Compleanni di adozione

di Maars, portato dalle Filippine al Canada. Puoi seguire Maars @BlackSheepMaars

I compleanni sono difficili per un adottato.

È un ricordo del giorno in cui mi è stata data la vita. È un promemoria di ciò che una madre e un padre potevano solo sognare per me.

Tuttavia, in adozione, quei sogni sono di breve durata e qualcun altro ne sogna uno nuovo per me, ma non è mai garantito. Non tutti i sogni portano la stessa intenzione e amore e questo è vero in molti modi per me che ho perso i miei genitori naturali.

Ma ora sogno per me stesso, e sono io che mi reclamo.

Mentre rifletto oggi, quali sono stati 34 anni, piango ancora quel bambino con quel sorriso, quanto non sapeva sarebbe stato davanti a lei. Quanta perdita e dolore avrebbe dovuto superare con il passare degli anni e la perdita di tutto ciò con cui era nata.

Avrei voluto salvarla. Avrei voluto salvarla da tutti i momenti dolorosi che avrebbe dovuto affrontare e avrei potuto tenerla stretta per ogni volta che si lamentava per i suoi genitori naturali. Vorrei poterle garantire che un giorno avrebbe ritrovato tutti i suoi pezzi e che sarebbe arrivato con un diverso tipo di dolore. Vorrei sapere come essere lì per lei.

Oggi auguro a lei e a me stesso che la piccola Maars e io continuiamo a curare le ferite a cui non ha più bisogno di aggrapparsi. Mi auguro che possa trovare pace e felicità nel presente.

Alcune cose non le supero mai, altre troveranno sempre il modo di emergere. Alcune cose guariranno nel tempo.

Buon compleanno piccola Maars, stiamo andando bene!

Dai un'occhiata a un recente blog di Maars: Tanta perdita nell'adozione

L'adozione può essere una prigione psicologica

How do I start over?

The question echoes in my brain every day here in Hawaii, now totally away from the relations of my former adopted life.

How do I live anew as one person in this world?

I left my adoptee ties that were technically governmentally bonded relations that I had no control over as a Filipino orphaned child circa 1980’s. For me, they had been total strangers and I didn’t have any oversight or support in post-adoption.

As time went on for me, I wasn’t able to have the fortune to get to know my biological family as after my reunion in 2012 in the Philippines, I decided to go my own way once I discovered our language barriers and my inability to confirm any facts on them.

So yes, fast-forward to current times and it is Sunday, and I have relinquished my bond of my adoptive ties for various reasons, and it hasn’t been easy but for me, it was necessary.

This break action has been mental, emotional and physical. Slamming this lever down included making physically strategic distance by moving far, far away on my own to the Pacific islands in 2019, re-establishing dual citizenship to my birth country in the Philippines in 2021, and civilly sending a kindly written email to my adoptive parents this year after my adoptive brother’s jarring and untimely death.

Additionally, the extended adoptive ties I’ve noticed can also naturally deteriorate with time itself after years of peaceful but gently intentional non-communication.

What happens after you’re on this path of annexation, you wonder?

For me, I’ve arrived at an interesting intersection in my adulthood when I’ve sort of returned to a former state of orphanhood with no real station in life, no bonds, all biological history, heritage and economic status obsolete all over again.

Doesn’t sound that appealing, I know! Tell me about it.

The perk is that instead of being a vulnerable child, I am a 36-year-old woman living in Hawaii. I have rights. I am in control of my wellbeing and fate. I have responsibilities. I drive my own car, I pay bills, I have funds; I have a job and I am not helpless.

I can take care of myself. So to me, the biggest perks are in being healthy and reclaiming my life, identity and sovereignty needed over my own needs and wellbeing.

So quickly the adoptee bond can turn into toxic relations if the parents are narcissistic or emotionally or physically abusive.

After the death of my adopted brother, who was also a Filipino American adoptee and died of severe mental issues and alcohol poisoning, I had a stark wake-up call of how these adoptee relations were silently impacting me too.

And I had to make better choices for myself, I would be risking too much if I ignored this.

It is like leaving a psychological prison, I told Lynelle on a weekend in May.

After some reflection, I realized that as a child and having to make structured attachments from being displaced, this legal bond fastens.

And as a displaced, vulnerable child, I think one falls privy to co-dependency, the need for a family structure overrides even the need for safety for his or her own wellbeing, like if abuses arise in this domestic home.

Or other aspects might not nurture the adoptee, like when the child isn’t being culturally nurtured according to their birth country.

Or when the parents or family members are financially and socially acceptable as to meeting criteria of adoption, but possess narcissistic personalities which is also detrimental to the child’s personal, emotional, psychological and cultural development.

A child stays glued and psychologically devoted to their family ties through development stages and on past adulthood because the need for foundational attachments is paramount to one’s psychological upbringing and success.

And if these ties are in any way bad for the adoptee early on, I think these relations that were once saving can quickly turn into a psychological prison because you are truly bound to these social ties until you’re strong enough to realize that you have a choice.

And you Potere break out of this bond, this governmentally established bond, although possibly later on as an adult. And, with some finesse.

As an adult adoptee, from my experience adoptive ties that develop healthily or dysfunctionally, after a certain amount of time both types transitions into permanence to that adoptee. Adoptive ties mesh and fuse just the same as biological ties, once you’ve gone so long in the developmental process.

This adoptive relation is totally amazing when it’s good, like any good relationship.

The spin is that when there are issues plaguing the adoptive unit, which can be subtle, interplaying with the personality and culture of the adoptive relations, these issues can go totally disguised, unreported, and it can be toxic and the affects can last a lifetime.

