I pensieri di Lynelle dopo Insight

Screenshot 2016-07-09 alle 15:18.09

Da quando ho partecipato alla televisione SBS Insight programma Bambini senza frontiere il 28 marzo 2006 ho avuto un dialogo molto stimolante con adottati, genitori adottivi e altri coinvolti e abbiamo condiviso alcune riflessioni interessanti che ho pensato di scrivere.

Un problema che è emerso con forza dopo il programma è stato come mi sono imbattuto e da che parte della recinzione mi siedo. Molti mi hanno erroneamente etichettato come un sostenitore "anti-adozione". All'inizio mi sono arrabbiato per come osano le persone giudicarmi sulla base di un paio di commenti fatti su un programma che in realtà ha solo velato la superficie di questioni così complesse. Poi ho pensato al motivo per cui le persone avrebbero avuto questa impressione di me. Immagino che a meno che non sia là fuori a urlare per quanto sono incredibilmente grato di essere stato adottato e quanto amo la mia famiglia, la gente presume che quello che non ho detto significhi che non sono felice di essere adottato o che non sono d'accordo con l'adozione Questo non è il caso. Immagino che coloro che non mi conoscono non saprebbero che ho uno stretto rapporto con i miei genitori adottivi e la mia famiglia e negli ultimi 2 anni questa relazione si è evoluta al punto che hanno condiviso con me le loro opinioni sull'argomento. Negli ultimi 6 anni ho anche investito nel sottopormi a un lavoro significativo su me stesso per spostarmi attraverso le aree di adozione e perdita che erano fondamentali per poter trovare la mia pace interiore. Mi sono anche chiesto perché dovrei giustificare la mia posizione con persone che non conosco.

Ho sempre mirato ad aiutare a educare le persone sul viaggio che gli adottati attraversano in base alla mia esperienza e alle storie che altri adottati condividono che hanno temi ricorrenti. Non sono qui per dire ai genitori adottivi che non hanno fatto un buon lavoro o che hanno fatto la cosa sbagliata adottando. Allo stesso modo, non sono qui per esprimere un giudizio sul viaggio o sul punto di vista dell'adozione di alcuno adottato. Parlo semplicemente perché vedo una mancanza di comprensione nella nostra società dei problemi che gli adottati affrontano in vari momenti della loro vita e cerco di fornire un barlume di intuizione e comprensione in modo che gli altri possano essere meglio attrezzati per supportare gli adottati.

Sento anche che le persone che sentono il bisogno di giudicarmi come "contro" o "pro" adozione lo fanno con poca comprensione di quanto siano complessi i problemi. Per essere "contro" l'adozione, dovrei invalidare tutta la mia esperienza di vita. Amo la mia vita, ho amato le opportunità che ho avuto, amo la mia famiglia. Come ci si può mai aspettare che io consideri la mia vita tutt'altro che un'esperienza complessivamente sorprendente e profonda? Anche se ho vissuto alcune esperienze difficili nella vita che ho condiviso in vari momenti, ho scelto di trasformare quelle esperienze in risultati positivi. Inoltre, ho sempre condiviso queste informazioni solo con le migliori intenzioni per assicurarmi di aumentare la consapevolezza per prevenire scenari che potrebbero essere evitati con un po' di conoscenza.

Per essere "pro" adozione, dovrei ignorare i casi come Galliano negli Stati Uniti in cui i bambini cambogiani hanno avuto la vita dilaniata da persone che non hanno nient'altro che il proprio interesse personale coinvolto. Sono gli ovvi casi di traffico di bambini e abbandono o danno che mi costringono ad alzarmi e dire che questo è sbagliato e dovremmo stare attenti a come viene fatto. Dovrei anche ignorare le storie che alcuni adottati condividono con me in cui c'è stata un'evidente mancanza di cure da parte delle loro famiglie che avrebbe potuto essere evitata se ci fossero stati metodi più efficaci per lo screening dei potenziali genitori adottivi. Credo che il sistema in Australia, sebbene debba essere coerente in tutti gli stati e territori, sembri essere uno dei migliori al mondo. I nostri dipartimenti governativi sembrano davvero rappresentare e garantire i MIGLIORI interessi del bambino, il che è così vitale dato che il bambino non può parlare da solo a quel punto, e c'è una tale richiesta di bambini che potrebbe facilmente portare alla corruzione e alla tratta di bambini. C'è spazio per politiche e screening rigorosi ma, allo stesso tempo, devono essere equi e solo in tutta l'Australia.

