La bugia che amiamo

di Jessica Davis, madre adottiva negli USA che ha adottato dall'Uganda e co-fondato Kugatta, un'organizzazione che ricollega le famiglie ugandesi ai loro figli, rimossi tramite adozione internazionale.

La bugia che amiamo. Adozione.

Ho sentito dire che l'adozione è uno dei più grandi atti d'amore, ma è così? Forse ciò che è ed è stata l'adozione per la maggior parte delle persone non è davvero così "grande" come è stato descritto.

Invece di concentrarci sull'immaginario fiabesco della nuova "famiglia per sempre" che viene creata attraverso l'adozione, dovremmo concentrarci su come l'adozione significhi la fine di una famiglia; l'assoluta devastazione del mondo di un bambino con conseguente separazione da tutti e da tutto ciò che gli è familiare. Quando l'attenzione è fuori luogo, non siamo in grado di aiutare veramente il bambino e, di conseguenza, spesso riponiamo su di lui aspettative non realistiche. Aspettative di gratitudine, legame, assimilazione e persino aspettarsi che "passino avanti" dalle loro storie.

Quindi quale motivo è abbastanza accettabile per separare definitivamente una famiglia? Povertà? Se una famiglia è povera va bene prendere il proprio figlio? O non sarebbe più amorevole e più utile investire tempo e risorse nel potenziamento economico della famiglia in modo che possano stare insieme?

Se un bambino ha bisogni medici che la famiglia sta lottando per soddisfare, va bene prendere il loro bambino OPPURE è un atto di amore e decenza umana più grande assistere quella famiglia in modo che possano soddisfare i bisogni del loro bambino e rimanere insieme?

Se una famiglia è caduta in disgrazia, va bene prendere il proprio figlio? OPPURE dovremmo stringerci intorno alla famiglia e aiutarli nei momenti difficili in modo che possano rimanere insieme?

Che dire di un bambino che ha perso entrambi i genitori? Allora va bene adottare il bambino? O sarebbe un atto d'amore più grande assicurarsi prima che il bambino viva con i suoi parenti biologici, la sua famiglia? Perché è meglio creare una nuova famiglia con estranei quando ci sono parenti biologici estesi?

E se un bambino vive in un paese in via di sviluppo? Allora è meglio prendere un figlio dalla propria famiglia per dargli accesso a più “cose” e “opportunità”? Per dare loro una “vita migliore”? È anche possibile vivere una “vita migliore” separati dalla propria famiglia? OPPURE sarebbe un atto d'amore più grande sostenere quella famiglia in modo che il loro bambino possa avere accesso a più cose e opportunità all'interno del proprio paese? Per costruire il futuro di quel paese, investendo e sostenendo quel bambino in modo che possa diventare il meglio che può. In che modo aiuta un paese in via di sviluppo se continuiamo a portare via inutilmente i loro futuri medici, insegnanti, assistenti sociali, dipendenti dei servizi pubblici, ecc.?

Non so molto sull'adozione domestica, ma so molto sull'adozione internazionale e queste sono alcune delle tante ragioni che sento ripetutamente come convalida per la separazione permanente di un bambino dalla famiglia, dai parenti biologici e dal paese di origine.

Ai genitori e alla famiglia allargata non è stata data alcuna opzione (a parte l'adozione) quando cercavano aiuto/assistenza. Che scelta c'è quando c'è solo un'opzione data? Non solo alla maggior parte di queste famiglie non viene data alcuna opzione, ma spesso viene detto che il loro bambino starà "meglio" senza di loro e che tenere il proprio figlio impedisce loro di queste "grandi opportunità". Questa mentalità è sbagliata e dannosa per il loro bambino.

Gran parte della narrativa sull'adozione è costruita attorno alla necessità di "salvare" un bambino impoverito fornendo una "famiglia per sempre" ma 70%-90% di bambini adottati all'estero HANNO FAMIGLIE. Quali altre cose continuiamo a fare in adozione sapendo 4 volte su 5 che stiamo sbagliando?

Alcuni dicono che il più grande atto d'amore è l'adozione, io dico che il più grande atto d'amore è fare tutto ciò che è in proprio potere per tenere unite le famiglie.

Ho intitolato questo post La bugia che amiamo perché sembra che tanti di noi amino l'ADOZIONE (e la fiaba spesso da essa perpetuata) più di quanto amiamo IL BAMBINO stesso. Ciò è dimostrato ogni volta che un bambino viene inutilmente spogliato della sua famiglia e della sua cultura, il tutto mentre noi, come società, incoraggiamo e promuoviamo un tale processo. Questo accade quando prima non siamo disposti a fare il duro compito di porre le domande difficili; quando preferiamo ignorare la realtà a portata di mano e vivere la “favola” che qualche problema è stato risolto adottando un bambino che aveva già una famiglia amorevole.

Un giorno, spero che le cose siano diverse: che sempre più persone capiranno che non c'è una crisi orfana, ma piuttosto c'è un crisi di separazione familiare accade nel nostro mondo e l'adozione non è la risposta, anzi è parte del problema. L'adozione internazionale è diventata un'attività con enormi quantità di denaro da guadagnare e poche o nessuna protezione per i più vulnerabili perché la maggior parte di noi si siede nei nostri comodi primi mondi ed è felice con la favola. L'adozione è davvero la menzogna che amiamo!

Per saperne di più da Jessica, lei e il marito Adam sono stati recentemente intervistati in questo forse Dio podcast : Ogni orfano ha bisogno di essere adottato?.

Guarda l'altro di Jessica articolo all'ICAV e lei Buon problema podcast insieme a Lynelle e Laura come una serie in 3 parti di Leigh Matthews.

Parole dolorose

di Wes Liu, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Il COVID continua a diffondersi all'interno delle nostre comunità perché le persone continuano a mancare di serietà quando lo affrontano. I cinesi continuano ad essere accusati. Mentre le etnie asiatiche includono innumerevoli culture uniche, belle e distinguibili, molti che sono al di fuori della diaspora asiatica non possono dire la differenza. Ciò si traduce in chiunque appaia asiatico (in particolare dell'Asia orientale) per essere rimproverato con insulti razziali, battute sul mangiare pipistrelli e commenti del tipo "torna al tuo paese". Questi eventi sono diventati più frequenti a causa del COVID-19.

Non posso cambiare la forma dei miei bellissimi occhi. Non posso cambiare la mia eredità, né posso cambiare il modo in cui le persone parlano. Ma posso condividere quanto possano essere offensive le parole. Come pensi che ci si senta per la mia lingua ad essere inscatolata in "Ching Chong Ching Chong"? Quanto pensi che sia doloroso sentirsi dire che non sono degno della vita a causa del mio aspetto fisico? Quanto pensi che abbia imparato a odiare o vergognarmi della mia cultura che ha una storia che risale a secoli fa? Quanto pensi che abbia paura di presentarmi in pubblico perché potrei essere la prossima vittima di aggressione, solo per il mio aspetto?

Non va bene mettersi al di sopra di qualcuno e della sua cultura a causa della tua ignoranza e mancanza di comprensione. E solo perché ascolti k-pop e guardi anime non fa di te un esperto di giapponese. E no, non ho intenzione di fare i compiti di matematica per te. Non chiedere: "Che asiatico sei". Invece forse chiedi: "Qual è la tua etnia?"

Guarda le tue parole. Sono cinese e sono bella. Sono asiatico americana e sono bella.

Guardare La conversazione su YouTube di Wes sulla gestione del razzismo con la FCCNY.

Italiano
%%piè di pagina%%