From experience, I see that it is because the adoptee child is vulnerable and doesn’t know how to report issues in the relations, because the option isn’t even granted to them.

No one is really there to give or tell the adoptee child that they have these rights or options. When it comes to post-adoption, there isn’t much infrastructure.

Sadly, if dynamics are not supportive to the adoptee, in time, it can cost an adoptee the cultural bonds to their own birth country or the loss of their native language.

It can cost an adoptee their sanity and mental health.

It can cost an adoptee their self-esteem, which all bleeds and returns into the social sea of their placement or back out into other countries.

And, it can cost an adoptee their life.

On the upside, if the placement is good, it can save a person’s life as well! And it can allow this adoptee happiness and joy forevermore.

Each side of the coin both instills an adoptee’s human value and the toll the placement takes on every child who becomes an adult in society is also expensive, leading to exponential advantage and success in society, or potential burnouts.

For me, my adoptive placement was costly in the end. However, I was still able to survive, work and live. I was materialistically taken care of, thankfully.

I honestly think much was due to my own faith, offbeat imagination and whatever blind luck I was born with that all carried me through this.

Overall, this has been a total trip and my journey has been very far from embodying the traditional fairy tale adoption story.

So now, it’s time to do the hard work, an adoptee mentor messaged me today. But I can do it, we all can do it! It just takes good choices and regular upkeep.

Nearing the end of this post, I will share to my adoptee community that we have a choice especially once we’re of legal age. I’m sort of a wildflower in general, and a late bloomer, so I’m coming out of the fog and becoming aware now in my mid-thirties.

Yes, we have a lot to rear ourselves depending on the economic status we find ourselves in without our adoptee ties. But like other adoptee peer support has shared, you should not do this kind of thing by yourself. You can have support structures the whole time in this.

And yes, it is terrifying, because you will have to rebuild your sense of identity when leaving toxic family relations. As yes, it can be like rebuilding your identity all over again from when you leave them and start anew, as a now a self-made, sovereign person.

From a Hawaiian private school I work at now, I have come to find that cultural identity building begins in the present and it is built upon values, history, education and the wisdom of the past. Now that I have found a home in Hawaii, maybe I can learn more about it.

I will also be working on weekly goals that I hope to share to the community as I continue on this never-ending journey.

In conclusion, if you are in a good adoptive family, God bless your fortune and I have so much love and happiness for you! However, if you are needing to split away from the ties, like if your adoption wasn’t that healthy, then please know it isn’t impossible.

Professional and peer support is here for you, every day on your way to freedom. You can create your own sovereignty, it will just take work.

Read Desiree’s earlier post at ICAV: Cosa ho perso quando sono stato adottato and follow her at Weebly o Instagram @starwoodletters.

Se la luna potesse essere la mia madre ora

di Roxas-Chua, adottato dalle Filippine negli USA; autore, artista.

Ho pensato di condividere questa immagine che si trova sul mio tavolo desktop nel mio studio. L'ho creato una di quelle notti in cui non ero in grado di attingere al cambiamento e al movimento nella mia lotta per l'adozione. Trovo che un equilibrio tra condivisione di storie, lavoro di auto-genitorialità, scrittura contemplativa e disegno mi abbia aiutato a navigare e tradurre il mondo intorno a me. In questo disegno ero accompagnata dalla luna, che in qualche modo mi dava conforto come fa la natura. Spero che vi piaccia. È un'istantanea di tenerezza che cerchiamo da noi stessi e dagli altri. Se la luna può essere la mia madre naturale ora, sto bene con quello. Prenderò qualsiasi sentiero che illumini la notte.

Per ulteriori informazioni su Roxas-Chua, guarda il loro podcast Caro qualcuno da qualche parte e prenota Dire il tuo nome tre volte sott'acqua.

Cosa ho perso quando sono stato adottato

Oggi mi guardo intorno e non ho una famiglia in vista. Ero lacerato alle radici quando sono nato nelle Filippine in condizioni di indigenza nel 1985, sono rimasto orfano alla nascita e adottato nel 1987.

In duplice modo, il mio processo di adozione internazionale aveva sistematicamente cancellato la mia intera eredità e la conoscenza dei miei antenati. Mentre mi legavo permanentemente a persone che non avevano alcun interesse a preservare o mantenere intatta la mia nazionalità e cultura di nascita.

Non so perché ciò sia dovuto accadere durante il processo di adozione.

Perché il passato doveva essere cancellato in modo così efficiente come se non fosse mai esistito.

Perché tutto questo doveva essere cancellato?

Le narrazioni dei miei nonni, le narrazioni dei miei bisnonni, le voci di tutta la carne e il sangue e le ossa che hanno fatto il mio DNA oggi.

Perché le loro storie hanno dovuto lasciarmi?

Era perché ero marrone?

È stato perché sono nato nelle Filippine, che nella storia è sempre stato un paese in via di sviluppo, emarginato con un passato colonizzato?

Era perché ero un bambino vulnerabile che non aveva voce in capitolo o diritti sulla mia stessa vita in quel momento? Era perché i miei ricordi e la mia identità non avevano importanza?

Ho dovuto essere separato dal mio paese di nascita e dalla lingua materna del mio paese di nascita per essere salvato da una famiglia più privilegiata?    

E perché le restanti informazioni biografiche erano così incredibilmente inutili e irrilevanti? E perché ho dovuto aspettare fino all'età di 18 anni per ricevere anche quelle informazioni, quali parti di esse, ho scoperto in seguito da una riunione con la mia madre naturale, non erano nemmeno vere.

Mi sto lamentando perché sono rimasta orfana?