Devo ammettere che la domanda più difficile che mi è stata posta (senza preavviso per l'intero programma) è stata se, nel complesso, fosse un bene o un male per me essere adottato. Come si spiega in 2 minuti alla televisione nazionale la complessità di come l'adozione ha influenzato la mia vita e che non si può davvero rispondere a una domanda come questa con una risposta diretta in bianco o nero? Naturalmente sono grato. Ho avuto una vita fantastica con opportunità meravigliose. Ho una famiglia straordinaria che mi ha fornito valori eccellenti. Hanno guidato con l'esempio per dimostrare che la vita consiste nel tuffarsi e nell'imparare a nuotare anche se temi di affogare, a superare i propri errori e imparare da essi, ad abbracciare le persone intorno a noi e dare dove possiamo, per capire noi guardare la vita dalle nostre esperienze e culture limitate, ma rimanere aperti all'apprendimento degli altri. E d'altra parte, non ho ancora ciò che la maggior parte delle persone dà per scontato: una data di nascita, un luogo di nascita, il nome di una madre, la storia di una famiglia, qualcuno a cui assomiglio, capire la lingua o la cultura in cui sono nato in. Inoltre, l'immagine di me stessa che avevo durante la crescita – di sentirmi brutta, di non essere adatta, di non riuscire a connettermi con le persone o di fidarmi che sarebbero state lì per sempre, ecc. Quindi, tutto sommato, lì sono state cose buone e cattive nell'essere adottati, proprio come ci sono per la maggior parte delle cose nella vita e quello che ho cercato di dire è che non è facile come dare l'una o l'altra etichetta.

Voglio condividere qualcosa che ho scritto in risposta a un adottato che ha visto il programma e mi ha chiesto cosa ho fatto per superare il mio "buco nero" e come ho fatto a sapere quando l'ho superato?

Ho coniato il termine "buco nero" nella mia storia Il colore della differenza per descrivere come mi sono sentito crescendo con delle lacune nei miei inizi che non avrei mai saputo che mi hanno fatto sentire vuoto e vuoto dentro e incapace di integrare i miei inizi con la mia vita di allora. Key non è stato in grado di iniziare a trovare alcuna informazione, dato che non avevo documenti di adozione fino a quando il governo australiano non ha elaborato la mia naturalizzazione e adozione all'età di 17 anni perché avevo solo un passaporto vietnamita come unica prova per suggerire che fossi nato a Vietnam da qualche parte.

Come ho iniziato a integrare le parti frammentate di ciò che costituiva il mio concetto di chi ero? La chiave è stata avviare ICASN, ovvero trasformare la mia energia emotiva in un'attività positiva e usare la mia esperienza per aiutare gli altri in una situazione simile. Ho scoperto che dare agli altri è stato molto utile per guarire me stesso. Una lezione importante che ho dovuto imparare strada facendo è stata quella di dare solo ciò di cui ero capace, conoscendo la differenza e non sentendomi male per ciò che non potevo dare. Inoltre, la convalida dell'esperienza e dei sentimenti nell'incontrare altri adottati che si sono identificati con la mia esperienza di vita e nel raccontare la mia storia agli assistenti sociali del DoCS (per garantire che sarebbe utile imparare a non ripetere gli errori commessi nei processi di adozione più di 20 anni fa) è stata vitale per affrontare il mio "buco nero".

