Il meno atteso diventa l'inaspettato

Ricerca nelle Filippine

Era una domenica sera del 1998 quando stavo ascoltando la vecchia canzone preferita di mio padre adottivo di Elton John, Daniel (anni '70). La canzone parlava di un Daniel che una notte stava prendendo un aereo, con le luci posteriori che lampeggiavano dietro. Quella canzone, che non mi interessava molto, è scattata qualche settimana dopo, quando ho visto un documentario televisivo su un vietnamita adottato che ha deciso di tornare in Vietnam per vedere le proprie radici culturali dal loro paese natale. Ho pensato a me stesso in un aeroplano, con i miei genitori adottivi, in volo fuori dall'aeroporto internazionale Ninoy Acquino di Manila, a tarda notte con le luci posteriori dell'aereo che lampeggiavano attraverso le luci della città di Manila.

Quando sono nato, sono stato abbandonato al Jose Fabella Memorial Hospital, situato in un luogo vicino a Tondo, a Metro Manila. La mia madre naturale, essendo single da una precedente relazione di fatto, era troppo povera per prendersi cura di me a causa di un problema medico, quindi ha deciso di chiamare mia nonna e mia zia per prendersi cura di me. Tutto andò bene fino a 6 giorni dopo, quando mio zio venne a prendermi. Al suo arrivo in ospedale, l'ex datore di lavoro della mia madre naturale ha deciso di tenermi a bada e di vendermi a mia madre per un costo di oltre 30.000 pesos, soldi che mia madre non poteva permettersi poiché le era stato pagato un salario povero per ripulire un improvvisato ristorante. Sì, sembra che le vite umane siano in vendita!

Mia madre non poteva permetterselo, quindi mi ha permesso di rimanere separato dai miei parenti da quel giorno in poi. Le mie carte di nascita sono state segretamente alterate e a un impiegato dell'ospedale è stato chiesto di fingere di essere il mio padre naturale e di rendere legittima la nascita ai sensi della legge filippina. Un vero fascicolo di registrazione delle nascite è stato inviato al Dipartimento della previdenza sociale di Quezon City. Successivamente sono stato collocato in un istituto di ricerca sui bambini. Sono diventato Ward of the State semplicemente perché i bambini sono sul mercato. L'istituto era per bambini provenienti da famiglie distrutte o abusive. Più tardi, sono stato ricoverato in un orfanotrofio.

Sono stata adottata da genitori australiani e sono venuta in Australia all'età di 4 anni. Per tutta la vita, fino al settembre 2000, ho sempre messo in dubbio la mia adozione. Le persone a scuola mi chiedevano perché i miei genitori fossero "bianchi" e io "marrone". Ho sentito un senso di perdita di identità. Ero e continuo ancora oggi ad essere bloccato tra due culture, Filo e Oz.

Nel settembre 2000 ho deciso di viaggiare nelle Filippine per una vacanza di 3 settimane semplicemente per cercare i miei genitori naturali e conoscere la cultura filippina. Ho trascorso 3 settimane facendo telefonate e visitando il Dipartimento della previdenza sociale. Alla fine non ho avuto successo. L'unica documentazione che avevo era un vecchio passaporto di uscita e un documento che mostrava il mio nome originale e l'orfanotrofio in cui ho soggiornato. L'unico aiuto che ho ricevuto dal Dipartimento è stata una semplice citazione "Sembra che i tuoi file debbano essere tenuti chiusi e le informazioni sui miei percorsi debbano essere nascoste". Questo era sotto la politica del presidente Marcos. Sono tornato in Australia con una ricerca senza successo. Ho deciso che non valeva la pena cercare i miei genitori naturali tra una popolazione di 70 milioni.

Febbraio 2004 – Giro sulle montagne russe

Nel febbraio 2004 mi sono recato nelle Filippine per visitare gli amici dei miei genitori adottivi. Vivono nelle Filippine 6 mesi all'anno. Questa volta non sarei andato nelle Filippine per preoccuparmi di cercare la mia famiglia natale, ma per visitare gli amici e uscire.

Per qualche ragione, pur sapendo che non avrei mai trovato i miei genitori naturali, ho deciso di mettere in valigia i miei documenti di adozione che mostrassero l'orfanotrofio e il mio nome originale "Enrique Paclita" dell'orfanotrofio di studio RSCC, Quezon City Metro Manila. L'ho preso solo per mostrare ai miei amici che questo era il mio nome Filo originale. Il primo giorno dopo il mio arrivo nelle Filippine, io e la mia amica madre decidemmo che sarebbe valsa la pena visitare il luogo e la città in cui si trovava l'orfanotrofio. Senza ancora alcun interesse a preoccuparmi di cercare la mia madre naturale o mio padre, ho seguito l'idea. Ho pensato tra me e me, "l'orfanotrofio non sarebbe stato demolito ormai, e il sito ora coperto da un centro commerciale"? Per prima cosa mi sono recato all'ufficio principale del Dipartimento della previdenza sociale e sono stati abbastanza bravi da darmi il nome del medico dell'orfanotrofio e l'indirizzo dell'orfanotrofio. Il giro sulle montagne russe diventa solo più divertente da qui in poi. Quello che stavo per passare sarebbe diventato il miracolo della mia vita!!

