Adottivi presso la Commissione speciale dell'Aia

La prossima settimana, dal 4 all'8 luglio, i 104 paesi firmatari del Convenzione del 29 maggio 1993 sulla protezione dei bambini e la cooperazione in materia di adozione internazionale si riuniranno online al Riunione speciale della Commissione discutere Dopo l'adozione e Adozione illecita/illegale importa. È un evento significativo che accade di solito ogni 5 anni e questo segna la prima volta che ci sarà ampio rappresentanza degli adottati internazionali presenti come Osservatori. Storicamente dal 2005, International Korea Adoptee Association (IKAA), la rete che rappresenta gli interessi degli adottati coreani è stata la solo organizzazione adottata a partecipare. Nel 2015, Brasile Baby Affair (BBA) è stata la seconda organizzazione guidata dagli adottati a partecipare con IKAA. A causa del COVID, l'attuale riunione della Commissione speciale è stata posticipata e negli ultimi anni posso dire con orgoglio di aver contribuito a diffondere la conoscenza tra le organizzazioni guidate dagli adottati su COME applicare e incoraggiato organizzazioni di esperienza vissuta come KUMFA (l'organizzazione delle madri coreane) a rappresentarsi. Quest'anno, ce l'abbiamo con orgoglio 6 organizzazioni guidate dagli adottati che rappresentano se stessi e le loro comunità. Siamo progrediti!

Nel 2015 ho scritto il blog intitolato Perché è importante avere voci adottive internazionali su questo sito. Molte volte nel corso degli anni ho sostenuto l'importanza di includere le nostre voci ai più alti livelli delle discussioni di governo. Quindi ripeto, le nostre voci sono estremamente importanti a questi livelli più alti di politiche di adozione, pratiche e discussioni legislative.

Alcuni critici potrebbero dire che non cambiamo nulla nell'adozione internazionale partecipando a questi incontri, tuttavia, vorrei suggerire che il semplice vederci rappresentare i nostri sé adulti in numero aiuta i governi e le autorità a realizzare alcuni punti chiave:

  • Cresciamo! Non rimaniamo bambini perpetui.
  • Vogliamo avere voce in capitolo su ciò che accadrà ai futuri bambini come noi.
  • Aiutiamo a tenerli concentrati su "chi" siamo veramente! Non siamo numeri e statistiche senza nome. Siamo persone vive con sentimenti, pensieri e una miriade di esperienze reali. Le loro decisioni contano e hanno un impatto su di noi per la vita e le nostre generazioni future!
  • Li aiutiamo a imparare le lezioni del passato per migliorare le cose per il futuro e rimediare ai torti storici.
  • Siamo gli esperti della nostra esperienza vissuta e loro possono sfruttare il nostro contributo per ottenere informazioni per svolgere meglio i loro ruoli e migliorare il modo in cui vengono accuditi i bambini vulnerabili.

Uno dei vantaggi del quadro della Convenzione dell'Aia è che crea opportunità come la prossima Commissione speciale in cui gli adottati possono avere visibilità e accesso alle strutture di potere e alle autorità che definiscono e creano l'adozione internazionale. Gli adottati domestici mancano di questo quadro su scala globale e sono svantaggiati nell'avere opportunità che li uniscono per accedere alle informazioni e alle persone che è importante nel lavoro di advocacy.

Sono davvero orgoglioso del nostro team di 8 persone che rappresenterà l'ICAV alla riunione di quest'anno. Mi sono assicurato che copriamo una vasta gamma di paesi adottivi e di nascita perché è così importante avere questa diversità nelle esperienze. Sì, c'è ancora spazio per migliorare, ma sono stato limitato dalla disponibilità delle persone e da altri impegni dato che tutti facciamo questo lavoro come volontari. Non siamo pagati come governo o la maggior parte delle ONG partecipanti a questo prossimo incontro. Ci impegniamo perché siamo appassionati nel cercare di migliorare le cose per le nostre comunità! È essenziale dotarsi di conoscenze sulle strutture di potere che definiscono la nostra esperienza.

Un enorme ringraziamento a questi adottati che stanno offrendo volontari 5 giorni/notti del loro tempo e dei loro sforzi per rappresentare la nostra comunità globale!

  • Abby Forero Hilty (adottato negli USA, attualmente in Canada, nato in Colombia; Autore dell'antologia colombiana adottata Decodificare le nostre origini, co-fondatore di Colombian Raíces; Rappresentante internazionale ICAV)
  • Ama Asha Bolton (adottato negli USA, nato in India, Presidente di Persone per la riforma dell'adozione etica PEAR; Rappresentante ICAV USA)
  • Colin Cadier (adottato in Francia, nato in Brasile, Presidente di La Voix Des adotta LVDA)
  • Jeannie Glienna (adottato negli USA, nato nelle Filippine, co-fondatore di Adotta Kwento Kwento)
  • Judith Alexis Augustine Craig (adottato in Canada, nato ad Haiti; co-fondatore di Rete di adozione per adulti Ontario)
  • Kayla Zheng (adottato negli USA, nato in Cina; Rappresentante ICAV USA)
  • Luda Merino (adottato in Spagna, nato in Russia)
  • Me stesso, Lynelle Long (adottato in Australia, nato in Vietnam; Fondatore di ICAV)

Ci rappresentiamo insieme ai nostri colleghi adottati che rappresentano le proprie organizzazioni guidate dagli adottati come Osservatori:

Non mi aspetto grandi cambiamenti o eventi monumentali in questo prossimo incontro, ma sono le connessioni che creiamo che contano, sia che siano tra noi adottati e/o con i vari governi e organizzazioni di ONG rappresentate. Il cambiamento in questo spazio richiede decenni ma spero che le piccole connessioni che crescono nel tempo si accumulino e diventino un'influenza positiva.