Il secondo è stato il lavoro personale che ho svolto circa due anni fa in consulenza con uno psicologo straordinariamente dotato e maestro di Reiki. Ho fatto un lavoro che credo sia fondamentale per guarire quella "ferita primordiale" che Nancy Verrier descrive così bene. È un lavoro basato sulla connessione emotivo-sentimentale con il corpo piuttosto che sulla terapia cognitiva o parlata che tiene uno nella loro testa piuttosto che essere con la vera sensazione emotiva e identificarla con un posto nel corpo. Prima di fare questo tipo di terapia, ho visto come la mia mente mi ha ingannato così facilmente facendomi pensare che i problemi fossero causati da altri e non da me. Quando mi sono reso conto di questo, ho imparato come i ricordi del corpo non mentono e che stare fermo con la sensazione, identificata da una sensazione nel mio corpo, mi ha mostrato cosa c'era dall'altra parte della paura, del dolore e del dolore. Il collegamento al mio corpo e ai miei sentimenti è stato significativo per aiutarmi a integrare le parti frammentate di me stesso che erano state la conseguenza dell'abbandono/perdita e che sono state definite la "ferita primordiale". È stata anche la chiave per aiutarmi finalmente ad addolorarmi e a guarire dal dolore da cui stavo scappando da così tanti anni.

Scappare dal dolore aveva portato ad allontanarsi dalle relazioni intime, dalle relazioni familiari e dalle amicizie. Avevo visto gli stessi cicli accadere più e più volte fino a quando non potevo più negare di avere problemi reali da affrontare se volevo una vita felice e connessa con gli altri significativi. So che molti altri adottati si riferiscono e lo descrivono come un comportamento di "sabotaggio". Ho attraversato questi cicli fino a quando ho capito che dovevo impegnarmi per essere fedele a me stesso e non scappare più.

Una delle grandi intuizioni che ho acquisito è stata capire e sapere che mia madre biologica non mi ha lasciato perché la porto dentro di me. Lei è il tessuto che compone chi sono. Non l'ho persa. Lei vive in me e io sono una parte di lei. Non avevo mai compreso bene questo concetto prima, ma è stato il risultato finale di aver affrontato il mio dolore e la mia perdita per vedere cosa c'era dall'altra parte. Prima di questa terapia, avevo sentito che i sentimenti erano così opprimenti da essere annegato, quindi avevo troppa paura di andarci.

Sulla base della mia esperienza, credo che superare il buco nero sia un viaggio che molti adottati devono fare e la mia strada potrebbe non essere quella per gli altri. Ma alla fine, credo che integrare il nostro passato frammentato con le nostre vite di oggi e affrontare i sentimenti di perdita e dolore (derivanti dall'aver perso i nostri inizi e gli altri significativi di quel tempo), richieda un enorme impegno per essere onesto dentro, da dedicare ad affrontare il dolore, non importa quanto sia spaventoso e difficile. Dobbiamo percorrere la strada che temiamo di più.

Alcune delle misure per me di quando quel buco nero non esisteva più erano:

