Impatti per tutta la vita dell'adozione interculturale

SEMINARIO

VIC Dipartimento dei Servizi Umani
Formazione per assistente sociale a contratto di unità di adozione interpaese

(ottobre 2007)

ARGOMENTO: esaminare l'impatto dell'adozione interculturale sul senso di sé durante tutto il ciclo di vita e perché le questioni interculturali sono importanti;

come sono importanti nelle diverse fasi del ciclo di vita di una famiglia e;
in che modo questi problemi presentano sfide emotive per i genitori adottivi / adottati.

Relatore: Lynelle Beveridge è un'adottata vietnamita
Fondatore del Rete di supporto per gli adottanti interpaese (ICASN)

INFANZIA

Fiducia/Sicurezza/Sicurezza/Calore

Sono arrivato a 6 mesi da un paese dilaniato dalla guerra. Mio padre adottivo è volato in Vietnam per accelerare il processo e riportarmi a casa. I miei genitori adottivi avevano cercato di adottare a livello domestico un bambino da una madre drogata. Tuttavia, poco prima che i documenti venissero firmati, sembrava che la bambina fosse stata venduta dalla madre drogata e la nonna naturale né i miei genitori sapevano se fosse vissuta o cosa fosse successo.

Non riesco a ricordare molto di come mi sono sentito durante questa fase, ma da quanto ricorda la mia mamma adottiva, ero un bambino urlante che mangiava costantemente fino al punto di ammalarsi, solo per continuare a mangiare di nuovo. Ricordo di non aver legato bene con i miei genitori adottivi e mi sono sempre sentito istintivamente insicuro.

Guardando indietro di oltre 30 anni e avendo un figlio mio, posso vedere come ho lottato da bambino per fidarmi di quello che era diventato il mio care giver. Posso anche capire perché. Ero stato separato da mia madre, ero stato cresciuto per i primi 6 mesi da un medico di base in Vietnam di cui non ho mai più visto o sentito parlare – né c'è stata alcuna consegna di informazioni da questo caregiver su quale fosse la mia routine o cosa Ho risposto meglio a. Sono stato rimosso da tutte le immagini, gli odori e i suoni (soprattutto la lingua) e provenivo da un paese dilaniato dalla guerra e probabilmente ricordavo molti dei suoni: bombe e aeroplani, ecc. Per non parlare della mia madre biologica e probabilmente ho sperimentato molto di stress indotto dalla guerra durante la gravidanza.

NEONATA E PRE-SCUOLA

Consapevolezza delle differenze fisiche / Non adattarsi

Sono uno dei 5 figli della mia famiglia adottiva (4 essendo nati naturalmente dai miei genitori adottivi). Quello che ricordo di questa fase era un acuto senso di non assomigliare ai miei due fratelli maggiori o ai miei genitori. Le differenze fisiche erano facili da osservare: i miei occhi marroni a mandorla, il naso più piatto e la pelle marrone senza lentiggini. Di certo non ricordo che si parlasse del tema dell'adozione ei miei genitori non sapevano nulla dell'Asia, per non parlare del Vietnam o di altre culture, quindi sono cresciuto con la sensazione che il mio passato non fosse di cui parlare. La mia mamma adottiva mi aveva sempre detto che aveva aspettato così tanto per prendermi e quanto fossi speciale per lei. Ricordo di essermi sentito strano per questa "specialità" perché non mi sentivo molto bene – essere speciale per me significava essere diverso da tutti gli altri e sentirmi strano dentro.

All'asilo ricordavo di essermi sentito isolato come l'unico bambino non caucasico cresciuto in una piccola città di campagna. Ero un solitario nella mia famiglia adottiva e nella mia comunità. Non avevo nessuno che mi somigliasse fisicamente in alcun modo e dato che non avevamo la TV, non ero esposto a molto al di fuori di questa piccola comunità. La mia famiglia adottiva è avventista del settimo giorno e, ancora una volta, all'interno di questa comunità ero l'unico non caucasico ad eccezione dei bambini aborigeni che sono stati allevati dalla mia famiglia e da altri nella nostra chiesa. Quindi, a quest'età, mi sono sentito molto solo con nessuno che mi capisse o che sentissi - credo che questo senso di solitudine abbia portato al mio senso di autosufficienza e resilienza interiore troppo sviluppato.

