Il mio personale olocausto

Il mio olocausto personale di Lal Shah

Sono nato alle 10:40 del 9 dicembre 1961 al Ross Hospital, Paisley, in Scozia. Mia madre scozzese bianca era sposata e aveva già un figlio da suo marito quando è arrivata in ospedale per partorirmi. Aveva 19 anni. Il mio aspetto alla nascita da bambina di colore è stato uno shock sia per lei che per suo marito. Gli appunti dell'assistente sociale di quel periodo nella "Dichiarazione del caso" dicevano: "Lettera da Almoner, Rottenrow, Glasgow, in cui si affermava che questo bambino era di colore. A quanto pare la madre sarebbe stata aggredita da un pachistano che alloggiava nella stessa pensione. Questo non era mai stato segnalato alla polizia e il signor T era stato informato solo quando si era scoperto che il bambino era di colore. Per il fatto che il bambino è di colore, il marito è disposto a permettere il ritorno della moglie solo a condizione che il bambino non l'accompagni». Inoltre c'erano delle note che “forse il bambino non sarà così scuro come la sua pelle non sembra così scura oggi”… E così iniziò il mio doloroso viaggio.
Prendendo il nome da mio padre, Lal S e dato il cognome di mia madre, T, sono stato mandato a Crosslet House, un orfanotrofio, a 5 giorni di età. Quando avevo 5 mesi sono stata adottata da J e MM, sia bianche che scozzesi. Mia madre adottiva era stata un'infermiera a Crosslet House e per un periodo di tempo aveva deciso che desiderava adottarmi. Mi diceva spesso che aveva scelto me e una bambina e sceglieva me perché ero così bella. Mi ha detto che tutte le infermiere mi volevano bene e che ero speciale...

In questo momento non aveva figli. Quando avevo 18 mesi ha dato alla luce il suo primo figlio biologico, P. Ci siamo poi trasferiti in Inghilterra quando avevo 3 anni e lì ho iniziato la mia scuola. La mia prima scuola è stata Holy Trinity Infants e poi sono andata alla Milk Street Public School. Durante questo periodo, e fino a quando siamo emigrati in Australia, non ricordo di essere stato diverso in alcun modo.

Mia madre adottiva mi ha detto che mi ha spiegato che sono stata adottata quando ero piccola. Lei e mio padre adottivo mi avevano persino portato a fare una visita a Crosslet House per mostrarmi da dove venivo, ma ero troppo giovane per ricordarlo.

Quando avevo un paio di settimane in meno di 9 anni siamo emigrati in Australia arrivando il 30 ottobre 1970. Abbiamo alloggiato in un ostello per immigrati britannici a Bradfield vicino a Lane Cove. La mia prima scuola australiana è stata la Gordon Public School. Nel mio primo giorno in una scuola australiana il razzismo mi ha scoperto...

Gli altri ragazzini mi chiamavano per soprannomi – (pensavano che fossi un aborigeno) e dopo qualche giorno questo includeva percosse. Ho detto ai miei genitori che agli altri bambini non piacevo e mi insultavano e ricordo che mio padre mi diceva che “bastoni e pietre ti spezzeranno le ossa ma i nomi non ti faranno mai male”. Ha ripetuto questo mantra molte volte nel corso degli anni. Sono scappato da scuola e mio padre adottivo mi ha beccato. Ho pianto e pianto e l'ho supplicato di non rimandarmi indietro perché gli altri bambini mi odiavano e litigavano con me, ma mio padre adottivo mi ha costretto a tornare indietro.

La mia istruzione negli anni successivi di solito mi ha trovato come l'unica persona dalla pelle scura o uno dei pochissimi bambini dalla pelle scura. Non riesco a ricordare periodi di tempo in cui non sono stato discriminato razzialmente nella mia esperienza scolastica australiana. Non ero generalmente accettato dagli altri bambini a meno che non facessero anche parte di una minoranza etnica – di solito i ragazzi greci che mi lasciavano andare in giro con loro. Facevo anche parte di una minoranza etnica – di una – la più piccola minoranza di tutte.

Molte molte volte ricordo di aver pianto lacrime amare la notte quando ero solo e desideravo di poter avere i capelli biondi, la pelle chiara e gli occhi azzurri ed essere come tutti gli altri. Ho bagnato il letto fino all'età di 12 anni. Il dottore disse a mia madre che era ansia per l'adozione. Ho dovuto usare uno dei fogli del cicalino elettrico ed è stato molto umiliante.

Durante gli anni della scuola ho avuto molti litigi e sono stato sputato addosso e chiamato nomi come wog, black bastard, abo, black Jew, f*** wog c*** ecc. Ho ascoltato molto i Beatles in questo periodo e in particolare i loro canzoni più tristi. Ho sempre voluto che la "Reprieve to Sergeant Pepper's Lonely Hearts Club Band" fosse suonata al mio funerale. La mia canzone preferita di tutti i tempi è stata una canzone dei Beatles di John Lennon intitolata "Across the Universe" - le parole sono:

Le parole scorrono come pioggia senza fine in un bicchiere di carta
Scivolano selvaggiamente mentre scivolano via attraverso l'universo

Pozze di dolore, onde di gioia stanno alla deriva attraverso la mia mente aperta, possedendomi e accarezzandomi

Niente cambierà il mio mondo,
Niente cambierà il mio mondo,

Immagini di luce spezzata che danzano davanti a me come un milione di occhi, Mi chiamano in continuazione, attraverso l'universo, I pensieri serpeggiano come un vento inquieto dentro una cassetta delle lettere, Cadono alla cieca mentre si fanno strada attraverso l'universo

Niente cambierà il mio mondo,
Niente cambierà il mio mondo

Suoni di risate ombre della terra risuonano attraverso le mie orecchie aperte, Incitandomi e invitandomi Un amore eterno senza limiti che brilla intorno a me come un milione di soli Mi chiama e continua, attraverso l'universo

Niente cambierà il mio mondo,
Niente cambierà il mio mondo,

Questa canzone riecheggiava la tristezza che pervadeva tutto il mio essere. L'ho suonato ancora e ancora soprattutto quando mi sentivo triste (per ironia della sorte, dato il mio background razziale, mi sono sempre piaciute le canzoni dei Beatles che facevano uso di suoni indiani come il Sitar). Un altro gruppo che mi piaceva e con le cui canzoni mi identificavo erano i Queen. Mi è piaciuto particolarmente Freddie Mercury, il cantante. Capii che aveva cercato “qualcuno da amare” per tutta la vita e non aveva trovato nessuno. Ho usato la musica per cambiare i miei stati d'animo. Particolari canzoni sembravano essere i temi degli eventi della mia vita.