O mi sto lamentando perché c'erano parti di questo processo di adozione che era sistematicamente disumano, inclusa l'adozione di me da una coppia caucasica del Midwest che non aveva mostrato alcun interesse a preservare la mia eredità culturale o a mantenermi in contatto con la lingua del mio paese natale. Come mostra, anche in quella documentazione di adozione, non avevano alcun interesse per la mia eredità.

Non sapevo che se avessi mantenuto questa connessione quando ero un bambino marrone vulnerabile e sostanzialmente acquistato da una famiglia bianca privilegiata, sarei stato in grado di tornare nelle Filippine nella mia età adulta, il mio paese natale, e avrei essere in grado di parlare fluentemente, il che mi avrebbe dato un percorso molto più semplice per rivendicare la mia cittadinanza.

Anche il mio nome di nascita, perché i miei genitori adottivi che non mi hanno mai conosciuto hanno improvvisamente avuto il diritto di cambiare il mio nome di nascita quando mi hanno adottato/acquistato?

Perché erano stati dati loro dei diritti?

Quali diritti mi sono stati sottratti in questo duplice processo?

Dove è andata a finire la mia cittadinanza nel mio paese natale quando sono stata adottata?

Perché tutto questo ha dovuto lasciarmi quando sono stato adottato?

Puoi leggere l'articolo di Stephanie: Sulla strada del recupero, seguila a Weebly o Instagram @starwoodletters.

Tossicità e dolore

di Dan R Moen, adottato dalle Filippine negli USA.

La terza parte di questa serie si concentra sulla tossicità e sul suo impatto con il dolore. Le forme nere a forma di vite rappresentano la tossicità e il modo in cui si manifesta dentro e intorno a tutti noi. È raffigurato come una bestia incontrollabile e ha completamente inghiottito un individuo. Cresce e prospera quando il dolore non viene affrontato, le risorse per la guarigione non sono disponibili o utilizzate e quando si ha voglia di arrendersi. La creatura simile a una vite si avvolge attorno all'altro gentiluomo e sta cercando di tirarlo giù insieme all'altra persona. Sta cercando disperatamente di afferrare il frutto appeso, che rappresenta la speranza. Liberamente ispirato alla mitologia di Tantalo, è appena fuori dalla portata del frutto, ma la tossicità lo sta allontanando. Intrecciati nelle viti ci sono vari fattori di stress che danno alla creatura simile a una vite il suo potere. Frasi come Covid-19, Trump, violenza armata, Biden, divorzio e altre frasi alimentano questa creatura e, quando non vengono affrontate, le permettono di diventare più forte.

A sinistra, il braccio rappresenta il suicidio; raffigurante come tutti questi fattori di stress possono manifestarsi nella tossicità della creatura simile a una liana e come ora gli sono cresciuti i barbi. Avvolgendosi attorno al braccio del gentiluomo, taglia in profondità e crea un dolore ultraterreno. Il sangue gocciola e alimenta i fattori di stress sul terreno, accendendo ancora una volta il ciclo e il potere della creatura simile alla vite.

Dai un'occhiata agli altri due dipinti di Dan all'interno di questa serie Il lutto per il figlio del passato e La mia prospettiva è importante?

Per saperne di più su Dan e sul suo lavoro, dai un'occhiata al suo sito web.

La mia prospettiva è importante?

di Dan R Moen, adottato dalle Filippine negli Stati Uniti. Questo è il secondo di un'opera d'arte in 3 parti di Dan che esplora l'essere adottati.

La mia prospettiva è importante?

Una delle cose chiave che mi ha aperto gli occhi è capire cosa è appropriato dire a qualcuno che sta soffrendo o sta soffrendo.

Non siamo riusciti a capirci e a utilizzare gli strumenti per coltivare la vera empatia, non la simpatia. Sfortunatamente, a causa di ciò, conversazioni difficili possono causare alienazione, vittimizzazione o gaslighting nell'individuo. Spesso vogliamo dare consigli o prospettive esterne, ma spesso è ingiustificato quando la persona sta attraversando il dolore in questo momento. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che ci è stato insegnato che dare consigli equivale ad aiutare. Gli umani hanno un istinto naturale di voler riparare; l'idea che tutto ciò che non si adatta allo standard deve essere riparato e riparato rapidamente.

Tutto ciò che fa è alienare la persona e farle domandare se ha il diritto di provare emozioni umane. Senza farlo consapevolmente, questo può facilmente sembrare egoistico e si possono proiettare i propri modi di affrontare la vita aspettandosi che la persona in lutto soddisfi lo stesso standard, anche con le migliori intenzioni a cuore.

La chiave per aiutare davvero qualcuno che sta attraversando un lutto o dei problemi è ascoltare davvero e convalidare, convalidare, convalidare. Detto questo, quello sì non significa necessariamente d'accordo con la persona, ma è umanizzare la persona e permetterle di avere un posto dove piangere, sentire e vivere le emozioni necessarie per la crescita.

Sii consapevole di ciò che dici alle persone quando sembrano sopraffatte, affrontano l'ansia o attraversano una perdita. Devo ricordarmelo tutto il tempo. Scivolo anche io. Quello che dici loro può avere un profondo impatto positivo o, sfortunatamente, negativo. Non farlo su te stesso, e soprattutto…. NON dire loro come sentirsi. A volte, rimanere in silenzio, ma essere un ascoltatore attivo, aiuta enormemente l'altra persona e frasi come "grazie per la condivisione. Mi dispiace che tu stia attraversando questo. Per favore fammi sapere se c'è qualcosa che posso fare per aiutarli" li aiuterà e darà loro la sensazione che possono andare da te per il supporto.

