Leadership nella comunità internazionale degli adottati

servo leadership.png

…La nostra capacità di distruggerci a vicenda è pari alla nostra capacità di guarirci a vicenda. Ripristinare le relazioni e la comunità è fondamentale per ripristinare il benessere... possiamo cambiare le condizioni sociali per creare ambienti in cui bambini e adulti possano sentirsi al sicuro e dove possano prosperare.
Van Der Kolk, B. (2014) Il corpo tiene il punteggio. Vichingo, New York

"Anche se potresti non avere rapporti diretti che lavorano sotto di te, sei TUTTO leader nei tuoi team di progetto", ci è stato detto di recente a un seminario di ricerca e costruzione dei punti di forza relativi al lavoro. Questo mi ha fatto pensare a come appare la leadership nella nostra comunità di adottati internazionali e transrazziali (ICA/TRA). Ogni giorno vedo colleghi ICA/TRA che lavorano per portare cambiamenti in aree come l'intersezionalità dell'adozione, del trauma, della razza e della perdita; conservazione della famiglia; riunificazione familiare; e raccogliere consapevolezza e persino fondi per servizi post-adozione permanenti per le persone adottate (così come altri nella costellazione dell'adozione). Se il tutto è veramente più grande della somma delle sue parti, allora la nostra comunità sarà meglio servita se possiamo collaborare gli uni con gli altri, come leader uniti. Pertanto, invito tutti gli ICA/TRA a porsi alcune domande fondamentali sulla leadership: cosa sono i leader? Chi stanno guidando? Stanno guidando o stanno servendo? Se stanno servendo, chi stanno servendo? In che modo i leader possono influenzare in assenza di un'autorità diretta?

Come persona adottata, i leader nella mia vita che hanno risuonato di più con me sono quelli che hanno ascoltato, convalidato, sentito tutti i "sentimenti" e che hanno lavorato diligentemente e delicatamente per aiutare gli altri a crescere e imparare, mettendoli sulla strada a diventare loro stessi leader un giorno. Credo che tutti noi siamo, o abbiamo il potenziale per essere, leader premurosi, di impatto e di servizio nelle nostre impostazioni familiari, professionali e comunitarie.

Il capo-servo è prima di tutto un servo. Comincia con la sensazione naturale che si vuole servire. Quindi la scelta consapevole porta ad aspirare a guidare. La prova migliore è: i serviti crescono come persone: essi, mentre vengono serviti, diventano più sani, più saggi, più liberi, più autonomi, più propensi a diventare essi stessi servi? E qual è l'effetto sui meno privilegiati della società; ne trarranno beneficio o, almeno, non saranno ulteriormente privati?
Greenleaf, RK (1977) Servant Leadership: un viaggio nella natura del potere e della grandezza legittimi. Paulist Press, New York

Il concetto di leadership del servitore, in cui l'obiettivo principale del leader è servire, è stato delineato per la prima volta da Robert K. Greenleaf. Sebbene uno sguardo approfondito alla leadership dei servitori sia al di fuori dello scopo di questo blog, spero che la breve citazione sopra parlerà a molti nella comunità ICA/TRA. Certamente mi parla come qualcuno che empatizza con coloro che sono danneggiati dal differenziale di potere inerente all'adozione moderna: donne e bambini vulnerabili.

Seguendo le orme delle precedenti generazioni di adottati vocali, come Betty Jean Lifton e Sherrie Eldridge, che sostenevano la riforma dell'adozione, alcuni membri della comunità ICA/TRA nati e adottati tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '90 hanno pubblicato libri , diventare terapisti del dolore e del trauma incentrati sugli adottati, creare gruppi di supporto locali e avviare programmi DNA per adottati e prime famiglie, tra gli altri progetti degni di nota. Tuttavia, a differenza dei nostri predecessori pionieristici, che erano quasi esclusivamente bianchi adottati domestici della stessa razza, siamo quelli che aprono la strada al pensiero critico sulle pratiche di adozione internazionale e transrazziale.

