life!

Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR) therapy for me, involved the therapist moving 2 fingers in front of my head so the eyes are moving side to side, while I was thinking about a trauma event. The stimuli can also be something I hold in my hand which is vibrating or it can be tapping done by the therapist. The eye movements help the brain to take up the trauma and reprocess it again, so it does not disturb me in daily life. During the eye movements, I sometimes had different reactions such as crying or maybe some body sensations like getting hot or fast breathing because my body experiences the trauma event again. There can many kind of different reactions and the tricky part is that I had no idea how I would react until I tried it!

In my case, I wanted to work with a trauma I had from my time in Romania as an orphan, I think it was from the orphanage, but I am not completely sure as it could also be a memory from my time in hospital.

My trauma was a memory I only got when I was sleeping and when the trauma was about to occur it felt like I might pass out and loose control. In that moment I knew that I would relive the trauma event again. I experienced the nightmare quite often as a teenager. The last time it happened, was around 10 years ago, just before I turned 17-18 years old. The trauma event felt extremely real. I was very scared and after I woke up, I was completely paralysed with fear. I had always thought this was something real, so when my therapist recommended EMDR therapy for me, I said yes and we started to work with this trauma. I only have my nightmare to work from, so it was not much. I had absolutely no idea whether I would react or not and it was actually quite difficult to think about such an old memory during the eye movements!

Session 1
On my first session of EMDR, it took a while before I started to react. I started to sit as if paralysed, I could only look straight forward and talked more slowly because it felt like I was put into a hypnotic state of mind. I then started to remember more of the trauma and I starting to breath faster even though it felt like I was holding my breath. My body was definitely starting to prepare for the trauma event memories and I felt very alert.

After that session, my brain continued to work with the trauma, which is expected. I could feel it because I was very alert, I was scared of being in a dark room and of some gloves I had because they are a symbol of a hand. During a work day, there was a potentially dangerous situation of a woman who was very threatening towards one of my colleagues, who reacted with aggression. I got extremely tense because of that and I was breathing like hell because I was ready to fight. It was a huge and shocking reaction I had and I couldn’t talk properly because of my breathing, so I had to take 5 minutes break to calm myself.

Session 2
I had problems getting my mind to go back into the trauma so my therapist and I had a short break from the eye movements to relax and help me get back into it. After a while I started to react with the paralysed / hypnotic state of mind and quick breathing but within myself, it felt silent and it appears like I am not breathing. After a while, I wanted to move my arm but directly afterwards I regretted this because I immediately felt like I did something wrong. Later, I started to remember more, it was like a part of me was revisiting the traumatic event. It was very interesting to explore because I got new information about my trauma. After going deeper and deeper into the trauma my breathing got faster and faster and suddenly I felt like I was about to break down into tears. I continued for a few minutes more and then I stopped doing the eye movements because I got very sad, I was crying and then my breathing was changing to be very big and deep, from within my stomach. I could feel my bones in my back so much from the heavy breathing. During this, I experienced the most insane feelings inside of me whilst my tears were running freely.

I didn’t understand at the time what happened because my brain was in the present and yet my body was reliving the trauma I had experienced. It was very hard to feel the trauma again. I thought that I must have looked like a person getting raped or tortured. It was a completely insane experience and afterwards I felt very confused about what happened and I asked my therapist to explain it to me.

Afterwards, I was extremely tired and my whole body felt very heavy. My muscles in my arms felt like they had lifted something way too heavy! I was also very alert and the rest of the day and the next 3-4 days, I was in this stressful state of mind. I would feel suddenly deep sorrow and tiredness several times a day without knowing why. It was literally like something was hurting inside me several times a day and like something wanted to come out of my body but I was with family, so I worked very hard to not break down and at the same time, I felt like I couldn’t get the emotions out either. It was very confusing. I also started to not like high noises and I felt scared if there where many people too close around me, like when I was on public transport. I usually do not have such problems. I was still scared of darkness and sometimes I got scared without knowing why. One of the times I was scared I was thinking about the woman who had caused my trauma.

I felt like I didn’t want to sleep after I have my nightmare about my trauma, because I was so scared!

Session 3
After 3 weeks, I was going to do EMDR again and I was very nervous and exciting about what would happened. The night before therapy I had a very short nightmare again which had not happened for around 10 years! This time, it was like I was further in the trauma event as compared to in the past, I had only ever dreamed as if I was at the beginning. In the nightmare some people were about to do something that I definitely didn’t like and I was thinking “stop”, so the nightmare ended extremely short. It felt like a few seconds but it was enough for me to feel again how I actually felt during the trauma event from years past. The next day, I was very stressed and actually scared.

During EMDR therapy session after this, I felt like my eyes were working against me, not wanting to participate. So I talked with my therapist about how I had completely closed down because of the nightmare. I didn’t have huge reactions during that session nor the next 2 sessions. In the last EMDR session, I could nearly get the image of the trauma event in my mind and I no longer felt scared – it was as if the trauma no longer affected me as powerfully as before. Between the sessions, I have felt very bad mentally but one day, it was like gone completely and I felt much happier, more relaxed and not as chronically tense. I also stopped having problems sleeping in a dark room – in the past, a completely dark room signalled that the re-lived trauma would occur.