INFANZIA MEDIO / ETÀ SCOLASTICA

Molto consapevole delle differenze / Affrontare il razzismo, domande e risposte stereotipate

A questa età, stavo diventando più consapevole del mondo più ampio che mi circondava e ho cercato davvero di adattarmi e accontentarmi. All'interno della mia famiglia, stavo lottando per competere con mia sorella maggiore per l'affetto di nostro padre (anni dopo ho scoperto che mio padre adottivo non era stato così entusiasta di adottarmi come mia madre). All'interno della mia comunità, stavo lottando per formare amici essendo il "diverso". Ricordo di aver sentito che nessuno mi avrebbe voluto perché avevo un aspetto così diverso, il che è stato accresciuto dall'essere preso in giro per il mio aspetto asiatico. Non ricordo momenti positivi in cui essere diversi è diventato un vantaggio o qualcosa di cui potrei essere felice o orgoglioso. Odiavo mia madre tagliarmi i capelli in una ciotola egiziana tagliata come nei miei occhi, mi faceva sembrare ancora più asiatico! Mi sono rifiutato di indossare il rosso perché era un colore che simboleggiavo con l'aspetto asiatico. Odiavo che le mie foto venissero scattate e vedevo il mio riflesso nello specchio come "brutto". Non avevo modelli che sembravano non caucasici, quindi ho davvero faticato a sentirmi bene con chi guardavo ed ero. Inoltre, non ha aiutato il fatto che quando ho espresso uno di questi pensieri, la mia famiglia avrebbe detto "ma tu sei uno di noi" - questo daltonismo è durato fino alla metà dei miei vent'anni finché non hanno finalmente sentito e capito quanto mi fossi sentito diverso nonostante la loro indifferenza per le mie differenze.

È stato durante i primi anni della scuola che ricordo vividi sogni di mia madre naturale e della mia famiglia che se ne andavano senza di me. Mi svegliavo piangendo e guardavo le stelle nella notte chiedendomi se si ricordavano di me. Ricordo anche e posso ancora percepire i sogni che sembravano carri armati che rotolavano per soffocarmi. Ho avuto grossi problemi a casa perché ho continuato a bagnare il letto fino a tardi e mio padre adottivo mi ha spaventato spogliandomi nel cortile del caseificio e avviando il grande tubo dell'acqua a pressione che usava per spogliare il letame di vacca. Non provavo alcun senso di empatia o comprensione da parte di nessuno nella mia famiglia adottiva delle difficoltà che provavo, né c'era qualcuno di cui mi fidassi abbastanza con cui parlare.

Ricordo la domanda più comune da parte di estranei o persone al di fuori della mia famiglia come "e da dove vieni caro?" Una volta che ho risposto al Vietnam, la loro risposta è stata sempre "oh, sei così fortunato e la tua famiglia deve essere una persona meravigliosa". Certamente ho iniziato a odiare questo tipo di domanda/risposta dalla mente superficiale con il passare degli anni e non ho mai parlato per il senso di gratitudine socialmente infuso che ho assorbito. Perché le persone hanno sempre pensato che la tua vita fosse così fortunata/speciale da essere adottata – perché non hanno visto la perdita, la confusione, la solitudine e la tristezza?