Questi sono i motivi per cui noi adottati abbiamo, su una scala molto più ampia, così tanti problemi di salute mentale che purtroppo non vengono diagnosticati, non trattati e invalidati. Quando vediamo che accadono crimini c'è qualcosa di più profondo che non vediamo. I crimini nella società, dal furto all'omicidio, sono sintomi di bisogni più profondi e complessi dell'umanità.

Tieni a mente più cicatrici sono invisibili di quante siano visibili, questo significa che non sai cosa sta passando la persona. Potrebbe esserci molto di più dalla loro storia e dall'esperienza vissuta che potresti non sperimentare mai. Ciò a cui assistiamo quando qualcuno è in lutto può essere radicato in qualcosa di molto più profondo e storico nella propria esperienza vissuta. Allora perché dovremmo confrontare le nostre vite l'una con l'altra? La vita non è una corsa verso il basso, né una corsa verso l'alto. Dobbiamo essere in grado di essere come oggetti di vetro. I bicchieri da vino contengono ciò che possono contenere, i bicchieri da shot contengono ciò che possono contenere e le ciotole da punch possono contenere ciò che possono contenere. Non si può versare la stessa quantità di liquido da una ciotola di punch in un bicchierino; traboccherà. Tuttavia, le persone non sono statiche, possono sopportare la quantità di stress che può contenere un bicchierino e spostarsi lentamente fino a un punchbowl, e poi di nuovo giù.

Di recente ho avuto una conversazione con un mio meraviglioso amico che è indigeno, sulla comunità dei nativi americani e su come pensano di dare consigli:

Gli anziani non danno consigli o prospettive in ogni situazione in cui hanno l'opportunità. Capiscono invece che un giovane vivrà un'esperienza vissuta diversa da un anziano e per avere consigli bisogna scambiarsi fascine di tabacco. Il tabacco è sacro in molte tradizioni e culture dei nativi americani in quanto è una medicina usata per le preghiere, la comunicazione e i messaggi al mondo degli spiriti. Gli anziani daranno fascine di tabacco ai giovani se hanno bisogno di consigli e i giovani daranno tabacco agli anziani se hanno bisogno di consigli. Questo è visto come un dono di offerta. Lo ammiro assolutamente e vorrei che le persone mettessero in pratica questo concetto molto di più: anche in terapia ci sono codici di condotta sul dare consigli ingiustificati. Quando la frase "Cosa ne pensi? Cosa faresti? Hai un consiglio?" è pronunciato, questo è l'invito. Se chiedi: "Posso offrire una prospettiva, un consiglio?" e non lo vogliono. Non darlo. Lascia che la persona in lutto SIA UMANA.

Per la prima opera d'arte di Dan in questa serie, vedi Il lutto per il figlio del passato.
Per ulteriori informazioni su Dan, visita il suo sito web.

Il lutto per il figlio del passato

A novembre 2021, mi è stato chiesto dal Dipartimento australiano dei servizi sociali, per reperire opere d'arte di adottati all'estero che si adattassero alle loro opere d'arte per una revisione della letteratura che hanno finanziato rivedendo la ricerca disponibile su Adoption and Suicide.

L'ICAV ha contattato vari artisti adottati noti per il loro lavoro da ICAV e ha chiesto se desideravano presentare dei pezzi. Dan, un filippino adottato negli Stati Uniti, solo poche settimane prima si era unito alla rete ICAV e avevo visto le sue opere d'arte come parte della sua conoscenza. La sua opera d'arte mi ha sbalordito per la sua profondità e intensità. Quindi gli ho chiesto di condividerlo con tutti voi qui. L'opera d'arte è un mezzo così potente per ritrarre l'esperienza vissuta dell'adottato! Spero che ti piacciano i prossimi 3 blog in cui condividiamo l'incredibile talento di Dan, la sua opera d'arte e il significato dietro ogni pezzo. Ti presenta la sua serie in 3 parti, tutte relative all'essere un adottato internazionale filippino.

di Dan R Moen, adottato dalle Filippine negli USA.

Il lutto per il figlio del passato

Questo rappresenta sia il mio presente che il mio passato che attraversano simultaneamente un tumulto emotivo. Il bambino è suggerito di essere nudo in rappresentazione di essere completamente vulnerabile. Con entrambe le braccia che circondano la forma adulta di se stesso, il bambino non desidera altro che essere amato, protetto e... non sentirti orfano—un vero senso di appartenenza.

L'adulto, tuttavia, rappresenta il mio attuale io adulto. L'abbigliamento del vecchio mondo/Vittoriano/Edoardiano rappresenta una connessione con la storia; l'amore per lo studio e l'apprendimento dai nostri antenati e la passione per coloro che sono venuti prima, ignorando completamente il bambino nel presente. Il gilet rosso rappresenta l'amore ma è coperto e non svelato dalla redingote parzialmente chiusa. Sta distogliendo lo sguardo dal bambino suggerendo che c'è una disconnessione. Sta guardando verso l'oscurità sapendo che il mondo non è tutto splendente e glorioso. Anche lui è in lutto, ma non si connette completamente al bambino. Un braccio è avvolto attorno al bambino suggerendo che c'è una piccola connessione con il suo io passato, ma l'altra mano è completamente in tasca a suggerire che c'è un senso di distacco, inclusa la dissonanza cognitiva, il bisogno di crescere e andare avanti. Sta mostrando il tumulto interiore di accettare l'idea di "questa è solo la vita" - mentre, allo stesso tempo, non si concede il permesso di piangere completamente con il figlio passato.