In the past and prior to doing EMDR therapy, I would get anxiety from the outside getting dark, or having many people around me and high noises. Now all of these things are no longer a problem so I feel like I can go on living as myself once again. My friends have also told me that I seem more relaxed and most importantly, I feel a huge difference in my life!

I can highly recommend EMDR therapy for adoptees especially when it comes to trauma that the body remembers. I feel like I have healed my body and let out a terrible experience. Before EMDR therapy, I didn’t understand that my body was reliving such huge trauma all the time and how much it was impacting me.

risorse

Trovare la giusta terapia da adottante

Screening for an adoption competent therapist

Dipingendo il mio io infantile

di JS Lee, adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti, autore e artista.

Quando ero in Corea nel 2006, mi sono recato a Daegu per vedere i terreni dell'ospedale dove presumibilmente sono stato trovato abbandonato. Vagando senza meta, speravo in qualcosa che mi sentisse familiare, nonostante fossero passati decenni. Questo dipinto è stato ispirato dalla foto che ho scattato durante il mio viaggio.

Mentre dipingo il mio sé infantile sembra piuttosto triste, è stato fantastico, quasi come se avessi viaggiato indietro nel tempo per dirle che ora era nelle mie mani sicure.

Puoi seguire altri lavori di JS Lee su di lei sito web.

Il lutto per il figlio del passato

A novembre 2021, mi è stato chiesto dal Dipartimento australiano dei servizi sociali, per reperire opere d'arte di adottati all'estero che si adattassero alle loro opere d'arte per una revisione della letteratura che hanno finanziato rivedendo la ricerca disponibile su Adoption and Suicide.

L'ICAV ha contattato vari artisti adottati noti per il loro lavoro da ICAV e ha chiesto se desideravano presentare dei pezzi. Dan, un filippino adottato negli Stati Uniti, solo poche settimane prima si era unito alla rete ICAV e avevo visto le sue opere d'arte come parte della sua conoscenza. La sua opera d'arte mi ha sbalordito per la sua profondità e intensità. Quindi gli ho chiesto di condividerlo con tutti voi qui. L'opera d'arte è un mezzo così potente per ritrarre l'esperienza vissuta dell'adottato! Spero che ti piacciano i prossimi 3 blog in cui condividiamo l'incredibile talento di Dan, la sua opera d'arte e il significato dietro ogni pezzo. Ti presenta la sua serie in 3 parti, tutte relative all'essere un adottato internazionale filippino.

di Dan R Moen, adottato dalle Filippine negli USA.

Il lutto per il figlio del passato

Questo rappresenta sia il mio presente che il mio passato che attraversano simultaneamente un tumulto emotivo. Il bambino è suggerito di essere nudo in rappresentazione di essere completamente vulnerabile. Con entrambe le braccia che circondano la forma adulta di se stesso, il bambino non desidera altro che essere amato, protetto e... non sentirti orfano—un vero senso di appartenenza.

L'adulto, tuttavia, rappresenta il mio attuale io adulto. L'abbigliamento del vecchio mondo/Vittoriano/Edoardiano rappresenta una connessione con la storia; l'amore per lo studio e l'apprendimento dai nostri antenati e la passione per coloro che sono venuti prima, ignorando completamente il bambino nel presente. Il gilet rosso rappresenta l'amore ma è coperto e non svelato dalla redingote parzialmente chiusa. Sta distogliendo lo sguardo dal bambino suggerendo che c'è una disconnessione. Sta guardando verso l'oscurità sapendo che il mondo non è tutto splendente e glorioso. Anche lui è in lutto, ma non si connette completamente al bambino. Un braccio è avvolto attorno al bambino suggerendo che c'è una piccola connessione con il suo io passato, ma l'altra mano è completamente in tasca a suggerire che c'è un senso di distacco, inclusa la dissonanza cognitiva, il bisogno di crescere e andare avanti. Sta mostrando il tumulto interiore di accettare l'idea di "questa è solo la vita" - mentre, allo stesso tempo, non si concede il permesso di piangere completamente con il figlio passato.

Intorno a loro ci sono diversi colori che suggeriscono fuoco di significati. I verdi scuri rappresentano le foreste che ho visitato per tutto il 2020 e tutti i luoghi segreti in cui mi piace andare per guarire. Molti di questi luoghi erano fuori dai percorsi naturalistici e, per visitarli, avrebbero dovuto camminare in profondità nei boschi per trovare questi luoghi.

Il rosso rappresenta il sangue di chi è morto per mano della cattiva politica, della politica, del razzismo, dell'ignoranza e del Covid-19. Così come il bianco, che rappresenta gli innumerevoli spiriti e anime che sono passati nell'aldilà.

Il giallo rappresenta il fuoco con il caos e il cambiamento. Ci sono accenni di vernice metallizzata dorata che suggeriscono l'idea che ci sia guarigione all'interno del caos, ma dipende dalle prospettive individuali. Questo è rappresentato fisicamente dallo spettatore poiché l'angolo con cui stai guardando il dipinto determina la visibilità della vernice metallica. Quindi, quando più persone guardano il dipinto contemporaneamente, alcune vedranno la vernice metallica mentre altre non la vedranno, questo è il punto.