I prossimi post condivideranno alcuni dei messaggi chiave che alcuni membri del nostro team hanno messo insieme in preparazione per questa riunione della Commissione speciale dell'Aia sul supporto post-adozione e ciò che la comunità attraverso questi leader desidera condividere. Rimani sintonizzato!

Condivisioni anonime su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Anonimo, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Ho provato rabbia come adottato. Per me è successo tra la fine dell'adolescenza e l'inizio dei 20 anni in quel periodo di transizione tra il liceo e l'università. Ero arrabbiato con i miei genitori per avermi adottato e per non aver fatto sforzi per imparare o condividere la mia cultura di nascita, ero arrabbiato con i miei genitori naturali per avermi dato in adozione e per aver avuto un bambino di cui non potevano prendersi cura. Ero arrabbiato per i sistemi più ampi di povertà e disuguaglianza che mettono le persone in situazioni difficili. Ero così arrabbiato con le persone che mi dicevano che ero cinese o asiatico ma non avevo idea di cosa significasse.

Ero arrabbiato con i cinesi che ho incontrato che erano delusi dal fatto che non fossi più "cinese". Mi sono scagliato contro i miei genitori e ho detto loro cose molto offensive sull'adozione. Sfortunatamente, ho anche rivolto gran parte di questa rabbia e tossicità su me stesso e ha influenzato negativamente il modo in cui mi vedevo. Per me, la rabbia riguardava l'essere confrontati con la comprensione che l'adozione non solo mi ha dato una famiglia, ma significava anche che ne avevo una in periferia che forse non avrei mai conosciuto. Mi sentivo uno straniero nel mio stesso corpo, costantemente giudicato per la mia razza ma non rivendicando quell'identità. Non riuscivo a capire come venire a patti con gli effetti della povertà e dei sistemi più ampi che mi hanno portato ad essere adottato.

Ho sentito davvero rabbia come l'inizio del dolore.

Ora la rabbia è svanita e provo una tristezza profonda e complicata quando penso a questi argomenti. Ciò che mi ha aiutato di più è stato raggiungere e connettermi con gli altri adottati. Mi ha aiutato a canalizzare e convalidare i miei sentimenti sull'adozione, vedere più sfumature nel processo e ritrovare molta fiducia in me stesso e autostima.

Dato che sono stato coinvolto con le organizzazioni di adottati, ho trovato conforto, guarigione e gioia. I miei genitori, anche se avremo sempre delle differenze, mi amano e non si sono mai vendicati quando ho detto cose cattive sul processo di adozione o su di loro. Dagli amici intimi e dalla famiglia, sono stato trattato con compassione, amore, comprensione e comunità. Penso che sia ciò di cui ogni persona ha bisogno quando lavora su queste cose grandi e inspiegabili.

Una veglia per Christian Hall, 1 anno dopo

Il 30 dicembre 2021, dalle 19:00 alle 21:00 CST, ci siamo riuniti nell'applicazione dei social media, Clubhouse per partecipare a una veglia online, creata e guidata dall'adottato vietnamita Adam Chau. L'evento è stato organizzato in collaborazione con la famiglia di Christian Hall che ha creato le veglie fisiche di persona in varie città degli Stati Uniti. Lo scopo delle veglie era quello di onorare la vita di Christian, sensibilizzare e riunire le comunità colpite in solidarietà per cercare Giustizia per Christian Hall. Puoi leggere i loro ultimi articoli qui e qui.

Alcuni ospiti adottati sono stati invitati a condividere i nostri pensieri per la veglia online: Kev Minh Allen (Vietnamita americana adottata), Lynelle Long (Adottato australiano vietnamita), Kayla Zheng (adottato cinese americano), Lee Herrick (Coreano americano adottato).

Condivido con voi ciò di cui ho parlato in onore di Christian Hall.

Mi chiamo Lynelle Long, sono la fondatrice di Intercountry Adoptee Voices (ICAV). Vorrei ringraziare Adam Chau per aver organizzato questo evento online oggi in onore di Christian. Grazie Nicole, la cugina di Christian che è alla nostra chiamata, per averci permesso di partecipare a questa veglia. Mi dispiace tanto per la perdita della tua famiglia! È un privilegio poter parlare. Sono una persona con un'esperienza vissuta di adozione internazionale e, come Christian Hall, sono di origine cinese … tranne che sono nato in Vietnam e adottato in Australia, mentre lui è nato in Cina e adottato negli Stati Uniti.

Il filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo vissuto l'abbandono da bambini. Non importa che età abbiamo, per un adottato, la perdita della nostra prima famiglia come abbandono/rinuncia è un'esperienza cruda e dolorosamente traumatica. Rimane con noi per tutta la vita sotto forma di sensazioni corporee e si attiva facilmente. Quando ciò accade, queste sensazioni inondano il nostro corpo come paura, panico, ansia.

Peggio ancora è che quando il nostro abbandono avviene da bambini, non abbiamo sviluppato un linguaggio come modo per comprendere la nostra esperienza. Rimaniamo semplicemente con i sentimenti pre-verbali (sensazioni corporee). Mi ci sono voluti più di 20 anni prima di leggere il primo libro, The Primal Wound di Nancy Verrier, che ha cambiato la mia vita in termini di comprensione dell'impatto che l'abbandono e l'adozione hanno avuto su di me. Quel libro è stato il primo ad aiutare a dare parole all'esperienza che avevo provato fino a quel momento, come un'esperienza del tutto somatica, come sensazioni sgradevoli nel mio corpo, che non avevo capito, da cui avevo passato la vita scappando ogni volta sono riemersi.

