Artisti adottati

In ICAV, ci sforziamo di elevare gli artisti adottati poiché le loro opere spesso possono ritrarre ciò che le parole faticano a trasmettere. Coerentemente con ciò, al recente 9 settembre Serata di acquisizione dell'adozione di K-Box, Ra Chapman ed io volevamo che la serata fosse una celebrazione degli artisti internazionali adottati australiani. Siamo stati in grado di presentare alcuni dei loro lavori in una stampa come ZINE che puoi visualizzare qui:

Altri artisti adottati

Nel corso degli anni abbiamo avuto altri incredibili artisti adottati internazionali che hanno presentato le loro opere all'ICAV. Ecco una raccolta di ciò che è stato condiviso. Clicca sull'immagine e ti porterà al loro blog con le opere d'arte.

Meg alla serata di acquisizione dell'adozione di K-Box

Meg è un'adozione internazionale coreana, cresciuta in Australia e fumettista. Realizza opere in gran parte autobiografiche e di saggistica che sono apparse su The Nib, The Lily, Liminal Magazine, The Comics Journal e antologie tra cui Comic Sans, Dieta costante, discussioni che ci collegano e il vincitore del premio Eisner Drawing Power: storie di violenza sessuale, molestie e sopravvivenza di donne. Ha esposto fumetti, animazione e film a livello internazionale, insegnato creazione di fumetti a studenti universitari, sviluppato e distribuito programmi di fumetti a studenti delle scuole superiori provenienti da ambienti migranti e rifugiati con STARTTS e programmi artistici a studenti delle elementari in Corea. Meg sta attualmente lavorando a un lungo lavoro basato sulle sue esperienze come figlia asiatica di genitori bianchi in Australia, un recente periodo di vita in Corea e una ricerca fallita della madre coreana.

Ha creato l'artwork per il nostro Serata di acquisizione dell'adozione di K-Box materiale promozionale e ZINE:

Meg si è anche presentata come una delle nostre artiste adottate e puoi guardare il video della sua presentazione qui:

Puoi anche visualizzarlo nel formato della versione web per chi preferisce leggere e vedere.

risorse

Scopri di più su Mega
sito web: http://www.megoshea.com
IG: @even.little.meg

Dai un'occhiata al nostro Album di foto, di Ryan e di ebano presentazioni della serata

Prossimamente è il nostro artista adottato ZINE e altri artisti adottati

Ebony alla K-Box Adotta la notte dell'acquisizione

Ebony è un adottato internazionale di origine haitiana cresciuto in Australia. È un'artista di talento il cui corpo di lavoro parla delle complesse questioni che viviamo come adottanti internazionali ed esplorando la nostra identità. 

Come artista contemporaneo australiano con un interesse nell'interrogare concetti di individualità, adozione, sessualità, queerness e identità nera. Ebony attinge alla sua esperienza di vita per informare la creazione dei suoi disegni e forme scultoree espressive, impiegando un assortimento diversificato di materiali per comporre il suo lavoro. Anche la performance è un elemento importante della sua pratica creativa. Nel 2000, Ebony ha creato la personalità drag Koko Mass. Koko ama eseguire canzoni con l'anima ed è un po' tosto che parla sempre ed è onesto sui problemi che devono affrontare nella società. Koko sfida le percezioni a testa alta mentre si diverte anche con il loro pubblico. La pratica di Ebony è audace e politicamente impegnata, rispondendo ai problemi che riguardano le sue comunità con un forte linguaggio visivo che continua a esplorare. Ebony ha completato il suo Master in Arte Contemporanea al Victorian College of the Arts, Melbourne nel 2020. 

Ebony ha contribuito con questa opera d'arte per la nostra ZINE, una rivista stampata che celebrava gli artisti internazionali e transrazziali adottati in Australia, da portare a casa.

Se vivi a Melbourne, puoi vedere altre sue opere d'arte su Chin Chin e vai vai al 125 di Flinders Lane. Il bar è decorato con le sue opere d'arte e il suo video mostrato di seguito, viene proiettato sul vicolo. 

Sta anche partecipando con un gruppo di adottati delle Prime Nazioni australiane il 7 ottobre a Università di Melbourne in una mostra intitolata – Adottato.