Molti di noi, da adulti, a volte dimenticano che le emozioni crude che proviamo sono umane, semplicemente umane. Non è necessaria alcuna logica nel momento del dolore. Molte delle nostre paure, dolori e profondi tumulti interiori provengono dal nostro passato e, a volte, piangiamo la nostra infanzia, poiché non ci siamo dati il permesso di addolorarci completamente e provare queste emozioni crude. Dobbiamo darci quel permesso; qualsiasi consiglio da altri o opinioni da altri non saranno soddisfatte se non ci permettiamo di senti prima e convalidare come sentirsi internamente.

Anche tu sei importante. Sei #1 nella vita; dalla nascita al prossimo mondo – impara a vivere insieme a te stesso, non da solo.

Prossimamente, la seconda opera d'arte di Dan La mia prospettiva è importante? nella sua serie in 3 parti.

Per saperne di più su Dan e sul suo lavoro, dai un'occhiata al suo sito web.

Sulla strada del recupero

Sono un filippino americano adottato di 36 anni e la mia strada per riprendermi dall'essere rimasta orfana da bambina non è mai stata facile. Non avevo le risorse per tornare nelle Filippine per restaurare la mia eredità. Non ho mai avuto le risorse per riparare i problemi che ho avuto con il mio collocamento in adozione internazionale. Quindi, ho dovuto trovare soluzioni creative per riprendermi da tutto questo.

Non posso promettere consigli per salvare nessuno dalle complicazioni dell'essere adottati o adottati. Quello che posso fare è dare alcune soluzioni personali che ho trovato nella mia vita da adottato che mi hanno aiutato nel mio percorso di recupero dal mio viaggio di adozione internazionale.

5 cose che ho fatto per reclamare la mia vita da adottato

  1. Creare. Ho studiato prima scrittura e poi biblioteconomia e scienze dell'informazione. I miei interessi mi hanno portato a creare arte e prodotti informativi misti che mi hanno aiutato a dare voce alle perdite della mia vita transrazziale e a ristrutturare un nuovo senso di identità in modi innovativi. Potrei trasformare il mio dolore con l'arte e l'istruzione. Ad esempio, ho creato un archivio digitale che mostra il mio processo di adozione e l'identità biologica che ho perso quando sono nato orfano nelle Filippine nel 1985. Puoi visualizzare il mio archivio qui e il mio Instagram qui.
  2. Ritirarsi serenamente. Tra l'incudine e il martello, dovevo scegliere ciò che era meglio per me psicologicamente ed emotivamente. Ho iniziato a ritirarmi dalla norma nei miei primi vent'anni. Mi sono separato dalla mia famiglia adottiva attraverso il distanziamento geografico e sociale. Mi sono ritirato da tutte le relazioni passate che mi hanno fallito in passato e dalle cattive relazioni che ho avuto. Mi sono trasferito alle Hawaii a trent'anni, un luogo in cui ero stato misteriosamente chiamato per anni. Ecco, ho lasciato andare. Ma nonostante abbia lasciato andare, non ho mai rinunciato a me stesso, all'amore che ho per la vita, ai miei ideali o al mondo che mi circonda. E per mantenermi bene alle Hawaii, ho continuato le mie pratiche di meditazione e terapie olistiche.
  3. Concentrandosi sul lavoro. Ci sono percorsi nel buddismo in cui si può praticare la meditazione in modo ottimale e raggiungere la liberazione attraverso un lavoro e una fatica intensi. Il lavoro è stata la migliore pratica per me. Il lavoro si rivolge alla mia personalità studiosa. È il miglior sfogo fisico, emotivo e psicologico. Riesco a ricostruire un senso di identità anche nel lavoro.
  4. Essere coinvolti nelle comunità. Sono stato coinvolto con comunità di supporto e gruppi di supporto. Gravito verso persone che praticano la meditazione, persone dedite all'arte o all'apprendimento o attività senza scopo di lucro. Mi piace far parte di reti di supporto con le persone. faccio domande. mi offro volontario. Mi piace credere di ristrutturare i legami spezzati della mia storia facendomi coinvolgere oggi. Far parte di comunità mi aiuta a coltivare un senso di appartenenza. Costruisco una base positiva intorno a me e sostengo le strutture.
  5. Prendersi cura delle mie relazioni oggi. Le relazioni mi tengono regolato nella mia vita quotidiana. I miei rapporti includono quelli non convenzionali come prendersi cura delle mie piante, del mio gatto, dei rapporti di lavoro e con me stesso. Ho iniziato a consigliare gli adottati su base regolare per coltivare un rapporto migliore che ho con me stesso e il mio mondo di adottati. Sto anche tornando dalla mia famiglia adottiva questo Natale per visitare e aiutare a guarire i miei rapporti con loro. Le mie relazioni mi aiutano a stare bene nella vita oggi.