L'altro filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo sperimentato ideazioni e tentativi suicidi. Per lui, significava tragicamente la fine della sua vita da parte degli agenti di polizia che non capivano i suoi traumi. Per me, dopo numerosi tentativi falliti e finire al pronto soccorso, ha significato un lungo processo di risveglio al trauma che avevo vissuto. Più di 20 anni dopo, ho trascorso la maggior parte di questo tempo ad aiutare a risvegliare la nostra società su cosa sia veramente l'adozione per noi, la persona adottata.

Essere adottati non ci lascia mai. Potremmo provare a scappare e fingere che non abbia alcun impatto, ma nel profondo del nostro nucleo, il nostro abbandono collega quasi ogni aspetto del nostro essere - soprattutto, come ci connettiamo o meno con gli altri intorno a noi e con noi stessi. Al centro, gli adottati internazionali sperimentano la perdita di identità, razza e cultura. A meno che non abbiamo intorno a noi supporti che ci comprendano e ci aiutino a superare presto il trauma dell'abbandono, inciampiamo nel buio, completamente inconsapevoli di come il nostro abbandono ci colpisce. Molti adottati lo chiamano "essere nella nebbia" fino a quando non ci svegliamo. Oggi, decenni dopo che Nancy Verrier ha scritto per la prima volta il suo fantastico libro, ora ne abbiamo molti, molti libri scritti da adottati chi sono gli esperti della nostra esperienza vissuta. Questi libri sono una testimonianza scritta delle complessità che viviamo attraverso l'adozione e dell'impatto che hanno su di noi.

Negli ultimi 2 mesi, ho lavorato con altri per parlare degli impatti dell'abbandono e del trauma dell'adozione e del collegamento diretto al rischio di suicidio. Riconosco che la famiglia di Christian non collega la sua tragica morte al suicidio, ma sospetto che i suoi sentimenti di abbandono siano stati innescati quando eventi chiave lo hanno portato a trovarsi sul ponte quel giorno. Spero che più famiglie adottive si istruiscano sulle complessità in cui viviamo come persone che si disconnettono dalle nostre origini tramite l'adozione internazionale. Siamo quasi 2 milioni in tutto il mondo e stiamo parlando in massa per aiutare il mondo a capire che non è un'esperienza di arcobaleni e unicorni. Abbiamo bisogno di supporto permanente da professionisti formati in materia di trauma e adozione. Solo in America ci sono centinaia di migliaia di adottati internazionali: l'America rimane il più grande paese ricevente al mondo. Troppi stanno lottando emotivamente ogni giorno, eppure negli Stati Uniti non esiste ancora un servizio di consulenza nazionale gratuito per gli adottati internazionali e le loro famiglie. Inoltre, negli Stati Uniti non esiste un centro nazionale di supporto post-adozione finanziato per aiutare gli adottati internazionali a crescere fino all'età adulta e oltre. Non è un enorme difetto il fatto che il più grande importatore di bambini al mondo non disponga di un sostegno permanente interamente finanziato, equo e liberamente accessibile? come può l'America aspettarsi risultati positivi per i bambini che sono tra i più vulnerabili se non finanziamo ciò che sai di cui hanno bisogno?

Non ho mai conosciuto Christian personalmente. L'ho scoperto solo attraverso la sua morte. Vorrei averlo conosciuto. Dai molti adottati internazionali con cui mi connetto, so che guadagniamo così tanto emotivamente dall'essere connessi ad altri proprio come noi. Essere in contatto con i nostri coetanei aiuta a ridurre quei sentimenti di isolamento, ci aiuta a capire che non siamo gli unici a vivere la vita in questo modo, ci aiuta a connetterci a fonti di supporto e convalida che sappiamo ha funzionato. Vorrei che Christian avesse incontrato la nostra comunità. Non saprò mai se avrebbe fatto la differenza che lui non fosse lì quel giorno su quel ponte. Come adottato, sospetto che Christian molto probabilmente volesse aiuto quel giorno, un aiuto per alleviare la sua anima addolorata, non la morte. 

Inoltre, prendiamoci un momento per ricordare la sua famiglia biologica in Cina. Se hanno mai avuto davvero una scelta nella sua rinuncia, probabilmente non lo sapremo mai, ma dalla mia conoscenza in questo campo, molto probabilmente non è così. L'adozione di Christian fu probabilmente il risultato del L'era della politica 1-Children in Cina dove migliaia di famiglie sono state costrette ad abbandonare i propri figli, molti dei quali sono finiti all'estero adottati come cristiani. Per favore, prenditi un momento per considerare che, attraverso l'adozione, la sua famiglia biologica non ha nemmeno il diritto di sapere che è morto. 

La parodia dell'adozione è che il trauma è vissuto da tutti nella triade (l'adottato, la famiglia adottiva, la famiglia biologica) ma i traumi continuano a non essere riconosciuti e non sono supportati sia nei nostri paesi adottivi che in quelli di nascita. Dobbiamo fare di meglio per prevenire l'inutile separazione delle famiglie e, dove è necessaria l'adozione, garantire che le famiglie intraprendano un'educazione all'adozione, conoscendone appieno le complessità e avendo accesso gratuito equo per tutta la vita ai supporti professionali necessari.

Il mio enorme ringraziamento alla sua famiglia allargata e immediata per essere stata coraggiosa e essersi aperta attraverso tutto questo trauma e aver permesso queste veglie in cui la sua vita e la sua morte possono essere onorate per il bene più grande. Onoro il dolore e la perdita che hanno vissuto e li ringrazio immensamente per aver permesso alla nostra comunità internazionale di adottati di unirsi a loro per sostenerli.