  • quando potevo impegnarmi pienamente in una relazione intima senza rifiutare o ritirarmi molte volte che sembrava fuori dal mio controllo.
  • quando potrei uscire con qualcuno e considerare di sposare qualcuno del mio background razziale ed essere orgoglioso di apparire e appartenere a quel background razziale.
  • quando potevo parlare di adozione con tutta la sua complessità e non vergognarmi o sentirmi in colpa per aver ferito i miei genitori adottivi o la mia famiglia se parlavo della verità su come è stato per me.
  • quando potevo onestamente parlare e condividere le mie vulnerabilità con la mia mamma adottiva e avere la capacità di entrare in contatto con lei senza trasferire la rabbia e il dolore che uso inconsciamente ad avere verso una "figura materna", fino a quando ho imparato ad affrontare la mia ferita e la mia perdita primordiali di connessione madre.
  • quando potrei essere veramente orgoglioso di come appaio e so senza dubbio che sono amato per quello che sono.
  • quando ho potuto sperimentare "l'amore" senza paura che scivolasse via facilmente o non fosse reale.
  • quando potevo piangere perché una persona cara era morta ma ho potuto riconoscere la profondità del mio dolore era perché stavo rivivendo la mia perdita originale della madre naturale e non avevo la possibilità di conoscerla o sentire il suo amore, cioè capire la perdita innescata e amplificato la mia perdita originale.
  • quando potrei piangere o essere sopraffatto dall'emozione quando nasce un nuovo bambino perché capisco il dolore di essere stato abbandonato quando eravamo come questo nuovo bambino
  • quando potrei essere totalmente onesto sui miei sentimenti e non giudicarli, ma semplicemente accettare che questo è un vero me stesso e nessuno può portare via i miei sentimenti o farmi sentire male per averli.

Credo che l'integrazione di noi stessi come adottati, cioè riempire il buco nero, avvenga quando possiamo accettare la nostra gamma completa di emozioni e abbracciarle, calmarle come un bambino e convalidare la loro esistenza. Immergiti in loro e lascia che vada tutto bene e vedi cosa succede se smettiamo di scappare dai sentimenti ma confida che ci stanno dicendo qualcosa di onesto sulla nostra vulnerabilità e perdita. Questo, credo sia il motivo per cui così tanti di noi desiderano così tanto che "gli altri" (il nostro genitore adottivo, il nostro altro significativo) possano fare questo per noi o essere lì per aiutare a farlo "andare via", quando in realtà è ciò che possiamo fare solo per noi stessi. Ecco perché credo davvero che l'amore delle nostre famiglie adottive non sia abbastanza perché alla fine è ciò che noi adottati dobbiamo fare per noi stessi. Il viaggio fuori dal buco nero è possibile ma può essere fatto solo dall'adottato stesso. È il nostro dono a noi stessi e ci permette poi di “vivere la vita che abbiamo scelto” invece di “vivere la vita scelta per noi”.

È davvero una domanda interessante da porsi "come facciamo a sapere quando noi adottati siamo davvero "guariti"? Come per un alcolizzato, forse sarebbe quando è andato a AA e può essere in giro con l'alcol o in situazioni di vita difficili senza dover bere di nuovo. Ma per gli adottati, penso che dipenda da quanto bene possiamo imparare a connetterci con altre persone e "rimanere" connessi. Dalla mia esperienza, il nostro abbandono/perdita iniziale sembra danneggiare maggiormente questa capacità. La parte più significativa è che perdiamo “connessione” anche con noi stessi ed è qui che entra in gioco questo buco nero. Sono le parti di noi stessi che non sappiamo nemmeno di perdere, ma che sentiamo un vuoto e ci chiediamo di cosa si tratta. Vaghiamo nell'oscurità cercando di trovare quelle parti mancanti per rimetterci insieme, cioè l'eterna ricerca dell'integrità. Forse non siamo soli in questa ricerca perché sospetto che molte persone di ogni ceto sociale cerchino la stessa cosa, tuttavia, penso che come adottati abbiamo aggiunto complessità alla nostra vita e inevitabilmente ci chiediamo di più perché siamo stati salvati, cosa è il significato delle nostre vite e come possiamo dargli un senso.

È solo dopo le intuizioni che ho acquisito esplorando interiormente dai miei inizi che ho trovato risposte che mi danno pace.

aprile 2006

Una risposta a "Lynelle’s Thoughts after Insight"

  1. Vorrei sapere come fare, ma alla mia età cerco solo di accettare che è quello che è, mi ha plasmato e vado avanti. Sì, molti giorni ho la peggior battaglia per passare senza cadere a pezzi, ma so di averne fatti così tanti, quindi devo andare avanti per non causare dolore a coloro che amo se scelgo di non farlo.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%