Sì, sento ancora gli echi dei miei legami spezzati che influenzano la mia vita oggi. Soffro ancora di essere nato nella povertà indigente nelle Filippine tanto tempo fa. Sogno ancora il fratello americano filippino più grande che ho perso in questa esperienza di adozione internazionale. Porto ancora il vuoto in cui le voci della mia famiglia biologica sono scomparse per sempre. Non c'è una risposta facile per riprendersi da questi paradossi.

Nonostante tutto, so che sto trovando la mia strada giorno dopo giorno. Sono uscito dalla nebbia, ed è stata una buona cosa.

Leggi di più da Stefania:
Ricostruire identità e patrimonio
L'appello di un filippino adottato per non essere cancellato

Musica ispirata alle mie origini boliviane di adozione

di Jo R. Helsper adottato dalla Bolivia alla Germania.

Ispirazione per la mia musica

Sono interessato alla musica dal giorno in cui sono stato adottato in Germania. Mi piace dire che sono nato con la musica nel sangue . Ho iniziato a suonare strumenti di musica classica e ho provato molti altri strumenti, come pianoforte, clarinetto, chitarra e così via.

Durante la mia infanzia, abbiamo avuto un incontro semestrale organizzato dai nostri genitori adottivi tedeschi, dove noi adottati boliviani potevamo incontrarci, conoscere le nostre stesse radici e anche così i genitori potevano parlare dei temi dell'adozione. Quando avevo circa 6 o 7 anni, i nostri genitori hanno invitato un gruppo musicale boliviano per il nostro incontro. Quella è stata la prima volta che ho sentito la musica popolare boliviana in concerto. Prima di questo, l'avevo ascoltato solo tramite MC o CD, quindi ero assolutamente affascinato dal canto e dal suonare gli strumenti culturali e quello è stato il momento in cui ho deciso di suonare anche gli strumenti.

Sono assolutamente felice di essere stato adottato in Germania, ma imparare i miei strumenti nativi mi ha fatto sentire come se avessi un legame con la mia terra, da dove vengo, anche se non l'avevo mai vista prima. Così ho continuato a suonare, scrivere e cantare le canzoni della Bolivia.

Quando sono cresciuto ho imparato anche lo spagnolo. Capire il significato delle canzoni era importante anche per me perché cantare da solo non bastava. Volevo anche sapere cosa significavano le canzoni.

La mia ispirazione nella mia musica è il legame con la mia terra in cui sono nato e l'affascinante cultura degli indiani boliviani e delle montagne.

Non ho ancora visitato la Bolivia. Spero che un giorno andrò a visitare il mio vecchio orfanotrofio e la città dove sono nato. Quando suono, è come se fossi più vicino alla Bolivia e posso immaginare come inizia il tramonto sulle montagne e come il vento soffia sui campi. È anche un buon metodo per rilassarsi e dimenticare lo stress a volte.

Ascolta la musica della Bolivia di Jo:

Possiamo essere i nostri eroi

di Bina Mirjam de Boer, adottato dall'India ai Paesi Bassi, allenatore di adozione e formatore presso Adoptee & Foster Coaching (AFC). Questo è un seguito del Settimana nera in Europa.

traduzione inglese

Le ultime 2 settimane è come se fossimo sulle montagne russe all'interno della comunità di adozione in cui tutti i temi che sono passati negli ultimi anni erano sotto una lente di ingrandimento.

La perdita dei nostri compagni adottati ha colpito come una bomba, principalmente perché ha toccato parti di noi stessi, perché alla fine tutti abbiamo perso una parte di noi stessi attraverso l'abbandono e l'adozione.

Accettando e riconoscendo che sappiamo che la morte è qualcosa da cui di solito stiamo lontani, abbiamo bisogno di un eroe e dobbiamo diventare nostri. Normalmente la perdita non ha posto, abbiamo solo un occhio per sopravvivere ma quando riconosciamo la nostra perdita, riconosciamo anche le parti perdute dentro di noi.

Nell'ultima settimana, abbiamo sperimentato che non possiamo più ignorare la morte e ci motiviamo a vicenda per condividere e riconoscere il nostro dolore, paura e dolore. Esprimendo congiuntamente il desiderio di voler rimuovere il tabù sulla morte e sulla perdita, è stato creato uno spazio in cui entrambi i lati dell'adozione stanno iniziando ad avere un posto.

Non solo sopravviviamo, ma piangiamo e onoriamo apertamente le parti perdute dentro di noi. Lascia scorrere le lacrime che abbiamo avuto da bambini e la nostra parte infantile è finalmente liberata.

E con questo nasce anche la consapevolezza che possiamo abbracciare la morte e la vita perché poi la paura scompare e possiamo vivere di amore…

Olandese originale

De afgelopen 2 week is het of we binnen het adoptieveld in een achtbaan zaten waarin all thema's die in de afgelopen jaren voorbij zijn gekomen onder een vergrootglas lagen.

Het verlies van onze mede geadopteerden sloeg in als een bom. Voornamelijk omdat deze delen van onszelf raakte. Want uiteindelijk hebben wij allen een stukje van onszelf verloren door afstand en adoptie.

Maar het accepteren en erkennen dat ook wij de dood kennen, is iets waarvan wegblijven. Abbiamo avuto un paio di cose che abbiamo tenuto. Verlies aveva geen plaats noi hadden alleen oog voor het winnen, overleven. Want as we ons verlies erkenden, erkende we ook de gestorven delen in ons.