Ho sempre desiderato nel profondo di sapere da dove vengo. Tuttavia, quando qualcuno me lo chiedeva, rispondevo che non era importante e che non ero interessato. L'ho detto così spesso che penso di aver creduto a me stesso per molto tempo.

Ogni incontro con nuove persone rivivevo la vergogna e il dolore di aver detto loro che ero scozzese. Avrei sempre uno sguardo incredulo e mi sentivo obbligato a spiegare le mie origini come le conoscevo. Questo è continuato fino ad oggi e sarà con me per il resto dei miei giorni.

Uno degli aspetti strani della mia esperienza che mi incasina la testa è che la mia educazione mi ha dato una “mente da uomo bianco”. Penso come un bianco anche se non lo sono. Sono molto sensibile al razzismo di qualsiasi tipo per ovvi motivi, ma ho avuto l'esperienza sconvolgente di guardare persone che conosco avere le mie stesse caratteristiche e avere pensieri razzisti su di loro. Spesso scherzavo con le persone sul fatto che avevo sempre desiderato di poter essere un razzista supremista bianco, ma ero del colore sbagliato per esserlo.

Mia madre mi disse che mio padre era persiano e che il mio nome significava il "Principe Rosso". Non mi sono mai sentito persiano (non dicevano mai iraniano) e spesso mi sono chiesto perché fossi stato dato in adozione. Pensavo che forse mia madre fosse Elizabeth Taylor dato che mi era stato dato il cognome Taylor alla nascita!!

Per aggiungere al dolore dell'adozione il fratello di mia madre, mio zio mi aveva aggredito sessualmente in 2 occasioni. Quando l'ho detto ai miei genitori adottivi, l'hanno nascosto sotto il tappeto – era come il razzismo – non avevano la capacità di affrontarlo.

Ero un bambino solo e ribelle nella mia adolescenza e ho 'recitato' con mia madre in particolare. Ad un certo punto ero così male che ha avuto un esaurimento nervoso per lo stress dei combattimenti. In un'occasione mi ha rotto un grosso cucchiaio di legno sulla faccia e mi ha detto "Sei posseduto da un demone e vorrei non averti mai adottato". Sono scappato poco prima del mio 15esimo compleanno. Quando sono tornato dopo il mio compleanno, la mia famiglia aveva mangiato la mia torta, gettato via il mio biglietto di auguri e dato i miei regali ai miei fratelli (avevo due fratelli ora, entrambi di mia madre adottiva).

Di recente ho chiesto a mia madre adottiva perché avesse avuto un esaurimento nervoso e lei ha detto che era perché mio padre adottivo si era schierato con me contro di lei. Ricordo che mio padre adottivo cercava spesso di mantenere la pace e ha mostrato un grande amore nei miei confronti per tutta la vita. Ricordo che lui e mia madre litigavano spesso per me. Mi chiedo come sarei stata senza il suo amore costante.

A 15 anni ho assaggiato per la prima volta l'alcol e la prima volta che l'ho provato mi sono ubriacato molto. Ho bevuto il brandy direttamente dalla bottiglia e con una sola intenzione: uscirne. Avrei dovuto usare alcol e droghe per i successivi 24 anni per quello scopo preciso: sfuggire alla mia mente.

Intorno all'età di 11 anni avevo detto ai miei genitori che un giorno volevo vivere in Israele e che ero molto interessato a Israele (lo sono ancora). Ricordo molto chiaramente quando ho iniziato a identificarmi con Israele – è stato durante lo Yom Kippur nel 1973. Il mio psicoterapeuta mi ha detto che mi sono identificato con il popolo ebraico a causa della sua sofferenza e del suo vagare.

A scuola il mio comportamento con gli insegnanti rientrava in una di due categorie. O mi sono comportato come l'"animale domestico degli insegnanti" o come il bambino più ribelle della classe a seconda dell'insegnante. Avevo un forte senso di giustizia (l'ho avuto per tutta la vita). Se sentissi che qualcuno ha commesso un'ingiustizia contro di me o qualcun altro mi arrabbierei molto.

Quando ho finito il liceo (con un voto abbastanza alto all'HSC – un miracolo considerando quanto ero infelice a scuola) ho lavorato per 3 mesi. Ho poi lasciato l'Australia per andare in Israele con un biglietto di sola andata, senza visto di rientro (avevo un passaporto britannico). Una volta arrivato in Israele ho studiato ebraico a tempo pieno e ho lavorato su un Kibbutz. Ho iniziato a bere molto pesantemente in Israele e alcune persone mi hanno chiamato il "kibbutz ubriaco".

Ho avuto la mia prima relazione fisica con una donna in Israele e mi sono ubriacata entrambe le volte. Era più grande di me (la maggior parte delle donne nella mia vita erano più grandi di me) e veniva dal Sud Africa – mi chiedevo sempre che volesse venire con me quando le persone con il mio colore di pelle venivano chiamate di colore nel suo paese. Ho agito in modo molto immaturo e lei mi ha lasciato per un altro ragazzo più grande del Kibbutz.