Per gli altri adottati: lotta con la rottura della famiglia o la morte del genitore adottivo

ADOLESCENZA

Mettere in discussione la propria identità / Mettere in discussione la famiglia / Sentimenti confusi

Ricordo che questa è stata una fase molto confusa. A causa dei miei "documenti di adozione mancanti" e quindi, nessun certificato di nascita o documenti di adozione / naturalizzazione, era giunto il momento in cui il governo australiano mi ha finalmente concesso una "identità". Per anni, nella mia famiglia era sempre stato il loro “scherzo” – comunque un crudele promemoria per me di essere uno “sconosciuto” – che sarei diventato il criminale perfetto perché non esistevo sulla carta in nessun paese da nessuna parte. Così alla fine la mia famiglia adottiva mi ha dato la possibilità di scegliere se volevo continuare ad avere il nome che mi avevano dato "Lynelle" come nome di battesimo, o se volevo mantenere il mio nome originale vietnamita Ung Thanh - di cui non riuscivano a pronunciare e il loro tentativo mi ha fatto rabbrividire per l'imbarazzo perché suonava così terribile e fuori luogo. Dato che volevo rimuovere qualsiasi segno di essere asiatico o di avere quell'eredità, ho immediatamente scelto di mantenere il nome che mi avevano dato - quindi il mio vero nome è diventato il mio mezzo - per imbarazzarmi a dirlo - nome.

Non ho mai nemmeno contemplato l'"adozione" per essere al centro delle mie lotte e problemi personali. Ho visto "essere diversi" come qualcosa di intrinseco a come mi sentivo, ma in qualche modo non l'ho messo in relazione con "essere adottato". Se qualcuno mi avesse chiesto quali fossero i miei problemi durante la mia adolescenza, di certo non avrei detto “essere adottata”. Non avevo incontrato nessun altro adottato che potessi ricordare e non sono stato esposto ad alcuna informazione sull'adozione o sui suoi impatti per poter mettere insieme le due cose. Mi sentivo completamente solo e pensavo di essere "l'unico" a sentirsi così. Non ho riconosciuto i miei problemi di perdita, ma ricordo di aver spesso provato una profonda tristezza; Non avevo comprensione o parole per descrivere la sensazione di trovarmi in mezzo a mondi/culture, ma sentivo solo di non adattarmi da nessuna parte; Non avevo alcun desiderio di cercare una famiglia natale perché pensavo che avrebbe mostrato ingratitudine per essere stato "salvato" e non avevo la capacità di farlo da solo; Non avevo idea che essere adottato significasse che avrei lottato per formare la mia identità; e non potevo certo risolvere la “fantasia di famiglia” che tutti avevano della mia “vita così fortunata”.

Per gli altri adottati: ritorno nel Paese di nascita con la famiglia adottiva

GIOVANI ADULTI

Stabilire identità / Relazioni intime e lottare con la connessione / Ritorno al paese di nascita

Ora c'è una parola che conoscevo molto bene: isolamento! Non avevo idea di come connettermi con gli altri a livello sostenibile. Ho sempre avuto troppa paura di stare vicino a qualcuno per molto tempo. Sentivo di non aver avuto vere e proprie amicizie con qualcuno di cui potevo davvero fidarmi. Quindi, quando è iniziata la mia prima relazione amorosa, è stata terrificante, follemente intensa e una continua danza push-pull.

Oscillavo costantemente tra il desiderio di avere intimità e una stretta connessione e l'allontanamento della persona amata per paura di essere rifiutata, abbandonata, antipatia e indesiderata. Volevo ciò che non avevo mai avuto: sicurezza, sicurezza, fiducia, senso di appartenenza, sentire che qualcuno mi capiva e si prendeva veramente cura di me. Non ho mai veramente iniziato a vedere chi fosse il vero me al di fuori della mia idea di essere "l'adottato che dovevo adattare alla mia famiglia" fino a quando non ho avuto la mia prima relazione intima che è durata dai 18 ai 24 anni. Poi ho iniziato a vedere che c'era un me più autentico che era più del mio io adottivo.