Dichiarazione dell'artista di Ebony su questo video:

Trucco Divino, 2019

Il trucco divino è un esempio dei miei disegni che prendono vita, mi mettono all'interno della cornice, mostrano come disegno e poi lo accoppiano con la mia performance di parole. Il disegno è una parte importante della mia pratica; Rispetto la semplice forma di carta e testi.

Mi piace l'immediatezza del disegno; Sento che i miei disegni possono essere spontanei e mi piace disegnare liberamente. Quando disegno, non pianifico il risultato, parto e vedo dove mi porta, lascio che i segni guidino la mia direzione. Il mio lavoro, come Ebony, è personale e onesto. I miei disegni sono un mix di sentimenti, esperienze e momenti specifici della mia vita. Questo video mostra le idee che ho esplorato di recente, unendomi per riempire lo spazio con il mio io nero.

Guarda Il succhiotto d'ebano Trucco Divino:

risorse

Altre opere d'arte di Ebony all'ICAV:
Io sono me
Nato in entrambi i modi

Puoi scoprire di più su Ebony su:
IG: @ebano.hickey.7

Prossimamente è la presentazione di Meg della serata.

Ryan alla serata di acquisizione di K-Box adotta

Venerdì 9 settembre, ho co-ospitato con Ra Chapman (adottato e drammaturgo internazionale coreano) un evento di artisti adottati a Melbourne, Victoria, presso il Teatro Maltese. Questo evento ha seguito l'esibizione dell'incredibile commedia di Ra, K-Box che è la storia di Lucy (un'adozione internazionale coreana) che è un'adozione coreana di oltre 30 anni che porta un po' di umorismo e dure verità a tavola.

Sono stato onorato di essere alla lettura dell'opera teatrale di Ra's l'anno scorso, quando le è stato assegnato il premio 2020 Premio Patrick White per i drammaturghi a Sydney per questo lavoro.

Dopo lo spettacolo, alcuni dei nostri talentuosi artisti internazionali adottati hanno presentato un piccolo segmento di 10 minuti sulle loro opere d'arte.

I prossimi blog ti porteranno un paio di questi artisti adottati nelle loro presentazioni, seguiti da alcune delle opere d'arte che abbiamo catturato per ZINE, una piccola rivista che mostra le loro opere come ricordo da portare a casa della nostra serata.

Per me, il momento clou della serata è stata una lettura di un coreano adottato che è un accademico, uno scrittore e co-conduttore di podcast Sentimenti adottati, Ryan Gustafsson. Ryan è uno scrittore, ricercatore e podcaster. La loro pubblicazione più recente è "Whole Bodies", che appare nell'antologia di Liminal Contro la scomparsa: saggi sulla memoria (Pantera Press, 2022). Ryan è anche co-facilitatore del Rete di ricerca sull'adozione degli adottati coreani (KARN).

La presentazione di Ryan è stata potente, eloquente e toccante e presentata con una tale onestà cruda, ha risuonato nella mia anima poiché ho potuto relazionarmi a così tanto di ciò che hanno condiviso su come possiamo provare per la nostra prima madre.

Ryan Gustafsson e Lynelle Long

Ascolta la lettura di Ryan da un estratto del loro scritto intitolato – Ci siamo conosciuti con nomi diversi.

risorse

Puoi seguire Ryan su:
sito web: http://www.ryangustafsson.com
IG: @crewneckgreen

Dai un'occhiata al nostro Album di foto della sera.

Prossimamente è la presentazione di Ebony della serata.

Gabby Malpas sul razzismo

Il 3 aprile 2022, un gruppo di 19 adottati internazionali australiani ha partecipato a una consultazione dell'ICAV per la Commissione australiana per i diritti umani (AHRC) che hanno sviluppato un Carta concettuale per un Quadro nazionale contro il razzismo. We believe intercountry/transracial adoptees are under represented in race discussions in almost every adoptive country and wanted to make sure we had a say. Gabby’s input below is included in our full papers qui which we submitted to the AHRC.

di Gabby Malpas, born in New Zealand of Chinese origins and transracial adoptee, ICAV Representative, artist at Gabby Malpas.