De afgelopen week hebben we ervaren dat we er nu niet meer om heen kunnen en motiveren elkaar om onze pijn, angst en verdriet te delen, te erkennen. Door gezamenlijk de wens uit te spreken dat we het taboe er af willen halen, is er een ruimte ontstaan waarin beide zijdes van de adoptie medaille een plaats beginnen te krijgen.

Waar we niet meer alleen overleven maar ook openlijk rouwen en de gestorven delen in ons eren. De tranen die we als kind hadden, laten we stromen en ons kinddeel wordt eindelijk bevrijd.

En hiermee is ook het besef geboren dat we de dood en het leven mogen omarmen. Want dan verdwijnt angst en kunnen we vanuit lieefde verder leven…

Famiglia e Natale

Questo è l'unico periodo dell'anno in cui mi viene in mente che non ho quella famiglia d'infanzia con ricordi e vicinanza incredibili. Ho sempre desiderato, come solo alcuni altri adottati possono sapere, quel senso di famiglia in cui mi sento desiderato, amato, amato profondamente. So che la mia famiglia, come tante altre, non è mai perfetta, ma più invecchio, più vedo la mia infanzia nella mia famiglia adottiva e posso solo ricordare il dolore che mi ha creato. L'adozione dovrebbe essere felice, no? È ciò che viene rappresentato. Ma so di aver avuto momenti di felicità nella mia - è così difficile da ricordare perché quando invecchio e rivivo tutto di nuovo attraverso i miei figli, mi rendo conto del livello di abbandono e trauma causato dalla mia famiglia adottiva, che avrebbe potuto stato evitato.

Come faccio a superarlo? Dovrei? O accetto che sarà sempre... sì, fa male sotto la superficie, trasuda dolore ogni volta che devo pensare alla "famiglia adottiva". Sono abbastanza grande ora per capire che questo dolore fa parte di ciò che sono. Non se ne andrà, ma posso sostenere e onorare ciò che ho dovuto fare, per superarlo: essere funzionale, stabile, amorevole.

Guarire non significa che il dolore si ferma e scompare. Guarire significa che sono arrivato ad accettare la verità. Non mi siedo più dentro annegando o reagendo. Ho imparato modi migliori per gestire le mie emozioni. Ho imparato ad avere dei limiti e a non dare oltre ciò che sono disposto a fare. Ho imparato che va bene rimanere fedele alle mie esigenze. Ho imparato ad accettare ciò che non può essere cambiato ma a cambiare ciò che posso. Posso accettarli così come sono e sapere che non sono capaci, anche se lo volessero. Devo darlo a me stesso. Amore, connessione, accettazione, nutrimento. 

Il Natale, come il Ringraziamento per gli americani, è un periodo in cui, come adottato, provo quei sentimenti tristi per quello che avrei potuto avere ma non ho avuto. So che la realtà delle riunioni è che anche la bio famiglia, se mai le trovo, molto probabilmente non sarà mai in grado di soddisfare il mio bisogno emotivo di "famiglia". Quindi, questo Natale, porterò i miei figli e mio marito vicino e farò tesoro di ogni momento che avrò con loro perché sono l'unica vera famiglia che avrò mai! Sono grato di essere stato in grado di guarire abbastanza da avere una relazione d'amore e diventare io stessa madre e dare ai miei figli ciò che non ho mai avuto. Questa è stata la benedizione della mia vita e sarà il mio obiettivo questo Natale!

Cicatrici da battaglia in adozione

di Mike, adottato da Hong Kong alla Nuova Zelanda.

Queste sono le mie cicatrici di battaglia di quando avevo circa 12-13 anni, fatte in questi periodi di vacanza. Mi deprimevo davvero guardando tutte quelle famiglie amorevoli con genitori che assomigliavano a loro, parlavano come loro, ecc. Non aiutava ero un maschio cinese con genitori bianchi.

Ogni volta che guardo i miei polsi sono grato di aver superato quei momenti. Mi ci è voluto fino all'età di 30 anni prima di affrontare davvero il mio disturbo da stress post-traumatico e la depressione a causa della mia adozione interrazziale e internazionale. Di tanto in tanto ho dei momenti in cui torno nel mio passato e penso a "ne è valsa la pena", vivendo la mia vita e arrivando dove sono oggi - sto meglio o avrei dovuto semplicemente finire la mia vita allora?

Immagino che una lezione da trarre da questo, non importa cosa fai come genitore adottivo - ci sono alcune cose di cui un bambino ha bisogno per imparare le risposte alle domande da solo. Non spetta a voi genitori dare loro la risposta in cui volete che credano e ascoltino.

L'altro di Mike ospite post all'ICAV

Lavorare attraverso il difficile processo come Adottato

di JoYi Rhyss adottato dalla Corea negli USA che lavora come terapista finanziato dallo Stato delle Hawaii per facilitare Workshop e formazione sul perdono consapevole e sulla guarigione attitudinale.