Sarà interessante, come fare un tour storico architettonico della capitale delle Filippine, Manila. Solo per vedere un posto, potrebbe essere un centro commerciale, KFC o Jolibee. Ho guidato il tipico Jeepney filippino, una scatola di sardine su ruote, poi un triciclo lungo una stradina che porta ai cancelli di questo edificio piuttosto ordinario. Sorprendentemente, era l'orfanotrofio, ancora in piedi. All'ingresso, sono stato accolto dal dottore e dall'ufficiale dei registri. Ho camminato lungo un corridoio con orfani nelle stanze su ogni lato. Ho consegnato i miei documenti e lei è scesa nel seminterrato in un vecchio schedario. Il gabinetto era sotto chiave da tutti gli adottati fino a un cambio di politica da parte dei recenti governi filippini. Mi ha portato in ufficio e ha aperto questa cartella marrone polverosa di manila con il mio nome originale sul davanti. Le 10 pagine all'interno di quella cartella rivelavano le informazioni vitali di cui avevo bisogno per iniziare almeno una ricerca. Questa cartella è stata tenuta chiusa sotto il regime Marcos, ma grazie alle politiche di Ramos e dell'attuale presidente Arroya, l'accesso al mio file è stato consentito. Quel fascicolo rivelava le informazioni su come sono stato dato in adozione e anche il probabile luogo in cui si trovavano i miei parenti. Una città chiamata Tutubigan è apparsa nell'angolo destro della pagina. Nessuna indicazione della probabile ubicazione della mia madre biologica nel fascicolo.

Diventa solo più eccitante.

La stazione televisiva locale stava avviando un programma chiamato "Lukso ng Dugo" che significa "Salto di sangue" in tagalog. Il programma è un reality show televisivo in cui gli adottati o i propri cari perduti vengono riuniti alle loro famiglie natali. È successo che fossi nelle Filippine al momento di questo programma. Il medico ha chiamato la stazione TV e in 30 minuti l'ufficio era pieno di telecamere, luci, microfoni e troupe televisive, oltre a un giornalista. Mi hanno intervistato sulla mia esperienza di adozione. La domanda più emozionante che mi hanno fatto è stata "Cosa diresti se incontrassi mia madre natale". Ho risposto "La perdono per quello che era successo e sono grato ai miei genitori adottivi per il loro amore e la loro cura".

L'avventura diventa più eccitante.

Il dossier rivela che mia madre natale visse una volta a Samar occidentale, un'isola a sud della principale isola filippina di Luzon. Il giornalista ha pensato che potrebbero essere i miei parenti potrebbero essere lì. Ho pensato che sarebbe stato impossibile trovarli, dato che erano passati più di 20 anni. Il giorno successivo, sono stato accompagnato su un aereo con la troupe televisiva e tutto il resto, e sono volato all'isola di Samar. Dall'aeroporto, è stata una corsa in jeepney di 4 ore alla città di Catbalogan, un villaggio remoto.

Abbiamo mancato il bivio per il paese, poiché le strade divergevano in mezzo agli alti boschi. Senza una mappa per orientarci, giravamo in tondo. Le strade erano infinite. Poi, un uomo sul ciglio della strada che trasportava sacchi di banane ha picchiettato sulla jeep e ha chiesto all'autista di tornare a casa sua. Dopo aver chiesto il suo nome, ha menzionato un cognome che sembrava fin troppo familiare nei miei documenti di adozione, il nome Paclita. Ho detto: "Oh!! Penso che ci sia un collegamento qui. Il cognome di quest'uomo è Paclita”. Ho fatto in modo che l'autista gli offrisse un passaggio e poi attraverso un traduttore ho cercato di mostrargli i miei documenti. Immediatamente ha detto all'autista di voltarsi e guidare fino a un altro bivio per un altro villaggio chiamato Tutubigan. Questo era il villaggio che appariva nel dossier dell'orfanotrofio. L'uomo ha poi detto di conoscere la mia madre naturale molti anni fa.

Diventa solo più interessante.

Scesi dalla jeep e entrai in questo remoto villaggio. Le case erano semplici e tutti vivevano una vita semplice ma apparentemente felice. Fui condotto in una casetta di legno. Mi è stato detto che questo era il luogo in cui una volta viveva la mia madre natale. Era piccolo e molto semplice. Poi l'uomo ha detto che era mio cugino di secondo grado. Oh!!!

Subito dopo l'intero villaggio, giovani e meno giovani, confluì davanti alla casa di mia madre. In piedi tra la folla c'erano mia zia, gli zii ei cugini che non avrei mai saputo di avere. Più tardi quella notte ho incontrato mio fratello, un fratello che non sapevo esistesse. E per lui, un fratello che sapeva esistere, ma che non ha mai trovato fino ad oggi. Passo dopo passo, incontrando un parente, lui o lei mi ha presentato un altro. Era un sindacato!!