Colourblind by Gabby Malpas; watercolour painting

I was born in 1966 in Auckland New Zealand. I am 100% Chinese and at the time of writing, I am 56 years old. I started coming out of the adoption fog at 48 years of age, after meeting my birth mother in 2004. It seems old but to clarify, at 48, I finally connected with other Asian adoptees and found validation, support and the language to express my feelings around my life experience.

I have a huge respect for parents. I am a step parent but have not done the heavy lifting that parents do. It’s hard being a parent. Throw adoption or fostering into the mix and that becomes very hard. Throw transracial adoption into that mix and the challenges become even more so. These are my thoughts around racism. All of our experiences are different.

I am very happy. I see the value of good relationships with friends, peers and family, and acknowledge that all of us have experienced trauma at some point in our lives. However, I have struggled with racism my entire life with my difference pointed out almost daily by classmates, co-workers and friends. Not too regularly, I have also been attacked and harassed on the street and was bullied badly throughout my school years.  Jokes and micro-aggressions seem harmless and it took me decades to understand why I was constantly angry: an innocent question about my name/my origins/my nationality seems innocuous, but day after day, often from complete strangers makes a person exhausted, wary and sad/angry. I often withdraw.

I have this to say – I could not tell you this at age 12, 18, 25, 30 or even 40. It took decades to begin to process, understand and articulate what I am feeling.

Dear adoptive parents

Here is what I would like you to know about my life experience as a transracial adoptee:

  • Please understand my life experience is, was and will always be different to that of my white peers, siblings and parents. Like it or not, quite often we transracial adoptees are treated very differently to our white siblings and peers. I noted a big change in people’s behaviour towards me when they saw one of my parents come into view. Racists are sneaky – they are not going to say stuff with you around. And it comes in many subtle forms: how many brown kids are watched like a hawk as soon as they enter a store? How many brown girls are told they talk too much or are too loud/naughty when their white classmates are termed ‘enthusiastic’ or ‘confident’ for the same behaviour?
  • I was raised colourblind. It was the 60s, 70s and 80s. We knew no better. I was 55 years old when the penny finally dropped about my own family’s response to my experience with racism. An older sister said, “But we just assumed you were one of us,” (therefore, it was impossible for you to experience racism). Another piece of the puzzle solved. However, my 7 year old me would not thank my family for the dismissal, harsh words or outright denial that anything had taken place. Things are different now. We have resources and so much information available.
  • If you are triggered by the terms: white privilege, white fragility and wilful ignorance then think long and hard before adopting a child of different race to you. We are looking to you to teach us, to have our backs and stand up for us. And this includes your circle of friends, your own family and peers. I was raised in the age where children were seen and not heard. I accepted outright racist comments/acts from neighbours, friends, extended family, and later, colleagues because I felt that it was my lot or I was undeserving of better. But think about what that does to someone over a lifetime! Is it any wonder that we adoptees are 4 times more likely to have substance abuse or suicide? Let’s try to change that.
Ching Chong by Gabby Malpas, watercolour painting
  • Believe us. I was 5 or 6 years old when I reported my first racist incident to my parents (and this was because I was scared. I didn’t report the ‘ching chong’ chants, the pulling back of eyes and harsher treatment by certain nuns because I was brown and clearly born of sin – those were a daily occurrence). Two much larger and older boys cornered me and pulled down my pants to see if ‘my bum was the same as the other girls’. Horrific and it still haunts me to this day. In response to sharing what happened, I was punished and told not to lie. So I stopped. It was clearly not safe for me to speak up and I didn’t want to be punished for it (to be fair I think it was the mention of private parts that had them more outraged). I left NZ for good in 1988. I put distance between myself and my family because of the above and some bonds were sadly broken for a while. Do you want this for your own family? If your children do not trust you to have their back they may be reticent to report more serious stuff like abuse, bullying and even date rape/domestic violence.
  • Just because we don’t tell you doesn’t mean it doesn’t happen. I finally found the courage to speak up in the last two years. I cut friends, extended family members and suppliers for my own mental health and sanity but also I finally understood that I didn’t have to engage with such people.
  • Words hurt. And the hurt lasts a lifetime. So those jokes you make about other races — their food, shopping habits, hoarding, driving skills … all those lazy stereotypes that the Australian media like to peddle – well, your kids are listening.  When we see racist incidents reported be dismissed or downplayed by the media (especially if it is a footy star/ celebrity accused), how do you think that makes us feel?  We don’t need to hear:
    ‘They weren’t racist to me – are you sure it happened?’
    ‘What did you do to make them act in this way?’
    ‘Rise above it!’
    ‘Ignore it!”
    ‘Can’t you take a joke?’
    ‘I’m sure Xxxx didn’t mean to be offensive…’
    This ain’t it. Do better.
  • Quite often we are rejected by our own race – we are seen as ‘too white’, too culturally ignorant, and our names are white. This can be very confronting.
    We grow up, study, work and socialise generally in white spaces. We adapt to our environments to fit in but can be treated very harshly by our own race because of this.  A heritage camp and trip once a year can’t help with this and if we are living in a white country – it is understandable that we just want to fit in/fade into the background like everyone else. But we can’t. Don’t shame us for trying to survive in our own environments.
  • Racism is hard to process when the perpetrator looks like a member of your own family. An Asian child who grows up with their own cultural background watches how their parents react and behave when they are faced with racist incidents. They see how their parents behave and speak to the offender. Nothing may be said but there is a shared experience within the family and younger members can learn from their elders – and even grow up to challenge passive responses.