Non ho sentito il bisogno di tornare in Vietnam o cercare la mia famiglia natale fino alla metà degli anni '20. Avevo trascorso i primi anni '20 in varie sale di consulenza affrontando quello che pensavo fosse il mio problema più grande - e solo quando l'ho affrontato ho capito che avevo un altro grosso problema ancora da risolvere: essere adottato . Uno dei metodi di maggior successo da cui avevo imparato a guarire era attraverso il potere della terapia di gruppo che ho fatto con Mercy Family Life. È stato incontrando altre persone che avevano vissuto cose simili e, in modo scioccante, aver appreso che gli altri soffrivano peggio – che sono stato in grado di sentirmi in qualche modo normale e connesso con gli altri per una delle prime volte nella mia vita. Questa esperienza mi ha portato a cercare un gruppo di adottati, tuttavia al momento non ne esisteva nessuno e successivamente mi ha portato a formare l'Inter-Country Adoptee Support Network (ICASN) nel 1998.

Avevo 26 anni quando finalmente ho deciso di tornare nel mio paese natale. Alla fine è stato un tale cambiamento per me personalmente nel modo in cui mi sentivo rispetto all'aspetto fisico e all'identificazione con l'essere asiatico. Ho esplorato la storia del paese e mi è piaciuto incontrare persone così amichevoli, curiose e aperte. È stato questo viaggio che mi ha aperto gli occhi su quanto fossero resilienti e forti queste persone, qualcosa che ho collegato all'essere una persona adottata e all'aver vissuto la vita che avevo avuto. Improvvisamente mi sono reso conto che la mia forza e resilienza erano radicate in me e che avevo tutto di cui essere orgoglioso di essere "uno di loro". Mi sono reso conto che essere cresciuto da una famiglia in un'altra cultura e paese non aveva rimosso parti di me che erano innatamente asiatiche!

L'esperienza più significativa che ho avuto è stata una conversazione con una signora vietnamita che ho incontrato mentre pedalavo nella regione del delta del Mekong. Mi ha chiesto da dove venivo e le ho spiegato di essere stata adottata da piccola da una famiglia australiana e di come questo fosse il mio primo viaggio di ritorno. Nel suo inglese stentato ha detto qualcosa che nessuno mi aveva mai detto prima, ma che avevo sentito per tutta la vita. Ha detto: "Ti sei perso così tanto?" Ed era così vero. Questa signora aveva riassunto molto di ciò che è così frustrante per una persona adottata da un paese del terzo mondo.

Dal viaggio di ritorno, ho provato alcune volte tramite contatti in Vietnam a condurre una ricerca di una famiglia natale, tuttavia, data la mia mancanza di documenti e fatti di adozione, sono arrivato abbastanza rapidamente a un vicolo cieco.

Per altri adottati: ricerca e riunione e le conseguenze in corso

MEDIA ADULTO

Relazioni e famiglie a lungo termine / Il sé adottato in un nuovo contesto

Fino a questa fase, non pensavo di essere abbastanza ordinata per avere una relazione duratura e positiva, ma dopo anni di perseveranza e duro lavoro, sono finalmente arrivata a un punto in cui il mio istinto di adozione non controllava più la mia vita. Con questo è arrivata la possibilità e poi l'eventualità di sposarmi e avere un figlio mio.

Avere una relazione stabile è stata una benedizione e un potente guaritore. Essere in un posto in cui non temevo più che la persona con cui ero mi lasciasse, è stato incredibilmente liberatorio. L'istinto per questa paura era stato in precedenza prepotente. Avevo imparato tramite un fantastico consulente a superare la paura e vedere cosa mi diceva. Quando sono stato abbastanza coraggioso da farlo fisicamente, alla fine mi sono addolorato per mia madre che non ho mai conosciuto e sono arrivato a capire che viveva dentro di me.

Non posso iniziare a descrivere quanto sia stato fantastico avere un figlio mio, la mia prima esperienza di essere biologicamente imparentato con qualcuno. Tante emozioni e pensieri, ma di questi, il più forte è stato un travolgente senso di connessione che non si ferma mai, a differenza della mia precedente esperienza di relazioni. Interpreto questo legame senza fine come quello che avevo una volta con la mia madre naturale e per il quale da adottante cercavo costantemente e non avevo mai trovato.