Grazie.

Se desideri sostenere la famiglia di Christian e la loro spinta per la giustizia, firma la petizione qui.

Se desideri comprendere meglio le complessità coinvolte nell'adozione internazionale vissuta dagli adottati, il nostro Risorsa video è un ottimo punto di partenza. Non sarebbe fantastico creare una risorsa come questa per aiutare a educare i primi soccorritori a comprendere meglio le crisi di salute mentale che vivono gli adottati.

La disumanizzazione di un adottato

di Kayla Zheng adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Sarei così audace nel dire che la stragrande maggioranza, se non tutte, le adozioni sono l'atto egoistico di coloro che vogliono o hanno già adottato. Il risultato dell'adozione lascia l'adottato in uno stato perpetuo di disumanizzazione. Se guardiamo alla parola disumanizzazione definita dall'Oxford Dictionary, significa “il processo di privazione di una persona o di un gruppo di qualità umane positive”. Per il pubblico e gli individui che non sono esperti in adozione, il complesso industriale dell'adozione e le sue pratiche, questo può essere piuttosto confuso e la rappresentazione dell'adozione e degli adottati è stata, per la maggior parte, un colpo di scena sensazionale glamour o una forma di sviluppo del personaggio. Eppure, qui sta uno dei tanti modi in cui gli adottati, sia sullo schermo che fuori, vengono disumanizzati e descritti come privi di qualsiasi pensiero o esperienza critica. 

L'adozione, come rappresentata dai social media e dai film, mostra costantemente i genitori adottivi (spesso bianchi) come coppie filantropiche disinteressate le cui uniche intenzioni sono di adorare e riversare amore su un bambino povero (che sono spesso BIPOC), spingendo sempre la narrativa del bianco salvatori. La bontà coerente e intrinseca e la natura altruistica della bianchezza spostano di default sia il potere che le dinamiche razziali a favore della bianchezza e il dipendente, che ha bisogno di essere salvato, è impotente senza l'onnipotente e consapevole bianchezza conferita al figlio di colore. Quando questi modelli di adozione diventano rappresentativi e possono essere consumati dalla società, disumanizza l'adottato per essere semplicemente un burattino senza attributi positivi intrinseci di per sé. Ogni potenziale è legato e associato alle persone che li hanno adottati, lasciando l'adottato come un guscio vuoto usato per restringere i riflettori sui genitori adottivi. Attraverso il cinema e la TV, l'adozione è lo spogliamento di un adottato (di nuovo, prevalentemente BIPOC), l'illuminazione dei genitori adottivi (e, ancora, prevalentemente bianchi), come può la società vederci come esseri umani quando viviamo nell'ombra di coloro chi ci ha adottato? Come possiamo essere visti con un potenziale intrinseco, con i successi dei nostri antenati che scorre nel nostro sangue e sogni che riflettono il nostro vero io quando ci viene costantemente mostrato che non siamo nulla senza adozione? Che non siamo niente senza bianchezza?

Nella continua rappresentazione cinematografica e televisiva dell'adozione e degli adottati, gli adottati sono sempre messi l'uno contro l'altro. Quando pensi ad alcuni dei tuoi film o personaggi preferiti che sono adottati, chi sono? Sono Loki, Frodo Baggins, Black Widow, Batman, The Joker, Lord Voldemort? Il paradosso del fascino e dell'indifferenza della società per gli orfani è distruttivo, la domanda di adottati (e quindi di adozione) è binaria e costringe gli adottati a soddisfare il duplice desiderio di salvare adottati/orfani e di maltrattare un adottato/orfano. La perdita della connessione biologica e della perdita di identità è fantasticata per creare una trama più contestualizzata. La necessità dell'adozione per contribuire al trauma e alla fantasia per la formazione del carattere è molto ricercata. Questa è la doppia disumanizzazione degli adottati attraverso il cinema e la tv.

Il pericolo con i retroscena artificiali e deboli è che incarta gli adottati e gli orfani in forme ristrette e aggrava lo stigma e le aspettative che circondano la nostra esistenza. Questo ruolo forzato di cattivo o eroe non fornisce un'esperienza realistica di incorporazione coesa di rabbia montana, dolore gravoso, gioia trasudante e amore. Ciò che Hollywood e i media progettano di adottati/orfani “cattivi” o “buoni” li limita e li spoglia della loro individualità, autonomia e umanità. L'adottato "danneggiato e distrutto" o l'orfano "vincitore ed eroe" sono ruoli imprecisi e sono una realtà debole che è lontana dalla vita sfumata che un'adottato/orfano vive che richiede un fardello troppo pesante da portare. Il cinema e la TV spogliano la nostra umanità e gli adottati non hanno il privilegio di esistere come noi stessi. Siamo solo per il consumo e lo spazio limitato fornitoci nei tropi binari romanticizza il nostro trauma, limita le nostre capacità e ci riduce per adattarsi al palato di un consumatore. Non apparteniamo mai a noi stessi. Se non possiamo avere la proprietà sulle nostre storie e vite, siamo anche in grado di essere pienamente umani? 