Intorno a loro ci sono diversi colori che suggeriscono fuoco di significati. I verdi scuri rappresentano le foreste che ho visitato per tutto il 2020 e tutti i luoghi segreti in cui mi piace andare per guarire. Molti di questi luoghi erano fuori dai percorsi naturalistici e, per visitarli, avrebbero dovuto camminare in profondità nei boschi per trovare questi luoghi.

Il rosso rappresenta il sangue di chi è morto per mano della cattiva politica, della politica, del razzismo, dell'ignoranza e del Covid-19. Così come il bianco, che rappresenta gli innumerevoli spiriti e anime che sono passati nell'aldilà.

Il giallo rappresenta il fuoco con il caos e il cambiamento. Ci sono accenni di vernice metallizzata dorata che suggeriscono l'idea che ci sia guarigione all'interno del caos, ma dipende dalle prospettive individuali. Questo è rappresentato fisicamente dallo spettatore poiché l'angolo con cui stai guardando il dipinto determina la visibilità della vernice metallica. Quindi, quando più persone guardano il dipinto contemporaneamente, alcune vedranno la vernice metallica mentre altre non la vedranno, questo è il punto.

Molti di noi, da adulti, a volte dimenticano che le emozioni crude che proviamo sono umane, semplicemente umane. Non è necessaria alcuna logica nel momento del dolore. Molte delle nostre paure, dolori e profondi tumulti interiori provengono dal nostro passato e, a volte, piangiamo la nostra infanzia, poiché non ci siamo dati il permesso di addolorarci completamente e provare queste emozioni crude. Dobbiamo darci quel permesso; qualsiasi consiglio da altri o opinioni da altri non saranno soddisfatte se non ci permettiamo di senti prima e convalidare come sentirsi internamente.

Anche tu sei importante. Sei #1 nella vita; dalla nascita al prossimo mondo – impara a vivere insieme a te stesso, non da solo.

Prossimamente, la seconda opera d'arte di Dan La mia prospettiva è importante? nella sua serie in 3 parti.

Per saperne di più su Dan e sul suo lavoro, dai un'occhiata al suo sito web.

Trascorrere il Ringraziamento da solo

Le vacanze sono sempre state un po' fastidiose, almeno per me. E per peggiorare le cose, quest'anno trascorrerò il Ringraziamento da solo, ma sono felice di avere almeno un paio di giorni liberi questa settimana a causa delle vacanze! Ho anche dei nuovi obiettivi con cui occuperò il mio tempo. Ad esempio, spero di iniziare a scattare fotografie locali delle Hawaii. Penso che questo obiettivo sia fantastico perché può motivarmi tre volte:

  1. Il mio obiettivo mi incoraggerebbe a saperne di più sulle bellissime Hawaii.
  2. Mi motiverà a incontrare nuove persone.
  3. Posso anche aggiornare il mio portafoglio.

La vita alle Hawaii come nuovo singolo è stata tranquilla, ma devo ammettere che può essere solitaria. All'inizio è stata più dura, ma in questi giorni ho avuto dei piccoli momenti di gioia nei momenti che passano.

La mia lista di piccole cose che mi portano gioia temporanea (come persona single appena creata alle Hawaii)

  • Ascolto di musica pop bhutanese su Spotify
  • Seduto nel mio posto segreto preferito con vista sull'oceano
  • Diario spazzatura a casa con un film acceso
  • Fare jogging vicino all'autostrada
  • Mangiare pok in qualsiasi momento della giornata
  • Parlando con amici
  • Check-in con i miei gruppi di supporto o laboratori creativi

Il mese prossimo sarà Natale.

Ho pensato a come sarà visitare la mia famiglia adottiva in Arizona in quel periodo. Sono stati anni di allontanamento e non ho ancora incontrato nemmeno una manciata di figli di mio cugino, quindi è decisamente un bene che li incontri quest'anno.

Sarà anche bello non essere soli, e spero di poter scrivere anche sul blog in quel momento.

Ho anche pensato ai miei progetti alle Hawaii. Se dovessi provare a tornare sulla terraferma per vivere e lavorare in un posto più abbordabile. In questo momento il lavoro qui mi fa andare avanti su Oahu, ma è ancora volubile. Mi ha colpito anche un'altra idea: Penso che sarebbe fantastico pianificare un viaggio nelle Filippine con alcuni amici filippini-americani adottati che potrebbero voler esplorare insieme il nostro paese d'origine!

Qualcuno è interessato?

Non c'è molto altro di cui scrivere in questo momento, quindi firmerò. Per favore sentiti libero di trovarmi su Facebook o Instagram se vuoi metterti in contatto!

Sulla strada del recupero

Sono un filippino americano adottato di 36 anni e la mia strada per riprendermi dall'essere rimasta orfana da bambina non è mai stata facile. Non avevo le risorse per tornare nelle Filippine per restaurare la mia eredità. Non ho mai avuto le risorse per riparare i problemi che ho avuto con il mio collocamento in adozione internazionale. Quindi, ho dovuto trovare soluzioni creative per riprendermi da tutto questo.

Non posso promettere consigli per salvare nessuno dalle complicazioni dell'essere adottati o adottati. Quello che posso fare è dare alcune soluzioni personali che ho trovato nella mia vita da adottato che mi hanno aiutato nel mio percorso di recupero dal mio viaggio di adozione internazionale.