Si potrebbe forse descrivermi come una mamma eccessivamente devota. Guardo mio figlio crescere ogni giorno e ringrazio qualunque cosa Dio esista lassù per averlo portato nella mia vita. Mi sento come se fossi la donna più fortunata del mondo ad avere una benedizione così meravigliosa. Vivo la mia vita dandogli tutto il nutrimento e la sicurezza che non ho mai avuto. Osservo la sua crescita e il suo sviluppo e non posso negare l'enorme legame tra madre e figlio e come qualsiasi interruzione di questo si tradurrebbe in entrambi emotivamente paralizzati. Come può qualcuno in questo mondo non capire il significato del legame madre-figlio che inizia nell'utero! Quando è nato mio figlio, ha risposto immediatamente alla mia voce e al mio corpo: mi conosceva e non si sarebbe fatto acquietare da nessun altro se non dalla voce di suo padre che anche lui riconosceva. Sono sicuro che invecchiando, avrò più momenti per riflettere e vedere di nuovo come i legami di nascita uniscono le persone in un modo che non può essere sostituito da nessun'altra forma surrogata.

Per gli altri adottati: non avere relazioni a lungo termine e affrontare la solitudine e l'isolamento; Lottando per connettersi; Lavoro e ricerca nell'Arena dell'adozione;

TARDA ADULTA

Riflettere su come l'Io adottato influisce sulle generazioni

(Al momento di questa presentazione, avevo scritto "da vivere", quindi ora scrivo questa sezione 7 anni dopo).

Ora ho 40 anni con due figli e posso vedere quanto il mio essere "abbandonato" (per qualsiasi motivo) e poi essere adottato abbia influenzato i miei metodi di "fare la mamma" e di essere genitori. Sono sicuro che molti direbbero che sono eccessivamente materna. Io sono. Sono anche eccessivamente legato ai miei figli – se uno può esserlo! Ho studiato psicologia all'università e non credo che ci siano troppi effetti collaterali dannosi nell'avere un genitore troppo connesso e troppo legato?! Grazie a Dio. Amo avere il contatto fisico con i miei figli: ho scelto di dormire insieme quando erano bambini e non potevo usare nessun metodo sui miei figli come il "pianto controllato". Per me questi sono stati così crudeli – un promemoria di ciò che probabilmente ho dovuto sopportare nei 6 mesi in cui non sono stato "genitore" ma semplicemente accudito in un asilo nido di altri 6-12 bambini fino a quando mio padre adottivo è venuto in Vietnam per riportami in Australia. C'è sicuramente un anello di verità per me in quanto quando nessuno risponde quando piangi da bambino, impari che sei da solo e che le persone non rispondono ai tuoi bisogni. Da adulto, mi ci sono voluti anni per superare le tecniche di compensazione che avevo sviluppato come risultato di questa solitudine e non avendo nessuno che mi confortasse o si occupasse dei miei bisogni.

Faccio anche da genitore ai miei figli da una prospettiva eccessivamente emotivamente sensibile. Ciò significa che sono molto sensibile al fatto che i miei figli si sentano mai indesiderati, non amati, senza risposta... e probabilmente esagero per essere il più comprensivo emotivamente possibile dei miei figli. Nella misura in cui mia figlia mi risponde quando dico: "sai che ti amo?" è (sigh) "sì mamma, me lo dici sempre!" Beh, questo è un bel problema da avere, penso. Rispetto alla mia esperienza di chiedermi sempre, "se mia madre mi amava così tanto, come avrebbe potuto tradirmi?"