Nella mia esperienza, la più grande forma di disumanizzazione si verifica per un adottato all'interno della chiesa. Cresciuto in un ambiente tutto bianco e fortemente coinvolto in una chiesa bianca che predicava il cristianesimo bianco, ho dovuto sopravvivere in un ecosistema di bianchezza che richiedeva gratitudine ai buoni cristiani bianchi che mi hanno salvato dalla grande, cattiva, pagana Cina comunista. Mi ritroverei, più di una volta, a essere portato in giro in segno di bontà cristiana e bianca. Di come "il Signore opera in modi miracolosi" e mi ha dato "l'opportunità e il privilegio di essere adottato da una famiglia cristiana in un paese cristiano dove ho imparato a conoscere Cristo". Ciò che mi diceva forte e chiaro era che la Cina era irredimibile a meno che non fosse sotto il potere della chiesa cristiana bianca o attraverso l'adozione da parte dei bianchi. In altre parole, non possedevo un potenziale intrinseco e tratti positivi senza che l'uomo bianco mi liberasse e mi fornisse l'accesso al successo sotto la guida del cristianesimo bianco. 

La disumanizzazione è continuata, poiché nei miei primi anni durante le conferenze venivo portato di fronte a una congregazione o fatto salire sul palco accanto ai miei genitori adottivi, e discutevano di come l'adozione fosse un bel regalo che ha toccato la loro vita. Altre volte, i leader dei giovani discutevano apertamente di come la mia adozione sia una metafora di come i cristiani vengono "adottati" nella famiglia di Cristo. E come la mia adozione mi ha dato un nuovo padre – abbiamo un nuovo padre attraverso Gesù! Diverse varianti e versioni di questi scenari hanno afflitto la mia giovinezza e hanno ulteriormente banalizzato la mia esistenza in una metafora di cui altri potrebbero beneficiare. Nessuno si è mai chiesto se l'adozione fosse un dono per me, se essere portato via dalla mia patria abbia toccato la mia vita in un modo bello o no, o essere stato sradicato due volte prima dei tre anni con un gruppo di sconosciuti bianchi mi abbia giovato o potesse sostituire un senso di famiglia per me.

Avere la tua storia raccontata attraverso una lente bianca come persona di colore che protegge l'uomo bianco mentre diminuisce la tua autonomia e le sfaccettate complessità della tua esistenza, è una delle lamentele più disumanizzanti che possono capitare. L'adozione attraverso i media mainstream e la chiesa mi ha dato poco spazio per sentirmi umano, ma invece ha fatto sentire ogni spazio come una pubblicità su cui gli altri potevano proiettare il loro valore, a proprio vantaggio. I vincitori hanno il privilegio di scrivere la storia o parlarne sul palco. I perdenti, quelli a cui non viene data la stessa possibilità di raccontare la propria storia, quelli che vengono comprati... sono disumanizzati. 

Gli articoli più popolari di Kayla: Decolonizzare Mosè & Conseguenze di Atlanta

Le mie realtà di essere adottato dalla Cina

di Xue Hua adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Ciao a tutti! Mi chiamo Xue Hua e sono stato adottato all'età di 1 anno da Hunan, in Cina. Vivo a Indianapolis negli Stati Uniti, dove sono cresciuto. I miei genitori (bianchi americani) hanno avuto 3 figli biologici e poi mi hanno adottato quando il più giovane aveva 7 anni. Circa un anno dopo avermi adottato, abbiamo adottato un'altra ragazza dalla Cina, e poi un'altra circa 3 anni dopo. Quindi siamo una famiglia con un totale di 6 ragazze – 3 biologicamente imparentate e bianche, e 3 adottate e cinesi.

Anche se è stato sicuramente bello avere fratelli che sono anche POC e adottati (che so che molti non hanno), è stato anche abbastanza difficile avere fratelli bianchi. Negli ultimi 2 anni, ci sono state delle gravi ricadute familiari, e da parte mia, molto a causa del modo in cui abbiamo comunicato/non comunicato sulla razza e l'adozione. È difficile perché avevo davvero ammirato le mie sorelle maggiori, e si sono vantate di essere molto "sveglie" e orientate alla giustizia sociale, ma tuttavia si sono ampiamente rifiutate di riconoscere come hanno contribuito alle mie esperienze con il trauma razziale in la nostra famiglia, e questo è stato un grande punto di rottura recente nelle nostre relazioni. Fortunatamente, sebbene mia madre sia abbastanza conservatrice, è stata molto più comprensiva e disposta a guardarsi onestamente.

Un altro tema importante nelle storie di molti adottati è il problema dell'abbandono, a cui non sono estraneo. Oltre ad essere ovviamente dato in adozione e vivere in un orfanotrofio da bambino, mio padre adottivo, a cui ero molto legato, è morto quando avevo 8 anni. Sebbene io e mia madre siamo sempre stati vicini, aveva la tendenza a chiudersi quando il conflitto e lo stress aumentavano, quindi ho trascorso gran parte della mia infanzia (soprattutto dopo la morte di mio padre) sentendomi anche emotivamente abbandonato. Vedo molti altri compagni adottati nei nostri gruppi sui social media che condividono lotte simili!

Una cosa che mi ha aiutato molto durante il mio percorso di adozione è stata diventare amica di altre donne asiatiche. Mentre ci sono momenti in cui mi sento "più/troppo bianco", il più delle volte mi sono sentito molto incluso e accolto. È stato anche un ottimo sfogo per discutere di razza e razzismo con altri adottati che capiscono veramente di cosa sto parlando / vivendo.

Un'altra cosa che è stata utile è scrivere. Di recente ho scritto un pezzo di saggistica creativa personale sull'essere un adottato transrazziale e ha vinto il "migliore" della categoria saggistica nella rivista letteraria e d'arte del mio college! È stato così catartico raccontare la mia storia agli altri ed essere così generosamente riconosciuto per averlo fatto. Consiglio vivamente a tutti gli altri scrittori adottati di condividere la tua storia, sia per uso personale che pubblico!