5 cose che ho fatto per reclamare la mia vita da adottato

  1. Creare. Ho studiato prima scrittura e poi biblioteconomia e scienze dell'informazione. I miei interessi mi hanno portato a creare arte e prodotti informativi misti che mi hanno aiutato a dare voce alle perdite della mia vita transrazziale e a ristrutturare un nuovo senso di identità in modi innovativi. Potrei trasformare il mio dolore con l'arte e l'istruzione. Ad esempio, ho creato un archivio digitale che mostra il mio processo di adozione e l'identità biologica che ho perso quando sono nato orfano nelle Filippine nel 1985. Puoi visualizzare il mio archivio qui e il mio Instagram qui.
  2. Ritirarsi serenamente. Tra l'incudine e il martello, dovevo scegliere ciò che era meglio per me psicologicamente ed emotivamente. Ho iniziato a ritirarmi dalla norma nei miei primi vent'anni. Mi sono separato dalla mia famiglia adottiva attraverso il distanziamento geografico e sociale. Mi sono ritirato da tutte le relazioni passate che mi hanno fallito in passato e dalle cattive relazioni che ho avuto. Mi sono trasferito alle Hawaii a trent'anni, un luogo in cui ero stato misteriosamente chiamato per anni. Ecco, ho lasciato andare. Ma nonostante abbia lasciato andare, non ho mai rinunciato a me stesso, all'amore che ho per la vita, ai miei ideali o al mondo che mi circonda. E per mantenermi bene alle Hawaii, ho continuato le mie pratiche di meditazione e terapie olistiche.
  3. Concentrandosi sul lavoro. Ci sono percorsi nel buddismo in cui si può praticare la meditazione in modo ottimale e raggiungere la liberazione attraverso un lavoro e una fatica intensi. Il lavoro è stata la migliore pratica per me. Il lavoro si rivolge alla mia personalità studiosa. È il miglior sfogo fisico, emotivo e psicologico. Riesco a ricostruire un senso di identità anche nel lavoro.
  4. Essere coinvolti nelle comunità. Sono stato coinvolto con comunità di supporto e gruppi di supporto. Gravito verso persone che praticano la meditazione, persone dedite all'arte o all'apprendimento o attività senza scopo di lucro. Mi piace far parte di reti di supporto con le persone. faccio domande. mi offro volontario. Mi piace credere di ristrutturare i legami spezzati della mia storia facendomi coinvolgere oggi. Far parte di comunità mi aiuta a coltivare un senso di appartenenza. Costruisco una base positiva intorno a me e sostengo le strutture.
  5. Prendersi cura delle mie relazioni oggi. Le relazioni mi tengono regolato nella mia vita quotidiana. I miei rapporti includono quelli non convenzionali come prendersi cura delle mie piante, del mio gatto, dei rapporti di lavoro e con me stesso. Ho iniziato a consigliare gli adottati su base regolare per coltivare un rapporto migliore che ho con me stesso e il mio mondo di adottati. Sto anche tornando dalla mia famiglia adottiva questo Natale per visitare e aiutare a guarire i miei rapporti con loro. Le mie relazioni mi aiutano a stare bene nella vita oggi.

Sì, sento ancora gli echi dei miei legami spezzati che influenzano la mia vita oggi. Soffro ancora di essere nato nella povertà indigente nelle Filippine tanto tempo fa. Sogno ancora il fratello americano filippino più grande che ho perso in questa esperienza di adozione internazionale. Porto ancora il vuoto in cui le voci della mia famiglia biologica sono scomparse per sempre. Non c'è una risposta facile per riprendersi da questi paradossi.

Nonostante tutto, so che sto trovando la mia strada giorno dopo giorno. Sono uscito dalla nebbia, ed è stata una buona cosa.

Leggi di più da Stefania:
Ricostruire identità e patrimonio
L'appello di un filippino adottato per non essere cancellato

Essere veramente visto come un adottato filippino

di Arlynn Hope Dunn, adottato dalle Filippine negli USA; presentato al 16a consultazione globale filippina sui servizi di assistenza all'infanzia il 24 settembre 2021.

Mabuhay e buongiorno! Mi chiamo Hope e mi unisco a te da Knoxville, Tennessee, nel sud-est degli Stati Uniti. Ringrazio ICAB per avermi invitato a far parte della Consultazione Globale sull'adozione internazionale. Sono grato di accedere alle risorse post-adozione dell'ICAB, che sono state significative nel mio processo di riconnessione con la mia famiglia d'origine. Sottolineo che la mia storia e la mia riflessione oggi sono mie e non parlo per le esperienze vissute di altri adottati. Spero che tutti coloro che ascoltano le nostre testimonianze oggi siano aperti a varie prospettive sull'adozione poiché ci influenzano nel corso della nostra vita.

I miei inizi

Sono nata a Manila nel dicembre 1983 e nel luglio 1984 sono volata dalle Filippine con la mia assistente sociale, per incontrare i miei genitori adottivi e la sorella di sei anni che è stata adottata dalla Corea. Avevamo una vita suburbana idilliaca e tranquilla, mia madre era una casalinga e mio padre era un geologo, che viaggiava spesso per il paese. La nostra famiglia molto probabilmente si sarebbe trasferita a ovest per ospitare il lavoro di mio padre, ma non abbiamo mai lasciato il Tennessee. Mio padre aveva il diabete giovanile e sviluppò la polmonite e morì tre giorni prima del mio primo compleanno. Mia madre, una sopravvissuta alla poliomielite, che l'ha lasciata senza l'uso del braccio destro, è diventata improvvisamente una madre single di due bambini piccoli senza parenti vicini. Il dolore irrisolto per la perdita di mio padre si è riverberato per anni nella nostra famiglia attraverso il ritiro emotivo di mia sorella, che era molto vicina a nostro padre... e mia sorella. Quanto a me, ho oscillato dal ruolo di comico per assorbire le tensioni tra mia sorella e mia madre all'autoregolazione delle mie emozioni accumulando cibo da bambino e imbottigliando le mie emozioni, per rendermi scarso e piccolo. Mentre sono cresciuto in una casa che ha verbalizzato l'amore, ora riconosco i modelli di abbandono e codipendenza che hanno avuto un impatto sul mio sviluppo. Sono anche cresciuto nell'era dei primi anni '90, dove le norme sociali e i media rafforzavano il daltonismo piuttosto che offrire la razza come un'opportunità per discutere e celebrare la diversità culturale unica. 