Questo è stato uno schema per il resto della mia vita: avrei iniziato una relazione e poi avrei iniziato a comportarmi da pazzo, dicendo o facendo deliberatamente cose terribili per provocare il mio partner. Non riuscivo mai a capire perché facevo e dicevo queste cose. Ero ossessionato dall'essere toccato. Volevo che i miei partner mi coccolassero, mi accarezzassero i capelli e mi grattassero la schiena ecc. Senza smettere.

Dopo circa 1 anno in Israele mi sono ammalato di epatite A e sono stato ricoverato in ospedale in isolamento 3 giorni prima del mio diciannovesimo compleanno. Il giorno del mio compleanno ero molto infelice: nessuno poteva entrare nella mia stanza e poi alle 11 del mattino hanno annunciato che John Lennon era stato ucciso a colpi di arma da fuoco. Ero già in depressione a causa della malattia e questo mi ha fatto precipitare in una depressione ancora più profonda. Mi sembrava che la vita fosse molto ingiusta e che fossi destinata a soffrire più degli altri. Questo pensiero è stato una costante nella mia vita.

Ho spesso pensato che il mio futuro fosse morire per strada da alcolizzato, solo e indigente. Questa era una spinta così potente che scherzavo con i miei amici, quando vedevo l'Esercito della Salvezza nei pub, che stavo investendo nel mio futuro quando davo loro dei soldi, cioè che un giorno sarei stato indigente e loro sarebbero stati prendersi cura di me per le strade. Mi facevo sempre una risata, ma dentro la mia testa mi dicevo che lo intendevo. Credevo fosse il mio meritato destino.

Sono tornato in Australia dopo 5 settimane in ospedale e ancora troppo malato per lavorare. Dopo alcune settimane mia madre mi ha buttato fuori di casa quando ha trovato 30 bottiglie vuote di Sherry sotto il mio letto.

Ho quindi trascorso i successivi 2 anni a usare droghe, qualunque cosa su cui riuscissi a mettere le mani. Ho usato cocaina, LSD, hashish, marijuana, efedrina cloridrato, codeina fosfato, tutto ciò che mi avrebbe aiutato a sfuggire alla realtà. Ho letteralmente passato 2 anni lapidato.

All'età di 22 anni si è verificato un evento significativo che mi ha causato molto dolore. Ero diventato molto amico di una ragazza della Chiesa e nel corso del tempo ci siamo avvicinati molto. Ho iniziato a provare sentimenti piuttosto forti per questa ragazza e un giorno ero a casa e ho deciso che le avrei detto che volevo che la nostra relazione diventasse più seria. Credevo che fosse lei quella che Dio aveva scelto per me. Quella stessa notte, e senza che me lo chiedessi, arrivò alla mia porta. Ho aperto la porta e lei mi ha detto “R, mi dispiace ma non voglio vederti mai più”. Ho lasciato la Chiesa in cui stavo andando e ho iniziato una spirale discendente, bevendo pesantemente. Una ragazza che aveva flirtato con me ea cui avevo prestato poca attenzione divenne improvvisamente più importante per me. Presto sposai Robyn, una ragazza di 4 anni più grande di me (io avevo 22 anni e lei 26). Era molto prepotente e volitiva. I suoi interessi includevano la figlia di 18 mesi da una precedente relazione (di cui ero molto geloso) e il satanismo (ad esempio, la Bibbia satanica e l'occulto ecc.).

Dei 15 amici della Chiesa che ho invitato al matrimonio solo uno si è presentato. Tutto il resto mi diceva che stavo facendo un grosso errore. Anche i miei genitori mi hanno detto che stavo sbagliando. Penso che nel profondo sapevo che era un errore, ma continuavo a ripetermi che sarei stato "lasciato sullo scaffale" se non l'avessi sposata. All'epoca credevo davvero che fosse la mia ultima possibilità di stare con qualcuno, per quanto folle possa sembrare ora. Quando ci siamo sposati (non le ho mai chiesto di sposarmi, ho solo seguito il suo esempio) la prima notte di nozze mi ha detto che non voleva dormire con me, quindi ho svuotato il frigobar nella stanza d'albergo e ho dormito sul tappeto .

La luna di miele è stata un incubo e ho dovuto pregarla di dormire con me. Ricordo che abbiamo "fatto l'amore" 5 volte nelle prime 3 settimane e mi sono sentito totalmente rifiutato. Si struggeva per sua figlia e io ne ero così stufo che l'ho accompagnata di nuovo da Cairns a Sydney in 3 giorni. Il nostro matrimonio è durato 4 mesi e mezzo e verso la fine ho bevuto molto.

Una notte abbiamo litigato per il sesso e lei ha cercato di pugnalarmi con un coltello da intaglio. Avevo cercato di costringerla a fare sesso con me. Ha infilato il coltello nella mia Bibbia quando non è riuscita a prendermi. Quando ha tentato di nuovo di pugnalarmi l'ho schiaffeggiata una volta e poi sono stata arrestata e ho passato una notte in cella per "condotta ubriaca e disordinata".

Dopo 6 settimane di separazione siamo tornati insieme per 2 settimane e poi ci siamo lasciati per l'ultima volta. Sono partito per tornare dai miei genitori e qualche giorno dopo sono tornato a casa sua per prendere tutti i miei abiti da lavoro (lavoravo per le ferrovie e avevo bisogno delle mie divise). Ha chiamato la Polizia e la Polizia le ha detto di darmi i miei vestiti e poi mi ha detto di andarmene. In quel momento mi dicevo che “non ho motivo di vivere” e me lo ripetevo continuamente. Mi odiavo e desideravo non essere mai nato. Avrei voluto essere abortito. (Sono tornato su questi pensieri molte volte nella mia vita).

Tornato a casa dei miei genitori ho preso un pacchetto di tranquillanti (ero in compresse per la depressione a causa della rottura) e ho bevuto molto alcol. Sono andato nella boscaglia sul retro della casa dei miei genitori e ho usato il mio coltello da sub per tagliarmi i polsi. Mi sono svegliato in ospedale e mi hanno tirato fuori lo stomaco e mi hanno messo più di 30 punti di sutura ai polsi. Ho passato un po' di tempo in un reparto di psichiatria e quando ho lasciato il reparto, mio padre, che ho sempre amato molto e che mi ha trattato come il suo preferito, mi ha guarito. Ci sono voluti alcuni mesi.