Questa è l'ultima foto della mia famiglia intatta: presto mio fratello è stato mandato via e alla fine sono finita in un orfanotrofio. Sono stato adottato dalla Corea all'età di 9 anni da una famiglia luterana bianca a Spring Grove, Minnesota, la più grande comunità norvegese negli Stati Uniti a quel tempo. La mia famiglia adottiva si è trasferita parecchio, rendendo ancora più difficile per me trovare connessioni. Ero una bambina triste, arrabbiata, sola, spaventata, piena di paura e poi donna e madre. Ho trovato mia madre e mio fratello biologici nel 2008 pensando che mi avrebbero guarito: è stata una riunione terribile e il mio dolore si è aggravato. Quando sono entrato nei miei 40 anni, ero esausto, sopraffatto e il mio desiderio di vivere era vicino allo 0 – come tante storie di adottati, ho pensato al suicidio. il. tempo.

Allo stesso tempo e decisamente ipocritamente, stavo lavorando nei servizi sociali in particolare con i giovani ad alto rischio parlando loro attraverso gli stessi sentimenti difficili che non riuscivo a gestire dentro di me. Ho avuto diversi momenti di resa dei conti che mi hanno portato a cercare la vera guarigione e la pace interiore. Non è un caso che mi sia trasferito alle Hawaii dove la legge "Aloha Spirit" è entrata in vigore nel 1986. Attraverso quella legge e la mia ricerca mirata, ora sono finanziato dallo Stato per fornire formazione per discutere di traumi e ridurre la sofferenza attraverso la consapevolezza, il perdono e la guarigione attitudinale. Ho lavorato con persone in tutti i settori della vita e questi corsi di formazione sono stati utili per molte persone incluso me.

Nulla è cambiato veramente nella mia vita tranne che ora sono in grado di sentirmi più connesso con me stesso e la mia comunità, mi sento più a mio agio e amore in un modo che non avevo mai capito prima - non è sicuramente una cura, ma avere abilità concrete per gestire il mio dolore è cambiato Tutto per me.

Uno dei problemi più grandi per me crescendo è stato sentirmi come se non avessi una voce, non avessi il diritto di provare rabbia o tristezza per la mia situazione - dover sempre essere grato con un sorriso ingessato, non importa quanto terribile fosse il mio famiglia adottiva era. Condividere la mia storia, lavorare attraverso il difficile processo e sentire pienamente è ciò che funziona per me e per molte persone e questo è ciò che offro agli altri.

Se desideri avere uno spazio per parlare della tua storia, apprendere nuove abilità per gestirti meglio, crescere in connessione con te stesso e gli altri per guarire, quindi contattami se hai domande per favore.

Aperture gratuite dei workshop zoom per gennaio 2021, contattami se sei interessato: https://forms.gle/stFXmtosY6ihFUMA6

Molti adottati come me sono qui fuori a combattere con le nostre ultime gocce di energia per il cambiamento: dobbiamo ricordarci di prenderci un momento per ricaricarci, riposarci, ricaricarci di energia in modo da non implodere. Spero di servirti in questo modo.

Chi sono?

da TLB, adottato dal Vietnam al Canada.

Assomiglio a mio padre o a mia madre? Qual è il mio vero nome? Quando sono nato? Chi sono veramente? Ho passato queste domande per tutta la vita e non sono sicuro di trovare mai la risposta.

Sono nato in Vietnam, adottato da una famiglia bianca in Canada nei primi anni '70. Sono in parte afroamericano e vietnamita ma sembro più afroamericano, e sono anche disabile fisico che ho contratto a causa della poliomielite e di una ferita da arma da fuoco (qualcosa che mi è stato detto da bambino, ma non sono sicuro che sia vero) . Ho sempre saputo di essere diverso crescendo, non per il colore della mia pelle ma perché ero disabile. Quando sono arrivato in Canada ho dovuto andare in ospedale per molti interventi chirurgici per raddrizzare le gambe e la schiena a causa della scoliosi. Quando sono tornato a casa dall'ospedale, è stato allora che ho sentito di non appartenere alla famiglia. Da bambino ero testardo e parlavo a malapena perché gli effetti di lasciare il Vietnam e di trovarmi in un ambiente diverso mi hanno sopraffatto.

Essendo un bambino disabile asiatico afroamericano, vivendo in un mondo bianco, sapevo di essere diverso e volevo così tanto integrarmi. In tenera età, sapevo che mia madre adottiva mi trattava in modo diverso dagli altri miei fratelli. Avevano altri due figli biologici insieme a un altro bambino adottato dalla Children's Aid Society, quindi ero la pecora nera della famiglia e quello era il mio soprannome per gli altri membri della famiglia e vicini. La mia madre adottiva non era la madre perfetta che tutti pensavano fosse a porte chiuse. L'uso della mia sedia a rotelle era vietato in casa, quindi dovevo sempre strisciare sul pavimento e sul tappeto, ma lasciare segni sul tappeto non sembrava buono e faceva sì che mia madre adottiva passasse sempre l'aspirapolvere, quindi ho dovuto spostare la mia camera da letto nel seminterrato – essere isolato dai miei fratelli. Ogni volta che i miei fratelli venivano a giocare con me, venivano rimandati di sopra e gli veniva detto di non giocare con la tua sorella "pecora nera". Essendo solo nel seminterrato, ho smesso di parlare e ho dovuto divertirmi da bambino. Dal non parlare, le mie corde vocali non si sono sviluppate bene, quindi ogni volta che andavo a scuola, avevo problemi a interagire con gli altri studenti ed ero vittima di bullismo ed etichettato come stupido.