Sono anche un convinto sostenitore della "famiglia" - sapere che significa per me più della maggior parte di coloro che la danno per scontata. La mia famiglia è la mia priorità numero 1. Dico sempre ai miei figli di trattarsi gentilmente perché sono fratello e sorella e dobbiamo prenderci cura l'uno dell'altro. Immagino che questo senso derivi dall'essersi sentito così solo al mondo e dal sapere che quando si tratta di cose, puoi sperare che la tua famiglia sia lì per te solo se sei abbastanza fortunato da averne una.

I miei figli stanno crescendo sapendo che la mamma è nata in un altro paese e adottata da nonno e nonno. Parliamo apertamente di adozione e del motivo per cui sono stata adottata. Spero di aiutare i miei figli a capire che l'adozione non è l'immagine patinata che molti possono ritrarre di famiglie "felici per sempre", ma di aiutarli a capire quanto sia complessa ma in un momento adatto all'età. Vorrei che i miei figli crescessero pensando che l'adozione sia una buona cosa? Spero sicuramente che capiranno che l'adozione dovrebbe essere solo l'ultima risorsa per i bambini che non hanno altre opzioni e che rimuoverli dal loro paese e cultura è l'opzione meno favorevole per aiutarli a trovare una "famiglia" dove sono nati. Ma cerco di instillare nei miei figli che tu sfrutti al meglio ciò che hai – molto probabilmente un istinto di sopravvivenza che ho usato!

Senza dubbio c'è un impatto generazionale della mia adozione sui miei figli. I miei figli sanno che i loro nonni non sono “asiatici” come noi. Devono ancora capire come hanno perso di conoscere i loro nonni biologici dalla mia parte. Purtroppo non hanno nonni asiatici perché i genitori di mio marito sono morti entrambi a un'età in cui i miei figli non li ricorderanno nemmeno. Devo ancora portarli in un viaggio di ritorno in Vietnam, ma sono sicuro che solleverà molte domande e discussioni.

È interessante notare che il contatto che ho avuto con altri adottati internazionali mostra ciò che so essere vero – che sì, essere adottato ha un impatto su molte generazioni – la mancanza di comprensione da dove provengono i nostri tratti, gesti e sguardi, la mancanza di radicamento, ad es. conoscere la storia della tua famiglia – le loro lotte, i loro trionfi; la mancanza di connessione con persone significative che riflettono noi stessi. Queste sono le cose che trasmetto ai miei figli.

Suggerimenti per il segmento di discussione:

Quando si coinvolgono potenziali genitori adottivi nella discussione sulla cultura al momento della valutazione:

  • Hanno già viaggiato in diverse parti del mondo e possono parlare dei diversi luoghi e culture? Come parlano di questi? È positivo o mostra che apprezzano solo il proprio paese/cultura/valori e convinzioni?
  • Mostrano interesse per gli affari del mondo? Come parlano dei sottoprivilegiati nella società? È con pietà/carità o riflette la capacità di vedere le disuguaglianze e le ingiustizie della società?
  • Quando si valuta la loro capacità di sostenere l'impegno positivo di un bambino con il patrimonio/cultura/paese di nascita:
    – Cosa fa attualmente la famiglia per celebrare la propria eredità/cultura attuale?
    – Che cosa hanno fatto per conoscere il paese/la cultura del loro futuro figlio
    – e come intendono mantenersi in contatto con esso?
    - Come mai?
  • Perché/come scelgono il paese da cui adottare? È perché ha la coda più corta?
  • Perché stanno adottando? Quanto sono emotivamente capaci di sostenere un bambino che ha perso tutto ciò che conosce/sente? cioè, hanno sperimentato loro stessi problemi di perdita? Come hanno gestito questo? Credono nello sviluppo personale? Quali mezzi usano per lo sviluppo personale? Per esempio. Sono positivi nei confronti della consulenza e della lettura?
  • Come se la caveranno se il bambino ha ancora una famiglia allargata in vita? Quali sono le loro aspettative?
  • Come farebbero a far fronte se si verificasse uno scenario peggiore, ad esempio, se il loro bambino venisse trovato vittima di tratta con la famiglia originaria ancora viva e in cerca di contatto con loro?

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%