Check out Gabby’s amazing Art Mentoring that she does as a volunteer with younger Chinese adoptees.

Se la luna potesse essere la mia madre ora

di Roxas-Chua, adottato dalle Filippine negli USA; autore, artista.

Ho pensato di condividere questa immagine che si trova sul mio tavolo desktop nel mio studio. L'ho creato una di quelle notti in cui non ero in grado di attingere al cambiamento e al movimento nella mia lotta per l'adozione. Trovo che un equilibrio tra condivisione di storie, lavoro di auto-genitorialità, scrittura contemplativa e disegno mi abbia aiutato a navigare e tradurre il mondo intorno a me. In questo disegno ero accompagnata dalla luna, che in qualche modo mi dava conforto come fa la natura. Spero che vi piaccia. È un'istantanea di tenerezza che cerchiamo da noi stessi e dagli altri. Se la luna può essere la mia madre naturale ora, sto bene con quello. Prenderò qualsiasi sentiero che illumini la notte.

Per ulteriori informazioni su Roxas-Chua, guarda il loro podcast Caro qualcuno da qualche parte e prenota Dire il tuo nome tre volte sott'acqua.

La poesia riflette il mio mondo interiore

di Kevin Minh Allen, adottato dal Vietnam negli USA.

Sono arrivato alla poesia tardi, ma è emersa nella mia vita in un momento in cui ne avevo più bisogno. La poesia è sempre stata per me un mezzo per raccogliere, indagare e riflettere il mio mondo interiore, che è stato senza dubbio impresso con il segno indelebile dell'adozione. Le seguenti poesie non cercano risposte ma sollevano domande all'interno di chiunque stia ascoltando:

Puoi seguire altri lavori di Kevin sul sito web: Il sonno non è un comfort

Il significato degli occhi adottati

di Alexis Bartlett, adottato dalla Corea del Sud all'Australia; il loro progetto artistico adottato può essere trovato su Arte di Alexis Bartlett.

Gli occhi di YoungHee di Alexis Bartlett

Continuando con i miei ritratti adottati e disegnando molti occhi ultimamente, mi ha fatto pensare alla mia storia e alla mia storia, gli occhi che giocano un ruolo strano.

Ho sempre odiato i miei occhi mentre crescevo. Parte della difficoltà di crescere come adottati è che vogliamo solo essere come quelli che ci circondano. Mi ha sempre deluso quando mi guardavo allo specchio e vedevo questi occhi marroni e coreani che mi fissavano perché non erano niente come quelli intorno a me, o quelli che dovevano essere la mia famiglia. Attraverso ancora periodi in cui voglio davvero fare il famigerato intervento chirurgico all'occhio coreano (per farmi una doppia palpebra, e quindi l'illusione di occhi più grandi e meno asiatici) perché penso che ci sarà sempre una parte di me che posso Non abbracciare completamente per quello che sono. Ma ora ho un ragazzino che mi guarda come una mamma; un ragazzino che voglio che cresca amandosi così com'è. E sento che sarebbe solo contraddittorio per me alterare me stesso dicendogli che dovrebbe amarsi per come è.