Poi sono tornato in Chiesa e dopo circa un anno ho incontrato una donna davvero simpatica di nome M (aveva 2 anni più di me) e ci siamo fidanzati. Mentre eravamo fidanzati ho litigato e litigato con lei molte volte.

Il razzismo era sempre a poca distanza e ricordo che un giorno stavo lavorando sulle ferrovie e lavorando in una stazione di North Shore. Stavo lavorando alla stazione solo un giorno come capostazione e c'era una ragazza che lavorava con me che vendeva i biglietti. Le ho chiesto se voleva una pausa e ho preso in carico la vendita dei biglietti. Un'anziana donna ben vestita si avvicinò alla biglietteria e chiese il biglietto di andata e ritorno. Ho iniziato a cercarlo perché non conoscevo il layout. Ha guardato oltre me verso la ragazza seduta dietro di me e ha detto, riferendosi a me: “Penso che sia una vergogna che abbiano fatto entrare questi indonesiani nel paese quando non sanno nemmeno parlare la lingua. La cosa peggiore è che mio marito ha combattuto contro persone come lui”. Le ho detto che era una puttana razzista.

Un altro esempio particolarmente vizioso che mi ha causato molto dolore si è verificato quando stavo guidando in macchina con M e R. Ho accidentalmente interrotto qualcuno sulla strada. Al semaforo successivo l'autista donna è scesa dalla sua macchina e si è avvicinata alla mia finestra e ha detto "Sei fottuto ca**o". Ricordo di aver tremato.

Uno dei miei capi delle ferrovie mi ha chiamato la “perla nera” davanti a tutto il personale – non mi sono mai lamentato ma dentro stavo male.

Quando studiavo sulle ferrovie alla scuola del capostazione c'era un ragazzo libanese che veniva deriso dal punto di vista razziale da due australiani del paese. Sono intervenuto e la situazione è diventata così violenta che il docente ha dovuto lasciare che me e il libanese andassimo ogni giorno presto per il resto del corso in modo che i due ragazzi australiani non potessero prenderci e picchiarci. Avevo circa 25 anni quando è successo.

Quando è nata mia figlia R mi sono sentita isolata e inutile. Ho iniziato ad avere relazioni. Avrei iniziato una relazione e poi mentre vedevo una donna ne vedevo un'altra. Ci siamo separati per 18 mesi e sono tornato in Israele per avere una serie di relazioni. In Israele ho incontrato una ragazza tedesca e ho iniziato una relazione con lei. Mi ha detto che voleva avere una relazione fisica ma non emotiva.

Mi sono completamente innamorato di lei e ha iniziato a rifiutarmi. Ho deciso di distruggere la relazione prima avendo un'altra relazione e poi scappando, quindi sono andato in Egitto da solo. Ero molto suicida in questo momento e non mi importava cosa mi fosse successo. Ho avuto problemi in Egitto con la polizia in due occasioni e sono stato minacciato di galera. Semplicemente non mi sembrava importasse cosa mi fosse successo. Sono tornato in Israele e stavo bevendo Vodka tutto il giorno dalla bottiglia. Così, dopo 7 mesi in Israele, sono tornato in Inghilterra dove mi sono ricoverato in un ospedale di Maidstone per disintossicarmi dall'alcol.

Poi sono tornato in Australia e M mi ha perdonato e abbiamo ricominciato. Per più di 6 anni siamo stati insieme ma c'erano sempre risse e lei mi ha detto che ero molto controllante e minaccioso. I compleanni erano sempre momenti difficili per me e mi comportavo sempre male. Il mio comportamento è stato spesso molto strano. Descriverei il mio comportamento come bizzarro a volte. Mi chiedevo spesso perché facevo e dicevo cose.

Dopo circa 5 anni ho scoperto che non ero più interessato a M anche se credevo che fossimo buoni amici. Ho iniziato a flirtare con una ragazza al lavoro, J, e presto mi sono affezionato emotivamente a lei. Ho attraversato un bel dilemma e M e R sono andati a stare con un amico a Canberra per una settimana. Non volevo che il matrimonio fallisse e volevo essere buono ma mi sentivo destinato a seguire la strada difficile.

Durante questa settimana ho ricominciato a bere e mi sentivo abbastanza suicida. I pensieri suicidi erano con me da molto tempo e spesso pianificavo come mi sarei ucciso. Penso che la cosa che mi ha impedito di fare un altro serio tentativo sia stato il pensiero che sarebbe stato peggio dall'altra parte della tomba e anche la paura dell'atto stesso.

Ci siamo separati e mi sono trasferito a vivere da solo. Ho messo molta pressione su J e lei ha lasciato suo marito di 2 anni e ci siamo trasferiti insieme. Immediatamente abbiamo iniziato a litigare per la nostra vita sessuale. Volevo fare sesso tutti i giorni e, ovviamente, lei no. Ho trattato un suo no come un rifiuto personale – un rifiuto. Questa è stata un'esperienza lunga una vita. Il sesso per me è stato un'affermazione d'amore e un rifiuto un rifiuto. Ho equiparato amore e sesso e li ho cercati ancora e ancora e ancora. Stimo di aver avuto circa 35 soci di varia durata.

Le donne in cui sono stato coinvolto rientrano in 2 categorie: il primo e più ampio gruppo che ho usato esclusivamente per gratificazione e poi "scaricato". Il secondo gruppo erano le donne di cui mi “innamorai”. Mi sono comportato in modo particolare con il secondo gruppo. Sarei troppo zelante nel perseguirli e nelle manifestazioni di affetto. Scrivevo poesie d'amore, regalavo loro fiori ecc ecc e alla fine mi avrebbero rifiutato perché li avevo soffocati.