Con mia zia, mio fratello e la troupe televisiva insieme siamo tornati in aereo a Manila. A quanto pare mia zia mi ha detto che la mamma è rimasta a Manila ma non era sicura di dove in città.

La ricerca della mia madre biologica è iniziata a Manila il giorno successivo. Mia zia ha rintracciato mio zio che a sua volta conosceva l'amico intimo di mia madre biologica. Erano circa le 20 di sera e la ricerca sarebbe continuata. Mio zio aveva il numero di telefono dell'amica della mia mamma biologica. Quella persona sarebbe la chiave o la rottura della catena o della ricerca per incontrare la mia madre naturale. Solo lei sapeva dove sarebbe vissuta la mia mamma biologica.

La prima chiamata a quel numero non ha avuto risposta. Venti minuti dopo, ancora nessuna risposta. Un'ora dopo ancora nessuna risposta. Perseveranza, ma era tesa. Due ore dopo, finalmente una risposta. Erano le 22:00. La persona allora è stata così gentile da dirmi dove si trova mia madre. Era una corsa urgente attraverso Metro Manila fino alla zona dei bassifondi ferroviari fuori dall'autostrada principale. A causa della zona depressa, alla polizia locale è stato chiesto di scortarci nella zona. Fui condotto lungo un binario ferroviario fiancheggiato da baraccopoli in povertà. Con solo una torcia per vedere, sono salito su una scala e su questa tavola di legno, schermata con lamiera di ferro battuto. Una signora giaceva sdraiata su una scatola di cartone profondamente addormentata. Uno shock, ma era davvero la mia madre naturale.

Quando la troupe televisiva salì sulla scala, questa signora si svegliò e guardò verso di noi. Immediatamente ha riconosciuto mia zia, mio zio e mio fratello. L'ho guardata in faccia e somigliava molto al mio viso, agli occhi, alla bocca e alle mascelle. Deve essere lei. Il giornalista televisivo ha chiesto alla mamma il suo nome. Ha risposto con lo stesso nome che appare esattamente nelle mie carte di nascita. Poi il giornalista ha chiesto alla mamma cosa fosse successo al bambino che le era stato portato via. Le informazioni che ha fornito erano esattamente come documentate nel fascicolo all'orfanotrofio.

Si è tenuta un'intervista e siamo tornati alla stazione TV per una festa. Una sorella che non sapevo di avere è stata contattata da mia zia ed è stata convocata in studio per il colloquio. Dovevo tornare in Australia, lasciando dietro di sé le persone che non sapevo esistessero. Quello che mi mancava nella vita ora è stato ritrovato. Un miracolo! Mio padre non si trovava. Apparentemente era di Palawan e vi è tornato poco dopo la mia nascita prima di andare in Arabia Saudita per trovare lavoro.

Febbraio 2005 – La reunion

Quando sono salito a bordo del Qantas 747 all'aeroporto di Sydney, ho provato emozioni contrastanti. Il volo è durato 7 ore e 40 minuti. Ho guardato fuori dal finestrino dell'aereo, 34000 piedi sopra la costa filippina. Poi, durante la discesa, ho iniziato a vedere le risaie e le lussureggianti colline verdi. È apparso lo sprawl urbano di Manila. Ho appena lasciato l'Australia, un paese in cui ho passato la maggior parte della mia vita e ora mi sento come se stessi tornando anche a casa, ma in una seconda casa – in una famiglia che non sapevo esistesse, se non sulla carta!

Il Qantas 747 ha attraversato la recinzione perimetrale dell'aeroporto ed è atterrato sulla pista 24/06 dell'aeroporto internazionale Ninoy Acquisi di Manila. Sono stato accolto all'aeroporto dagli amici di Filo e portato via per qualche giorno di relax sull'isola di Boracay. In seguito era arrivato il momento di incontrare mia madre e i miei fratelli che avevo incontrato per la prima volta un anno prima. Sono stato portato in un nuovo posto nella provincia a nord di Manila. Questo posto era dove soggiornava mio cugino. Mia madre viveva lì. È stata una riunione emotiva, semplicemente conoscere la mia famiglia natale. La mamma mi ha cucinato un pasto per la prima volta e mi ha persino cosparso di polvere. Per la prima volta parlava un inglese limitato e un po' di mano.

Il resto della vacanza è stato trascorso nei centri commerciali. La mamma ha avuto l'esperienza di guidare ascensori, scale mobili e usare la camera comfort/WC poiché tutti questi servizi non li aveva mai visti prima. Sebbene vivesse vicino a una linea ferroviaria, non ne ha mai catturato una. Andare a Jollibee con la mamma è stato come ricevere un pasto di 3 portate in un hotel a 5 stelle!!

Mio fratello e mia sorella hanno passato del tempo con me cantando al karaoke e sparando a basket.

Tutto è finito troppo in fretta e ho dovuto andarmene. La mia famiglia mi ha salutato all'aeroporto – e sì, Daniel, mio fratello è su quell'aereo quella notte con le luci lampeggianti che tintinnano!!!

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%