È così difficile, ma l'amore per se stessi è così importante. Ed è così difficile da avere quando vieni adottato perché non solo sai (da un'età MOLTO giovane) che c'era qualche ragione per cui non eri voluto, ma cresciamo con persone che non somigliano per niente a noi. Può sembrare banale, ma credetemi, non lo è. La rappresentazione è importante, in particolare provenienti da coloro che dovrebbero essere più vicini a te. Comunque, YoungHee qui, ha degli occhi fantastici.

Per vedere altri ritratti degli adottati di Alexis, dai un'occhiata, fai clic su ciascuna immagine.

Per coloro che non accedono a Facebook, ecco alcuni di ciò che Alexis ha condiviso per questi ritratti come riflesso del suo viaggio:

“È bello dipingere persone che sono “come me”. Sto solo venendo a patti con... me stesso, in molti modi. Per tutta la vita ho cercato di concentrarmi sul trauma dell'adozione; qualcosa che si è manifestato in vari modi nel corso degli anni. Ero un ragazzo terrorizzato e solo (anche se, per essere onesti, amo la solitudine) che voleva essere accettato ma non poteva esserlo perché non avrei mai potuto accettarmi ed essere semplicemente me stesso".

“Molte persone non vogliono ascoltare le esperienze degli adottati; si stanno confrontando troppo, troppo sfidando gli ideali felici con cui le persone vengono adottate. Molti di noi sono arrabbiati per l'incomprensione, essendo stati messi a tacere dal lato felice dell'adozione in cui le persone vogliono credere".

“Ero un bambino molto solo. Ho sempre trovato difficile, se non impossibile, stringere amicizie genuine con le persone e ho sempre saputo di essere diverso dalla mia famiglia adottiva; molti dei quali mi escludevano dalle cose, comunque. L'arte era tutto ciò che avevo, per la maggior parte del tempo.

“Per me appartenere è sempre stata una lotta. Ora ho la mia piccola famiglia dove finalmente ho un vero senso di appartenenza, ma a parte questo, è piuttosto scarso. Recentemente sono stato reso molto consapevole del fatto che non apparterrò mai o non mi adatterò mai alla mia famiglia biologica, e non mi sono mai nemmeno adattato veramente alla mia famiglia adottiva. Trovare la comunità coreana degli adottati è stato immensamente importante per me e mi sento molto onorato di poter condividere le esperienze e le storie dei miei compagni adottati. Grazie ragazzi."

Kyleigh condivide su Adoptee Rabbia

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Kyleigh Elisa, adottato dalla Colombia negli Stati Uniti.

Adotta la rabbia di Kyleigh Elisa

Sono arrabbiato di sicuro. Sento che la mia rabbia va e viene. Ad esempio, alcuni giorni sono pronto a scoppiare e altri, è una lenta bruciatura nel profondo.

Quando un terapeuta mi ha dato per la prima volta il permesso di arrabbiarmi per la mia adozione circa un decennio fa, è stato come un vulcano che è eruttato dentro di me e non sono riuscito a fermarlo per mesi. Allora si trattava più di sentirsi sempre inaccettabili. Sentendomi come se odiassi il modo in cui ero diverso in un mare di bianchi. Che nessuno vicino abbia mai veramente riconosciuto il dolore dentro di me dovuto all'adozione. Che mi è stato fatto sentire come se fossi una merce esotica, mentre mi è stato anche detto: "No, sei proprio come noi. Sei solo il nostro Kyleigh”. Mi sento come se fosse una specie di gaslighting non intenzionale che cercava di farmi sentire accettato, ma ha avuto l'effetto opposto.

Da allora ho sfogato la mia rabbia più regolarmente e non bevo per attutire il dolore come una volta. Sono decisamente ancora arrabbiato e odio essere adottato. Odio il colonialismo. Odio la supremazia bianca. Odio il patriarcato. Ho paura delle organizzazioni religiose che permettono alle persone di giustificare tutto. Credo che tutte queste cose contribuiscano al motivo per cui siamo tutti adottati.