Dopo 3 mesi ho iniziato a bere e nel giro di un anno ho lasciato. Ora vivo da solo da 2 anni anche se la mia relazione con J è andata avanti per molto tempo dopo che me ne sono andato.

Ho avuto un rapporto molto difficile con mia figlia da quando me ne sono andato. Nell'ultimo anno non l'ho vista molto spesso e le ultime volte le ho detto cose terribilmente offensive, mandandola a casa assolutamente sconvolta. Non avevo idea del perché fossi così crudele con lei. Alcune volte meditavo su qualcosa che aveva fatto e poi quando la vedevo la prossima volta sarebbe inevitabile che dicessi qualcuno. Questo è uno schema che ho ripetuto con molti altri nella mia vita.

Una cosa che mi ha fatto meravigliare molto è che non sembravo provare alcun sentimento per R. Sembrava che non mi mancasse o non pensassi a lei. Nella mia vita, quando una relazione finiva, buttavo via tutti i ricordi di quella persona, ad esempio le foto dei vestiti, ecc. L'ho fatto con le foto di R. Per fortuna R ha ricominciato a comunicare con me e un giorno spero di poter spiegare perché mi sono comportato in quel modo con lei.

Il mio consumo di alcol ha continuato ad aumentare e presto ho bevuto ogni giorno e abbuffato tutto il fine settimana. I miei stati d'animo e la mia personalità hanno iniziato a peggiorare e ho iniziato a litigare con il mio capo al lavoro che è il Direttore Esecutivo della mia organizzazione e una donna molto potente. Le donne potenti mi hanno sempre spaventato e ho avuto esperienze molto difficili con donne forti. Una volta ho avuto diverse settimane di ferie dal lavoro in congedo per stress dopo aver litigato con un capo donna.

Un giorno ho avuto una situazione particolarmente difficile con il mio capo e lei era molto arrabbiata con me. Invece di litigare con lei, che era la mia reazione normale quando qualcuno mi sfidava, ho alzato le mani in aria e ho detto: "Non ce la faccio più - per favore, licenziami" e me ne sono andato. Poi ho fatto un'abbuffata di 5 giorni.

Ho bevuto molto pesantemente e giocato più di $3000 sulle macchine. Ho bevuto Bourbon direttamente dalla bottiglia e dalle caraffe di Sherry finché non ho avuto più soldi. Ho preso il coltello da cucina e l'ho trascinato sui polsi desiderando di avere il coraggio di uccidermi. Ero su un treno e ho visto qualcuno che conoscevo e ho detto loro che mi sarei gettato sotto il treno. Avevo programmato di farmi benzina in macchina, di buttarmi giù da un edificio - tutto ciò a cui pensavo era distruggermi. La mia vita sembrava un disastro totale. Mi sentivo come se non avessi amici, nessuna ragione per vivere. Ho detto alle persone che sapevo che avrebbero potuto avere i miei beni. Mi sono detto che, poiché tutti gli altri mi avevano rifiutato, avrei dovuto rifiutare anche me stesso.

Suonavo costantemente la canzone dei Queen, The Show Must Go On. Alcune delle parole sono sotto.

Lo spettacolo deve continuare

Spazi vuoti
Per cosa stiamo vivendo?
Luoghi abbandonati
Immagino che conosciamo il punteggio
Ancora e ancora qualcuno sa cosa stiamo cercando?
qualcuno ne vuole più?

Lo spettacolo deve continuare
Dentro il mio cuore si sta spezzando
Il mio trucco potrebbe sfaldarsi
Ma il mio sorriso è ancora acceso
Qualunque cosa accada, lascio tutto al caso
Un'altra angoscia – un'altra storia d'amore fallita
Qualcuno sa per cosa stiamo vivendo?

Immagino che sto imparando
Devo essere più caldo ora
Presto girerò l'angolo adesso
Fuori sta spuntando l'alba
Ma dentro, nel buio, desidero essere libero

Lo spettacolo deve continuare
Lo affronterò con un sorriso
Non mi arrendo mai
Devo trovare la volontà di andare avanti

Il 5° giorno mi sono svegliato con le bottiglie vuote tutt'intorno a me sul pavimento e il coltello da cucina. Per qualche motivo ho gridato che avevo bisogno dell'aiuto di Dio e poi sono andato al telefono e ho chiamato un amico. L'amico mi ha portato in ospedale e mi hanno mandato in un ospedale privato per essere curato per alcolismo.

In ospedale ci veniva richiesto di "id" che significa raccontare la nostra storia, ad esempio "Ciao, sono R e sono un alcolizzato", e poi spiegare come abbiamo iniziato a bere ecc. Le prime volte ho raccontato la mia storia Vorrei menzionare le circostanze e le persone nella mia vita che credevo mi avessero "fatto bere". Dopo aver letto un piccolo libro intitolato L'alcolismo e la famiglia del dottor George Wilson mi sono reso conto che mi ero ingannato in tutti questi anni. Ero impotente sull'alcol e la mia vita era davvero ingestibile. Una volta capito questo, il mio cuore ha cominciato a cambiare lentamente.

In ospedale ho incontrato il mio psichiatra e gli ho chiesto cosa avrebbe scritto sul mio certificato medico. Ha detto "Dipendenza dall'alcol". Ho detto "Non puoi farlo, verrò licenziato". Ho iniziato a farmi prendere dal panico. Ha detto "Non posso dire bugie per te, ma posso chiamarti medico di base e lui può placare l'ansia nervosa per te se vuoi". Sono stato molto contento di questo e ho lasciato il suo ufficio. Poi ho avuto quelle che potrebbero diventare le 2 ore più profonde della mia vita.