Mia madre adottiva mi ha sempre detto che dovrei essere loro grato per avermi adottato. Ho sempre tenuto dentro i miei sentimenti perché se dicessi loro come mi sentivo davvero, sarei stato battuto. Dovevo sempre ringraziarla per avermi salvato la vita ogni volta che facevo qualcosa di sbagliato. La prima volta che ho detto "Vorrei che non mi avessi mai adottato" mia madre adottiva mi ha abusato emotivamente e fisicamente. A volte non mi importava cosa mi avesse fatto, ero più felice di stare nel mio guscio nell'armadio.

Non sono mai stato coinvolto in nessuna delle riunioni di famiglia o delle vacanze di famiglia. Mangerei sempre da solo dopo che tutti gli altri mangiarono. L'unico ricordo che non dimenticherò mai è stato quando la mia famiglia adottiva è andata via in Florida e non mi è stato permesso di andare perché mia madre adottiva ha detto che "i bambini neri e storpi non erano ammessi". Sono andato allo specchio e mi sono guardato. Volevo così tanto essere bianco che ho strofinato la mia pelle così forte ma è diventata rossa. Ho spinto la mia sedia a rotelle giù per le scale e ho cercato di alzarmi per camminare, invece sono caduta e sono rimasta distesa sul pavimento per giorni finché un vicino non mi ha trovato sanguinante. Invece di essere un buon vicino e aiutare una ragazza, si è approfittato di me per giorni mentre la mia famiglia era via a divertirsi. Quando la mia famiglia è tornata, ho cercato di dire a mia madre adottiva cosa era successo. Tutto quello che ha detto è stato: "Stavi cercando attenzione ed è quello che ti meritavi".

Volevo così tanto far parte della famiglia al punto che avrei accettato di pulire la casa. Mia madre adottiva mi presentava sempre ai suoi amici come la "cameriera nera del terzo paese". Mia madre adottiva mi ha abusato emotivamente continuando a dire che non mi ha mai voluto a causa della mia disabilità e del colore della mia pelle. Non pensava che sarei diventato "così scuro" e un bambino problematico che aveva bisogno di appuntamenti per la terapia. Tutto quello che volevo era rendere orgogliosa di me la mia madre adottiva, ma niente di quello che ho fatto l'ha mai soddisfatta. Ogni volta che i miei fratelli si mettevano nei guai, li difendevo e mentivo e rubavo per loro in modo che giocassero con me. C'erano volte in cui nascondevo il cibo di notte perché ero così affamato, ma ogni volta che venivo catturato, sono stato mandato nell'armadio per giorni. Niente di quello che ho fatto è stato abbastanza buono per mia madre adottiva.

Quando avevo 11 anni, mi è stato detto che avrei lasciato la famiglia e avrei passato qualche giorno da qualche altra parte. Non sapevo cosa avevo sbagliato. Quella notte sono rimasto sveglio tutta la notte a ripensare al giorno - cosa ho fatto per dispiacere alla mia madre adottiva. Tutto quello che mi ha detto è che sarei andata in un posto migliore che potesse prendersi cura del mio comportamento da "nera storpia". Ho pianto per tutto il tempo implorando mia madre adottiva che sarei stata una "brava ragazza". Quattro ore dopo fui portato in una grande casa di pietra con molte scale e altri bambini che correvano per il soggiorno. Mia madre adottiva mi ha detto che era solo per poche settimane e che la famiglia mi avrebbe aiutato con il mio comportamento. Per i giorni successivi, tutto ciò che ho fatto è stato sedermi vicino alla finestra aspettando il ritorno di mia madre adottiva. I giorni si sono trasformati in settimane e le settimane in mesi. Alla fine ho dovuto rendermi conto che stavo in questa casa e che nessuno sarebbe tornato per me.

Vivevo in una casa con altri 25 bambini. Ho cercato di integrarmi ed essere parte della famiglia, ma mi sentivo comunque un emarginato. Anche se non ero l'unico figlio disabile, sentivo di non appartenere. Ho scoperto che la madre adottiva di questa casa era la donna che ha aiutato i miei genitori adottivi ad adottarmi dal Vietnam. La madre adottiva aveva un'organizzazione che aiutava le famiglie canadesi e americane ad adottare bambini provenienti da paesi del terzo mondo dagli orfanotrofi che aveva aperto. Non ero l'unico bambino adottato e inviato alla famiglia affidataria. Negli anni, vivendo presso la famiglia affidataria, sono diventata una bambina riservata e tranquilla e durante la mia adolescenza volevo ancora sapere “chi sono io”? Ho chiesto alla madre adottiva se sapeva qualcosa della mia madre naturale e ogni volta che glielo chiedevo, la risposta era sempre: "Aspetta fino ai diciotto anni". Da allora ho lasciato in pace la domanda e ho cercato di vivere la mia adolescenza in casa.