Rabbia fluttuante di Kyleigh Elisa

Comincio solo a pensarci e la rabbia cresce. È un percorso di pensiero che devo sforzarmi di interrompere perché non mi aiuta. Mentre penso che sia bello essere consapevoli che le cose esistono, non posso nemmeno permettere che deteriorino la mia salute mentale. Quindi faccio ricerche e cerco di restituire qualcosa alla nostra comunità e partecipo alle organizzazioni di adozione – questo mi ricorda che non sono solo.

Ricordare che non sono solo aiuta molto. Anche fare passi graduali per recuperare pezzi della mia cultura che mi sono stati portati via aiuta. È spaventoso mentre cerco di recuperare ciò che è stato perso, e questo a volte è sconvolgente, ma alla fine raccolgo i frutti accettando ogni piccolo pezzo di nuovo a me, poiché spetta a me giustamente tenerlo.

La mia visione dell'adozione è cambiata con il tempo

di Maria Fredriksson adottato e artista dalla Corea del Sud alla Svezia.

Non saprò mai esattamente come, quando o anche se sono stato trovato. Il mio artwork in questa pagina mostra come ho deciso di creare la mia scena e ho mescolato la piccola ragazza dell'Asia orientale con il tipico scenario nordico.

Quest'anno compirò cinquant'anni. Durante sette anni e quattro mesi di quei cinquant'anni, ho guardato all'adozione da un'altra prospettiva rispetto ai miei primi quarantadue anni ed ecco qualcosa a cui ho passato le prime ore del 2022 pensando.

Quando si critica l'adozione, capita spesso di sentire persone che ti contraddicono riferendosi ad altri adottati che non condividono il tuo punto di vista critico. "Ho un'amica che è stata adottata ed è semplicemente perfettamente felice e grata". Bene, quindi?

Un'altra cosa che mi colpisce spesso è che quando si parla di adozione, essere più grandi e più esperti non ti rende più rispettoso. Non so quante volte ho visto adulti adottati essere respinti da genitori adottivi affermando che il loro bambino adottato di dieci anni non ha mai subito razzismo o si è sentito sradicato, ecc.

Per anni sono stato pro-adozione e ho persino partecipato a incontri di informazione (propaganda) di un'agenzia di adozione per potenziali genitori adottivi e assistenti sociali. Non sono mai stato interrogato e non mi è mai stato chiesto di mostrare statistiche di altre fonti scientifiche a sostegno delle mie affermazioni. Sono stato adottato allora e lo sono altrettanto adottato adesso. Tuttavia, le mie parole allora non sono mai state oggetto di dubbio, mentre quello che dico oggi è sempre oggetto di esame e molto spesso liquidato come BS sentimentale. Al contrario di ciò che era veramente sentimentale BS...

All'epoca, non avevo letto alcun rapporto o visto alcun documentario sull'adozione. Non avevo quasi parlato con altri adottati diversi da mio fratello e gli altri adottati nei panel alle riunioni dell'agenzia di adozione. Certo, oggi si potrebbe accusarmi di essere un po' categorico, ma perché non me ne sono stato accusato prima? E perché le parole del mio io presto cinquantenne sono meno affidabili di quelle del mio io trentenne, o del mio io quindicenne, se è per questo...

Non si tratta solo di traumi. Per me, si tratta di affermazioni politico/ideologiche, si tratta di intuizioni sui privilegi e sulle strutture coloniali/patriarcali, di cui so molto più oggi di dieci anni fa, per non parlare di quando ero bambino.

Penso che abbia a che fare con il modo in cui l'adozione è inquadrata e scelta. Noi, gli adottati, siamo eternamente bambini e come tali uguali tra loro ma non uguali ai genitori adottivi, nemmeno quando hai decenni in più del genitore adottivo di cui stai discutendo. Pertanto, nel contesto del dibattito sull'adozione, odio essere etichettato come “bambino adottivo” e non mi piace dover fare riferimento a persone che adottano come genitori adottivi. In questo contesto, preferirei che fossimo adottati e adottanti, ma poiché so quali battaglie scegliere, rispetto le regole di gruppo nei forum di adozione. Tuttavia, credo che la lingua sia importante. Le parole dipingono immagini e queste immagini influenzano il modo in cui si tiene una conversazione.

Italiano
%%piè di pagina%%