Inoltre, la nostra comunità si trova nella posizione davvero unica di essere la prima generazione di persone adulte internazionali e transrazziali che hanno avuto tempo per pensare e guarire E che sono connesse a livello globale, grazie a Internet, E che hanno accesso a test del DNA a prezzi accessibili E le cui voci iniziano ad essere ascoltate dagli organi di governo locali e internazionali. Negli ultimi anni abbiamo iniziato a sfruttare tutte queste risorse e opportunità e, così facendo, molti membri della comunità ICA/TRA stanno ora dedicando il loro tempo e le loro energie al servizio degli adottati e dei primi membri della famiglia. Che ce ne rendiamo conto o no, siamo già praticanti di leadership di servizio.

Il modello di business tradizionale della leadership riguardava l'aumento del potere e dei margini di profitto facendo in modo che le persone facessero ciò che desideravi esercitando la tua autorità. Questo modello non è solo in declino nel mondo degli affari, ma è del tutto inappropriato nella comunità ICA/TRA: non abbiamo né margini di profitto da aumentare né autorità da esercitare. Pertanto, una leadership efficace nella nostra comunità, vale a dire una leadership che educa, autorizza, supporta e influenza anche senza potere o autorità diretti, credo, troverà i suoi punti di forza nell'empatia, nei valori di verità e giustizia e nel desiderio e capacità di conoscenza- condividere che molti ICA/TRA hanno sviluppato come risultato delle loro esperienze vissute uniche.

Eravamo impotenti da neonati e bambini quando siamo stati rimossi dalle nostre famiglie e inviati in tutto il mondo per crescere in famiglie adottive, spesso senza alcun legame con il nostro sé originale o le nostre famiglie. Di conseguenza, molti di noi hanno lottato con la nostra identità e il senso di autostima. Abbiamo pagato un prezzo molto alto per qualcosa a cui non abbiamo mai dato il nostro consenso in primo luogo. Tuttavia, il rovescio della medaglia di tutto il dolore che molti ICA/TRA hanno sopportato durante la crescita, e spesso continuano a sopportare fino all'età adulta, è che spesso abbiamo conoscenze specialistiche acquisite solo attraverso l'esperienza vissuta. Molti di noi sentono anche un intenso desiderio di restituire alla nostra comunità condividendo quella conoscenza (tra loro, con i genitori adottivi e con i responsabili politici) per aiutare a garantire che le cose vengano fatte meglio per le generazioni attuali e future di famiglie vulnerabili e adottati le persone. Per me, questa è sicuramente una parte importante della leadership.

Infine, non è difficile vedere riflesse nella comunità ICA/TRA la maggior parte, se non tutte, le dieci caratteristiche di Larry C. Spears di leader efficaci e premurosi (Character and Servant Leadership: Ten Features of Effective, Caring Leaders. Journal of Virtues & Leadership, Vol. 1, Edizione 1, 2010, pagine 25-30):

Ascoltando
Empatia
Guarigione
Consapevolezza
Persuasione
Concettualizzazione
lungimiranza
amministrazione
Impegno per la crescita delle persone
Costruire comunità

Essere un membro di un gruppo di individui che mostrano tali caratteristiche è molto potente e davvero molto potente. Se la nostra comunità globale ICA/TRA può sfruttare i benefici della leadership dei servitori possedendo ed esercitando pienamente tutti i nostri punti di forza innati e quelle caratteristiche che abbiamo acquisito attraverso le nostre esperienze vissute, credo che non solo ci aiutiamo a guarire l'un l'altro, ma possiamo anche plasmare politiche governative a favore della conservazione della famiglia e del sostegno post-adozione. Mentre avanziamo come comunità e come leader nel campo dell'adozione internazionale e transrazziale, spero che continueremo a crescere, a imparare e a ritenerci reciprocamente responsabili come leader che servono con gentilezza e senza aspettative di gloria in cambio .

Trigger del trauma

Perché alcuni adottati devono stare sulla difensiva, criticarsi eccessivamente, umiliarsi a vicenda e presentarsi come aggressori?