Implicazioni dell'espansione della politica del figlio unico in Cina

di Hannah, adottato dalla Cina al Canada.

Provincia di Guizhou: "Gli esseri umani hanno una sola terra, dobbiamo controllare la crescita della popolazione!" (Adam Secolo)

Nato in Cina

Sono nato in Cina. Questo è tutto, fine della storia delle origini. Questo è tutto quello che so. Probabilmente sono nato nella provincia di Jiangsu, ma anche questo non è certo. La prima testimonianza nota della mia esistenza è una visita medica quando si stima che avessi 20 giorni. Molti dei miei amici sanno dove sono nati, in quale ospedale, in che giorno, alcuni sanno anche il tempo fino al secondo e quanto tempo ci è voluto. Non so niente di tutto questo. Sanno chi era presente al momento della loro nascita, quali membri della famiglia hanno incontrato per primi. Non so niente di tutto questo. La mia data di nascita legale è stimata da quando sono stato trovato, non ho un registro di nascita originale. Il mio nome mi è stato dato dai funzionari dell'orfanotrofio. Non so come mi chiamassi o se i miei genitori biologici si fossero presi la briga di darmi un nome. Il record di dove sono stato trovato e quando sono stato perso o dimenticato. Mia madre (adottiva) ha scritto in un album di ritagli in quale contea è stato detto che sono stato trovato. Non ci sono registrazioni, non ho un certificato di abbandono come fanno alcuni adottati cinesi e non ho un annuncio di ritrovamento registrato. Per molti intenti e scopi, la mia vita è iniziata quando sono stato adottato da una coppia canadese bianca quando avevo meno di un anno. Sono uno delle migliaia di bambini cinesi adottati da stranieri dopo che la Cina ha aperto le sue porte all'adozione internazionale nel 1991.

Come la maggior parte degli adottati cinesi, sono stato adottato all'ombra della politica del figlio unico, introdotta per la prima volta nel 1979. La politica del figlio unico (il nome non ufficiale per la politica di restrizione alle nascite) dettava che alle coppie fosse permesso avere un solo figlio. Ci sono state eccezioni per le famiglie rurali e le minoranze etniche, ma la politica è stata attuata e applicata in modo diseguale in tutto il paese, con diversi livelli di violenza. La preferenza culturale per i figli maschi è ben pubblicizzata e si ritiene che sia la ragione per cui la maggior parte delle adozioni cinesi nell'ambito della politica del figlio unico erano femmine. È ampiamente noto e accettato tra la comunità degli adottati cinesi, la maggior parte di noi nati femmine, che siamo stati abbandonati (o rubati) a causa del nostro sesso alla nascita.

Le modifiche alle restrizioni sulle nascite in Cina

Il 31 maggio 2021, ho controllato le notizie e ho visto un articolo CBC che ha detto che la Cina aveva allentato le sue restrizioni alla nascita e ora avrebbe permesso alle coppie di avere fino a tre figli, invece dei due precedenti, che sono stati implementati nel 2016. Ricordo di aver letto un articolo di notizie simile nel 2015 quando è stato annunciato che la Cina stava rilassando il La politica del figlio unico per la prima volta da decenni per consentire due figli per coppia. All'epoca, non ci pensavo molto, ero felice che le restrizioni fossero state allentate e triste che stessero ancora controllando i diritti riproduttivi. Eppure, questa mattina, quando ho visto la notizia, mi sono sentito molto più forte. Forse è perché durante la pandemia, ho fatto uno sforzo per connettermi alla comunità degli adottati, unendomi ai gruppi Facebook online, gestiti da adottati per adottati. Ho iniziato a provare a (ri)imparare il mandarino, che avevo dimenticato da tempo, nonostante avessi preso lezioni di mandarino quando ero piccola. Forse è a causa dei riflettori puntati sul razzismo anti-nero e anti-asiatico a causa delle molteplici uccisioni di polizia di alto profilo di persone di colore, l'aumento dei crimini di odio asiatici a causa della retorica razzista sull'origine della pandemia, che mi ha costretto per esaminare più da vicino la mia identità razziale e culturale come adottato canadese, transrazziale, cinese, internazionale. Ma forse più di tutto, è perché ho due sorelle, anch'esse adottate dalla Cina, cosa che fino ad ora non era consentita in Cina per la maggior parte delle famiglie.  

Emozioni confuse

Per molte ragioni, leggere l'articolo sulla nuova politica rilassata della Cina, mi ha dato molti altri sentimenti contrastanti. Ancora una volta, la felicità per una politica rilassata e la tristezza e la delusione per il continuo controllo dei corpi delle donne e dei diritti riproduttivi. Ma questa volta è arrivato con un altro sentimento: rabbia. Sono arrabbiato. Sembra uno schiaffo in faccia per tutti gli adottati cinesi e le loro famiglie biologiche che sono state (forzatamente) separate in base alla politica del figlio unico. Sembra che non sia stato per niente, anche più di prima. Qual è stato il motivo per cui i miei genitori biologici mi hanno abbandonato (se è quello che è successo) se avessero solo cambiato la politica in seguito? Che senso ha creare la politica quando il tasso di natalità era già in calo, come avviene quando le donne hanno un maggiore accesso all'istruzione, alla carriera e ai contraccettivi, e ora vogliono aumentare di nuovo il tasso di natalità? Qual è stato lo scopo di spogliarmi del mio nome, del mio compleanno, della mia cultura, quando la forza trainante del mio abbandono è stata (semi-)invertita? Se ora alle coppie cinesi è permesso avere tre figli (lo stesso numero di me e delle mie sorelle), allora qual era il senso della politica che ha spinto migliaia di bambini, per lo più ragazze, ad essere abbandonati, abortiti e trafficati?

