La storia di Madhu

Madhu (circa 8) e Sadan (circa 3) poco dopo essere stati abbandonati in India.

Nelle sue stesse parole

Ciao, sono Madhu e questa è la mia storia.  Non ho una storia scritta perché non sono nato in ospedale.  Sono nato in un paesino vicino a un fiume, su una coperta nella capanna che la mia famiglia aveva costruito.  Non avevo un certificato di nascita o foto del bambino e nessuno sa quanto fossi grande.

Quando mio padre ha lasciato me e il mio fratellino in una stazione ferroviaria avevo circa 8 anni, quindi ricordo tutto quello che ho passato.  Mi sono sentito molto triste quando stavo pensando al motivo per cui mi hanno abbandonato e piangevo molto.  Piangevo ogni volta che ci pensavo ed era molto difficile per me prendermi cura del mio fratellino.

Quindi, quando sono stato portato in un orfanotrofio, non avevo nessuno che mi aiutasse a sapere di me stesso e della mia famiglia, e cosa ci era successo.  Avevo molti ricordi, a cui continuavo a pensare per ricordarli e per cercare di capire cosa ci fosse successo.  Mi preoccupavo sarebbe stato il mio futuro.

Quando ero all'orfanotrofio piangevo ma nessuno veniva a parlarmi, quindi ho dovuto risolvere tutte queste cose da solo.  Ho deciso di provare a dimenticare il mio passato e i miei ricordi.  Ha funzionato per un po' perché avevo degli amici con cui giocare e mi dimenticavo delle cose, ma poi qualcosa me lo ricordava e mi sentivo di nuovo triste.

Quando sono stata adottata dalla mia famiglia australiana, avevo paura di andare con loro perché pensavo che mi avrebbero lasciato e avrebbero fatto le stesse cose che facevano i miei vecchi genitori, o fatto qualcosa di orribile per me.  Le persone nell'orfanotrofio non hanno spiegato chi fossero queste persone, hanno solo detto che questa era la mia nuova famiglia.

Un Lifebook aiuta a guarire

La famiglia australiana di Madhu

La mia vita ha dovuto cambiare di nuovo quando mi sono trasferito in Australia.  Ho dovuto imparare a parlare inglese e andare a scuola.  Quando non capivo l'inglese pensavo che la gente dicesse cose orribili su di me, su che ragazzo cattivo fossi.  Ero spaventato perché tutti erano di un colore diverso da me e non avevo mai visto persone veramente bianche prima.  Non avevo mai usato un gabinetto o un bagno o una doccia e non avevo mai avuto abbastanza da mangiare.  Ora potevo prendere facilmente l'acqua aprendo un rubinetto e potevo riempirmi quando avevo fame. Dopo un po' ho imparato a parlare inglese.  Mia madre pensava che, poiché non capivo davvero tutto quello che mi era successo, ma avevo molti ricordi, avremmo dovuto scrivere un libro di storie in modo che la mia vita iniziasse ad avere un senso per me.  Anche così che la mia famiglia capisse le mie esperienze e che il mio fratellino Sadan sapesse cosa ci era successo in India. Quindi ci sedevamo al computer e io provavo a spiegare a mamma alcuni dei miei ricordi, e lei me li scriverebbe.  Molte volte non capiva davvero perché conoscevo solo un po' l'inglese e non riuscivo a pensare alle parole giuste da dirle.  Ogni pochi giorni scrivevamo la storia un po' alla volta, ma a volte mi rattristavo quando scrivevamo di una parte triste.  A volte non volevo scrivere il libro, quindi la mamma mi chiedeva di fare solo un po' di tanto in tanto.  Quando avevamo scritto una pagina, ci disegnavo sopra un'immagine di quella parte della mia storia. Mi piaceva fare le foto più che scrivere la storia perché non dovevo preoccuparmi dell'inglese e la parte del disegno era divertente. Quando abbiamo finito il libro, la gente della mia famiglia voleva vederlo.  La mamma mi ha chiesto se potevano, per vedere come mi sentivo riguardo alle altre persone che lo leggevano e mi conoscevano.  Glielo avrei detto se mi fossi sentito a mio agio. Volevo portare il mio libro a scuola e mostrarlo al mio insegnante perché ero orgoglioso del mio libro e volevo che il mio insegnante sapesse di più su di me.  Dopo averlo letto, mi ha chiesto se poteva leggerlo alla mia classe. Ho detto di sì.  I bambini erano bravi e nessuno mi prendeva in giro per niente.  Mi hanno fatto molte domande sulle mie esperienze. Il mio libro mi ha aiutato perché ora potevo pensare al mio passato senza sentirmi triste ogni volta che pensavo alle cose.  Da quando l'abbiamo fatto, posso iniziare a parlare della mia famiglia natale senza piangere.

Trovare benedizioni tra le perdite

Madhu e Sadan nel 2000

A volte mi innervosisco parlando con le persone di quello che mi è successo, di essere un bambino lavoratore in India e di essere abbandonato, e di tutto quello che è successo lì.  I miei amici vogliono sapere della mia vita ma a volte non so davvero come dirglielo.  Lascio che leggano il mio libro e mi facciano domande sulla mia storia e provo a spiegare in modo che mi capiscano meglio.  Quindi trovo ancora utile il mio libro e significa che non devo pensare alle parole giuste per dirglielo. Sono sempre lo stesso bambino di quando ero più giovane.  Non so ancora quanti anni ho, o quando sono nato.  Non ho ancora foto di bambini poiché la mia foto più giovane è stata scattata alla stazione di polizia dopo che sono stato abbandonato.  A volte penso a cosa potrebbe essere successo ai miei genitori naturali, a mio fratello e mia sorella in India, perché non so dove siano o se stiano bene.

So che probabilmente non otterrò altre risposte, ma va bene perché mi sento felice di me stesso e capisco di più su quello che mi è successo.

Dopo che sono stata adottata, la mia vita è migliorata ed è cambiata molto. Sono contento che sia successo perché se fossi rimasto in orfanotrofio io e il mio fratellino saremmo stati separati e io sarei stato mandato da qualche altra parte.  Anche se è stato difficile abituarsi ad avere una nuova famiglia perché all'inizio erano tutti estranei, sono felice di essere stata adottata perché ricevo amore e attenzione invece di sentirmi infelice e pensare che nessuno mi amasse.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%