A differenza delle grandi comunità filippine in California, c'era poca diversità dove sono cresciuto, poiché la maggior parte della mia scuola e comunità era bianca con alcuni studenti neri. Ero uno dei tre studenti asiatici e siamo stati tutti adottati. Piuttosto che gravitare l'uno verso l'altro, ci siamo appoggiati a diversi gruppi di amici come parte naturale dell'assimilazione. Di noi tre, ero più tranquillo e dolorosamente timido, il che mi rendeva un facile bersaglio di bullismo. All'età di sette anni, sono stato chiamato la parola "N" sullo scuolabus. Mi è stato detto che mia madre mi ha partorito in una risaia. Ironia della sorte, al ritorno dell'anno scolastico in autunno, le ragazze si accalcavano per toccarmi la pelle e chiedermi come facevo a diventare così scuro. A quei tempi, ero così orgoglioso della mia pelle scura e non ho mai imparato a conoscere il colorismo fino a quando non ero un adulto. Alla fine il bullismo è diminuito fino a dopo l'attacco alle torri gemelle dell'11 settembre 2001, quando il razzismo è riapparso e un altro studente mi ha detto di farmi saltare in aria con il resto della mia gente. In risposta, la mia insegnante mi ha fatto abbracciare l'altro studente perché a 17 anni “era solo un ragazzo”. La risposta della mia famiglia è stata di ricordarmi che sono americano come se solo quella fosse una corazza sufficiente per resistere e deviare la violenza verbale. Ho interiorizzato così tanta vergogna di essere diverso, che ho equiparato a meno di, che sono diventato complice della mia stessa cancellazione culturale e del crollo dell'autostima.

Giovani adulti

Da giovane adulto, ho lottato con le pietre miliari che venivano naturalmente ai miei coetanei. Ho fallito la maggior parte delle lezioni al liceo, ma al mio preside piacevo e mi ha permesso di laurearmi in tempo. Ho lasciato il college senza una visione di chi volevo essere entro i 21 anni. Ho concluso una relazione e un fidanzamento di sei anni e non sono riuscito a mantenere un lavoro entro i 23. Ero attivo nella chiesa evangelica ma gli anziani mi hanno detto che il mio la depressione e l'idea suicidaria derivavano dalla mia mancanza di fede. Alla fine, ho acquisito esperienza lavorando con i bambini. Sono tornato al college all'età di 27 anni mentre svolgevo più lavori e sono stato accettato nel programma di assistente di terapia occupazionale, dove ho acquisito strumenti per la salute mentale e in seguito mi sono laureato con lode e ho pronunciato il discorso di laurea.

Come sfogo dal mio intenso programma universitario e lavorativo, mi piaceva andare al cinema da solo e nel 2016 ho visto un film che è stato il catalizzatore per il mio viaggio alla ricerca della mia eredità.  Leone è un film sulla vita reale di Saroo Brierly, cresciuto dai suoi genitori adottivi australiani e alla fine si è riunito con la sua prima madre in India. Mentre Saroo è raccolto tra le braccia della sua prima madre, una diga di emozioni si è spezzata dentro di me, principalmente il senso di colpa per il fatto che in qualche modo avevo smarrito il ricordo della mia prima madre. Qualcosa di profondo dentro di me, risvegliato mentre assistevo a questo tiro alla fune sulle sue emozioni, recitato su uno schermo cinematografico. Ho visto uno specchio che mi illuminava mentre correva interferenza tra due mondi che raramente lo vedevano e le complessità dell'adozione e come è stato lasciato a conciliare questo peso insopportabile da solo.

Rivendicare il mio patrimonio filippino

Ho iniziato il mio viaggio per reclamare la mia eredità filippina attraverso il mio nome. Negli ultimi quattro anni, sono passato dal mio nome adottivo Hope al mio nome di nascita Arlynn, che in gaelico significa "giuramento, impegno". Mi sembra di poter tornare a qualcosa che ora so per certo mi è stato dato dalla mia prima madre. Prima di iniziare formalmente la mia ricerca nella mia storia, l'ho detto a mia sorella, che ha sostenuto la mia decisione. Passarono diversi mesi prima che chiesi a mia madre se conosceva altri dettagli sulla mia famiglia d'origine oltre alla corrispondenza che mi aveva dato in un raccoglitore. Sentivo di dover proteggere i suoi sentimenti come se il fatto di voler sapere improvvisamente della mia prima famiglia l'avrebbe ferita. Mi ha detto che non c'erano altre informazioni. Più tardi, avrei scoperto che era una bugia.

Per tutta la vita, mia madre ha continuato a lottare con il suo uso improprio dei farmaci antidolorifici prescritti. Da bambina, ricordo che mia madre mi faceva notare quali flaconi di medicinali usava nel caso non si fosse svegliata per farmi chiamare la polizia. A volte, dormivo sul pavimento vicino alla sua stanza per assicurarmi che respirasse ancora. Avevo 32 anni quando ha richiesto l'intervento ospedaliero per i sintomi di astinenza, mi ha detto nella sua rabbia che avrebbe voluto lasciarmi nel mio paese di nascita. Mi ha fatto più male che se mi avesse schiaffeggiato perché non si è mai scagliata contro la mia adozione quando ero più giovane. Sono uscito dalla sua stanza sentendomi come se avessi perso un altro genitore.