Emozioni miste di KwangHo Shin

Ora la politica è stata cambiata e allora? Sono ancora un cinese adottato, vivo a migliaia di chilometri dal mio paese di nascita, senza un modo semplice per collegarmi a parenti di sangue viventi, a meno che non voglia tentare una ricerca. Sono ancora un cinese adottato che non conosce il mio nome di nascita, compleanno o luogo di nascita. Gli adottati sudcoreani hanno combattuto e hanno fatto pressioni con successo sul governo sudcoreano per il riconoscimento e le riparazioni (limitate). Gli è stato dato un modo per recuperare la cittadinanza sudcoreana e ora possono richiedere il visto F-4 (patrimonio coreano). Durante la pandemia, il governo sudcoreano ha inviato mascherine gratuite agli adottati coreani. La Cina non riconosce la doppia cittadinanza, né fornisce agli adottati un visto speciale che consentirebbe loro un modo più semplice per tornare nel loro paese di nascita. La Cina non riconosce gli adottati internazionali o come le migliaia di bambini adottati a livello internazionale siano state conseguenze dirette della politica del figlio unico. La politica è stata allentata e ora le coppie cinesi possono avere fino a tre figli, come la mia famiglia in Canada. La politica che probabilmente ha guidato la mia adozione è stata allentata, eppure nulla è cambiato per me, e il governo cinese va avanti.

Cosa succede se?

Non mi piace pensare a cosa-se e cosa-potrebbe essere. Non mi piace immaginare come sarebbe potuta essere la mia vita se non fossi mai stata abbandonata (o rubata), se non fossi mai stata adottata, se invece fossi stata adottata da una coppia cinese ecc. Ma questo recente annuncio mi ha costretto a pensare al cosa-se. Nello specifico, "E se la mia famiglia naturale fosse stata in grado di tenermi perché non era limitata dalla politica del figlio unico?" Sono felice e soddisfatto della mia vita attuale. Nonostante i singhiozzi occasionali, le micro aggressioni razziste e le lotte per l'identità, non cambierei nulla. Ciò non significa che non posso e non piangerò la vita che mi è stata tolta a causa della politica del figlio unico. Mi dispiace di non sapere come mi hanno chiamato i miei genitori biologici (se lo hanno fatto). Mi dispiace di non conoscere la data, l'ora e il luogo in cui sono nato. Mi dispiace di non sapere, e forse non lo saprò mai, se assomiglio a qualcuno dei miei parenti biologici. Mi dispiace che probabilmente non conoscerò mai la storia completa dietro la mia adozione. Mi dispiace che come canadese, non mi sentirò mai completamente a mio agio in Cina e che come cinese adottato, non sarò mai visto come completamente canadese. E sono arrabbiato perché il governo cinese può cambiare la politica del figlio unico e andare avanti, mentre io e migliaia di altri ne sopporteremo le conseguenze per il resto delle nostre vite.

Definizione di casa

di Jess Schnitzer, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Attualmente sono uno studente del primo anno presso l'Università di Washington, Seattle e ho finito con il corso “Questioni contemporanee di americani asiatici e americani delle isole del Pacifico“. È stata una lezione illuminante, soprattutto alla fine in cui il mio docente ha parlato di questioni asiatiche adottate.

Per il progetto finale della classe, alla classe è stata data un'opzione per creare un progetto creativo e riflessivo, ed essendo uno dei pochi AAPIA adottati in classe, ho scelto il mio sul mio viaggio personale come adottato.

Ho pensato di condividere nel caso in cui altri possano riguardare le storie di cui ho discusso. Se qualcun altro è al college in questo momento, consiglierei assolutamente di seguire un corso di Asian American Studies o American Ethnic Studies. Questo corso mi ha fatto sentire ancora più connesso alla mia identità e al mio background asiatico-americano. Grazie per avermi dato una community in cui condividerlo!

Definizione di casa di Jess Schnitzer

Decolonizzare Mosè

di Kayla Zheng, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Cresciuto in una casa cristiana evangelica bianca, ho imparato la storia di Mosè prima di conoscere la storia di Babbo Natale o del coniglietto pasquale. Il cristianesimo bianco è stato un pilastro fondamentale nei miei anni di crescita. Come Mosè, che rimase orfano e fluttuò lungo il Nilo per essere salvato, adottato e cresciuto dalla figlia del Faraone, poi per crescere e salvare il suo popolo, gli Israeliti, anch'io ora porto questa responsabilità. Dopotutto, ero un orfano, influenzato dalla politica, volato attraverso l'oceano per essere cresciuto da un altro popolo, ed era mio dovere un giorno tornare a casa e salvare il mio popolo, proprio come fece Mosè per il suo.

Mentre ripenso a un periodo doloroso dell'adolescenza, segnato profondamente dalla vergogna, dal senso di colpa, dal cristianesimo bianco e dal salvatore bianco (un'estensione della supremazia bianca), rido anche dell'ironia della storia. In qualità di adottato che difende i diritti degli adottati e l'abolizione del complesso industriale delle adozioni, sono bombardato da richieste di gratitudine per i bravi bianchi che mi hanno salvato. Invece di vedersi negati i diritti umani fondamentali, l'autonomia, il reinserimento forzato, l'acquisto e la vendita; Sono ancora ridotto al silenzio per aver parlato. Mi vergogno di ritenere responsabili le istituzioni sistemiche del razzismo, del capitalismo, dell'imperialismo occidentale, del salvatore bianco e dello sfruttamento delle comunità vulnerabili a beneficio dei bianchi. Bombardato dal messaggio che dovrei essere in debito con l'Occidente per tutto il meglio che mi ha dato: opportunità, istruzione, fuga dalle grinfie della povertà e, soprattutto, la mia possibilità di salvezza e di vivere sotto il sangue di Gesù Cristo! Non sono mai lontano da qualcuno che mi condanna per la mia mancanza di gratitudine, rimproveri di come la mia storia non sia una rappresentazione accurata della loro comprensione dell'adozione e della sua bellezza. Quelli che maledicono il mio nome non sono e non sono mai stati transrazziali, internazionali, transculturali, adottati di colore. 