Ho ripensato alla conversazione ed ero molto nervoso chiedendomi se avrei perso il lavoro e sarei stato indigente. Poi ho pensato che dovevo affrontare me stessa per la prima volta nella mia vita. Ho ritenuto che avere dipendenza da alcol sul certificato fosse come guardarsi allo specchio per la prima volta nella mia vita. Guarderei la verità per la prima volta. Ho deciso che volevo che il dottore scrivesse sul certificato di dipendenza da alcol e ho chiesto a Dio di prendersi cura di me. Ho provato un intenso senso di benessere e un sentimento di amore. Era come una sensazione di estasi. Sapevo che in quel momento avrei detto la verità e non mi importava se avessi perso il lavoro o meno. Credevo che Dio si sarebbe preso cura di me.

Poi l'ho detto al mio dottore e gli ho detto che l'avrei detto al mio capo. Era sorpreso.

I miei "id" dopo questo erano diversi e non parlavo più a lungo dei motivi per cui bevevo. Piuttosto ho parlato delle mie esperienze da alcolizzato. Da allora mi sono chiesto quale sia stato il primo: i problemi e le circostanze o il problema dell'alcol. Ovviamente sono stato adottato prima di bere ma cosa ha causato i problemi? Ho deciso che per me era meglio accettare di essere un alcolizzato per eredità, cioè che sono nato alcolizzato. Ovviamente essere adottato ha avuto un impatto devastante sulla mia vita, ma credere di essere nato alcolizzato significa che non riuscirò mai a convincermi di essere guarito dai miei problemi con l'alcol e ora posso iniziare a bere come le persone normali.

Ho chiesto al mio responsabile del personale di venire in ospedale a vedermi. Sapevo che si aspettava che parlassi di quello che era successo e pensava che fossi in ospedale per stress a causa del mio capo. Alcune persone al lavoro volevano che presentassi una denuncia formale contro il mio capo per avermi urlato contro. Quando è arrivata le ho detto "Grazie per essere venuta a trovarmi - voglio che tu sappia che il motivo per cui sono qui è che sono un alcolizzato". Ero nervoso ma euforico a dirglielo. Ha risposto "L'alcolismo è una malattia curabile e faremo tutto il possibile per aiutarti". Poi le ho chiesto di chiedere al mio capo di farmi visita e ho fatto pace con il mio capo, dicendole che ero un alcolizzato. Da quel momento il mio lavoro è stato estremamente di supporto nell'aiutarmi.

Ho lasciato l'ospedale dopo 12 giorni e ho partecipato al suo programma di 10 giorni per i pazienti. Il giorno stesso dopo aver finito il programma qualcuno ha bussato alla mia porta e stava cercando qualcuno che non conoscevo. Ho cercato di aiutare e il ragazzo, che aveva un cartone di birra sulla spalla, mi ha chiesto se volevo una birra. Ho detto "Sai, non credo che lo farò, ma grazie per averlo chiesto".

Nelle ultime settimane ho iniziato a vedere uno psicoterapeuta e le mie prime parole per lui sono state: “Ho 3 problemi nella mia vita che devo imparare ad affrontare e ad accettare. Uno è che sono stato adottato per via transrazziale. La seconda è che ho subito molto razzismo e la terza è che sono stata aggredita sessualmente da mio zio. Sono un alcolizzato ma vado alle riunioni di AA per occuparmi del mio bere. Questi 3 problemi sono fattori scatenanti per il mio bere”.

Ora partecipo a circa 8 riunioni di AA alla settimana e ho trovato una Chiesa meravigliosa con persone reali. Ho ancora problemi di bassa autostima e dubbi su me stesso. Mi chiedo ancora se piaccio davvero a qualcuno. Ma sto facendo entrare sempre più luce nella mia anima oscurata. Ho iniziato a esplorare i miei sentimenti riguardo all'adozione e anche ad esprimere alcune emozioni molto dolorose. Oggi ho pianto mentre spiegavo alcuni problemi alla mia ex moglie. Questa è probabilmente la prima volta che piango da sobrio in molti anni. Ho iniziato a leggere libri sull'adozione e mentre leggevo “La Ferita Primaria” mi sono ritrovata nelle sue pagine ancora e ancora. Un'affermazione con cui mi sono identificato particolarmente è stata che il bambino adottato ha un'identità come “formaggio svizzero” – cioè pieno di buchi. La mia personalità era un fronte che avevo creato per proteggermi da ulteriori ferite. Mi sono nascosto dietro questa falsa rappresentazione della mia persona perché non sapevo di meglio. Non me ne ero nemmeno reso conto finché non ho letto il libro.

L'unica cosa che rendeva quasi impossibile qualsiasi possibilità di superare i miei problemi di adozione era la mia personalità. Avevo sviluppato un forte senso dell'umorismo ed ero sempre il clown della classe. Ho riso molto all'esterno e da solo ho pianto amaramente all'interno. La gente non poteva dire che stavo soffrendo. Spesso mi sono sentito come il ragazzo che gridava al lupo. Quando ho gridato aiuto nessuno mi ha creduto. Ho anche soppresso i pensieri nella mia testa e non ci avrei pensato se non per sentirmi male con me stesso.

Non ho mai veramente amato nessuno in vita mia, ora lo capisco. Penso che nel mio stato attuale di essere incapace di amare e di fidarmi. Quello che ho pensato è che l'amore è che cerco qualcuno che sostituisca mia madre scomparsa – che mi tocchi costantemente, che mi allatti al suo seno, che ci sia sempre. È stato un concetto di amore molto infantile e immaturo. I miei affari con le donne, come se fossero un gioco, sono sempre stati accompagnati da musica come la seguente canzone dei Queen:

Non voglio la mia libertà – Non c'è motivo di vivere con il cuore spezzato

Questa è una situazione delicata
Ho solo me stesso da incolpare...

Vinci, perdi
È un'occasione che devi cogliere con amore
Oh sì mi sono innamorato
E ora dici che è finita
E sto cadendo a pezzi….

Cerco di riparare i pezzi rotti
Cerco di trattenere le lacrime
Dicono che sia solo uno stato d'animo..