Alla fine, la casa della mia infanzia è stata venduta e mia madre è andata in una casa di cura per cure a seguito di un'emorragia cerebrale. Mia sorella ed io abbiamo recuperato la cassetta di sicurezza di nostra madre presso la sua banca locale, che a mia insaputa conteneva il mio caso di studio completo. Mia sorella mi ha detto che non avrei mai dovuto saperlo e nostra madre le ha fatto promettere di non dirmelo, quando era più piccola. Mi sono seduto da solo nella mia macchina singhiozzando mentre leggevo il nome del mio primo padre per la prima volta poiché non era elencato sul mio certificato di nascita, al quale ho sempre avuto accesso crescendo. Descriveva in dettaglio come i miei genitori avessero sette figli e cinque di loro morirono durante l'infanzia per malattia. I miei genitori si separarono mentre mio padre rimase con i figli sopravvissuti e mia madre rimase con suo nipote rifiutandosi di riconciliarsi con mio padre non sapendo che era incinta di me. Nel corso del tempo, mia madre ha cominciato a vagare lontano da casa ed è stata istituzionalizzata. Dopo la mia nascita si è allontanata di nuovo da casa e ha scoperto che cantava da sola. Dopo la mia nascita, mi è stato consigliato di essere collocato in un rifugio per bambini temporaneo poiché mia madre non era in grado di prendersi cura di me. Un'impronta viola del pollice al posto di una firma ha indirizzato il suo atto di resa per me alle autorità di assistenza sociale.

Famiglia perduta da tempo

Alla ricerca della famiglia biologica

Grazie alle risorse di ICAB e Facebook, sono stato in grado di localizzare mio fratello e mia sorella sopravvissuti e ho appreso che i miei genitori naturali sono morti. All'inizio del 2021, sono riuscito a trovare i parenti della mia prima madre, inclusa la sua unica sorella sopravvissuta. Sono ancora stupito e grato che i miei fratelli e la mia famiglia allargata mi abbiano abbracciato e io soffro dal desiderio di incontrarli, di essere toccato dalla mia gente. Prima della pandemia avevo l'obiettivo di viaggiare nelle Filippine, ma durante la chiusura dell'economia ho perso due dei miei lavori, la mia salute mentale ha sofferto dell'isolamento di vivere da solo durante il blocco e alla fine ho perso la mia casa e i soldi che è stato cresciuto da amici e famiglia per andare nelle Filippine ha dovuto impedirmi di vivere nella mia macchina, finché non fossi riuscito a stare con gli amici. Dallo scorso novembre ho potuto ottenere un lavoro a tempo pieno e quest'estate ho trovato una terapista, anche lei adottata transrazziale, che ha lavorato con me per elaborare il mio dolore e il senso di colpa del sopravvissuto. sopravvisse a molti dei miei fratelli. Mentre ricostruisco lentamente la mia vita, una rinnovata energia per tornare un giorno nella mia patria per incontrare i miei fratelli mi motiva ulteriormente.

Mentre la mia ricerca per reclamare la mia patria, la mia lingua perduta e i miei fratelli ha portato un profondo dolore, c'è stata un'enorme gioia nel connettermi con le mie nipoti che mi stanno insegnando le frasi Waray Waray e Tagalog. Ho curato i miei social media in modo che gli algoritmi mi attirino verso altri adottati, artisti, scrittori e guaritori filippini. Lo scorso dicembre ho compiuto 37 anni, la stessa età di quando mi ha partorito la mia prima madre. Il giorno del mio compleanno ho potuto incontrare un prete di Baybaylan che ha pregato su di me e sui miei antenati. Durante tutto questo tempo da quando l'ho riscoperta per caso di studio, ho cercato di affrontare il dolore e alla fine ha iniziato a piangere. Abbiamo pianto insieme e quel piccolo gesto gentile mi ha toccato così profondamente perché per la prima volta ho sentito come se qualcuno fosse seduto con me nel mio dolore, ed era così intimo perché Mi sono sentito veramente visto in quel momento e degno di amore. 

Pensieri per i professionisti dell'adozione

Le pratiche del settore delle adozioni sono cambiate drasticamente nel corso degli anni da quando sono stato adottato. Spero che le conversazioni sull'adozione continuino a spostarsi verso gli adottati per includere le nostre storie che illuminino questo ampio continuum di esperienze vissute che indicano non solo le esperienze positive o negative, ma le tengono tutte sotto una lente critica da parte dei professionisti dell'adozione. Spero che i professionisti di questo settore riconoscano e riconoscano il grado in cui il trauma della separazione precoce dei bambini dalle nostre prime madri e il ruolo dell'assimilazione e la perdita dell'associazione culturale influiscono sugli adottati. I futuri genitori sono formati in questo e anche nella consulenza sul lutto? Considera di guardare verso pratiche che assicurino la conservazione della famiglia, se possibile. Se viene concessa l'adozione, come farai a garantire che un bambino abbia le risorse per trovare una comunità se vive in luoghi non culturalmente diversi? Come troveranno la comunità? Un'ultima domanda di riflessione: quando un bambino viene abbandonato dal tuo paese, quali pratiche saranno assicurate per sostenere quell'adottato che vuole tornare nel paese di origine, senza che quella persona si senta un estraneo, un turista o un intruso?

Ho un breve video di un collage di foto che ho creato che attraversa la mia vita da quando ero bambino fino ad oggi.

Grazie mille per aver ascoltato la mia testimonianza.

Maraming Salamat po.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%