Apprezzo sempre l'ironia che Moses, come me, sarebbe stato odiato per quello che ha fatto. Il Mosè che è lodato per aver salvato il suo popolo e ammirato da milioni di persone in tutto il mondo sono le stesse persone che condannano me e la mia posizione sull'abolizione. Come mai? Mosè voltò le spalle alla sua famiglia e al popolo adottivi. In effetti, si potrebbe sostenere che Mosè sia responsabile dell'annegamento del suo popolo adottivo nel Mar Rosso. Mosè era visto come un principe, aveva la migliore istruzione che il denaro potesse comprare, nella famiglia più ricca, e aveva opportunità illimitate. Mosè è sfuggito alle grinfie della povertà e della schiavitù, eppure ha dato via tutto, ha voltato le spalle alla sua famiglia adottiva e tutti accettano che abbia fatto la cosa giusta. Moses è salutato come un eroe, le sue azioni sono giustificate e la sua scelta di scegliere l'amore del suo popolo e della sua famiglia rimane indenne. Perché l'amore per la mia gente e la mia famiglia è diverso? 

Poiché ho invecchiato, studiato ed esaminato lo sfruttamento del privilegio, del potere e delle politiche sistemiche oppressive che sono i pilastri nel sostenere il complesso industriale dell'adozione, restituisco un fardello che non è mai stato mio da sopportare. Un'industria multimiliardaria che trae profitto dalla separazione familiare e dalla vendita di bambini al ricco occidente e alle comunità prevalentemente bianche, non provo più un senso di sventura nel portare il mantello di Mosè. Piuttosto, abbraccio e spero di essere il Mosè per la comunità delle adozioni. Non ho alcun desiderio di salvare la mia gente, poiché gli adottati non hanno problemi a esercitare il proprio potere. Il mio obiettivo è liberare gli adottati e rimuovere le barriere affinché gli adottati possano accedere a strumenti per liberarsi. Sì, sarò il tuo Mosè e fornirò un percorso attraverso il mare della colpa, della vergogna, dell'obbligo e molto altro. Sarò il tuo Mosè e guarderò annegare il complesso industriale delle adozioni, con tutti i suoi sostenitori. Sì, sarò il tuo Mosè, ma non il Mosè che ti aspetti che io sia. E quando mi chiederai di guardare indietro alla mia famiglia adottiva e a tutto ciò che l'Occidente mi ha dato nella speranza di farmi vergognare, indicherò le tue scritture e ti mostrerò che Mosè scelse il suo popolo al posto dei profitti. Mosè aveva la sua lealtà verso l'abolizione; Mosè scelse di rinunciare al principato, al potere e allo stile di vita più viziato e a ciò che la maggior parte considererebbe una "vita migliore", per il diritto di reclamare il suo diritto di nascita in famiglia, cultura, razza e identità.

Quindi, quando mi chiederai di essere grato, sorriderò e ti ricorderò che in effetti sei tu che dovresti essere grato, avrei potuto annegarti.

Parole dolorose

di Wes Liu, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Il COVID continua a diffondersi all'interno delle nostre comunità perché le persone continuano a mancare di serietà quando lo affrontano. I cinesi continuano ad essere accusati. Mentre le etnie asiatiche includono innumerevoli culture uniche, belle e distinguibili, molti che sono al di fuori della diaspora asiatica non possono dire la differenza. Ciò si traduce in chiunque appaia asiatico (in particolare dell'Asia orientale) per essere rimproverato con insulti razziali, battute sul mangiare pipistrelli e commenti del tipo "torna al tuo paese". Questi eventi sono diventati più frequenti a causa del COVID-19.

Non posso cambiare la forma dei miei bellissimi occhi. Non posso cambiare la mia eredità, né posso cambiare il modo in cui le persone parlano. Ma posso condividere quanto possano essere offensive le parole. Come pensi che ci si senta per la mia lingua ad essere inscatolata in "Ching Chong Ching Chong"? Quanto pensi che sia doloroso sentirsi dire che non sono degno della vita a causa del mio aspetto fisico? Quanto pensi che abbia imparato a odiare o vergognarmi della mia cultura che ha una storia che risale a secoli fa? Quanto pensi che abbia paura di presentarmi in pubblico perché potrei essere la prossima vittima di aggressione, solo per il mio aspetto?

Non va bene mettersi al di sopra di qualcuno e della sua cultura a causa della tua ignoranza e mancanza di comprensione. E solo perché ascolti k-pop e guardi anime non fa di te un esperto di giapponese. E no, non ho intenzione di fare i compiti di matematica per te. Non chiedere: "Che asiatico sei". Invece forse chiedi: "Qual è la tua etnia?"

Guarda le tue parole. Sono cinese e sono bella. Sono asiatico americana e sono bella.

Guardare La conversazione su YouTube di Wes sulla gestione del razzismo con la FCCNY.

Italiano
%%piè di pagina%%