Quando sono andato per la prima volta nella famiglia affidataria, sono stato messo in una scuola con altri bambini disabili, ma ho sentito che non era per me. Volevo essere indipendente ed essere lasciata in pace, quindi sono diventata molto testarda soprattutto durante le sessioni di terapia. Avere terapisti che mi sollevavano le gambe e cercavano di allungarle non funzionava per me, cercavano di farmi usare bretelle e stampelle, decisamente non lo volevo. Quindi alla fine hanno deciso che usassi una sedia a rotelle sportiva e che libertà mi sentivo!! L'uso della sedia a rotelle ha rafforzato le mie braccia da adolescente e sono diventato molto forte, durante la ricreazione. Mentre altri bambini erano in terapia, mi trovavo in palestra a far rimbalzare i palloni da basket. Questo è quando un allenatore sportivo mi ha visto lanciare il mio primo canestro e mi ha chiesto: "Vuoi essere un atleta e viaggiare?" Le ho risposto rapidamente: "Sì!" Non sapeva che non volevo solo essere un atleta, ma volevo viaggiare per poter stare il più possibile fuori dalla mia casa adottiva. Il mio padre adottivo abusava di me ogni volta che andavamo a casa di famiglia a Montreal ogni estate, quindi ogni volta che scoprivo che avrei viaggiato in estate, non vedevo l'ora che arrivasse l'estate sapendo che sarei stato fuori dal paese!

Se non fosse stato per quell'allenatore sportivo, non avrei potuto essere l'atleta paralimpico che sono oggi. Ho viaggiato in molti paesi e vinto numerose medaglie, ma una parte di me sentiva che non me lo meritavo. Ogni volta che ero via, mi sentivo ancora un estraneo ai miei compagni di squadra e agli altri atleti. In fondo credevo che tutti sapessero chi erano e parlavano sempre della loro famiglia. Con la mia timidezza, avevo ancora problemi a interagire con i miei compagni di squadra. Alla fine di ogni viaggio, avevo paura di tornare a casa perché sapevo a cosa stavo tornando.

La mia famiglia affidataria non ha riconosciuto i miei successi atletici. C'erano volte in cui non sapevano nemmeno che me ne andavo per una settimana perché c'erano così tanti bambini in casa e la madre adottiva era impegnata con il suo lavoro. Ricordo che una volta sono arrivato a casa dalla mia prima gara dove avevo vinto le mie prime 5 medaglie d'oro (essendo il più giovane della squadra) e quando sono arrivato a casa, mi sono seduto davanti alla porta con le mie borse in attesa che qualcuno salutasse me. Quando mia sorella è scesa dalle scale per vedermi, ha detto solo: "Stai scappando?" Da quel momento, il mio entusiasmo è sceso dal mio cuore e avrei voluto poter scappare. Quindi da quel momento in poi, ho continuato con le mie gare senza alcuna sensazione di realizzazione, sentendomi come un nessuno.

Ho gareggiato in due Paralimpiadi, due giochi PanAm e tante piccole competizioni. Quando ho vinto le mie prime 5 medaglie d'oro alle Paralimpiadi, sono stato intervistato dal giornale ma molte delle parole scritte non erano vere. La storia ritraeva una giovane ragazza che vinceva medaglie da una casa adottiva che si prendeva cura di lei, ma in realtà non sapevano la verità.

Sono grato che la famiglia affidataria mi abbia permesso di stare con loro, ma a porte chiuse si sono ritratti come la coppia perfetta che aiuta molti bambini. La casa non era accessibile, ho continuato a strisciare su e giù per le scale per raggiungere la mia camera da letto, e ho dovuto strisciare su e giù e portare la mia sedia giù per le scale di pietra fuori per raggiungere il mio scuolabus.

Tutta la mia vita vivendo nella famiglia affidataria, volevo così tanto essere fuori e vivere da solo. Quando ho compiuto 16 anni, ho finito il liceo e ho lasciato la casa famiglia. Ho frequentato l'università e ho conseguito una laurea in Economia aziendale.

Durante tutta la mia vita, mi sono sempre sentito non amato e non voluto da nessuno. Ho pensato a mia madre biologica che non mi voleva, a mia madre adottiva che non mi voleva e all'interno della famiglia affidataria ero solo “un altro bambino”. Ho fatto del mio meglio per fare le cose giuste, non sono mai stato coinvolto dalla parte sbagliata della legge, ecc. Ho sempre sentito di non essere adatto a nessun posto, ho avuto problemi con le riunioni sociali e l'interazione con gli adulti della mia età. Ancora oggi gran parte di me continua a sentirsi isolata, non voluta e soprattutto a non sapere chi sono veramente.

Di recente, ho deciso di registrarmi a 23&Me per conoscere il mio background e ho scoperto di avere molti cugini di 2° e 3° là fuori. Sono stato sorpreso di sapere che ho una sorta di famiglia lontana là fuori, ma deluso per non avere alcuna informazione sui miei genitori. Voglio solo avere la sensazione di appartenenza. Crescendo, non ho mai avuto quella sensazione.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%