Quando il tuo amore ti ha ridotto a misura
Sì, è una vita dura

C'è sempre stata una corrente di fondo che la relazione fallirà una volta che mi conosceranno. E chi sono io comunque? Non mi conosco quindi come posso offrirmi agli altri? Ho messo alla prova tutti coloro che hanno cercato di prendersi cura di me e alla fine li ho trovati tutti desiderosi. Ho sabotato ogni relazione, maschile e femminile, ma soprattutto femminile. Ho pensato che fosse il mio destino essere solo e ho lavorato inconsciamente e apertamente a tal fine. Spero che questa conoscenza recentemente acquisita della mia natura autodistruttiva mi aiuterà a liberarmi da questo circolo vizioso.

Spero che un giorno potrò amare normalmente.

Anche il mio rapporto con Dio è stato deformato e malsano. Ho sempre avuto una forte fede, ma ora capisco che non ho mai creduto davvero che Dio potesse amare qualcuno come me. Per me Dio era arrabbiato con me per essere stato adottato - nato in adulterio e Dio mi odiava quando facevo cose cattive e mi piaceva solo quando ero buono. I concetti di grazia e perdono erano al di là della mia comprensione. Pensare a Dio in questo modo ha accresciuto le mie vie instabili. Dato che perdo costantemente il favore di Dio, non posso mai essere in pace con me stesso. Dio sta aspettando per punirmi. Ovviamente la consapevolezza di questo mi sta aiutando a riformare il mio atteggiamento verso Dio e ad imparare ad accettarmi. Ora credo di aver proiettato su Dio la mia povera immagine di me stesso.

Forse la parte più difficile di questa vita adottiva è stata la solitudine che induce e la mancanza di persone che capiscano o diano credito alla mia esperienza. Ho provato diverse volte nella mia vita a spiegare il mio dolore e non ho mai trovato una persona comprensiva. Spero di rimediare a questo con una rete di adottati transrazziali a cui mi sono unito. Se qualcuno mi chiedesse cosa penso dell'adozione transrazziale, direi che può rivelarsi un'esperienza indicibilmente orribile e infernale. Non appartenere a nessun posto – non rientrare nella mia famiglia – sembrare diverso – essere costantemente ricordato – non conoscere il mio background razziale – non essere in grado di difendermi dal razzismo – solitudine terribile e terribile – tristezza senza fine – rifiutare se stessi…. Non lo augurerei al mio peggior nemico.

Incontro con mia madre naturale

Avevo 30 anni e avevo pensato a mia madre e a mio padre per tutta la vita. Mia madre mi è sempre sembrata più importante di mio padre e volevo trovarla. Tuttavia, spesso dicevo alle persone che chiedevano che non ero interessato a trovarla. Alternavo tra odiarla e fantasticare su di lei. Sono sicuro di aver trasferito il mio odio per mia madre naturale sulla mia madre adottiva e che di conseguenza tutti i miei rapporti con le donne sono stati distorti.

Di tanto in tanto mi chiedevo di mio padre e ho detto molte volte nella mia vita che mi piacerebbe scoprire il "lato oscuro di me" e mi chiamavo "la pecora oscura della famiglia" - intendevo giochi di parole sul background razziale di mio padre. A 30 anni sapevo il nome di mia madre, C Taylor e che alla nascita mi era stato dato il nome di nascita Lal Shah Taylor. Sono stato in Scozia per alcuni giorni e stavo per tornare in Australia. Stavo con la sorella di mio padre a Bearsden, Glasgow, che mi piaceva molto e un giovedì le dissi che volevo trovare mia madre.

Così ho preso il treno per Edimburgo e sono andato al General Registry House. Ho pagato la quota e ho iniziato la mia ricerca. Ho provato una grande eccitazione mentre cercavo e la mia testa girava con molti pensieri.

Ho trovato il certificato di nascita di mia madre e ho tracciato l'inizio di un albero genealogico. Poi ho trovato il certificato di matrimonio di un cugino che si era sposato a Dundee alcuni anni fa e ho riportato queste informazioni a casa di mia zia venerdì sera verso le 18:00. Ho trovato il numero di telefono del cugino nell'elenco telefonico e in uno stato di forte eccitazione (tremavo) ho chiamato il numero.

La moglie di mio cugino ha risposto al telefono e ho spiegato chi ero e che volevo i dettagli di contatto per contattare mia madre. Ha detto che aveva il numero di telefono di mio fratello J e che mi avrebbe fatto telefonare. Pochi minuti dopo J, che è il mio fratello maggiore di 1/2 anni, ha chiamato. Era molto emotivo e ovviamente sapeva di me. Era guardingo quando gli ho chiesto di C. Ricordo di essermi sentito molto strano quando gli ho chiesto di "nostra madre". Mi ha detto che nessuno in famiglia parlava con C da 4 anni perché era un'alcolizzata. Ha descritto brevemente la vita difficile e violenta che lui e gli altri miei fratellastri avevano avuto. Mi ha parlato della mia sorellastra, del mio fratellastro morto R e dell'altro mio fratellastro P. (ricordo di aver pensato che era strano che ora avessi 2 fratelli chiamati P).

Ho chiesto a J se c'era qualche informazione che potesse darmi per aiutarmi a trovare mia madre e lui mi ha detto che le piaceva bere in un particolare pub di Glasgow e che era in giro con un amico di nome John M. Verso le 6:30 pm Ho preso un taxi da Bearsden a Glasgow e sono andato direttamente al pub. Ho chiesto a molte persone nel pub e nessuno aveva mai sentito parlare di lei o di John. Ho poi passato la serata andando di pub in pub e ho chiesto a molte persone. Ho ricevuto molte reazioni sospette dalle persone mentre chiedevo.

La serata trascorse e iniziai a diventare molto abbattuto. Ho dovuto prendere un treno per tornare in Inghilterra il giorno successivo per fare il mio volo di ritorno in Australia. Ho deciso di mollare quando era circa l'una di notte e sono saltato su un taxi che sembrava un taxi nero londinese. Il tassista durante il viaggio mi ha detto in modo colloquiale “Non sei di queste parti – cosa stai facendo?”. A quel tempo pensavo di essere intelligente e volevo dire che sì venivo da quelle parti ma invece ho detto che venivo dall'Australia e che stavo cercando di trovare mia madre. Mi ha chiesto come si chiamava mia madre e gliel'ho detto. Ha detto “mi dispiace non la conosco”.