Capisco e rispetto che tutti noi abbiamo opinioni, pensieri e informazioni diverse su un argomento molto complesso. Abbiamo tutti storie e idee uniche da condividere. Penso che le persone lo facciano perché il loro trauma viene innescato. Sentono di aver bisogno di uno sfogo e non capiscono perché - si scagliano in un assalto di parole errate, scritte male e piene di odio, ma non fa nulla per convincere le persone alla loro discussione e sicuramente non ne dà una qualsiasi credibilità.

Quando ero un bambino, mi è stato detto che avrei pianto e urlato quando mi fossi sentito frustrato. Penso di essere stato io a trovare sollievo dalle frustrazioni in sospeso che ho affrontato da bambino. Essendo adottato all'estero, ho dovuto imparare una nuova lingua, sono stato costretto a mangiare cibi che non mi piacevano, non avevo familiarità con la mia cultura adottiva e, peggio di tutto, sono stato accoppiato con adottanti impazienti che erano severi e indifferenti alla mia situazione . Mio "padre" una volta mi ha fracassato la faccia in un mucchio di purè di patate quando non riuscivo a ricordare il nome del sugo. Mi è stato detto che i bambini devono essere visti e non ascoltati. La loro vita ultraconservatrice non mi avrebbe permesso di agire in alcun modo. Penso che molti di noi affrontino fattori scatenanti del trauma del nostro passato, inconsapevolmente. Urliamo quando pensiamo di essere emarginati. Malediciamo quando ci sentiamo insicuri.

Sono regolarmente attaccato per essere schietto. Oggi sono stato attaccato da due individui diversi. Uno era un uomo molto disturbato che ha lanciato una raffica di imprecazioni contro di me e altre persone. Inizialmente ha posato come un individuo calmo e amorevole, ma ha immediatamente mostrato i suoi veri colori: un individuo molto aggressivo e umiliante. Inizialmente ha attirato le persone con il suo aspetto e il suo fascino, ma il costante sminuire presto ha inasprito la relazione. L'individuo successivo era una donna, minacciata dal mondo accademico o da chiunque si dichiarasse semi-intelligente. Questa donna sa sempre meglio, deve dimostrare di essere colta, vuole dimostrare di avere l'appendice più grande (cervello). Se uno vuole condividere le informazioni con gli altri, lo si può fare senza fare a pezzi l'altro. Avrebbe potuto fare domande chiarificatrici o informarsi sui miei pensieri o cercare maggiori informazioni per capire la mia direzione. Niente di tutto questo è stato fatto.

Il forum che voglio promuovere è uno con la nozione: "condividiamo e impariamo".

Oggi ho avuto una meravigliosa conversazione con un'amica su ciò che è successo e ho imparato molto da lei. Mi ha detto, "Non puoi aggiustare un trauma, nella mia esperienza, devi trovare modi sani per farcela". La mia mente è stata spazzata via! So che è vero, ma al momento dimentico di vedere la correlazione. Il mio primo istinto è stato quello di scrivere di questi due individui e trovare il modo di separarli. Vedo molto questa "reazione" nei forum degli adottati. Anche il mio amico ha detto: "Un'altra cosa da considerare è come le persone si comportano quando sono sopraffatte. È qualcosa a cui penso quando considero la compatibilità".

Penso che questa sia un'idea meravigliosa e un requisito. Dobbiamo trovare partner che possano vedere oltre le nostre esplosioni e aiutarci a scendere dal cornicione. Ho trovato le sue parole sagge e qualcosa che non avevo considerato prima. Se trovassimo modi più salutari per affrontare i nostri fattori scatenanti, molti di questi combattimenti potrebbero essere prevenuti. Li abbiamo tutti e alcuni lo indossano sulle maniche e altri lo seppelliscono nel profondo. Può accumularsi ed essere rilasciato su estranei o colleghi che potrebbero non avere familiarità con ciò che sta accadendo nelle nostre vite.

Allora, cosa ti fa scattare? Come affronti? Hai assistito a traumi innescati di recente?

 

Italiano
%%piè di pagina%%