Quasi come un ripensamento gli ho chiesto "Conosci John M"? Ha detto "Conosco John". Gli ho detto “Puoi portarmi a casa di John, devo tornare in Australia domani e non avrò un'altra possibilità”. Mi ha portato a casa di John che era un appartamento e ho bussato alla porta diverse volte: era circa l'una e mezza. Alla fine John è venuto alla porta e per me era ovvio che aveva passato una grande serata a bere. Gli ho detto il mio nome e ho iniziato a spiegare la mia storia. Mi ha fermato e mi ha detto “So tutto di te – tua madre non ha parlato di nient'altro per 20 anni”. Abbiamo parlato per qualche minuto e gli ho chiesto di portarmi a casa di mia madre. Ha detto "Se non ti prendo e lei scopre che mi ucciderà". Così siamo andati in un altro appartamento. Erano circa le 2 del mattino. Ironia della sorte, l'appartamento era a circa 50 metri da una scuola dove ero stato diverse volte con mia zia mentre andava a prendere i suoi nipoti.

John bussò alla porta e il padrone di casa irlandese l'aprì. John ha spiegato cosa stava succedendo e siamo stati fatti entrare. Il ragazzo irlandese ha bussato alla porta della camera di mia madre dove si trovava con il suo nuovo marito B. È uscita in vestaglia e io ho allungato la mano e ho detto "Ciao, sono RM ma probabilmente mi conosci meglio come Lal Shah”. Cominciò a tremare e tremare e cadde ai miei piedi. Mi ha tenuto i piedi e ha iniziato a piangere amaramente. Ha detto "Per favore perdonami" più e più volte. Le sue lacrime cadevano sulle mie scarpe. Ricordo di aver sentito come se fosse un sogno, che stavo vivendo un'esperienza extracorporea e che stavo guardando. Non ricordo di aver provato alcun sentimento, né buono né cattivo perché questo si è svolto davanti a me.

B la calmò e io e lei ci sedemmo in salotto. Si teneva stretta a me e ha cominciato a parlare dicendo che le ero stato derubato e che la direttrice dell'ospedale l'aveva costretta a rinunciare a me. Mi ha detto che non aveva mai smesso di pensare a me – ha detto di aver visto una volta un ragazzo che pensava fossi io e di averlo seguito. Pensava che vivessi in un vicino sobborgo di Glasgow ed era sorpresa che vivessi in Australia. Aveva la sensazione molto forte che avessi vissuto in Scozia.

Ho iniziato a farle domande del tipo: come ha conosciuto mio padre, com'era ecc. Ha insistito sul fatto che fosse un'avventura di una notte. Le ho chiesto deliberatamente dei documenti di adozione (che avevo) dicendo che era stata aggredita e lei ha detto che non era un'aggressione ma un'avventura di una notte. Mi ha detto che aveva sperato che il bambino fosse di suo marito ed è rimasta scioccata quando sono nata. Mi ha detto di essere stata picchiata da due dei suoi fratelli pochi giorni dopo essere tornata a casa dall'ospedale. Anche 30 anni dopo la mia nascita solo uno zio di 5 zii e una zia mi incontravano.

B ha preso una bottiglia di whisky e abbiamo iniziato a bere whisky. Sembrava rispondere alla domanda sul perché fossi un alcolizzato (anche se a quel tempo non avrei considerato che avrei potuto essere un alcolizzato).

La mattina presto sono tornato a casa di mia zia e ho fatto le valigie. Mia zia mi ha accompagnato in macchina di nuovo in C. Ho passato un po' di tempo con lei e ho fatto delle foto. Ricordo di essere stato molto entusiasta di stare con lei. C era piuttosto amareggiato quando parlava del personale dell'ospedale ed era anche molto arrabbiata parlando dei miei genitori adottivi. Parlava come se mi avessero portato via da lei.

Era evidente che aveva avuto una vita molto dura e sembrerebbe che la mia nascita fosse stata un evento importante nella sua vita, se non l'evento più importante. Aveva pianto per me da quando ero stato portato via. Mi sembrava di non poter più biasimarla per avermi tradito.

Due anni dopo tornai a trovare mia madre con la mia allora moglie e mia figlia. C era molto amichevole con M e soprattutto R e aveva comprato a R un regalo costoso. Sfortunatamente il terzo giorno dalla sua visita aveva bevuto ed è diventata molto violenta con M e stava dicendo cose piuttosto brutte sulla mia madre adottiva e sul personale dell'ospedale. M e R poi a sinistra. Rimasi e lei si calmò. Sono rimasto in contatto per alcuni anni ma poi ho smesso di scrivere. L'ultimo contatto che ho avuto con la mia famiglia natale è stata una comunicazione di mio fratello J per dirmi che B e C si erano lasciati.

Mentre ripenso all'incontro con la mia madre naturale, non ho rimpianti di essermi impegnato a cercarla. Ovviamente provavo simpatia per la sua situazione, ma i sentimenti per lei personalmente non erano forti. Mi sembra che negli anni successivi abbia difficoltà a sentirmi forte per qualcuno. Voglio ristabilire i contatti con lei se posso. Penso che sia importante avere un contatto. Penso che nel mio stato illuminato ora otterrei di più dalla relazione.

Recentemente ho iniziato un processo per rintracciare mio padre naturale. Volevo trovarlo molto tempo fa, ma Barnardos mi aveva informato che le possibilità di trovarlo erano molto scarse. Tuttavia, sento di dover provare. Per lo meno, se potessi confermare definitivamente il mio background razziale, potrei quindi indagare e cercare di assorbire parte della cultura, un processo che ritengo assolutamente essenziale per la mia crescita personale e il benessere futuro.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%